Terre Celtiche Blog

Amore inevitabile

[Nigra 59]

Amore inevitabile è il titolo dato da Costantino Nigra ad una ballata piemontese raccolta nella sua antologia “I canti popolari del Piemonte” (1888). Il testo è la versione italiana di una nota ballata scozzese “The Two magician”  classificata dal professor Francis James Child nella sua opera The English and Scottish Popular Ballads come Child #44 sul tema delle trasformazioni/metamorfosi. Parallelo evidenziato dal Nigra stesso nelle sue note con alcune osservazioni “Nella prefazione alla romanza Scozzese « The twa magicians » Child connette la canzone Franco-provenzale, la Catalana e i canti simili Italiani, Rumeni, Ladini, Greci, Moravi, Polacchi, Serbi colla detta romanza, e fa procedere tanto gli uni quanto l’altra dai racconti popolari orali che hanno per base o per tratti principali le trasformazioni per arte magica, nello scopo d’evitare o di favorire la cattura d’una persona per parte d’un’altra. Non m’attento d’esprimere un’opinione a questo riguardo. Gli strambotti italiani s’accostano in apparenza più ad Anacreonte che alle fiabe di Gonzenbach e dei Grimm. E quanto alla redazione della canzone Piemontese, basterà l’aver accennato che essa deriva probabilmente dalla Provenza, come pare dimostrato dall’identità non solo del contenuto ma della forma metrica nelle lezioni dei due paesi.”

Il parallelo testuale con la ballata scozzese è molto puntuale tranne che l’omissione della parte introduttiva in cui si presentano i due personaggi della ballata, la dama all’uscio di casa e il fabbro gagliardo che le ronza intorno per carpirne la verginità: la trasformazione in colomba e piccione (o come nella versione piemontese cacciatore), l’anatra e il cane da caccia (o l’anguilla e il pescatore della versione piemontese), la rosa selvatica e il bombo (o l’usignolo), la monaca e il fraticello e in ultimo l’immagine del cadavere (lei) e della tomba (lui).

Trascrizione piemontese di Costantino Nigra
“Coza farì, la bela, për da l’amur scapè? “
— Voi far-mi columbeta për drint ai bosc vulè.
” Se vui sei columbeta për drint ai bosc vulè ,
Mi m’ fasso cassadure për podei-ve piè .”
— Se vui sei cassadure për podei-me piè,
Voi far-mi n’anguileta për drint al mar navè.
“Se vui sei n’anguileta për drint al mar navè,
Mi m’ fasso pëscadure për podéi-ve pëschè.”
— Se vui sei pëscadure për podéi-me pëschè ,
Voi far-mi rozaspina pr’ ascund-me ant ël rozè.

” Se vui sei rozaspina pr’ ascund-ve ant ël rozè,
Mi m’ fass rozignolino, vi savrai bin trovè!
— Se sei rozignolino për savéi-me trovè, .
Voi far-mi monigheta pr’ ël monasteri antrè.
“Se vui sei monigheta pr’ ël monasteri antrè,
Mi m’ fasso fratolino pr’ andè-ve confessè.”
— Se vui sei fratolino pr’ andè-me confessè,
Voi far-mi moribunda pr’ ël simiteri andè.
“Se vui sei moribunda pr’ ël simiteri andè,
E mi m’ farù la tumba për podéi-ve ambrassè (1).”

NOTE
(1) la versione scozzese recita:
She became a corpse,
a corpse all in the ground
And he became the cold clay
and smothered her all around

[Lei diventò un cadavere,
steso sul terreno
e lui diventò fredda terra
e l’avvolse tutta]


La Lionetta in Ballate 1978-1996 (musica composta da
Maurizio Bertani)

traduzione italiana Costantino Nigra
“Cosa farete, la bella, per fuggir dall’amore? “
— Voglio farmi colombella per volar dentro ai boschi. — “Se voi siete colombella per volar dentro i boschi, io mi fo cacciatore per potervi pigliare.”
— Se voi siete, ecc., voglio farmi anguilletta per nuotar dentro al mare. —
“io mi faccio pescatore per potervi pescare.”
— Voglio farmi rosaspina per nascondermi nel rosaio.

“Io mi faccio usignolino vi saprò ben trovare.”
— Voglio farmi monachella per entrare in monastero. “Io mi faccio fratolino, per andare a confessarvi. “
— Voglio farmi moribonda per andare al cimitero.
“E io mi farò tomba per potervi abbracciare.”

Similmente nel versante italiano una canzone popolare lombarda “Se tu ti formi pesie” recita
Se tu ti formi pesce e nel lago te ne vai
ed io da pescatore io ti vengo ad a pescar.

tema ritrovato anche in Emilia Romagna con il titolo “Dimmi Rosetta che fai” ( Dimmi Rosetta che fai pe’ nun sposare a me. Io mi farò da rosa e nel giardino andrò. Se tu da rosa te fai e nel giardino andrai,
me faccio giardiniere, te vengo a coltiva’.
)

Così le versioni provenzali da cui Frédéric Mistral scrisse la sua “O Magali”

O Magali ma tant amado
Mete la tèsto au fenestroun!
Escouto un pau aquesto aubado
De tambourin e de vióuloun.
Es plen d’estello, aperamount!
L’auro es toumbado,
Mai lis estello paliran,
Quand te veiran!
-Pas mai que dóu murmur di broundo,
De toun aubado iéu fau cas!
Mai iéu m’en vau dins la mar bloundo
Me faire anguielo de roucas.
– O Magali! se tu te fas
Lou pèis de l’oundo,
Iéu, lou pescaire me farai,
Te pescarai!
 Oh! mai, se tu te fas pescaire,
Ti vertoulet quand jitaras,
Iéu me farai l’aucèu voulaire,
M’envoularai dins li campas.
– O Magali, se tu te fas
L’aucèu de l’aire,
Iéu lou cassaire me farai,
Te cassarai.
I perdigau, i bouscarido
Se vènes, tu, cala ti las,
Iéu me farai l’erbo flourido
E m’escoundrai dins li pradas.
– O Magali, se tu te fas
La margarido,
Iéu l’aigo lindo me farai
T’arrousarai.
– Se tu te fas l’eigueto lindo
Iéu me farai lou nivoulas
E lèu m’enanarai ansindo
A l’Americo, perabas!
– O Magali, se tu t’envas
Alin in Indo,
L’auro de mar iéu me farai,
Te pourtarai!
– Se tu te fas la marinado,
Iéu fugirai d’un autre las:
Iéu me farai l’escandihado
Dóu grand soulèu que found lou glas!
– O Magali, se tu te fas
La souleiado,
Lou verd limbert iéu me farai,
E te béurai !
– Se tu te rèndes l’alabreno
Que se rescound dins lou bartas,
Iéu me rendrai la luno pleno
Que dins la niue fai lume i masc!
– O Magali, se tu te fas
Luno sereno,
Iéu bello nèblo me farai,
T’acatarai.
– Mai se la nèblo m’enmantello
Tu, pèr acò, noun me tendras ;
Iéu, bello roso vierginello,
M’espandirai dins l’espinas!
 O Magali, se tu te fas
La roso bello,
Lou parpaioun iéu me farai,
Te beisarai.
 Vai, calignaire, courre, courre!
Jamai, jamai m’agantaras.
Iéu, de la rusco d’un grand roure
Me vestirai dins lou bouscas.
– O Magali, se tu te fas
L’aubre di moure,
Iéu lou clot d’èurre me farai
T’embrassarai!
– Se me vos prene à la brasseto,
Rèn qu’un vièi chaine arraparas…
Iéu me farai blanco moungeto
Dóu mounastié dóu grans Sant Blas!
– O Magali, se tu te fas
Mounjo blanqueto,
Iéu, capelan, counfessarai,
E t’ausirai!
 Se dóu couvènt passes li porto,
Tóuti li mounjo trouvaras
Qu’à moun entour saran pèr orto,
Car en susàri me veiras!
– O Magali, se tu te fas
La pauro morto,
Adounc la terro me farai
Aqui t’aurai!
– Aro coumence enfin de crèire
Que noun me parles en risènt :
Vaqui moun aneloun de vèire
Pèr souvenènço, o bèu jouvènt!
– O Magali me fas de bèn! …
Mai, tre te veire,
Ve lis estello, o Magali,
Coume an pali!

Sonia Malkine 1966
Guy Bonnet &Elodie Minard: musica di Guy Bonnet

traduzione italiana Giosuè Carducci

O Magali, mia tanto amata, metti la testa alla finestra, ascolta un po’ quest’albada di tamburini e violini. È pieno di stelle lassù, il vento è caduto: ma le stelle impallidiranno, quando ti vedranno.
-Non più che del mormorare delle frasche, della tua albada io fo caso. Ma io me ne vo nel mar biondo a farmi anguilla di rocca.
-O Magali, se tu ti fai il pesce dell’onda, io il pescatore mi farò, ti pescherò.
-Oh, ma se tu ti fai pescatore, quando le tue nasse getterai, io mi farò l’uccello volatore, volerò nelle lande.
-O Magali, se tu ti fai l’uccel dell’aria, io il cacciatore mi farò, ti caccerò.
-Alle pernici, agli uccellini [di becco fine] se vieni tu a tendere i lacci, io mi farò l’erba fiorita e mi nasconderò nelle praterie.
-O Magali, se tu ti fai la margherita, io mi farò l’acqua limpida, t’annaffierò.
-Se tu ti fai l’acquetta limpida, io mi farò il nuvolone, e me n’andrò ratto in America, laggiù [non mi raggiungerai] mai.
-O Magali, se tu te ne vai lungi in America, il vento del mare io mi farò, [là] ti porterò.
-Se tu ti fai vento marino, io fuggirò d’un altro lato, io mi farò un incandescente sbattimento di sole, che fonde il ghiaccio.
-O Magali, se tu ti fai raggio di sole, la verde lucertola io mi farò, e ti beverò.
-Se tu ti rendi la salamandra che si nasconde nella macchia, io mi renderò la luna piena che nella notte fa lume alle streghe.
-O Magali, se tu ti fai luna serena, io bella nebbia mi farò, t’avvolgerò.
-Ma se la nebbia m’avvolgerà, non tu per ciò mi terrai: io bella rosa verginella sboccerò nel cespuglio.
-O Magali, se tu ti fai la rosa bella, la farfalla io mi farò, ti bacerò!
-Va’, seguitante, corri, corri. Giammai giammai mi agguanterai. Io della corteccia d’una gran quercia io mi vestirò nella foresta nera.
-O Maddalena, se tu ti fai l’albero dei tristi, io mi farò la rama dell’ellera, t’abbraccerò.“

https://www.piemunteis.it/wp-content/uploads/59.-Amore-inevitabile.pdf
https://www.mamalisa.com/?t=es&p=4178

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.