Jack O’Lantern in a dress

Leggi in italiano

The theme of the Devil who tries to take a sinner to hell is a classic of the Celtic tales, made exemplary in the story of Jack O’Lantern: on the night of Halloween the Devil walks the earth to reclaim the souls of men, but Stingy Jack was able to decive him with some tricks; and for two years in a row! At last the Devil, scornfully, gives up Jack’s soul for another ten years. When Jack dies for his too many vices both the doors of Paradise and those of hell are barred for him; forced to wander in the dark, he receives as a gift from the Devil a ember to illuminate his path; since then Jack continues to roam the Limbo in search of a dwelling he will never find, with his pumpkin-shaped lantern (which originally, before the story landed in America, was a turnip (see HOP TU NAA Isle of Manx)

Devil and the Farmer’s wife

In the ballad “Devil and the Farmer’s wife” (also known as the Little Devils-Jean Ritchie) dating back to 1600, the woman deserves the hell for her spiteful and disrespectful behavior; but the devil himself cannot tame her, indeed he risks losing his tranquility. The similarity between the two stories occurs in one of the nineteenth-century versions (Macmath Manuscript 1862 cf) in which the devil says referring to the woman: “O what to do with her I cane weel tell; she’s no fit for heaven, and she’ll no bide in hell! ” just like Jack who found both the Gate of Heaven and Hell to be closed.
The ballad is probably even older, and some scholars link it to Chaucer’s Tales of Canterbury (Waltz and Engle).

LITTLE DEVILS

The ballad has spread widely in England, Ireland, Scotland and America with fairly similar text versions, albeit with melodies declined in a different way.
THE DEVIL AND THE PLOWMAN (english version)
Lilli burlero
THE FARMER’S CURSED WIFE (american version)
KILLYBURN BRAE (Irish version)
KELLYBURN BRAES (Scottish version)

THE DEVIL AND THE PLOWMAN

The ballad appears in print in London in 1630 with the title “The Devill and the Scold” to the tune “The Seminary Priest” cf
Of this ballad there are two extant editions, the earlier being in the Roxburghe Collection. The second is in the Rawlinson Collection, No. 169, published by Coles, Vere, and other stationers– a trade edition, of the reign of Charles II. Mr. Payne Collier includes “The Devil and the Scold” in his volume of Eoxburghe Ballads, and says: “This is certainly an early ballad: the allusion, in the second room, to Tom Thumb and Robin Goodfellow (whose ‘Mad Pranks’ had been published before 1588) is highly curious, and one proof of its antiquity ..
The ballad is often printed in broadside throughout the eighteenth and nineteenth centuries and collected in two textual variants in “The English And Scottish Popular Ballads” (1882-1898) by Francis James Child  at number 278 with the title “The Farmer’s Curst Wife “.

The song was collected in 1903 by Henry Burstow, Sussex and published in The Penguin Book of English Folk Songs by Ralph Vaughan Williams and A.L. Lloyd (1959). Very similar to the text version reported by James Henry Dixon in “Ancient Poems, Ballads and Song” (1846) (Child # 278 version A cf).
Thus writes A.L. Lloyd in 1960 in the liner notes of “A Selection from the Penguin Book of English Folk Songs”, echoing the notes reported by Child himself: The tale of the shrewish wife who terrifies even the demons is ancient and widespread. The Hindus have it in a sixth century fable collection, the Panchatantra. It seems to have traveled westward by Persia, and to have spread to almost every European country. In the early versions, the farmer makes a pact with his wife in return for a pair of plow oxen. Vaughan Williams got the present ballad from the Horsham shoemaker and bell-ringer, Henry Burstow. Mr Burstow whistled the refrains that in our performance are played by the concertina. Whistling was a familiar way of calling up the Devil (hence the sailors who whistling may raise a storm). (from here)

The shrewish wife is taken back to her husband who believed he had succeeded in making fun of the devil! Given the subject is among the most popular ballads in medieval festivals and pirate gatherings !!

from Kellyburn Braes, Sorche Nic Leodhas, illustrated by Evaline Ness, 1968

A.L. Lloyd

Kim Lowings & The Greenwood from This Life, 2012


There was an old farmer in Sussex did dwell/ And he’d a bad wife as many knew well(1)
To me fal-de-ral little law-day.(2)
The Devil he came to the old man at plough,
Saying. ‘One of your family I must have now.
‘Now it isn’t for you nor yet for your son,
But that scolding old wife as you’ve got at home.’
Oh take her, oh take her with all of my heart,/ And I wish she and you may never more part.’
So the devil he took the old wife on his back(3),
And lugged her along like a pedlar’s pack./
He trudged along till he reached his front gate,
Says: ‘Here, take in an old   Sussex chap’s mate.
There was thirteen imps(4) all dancing in chains;
She up with her pattens and beat out their brains.
Two more little devils jumped over the wall,
Saying: ‘Turn her out, father, she’ll murder us all.’
So he bundled her up on his back again,/ And to her old husband he took her again.
I’ve been a tormentor the whole of my life,
But I was never tormented till I met your wife.’
And now to conclude and make an end,/ You see that the women is worse than the men,
If they got sent to Hell, they get kicked back again (5)

NOTE
1) the sentence wants to underline the less than submissive character of the woman!
2) Whistling was a way to summon the devil!
3) the image of women straddling the devil is supported by a vast iconography dating back to the Middle Ages
4) the image of the devils literally massacred by the woman is very funny, unfortunately the domestic reality was very different and in general it was women who suffered mistreatment and violence.
5)  Kim edited the final verse to show the strength of women:
And now to conclude and make an end
you see that us women are strong
even when we get sent to hell,
we come  straight back again

THE FARMER’S CURSED WIFE: american version

Here too we find an almost identical textual version declined however with bluegrass melodies. The ending is very hilarious and often without the moral: the old farmer, seeing his wife return, rejected by the devil himself, decides to run and never go home again!

Heather Dale from Perpetual Gift 2012.

Jean Ritchie, British Traditional Ballads in the Southern Mountains, Volume 2


Well there was an old man living up on the hill/ If he ain’t moved on, he’s a livin’ there still
CHORUS Hi diddle ai diddle hi fi, diddle ai diddle ai day
Now the Devil he came to him one day
said “One of your kin I’m gonna take away“/ He said “Oh please don’t take my only son/ There’s work on the farm that’s gotta be done.
Oh but you can have my nagging wife
I swear by God, she’s the curse of my life”
So they marched on down to the gates of hell/ He Said “Kick on the fire boys, we’ll roast her well”
Out came a little devil with a spit and chain
that she upped with her foot and knocked out his brain
Out came a dozen demons then a dozen more
But when she was done they was flat on the floor

So all those little demons went scrambling up the wall
saying “tale her back, daddy, she’ll murder us all
So the Farmer woke up and he looked out the crack/ and he saw that devil bringing her back!
He said:”Here’s your wife both sound and well/ if I kept her any longer she’d’ve tore up the hell
The old man jumped and he bit his tongue
then he ran for the hills in a flat out run
He was heard to yell, as he ran o’er the hill/ “if the devil won’t have her, ‘be damned if I will

LINK
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=17306

RIDDLES WISELY EXPOUNDED (seconda parte)

Gli indovinelli compaiono spesso nei rituali nunziali come mezzo per riunire gli opposti, diventano un po’ il surrogato delle “imprese impossibili” compiute dall’eroe o dall’eroina della fiaba per poter ottenere un matrimonio vantaggioso.
Così nella prima parte abbiamo esaminato la prima delle ballate raccolte nel libro del professor Child “The English And Scottish Popular Ballads”: Riddles Wisely Expounded,  versione A (vedi)

VERSIONE C

devil-woodcutL’inizio è simile alla versione A in cui le tre sorelle accolgono con sollecitudine lo “straniero” e la più giovane passa la notte con lui. Al mattino il “cavaliere villano” nel senso di privo di modi cortesi e raffinati, esorta la sorella più giovane a rispondere ai suoi indovinelli e la minaccia però che, in caso di errore, sarà di certo portata via dall’old Nick (uno dei tanti pseudonimi del diavolo).
Solo allora la fanciulla (e con lei il pubblico) inizia ad avere timore dello straniero, e con la sua ultima risposta lo costringe a rivelarsi nel suo aspetto demoniaco!


There was a lady of the North Country,
Lay the bent to the bonny broom
And she had lovely daughters three.
And you may beguile a fair maid soon.
There came a stranger to the gate,
And he three nights and days did wait.
He came unto the lady’s door,
And asked where her three daughters here.
“The eldest is to the washing gone,
The second’s to the baking gone.
The youngest is to a wedding gone,
And it will be night before they’re home.”
He sat him down upon a stone,
Till the three lasses came tripping home.
The oldest one’s to the bed making,
The second one’s to the sheet spreading.
But the youngest sister so bold and bright,
She lay abed with this uncouth knight.
And in the morning when it was grey,
These words to her did the stranger say.
“Now answer me these questions three,
Or you shall surely go with me.
Now answer me these questions six,
Or you shall surely be old Nick’s.
What is sharper than the thorn?
What is louder than the horn?
What broader than the way?
What is colder than the clay?
What is greener than the grass?
And what is worse than a woman was?”
“Hunger is sharper then the thorn,
And thunder is louder than the horn.
Love is broader than the way,
And death is colder than the clay.
Envy’s greener than the grass,
And the Devil’s worse than a woman was.
As soon as she the fiend did name,
He flew away in a blazing flame
Traduzione italiano di Cattia Salto
C’era una signora nel Nord del Paese (1)
poni il giunco con la bella ginestra (2)
che aveva tre amabili figlie
tra poco ingannerai una fanciulla (3)
Venne un forestiero ai cancelli
e attese per tre notti e tre giorni
Andò alla porta della signora
e le chiese dove fossero le sue tre figlie


“La più grande è andata al lavatoio
la seconda è andata al forno
La più giovane è andata a un matrimonio e verrà notte prima che ritornino a casa”
Lui si sedette su una pietra
finchè le tre ragazze rientrarono
La più grande per fare il letto
le seconda per stendere le lenzuola
ma la più giovane sorella così audace e brillante,
per giacere a letto con questo rozzo cavaliere.


E al mattino quando schiariva
lo straniero le disse queste parole
“Ora rispondi a queste tre domande
o di sicuro ti porterò con me!
Ora rispondi a queste sei domande
oppure tu sarai di certo del vecchio Nick (4)


Cos’è più pungente della spina?
Cosa fa più rumore del corno?
Cos’è più ampio della distanza?
Cos’è più freddo dell’argilla?
Cos’è più verde dell’erba?
Cosa c’è di peggiore di una donna (5)?”


“La fame è più pungente della spina,
e il tuono fa più rumore del corno.
L’amore è più ampio della distanza,
e la morte è più fredda dell’argilla
L’erba è più verde del bosco,
e il diavolo è peggiore della donna”
Non appena lei fece il nome del diavolo
egli volò via in una fiamma ardente (6)

NOTE
1) nel codice delle ballate britanniche il Nord è inteso dagli ascoltatori come negativo e quindi nel richiamarlo li si  prepara a qualcosa di terribile.
2) il refrain è presente anche in alcune versioni della ballata “The Cruel Sister” :al di là di ogni possibile traduzione delle parole la frase indica chiaramente il fare sesso. Alcuno traducono “bent” nel senso di “ricurvo” e quindi come un modo di descrivere l’horn cioè il corno (richiamando il corno o la tromba dell’elfo nella ballata “The Elfin Knight“) altri invece riconducono il termine all’Inglese antico (derivato dal sassone) nel senso di pianta o cespuglio della brughiera ossia l’erica o più in genera il giunco.
Il significato dell’intercalare Lay the bairn tae the bonnie broom è stato a lungo dibattuto, la traduzione proposta da Dall’Armellina -poni il giunco con la bella ginestra-è una sorta di codice che introduce una storia di corteggiamento (l’uomo è il bairn o il bent che si avvinghia alla – o entra nella- bella ginestra, la donna)
3) in molte altre versioni il verso diventa solo un ” Fa la la la la la la la la la”
4) il diavolo ha vari soprannomi, molti dei quali includono il termine Old: Old Harry, Old Ned, Old Nick, Old One, Old Roger, Old Scratch, Old Horny, Old Gentleman
8) di certo non l’indovinello più adatto per un corteggiamento, essendo carico di misoginia!
6) il demone viene costretto a mostrarsi con le sue vere sembianze e quindi sconfitto e scacciato! Un tempo chi conosceva il nome delle cose era una persona potente, non solo nel senso di sapiente ma anche di mago: nella convinzione che nome e oggetto fossero interdipendenti, conoscere il nome di una cosa dava potere al mago sulla cosa stessa, la parola poteva essere manipolata, inserita in un rituale magico, controllata, da qui la riluttanza delle antiche genti nel rivelare il nome dei loro dei, del loro paese e anche del loro stesso nome. Così il diavolo smascherato viene messo in fuga è probabilmente la fanciulla mentre risponde agli indovinelli traccia intono a sè un cerchio protettivo e con l’ultima risposta scaccia il diavolo.

ASCOLTA Jean Redpath 1980


A lady lived in the north country
Lay the bent tae the bonnie broom
And she had lovely daughters three
Fa la la la la la la la la la
There was a knight of noble worth
Who also lived intae the north
One night when it was cold and late
This knight he cam’ to the lady’s gate
The eldest daughter she let him in
She’s pinned the door wi’ a siller pin
The second daughter she’s made his bed
And Holland sheets sae fine she spread
The youngest daughter sae fair and bright
She lay abed wi’ this noble knight

If you will answer me questions three
It’s then fair maid I will marry thee
Oh what is louder than a horn
And what is sharper than a thorn
And what is longer than the way
And what is deeper than the sea
And what is greener than the grass
And what more wicked than a woman e’er was

Oh thunder’s louder than a horn
And hunger sharper than a thorn
And love is longer than the way
And hell is deeper than the sea
Envy’s greener than the grass
And the devil more wicked than a woman e’er was
As soon as she the fiend did name
He flew awa’ in a bleezin’ flame

Traduzione italiano di Cattia Salto
C’era una signora nel Nord del Paese
poni il giunco con la bella ginestra 
che aveva tre amabili figlie
Fa la la la la la la la la la
C’era un cavaliere di nobile nascita
che pure viveva nel Nord
Una notte che faceva freddo ed era tardi, il cavaliere andò al cancello della signora, la più grande delle sorelle lo fece entrare e chiuse la porta con  una serratura d’argento, la seconda gli fece il letto,
stese lenzuola di fine lino olandese,
la più giovane sorella così  bella e brillante,
giacque con questo nobile cavaliere.

“Se risponderai a queste tre domande
allora bella dama ti sposerò!
Cosa fa più rumore del corno?
Cos’è più pungente della spina?
Cos’è più ampio della distanza?
Cos’è più profondo del mare?
Cos’è più verde dell’erba?
Cosa c’è di più malvagio di quanto sia mai una donna ?”

“Oh  il tuono fa più rumore del corno
e la fame è più pungente della spina,
L’amore è più ampio della distanza,
e l’inferno più profondo del mare
l’invidia è più verde dell’erba,
e il diavolo è più malvagio di quanto sia mai una donna”
Non appena lei fece il nome del diavolo
egli volò via in una fiamma ardente

LA VERSIONE AMERICANA: THE DEVIL’S NINE QUESTIONS


Il titolo dice nove domande ma gli indovinelli sono solo otto la nona domanda è probabilmente quella contenuta nel ritornello ovvero “chi è il più furbo tre noi due?”. Nel testo ci sono molte espressioni “bibliche” di rigore quando si parla del diavolo. Il testo è riportato in “Singing Traditions of Child’s Popular Ballads“, Bertrand Harris Bronson, come collezionato dalla signora Rill Martin, Virginia, 1922.
“We are told that Texas Gladden learnt her version of The Devil’s Nine Question from the collector Alfreda Peel, who had previously noted the songs from a Mrs Rill Martin of Mechanicsburg, VA, before passing it on to Texas.”

ASCOLTA Texas Gladden

ASCOLTA Paul Clayton & Jean Ritchie


If you don’t answer my questions nine
Sing ninety-nine and ninety(1),
I’ll take you off to hell alive,
And you are the weaver’s bonny(2).
What is whiter than milk?
What is softer than silk?
Snow is whiter than milk,
Down is softer than silk,
What is louder than a horn?
What is sharper than a thorn?
Thunder’s louder than a horn,
Death is sharper than a thorn(3),
What is higher than a tree?
What is deeper than the sea?
Heaven’s higher than a tree,
And hell is deeper than the sea.
What is innocenter than a lamb?
What is worse than womankind?
A babe is innocenter than a lamb,
The devil’s worse than womankind,
You have answered me questions nine,
You are God’s, you’re not my own,
Traduzione italiano di Cattia Salto
Se non risponderai alle mie nove domande, canta 999 (1),
ti porterò all’inferno da viva,
tu sei l’astuta! (2)
Cos’è più bianco del latte?
e più soffice della seta?
La neve è più bianca del latte,
una piuma è più soffice della seta.
Cos’è più rumoroso di un corno
e più affilato di una spina?
Il tuono è più rumoroso del corno
e la morte è più affilata di una spina (3).
Cos’è di più alto di un albero
e più in basso del mare?
Il cielo è più in alto di un albero
e l’inferno è più in basso del mare.
Cos’è più innocente di un agnello
e peggiore di una donna?
Un bambino è più innocente di un agnello
e il diavolo è peggio di una donna.
Hai risposto alle mie nove domande,
e sei di Dio, non mia

NOTE
1) 999 è il numero del Diavolo (ovvero 666) perchè è un numero che si può leggere in tutte e due i versi
2) il ritornello si alterna con “And I’m the weaver’s bonny: tradotto letteralmente in italiano diventa “sei la bella di chi tesse” bonny però significa anche cara, favorita dal Fato, la grande tessitrice, depositaria della saggezza, quindi è una specie di rimpallo tra tu sei quella furba, no io sono quello più furbo, e così via che si conclude alla fine con la vittoria della saggezza femminile.
3) qui l’immagine ha a che vedere con il sangue, una spina punge e fa uscire il sangue dal corpo, ma la morte è quella che porta la falce e miete la vita.

VERSIONE B: JENNIFER GENTLE

Nota anche come “The Three Sisters” o “Juniper, Gentle & Rosemary” la ballata compare, peraltro in forma incompleta, in “Some Ancient Christmas Carols” di Davies Gilbert (1823). E’ la versione più romantica della storia in cui la sorella più giovane sa rispondere ai sei enigmi e riesce a sposare il “valiant knight”

ASCOLTA Magpie Lane in Six For Gold 2009


There were three sisters fair and bright,
Juniper, gentle and rosemary,(1)
And they three loved one valiant knight,
As the dew flies over the mulberry tree.
And the eldest sister let him in,
And she barred the door with a silver pin. (2)
And the middle sister made the bed,
And laid soft pillows beneath his head.
But the youngest sister that same night
She resolved to wed with that valiant knight.
“Oh it’s you must answer my questions three,
And then, fair maid, we can married be.
“Oh, what is louder than the horn?
And what is sharper than any thorn?”
“Oh, rumour is louder than the horn,
And hunger is sharper than any thorn.”
“And what is greener than the grass?
And what is smoother than the glass?”
“Oh, envy is greener than the grass,
And flatter is smoother than the glass.”
“And what is keener than the axe?
And what is softer than melting wax?”
“Oh, revenge is keener than the axe,
And love is softer than melting wax.”
“Now you have answered my questions three,
And now, fair maid, we can married be.”
traduzione italiano di Cattia Salto
C’erano tre sorelle buone
e belle
Ginepro, Genziana e Rosmarino (1)
e tutte e tre amavano un valente cavaliere
come la rugiada si posa sopra il gelso
La più grande lo fece entrare
e chiuse la porta con uno spillo d’argento (2)
quella mediana fece il letto
e pose soffici cuscini per la testa
ma la più giovane quella stessa
notte
decise di sposare il valente
cavaliere
“Prima devi rispondere alle mie domande
e poi, bella pulzella, potremmo sposarci.
Cos’è più forte di un corno
e più acuminato di una spina?”
“Il rumore è più forte di un corno
e la fame è più acuminata
di una spina.”
“Cos’è più verde dell’erba e più levigato
del vetro?”
“L’edera è più verde dell’erba e l’adulazione è più levigata del vetro.”
“Cos’è più affilata di un ascia
e più tenera della cera fusa?”
“La vendetta è più affilata di un ascia
e l’amore e più tenero della cera fusa.”
“Adesso che hai risposto alle mie domande
bella pulzella potremo sposarci!”

NOTE
1) sono i nomi delle tre sorelle Juniper, Gentian e Rosemary (in italiano Ginepro, Genziana e Rosmarino) oppure il tipico intercalare in cui si ricorre alla citazione delle erbe magiche. Gentle potrebbe essere il cognome di Jennifer oppure inteso come aggettivo e quindi la dolce Jennifer
2) nell’antichità i gioielli erano un tramite tra l’uomo e la divinità e servivano a invocarne le grazie per allontanare le forze negative; nella tradizione scozzese è ancora consuetudine da parte dell’uomo regalare alla futura sposa una spilla d’argento, che in Scozia prende il nome di “luckenbooth“: è in argento e con incisi due cuori intrecciati, variamente lavorata anche con pietre incastonate; è un regalo di fidanzamento che viene indossato durante il matrimonio e che passerà al primogenito, la spilla stessa è un amuleto che protegge la nuova coppia dall’invidia delle fate o più in generale dal male, favorendo la nascita di un bambino. Vedi

ASCOLTA Clancy Brothers & Tommy Makem in Flowers In The Valley 1970. La versione testuale è scritta e musicata dai fratelli Eddy e Finbar Furey e richiama solo vagamente la versione originale della ballata.


I
Oh, Jennifer Gentle and Rosemaree
What is deeper than the sea?
And what is higher than the broadside,
As the dew falls over the mulberry tree?
II
What does make my heart feel glad,
And turn my winters into spring,
When all the world is so very sad?
It’s the joy that Jennifer Gentle brings.
III
The sun has gotten the ocean’s cold,
A lovely silver and pure bright gold;
While we lean girls walk down to rest,
On the welcome folds of the ocean’s breast.
IV
Love is deeper than the sea,
Jennifer Gentle and Rosemaree;
And the truth is higher than the broadside,
As the dew falls over the mulberry tree.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
“O Jennifer Genlte e Rosemary
cos’è più profondo del mare?
E cos’è superiore come nei detti popolari della rugiada che cade sul gelso?”
II
E cosa fa essere il mio cuore allegro
e mutare i miei inverni in primavera
mentre il resto del mondo è triste?
E’ la gioia che Jennifer Genlte porta.
III
Il sole ha preso il freddo dell’oceano
un bell’argenteo e una pura luce dorata, mentre ci appoggiamo alle fanciulle per andare a dormire, nelle gradite onde tra le braccia del mare
IV
L’amore è più profondo del mare
Jennifer Genlte e Rosemary
e la verità è superiore come nei detti popolari,
della rugiada (1) che cade sul gelso

NOTE
1) la rugiada è un elemento che racchiude una piccola magia: è acqua ma non viene dal mare o dal fiume ma dall’aria e si posa a goccia, goccia sull’erba e le foglie, per assorbire la luce del sole e trasformarla in oro.

continua

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/captain-wedderburn.html
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_1
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/66.html
https://www.loomishousepress.com/assets/240824.pdf
http://bluegrassmessengers.com/inter-diabolus-et-virgo–rawlinson-broadside-1450.aspx
http://betterknowachildballad.wordpress.com/2012/07/02/child-1-riddles-wisely-expounded/
http://www.pbm.com/~lindahl/ballads/early_child/sidebar5.html
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/25/jennifer.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=56572
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=85953
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=140911

https://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=1223606
http://mainlynorfolk.info/john.kirkpatrick/
songs/bowdowntothebonnybroom.html

http://www.mustrad.org.uk/reviews/gladden2.htm
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/
Hymns_and_Carols/NonChristmas/three_sisters.htm

BIBLIOGRAFIA
L’eredità celtica. Antiche tradizioni d’Irlanda e del Galles (Alwin e Brinley Rees)

Jack O’Lantern in gonnella

Read the post in English

Il tema del Diavolo che cerca di portarsi all’inferno il peccatore è un classico dei racconti popolari di area celtica, reso esemplare nella storia di Jack O’Lantern: la notte di Halloween il Diavolo cammina sulla terra per reclamare le anime degli uomini, ma Stingy Jack riesce ad ingannarlo con dei trucchetti; e per ben due anni di seguito! Così il Diavolo, per non continuare a fare brutte figure, rinuncia all’anima di Jack per altri dieci anni. Quando Jack muore per i troppi vizi sia le porte del Paradiso che quelle dell’inferno sono sbarrate per lui; costretto a vagare nell’oscurità, riceve in dono dal Diavolo un tizzone per illuminare il suo cammino; da allora Jack continua a vagare per il Limbo in cerca di una dimora che non troverà mai, con la sua lanterna a forma di zucca (che in origine, prima che la storia sbarcasse in America, era una rapa vedi HOP TU NAA – Isola di Man).

Devil and the Farmer’s wife

Nella ballata “Devil and the Farmer’s wife” (nota anche con il titolo Little Devils- Jean Ritchie) risalente al 1600 è la donna, per il suo comportamento bisbetico e irrispettoso, a meritarsi l’inferno; ma il diavolo stesso non riesce a domarla, anzi rischia di perdere la sua tranquillità. La similitudine tra le due storie ricorre in una delle versioni ottocentesche (Macmath Manuscript 1862 vedi) in cui il diavolo dice riferendosi alla donna:”O what to do with her I canna weel tell; she’s no fit for heaven, and she’ll no bide in hell!” (in italiano: che fare di lei non so: non è adatta al Paradiso e non sopporta l’Inferno) proprio come Jack che ha trovato chiuse sia la Porta del Paradiso che quella dell’Inferno.
La ballata con tutta probabilità è ancora più antica e alcuni studiosi la ricollegano ai Racconti di Canterbury di Chaucer (Waltz e Engle).

LITTLE DEVILS

La ballata ha avuto una grande diffusione in Inghilterra, Irlanda, Scozia e America con versioni testuali abbastanza simili seppure con melodie declinate in modo diverso.
THE DEVIL AND THE PLOWMAN (english version)
Lilli burlero
THE FARMER’S CURSED WIFE (american version)
KILLYBURN BRAE (Irish version)
KELLYBURN BRAES (Scottish version)

VERSIONE INGLESE: THE DEVIL AND THE PLOWMAN

La ballata compare in stampa a Londra nel 1630 con il titolo “The Devill and the Scold” (in italiano “Il Diavolo e la Bisbetica”) abbinata alla melodia “The Seminary Priestvedi
Nelle note in accompagnamento al testo si riporta: Di questa ballata esistono due edizioni, la prima nella collezione Roxburghe. La seconda nella collezione Rawlinson, No. 169, pubblicata da Coles – un’edizione commerciale, del regno di Carlo II. Payne Collier include “The Devil and the Scold” nel suo volume delle Eoxburghe Ballads, e dice: “Questa è certamente una ballata antica: il riferimento nella seconda stanza,a Tom Thumb e a Robin Goodfellow è assai curioso, e una prova della sua vetustà..”

La ballata è spesso stampata in broadside per tutto il settecento e l’ottocento e collezionata in due varianti testuali in “The English And Scottish Popular Ballads” (1882-1898) di Francis James Child al numero 278 con il titolo di “The Farmer’s Curst Wife“.

Il brano è stato raccolto nel 1903 da Henry Burstow, Sussex e pubblicato in The Penguin Book of English Folk Songs di Ralph Vaughan Williams e A.L. Lloyd (1959). Molto simile alla versione testuale riportata da James Henry Dixon in “Ancient Poems, Ballads and Song” (1846) (Child #278 versione A vedi).
Così scrive A.L. Lloyd nel 1960 nelle note di copertina di “A Selection from the Penguin Book of English Folk Songs”, riprendendo per altro le note riportate dallo stesso Child: la storia della moglie scaltra che terrorizza anche i demoni è antica e diffusa. Gli indù ce l’hanno in una raccolta di favole del sesto secolo, il Panchatantra. Sembra che abbia viaggiato verso ovest dalla Persia e si sia diffuso in quasi tutti i paesi europei. Nelle prime versioni, il contadino fa un patto con sua moglie in cambio di un paio di buoi. Vaughan Williams ha ottenuto la ballata attuale dal calzolaio e suonatore di campane Horsham, Henry Burstow. Mr Burstow ha fischiettato i ritornelli che nella nostra esibizione sono suonati dalla concertina. Il fischio era un modo familiare di richiamare il diavolo (quindi i marinai che fischiano possono far sollevare una tempesta). (tradotto da qui)
La moglie bisbetica viene riportata indietro al marito che aveva creduto di essere riuscito a prendersi beffe del diavolo! Visto l’argomento è tra le ballate più gettonate nelle feste medievali e nei raduni pirateschi!

Kellyburn Braes
da Kellyburn Braes, di Sorche Nic Leodhas, illustrato da Evaline Ness, 1968

A.L. Lloyd

Kim Lowings & The Greenwood in This Life, 2012 l’album d’esordio.


There was an old farmer in Sussex did dwell/ And he’d a bad wife as many knew well(1)
To me fal-de-ral little law-day.(2)
The Devil he came to the old man at plough,
Saying. ‘One of your family I must have now.
‘Now it isn’t for you nor yet for your son,
But that scolding old wife as you’ve got at home.’
Oh take her, oh take her with all of my heart,/ And I wish she and you may never more part.’
So the devil he took the old wife on his back(3),
And lugged her along like a pedlar’s pack./
He trudged along till he reached his front gate,
Says: ‘Here, take in an old   Sussex chap’s mate.
There was thirteen imps(4) all dancing in chains;
She up with her pattens and beat out their brains.
Two more little devils jumped over the wall,
Saying: ‘Turn her out, father, she’ll murder us all.’
So he bundled her up on his back again,/ And to her old husband he took her again.
I’ve been a tormentor the whole of my life,
But I was never tormented till I met your wife.’
And now to conclude and make an end,/ You see that the women is worse than the men,
If they got sent to Hell, they get kicked back again (5)
Traduzione italiano di Cattia Salto
C’era un vecchio contadino nel Sussex e aveva una pessima moglie, come tutti sanno,
To me fal-de-ral little law-day.
il diavolo venne dal vecchio mentre arava
dicendo ” Adesso mi prendo uno della famiglia!
Non sono qui per te e nemmeno per tuo figlio,
ma per quella vecchia moglie che hai a casa
Oh te la cedo con tutto il cuore
e ti auguro che non possa più separartene
Così il Diavolo prese la vecchia moglie sulla schiena e la trascinò via come un pacco postale.
La trascinò fino alla porta dell’inferno dicendo:
Ecco, prendetevi una vecchia moglie del Sussex
C’erano tredici diavoletti che ballavano in catene
e lei con i suoi zoccoli massacrava i loro crani.
Due diavoletti saltarono il muro dicendo
Riportala indietro padre, o ci ucciderà tutti
Così il Diavolo la riprese sulla sua schiena
e la riportò dal vecchio marito:
Sono stato un tormentatore per tutta la mia vita,
ma non sono mai stato tormentato,
fino a quando ho incontrato tua moglie!!”
E per concludere e arrivare alla fine,
vedete come le donne sono peggio degli uomini,
se le mandate all’inferno, ritornano subito indietro!!

NOTE
1) la frase vuole sottolineare il carattere poco remissivo della donna!
2) Fischiettare era un modo per evocare il diavolo!
3) l’immagine è supportata da una vasta iconografia risalente al medioevo di donne a cavalcioni del diavolo
4) l’immagine dei diavoletti letteralmente massacrati dalla donna è molto buffa, purtroppo la realtà domestica era ben diversa e in genere erano le donne a subire maltrattamenti e violenze.
5) Kim modifica il finale a favore della donna 

And now to conclude and make an end
you see that us women are strong
even when we get sent to hell,
we come  straight back again
E per concludere e arrivare alla fine,
vedete come noi donne siamo forti
anche quando veniamo mandate all’inferno,
ritorniamo subito indietro!!

VERSIONE AMERICANA: THE FARMER’S CURSED WIFE

Anche qui ci troviamo in una pressochè identica versione testuale declinata però con melodie bluegrass. Il finale è molto spassoso e spesso senza il predicozzo moralizzante: il vecchio contadino nel vedere ritornare la moglie, respinta nientemeno che dal diavolo stesso, decide di mettersi a correre e non ritornare più a casa!

Heather Dale in Perpetual Gift 2012.

Jean Ritchie, British Traditional Ballads in the Southern Mountains, Volume 2

TRADIZIONALE MONTI APPALACHI (versione semplificata)


Well there was an old man living up on the hill/ If he ain’t moved on, he’s a livin’ there still
CHORUS
Hi diddle ai diddle hi fi, diddle ai diddle ai day

Now the Devil he came to him one day
said “One of your kin I’m gonna take away“/ He said “Oh please don’t take my only son/ There’s work on the farm that’s gotta be done.
Oh but you can have my nagging wife
I swear by God, she’s the curse of my life”
So they marched on down to the gates of hell/ He Said “Kick on the fire boys, we’ll roast her well”
Out came a little devil with a spit and chain
that she upped with her foot and knocked out his brain
Out came a dozen demons then a dozen more
But when she was done they was flat on the floor
So all those little demons went scrambling up the wall
saying “tale her back, daddy, she’ll murder us all
So the Farmer woke up and he looked out the crack (1)/ and he saw that devil bringing her back!
He said:”Here’s your wife both sound and well/ if I kept her any longer she’d’ve tore up the hell
The old man jumped and he bit his tongue
then he ran for the hills in a flat out run
He was heard to yell, as he ran o’er the hill/ “if the devil won’t have her, ‘be damned if I will
Traduzione italiano di Cattia Salto
C’era un vecchio che viveva sulla collina
e se non si è mosso ci vive ancora.
CORO 
Hi diddle ai diddle hi fi, diddle ai diddle ai day

Il diavolo andò da lui un giorno dicendo ” Adesso mi prendo uno della famiglia! “Oh per favore non prendere il mio unico figlio c’è (parecchio) lavoro nella fattoria che  deve essere fatto,
ma prenditi la mia moglie bisbetica, che giuro su Dio è la mia maledizione!!”
Così marciarono alla porta dell’inferno e il Diavolo disse “Sotto con il fuoco, ragazzi, che faremo un bell’arrosto!
Si è fatto avanti un diavoletto con uno spiedo e la catena
e lei lo ha pestato con i piedi e gli ha massacrato il cranio.
Si sono fatti avanti una dozzina di demoni e poi un’altra dozzina
ma quando lei ebbe finito erano tutti spalmati a terra!
Così i diavoletti si arrampicarono sul muro
dicendo “Riportala indietro padre, o ci ucciderà tutti”.
Così il contadino si svegliò e guardò attraverso  la crepa e vide il diavolo che la riportava indietro
dicendo: “Ecco tua moglie sana e salva, se l’avessi tenuta ancora, mi avrebbe distrutto l’inferno!”
Il vecchio fece un sobbalzo e si morse la lingua,
poi corse verso la collina a tutto gas. L’hanno sentito urlare mentre correva “Se il diavolo non la vuole, che sia dannato se me la prenderò io!”

NOTE
1) ci immaginiamo che si sia spalancata una fenditura nel terreno e che ne sia scaturito il diavolo con la donna

FONTI
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_278
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/23/wife.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50974
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19182
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=151087
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=17306
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thedevilandtheploughman.html
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/C278.html