Archivi tag: worker song

Good luck to the barley mow

Leggi in italiano

A popular drinking song from rural England, Ireland and Scotland (and the Americas) that could not miss after the “crying of the neck” or during a “Harvest supper“; this auspicious song is also a tavern game: the most common form of the game sees only one singer, while the audience lifts the glass to drink twice in the refrain responding to the auspicious verse with a joyful “Good luck!”; in the second version a soloist intones the first stanza and all the participants sing in chorus the progressive refrain, whom that mistakes the words, or takes a breath to sing, must drink. Obviously the goal of the game is to drink more and more, as you make mistakes!

Harvest-Scene-Barrow-Trent-1881
Harvest Scene, Barrow-on-Trent, Derbyshire, George Turner II 1881

GIVE US ONCE A DRINKE

The song is very ancient as the rituals inherent to the harvest of wheat / barley are ancient (see traditional methods); the first known publication dates back to 1609, in the Deuteromelia by Thomas Ravenscroft, with the title “Give Us Once A Drinke” is transcribed as it was sung in the Elizabethan taverns.

The song started with:
“Give us once a drink for and the black bole(1)
Sing gentle Butler(2) “balla moy”(3)
For and the black bole,
Sing gentle Butler balla moy”
and it ended with:
“Give us once a drink for and the tunne
Sing gentle Butler balla moy
The tunne, the butt The pipe, the hogshead The barrel, the kilderkin The verkin, the gallon pot The pottle pot, the quart pot, The pint pot,
for and the black bole
Sing gentle Butler balla moy”

NOTES
1) What were the beer glass like in medieval taverns? The three most common materials at the time were metal (pewter), glass and ceramics. In Italy in the fourteenth century, for example in the taverns, glass was more common. Here we quote a black bowl that makes one think more properly of a dark bowl or cup, perhaps made of wood? In the wassaling songs, which are also very old, the material of the toast cups carved in the wood is often described. Later, the use of pewter is more likely.
2) bottler
3) the scholars believe it could be for ‘Bell Ami’, only later the song became part of the songs during the Harvest festival and the verse was changed to ‘Barley Mow’, others believe that it is a Mondegreen.

BARLEY MOW

Over time, new strophes have been added and especially in the nineteenth century there are many transcriptions in the collections of old traditional songs such as in “Songs of the Peasantry of England”, by Robert Bell 1857 : This song is sung at country meetings in Devon and Cornwall, particularly on completing the carrying of the barley, when the rick, or mow of barley, is finished. On putting up the last sheaf, which is called the craw (or crow) sheaf, the man who has it cries out ‘I have it, I have it, I have it;’ another demands, ‘What have ’ee, what have ’ee, what have ’ee?’ and the answer is, ‘A craw! a craw! a craw!’ upon which there is some cheering,& c., and a supper afterwards. The effect of the Barley-mow Song cannot be given in words; it should be heard, to be appreciated properly, – particularly with the West-country dialect.
Robert Bell transcribes the widespread version in West England and also the variant sung in Suffolk

Here’s a health to the barley mow!
Here’s a health to the man
Who very well can
Both harrow and plow and sow!
When it is well sown
See it is well mown,
Both raked and gavelled clean,
And a barn to lay it in.
He’s a health to the man
Who very well can
Both thrash (1) and fan it clean!
NOTES
1) in the Middle Ages there were two ways to separate the wheat grains from the ear: the farmer beat the sheaves with a stick or a whip or they were trampled by the draft animals.
The sifting: wheat and chaff were separated first by placing them in a sieve and then throwing them in the air (it must of course be a breezy day) the chaff flew away and the grain returned to the sieve.

 

maste-drinking
The master of drinking Adriaen Brouwer (1606-1638)

The Barley Mow is one of the best-known cumulative songs from the English folk repertoire and was usually sung at harvest suppers, often as a test of sobriety. Alfred Williams, who noted a splendid set in the Wiltshire village of Inglesham some time prior to the Great War, wrote that he was “unable to fix its age, or even to suggest it, though doubtless the piece has existed for several centuries.” Robert Bell found the song being sung in Devon and Cornwall during the middle part of the 19th century, especially after “completing the carrying of the barley, when the rick, or mow, of barley is finished.” Bell’s comment that “the effect of The Barley Mow cannot be given in words; it should be heard, to be appreciated properly” is certainly true, and most singers who know the song pride themselves on being able to get through it without making a mistake.(Mike Yates)

So we toast to all the dimensions in which beer is marketed (and are indicated in all the existing measures in the past times from the barrel  to the “bowl” and to the health of all those who “manipulate” the beer and of all the “merry brigade” who drinks it!

Arthur Smith in’The Barley Mow’ (1955)  a typical pub in Suffolk in the fifties.See VIDEO: 

Irish Rovers


Here’s good luck to the pint pot,
good luck to the barley mow, (1)
Jolly good luck to the pint pot,
good luck to the barley mow;
Oh, the pint pot, half a pint, gill, (2) half a gill, quarter gill
Nipperkin (3) and a round bowl(4)
Here’s good luck, (5)
good luck, good luck
to the barley mow.
Here’s good luck to the half gallon, good luck to the barley mow,
Jolly good luck to the half gallon,
good luck to the barley mow;
Oh, the half gallon, pint pot, half a pint, gill, half a gill …
Here’s good luck to the gallon,
Here’s good luck to the half barrel,
Here’s good luck to the barrel,
Here’s good luck to the daughter(6),
Here’s good luck to the landlord,
Here’s good luck to the landlady,
Jolly good luck to the landlady,
Jolly good luck to the brewer, (7)
Here’s good luck to the company, good luck to the barley mow,
Jolly good luck to the company,
good luck to the barley mow;
Oh, the company, brewer, landlady, landlord, daughter, barrel,
Half barrel, gallon, half gallon, pint pot, half a pint, gill,
Half a gill, quarter gill, nipperkin and a round bowl,
Here’s good luck, good luck,
good luck to the barley mow.

NOTES
1) [shout GOOD LUCK and drink a sip!]
2) they are all units of measure ordered by the largest (barrel) to the smallest (round bowl).
But as for all units of measurement of the peasant tradition there are local differences in the measured quantity
a gill is a half-pint in a northern pub, but a quarter-pint down south“.
3) “The nipperkin is a unit of measurement of volume, equal to one-half of a quarter-gill, one-eighth of a gill, or one thirty-second of an English pint.
In other estimations, one nip (an abbreviation that originated in 1796) is either one-third of a pint, or any amount less than or equal to half a pint
“.[wiki] “A nip was also used by brewers to refer to a small bottle of ale (usually a strong one such as Barley Wine or Russian Stout) which was sold in 1/3 pint bottles“.
4) “The round bowl” sometimes also “hand-around bowl”, “brown bowl” or “bonny bowl” could be the typical cup with which toasted in the wassailing evidently a unit of measure that has been lost over time.
5) [shout GOOD LUCK, drinking is optional!]
6) the daughter of the tavern owner or more generally she is a waitress serving at the tables
7) there are those who add “the slavey” and “the drayer” to the list; “slavery” means a servant and “the draye” is the one who pulls (or guides) the cart that is the man of deliveries that in fact supplies the tavern with beer. The name derives from the fact that once such a cart was wheelless and was dragged like a sled.

slavery

HOW MUCH DOES A PINT?
therightglass

The draft beer is marketed in the Anglo-Saxon countries starting from the pint that in England and Ireland corresponds to 20 ounces (568 ml ie roughly 50cl). The American pint instead corresponds to 16 ounces; so the standard glass for beer contains exactly a pint (as we call Italian “big beer”); the shapes vary according to the time and the fashions, but the capacity of the glass is always a pint! A law by the British parliament in 1698 stated that “ale and beer” (ie beer without hops and beer with hops) must be served in public only in “pints, full quarts (two pints) * or multiples thereof”. The rule was further reiterated in 1824 by imposing the imperial unit as a unit of measure for all beverages. * The glass that contains 2 imperial pints (1.14 liters) is the yard or a narrow and long glass just a yard. Today with the adaptation to European regulations the British government has “restricted” the pint to “schooner” (as it is called in Australia, but we are still waiting for the nickname that will be given in England to the new measure!) The glass equal to 2/3 pint (400 ml)

THE BARLEY MOW (ROUD 10722)

A variant always from Suffolk

I
Well we ploughed the land and we planted it,
and we watched the barley grow.
We rolled it and we harrowed it
and we cleaned it with a hoe.(1)
Then we waited ‘til the farmer said,
“It’s time for harvest now.
Get out your axes and sharpen, boys,
it’s time for barley mow.”
Chorus
Well, here’s luck to barley mow
and the land that makes it grow.
We’ll drink to old John Barleycorn(2),
here’s luck to barley mow.
So fill up all the glasses, lads,
and stand them in a row:
A gill, a half a pint, a pint, a pint and a quart and here’s luck to barley mow.
II
Well we went and mowed the barley
and we left it on the ground.
We left it in the sun and rain ‘til it was nicely brown.
Then one day off to the maltsters,
then John Barleycorn did go.
The day he went away, we all did say,
“Here’s luck to barley mow.”
III
Have no fear of old John Barleycorn
when he’s as green as grass.
But old John Barleycorn is strong enough
to sit you on your arse.
But there’s nothing better ever brewed
than we are drinking now,
Fill them up: we’ll have another round,
here’s good luck to barley mow.

NOTES
1) weeding: cutting and shuffling of the ground for the most superficial part
2) John Barleycorn is the spirit of beer 

LINK
https://anglofolksongs.wordpress.com/2015/09/14/the-barley-mow/
http://www.gutenberg.org/dirs/etext96/oleng10h.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/27/barley.htm http://www.chivalry.com/cantaria/lyrics/barleymow.html http://mainlynorfolk.info/tony.rose/songs/barleymow.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=151726
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=3873 http://www.efdss.org/component/content/article/45-efdss-site/learning-resources/1540-efdss-resource-bank-chorus-barley-mow http://www.musicanet.org/robokopp/english/barlymow.htm

“Fire Down Below” the last shanty

Leggi in italiano

“Fire Down Below” in addition to being the title of a film and a rock song is above all a sea shanty) according to Stan Hugill “the laswt shanty”. Given the theme it was often used as pump chanty but also as capstan chanty.

JOHN SHORT VERSION

The authors of the project “Short Sharps Shanties” write: There was a broadside called Fire! Fire! Fire! – printed by the Glasgow Poet’s Box on the 23rd Nov. 1867.  Versions were also printed by Fortey of London and Sanderson of Edinburgh at about the same time. The chorus is obviously related to, if not the origin of, the shanty:Fire! fire! fire!, Now I’s bound to go;
Can’t you give us a bucket of water,
Dere’s a fire down below.
The text is in a faux-Negro patois and describes Aunt Sally nearly dying in a house-fire.  There was also a parody, printed by Such of London at about the same time, where the text is concerned with a country boy’s encounter with a city girl and the more familiar ‘fire down below’ caused by venereal disease.
Fire! fire! fire!, Fire down below;
Let us hope that we shall never see,
A fire down below.
Perhaps surprisingly, neither theme seems to recur in any of the collected versions of the shanty although plenty of contemporary shanty-singers adopt a nudge-nudge-wink-wink view of the chorus. Tozer and Sharp give it as a pumping shanty, Hugill cites it as a favourite for the purpose, and Colcord says that “Almost any of the capstan shanties could be used on the pump-brakes, but a few were kept [as this one is], by the force of convention, for no other use.”
Hugill comments that, of his five versions, Short’s version has “a not so musical pattern. This form has become popular with radio shanty-singers.”  All verses except the last come from Short although, inexplicably, he only gave Sharp the ‘fire in the galley’ verse on the day and subsequently sent him, by post, the other four verses. (tratto da qui)

Jackie Oates from Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor Vol 1 (su Spotify)

Chorus
Fire, fire, fire down below,
It’s Fetch a bucket of water girls
There’s fire down below.
I
Fire in the galley, fire down below.
It’s fetch a bucket of water girls,
There’s fire down below.
fire, fire..
II
Fire in the bottom fire in the main
It’s fetch a bucket of water girls,
And put it out again.
fire, fire..
III
As I walked out one morning
all in the month of June
I overheard an irish girl
sing this old song
fire, fire..
IV
Fire in the lifeboat,
fire in the gig(6),
Fire in the pig-stye roasting of the pig.
fire, fire..
V
Fire up aloft boy  and fire down below,
It’s fetch a bucket of water girls,
There’s fire down below.


Shanty Gruppe Breitling
from Haul the Bowline 2013 


Fire in the galley, fire in the house,
Fire in the beef kid(1), scorching the scouse(2).
Fire, fire, fire down below,
Fetch a bucket of water boys
Fire down below.
Fire in the forepeak(3) fire in the main(4)
fire in the windlass(5) fire in the chain.
Fire in the lifeboat, fire in the gig(6),
Fire in the pig-stye roasting the pig.
Fire on the orlop(7) (cabine) fire in the hold.
Fire in the strong room melting the gold.
Fire round the capstan(5), fire on the mast,
Fire on the main deck, burning it fast.
Fire on .. 

NOTES
1) Beefkid = small wooden tub in which beef salt is served.
2) It is a traditional dish of Liverpool, that is a meat stew with potatoes, onions, carrots. It is a popular dish of poor cooking. Scouse is also the typical accent of Liverpool (of the popular classes) with clear Celtic influences, the origin of the accent is derived most likely from the English pronunciation by Irish immigrants arrived in Liverpool to look for work. In the 1841 census a quarter of the inhabitants of Liverpool were born in Ireland and again from the census at the beginning of the twenty-first century it was found that 60% of Liverpudlians originated in Ireland.
3) forepeak= the interior part of a vessel that is furthest forward; the part of a ship’s interior in the angle of the bow
4) main= ocean
5) windlass and capstan they are two different “machines” which, however, perform the same function, that of lifting weights by the use of a rope or chain.
6) gig= A light rowboat, powerboat or sailboat, often used as a fast launch for the captain or for a lighthouse keeper. The gig was always designed for speed, and was not used as a working boat.
7) orlop = the name of a lower deck.

CARIBBEAN VERSION

This version comes from the Caribbean fishermen from the Isle of Nevis (reported by Roger Abrahams in “Deep the Water, Shallow the Shore”)
Hulton Clint

FOLK VERSION

A decadent version that with the “fire in the lower parts” alludes to the disruptive sexuality of a young girl!

Nick Cave from Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs and Chanteys  ANTI 2006.

She was the parson’s daughter
With her red and rosy cheeks
(Way, hey, hee, hi, ho!)
She went to church on Sunday
And sang the anthem sweet
(‘Cause there’s fire down below)
The parson was a misery
So scraggy and so thin
“Look here, you motherfuckers
If you lead a life of sin.
He took his text from Malachi(1)
And pulled a weary face
Well, I fucked off for Africa
And there, I feel(2) from grace.
The parson’s little daughter
Was as sweet as sugar-candy
I said to her, “us sailors
Would make lovers neat and handy”.
She says to me, “you sailors
Are a bunch of fucking liars
And all of you are bound to hell
To feed the fucking fires”.
Well, there’s fire down below, my lad
So we must do what we oughta
‘Cause the fire is not half as hot
As the parson’s little daughter.
Yes, there’s fire (fire)
Down (down)
Below (below)

NOTES
1) Malachi was an Old Testament Prophet who lived in the fifth century a. C.
2) found written both as a feel and as a fell

LINK
http://www.bethsnotesplus.com/2015/01/fire-down-below.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/783.html
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/19/fire.htm
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=2020
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=35083
https://www.youtube.com/watch?v=Or32B_IZWKs
https://ismaels.wordpress.com/2008/11/01/rogue%E2%80%99s-gallery-the-art-of-the-siren-4/

The Pleasant Month of May

Leggi in italiano

“The haymaker’s song” aka “The Pleasany Month of May”, ‘”Twas in the Pleasant Month of May” or ” The Merry Haymakers” is in the Family Copper’s collection of traditional songs from Sussex (see): in the season of haymaking, starting in May, the farmers went to make hay, cutting the tall grass, with the scythe, putting it aside as fodder for livestock and courtyard’s animals . While hay cutting was a mostly masculine task, women and children used the rake to collect grass in large piles, which were then loaded onto the cart through the use of pitchforks.

George Stubbs - Haymakers 1785 (Wikimedia)
George Stubbs – Haymakers 1785 (Wikimedia)

Mr A. L. Lloyd (“Folk Song in England”, p 234/5) traces a possible source to a broadside of 1695; collected versions seem more in the style of the 18th century and presumably stem from the late broadsides, of which there were one or two. Found in tradition mainly in the South and South East of England, the exception being Huntington, Sam Henry’s Songs of the People(1990) which has an unprovenanced set, Tumbling Through the Hay, presumably noted in Ulster.” (from here)

After the hard work, however, it’s time to have fun and so all the workers are dancing in the middle of the haystacks on the melodies of a piper !!


William Pint & Felicia Dale
from Hartwell Horn 1999 
Jackie Oates from Hyperboreans 2009 
Lisa Knapp from Till April Is Dead ≈ A Garland of May 2017

PLEASANT MONTH OF MAY *
I
‘Twas in the pleasant month of May,
In the springtime of the year,
And down in yonder meadow
There runs a river clear.
See how the little fishes,
How they do sport and play;
Causes many a lad and many a lass
To go there a-making hay.
II
Then in comes the scythesman,
That meadow to mow down,
With his old leathered bottle
And the ale that runs so brown.
There’s many a stout and a laboring man
Goes there his skill to try;
He works, he mows, he sweats, he blows,
And the grass cuts very dry.
III
Then in comes both Tom and Dick
With their pitchforks and their rakes,
And likewise black-eyed Susan
The hay all for to make.
There’s a sweet, sweet, sweet and a jug, jug, jug(1)
How the harmless birds do sing
From the morning to the evening
As we were a-haymaking.
IV
It was just at one evening
As the sun was a-going down,
We saw the jolly piper
Come a-strolling through the town.
There he pulled out his tabor and pipes(2)
And he made the valleys ring;
So we all put down our rakes and forks
And we left off haymaking.
V
We called for a dance
And we tripped it along;
We danced all round the haycocks
Till the rising of the sun.
When the sun did shine such a glorious light,
How the harmless birds did sing;
Each lad he took his lass in hand
And went back to his haymaking.

NOTES
1) sounds that recall the trill of birds: they are the verses that imitate birds singing
2) pipe and drum, in a combination called tabor-pipe: the three-hole flute allows the musician to play the instrument with one hand, while with the other he strikes the tambourine with a shoulder strap. If the combination was very versatile and well suited to street performances of the jester, it was also perfect for the performance of the dances and then in the ancient iconography convivial images are often frequent in the presence of dancers. ((see more)

L’allodola e il cavallante nel mese di Maggio

LINK
http://www.hayinart.com/001405.html
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/thepleasantmonthofmay.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/213.html
http://www.musicanet.org/robokopp/english/haymaker.htm
http://konkykru.com/e.caldecott.our.haymaking.html

THE SPINNER’S WEDDING BY MARY BROOKSBANK

La canzone è riportata in Songs and Ballads of Dundee, 1985 di Nigel Gatherer, e appare nella raccolta di Mary Brooksbank (1897-1978) “Sidlaw Breezes” (1966). Come ci racconta la stessa Mary “This describes what went on when a girl in the mill was getting married. The gaffer couldn’t get the work properly done… They danced and they sang and had a right rollicking time. There would usually be a pey-off* and they ate cookies and drank lemonade. Ultimately they dressed her up in a long lace curtain and a cabbage as a bouquet. Another girl would dress up as the bridegroom and they would walk through the streets with their friends behind them.” (*il “pey-off” era una colletta per comprare i rinfreschi)

ASCOLTA Mary Brooksbank

ASCOLTA Cilla Fisher & Artie Trezise – Balcanquhal


I
The gaffer’s(1) looking worried
The flett’s(2) a’ in a steer(3),
Jessie Brodie’s getting merried
And the morn she’ll no be here
CHORUS
Hurrah, hurro, a daddie-o (x3)
Jessie’s getting merried –o
II
The helper and the piecer(4) went
Doon the toon last nicht,
Tae buy a wee bit present
Tae mak her hame look bricht
III
They bocht a cheeny(5) tea-set
A chanty(6) fu o saut(7)
A bonnie coloured carpet,
A kettle and a pot
IV
The shifters(8) they’re a’ dancing
The spinners singing tae,
The gaffer’s standing watching
But there’s nothing he can dae
V
Here’s best wishes tae ye, lassie
Standing at yer spinning frame,
May ye aye hae full and plenty
In yer wee bit hame
VI
Ye’ll no make muckle(9) siller (10)
Nae maitter hoo ye try
But hoard ye love and loyalty,
That’s what money canna buy
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Il capo (1) sembra preoccupato
il posto di lavoro (2) è tutto in fermento (3), Jessie Brodie si sposa
e al mattino non sarà qui
CORO
Evviva evviva, paparino
Jessie si sposa
II
Le operaie (4) andarono
giù in città la notte scorsa
per comprare un piccolo regalo
da rendere la casa allegra
III
Comprarono un set cinese (5) da tè,
un vasetto (6) pieno di sale (7),
un bel tappeto colorato,
un bollitore e una pentola.
IV
Le addette alle bobine (8) ballano e anche le addette ai filatori cantano,
il capo è in piedi a guardare
ma non c’è niente che possa fare!
V
Ecco i migliori auguri a te, ragazza
che stai al filatoio, che tu possa avere una vita piena e generosa
nella tua piccola casetta.
VI
Non farai tanti soldi,
non importa quanto tu ci provi;
ma amore e lealtà,
non possono essere comprati con i soldi

NOTE
1) Gaffer: boss, foreman
2) Flett, flat,: working platform of the spinning machinery
3) Steer: bustle, excitement
4) Piecers: millworkers, often children, who had to join the ends of broken fibres
5) Cheeny: china
6) Chanty: Potty
7) Saut: salt come portafortuna
8) Shifters: millworkers, often children, who moved amongst machinery to change bobbins on the frame
9) Muckle: much
10) Siller: money

FONTI
http://sangstories.webs.com/spinnerswaddin.htm
http://www.dundeewomenstrail.org.uk/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=63477

O DEAR ME BY MARY BROOKSBANK

Scritta  intorno al 1920 “O dear me” (conosciuta anche come “The Jute Mill Song” ) è la canzone più popolare di Mary Brooksbank. Mary Brooksbank in Chapbook Vol 3 no.4 dice: “That was a’ there was of it, just one verse. I first heard it in 1912 … they used tae sing it in the street and up and down the Passes between the frames in the mills.
Non si tratta di lavoro nei Mulini ma nei Filatoi industriali spuntati come funghi a Dundee, rinomata Jutopolis della Scozia (vedi)

Intervistata da Hamish Henderson in merito alla canzone Mary disse “Only the ditty, ‘Oh dear me, the mill’s gaen fest, the puir wee shifters…’ The verses are all mine. And that verse, ‘to feed and cled my bairnie’ was brought to me by a lassie who was worried. It wis hard lines if she, ye hid an illigitimate child and you had to pay for it aff that meagre wage, you know what I mean, and she used to say, oh I wish the day was done. And eh, tell me her troubles, her trackles, what she hid tae dae for her bairn and that, nae help that sort o’ thing, and that brought that tae mind. And then I used to think on my own aboot how ill divided the world wis.

Una specie di ninna-nanna della disperazione basata su una strofa tradizionale
‘Oh, dear me, the mill’s gaen fast,
The puir wee shifters canna get a rest,
Shiftin’ bobbins coorse and fine,
Wha the hell wad work for ten and nine
.’

ASCOLTA Mary Brooksbank

ASCOLTA Lowland folk (con delle immagini d’epoca sui lavoratori nei filatoi di Dundee che raccontano più delle parole)

ASCOLTA A Parcel o’ Rogues


Chorus
O, dear me,
the mill is running fast
And we poor shifters canna get nae rest
Shifting bobbins coarse and fine
They fairly make you work for your ten and nine
I
O, dear me,
I wish this day was done
Running up and doon the Pass is nae fun
Shiftin’, piecin’, spinning warp, weft and twine
Tae feed and clothe ma bairnie offa ten and nine
II
O, dear me,
the warld is ill-divided
Them that works the hardest are the least provided
But I maun bide(8) contented, dark days or fine
There’s nae much pleasure living offa ten and nine
traduzione italiano di Cattia Salto
CORO
O povera me
il filatoio (1) va veloce
e noi povere cambiste (2) non possiamo riposarci,
a cambiare i rocchetti di filato grosso e fine, ti fanno ben lavorare per i tuoi dieci scellini e nove (3)
I
O povera me
vorrei che questo giorno fosse finito
correre su e giù per la Passerella (4) non è divertente
cambiare, riattaccare e filare ordito (5), trama (6) e spago (7)
per nutrire e vestire il mio bambino con dieci scellini e nove
II
O povera me
il mondo è suddiviso male,
coloro che lavorano più duramente sono gli ultimi
e devo ritenermi (8) soddisfatta , con il bello o il brutto,
non è facile vivere con dieci scellini e nove

NOTE
1) La rivoluzione industriale del 700 si è subito appropriata del processo tessile e ha meccanizzato la produzione dei filati e della tessitura: in particolare le prime industrie tessili sfruttavano l’energia cinetica dell’acqua (e il vapore poi) ed erano costruite vicino ai fiumi, così a Dundee in Scozia le “jute mills“, i grandi filatoi industriali per trasformare la fibra della juta in filato, nel 19° secolo davano lavoro a 50.000 operai.
2) shifter (detto anche doffer) era l’addetto a togliere i rocchetti di filo completati per mettere quelli vuoti; piecer era quello che univa le estremità dei fili interrotti, spinner era l’addetto alla macchina della filatura. Mary iniziò a lavorare nel Baltic Jute Mill  all’età di 13 anni come doffer e divenne una spinner all’età di 15 anni
3) la paga nei filatoi di Dundee negli anni 20-30
4) Pass: passage between frames or machines in a factory
5) Warp: threads on a loom through which the crossthreads are passed
6) Weft: the crossthreads of a web of material, the woof
7) Twine: twist (into a thicker fibre)
8) stay at, live at, remain

FONTI
http://sangstories.webs.com/ohdearme.htm
http://www.8notes.com/scores/5180.asp?ftype=gif
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=3920
http://unionsong.com/u313.html

DUNDEE LASSIE BY MARY BROOKSBANK

mary-brooksbankCanzone scritta da Mary Brooksbank nel suo libro “Sidlaw Breezes” (1966), la raccolta di poesie e canzoni sulla dura vita delle lavoratrici nei filatoi di Dundee, Scozia.
DUNDEE è una cittadina vicino ad Edimburgo conosciuta come “Jutopolis” con una sessantina di juta mills che ancora agli inizi del 900 impiegavano 50.000 lavoratori; l’ultima fabbrica ha chiuso nel 1997, adesso la juta è lavorata in India e non resta più nessun edificio a ricordare il passato tranne il Verdant Works Jute Mill trasformato in un museo sui processi di trasformazione della juta da fibra a tela e cordame. continua

Nei filatoi di Dundee degli anni 40 – ai tempi della gioventù di Mary, si lavorava per 10 ore di fila.

The life of the women workers of Dundee right up to the thirties was … a living hell of hard work and poverty. It was a common sight to see women, after a long ten-hour-day in the mill, running to the stream wash-houses with the family washing. They worked up to the last few days before having their bairns. Often they would call in at the calenders from their work and carry home bundles of sacks to sew. These were paid for at the rate of 5 pence for 25, 6 pence for a coarser type of sack. Infant and maternal mortality in Dundee was the highest in the country.” (testimonianza di Mary Brooksbank).

ASCOLTA Janet Jones


I
Ah’m a Dundee lassie
ye can see
An ye’ll a’ways find me cheerful
nae matter whaur Ah be
Tho at times ah feel doonherted,
sad or ill
Ah’m a spinner  intae Baxter’s mill.
II
Ma mither died when
Ah was young,
ma faither fell in France
Ah’d like tae been a teacher
but ah never got the chance
Ah’ll soon be getting married tae a lad they ca Tam Hill
An he is an iler  intae Halley’s mill
III
Ah’m chumming  wi a lassie,
they ca her Jeannie Bain
She says she’ll never mairry,
her lad got killed in Spain
Ah often hear her speak aboot a place they ca Teruel
An she is a winder intae Craigie’s mill
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Sono una ragazza di Dundee
come vedi
e mi trovate sempre allegra (1)
non importa dove stia,
talvolta mi sento giù di corda
triste o stanca, sono una filatrice (2)
al filatoio di Baxter (3).
II
Mia madre morì quando ero giovane
mio padre cadde in Francia (4)
mi sarebbe piaciuto essere una maestra, ma non ne ho avuto l’opportunità
mi sono presto sposata con un ragazzo di nome Tam Hill e lui è un ingrassatore (5) al filatoio di Halley
III
Chiacchierando (6) con una ragazza
di nome Jeannie Bain
dice che non si sposerà mai,
il suo fidanzato è rimasto ucciso in Spagna e spesso la sento parlare di un posto chiamato Teruel (7)
e lei è una accavigliatrice (8) al filatoio di Craigie

NOTE
1) “it is known that the Dundee mill girls had a reputation for ‘hilarity and making light of things.’” (Nigel Gatherer in Songs of Dundee) “He is quoting a writer, William Walker who said this was probably a “triumph of fortitude over adversity”, as there was little for many people in Dundee to be cheerful about, including those lucky enough to have a job” ( tratto da qui)
2) spinner: Shifting, piecing e spinning erano tre tipi di mansioni che si svolgevano attorno alla macchina: shifter (detto anche doffer) era l’addetto a togliere i rocchetti di filo completati per mettere quelli vuoti; piecer era quello che univa le estremità dei fili interrotti, spinner era l’addetto alla macchina della filatura. Mary iniziò a lavorare nel Baltic Jute Mill  all’età di 13 anni come doffer e divenne una spinner all’età di 15 anni
3) si tratta dei “jute mills”. La rivoluzione industriale del 700 si è subito appropriata del processo tessile e ha meccanizzato la produzione dei filati e della tessitura: in particolare le prime industrie tessili sfruttavano l’energia cinetica dell’acqua (e il vapore poi) ed erano costruite vicino ai fiumi, così a Dundee in Scozia le “jute mills“, i grandi filatoi industriali per trasformare la fibra della juta in filato, nel 19° secolo davano lavoro a 50.000 operai (per lo più donne e bambini)
4) prima guerra mondiale; in realtà la madre era ancora in vita quando Mary all’età di 50 anni per occuparsi della madre malata,  riprese la sua attività di violinista e cantante, mettendosi a scrivere canzoni e poesie sulla vita dei lavoratori nelle fabbriche tessili, sulla vita delle donne e le ingiustizie sociali, gli eventi politici e la letteratura
5) Iler: oiler of mill machinery, non so bene come tradurre il termine in italiano essendo oliatore l’attrezzo che contiene l’olio da applicare sulle giunture dei macchinari
6) Chumming: going about as friends
7) Teruel: città spagnola in cui si svolse una cruenta battaglia al tempo della guerra civile spagnola -1937-8. Molti scozzesi si arruolarono volontari  per combattere contro Franco
8) Winder: job on the flett or working platform of the mill. Nell’industria tessile, avvolgere i filati di lana o di seta intorno ai fusi

Con il titolo Dundee Lassie peraltro si indicano anche diverse melodie tra cui anche una country dance

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/jute-mill-songs/
http://sangstories.webs.com/dundeelassie.htm

http://tunearch.org/wiki/Dundee_Lassie
http://abcnotation.com/tunePage?a=tunearch.org/wiki/Dundee_Lassie.no-ext/0001

I MOLLIES IRLANDESI, VERI CARBONARI

Decency is not for the poor. You pay for decency, you buy it. And you buy the law too, like a loaf of bread. ( dal Film “I cospiratori” di Martin Ritt 1970)

Titolo un po’ provocatorio, nato dalle reminiscenze scolastiche: in Italia quando si studia l’Ottocento ci si concentra sul Risorgimento e i Carbonari (nel senso di affiliati alla Carboneria) sono descritti  nella migliore delle ipotesi come degli illuminati (anche in senso massonico), nella peggiore come degli inguaribili romantici.
In Irlanda “i Carbonari” erano di tutt’altra pasta, non venivano dalle file dell’aristocrazia e della borghesia, ma dal popolo, erano contadini e braccianti come The Whiteboys e The Molly Maguaires società segrete di mutuo soccorso contro i latifondisti.
I carbonari italiani cospiravano per la libertà dall’oppressione austriaca, “i carbonari irlandesi” per la dignità umana (un lavoro dignitoso), soprattutto quando sbarcarono in America e nelle miniere di carbone ci finirono per davvero.
Un tema sempre attuale quello dello sfruttamento dei lavoratori e le tensioni sociali che ne conseguono..

Si stralcia l’articolo di Alessandro (The Lone Ranger) pubblicato qui

I MOLLIES

The Whiteboys, The Peep O’Day Boys, The Ribbonmen, The Defenders, The Ancient Order of Hibernians,The Molly Maguires… erano i nomi di fratellanze, associazioni di mutuo soccorso nate in Irlanda a partire dal 1700, società segrete costituite da contadini e braccianti per difendersi dai soprusi dei latifondisti, dei loro prestanome ed agenti e dei mercanti. I “Mollies”, in particolare, operavano nel Donegal. Il nome della società pare derivasse da quello della gestrice di una taverna molto popolare da quelle parti, una povera vedova che il padrone volle cacciare di casa, incontrando la resistenza dei tanti avventori del locale. I Molly Maguires erano soliti organizzare rapine (ma meglio sarebbe dire “espropri proletari”) ai danni di ricchi e mercanti con modalità molto “politiche”: uno di loro si travestiva da povera donna, impersonando la Madre Irlanda defraudata dai potenti, e avvicinava la vittima designata chiedendo elemosina… al rifiuto del riccastro o all’invito a smammare del bottegaio, gli altri “Mollies” saltavano fuori e ripulivano il malcapitato o il negozio.
Con l’emigrazione di massa, queste società segrete – un po’ bande e un po’ organizzazioni di autodifesa – si trapiantarono negli States. Ritroviamo i Molly Maguires tra gli immigrati irlandesi nelle miniere di carbone ed antracite della Pennsylvania, dove le condizioni di vita e di lavoro erano se possibile anche più dure che non nelle fattorie in Irlanda. I nemici non erano più i landlords e i tenants e i loro sgherri, ma le compagnie minerarie, i loro vigilantes e la polizia.

LE MINIERE DI ANTRACITE DELLA PENNSYLVANIA

Nel 1870 nella sola contea di Schuylkill lavoravano 22mila minatori, centinaia dei quali erano bambini, anche di sette o otto anni… La vita era terribile: malattia, fame, incidenti, disastri, le violenze dei vigilantes erano le costanti, cui si aggiungevano le periodiche crisi del mercato durante le quali le compagnie procedevano a licenziamenti di massa, gestiti manu militari. Quando tra i minatori si costituì un sindacato ufficiale, la Workingmen’s Benevolent Association (WSA), anche parecchi “mollies” entrarono a farvi parte, incarnandone l’anima più radicale e violenta. E spesso, specie nei momenti più difficili (come il grande sciopero del 1875) non mancarono – come capita sempre all’interno delle organizzazioni sindacali – le occasioni di attrito tra i “moderati” e i “radicali” e, come altrettanto sovente capita, dei dissidi cercarono di approfittare i padroni. Anche le compagnie, intenzionate a stroncare gli scioperi e bramose di annientare i Molly Maguires, procedettero su due livelli: da una parte assoldarono ufficialmente i detective della Pinkerton National Detective Agency con il compito di individuare i leader delle proteste infiltrando proprie spie nelle organizzazioni dei lavoratori, dall’altra avviarono una campagna di assassinii mirati gestita direttamente dai loro vigilantes. La manovra ebbe successo: lo sciopero fallì, molti leader sindacali vennero arrestati e, grazie alle informazioni fornite da un infiltrato di origine irlandese di nome McParlan, pure alcuni Mollies vennero individuati ed arrestati.
Il processo, condotto dal giudice Franklin Gowen che era pure presidente della compagnia mineraria [quando si dice essere imparziali], si concluse con 10 condanne a morte, tutte eseguite per impiccagione il 21 giugno 1877. Altri 10 imputati furono impiccati nei due anni successivi: “Il processo ai Molly Maguires è stato una completa resa della sovranità dello Stato. Una compagnia privata ha avviato un’indagine attraverso un’agenzia d’investigazioni privata. Una polizia privata ha arrestato i presunti colpevoli e un giudice in forza alla compagnia li ha processati. Lo Stato ha fornito solo l’aula del tribunale e le corde per impiccarli”, così scrisse tempo dopo un giudice vero.
Alexander Campbell, uno dei Molly Maguires condannati a morte, scrisse sul muro della sua cella: “Scrivo qui le mie parole a perenne memoria. Questo mio graffito non sarà mai cancellato. Rimarrà per sempre a testimoniare la vergogna di questa giustizia che ha fatto impiccare un uomo innocente.”

Nel Blog Vecchia Roba di Moreno Guida analizza il significato dell’azione di sabotaggio perseguita dai “Cospiratori”
La forma di lotta fu il sabotaggio degli impianti, la dinamite la loro arma. Scioperare non aveva senso. I padroni delle miniere sostituivano i minatori in sciopero con crumiri, altri immigrati appena sbarcati in America, uomini disperati, pronti a lavorare a qualunque condizione. Come costringere i signori del carbone a trattare? Come fermare la produzione? La soluzione fu il sabotaggio. Nei monti Appalachi apparvero i Molly Maguires e iniziarono a far saltare i pozzi. Contro questa forma di lotta il crumiraggio era impotente e così i fucili delle milizie padronali. (Moreno Guida tratto da qui)

In realtà le milizie padronali uccisero molti minatori per forzare i Mollies a compiere atti di rappresaglia, e di sicuro il processo fu allestito più per rappresaglia padronale che per fare giustizia.

Solo cento anni più tardi molti Mollies vennero riabilitati come “martiri del lavoro”, e il riaprirsi delle lotte dei minatori del Kentucky ( “Bloody Harlan County”) diede l’estro  a Phil Coulter nello scrivere la canzone “The Molly Maguires” (su musica di Bill Martin)

ASCOLTA The Dubliners nell’album “At Home with The Dubliners”  1969 prodotto guarda caso da Bill Martin e Phil Coulter.

oppure la versione punk (patinata) dei Finnegan’s Hell


CHORUS
Make way for the Molly Maguires
They’re drinkers, they’re liars but they’re men
Make way for the Molly Maguires
You’ll never see the likes of them again
I
Down the mines no sunlight shines
Those pits they’re black as hell
In mud and slime they do their time
It’s Paddy’s prison cell
And they curse the day they travelled far
And drown their tears with a jar
II
Backs will break and muscles ache
Down there there’s no time to dream
Of fields and farms, a woman’s arms
Just dig that bloody seam
Though they break their bodies underground
Who dare to push them around
Traduzione Cattia Salto
Coro
Fate largo ai Molly Maguires,
sono bevitori e bugiardi, ma sono uomini.
Fate largo ai Molly Maguires.
Non si vedranno mai più uomini come loro.
I
Nelle miniere non brilla il sole
quei pozzi sono neri come l’inferno
nel fango e nella melma scontano la loro pena, è la cella di Paddy
e maledicono il giorno in cui sono emigrati
affogando le lacrime con una pinta (1)
II
Le schiene si spezzeranno e i muscoli faranno male, laggiù non c’è tempo per sognare campi e fattorie, l’abbraccio di una donna, solo per scavare quel maledetto filone
si spaccano i corpi sotto terra,
ma chi oserà pestargli i piedi (2)?

NOTE
1) In Gran Bretagna, “Jar” è  un barattolo dal collo largo, adatto per conservare marmellate e sottaceti,  ma anche un vaso rastremato a collo di bottiglia. Anticamente era utilizzato per lo stoccaggio di liquidi, e doveva essere consuetudine berci direttamente, e tuttavia il termine si usa più spesso per indicare un bicchiere equivalente a una pinta: “I’ll have a jar” si traduce infatti con ” berrò una pinta di birra
2) to push around nel senso di comandare,  fare il prepotente
FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=5905
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=6723
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=31073&lang=it
http://vecchiaroba.blogspot.it/2016/03/lotta-operaia-e-sabotaggio-i-molly.html
http://blog.oup.com/2013/12/ten-things-to-understand-about-the-molly-maguires/
https://it.wikipedia.org/wiki/I_cospiratori_(film_1970)

THE COCKLE GATHERER

“‘S trusaidh mi na Coilleagan” (The Cockle gatherer) è una canzone in gaelico che viene dalle Isole Ebridi collezionata da Marjorie Kennedy-Fraser nell’isola di Eigg.

Così scrive Camille Dressler della Eigg History Society: “Following its publication by Marjorie Kneedy Fraser, the song was very popular at one time, it has now been re-recorded and sung to the original tune ( MKF tended to change and adapt the tunes to make them more “palatable” to her audience) by Gaelic singers and the tune can be found in the Feisean nan Gaidheal song book 1. It was recorded from an Eigg singer in any case- I can;t remember the name but it is indicated in MJK ‘s book) and it may well have composed locally, although it may have come from Barra where cockle gathering was more common. It is typical of the kind of Gaelic work songs where repetitive activity is alleviated by rhythmical singing. It certainly would have been sung on the shore but also performed at ceilidhs as it has a rousing chorus. Our children learnt it and sung it on our community buy-out celebration day.”

Si tratta quindi di un canto di lavoro intonato dai raccoglitori di vongole (per lo più donne) per spezzare la monotonia e alleviare la fatica. Un tipo di lavoro che segue la luna e le maree,  con piedi e mani nel fango, consistente nel chinarsi, inserire lo strumento di carotaggio, ricavare un buco nel terreno e poi metterci dentro la mano. Oppure si raschia il fango del litorale con un apposito rastrello, e lo si passa al setaccio.

Hacker, Arthur; Cockle Gatherers; Worcester City Museums; http://www.artuk.org/artworks/cockle-gatherers-52813
Hacker, Arthur; Cockle Gatherers; Worcester City Museums; http://www.artuk.org/artworks/cockle-gatherers-52813

COMMON COCKLE

Ma cosa è una “cockle“? In Italiano si traduce indifferentemente come conchiglia, vongola, tellina,  eppure c’è una bella differenza. Conchiglia è un temine generico che si adatta a tanti tipi di gusci del mare. Vongola e tellina sono  molluschi bivalvolari che appartengono però a due distinte famiglie pur essendo molto imparentate e dall’aspetto simile: le vongole vivono un po’ meno in profondità nella sabbia del litorale e sono quindi più facili da raccogliere.
Ecco un bel catalogo dei vari tipi di molluschi (vedi)

Le vongole scozzesi (e più in generale delle Isole britanniche/Irlanda) vengono dette comunemente vongole rigate (Common Cockle, Cardium edule o in italiano Cuore ovvero Arsella) perchè hanno il guscio rigato, sono molto più saporite e finiscono oltre che nelle zuppe, in pastella con il merluzzo per il tradizionale fish and chips. Un alimento un tempo considerato il cibo dei poveri, da consumare con parsimonia, essendo la vongola ricca di colesterolo (non per niente è di un bel rosso arancio) e con attenzione, in quanto il mollusco è un “filtro” del mare e trattiene tutte le sostanze inquinanti che ci sono finite dentro.

cocklesIl Cuore è una conchiglia con 2 valve, a forma di cuore di colore chiaro, con costole non molto marcate e striature. Vive nei fondi fangosi e si pesca con il rastrello. E’ una specie comune nel Mediterraneo e nell’Atlantico orientale.
Denominazioni dialettali: Cuore edule (Italiano, Lazio); Muià, Arsella (Liguria); Capa margarota, Capa tonda di valle (Veneto); Cape marzarote (Venezia G.); Cuoretto, Tellina (Toscana); Canestrello (Marche); Cocciola’e fango, Cozzola galluccio, Cocciola’e sciumo, Cocciole’e Pusilleco (Campania); Cozzola, Cozzola riale, Galluccieddo, Nuce de mar (Puglie); Arcella, Arcedda, Jarcella, Cocciula cutignina (Sicilia). (tratto da qui)

Non ho trovato riferimenti sui raccoglitori di vongole rigate in Scozia, sono invece ben documentati i metodi di raccolta nel Galles
VIDEO: raccoglitori di vongole nel 1940 e 1960
Le vongole Penclawdd sono presenti nell’estuario del Burry, nel sud del Galles, fin dall’epoca romana. Le vongole sono rimosse dalla sabbia quando le lettiere restano esposte, durante la bassa marea. Tradizionalmente questo compito era eseguito da un asino che trainava un carretto munito di un rastrello ricurvo metallico per smuovere la sabbia. .. I ritrovamenti archeologici suggeriscono che le vongole sono presenti nell’estuario del Burry fin dall’epoca romana. Sono state consumate in abbondanza nella regione per secoli: le donne tradizionalmente raccoglievano a mano le vongole prima di venderle al mercato, bollite (cocs rhython) o al naturale (cocs cregyn). (tratto da qui)


LA MELODIA
La canzone è quasi una filastrocca

ASCOLTA Julie Feeney Hai O Na h-Eireagan/’S Trusaidh Mi Na Coilleagan

I dal a du vil
I dal a du ho ro
I dal a du vil
‘S trusaidh mi na coilleagan
I dal a du vil
I dal a du ho ro
I dal a du vil
‘S trusaidh mi na coilleagan
Gair aig an fhairge
Shios anns na sgeirein ud
Gair aig an fhairge
‘S trusaidh mi na coilleagan
Gair aig an fhairge
Shios anns na sgeirein ud
Gair aig an fhairge
‘S trusaidh mi na coilleagan


TRADUZIONE INGLESE
CHORUS
vocables
I will gather cockles
I
A shout(1) from the ocean
Down in the high heavens
A shout from the ocean
I will gather cockles

traduzione italiano di Cattia Salto
CORO
parole senza senso
raccoglierò le vongole
I
Un grido dall’oceano
giù nell’alto dei cieli
un grido dall’oceano
raccoglierò le vongole

NOTE
1) di gabbiani

LA VERSIONE MARJORIE KENNEDY FRASER
ASCOLTA Marie McLaughlin

Chorus:
Eetl a doo veel
Eetl a doo ho ro
Eetl a doo veel
Blythe I gather cockles here,
I
Joy scream of sea gulls
Down on the skerry there
Joy scream of sea gulls
while I gather cockles here
II
Laughter of sea waves
Down on the skerry there
Laughter of sea waves
while I gather cockles here
traduzione italiano di Cattia Salto
Eetl a doo veel
Eetl a doo ho ro
Eetl a doo veel
raccoglierò le vongole
I
Un grido di gioia dei gabbiani
laggiù sullo scoglio
Un grido di gioia dei gabbiani
mentre raccolgo le vongole
II
Risate delle onde del mare
laggiù sullo scoglio
Risate delle onde del mare
mentre raccolgo le vongole

FONTI
http://www.celticlyricscorner.net/puirt/strusaidh.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=143472
https://my.strathspey.org/dd/tune/10530/#dances
http://www.my-personaltrainer.it/alimentazione/telline.html
http://www.waterwereld.nu/cockle.php
http://www.jacoporanieri.com/blog/?p=19805
http://naturalhistory.museumwales.ac.uk/molluscatypes/Home.phphttp://www.isleofeigg.net/eigg_heritage_trust.html
http://thelifestylejournal.it/2015/06/04/isola-di-eigg-completamente-indipendente-dal-petrolio/

I canti di lavoro nella tradizione inglese: la Jolly Country

Read the post in English

Il tempo del raccolto del grano varia a seconda delle latitudini: a Sud come ad esempio nell’Italia meridionale si inizia a mietere già a giugno, mentre in Piemonte a luglio e nei paesi del Nord come per le Isole della Gran Bretagna, ad agosto.
Un tempo la stagione della mietitura poteva durare circa un mese con i braccianti (i mietitori migranti) che si spostavano a piedi, di fattoria in fattoria con in spalla gli attrezzi per il loro lavoro (i falcetti per le donne, la grande falce per gli uomini) e un fagottino con le loro poche cose: andavano in gruppi per famigliole,  uomini e donne (anche se in alcune regioni erano solo uomini a spostarsi), e per molte ragazze quella era l’occasione di fare nuove amicizie e magari di trovare l’innamorato.

George Hemming Mason - The Harvest Moon

I canti della mietitura sono comuni per tutta l’Europa e per lo più sono a sfondo religioso-rituale, e sotto a volte scorre il canto di protesta delle classi subalterne . Ma i canti sono scomparsi perchè con la meccanizzazione (e la chimica) dell’agricoltura il mondo contadino si è diradato; con l’avvento della televisione, alla cultura del territorio si è sostituita quella omologata e massificata, così oggi nelle campagne non si canta più! Le classi sociali ovviamente sono rimaste, per dirla come Gualdo Anselmi “è scomparsa la cultura delle classi”.

JOLLY COUNTRY

Il canto della mietitura che ho scelto oggi si intitola “Reaphook and Sickle” e proviene dalla tradizione inglese: è un canto “jolly” che dipinge in toni entusiasmanti e descrive quello che in realtà è stato un duro lavoro come se si trattasse di un giro di danza. Altri tempi e risorse, altre mentalità, però a mio avviso è importante ridare dignità al lavoro della terra, come una vera e propria vocazione, in cui si vive a stretto contatto con la natura e i suoi tempi.

coltivazione sinergicaNon più isolati e delimitati nel proprio campicello come nel passato, facendo tesoro dei metodi tradizionali o delle “filosofie” naturali come quella che oggi viene detta agricoltura sinergica, che chiunque abbia un po’ di terra a disposizione può sperimentare per farci un orto sinergico  (si sembra un paradosso di termini parlare di agricoltura naturale ma funziona alla grande) .. e trovare un po’ di “jollytudine“..

Eliza Carthy in Holy Heathens and the Old Green Man 2007


I
Come you lads and lasses,
together we will go
All in the golden cornfield
our courage for to show.
With the reaping hook and sickle
so well we clear the land,
And the farmer says,
“Hoorah, me boys,
here’s liquor at your command.”
II
It’s in the time of haying
our partners we do take,
Along with lads and lasses
the hay timing to make.
There’s joining round in harmony
and roundness to be seen,
And when it’s gone
we’ll take your girls
to dance Jack on the green(1).
III
It’s in the time of harvest
so cheerfully we’ll go,
Then some we’ll reap
and some we’ll sickle
and some we’ll size to mow.
But now at end
we’re free for home,
we haven’t far to go,
We’re on our way to Robin Hood’s Bay (2) to welcome harvest home.
IV
Now harvest’s done and ended
and the corn all safe from harm,
And all that’s left to do, me boys,
is thresh it in the barn.
Here’s a health to all the farmers, likewise the women and men,
And we wish you health and happiness till harvest comes again.
traduzione italiano Cattia Salto
I
Venite voi, ragazzi e ragazze
e andiamo tutti insieme
nei dorati campi di grano
a mostrare la nostra forza.
Con il falcetto e la falce,
così bene ripuliremo il campo
e il fattore grida
“ben fatto ragazzi,
c’è da bere a volontà”
II
E’ il tempo della mietitura
e di prendere i nostri compagni
insieme ragazzi e ragazze
è il tempo di fare il fieno.
C’è da unirsi in tondo in armonia
e da formare il cerchio
e quando sarà fatto
prenderemo le nostre ragazze
per danzare “Jack on the Green”
III
E’ il tempo del raccolto
così con gioia andremo
e chi mieterà con il falcetto
e chi con la grande falce
e chi formerà i covoni.
E adesso infine
siamo liberi di tornare,
non dobbiamo andare molto lontano
stiamo andando a Robin Hood’s Bay
per portare a casa il raccolto.
IV
Ora che il raccolto è fatto e finito
e tutto il grano al sicuro
tutto quello che ci resta da fare, miei ragazzi, è di trebbiarlo nel fienile.
Ecco alla salute di tutti gli agricoltori, siano uomini e donne,
e vi auguriamo salute e felicità finchè non verrà ancora il tempo della mietitura.

NOTE
1) Jack il verde è stata una popolare maschera del Maggio inglese, dal medioevo e fino in epoca vittoriana, caduta in disuso alla fine dell’Ottocento. vedi
2) Robin Hood’s Bay è un paese della contea del North Yorkshire, in Inghilterra.

Albion Country Band in Battle of the Field 1976


I
Now come all you lads and lasses
and together let us go
Into some pleasant cornfield
our courage for to show.
CHORUS
With the good old leathern bottle

and the beer it shall be brown.
We’ll reap and scrape together
until Bright Phoebus does go down.
II
With the reaphook and the sickle,
oh so well we clear the land,
And the farmer cries,
“Well done, my lads,
here’s liquor at your command.”
III
Now by daybreak in the morning
when the larks begin to sing
And the echo of the harmony
make all the crows to ring
IV
Then in comes lovely Nancy
the corn all for to lay,
She is a charming creature
and I must begin her praise:
For she gathers it, she binds it,
and she rolls it in her arms,
She carries it to the waggoners
to fill the farmer’s barns.
V
Well now harvest’s done and ended
and the corn secure from harm,
Before it goes to market, lads,
we must thresh it in the barn.
VI
Now here’s a health to all you farmers
and likewise to all you men,
I wish you health and happiness
till harvest comes again.
traduzione italiano Cattia Salto
I
Venite voi, ragazzi e ragazze
e andiamo tutti insieme
nei bei campi di grano
a mostrare la nostra forza.
CORO
Con la cara vecchia fiaschetta di pelle

e la birra sarà scura
taglieremo e raccoglieremo insieme
finchè Febo Luminoso tramonterà
II
Con il falcetto e la falce,
così bene ripuliremo il campo
e il fattore grida
“ben fatto ragazzi,
c’è da bere a volontà”
III
Ora di primo mattino
quando l’allodola comincia a cantare
e il suono della melodia
fa tutti i corvi fischiare
IV
Allora arriva la bella Nancy
il grano tutto da riporre
lei è una creatura affascinante
e devo innalzare le sue lodi:
perché lei lo raccoglie e lo lega
e lo avvolge tra le braccia
e lo porta ai carri
per riempire il granaio del contadino
V
Ora che il raccolto è fatto e finito
e tutto il grano al sicuro
tutto quello che ci resta da fare, miei ragazzi, è di trebbiarlo nel fienile.
VI
Ecco alla salute di tutti
gli agricoltori,
e di voi braccianti tutti,
vi auguro salute e felicità
finchè non verrà ancora il tempo della mietitura.

IL CANTO DEI MIETITORI

Nel Vercellese la produzione cerealicola era ed è quella risicola e quindi sono i canti delle mondine a fare da padrone. Non che non ci fosse il grano da mietere, ma si trattava di produzioni meno vaste, che i contadini della zona gestivano facendo ricorso alla manodopera locale e aiutandosi l’uno con l’altro per parentele o prossimità di campi o per amicizie di lunga data. Così propongo un ascolto meno tradizionale, ma non meno coerente con l’argomento dell’articolo: una versione blues della poesia “Il canto dei mietitori” di Mario Rapisardi (musica di Joe Fallisi)

Chitarra: Pasquale Ambrosino, Luigi Consolo, Roberto Ruberti, Ruggero Ruggeri – Pisa, 29/10/1993 –

I
La falange noi siam dei mietitori
e falciamo le messi a lor signori.
Ben venga il Sol cocente, il Sol di giugno
che ci arde il sangue e ci annerisce il grugno
e ci arroventa la falce nel pugno,
quando falciam le messi a lor signori.
II
Noi siam venuti di molto lontano,
scalzi, cenciosi, con la canna in mano,
ammalati dall’aria del pantano,
per falciare le messi a lor signori.
III
I nostri figlioletti non han pane
e, chi sa?, forse moriran domane,
invidiando il pranzo al vostro cane…
E noi falciam le messi a lor signori.
IV
Ebbro di sole, ognun di noi barcolla
acqua ed aceto, un tozzo e una cipolla
ci disseta, ci allena, ci satolla,
Falciam, falciam le messi a quei signori.
V
Il sol cuoce, il sudore ci bagna,
suona la cornamusa e ci accompagna,
finché cadiamo all’aperta campagna.
Falciam, falciam le messi a quei signori.
VI
Allegri o mietitori, o mietitrici:
noi siamo, è vero, laceri e mendici,
ma quei signori son tanto felici!
Falciam, falciam le messi a quei signori.
VII
Che volete? Noi siam povera plebe,
noi siamo nati a viver come zebre
ed a morir per ingrassar le glebe.
Falciam, falciam le messi a quei signori.
VIII
O benigni signori, o pingui eroi,
vengano un po’ dove falciamo noi:
balleremo il trescon, la ridda e poi…
poi falcerem le teste a lor signori.

« Ho creduto e crederò sino all’ultimo istante che flagellare i malvagi e smascherare gli ipocriti sia opera generosa e dovere massimo di scrittore civile. » (Mario Rapisardi)

FONTI
https://mainlynorfolk.info/guvnor/songs/reaphookandsickle.html

Fire down below, l’ultimo shanty

Read the post in English

“Fire Down Below” oltre ad essere il titolo di un film (in italiano l’inferno sepolto) e di una canzone rock è soprattutto una canzone marinaresca (sea shanty) o meglio l’ultima delle canzoni marinaresche secondo Stan Hugill. Dato il tema era spesso utilizzata come pump chanty ma anche come capstan chanty.

LA VERSIONE DI JOHN SHORT

Scrivono gli autori del progetto “Short Sharps Shanties”: C’era un broadside intitolato Fire! Fire! Fire! – stampato dal Glasgow Poet’s Box il 23 Nov. 1867.  Altre versioni sono state stampate anche da Fortey di Londra e Sanderson di Edimburgo circa nello stesso tempo. Il ritornello è ovviamente relativo se non originario dalla shanty:
Fire! fire! fire!
Now I’s bound to go;
Can’t you give us a bucket of water,
Dere’s a fire down below.
Il testo è in un gergo da falso nero  e descrive la zia Sally che sta quasi per morire nel’incendio di casa.  C’era anche una parodia, stampata da Such di Londra al’incirca nello stesso periodo, che parla di un incontro tra un ragazzo di campagna e una ragazza di città e del più comune ‘fire down below’ causato da una malattia venerea.
Fire! fire! fire!, Fire down below;
Let us hope that we shall never see,
A fire down below.
Curiosamente, nessun tema sembra ricorrere in altre versioni collezionate della shanty anche se molti cantanti di shanty adottano una versione  “a doppio senso” nel coro. Tozer e Sharp la danno come una pumping shanty, Hugill la cita come la favorita per quell’occasione, e Colcord dice che “Quasi tutte le capstan shanties possono essere usate per le manovre alle pompe, ma alcune [come questa], sono riservate per convenzione a nessun altro uso.”
Hugill commenta che, delle sue cinque versioni, la versione di Short ha “un motivo non molto musicale. Questa forma è diventata popolare tra i cantanti delle radio.” Tutti i versi tranne l’ultimo arrivano da Short, anche se, inspiegabilmente, ha dato a Sharp solola strofa ‘fire in the galley’ e gli ha poi spedito per posta le altro quattro strofe. (tratto da qui)

Jackie Oates in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor Vol 1 (su Spotify)

Chorus
Fire, fire, fire down below,
It’s Fetch a bucket of water girls
There’s fire down below.
I
Fire in the galley, fire down below.
It’s fetch a bucket of water girls,
There’s fire down below.
fire, fire..
II
Fire in the bottom fire in the main
It’s fetch a bucket of water girls,
And put it out again.
fire, fire..
III
As I walked out one morning
all in the month of June
I overheard an irish girl
sing this old song
fire, fire..
IV
Fire in the lifeboat,
fire in the gig(6),
Fire in the pig-stye roasting of the pig.
fire, fire..
V
Fire up aloft boy  and fire down below,
It’s fetch a bucket of water girls,
There’s fire down below.
Traduzione italiano di Cattia Salto
Al fuoco, al fuoco, laggiù
portate un secchio, ragazze,
c’è il fuoco laggiù
I
Fuoco in cucina, fuoco là sotto
portate un secchio, ragazze,
c’è il fuoco laggiù
Al fuoco, al fuoco ..
II
Fuoco in alto e fuoco in mare
portate un secchio, ragazze,
c’è il fuoco laggiù
Al fuoco, al fuoco ..
III
Mentre passeggiavo un mattino
nel mese di Giugno
ascoltai una ragazza irlandese
che cantava questa vecchia canzone
Al fuoco, al fuoco ..
IV
Fuoco nella scialuppa,
fuoco nella lancia,
fuoco nel recinto che arrostisce il maiale. Al fuoco, al fuoco ..
V
Fuoco in cima e fuoco in basso
portate un secchio, ragazze,
c’è il fuoco laggiù


Shanty Gruppe Breitling
in Haul the Bowline 2013 su Spotify


Fire in the galley, fire in the house,
Fire in the beef kid(1), scorching the scouse(2).
Fire, fire, fire down below,
Fetch a bucket of water boys
Fire down below.
Fire in the forepeak(3) fire in the main(4)
fire in the windlass(5) fire in the chain
Fire in the lifeboat, fire in the gig(6),
Fire in the pig-stye roasting the pig.
Fire on the orlop(7) (cabine) fire in the hold.
Fire in the strong room melting the gold.
Fire round the capstan(5), fire on the mast,
Fire on the main deck, burning it fast.
Fire on .. (8)
Traduzione italiano di Cattia Salto
Fuoco in cucina, fuoco in casa
fuoco nella pignatta(1) che brucia lo stufato(2);
al fuoco, al fuoco, laggiù
portate un secchio, ragazzi,
c’è il fuoco laggiù.

Fuoco nel gavone(3) e fuoco sull’albero(4),
fuoco sull’argano(5) e sulla catena; fuoco nella scialuppa, fuoco nella lancia(6),
fuoco nel recinto che arrostisce il maiale.
Fuco sul ponte inferiore(7) e nella stiva,
fuoco nel crogiolo che fonde l’oro.
Fuoco sul verricello(5) fuoco sull’albero,
fuoco sul ponte principale che brucia in fretta

NOTE
1) Beefkid = caratteristica pentola per cuocere lo stufato
2) scouse = è un piatto tradizionale di Liverpool, ossia uno stufato di carne e verdure (con patate, cipolle, carote e carne d’angello). E’ un piatto popolare della cucina povera. Scouse è anche l’accento tipico di Liverpool (delle classi popolari) con chiare influenze celtiche, l’originarsi dell’accento è derivato molto probabilmente dalla pronuncia inglese da parte degli immigranti irlandesi giunti a Liverpool per cercare lavoro, un tipo di emigrazione cospicua e protratta nel tempo. Ad esempio nel censimento del 1841 un quarto degli abitanti di Liverpool era nato in Irlanda e ancora dal censimento all’inizio del XXI secolo si è rilevato che il 60% dei Liverpudlians ha origine irlandese.
3) forepeak= gavone un termine nautico per indicare una specie di “ripostiglio” a prora e a poppa in cui stivare vele e cime
4) main in termini nautici si traduce con varie parole ma composte da solo significa l’oceano, l’alto mare. Può indicare anche l’albero principale, il più alto degli alberi (mainmast) oppure la vela più grande (mainsail) albero maestro e vela maestra.
5) verricello e argano come termini nautici stanno a indicare due diverse “macchine” che svolgono però la stessa funzione quella cioè di sollevare pesi mediante l’uso di una fune o catena. Nelle navi a vela per diporto un winch è un verricello di modeste dimensioni che serve per manovrare le vele. La principale differenza tra le due macchine è che il verricello ha l’asse orizzontale, mentre l’argano ha l’asse verticale, Il verricello di norma è costruito per il traino, l’argano invece per il sollevamento. Si stralcia da wikipedia “Il verricello è formato da un cilindro orizzontale (chiamato tamburo) che avvolge la fune sulla quale è applicata la resistenza (carico). Questo viene fatto ruotare da un ingranaggio che moltiplica la forza di entrata, sia questa di una manovella come nel caso di un apparecchio manuale o di un motore elettrico, idraulico o pneumatico a seconda delle esigenze. Poiché il verricello è una macchina considerata molto antica, i primi prototipi non utilizzavano ingranaggi-moltiplicatori e pertanto all’epoca la sua potenza (braccio) era da considerarsi semplicemente tanto maggiore quanto più lunga era la manovella di azionamento. Un classico esempio di verricello è il pozzo in cui, girando una manovella, facciamo ruotare il tamburo attorno al quale è avvolta la corda che sostiene il secchio, facendolo salire o scendere. Oggi esistono infinite tipologie di verricelli ma praticamente tutte sfruttano le potenzialità dell’ingranaggio” “Capstan” è più propriamente il verricello dell’ancora,
6) gig= Una barca a remi, un motoscafo o una barca a vela usati come lancia veloce per il capitano o per un guardiano del faro, adatta alla velocità e non è un’imbarcazione usata come barca da lavoro.

La versione caraibica

Questa versione proviene dai pescatori caraibici dell’Isola di Nevis (riportata da Roger Abrahams in “Deep the Water, Shallow the Shore”)
Hulton Clint

La versione folk

Una versione decadente che con il “fuoco nella parti basse” allude alla sessualità dirompente di una giovane fanciulla!

Nick Cave in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs and Chanteys  ANTI 2006.


She was the parson’s daughter
With her red and rosy cheeks
(Way, hey, hee, hi, ho!)
She went to church on Sunday
And sang the anthem sweet
(‘Cause there’s fire down below)
The parson was a misery
So scraggy and so thin
“Look here, you motherfuckers
If you lead a life of sin”He took his text from Malachi(1)
And pulled a weary face
Well, I fucked off for Africa (2)
And there, I feel(3) from grace
The parson’s little daughter
Was as sweet as sugar-candy
I said to her, “us sailors
Would make lovers neat and handy”
She says to me, “you sailors
Are a bunch of fucking liars
And all of you are bound to hell
To feed the fucking fires”
Well, there’s fire down below, my lad
So we must do what we oughta
‘Cause the fire is not half as hot
As the parson’s little daughter
Yes, there’s fire (fire)
Down (down)
Below (below)
traduzione italiano Cattia Salto
Lei era la figlia del parroco
con le sue guance rosa e rubiconde
che andò la domenica in chiesa per cantare l’inno dolcemente
(perchè c’era il fuoco sotto).
Il parroco era un infelice
così allampanato:
“Guardatevi fottuti bastardi,
se condurrete una vita nel peccato”.
Prese il suo sermone da Malachia(1),
fece una faccia stanca,
bene affanculo l’Africa(2)
e li mi sono sentito nella Grazia(3).
La piccola figlia del parroco
era dolce come zucchero filato
le dissi “Noi marinai
facciamo l’amore bene e con destrezza”
Lei mi dice “Voi marinai
siete un branco di fottuti bugiardi
e ognuno di voi è destinato all’inferno per alimentare i fuochi della dannazione”
Beh c’è del fuoco lì sotto, ragazzo mio, così dobbiamo fare quello che dobbiamo
perchè il fuoco non è la metà caldo
di come è calda la piccola figlia del parroco.
Proprio giù

NOTE
1) Malachia fu un Profeta Dell’Antico Testamento vissuto nel V secolo a. C. Wikipedia dice a riguardo: il suo libro profetico.. si compone di sei brani costituiti sullo stesso tipo; Jahvé, o il suo profeta, lancia un’affermazione, che è discussa dal popolo o dai sacerdoti e che è sviluppata in un discorso in cui si alternano minacce e promesse di salvezza. Sono soprattutto due i temi che lo riguardano: le colpe culturali dei sacerdoti e dei fedeli e lo scandalo dei matrimoni misti e dei divorzi.
2) il senso della frase mi sfugge letteralmente “ho mandato a puttane l’Africa”
3) trovato scritto sia come feel che come fell: nel primo caso significa “lì mi sono sentito nella grazia“, sotto inteso la Grazia di Dio (e non solo);  nel secondo  diventa “li sono caduto in (dis)grazia”

FONTI
http://www.bethsnotesplus.com/2015/01/fire-down-below.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/783.html
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/19/fire.htm
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=2020
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=35083
https://www.youtube.com/watch?v=Or32B_IZWKs
https://ismaels.wordpress.com/2008/11/01/rogue%E2%80%99s-gallery-the-art-of-the-siren-4/