Archivi tag: Seán Ó Riada

Mise Éire – I am Ireland

Leggi in italiano
Patrick Henry Pearse (Pádraic Mac Piarais or Pádraig Pearse) wrote a short poem in Gaelic, about afflicted Ireland, it was 1912 and the Easter Uprising was to came. It’ll be Pearse who read the proclamation of the Irish Republic on the steps of the Post Office occupied by the rebels. His death along with that of his companions on that Easter of Blood of 1916 will be the prelude to the Irish War of Independence (1919-1921)

In 1959 George Morrison made a documentary film about the foundation of the Republic of Ireland that, recalling it to the Pearse poem, he entitled “Mise Éire”: it was a long work of research and cataloging from the newsreels, period films, photos of key figures such as Pádraig Pearse, James Connolly, Éamon de Valera and Michael Collins, to giving back through the reassembly of archival material, a crucial historical period for Irish independence from 1896 to 1918, a twenty-year period that saw the flowering of both political nationalism and Irish culture, the Gaelic League and the Gaelic Athletics Association, the Abbey Theater of WB Yeats and Lady Gregory which ends with the electoral victory of the Sinn Féin party.
The orchestral soundtrack (for the first time combined with an Irish feature film) was entrusted to Seán Ó Riada, who arranged the traditional Irish music and the sean-nós songs (‘old style’) with a classical style.
The Ó Riada soundtrack certainly contributed to the documentary’s pathos, and among the many traditional melodies he also rearranged “Róisín Dubh” renamed as title track “Mise Éire” .
Róisín Dubh (= little black rose) is Rosalinda, a young girl named Little Rose is the allegory of Ireland, a codeword coined at the end of the sixteenth / early seventeenth century to identify Ireland with a Black Rose, ideally contrasted to the Red Rose of the Tudor House (the Lancaster rose).
The Irish Radio Orchestra

But Pearse poem had remained in the background despite hitting target with the title, it will be Patrick Cassidy on the occasion of the centenary of the Easter Uprising, to write his tune for “Mise Éire”, staged for RTÉ ONE with RTÉ Concert Orchestra and sung by the young Irish singer, Sibéal Ní Chasaide

Sibéal Ní Chasaide live ( in “1916 The Irish Rebellion”, 2016)

I am Ireland (1):
I am older than
the old woman (2) of Beare.
Great my glory:
I that bore
Cuchulainn, the valiant.
Great my shame:
My own children
who sold their mother.
Great my pain:
My irreconcilable enemy
who harrasses me continually.
Great my sorrow
That crowd,
in whom I placed my trust,
died.
I am Ireland:
I am lonelier than
the old woman of Beare.
Mise Éire:
Sine mé ná
an Chailleach Bhéarra
Mór mo ghlóir:
Mé a rug
Cú Chulainn cróga.
Mór mo náir:
Mo chlann féin
a dhíol a máthair.
Mór mo phian:
Bithnaimhde
do mo shíorchiapadh.
Mór mo bhrón:
D’éag an dream
inar chuireas
dóchas.
Mise Éire:
Uaigní mé ná
an Chailleach Bhéarra.

NOTE
1) “Just Speak Your Language”
2) Cailleach Bheara cailleach= “veiled one” she is an ancient goddess also revered in Scotland and the Isle of Man. She is associated with Winter, and the creation of the landscape – in particular the cliffs – and with the stone burial mounds. In the aisling song, Ireland is represented as a girl with the appearance of a goddess, but already in the eighteenth-century song Caitilín Ní Uallacháin Ireland is compared to a “poor old woman” (Sean-Bhean bhocht) Ms. Katty Hualloghan – Cathleen or Kathleen Nì Houlihan-, owner of four green fields (ie the four provinces where Ireland is traditionally divided).

 

https://terreceltiche.altervista.org/roisin-dubh/

https://terreceltiche.altervista.org/caitilin-ni-uallachain/

FONTI
https://www.theballadeers.com/ire/oriad_m2006_mise.htm
https://aliisaacstoryteller.com/2017/06/12/who-was-the-old-woman-of-beare/
http://ifi.ie/film/mise-eire/
http://www.itastreaming.online/film/19383-mise-%C3%89ire-1959-streaming-subita.html
http://www.irishpage.com/poems/miseeire.htm
https://quinteparallele.net/2017/03/20/ceol-na-heireann-musiche-classiche-dirlanda-in-sean-o-riada/

Mise Éire – I am Ireland

Read the post in English  

Patrick Henry Pearse (Pádraic Mac Piarais o Pádraig Pearse) scrisse una breve poesia in gaelico irlandese sull’Irlanda afflitta, era il 1912 e la Rivolta di Pasqua era nell’aria. Sarà Pearse a leggere il proclama della Repubblica Irlandese sui gradini dell’Ufficio postale occupato dai ribelli. La sua morte insieme a quella dei suoi compagni in quella Pasqua di Sangue del 1916 darà il via alla guerra d’Indipendenza irlandese (1919-1921)

Nel 1959 George Morrison realizzò un film-documentario sulla fondazione della Repubblica d’Irlanda e, richiamandosi alla poesia di Pearse, lo intitolò  “Mise Éire”: il suo fu un lungo lavoro di ricerca e catalogazione dai cinegiornali, filmati d’epoca, foto di personaggi chiave come Pádraig Pearse, James Connolly, Éamon de Valera e Michael Collins, volto a restituire attraverso il rimontaggio del materiale d’archivio, un periodo storico cruciale per l’indipendenza irlandese che va dal 1896 al 1918, un ventennio che vide la fioritura del nazionalismo irlandese sia politico che culturale, la  Gaelic League e la Gaelic Athletics Association, l’Abbey Theatre di WB Yeats e Lady Gregory e si conclude con la vittoria elettorale del partito Sinn Féin.

LA COLONNA SONORA

La colonna sonora orchestale (per la prima volta abbinata a un lungometraggio irlandese) fu affidata a Seán Ó Riada il quale arrangiò con piglio classicheggiante la musica tradizionale irlandese e i canti sean-nós (‘stile antico’).
Sicuramente a dare pathos al documentario ha contribuito molto la colonna sonora di Ó Riada che  tra le tante melodie tradizionali rielaborò anche “Róisín Dubh” ribattezzata con il titolo di “Mise Éire” come title track.
Róisín Dubh (= little black rose) è  Rosalinda, una fanciulla dal nome di Piccola Rosa, l’allegoria dell’Irlanda, una parola in codice coniata alla fine del Cinquecento/inizi Seicento per identificare l’Irlanda con una Rosa Nera,  contrapposta idealmente alla Rosa Rossa della Casata Tudor (la rosa dei Lancaster).
The Irish Radio Orchestra

Ma la poesia di Pearse era rimasta sullo sfondo pur avendo fatto centro con il titolo, sarà  Patrick Cassidy (oramai acclamato compositore di colonne sonore per film di grande successo) in occasione del centenario della Rivolta di Pasqua a scrivere appositamente la musica per la poesia Mise Éire,  messa in scena per  RTÉ ONE con RTÉ Concert Orchestra  e la voce di Sibéal Ní Chasaide.

Sibéal Ní Chasaide live (anche in “1916 The Irish Rebellion”, 2016)

Mise Éire:
Sine mé ná an Chailleach Bhéarra
Mór mo ghlóir:
Mé a rug Cú Chulainn cróga.
Mór mo náir:
Mo chlann féin a dhíol a máthair.
Mór mo phian:
Bithnaimhde do mo shíorchiapadh.
Mór mo bhrón:
D’éag an dream inar chuireas dóchas.
Mise Éire:
Uaigní mé ná an Chailleach Bhéarra.


I am Ireland:
I am older than
the old woman of Beare.
Great my glory:
I that bore
Cuchulainn, the valiant.
Great my shame:
My own children
who sold their mother.
Great my pain:
My irreconcilable enemy
who harrasses me continually…
Great my sorrow
That crowd,
in whom I placed my trust,
died.
I am Ireland:
I am lonelier
than the old woman of Beare.
Traduzione italiana Cattia Salto
Il mio nome è Irlanda (1):
sono più vecchia
della Velata di Beara (2)
Grande la mia gloria:
io che ho partorito
Cuchulainn, il coraggioso.
Grande la mia vergogna:
i miei stessi figli
che hanno venduto la loro madre.
Grande il mio dolore:
il mio inconciliabile nemico
che mi opprime continuamente
Grande la mia tristezza:
quel popolo,
in cui riposi la mia fiducia,
è morto.
Il mio nome è Irlanda:
sono più sola
della Velata di Beara

NOTE
1) l’Irlanda è la sua lingua, “Just Speak Your Language”, quella dei vecchi antenati il gaelico irlandese
2) Cailleach Bheara cailleach= “la velata” è un’antica dea dell’inverno venerata anche in Scozia e nell’Isola di Man. E’ collegata con le pietre e la conformazione rocciosa del paesaggio -in particolare le scogliere- e con i tumuli funerari a pietra.
Nelle aisling song l’Irlanda viene rappresentata come una fanciulla dalle sembianze di dea, ma già nel canto settecentesco Caitilín Ní Uallacháin l’Irlanda è paragonata a una  “povera vecchia” (la Sean-Bhean bhocht) la signora Katty Hualloghan – Cathleen o Kathleen Nì Houlihan-,  padrona di quattro campi verdi (cioè le quattro province in cui è divisa per tradizione l’Irlanda).  Il nome è anche il titolo di una opera teatrale di W.B. Yeats e Lady Augusta Gregory ambientata nel 1798.

 

RÓISÍN DUBH

CAITILIN NI UALLACHAIN

FONTI
https://www.theballadeers.com/ire/oriad_m2006_mise.htm
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Cailleach.htm
https://aliisaacstoryteller.com/2017/06/12/who-was-the-old-woman-of-beare/
http://www.lasoffittadellestreghe.it/shoponline/cailleach-dea-dellinverno/
http://ifi.ie/film/mise-eire/
http://www.itastreaming.online/film/19383-mise-%C3%89ire-1959-streaming-subita.html
http://www.irishpage.com/poems/miseeire.htm
https://quinteparallele.net/2017/03/20/ceol-na-heireann-musiche-classiche-dirlanda-in-sean-o-riada/

MNÁ NA HÉIREANN

Gustave Courbet: Portrait of Jo, the Beautiful Irish Girl-1865
Gustave Courbet: Portrait of Jo, the Beautiful Irish Girl-1865

Versi del poeta nord irlandese Peadar Ó Doirnín (1704–1796), messi in musica 200 anni dopo circa da Seán Ó Riada, colui che contribuì alla rinascita della musica irlandese tradizionale proprio negli anni 60 con il gruppo Ceoltóirí Chualann (da cui si staccarono i Chieftains) -morì a soli 40 anni nel 1971.

La versione più famosa in assoluto di questo brano è proprio quella dei Chieftains del 1973, finita nella colonna sonora del film Barry Lyndon ( le cui musiche sono una più bella dell’altra) con la regia di Stanley Kubrick (1995)
Una Aislin song che è insieme canto d’amore e rebel song in cui la donna amata è la personificazione dell’Irlanda.

VERSIONE Sinead O’Connor & Chieftains
ASCOLTA Alan Stivell
ASCOLTA Kate Bush


I
Tá bean in Éirinn a phronnfadh séad domh is mo sháith le n-ól
Is tá bean in Éirinn is ba bhinne léithe mo ráfla ceoil
Ná seinm théad; atá bean in éirinn is níorbh fhearr léi beo
Mise ag léimnigh nó leagtha i gcré is mo thárr faoi fhód
II
Tá bean in Éirinn a bheadh ag éad liom mur’ bhfaighfinn ach póg
Ó bhean ar aonach, nach ait an scéala, is mo dháimh féin leo;
Tá bean ab fhearr liom nó cath is céad dhíobh nach bhfagham go deo
Is tá cailín spéiriúil ag fear gan Bhéarla, dubhghránna cróin.
III
Tá bean a déarfadh dá siulfainn léi go bhfaighinn an t-ór,
Is tá bean ‘na léine is is fearr a méin ná na táinte bó
Le bean a bhuairfeadh Baile an Mhaoir is clár Thír Eoghain,
Is ní fheicim leigheas ar mo ghalar féin ach scaird a dh’ól


Kate Bush
I
There’s a woman in Ireland who’d give me a gem and my fill to drink,
There’s a woman in Ireland to whom my singing is sweeter than the music of strings
There’s a woman in Ireland who would much prefer me leaping
Than laid in the clay and my belly under the sod.
II
There’s a woman in Ireland who’d envy me if I got naught but a kiss
From a woman at a fair, isn’t it strange, and the love I have for them
There’s a woman I’d prefer to a battalion, and a hundred of them whom I will never get
And an ugly, swarthy man with no English has a beautiful girl
III
There’s a woman who would say that if I walked with her I’d get the gold
And there’s the woman of the shirt whose mien is better than herds of cows
With a woman who would deafen Baile an Mhaoir and the plain of Tyrone
And I see no cure for my disease but to give up the drink.

traduzione italiana  Cattia Salto
I
C’è una donna in Irlanda che mi avrebbe dato una pietra preziosa e da bere a volontà, c’è una donna in Irlanda per la quale i miei canti sono più dolci delle corde dell’arpa
c’è una donna in Irlanda che preferirebbe vedermi vivo e vegeto
che sepolto nella terra ricoperto dalle zolle.
II
C’è una donna in Irlanda che sarebbe gelosa se ricevessi un bacio da un’altra alla festa, sono strane, ma le amo tutte
ce né una su mille (1) e un centinaio di loro che non avrò mai
ma un uomo malvagio che non parla nemmeno inglese (2) si è preso questa bella figliola
III
C’è una donna che mi disse che se fossi andato con lei avrei trovato un tesoro
C’è una donna in camiciola il cui aspetto vale più di una mandria di mucche (3)
di una donna che avrebbe assalito (4) Ballymoyer e la piana di Tyrone
e non vedo cura per le mie pene che smettere di bere. (5)

NOTE
1) Letteralmente “una che preferirei a un battaglione”
2) re d’Inghilterra Giorgio I o II che erano sassoni di Hannover
3) nel 700 doveva essere un bel complimento, ma non è semplicemente un paragone: il poeta dice è meglio essere povero nella propria terra (con la propria donna) che ricco con la regina Maeve del Connacht .
4)il riferimento è alla regina Maeve e alla razzia del bestiame di Cooley: Maeve assalì Tyrone nell’Ulster per rendersi un toro.
Bllmoyer è pure una cittadina dell’Ulster (Irlanda del Nord) Ballymoyer nella contea di Armag (Irlanda del Nord)
5) è la donna a chiedere ragioni agli uomini irlandesi del perchè non l’abbiano difesa dagli usurpatori, preferendo ubriacarsi al pub. Gli anni sono quelli dei “Troubles” quando i cattolici nordirlandesi iniziano una campagna per ottenere i diritti civili loro negati dalla maggioranza protestante (1969-1998)

LA VERSIONE STRUMENTALE

THE CHIEFTAINS soundtrack del film Barry Lindon


ASCOLTA
arrangiamento di Jeff Beck (chitarra elettrica) in duetto con il violino di Lizzie Ball

Celtic Woman (ovvero Máiréad Nesbitt)

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=46077&lang=it

CARRICKFERGUS

cathal buiIl brano “Carrickfergus” proviene da un canto in gaelico dal titolo Do Bhí Bean Uasal (vedi) ovvero “There Was a Noblewoman” ed è conosciuto anche con il nome di “The Sick Young Lover“, comparso in un broadside distribuito a Cork e datato 1840 e anche nella raccolta di George Petrie “Ancient Music of Ireland” 1855 con il nome di “The Young Lady”. Testo e melodia passati attraverso la tradizione orale si sono diffusi e modificati, senza però lasciare una traccia consistente nelle raccolte stampate nell’Ottocento. E’ stato attribuito al bardo itlandese Cathal “Buí”

BREIFNE
Cathal “Buí” Mac Giolla Ghunna (c1680-c1756).
Curioso personaggio soprannominato “Builil giallo, un bardo vagabondo di cui non si ha notizia suonasse uno strumento particolare, ma sicuramente cantastorie e compositore di poesie, che si sono diffuse per tutta l’Irlanda e ancora oggi cantate.
Lo studioso Breandán Ó Buachalla ha pubblicato una raccolta nel libro “Cathal Bui: Amhráin” nel 1975. A Blacklion contea di Cavan c’è anche una piccola stele in sua memoria e si celebra il Cathal Bui Festival (mese di Giugno).
Sacerdote mancato ci sapeva fare con le parole e con le donne, era inoltre dotato di molto “irish humour” ed era ovviamente un forte bevitore, girava per il Breifne, il nome irlandese della zona che comprende Cavan, Leitrim, e a sud di Fermanagh (uno dei tanti traveller con il suo carrozzone o anche meno).

PETER O’TOOLE

Ma è la versione conosciuta da Peter O’Toole ad essere stata l’origine della versione di Dominic Behan registrata a metà degli anni 1960 con il titolo di “The Kerry Boatman”, e anche della versione registrata da Sean o’Shea sempre negli stessi anni con il titolo Do Bhí Bean Uasal. Anche i Clancy Brothers con Tommy Makem fecero una loro versione con il titolo “Carrickfergus” nell’LP “The First Hurrah” del 1964.

E qui è doveroso aprire una parentesi sugli anni 60: in America il presidente è John F. Kennedy, un discendete di emigranti irlandesi, gli irlandesi Clancy Brothers diventano delle star; in Irlanda e Inghilterra scoppia il “Ballad boom” e si affermano i Dubliners e i Wolfe Tones. Ma a questo successo riscosso dalla musica irlandese sulla scena internazionale per gran parte contribuì il lavoro dei Ceoltóirí Chualann, da cui si formerà il gruppo più rappresentativo della musica irlandese: i Chieftains.

Carrickfergus nella versione strumentale dei Chieftains in “The Chieftains Live” 1977 quando c’era ancora l’arpa di Dereck Bell (1935-2002).

DO BHÍ BEAN UASAL

Questa versione è stata attribuita musicalmente a Seán Ó Riada (ovvero John Reidy 1931-1971) non è chiaro se si tratti solo di un arrangiamento o di una vera e propria scrittura della melodia. Di certo il testo è preso dalla poesia di Cathal “Buí” Mac Giolla Ghunna.

Sean o’Shea in “Ò Riada Sa Gaiety” live in Dublino con i Ceoltóirí Chualann nel 1969.

I
Do bhí bean uasal seal dá lua liom,
‘s do chuir sí suas díomsa faraoir géar;
Do ghabhas lastuas di sna bailte móra
Ach d’fhag sí ann é os comhair an tsaoil.
Dá bhfaighinnse a ceannsa faoi áirsí an
teampaill,
Do bheinnse gan amhras im ‘ábhar féin;
Ach anois táim tinn lag is gan fáil ar leigheas agam.
Is beidh mo mhuintir ag gol im’ dhéidh.
II
I wish I had you in Carrickfergus
Ní fada ón áit sin go Baile Uí Chuain(1)
Sailing over the deep blue waters
I ndiaidh mo ghrá geal is í ag ealó uaim.
For the seas are deep, love, and I can’t swim over
And neither have I wings to fly,
I wish I met with a handy boatman,
Who would ferry over my love and I.
III
Tá an fuacht ag teacht is an teas ag tréigint
An tart ní féidir liom féin é do chlaoi,
Is go bhfuil an leabhar orm ó Shamhain go Fébur
Is ní bheidh sí reidh liom go Féil’ Mhichíl;
I’m seldom drunk though I’m never sober!
A handsome rover from town to town.
But now I am dead and my days are over
Come Molly, a stóirín, now lay me down!

TRADUZIONE INGLESE
I
A lady was betrothed to me for a while
And she refused me, oh my hundred woes
I went to towns with her
And she made a cuckold (or a fool ) of  me before the world,
If I had got that head of hers into the church
And if I were again  n command of myself, But now I’ weak and sore,  and there’s no getting of a  cure for me, And my people will be weeping after me
II
I wish I had you in   Carrickfergus
not far from that place ‘Quiet Town”
Sailing over the deep blue waters
my bright love from a northern sky
For the seas are deep, love, and I can’t swim over
And neither have I wings to fly,
I wish I met with a handy boatman,
Who would ferry over my love and I
III
The cold and the heat are going together [in me]
and I can’t quench my thirst
And if I took my oath from November to February
I wouldn’t be ready until Michaelmas
I’m seldom drunk though I’m never sober!
A handsome rover from town to town.
But now I am dead and my days are over
Come Molly, my little darling, now   lay me down!
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Una Lady mi fu promessa sposa per un certo tempo,
e lei mi rifiutò,
oh i miei cento affanni
andai in città con lei
e lei mi ha reso pazzo (o cornuto) di fronte a tutti
se avessi avuto lei al fianco in quella chiesa
e se fossi ancora padrone di me stesso
ma ora sono debole e malato e nessuno si prende cura di me
e la mia gente mi piangerà
II
Vorrei essere a Carrickfergus
non lontano da quella città portuale
a navigare sul vasto oceano
il mio amore che brilla nel cielo del Nord
perché il mare è profondo, amore, e non riesco restare a galla
e nemmeno ho ali per volare,
vorrei incontrare un abile barcaiolo
che possa trasportare il mio amore e me.
III
Caldo e freddo dentro di me
e non riesco a placare la mia sete
e se ho fatto il giuramento da Novembre a Febbraio
non sarà pronto che al giorno di San Michele
Sono raramente ubriaco, senza mai essere completamente sobrio
un bel vagabondo da città in città.
Vieni Molly, mia cara, e fammi distendere ora.

NOTE
1) “baile cuain” letteralmente significa “quiet town” tradotta anche come Harbour Town

LA VERSIONE DEGLI ANNI 60 E SIGNIFICATO

E veniamo a ciò che resta del brano ai nostri giorni, ovvero della versione di Carrickfergus diffusa dai maggiori interpreti della musica celtica.
La dolce malinconia della melodia e la sua incerta interpretazione testuale hanno reso il brano molto popolare, alcuni ne colgono il lato romantico e lo suonano anche ai matrimoni, altri ai funerali (ad esempio quello di John F. Kennedy Jr -1999).
Di certo ha un che di magico, triste e nostalgico, l’uomo annega nell’alcool il dolore per la separazione dalla sua amata (o più probabilmente beve perché ha una particolare predilezione per l’alcool): un vasto oceano li divide (o un tratto di mare) e lui vorrebbe essere in Irlanda, a Carrickfergus: vorrebbe avere le ali o poter attraversare la distesa d’acqua a nuoto o più realisticamente trovare un barcaiolo che lo porti da lei, e finalmente potrà morire tra le sue braccia (o presso la di lei lapide) adesso che è vecchio e stanco.

Il senso generale del testo resta quindi a mio avviso abbastanza chiaro, ma se si va nel dettaglio allora nascono molte perplessità, che ho cercato di riassumere nelle note.

Carrighfergus (Music Video) versione di Loreena McKennitt e Cedric Smith  in Elemental, 1985


VERSIONE DI LOREENA MCKENNITT
I
I wish I was
in Carrighfergus (1)
Only for nights
in Ballygrant (2)
I would swim over
the deepest ocean
Only for nights in Ballygrant.
But the sea is wide,
and I can’t swim over
Neither have I wings to fly
If I could find me a handsome boatman
To ferry me over
to my love and die(3)
II
Now in Kilkenny (4), it is reported
They’ve marble stones there as black as ink,
With gold and silver
I would  transport her (5)
But I’ll sing no more now,
till I get a drink
I’m drunk today,
but I’m seldom sober
A handsome rover
from town to town
Ah, but I am sick now,
my days are over
Come all you young lads
and lay me down.(6)

traduzione italiano  Cattia Salto
I
Vorrei essere
a Carrighfergus
solo per le notti
a Ballygrant
avrei nuotato
nell’oceano più profondo
solo per le notti a Ballygrant.
Ma il mare è vasto
e non posso rimanere a galla
e nemmeno ho ali per volare
se potessi trovare un abile barcaiolo
per traghettarmi fino
al mio amore e morire.
II
Ora sulla pietra di Kilkenny è scritto,
un marmo nero
come l’inchiostro,
con oro e argento
che vorrei confortarla
ma non canterò più ora,
se non prendo da bere.
Adesso sono ubriaco,
ma raramente sono sobrio
un bel vagabondo
da città in città
Ah, eppure adesso sono malato
i miei giorni stanno finendo,
venite tutti ragazzi
e fatemi distendere.

NOTE
1) Carrickfergus (dal gaelico Carraig Fhearghais, ‘Rocca di Fergus’) è una città costiera nella Contea di Antrim , Irlanda del Nord, uno dei più antichi insediamenti in Irlanda del Nord. Qui il protagonista dice di voler essere a Carrickfergus (ma evidentemente è da qualche altra parte) mentre in altre versioni troviamo I wish I had you in Carrickfergus: il significato della canzone cambia completamente.
Alcuni vogliono ambientare la storia nel Sud dell’Irlanda ed ecco che allora vedono il nome del Fergus, il fiume che attraversa Ennis contea di Clare.
2) Ballygran – Ballygrant – Ballygrand. Ci sono ameno tre interpretazioni: la prima che Ballygrant sia in Scozia sulle Isole Ebridi (l’isola di Islay), la seconda che sia il villaggio di Ballygrot (dal gaelico Baile gCrot significa “insediamento di collinette”), vicino a Helen’s Bay che si trova in pratica di fronte a Carrickfergus oltre il tratto di mare che si insinua a frastagliare la costa Nord-est dell’Irlanda (il Belfast Lough). Pare che gli abitanti del posto lo chiamino “Ballygrat” o Ballygrant” e che sia un antico insediamento e che un tempo si tenevano delle gare con le barche da Carrickfergus a Ballygrat. La terza che sia una traduzione corrotta dal gaelico “baile cuain” della versione settecentesca e quindi sia una generica località tranquilla, un piccolo paesello.
Ma tra le due frasi c’è già un incongruenza o meglio c’è bisogno di un’interpretazione, appurato che Ballygrant non sia un posto particolare di Carrickfergus per il quale il protagonista prova nostalgia per qualche collegamento specifico con la sua storia d’amore passata in gioventù, allora si tratta del posto in cui invece si trova al momento. Quindi il protagonista potrebbe essere un irlandese che si è ritrovato nelle Isole Ebridi, ma che vorrebbe ritornare a Carrickfergus dal suo vecchio amore o che è uno scozzese (che quando era giovane faceva il soldato in Irlanda) e ricorda con rimpianto la donna irlandese amata in gioventù; oppure che il protagonista si trova a Helen’s Bay dalla parte opposta dell’insenatura che lo divide da Carrickfergus. Ma qui il ragionamento fa un po’ acqua (tanto per restare in tema), però solo fino a un certo punto: se fosse infatti sano e giovane niente gli impedirebbe di andare a Carrickfergus anche a piedi, ma lui è stanco e morente e quindi nella sua fantasia o delirio guardando il mare in direzione di Carrickfergus sogna di volare verso il suo amore del passato o desidera essere traghettato da un barcaiolo per poter morire accanto a lei.
3) “and die” ci dice che il protagonista che si trova a Ballygrant (ovunque esso sia) vorrebbe andare a Carrickfergus per morire tra le braccia del suo amore di gioventù.
In altre versioni la frase è scritta come “To ferry me over my love and I” e questo a parte la sgrammaticatura vorrebbe significare che il protagonista vorrebbe essere trasportato dal barcaiolo, insieme con la sua donna, a Carrickfergus. Quindi la nostalgia si condensa sulla località in cui si presume il protagonista abbia trascorso la gioventù e che vorrebbe rivedere prima di morire.
4) e 5) io per dare un senso compiuto alla frase ho tradotto come:
Ora sulla pietra di Kilkenny è scritto,
su marmo nero come l’inchiostro,
con oro e argento che vorrei confortarla

Sostituendo il verbo “to transport” utilizzato da Loreena con “to support” più utilizzato nelle altre versioni. Ossia: sulla pietra nera di Kilkenny (nel senso che si da in genere ad una tipologia di pietra ad esempio marmo di Carrara, quindi la pietra nera estratta a Kilkenny ma utilizzata anche a Ballygrant, ovunque esso sia) che sarà la mia pietra tombale dove ho inciso il mio epitaffio, ho scritto anche una frase di conforto per il mio amore
4) Kilkenny = Kilmeny alcuni vedono un refuso e notano che Kilmeny è la chiesa parrocchiale di Ballygrant (Isola di Islay) già località di una chiesa d’epoca medievale, anche qui c’è una cava di pietre, che era l’industria principale di Ballygrant nei secoli XVIII e XIX. Ora io mi domando: ma con tutte questi riscontri nell’Isola di Islay, (dove come minimo dovrebbe esserci la tomba del protagonista) com’è che il brano non è noto nella tradizione locale delle Isole Ebridi e invece lo è a Belfast?
6) il protagonista esorta gli amici a seppellirlo

Ho selezionata per l’ascolto anche questa versione che mi piace molto per la sua raffinata sobrietà nell’arrangiamento strumentale e l’interpretazione vocale di Jim McCann. Nella versione live aggiunge anche la strofa intermedia che è stata scritta da Dominic Behan per la sua versione registrata a metà degli anni 1960 con il titolo di “The Kerry Boatman”.

ASCOLTA The Dubliners (voce Jim McCann) in Dubliners Now 1975 dove canta la I e la III strofa

live Jim McCann con tutte e tre le strofe


VERSIONE DI JIM MCCANN
I
I wish I was
in Carrickfergus
Only for nights
in Ballygrand(2)
I would swim
over the deepest ocean
Only for nights in Ballygrand.
But the sea is wide
and I cannot swim over
And neither have I the wings to fly
I wish I had a handsome boatman
To ferry me over my love and I(3)
II
My childhood days
bring back sad reflections
Of happy time there spent so long ago
My boyhood friends
and my own relations
Have all passed on now
like the melting snow
And I’ll spend my days
in this endless roving
Soft is the grass and my bed is free
How to be back now
in Carrickfergus
On the long road down to the sea
III
And in Kilkenny
it is reported
On marble stone
there as black as ink
With gold and silver
I would support her (5)
But I’ll sing no more now
till I get a drink
‘cause I’m drunk today
and I’m seldom sober
A handsome rover
from town to town
Ah but I am sick now
my days are numbered
Come all me young men
and lay me down

Traduzione italiano Cattia Salto
I
Vorrei essere
a Carrighfergus
solo per le notti
a Ballygrand
avrei nuotato
nell’oceano più profondo
solo per le notti a Ballygrant.
Ma il mare è vasto
e non posso rimanere a galla
e nemmeno ho ali per volare
se potessi trovare un abile barcaiolo
per traghettare il mio amore e me.
II
I giorni della gioventù
richiamano tristi pensieri
di momenti felici orami trascorsi
gli amici di gioventù
e le mie storie d’amore
sono svaniti adesso
come neve al sole
e trascorrerò i giorni
in questo eterno girovagare.
Soffice è l’erba e il giaciglio è gratis
come vorrei ssere di nuovo
a Carrickfergus
sulla lunga strada verso il mare
III
Ora sulla pietra di Kilkenny
è scritto,
marmo nero
come l’inchiostro,
con oro e argento
che vorrei confortarla
ma non canterò più,
se non prendo da bere,
perché oggi sono ubriaco,
e raramente sono sobrio
un bel vagabondo
da città in città
Ah,eppure adesso sono malato
i miei giorni stanno finendo,
venite tutti ragazzi
e fatemi distendere.

FONTI
Su Cathal “Buí” Mac Giolla Ghunna
http://www.eofeasa.ie/cathalbui/public_html/danta_CB/who_was_CB.html
http://lookingatdata.com/m/204-mac-giolla-ghunna-cathal-bui.html
http://www.munster-express.ie/opinion/views-from-the-brasscock/the-yellow-bitternan-bonnan-bui/

http://jungle-bar.blogspot.it/2009/03/carrickfergus-ballad-of-peter-otoole.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=16707
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=90070