Crea sito

The Fair Flower of Northumberland -Child #9

La ballata racconta del “rapimento” di una bella fanciulla inglese, il Fiore della Northumbia, dove il “cavaliere” non è un elfo bensì uno.. scozzese, ovviamente un fuorilegge o un reiver del Border.
Ci sono sostanzialmente due versioni della ballata The Fair Flower of Northumberland, una proveniente dal versante inglese (Child 9A) l’altra da quello scozzese (Child 9B).
La ballata ha un parallelismo con la Young Andrew e la Young Beichan, ma anche con la ballata The Outlandish Knight: una ingenua e innocente fanciulla inglese viene irretita con false promesse di matrimonio da un bandito scozzese, affinchè lo aiuti a fuggire dal carcere e passare il confine con la Scozia; ma una volta al sicuro il falso gentiluomo rimanda indietro la fanciulla di cui non sa cosa farsene.

Il BORDER è il territorio di frontiera tra Scozia e Inghilterra e BORDER REIVER  erano detti i guerrieri dei Clan scozzesi e le famiglie inglesi  che si davano alle reciproche razzie, (furti di bestiame e saccheggi) ai danni dei loro nemici (ovvero i loro vicini di confine – gli Inglesi/scozzesi) ma anche dei clan rivali della stessa nazionalità; facevano anche incursioni a scopo bellico, in una eterna guerriglia di confine con contorno di  saccheggi e ruberie sulla strada del ritorno. Il periodo storico che li vide protagonisti oscilla tra la fine del 1200 e il 1500: dalla parte scozzese le famiglie sono gli Humes, i Kerrs, gli Scotts, Armstrongs, Grahams Maxwells, Elliots, Johnstones .. mentre dalla parte inglese i Forsters, i Fenwicks, gli Hetheringtones..
Molti Borderer erano imparentati con la parte confinante, nonostante le leggi che proibivano il matrimonio con stranieri, all’occasione si dicevano
inglesi se costretti, scozzesi per volontà
e Reiver per diritto di sangue!

La lezione inglese (Child 9A): The Maidens Song

Il nostro testo (Child 9A) proviene dalla Pleasant History of John Winchcombe, in his younger yeares called Jack of Newberie di Thomas Deloney (1597) ed è quindi desunto direttamente da una fonte letteraria nella quale è riportato. Sebbene la semplicità della trama consenta qualche parziale raffronto, la ballata non ha alcun riscontro nella tradizione europea (v. Child I, 111-113). D’altra parte, ne sono state raccolte talmente tante versioni in Inghilterra fino alla fine del XVIII secolo, che possiamo supporre una tradizione orale ininterrotta almeno a partire dal XVI secolo. Non esiste alcun valido motivo per cui il nostro testo possa essere ritenuto la versione originale; esso è comunque un buon esempio della tradizione cinque-seicentesca della ballata.

Probabilmente più una broadside ballad che una ballata tradizionale che si è estinta nel canto popolare. La ballata sembra voler suscitare nel pubblico la compassione per l’ingenua adolescente e si conclude con la morale: mai fidarsi della parola di uno scozzese.


I
It was a knight, in Scotland born,
Follow, my love, come over the strand,
Was taken prisoner and left forlorn,
Even by the good Earl of Northumberland.
II
Then was he cast in prison strong
Follow, my love, come over the strand,
Where he could not walk nor lay along,
Even by the good Earl of Northumberland.
III
And as in sorrow thus he lay,
Follow, my love, come over the strand,
The Earl’s sweet daughter passed that way,
And she the fair flower of Northumberland.
IV
And passing by, like an angel bright,
Follow, my love, come over the strand,
The prisoner had of her a sight,
And she the fair flower of Northumberland.
V
And aloud to her this knight did cry,
Follow, my love, come over the strand,
The salt tears standing in her eye,
And she the fair flower of Northumberland,
VI 
“Fair lady,” he said, “take pity on me,
Follow, my love, come over the strand,
And let me not in prison dee,
And you the fair flower of Northumberland.”
VII
“Fair sir, how should I take pity on thee,
Follow, my love, come over the strand,
Thou being a foe to our countree,
And I the fair flower of Northumberland.”
VIII
“Fair lady, I am no foe,” he said,
Follow, my love, come over the strand,
“Through thy sweet love here was I stayed,
And thou the fair flower of Northumberland.”
IX
“Why should’st thou come here for love of me,
Follow, my love, come over the strand,
Having wife and bairns in thy own countree,
And I the fair flower of Northumberland.
X
“I swear by the blessed Trinity,
Follow, my love, come over the strand,
That neither wife nor bairns have I,
And thou the fair flower of Northumberland.
XI
“If courteously them wilt set me free,
Follow, my love, come over the strand,
I vow that I will marry thee,
And thou the fair flower of Northumberland.
XII
“Thou shall be lady of castles and towers,
Follow, my love, come over the strand,
And sit like a queen in princely bowers,
Even thou the fair flower of Northumberland.”
XIII
Then parted hence this lady gay,
Follow, my love, come over the strand,
And got her father’s ring away,
And she the fair flower of Northumberland.
XIV
Likewise much gold got she by sleight,
Follow, my love, come over the strand,
And all to help this forlorn knight,
And she the fair flower of Northumberland.
XV
Two gallant steeds, both good and able,
Follow, my love, come over the strand,
She likewise took out of the stable,
And she the fair flower of Northumberland.
XVI
And to the gaoler she sent the ring,
Follow, my love, come over the strand,
Who the knight from prison forth did bring,
To meet the fair flower of Northumberland.
XVII
This token set the prisoner free,
Follow, my love, come over the strand,
Who straight went to this fair lady,
And she, the fair flower of Northumberland.
XVIII
A gallant steed he did bestride,
Follow, my love, come over the strand,
And with the lady away did ride,
And she the fair flower of Northumberland.
XIX
They rode till they came to a water clear;
Follow, my love, come over the strand,
“Good sir, how shall I follow you here,
And I the fair flower of Northumberland?
XX
“The water is rough and wonderful deep,
Follow, my love, come over the strand,
And on my saddle I shall not keep,
And I the fair flower of Northumberland.”
XXI
“Fear not the ford, fair lady!” quoth he,
Follow, my love, come over the strand,
“For long I cannot stay for thee,
Even thou the fair flower of Northumberland.”
XXII
The lady prickt her gallant steed,
Follow, my love, come over the strand,
And over the water swam with speed,
Even she the fair flower of Northumberland.
XXIII
From top to toe all wet was she,
Follow, my love, come over the strand,
“This have I done for love of thee,
Even I the fair flower of Northumberland.”
XXIV
Thus rode she all one winter’s night,
Follow, my love, come over the strand,
Till Edinborough they saw in sight.
The fairest town in all Scotland.
XXV
“Now choose,” quoth he, “thou wanton flower;
Follow, my love, come over the strand,
If thou wilt be my paramour,
And thou the fair flower of Northumberland.
XXVI
“For I have a wife and children five,
Follow, my love, come over the strand,
In Edinborough they be alive,
And thou the fair flower of Northumberland.
XXVII
“And if thou wilt not give thy hand,
Follow, my love, come over the strand,
Then got thee home to fair England,
And thou the fair flower of Northumberland.
XXVIII
“This favour thou shalt have to boot,
Follow, my love, come over the strand,
I’ll have thy horse; go thou on foot,
And thou the fair flower of Northumberland.”
XIX
“O false and faithless knight,” quoth she:
Follow, my love, come over the strand,
“And canst thou deal so bad with me,
And I the fair flower of Northumberland?”
XXX
“Dishonour not a lady’s name,
Follow, my love, come over the strand,
But draw thy sword and end my shame,
And I the fair flower of Northumberland.”
XXXI
He took her from her stately steed,
Follow, my love, come over the strand,
And left her there in extreme need,
And she the fair flower of Northumberland.
XXXII
Then sat she down full heavily,
Follow, my love, come over the strand,
At length two knights came riding by,
And she the fair flower of Northumberland.
XXXIII
Two gallant knights of fair England,
Follow, my love, come over the strand,
And there they found her on the strand
Even she the fair flower of Northumberland.
XXXIV
She fell down humbly on her knee,
Follow, my love, come over the strand,
Crying, “Courteous knights take pity on me,
Even I the fair flower of Northumberland.
XXXV
“I have offended my father dear,
Follow, my love, come over the strand,
For a false knight that brought me here,
Even I the fair flower of Northumberland.”
XXXVI
They took her up beside them then,
Follow, my love, come over the strand,
And brought her to her father again,
And she the fair flower of Northumberland.
XXXVII
Now all you fair maids be warned by me,
Follow no Scotchman over the strand;
Scots never were true, nor ever will be,
To lord nor lady nor fair England.
Traduzione italiana di Riccardo Venturi
I
In terra di Scozia un cavaliere era nato,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Fu fatto prigioniero e dimenticato
Anche dal buon Conte di Northumbria
II
E in una dura prigione fu gettato
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Dove non poteva camminare, nè stare sdraiato Anche dal buon Conte di Northumbria.
III
E mentre giaceva nella disperazione,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
La figlia del Conte passò dalla prigione,
Lei, il bel fiore della Northumbria.
IV
Come un angelo splendente passò,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
E lui uno sguardo le lanciò,
A lei, il bel fiore della Northumbria.
V
Ed il Cavaliere si mise a gridare,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Con gli occhi rigonfi di lacrime amare:
A lei, il bel fiore della Northumbria
VI
Bella Signora, abbi di me compassione,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Non farmi morire in questa prigione,
Tu, il bel fiore della Northumbria.
VII
Bel cavaliere, come posso aver compassione,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Di te, un nemico della nostra nazione?
Io, il bel fiore della Northumbria
VIII
Io non ti sono nemico, sul mio onore
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Ché m’hanno chiuso qui per il tuo amore,
Per te, il bel fiore della Northumbria
IX
Saresti qui perché sei innamorato,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Tu, che hai dei figli e sei un uomo sposato?
Ed io, il bel fiore della Northumbria
X
Lo giuro su Dio, Signore del Creato
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Che io non ho figli, e non sono sposato,
Non ho casa e famiglia nella bella Scozia.
XI
Se gentilmente liberar mi vorrai,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Io ti giuro che mia moglie sarai
Quando arriveremo nella bella Scozia.
XII
Sarai Regina di torri e manieri,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Sarai padrona di tutti i miei averi
Quando saremo nella bella Scozia.
XIII
La bella dama con lui scappò
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Ed un anello a suo padre rubò
Per farlo fuggire nella bella Scozia.
XIV
E con l’inganno tanto oro ha rubato 
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Per aiutare il cavaliere abbandonato
A fuggir da suo padre e ad andare in Scozia.
XV
Due bei cavalli, capaci e fidati
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Lei dalla stalla ugualmente ha rubati
Per andar col cavaliere nella bella Scozia
XVI
E al carceriere ha mandato l’anello
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Per liberarlo dal castello
E farlo fuggire con lei nella nella Scozia.
XVII
Lui prese il pegno, e lo liberò
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
E dalla dama lui subito andò
Per fuggir con lei nella bella Scozia.
XVIII
E sopra un bel destriero è montato, 
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
E con la dama, poi, se n’è andato
Con lei, il bel fiore della Northumbria.
XIX
Dopo un po’ giunsero a un limpido rivo,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Signore mio, io qui non ci arrivo Io,
il bel fiore della Northumbria.
XX
L’acqua è impetuosa ed è tanto profonda,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Tenermi in sella non posso tra l’onda
Io, il bel fiore della Northumbria.
XXI
Tu non temere quel guado, mio amore,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Non posso stare a aspettarti per ore,
Tu, il bel fiore della Northumbria
XXII
Lei il suo cavallo vivace spronò
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
E all’altra riva veloce passò
Lei, il bel fiore della Northumbria
XXIII
Era bagnata dalla testa ai piedi, 
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Per amor tuo io l’ho fatto, credi
A me, il bel fiore della Northumbria.
XXIV
Per una notte rimasero in sella,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia Giunsero in vista di Edimburgo la bella,
La capitale di tutta la Scozia.
XXV
Ed ora scegli, mio fiore fragrante,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Se tu vuoi essere la mia amante
O tornartene a casa, nella bella Inghilterra.
XXVI
Ché ho cinque figli a Edimburgo, e una sposa 
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Vivono tutti a Edimburgo gloriosa
E tu torna a casa nella bella Inghilterra.
XXVII
..
..
..
..
XXVIII
Un altro favore dovrai farmi, vedi:
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Io prendo il cavallo, e tu torna a piedi
A casa tua, nella bella Inghilterra.
XIX
Falso, bugiardo, straccione e pezzente 
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Perché mi tratti così crudelmente?
Io, il bel fiore della Northumbria
XXX
Non disonorare il nome d’una signora,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Sguaina la spada e trafiggimi, ora!
Io, il bel fiore della Northumbria
XXXI
Ma da cavallo l’ha disarcionata
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Ed in un mare di guai l’ha piantata,
Lei, il bel fiore della Northumbria.
XXXII
Lei si sedette con tristi pensieri,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Finché non passarono due cavalieri,
Due bravi cavalieri della bella Inghilterra.
XXXIII




XXXIV
Con umiltà si prostrò innanzi a loro,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Oh cavalieri, pietà io vi imploro,
Io, il bel fiore della Northumbria.
XXXV
Per un malvagio che fin qui m’ha portato
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Ho recato offesa al mio padre adorato,
A lui, al buon Conte di Northumbria.
XXXVI
Loro a cavallo, dietro di sè la issarono
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
E da suo padre la riportarono,
Da lui, dal buon Conte di Northumbria.
XXXVII
Belle ragazze, non passate dei guai,
Vieni, amor mio, andiamo sulla spiaggia
Gli Scozzesi fedeli non saranno mai
Nè a uomo, nè a donna, nè alla bella Inghilterra.

Nota sulla traduzione italiana: data la particolare struttura ritmica della ballata, abbiamo tentato in questo unico caso una traduzione in rima. Questo spiega alcune libertà, che comunque mai travisano il testo.

La lezione scozzese: (Child 9B)

Troviamo testi e melodie nelle collezioni di Kinloch, Motherwell e Buchan. Il bandito ha scarsa stima della ragazza che si è lasciata convincere troppo facilmente di fuggire con lui, ma contrariamente alla versione inglese in cui molla la bella in mezzo alla strada (buttandola giù da cavallo) qui l’affida a un vecchio servitore perchè la riporti indietro sana e salva. Una volta a casa i suoi genitori la rassicurano dicendole che le troveranno presto un marito (così non si caccerà più nei guai).

Lizzie Higgins

Dick Gaughan in  No More Forever 1972 scrive nelle note “I learned this from Gordon MacCulloch. He recorded it with the Exiles on their Topic recording The Hale and the Hanged

The John Renbourn Group

Assembly Lane in Northbound 2017: una fresca versione di un giovane gruppo di Newcastle upon Tyne

Dick Gaughan version
I

The provost’s  ae dochter (1)
wis walkin her lane (2)
O but her luve it wis easy won
Whan she spied a Scots prisoner
makin his mane
An she wis the flouer of Northumberlan
II
“O, gin a lassie wad borrow me
(3)
Oh but her love was easy won
“A wad mak her a ladie o heich degree
Gin she’d lowse me out frae my prison strang”
III
Sae it’s she’s dune tae her faither’s guid stocks
O but her luve it wis easy won,
An she’s stolen the best keys
thair for mony’s the brave lock
For tae lowse him out frae his prison strang
IV
An it’s she’s dune tae her faither’s stables
O but her luve it wis easy won,
An she’s stolen the best horse
that wis baith fleet an able
For tae cairry thaim owre tae bonnie Scotlan
V
Bit as thae were ridin across thon Scots muirs 
He cried, “O but her luve it wis easy won,
Get ye doun frae my horse,
you’re a brazen faced whore
Altho ye’re the flouer o Northumberlan.”
VI ometted
“It’s I hae a wife in my ain country
O but her luve it wis easy won,
And I cannae do nothing wi a lassie like thee
So go get ye back tae Northumberland”
VII
““It’s cook in yer kitchen A shairly will be”
Altho my luve it wis easy won,
For A cannae gae back tae my ain countrie
Altho A’m the flouer o Northumberlan.”
VIII
“It’s cook in my kitchen ye cannae weill be
O but her luve it wis easy won,
For my lady, she winnae hae sairvants like ye
An ye’ll need tae gae hame tae Northumberlan”
IX
An, sae laith wis he thon lassie tae tine (4),
O but her luve it wis easy won,
He’s hiret an auld horse
an he’s hiret an auld man
Tae cairry her hame tae Northumberlan.
X
Bit whan she got thair her faither did froun
An said, ” O but her luve it wis easy won,
Tae gang wi a Scotsman
whan ye’re barely saxteen
And you’re the fair flower of Northumberland”
XI
Bit whan she gaed ben her mither did smile 
An said, ” O but her luve it wis easy won,
But ye’re no the first
that thon Scots has beguilet
An ye’re walcome back hame tae
Northumberlan”
XII
“For ye winnae want breid
an ye winnae want wine
O but her luve it wis easy won,
An ye winnae want siller tae buy a man wi
An ye’re aye the fair flouer o Northumberlan.”
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
La figlia del Giudice
era a passeggio
Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
(quando) sentì un prigioniero scozzese
che si lamentava
E lei era il bel fiore della Northumbria
II
“C’è una ragazza che mi vorrebbe sposare?”
Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
“Ne farei una nobildonna
Se mi liberasse da questa prigione straniera”
III
Oh, lei andò allora al capezzale del padre
Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
E rubò le chiavi migliori
per aprire i molti lucchetti
E lo liberò dalla sua prigionia
IV
Oh, lei andò alla stalla del padre
Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
E rubò il migliore cavallo
che fosse sia agile che pronto
Per portarli nella bella Scozia
V
Mentre galoppavano per la brughiera scozzese
“Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
Scendi dal mio cavallo,
Sei una puttana scellerata
Anche se sei il fiore del Northumbria “
VI
“Tengo una moglie nel mio paese
Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
E non me ne faccio nulla di ragazze come te
Così torna indietro nel Northumbria “
VII
“Potrei fare la cuoca nella tua cucina”
sebbene il mio amore fu facile da conquistare
Perchè non posso ritornare al mio paese
Anche se sono il fiore del Northumbria “
VIII
“Cuoca nella mia cucina non potrai essere
Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
Chè la mia signora, ha già dei servi come te
Così tornate a casa nel Northumbria “
IX
Lui era restio a lasciare la ragazza nei guai
Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
Prese un vecchio cavallo
e assoldò un vecchio
Per riportarla a casa nel Northumbria
X
Ma quando entrò, suo padre si accigliò
“Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
Per andare con uno scozzese
a soli quindici anni
Tu che sei il bel fiore del Northumbria “
XI
Ma quando entrò, la madre sorrise
“Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
Non sei stata la prima
che gli Scozzesi hanno sedotto
Ben tornata a casa
nel Northumbria “
XII
“Perché tu avrai il pane
e avrai il vino
Oh, ma il suo amore fu conquistato facilmente
E avrai l’argento per comprare un marito
Che sei ancora il bel fiore del Northumbria “

NOTA
1) il balivo nel Medioevo era il governatore di un’ampia giurisdizione con poteri amministrativi e giudiziari
2) letteralmente andava per il vicolo
3) a me sembra che dica “If any lady would marry me”
4) laith= loathe, hate; ho tradotto la frase a senso; anche scritto come “O laith was the lassie to part wi’ him,”

LINK
https://terreceltiche.altervista.org/war-songs-anti-war-songs/border-affaires/
http://www.bluegrassmessengers.com/9-the-fair-flower-of-northumberland.aspx
http://www.bluegrassmessengers.com/british-versions–9-fair-flower-of-northumberland.aspx
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/474.html
https://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch009.htm
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/thefairflowerofnorthumberland.html
http://sniff.numachi.com/pages/tiFAIRFLWR%3BttFAIRFLWR%3BttFAIRFLWR.1%3BttFAIRFLWR.2%3BttFAIRFLWR.3%3BttFAIRFLWR.4.html

Pubblicato da Cattia Salto

folklorista delle Terre Celtiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.