Ye Mariners All (A jug of this)

sailor drinking“Ye Mariners All” was collected at the beginning of the 20th century by the Hammond brothers from Mrs Marina Russell of Upwey in Dorset and published in “The Penguin Book of English Folk Songs” (1959); it is a melancholic or caustic drinking song. The text appears in print around 1840 combined with the melody “A Brisk Young Sailor Courted Me” or “Died for Love” that is the lament of a girl betrayed by a sailor. The ballad is classified mostly in sea songs and is not really an Irish song about drinking. The Clancy Brothers recorded it with the title of “A Jug of this” as an Irish lament.
Raccolta sul campo agli inizi del Novecento dalla signora Marina Russell di Upwey, Dorset e pubblicata nel The Penguin Book of English Folk Songs (1959) “Ye Mariners All” è una drinking song dalla vena malinconica o caustica. Il testo compare in stampa verso il 1840 abbinato alla melodia “A Brisk Young Sailor Courted Me” ovvero “Died for Love” cioè il lamento di una fanciulla tradita da un marinaio.
La ballata è classificata per lo più nelle sea songs e non è propriamente una canzone irlandese sul bere. I Clancy Brothers l’hanno registrata con il titolo di “A Jug of this” l’effetto è una sorta di irish lament.

Tommy Makem

Fairport Convention in Tipplers Tales 1978 con un lungo preambolo strumentale il canto inizia a 2:30

Seth Lakeman in The Punch Bowl 2002.

Lehto&Wright live 2010

Robin Holcomb & Jessica Kenny in Son Of Rogues Gallery ‘Pirate Ballads, Sea Songs & Chanteys ANTI 2013


I
Oh ye Mariners (1) as you pass by,
Well come into drink if you are dry.
Come and spend, my lads,
your money brisk,
And pop your nose in (this one.
Drink another) jug of this (2).
II
Oh ye tipplers, have you that crown (3)?
For you are welcome all to sit down.
Come and spend, my lads,
your money brisk,
And pop your nose in (this one.
In another) jug of this.
III
Now I’m old and I can scarcely crawl,
I’ve an old grey beard and a head that’s bald.
Crown my desire
and fulfill my bliss,
With a pretty young girl
And a(nother) jug of this (4).
IV
Now I’m in my grave
and I am dead (5),
And all these sorrows are passed and fled.
Go and turn myself (transform me) into a fish (6),
And let me swim (around you)
In a(nother) jug of this.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Voi marinai (1) di passaggio
entrate a bere se avete sete,
venite a spendere, ragazzi
i vostri soldi alla svelta,
e infilate il naso
in questa boccia (2)
II
Voi, forti bevitori, avete una corona (3)?
Perchè siete tutti invitati a sedervi,
venite e spendete, ragazzi,
i vostri soldi alla svelta,
e infilate il naso
in questa boccia
III
Ora che sono vecchio e cammino a stento,
ho una vecchia barba grigia e una testa calva,
corono il mio desiderio
e soddisfo la mia beatitudine
con una bella ragazzina
e questa boccia (4)
IV
Ora che sono nella tomba
e sono morto (5)
e tutti i dolori sono passati e finiti
mi trasformo in un pesce (6)
per poter nuotare (intorno a te)
in questa boccia

NOTE
1) in the first transcriptions (the Hammond brothers) its report “mourners” as if the guests invited to enter the pub to drink were those of a funeral procession. In reality it is the word mar’ners a dialectal form for sailors [nelle prime trascrizioni (the Hammond brothers ) si riporta “mourners” come se gli invitati ad entrare nel pub per bere fossero quelli di un corteo funebre. In realtà si tratta della parola mar’ners una forma dialettale per marinai]
2) ovvero “e infilate il naso in questo, bevete un’altra boccia di questo“. Non è automatico tradurre in italiano il temine jug: in fiorentino si direbbe boccia, che richiama l’immagine delle bottiglie di vino da 5 litri (una bottiglia piuttosto grande con il collo stretto). Ma può essere anche una caraffa con tanto di manico e collo più svasato che assomiglia a una brocca. Potrebbe anche essere un vaso di vetro per conservare marmellate o ortaggi o il barattolo del miele. Un termine quanto mai generico che a me richiama l’orcio toscano, il recipiente di terracotta, panciuto e di forma allungata con il collo ristretto, spesso a due manici in cui si conservavano o trasportavano i liquidi. In antico era una unità di misura equivalente a circa 38 litri, ma rimpicciolito ecco che l’orcio era usato come una brocca.
jug= boccia, brocca, caraffa, bottiglia.
3) oppure “Oh mariners all, if you’ve half a crown”: la corona in senso di moneta
4) letteralmente “in un’altra boccia (brocca) di questo
5) evidently not all those who end up in the grave can consider themselves dead, so the singer prefers to specify it! [evidentemente non tutti quelli che finiscono nella tomba possono considerarsi morti, così chi canta preferisce specificarlo!]
6) I don’t know if there are intentional connotations towards Christian symbologies, but what a heavenly bliss for those who love the drink !! [mi piace l’idea della reincarnazione in un pesce anche se non so se ci siano intenzionali connotazioni verso simbologie cristiane, ma quale paradisiaca beatitudine per chi ama il bere!! ]

To revive the atmosphere I propose a country dance favourite by mariners (in John Playford’s English Dancing Master 1651)
Per ravvivare l’atmosfera propongo una contraddanza favorita dai marinai (dal Dancing Master di Playford 1651)
“Row Well, Ye Mariners” 

LINK
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/yemarinersall.html
http://mysongbook.de/msb/songs/xyz/yemarine.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=49380
http://celtic-lyrics.com/lyrics/279.html
http://shanty.rendance.org/lyrics/showlyric.php/mariners
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/27.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.