The Concealed Death: Re Giraldin

Leggi in Italiano

 Concealed death

LORD OLAF AND THE ELVES 
SCANDINAVIAN VARIANTS
BRITISH AND AMERICAN VERSIONS
FRENCH VERSIONS
ITALIAN VERSION

Just as professor Child also Costantino Nigra brings back the theme of concealed death by a story of the old farmers of Castelnuovo.

The fairy’s present

rackham_fairy There was a hunter who often hunted on the mountainside. Once he saw a very beautiful and richly dressed woman under a rock bottom. The woman, who was a fairy, nodded to the hunter to approach and asked him to take her as his wife. The hunter told her he was just married and did not want to leave his young bride. The fairy gives him a casket containing a gift for the young wife, and advises him to hand it out only to her and by no means to open it. Of course, on his way home he cannot refrain from opening it and finds a splendid belt interwoven with gold and silver threads. Just to know what it will look like when worn by his wife, he ties it round the trunk of a tree. Suddenly the belt catches fire when the tree is hit by a flash of lightning. The hunter is hit, too and he hardly manages to drag himself home. He crumbles on his bed and dies.

Arthur_Rackham_1909_Undine_(7_of_15)In the Breton and Piedmontese version, the accent is placed more precisely on the second part of the story, that of the Concealed Death, a tipicall feature in all Romance languages of the ballad: Comte Arnau (in the Occitan version), Le Roi Renaud (the French one) and Re Gilardin (the Piedmontese one). The relationship between the knight-king and the fairy-mermaid is more nuanced than the Nordic versions, it seems to prevail a more “catholic” and intransigent view on sexual relations … in fact in the ballad greenwood and fairy disappear while the knight returns from the war wounded to death.

RE GILARDIN

La Ciapa Rusa (founders Maurizio Martinotti and Beppe Greppi) made many ethnographic researches with the elderly singers and the players of the musical tradition of the Four provinces -to be precise in Alta Val Borbera – a mountain area straddling four different provinces Al, Ge, Pv and Pc.
The ballad of medieval high origin, had already been collected and published in different versions by Costantino Nigra in his “Popular Songs of Piedmont”

The Ciapa Rusa in 1982 makes an initial arrangement of Re Gilardin
In this first version there is a sort of dramatic representation with the narrating voice (Alberto Cesa) the king (Maurizio Martinotti), the mother, the widow, the altar boy. We can imagine all the most tragic and comical scenes – turned into horror with the dead man who snatches a last kiss from his widow!

La Ciapa Rusa from  “Ten da chent l’archet che la sunada l’è longa – Canti e danze tradizionali dell’ alessandrino” 1982: compared to the translation, it seems more like a “literary” language than a dialect.

Gordon Bok and hig group, 1988 ♪ 
they follow with a good skill the Piedmontese version and in the notes Gordon says he has received the Ciapa Rusa version through the Italian music journalist Mauro Quai

The group refounded with the name of Tendachent (remain Maurizio Martinotti – ghironda and voice, Bruno Raiteri -violin and viola- and Devis Longo – voice, keyboards and flutes) again proposes the ballad in theri first album “Ori pari”, 2000 , with a more progressive sound (now the group is called Nord-Italian progressive folk-rock)

Donata Pinti from “Io t’invoco, libertà!: La canzone piemontese dalla tradizione alla protesta” 2010 ♪ featuring Silvano Biolatti on the guitar

RE GILARDIN*
I
Re Gilardin, lü ‘l va a la guera
Lü el va a la guera a tirar di spada
(Lü el va a la guera a tirar di spada)
O quand ‘l’è stai mità la strada(1)
Re Gilardin ‘l’è restai ferito.
Re Gilardin ritorna indietro
Dalla sua mamma vò ‘ndà a morire.
II
O tun tun tun, pica a la porta
“O mamma mia che mi son morto”.
“O pica pian caro ‘l mio figlio
Che la to dona ‘l g’à ‘n picul fante(2)”
“O madona la mia madona(3)
Cosa vol dire ch’i  sonan tanto?”
“O nuretta, la mia nuretta
I g’fan ‘legria al tuo fante”
III
“O madona la mia madona
Cosa vol dire ch’i cantan tanto?”
“O nuretta, la mia nuretta
I g’fan ‘legria ai soldati
“O madona , la mia madona
Disem che moda ho da vestirmi”
“Vestati di rosso, vestati di nero
Che le brunette stanno più bene”
IV
O quand l’è stai ‘nt l üs de la chiesa
D’un cirighello si l’à incontrato
“Bundì bongiur an vui vedovella”
“O no no no che non son vedovella
g’l fante in cüna e ‘l marito in guera”
“O si si si che voi sei vedovella
Vostro marì l’è tri dì che ‘l fa terra”
V
“O tera o tera apriti ‘n quatro
Volio vedere il mio cuor reale”
“La tua boca la sa di rose(4)
‘nvece la mia la sa di terra”
English translation**
I
King Gilardin was in the war,
Was in the war wielding his word.
(Was in the war wielding his word.)
When he was Midway, upon the journey, King Gilardin was wounded.
King Gilardin goes back home,/At his mother’s house he whished to die.
II
Bang, bang! He thumped at the door.
“O Mother, I am near to die.”
“Don’t thump so hard, my son,
Your wife has just given birth to a boy.”
“My Lady my mother-in-law
What does all their chanting mean?”
“O my daughter-in-law,
They want to feast your baby.”
III
“My Lady my mother-in-law
What does all their singing mean?”
“O my daughter-in-law,
They want to entertain the soldiers.”
“My Lady my mother-in-law
Tell me, how shall I dress?”
“Dress in red or dress in black,
It fits brunettes perfectly .”
IV
When she came to the church gate,
She encountered an altar boy:
“A wish you a good day, new widow.”
“By no means am I a new widow,
I’ve a child in its cradle and a husband at war.”
“O yes, you are a new widow,
Your husband was buried three days ago.”
V
“O earth, open up in four corners!
I want to see the king of my heart.”
“Your mouth has a taste of rose,
Whereas mine has a taste of earth.”

NOTES
* (From an original recording by Maurizio Martinotti in the upper Val Borbera)
** (revised by here)
1) it’s inevitable remembering Dante “Midway, upon the journey of our life” (with forest corollary), in this context it’s a point that changes forever the life of the king, or the hero.
2) probably he knew about his fatherhood at the time of his death
3) in the answers the real reason for the preparations is hidden: the king’s funeral is being set up
4) it is the dead king who speaks to his wife, but also the popular wisdom, the tearful burial times are still to come .. In the French (and Occitan) version of Re Renaud the earth opens up to swallow up the lady

RE ARDUIN

Cantovivo recorded the same ballad with the title “King Arduin” already collected from the oral tradition by Franco Lucà, in 1984 to Alpette Canavese, performer Battista Goglio “Barba Teck” (1898-1985)

RE ARDUIN
I
Re Arduin (1) a ven da Turin
Re Arduin a ven da Turin
Ven da la guera l’è stai ferì
Ven da la guera l’è stai ferì
II
“O mamma mia preparmi ‘l let
La cuerta noira e i linsöi di lin
III
O mamma mia cosa diran
Le fije bele ca na stan lì”
IV
“O no no no parla en tan
La nostra nora l’à avù n’infan”
V
“O mamma mia (2) disimi ‘n po’
Che i panatè a na piuren tan”
VI
“A l‘àn brüsà tüti i biciulan (3)
L‘è par sulì c’a na piuren tan”
VII
“O mamma mia cosa diran
Perché da morto na sunen tan”
VIII
“Sarà mort prinsi o quai signor
Tüte le cioche a i fan unur”
IX
“Re Arduin a ven da Turin
L‘è ndà a la guera l’è stai ferì”
X
“O tera freida apriti qui
Ch io vada col mio marì”
English Translation Cattia Salto
I
King Arduin comes from Turin
King Arduin comes from Turin
comes from the war and he was wounded, comes from the war and he was wounded
II
O mother dear, prepare me my bed
the black blanket and linen sheets
III
O mother dear what will they say
the fine ladies who stay there?
IV
Do not talk a lot / our daughter in law has had a baby
V
O  mother dear tell me why the bakers so cry?
VI
They burned all their breads
for they cry so much
VII
O mother dear what’s the news
for stroking the funeral bells?
VIII
The prince or some Lord will be dead/ all the bells do him honor
IX
King Arduin comes from Turin
comes from the war and he was wounded,
X
O  earth, open up now
that I’ll go with my husband

NOTES
* from here
1) King Arduin (Marquis of Ivrea and first king of Italy) is still extremely popular in the Canavese, tributing him in many historical re-enactments
2) in reality it is the daughter-in-law who asks for information on the laments and the dead bells (theme of hidden death) while in the first part (verses II and III) it is Arduino who speaks. Only in the 9th stanza is the death of Arduino announced
3) the “bicciolani” are biscuits typical of Vercellese, but in Turin the biciulan are long and thin breads (a bit pot-bellied in the middle and thin at the tips) the Piedmontese version of the baguette!

LINK
https://minimazione.wordpress.com/2007/08/22/re-gilardin-alla-guerra/
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=1048
http://chrsouchon.free.fr/chants/italren.htm
http://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/saggio1.htm
http://www.traditionalmusic.co.uk/child-ballads-v2/child8-v2%20-%200371.htm
http://amischanteurs.org/wp-content/uploads/Canti-di-Donata-Pinti.pdf

May day in Piedmont (Italy)

Leggi in italiano

In the Spring rituals of the rural world, groups of begging musicians went from house to house to sing May, stopping in the farmyard: the inhabitants of the house offered to drink, while the group sang the verses dedicated to the landlord, his wife and their daughters for an happy marriage.

Time ago in the whole Asti area, the Monferrato and the Langhe there was the female home visiting of the Cantè Magg, when groups of young girls carried in a procession the erburin (the small tree) and / or a little doll adorned with flowers: they singed the return of May and in exchange for gifts (mostly eggs) thanked with the verses auspicious. With Queen of May also joined a King of May and the couple of children was called the “Sposini” (the little spouses): the Bride and the Green Man gathered to renew the life and fertility of the Earth. ( see more )

The tradition is also consolidated in a more distinctly Easter rite called Cantè J’ov (J’euv) (Sing the eggs).
It is a spring quest that has its roots in the Piedmont area and in particular that land historically belonged to the domain of the Marquis of Monferrato.
At one time it was only the young people of the village, who wandered around the farms at night asking for food, wine and even money with which to organize Easter Monday lunch. It was an opportunity to feast on eggs (symbol of fertility) and spree, but also to sing and play lots of music!
Many communities still keep these traditions alive, especially in the Monferrato (geographical), in the Langhe and in the Roero. 
see more

victorian-art-artist-painting-print-by-myles-birket-foster-first-of-may-garland-day

A-MAYING

It was the women who went a-maying in the morning (or early afternoon) of the first of May: the May Bride with her maids walked around the town asking for eggs and money. The custom was interrupted in many countries between the first and second world war and was revived around the years 60-70 by some local groups and folklorists.
In Casal Cermelli (province of Alessandria) in the years 40-50 to the girls were joined also the boys to bring the flowered branch decorated with ribbons and bows, a little bird and a rag doll.

Tre Martelli from Giacu Trus 1985: Ben vena magg


I
Guardé cula fijeta(1)
cl’è an cima al arburen
Ca l’ha il scarpötti biònchi
ei cauzete a canaren(2)
Ben vena magg
e poi turna al meis ad Mağ
II
Guardé sur caminet
cha jie di carùzen(3)
da fej la riverenza
a sijura madamin
III
Padrouna padrouna
padrouna dir pulè
oh dami j ovi freschi
e i lendi ai lasa sté
English translation Cattia Salto
I
Look at that girl
on top of the branch,
she has white shoes
and canary socks
Welcome May
and then returns the month of May,
II
Look on the fireplace
that there is soot
to congratulate
to the mistress.
III
Mistress, mistress
mistress of the chicken coop,
give me fresh eggs
and the old ones leave them there.

NOTES
garlan-may-day1) it’s a green garland with a doll with a white wedding dressin the middle, helded up by a rod.
It is the “little Bride” the Celtic triple goddess, the wheat girl made by women in Imbolc (February 1st), that is the Spring Bride, a strong symbol of rebirth in the cycle of death-life in which Nature is perpetuated: spirit of the wheat lives in the doll .
Brigid’s dolls were also dressed in a white dress or decorated with stones, ribbons and flowers and carried in procession throughout the country passing from door to door for each to leave a gift. see more
2) canarin = canary to indicate the typical canary-yellow color
3) the term is found in the Venetian dialect

Ariondassa live


I
Entroma ant’ is palasi
che l’ è csi bel antrè
Ai dioma a la padrouna
c’ am lasa ‘n po’ canté
Magg, Magg, Magg,
turnirà la fin di Magg
Io sono Maggio
e sono il più bello
Fiorellin d’amor
che canta sul cappello
Uccellin d’amor
che canta sulla rama
Siura padrouna
padrouna dir pulé
c’ am daga j ovi freschi
e i lendi ai lasa sté
II
Chi cl’ é ‘sta bela fija(1)
c’ansima dl’ arburii
E cl’ à la vesta bianca
e ‘l scarpi d’ maruchii
III
E s’in voi nènt cröddi
che Mağ a l’è rivà
Sfacév da cùla fnèstra
ch’l’alber l’è piantà
English translation Cattia Salto
I
We go into that building
that’s so good to enter
And we ask to the mistress
leaving us to sing a while
May, May, May,
the end of May will come back.
I am May
And I’m the most beautiful,
little flower of love
singing on the hat.
Little bird of love
singing on the branch.
Mrs. Mistress,
mistress of the chicken coop
give us fresh eggs
and the old ones leave them there.
II
Who is this pretty girl
on top of the tree
with white dress
and the fine leather shoes?
III
And if you do not want to believe
that May has arrived
look out of that window
that the tree is planted

CARLIN DI MAGGIO

The “Carlin” of May (personification of May Day) passes from house to house with her group of singers and musicians to announce the coming of Spring and bring the best wishes of happiness / prosperity with a quest.

The area in which this tradition is spread is that of the Four Provinces – homogeneous area for landscape and culture (Alessandria – Pavia – Piacenza – Genoa) where it tries to preserve the great heritage of folk songs.
The ritual is still alive on the Apennines of Pavia and Piacenza: in Marsaglia a town in the municipality of Corte Brugnatella (Pc) in the Trebbia Valley it begins on the evening of 30 April, or rather late in the afternoon, until late at night (three or four in the morning)! People gather in the main square forming the procession of singers and musicians, followed closely by the inhabitants of the village and neighbours, and passes from house to house, scattered hamlets and farms more isolated. The merry brigade was composed exclusively of men, while young women were in the houses waiting for the arrival of the .. suitors.

The symbolic tree of the Carlin is not the hawthorn (not yet bloomed) but the laburnum with its characteristic yellow flowers cluster-like, so yellow and green have become the dominant colors of the feast.

La Ciapa Rusa from  “Faruaji” (1988) and valzer “J’è semp temp par l’amur” written by Maurizio Martinotti

Tendachent from Ori Pari 2000 ♪ Carlin di Maggio (in medlay track 5)

The Carlin announces carrier of May and with the noise produced, wake up the landlady who goes to get eggs and also to drink good wine to the players.


Gh’ê chì Carlin di maggio(1)
con l’erba e con la foglia,
la rosa e la viola.
Belo venga oi maggio
Belo venga oi maggio
Belo venga oi maggio

O sentì a tramescà:
la padrona la s’ê levà
O sentì a mov a mov:
la padrona la pôrta i ov
Vi saluto padron di casa
v’ò purtà ‘na nova.
Di dentro di questa casa
gh’è fiorì le rose.
E di dentro di questa casa
gh’è la mè morosa
e se lè la sarà brava
la mi darà le ova.
E di dentro di questa casa
c’è una brava sposa
E se lè la sarà brava
la mi darà le ova
E la luna la pssa i monti
e non si vede andare.
In pace vi troviamo,
in pace vi lasciamo,
vi do la buona sera
e vi ringraziamo
English translation Cattia Salto
The Carlin of May has arrived
with the grass and the leaf,
the rose and the violet.
Welcome today is May
Welcome today is May
Welcome today is May
I heard the bustle:
the missus got up.
I heard her steps:
the missus carries the eggs.
I greet you master
I brought the news.
In this house
roses have bloomed.
And in this house
there is my sweetheart.
And if she will be good
she will give me some eggs.
And in this house
there is a good bride.
And if she will be good
she will give me some eggs.
The moon is behind the mountains
and you can not see where to go.
In peace we find you,
in peace we leave you,
I’ll give you a good evening
and we thank you.

NOTES
1) laburnum branch

In the “Four provinces” May song is a polyphonic one
Carlin di Maggio in Marsaglia  (Trebbia Valley)


O sentì a tramescà:
la padrona la s’ê levà
Belo venga oi maggio
Belo venga oi maggio
Belo venga oi maggio

O sentì a mov a mov:
la padrona la pôrta i ov.
[I prati verdeggianti
per consolar gli amanti,
per consolar gli amanti.]
Tira fora u pisadù,
dà da beive  ai sunadù.
In pace vi troviamo,
in pace vi lasciamo.
vi diam  la buona sera
e ce ne andiamo via.
English translation Cattia Salto
I heard the bustle:
the missus got up.

Welcome today is May
Welcome today is May
Welcome today is May

I heard her steps:
the missus carries the eggs.

[The verdant meadows
to rejoice lovers,
to rejoice lovers.]
Take out the jug
and give us to drink.
In peace we find you,
in peace we leave you.
weill give you a good evening
and we go away.

Among the traditional stanzas also this auspicious one


campa la ciossa
con tutti i pulastrin,
crepa la volpe
con tutti i suoi vulpin!
English translation Cattia Salto
Long live the hen
with all her chicks,
let the fox die
with all her little foxes

LINK
http://www.prolococasalcermelli.it/plcc/cantar-maggio
http://www.sebastianus.org/wp-content/uploads/2014/04/Etnografia-5.pdf
http://www.appennino4p.it/marsaglia

Nord Italia
Italia centrale
Italia del Sud

La morte occultata nelle ballate piemontesi: Re Giraldin

Read the post in English

IL TEMA DELLA MORTE OCCULTATA

LORD OLAF E GLI ELFI DEL BOSCO 
VARIANTI SCANDINAVE
VERSIONI ISOLE BRITANNICHE E AMERICA 
VERSIONI FRANCIA
VERSIONE PIEMONTE

Così come il professor Child anche il nostro Costantino Nigra riporta il tema della Morte occultata da un racconto delle vecchie contadine di Castelnuovo.

IL DONO DELLA FATA

rackham_fairyC’era un cacciatore che cacciava spesso per la montagna. Una volta vide sotto una balza una donna molto bella e riccamente vestita. La donna, che era una fata, accennò al cacciatore di avvicinarsi e lo richiese di nozze. Il cacciatore le disse che era ammogliato e non voleva lasciare la sua giovane sposa. Allora la fata gli diede una scatola chiusa, dicendogli che dentro v’era un bel dono per la sua sposa; e gli raccomandò di consegnare la scatola a questa, senza aprirla. Il cacciatore partì colla scatola. Strada facendo, la curiosità  lo spinse a vedere che cosa c’era dentro. L’aperse, e ci trovò una stupenda cintura, tinta di mille colori, tessuta d’oro e d’argento. Per meglio vederne l’effetto, annodò la cintura a un tronco d’albero. Subitamente la cintura s’infiammò e l’albero fu fulminato. Il cacciatore, toccato dal folgore, si trascinò fino a casa, si pose a letto e morì

Nella versione bretone e piemontese della storia si pone maggiormente l’accento proprio sulla seconda parte della storia, quello della Morte Occultata, caratteristica che permea un po’ tArthur_Rackham_1909_Undine_(7_of_15)utte le versioni della ballata nelle lingue romanze:  Comte Arnau (nella versione occitana), Le Roi Renaud (quella francese) e Re Gilardin (quella piemontese). La relazione tra il cavaliere-re e la fata-sirena è più sfumata rispetto alle versioni nordiche, sembra prevalere una visione più “cattolica”  e intransigente in merito alle relazioni sessuali… infatti nella ballata bosco e  fata scompaiono mentre il cavaliere ritorna dalla guerra ferito a morte.

RE GILARDIN

Il gruppo alessandrino La Ciapa Rusa (fondatori Maurizio Martinotti e Beppe Greppi) raccolse sul campo -tra le tante ricerche etnografiche presso gli anziani cantori e i suonatori della tradizione musicale delle Quattro province,il canto popolare Re Gilardin. (per la precisione in Alta Val Borbera -area appartenente dal punto di vista della tradizione musicale alle Quattro Province, una zona pedo-montana a cavallo di quattro diverse province Al, Ge, Pv e Pc.)
La ballata di origine alto medievale, era già stata raccolta e pubblicata in diverse versioni da Costantino Nigra nel suo “Canti popolari del Piemonte”

La Ciapa Rusa nel 1982 ne fa un primo arrangiamento.
In questa prima versione è allestita una sorta di  rappresentazione drammatica sul modello  delle compagnie dei guitti di un tempo con la voce narrante, il re, la madre, la vedova, il chierichetto in chiesa. Ci possiamo immaginare tutta la sceneggiata più tragica che comica – virata in horror con il morto che strappa un ultimo bacio alla sua vedova!!

La Ciapa Rusa in “Ten da chent l’archet che la sunada l’è longa – Canti e danze tradizionali dell’ alessandrino” 1982. La lingua usata è un italiano piemontizzato o viceversa, si confronti con la traduzione, sembra più un linguaggio “letterario” che dialettale.

Gordon Bok e il suo gruppo, 1988 ♪ 
ricalcano con una discreta bravura la versione piemontese e nelle note Gordon dice di aver ricevuto la versione della Ciapa Rusa tramite il giornalista musicale italiano Mauro Quai

Il gruppo rifondatosi con il nome di Tendachent (restano Maurizio Martinotti – ghironda e canto, Bruno Raiteri -violino e viola- e Devis Longo – canto, tastiere e fiati) ripropone ancora la ballata nel primo album della  nuova formazione “Ori pari“, 2000, con un sound più progressive (ora il gruppo è definito folk-rock progressivo nord-italiano)

Donata Pinti in “Io t’invoco, libertà!: La canzone piemontese dalla tradizione alla protesta” 2010 ♪ con l’accompagnamento alla chitarra di Silvano Biolatti

RE GILARDIN*
I
Re Gilardin, lü ‘l va a la guera
Lü el va a la guera a tirar di spada
(Lü el va a la guera a tirar di spada)
O quand ‘l’è stai mità la strada(1)
Re Gilardin ‘l’è restai ferito.
Re Gilardin ritorna indietro
Dalla sua mamma vò ‘ndà a morire.
II
O tun tun tun, pica a la porta
“O mamma mia che mi son morto”.
“O pica pian caro ‘l mio figlio
Che la to dona ‘l g’à ‘n picul fante(2)”
“O madona la mia madona(3)
Cosa vol dire ch’i  sonan tanto?”
“O nuretta, la mia nuretta
I g’fan ‘legria al tuo fante”
III
“O madona la mia madona(3)
Cosa vol dire ch’i cantan tanto?”
“O nuretta, la mia nuretta
I g’fan ‘legria ai soldati
“O madona , la mia madona
Disem che moda ho da vestirmi”
“Vestati di rosso, vestati di nero
Che le brunette stanno più bene”
IV
O quand l’è stai ‘nt l üs de la chiesa
D’un cirighello si l’à incontrato
“Bundì bongiur an vui vedovella”
“O no no no che non son vedovella
g’l fante in cüna e ‘l marito in guera”
“O si si si che voi sei vedovella
Vostro marì l’è tri dì che ‘l fa terra”
V
“O tera o tera apriti ‘n quatro
Volio vedere il mio cuor reale”
“La tua boca la sa di rose(4)
‘nvece la mia la sa di terra”
traduzione italiano Cattia Salto
I
Re Gilardino va alla guerra
va alla guerra a tirar di spada
(va alla guerra a tirar di spada)
e quando si è trovato a metà strada,
Re Gilardino è stato ferito
Re Gilardino ritorna indietro, vuole andare a morire vicino alla madre
II
Tum-Tum batte alla porta
“O mamma mia, sono morto”
“Batti piano, caro figliolo che la tua signora ha un piccolo in fasce”
“O signora, mia signora
perchè suonano tanto?!”
“O mia nuorina, la mia piccola nuora
fanno festa al tuo bambino”
III
“O signora, mia signora
perchè cantano tanto?!”
“O mia nuorina, la mia piccola nuora
sono i soldati che fanno baldoria”
“O signora, mia signora
ditemi in che modo mi devo vestire”
“Vestiti di rosso e nero che addosso alle brunette stanno meglio”
IV
E quando è stata sulla porta della chiesa ha incontrato un chierichetto
“Buon giorno a voi vedovella”
“O no no non che non sono vedovella ho il bambino nella culla e il marito in guerra”
“O si si che voi siete vedovella
Vostro marito è da tre giorni sotto terra”
V
“O terra apriti in quattro
voglio vedere il mio cuore di re”
“La tua bocca sa di rose
invece la mia sa di terra!”

NOTE
*(Da una registrazione originale di Maurizio Martinotti in alta Val Borbera)
1) inevitabile il richiamo dantesco “nel mezzo del cammin di nostra vita” (con corollario di bosco), in questo contesto il trovarsi a metà strada allude ad un cambiamento che muta per sempre la vita del re, ovvero dell’eroe.
2) probabilmente il figlio è nato mentre il re era in guerra e quindi egli apprende della sua paternità nel momento della morte!
3) è la nuora che parla per chiedere il motivo del trambusto e nelle risposte le si occulta il vero motivo dei preparativi: si sta allestendo il funerale del re
4) è il re defunto che parla alla moglie, ossia la saggezza popolare, i tempi della sepoltura lacrimata sono ancora a venire.. Nella versione francese (e occitana) di Re Renaud invece la terra si spalanca e la bella viene inghiottita

RE ARDUIN

Cantovivo registrò la stessa ballata col titolo “Re Arduin” già raccolta dalla tradizione orale da Franco Lucà, nel 1984 ad Alpette Canavese, esecutore Battista Goglio “Barba Teck” ( 1898-1985 )

RE ARDUIN
I
Re Arduin (1) a ven da Turin
Re Arduin a ven da Turin
Ven da la guera l’è stai ferì
Ven da la guera l’è stai ferì
II
O mamma mia preparmi ‘l let
La cuerta noira e i linsöi di lin
III
O mamma mia cosa diran
Le fije bele ca na stan lì
IV
O no no no parla en tan
La nostra nora l’à avù n’infan
V
O mamma mia (2) disimi ‘n po’
Che i panatè a na piuren tan
VI
A l‘àn brüsà tüti i biciulan (3)
L‘è par sulì c’a na piuren tan
VII
O mamma mia cosa diran
Perché da morto na sunen tan
VIII
Sarà mort prinsi o quai signor
Tüte le cioche a i fan unur
IX
Re Arduin a ven da Turin
L‘è ndà a la guera l’è stai ferì
X
O tera freida apriti qui
Ch io vada col mio marì
traduzione italiano*
I
Re Arduino viene da Torino
Re Arduino viene da Torino
viene dalla guerra è stato ferito
viene dalla guerra è stato ferito
II
O mamma mia preparami il letto
la coperta nera e le lenzuola di lino
III
O mamma mia cosa diranno
le figlie belle che stanno lì
IV
O non parlar tanto/ la nostra nuora ha avuto un bambino
V
O mamma mia ditemi un poco perché i panettieri piangono tanto
VI
Hanno bruciato tutti i “biciulan”
è per quello che piangono tanto
VII
O mamma mia cosa diranno
perché da morto suonano tanto
VIII
Sarà morto il principe o qualche
signore/ tutte le campane gli fanno onore
IX
Re Arduino viene da Torino/ è andato alla guerra è
stato ferito/
X
O terra fredda apriti qui/ che io vada con il mio marito.

NOTE
* da qui
1) Arduino d’Ivrea (marchese di Ivrea e primo re d’Italia) è ancora estremamente popolare nel Canavese omaggiato in molte rievocazioni storiche
2) in realtà è la nuora che chiede informazioni sui lamenti e le campane a morto (tema della morte occultata) mentre nella prima parte (strofe II e III) è Arduino che parla. Solo nella IX strofa è annunciata la morte di Arduino
2) “hanno bruciato tutto il pane” i bicciolani sono dei biscotti tipici del Vercellese, ma a Torino i biciulan sono dei pani di forma lunga e sottile (un po’ panciuta nel mezzo e sottile alle punte), la versione piemontese della baguette!

FONTI
http://chrsouchon.free.fr/chants/italren.htm
https://minimazione.wordpress.com/2007/08/22/re-gilardin-alla-guerra/
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=1048
http://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/saggio1.htm
http://www.traditionalmusic.co.uk/child-ballads-v2/child8-v2%20-%200371.htm
http://amischanteurs.org/wp-content/uploads/Canti-di-Donata-Pinti.pdf

La ghirlanda del Maggio nel Basso Piemonte

Read the post in English

Nei rituali di primavera del mondo contadino gruppi di questuanti musicisti andavano di casa in casa per cantare il Maggio, fermandosi nell’aia delle cascine: gli abitanti della casa offrivano da bere, mentre il coro intonava delle strofe, dedicate alla donna, al capo di casa, alle figlie giovani cui si augurava un felice matrimonio.

Caratteristica un tempo in tutto l’Astigiano, il Monferrato e le Langhe era la questua femminile del Cantè Magg, quando gruppi di ragazzine portavano in processione l’erburin (l’alberello) e/o una bambolina adornata con fiori: di casa in casa intonavano strofe che annunciavano il ritorno di maggio e in cambio dei doni (per lo più uova) ringraziavano con le strofe benaugurali. Alla regina del Maggio si univa anche un Re del Maggio e la coppia di bambini era detta gli “Sposini”: la Dea Fanciulla e l’Uomo Verde riuniti per rinnovare la vita e la fertilità della Terra. continua

La tradizione è consolidata anche in un  rito più spiccatamente pasquale quello  piemontese di CANTÈ  J’OV – CANTÈ J’EUV.
Il “cantare le uova” è una questua primaverile che affonda le radici nel territorio piemontese e in particolare quella terra storicamente appartenuta al dominio dei Marchesi del Monferrato.
Un tempo erano solo i giovani del paese, che di notte giravano tra le cascine chiedendo cibo, vino e anche dei  soldi con cui organizzare il pranzo del lunedì di Pasquetta. Era l’occasione  per fare scorpacciate di uova (simbolo di fertilità) e bisboccia, ma anche di cantare e suonare tanta musica!
Molte comunità mantengono ancora vive queste tradizioni  soprattutto nel Monferrato (geografico), nelle Langhe e nel Roero. Nel paese di Romagnese (PV), l’unico che ha conservato un ciclo pasquale nel territorio delle quattro province, la questua si svolge la sera del sabato Santo, influenzato dall’uso di “cantar le uova”  nell’alessandrino. continua

victorian-art-artist-painting-print-by-myles-birket-foster-first-of-may-garland-day

LA QUESTUA DEL MAGGIO

Mentre la questua quaresimale delle uova era riservata ai giovanotti la questua del Maggio era prerogativa delle fanciulle.
La questua si svolgeva la mattina (o nel primo pomeriggio) del primo maggio: la Sposa di Maggio con le sue ancelle girava per il paese chiedendo le offerte (sia uova che danaro). L’usanza si è interrotta in molti paesi tra la prima e la seconda guerra mondiale ed è stata ripresa intorno agli anni 60-70 da alcuni gruppi locali e folkloristi.

Casal Cermelli (provincia di Alessandria) negli Anni 40-50 alle bambine si sono uniti anche i maschietti per portare il ramo fiorito di biancospino decorato con nastri e fiocchi, un uccellino di pezza e una bambolina.

ASCOLTA Tre Martelli in Giacu Trus 1985: Ben vena magg


I
Guardé cula fijeta(1)
cl’è an cima al arburen
Ca l’ha il scarpötti biònchi
ei cauzete a canaren(2)
Ben vena magg
e poi turna al meis ad Mağ
II
Guardé sur caminet
cha jie di carùzen(3)
da fej la riverenza
a sijura madamin
III
Padrouna padrouna
padrouna dir pulè
oh dami j ovi freschi
e i lendi ai lasa sté
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Guardate quella fanciulla
in cima al ramo,
ha le scarpette bianche
e le calzette gialle
Ben venga Maggio
e poi ritorna il mese di Maggio,
II
Guardate sul camino
che c’è della fuliggine
da fare i complimenti
alla signora signorinella.
III
Padrona,  padrona
padrona del pollaio,
dammi le uova fresche
e quelle vecchie lasciale stare.

NOTE
garlan-may-day1)è descritta la girlanda del Maggio realizzata intrecciando con ramo verde fiorito, sorretta da un asta porta al centro una bambolina, è la “piccola Bride” la dea triplice celtica, la fanciulla del grano confezionata dalle donne a Imbolc (il primo febbraio) con il grano avanzato dall’ultimo covone della mietitura dell’anno passato, ossia la giovane Fanciulla della Primavera, un forte simbolo di rinascita nel ciclo di morte-vita in cui si perpetua la Natura: nella bambolina si era trasferito lo spirito del grano che non moriva con la mietitura.
Le bamboline di Brigid venivano anche vestite con un abito bianco o decorate con pietre, nastri e fiori e portate in processione per tutto il paese passando di porta in porta affinchè ciascuno lasciasse un dono. continua
2) forse sta per canarin= canarino a indicare il tipico colore giallo-canarino
3) il termine si ritrova nel dialetto veneto

Ariondassa


I
Entroma ant’ is palasi
che l’ è csi bel antrè
Ai dioma a la padrouna
c’ am lasa ‘n po’ canté
Magg, Magg, Magg,
turnirà la fin di Magg
Io sono Maggio
e sono il più bello
Fiorellin d’amor
che canta sul cappello
Uccellin d’amor
che canta sulla rama
Siura padrouna
padrouna dir pulé
c’ am daga j ovi freschi
e i lendi ai lasa sté
II
Chi cl’ é ‘sta bela fija(1)
c’ansima dl’ arburii
E cl’ à la vesta bianca
e ‘l scarpi d’ maruchii
III
E s’in voi nènt cröddi
che Mağ a l’è rivà
Sfacév da cùla fnèstra
ch’l’alber l’è piantà
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Entriamo in quel palazzo
che è così bello entrare
E domandiamo alla padrona
che ci lasci un po’ cantare
Maggio, Maggio, Maggio,
tornerà la fine di Maggio.
Io sono Maggio
E sono il più bello,
fiorellino d’amore
che canta sul cappello.
Uccellino d’amore
che canta sul ramo.
Signora Padrona,
padrona del pollaio
ci dia le uova fresche
e quelle vecchie le lasci stare.
II
Chi è questa bella ragazza
in cima all’albero
con il vestito bianco
e le scarpe di pelle fine?
III
E se non volete credere
che Maggio è arrivato
affacciatevi da quella finestra
che l’albero è piantato 

IL  CARLIN DI MAGGIO

Il Carlin di maggio (personificazione del  Calendimaggio) passa di casa in casa con il suo gruppo di cantori e musicanti  per annunciare la venuta della Primavera e portare gli auguri di felicità/prosperità  con una questua.

La zona in cui è diffusa questa tradizione è quella delle  Quattro Province – area omogenea per conformazione e cultura (Alessandria – Pavia – Piacenza – Genova) dove si cerca di preservare  il grande patrimonio di canti tradizionali della tradizione contadina.
Il rituale è ancora vivo sull’appennino pavese e piacentino a Marsaglia un paese nel comune di Corte Brugnatella (Pc) nella val Trebbia ha inizio la sera del 30  aprile, o meglio nel tardo pomeriggio, fino a notte fonda (le tre o le quattro del mattino)! La gente si raduna nella piazza del paese per formare  il corteo dei canterini e dei musicisti, seguiti a ruota dagli abitanti del paese (e dai foresti cioè quelli che vengono da fuori) e passa di casa in casa fino alle frazioni sparse e alle cascine più isolate. Un tempo questa brigata di allegri festanti era  composta esclusivamente dagli uomini, mentre le donne in attesa di maritarsi  stavano nelle case ad aspettare l’arrivo dei .. corteggiatori.

L’albero simbolo del Carlin non  è il biancospino (non ancora fiorito) ma il Maggiociondolo dai caratteristici fiori gialli ricascanti a grappolo, così il giallo e il verde sono nel tempo diventati i colori dominanti  della festa, ricorrenti nei vestiti dei questuanti.

La Ciapa Rusa in  “Faruaji” (1988) segue il valzer “J’è semp temp par l’amur” composto a Maurizio Martinotti

Tendachent  (ex “La Ciapa Rusa” degli anni 80!) in Ori Pari 2000 ♪ Carlin di Maggio (in medlay nella traccia 5)

Il Carlin  si annuncia portatore del maggio e con il chiasso prodotto, sveglia la  padrona di casa che va a prendere le uova e da anche da bere del buon vino ai  suonatori.


Gh’ê chì Carlin di maggio(1)
con l’erba e con la foglia,
la rosa e la viola.
Belo venga oi maggio
Belo venga oi maggio
Belo venga oi maggio

O sentì a tramescà:
la padrona la s’ê levà
O sentì a mov a mov:
la padrona la pôrta i ov
Vi saluto padron di casa
v’ò purtà ‘na nova.
Di dentro di questa casa
gh’è fiorì le rose.
E di dentro di questa casa
gh’è la mè morosa
e se lè la sarà brava
la mi darà le ova.
E di dentro di questa casa
c’è una brava sposa
E se lè la sarà brava
la mi darà le ova
E la luna la pssa i monti
e non si vede andare.
In pace vi troviamo,
in pace vi lasciamo,
vi do la buona sera
e vi ringraziamo
Traduzione italiana Cattia Salto
E’ arrivato il Carlin del Maggio
con l’erba e con la foglia,
la rosa e la viola.
ben oggi venga il maggio
ben oggi venga il maggio
ben oggi venga il maggio

Ho sentito il trambusto:
la padrona si è alzata.
Ho sentito i passi:
la padrona porta le uova.
Vi saluto padroni di casa
ho portato una novità.
In questa casa
sono fiorite le rose.
E in questa casa
c’è la mia fidanzata.
E se sarà buona
mi darà delle uova.
E in questa casa
c’è una brava sposa.
E se sarà buona
mi darà delle uova.
La luna è dietro ai monti
e non si vede dove andare.
In pace vi troviamo,
in pace vi lasciamo,
vi do la buona sera
e vi ringraziamo

NOTE
1) il ramo fiorito di maggiociondolo

Nelle “Quattro province” il canto del Maggio è di tipo polifonico (ricorda i canti degli alpini per  intenderci), alcune strofe richiamano la questua delle uova pasquale detta “La galina grisa“. (vedi)
Carlin di Maggio a Marsaglia  in val Trebbia (PC)


O sentì a tramescà:
la padrona la s’ê levà
Belo venga oi maggio
Belo venga oi maggio
Belo venga oi maggio

O sentì a mov a mov:
la padrona la pôrta i ov.
[I prati verdeggianti
per consolar gli amanti,
per consolar gli amanti.]
Tira fora u pisadù,
dà da beive  ai sunadù.
In pace vi troviamo,
in pace vi lasciamo,
vi diam  la buona sera
e ce ne andiamo via.
Traduzione italiana Cattia Salto
Ho sentito il trambusto:
la padrona si è alzata.
ben oggi venga il maggio
ben oggi venga il maggio
ben oggi venga il maggio

Ho sentito i passi:
la padrona porta le uova.
[I prati verdeggianti
per consolar gli amanti,
per consolar gli amanti.]
Tira fuori il fiasco
e dai da bere ai suonatori.
In pace vi troviamo,
in pace vi lasciamo,
vi diamo  la buona sera
e ce ne andiamo via.

Tra le strofe tradizionali anche questa benaugurale


campa la ciossa
con tutti i pulastrin,
crepa la volpe
con tutti i suoi vulpin!
Traduzione italiana Cattia Salto
Viva la chioccia
con tutti i suoi  pulcini,
muoia la volpe
con tutti i suoi volpini

FONTI
http://www.prolococasalcermelli.it/plcc/cantar-maggio
http://www.sebastianus.org/wp-content/uploads/2014/04/Etnografia-5.pdf
http://www.appennino4p.it/marsaglia


APPROFONDIMENTO: Una disamina più panoramica della tradizione del Maggio

Nord Italia
Italia centrale
Italia del Sud