Archivi tag: scottish country dance

Corn Rigs are bonnie

Leggi in italiano

Corn Rigs  (Rigs o’Barley) was written entirely by Robert Burns in 1782 adapting it to an old Scottish dance air entitled “Corn Rigs are bonnie“. It seems to be particularly dear to the poet: it tells of the night of love with a beautiful girl among the sheaves of wheat, a magical full moon night…

The Annie of the song has been identified in Anne Rankie, the youngest daughter of a tenant farmer, John Rankine of Adamhill, of the farm that was a short distance from the Burns in Lochlea. In 1782, in September, the woman married a innkeeper, John Merry of Cumnock, so some doubt that in August she was among the sheaves of barley with the handsome Robert; others, however, point out that after 4 years (and once again in August) the poet, being in the neighborhood, was staying right at the inn of the two!
Burns gave Anne Rankie a lock of his hair and his portrait, which she kept together with the song.
Very bravely Burns, however, is silent on the identity of the beautiful Annie.

William Adolphe Bouguereau 1865
William Adolphe Bouguereau 1865

LAMMAS NIGHT

rigsThe analysis of the text unravels the dynamics of the relationship between the two lovers (according to my point of view): the night of Lammas, as usual in the Celtic tradition, is the night of August 1, a day of celebration for the farmers of the Scotland, day of rest and party before the beginning of the harvest.
Among the young it was customary to spend the night in the fields of wheat (or barley) but our Robert at first keeps away from such custom, the beautiful Annie is promised to another …
However, the youthful ardor finally wins and even the girl (without even being asked too much, reveals the bard) consents: the two meet in the fields of barley, at dusk, on a warm summer evening with the moon full to illuminate the night, and what a “happy night”!
The final verse takes up a concept dear to the poet: the best time is spent to love! And on that magical night it seems that the young Robert did it three times!

Ossian from Seal Song 1981 with the traditional Corn Rigs Are Bonnie melody, the video is very well done with the scrolling text, movies and vintage photos as well as “portraits” of the bard, all well structured in the evocation for images of the text

Paul Giovanni from The Wicker Man but with another melody

I
It was upon a Lammas(1) night,
When the corn rigs(2) were bonnie,
Beneath the moon’s unclouded light,
I held awa’ to Annie;
The time flew by wi’ tentless heed,
‘Til ‘tween the late and early,
Wi’ small persuasion she agreed
To see me thro’ the barley.
chorus
Corn Rigs and barley rigs,
Corn rigs are bonny:
I’ll ne’eer forget that happy night,
Amang the rigs wi’ Annie.
II
The sky was blue (3), the wind was still,
The moon was shining clearly;
I set her down wi’ right good will,
Amang the rigs o’ barley:
I ken’t(4) her heart, was a’ my ain(5);
I loved her most sincerely;
I kissed her o’er and o’er again,
Amang the rigs o’ barley.
III
I locked her in my fond embrace;
Her heart was beatin’ rarely:
My blessing on that happy place,
Amang the rigs o’ barley!
But by the moon and stars so bright,
That shone that hour so clearly!
She aye shall bless that happy night
Amang the rigs of barley.
IV
I hae been blythe(6) wi’ comrades dear;
I hae been merry drinking;
I hae been joyful gath’rin’ gear(7);
I hae been happy thinking:
But a’ the pleasures e’er I saw,
Tho’ three times doubled fairly,
That happy night was worth them a’,
Amang the rigs wi’ Annie.

NOTES
1) Lammas is the harvest festival that is celebrated on the first of August, whose origins date back to the Celtic festival of Lugnasad, a festival that marks the beginning of the first harvest (wheat and barley). In the Scottish country tradition it is like our day in San Martino, when the land is rented and the contracts are renewed.(see more)
2) The term Rigs describes an old cultivation technique that involves working the land in long and narrow strips of raised land (the traditional drainage system of the past): the fields were divided into earthen banks raised, so that the excess water drained further down the deep side furrows.
3) the indicated hour is that of twilight
4) knew
5) own
6) joyous
7) earning money

MELODY

Alasdair Fraser · Paul Machlis · Barry Phillips · Martin Hayes

SCOTTISH COUNTRY DANCE

This song is best known with the title of Corn Rigs or Corn Rigs Are Bonnie and it is also a scottish country dance (see more) taken from the old traditions. During the harvest it was customary to dance among the sheaves of wheat, as shown in this vintage movie by the Royal Scottish Country Dance Society.
VIDEO

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/lugnasad.html
https://giulsass.wordpress.com/istruzione/esperienza-antica/gest_terra_p_s/

ROAD TO THE ISLES

La melodia è stata scritta dal “Pipe Major” John MacLellan (1875-1949) di Dunoon (Scozia) con il titolo di “The Bens Of Jura” (egli la rinominò in ben due occasioni: la prima quando si trovò in Sud Africa arruolato nella Highland Brigade – “The Highland Brigade’s March To Heilbronn”, e poi quando andò in Egitto le diede il nome di “The Burning Sands Of Egypt”). In alcuni siti è tuttavia accreditata a Malcolm Johnson di Barra (che in realtà fu solo l’interprete il quale eseguì la melodia davanti a Marjory Kennedy-Fraser).

Fu solo nel 1914 che diventò una canzone con le parole composte dal reverendo Kenneth MacLeod. La canzone con il titolo “The road to the Isles” venne pubblicata nella poderosa raccolta di Marjory Kennedy-Fraser Songs of the Hebrides” (vol II 1917, per la collezione in pdf vedi qui) Kenneth MacLeod la pubblicò anche nel suo libro The Road to the Isles (1927), con il commento “Written for the lads in France during the Great War. The track referred to here led in the old days from the Northern Isles to the Cattle Trysts of Falkirk and Carlisle.”

ROAD TO THE ISLES

LA MELODIA E’ ovviamente una “marcing song” per cornamuse e tamburi
ASCOLTA Kings Own Scottish Borderers

La canzone è popolarissima in Scozia e ha un che d’antan, il protagonista è un soldato (o un emigrante) che sta lasciano le sue amate Isole Azzurre (le Ebridi) per percorrere la “Strada delle Isole” fino a Fort William, uno dei forti che faceva parte della catena di fortificazioni (insieme a Fort Augustus e Fort George) utilizzata per tenere sotto controllo le possibili rivolte giacobite. E’ rimasto come presidio militare fino al 1855. Fort William è il centro più importante della Scozia, snodo ferroviario e stradale (qui si dipartono la West Highland Way e la Great Glen Way).

ASCOLTA Gaberlunzie


Chorus:
Sure, by Tummel and Loch Rannoch
and Lochaber(1) I will go.
By heather tracks
wi’ heaven in their wiles(2);
If it’s thinkin’ in your inner heart
braggart’s in my step,
You’ve never smelt
the tangle o’ the Isles.
I
Oh, the far Coolins(3)
are puttin’ love on me.
As step I wi’
my cromach(4) to the Isles.
It’s by Sheil(5) water
and track is to the west.
By Aillort and by
Morar(6) to the sea,
The cool cresses(7)
I am thinkin’ o’ for pluck,
And bracken for a
wink on Mother’s knee(8).
II
The far Coolins are
puttin’ love on me,
As step I wi’ the
sunlight for my load.
It’s the blue Islands
are pullin’ me away,
Their laughter puts
the leap upon the lame(9),
The blue Islands from
the Skerries to the Lews(10),
Wi’ heather honey
taste upon each name(11)
Traduzione italiana Cattia Salto
CORO
Dal Tummel al Loch Rannoch
e al Lochaber andrò
per i sentieri di erica
con il cielo nei loro riflessi.
Se credete nel profondo dei vostri cuori
che io mi vanti
non avete mai annusato
le alghe delle Isole.
I
Le lontane Cuillins
mi riempiono d’amore
mentre avanzo con il mio
bastone da pastore per le Isole
è dal Lago Sheil
per la pista a Ovest.
Dall’Ailort e dal
Morar al mare
il crescione fresco
sto pensando di prendere(7)
e le felci per riguardo
ai consigli di mia madre(8).
II
Le lontane Cuillins
mi riempiono d’amore
mentre avanzo
nella luce del sole con il mio fardello
sono le Isole Azzurre
che mi lascio indietro,
il loro riso fa saltellare
anche lo zoppo.
Le isole azzurre dagli
Skerries a Lews
con il gusto del miele d’erica
su ogni nome(11)

NOTE
1) i laghi Rannoch e Lochaber si trovano rispettivamenete nel Perth e Kinross il primo, e ad ovest delle Highlands scozzesi il secondo, il fiume Tummel parte dal Loch Rannoch scorre nel Perthshire fino al Tay e a metà del suo percorso si allarga fino a diventare il Loch Tummel,
2) letteralmente “sarebbe nelle loro astuzie”, ma in italiano non avrebbe molto senso
3) Cuillin Hills catena di montagne nulla Isola di Skye
4) bastone da pastore
5) lo Shiel è un lago vicino a Fort William
6) Loch Ailort nel Morar è delimitata a nord-est dal villaggio dello stesso nome, Lochailort e a ovest dal Sound of Arisaig; Morar (nei pressi di Loch Morar )
7) come scrive lo stesso Kenneth MacLeod “Traditionally, watercress is regarded as both food and drink; it is said to have been the food of the pilgrims on their way to Iona” Secondo una fantasiosa credenza inglese, il crescione può rivelare il futuro a una ragazza in cerca di marito: deve seminare una fila di crescione e una di lattuga il 24 di marzo, e stare ad aspettare, se spunta prima la lattuga, il marito sarà dolce e comprensivo, se nasce prima il crescione, l’amato sarà severo, puntiglioso, forse violento.
8) wink (termine arcaico per occhio): il senso della frase mi sfugge. Ho trovato sul dizionario che l’espressione “”at your mother’s knee” si usa per indicare “If you ​learned something at ​your mother’s ​knee, you ​learned it when you were a ​child”
9) credo sia una citazione da Isaia 35:6 “Then will the lame leap like a deer”
10) sono le isole Ebridi che vanno per l’appunto dall’isola di Skyle fino all’Isola di Lews e comprendono le Ebridi Interne e le Ebridi Esterne. Skerries sono isolotti rocciosi appena fuori l’isola di Skye e il castello di Lews (vicino Stornoway sulla Isle of Lewis )
11) credo sia un giro di parole per dire che per il protagonista il nome dei luoghi appena lasciati gli lasciano in bocca un gusto dolce-amaro

Fort William and Lochaber Map

UNA VISITA

Con il nome la ‘strada per le isole’ si indica in Scozia la A830, che collega Fort William con Mallaig, il porto sulla costa ovest delle Highlands scozzesi per le isole Ebridi
VIDEO datato 1955 che percorre la A830

http://www.undiscoveredscotland.co.uk/fortwilliam/oldfort/index.html
http://www.msereno1970.com/scozia/scozia_4.html

FONTI
http://thesession.org/tunes/4190 http://www.pipetunes.ca/composers.asp?pg=Details&composerID=23
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/651.html http://www.celticangelmusic.com/making-of-road-to-the-isles/ http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=13906

Rigs o’Barley: Corn Rigs Are Bonnie

Read the post in English

Questa canzone è stata scritta interamente da Robert Burns nel 1782 adattandola ad una vecchia aria scozzese da danza dal titolo “Corn Rigs are bonnie“. Pare fosse particolarmente cara al poeta: si racconta della notte d’amore con una bella fanciulla tra i covoni di grano, una magica notte di luna piena…

L’Annie della canzone è stata identificata in Anne Rankie, la più giovane figlia di un fittavolo, John Rankine di Adamhill, della fattoria che si trovava a poca distanza da quella dei Burns a Lochlea. Nel 1782, nel mese di settembre, la donna sposò un oste, John Merry di Cumnock, per cui alcuni dubitano che ad agosto si trovasse tra i covoni d’orzo con il bel Robert; altri però fanno notare che dopo 4 anni (e ancora una volta ad agosto) il poeta, trovatosi nei paraggi, alloggiasse proprio presso la locanda dei due! Possiamo quindi essere certi che Annie e Robert si fossero frequentati, tant’è  che Burns le regalò una ciocca di capelli e un suo ritratto, che lei conservò insieme alla canzone.
Molto cavallerescamente Burns tace però sull’identità della bella Annie.

William Adolphe Bouguereau 1865
William Adolphe Bouguereau 1865

LA NOTTE DI LAMMAS

rigsL’analisi del testo dipana la dinamica della relazione tra i due amanti (secondo il mio punto di vista): la notte di Lammas, come consuetudine della tradizione celtica, è la notte della vigilia del 1 agosto, giorno di festa per i contadini della Scozia, giorno di riposo e festa prima dell’inizio del raccolto.
Tra i giovani era consuetudine passare la notte nei campi di grano (o di orzo) ma il nostro Robert in un primo momento si tiene alla larga da tale usanza, la bella Annie è promessa ad un altro…
Tuttavia l’ardore giovanile alla fine vince e anche la fanciulla (senza neanche farsi pregare troppo, ci rivela il bardo) acconsente: i due si incontrano tra i campi d’orzo, al crepuscolo, in una calda sera d’estate con la luna piena a rischiarare la notte, e che “happy night”!
La strofa finale riprende un concetto caro al poeta: il tempo migliore è quello speso ad amare! E in quella magica notte sembra che il giovane Robert lo abbia fatto per tre volte!

Ossian in Seal Song 1981 con la melodia tradizionale Corn Rigs Are Bonnie, il video è molto ben fatto con il testo che scorre, filmati e foto d’epoca nonchè “ritratti” del bardo, tutto ben strutturato nell’evocazione per immagini del testo

Paul Giovanni per il film The Wicker Man (in italiano Il prescelto) con un’altra melodia


I
It was upon a Lammas(1) night,
When the corn rigs(2) were bonnie,
Beneath the moon’s unclouded light,
I held awa’ to Annie;
The time flew by wi’ tentless heed,
‘Til ‘tween the late and early,
Wi’ small persuasion she agreed
To see me thro’ the barley.
chorus
Corn Rigs and barley rigs,
Corn rigs are bonny:
I’ll ne’eer forget that happy night,
Amang the rigs wi’ Annie.
II
The sky was blue (3), the wind was still,
The moon was shining clearly;
I set her down wi’ right good will,
Amang the rigs o’ barley:
I ken’t(4) her heart, was a’ my ain(5);
I loved her most sincerely;
I kissed her o’er and o’er again,
Amang the rigs o’ barley.
III
I locked her in my fond embrace;
Her heart was beatin’ rarely:
My blessing on that happy place,
Amang the rigs o’ barley!
But by the moon and stars so bright,
That shone that hour so clearly!
She aye shall bless that happy night
Amang the rigs of barley.
IV
I hae been blythe(6) wi’ comrades dear;
I hae been merry drinking;
I hae been joyful gath’rin’ gear(7);
I hae been happy thinking:
But a’ the pleasures e’er I saw,
Tho’ three times doubled fairly,
That happy night was worth them a’,
Amang the rigs wi’ Annie.
traduzione italiana Cattia Salto
I
Era la notte di Lammas(1)
quando le porche(2) del grano erano belle, sotto la piena luce della luna,
me ne andai da Annie;
il tempo scorreva senza pensieri
finchè da un momento all’altro,
senza farsi pregare troppo, acconsentì
a vedermi in mezzo all’orzo
RITORNELLO
Porche di grano e d’orzo,
le porche di grano sono belle:
mai dimenticherò quella notte felice
tra le porche con Annie
II
Il cielo era azzurro(3), il vento tranquillo,
chiara la luna splendeva;
la stesi di buona voglia
tra le porche dell’orzo:
sapevo che il suo cuore era tutto mio,
l’amai nel modo più sincero;
la baciai ancora e ancora di nuovo,
tra le porche dell’orzo
III
La imprigionai nel mio appassionato abbraccio, il cuore le batteva appena:
benedetto quel luogo propizio
in mezzo alle porche dell’orzo!
E anche la luna e le stelle così luminose
che in quell’ora brillavano così chiaramente!
Si, lei benedirà quella notte felice
in mezzo alle porche dell’orzo
IV
Sono stato bene con i miei cari amici,
sono stato a bere in allegria
e con gioia i soldi ho guadagnato
e sono stato felice a pensare:
ma tutti i piaceri che abbia mai provato,
sebbene raddoppiati tre volte,
quella notte allegra tutti li valeva
in mezzo alle porche con Annie

NOTE
1) Lammas è la festa del raccolto che si celebra il primo agosto le cui origini risalgono alla festa celtica di Lugnasad, una festa che segna l’inizio del primo raccolto (grano e orzo). Nella tradizione contadina scozzese è come il nostro giorno di San Martino, quando vengono pagati i terreni in affitto e si rinnovano i contratti. (vedi scheda)
2) Il termine Rigs si traduce in italiano con una desueta parola “porche” una tecnica colturale che prevedeva la lavorazione del terreno in lunghe e strette strisce di terra rialzate, ed era il sistema di drenaggio tradizionale del tempo: i campi si suddividevano in argini di terra rialzati, in modo che l’acqua in eccesso defluisse più in basso nei profondi solchi laterali. Queste cunette potevano arrivare fino al ginocchio e il lavoro di semina a mano era notevolmente facilitato. Se la lavorazione del terreno era fatta con l’aratro esisteva uno strumento particolare, il mugellese, che permetteva di lavorare i solchi tracciati con l’aratro  uno sì uno no, in modo da ricoprire i solchi non rilavorati e formare così porche e solchi di irrigazione. Le porche venivano poi sarchiate quando le piantine avevano raggiunto dimensione opportuna.
3) l’ora indicata è quella del crepuscolo
4) knew
5) own
6) joyous
7) earning money= guadagnare soldi

LA MELODIA

Alasdair Fraser · Paul Machlis · Barry Phillips · Martin Hayes

LA SCOTTISH COUNTRY DANCE

Il brano è più conosciuto con il titolo di Corn Rigs o Corn Rigs Are Bonnie ed è anche una danza, una scottish country dance (vedi scheda danza) presa dalle vecchie tradizioni o dalla vita quotidiana della società di una volta dedita alla pastorizia e all’agricoltura. Durante il raccolto era consuetudine danzare tra i covoni di grano, come mostrato in questo filmato d’epoca dalla Royal Scottish Country Dance Society.
VIDEO

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/lugnasad.html
https://giulsass.wordpress.com/istruzione/esperienza-antica/gest_terra_p_s/

COUNTRY DANCES AROUND BONFIRE: LUCKY SEVEN

Per danzare intorno al falò di San Giovanni nella notte del solstizio d’estate non c’è niente di meglio dei MIXERS, ovvero le danze collettive figurate che costituiscono una particolare categoria delle country dance: i danzatori cambiano “partner” a ogni giro di musica.
Sono perciò balli di socializzazione dalla melodia ripetitiva, ma tutto sommato briosa, che prosegue per un buon numero di volte in modo che le coppie si rincontrino durante l’esecuzione.
Si tratta di danze recenti (fine 1800 circa), provenienti essenzialmente dalle Isole Britanniche, Stati Uniti e Quebec. In genere i Mixers non hanno una musica specifica e si utilizzano jigs e reel.

LUCKY SEVEN

E’ una danza popolare del Galles diffusa anche in Scozia e citata anche nello “Scottish Ceilidh Dancing” (Danze Céilì Scozzesi) di David e May Ewarth.

Le Ceilidh dance (pron. ’kaylee’) sono le danze celtiche popolari tipiche della Scozia, quelle che si danzavano in occasione delle feste del clan nelle quali si raccontavano storie, si cantava, si declamavano poesie, si mangiava e … si danzava. Possono essere assimilate alle nostre “veglie” contadine ed erano momenti di incontro e di socializzazione ancora negli anni 50, quando si tenevano frequentemente feste a ballo il venerdì e il sabato sera. Si caratterizzano per la brevità delle sequenze (solitamente 16 battute) e la loro ripetitività così da poterle ballare con differenti partner.

“Lucky Seven” (fortunato il sette) è un ballo di coppia in disposizione circolare con cambio di partner a ogni ripetizione della danza, le notizie storiche sono molto scarse e probabilmente è un mixer molto recente.

La musica è una jig in 6/8, ma non c’è una melodia specifica.

La danza è molto semplice perfetta per raduni intorno al falò con gente che non si è mai avvicinata alla danza popolare di gruppo. La parte più difficile è quella della Grand Chain ovvero la Catena Inglese

SCHEDA SPIEGAZIONI 

Country2002f


VIDEO
: così è come dovrebbe venire la danza quando tutti la sanno ballare!

APPROFONDIMENTO
http://dawnsio.com/en/dances/welsh-folk-dance-history
/

MAIRI’S WEDDING

Canto nunziale dedicato a Mary McNiven scritto in gaelico scozzese nel 1934 da John Bannerman e successivamente riscritto in inglese da Sir Hugh Roberton (1874-1952).

L’antefatto alla canzone è abbastanza curioso: John ha conosciuto Mary al festival annuale della cultura gaelica (Mod) di Oban in cui lei ha vinto la medaglia d’oro nella gara canora, John rimane così affascinato dalla donna e dalla sua voce da dedicarle una canzone in cui esprime tutta la sua ammirazione per lei e il desiderio di sposarla. Mary ormai novantenne ricorda ancora quel momento in un intervista in occasione del suo compleanno: “Johnny said the song was just for me. I can’t believe it became so popular. But when it was first played to me I found it very catchy — and I still do”.

scottish-wedding-1940

(foto vintage del 1940 tratta da vedi)

Roberton amico e collaboratore musicale di Bannerman ha scritto nel 1936 la sua versione in lingua inglese con il titolo di The Lewis Bridal Song. Pur non restando fedele al significato originale il testo mantiene un carattere agreste infarcito con alcune parole in dialetto scozzese. Curiosamente quando il brano venne pubblicato da Roberton in “Songs of the Isles” (1951) non si cita la versione in gaelico n’è il credito a John Bannerman, con la melodia “noted from Dr. Peter A. MacLeod.”

A quanto risulta quindi la melodia è un vecchio brano scozzese; così come riarrangiato, orecchiabile e ripetitivo, il motivo si diffuse ben presto ed ancora oggi il brano viene eseguito da molti gruppi e musicisti folk oltre ad essere una delle più popolari canzoni cantate in occasione dei matrimoni.

Van Morrison & The Chieftains in ‘Irish Heartbeat’ 1987

The High Kings

Alan Stivell

The Tossers in Smash The Windows, 2017


Chorus
Step we gaily on we go
Heel for heel and toe for toe
Arm in arm and row and row
All for Mairi'(1) s wedding
I
Over hill-way up and down
Myrtle green and bracken brown
Past the shieling(2) through the town
All for Mairi’s wedding
II
Plenty herring plenty meal
Plenty peat tae fill her creel(3)
Plenty bonny bairns(4) as weel
That’s the toast for Mairi
III
Cheeks as bright as rowans are
Brighter far than any star
Fairest of them all by far
is my darling Mairi
IV
Over hill-ways up and down
Myrtle green and bracken brown
Past the sheiling through the town
All for sake of Mairi
traduzione
Coro
Andiamo con passo allegro
tacco per tacco, punta per punta
braccio con braccio e fila con fila
tutti al matrimonio di Mary
I
Per le strade di collina su e giù
mirto verde e felci brune
superato il capanno e verso la città
tutti al matrimonio di Mary
II
Tante aringhe e tanto cibo
tanta torba per riempire il cesto
tanti bambini così graziosi
questo è il brindisi per Mary
III
Rosse le guance come le bacche del sorbo,
brillanti gli occhi come stelle
di gran lunga la più bella
è la mia cara Mary.
IV
Per le strade di collina su e giù
mirto verde e felci brune
superato il capanno e verso la città
tutti alla salute di Mary

NOTE
1) Mairi in alcune versioni è scritto Marie ed è in scozzese per Mary
2) shieling capanna di pastori o piccolo cottage
3) creel cesto di vimini
4) bairns bambini

continua seconda parte (versione in gaelico scozzese)

 FONTI
http://www.mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=3820