The Maid Of Culmore (irish Cúil Mór )

The song was brought to Terre Celtiche by Stephen Salzano  “So this song is of the Maid of Cúil Mór (Culmore in Northern Ireland a small town in Derry, County Londonderry, Northern Ireland. It is at the mouth of the River Foyle). It is Irish traditional with origin unknown and many variations.see more
[Il brano è stato portato nel Blog Terre celtiche da Stephen Salzano  “questa canzone è Maid of Cúil Mór (Culmore, nell’Irlanda del Nord, una piccola città a Derry, nella Contea di Londonderry, nell’Irlanda del Nord, alla foce del fiume Foyle), è un tradizionale irlandese dalle origini sconosciute e in molte varianti.”]

A irish song of exile in which a girl from Cúil Mór leaves for America in search of a new life. In the eighteenth century Derry was one of, if not the, most important Ulster port in the emigration trade.
[Un brano dell’esilio di origine irlandese, in cui a partire per l’America in cerca di fortuna è una ragazza di Cúil Mór]

A SLOW AIR

A beautiful and haunting slow air, a locally popular song about Irish emigration. “The literary media have ignored this locally popular song, and the traffic of itinerant farm workers from Donegal and Derry is enough to explain its transmission to Scotland. Culmore, about two miles from Derry city, stands where the Foyle river widens into Lough Foyle, witnessing the departure of the tender with passengers for the ocean liner that used to pick them up off Moville.” (from ITMA)
[Bella e evocativa melodia, conosciuta in modo circoscritto, sull’emigrazione irlandese “I media letterari hanno ignorato questa canzone popolare localmente e il traffico di braccianti stagionali tra Donegal e Derry è sufficiente a spiegare la sua diffusione in Scozia. Culmore, a circa due miglia dalla città di Derry, si trova dove il fiume Foyle si allarga nel Lough Foyle, testimone delle partenza di navette passeggeri per l’imbarco sul transatlantico che li prelevava al largo di Moville”]

Emigration from Derry

“In the years leading up to the Famine the Cooke brothers, John and Joseph, established a small trading fleet between Derry and North America. On ships sailing out of Derry emigrants were carried; on the return voyages the cargo was timber. As a result of the Famine the numbers emigrating rocketed. In 1847 over 12,000 people left Derry, over 5,000 on ships owned or chartered by J. & J. Cooke. After 1847 the numbers emigrating declined quite dramatically. Another important shipping company at this time was the McCorkell Line, founded by William McCorkell and continued by his son Barry. The catchment area for the port of Derry included nearly all of counties Donegal, Londonderry and Tyrone. A small number came from even further a field, including some from counties Fermanagh, Antrim, Roscommon and Leitrim. The Derry shipping companies were eventually forced out of the passenger trade by the steamships operating out of Glasgow and elsewhere. The last passenger voyage by a Derry-owned ship to New York was made in 1873. Those wishing to travel to North America were now carried down the Foyle in paddle tenders to Moville where they were transferred to the transatlantic steamships.” (from here)
[“Negli anni precedenti alla carestia i fratelli Cooke, John e Joseph, fondarono una piccola flotta commerciale tra Derry e il Nord America. Sulle navi che salpavano da Derry venivano trasportati gli emigranti; durante il viaggio di ritorno il carico era di legname. Come conseguenza della carestia, i numeri dell’emigrazione salirono alle stelle. Nel 1847 oltre 12.000 persone lasciarono Derry, oltre 5.000 su navi possedute o noleggiate da J. & J. Cooke. Dopo il 1847, i numeri dell’emigrazione diminuirono in modo drammatico. Un’altra importante compagnia di navigazione in questo momento era la McCorkell Line, fondata da William McCorkell e portata avanti da suo figlio Barry. Il bacino di utenza del porto di Derry comprendeva quasi tutte le contee di Donegal, Londonderry e Tyrone. Un piccolo numero proveniva da altre aree, compresi alcuni dei paesi di Fermanagh, Antrim, Roscommon e Leitrim. Le compagnie di navigazione di Derry furono infine costrette a lasciare il traffico passeggeri alle navi a vapore che operavano a Glasgow e altrove. L’ultimo viaggio di un passeggero da una nave di proprietà di Derry a New York fu fatto nel 1873. Coloro che volevano recarsi in Nord America vennero trasportati lungo il Foyle in “tender” a remi verso Moville dove erano trasferiti sulle navi a vapore transatlantiche”.]

Legacy in Navan 1998

The Maid Of Culmore

Cara Dillon – The Redcastle Sessions live


Verse 1
Leavin’ sweet lovely Derry.
For fair London town.
There is no finer harbour.
All around can be found.
Where the youngsters each evenin’.
Go down to the shore.
And the joy bells are ringin’.
For the maid of Cúil Mór.
Verse 2
The first time I saw her.
She pass-ed me by.
And the next time I saw her.
She bade me good-bye.
But the last time I saw her.
It grieved my heart sore.
For she sailed down Lough Foyle
and away from Cúil Mór.
Verse 3
If I had the power.
The storms for to rise.
I would make the wind blow out.
I’d darken the skies.
I would make the wind blow high.
And the salt seas to roar.
To the day that my darlin’.
Sailed away from Cúil Mór.
Verse 4
To the back parts of America.
My love I’d go and see.
For its there I know no-one.
And no-one knows me.
But if I don’t find her.
I’ll return home no more.
Like a pilgrim I’ll wander.
For the maid of Cúil Mór.
Verse 5 (added) 
Now the maid lies a-waitin’.
As the light starts to fade.
For she’s bound home to Erin.
To the land our Lord made.
But the next time I see her.
I will grieve never more.
For she’ll e’er be my true love.
She’s the Maid of Cúil Mór.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Nel lasciare la dolce e cara Derry
per la bella Londra
non c’è un porto più bello
che si possa trovare nei dintorni
dove i giovani ogni sera
scendono alla spiaggia
e le campane allegre suonano
per la fanciulla di Culmore.
II
La prima volta che la vidi
mi passò accanto
la volta successiva che la vidi
mi disse ciao
ma l’ultima volta che la vidi
mi fece male al cuore
perchè navigava nel Loug Foyle
per lasciare Culmore.
III
Se potevo
comandare alla tempesta
avrei fatto soffiare il vento forte
fino a oscurare il cielo
avrei fatto soffiare il vento forte
e ruggire il mare
nel giorno in cui la mia cara
salpò da Culmore
IV
Nel Nord America
andrei a trovare il mio amore
perchè laggiù non conosco nessuno
e nessuno mi conosce
ma se non dovessi trovarla
non ritornerei più a casa
e come un pellegrino vagabonderei
per la fanciulla di Culmore
V
Adesso la fanciulla mi aspetta
quando la luce si affievolisce
perchè è ritornata a casa in Irlanda
nella terra che nostro Signore creò
e la prossima volta che la vedrò
non mi rattristerò più
perchè lei sarà sempre il mio vero amore,
lei la fanciulla di Culmore

NOTE
This song tells a bitterly sad and melancholic story of unrequited love, never fulfilled, of emigration of the Irish people to America in search of a better life, of invocation of the power of the storm and the sea to stop the ship from sailing to America, and of the maids final journey back to her home country. Two versions are included with slightly different lyrics. Origin is unknown. The boy falls in love with her ‘but the last time I saw her, it grieved my heart sore. For she sailed down Lough Foyle and away from Culmore’ and ‘on the day that my love sailed away from Culmore’. She sails for America down Lough Foyle (‘for she sailed down Lough Foyle and away from Culmore’). Meanwhile, the boy who has fallen in desparate love with the maid, tries to stop the ship from sailing by calling on the storm and the sea ‘I would make the wind blow high, for the salt sea to roar’. He travels to the ‘back parts of America’, ‘to the north of America, my love I’ll search for’ . If he doesnt find her he says ‘I’ll return home no more, but like a pilgrim I’ll wander, for the maid of Cúil Mór’. Finally, the ending becomes obscure. In one version the maid returns to Ireland ‘now the maid lies a-waiting, as the light starts to fade’ possible meaning she is dying but will make her last journey by ship back to her home country; then does the boy finally meet her again ? ‘but the next time I see. I will grieve never more’. But we dont know if he actually ever does meet her again. (Stephen Salzano)
[Questa canzone racconta la storia amaramente triste e malinconica di un amore non corrisposto, mai realizzato, di emigrazione del popolo irlandese in America in cerca di una vita migliore, di invocazione del potere della tempesta e del mare per fermare la nave dalla navigazione in America e del ritorno definitivo della fanciulla nel suo paese d’origine. Due versioni sono incluse con testi leggermente diversi. L’origine è sconosciuta Il ragazzo si innamora di lei  ‘but the last time I saw her, it grieved my heart sore. For she sailed down Lough Foyle and away from Culmore’ and ‘on the day that my love sailed away from Culmore’ ..e cerca di fermare la nave in partenza invocando la tempesta e il mare ‘I would make the wind blow high, for the salt sea to roar’. He travels to the ‘back parts of America’ ... Infine, il finale diventa oscuro. In una versione la fanciulla torna in Irlanda ‘now the maid lies a-waiting, as the light starts to fade’  il possibile significato è che sta morendo, ma farà il suo ultimo viaggio in nave nel suo paese d’origine; allora l’innamorato finalmente la incontra di nuovo? Eppure non sappiamo se in realtà l’ha mai incontrata di nuovo. (Stephen Salzano)]

1) according to who sings (or of the reference period) the name is the Irish one of Derry or the English one of Londonderry (see “The town I loved so well”)
[a secondo di chi canta (o del periodo di riferimento) il nome è quello irlandese di Derry o quello inglese di Londonderry (vedi “The town I loved so well”)]

THE MAID OF COOLMORE

In Scotland the name of the original Irish place is crippled in various ways, for Belle Stewart is Kilmore (see), while the Bothy Band called it Coolmore
[In Scozia il nome del luogo irlandese originario viene storpiato in vari modi, per Belle Stewart  è Kilmore mentre i Bothy Band lo chiamano Coolmore]
Bothy Band & Tríona Ní Dhomhnail


I
From sweet Londonderry,
to the fair London Town
There is no other nicer harbour,
anywhere to be found
Where the children each evenin’,
is a-playin’ around the shore
And the joybells are ringin’,
for the maid of Cúil Mór.
II
The first time that I met her,
she passed me by
The next time that I met her,
she bade me goodbye
But the last time that I met her,
she grieved my heart sore.
For she sailed down Lough Foyle,
and away from Cúil Mór.
III
If I had the power,
the storm to rise
I would blow the wind higher,
for to darken the skies
I would blow the wind higher,
to make the salt seas to roar
On the day that my love sailed,
away from Cúil Mór.
IV
To the north of America,
my love I’ll search for
For there I know no one,
nor no one knows me
But should I not find her,
I’ll return home no more
But like a pilgrim I will wander,
for the maid of Cúil Mór.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Dalla cara Londonderry
per la bella Londra
non c’è un altro porto più bello
che si possa trovare nei dintorni
dove i ragazzi ogni sera
giocano in spiaggia
e le campane allegre suonano
per la fanciulla di Culmore.
II
La prima volta che la vidi
mi passò accanto
la volta successiva che la vidi
mi disse ciao
ma l’ultima volta che la vidi
mi fece male al cuore
perchè salpava dal Loug Foyle
per lasciare Culmore.
III
Se potevo
comandare alla tempesta
avrei fatto soffiare il vento più forte
fino a oscurare il cielo
avrei fatto soffiare il vento più forte
e ruggire il mare
il giorno in cui il mio amore
salpò lontano da Culmore
IV
Nell’America del Nord
cercherei il mio amore
perchè laggiù non conosco nessuno
e nessuno mi conosce
ma se non dovessi trovarla
non ritornerei più a casa
e come un pellegrino vagabonderei
per la fanciulla di Culmore

SOURCES

https://celticandhistoryobsessions.music.blog/2019/02/08/the-maid-of-cuil-mor/
https://www.irishtune.info/tune/3177/
https://celticandhistoryobsessions.music.blog/
https://www.itma.ie/digital-library/sound/maid_of_culmore_john_butcher_senior
https://www.itma.ie/inishowen/song/maid_of_culmore_denis_mcdaid
https://www.itma.ie/inishowen/song/maid_of_culmore_corney_mcdaid
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19653
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=34974
https://mainlynorfolk.info/danny.spooner/songs/themaidofculmore.html
http://old-fashionedcharm.blogspot.com/2012/03/irish-ballad-maid-of-culmore.html
http://www.celticlyricscorner.net/bothyband/maid.htm

She Moved through the Fair like the swan in the evening moves over the lake

Leggi in italiano

The original text of “She Moved trough the Fair” dates back to an ancient Irish ballad from Donegal, while the melody could be from the Middle Ages (for the musical scale used that recalls the Arab one). The standard version comes from the pen of Padraic Colum (1881-1972) which rewrote it in 1909. There are many versions of the text (additional verses, rewriting of the verses), also in Gaelic, reflecting the great popularity of the song, the song was published in the Herbert Hughes collection “Irish Country Songs” (1909), and in the collection of Sam Henry “Songs of the People” (1979).
In its essence, the story tells of a girl promised in marriage who appears in a dream to her lover. But the verses are cryptic, perhaps because they lack those that would have clarified its meaning; this is what happens to the oral tradition (who sings does not remember the verses or changes them at will) and the ballad lends itself to at least two possible interpretations.

In the first few strophes, the woman, full of hope, reassures her lover that her family, although he is not rich, will approve his marriage proposal, and they will soon be married; they met on the market day, and he looks at her as she walks away and, in a twilight image, compares her to a swan that moves on the placid waters of a lake.

cigno in volo

The third stanza is often omitted, and it is not easy to interpret: the unexpressed pain could be the girl’s illness (which will cause her death) – probably the consumption- for this reason people were convinced that their marriage would not be celebrated.
And we arrive at the last stanza, the rarefied and dreamy one in which the ghost of her appears at night: an evanescent figure that moves slowly to call him soon to death .

The other interpretation of the text (shared by most) supposes she escaped with another one (or more likely her family has combined a more advantageous marriage, not being the suitor loved by her quite rich). But the love he feels for her is so great and even if he continues his life by marrying another, he will continue to miss her.
The verses related to an unexpressed pain are therefore interpreted as the lack of confidence in the new wife because he will be still, and forever, in love with his first girlfriend.
The final stanza becomes the epilogue of his life, when he is old and dying, he sees his first love appear beside to console him.

As we can see both the reconstructions are adaptable to the verses, admirable and fascinating of the song, precisely because of their meager essentiality (an ante-litteram hermeticism): no self-pity, no sorrow shown, but the simplicity of a great love, that few memories passed together can be enough to fill a life.

A single, strong, elegiac image of a candid swan in the twilight, anticipation of her fleeting passage on earth. The song is a lament and there are many musicians who have interpreted it, recreating the rarefied atmosphere of the words, often with the delicate sound of the harp.

Loreena McKennitt  from Elemental  ( I, II, III, IV)
Nights from the Alhambra 2007

Moya Brennan & Cormac De Barra from Against the wind

Cara Dillon live

Sinead O’Connor  (Sinead has recorded many versions of this song )


I
My (young) love said to me,
“My mother(1) won’t mind
And my father won’t slight you
for your lack of kind(2)”
she stepped away from me (3)
and this she did say:
“It will not be long, love,
till our wedding day”
II
She stepped away from me (4)
and she moved through the fair (5)
And fondly I watched her
move here and move there
And then she turned homeward (6)
with one star awake(7)
like the swan (8) in the evening(9)
moves over the lake
III
The people were saying
“No two e’er were wed”
for one has the sorrow
that never was said(10)
And she smiled as she passed me
with her goods and her gear
And that was the last
that I saw of my dear.
IV (11)
Last night she came to me,
my dead(12) love came
so softly she came
that her feet made no din
and she laid her hand on me (13)
and this she did say
“It will not be long, love,
‘til our wedding day”
NOTES
1) Padraic Colum wrote
“My brothers won’t mind,
And my parents.. ”
2) kind – kine: “wealth” or “property”. Others interpret the word as “relatives” so the protagonist is an orphan or by obscure origins
3) or she laid a hand on me (cwhich is a more intimate and direct gesture to greet with one last contact)
4) or She went away from me
5) the days of the fair were the time of love when the young men had the opportunity to meet with the girls of marriageable age
6) Loreena McKennitt sings
And she went her way homeward
7) the evening star that appears before all the others is the planet Venus
8) The swan is one of the most represented animals in the Celtic culture, portrayed on different objects and protagonist of numerous mythological tales. see more
9) in the evening it refers to the moment when they separate
10) the sorrow that never was said: obscure meaning
11) Loreena McKennitt sings
I dreamed it last night
That my true love came in
So softly she entered
Her feet made no din
She came close beside me
12) some interpreters omit the word “death” by proposing for the dream version, or they say “my dear love” or “my own love” but also “my young love
13) or “She put her arms round me

Chieftains&Van Morrison

Chieftains&Sinead O’Connor
Fairport Convention

Alan Stivell from “Chemíns De Terre” 1973
Andreas Scholl

A version entitled “The Wedding Song” has been handed down, which develops the theme of abandonment, and which is to be considered a variant even if with a different title
second part

LINK
http://thesession.org/tunes/4735
http://knifeandforkfactory.wordpress.com/2010/09/29/she-moves-through-the-fair-meaning-and-interpretation-part-1/
http://knifeandforkfactory.wordpress.com/2010/09/29/she-moves-through-the-fair-modern-lyrics-and-variations/
http://mainlynorfolk.info/anne.briggs/songs/shemovesthroughthefair.html

Lass of Glanshee

Leggi in italiano

“The Lass of Glanshee” or “The maid of Glashee” or “The Rose of Glanshee” is a Scottish ballad penned by Andrew Sharpe (according to G Malcolm Laws -in American Balladry From Bristish Broadsides, 1957) in the late 1700s ‘Nineteenth century, on the tune “The Road and the Miles to Dundee
Curious character, Andrew Sharpe, cobbler from Perth (Scotland), but also flute player, painter, composer and singer of love songs, yet this song is best known in its version from Celtic Canada, as it was collected by Helen Creighton during her excursions in New Brunswick from 1954 to 1960 and transcribed in “Folksongs from Southern New Brunswick” (1971). The witness Angelo Dornan, lived in Elgin, NB (Eastern Canada) at the time of registration. Most of his repertoire comes from Northern Ireland, the place of origin of his parents.

The ballad is a “pastoral” songs, a very popular song in England, Ireland and Scotland in the seventeenth and eighteenth centuries: this literary genre is characterized by the love contrast between a shepherdess and a suitor (a shepherd boy, or as in this case , a gentleman of passage) often with an erotic or spicy allusive background. The textual versions are quite similar and describe the same story: while a rustic but very pretty shepherdess is herding her flock, a young man spy and courting her; the song is then developed on the model of a pastoral contrast, with him who trying to seduce her and she escapes, knowing full well that she would never become his bride, because of their social difference. In reality the young maidens who wandered through the countryside and the woods were easy prey (more or less consensual) of the “hunters” men and often these ballads ended with the announcement of unfortunate pregnancies.(see more)

HAPPY END

“The Lass of Glanshee” has a happy ending as in beautiful fairy tales they get married and live happily for ever!

Altan from Horse With A Heart 1989: with their balanced repertoire based on the traditional music of Donegal and the Scottish influences the Altan spread throughout the world ballads, nursery rhymes and songs in Gaelic. Their version of The Lass of Glanshee, performed on a song originally from Scotland, has become a standard for Irish music groups.
Anuna (I, II,IV,V, VI)

Cara Dillon live

Greenoch interesting version of the Italian duo Cecilia Gonnelli and Roger Taradel

THE LASS OF GLENSHEE
I
One morning in springtime
as day was a-dawning
Bright Phoebus had risen
from over the lea
I spied a fair maiden
as homeward she wandered
From herding her flocks
on the hills of Glenshee
II
I stood in amazement,
says I, “Pretty fair maid
If you will come down
to St. John’s Town (1) with me
There’s ne’er been a lady
set foot in my castle (2)
There’s ne’er been a lady
dressed grander than thee
III
A coach and six horses
to go at your bidding
And all men that speak
shall say “ma’am unto thee
Fine servants to serve you
and go at your bidding”
I’ll make you my bride,
my sweet lass of Glenshee”
IV
“Oh what do I care for
your castles and coaches?
And what do I care
for your gay grandeury (3)?
I’d rather be home at my cot,
at my spinning
Or herding my flocks
on the hills of Glenshee”
V
“Away with such nonsense
and get up beside me
E’er summer comes on
my sweet bride you will be
And then in my arms
I will gently caress thee”
‘Twas then she consented,
I took her with me
VI
Seven years have rolled on
since we were united
There’s many’s a change,
but there’s no change on me
And my love, she’s as fair
as that morn on the mountain
When I plucked me a wild rose (4)
on the hills of Glenshee

NOTES
1) the city of Perth has an ancient church ((St John’s Kirk) and formerly took the name of Saint John’s Toun or St Johnstone.
2) Perthshire is dotted with castles scattered across the beautiful countryside but also close to Perth: Balhousie Castle, Huntingtower Castle, Scone Palace, Elcho Castle, Fingask Castle, Strathallan Castle, Blair Castle (more)
3) the verse follows the popular Raggle Taggle Gypsie
4) they are not limited to holding hands, and the rose is not just a flower

SCOTTISH/CANADIAN VERSION: THE HILLS OF GLENSHEE

The Glenshee Hills are located in the county of Pert, the ‘Fairy hill’ in the center of Scotland, a popular winter ski resort and summer hiking destination.

With the title “The Hills of Glenshee” is the variant spread to Newfoundland.
Harry Hibbs a more country version, from best-known icon for traditional Newfoundland music.

THE HILLS OF GLENSHEE
I
One fine summer’s mornin’
as I went out walkin’,
Just as the grey dawn
flew over the sea,
I happened to spy
a fair haired young damsel,
Attending her flock
by the hills of Glenshee.
II
I said,” pretty fair one,
will you be my dear one,
For I’ll take you over,
my bride for to be;
And this very night
in my arms  I will hold you,
While you tend your flock
on the hills of Glenshee.”
III
“Oh no, my dear sir,
you’ll not take me over,
None of your footmen
to wait upon me;
I would rather stay home
in my own homespun clothing,
And attend to my flock
on the hills of Glenshee.”
IV
For twenty long years
we’ve both been together,
Seasons may change
but there’s no change in me;
And if God lets me live
and I have my right senses,
I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
V
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
She’s as pure as the perfume
blows over the sea;
And her cheeks are as pale
as the white rose of summer,
That spreads out its leaves
on the hills of Glenshee.
VI
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
I do love her so
and I know she loves me;
And I’ll never prove false
to my girl where I met her,
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.

see also
LINK
https://www.mun.ca/folklore/leach/songs/NFLD1/2-10.htm
https://soundcloud.com/catherinecrowe/01-the-rose-of-glenshee?in=catherinecrowe/sets/field-recordings-of-angelo
http://digicoll.library.wisc.edu/WiscFolkSong/data/docs/WiscFolkSong/400/000333.pdf
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50613
http://folksongsatlanticcanada.blogspot.it/2012/04/new-brunswick-folk-songs.html
https://journals.lib.unb.ca/index.php/JNBS/article/view/20084/23145
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/26/hills.htm

La fanciulla della Valle delle Fate

Read the post in English

“The Lass of Glanshee” o “The maid of Glashee” o ancora “The Rose of Glanshee” è una ballata scozzese composta da Andrew Sharpe (secondo G Malcolm Laws -in American Balladry From Bristish Broadsides, 1957) sul finire del 1700 primi dell’Ottocento, sulla melodia The Road and the Miles to Dundee
Personaggio curioso, Andrew Sharpe, ciabattino di Perth (Scozia), ma anche suonatore di flauto, pittore, compositore e cantore di canti d’amore, eppure la canzone è meglio nota nella sua versione dal Celtic Canada, come è stata raccolta da Helen Creighton durante il suo lavoro di ricerca nel Nuovo Brunswick dal 1954 al 1960 e finita in “Folksongs from Southern New Brunswick” (1971)  . Il testimone Angelo Dornan, viveva a Elgin, NB (Canada orientale) al momento della registrazione. La maggior parte del suo repertorio proviene dall’Irlanda del Nord, il luogo d’origine dei suoi genitori.

La ballata si annovera tra i canti “pastorali” molto popolari in Inghilterra, Irlanda e Scozia nei secoli XVII e XVIII: questo genere letterario si caratterizza per il  contrasto amoroso tra una pastorella e un corteggiatore (anch’egli pastorello, oppure come in questo caso, un gentiluomo di passaggio) spesso a sfondo erotico o piccantemente allusivo. Le versioni testuali sono abbastanza simili e descrivono la stessa storia: mentre una rustica ma assai graziosa pastorella custodisce il gregge, un giovane la spia e la corteggia; la canzone si sviluppa quindi sul modello di contrasto amoroso con “botta e risposta” tra le parti, con lui che cerca di sedurla e lei che si sottrae, ben sapendo che non sarebbe mai diventata la sua sposa, a causa della loro differenza di rango. In realtà le giovani popolane che si aggiravano per le campagne e i boschi erano ben facili prede (più o meno consensuali) degli uomini “cacciatori” e spesso queste ballate si concludevano con l’annuncio di infauste gravidanze. (continua)

HAPPY END

“The Lass of Glanshee” ha un lieto fine come nelle belle favole i due si sposano e vivono per sempre felici e contenti!

Altan in Horse With A Heart 1989: con il loro equilibrato repertorio fondato sulla musica tradizionale del Donegal e gli influssi scozzesi  diffondono in tutto il mondo ballate, filastrocche e canzoncine in gaelico che finiscono immancabilmente nelle compilation di musica celtica. Così la loro versione di The Lass of Glanshee, pur eseguita su una canzone originaria della Scozia, è diventata uno standard per i gruppi di musica irlandese.
Anuna (I, II,IV,V, VI)

Cara Dillon live

Greenoch interessante la versione del duo italiano Cecilia Gonnelli e Roger Taradel


I
One morning in springtime
as day was a-dawning
Bright Phoebus had risen
from over the lea
I spied a fair maiden
as homeward she wandered
From herding her flocks
on the hills of Glenshee
II
I stood in amazement,
says I, “Pretty fair maid
If you will come down
to St. John’s Town (1) with me
There’s ne’er been a lady
set foot in my castle (2)
There’s ne’er been a lady
dressed grander than thee
III
A coach and six horses
to go at your bidding
And all men that speak
shall say “ma’am unto thee
Fine servants to serve you
and go at your bidding”
I’ll make you my bride,
my sweet lass of Glenshee”
IV
“Oh what do I care for
your castles and coaches?
And what do I care
for your gay grandeury (3)?
I’d rather be home at my cot,
at my spinning
Or herding my flocks
on the hills of Glenshee”
V
“Away with such nonsense
and get up beside me
E’er summer comes on
my sweet bride you will be
And then in my arms
I will gently caress thee”
‘Twas then she consented,
I took her with me
VI
Seven years have rolled on
since we were united
There’s many’s a change,
but there’s no change on me
And my love, she’s as fair
as that morn on the mountain
When I plucked me a wild rose (4)
on the hills of Glenshee
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una mattina di Primavera
allo spuntar del giorno,
Febo luminoso era sorto
e da oltre il prato
osservai una graziosa fanciulla
mentre vagabondava sulla via di casa
e badava al gregge
sulle colline di Glenshee.
II
Meravigliato le dissi:
“Dolce e bella fanciulla,
se tu verrai a valle
a Perth con me
nessuna altra donna
metterà piede nel mio castello
e nessuna altra donna sarà
vestita più sontuosamente di te
III
Una carrozza trainata da 6 cavalli
avrai al tuo servizio
e tutti gli uomini che interrogherete
vi diranno ‘Madama al vostro cospetto
eleganti servitori per servirvi
e andare al vostro comando’
ti farò mia sposa,
mia dolce ragazza di Glenshee”
IV
“Ma cosa volete che m’importi del vostro castello e della vostra carrozza?
Cosa volete che mi interessi della vostra ricchezza?
Preferisco stare a casa nel mio letto,
al mio filatoio
o pascolare il gregge
sulle colline di Glenshee”
V
“Basta con queste sciocchezze
e fermati accanto a me,
già l’estate arriverà
tu sarai la mia dolce sposa
e allora tra le braccia
ti stringerò piano”
Così lei acconsentì
e la presi con me.
VI
Sette anni sono passati
da quando ci siamo sposati
ci sono stati dei cambiamenti,
ma non per me
e il mio amore, lei è chiara
come quel mattino sulla montagna
quando mi colse una rosa selvaggia sulle Colline di Glenshee

NOTE
1) la città di Perth che conseva una antica chiesa (St John’s Kirk) e anticamente prendeva il nome di Saint John’s Toun o St Johnstone.
2) il Perthshire è disseminato di castelli sparsi per la bellissima campagna ma anche vicini alla città di Perth: Castello di Balhousie, Castello di Huntingtower, Scone Palace, Elcho Castle, Castello di Fingask, Castello di Strathallan, Blair Castle (continua)
3) la strofa ricalca la popolarissima Raggle Taggle Gypsie
4) i due non si sono limitati a tenersi per mano, e la rosa non è solo un fiore

LA VERSIONE SCOZZESE/CANADESE: THE HILLS OF GLENSHEE

Le colline di Glenshee si trovano nella contea di Pert,  la ‘Fairy Glen’ la collina delle Fate, quasi al centro della Scozia è una rinomata località sciistica invernale e meta di escursioni d’estate.

Con il titolo “The Hills of Glenshee” è la variante diffusa a Terranova.
Harry Hibbs una versione più country, dall’icona della musica tradizionale di Terranova


I
One fine summer’s mornin’
as I went out walkin’,
Just as the grey dawn
flew over the sea (1),
I happened to spy
a fair haired young damsel,
Attending her flock
by the hills of Glenshee.
II
I said,” pretty fair one,
will you be my dear one,
For I’ll take you over,
my bride for to be;
And this very night
in my arms  I will hold you,
While you tend your flock
on the hills of Glenshee.”
III
“Oh no, my dear sir,
you’ll not take me over,
None of your footmen
to wait upon me;
I would rather stay home
in my own homespun clothing,
And attend to my flock
on the hills of Glenshee.”
IV
For twenty long years
we’ve both been together,
Seasons may change
but there’s no change in me;
And if God lets me live
and I have my right senses,
I’ll never prove false (2)
to the girl on Glenshee.
V
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
She’s as pure as the perfume
blows over the sea;
And her cheeks are as pale
as the white rose of summer,
That spreads out its leaves
on the hills of Glenshee.
VI
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
I do love her so
and I know she loves me;
And I’ll never prove false
to my girl where I met her,
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una bella mattina d’estate
mentre ero a passeggio
proprio quando la pallida alba
sorgeva dal mare
mi capitò di osservare
una giovane fanciulla dai capelli biondi
che badava al gregge
sulle colline di Glenshee.
II
Dissi: “Bella damigella,
volete essere la mia favorita
perchè vi prenderò
per essere la mia sposa
e questa stessa notte
tra le mie braccia vi terrò,
mentre badate al gregge
sulle colline di Glenshee”
III
“Oh no caro Signore
non mi prenderete
e nessuono dei vostri servitori
mi renderà omaggio;
preferisco stare a casa,
nei miei vestiti fatti a mano
a pascolare il gregge
sulle colline di Glenshee”
IV
Per venti lunghi anni
siamo stati insieme,
le stagioni possono mutare
ma io non sono cambiato;
e se Dio mi farà vivere
nel pieno possesso delle mie facoltà
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee
V
Lei è Maria, la mia Maria
il mio amato tesoro,
è pura come la brezza
che soffia dal mare
e le sue guance sono pallide
come la rosa bianca dell’estate
quando le foglie germogliano
sulle Colline di Glenshee
VI
Lei è Maria, la mia Maria
il mio amato tesoro,
l’amo così
e so che lei mi ama
non tradirò mai
la mia ragazza che ho incontrato,
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee

NOTE
1) in senso lato non essendoci la vista mare dalle Glenshee
2) letteralmente “non sarò mai falso”

continua
FONTI
https://www.mun.ca/folklore/leach/songs/NFLD1/2-10.htm
https://soundcloud.com/catherinecrowe/01-the-rose-of-glenshee?in=catherinecrowe/sets/field-recordings-of-angelo
http://digicoll.library.wisc.edu/WiscFolkSong/data/docs/WiscFolkSong/400/000333.pdf
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50613
http://folksongsatlanticcanada.blogspot.it/2012/04/new-brunswick-folk-songs.html
https://journals.lib.unb.ca/index.php/JNBS/article/view/20084/23145
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/26/hills.htm

HERE’S A HEALTH TO THE COMPANY

Una emigration song proveniente dall’Irlanda del Nord e di probabile origine scozzese intitolata anche “The Parting Glass”  da confondere con l’altra più popolare “The Parting Glass”  che inizia con “Of all the money e’er I had“.
La sua forma standard è oggi quella registrata dai Chieftains
ASCOLTA Kevin Conneff (The Chieftains) in “A Chieftains Celebration, 1989 (strofe da I a III)

ASCOLTA Cara Dillon 2006

Un brano da renaissance fair, ascoltiamolo nella versione dei Blackmore’s Night in Autumn Sky 2010

e una perfetta tavern song finita nel video-gioco Assassin’s Creed Black Flag (strofe da I a III)


I
Kind friends and companions, come join me in rhyme
Come lift up your voices in chorus with mine
Come lift up your voices, all grief to refrain
For we may or might never all meet here again
Chorus:
Here’s a health to the company and one to my lass
Let us drink and be merry all out of one glass
Let us drink and be merry, all grief to refrain
For we may or might never all meet here again
II
Here’s a health to the dear lass that I love so well
For her style and for her beauty, that none can excel
There’s a smile upon her countenance as she sits on my knee
There is no man in this wide world as happy as me
III
Our ship lies at anchor, she’s ready to dock
I wish her safe landing without any shock
If ever I should meet you by land or by sea
I will always remember your kindness to me
IV
My footsteps may falter my wit it may fail
My course may be challenged by November gale
Ere fortune shall prove to be friend or foe
You will always be with me wherever I go
tradotto da Cattia Salto
I
Venite cari amici e compagni  e unitevi alla mia canzone,
venite e innalzate le voci in coro con la mia
venite a innalzare le voci e a raffrenare tutto il dolore
che forse  non potremo mai più rincontrarci ancora tutti qui
CORO:
Un brindisi alla compagnia e uno alla mia ragazza,
beviamo e cerchiamo tutto il divertimento in un bicchiere,
beviamo e cerchiamo di divertirci per raffrenare tutto il dolore,
che forse  non potremo mai più rincontrarci ancora tutti qui.

II
Alla salute della cara ragazza che amo coì tanto
per i suoi modi e la sua bellezza, che nessuna  può eguagliare,
c’è un sorriso sul suo viso quando si siede sulle mie ginocchia
e non c’è nessun uomo in questo mondo selvaggio felice come me
III
La nostra nave è in rada pronta per attraccare
le auguro uno sbarco in salvo senza alcun urto
e se ci incontreremo ancora per mare o per terra
mi ricorderò sempre la vostra cortesia verso di me
IV
I miei passi possono vacillare, e lo spirito fallire
il destino forse essere cambiato da una tempesta di novembre,
prima che la fortuna si mostrerà amica o nemica
tu sarai sempre con me ovunque andrò

FONTI
https://soundcloud.com/fifesing/sheila-stewart-the-parting-glass
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=161869
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=157681
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/heresahealthtothecompany.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=161869

STREETS OF DERRY

Gli studiosi datano l’origine della ballata tra il 1817 e il 1830, collegandola con “The Maid Freed from the Gallows” ma anche con la ballata di Geordie; più in generale “Streets of Deyy” si inserisce nel filone delle “ballate del patibolo“: il protagonista viene salvato dalla forca da un perdono giunto all’ultimo momento portato dalla fidanzata che arriva al galoppo su uno stremato cavallo.


Alcune versioni chiamano l’eroina Ann O’Neill e la maggior parte indicano  la città di Derry come il luogo in cui sta per avvenire l’impiccagione; in alcune compare anche un sacerdote pronto ad accogliere la confessione del condannato (e a ritardare l’esecuzione).
Eleanor R. Long (Saskatoon, Saskatchewan, Canada) nel suo saggio “Derry Gaol From Formula to Narrative Theme in International Popular Tradition” analizza 27 versioni della ballata e le classifica in 5 filoni. Così osserva la Long “Certain aspects of the ballad’s narrative, however, are timeless in their reflection of Irish history and culture. The public execution of Irish patriots was a familiar phenomenon throughout the period of British occupation, and history as well as ballad-literature reports the ubiquity of sorrowing relatives at the execution site, requests for appropriate religious rites for the dying, and desperate, not infrequently successful appeals for last-minute pardons f or political offenders. But during the time-period under consideration (1817-1830), two specific historical events occurred which corroborate the circumstances described in Laws L 11 without localizing those circumstances in northern Ireland: the Catholic clergy developed an exceptionally militant attitude toward the denial of freedom of conscience to prisoners in British penitentiaries, and in the summer of 1821 King George IV became the first English monarch to set foot on Irish soil since the Reformation, winning by that gesture a degree of popularity among the Irish people that was as unprecedented as it was temporary.” (vedi)

ASCOLTA su Spotify  Bothy Band (voce Triona Ni Dhomhnaill)  in “Out of the Wind, Into the Sun”, 1977 (testo qui)
ASCOLTA su Spotify  Peter Bellamy in “Both Sides Then”, 1979
ASCOLTA Oisin in Winds of Change”, 1989

ASCOLTA Cara Dillon & Paul Brady


I
After morning there comes an evening
And after the evening another day.
And after false love there comes a true love;
I’ll have you listen now to what I say.
II
My love he is as fine a young man
As fair as any the sun shone on.
But how to save him I do not know it,
For now he’s got a sentence to be hung.
III
As he was a-marching through the streets of Derry,
I’m sure he marched up right manfully,
Being much more like a commanding officer
Than a man to die upon a gallows tree.
IV
But the very first step he did put on that ladder,
His bloomin’ colour began to fail
And with heavy sighin’ and bitter cryin’,
“Is there no releasement from Derry Gaol?
V
And the very next step he did put on that ladder,
His lovin’ clergyman was standing by,
Cryin’, “Stand you back, you false prosecutors,
For I’ll make you see that he may not die.”
VI
“Yes, I’ll make you see that you may not hang him
Until his confession to me is done,
And then you’ll see that you may not hang him
‘Til within ten minutes of the setting sun.
VII
“What keeps my love, she’s so long a-coming?
Oh, what detains her so long from me?
Or does the think it’s a shame or scandal
To see me die on the gallows tree?”
VIII
He looked around and he saw her coming,
And she was dressed all in woollen fine
The weary steed that my love was riding
It flew more swifftly than the wind
IX
Come down, come down from that cruel gallows
I’ve got your pardon from the king
And I’ll let them see that they dare not hang you
And I’ll crown my love with a bunch of green 
tradotto da Cattia Salto
I
Dopo il mattino viene la sera
e dopo la sera un altro giorno
così dopo un falso innamorato arriva il vero amore,
ascoltate bene cosa vi dico
II
Il mio amore è un bel giovanotto
bello come pochi sotto il sole, ma come fare per salvarlo non so, perchè è stato condannato all’impiccagione
III
Mentre camminava per le strade di Derry (1)
di certo marciava spavaldo
molto più simile a un comandante
che a un condannato sul punto di morire sulla forca
IV
Ma al primo passo che mise su quella scaletta
il suo colorito iniziò a spegnersi
e con profondi sospiri gridò amaramente “Non c’è il perdono dal carcere di Derry?”
V
E il secondo passo che mise su quella scaletta il suo caro sacerdote (2) gli stava accanto
gridando “State indietro, falso pubblico ministero,
che vi mostrerò perchù lui non può morire!
VI
Si, vi mostrerò che non potete
impiccarlo

finchè non mi ha rilasciato la sua confessione, e così vedete che non potete impiccarlo
fino a quando mancheranno 10 minuti al tramonto”
VII
Cosa trattiene il mio amore che ci mette tanto a venire?
Che cosa la tiene così lontana da me?
Crede forse che sia una vergogna o uno scandalo
vedermi morire sulla forca?

VIII
Si guardò intorno e la vide
arrivare
ed era vestita di un bel panno
il destriero affaticato che il [suo] amore cavalcava
volava più veloce del vento.
IX
Scendi, scendi da quella forca crudele
ho ottenuto il perdono dal Re (3)
farò loro vedere che non oseranno impiccarti
e incoronerò il mio amore con una ghirlanda verde (4)”

NOTE
1) il riferimento alle strade di Derry o alla prigione di Derry appare nelle varianti della ballata solo a partire dal 1830
2) il tema del sacerdote che cerca di ottenere tempo sul patibolo è sostituito in altre versioni dalla richiesta di conforto rivolta ai congiunti ad esempio i Bothy Band
His beloved father was standing by
“Come here, come near, my beloved father
And speak one word to me before I die”
3) nella versione di Bellamy è “the Queen” in altre versioni la grazia arriva “dal Re e dalla Regina”
4) nella versione dei Bothy Band diventa un “a laurel leaf”, Al O’Donnell canta invece “…with a bunch of bloom”.

FONTI
http://bluegrassmessengers.com/95a-derry-gaol-or-the-streets-of-derry-bronson.aspx
http://bluegrassmessengers.com/derry-gaol-from-formula-to-narrative-theme.aspx
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=53736&lang=it
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/thestreetsofderry.html
http://www.celticlyricscorner.net/bothyband/streets.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=3780

P STANDS FOR PADDY

P stands for Paddy” (come pure “The verdant braes of Screen“) affronta il tema dell’amore falsamente corrisposto.
Però la melodia è più gioiosa di quanto ci si aspetterebbe da questo genere di warning songs e il dialogo tra i due sembra più un bisticcio tra innamorati che una separazione.
Così il commento di A.L. Lloyd alla versione dei Waterson “T stands for Thomas” “These B for Barney, P for Paddy, J for Jack songs are usually Irish in origin though common enough in the English countryside. Often the verses are just a string of floaters drifting in from other lyrical songs. So it is with this piece, which derives partly from a version collected by Cecil Sharp from a Gloucestershire gipsy, Kathleen Williams. Some of the verses are familiar from an As I walked out song sung to Vaughan Williams by an Essex woodcutter, Mr Broomfield (Folk Song Journal No. 8). The verses about robbing the bird’s nest recall The Verdant Braes of Skreen.”

ASCOLTA Planxty in Cold Blow and the Rainy Night , 1974, i quali hanno divulgato la canzone al grande pubblico (per il testo vedi)

Old Blind Dogs in Tall Tails 1994 ovvero la formazione degli esordi con Ian F. Benzie (voce e chitarra) Jonny Hardie (violino), Buzzby McMillian (cittern) Davy Cattanach (percussioni)

ASCOLTA Cara Dillon per la serie live Transatlantic Sessions, un godibile live con artisti di tutto rispetto


I
As I went out one May morning to take a pleasant walk
Well, I sat m’self down by an old faill wall just to hear two lovers talk
To hear two lovers talk, my dear,
to hear what they might say
That I might know a little more about love before I went away
Chorus 
P stands for Paddy, I suppose,
J for my love, John
W stands for false Willie(1),
oh but Johnny is the fairest man
Johnny is the fairest man, my dear, aye, Johnny’s the fairest man
I don’t care what anybody says,
Johnny is the fairest man

II
Won’t you come and sit beside me, beside me on the green
It’s a long three quarters of a year or more since together we have been Together we have been, my dear, together we have been
It’s a long three quarters of a year or more since together we have been
III
No, I’ll not sit beside you, not now nor at any other time
For I hear you have another little girl, and your heart’s no longer mine
Your heart’s no longer mine, my dear, your heart’s no longer mine
For I hear you have another little girl, and your heart’s no longer mine
IV
So I’ll go climb the tall, tall tree,
I’ll rob the wild bird’s nest
When I come down, I’ll go straight home to the girl that I love best
To the girl that I love best, my dear, the girl that I love best
When I come down, I’ll go straight home to the girl that I love best
TRADUZIONE  DI CATTIA  SALTO
I
Mentre andavo un mattin di maggio
a fare una bella passeggiata
beh, sostai presso un vecchio muro diroccato solo per ascoltare la conversazione di due innamorati,
per ascoltare quello che si dicevano
e per poter conoscere un po’ di più sull’amore prima di andare via.
CORO
P sta per Paddy, credo,
J per il mio amore John
W sta per il bugiardo Willie,
ma Johnny è l’uomo più bello
Johnny è l’uomo più bello, si, il mio amore,
Johnny è l’uomo più bello,
non mi interessa quello che gli altri dicono, Johnny è l’uomo più bello

II
“Non vorresti venire a sederti accanto a me sull’erba?
Sono nove mesi fa o più,
da quando siamo stati insieme
insieme siamo stati, mia cara
insieme siamo stati,
sono nove mesi fa o più
da quando siamo stati insieme”
III
“No non mi stenderò sull’erba accanto a te, nè adesso nè mai
perchè ho saputo che tu hai un’altra ragazza e il tuo cuore non appartiene più al mio, e il tuo cuore non appartiene più al mio, mio caro, perchè ho saputo che tu hai un’altra ragazza e
il tuo cuore non appartiene più al mio.”
IV
“Mi arrampicherò su di un albero alto alto e ruberò il nido di un uccello selvatico e quando ritornerò giù, andrò dritto alla casa della ragazza che amo di più tra le braccia della ragazza che amo di più, mia cara,
quando ritornerò giù, andrò dritto alla casa della ragazza che amo di più”

NOTE
1) Willie è il tipico nome del falso innamorato vedi in Willy Taylor
2) In questa canzone  è l’uomo  ad arrampicarsi sull’albero più alto per prendere il nido e portarlo alla donna che ama dandole così prova d’amore. In genere è lei a donare il suo “nido” ad un altro uomo, più degno di essere amato. Il finale è aperto: a chi Johnny porterà il nido?

FONTI
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=5037 http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/05/paddy.htm http://thesession.org/tunes/10172

GREEN GROWS THE LAUREL

Violets-by-Pre-Raphaelite-painter-James-Dromgole-LintonNessuno sa di preciso a quale epoca risalga questa canzone, alcuni riferimenti “di bandiera” la spostano all’epoca delle guerre giacobite, di certo si può affermare che la canzone, in molteplici versioni testuali e con diverse melodie, si è tramandata tra la comunità gypsies d’Inghilterra, Scozia e Irlanda e si è poi diffusa anche in Canada e America.

Anche il tema presenta molteplici sfaccettature per cui è difficile distinguere un nucleo originario che si sia “contaminato” con i cosiddetti “versi fluttuanti” ossia versi e strofe mutuate da altre ballate (e comunque tipici delle ballate tramandate dalla tradizione orale).
La storia ha un mood malinconico, in cui una donna innamorata (ma ingenua per la sua giovane età) dona la propria fedeltà ad un uomo che non la merita perchè la seduce (con l’inganno) e poi l’abbandona per un’altra. Alcune versioni (quelle Irlandesi) hanno una viratura patriottica: l’uomo sembra essere stato coinvolto in qualche operazione militare e alla fine la donna si ritrova sola e abbandonata, con la sua giovinezza ormai appassita; la donna potrebbe essere in realtà l’Irlanda e la canzone essere una canzone di protesta “mascherata”.

“QUEEN CAROLINE”

La registrazione risale agli anni del 1960 dalla voce di “Queen” Caroline Hughes la gypsy romany inglese nata nel 1900 e morta nel 1971. In rete ho trovato la versione di Norma Waterson che riprendeva testo e melodia da quell’ascolto (in Sheep-Crook and Black Dog qui).

La storia è amara e triste e parla di una donna rimasta incinta e respinta dal suo innamorato e buttata fuori casa dai suoi genitori. Lei prenderà la strada da sola con il bambino e tenterà di dimenticare l’uomo che l’ha abbandonata (anche se ancora lo ama)

ASCOLTA Norma Waterson (in versione integrale su Spotify)


I
Now once I was a schoolgirl all in my pencil and slate
Can’t you see what I’ve come to from staying out late
And it’s once I had a colour(1)
that is as red as any rose
Ah but now I’m as pale as the lily that grows
CHORUS
And it’s green grows the laurel
and so cold now blows the dew(2)

And how sorry was I
when I parted from you

Just like the rose in the garden
when her bloom is all gone

Can’t you see what I’ve come to
for loving that man

II
Now my parents dislikes me they’ve turned me away from their door
So I told them that I’d ramble
like I used to before
And I picked up my baby
and I’ve walked out the door
And I told them that I’d ramble like I used to before
III
So it’s me and my baby
and contented we will be
And I’ll try to forget him
like he forgot me
And while there’s love on the ocean and there’s dry land
While there’s breath into my body
I will still love that man
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
Un tempo era una studentella con la mia matita e la lavagna,
non vedi che cosa ho ottenuto a restare fuori fino a tardi;
una volta avevo un colorito
rosso come una rosa,
ma ora sono pallida come il giglio che germoglia
CORO
Verde cresce l’alloro,
e come il freddo disperde la rugiada (2),

così mi è dispiaciuto
separarmi da te!
Proprio come le rose nel giardino
quando sono sfiorite,

non vedi che cosa ho ottenuto
nell’amare quell’uomo?

II
Ora i miei genitori mi disprezzano
e mi hanno buttata fuori dalla porta
così ho detto loro che avrei vagabondato come facevo prima.
Ho preso il mio bambino
e ho varcato la soglia,
ho detto loro che avrei vagabondato come facevo prima.
III
Siamo io e il mio bambino
e staremo bene
e cercherò di dimenticarlo
come lui ha dimenticato me,
(ma) finchè c’è amore sull’oceano
e sulla terra ferma,
finchè c’è respiro nel mio corpo,
io continuerò ad amare quell’uomo

NOTE
1) scritto anche come collar (colletto)
2) scritto anche come “soft as the dew”

LA VERSIONE DI SANDY DENNY

A quegli anni della pubblicazione della registrazione sul campo effettuata da Ewan MacColl, Peggy Seeger e Charles Parker presso la comunità traveller di Queen Caroline risale la versione di Sandy Denny (1947-1978): appena diciannovenne quando cantava canzoni folk nei club di Londra con la sua chitarra. La canzone è ridotta a pochi versi che insieme al tono triste e desolato ci parlano di una separazione tra due persone che un tempo si erano date amore; chi canta spera che quell’amore possa rinascere, ma lui l’ha lasciata per un’altra. La situazione con le lettere che i due si scrivono mi richiama un’altra canzone The Blacksmith in un contesto di separazione a causa dell’emigrazione, in cui il fabbro dimentica le promesse fatte alla sua fidanzatina del paese e sposa un’altra.

ASCOLTA Sandy Denny live 1966 (capisco che molti oggi possono considerare queste registrazioni “vintage”, probabilmente sentono l’effetto che a me fanno le registrazioni degli anni 20-30, ma per la mia generazione è la musica della gioventù)


Chorus:
Green grow the laurels,
soft as the dew
Sad I was, darling, on parting from you
Perhaps in the future our love will renew
We’ll love one another
and promise to be true (3)
I
I wrote my love a letter
and he wrote me mine
I wrote my love a letter,
he wrote me mine,
Said: “Keep your love letter
and I will keep mine,
You write to your love
and I’ll write to mine.”
II
I passed my love’s window
both night time and day,
I passed my love’s window both night time and day.
And the looks that he gave me a thousand would slay,
And the looks that he gave me a thousand would slay.

TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
CORO
Verde cresce l’alloro
soave come la rugiada,
ero triste, amore, nel separarmi da te, forse in futuro il nostro amore si rinnoverà
e ci ameremo l’un l’altro
e scambieremo le promesse (3).
I
Ho scritto una lettera al mio amore
e lui ne ha scritta una a me
Ho scritto una lettera al mio amore
e lui ne ha scritta una a me
diceva “Tienti la tua lettera d’amore
e io mi terrò la mia,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
II
Sono passata davanti alla finestra del mio amore notte e giorno,
sono passata davanti alla finestra del mio amore notte e giorno,
e le occhiate che mi ha lanciato mille volte mi avrebbero ucciso,
e le occhiate che mi ha lanciato mille volte mi avrebbero ucciso.

NOTE
3) ovvero ci saranno vere promesse matrimoniali

LA VERSIONE IRLANDESE DI DOLORES KEANE

Questa versione prende parte delle prime due strofe cantate da Norma Waterson e le aggiunge a quei pochi versi cantati da Sandy Denny con una viratura patriottica assente in quelle: l’uomo sembra essere stato coinvolto in qualche operazione militare, ma alla fine la donna si ritrova sola e abbandonata, con la sua giovinezza ormai appassita. La versione si presta a una duplice lettura in cui la donna è in realtà l’Irlanda e la canzone è una canzone di protesta “mascherata”. Il testo proviene dal Galway dai dintorni di Tuam: “Dolores learned this setting from Mary Conway, a traditional singer from Dolores’ home village. Most of Mary Conway’s songs were in Gaelic and this was one of the exceptions. It has a fine traditional tune to it and the chorus has an allegorical reference in it not unusually [sic!] found in the Music Hall versions: ‘Never change …’ We take this to mean, ‘Never desert the green flag of Ireland for the British Union Jack’. (Notes ‘Folk Friends II’) (tratto da qui)

ASCOLTA Dolores Keane & John Faulkner in Sail Og Rua 2010 (Dolores aveva già rilasciato una versione del brano nel 1998 per la compilation Magic Irish Romances)


CHORUS
Green grows the laurel
and soft falls the dew
Sad was my heart
when I parted from you
And in our next meeting
I hope you’ll prove true (3)
Never change the green laurel
for the red white and blue(4)
I
I once had a sweetheart
but now he is gone
He’s gone and he’s left me
I’m here all alone
And since he has left me
content I must be
I know he loves someone
far better than me
II
I wrote him a letter
so loving and kind
He wrote me another
with sharp bitter lines
Saying, “Keep your love letters
and I will keep mine
And you write to your love
and I’ll write to mine”
III
He passed by my window
both early and late
And the looks that he gave me
would make your heart ache
The looks that he gave me ten thousand would kill
Wherever he wanders
he’ll be my love still
IV
I once was as happy as the red blushing rose(5)
But now I’m as pale as the lily(6) that grows
Like the tree in the garden with its beauty all gone
Can’t you see what I have come to from the loving of one
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
CORO
Verde cresce l’alloro
e soave cade la rugiada,
triste era il mio cuore
nel separarmi da te,
e nel nostro prossimo incontro
spero che tu mantenga le tue promesse (3), non cambiare il verde alloro
per il rosso, bianco e blu (4).
I
Una volta avevo un fidanzato
ma adesso non c’è più,
se n’è andato e mi ha lasciata,
sono qui tutta sola
e da quando mi ha lasciato,
devo accontentarmi
di sapere che lui ama un’altra
molto più di me.
II
Gli ho scritto una lettera
piena d’amore e dolcezze,
lui me ne ha scritta una
con righe dure e brusche
diceva “Tienti le tue lettere d’amore
e io mi terrò le mie,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
III
Passeggiava davanti alla mia finestra
da mane e sera,
e le occhiate che mi lanciava,
erano da spezzare il cuore,
le occhiate che mi lanciava
diecimila volte ucciderebbero,
ma dovunque lui vada sarà
ancora il mio amore.
IV
Una volta ero felice come la rosa rossa in sboccio (5)
ma ora sono pallida come il giglio (6) che germoglia,
come l’albero in giardino con la sua bellezza sfiorita,
non vedi che cosa ho ottenuto nell’amare quell’uomo?

NOTE
4) la frase è da leggersi in chiave politica, un’incitazione a non cambiare la bandiera irlandese (green laurel) per quella inglese.
5) nelle ballate la rosa non è solo “una rosa” ma è il simbolo della passione amorosa; le rose nelle canzoni celtiche sono spesso associate alla sfortuna e stanno a indicare una gravidanza in atto: “cogliere la rosa” è un eufemismo per l’atto sessuale che spesso un tempo aveva tristi conseguenze, ovvero le spine, dovute all’educazione allora più ingenua delle fanciulle, che amaramente scoprivano di aver dato il loro fiore a un uomo non degno della loro fiducia, il quale dopo essersi divertito, le lasciava spesso con una gravidanza inopportuna (perché non ricondotta nell’alveo del matrimonio)! La rosa simboleggiava quindi la perdita della verginità e con essa l’innocenza e la fiducia verso un mondo (maschile) che non è quello che sembra!
6) in questo contesto il pallore del giglio è quello cadaverico della morte

LA VERSIONE DI CARA DILLON

L’ultima versione  è quella di Cara Dillon, privata dalla lettura in chiave politica, lo stesso testo  è altrettanto popolare anche in Scozia.

ASCOLTA Cara Dillon in Cara Dillon 2001, il suo album-debutto: voce esile e angelica, eppure così accattivante.. in pratica il cd è stato registrato nella casa della famiglia Lakeman tra amici e parenti di Cara e Sam (i due si sono sposati nel 2002)


I
Green grows the laurel
and soft falls the dew
Sorry was our love
when parting from you
But at our next meeting
I hope you’ll prove true
And we’ll join the green laurel
and the violet so blue(7)
II
I once had a sweetheart but now I have none
He’s gone and he’s left me to weep and to mourn
He’s gone and he’s left me for others to see I’ll soon find another far better than he
III
He passes my window both early and late
And the looks that he gives me would make my heart break
The looks that he gives me a thousand would kill
Though hates and detests me I love that lad still
IV
I wrote him a letter in red rosy lines
He wrote back an answer all twisted and twined
Saying keep your love letters
and I’ll keep mine
You write to your love
and I’ll write to mine
V
Now often I wonder why maidens love men
And often I wonder why young men love them
But from my own knowledge
I will have you know
The men are deceivers
wherever they go
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Verde cresce l’alloro
e soave cade la rugiada,
ero triste, amore,
nel separarmi da te,
ma nel nostro prossimo incontro
spero che tu mantenga le tue promesse,
e noi uniremo il verde alloro
con la violetta così blu (7)
II
Una volta avevo un fidanzato ma adesso non c’è più,
se n’è andato e mi ha lasciata a piangere e a disperarmi,
se n’è andato e mi ha lasciato per vedere le altre
e presto ne troverò uno migliore di lui.
III
Passeggia davanti alla mia finestra mattina e sera,
e le occhiate che mi lancia, mi spezzano il cuore,
le occhiate che mi lancia diecimila volte ucciderebbero,
sebbene mi odi e detesti, io amo ancora quel ragazzo.
IV
Gli ho scritto una lettera con rosei pensieri, lui mi ha spedito una risposta tutta contorta e ritorta
diceva “Tienti le tue lettere d’amore
e io mi terrò le mie,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
V
Ora spesso mi chiedo perchè le ragazze amino gli uomini
e altrettanto mi chiedo perchè i ragazzi le amino,
ma per mia esperienza
dovrei saperlo
gli uomini sono ingannevoli
ovunque vadano

NOTE
7) nel linguaggio vittoriano dei fiori l’alloro sta per “perfidia” la violetta è sinonimo di fedeltà: così l’uomo inganna l’ingenua fanciulla e la seduce; unire l’alloro alla viola ha un che più sensuale nello stile delle canzoni alla The Gardiner

FONTI
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/R061.html http://www.mustrad.org.uk/reviews/c_hughe2.htm http://www.mustrad.org.uk/reviews/c_hughes.htm
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=872 http://mainlynorfolk.info/sandy.denny/songs/greengrowthelaurels.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=11139 http://sangstories.webs.com/greengrowsthelaurel.htm http://mysongbook.de/msb/songs/g/grngrola.html http://sandydenny.org.uk/introduction/

MOORLOUGH MARY

Guido Bach (1828-1905) Portrait of young peasant girl 1860-1866

La ballata proviene dall’Irlanda del Nord e si ritiene sia stata scritta nel 1876 da James Devine di Loughash (Donemana, Contea di Tyrone). Moorlough in questo contesto non è un cognome ma una località.  E’ la richiesta di matrimonio di un uomo innamorato (un pastorello o un contadinello) respinto dalla ritrosa Mary, così egli si allontana in una valle lontana (forse emigra) affranto dal dolore; il contesto è bucolico e i personaggi coinvolti sono certamente di umile estrazione. Le rive del Moorlough erano tristemente famose nelle ballate per infrangere i cuori! vedi

Il testo con alcune varianti è stato abbinato a molte e diverse melodie, si riportano le due versioni più accreditate dalla tradizione, che i cantanti mescolano a loro discrezione. Non è facile trovare una versione su You Tube, ma queste due sono un classico!

ASCOLTA John Doherty 1965
ASCOLTA Paddy Tunney (strofe I, II V, VI, IX, VIII, VII, X, XI, XII)

VERSIONE TESTO SAM HENRY “SONGS OF THE PEOPLE”, 1928
I
When first I saw you [I met],
sweet Moorlough Mary,
‘twas on the fair day
of sweet Strabane(1),
Your smiling countenance
[Her killing glances]
was so engaging,
the hearts of young men
you did trepann(3).
II
Your killing glances
bereaved my senses
of peace and comfort
by night and day,
In my silent [in smiling] slumber
I start with wonder[and murmur]
och, Moorlough Mary,
will you come away?
III
To see you, darling,
on a summer’s morning
when Flora’s fragrance(4)
bedecks the lawn,
Your neat deportment
and manners courteous,
around you sporting
the lambs and fawn
IV
On you I ponder where’er I wander
and will grow fonder,
sweet maid, of thee,
By thy matchless charms
I am enamoured –
och, Moorlough Mary,
will you come away?
V
Were I a man of great education,(5)
or Erin’s isle at my commands
I’d lay my head on your snowy bosom,
in wedlock’s bands(8),
love, we’d join our hands,
I’d entertain(9) you
both night and morning,
VI
With robes I’d deck you
both night and day,
With jewels rare, love,
I would adorn you (10)
och, Moorlough Mary,
will you come away?
VII
Now I’ll away to my situation,
for recreation is all in vain,
On the river Mourne
I’ll sing your praises
till the rocks re-echo
my plaintive strain.
VIII
[I’ll press my cheese
while my wool it’s a-teasing(11),
my ewes I’ll milk
by the peep o’ day,
When the whirrying moorcock
and lark alarm me –
och, Moorlough Mary,
will you come away?]
IX
On Moorlough banks
I will never wander
where heifers graze
on a pleasant soil,
Where lambkins sporting,
fair maids resorting,
the timorous hare
and blue heather bell.
X(12)
[The thrush and blackbird
all sing harmonious
their notes melodious
on Ruskey braes
And pretty small birds
all join in chorus –
och, Moorlough Mary,
will you come away?]
XI
Farewell, my charming
Moorlough Mary,
ten thousand times
I bid you adieu,
While life remains
in my glowing bosom
I’ll never cease, love,
to think of you.
XII
Now I’ll away to some lonesome valley,
with tears lamenting
both night and day,
To some silent arbour
where none can hear me –
och, Moorlough Mary,
will you come away?

Traduzione italiano di Cattia Salto
I
La prima volta che ti vidi
bella Mary di Moorlough
fu al mercato
della bella Strabane ,
il volto sorridente
[i suoi sguardi assassini]
era(no) così seducente(i),
i cuori dei giovanotti
trapanavi.
II
I suoi sguardi assassini
mi lasciarono privo di sensi,
di pace e conforto
notte e giorno
nel mio dormiveglia
mi sorpresi a dire
” Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
III
Per vederti mia cara
in una mattina d’estate
quando il profumo di Flora
adorna i prati,
con il tuo portamento
e i tuoi modi educati,
intorno a te giocano
gli agnelli e i cerbiatti.
IV
A te sempre penso ovunque io vada,
e di te sarò sempre più innamorato, bella fanciulla, di te
per il tuo fascino ineguagliabile
sono innamorato
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
V
Se fossi un uomo ben nato
o con l’Irlanda al mio comando appoggerei la testa sul suo petto niveo: nel nastro degli sposi,
amore, legherei le nostre mani,
ti farei divertire
dalla sera al mattino
VI
Ti farei vestire con abiti lussuosi
dalla sera al mattino,
di gioielli preziosi
ti ricoprirei
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
VII
Allontanarsi a causa della situazione
e cercare una distrazione è vano,
sul fiume Mourne
canterò le tue lodi
fino a quando le rocce riecheggeranno il mio lamento.
VIII
Metterò sotto pressione il formaggio mentre la lana sarà da dipanare
e le pecore mungerò
allo spuntar del giorno,
fino a quando la pernice
e l’allodola mi allertano,
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
IX
Dalle rive di Moorlough
non potrò mai separarmi,
dove le giovenche fissano lo sguardo su quella terra dilettevole,
dove gli agnellini giocano,
le belle fanciulle rincorrono
la timida lepre
e le campanelle blu dell’erica.
X
Il tordo e il merlo
cantano tutti in armonia
le loro note melodiose
sulle sponde del Ruskey
e gli uccellini
si uniranno in coro
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?”
XI
Addio, mia incantevole
Mary di Moorlough
mille volte
addio,
finchè avrò vita
nel mio petto
non smetterò mai, amore
di pensare a te.
XII
Fuggirò in una valle solitaria
per piangere lacrime
notte e giorno
presso un bosco silenzioso
dove nessuno mi potrà vedere
“Mary di Moorlough,
vieni via con me?” 

NOTE
1) Strabane è una città a Ovest della contea di Tyrone, Irlanda del Nord e si trova sul confine con la Repubblica d’Irlanda, prorpio dall’altra parte del fiume Foyle. La città è stata devastata per tutti gli anni 70 e 80 dal conflitto nordirlandese.
2) one= boy; più comunemente “The hearts of young men”
3) dal francese antico trepan= trapanare. Si riferisce all’operazione chirurgica già praticata nel Medioevo in cui si forava il cranio umano per curare le malattie mentali (la pratica era probabilmente eseguita fin dai tempi preistorici per far uscire gli spiriti maligni)
4) Flora’s fragrance, letteralmente il profumo di Flora= i fiori
5) a man of great education= un uomo della gentry, ben nato che può permettersi un’educazione culturale
6) il fiume Mourne attraversa il centro della città di Strabane e con il Finn formare il Foyle 7) ochane, oh hone, O hoan, O hone, ohon, ochone, och hone, ohone: del gaelico sia irlandese che scozzese esclamazione di lamento. La frase si traduce come: nel sentire l’impetuoso lamento; più comunemente sostituita con “And Erin’s Nation at my own command ”
8) la cerimonia dell’handfasting spunta spesso nelle ballate popolari: di solito i due innamorati si trovano in un bosco e si scambiano le promesse senza testimoni (e poi ovviamente consumano il matrimonio tra le verdi frasche o la ginestra in fiore). Ovviamente dell’antico rituale celtico nulla possiamo conoscere, e l’handfasting (il legame delle mani) è di origine medievale: i polsi degli sposi vengono legati insieme con un lungo nastro (o l’intreccio di due nastri a simboleggiare rispettivamente il principio maschile e quello femminile o a riprendere i colori del clan di appartenenza). Il matrimonio nella sua essenza è suggellato da una stretta di mano ed è un unione consensuale tra due adulti, senza bisogno di sacerdote, notaio o testimoni e nemmeno del consenso delle famiglie. (continua)
9) nel senso di consumazione dell’atto sessuale
10) Tunney dice “With kisses sweet I would embrace you”
11) il lavoro di cardatura della lana è propriamente femminile per questo ritengo che la frese sia pronunciata dalla donna piuttosto che dall’uomo come risposta e motivazione del rifiuto
12)  Tunney dice
“Where the thrush and blackbird do join harmonious
Their notes melodious on the river brae.
And the little songbirds do join in chorous
Oh! Moorlough Mary, won’t you come away.”

LA VERSIONE SCOZZESE: Moorlough Maggie

Non è corretto correlare le due canzoni tra di loro, gli studiosi ritengono che quella scozzese sia più probabilmente la ripetizione di un frammento preso da chissà quale ballata. Sam Lee l’ha imparata dal suo mentore Stanley Robertson.
ASCOLTA Sam Lee live al GlobalFEST live Sam


I
And do ye see love,
yon flock o sheep
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
(Chorus)
To give consent love I dare not give
To herd yer sheep high
in yon heathery hills
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
II
And do ye see love
yon herd o kye
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
III
And do ye see love
yon ships at sea
One hundred must I own
but two or three
I’ll grant them all to
my Moorlough Maggie
if she consents for to gang wi me
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Vedi amore?
Un centinaio di pecore del gregge
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi
(coro)
Al consenso amore non oso sperare
e allevare le tue pecore sugli alti pascoli delle colline  d’erica
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi

II
Vedi amore?
Un centinaio di mucche del bestiame
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi
III
Vedi amore?
Un centinaio di navi del mare
dovrei avere
invece di due o tre
Le darò tutte
alla mia Maggy di Moorlough
se acconsentirà di sposarmi

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico-storia.htm
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/moorloughmary.html http://comhaltasarchive.ie/compositions/10
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=101556

CRAIGIE HILL, IRISH SONG OF EMIGRATION

Emigrants_leave_Ireland“Craigie Hill” è una canzone tradizionale irlandese collezionata dalla madre di Paddy Tunney il quale riteneva che la canzone fosse originaria di Larne, Contea di Antrim, il porto da cui partivano gli emigranti nord-irlandesi. Come è scritto su Wikipedia (qui) “Un monumento di Curran Park commemora i Friends Goodwill, la prima nave di emigranti a salpare da Larne nel maggio 1717, per raggiungere Boston negli Stati Uniti. Le radici irlandesi di Boston derivano infatti da Larne. Anche Larne è stata investita dalla grande carestia irlandese della metà dell’Ottocento.” Ma per dirla come Paddy stesso “every Irish port had an emigrant ship” (vedi emigration songs)

ASCOLTA Dick Gaughan 1981
ASCOLTA Dolores Keane 1982
ASCOLTA Susan McKeown 1998
ASCOLTA Cara Dillon in Cara Dillon 2003

ASCOLTA Caladh Nua in Happy Days 2009


I
It being the spring time,
and the small birds were singing,
Down by yon shady arbour
I carelessly did stray;
The thrushes they were warbling,
The violets they were charming:
To view fond lovers talking,
a while I did delay.
II
She said, “My dear don’t leave me all for another season,
Though fortune does be pleasing
I ‘ll go along with you.
I ‘ll forsake friends and relations and bid this holy nation,
And to the bonny Bann banks(1) forever I ‘ll bid adieu.”
III
He said, “My dear, don’t grieve or yet annoy my patience.
You know I love you dearly the more I’m going away,
I’m going to a foreign nation to purchase a plantation,
To comfort(2) us hereafter all in Amerikay.
IV
Then after a short while a fortune does be pleasing,
It’ll cause them for smile at our late going away,
We’ll be happy as Queen Victoria, all in her greatest glory,
We’ll be drinking wine and porter all in Amerikay.
V
The landlords(3) and their agents, their bailiffs and their beagles
The land of our forefathers we’re forced for to give o’er
And we’re sailing on the ocean for honor and promotion
And we’re parting with our sweethearts, it’s them we do adore
VI
If you were in your bed lying and thinking on dying,
The sight of the lovely Bann banks, your sorrow you’d give o’er,
Or if were down one hour, down in the shady bower,
Pleasure would surround you, you’d think on death no more.
VII
Then fare you well, sweet Cragie Hill(4), where often times I’ve roved,
I never thought my childhood days I ‘d part you ever more,
Now we’re sailing on the ocean for honour and promotion,
And the bonny boats are sailing, way down by Doorin shore(5).”
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Era primavera
e gli uccellini cantavano,
per quell’ombreggiato boschetto sbadatamente camminavo;
i tordi gorgheggiavano e le violette erano incantevoli; a guardare gli amanti appassionati che chiacchieravano mi sono un po’ attardato.
II
Disse lei “Non lasciarmi tutta sola
per un’altra stagione,
se la fortuna ci arriderà,
io verrò via con te.
Abbandonerò amici e parenti e a questa santa nazione
e alle belle rive del Bann (1)
per sempre dirò addio.”
III
Disse lui “Non rattristare e mettere alla prova la mia pazienza,
lo sai che ti amo teneramente anche se sto andando via,
andrò in una nazione straniera per acquistare una piantagione
per dare conforto (2) a tutti noi d’ora in poi in America.
IV
Dopo un po’ la fortuna
ci arriderà
e loro saranno contenti della nostra partenza;
saremo felici come la Regina Vittoria in pompa magna,
berremo vino e porter
in America.
V
Ai proprietari terrieri (3) e i loro agenti, gli ufficiali giudiziari con i loro cani,
la terra dei nostri padri siamo stati costretti a cedere
e solcheremo l’oceano per l’onore e la carriera
e ci separeremo dalle nostre fidanzate,
le sole e uniche che amiamo.”
VI
“Se tu fossi steso nel letto in procinto di morire
la vista delle belle rive del Bann ti avrebbero allevato il dolore,
o se andassi per un ora fino al pergolato ombroso,
il piacere ti circonderebbe e non penseresti più alla morte.”
VII
“Addio amata Craigie Hill (4) dove spesso sono andato in giro,
mai pensavo nei giorni della mia fanciullezza che ti avrei lasciato,
ora stiamo navigando sul mare per l’onore e la carriera
e le belle navi navigano via dalla spiaggia di Doorin (5)”

NOTE
1) The Banks Of The Bann è il titolo di un’altra canzone irlandese sulla separazione. il fiume Bann scorre nel Nord-Est dell’Irlanda ed è il fiume che ha portato lo sviluppo economico nell’Ulster con l’industria del lino. Il fiume fa un po’ da spartiacque tra cattolici e repubblicani a ovest e protestanti e unionisti a est.
2) se ho capito il senso della frase
3) Ai primi del XVII secolo inglesi e scozzesi andarono alla “conquista” dell’Irlanda: la terra fu per lo più confiscata agli irlandesi e la parte cattolica degli Irlandesi venne emarginata; la maggioranza queste “colonie” si concentrò nella parte nord dell’Irlanda
4) Craggy è la roccia scoscesa a più livelli, Craige o Craig si dice anche per il sito di una fortezza preistorica, in inglese “hillfort” o “ring-fort”, in italiano “forte ad anello” ovvero fortificazioni a forma circolare risalenti all’età del ferro (o secondo le ultime datazioni, all’età del primo Medioevo). Le fortezze sono state assorbire dalla campagna ma la memoria storica è rimasta nella credenza che il luogo fosse la dimora delle fate.
5) Doorin Point e un promontorio su Inver Bay, vicino a Mountcharles, nel Donegal

FONTI
http://comhaltasarchive.ie/compositions/5
https://thesession.org/discussions/23580
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=155019 http://songoftheisles.com/2013/04/29/craigie-hills/ http://filstoria.hypotheses.org/tag/irlanda-del-nord