Terre Celtiche Blog

Heave away, my Johnnies, we’re all bound away

Heave away, my Johnnies is a sea shanty with a great variety of texts even with different stories. Sometimes it is a song of the whaleship, other times a song of emigration.
It was a outward bound shanty and a windlass shanty.

HEAVE AWAY MY JOHNNY/JOHNNIES FAMILY

Heave away, my Johnnie boys, we’re all bound away (american sailor)
Heave away, my Johnnie boys, we’re all bound away (english sailor)
Heave away me jolly boys, we’re all bound away (Canada)

Heave away, my Johnnies è una sea shanty con una grande varietà di testi che raccontano storie diverse, così a volte è una canzone delle baleniere altre volte un canto d’emigrazione.
Era cantata sulle navi in partenza durante il viaggio d’andata come windlass shanty.

verricello (windlass): argano per salpare a trazione orizzontale

American sailor

Hulton Clint – Stan Hugill B version

Oh Johnny was a rover, and today he sailed away.
Heave away, my Johnnies, Heave away.
And Sally was his sweatheart,
for as long as he would stay.
Heave away, my Johnnie boys, we’re all bound away.
We’re sometimes bound for Liverpool,
and sometimes bound for France.
But now we’re bound for New York town
to teach the girls to dance.
Our advance is in our pockets,
but it won’t be there for long.
We’ll spend it in the taverns, boys,
on women, wine, and song.
In two days time we’re outward bound,
and down the Mersey we’ll sail.
And the girls are waiting patiently,
till we’re blown back by the gale.
Blue Peter’s (1) flying at the fore,
the Pilot’s waiting the tide.
And soon we’re outward bound again,
bound for the other side.
And when we’re homeward bound again,
our pockets lined once more.
We’ll spend it with the girls again,
then head to sea for more.
But here I’m stuck in New York town,
I’m scraping down the street.
With nothing in my pockets, boys,
and scarcely more to eat.
Oh, you rambling boys of Liverpool,
you sailermen beware.
Heave away, my Johnnies, Heave away.
And never sign on a packet ship,
oh sailor, don’t you dare.
Heave away, my Johnnie boys, we’re all bound away.

NOTES
(1) blue-peter is a maritime flag that conventionally represents a capital P, blue with a white rectangle in the middle, which means “departing” and signals to the sailors that the ship is about to leave, thus calling all crew members to return to edge.

Oh Johnny era un giramondo e oggi è salpato.
virate a lasciare, compagni, virate a lasciare
E Sally era la sua fidanzata,
per tutto il tempo che sarebbe rimasto (a terra).
virate a lasciare, miei allegri compagni, siamo in partenza.
A volte siamo diretti a Liverpool,
e a volte in Francia.
Ma ora siamo diretti a New York
per insegnare il ballo alle ragazze.
L’anticipo è nelle nostre tasche,
ma non ci starà a lungo.
Lo spenderemo nelle taverne, ragazzi,
sulle donne, il vino e il canto.
Tra due giorni saremo pronti a partire,
e lungo il Mersey navigheremo.
E le ragazze aspetteranno pazientemente,
finché non saremo rimandati indietro dalla tempesta.
l’insegna blu(1) che garrisce sull’albero maestro,
il pilota sta aspettando la marea.
E presto saremo di nuovo pronti a partire
diretti dall’altra parte.
E quando saremo di nuovo sulla rotta di casa,
con le tasche ancora una volta piene di soldi
Li spenderemo di nuovo con le ragazze,
poi andremo in mare per altri (soldi) ancora.
Ma qui sono bloccato nella città di New York,
Sto ciondolando per strada.
Con niente in tasca, ragazzi,
e poco niente da mangiare.
Oh, voi giramondo di Liverpool,
fate attenzione marinai.
virate a lasciare, compagni, virate a lasciare
Non firmare mai su una nave di linea,
oh marinaio, non t’azzardare.
virate a lasciare, miei allegri compagni, siamo in partenza.

NOTE traduzione italiana di Cattia Salto
1) blue-peter è una bandiera marittima che rappresenta convenzionalmente una P maiuscola, blu con un rettangolo bianco in mezzo, che significa “in partenza” e segnala ai marinai che la nave sta per partire, così richiamando tutti i membri dell’equipaggio a ritornare a bordo.

English sailor

A Selection of Collected Folk Songs arranged by Cecil J Sharp and R Vaughan Williams
Published by Novello & Co (cf)

Among the seafaring songs of Minehead (Somerset) collected by Cecil Sharp in the early 1900s from two sources – retired captains Lewis and Vickery.

Barbara Brown & Tom Brown  from Just Another Day 2014, 

Tra i canti marinareschi di Minehead (Somerset) raccolti da Cecil Sharp agli inizi del 1900 da due fonti – i capitani in pensione Lewis e Vickery.

La versione raccolta sempre da Sharp dal marinaio John Short nel 1914 (solo tre strofe) si riconduce invece alla ballata “The Banks of the Sweet Dundee” in cui s’innestano i due refrain.

Heave Away, My Johnny.
It’s of a farmer’s daughter, so beautiful I’m told
Heave away my Johnny, heave away.
Her father died and left her five hundred pound in gold;
Heave away, my bonny boys, We’re all bound away.
Her uncle and the squire rode out one summer’s day.
Young William is in favour, her uncle he did say.

I
As I walked out one morning all in the month of May,
Heave away, me Johnny, heave away,
I thought upon the ships and trade
that sailed out of our bay,
Heave away, me jolly boys, we’re all bound away.
II
Sometimes we’re bound for Wexford town
and sometimes for St. John,
And sometimes to the Med we go,
just to get the sun.
III
We’re running to St. Austell Bay,
with coal we’re loaded down;
A storm came down upon us
before we reached Charlestown.
IV
There’s dried and pickled herring
we’ve shipped around the world,
Two hundred years of fishing, until they disappeared.
V
It’s green oak (1) bound for Swansea town,
it’s salt we bring from France,
But it’s down into the Indies (2) to lead those girls a dance.
VI
With a cargo now of kelp, me boys,
for Bristol now we’re bound,
To help them make the glass (3), you know,
all in that famous town.
VII
Flour and malt and bark and grain
are on the Bristol run;
Jane and Susan beat them all
in eighteen-sixty-one (4).
VIII
We’ve sailed the world in ships of fame
that came from Minehead hard,
And Unanimity she was the last from Manson’s Yard.

NOTES
(1) the term oak is sometimes used instead of ship, green oak is a recently launched boat
(2) the West Indies
(3) Bristol blue glass, traditionally mouth blown, is a renowned product with an illustrious history, the manufacture of which began in the 17th century.
(4) the speed competitions between the cutters

I
Mentre passeggiavo un mattino nel mese di Maggio
vira mio Johnny, vira a lasciare
pensavo alle navi commerciali
che salpavano dalla nostra baia,
vira a lasciare, mio Johnny, siamo in partenza.
II
A volte si parte per la città di Wexford
e a volte per St. John
e a volte nel Mediterraneo andiamo,
solo per prendere il sole
III
Stavamo filando verso la Baia di San Austell,
con il carbone da scaricare
e una tempesta ci colpì
prima di raggiungere Charlestown.
IV
Ci sono aringhe affumicate e sotto sale
che abbiamo spedito in tutto il mondo,
duecento anni di pescato finchè è scomparso
V
E’ un giovane legno in partenza per la città di Swansea,
è il sale che portiamo dalla Francia,
ma è nelle Indie che insegniamo la danza a quelle ragazze
VI
Con un carico di alghe, ragazzi miei,
siamo in partenza per Bristol,
ad aiutarli a fabbricare il vetro, si sa,
in quella città famosa.
VII
Farina e malto, pelli e grano
sono sulla rotta di Bristol;
la Jane e la Susan li hanno battuti tutti
nel 1861.
VIII
Abbiamo navigato il mondo in navi di fama
che provenivano da Minehead,
e l’Unanimity era l’ultima dai cantieri di Manson.

NOTE
(1) il termine oak è talvolta utilizzato al posto di nave, green oak è una barca varata da poco
(2) le Indie occidentali
(3) Il vetro blu di Bristol, tradizionalmente soffiato a bocca è un prodotto rinomato con una storia illustre, la cui fabbricazione è iniziata nel XVII secolo. 
(4) le gare di velocità tra i cutters


NEWFOUNDLAND VERSION

Genevieve Lehr (Come And I Will Sing You: A Newfoundland Songbook # 49) was released by Pius Power, Southeast Bight,  in 1979 Genevieve Lehr writes “this is a song which was often used to establish a rhythm for hauling up the anchors aboard the fishing schooners. Many of these ‘heave-up shanties’ were old ballads or contemporary ones, and very often topical verses were made up on the spur of the moment and added to the song to make the song last as long as the task itself.”

The Fables from Tear The House Down, 1998 a cheerful version with a decidedly country arrangement

LA VERSIONE DI TERRANOVA

La variante pubblicata da Genevieve Lehr (Come And I Will Sing You: A Newfoundland Songbook #49) è stata raccolta da Pius Power, Southeast Bight, (Terranova) nel 1979 Genevieve Lehr scrive “questa è una canzone che è stata spesso usata per stabilire un ritmo per issare le ancore a bordo delle golette di pesca. Molte di queste ‘heave-up shanties’ erano ballate vecchie o contemporanee, e molto spesso i versi d’attualità erano inventati al momento e aggiunti alla canzone per renderla lunga quanto il compito stesso”

The Punters 1998

Come get your duds(1) in order
‘cause we’re bound to cross the water.
Heave away, me jollies, heave away.
Come get your duds in order
‘cause we’re bound to leave tomorrow.
Heave away me jolly boys, we’re all bound away.
Sometimes we’re bound for Liverpool,
sometimes we’re bound for Spain.
But now we’re bound for old St. John’s (2)
where all the girls are dancing.
[Now it’s farewell, Maggie darling,
for it’s now I’m going to leave you,
You promised me you’d marry me,
but how you did deceive me.]
I wrote me love a letter,
I was on the Jenny Lind.
I wrote me love a letter
and I signed it with a ring.
Now it’s farewell Nancy darling,
‘cause it’s now I’m going to leave you.
“You promised that me you’d marry me,
but how you did deceive me.(3)”

NOTES
1) duds in this context means “clothes” but more generally the large canvas bag containing the sailor’s baggage
2) Saint John’s, known in Italian as San Giovanni di Terranova for the Marconi experiment, is a city in Canada, capital of the province of Newfoundland and Labrador, located in the peninsula of Avalon, which is part of the Newfoundland island
3) clearly a “flying” verse taken from the many farewells here is Nancy answering

Venite a preparare la vostra sacca,
perchè stiamo per attraversare il mare
virate a lasciare, compagni, virate a lasciare
Venite a preparare la vostra sacca, 
perchè partiremo domani
virate a lasciare, allegri compagni, siamo in partenza.
A volte partiamo per Liverpool
a volte partiamo per la Spagna
ma ora siamo in partenza per la vecchia St. John,
dove tutte le ragazze ballano.
[Addio Maggie mia cara
perchè adesso devo lasciarti
mi hai promesso che mi sposerai
mai quanto mi hai ingannato!]
Ho scritto al mio amore una lettera,
mentre ero sulla Jenny Lind.
Ho scritto al mio amore una lettera
e l’ho firmata con un anello
e ora addio mia cara Nancy
perchè ti devo lasciare adesso
“mi hai promesso che mi avresti sposato,
ma ora mi lasci”

NOTE traduzione italiana di Cattia Salto
1) duds  in questo contesto significa “vestiti” ma più genericamente la grossa sacca di tela contenente il bagaglio del marinaio
2) Saint John’s, conosciuta in italiano come San Giovanni di Terranova per l’esperimento di Marconi, è una città del Canada, capitale della provincia di Terranova e Labrador, situata nella penisola di Avalon, che fa parte dell’isola di Terranova.
3) chiaramente un verso “volante” preso dai tanti farewell qui è Nancy che risponde

LINK
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=162762
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/24/heave.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/02/heave.htm

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.