Peigín agus Peadar

Vladan Nikolic

Our Goodman, The Goodman, The Gudeman, The Traveler

American version
Four (Three) Nights Drunk, Four (Five) Drunken Nights,
Old Cuckold, Cabbage Head 
Drunkard’s Special

Seven Drunken nights (irish version)
Peigín agus Peadar (irish gaelic version)

Le repliche di Marion (italian version)

This is the Irish Gaelic version of the comic ballad “Our Goodman” released in Ireland as “Seven Drunken Nights
It is Joe Heaney who reconnects the ballad to an Irish story in which a laborer, returning home after spending twenty years working at a rich farm, finds his wife in bed with a bearded guy (whom his wife claims to be their little son who became an adult!).
E’ la versione in gaelico irlandese della ballata comica “Our Goodman” diffusa in Irlanda con il titolo “Seven Drunken Nights”
E’ Joe Heaney a ricollegare la ballata ad una storiella irlandese in cui un bracciante, ritornato a casa dopo vent’anni passati a lavorare presso una ricca fattoria, trova la moglie a letto con un tizio con tanto di barba (che la moglie sostiene essere il loro figlioletto diventato adulto!).

Colm Keane  sings “A Pheigí na gCarad (Our Goodman)” AFC 2004/004 recorded by Alan Lomax 

Dervish – Peigín mo Chroí live, Playing with Fire 1996

A Pheigin mo chara is a Pheigin mo chroi
Ce he an fear fada ud timpeall an ti
O ho o hi ho ha O hi ho, a Pheigin mo chroi

A Pheadar mo chara is a Pheadar mo chroi
Sin e do mhaicin nach bhfaca tu riamh
O ho o hi ho ha O hi ho, a Pheadar mo chroi

Shuil mise thoir agus shuil mise thiar
Is feasog ar leanbh ni fhaca me riamh
O ho o hi ho ha O hi ho, a Pheigin mo chroi

A Pheadar mo chara is a Pheadar mo chroi
Eirigh do sheasamh ‘gus reitigh greim bia
O ho a Pheadar mo chroi
A Pheigin mo chara is a Pheigin mo chroi
Nil ins an teach ach aon greim mine bui
O ho o hi ho ha O hi ho, a Pheigin mo chroi

A Pheadar mo chara is a Pheadar mo chroi
In iochtar mo mhala ta caca mine bui
O ho a Pheadar mo chroi
A Pheigin mo chara is a Pheigin mo chroi
Ta an caca seo ro fada nil in aon chaoi bui
O ho o hi ho ha O hi ho, a Pheigin mo chroi

‘S a Pheadar mo chara, suifimis sios
Na fagfas an baile chomh ‘s mhairfeas me riamh
O ho a Pheadar mo chroi
A Pheigin mo chara is a Pheigin mo chroi
Ce he an fear fada timpeall an ti

O ho o hi ho ha O hi ho, a Pheigin
O ho o hi ho ha O hi ho, a Pheigin
O ho o hi ho ha O hi ho, a ghra geal mo chroi


I
Peggy, my friend, and Peggy, my heart
Who is that tall strange man?
O ho o hi ho ha
O hi ho, oh Peggy, my heart
II
Peter, my friend, and Peter, my heart
That is your baby (1) whom you never saw 
O ho o hi ho ha
O hi ho, oh Peter, my heart

III
I walked east and I walked west
But a beard on a baby
I have never before seen
IV
Peter, my friend, and Peter, my heart
Rise up now and prepare some food
O ho Peter, my heart
Peggy, my friend, and Peggy, my heart
I have not a grain of yellow meal in the house
V
Peter, my friend, and Peter, my heart
In the bottom of my bag
there is a yellow meal cake (2)
O ho Peter, my heart
Peggy, my friend, and Peggy, my heart
This cake you have is full of golden guineas (3)
VI
Peter, my friend we will sit down
I’ll never leave home again for as long as I live
O ho Peter, my heart
Peggy, my friend, and Peggy, my heart
Who is that tall strange man?
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Rita amore mio, Rita cuore mio
chi è quell’uomo barbuto alto e sconosciuto?
O ho o hi ho ha
O hi ho, oh Rita, cuore mio
II
Piero amore mio, Piero cuore mio
è tuo figlio che non hai mai visto
O ho o hi ho ha
O hi ho, oh Piero cuore mio
III
Sono stato a Est e a Ovest
ma una barba su un bambino
non l’ho mai vista prima
IV
Piero amore mio, Piero cuore mio
alzati ora e prepara del cibo
oh Piero cuore mio
Rita amore mio, Rita cuore mio
non c’è un granello di farina nella casa
V
Piero amore mio, Piero cuore mio
nel fondo della mia sacca
c’è una torta di meliga
oh Piero cuore mio
Rita amore mio, Rita cuore mio
questa torta che hai è piena di sovrane d’oro
VI
Piero amore mio, ci sistemeremo
non  partirò mai più finchè avrò vita
oh Piero cuore mio
Rita amore mio, Rita cuore mio
chi è quell’uomo barbuto alto e sconosciuto?

NOTE
1) the story has a background (cf): Peter left twenty years earlier to go to work as a farm laborer and by seven years in seven years has always renewed his employment contract until one day he decides to return home. The owners of the farm then ask him if he prefers to receive compensation for his work or if he prefers to receive three valuable tips. He chooses the advices (which will save his life on the return journey). When he left twenty years before his wife was already waiting for a child who obviously is now a man
la storia ha un antefatto (vedi): Piero è partito vent’anni prima per andare a lavorare come bracciante in una fattoria e di sette anni in sette anni ha sempre rinnovato il contratto di lavoro finchè un bel giorno decide di ritornare a casa. I proprietari della fattoria allora gli chiedono se preferisce ricevere il compenso per il lavoro svolto o se in alternativa preferisce ricevere tre preziosi consigli. L’uomo sceglie i consigli (che gli salveranno la vita nel viaggio di ritorno). Quando è partito vent’anni prima la moglie era già in attesa di un bambino che ovviamente vent’anni dopo è diventato un uomo
2) The farmer’s wife had prepared two sweets for Peter, one to take home to his wife and the other to eat during the trip
La moglie del fattore aveva preparato a Piero due dolci, uno da portare a casa alla moglie e l’altro da mangiare durante il viaggio
3) In the second cake there was all the compensation for the 21 years of work done by Peter
Nella seconda torta c’era tutto il compenso per i 21 anni di lavoro svolto da Piero

Teada in Téada 2003

A Pheigín na gcarad ‘s a Pheigín mo chroí
Cé hé an fear fada údan sínte leat síos?
Curfá: Ó a hó, ó a hó Ó a hó, a stóirín mo chroí

A Pheadair na gcarad ‘s a Pheadair mo chroí
Sin é do leanbh nach bhfaca tú riamh
Ó shiúil mise thoir agus shiúil mise thiar
Ach féasóg ar leanbh ní fhaca mé riamh

A Pheigín na gcarad ‘s a Pheigín mo chroí
Éirigh i do sheasamh ‘gus réitigh greim bídh
A Pheadair na gcarad ‘s a Pheadair mo chroí
Níl ins an teach agam greim mine buí

A Pheigín na gcarad ‘s a Pheigín mo chroí
In íochtar mo mhála tá cáca mine buí

‘S a Pheigín ‘s a mhaicín suífidh muid síos
Ní fhágfad an baile chúns mhairfeas mé arís


I
Peggy, my friend, and Peggy, my heart
Who is that tall man stretched alongside you?
Chorus : Oh a ho, oh a ho Oh a ho,
my love, oh love of my heart
II
Peter, my friend, and Peter, my heart
That is your baby (1) whom you never saw 
I walked east and I walked west
But a beard on a baby
I have never before seen
III
Peggy, my friend, and Peggy, my heart
Rise up now and prepare some food
Peter, my friend, and Peter, my heart
I have not a grain of yellow meal in the house
IV
Peggy, my friend, and Peggy, my heart
In the bottom of my bag
there is a yellow meal cake (2)
V
Peggy, my friend, and Peggy, my heart
I’ll never leave home again for as long as I live
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Rita amore mio, Rita cuore mio
chi è quell’uomo alto disteso accanto a te?
Coro Oh a ho, oh a ho Oh a ho,
amore mio, oh amore del mio cuore
II
Piero amore mio, Piero cuore mio
è tuo figlio che non hai mai visto
Sono stato a Est e a Ovest
ma una barba su un bambino
non l’ho mai vista prima
III
Rita amore mio, Rita cuore mio
alzati ora e prepara del cibo
Piero amore mio, Piero cuore mio
non c’è un granello di farina nella casa
IV
Rita amore mio, Rita cuore mio
nel fondo della mia sacca
c’è una torta di meliga
V
Piero amore mio, Piero cuore mio
non  partirò mai più finchè avrò vita

LINK
https://songsinirish.com/peigins-peadar-teada-lyrics/
http://www.celticlyricscorner.net/teada/peigins.htm
http://www.celticlyricscorner.net/dervish/peigin.htm
https://www.joeheaney.org/en/peigin-agus-peadar/

https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=18132
https://terreceltiche.altervista.org/seven-drunken-nights/

COME WITH ME OVER THE MOUNTAIN

“Over the Mountain”, “The Trip Over The Mountain”, “The Trip We Took Over The Mountains”, “Will You Come With Me Over The Mountain”

E’ una canzone di corteggiamento sicuramente di origine ottocentesca (contea di Galway), che illustra le consuetudini pre-matrimoniali di un tempo: l’uomo va su e giù per la montagna in visita alla sua bella per un anno (una volta al mese!), ma evidentemente i genitori di lei sono contrari alle loro nozze così lui le propone di fuggire insieme, dandole un ultimatum “O fuggiamo subito o non vengo più a trovarti!”
Lei prima non vuole ma poi, quando capisce che così lo perderà, si infila le scarpe e lo segue. In alcune versioni i due si sposano poi regolarmente davanti al prete e tutti i pettegolezzi sono messi a tacere!

La pratica della fuitina (come si dice dal siciliano= piccola fuga) era una usanza diffusa anche nelle regioni del Sud Italia, quando la coppia (spesso adolescente) metteva le rispettive famiglie davanti al “fatto compiuto” e quindi le obbligava a dare il consenso alle nozze. A volte una delle due famiglie era d’accordo con la coppia e la aiutava ad organizzare la fuga, così le nozze riparatrici erano più sobrie e senza costosi preparativi e ricevimenti.

Adrian_Ludwig_Richter

L’ASCOLTO
Il brano è più spesso registrato in versione strumentale come valzer lento o slow air, come riportato da Joe Heaney parte del testo e la melodia sono trascritti in P. W. Joyce, Old Irish Folk Music and Songs (1909)

ASCOLTA Teada 2003
ASCOLTA Séamus Ennis (anche su Spotify come Will you come with me over the mountain)

Su Spotify si possono ascoltare sotto il titolo di “The Trip We Took Over The Mountains” le versioni di Martin Cathy (strumentale) e di Peter Seeger (con testo diverso da quello riportato)

ASCOLTA Michael C. O’Laughlin che l’aveva   sentita cantare da Joe Heaney (ASCOLTA)

 I
One night when the moon illumined the sky
I first took a notion to marry
so I put on my hat and away I did fly,
You think I was in a great hurry.
I came to a spot where I often had been
My heart took a jump when my darling I seen
so I opened the door and I bid her good night
saying “will you come with me over the mountain?”
II
“My kind dear what watch come over you now?
I’m glad to see you so merry
It’s now twelve o’clock you should be in bed,
But come in or you’ll waken me mammy.”
“If you think I’m jesting, my jesting is real!
I’ve courted twelve months, and I think that should do;
and before I go home, I’ll be married to you
If you’ll come with me over the mountain.”
III
“If I should make an elopement with you
It bound to be wrought with great danger;
our neighbours would tattle and tattle us too
My friend would be all in a great wonder!”
“Well, let them tattle and tattle away
Consult with yourself for it’s very near day
And I don’t give a leap what the lot of them says
If you’ll come with me over the mountain.”
IV
“Well I must away at home I must go,
for I think it is fitting and better.
So farewell, my darling, farewell for a while
And let’s put an end to the matter.”
“Oh, wait just a minute let put on my shoes”
My heart took a leap when I heard the glad news
She came to the door saying “Maybe I’ll choose
To come with you over the mountain.”
V
By this time the moon had sunk in the west
for the dawn of the bright summer morning
Off we did go, the pair of us went on
For the wedding our two hearts were pining
The sagairt he came, without more delay
He married us both on the very same day;
And it’s often we talk when we’ve nothing to say
Of the trip we took over the mountain.

TRADUZIONE ITALIANO
I
Una notte, quando la luna illuminava il cielo
ho deciso di sposarmi
così ho indossato il cappello e sono volato via, in tutta fretta.
Sono arrivato in un posto dove spesso ero stato, il mio cuore ha fatto   un balzo quando ho visto la mia cara
ma ho aperto la porta e le ho augurato la buona notte
dicendole “Vuoi venire con me sulla montagna?”
II
“Mio bel caro ma che cosa ti succede adesso?
Sono contenta di vederti così allegro;
è mezzanotte e dovresti essere a letto
ma entra o sveglierai la mamma”
“Se tu pensi che   stia scherzando il mio scherzo è verità
Ti ho corteggiato per 12 mesi, e credo che dovrebbero bastare:
e prima di andare a casa, sarò sposato con te
se tu verrai con me sulla montagna”
III
“Se dovessi fuggire con te
un grande rovina si abbatterà su di noi
i nostri vicini andrebbero a spifferare tutto e sparlerebbero di noi,
tutti i nostri amici sarebbero meravigliati!”
“Bene, che spifferino e sparlino su di noi
pensaci bene perchè il giorno è vicino
e non me ne frega niente di quello che la maggior parte di loro dice
se tu verrai con me sulla montagna”
IV
“Ora devo proprio andare via, a casa,
credo che sia ben fatto e meglio
così addio mia cara, addio per un po’
e facciamola finita!”
“Oh aspetta solo un minuto, fammi mettere le scarpe”
il mio cuore ha fatto un balzo quando ho sentito la lieta notizia ed è   arrivata alla porta dicendo
“Forse scelgo di venire con te sulla montagna”
V
Intanto al luna era tramontata
a occidente
per l’alba del luminoso mattino d’estate
via siamo andati, per continuare ad essere una coppia
per il matrimonio i nostri due cuori stavano in pena
il prete è venuto senza ulteriori ritardi
ci sposò il giorno stesso
e quando non abbiamo niente da dire ne parliamo spesso del viaggio che   abbiamo fatto sulla montagna.

ASCOLTA Andy Irvine
© arrangiamento del testo di Andy Irvine

One night as the moon did illumine the sky’
I first took a notion to marry
I put on me hat and away I did fly
You’d have thought I’d have been in a hurry
When I can to the place where I often had been
Me heart gave a leap when my darlin’ I seen
I lifted the latch and I bade her Good E’en
Will you come with me over the mountain?

What notion is this that’s got into your head
You’ll make me afraid to be near you
It’s twelve o’clock and they’re all in bed
Speak low or me mammy will hear you.
I’m using no magic, casting no spell
I’m an honest young man and I love you right well
And if you’ll not have me, dear girl, farewell
I’ll go back alone o’er the mountain.

If I were to make an elopement with you
I might find myself in great danger
The country would tittle and censor me too
My parents would frown and no wonder.
Let them all tittle and censor away
Consult with yourself for it’s growing near day
What do we care what the country might say?
Come with me over the mountain.

She looked at me long and she looked at me hard
She trembled a little uneasy
Then wiping a tear that appeared in her eye
She said to me — Darling, I’m ready.
Give me a moment til I get me shoes
Me heart gave a lep when I heard the glad news
I lifted the latch saying I hope you’ll excuse
Me simplicity over the mountain.

By this time the moon had gone down in the sky
And the morning star brightly was shining
We both made the journey in greatest of haste
And we were wed at the altar of hymen.
In peace and contentment we spend our days
The anger of parents was soon blown away
Often we smile when we’ve little to say
On the trip we took over the mountain.

Un’altra versione testuale è cantata da Grace Toland ASCOLTA

FONTI
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=1106
http://thesession.org/tunes/6524
http://www.irishtune.info/tune/1974/
http://archive.org/details/oldirishfolkmusi00royauoft

ILLUSTRAZIONI
http://it.wikipedia.org/wiki/File:Adrian_Ludwig_Richter_002.jpg

ALASDAIR MHIC CHOLLA

“Alasdair Mhic Cholla Ghasda”: waulking song
Melodia tradizionale scozzese XVII secolo

Nelle note del brano riportate dai Capercaillie leggiamo che si tratta di una waulking song dell’isola di Barra ossia di una canto in gaelico che accompagnava la battitura dei panni di tweed, un lavoro manuale di pertinenza delle donne, spesso svolto con i ..piedi! (vedi)
La ban dhuan (ovvero la donna-canzone) intonava la strofa e il resto delle altre donne la seguiva nel ritornello: mentre la strofa era in genere breve, di uno o due versi il ritornello era spesso lungo con almeno 4-5 versi con abbondante uso di “vocables” ovvero suoni sillabici senza senso . Del resto anche tutta la canzone non aveva un vero e proprio significato, essendo le parole scelte principalmente per mantenere costante il ritmo della lavorazione tuttavia la ban dhuan più abile riusciva a metterci i gossip del momento. Ovviamente si finì per codificare le canzoni in una sorta di versione tramandata anche se di volta in volta i versi delle strofe finivano per variare a piacere di chi cantava. Queste canzoni ci narrano così vicende storiche del XV-XVI secolo, oppure descrivono attività e usanze molto antiche.

In particolare “Alasdair Mhic Cholla Ghasda” ricorda le gesta di un capo clan scozzese, Alaster McDonald nativo delle Ebridi, dalla grande statura, forza e coraggio, un eroe popolare sia in Irlanda che in Scozia per le sue imprese nella guerra civile della seconda metà del 600.

maccollaAlexander (o Alaster) McDonald (c. 1610-1647) fu un guerriero scozzese nato nelle Ebridi Interne (isola di Colonsay) e primogenito di un capo clan (uno dei più potenti clan scozzesi delle Highlands). Nella annosa faida con il clan Campbell però il Clan Donald finì per soccombere con il devastante corollario di perdita della terra, case bruciate, uccisioni o cattura della maggior parte degli uomini. Così Alasdair si trasferì in Irlanda del Nord in esilio presso i suoi parenti MacDonnels di Antrim, con un pugno di guerrieri, finendo nel bel mezzo della guerra civile irlandese del 1641.

Noto per la sua gigantesca statura e prestanza fisica nel 1644 fu nominato comandante di quasi 2.000 uomini per una spedizione in Scozia a sostegno della guerra civile scozzese, ben determinato a vendicarsi di coloro che lo avevano offeso.
Non perdendo l’occasione di saccheggiare le terre dei Campbell (bruciò vivi anche donne e fanciulli con l’unica colpa di appartenere al clan dei Cambell, devastò castelli e città meritandosi il nome di “il devastatore” per la sua crudeltà) vinse una serie di battaglie alleandosi con il generale scozzese James Graham primo marchese di Montrose tra il 1644 e il ’45 (Tippermuir, Aberdeen, Inverlochy, Auldearn, Alford e Kilsyth). Ma le sorti della guerra si decidevano in ambiti più vasti e vanamente MacColla continuò la sua battaglia nel Nord della Scozia, circondato dai nemici e senza più rinforzi. Nel maggio del 1647 si ritirò in Irlanda per servire nell’esercito del Munster e trovò la sua morte nella battaglia di Knocknanuss, dove venne catturato e fucilato subito dopo il combattimento.. così divenne un eroe popolare sia in Irlanda che in Scozia, con canti e melodie scritte in suo onore.

Come struttura la canzone ha la particolarità di prendere gli ultimi due versi di una strofa per farli diventare i primi due della strofa successiva (mantenendo sempre l’alternanza tra strofa e ritornello). Spesso i versi delle strofe venivano riciclati da una canzone all’altra, ma il ritornello, invece, per quanto senza senso, è sempre diverso, forse perché è la parte corale del canto che in qualche modo lo connota rispetto agli altri.

ASCOLTA Capercaillie in Sidewaulk , 1989; The Blood is Strong 1988 e 1995 (la III strofa è omessa)
Nel 1988 il gruppo ha inciso le musiche di “The Blood is Strong” per una serie televisiva sull’esodo forzato di tanti Highlander nel Nord America, Australia e Nuova Zelanda, (Highland clearance), alcune tracce sono confluite anche nell’album dell’anno successivo Sidewaulk. L’album  The Blood is Strong è stato ripubblicato dalla Survival Record bel 1995 con delle tracce aggiuntive tratte dai commenti sonori ad altri due programmi televisivi, il primo Prince Among the Island del ’92 e Highlander del ’95

ASCOLTA Clannad in Lore 1996

ORIGINALE GAELICO SCOZZESE
I
Alasdair Mhic o ho
Cholla Ghasda o ho
As do laimh-s’ gun o ho
Earbainn tapaidh trom eile
Sèist:
Chall eile bho chall a ho ro
Chall eile bho chall a ho ro
Chall eile huraibh i chall a ho ro
Haoi o ho trom eile
II
As do laimh-s’ gun o ho
Earbainn tapaidh o ho
Mharbhadh Tighearna o ho
Ach-nam-Brac leat trom eile
III
Mharbhadh Tighearna o ho
Ach-nam-Breac leat o ho
Thiolaigeadh e o ho
An oir an lochain trom eile
IV
‘S ged ‘s beag mi fein o ho
Bhuail mi ploc air o ho
Chuala mi’n de o ho
Sgeul nach b’ait leam trom eile
V
Chuala mi’n de o ho
Sgeul nach b’ait leam o ho
Glaschu a bhith o ho
Dol ‘na lasair trom eile
VI
Glaschu a bhith o ho
Dol ‘na lasair o ho
‘S Obair-Dheathain o ho
‘N deidh a chreachadh trom eile
TRADUZIONE INGLESE
I
Alexander son,
Of gallant(1) Cholla,
Into your hand,
I would heroic entrust deeds,
II
Into your hand,
I would entrust heroic deeds,
The Lord of Ach-nam-breac,
Would be killed by you,
III
The Lord of Ach-nam-breac,
Would be killed by you,
He would be buried,
At the edge of the loch,
IV
And although I myself was small,
I threw a clot of earth on him,
I heard yesterday,
A sad story,
V
I heard yesterday,
A sad story,
That Glasgow,
Was going down,
VI
That Glasgow,
Was going down,
And Aberdeen,
Is being pillaged,
TRADUZIONE ITALIANO
I
Alessandro figlio
del cavalleresco Donald,
nella tua mano
vorrei affidare eroiche imprese,
II
Nella tua mano
vorrei affidare eroiche imprese,
il Signore di Ach-nam-breac,
fu ucciso da te,
III
il Signore di Ach-nam-breac,
fu ucciso da te,
e seppellito,
in riva al lago,
IV
E sebbene fossi fanciullo,
ho gettato un pugno di terra su di lui,
Ho sentito ieri,
una triste storia,
V
Ho sentito ieri,
una triste storia,
che Glasgow,
stava per essere travolta,
VI
Che Glasgow,
stava per essere travolta,
e Aberdeen,
saccheggiata,

NOTE
1) tradotto anche come exile ossia esule

GOL NA MBAN SAN AR

Gol na mBan san ar (“The Crying Of The Women At The Slaughter ”  in italiano il Lamento delle donne nel massacro) è una melodia composta in memoria di MacColla, più nota con il nome di The Eagle’s Whistle (in italiano “il richiamo dell’aquila” e in gaelico Fead An Iolair).

Il brano è stato registrato sotto molti nomi, anche se le melodie non sono del tutto simili specialmente per i tempi che vanno dalla slip jig, walzer alla marcia o polka: Arrane Ny Niee, The Eagle’s Whistle March. Con il nome di “The O’Donovan Clan March” è anche la melodia ufficiale del Clan O’Donovan. Tuttavia Gol na mBan e The Eagle’s Whistle non sono lo stesso brano, pare che la confusione sia insorta da una delle prime registrazioni di Seámus Ennis (vedi Bonny Bunch of Roses), errore poi rettificato nelle registrazioni successive.

THE EAGLE’S WHISTLE

ASCOLTA Crubeen in versione marcia, così scrivono nelle note : “This tune is said by some to be the march of the O’Donoghue clan. while others claim it to relate to the O’Donovans. It is strangely reminiscent of an old lullaby in which an eagle is singing to the young eaglets. However. played as a march it conveys the spirit of the old Irish clans.”
Ecco come è arrangiata in versione slow-air
ASCOLTA William Coulter

ASCOLTA The Highland Session con Allan Henderson al violino

ASCOLTA The Sea Stallions

ALLISDRUM’S MARCH

Gol na mBan san ar è ricordato più propriamente con il titolo di Allisdrum’s march o anche Battle of Cnoc na nDos, ovvero la battaglia di Knocknanuss combattuta non lontano da Mallow (contea di Cork) il 13 novembre 1647

La melodia è raccolta in “Tunes of the Munster Pipers” dal manoscritto di James Goodman (1828-1896), una melodia senz’altro più in tono come lament o marcia funebre per la morte di Alasdair e il lamento delle donne, che si conclude a volte con un cenno di danza al tempo di una vecchia jig “Church Hill” nota anche come “Church Street” comparsa in “Dance Music of Irland” di Francis O’Neil: alcune spiegazioni sono state azzardate in merito, ovvero che la vedova fosse ben felice di essersi liberata da un marito soprannominato “il devastatore” peraltro di sana e robusta costituzione duro a morire; oppure si dice che la vedova abbia ballato per non iniziare a piangere prima delle altre donne


ASCOLTA Téada

ASCOLTA Peter Browne all’uilleann pipes

FONTI
http://www.badassoftheweek.com/maccolla.html
http://www.british-civil-wars.co.uk/military/ireland-1647-knocknanuss.htm
http://www.celticlyricscorner.net/capercaillie/alasdair.htm
http://www.celticlyricscorner.net/clannad/alasdair.htm
http://thesession.org/tunes/4192
http://thesession.org/tunes/9853
http://www.thesession.org/tunes/1837
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=26498
http://source.pipers.ie/documents/item.arc?mediaId=16749
http://thesession.org/tunes/9497
http://thesession.org/tunes/6567