Crea sito
Terre Celtiche Blog

Child Maurice/Gil Morrice/Bill Norrie

Child Maurice è una ballata scozzese tradizionale (Child ballad # 83) che conobbe una grande diffusione grazie a un “foglio volante” stampato a Glasgow nel 1755. Il marito geloso uccide il giovane Maurice nella foresta, lo decapita e porta la testa alla moglie. Per scoprire solo alla fine, che l’amore tra i due era quello tra madre e figlio!! Il marito si pente ed è adirato con la moglie che glielo ha tenuto nascosto.

La versione più antica di Childe Maurice pervenne in modo ignoto al Percy, che la inserì nelle sue Reliques; il testo è mutilo in alcune parti e dovrebbe risalire alla prima metà del XVII secolo. Childe Maurice è fondamentalmente una green forest ballad, che sembra avere origine in una tradizione ancora fiorente nella prima metà del seicento ed ancora flebilmente viva agli inizi del XIX secolo (ma probabilmente per tramite di una broadside del 1755 contenente una versione della ballata).
La ballata deve comunque aver goduto di un momento di grande popolarità: ne è testimonianza anche il fatto che il letterato e uomo politico scozzese John Home ne abbia tratto il suo capolavoro, la tragedia Douglas (ambientata nello Stirlingshire e rappresentata per la prima volta a Edimburgo nel 1756). La tragedia ebbe un tale successo, che gli scozzesi (ma solo loro) la considerano superiore a qualsiasi cosa scritta da Shakespeare.
In effetti, la trama di Childe Maurice è di andamento veramente classico, anche nell’ordine degli eventi: il grande poeta Gray la considerava “un dramma completo, nel quale si osservano le migliori regole di Aristotele”. La ballata è praticamente scomparsa dalla tradizione viva, anche se fino a non molto tempo fa sopravvivevano qua e là delle varianti molto corrotte (usualmente con il titolo di Gil Morrice o Bob Norice). (Riccardo Venturi in Fatti e Fattacci )

Della Tragedia Douglas possiamo leggere una traduzione di Gaetano Marré pubblicata con testo originale in raffronto (Genova, 1822) ora disponibile nell’archivio digitale con il titolo “Douglas tragedia di Home tradotta da Gaetano Marré“.

Child Maurice: Gil Morrice, il ruolo del Paggio

Child Maurice

In questa versione di Child Maurice, molto simile alla broadside ballad di metà settecento, un grosso ruolo è affidato al giovane paggio che oltre a essere timoroso è anche un po’ tonto.
Il paggetto accampa scuse e pretesti e cerca di dissuadere il nostro Maurice/Morrice; infine desiste, davanti all’ultima minaccia delle percosse e si decide a partire alla volta del castello di Lord Barnard. Il suo compito è quello di portare dei doni alla dama e di avvisarla di essere attesa nella foresta.
Quando arriva a castello il paggio combina un bel pasticcio: invece di prendere la dama in disparte e consegnarle i doni di Child Maurice/Gil Morrice spiattella davanti a tutta la corte la sua missione segreta.
Lady Barnard cerca di rimediare alla gaffè affermando che i doni sono per la sua damigella di camera. Anche la balia interviene per proteggere la sua signora e ringrazia il messaggero. Ma il paggio, non capisce, è proprio tonto, imperterrito continua “i doni e l’invito sono per Lady Barnard

Ewan MacColl in The English and Scottish Popular Ballads (The Child Ballads) Volume III 1956 e in The Long Harvest – Vol​.​11 (Ballads resident and migrant) 2019
La versione cantata da MacColl fu appresa da Greig e Keith da una versione del 1850 che ripeteva quasi integralmente la versione del broadside del 1755
Gil Morrice- Version F; Child 83 Child Maurice
a. Percy’s Reliques, III, 93, 1765.
b. Letter of T. Gray to Mason, June, 1757 (?): Gray’s Works, ed. Gosse, II, 316.

Siccome Ewan MacColl canta tutta la ballata senza interruzioni ho preferito suddividere il testo secondo i dialoghi, senza tenere conto delle quartine

Gil Morrice was an erles son,
His name it waxed wide;
It was nae for his great riches,
Nor for his mickle pride,
His face was fair, lang was his hair,
In the wild wood whaur he stayed
Bot it was for a lady gay,
That livd on Carron side.
GIL MORRICE
‘Whair sall I get a bonny boy,
That will win hose and shoen,
That will gae to Lord Barnard’s ha,
And bid his lady cum?
And ye maun rin errand, Willie,
And ye may rin wi pride;
When other boys gae on their foot,
On horseback ye sall ride.”
WILLY the page
‘O no! Oh no! my master dear,
I dare nae for my life;
I’ll no gae to the bauld baron’s,
For to triest furth his wife.’
– GIL MORRICE
‘My bird Willie, my boy Willie,
My dear Willie,’ he sayd,
‘How can ye strive against the stream?
For I sall be obeyd.’
WILLY
‘Bot, O my master dear,’ he cry’d,
‘In grene-wod ye’re your lain;
Gi(n) owre sic thochts, I walde ye rede,
For fear ye should be tain.’
– GIL MORRICE
‘Haste, haste, I say, gae to the ha,
Bid hir cum here wi speid;
If ye refuse my heigh command,
I’ll gar your body bleid.
Gae bid hir take this gay mantel,
‘Tis a’ gowd but the hem;
Bid hir cum to the gude grene-wode,
And bring nane bot hir lain.
And there it is, a silken sarke,
Hir ain hand sewd the sleive;
And bid her cum to Gill Morice,
Speir nae bauld baron’s leave.’
WILLY
‘The baron he’s a man of might,
He neir could bide to taunt;
As ye will see, before it’s nicht,
How sma ye hae to vaunt.
And sen I maun your errand rin,
Sae sair against my will,
I’se mak a vow, and keip it trow,
It sall be done for ill.’

And when he came to broken brigue,
He bent his bow and swam;
And when [he] came to grass growing,
Set down his feet and ran.
And when he came to Lord Barnard’s ha,
Would neither chap nor ca,
Bot set his bent bow to his breist,
And lichtly lap the wa.
He wauld nae tell the man his errand,
Though he stude at the gait;
Bot straiht into the ha he cam,
Whair they were set at meit.
WILLY
‘Hail! hail! my gentle sire and dame,
My message winna waite;
Dame, ye maun to the gude grene-wod,
Before that it be late.
‘Ye’re bidden tak this gay mantel,
‘Tis a’ gowd bot the hem;
You maun gae to the gude grene-wode,
Evn by your sel alane.
And there it is, a silken sarke,
Your ain hand sewd the sleive;
Ye maun gae speik to Gill Morice,
Speir nae bauld baron’s leave.’

The lady stamped wi hir foot,
And winked wi hir ee;
But a’ that she coud say or do,
Forbidden he wad nae bee.


LADY BARNARD
‘It’s surely to my bowr-woman;
It neir could be to me’

Then up and spack the wylie nurse,
The bairn upon hir knee:
THE NURSE
‘If it be cum frae Gill Morice,
It’s deir welcum to mee.’
WILLY
‘Ye leid, ye leid, ye filthy nurse,
Sae loud’s I heire ye lee;
I brocht it to Lord Barnard’s lady;
I trow ye be nae shee.’

Then up and spack the bauld baron,
An angry man was hee;
He’s tain the table wi his foot,
Sae has he wi his knee,
Till siller cup and ezar dish
In flinders he gard flee.
LORD BARNARD
‘Gae bring a robe of your cliding,
That hings upon the pin,
And I’ll gae to the gude grene-wode,
And speik wi your lemman.’
LADY BARNARD
‘O bide at hame, now, Lord Barnard,
I warde ye bide at hame;
Neir wyte a man for violence
That neir wate ye wi nane.’

Gil Morice sate in gude grene-wode,
He whistled and he sang:
-GIL MORICE
‘O what mean a’ the folk coming?
My mother tarries lang.’

The baron came to the grene-wode,
Wi mickle dule and care,
And there he first spied Gill Morice,
Kameing his yellow hair.
LORD BARNARD
‘Nae wonder, nae wonder, Gill Morice,
My lady loed thee weel;
The fairest part of my body
Is blacker than thy heel.
Yet neir the less now, Gill Morice,
For a’ thy great bewty,
Ye’s rew the day ye eir was born;
That head sall gae wi me.’

Now he has drawn his trusty brand,
And slaited on the strae,
And thro Gill Morice fair body
He’s gard cauld iron gae.
And he has tain Gill Morice head,
And set it on a speir;
The meanest man in a’ his train
Has gotten that head to bear.
And he has tain Gill Morice up,
Laid him across his steid,
And brocht him to his painted bowr,
And laid him on a bed.

The lady sat on castil-wa,
Beheld baith dale and doun,
And there she saw Gill Morice head
Cum trailing to the toun.
LADY BARNARD
‘Far better I loe that bluidy head,
Bot and that yellow hair,
Than Lord Barnard, and a’ his lands,
As they lig here and thair.’

And she has tain hir Gill Morice,
And kissd baith mouth and chin
LADY BARNARD
‘I was once as fow of Gill Morice
As the hip is o the stean.
‘I got ye in my father’s house,
Wi mickle sin and shame;
I brocht thee up in gude green-wode,
Under the heavy rain.
‘Oft have I by thy cradle sitten,
And fondly seen thee sleip;
Bot now I gae about thy grave,
The saut tears for to weip.’

And syne she kissd his bluidy cheik,
And syne his bluidy chin
LADY BARNARD
‘O better I loe my Gill Morice
Than a’ my kith and kin!’
LORD BARNARD
‘Away, away, ye ill woman,
And an il deith mait ye dee!
Gin I had kend he’d bin your son,
He’d neir bin slain for mee.’
LADY BARNARD
‘O braid me not, my Lord Barnard,
 O braid me not for shame!
With that saim speir O pierce my heart,
And put me out o pain.
‘Since nothing bot Gill Morice head
Thy jelous rage could quell,
Let that saim hand now tak hir (11) life
That neir to thee did ill.”

LORD BARNARD
“Enouch of blood by me ‘s bin spilt,
Seek not your death frae mee;
I rather lourd it had been my sel
Than eather him or thee.
With waefo wae I hear your plaint;
 Sair, sair I rew the deid,
That eir this cursed hand of mine
 Had gard his body bleid.
Dry up your tears, my winsom dame,
Ye neir can heal the wound;
Ye see his head upon the speir,
 His heart’s blude on the ground.
I curse the hand that did the deid,
 The heart that thocht the ill,
The feet that bore me wi sik speid
The comely youth to kill.
‘I’ll ay lament for Gill Morice,
As gin he were my ain;
I’ll neir forget the dreiry day
On which the youth was slain.’

Gil Morrice era il figlio di un conte
il suo nome si espandeva nelle vicinanze,
non per la sua ricchezza
e nemmeno per la sua gran fierezza,
per il suo bel faccino, e lunghi capelli,
– nella foresta dove stava –
ma era per la bella dama
che viveva sulle rive del Carron
GIL MORRICE
Dove trovo un paggetto
che s’infili calze e scarpe
per andare al castello di Lord Barnard
e chiedere alla sua signora di venire?
E dovrai sbrigare una commissione Willy
e dovrai correre con vanto;
quando gli altri paggi corrono a piedi
tu correrai in sella al cavallo

WILLY il paggio
Oh no, oh no! caro padrone
temo per la mia vita;
non andò dal prode barone
per dare convegno alla moglie

GIL MORRICE
Mio uccellino Willy, mio paggetto;
mio caro Willy -disse lui-
Come puoi combattere contro la corrente?
Perciò mi obbedirai

WILLY
O mio caro padrone -disse lui-
nella foresta dove state
???
per paura che voi siate preso”

GIL MORRICE
Sbrigati, sbrigati, ti dico di andare al castello
pregala di venire qui in fretta;
se non obbedisci al mio ordine
ti picchierò a sangue.
Vai e pregala di prendere questo bel mantello
con il bordo tutto dorato;
dille di venire nella bella foresta
e di venire da sola.
Ed ecco una camicia di seta,
di sua mano ha cucito la manica,
e pregala di venire da Gill Morice
senza chiedere il permesso al prode barone”

WILLY
Il barone è un grand’uomo
non dovreste osare sfidarlo,
come vedrete prima di stanotte
quanto poco abbiate da vantarvi.
E poichè devo adempiere al vostro incarico
con dispiacere contro la mia volontà,
ho fatto un voto e lo manterrò,
ma si metterà male.


E quando venne al ponte interrotto
Scoccò l’arco (1) e nuotò
e quando venne sulla sponda erbosa
si mise in piedi e corse. (2)
E quando arrivò al castello di Lord Barnard
Non stette a bussare o a chiamare,
Ma si mise l’arco a tracolla sul petto
E scavalcò il muro con agilità.
Non voleva dire alla guardia la sua commissione,
poichè stava al cancello,
ma corse dritto nella sala
dove erano seduti a desinare.
WILLY
Salve! Salve mio nobile signore e sua signora
il mio messaggio non può aspettare:
Madama, dovete andare alla foresta
prima che sia troppo tardi.
Siete pregata di prendere questo mantello
con il bordo tutto dorato;
dovete andare nella bella foresta
e andare da sola.
Ed ecco una camicia di seta
la vostra mano ha cucito la manica,
dovete andare a parlare con Gill Morice
senza chiedere il permesso al prode barone


La dama battè il piede
e strizzò l’occhio
ma ciò che poteva dire o fare
le era impedito


LADY BARNARD
[Il messaggio] E’ di certo per la mia cameriera
non può essere per me


Allora parlò la bella balia
con il bambino sulle ginocchia:
LA BALIA
Se questo viene da Gill Morice,
È una cara notizia per me.

WILLY
Voi mentite, mentite balia
così forte vi sento mentire
l’ho portato per la signora di Lord Barnard
e non credo che voi siate lei


Allora parlò il prode barone,
Ed era un uomo arrabbiato;
che prese a calci il tavolo
e a ginocchiate
finchè la coppa d’argento e il piatto in legno d’acero
in mille pezzi li ridusse.
LORD BARNARD
Andate a prendermi un vestito dal vostro armadio (3)
che è appeso al gancio
e io andrò nella foresta
a parlare con il vostro amante

LADY BARNARD
Oh vi prego di restare a casa Lord Barnard
Vorrei che rimaneste a casa;
Mai accusare un uomo per la violenza
???


Gil Morice stava nella bella foresta
fischiettava e canticchiava
GIL MORICE
Oh, cosa significa l’arrivo di tutta questa gente (4)?
Mia madre (5) tarda un po
‘.

Il barone venne nella foresta
con molta apprensione
e dapprima osservò Gill Morice
pettinarsi i suoi biondi capelli. (6)
LORD BARNARD
Nessuna meraviglia, nessuna meraviglia, Gill Morice,
che la mia signora ti ami tanto
la parte più bianca del mio corpo
È più nera del tuo tallone.
Ciò non di meno Gill Morice
per tutta la tua grande bellezza,
ti pentirai del giorno in cui sei nato
quella testa verrà con me


Allora ha sfoderato la sua spada fidata
??? (7)
e sul bel corpo di Gill Morice
ha fatto andare il freddo ferro.
E ha sollevato la testa di Gill Morice
e infilzata su una lancia
l’uomo più meschino della sua compagnia
ottenne quella testa da portare.
[Il Lord] ha sollevato Gill Morice
e lo ha caricato sul suo destriero
e l’ha portato nella stanza dipinta (8)
e lo ha messo sul letto.

La dama stava sulle mura del castello
e guardava su e giù
e là vide la testa di Gil Morice
che veniva in città.
LADY BARNARD
Molto più amo quella testa insanguinata
e anche quei biondi capelli
che Lord Barnard e tutte le sue terre
che si distendono a perdita d’occhio


E ha sollevato Gill Morice
e baciato la bocca e la guancia
LADY BARNARD
Una volta ero gravida di Gil Morice
come la bacca porta il seme (9)
ti partorii nella casa di mio padre
nel peccato e somma vergogna;
e ti crebbi nella bella foresta
sotto la forte pioggia.
Spesso ti ho cullato
E ti ho guardato dormire con affetto.
Ma ora andrò sulla tua tomba,
a piangere lacrime amare


E intanto baciava la sua guancia insanguinata
e intano baciava il suo mento (10)
LADY BARNARD
Amo di più il mio Gill Morice
che tutti i miei amici e parenti

LORD BARNARD
Via, via, voi donna insana
che siate maledetta!
Se avessi saputo che era vostro figlio
non lo avrei mai ucciso

LADY BARNARD
O non biasimatemi, mio Lord Barnard
O non biasimatemi per l’onta!
Con la stessa spada trafiggetemi il cuore
e toglietemi da questo dolore.
Poichè solo la testa di Gill Morice
il vostro impeto di gelosia poteva sedare.
Quella stessa mano ora le prenda la vita
che mai vi fece torto.


LORD BARNARD
Ho versato già abbastanza sangue
non cercate la vostra morte da me;
avrei preferito che accadesse a me stesso
piuttosto che a lui o a voi.
???
???
???
???
Asciugate le lacrime, mia bella signora,
mai guarirà la ferita;
Vedete la sua testa sulla picca,
Il sangue del suo cuore sul terreno.
Maledico la mano che ha ucciso,
il cuore toccato dal male,
i piedi che lesti mi portarono
a uccidere il bel giovane.
Piangerò, si, per Gill Morice,
come se fosse figlio mio
Non dimenticherò mai il maledetto giorno
in cui il giovane è stato ucciso.

NOTE
Non è stato semplice tradurre il testo anche perchè ci sono molti versi fluttuanti che non sempre s’incastrano nella dinamica della storia. Alcune frasi mancano perchè Ewan MacColl ha operato una collazione dal Percy e al momento non ho trovato il testo originario del broadside settecentesco da raffrontare. Di alcuni versi mi sfugge il senso della traduzione e li lascio al momento con ???
1) scrive in merito Riccardo Venturi in una delle sue illuminanti note: Il ragazzo che porta il messaggio non poteva non avere con sé il suo arco: con l’arco, si faceva tutto. Ma perché, qui, “piega l’arco”? L’arco lo si piega per scoccare un colpo. Ho sempre inteso questa cosa con un comune stratagemma per passare un fiume a nuoto: si tira un colpo con l’arco colpendo, tipo, un albero, con una corda legata alla freccia in modo da poter guadare il fiume in sicurezza e non essere portato via dalla corrente.
2) e qui ci si dimentica del cavallo affidato al paggio perchè andasse a gran velocità al castello della dama!
3) lo stratagemma adottato dal barone per avvicinarsi all’amante senza metterlo in allarme è di travestirsi con gli abiti della sua signora. L’immagine che balza agli occhi non è priva di una certa comicità!
4) il lord si è travestito e ha portato con sè, per buona misura alcuni suoi uomini
5) lo svelamento al pubblico dell’equivoco già in questo punto, rende ancora più drammatico lo svolgersi delle scene finali
6) ammettiamolo Morrice è un po’ vanesio.
7) ecco uno dei versi fluttuanti che viene da Clerk Saunders   slaited [= slait it] on the straw a senso credo voglia dire che la spada era molto ben affilata (che avrebbe tagliato un capello) e si prestava bene a spiccare la bella testa in un sol colpo. In altre versi simili si dice che il Lord pulisce la spada nell’erba.
8) in questa versione è un uomo del seguito che porta la testa sulla picca fino al castello, mente sembra che il corpo sia portato dal Lord fin nella sua stanza e disteso sul letto. Qui viene da chiedersi se la stanza sia la sua cioè quella di Morrice. Sappiamo che da bambino è cresciuto di nascosto nel bosco, ma da adulto dove vive? Probabilmente al castello. E’ logico supporre che il corpo sia sistemato nella sua stanza prima del funerale.
9) hip= the fruit of the wild rose ma in questo contesto = the fruit of the white thorn (stone diventa quindi seed)
10) c’è uno strano pudore nei versi più antichi delle ballate che sono restii a descrivere i baci sulla bocca. Si parla sempre di guancia e mento piuttosto. I baci sulla bocca fanno capolino in versioni più tarde.
11) altra incongruenza: la lady parla in terza persona o c’è un terzo personaggio -oppure è un commento del cantastorie?

Child Maurice: il ruolo di Lady Barnard

Child Maurice dama piange sulla testa tagliata

Lady Barnard è la nostra tragica eroina, che ai primi impulsi sessuali s’innamora di un giovane. Gli incontri clandestini portano ad una gravidanza, il giovane, con molto opportunismo si eclissa.
La fanciulla partorisce di nascosto e alleva il bambino nascondendolo nella foresta.
Cosa succeda poi, lo possiamo solo immaginare, la famiglia le combina un matrimonio di convenienza e lei diventa la fedele sposa di un Barone. Il suo solo segreto e la sua gioia veder crescere il figlio (ma non sappiamo se Child Maurice continui a vivere nella foresta o se si trovi al castello). E incontrarlo di tanto in tanto, sempre in gran segreto, nel posto più impervio della foresta dove nessun altro li possa spiare.

Ancora convegni clandestini d’amore, ma questa volta è l’amore di madre, orgogliosa del suo bel figliolo. Dopo la gaffe del paggio Lady Barnard cerca di dissuadere il marito accecato dalla gelosia. Probabilmente le si impedisce di uscire per andare ad avvisare del tranello, il suo “presunto” amante.
Nonostante tutto la dama di fronte all’estremo pericolo -e sappiamo come un marito tradito possa compiere i più atroci eccidi su moglie infedele, amante e pure la figliolanza -non ha la forza d’animo di raccontare la verità al marito. Anche su di lei ricade la colpa e, straziata dal dolore, invoca la morte.

With that saim speir O pierce my heart, And put me out o pain.

Ewan MacColl: Gil Morrice

[Con la stessa spada trafiggetemi il cuore
e toglietemi da questo dolore.
]

Child Noryce

Il secondo testo della Child Maurice che vado ad analizzare proviene dalla registrazione di un gruppo bretone già citato in Terre Celtiche Blog: i Kornog [il violinista Christian Lemaitre, il chitarrista Soig Siberil, il flautista Jean-Michel Veillon ed il cantante e suonatore di bouzouky, lo scozzese Jamie McMenemy.]
All’apparenza una collazione delle versioni B e C, ma la loro è un’operazione di riscrittura e devo ringraziare Mick Pearce per il contributo (via Mudcat.org) che ha trascritto all’impronta buona parte della lirica.

Kornog Child Noryce in Kornog 2000

Child Noryce he is fain the fairest,
His face was fair and yellow his hair
He is tae the greenwood gaen
All for to see a lady fair.
“Haste ye to the Barnard’s Ha’
And bids his lady come to me
Haste ye there my wee boy Willie,
For I mun hae her company.

Here tak tae her his gay goud ring
That’s aye gauden in a’ but the stane
That she shall come to yon green wood
And she mun ask the leave of nane.”
The wee boy came to Lord Barnard’s Castle
To go within he tirled at the pin
And who but the Lady Barnard was there
To let the wee boy Willie in.

“Here’s a gay goud ring to you
It’s aye gouden in a’ but the stane
And ye must gan to yon green wood
And ye mun ask your leave o’ nane.”
Lord Barnard he was standing by,
Deceived, an angry man was he.
“Who can I ken in all of my land
To love my lady more than me?”

Lord Barnard’s to and listened again (??)
And busk again ?? away
“I will gae to the greenwood gay
To see the man who loves her sae.
Now out aloud Child Noryce brave
My liege genteel, she loves ye sae weel
The fairest ??
??

And he has ta’en his trusty brand
And through the young man ??
And he has severed Child Nouryce’s heid
And sheared it off by the hair sae lang
He’s taken the bloody head in his hands
By hair an all, to his lady’s hall
He’s flung it into his lady’s lap
Sayin’ here’s your bonny?, here’s your ball.”

And she has kissed the bloody lips,
The cheeks sae thin, the bloody chin
And never was bloody grief
Than Lord Barnard an all his kin
“I got ye in my faither’s house
In mickle pain and mickle shame
I brought ye up to the greenwood gay
Where nobody kenned but myself alane. (??)”

“Awa, Awa, ye wild woman
Woe tae ye, ill death may ye dee
Gin I had kent he’s your son,
It’s true ye’ve never been straight with me”
“O blame me not, O Lord Barnard
Enough of the blame, enough of the shame
With that same brand pierce my heart
Ease me, ease me o’ my pain.”

Il nobile Noryce era il più bello tra i belli
il volto piacente e i capelli biondi
è andato nella foresta
per incontrarsi con una bella dama.
“Affrettati al castello di Barnard
e prega la sua signora di venire da me.
Sbrigati mio paggetto Willy
perchè bramo la sua compagnia

Ecco prendi questo bell’anello d’oro
tutto dorato e con la pietra
perchè venga alla foresta
senza dover chiedere il permesso a nessuno.”
Il paggetto andò al castello di Lord Barnard
arrivò e bussò alla porta
e proprio Lady Barnard era là
e fece entrare il paggio Willy.

“Ecco per voi un bell’anello d’oro
tutto dorato e con la pietra
e dovete andare alla foresta
senza dover chiedere il permesso a nessuno.”
Lord Barnard che era presente
(si sentì) raggirato e un uomo arrabbiato diventò.
“Chi è colui che in tutte le mie terre
ama mia moglie più di me?”



“Andrò nella foresta
per vedere l’uomo che l’ama tanto”



E prese la sua fidata spada
e sul giovane uomo l’abbattè
fino a recidere la testa del nobile Noryce
e gli recise i capelli tanto lunghi.
Prese la testa insanguinata tra le mani
per i capelli e la portò alla camera della sua signora
la gettò sul suo grembo
dicendo “Ecco il vostro amante, ecco la vostra palla”

E lei baciò le labbra insanguinate
le guance smunte, il mento insanguinato
e non provò mai un così dannato dolore
per Lord Barnard e tutta la sua parentela
“Ti partorii nella casa paterna
tra molto dolore e vergogna
e ti portai nella gaia foresta [in un posto]
che nessun altro conosceva tranne me”

“Via, Via, donna folle,
che male vi colga e possiate morire malamente
se avessi saputo che era vostro figlio
di sicuro non lo avrei mai ucciso
“O non biasimatemi, mio Lord Barnard
O non biasimatemi per l’onta!
Con la stessa spada trafiggetemi il cuore
e toglietemi, toglietemi questo dolore.

NOTE
si ringrazia Mick Pearce per la trascrizione del testo Child Noryce in Kornog 2000. Traduzione italiana di Cattia Salto

Child Maurice: il ruolo di Lord Barnard

Lord Barnard è il personaggio più complesso della ballata: carnefice e vittima. Tutto calato nel ruolo di marito cornuto che deve vendicare il suo onore.
In alcune versioni il marito arriva nella foresta- travestito nei panni della sua signora- e spia il giovane mentre si pettina i biondi capelli. La cieca gelosia per la gioventù e l’avvenenza di Child Maurice gli fanno vedere rosso.
L’unica cosa che gli riesce di pensare è staccare quella testa di una bellezza perfetta, per gettarla in scherno alla moglie come se fosse una palla da prendere a calci.
In alcune versioni però Lord Barnard interroga un ingenuo Child Maurice il quale soffre certamente di narcisismo infantile. Il ragazzo gli risponde in modo ambiguo (vedasi in particolare l’ultima versione qui trattata). E il Lord si convince di avere davanti l’amante della moglie.
Quando alla fine della ballata viene rivelato il tragico equivoco Lord Barnard si rammarica del gesto compiuto. Gli dispiace che i suoi uomini non l’abbiano fermato, ma soprattutto maledice la moglie che con il suo silenzio gli ha fatto compiere un inutile omicidio, che macchierà il suo cuore e turberà la sua coscienza.

Bill Norrie

A questa versione ha messo mano Martin Carthy (1988) noto rielaboratore delle ballate perdute della tradizione popolare, e grande maestro delle lunghe ballate narrative per le quali ha composto anche le melodie.
L’ascoltiamo però dalla voce di una Lucy Ward che ha confermato tutte le sue premesse di giovane talento della scena folk inglese.

Lucy Ward – Bill Norrie in Pretty Warnings 2018 riprende la versione di Martin Carthy variando solo qualche frase. (da ascoltare nella versione Cd)

Young Bill Norrie is a fine lad, he lives like the wind,
his eyes shine like the silver or gold in morning sun.
“Oh dear John, oh dear John, do you see what I see?
Yonder stand the first woman, who ever loved me.
Here is a ring, a ring John, it’s all gold but the stone,
Give it to her and tell her to ask for leave of none.
Oh friend John, dear John, do you see what I see?
Give it to her green tower to meet young Billy.”
“Oh friend Billy, dear Billy, you know my love for thee,
I’ll not go to nobody to steal his wife away.”
“Oh Friend John, dear John, swim not against the tide,
Swing with me in the stream John, for I will be obeyed.”
John ran down to the high house, rang low at the door,
Who was there but this woman, to let young Johnny in.
“Here is a ring, a ring lady, all gold but the stone,
Bids you come to greenwood ask for leave of none.
Here is a glove, a glove lady, lined with silver grey,
Bids you come to greenwood to meet your young Billy.”

Husband stood in the shadow, an angry man was he,
“I never thought the man lived my love
loved more than me.”
He’s gone down to her room and dressed in array/Like some woman he’s gone down to meet to young Billy.
Billy sat in the greenwood he whistled and he sang,
“Yonder come the woman that I have loved so long”.
Billy ran down and down there
to meet her when she came,
Oh the sight that he saw, his heart grew still as stone.
Husband he had a long knife, it hung down by his knee,
He took the head of young Billy and off his fair body.
And he’s run down to the high house down into his hall,
Tossed Billy’s head to her, crying,
“Lady catch the ball.”
She’s taken up the head there,
she kissed it cheek and chin,
“I love better this head than all my kith and kin.”
She’s taken up the head there, hugged it to her womb,
“Once I was full of this boy as the plum is of the stone.
When I was in my dad’s house and my virginity,
A young man come to my room and we got young Billy.
And I’ve loved him in my room in secrecy and shame,
I loved him in the greenwood all out in wind and rain.
And I will kiss his sweet head and I will kiss his chin,
I will vow and stay true and I’ll ne’er kiss man again.”
Up and spoke the husband,a sad sad man was he,
“If I had known he was your son
he would not be killed by me,
If I had known he was your son
he would not’ve been killed by me.”

Il giovane Bill Norrie è bello, libero come il vento
occhi brillanti d’argento o d’oro nel sole del mattino.
“Oh caro John, caro John, vedi ciò che vedo?
Là c’è la prima donna, che mai mi abbia amato
Ecco l’anello, l’anello John è tutto d’oro con una pietra,
Dallo a lei e dille che non chieda il permesso ad altri.
Oh caro John, caro John, vedi ciò che vedo?
Portalo alla sua torre per incontrare il giovane Billy”
“O caro Billy, amico Billy sapete che v’amo
ma non andrò a rubar moglie d’altri”
“O amico John, caro John non nuotare contro la marea, nuota con me nella corrente John ed ubbidiscimi”
John corse a palazzo, e bussò piano alla porta,
e proprio quella dama fece entrare il giovane Johnny.
“Ecco l’anello, l’anello, milady, tutto d’oro e con la pietra
vi s’invita alla foresta, non chiedete il permesso ad altri.
Ecco il guanto, il guanto milady, foderato d’argento
vi s’invita alla foresta per incontrare il giovane Billy”

Il marito stava nell’ombra ed era un uomo arrabbiato
“Non avrei mai creduto che il mio amore
amasse un altro uomo più di me”
Lui entrò nella camera della moglie e si vestì a puntino
come una donna e andò ad incontrare il giovane Billy.
Billy era nella foresta, suonava e cantava
“Da lungi s’appressa la donna che da tanto ho amato”
Billy corse per di là
e andare incontro a lei in arrivo,
Oh alla vista di ciò che vide, il cuore gli divenne di sasso.
Il marito aveva un lungo stiletto pendente al ginocchio
tagliò la testa del giovane Billy dal suo bel corpo.
E corse a palazzo, di corsa entrò nella sala
e le gettò la testa di Billy gridando
“Signora, prendete la palla!!”
Lei raccolse la testa colà,
la baciò sulla guancia e il mento
“Amo di più questa testa che tutti i miei amici e parenti”
Lei raccolse la testa colà, e se la strinse al grembo
“Un tempo ero gravida di lui come prugna col nocciolo.
Quando stavo nella casa paterna e verginella/ un giovane entrò nella mia stanza e concepimmo Billy.
E io lo amavo nella mia stanza in segreto e vergogna
io lo amavo nella foresta fuori con il vento e la pioggia.
E io bacerò la sua dolce testa e bacerò il suo mento
e giurerò e vi terrò fede che non bacerò uomo mai più”
Allora parlò il marito e un uomo triste lui era
“Se avessi saputo che era vostro figlio
non lo avrei ucciso,
Se avessi saputo che era vostro figlio
non sarebbe stato ucciso da me”

Child Morris

Concludo questa lunga trattazione con l’ultima versione della Child Maurice in Child # 83 D che proviene dalla tradizione orale della prima metà dell’Ottocento. [from the recitation of Widow Michael, a very old woman, as learned by her in Banffshire seventy years before. August, 1826.]
John Spiers · Jon Boden in Songs 2005
‘Gill Morice’ – Motherwell’s Manuscript, p. 480.

Child Morris stood in the good greenwood,
with red gold shined his weed,
By him stood a little page boy
dressing a milk-white steed.
“I fear for you my master,
for your fame it waxes wide.
It is not for your rich-rich gold
nor for your mickle pride,
But all is for another Lord’s lady
that lives on the Ithan side.”

“Oh, here’s to you my bonny wee boy
that I pay meat and fee,
Run you an errand to the Ithan side
and run straight home to me.”
“If you make me this errand run
it’s all against my will,
If you make me this errand run
I shall do your errand ill.”
“But I fear no ill of you bonny boy,
I fear no ill of you,
I fear no ill of my bonny boy,
for a good bonny boy are you!”

“Take you here this green mantle,
It’s all lined with the fleece,
Bid her come to the good greenwood
for to talk to Child Morris.
And take you here this shirt of silk,
her own hand sewed the sleeve,
Bid her come to the good greenwood
and ask not Bernard’s leave.”

But when he got to the castle wall
they were playing at the ball,
Four and twenty ladies gay
looked over the castle wall.
“God make you safe, you ladies all,
God make you safe and sure,
But Bernard’s lady among you all,
my errand is to her.

“Oh, take you here this green mantle,
it’s all lined with the fleece.
Come you down to the good greenwood
for to talk to Child Morris.
Take you here this shirt of silk,
your own hand sewed the sleeve.
Come you down to the good greenwood
and ask not Bernard’s leave.”

Well, up there spoke a little nurse,
she winked all with her eye.
“Oh welcome, welcome bonny boy
with love tidings to me.”
“You lie, you lie, you false nurse,
so loud I hear you lie,
Bernard’s lady among you all,
I’m sure you are not she!”

Well up there spoke Lord Bernard,
behind the door stood he,
“Oh I shall go to the good greenwood
and I’ll see who he might be.
Go fetch to me your gowns of silk
and your petticoats so small,
I will ride to the good greenwood
and I’ll try with him a fall.”

Child Morris stood in the good greenwood
and he whistled and he sang.
“I think I see the lady come
that I have loved so long.”
He’s ridden him through the good greenwood
for to help her from her horse,
“Oh no, oh no,” cried Child Morris,
“No maid was ere so gross!”

“How now, how now, Child Morris,
how now and how do you?
How long have you my lady loved this night,
come tell to me.”
“When first that I your lady loved,
in greenwood among the thyme,
Then she was my first fair love
before that she was thine.
When first that I your lady loved,
in greenwood among the flowers,
Then she was my first fair love
before that she was yours.”

Lord Bernard’s taken a long broadsword
that he was used to wear
And he’s cut off Child Morris’s head
and he’s put it on a spear.
He’s cut off Child Morris’s head
and he’s put it on a spear,
The soberest boy in all the court
Child Morris’s head did bear.

And he’s put it in a broad basin
and he’s carried it through the hall,
He’s taken it to his lady’s bower,
saying, “Lady, play at ball,
Play you, play you, my lady gay,
play you from here to the bower,
Play you with Child Morris’s head
for he was your paramour.”

“Oh, he was not my paramour,
he was my son indeed.
I got him in my mother’s bower
all in my maiden weed.
I got him in my mother’s bower
with mickle sin and shame,
I brought him up in the good greenwood
all beneath the wind and rain.

“Now I will kiss his bloody cheek
and I will kiss his chin,
I’ll make a vow and I’ll keep it true,
I’ll never kiss man again.
Oft times I by his cradle sat
and fond to see him sleep.
Now I’ll lie upon his grave,
the salt tears for to weep.”

“Bring pillows for my lady,
she looks so pale and wan.”
“Oh, none of your pillows, Lord Bernard,
but lay me on the stone.”
“A pox on you, my lady gay,
that would not tell it to me!
If I’d have known that he was your son,
he’d not have been killed by me!”

Il nobile Morris stava nella bella foresta
con i fulvi capelli che illuminavano la sua gioventù,
accanto a lui stava un paggetto
che bardava un destriero bianco-latte.
“Temo per voi, padron mio,
perchè la vostra fama si accresce nei dintorni,
e non per la vostra abbondanza d’oro,
nè per il vostro smisurato orgoglio,
ma è per un’altra dama di un Lord
che vive sull’altra sponda”

“Ecco per te mio bel paggetto
a cui pago pane e soldo,
porta di corsa un messaggio all’altra sponda
e ritorna di corsa da me”
“Se mi mandate a fare questa commissione,
è contro la mia volontà,
Se mi mandate a fare questa commissione,
svolgerò il vostro incarico malamente”
“Ma io non temo alcun male da te bel paggio,
io non temo alcun male da te
io non temo alcun male da te bel paggio,
perchè sei un buon paggio”

“Prendi questo mantello verde
è tutto foderata di lana,
pregala di venire nella buona foresta
per incontrare Child Morris.
Ed prendi questa camicia di seta
di sua mano ha cucito la manica,
e pregala di venire nella buona foresta
senza chiedere il permesso a Bernard”

Ma quando arrivò alle mura del castello
giocavano a palla, (1)
ventiquattro gaie fanciulle
guardavano dagli spalti del castello.
“Che Dio vi preservi, tutte voi dame,
che Dio vi preservi in salute
(cerco) la signora di Bernard tra di voi
la mia commissione è per lei”

Prendete questo mantello verde
è tutto foderata di lana,
venire nella buona foresta
per incontrare Child Morris.
Prendete questa camicia di seta
la vostra stessa mano ha cucito la manica,
venite nella buona foresta
senza chiedere il permesso a Bernard”

“Allora parlò la giovane balia
che strizzava l’occhio
“Oh benvenuto, benvenuto, paggetto
con nuove d’amore per me”
“Tu menti, menti falsa balia,
così forte sento la tua bugia
la signora di Bernard è tra di voi
ma sono certo che non sei tu!”

Allora parlò Lord Bernard
dietro la porta dove stava
“Oh io andrò nella bella foresta
per vedere chi sarà.
Andate a prendermi la vostra veste di seta
e la sopravveste
galopperò alla bella foresta
e cercherò di sconfiggerlo”

Il nobile Morris stava nella bella foresta
a fischiettare e cantare
“Mi sembra di vedere la dama
che da tempo ho amato”
Corse da quella parte della bella foresta
per aiutarla a smontare da cavallo
“Oh no, oh no – il nobile Morris grida
nessuna fanciulla è così grossa! (2)”

“Ma da quanto, da quanto nobile Morris
da quanto fin’ora?
Da quanto tempo avete amato la mia signora
questa notte? Suvvia, ditemelo”
“La prima volta che amai la vostra signora
nella foresta tra il timo.
Allora fu il mio primo caro amore
prima che fosse vostra.
La prima volta che amai la vostra signora
nella foresta tra i fiori.
Allora fu il mio primo caro amore
prima che fosse vostra.”

Lord Bernard cavò un lungo spadone,
che era solito portare,
e tagliò la testa del nobile Morris
e la mise su una picca.
Tagliò la testa del nobile Morris
e la mise su una picca.
Il più serio paggio di tutta la corte
portava la testa del nobile Morris

E la mise in una grande bacino
e la portò per il castello
la portò nella torre della dama
dicendo “Madama, giocate a palla.
giocate, giocate mia gaia dama,
giocate da qui alla torre,
giocate con la testa del nobile Morris
perchè era il vostro drudo”

“Oh non era il mio drudo,
era mio figlio invece.
Lo partorii nel castello di mia madre
nel fiore della mia gioventù.
Lo partorii nel castello di mia madre
con molto dolore e vergogna
e lo crebbi nella bella foresta
sotto il vento e la pioggia.

Adesso bacerò la sua guancia insanguinata
e bacerò il suo mento,
e farò un solenne giuramento
che mai più bacerò un altro uomo.
Spesso sedevo accanto alla sua culla
e mi dilettavo a guardarlo dormire.
Ora resterò stesa sulla sua tomba
a piangere lacrime amare.”

“Portate dei cuscini alla mia signora,
sembra così debole e pallida”
“Oh niente cuscini, Lord Bernard,
mi stenderò sulla pietra”
“Che peste vi colga, mia signora
per non avermelo detto!
Se avessi saputo che era vostro figlio,
non lo avrei mai ucciso”

NOTE
1) il gioco della palla è tra i passatempi preferiti nel giardino delle delizie dei castelli medievali
2) c’è da domandarsi come il lord sia riuscito ad entrare negli abiti attillati della sua signora!

LINK
https://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=2245
https://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/billnorrie.html
http://bluegrassmessengers.com/83-child-maurice.aspx

Questa è una prima scrittura pubblicata in data 24/08/2020 che sarà integrata con ulteriori approfondimenti e revisioni delle liriche (e delle loro traduzioni).
Traduzione italiana a cura di Cattia Salto
Si ringrazia per ogni contributo in tal senso nel colmare le attuali lacune.

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.