Archivi tag: The Outlander

Outlander book: giving a new wife a fish

Leggi in italiano

FROM OUTLANDER BOOK
Diana Gabaldon

In the first book of the Outlander saga written by Diana Gabaldon chapter 16 Jamie recites, the day after their wedding, an old love song to Claire, giving her a fish.

A good size,” he said proudly, holding out a solid fourteen-incher. “Do nicely for breakfast.” He grinned up at me, wet to the thighs, hair hanging in his face, shirt splotched with water and dead leaves. “I told you I’d not let ye go hungry.”
He wrapped the trout in layers of burdock leaves and cool mud. Then he rinsed his fingers in the cold water of the burn, and clambering up onto the rock, handed me the neatly wrapped parcel.
“An odd wedding present, may be,” he nodded at the trout, “
“It’s an old love song, from the Isles. D’ye want to hear it?”
“Yes, of course. Er, in English, if you can,” I added.
“Oh, aye. I’ve no voice for music, but I’ll give you the words.” And fingering the hair back out of his eyes, he recited,
“Thou daughter of the King of bright-lit mansions
On the night that our wedding is on us,
If living man I be in Duntulm,
I will go bounding to thee with gifts.
Thou wilt get a hundred badgers, dwellers in banks,
A hundred brown otters, natives of streams,
a hundred silver trout, rising from their pools

A nighean righ nan roiseal soluis

Alexander Carmichael in his “Carmina Gadelica” Vol II, reports the fragment of this old Scottish Gaelic song, translating into English, and assuming that the author was a Macdonalds of the Isle of Skye. (a clan renowned for the poetic fame of its exponents of prominence)
Skye is probably the island of the Hebrides more similar to the land of Avalon, privileged location of many fantasy films, but more recently a inflated destination for mass tourism (with all the negative aspects of high prices, streets overcrowded by tourist buses and even to the most inaccessible destinations you risk finding yourself in a large company)


English translation *
I
Thou daughter of the king of bright-lit mansions,
On the night that our wedding is on us,/If living man I be in Duntulm
I will go bounding to thee with gifts.
II
Thou wilt get an hundred badgers dwellers in banks,
An hundred brown otters native of streams,
Thou wilt get an hundred wild stags that will not come/ To the green pastures of the high glens.
III
Thou wilt get an hundred steeds stately and swift,
An hundred reindeer  intractable in summer,
And thou wilt get an hundred hummelled red hinds,
That will not go in stall in the Wolfmonth of winter
Scottish Gaelic
I
A nighean righ nan roiseal soluis (1),
An oidhche bhios oirnne do bhanais,
Ma ’s fear beo mi an Duntuilm (2)
Theid mi toirleum (3)  da d’earrais.
II
Gheobh tu ciad bruicean tadhal bruach,
Ciad dobhran donn, dualach alit,
Gheobh tu ciad damh alluidh nach tig
Gu innis ard ghleannaidh. (4)
III
Gheobh to ciad steud stadach, luath,
Ciad bràc (5) bruaill an t-samhraidh,
’S gheobh tu ciad maoilseach (6) maol, ruadh,
Nach teid am buabhall am Faoileach (7) geamhraidh

NOTES
* Alexander Carmicheal
1) roiseal soluis= fine bright light or display of light,
2) Duntulm  (Scottish Gaelic: Dùn Thuilm) is a township on the most northerly point of the Trotternish peninsula of the Isle Of Skye. The village is most notable for the coastal scenery coupled with the ruins of Duntulm Castle,
3) tòirleum: leum bras
4) Diana Gabaldon concludes the poem by adding a verse that recalls the comic situation created between the two protagonists “a hundred silver trout, rising from their pools”
5) bràc= brae= Beurla (reindeer)
6) bean an fhèid
7) Faoilteach

The symbolism of matrimonial gifts is evident: the abundance of herds is auspicious for the fertility of the couple.

LINK
http://www.sacred-texts.com/neu/celt/cg2/cg2106.htm
http://www.electricscotland.com/books/pdf/carminagadelicah02carm.pdf
http://luideagbheag.blogspot.com/2016/11/a-nigheann-righ-nan-roiseal-soluis.html

https://www.thecastlesofscotland.co.uk/the-best-castles/scenic-castles/duntulm-castle/
https://50sfumaturediviaggio.com/2017/07/01/isola-di-skye-informazioni-generali/
https://50sfumaturediviaggio.com/2017/06/30/isola-di-skye-4-giorni-tra-le-nuvole/

Outlander: i regali dello sposo

Read the post in English  

DAL LIBRO LA STRANIERA

Diana Gabaldon

Nel primo libro della saga Outlander scritto da Diana Gabaldon il capitolo 16 Jamie recita,  il giorno dopo il loro matrimonio, una vecchia canzone d’amore a Claire, dandole una trota appena pescata con le mani.
“E una vecchia canzone d’amore, viene dalle Isole. Vuoi sentirla?”
“Si, certo. Ehm in inglese, se puoi” aggiunsi.
“Oh, aye. Non sono granchè intonato, ma posso dirti le parole” E, togliendosi le ciocche dei capelli dagli occhi, recitò:
Tu, figlia del re dei castelli illuminati a giorno,
la sera del nostro matrimonio,
se ancora uomo vivo sarò a Duntulm,
a grandi balzi verrò da te pieno di doni.
Avrai cento tassi, che dimorano in riva ai fiumi,
cento lontre brune, native dei torrenti..

A nighean righ nan roiseal soluis

Alexander Carmichael nel suo “Carmina Gadelica” Vol II, riporta il frammento di questa vecchia scottish song in gaelico scozzese, facendone la traduzione in inglese, supponendo che l’autore sia stato un Macdonalds delle Isole (clan rinomato per la fama poetica dei suoi esponenti di spicco) dell’isola di Skye.
Skye è probabilmente  l’isola delle Ebridi più simile alla terra di Avalon, location privilegiata di molti film fantasy e non, e più recentemente meta inflazionata del turismo di massa (con tutti gli aspetti negativi dei prezzi gonfiati, le strade sovraffollate dai bus turistici e anche alle mete più impervie rischiate di trovarvi in numerosa compagnia)

I
A nighean righ nan roiseal soluis (1),
An oidhche bhios oirnne do bhanais,
Ma ’s fear beo mi an Duntuilm (2)
Theid mi toirleum (3)  da d’earrais.
II
Gheobh tu ciad bruicean tadhal bruach,
Ciad dobhran donn, dualach alit,
Gheobh tu ciad damh alluidh nach tig
Gu innis ard ghleannaidh.
III
Gheobh to ciad steud stadach, luath,
Ciad bràc (5) bruaill an t-samhraidh,
’S gheobh tu ciad maoilseach (6) maol, ruadh,
Nach teid am buabhall am Faoileach (7) geamhraidh

traduzione inglese *
I
Thou daughter of the king of bright-lit mansions (1),
On the night that our wedding is on us,/If living man I be in Duntulm (2)
I will go bounding to thee with gifts.
II (4)
Thou wilt get an hundred badgers dwellers in banks,
An hundred brown otters native of streams,
Thou wilt get an hundred wild stags that will not come/ To the green pastures of the high glens.
III
Thou wilt get an hundred steeds stately and swift,
An hundred reindeer intractable in summer,
And thou wilt get an hundred hummelled red hinds,
That will not go in stall in the Wolfmonth of winter
Traduzione italiana**
[Tu, figlia del re dei castelli illuminati a giorno,
la sera del nostro matrimonio
se ancora uomo vivo sarò a Duntulm, a grandi balzi verrò da te pieno di doni.
II
Avrai cento tassi, che dimorano in riva ai fiumi,
cento lontre brune, native dei torrenti]
Avrai cento cervi
che non andranno
sui verdi pascoli degli altopiani.
III
Avrai cento destrieri maestosi e dal piè veloce,
cento renne difficili da trattare in estate
Avrai cento cervi rossi senza corna
che non andranno nella stalla nel mese invernale di Gennaio.

NOTE
* Alexander Carmicheal
** Cattia Salto fuori dalle [ ]
1) letteralmente roiseal soluis= fine bright light or display of light, se fosse una fiaba verrebbe voglia di tradurre come “re della schiera luminosa” e prosegue “la notte del nostro matrimonio è alle porte
2) Duntulm Castle è un castello diroccato su uno spuntone di roccia sulla costa settentrionale di Trotternish , nell’isola di Skye. Sede del clan Mac Donald di Sleat a partire dal Seicento è stato abbandonato  nell’anno del 1730.
3) tòirleum: leum bras
4) Diana Gabaldon conclude il poema aggiungendo un verso che richiama la situazione comica creatasi tra i due protagonisti “cento argentee trote, che saltano dagli stagni
5) bràc= brae= Beurla (reindeer)
6) bean an fhèid
7) Faoilteach

Il simbolismo dei doni matrimoniali è evidente: l’abbondanza degli armenti è benaugurale per la fertilità della coppia.

FONTI
http://www.sacred-texts.com/neu/celt/cg2/cg2106.htm
http://www.electricscotland.com/books/pdf/carminagadelicah02carm.pdf
http://luideagbheag.blogspot.com/2016/11/a-nigheann-righ-nan-roiseal-soluis.html

https://www.thecastlesofscotland.co.uk/the-best-castles/scenic-castles/duntulm-castle/
https://50sfumaturediviaggio.com/2017/07/01/isola-di-skye-informazioni-generali/
https://50sfumaturediviaggio.com/2017/06/30/isola-di-skye-4-giorni-tra-le-nuvole/

THE ROSE OF TRALEE

Alla più bella delle belle di Tralee è stata dedicata questa canzone, molto popolare in Irlanda; le sue origini sono però controverse: composta per un libretto dedicato alla regina Vittoria del titolo “The Book of Beauty for the Queen’s Boudoir”, stampato a Londra da Charles Jeffreys in varie edizioni dal 1845, gli autori sono due inglesi, Edward Mordaunt Spencer per il testo, e Charles William Glover per la musica . Edward Mordaunt Spencer pubblica in proprio “The Heir of Abbotsville,”  (Londra 1846) e tra le altre sue opere riporta anche il testo di  “The Rose of Tralee” attribuendo però la musica a Stephen Glover (fratello minore di Charles William) (vedi). In “The Lester S. Levy Sheet Music Collection” (1870), la raccolta della musica irlandese più popolare in America, è riportata invece una versione testuale molto diversa attribuita a John Brougham (con musica di J. G. Maeder) (vedi).

MARY O’CONNOR

Ma Tralee si trova in Irlanda (contea di Kerry cioè la punta Sud – Ovest dell’Isola) e varie leggende locali attribuiscono la canzone ad una triste storia d’amore, scritta da un irlandese “doc”, nonché poeta:  William Pembroke Mulchinock (1820-1864) di Tralee.
La bella rosa è Mary O ‘Connor, di famiglia cattolica, una giovane bellezza dai capelli neri, mandata a lavorare come cameriera presso la famiglia benestante e protestante di lui; i due erano separati oltre che dalla diversità di ceto anche dalla fede, ma il giovane William l’amò fin dal primo sguardo e riuscì a conquistarla cantandole i primi versi della canzone “The Rose of Tralee” composta proprio per lei.
Purtroppo William, coinvolto involontariamente in una rissa, dovette sfuggire alla cattura con l’accusa di omicidio, imbarcandosi su una nave in partenza per le Indie. Dopo sei anni (nel 1849) riuscì a ritornare in Irlanda, ma non rivide più la sua Rosa di Tralee: si dice che proprio mentre lui era al bar a farsi un goccio il giorno stesso del suo ritorno, vide passare per la strada il feretro di lei (morta di crepacuore o più probabilmente per le febbri che infestavano l’Irlanda nella morsa della carestia) .
William non si consolò mai, anche se si sposò ed ebbe due figlie, ma si separò ben presto dalla moglie e cercò conforto nel bere. Morì il 13 ottobre 1864 e fu sepolto accanto alla sua Mary nel cimitero della chiesa di Clogherbrien.
Per concludere allora sulla paternità del testo della canzone, mentre abbiamo l’attribuzione certa di Edward Mordaunt Spencer datata al 1846 (Biblioteca nazionale di Londra) non ci sono crediti a William Pembroke Mulchinock anzi nella raccolta delle sue poesie “The ballads and songs of William Pembroke Mulchinock” pubblicata nel 1851 a New York dove si era trasferito qualche anno prima, la poesia non solo non è riportata, ma nemmeno citata. Perciò fosse anche stata vera la storia d’amore tra i due sfortunati giovani, la canzone non è riferita a loro due o non è stata scritta dal protagonista.

MISS ROSA D’IRLANDA

La canzone diventò famosissima quando fu interpretata dal tenore irlandese John McCormack nel 1930: la popolarità della canzone ha dato inoltre lo spunto al concorso di bellezza che s’intitola “The Rose of Tralee Festival” indetto a partire dagli anni 1959 per trovare la “più bella e adorabile rosa d’estate” …   “irish of course”! All’inizio potevano partecipare al concorso solo le donne della contea ma poi la gara si è estesa a tutte le donne di nascita o di discendenza irlandese!

foto tratta da http://louiserynhart.hubpages.com/hub/Rynhart-Fine-Art-BronzeLa statua dedicata alla bellezza irlandese si trova nel Parco cittadino di Tralee presso il giardino delle rose, è una scultura in bronzo a grandezza naturale di Jeanne Rynhart inaugurata nell’agosto 2009 per commemorare il 50° anniversario del concorso di bellezza.(foto da qui)

La melodia è una slow air quasi un walzer lento; la canzone divenne molto popolare quando John McCormack la cantò nel film “Song of My Heart” del 1930. Le prime due strofe originarie ci raccontano che in una sera d’estate, nel momento più magico del tramonto nei pressi di un fiume o una fontana, il protagonista dichiarava il suo amore alla bella Mary, chiedendole di sposarla e Mary gli rispondeva di si! La canzone trasmette quindi tutta la commozione di quel momento perfetto e sospeso nel tempo.

ASCOLTA The Outlander


I
The pale moon was rising
above the green mountains,
The sun was declining
beneath the blue sea,
When I strayed with my love
by the pure crystal fountain,
That stands in the beautiful
Vale of Tralee.
Chorus
She was lovely and fair
as the rose of the summer,

But ‘twas not her beauty
alone that won me.

Oh no, ‘twas the truth in her eyes
ever dawning (1)

That made me love Mary,
the Rose of Tralee.

II
The cool shades of evening
their mantle were spreading,
And Mary all smiling
was listening to me.
The moon through the valley
her pale rays was shedding,
When I won the heart
of the Rose of Tralee.
III
In the far fields of India (2)
‘mid war’s dreadful thunders,
Her voice was solace
and comfort to me.
But the chill hand of death has now rent us asunder,
I’m lonely tonight
for the Rose of Tralee
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
La pallida luna sorgeva
dalle rigogliose montagne,
il sole declinava
nell’azzurro del mare,
quando io mi appartai col mio amore presso una fonte pura e cristallina,
che si trova nella bella
Valle di Tralee.
Ritornello
Lei era adorabile e bella
come le rose dell’estate,

ma non fu solo la sua bellezza
a conquistarmi.

Oh, no! Fu la verità nei suoi occhi,
scintillanti,

a farmi amare Maria,
la Rosa di Tralee.

II
La sera spandeva le fresche
ombre del suo manto
e Maria, tutta sorridente,
mi ascoltava;
la luna emanava i suoi pallidi raggi attraverso la valle,
quando conquistai il cuore
della Rosa di Tralee.
III
Nelle lontane terre dell’India (2)
tra i tuoni orribili della guerra
la sua voce mi dava sollievo
e conforto,
ma la fredda mano della morte
ci ha ora separati
sono solo stanotte
senza la Rosa di Tralee.

NOTE
1) scritto anche “beaming”
2) La terza strofa è il corollario della storia sull’infelice amore di William Pembroke Mulchinock, anche se per la verità occorre notare che negli anni della sua presunta permanenza in India (dal 1843 al 1849) non vi furono guerre aglo-indiane.

FONTI
http://levysheetmusic.mse.jhu.edu/
http://www.jaydax.co.uk/showcase/themes/dunguairecastle/story.html
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/theroseoftralee.html
https://jscholarship.library.jhu.edu/handle/1774.2/19308
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=15280