The Grey Silkie of Sule Skerry

Leggi in italiano

5494853578_b8a653b169Selkie / silkie / Selchie are the dialectal terms with which in Scotland and Ireland the shapeshifting creatures of sea are called; derive from selich, the Scottish archaic word for  gray seal of the oceans and the Atlantic seas: they are guardians of the sea, seal in the sea and man on earth.

ALL ABOUT SELKIE see here

The power of shapeshifters seems to be contained in their mantle (seal skin), selkies can no longer transform themselves without it and are forced to remain human. This condition is understood in a negative way, a sign of a lack or deprivation, as if the skins of Selkie there were also their soul.
Some researchers wanted to see the origin of the legend in the Finfolk, ( probably the Sami people) Scandinavian men who arrived on the islands and on the coast of Scotland aboard their leather kayaks, while gradually they were advancing at sea their canoe had absorbed water and  sank until only part of their trunk it could be seen.

Both male and female, they are described in their human form as beautiful creatures (long hair and big dark eyes, agile limbs), docile but at the same time endowed with seductive power. The legend says that to reproduce a selkie-male must be in human form and transmit his power to descendants: when his child is weaned on dry land, the selkie will return from the sea. Once when the infant mortality rate was very high, only children over the age of seventh could be considered out of danger and it was at the end of the seventh year that the selkie returned to take his child.
Selkie males were invoked by girls in search of lovers, pouring seven tears in the tide, while sailors were attracted to the female selkie who tried to take as their brides.

Selkie by Maryanne Gobble

THE GREAT SELKIE OF SULE SKERRY

The best known of the Orkney ballads, also known as The Gray Silkie of Sule Skerry, it tells of a selkie living on the rocky cliff of Sule. Skerry derives from the Norse “sker” which means rock in the sea .
The ballad was also collected by professor Child ( # 113).

tumblr_loialeB04U1r04h5zo1_500A young girl has a child from an unknown man who turns out to be a selkie: man on earth, seal at sea whose dwelling is the rocks of Sule. After seven years the sea creature returns to claim his son, giving him a chain of gold, and the mother lets him go.
She after some time gets married with a hunter who trades with animal skins. One day he returns home with the skins of two seals he had killed to give them to his wife: one was of an old gray seal, the other of a young seal with a golden chain around his neck! She dies, overwhelmed by the pain of this vision: her heart breaks or she chooses to follow selkie and son throwing herself into the sea to prevent the prophecy from coming true.

SELKIE PROPHECY

The enchantment of the story lies in particular in the narrative choice: the story is often described as in a nocturnal dream in which a man who claims to be silkie and father of the child, appears almost magically and, next to the cradle of the newborn as in fairy godmothers of fairy tales, he traces child’s destiny.

TWO TUNES

A first melody, which was shot in the folk revival of the 70s, it was written by the American James Waters in 1954 (popularized by Joan Baez); another melody is instead traditional and it was collected in 1938 by Otto Anderson from the voice of John Sinclair of the island of Flotta and transcribed in notation.

JAMES WATERS TUNE

A funeral lament in a lullaby form.

Castelbar  (I, II, IV, V, III, VI, VII, I)

Very intense version of Steeleye Span from Cogs, Wheels and Lovers, 2009, Maddy Prior and Peter Knight

Cécile Corbel ( I, II, IV as refrain, III, V, VI)

Seriouskitchen (Nick Hennessey, Vicki Swan and Jonny Dyer ) live: magic instruments, beautiful voices, intense expressiveness

I
An earthly nurse (1) sits and sings,
And aye, she sings by lily wean,
“And little ken (2) I my bairn (3)’s father,
Far less the land where he dwells in.
II
For he came one night to her bed feet (4),/And a grumbly (5) guest, I’m sure was he,/Saying, “Here am I, thy bairn’s father,/Although I be not comely.”
III
He had ta’en a purse of gold/And he had placed it upon her knee/ Saying, “Give to me my little young son,/And take thee up thy nurse’s fee.”
IV
“I am a man upon the land,
I am a silkie on the sea,
And when I’m far and far frae land,
My home it is in Sule Skerrie.”
V
“And it shall come to pass on a summer’s day,/When the sun shines bright on every stane,/I’ll come and fetch my little young son,/And teach him how to swim the faem.”
VI
“Ye shall marry a gunner good/And a right fine gunner I’m sure he’ll be,/And the very first shot that e’er he shoots/Will kill both my young son and me.”
VII
“Alas! Alas! this woeful fate!
This weary fate that’s been laid for me!”/And once or twice she sobbed and sighed/and she joint to a sun and grey silkie (6)

NOTES
1) nourris = nurse
2) ken = know
3) bairn = child
4) bed fit = foot of the bed
5) grumly = strange, scary but also sad
6) or: And her tender heart did break in three

Angelo Branduardi in Il Rovo e la Rosa 2013
Lyrics: Luisa Zappa
Tune: James Waters

traditional tune

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/sule-skerry.htm
http://www.orkneyjar.com/folklore/selkiefolk/sulesk.htm
http://thawinedarksea.blogspot.it/2010/04/selkie-pallawah-skin.html
http://www.orkneyjar.com/folklore/finfolk/index.html
https://japanesemythology.wordpress.com/study-notes-investigating-sealkins-selkies-and-sea-goddess-folklore/
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/greatsilkieofsuleskerry.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31375
http://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch113.htm
http://www.bluegrassmessengers.com/recordings–info-113-great-silkie-of-sule-skerry.aspx
http://bestoflegends.org/fairy/selchies.html
http://fiabesca.blogspot.it/2013/06/acque-settentrionali-le-storie-della.html

The Grey Silkie of Sule Skerry

Read the post in English

5494853578_b8a653b169Selkie / silkie / Selchie sono i termini dialettali con cui in Scozia e Irlanda sono chiamate le creature del mare mutaforma; derivano da selich, vocabolo arcaico scozzese per la foca grigia degli oceani e i mari atlantici: sono i guardiani del mare, foca nel mare e uomo sulla terra.

LA SCHEDA vedi

Il potere dei mutaforma sembra essere contenuto nel mantello ovvero nella pelle di foca, senza di esso i selkie non riescono più a trasformarsi e sono costretti a restare umani. Questa condizione è intesa in modo negativo, segno di una mancanza o privazione, come se la pelle del selkie fosse anche la sua anima.
Alcuni ricercatori hanno voluto vedere l’origine della leggenda nei Fin Folk, (ovvero i finnar probabilmente il popolo sami) uomini scandinavi che arrivavano sulle isole e sulla costa della Scozia a bordo dei loro kayak di pelle e con la forza dei remi, man mano che avanzavano in mare la canoa assorbiva l’acqua e affondava fino a che si poteva vedere solo parte del tronco.

Di sesso sia maschile che femminile sono descritti nella loro forma umana come creature bellissime (lunghi capelli e grandi occhi scuri, agili membra), docili ma al contempo dotate di potere seduttivo. La leggenda dice che per riprodursi il selkie-maschio deve essere in forma umana e trasmetterà alla sua discendenza il suo potere: quando il bambino sarà svezzato sulla terra ferma, il selkie tornerà dal mare per portarlo con sé. Un tempo quando la mortalità infantile era molto alta, solo i bambini che superavano il settimo anno di età potevano essere considerati fuori pericolo ed è proprio allo scadere del settimo anno che il selkie ritornava a prendere il figlio.
Selkie maschi erano invocati dalle fanciulle in cerca di amanti versando sette lacrime nella marea mentre i marinai erano attratti dalle selkie femmina che cercavano di prendere come spose.

Selkie by Maryanne Gobble

THE GREAT SELKIE OF SULE SKERRY

La più nota delle ballate delle isole Orcadi, anche come The Grey Silkie of Sule Skerry, narra di un selkie che vive sulla scogliera rocciosa di Sule. Skerry deriva dal norreno sker che significa roccia nel mare e in italiano si traduce con scoglio.
La ballata è stata collezionata anche dal professor Child ( # 113).

tumblr_loialeB04U1r04h5zo1_500Una giovane fanciulla ha un figlio da un uomo sconosciuto che si rivela essere un selkie: uomo sulla terra, foca nel mare la cui dimora sono gli scogli di Sule. Dopo sette anni la creatura del mare ritorna per reclamare a sè il figlio, donandogli una catena d’oro, e la madre lo lascia andare.
La donna dopo qualche tempo si sposa con un cacciatore che commercia con le pelli di foca. Un giorno ritorna a casa con le pelli di due foche che aveva ucciso per donarle alla moglie: una era di una foca vecchia e grigia, l’altra di una giovane foca con al collo una catena d’oro! La donna sopraffatta dal dolore di tale visione muore: le si spezza il cuore oppure decide di seguire selkie e figlio gettandosi in mare per impedire che si avveri la profezia.

LA PROFEZIA DEL SELKIE

L’incanto della vicenda però risiede nella scelta narrativa: la storia è spesso descritta come in un sogno notturno in cui un uomo che si dichiara essere silkie e padre del bambino, appare quasi magicamente e, accanto alla culla del neonato come nelle fate madrine delle fiabe, ne traccia il destino.

LE MELODIE

La melodia abbinata e che è stata ripresa nel folk revival degli anni 70 è stata scritta dall’americano James Waters nel 1954 (la versione di Joan Baez per intenderci); un’altra melodia è invece tradizionale ed è stata raccolta nel 1938 da Otto Anderson dalla voce di John Sinclair dell’isola di Flotta e trascritta in notazione.

LA VERSIONE DI JOAN BAEZ

La melodia è stata composta da James Waters negli anni 1950 e resa popolare da Joan Baez, quasi un lamento funebre in forma di ninnananna.

Castelbar che hanno realizzato anche un mini-filmato,   molto evocativo. La sequenza delle strofe è: I, II, IV, V, III, VI, VII, I

Molto intensa la versione degli Steeleye Span in Cogs, Wheels and Lovers, 2009 Maddy Prior e Peter Knight

oppure la versione più pop di Cécile Corbel (strofe I, II, IV usata come ritornello, III, V, VI)

ed ecco la versione live dei Seriouskitchen (Nick Hennessey, Vicki Swan and Jonny Dyer )  magia degli strumenti, belle voci, intensità espressiva


I
An earthly nurse (1) sits and sings,
And aye, she sings by lily wean,
“And little ken (2) I my bairn (3)’s father,
Far less the land where he dwells in.
II
For he came one night to her bed feet (4),
And a grumbly (5) guest, I’m sure was he
Saying, “Here am I, thy bairn’s father,
Although I be not comely.”
III
He had ta’en a purse of gold
And he had placed it upon her knee
Saying, “Give to me my little young son,
And take thee up thy nurse’s fee.”
IV
“I am a man upon the land,
I am a silkie on the sea,
And when I’m far and far frae land,
My home it is in Sule Skerrie.”
V
“And it shall come to pass on a summer’s day,/When the sun shines bright on every stane,/I’ll come and fetch my little young son,/And teach him how to swim the faem.”
VI
“Ye shall marry a gunner good
And a right fine gunner I’m sure he’ll be,
And the very first shot that e’er he shoots
Will kill both my young son and me.”
VII
“Alas! Alas! this woeful fate!
This weary fate that’s been laid for me!”
And once or twice she sobbed and sighed
and she joint to a sun and grey silkie (6)
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Una madre (1) mortale seduta, canta
e si, canta vicino al bambino pallido
“E ben poco so (2) del padre di mio figlio (3)
tanto meno della terra dove vive
II
che venne una notte ai piedi del letto (4) ed era un ospite ben strano (5)  e disse “eccomi qua, il padre di tuo figlio
anche se non sono bello da vedersi”.
III
Aveva preso una borsa d’oro
e gliela aveva posata sulle ginocchia
dicendo “Dammi il mio figlioletto,
e prendi la ricompensa per averlo allevato
IV
Io sono un uomo sulla terra,
e un silkie in mare
e quando sono lontano dalla terra
la mia dimora è lo scoglio di Sule.
V
Ed avverrà in un giorno d’estate, quando il sole splenderà lucente su ogni pietra, 
che verrò a prendere il mio figlioletto e gli insegnerò a nuotare nelle onde.
VI
E tu sposerai un buon cacciatore,
e sarà di certo un cacciatore dalla buona mira e al primo colpo che mai sparerà, ucciderà sia mio figlio che me”
VII
“Ahime! Ahime! Che destino doloroso
che tristo destino è stato predisposto per me!”
Una o due volte si lamenta e piange
poi si unisce al figlio e alla foca grigia (6).

NOTE
1) nourris = nurse qui tradotto nel senso della maternità
2) ken = know
3) bairn = child termine scozzese per bambino
4) bed fit = foot of the bed
5) grumly = strange significa strano, spaventoso ma anche triste
6) il verso più comunemente adottato è invece: And her tender heart did break in three

Angelo Branduardi in Il Rovo e la Rosa 2013 adattamento in italiano di Luisa Zappa sulla melodia di James Waters

SILKIE
I
Col suo bambino stretto al seno,
stava piangendo una fanciulla.
“Chi sia tuo padre non so più dire,
così remoto ora lui vive.”
II
Ma a notte fonda lui ritornò,
un’ombra scura che gemeva.
“Io sono il padre del tuo bambino,
benché non sia il benvenuto.
III
Io sono un uomo sulla terra,
io sono un Silkie nel mio mare.
Ma quando da te vado lontano
la mia dimora è Sule Skerrie.”

IV
Poi lui prese una borsa d’oro
e la depose ai suoi piedi.
“Tu ora dammi il mio bambino,
questa è la paga per le tue cure.
V
E quando poi verrà l’estate,
col sole ardente sulle pietre,
io prenderò il mio bambino
e nuoteremo tra le onde.
VI
Tu troverai un buon marito,
un buon fucile al suo fianco.
Ed io già so che al primo colpo,
ucciderà mio figlio e me.”
la versione tradizionale

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/sule-skerry.htm
http://www.orkneyjar.com/folklore/selkiefolk/sulesk.htm
http://thawinedarksea.blogspot.it/2010/04/selkie-pallawah-skin.html
http://www.orkneyjar.com/folklore/finfolk/index.html
https://japanesemythology.wordpress.com/study-notes-investigating-sealkins-selkies-and-sea-goddess-folklore/
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/greatsilkieofsuleskerry.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=31375
http://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch113.htm
http://www.bluegrassmessengers.com/recordings–info-113-great-silkie-of-sule-skerry.aspx
http://bestoflegends.org/fairy/selchies.html
http://fiabesca.blogspot.it/2013/06/acque-settentrionali-le-storie-della.html