Airdí Cuan, a song of exile

A song in Irish Gaelic, a song of exile, is widespread with various titles: Airdí Cuan, Ard Ti Chuain, Aird (Ard) Ui Chuanin (Cuan), Aird to Chumhaing, Ardai Chuain, also translated into English with the title “Quiet Land of Erin”
The piece was composed by John McCambridge (aka Seán Mac Ambróis 1793-1873) from Mullarts (Co. Antrim, Northen Ireland) in the middle of the 19th century. The tradition of Glenariffe, however, attributes the authorship of the piece to Cormac Ó Néill, a native of Glendun but resident at Glenariffe.
[Un canto in gaelico sulla nostalgia per la terra natia abbandonata dall’emigrante è diffuso con vari titoli: Airdí Cuan, Ard Ti Chuain, Aird (Ard) Ui Chuanin ( Cuan),  Aird a Chumhaing, Ardai Chuain, versificato anche in inglese con il titolo “Quiet Land of Erin
Il brano è stato composto da John McCambridge (alias Seán Mac Ambróis 1793-1873) di Mullarts (  Co. Antrim,  Irlanda del Nord) a metà del XIX secolo. La tradizione di  Glenariffe tuttavia attribuisce la paternità del brano a Cormac Ó Néill, nativo di Glendun ma residente a Glenariffe.]

Firstly we listen to the melody played with the harp by Kim Robertson
[Prima di tutto ascoltiamo la melodia suonata con l’arpa da Kim Robertson]

and by Alan Stivell -Airde Cuan
[e dall’arpa di Alan Stivell]

IRIS GEALIC VERSION
LA VERSIONE IN GAELICO

The first transcription of the song comes from Robert McAdam who collected it in the 1830s by John McCambridge. Eoin Mac Néill published the text in 1895 and in 1912 Eleanor Hull wrote the translation in English. Dónal Kearney writes  in his Blog:”The story of Airdí Cuan is told from the perspective of a Glensman who has moved over the sea to Scotland. From Ayrshire, he can still see the hills of Antrim and he longs for his home in Glendun and the beautiful hillside at Airdí Cuan. One story goes that McCambridge left his native Glendun, perhaps to escape the potato famine, and settled in Ayrshire where he ultimately died pining for the hills of home, still visible on the western horizon. Airdí Cuan tells of his love for the ‘cuckoo glen’; (Glendun) and of playing hurling at Christmas on the ‘white strand’ (the beach at Cushendun).
Another school of thought believes that, while McCambridge was considering emigrating to the Mull of Kintyre, he stood atop Ardicoan and imagined himself over in Kintyre looking back on his native soil. However, the process of writing the song made him so homesick that he decided not to go in the end, and thus spent the rest of his days in Ireland!
[La prima trascrizione del brano ci viene da Robert McAdam che la raccolse negli anni del 1830 da  John McCambridge.  Eoin Mac Néill pubblicò il testo nel 1895 e nel 1912 Eleanor Hull scrisse la traduzione in inglese. Del brano Così scrive Dónal Kearney nel suo Blog: “La storia di Airdí Cuan è raccontata dal punto di vista di un Glensman che è emigrato oltre il mare in Scozia. Dall’Ayrshire, può ancora vedere le colline di Antrim e desidera ardentemente la sua casa a Glendun e la splendida collina di Airdí Cuan. Una storia racconta che McCambridge lasciò la natia Glendun, forse per sfuggire alla carestia delle patate, e si stabilì nell’Ayrshire dove alla fine morì struggendosi per le colline di casa, ancora visibili all’orizzonte verso occidente. Airdí Cuan racconta del suo amore per Glendun e del gioco dell’hurling a Natale sulla spiaggia di Cushendun. Altri credono che, mentre McCambridge stava pensando di emigrare al Mull di Kintyre, si trovava in cima ad Ardicoan e si immaginava a Kintyre mentre guardava verso la sua terra nativa. Orbene il processo di scrittura della canzone lo ha reso così nostalgico, che alla fine ha deciso di non andare, e così ha trascorso il resto dei suoi giorni in Irlanda!]

Eamonn ó Faogáin live

Celtic Tradition in “An Irish Christmas Album” recorded in 1987 when there was still the GDR
[Nel “An Irish Christmas Album” registrato nel 1987 quando c’era ancora la DDR]

Maighread Ni Dhomhnaill & Tríona Ní Dhomhnaill

Ciara McCrickard


Anúna in Omnis  1996 (III, I)

Maggie Boyle in Patriot Games 1992 in Reaching Out

I
Dá mbeinn féin in Airdí Cuan (1)
in aice an tsléibhe úd ‘tá i bhfad uaim
b’annamh liom gan dul ar cuairt
go Gleann na gCuach (2) Dé Domhnaigh.
Curfá:
agus och, och Éire ‘lig is ó
Éire lonndubh (3) agus ó
is é mo chroí ‘tá trom is é brónach.
II
Is iomaí Nollaig ‘bhí mé féin
i mbun abhann Doinne (4) is mé gan chéill
ag iomáin ar an trá bhán
is mo chamán bán i mo dhorn liom (5).
III
Nach tuirseach mise anseo liom féin
nach n-airím guth coiligh, londubh nó traon,
gealbhán, smaolach, naoscach féin,
is chan aithním féin an Domhnach.
IV
Dá mbeadh agam féin ach coit is rámh
nó go n-iomarfainn ar an tsnámh
ag dúil as Dia go sroichfinn slán
is go bhfaighinn bás in Éirinn.


I
If I were in Airdí Cuan (1)
beside that mountain far from me,
it would be seldom I would not go visiting
to Gleann na gCuach(2) on a Sunday
Chorus:
And oh, oh, Ireland, ‘lig is ó
Blackbird (3) Ireland and ó
and my heart it is heavy and sorrowful
II
It’s often in a Christmas Day I was
in Cushendun (4)
and me without sense
hurling on the white strand
and my hurling stick in my fist (5)
III
Aren’t I tired here alone
That I don’t hear the voice of a cockerel, blackbird, or corncrake
sparrow, thrush, snipe (6)
and I don’t even know when it’s Sunday (7)
IV
If only I had a boat and oar
so that I may row on the water
desiring of God that may I reach safety
and that I may die in Ireland
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Se fossi a  Articoan
accanto a quella montagna che (ora) è lontana
raramente non andrei a visitare
il Glendun di domenica
Coro
e oh, oh, Irlanda, ‘lig is ó
merlo d’Irlanda e ó
e il mio cuore è affranto
II
Spesso a Natale ero
a Cushendun,
spensierato,
a giocare a hurling sulla spiaggia
con la mia mazza in pugno
III
Non sono infelice, qui da solo
dove non riesco a sentire il canto della beccaccia, del merlo, del re di quaglie,
del passero, del tordo e del beccaccino
e nemmeno so quando è domenica?
IV
Se solo avessi una barca e remi
così da vogare sulle acque
e Dio volendo arrivare sano e salvo
e poter morire in Irlanda!


NOTE
* in the blog of Dónal Kearney there are two translations in English, one literal and the other more poetic. here is the most literal translation, while for my translation into Italian I made a summary of the two translations [nel blog di Dónal Kearney ci sono due traduzioni in inglese, una letterale e l’altra più poetica. qui si riporta la traduzione più letterale, mentre per la mia traduzione in italiano ho fatto un compendio delle due traduzioni]
1) Articoan is located above Knocknacry; between Cushendall and Cushendun at the northeast corner of County Antrim in Northern Ireland [Articoan si trova sopra Knocknacry; tra Cushendall e Cushendun all’angolo nord-est della contea di Antrim nell’Irlanda del Nord]
2) Glendun: Glen of the Dun river or Brown Glen is one of the famous Glens of Antrim [Glendun: Glen of the Dun river o Brown Glen  è uno dei famosi Glens di Antrim]
3)
Agus och, och Éire ‘lig is ó
Éire lionn dubh orm is ó
(And oh Ireland, all of Ireland
Ireland who I miss
4) Cushendun is a picturesque Cornish style village built specifically for his wife by Lord Cushendun [Cushendun un pittoresco villaggio in stile cornovaglia fatto costruire appositamente da Lord Cushendun per la moglie.]
5) the hurling game is an Irish national sport; the day mentioned in the song is the Boxing day or December 26, the day dedicated to outdoor activities in the British Isles
[il gioco dell’hurling è uno sport nazionale irlandese che si gioca con mazza e palla: il giorno citato nella canzone è il Boxing day ovvero il 26 dicembre, il giorno consacrato per le attività all’aperto che nelle Isole Britanniche è dedicato allo sport.]
6) as in ancient Gaelic chants the birds are part of the healing process of the soul [come negli antichi canti in gaelico gli uccelli sono parte del processo di guarigione dell’anima]
7) the question is a rhetorical figure: “Sunday has no meaning for me without these things” [la domanda è una figura retorica:  la domenica è per me priva di significato, valore senza queste cose]

 

The song was also recorded as “The Land of Erin” by Mairí Ní She & Katie McMahon and “River of Live” by Pól Brennan, Guo Yue & Joji Hirota and Tristan.
[Il brano è anche stato registrato con il titolo di The Land of Erin da Mairí Ní She & Katie McMahon e con il titolo di River of Live da Pól Brennan, Guo Yue & Joji Hirota e da Tristan.]

The Quiet Land of Erin

The song was written into English for some recordings as “The Quiet Land of Erin” in the 1930s.
[Il brano è stato versificato in inglese con il titolo di The Quiet Land of Erin. per alcune registrazioni negli anni 1930]
The Corries

Sandy Denny 1968

and for lovers of bel canto
[e per gli amanti del bel canto]
The Celtic Tenors


Joan O’Hara version
I
By myself I’d be in Ard Ti Chuain
Where the mountains stand away
And ‘tis there I’d let the Sundays pass (go)
In a quiet (cuckoo’s) glen above the bay
(chorus)
agus och och Eire lig is o
Eire leanndubh agus o
The quiet land of Erin
II
But my heart is weary all alone
And it sends a lonely cry
To the land that sings above (beyond) my dreams
And the lonely Sundays pass me by.
III
I would travel back the twisted years
Through (in) the bitter wasted wind
If the Lord (God) above would let me lie
In a quiet place above the whins.


Seán Ó Gallochoir version
I
I wish I were in Ardti Cuan
Near yon mountain far away.
I would seldom let the Sunday go
From the Cuckoo’s glen across the bay.
Chorus:
And it’s oh dear Ireland, you’re my home!
Far from you I had to roam
And so my heart is sore and heavy.
II
It is many a Christmas Day I had
In Cushendun while still a lad;
Hurling on the White Shore Strand
With my good ash hurley in my hand.
III
But the grave is waiting for us all;
The whole wide world must heed its call.
It steals the mother from her brood
As it stole away my boyhood.
IV
If I only had a boat and oar,
I would row to Erin’s shore
Trusting God to see me o’er
In time to die in Ireland.
Traduzione in italiano Cattia Salto
versione di Joan O’Hara
I
Per me vorrei essere a Articoan
le cui montagne si stagliano in lontananza
è lì che passerei le domeniche
in una valle tranquilla sopra la baia
Coro
agus och och Eire lig is o
Eire leanndubh agus o
la bella terra di Erin
II
Ma il mio cuore è stanco del suo esilio
e grida solitario
alla terra che canta oltre i miei sogni
e le domeniche solitarie scivolano via.
III
Viaggerei indietro negli anni piegati
dal vento amaro della desolazione (1)
se il Signore in Cielo mi accoglierà
in un bel posto nella brughiera


versione di Seán Ó Gallochoir
I
Vorrei essere a Articoan
accanto a quella montagna in lontananza
raramente non andrei a visitare di domenica
la valle del Cuculo al di là della baia
Coro
E’ così cara Irlanda, tu sei la mia casa!
Lontano da te ho dovuto peregrinare
e così il mio cuore è afflitto
II
Sono molti i giorni di Natale che ho vissuto
a Cushendun quando ero ancora un ragazzo
a giocare ad hurling sulla Spiaggia Bianca
con la mia bella mazza in mano
III
Ma la tomba attende tutti
l’intero mondo deve ubbidire al suo richiamo.
Ruba la madre dalla sua nidiata
come ha rubato la mia giovinezza.
IV
Se avessi solo una barca a remi
vogherei alla riva d’Erin
confidando che Dio mi protegga
per morire infine in Irlanda

NOTE
1) ho tradotto un po’ liberamente il verso, credo si riferisca ai duri e amari anni della carestia quando molti Irlandesi hanno dovuto abbandonare la loro terra per non morire di fame

LINK
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10469
https://mainlynorfolk.info/sandy.denny/songs/thequietlandoferin.html
https://songoftheisles.com/2013/05/31/aird-ui-chuain/
https://durrushistory.files.wordpress.com/2012/06/a-history-of-protestant-irish-speakers.pdf
https://songsinirish.com/aird-a-chuamhaing-anam-lyrics/
http://www.celticlyricscorner.net/anam/aird.htm
http://www.celticlyricscorner.net/mcmahon/land.htm
http://www.celticlyricscorner.net/trisan/river.htm
http://www.celticlyricscorner.net/domhnaill/aird.htm
http://www.celticlyricscorner.net/anuna/ardaigh.htm
http://www.irishbodhrans.com/news/read/7/very-old-poem-about-cushendun-by-john-mccambridge
https://www.donalkearney.com/blog/airdi-cuan

My Boatman (“Fear a’ bhàta”)

Leggi in italiano

“Fear a’ bhàta” is a Scottish Gaelic song probably from the end of the 18th century which was also poured into English under the title “O Boatman” (My Boatman) while maintaining the chorus in Gaelic.
Of all the versions in English (see), the most precious from the point of view of writing is certainly that of 1849 with the words translated from Gaelic by Thomas Pattison and the melodic arrangement of Malcolm Lawson (published in “Songs of the North “, MacLeod and Harold Boulton, 1895)

The girl is waiting for a visit of the handsome boatman who seems instead to prefer other girls!
Silly Wizard from Caledonia’s Hardy Sons 1978, Andy Stewart – voice, Bob Thomas – guitar; Johnny Cunningham – mandola, Phil Cunningham – synthesizer


Sandy Denny 

North Sea Gas from The Fire and the Passion of Scotland 2013


Thomas Pattison version
I
How often haunting the highest hilltop
I scan the ocean I sail tae sea/wilt come tonight love wilt come tomorrow?
Wilt ever come, love, to comfort me?
CHORUS
Fhir a bhata no horo eil’e(1)
Fhir a bhata no horo eil’e
Fhir a bhata no horo eil’e
o fare ye well(2), love, where e’er ye be
II
They call thee fickle, they call thee false one,
and seek tae change me, but all in vain;
no, thou art my dream yet throughout the dark night
and every morn yet I watch the main

III
There’s not a hamlet -too well I know it-
where you go wandering or stay(3) awhile
but all its old folks you win wi’ talking
and charm its maidens with song and smile
IV
Dost thou remember the promise made me
the tartan plaidie, the silken gown,
the ring of gold with thy hair and portrait(4)?
That gown and ring I will never own

NOTES
1) basically a non-sense phrase that some want to translate “and no one else” ie as “mine and no other”
2) it is both a greeting and a wish for good luck: My greeting to you wherever you go
3) or “sits”
4) It is a small medallion with the lid inside which there was a lover’s miniature and a lock of his/her hair

gaelic version
LINK
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=4

MY BOATMAN

Read the post in English

“Fear a’ bhàta” è una canzone in gaelico scozzese probabilmente di fine ‘700 che è stata versificata anche in inglese con il titolo “O Boatman” (My Boatman) pur mantenendo il coro in gaelico.
Tra tutte le versioni in inglese (vedi), la più preziosa anche dal punto di vista della scrittura è senz’altro quella del 1849 con le parole tradotte dal gaelico da Thomas Pattison e l’arrangiamento melodico di Malcolm Lawson (pubblicata in “Songs of the North”, MacLeod e Harold Boulton, 1895)

La ragazza è in attesa di una visita del bel barcaiolo, che sembra invece preferire altre fanciulle!
Silly Wizard in Caledonia’s Hardy Sons 1978, Andy Stewart – voce, Bob Thomas – chitarra; Johnny Cunningham – mandola, Phil Cunningham – tastiera elettronica


Sandy Denny 

North Sea Gas in The Fire and the Passion of Scotland 2013


Thomas Pattison
I
How often haunting the highest hilltop
I scan the ocean I sail tae sea/wilt come tonight love wilt come tomorrow?
Wilt ever come, love, to comfort me?
CHORUS
Fhir a bhata no horo eil’e(1)
Fhir a bhata no horo eil’e
Fhir a bhata no horo eil’e
o fare ye well(2), love, where e’er ye be
II
They call thee fickle, they call thee false one,
and seek tae change me, but all in vain;
thou art my dream yet throughout the dark night/ and every morn yet (morning)  I watch the main
III
There’s not a hamlet -too well I know it-
where you go wandering or stay(3) awhile
but all its old folks you win wi’ talking
and charm its maidens with song and smile
IV
Dost thou remember the promise made me
the tartan plaidie, the silken gown,
the ring of gold with thy hair and portrait(4)?
That gown and ring I will never own

Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Spesso salgo sulla collina più alta
e scruto il mare per vedere la tua vela,
verrai stanotte amore o verrai domani?
Verrai presto a confortarmi?RITORNELLO
Uomo della barca la, la la
Uomo della barca la, la la
Uomo della barca la, la la
buonasorte, amore, ovunque tu sia
II
Ti chiamano il volubile, ti chiamano il bugiardo
e cercano di farmi cambiare idea, ma invano; perchè tu sei il mio sogno nell’oscurità della notte
e ogni mattino io guardo il mare
III
Non c’è borgo – lo so troppo bene
dove tu non vada  ramingo o un poco ti fermi,
ma superi tutta la vecchia gente nelle chiacchiere
e incanti le fanciulle con la voce e il sorriso
IV
Non ti ricordi la promessa che mi hai fatto,
il plaid di tartan e la gonna di seta
il gioiello d’oro con i tuoi capelli e il ritratto?
Quella gonna e gioiello non avrò mai

NOTA
1) sostanzialmente una frase non-sense che alcuni vogliono tradurre “and no one else” cioè come “mio e di nessun altra”
2) è sia un saluto che un augurio di buona fortuna: Il mio saluto a te ovunque tu vada
3) a volte come “sits”
4) si tratta di un piccolo medaglione con il coperchio all’interno del quale si celava una miniatura e una ciocca di capelli dell’innamorato, un pegno in vista del matrimonio

continua versione in gaelico
FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=45602

Tam Lin by Fairport Convention vs Steeleye Span

The traditional ballad of the Elven Knight Tam Lin, is of Scottish origin and dates back to the late Middle Ages.
A melody called “Young Thomlin” dates back to the 1600s, but historians stated the origin of the ballad since the 13th century. The ballad was transcribed by Robert Burns in 1792 (in Johnson’s Scots Musical Museum) and is one of the ballad variants collected by Francis James Child in his “The English and Scottish Popular Ballads”, Child Ballad # 39 A (42 stanzas)
Musical Notation

A ballad that is also a fairy tale for children full of hidden meanings and symbolism.
(first part introduction and texts / versions list)
[La ballata tradizionale del Cavaliere elfico Tam Lin, è di origine scozzese e risale al tardo Medioevo. 
Una melodia dal nome “Young Thomlin” è del 1600, ma gli storici riallacciano l’origine della ballata fin dal XIII secolo. La ballata è stata trascritta da Robert Burns nel 1792 (in Johnson’s Museum) e costituisce una delle varianti collezionate da Francis James Child in “The English and Scottish Popular Ballads“, Child Ballad # 39 A (42 strofe)
Musical Notation

Una ballata che è anche una fiaba per bambini ricca di significati nascosti e simbolismi.
(prima parte introduzione e elenco testi/ versioni)]

THE SEASON OF LOVE
[LA STAGIONE DELL’AMORE]

Stephanie Law: Janet in the sacred wood picks up a rose. Although it is not explicitly mentioned the month of May it is quite clear that the season in which the beautiful Janet and the elf meet is Spring, since roses have just blossomed: we are in the realm of fairies – who love roses – and therefore they make them grow where they want, we imagine them in the wild variety, the small roses with five petals. [Janet nel bosco sacro raccoglie una rosa. Anche se non è espressamente citato il mese di Maggio è del tutto evidente che la stagione in cui si incontrano la bella Janet e l’elfo è la primavera, essendo appena sbocciate le rose: siamo nel regno delle fate -che amano le rose- e quindi le fanno crescere dove vogliono, ce le immaginiamo nella varietà selvatica (rosa canina), le piccole roselline dai cinque petali ]

The whole first part of the ballad is a clear allusion to the first sexual experience, voluntarily sought by the girl who enters the sacred wood attracted by the scent of wild roses, it is Spring and with the awakening of Nature also the blood flows faster in the veins and the heart beats by love: the rose is also the “rose of roses” and the cloak that covers the modesty of the woman (and represents the paternal protection) must be left in pawn and then lost, I do not therefore complety agree with the interpretations that they see the relationship between the two as a male violence, indeed there are all the signs of an ancient ritual of sexual initiation.
Tutta la prima parte della ballata è una chiara allusione alla prima esperienza sessuale, volontariamente ricercata dalla fanciulla che si addentra nel bosco sacro attratta dal profumo delle rose selvatiche, è Primavera e con il risveglio della Natura anche il sangue scorre più velocemente nelle vene e il cuore batte smanioso d’amore: la rosa è anche “la rosa delle rose” femminile e il mantello che copre il pudore della donna (e rappresenta la protezione paterna) deve essere lasciato in pegno e quindi perso, non concordo perciò con le interpretazioni che vedono il rapporto tra i due come una violenza da parte maschile, anzi ci sono tutti i segni di un antico rituale di iniziazione sessuale.

THE END OF SUMMER
[LA FINE DELL’ESTATE]

Stephanie Law: dettaglio della schiera fatata, la regina delle fate

The second part takes place on Winter during the Celtic feast of Samain, and it’s about the test that our heroine must overcome to free the elf: the illusions of the fairy queen will make her believe that she is witnessing the transformation of Tam Lin into a dragon (or snake) and in bear; but she will have to show courage and true love to keep the knight with her arms (in the extended version Janet will have to make one last effort and throw the knight into the water of the sacred well.)
A similar theme of transmutation in animals is present in the Cretan tale of Thetis and Peleus, the parents of Achilles, and in fact the two stories are similar but in the Greek myth the woman is a nereid and she’ll transform before becoming human.
La seconda parte si svolge nell’inverno durante la festa celtica di Samain, con le prove che la nostra eroina deve superare per liberare l’elfo: le illusioni della regina delle fate le faranno credere di assistere alla trasformazione di Tam Lin in drago (o serpente) e in orso; ma lei dovrà dare prova di coraggio e di grande amore e tenere stretto a sè il cavaliere fino a quando comparirà nudo tra le sue braccia (nella versione estesa Janet dovrà compiere un ultimo sforzo e gettare il cavaliere nelle acque del pozzo.)
Un tema simile di trasmutazione in animali è presente nella favola cretese di Thetis e Peleus ovvero i genitori di Achille, e in effetti i due racconti sono simili ma nel mito greco è la donna ad essere una nereide e a trasformarsi prima di poter diventare umana.

However, always looking for traces of ancient teachings in the ballad, we can read the second part as a metaphor of childbirth.
Sempre però cercando nella ballata le tracce di antichi insegnamenti, possiamo leggere la seconda parte come una metafora del parto.

StephanieLawTamLin-TheFaeryHostLarge

In the illustration (fairytale, dreamy) of Stephanie Law we see the fairies riding on the bridge, (and the white horse of Tam Lin). The moon is waning, but the detail is wrong because the night of Samain coincides with the new moon. The ballad does not have a happy ending because the fairy queen casts a mortal curse on the woman.
Nella illustrazione (fiabesca, sognante) di Stephanie Law vediamo il passaggio della schiera fatata sul ponte, ove si distingue il cavallo bianco di Tam Lin. La luna è calante, ma il dettaglio è errato perché la notte di Samain coincide con la luna nuova (la data una volta non era fissa, ma era regolata sul calendario lunare). La ballata non ha un lieto fine perché la regina delle fate lancia una maledizione mortale sulla donna.

Fairport Convention (voice Sandy Denny) in “Liege and Lief” , 1969. There are no words, simply mythical!
Non ci sono parole, semplicemente mitici!

Fairport Convention in “Fairport’s Sense of Occasion” album (2007)

English version*
I
“I forbid you maidens all
that wear gold in your hair (1)
To travel to Carter Hall (2)
for young Tam Lin is there
II
None that go by Carter Hall
but they leave him a pledge
Either their mantles of green
or else their maidenhead”.
III
Janet tied her kirtle green
a bit above her knee
And she’s gone to Carter Hall
as fast as go can she.
IV
She’d not pulled a double rose,
a rose but only two
When up there came young Tam Lin
says “Lady, pull no more”.
V
“And why come you to Carter Hall
without command from me?” (3)
“I’ll come and go”, young Janet said,
“and ask no leave of thee”.
VI
Janet tied her kirtle green
a bit above her knee
And she’s gone to her father
as fast as go can she
VII
Well, up then spoke her father dear
and he spoke meek and mild
“Oh, and alas, Janet,” he said,
“I think you go with child” (4)
VIII
“Well, if that be so,” Janet said,
“myself shall bear the blame
There’s not a knight in all your hall
shall get the baby’s name
IX
For if my love were an earthly knight
as he is an elfin grey
I’d not change my own true love
for any knight you have”
X
Janet tied her kirtle green
a bit above her knee
And she’s gone to Carter Hall
as fast as go can she
XI
“Oh, tell to me, Tam Lin,” she said,
“why came you here to dwell?”
“The Queen of Faeries caught me
when from my horse I fell
XII
And at the end of seven years (5)
she pays a tithe to hell
I so fair and full of flesh
and feared it be myself
XIII
But tonight is Hallowe’en
and the faery folk ride
Those that would their true love win
at Miles Cross they must buy.
XIV
So first let past the horses black
and then let past the brown
Quickly run to the white steed (6)
and pull the rider down
XV
For I’ll ride on the white steed,
the nearest to the town
For I was an earthly knight,
they give me that renown
XVI
Oh, they will turn me
in your arms to a newt or a snake
But hold me tight and fear not,
I am your baby’s father.
XVII
And they will turn me
in your arms into a lion bold
But hold me tight and fear not
and you will love your child.
XVIII
And they will turn me
in your arms into a naked knight
But cloak me in your mantle
and keep me out of sight.”
XIX
In the middle of the night
she heard the bridle ring
She heeded what he did say
and young Tam Lin did win
XX
Then up spoke the Faery Queen,
an angry queen was she
“Woe betide her ill-farred face,
an ill death may she die”
XXI
“Oh, had I known, Tam Lin,” she said,
“what this knight I did see
I have looked him in the eyes 
and turned him to a tree”
Traduzione italiana in rima di Maurizio**
I
Attente voi tutte fanciulle
che avete il capello dorato (1)
all’Argine dei Biancospini (2)
che da Tamlino è abitato!
II
Chi passa per i Biancospini
un pegno lasciare dovrà:
Il verde mantello che porta
o la sua verginità.
III
Giovanna con la veste verde
che scopre le gambe di un po’
all’Argine dei Biancospini
corre più svelta che può.
IV
Aveva già colto una rosa
un’altra voleva staccare
Ed ecco, le appare Tamlino:
“Donna, non me le toccare!
V
Perché vieni qui ai Biancospini
se non hai l’invito da me? (3)”
“Io vado dovunque mi pare,
non devo chiederlo a te!”
VI
Giovanna con la veste verde
che scopre le gambe di un po’
a casa dai suoi genitori
corre più svelta che può.
VII
Il padre la guarda e le parla,
la voce è un sommesso bisbiglio
“Ahimè mia Giovanna” le dice
“Credo che tu aspetti un figlio.” (4)
VIII
“Se è vero” risponde Giovanna
“Io sola e soltanto so come,
nessuno dei tuoi cavalieri
può dare al bimbo il suo nome.
IX
Se solo il mio amore
non fosse un elfo verdastro e fatato!
Perché non lo voglio cambiare
con chi è del nostro casato.”
X
Giovanna con la veste verde
che scopre le gambe di un po’
All’Argine dei Biancospini
corre più svelta che può”Tamlino,
XI
Raccontami” dice
“Perché vivi qui in questo stallo?”
“La Fata Regina mi prese
quando cascai dal cavallo.
XII
Al settimo anno (5) lei deve
pagare all’inferno un balzello,
un uomo piacevole e forte:
temo che io sarò quello.
XIII
Ma questa è la notte dei Santi
e tu mi puoi ancora salvare,
ché passa il corteo delle fate:
devi a un incrocio aspettare.
XIV
Tu lascia passare i cavalli
che han pelo nero o marrone,
Ma quando vedrai quello bianco (6)
tira giù chi è sull’arcione,
XV
perché io sarò il cavaliere
che ti troverai fra le mani:
Il bianco destriero è un onore
solo per gli esseri umani.
XVI
Allora sarò trasformato
in drago o serpente fischiante
ma stringimi senza temere,
pensa che sono il tuo amante.
XVII
Allora sarò trasformato
in orso o leone ferino
ma stringimi senza temere,
son il padre del tuo bambino.
XVIII
Infine sarò trasformato
in un cavaliere spogliato
avvolgimi nel tuo mantello,
tienimi bene celato(7)”
XIX
Giovanna nella notte fonda
ascolta il corteo scalpitare
fa come Tamlino le ha detto
e lo riesce a salvare.
XX
La Fata Regina si volta
le parla con voce furiosa:
“Tu sia maledetta,
tu muoia di morte assai dolorosa.
XXI
Se avessi saputo, Tamlino,
di avere da te questo sdegno
ti avrei trasformato con gli occhi
in un bel pezzo di legno!”

NOTE
* lyrics: Child Ballad # 39A ; Fairport Convention  
**tratto da vedi –un’altra traduzione in italiano qui
1) In the Middle Ages it was customary for maidens to wear gold clasps (or golden nets, headbands) in their long hair; the minstrel then addresses the virgin girls to warn them not to venture into the forest of Carterhaugh because it is inhabited by an elf (it is known that the elves are excellent lovers and eager to conquer the virtue of virgins maidens!)
wear gold in your hair: il traduttore italiano scrive “capello dorato”. Nel Medioevo era costume per le ragazze da marito portare dei fermagli d’oro (o retine dorate, cerchietti) nei capelli; il menestrello quindi si rivolge alle fanciulle vergini per avvertirle di non avventurarsi nel bosco di Carterhaugh perché è abitato da un elfo (è noto che gli elfi siano ottimi amanti nonché bramosi di conquistare la virtù di vergini fanciulle!).
2) the story is set in a real and well-identified place, the Carterhaugh wood still existing in Selkirk (in the Scottish Border) where the Ettrick and Yarrow rivers flow together (see)
la storia è ambientata in un luogo reale e ben identificato, il bosco di Carterhaugh tuttora esistente a Selkirk (nel Border scozzese) dove confluiscono i fiumi Ettrick e Yarrow (vedi)
3) before entering the greenwood (the sacred wood) it is necessary to ask permission of the fairies that inhabit it, Lady Janet being the owner of the forest behaves incautiously. The gift requested by the fairies is symbolic: the cloak that covers the modesty of the woman (and represents the paternal protection) must be left in a pledge and then lost.
prima di entrare nel greenwood ossia nel bosco sacro è necessario chiedere il permesso delle fate che lo abitano, Lady Janet essendo la proprietaria del bosco si comporta in modo incauto. Il dono richiesto dalle fate è simbolico: il mantello che copre il pudore della donna (e rappresenta la protezione paterna) deve essere lasciato in pegno e quindi perso. 
4) The sexual relationship between the two here is not explicit, but the father after a while notices the pregnancy of his daughter and she proudly claims the paternity to the elf not accepting any other shotgun wedding.
Il rapporto sessuale tra i due qui non è esplicitato, ma il padre dopo un po’ si accorge della gravidanza della figlia ed ella rivendica con orgoglio la paternità all’elfo non accettando nessun altro matrimonio riparatore.
5) seven years is a symbolic period to indicate a punishment, once it was also the duration of an apprenticeship to learn a trade, but also the legal duration to be able to declare a missing person legally dead. Is a transitional position of Tam Lin thus emerging: a prisoner, a magician’s apprentice or a man waiting to pass definitively in the Fairy World?
The period is about to expire with the night of Halloween, one of the most important Celtic festivals with that of Beltane: the winter festival (called Samhain).
The young knight went to hunt with impunity in the sacred wood, profaning the taboo of inviolability, so the fairy queen is keeping him prisoner. Here is quoted, very Christianly, the tribute (the tenth) that the fairies must pay to the devil, an allusion to the human sacrifices that the pagans due to their deities! This explains, in a Christian perspective, the fairy abductions: the love of the dame sans merci leads straight to hell!
sette anni è un periodo simbolico per indicare una punizione, una volta era anche la durata di un apprendistato per imparare un mestiere, ma anche la durata giuridica per poter dichiarare legalmente morta una persona scomparsa. Viene così a delinearsi una posizione transitoria di Tam lin: un prigioniero, un apprendista mago o un uomo in attesa di passare definitivamente nel Mondo delle Fate? Il periodo sta per scadere con la notte di Halloween, una delle feste celtiche più importante con quella di Beltane: ossia la festa dell’Inverno (detta Samhain). 
Un giovane cavaliere è andato a cacciare impunemente nel bosco sacro, profanando il tabù dell’inviolabilità, così la regina delle fate lo tiene prigioniero. Qui è citato, molto cristianamente, il tributo (la decima) che le fate devono versare al diavolo, un’allusione ai sacrifici umani che si credeva facessero i pagani alle divinità boschive! Si spiegano così, in un ottica cristiana, i rapimenti fatati: l’amore della dame sans merci porta dritto all’inferno!
6) the white horse reserved to Tam Lin indicates his particular beauty, his purity as a human not yet completely transformed into an elf
il cavallo bianco riservato a Tam Lin indica la sua particolare bellezza, la sua purezza in quanto umano non ancora trasformato completamente in elfo 
7)  it is the green mantle of Janet to protect the man “reborn” from the queen of fairies, which precisely because of its magical color will hide his escape (but also a bit ‘of realism it takes after all we are in November!)
è il mantello verde di Janet a proteggere l’uomo “rinato” dalla regina delle fate, che proprio per il suo colore magico lo coprirà nella fuga (ma anche un po’ di realismo ci vuole dopotutto siamo a novembre!)

Steeleye Span in  “Tonight’s the Night…, Live” 1992
the song is divided into two parts (12 + 12) and also the melody changes, first more rhythmic and lively, it becomes slow and twilight in the second part, the last 4 stanzas change again: it is the curse of the fairy, almost a spoken
il brano è diviso in due parti (12+12) e anche la melodia cambia, prima più cadenzata e vivace, diventa lenta e crepuscolare nella seconda parte, le ultime 4 strofe cambiano ancora: è la maledizione della fata, quasi un parlato


I
oh, I forbid you maidens all
that wear gold in your hair.
to come or go by Carterhaugh
for young tam lin is there.
II
If you go by Carterhaugh
you must leave him a wad.
either your rings or green mantle
or else your maidenhead.
III
she’s away o’er gravel green
and o’er the gravel brown.
she’s away to carterhaugh
to flower herself a gown.
IV
she had not pulled a rosy rose
a rose but barely one.
when by came this brisk young man
says, lady let alone.
V
how dare you pull my rose, madam?
how dare you break my tree?
how dare you come to carterhaugh
without the leave of me?
VI
well may I pull the rose, she said
well may I break the tree.
for carterhaugh it my father’s
I’ll ask no leave of thee.
riff
oh, in carterhaugh, in carterhaugh
oh, in carterhaugh, in carterhaugh
VII
he’s taken her by the milk-white hand
and there he’s laid her down.
and there he asked no leave of her
as she lay on the ground.
VIII
oh tell me, tell me, then she said
oh tell me who art thee.
my name it is tam lin, he said
and this is my story.
IX
As it fell out upon a day
a-hunting I did ride.
there came a wind out of the north
and pulled me betide.
X
And drowsy, drowsy as I was
the sleep upon me fell.
the queen of fairies she was there
and took me to herself.
riff
oh, in carterhaugh, in carterhaugh
oh, in carterhaugh, in carterhaugh
XI
at the end of every seven years
they pay a tithe to hell.
and I’m so fair and full of flesh
I’m feared ‘twill be myself.
XII
Tonight it is good halloween
the fairy court will ride.
and if you would your true love win
at miles cross, you must bide.
riff
oh, in carterhaugh, in carterhaugh
oh, in carterhaugh, in carterhaugh
XIII
Gloomy was the night
and eerie was the way.
this lady in her green mantle
to miles cross she did go.
XIV
With the holy water in her hand
she cast the compass round.
at twelve o’clock the fairy court
came riding o’er the mound.
XV
First came by the black steed
and then came by the brown.
then Tam lin on the milk-white steed
with a gold star in his crown.
XVI
She’s pulled him down into her arms
and let the bridle fall.
The queen of fairies she cried out
Young Tam lin is away.
XVII
They’ve shaped him in her arms
an adder or a snake.
she’s held him fast and feared him not
to be her earthly mate.
XVIII
They’ve shaped him in her arms again
fire burning bold.
she’s held him fast and feared him not
till he was iron cold.
XIX
They’ve shaped him in her arms
to a wood black dog so wild.
she’s held him fast and feared him not
the father of her child.
XX
They’ve shaped him in her arms
at last into a naked man.
she’s wrapped him in the green mantle
and knew that she had him won.
riff
The queen of fairies she cried out
young Tam lin is away.
XXI
Had I known, had I known, Tam lin
long before, long before you came from home.
had I known, I would have taken out your heart
and put in a heart of stone.
XXII
Had I known, had I known, Tam lin
that a lady, a lady would steal thee.
had I known, I would have taken out your eyes
and put in two from a tree.
XXIII
Had I known, had I known, Tam lin
that I would lose, that I would lose the day.
had I known, I would have paid my tithe to hell
before you’d been won away.
traduzione italiano Cattia Salto
I
E’ proibito a tutte le fanciulle
che portano l’oro nei capelli 
di venire o andare a Carterhaugh
che il giovane Tam Lin vi dimora!
II
Se andate a Carterhaugh
un pegno dovete lasciare:
o l’anello o il verde mantello
o la vostra verginità.
III
Lei scappò sul sentiero verde
e sul sentiero di terra
scappò a Carterhaugh
per decorare di fiori il vestito
IV
Aveva appena colto una rosa
una rosa soltanto
quando questo bel giovane appare
e dice: “Donna, lascia stare!
V
Come osi cogliere le mie rose, madama?
Come osi spezzare i miei rami?
Come osi venire a Carterhaugh
senza il mio permesso?”
VI
“Io posso cogliere le rose
e posso spezzare i rami
perchè Carterhaugh è di mio padre
e non ti chiederò il permesso”
riff
oh, a carterhaugh, a carterhaugh
oh, a carterhaugh, a carterhaugh
VII
La prende per la bianca mano
e la stende a terra
e là non le chiede il permesso
mentre lei giace a terra
VIII
“Dimmi oh dimmi -poi disse lei-
dimmi il tuo nome”
“Il mio nome è Tam Lin- disse lui-
e questa è la mia storia
IX
Accadde un giorno
che cavalcavo per la caccia,
venne un vento dal nord
e mi spinse via
X
E intontito come ero
cadde su di me il sonno
la regina delle fate era là
e mi prese con se
riff
oh, a carterhaugh, a carterhaugh
oh, a carterhaugh, a carterhaugh
XI
Alla fine di ogni sette anni
si paga un tributo all’inferno
e io sono così bello e forte
che temo toccherà a me
XII
Stanotte è la notte di Halloween
e la corte fatata cavalcherà
e se vuoi conquistare il tuo vero amore
al Bivio della Croce devi aspettare
riff
oh, a carterhaugh, a carterhaugh
oh, a carterhaugh, a carterhaugh
XIII
Tenebrosa era la notte
e scura era la strada
questa dama nel suo mantello verde
andò al Bivio della Croce
XIV
Con l’acqua santa in mano
posò la bussola 
a mezzanotte in punto la corte fatata
venne cavalcando dal tumulo
XV
Per primo passò il destriero nero
e poi quello baio
e quindi Tam Lin sul destriero bianco
con una stella dorata sulla corona
XVI
Lei lo attirò tra le sue braccia
e fece cadere la briglia.
Gridò la regina delle Fate
“Il giovane Tam lin è scappato”
XVII
Si trasformò tra le sue braccia
in una vipera o un serpente
ma lei lo tenne stretto e senza temerlo
era il suo compagno umano
XVIII
Si trasformò tra le sue braccia ancora
in un feroce fuoco ardente
ma lei lo tenne stretto e senza temerlo
finchè divenne freddo ferro
XIX
Si trasformò tra le sue braccia 
in un cane nero del bosco e selvaggio
ma lei lo tenne stretto e senza temerlo 
era il padre di suo figlio
XX
Si trasformò tra le sue braccia 
infine in un uomo nudo
e lei lo avvolse nel mantello verde
e seppe di averlo conquistato
riff
Gridò la regina delle Fate
“Il giovane Tam lin è scappato”
XXI
“Se avessi saputo, se avessi saputo Tam Lin
molto tempo prima quando arrivasti da casa
se avessi saputo, ti avrei cavato il cuore
e messo un cuore di pietra
XXII
Se avessi saputo, avessi saputo Tam Lin 
che una dama, una dama ti avrebbe rubato,
se l’avessi saputo ti avrei cavato gli occhi
e messi altri due di legno
XXIII
Se avessi saputo, avessi saputo Tam Lin
che ti avrei perduto che ti avrei perduto un giorno, se l’avessi saputo avrei pagato
il mio tributo all’inferno prima”

Balulalow, I come from Heaven to tell

A cradle song or a Christmas carol entitled ‘Balulalow’, (# 181 in “The Oxford Book of Carols”), published by brothers John and Robert Wedderburn (16th century Scottish poets), with the title “Ane Sang of the Birth of Christ “(” I come from Heaven to tell “) in their” Ane Compendious Buik of Godly and Spiritualt Sangis “of 1567.
It is a Scottish translation of the Christmas song “Vom Himmel hoch da komm ich her“, written by Martin Luther in German and published in his “Geistliche Lieder” of 1535. It is also known by the title of “Baloo Lammy” (= lullaby lamb) in a smaller version.
[Una cradle song ossia un canto natalizio dal titolo ‘Balulalow’,  (# 181 nel “The Oxford Book of Carols”), pubblicato dai fratelli John e Robert Wedderburn (poeti scozzesi del XVI secolo), con il titolo di “Ane Sang of the Birth of Christ” (“I come from Heaven to tell”) nella loro “Ane Compendious Buik of Godly and Spiritualt Sangis” del 1567.
Si tratta di una traduzione in scozzese del canto natalizio “Vom Himmel hoch da komm ich her“, scritto da Martin Lutero in tedesco e pubblicato nel suo “Geistliche Lieder” del 1535. E’ conosciuta anche con il titolo di “Baloo Lammy” (=Ninna nanna agnellino) in una versione più ridotta.]

Instrumental versions [Versioni strumentali]

As always before listening to the melody [Come sempre prima l’ascolto della melodia]
Simonm Chadwick Bardic harp

The Celts

and then the song. [e poi il canto.]

Baloo Lammy

Although the original Christmas song has 15 stanzas, it is sung in a reduced version, if not limited to the XIII and XIV stanzas. Some scholars believe that it was this song of Luther that inspired “Away in the manger“.
The melody in “The Oxford Book of Carols” was arranged by Peter Warlock. In the eighteenth century, the song was also combined with the melody “Lady Bothwell’s Lament“.
[Sebbene il canto natalizio originario abbia ben 15 strofe, viene cantato in una versione ridotta se non addirittura limitatamente alle strofe XIII e XIV. Alcuni studiosi ritengono che fu proprio questo canto di Lutero ad aver ispirato “Away in the manger“.
La melodia in “The Oxford Book of Carols” è stata arrangiata da Peter Warlock. Nel XVIII secolo, il canto fu abbinato anche alla melodia “Lady Bothwell’s Lament“.]

Sandy Denny in a demo recorded in 1968 (stanza V, VI)
[in un demo registrato nel 1968 (strofe V, VI)]

Loreena McKennitt in “To drive the cold winter away” 1987
recorded in the Glenstal Abbey (Limerick, Ireland) [registrato nella Glenstal Abbey (Limerick, Irlanda)]

Sting (V ,VI) in “If on a Winter’s Night” 2009,
the melody is the arrangement of Peter Warlock from “The Oxford Book of Carols” [la melodia è l’arrangiamento di Peter Warlock dal “The Oxford Book of Carols”]


I
I come from hevin which to tell
The best nowells that e’er befell
To you thir tythings threw I bring
And I will of them say and sing
II
This day to you is born ane child
Oh Marie meik and Virgin mild (1)
That bliss it bairn benign and kind
Sall you rejoyce baith hart and mind(2)
III
Lat us rejoys and be blyth
And with the hyrdis go full swyth
And see what God of his grace hes done
Throu Christ to bring us to his throne
IV
My saull and life stand up and see (3)
Wha lyis in ane cribbe of tree
What babe is that, sa gude and fair
It is Christ, God’s son and Air
V
O my deir hart, yung Jesus sweit
Prepare the creddill in my spreit!
And I shall rock thee in my hart
And never mair fra thee depart
VI
Bot I sall praise thee evermoir
With sangis sweit unto thy gloir
The kneis of my hart sall I bow(4)
And sing that rycht Balulalow (5)
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Vengo dall’alto dei Cieli per raccontare
le migliori novelle mai accadute,
a voi buone nuove porto
di cui dirò e canterò.
II
Oggi per voi è nato un bambino,
da Maria umile e mite vergine,
quel bambino benedetto, benigno e gentile,
vi rallegrerà cuore e mente.
III
Facciamo festa e stiamo allegri
e seguiamo il gregge lesti
per vedere ciò che Dio ha fatto della sua grazia,
in Cristo per portarci  verso il suo trono
IV
Prestate attenzione per vedere
colui che giace nella mangiatoia.
“Chi è quel bambino così buono e giusto?”
“E ‘Cristo, figlio di Dio e erede.”
V
O mio tesoro, piccolo dolce Gesù
preparerò la tua culla nella mia anima
ti cullerò sul mio cuore
e non mi separerò mai da te.
VI
Ma ti loderò in eterno
con dolci canti alla tua gloria;
piegherò le ginocchia del mio cuore
e canterò questa appropriata ninna nanna.

NOTE
English translation here[la traduzione inglese qui]
1)in the English version Rev. Henry Ramsden Bramley translates [nella versione inglese Rev. Henry Ramsden Bramley traduce] “Born of a chosen virgin mild
2) letteralmente: vi farà esultare sia cuore che  mente
3) in inglese: My soul and life, stand up and see letteralmente “anima mia e vita alzati e guarda”
4) in English “The knees of my heart shall bow” literally “the knees of my heart I will bend“, already Sir Walter Raleigh wrote in a letter addressed to the Queen “I do therefore on the knees of my heart ..” to underline the humility with which the supplicant turns to the Majesty to implore grace. Already in the Greek version of the Septuagint bible the prayer of Manasseh, a short penitential prayer says “And now I bend the knee of my heart, begging for your clemency” which means “I bend my knees in your presence with the deepest heart“, that is, with all the sincerity of my heart; the sentence is controversial, however, some believers interpret the expression “bend the knees of the heart” as if it were not necessary to kneel while praying to God, since God is prayed with the heart and not with the body, but according to the Church the prayer for adoration to God must be made on own knees, as a sign also material of humility
[in inglese “The knees of my heart shall I bow” letteralmente “le ginocchia del mio cuore piegherò”,  già  Sir Walter Raleigh scrisse in una lettera indirizzata alla Regina “I do therefore on the knees of my heart..” per sottolineare l’umiltà con cui il supplicante si rivolge alla Regia Maestà per implorare la grazia. Già  nella versione greca della Bibbia detta Settanta la preghiera di Manasse, una breve preghiera penitenziale dice “Ma ora piego le ginocchia del cuore, implorando la benevolenza che viene da te (And now I bend the knee of my heart, begging for Your clemency”) che significa “Piego le ginocchia al tuo cospetto col più profondo del cuore”, ossia con tutta la sincerità del mio cuore; la frase è peraltro controversa taluni credenti infatti interpretano l’espressione “piegare le ginocchia del cuore ” come se non fosse necessario inginocchiarsi mentre si prega Dio, poichè si prega Dio con il cuore e non con il corpo, ma secondo la Chiesa la preghiera per l’adorazione a Dio si deve fare in ginocchio, quale segno anche materiale di umiltà]
5) an old Scottish word for ‘lullaby’ [una vecchia parola scozzese per ‘ninna nanna’]

Vom Himmel hoch da komm ich her

The original German Vom Himmel hoch from komm ich her is a German Christmas song attributed to Martin Luther and initially published with a popular German melody and later from 1538 accompanied by a melody composed by the same Luther , melody used in Sebastian Bach’s Christmas Oratorio (1734). The song was reworked by Mendelssohn for his cantata Von Himmel hoch
[L’originale tedesco Vom Himmel hoch da komm ich her (in italiano Vengo dall’Alto dei Cieli) è un canto natalizio tedesco attribuito a Martin Lutero e pubblicato inizialmente con una melodia popolare tedesca e successivamente dal 1538 accompagnato da una melodia composta dallo stesso Lutero, melodia utilizzata nell’Oratorio di Natale di Bach (1734). Il brano è stato rielaborato da Mendelssohn per la sua cantata Von Himmel hoch]

In 1855 Catherine Winkworth made an adaptation in English entitled “From Heaven Above to Hearth I Come“.
[Catherine Winkworth nel 1855 ne fece  un adattamento in inglese dal titolo “From Heaven Above to Hearth I Come“.]

Edith Rickert, 1914, “Ancient English Christmas Carols: 1400-1799”

1.
I come from Heaven to tell
The best nowells that ever befell;
To you thir tidings true I bring,
And I will of them say and sing.
2.
This day is born to you ane child,
Of Mary meek and virgin mild;
That blessed bairn, benign and kind,
Sall you rejoice, baith heart and mind.
6.
Let us rejoice and be blithe,
And with the herds go full swithe,(1)
And see what God of His grace has done,
Through Christ to bring us to His throne.
7.
My soul and life, stand up and see
Wha lies in ane crib of tree.
What babe is that so gude and fair?
It is Christ, God’s Son and Heir.
13.
O my dear heart, young Jesus sweet,
Prepare Thy cradle in my sprite,
And I sall rock Thee in my heart,
And never mair from Thee depart.
14.
But I sall praise Thee evermore,
With sangës sweet unto Thy glory;
The knees of my heart sall I bow,
And sing that richt ‘Balulalow’.

LINK
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/baloo_lammy.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/i_come_from_heuin_to_tell__1567.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/i_come_from_heuin_to_tell__1578.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/i_come_from_heuin_to_tell.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/from_highest_heaven_i_come_to_te.htm
http://www.ramshornstudio.com/baloo_lammy.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=729
http://mainlynorfolk.info/sandy.denny/songs/balulalow.html
http://www.lutheran-hymnal.com/lyrics/tlh085.htm

http://www.traditionalmusic.co.uk/song-book/song-book%20-%200315.htm

GREEN GROWS THE LAUREL

Violets-by-Pre-Raphaelite-painter-James-Dromgole-LintonNessuno sa di preciso a quale epoca risalga questa canzone, alcuni riferimenti “di bandiera” la spostano all’epoca delle guerre giacobite, di certo si può affermare che la canzone, in molteplici versioni testuali e con diverse melodie, si è tramandata tra la comunità gypsies d’Inghilterra, Scozia e Irlanda e si è poi diffusa anche in Canada e America.

Anche il tema presenta molteplici sfaccettature per cui è difficile distinguere un nucleo originario che si sia “contaminato” con i cosiddetti “versi fluttuanti” ossia versi e strofe mutuate da altre ballate (e comunque tipici delle ballate tramandate dalla tradizione orale).
La storia ha un mood malinconico, in cui una donna innamorata (ma ingenua per la sua giovane età) dona la propria fedeltà ad un uomo che non la merita perchè la seduce (con l’inganno) e poi l’abbandona per un’altra. Alcune versioni (quelle Irlandesi) hanno una viratura patriottica: l’uomo sembra essere stato coinvolto in qualche operazione militare e alla fine la donna si ritrova sola e abbandonata, con la sua giovinezza ormai appassita; la donna potrebbe essere in realtà l’Irlanda e la canzone essere una canzone di protesta “mascherata”.

“QUEEN CAROLINE”

La registrazione risale agli anni del 1960 dalla voce di “Queen” Caroline Hughes la gypsy romany inglese nata nel 1900 e morta nel 1971. In rete ho trovato la versione di Norma Waterson che riprendeva testo e melodia da quell’ascolto (in Sheep-Crook and Black Dog qui).

La storia è amara e triste e parla di una donna rimasta incinta e respinta dal suo innamorato e buttata fuori casa dai suoi genitori. Lei prenderà la strada da sola con il bambino e tenterà di dimenticare l’uomo che l’ha abbandonata (anche se ancora lo ama)

ASCOLTA Norma Waterson (in versione integrale su Spotify)


I
Now once I was a schoolgirl all in my pencil and slate
Can’t you see what I’ve come to from staying out late
And it’s once I had a colour(1)
that is as red as any rose
Ah but now I’m as pale as the lily that grows
CHORUS
And it’s green grows the laurel
and so cold now blows the dew(2)

And how sorry was I
when I parted from you

Just like the rose in the garden
when her bloom is all gone

Can’t you see what I’ve come to
for loving that man

II
Now my parents dislikes me they’ve turned me away from their door
So I told them that I’d ramble
like I used to before
And I picked up my baby
and I’ve walked out the door
And I told them that I’d ramble like I used to before
III
So it’s me and my baby
and contented we will be
And I’ll try to forget him
like he forgot me
And while there’s love on the ocean and there’s dry land
While there’s breath into my body
I will still love that man
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
Un tempo era una studentella con la mia matita e la lavagna,
non vedi che cosa ho ottenuto a restare fuori fino a tardi;
una volta avevo un colorito
rosso come una rosa,
ma ora sono pallida come il giglio che germoglia
CORO
Verde cresce l’alloro,
e come il freddo disperde la rugiada (2),

così mi è dispiaciuto
separarmi da te!
Proprio come le rose nel giardino
quando sono sfiorite,

non vedi che cosa ho ottenuto
nell’amare quell’uomo?

II
Ora i miei genitori mi disprezzano
e mi hanno buttata fuori dalla porta
così ho detto loro che avrei vagabondato come facevo prima.
Ho preso il mio bambino
e ho varcato la soglia,
ho detto loro che avrei vagabondato come facevo prima.
III
Siamo io e il mio bambino
e staremo bene
e cercherò di dimenticarlo
come lui ha dimenticato me,
(ma) finchè c’è amore sull’oceano
e sulla terra ferma,
finchè c’è respiro nel mio corpo,
io continuerò ad amare quell’uomo

NOTE
1) scritto anche come collar (colletto)
2) scritto anche come “soft as the dew”

LA VERSIONE DI SANDY DENNY

A quegli anni della pubblicazione della registrazione sul campo effettuata da Ewan MacColl, Peggy Seeger e Charles Parker presso la comunità traveller di Queen Caroline risale la versione di Sandy Denny (1947-1978): appena diciannovenne quando cantava canzoni folk nei club di Londra con la sua chitarra. La canzone è ridotta a pochi versi che insieme al tono triste e desolato ci parlano di una separazione tra due persone che un tempo si erano date amore; chi canta spera che quell’amore possa rinascere, ma lui l’ha lasciata per un’altra. La situazione con le lettere che i due si scrivono mi richiama un’altra canzone The Blacksmith in un contesto di separazione a causa dell’emigrazione, in cui il fabbro dimentica le promesse fatte alla sua fidanzatina del paese e sposa un’altra.

ASCOLTA Sandy Denny live 1966 (capisco che molti oggi possono considerare queste registrazioni “vintage”, probabilmente sentono l’effetto che a me fanno le registrazioni degli anni 20-30, ma per la mia generazione è la musica della gioventù)


Chorus:
Green grow the laurels,
soft as the dew
Sad I was, darling, on parting from you
Perhaps in the future our love will renew
We’ll love one another
and promise to be true (3)
I
I wrote my love a letter
and he wrote me mine
I wrote my love a letter,
he wrote me mine,
Said: “Keep your love letter
and I will keep mine,
You write to your love
and I’ll write to mine.”
II
I passed my love’s window
both night time and day,
I passed my love’s window both night time and day.
And the looks that he gave me a thousand would slay,
And the looks that he gave me a thousand would slay.

TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
CORO
Verde cresce l’alloro
soave come la rugiada,
ero triste, amore, nel separarmi da te, forse in futuro il nostro amore si rinnoverà
e ci ameremo l’un l’altro
e scambieremo le promesse (3).
I
Ho scritto una lettera al mio amore
e lui ne ha scritta una a me
Ho scritto una lettera al mio amore
e lui ne ha scritta una a me
diceva “Tienti la tua lettera d’amore
e io mi terrò la mia,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
II
Sono passata davanti alla finestra del mio amore notte e giorno,
sono passata davanti alla finestra del mio amore notte e giorno,
e le occhiate che mi ha lanciato mille volte mi avrebbero ucciso,
e le occhiate che mi ha lanciato mille volte mi avrebbero ucciso.

NOTE
3) ovvero ci saranno vere promesse matrimoniali

LA VERSIONE IRLANDESE DI DOLORES KEANE

Questa versione prende parte delle prime due strofe cantate da Norma Waterson e le aggiunge a quei pochi versi cantati da Sandy Denny con una viratura patriottica assente in quelle: l’uomo sembra essere stato coinvolto in qualche operazione militare, ma alla fine la donna si ritrova sola e abbandonata, con la sua giovinezza ormai appassita. La versione si presta a una duplice lettura in cui la donna è in realtà l’Irlanda e la canzone è una canzone di protesta “mascherata”. Il testo proviene dal Galway dai dintorni di Tuam: “Dolores learned this setting from Mary Conway, a traditional singer from Dolores’ home village. Most of Mary Conway’s songs were in Gaelic and this was one of the exceptions. It has a fine traditional tune to it and the chorus has an allegorical reference in it not unusually [sic!] found in the Music Hall versions: ‘Never change …’ We take this to mean, ‘Never desert the green flag of Ireland for the British Union Jack’. (Notes ‘Folk Friends II’) (tratto da qui)

ASCOLTA Dolores Keane & John Faulkner in Sail Og Rua 2010 (Dolores aveva già rilasciato una versione del brano nel 1998 per la compilation Magic Irish Romances)


CHORUS
Green grows the laurel
and soft falls the dew
Sad was my heart
when I parted from you
And in our next meeting
I hope you’ll prove true (3)
Never change the green laurel
for the red white and blue(4)
I
I once had a sweetheart
but now he is gone
He’s gone and he’s left me
I’m here all alone
And since he has left me
content I must be
I know he loves someone
far better than me
II
I wrote him a letter
so loving and kind
He wrote me another
with sharp bitter lines
Saying, “Keep your love letters
and I will keep mine
And you write to your love
and I’ll write to mine”
III
He passed by my window
both early and late
And the looks that he gave me
would make your heart ache
The looks that he gave me ten thousand would kill
Wherever he wanders
he’ll be my love still
IV
I once was as happy as the red blushing rose(5)
But now I’m as pale as the lily(6) that grows
Like the tree in the garden with its beauty all gone
Can’t you see what I have come to from the loving of one
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
CORO
Verde cresce l’alloro
e soave cade la rugiada,
triste era il mio cuore
nel separarmi da te,
e nel nostro prossimo incontro
spero che tu mantenga le tue promesse (3), non cambiare il verde alloro
per il rosso, bianco e blu (4).
I
Una volta avevo un fidanzato
ma adesso non c’è più,
se n’è andato e mi ha lasciata,
sono qui tutta sola
e da quando mi ha lasciato,
devo accontentarmi
di sapere che lui ama un’altra
molto più di me.
II
Gli ho scritto una lettera
piena d’amore e dolcezze,
lui me ne ha scritta una
con righe dure e brusche
diceva “Tienti le tue lettere d’amore
e io mi terrò le mie,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
III
Passeggiava davanti alla mia finestra
da mane e sera,
e le occhiate che mi lanciava,
erano da spezzare il cuore,
le occhiate che mi lanciava
diecimila volte ucciderebbero,
ma dovunque lui vada sarà
ancora il mio amore.
IV
Una volta ero felice come la rosa rossa in sboccio (5)
ma ora sono pallida come il giglio (6) che germoglia,
come l’albero in giardino con la sua bellezza sfiorita,
non vedi che cosa ho ottenuto nell’amare quell’uomo?

NOTE
4) la frase è da leggersi in chiave politica, un’incitazione a non cambiare la bandiera irlandese (green laurel) per quella inglese.
5) nelle ballate la rosa non è solo “una rosa” ma è il simbolo della passione amorosa; le rose nelle canzoni celtiche sono spesso associate alla sfortuna e stanno a indicare una gravidanza in atto: “cogliere la rosa” è un eufemismo per l’atto sessuale che spesso un tempo aveva tristi conseguenze, ovvero le spine, dovute all’educazione allora più ingenua delle fanciulle, che amaramente scoprivano di aver dato il loro fiore a un uomo non degno della loro fiducia, il quale dopo essersi divertito, le lasciava spesso con una gravidanza inopportuna (perché non ricondotta nell’alveo del matrimonio)! La rosa simboleggiava quindi la perdita della verginità e con essa l’innocenza e la fiducia verso un mondo (maschile) che non è quello che sembra!
6) in questo contesto il pallore del giglio è quello cadaverico della morte

LA VERSIONE DI CARA DILLON

L’ultima versione  è quella di Cara Dillon, privata dalla lettura in chiave politica, lo stesso testo  è altrettanto popolare anche in Scozia.

ASCOLTA Cara Dillon in Cara Dillon 2001, il suo album-debutto: voce esile e angelica, eppure così accattivante.. in pratica il cd è stato registrato nella casa della famiglia Lakeman tra amici e parenti di Cara e Sam (i due si sono sposati nel 2002)


I
Green grows the laurel
and soft falls the dew
Sorry was our love
when parting from you
But at our next meeting
I hope you’ll prove true
And we’ll join the green laurel
and the violet so blue(7)
II
I once had a sweetheart but now I have none
He’s gone and he’s left me to weep and to mourn
He’s gone and he’s left me for others to see I’ll soon find another far better than he
III
He passes my window both early and late
And the looks that he gives me would make my heart break
The looks that he gives me a thousand would kill
Though hates and detests me I love that lad still
IV
I wrote him a letter in red rosy lines
He wrote back an answer all twisted and twined
Saying keep your love letters
and I’ll keep mine
You write to your love
and I’ll write to mine
V
Now often I wonder why maidens love men
And often I wonder why young men love them
But from my own knowledge
I will have you know
The men are deceivers
wherever they go
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Verde cresce l’alloro
e soave cade la rugiada,
ero triste, amore,
nel separarmi da te,
ma nel nostro prossimo incontro
spero che tu mantenga le tue promesse,
e noi uniremo il verde alloro
con la violetta così blu (7)
II
Una volta avevo un fidanzato ma adesso non c’è più,
se n’è andato e mi ha lasciata a piangere e a disperarmi,
se n’è andato e mi ha lasciato per vedere le altre
e presto ne troverò uno migliore di lui.
III
Passeggia davanti alla mia finestra mattina e sera,
e le occhiate che mi lancia, mi spezzano il cuore,
le occhiate che mi lancia diecimila volte ucciderebbero,
sebbene mi odi e detesti, io amo ancora quel ragazzo.
IV
Gli ho scritto una lettera con rosei pensieri, lui mi ha spedito una risposta tutta contorta e ritorta
diceva “Tienti le tue lettere d’amore
e io mi terrò le mie,
tu scrivi al tuo amore
che io scriverò al mio”.
V
Ora spesso mi chiedo perchè le ragazze amino gli uomini
e altrettanto mi chiedo perchè i ragazzi le amino,
ma per mia esperienza
dovrei saperlo
gli uomini sono ingannevoli
ovunque vadano

NOTE
7) nel linguaggio vittoriano dei fiori l’alloro sta per “perfidia” la violetta è sinonimo di fedeltà: così l’uomo inganna l’ingenua fanciulla e la seduce; unire l’alloro alla viola ha un che più sensuale nello stile delle canzoni alla The Gardiner

FONTI
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/R061.html http://www.mustrad.org.uk/reviews/c_hughe2.htm http://www.mustrad.org.uk/reviews/c_hughes.htm
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=872 http://mainlynorfolk.info/sandy.denny/songs/greengrowthelaurels.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=11139 http://sangstories.webs.com/greengrowsthelaurel.htm http://mysongbook.de/msb/songs/g/grngrola.html http://sandydenny.org.uk/introduction/

THE BANKS OF THE NILE

Il tema della separazione tra i due innamorati è molto diffuso tra le ballate popolari e quella tra soldato o marinaio che parte per la guerra e giovane fidanzatina che resta ad aspettarlo è un classico delle Guerre Napoleoniche.

Di “The Bakns of the Nile” s’individuano due versioni di cui quella più diffusa è quella simile al broadside Harding B 11(158) risalente al 1855-1858 (Bodleian Library Manchester).
Nancy dice al fidanzato tutto preso dalla mobilitazione delle truppe in partenza per radunarsi a Porsmouth, “non lasciarmi qui a piangere triste“.. e prosegue
“For the parting of our love would be like parting with my life.
So stay at home, my dearest love, and I will be your wife.”
Ma il giovanotto si è ormai arruolato, convinto da qualche sergente reclutatore a prendere “lo schellino del Re” e restare a casa non è più possibile perchè ora è un soldato che deve obbedire al Governo. Allora lei gli risponde “prendimi con te”
“I’ll march beneath your banner while fortune it do smile
And we’ll comfort one another on the banks of the Nile”

RESTA A CASA, DONNA

Ma la guerra un tempo era una faccenda tra uomini, le donne dovevano stare a casa a dare la vita, non a toglierla; Willy si è reso conto di essere “carne da cannone” che almeno lei resti a casa al sicuro!
Where the cannons they do rattle, when the bullets they do fly,
And the silver trumpets sound so loud to hide the dismal cries
Così la donna conclude maledicendo tutte le guerre che si portano via la gioventù di un paese.

MA QUALE GUERRA D’EGITTO?

ASIASIAlexandriaLa Battaglia del Nilo si svolse nel 1798, fu uno scontro navale tra la flotta britannica e quella francese che restò impresso nelle memoria degli inglesi a causa della sorprendente e schiacciante vittoria conseguita grazie alla strategia di Orazio Nelson (che si fregiò da allora del titolo di “Baron Nelson of the Nile“).

Di fatto il controllo inglese restò sempre sui mari, e solo nel 1801 in quella che venne definita la seconda battaglia di Abukir, vennero inviate truppe a terra in appoggio all’esercito ottomano per dare il colpo di grazia ai francesi e alla loro campagna d’Egitto!
Altre truppe inglesi sbarcarono in Egitto nell’invasione coloniale del 1882 (per il controllo del canale di Suez, iniziato a costruire nel 1869 da una compagnia francese diretta da Ferdinand de Lesseps su progetto di un italiano Luigi Negrelli, e completato nel 1869 per il quale anche l’Inghilterra aveva investito grosse somme di danaro ) Più in generale si fa iniziare al 1870 il cosiddetto Terzo Colonialismo Inglese che coinvolse principalmente l’Africa e la Polinesia.

Come sempre nelle canzoni popolari, la rielaborazione attraverso le generazioni si appropria della contestualità così è “la Regina a dare gli ordini” e il nemico sono i “blacks and heathens” oppure in senso ancora più dispregiativo i “blacks and Negroes”.

Tel-el-Kebir

PRIMA VERSIONE

L’autore anonimo di questa canzone ha scritto un pezzo memorabile, la melodia è simile a “The Flower of Sweet Strabanevedi
ASCOLTA Fotheringay (voce Sandy Denny) 1970. Che dire? (qui) Sublime interpretazione, modello insuperabile per i posteri

ASCOLTA Piers Faccini + Camille & Dom la Nena (“A take away show” girato a Parigi nel 2009: il making-of qui) un dichiarato rifacimento di Sandy Danny. La struttura musicale impostata sulla chitarra acustica, con il violoncello a prolungare il lamento delle voci: il canto di Camille è molto intenso semplice, diretto, vero, pieno di lacrime e quasi sussurrato nell’ultimo verso, con l’ultimo fiato che resta in gola…

ASCOLTA Caroline Lavelle in “A Distant Bell” 2004 indubbiamente un’interpretazione intensa, che si appoggia a una struttura musicale raffinata e ipnotica a tratti marziale

ASCOLTA Muireann Nic Amhlaoibh in “Daybreak” 2006 che interpreta la canzone con accenti molto irish

TESTO FOTHERINGAY
I
“Oh hark! the drums do beat, my love, no longer can we stay.
The bugle-horns are sounding clear, and we must march away.
We’re ordered down to Portsmouth(1),
and it’s many is the weary mile
To join the British Army on the banks of the Nile.”
II
“Oh Willie(2), dearest Willie, don’t leave me here to mourn,
Don’t make me curse and rue the day that ever I was born.
For the parting of our love would be like parting with my life.
So stay at home(3), my dearest love, and I will be your wife.”
III(4)
“Oh my Nancy, dearest Nancy, sure that will never do.
The government has ordered, and we are bound to go.
The government has ordered, and the Queen(5) she gives command.
And I am bound on oath, my love, to serve in a foreign land.”
IV
“Oh, but I’ll cut off my yellow hair, and I’ll go along with you.
I’ll dress myself in uniform(6), and I’ll see Egypt too.
I’ll march beneath your banner while fortune it do smile,
And we’ll comfort one another on the banks of the Nile.”
V(7)
“But your waist it is too slender, and your fingers they are too small.
In the sultry suns of Egypt your rosy cheeks would spoil.
Where the cannons they do rattle, when the bullets they do fly,
And the silver trumpets sound so loud to hide the dismal cries.”
VI(8)
“Oh, cursed be those cruel wars, that ever they began,
For they have robbed our country(9) of many handsome men.
They’ve robbed us of our sweethearts while their bodies they feed the lions(10),
On the dry and sandy deserts which are the banks of the Nile.”

Traduzione italiano Riccardo Venturi
I
Ascolta! Rullano i tamburi, amore mio, restare non possiam più.
Le trombe squillan chiare e dobbiamo partire in marcia.
Comandati siamo a Portsmouth(1), tante miglia faticose
Per raggiunger l’Armata Britannica sulle rive del Nilo.
II
Oh, Willie(2), amore mio, non lasciarmi qui a pianger triste,
Non farmi maledire e pentirmi del giorno in cui son nata,
Ché separarmi dal mio amore sarebbe come separarmi dalla vita,
Quindi stattene a casa, amore mio, è io sarò tua moglie.
III
Oh, mia Nancy, amata Nancy, non potrei mai fare questo,
Ché il governo me l’ha ordinato e dobbiamo partire via.
Il governo me l’ha ordinato, e la Regina(5) ha dato il comando:
E io son sotto giuramento, amore mio, per servire in terra straniera.
IV
E allora mi taglierò i capelli biondi e verrò via con te,
Mi metterò un’uniforme e anch’io vedrò l’Egitto.
Marcerò sotto la tua bandiera e la fortuna ci arriderà,
E ci conforteremo l’un l’altro sulle rive del Nilo.
V
Però hai i fianchi troppo snelli, e le dita troppo piccole,
Sotto il sole atroce d’Egitto le tue guance rosee si guasterebbero
Là dove rombano i cannoni, quando volano le pallottole,
E risuonan forte le trombe argentine per celare le grida di disperazione.
VI
Maledette siano queste crudeli guerre e quando son cominciate
Ché hanno privato il nostro paese(9) di così tanti bei ragazzi.
Ci hanno rubato i nostri innamorati, e dei loro corpi si nutrono i leoni(10)
Negli aridi deserti di sabbia sulle rive del Nilo.

NOTE
1) Portsmouth importante città portuale e porto militare sulla costa meridionale dell’Inghilterra
2) talvolta Johnny
3) oppure I’ll go with you
4) la strofa in Harding B 11(158) (in corsivo) riprese anche da Muireann dice: Nancy, dearest Nancy, with me you cannot stay (that’s a thing that can’t be so). Our colonel he gives order (The colonel, he has ordered) no woman there shall go. We must forget (forsake) our own sweethearts, besides (likewise) our native soil, And go fight the blacks and heathens on the banks of the Nile. mentre Muireann dice: To fight the German soldiers on the banks of the Nile presumo si riferisca alle truppe tedesche durante la II guerra Mondiale
5) al tempo delle guerra napoleoniche sul trono d’Inghilterra sedeva re Giorgio III, mentre Vittoria divenne regina nel 1837. Evidentemente questo verso è stato aggiunto in occasione (o poco prima) della battaglia di Tell al-Kebir in cui combatterono vari reggimenti delle Highlands e molti soldati irlandesi
6) Ai tempi in cui alla donna era vietato vestire in panni maschili…
7) la strofa in Harding B 11(158) è diversa: Your waist it is too slender, love; your waist it is too small. I’d be afraid you would not answer me when on you I would call. Your delicate constitution would not bear the unwholesome clime, Nor the cold sandy deserts on the banks of the Nile.
8) la strofa in Harding B 11(158) è diversa: My curse attend the war and the day it first began. It has robbed old Ireland of many a clever man. It took from us our true loves, the protectors of our soil, To fight the blacks and Negroes [sic] on the banks of the Nile.
9) a seconda delle versioni il paese è l’Irlanda o la Scozia Muireann dice:”For they have robbed old Ireland of many’s the gallant man ”
10) in molte versioni è scritto “worms” intendendo che i corpi sono sepolti e diventano cibo per i vermi, ma con la parola “leoni” si acuisce il senso di desolazione e di abbandono in cui vengono lasciati i cadaveri, insepolti, dilaniati dalle fiere.

ASCOLTA Ewan MacColl in “Classic Scots Ballads“, Tradition, TCD 1051, 1959. Il testo presenta lievi differenze con il precedente e il tempo è terzinato come un valzer

I
Hark hark, the drums do beat, my love, and I must haste away, The bugles sweetly sound and no longer can I stay, We are called up to Portsmouth and it’s many a weary mile, All for to be embarked for the banks of the Nile.
II
O Willie, dearest Willie, don’t leave me here to mourn, Don’t leave me here to curse the day that ever I was born, For parting with me Willie is like parting with me life, O stay at home, dear Willie, and make me your lawful wife.
III
I’ll put on me velveteens and go along with you, I’ll volunteer me services and go to Egypt too, I’ll fight beneath your banner, love, and fortune it may smile, And I’ll be your loyal comrade on the banks o’ the Nile.
IV
O Nancy, dearest Nancy, O that would never do, The government has ordered no women there tae go, The government has ordered, the King(5) he doth command, And I am bound on oath, my love, to serve on a foreign land.
V
Your waist is rather slender, your complexion is too fine, Your constitution is too weak to stand a hard campaign, The sultry suns of Egypt your precious health would spoil, In the sandy desert places on the banks of the Nile.
VI
O cursed, cursed be the day that ever wars began, For they’ve ta’en oot of Scotland(9) mony a bonny man, They’ve ta’en frae us oor lifeguards, praetectors o’ oor isle, And their bodies feed the worms(10) on the banks o’ the Nile.

SECONDA VERSIONE

ASCOLTA Young Tradition 1968

ASCOLTA Andy Turner che scrive ” version from Betsy Henry, of Auchterarder in Pethshire – actually, MacColl’s mother. I have anglicised it slightly, although that didn’t amount to much more than substituting “England” for “Scotland” in the last verse.”

VERSIONE B

ASCOLTA Old Blind Dogs in Wherever Yet May Be 2010 (su Spotify)

I
Farewell, my dearest Nancy, farewell I must away.
I hear the drums a-beating and no longer I can stay.
we’re ordered down to Portsmouth and as many a weary mile
For to fight for british army on the banks of the Nile.
II
Oh, I’ll cut off my yellow hair and along with you I’ll go
I’ll dress meself in uniform and I’ll see Egypt, too.
I’ll fight and bear thy banners well, kind fortune upon a smile.
And we’ll comfort one another on the banks of the Nile.
III
Let a hundred days be darkened and let maidens give a sigh
It would melt the very elements to hear the wounded cry
Let a hundred days be brightened and let the maidens give a smile
But remember Abercrombie(11) on the banks of the Nile
IV
Oh, cursed upon the cruel war and the hour it begun,
For it has robbed our country of many a gallant man;
It took from us our old sweethearts, protectors of our soil
And their blood does steep the grass that’s deep on the banks of the Nile
V
O now the war is over and back I’ll then return
Until my wife and family I’ve left behind to mourn.
We’ll call them in around, my boys, and there’s no end of toil.
And no more we’ll go a’roving on the banks of the Nile.
Traduzione italiano Riccardo Venturi
I
Addio, mio amata Nancy, addio, devo partire.
Sento già rullare i tamburi e non posso stare più,
Ci hanno comandato a Portsmouth ed è un lungo cammino,
A combattere per la British Army sulle rive del Nilo.
II
Oh, mi taglierò i capelli biondi e verrò via con te,
Mi metterò l’uniforme e (verrò) anch’io a veder l’Egitto.
Combatterò e ti farò da brava portabandiera, e che la fortuna ti arrida,
E ci conforteremo l’un l’altro sulle rive del Nilo.
III
Cento giorni si faccian scuri, e sospirin le ragazze,
Fonderebbe gli elementi sentire i feriti che urlano.
Cento giorni si faccian chiari, e sorridan le ragazze:
Ma ricordate Abercrombie sulle rive del Nilo.
IV
Maledico la guerra e l’ora in cui è cominciata,
Ché ha privato il nostro paese di tanti ragazzi valorosi.
Ci ha rubato i nostri innamorati, protettori della nostra terra,
E il loro sangue innaffia l’erba alta sulle rive del Nilo.
V
Ma ora la guerra è finita e tornerò presto a casa,
Da mia moglie e dalla mia famiglia che ho lasciato a disperarsi.
Li chiameremo tutti qua, ragazzi, e la pena non avrà mai fine,
E non ce ne andremo mai più a vagare per le rive del Nilo.

NOTE INTEGRATIVE
11) probabilmente si riferisce a Sir Ralph Abercromby (1734-1801) il generale scozzese che guidò le truppe ad Abukir nel 1801; durante la battaglia nei pressi di Alessandria venne colpito da un proiettile e morì poco dopo.

DURA LEX SED LEX

2415_1“La donna non indosserà abiti da uomo, né l’uomo indosserà abiti da donna, perché chiunque fa tali cose è in abominio all’Eterno” (Deu 22:5)

Per trovare donne guerriere nella storia bisogna andare molto indietro nel passato oppure risalire fino al XX secolo (in Europa e USA); la battaglia per l’emancipazione della donna passa anche dall’appropriazione della “libertà di movimento” anche in senso letterale; fu l’americana Amelia Jenks Bloomer (1818-1894) a inventare l’abito-pantalone che in suo onore venne chiamato bloomer. Dalla foggia orientale il pantalone era ampio e stretto alla caviglia e rigorosamente da portare sotto ad un abito al ginocchio. Niente di particolarmente osè e sostanzialemtne la donna restava infagottata come prima, eppure nelle sue prime apparizioni il bloomer fu considerato scandaloso!
Solo negli anni venti del 900 fecero la comparsa nel guardaroba delle signore sportive e alla moda i pantaloni di foggia maschile (e Coco Chanel diede il suo innovativo contributo con i pantaloni da barca di linea larga da indossare per il tempo libero). E tutto perchè durante la Grande Guerra (in cui le forze più giovani del paese venivano mandati a morire non solo sotto le cannonate ma anche sotto i colpi micidiali delle mitragliatrici) furono le donne a sostituire gli uomini nei lavori pesanti in fabbrica o nei campi; indossavano i pantaloni del marito o del fratello tenuti su dalle bretelle. Così il pantalone era riservato alle due classi sociali più opposte: l’aristocrazia o l’alta borghesia e le donne operaie e contadine!

FRANCIA

La legge risale al 17 novembre 1800 ed è stata abrogata solo nel 2013.
Tutte le donne che, dopo la pubblicazione della presente ordinanza, si travestiranno da uomo senza aver sbrigato le formalità prescritte- lasceranno intendere di avere colpevole intenzione di abusare del loro travestimento“. La pena? L’arresto.
Nel 1892 e nel 1909 vennero introdotte due eccezioni alla regola che impediva alle signore di portare i pantaloni, il cui uso era consentito “quando impugnassero il manubrio di una bicicletta” o “le redini di un cavallo“. Nel 1972, una deputata del Parlamento francese, Michèle Alliot-Marie, venne bloccata al suo ingresso perchè indossava i pantaloni.

ITALIA

Negli anni 40 una legge di Mussolini proibiva alle donne di portare i pantaloni. Era vietato andare in chiesa, negli uffici pubblici e a scuola con i pantaloni ritenuti una “trovata demenziale di donne perverse
I pantaloni erano permessi solo alle donne per sciare, fare alpinismo e andare in bici, ma appena si smetteva l’attività sportiva, si doveva immediatamente indossare la gonna.
E così ai giorni nostri “mutatis mutandis”:
2014 (tratto da qui) VIETATO INDOSSARE PANTALONCINI: UOMO VA A LAVORO IN GONNA
Il comune di Rio de Janeiro ha deciso, a partire da questi mesi estivi, di vietare ai dipendenti pubblici di recarsi a lavoro in pantaloncini. Poco importa se fa caldo. Ancor meno se nella maggior parte dei luoghi di lavoro non c’è l’aria condizionata. Il decoro prima di tutto. Ma la cosa non è andata giù ai lavoratori che in vari modi hanno protestato contro la decisione.
Ma il vincitore della protesta più “virale” è stato sicuramente André Amaral Silva che ha pensato bene di andare a lavoro in gonna. La foto dell’uomo che sfoggia l’indumento femminile è andata nel frattempo a finire su Facebook ed è stata condivisa da migliaia di utenti in poche ore. “Non si tratta di una burla, ma di una cosa seria: ho voluto sollevare il problema nel rispetto della legge”, ha spiegato Andrè. All’inizio, il portiere non voleva farlo entrare, ma è stato poi convinto dalla logica: la gonna è un capo autorizzato, non importa chi la indossa.

FONTI
http://mainlynorfolk.info/peter.bellamy/songs/thebanksofthenile.html http://afolksongaweek.wordpress.com/2012/11/11/week-64-the-banks-of-the-nile/ http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=12883&lang=it http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=17699
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/258.html http://www.loc.gov/resource/amss.as100630/seq-1 http://celticlyricscorner.net/amhlaoibh/banks.htm

LA TRADIZIONE ORALE
http://sounds.bl.uk/World-and-traditional-music/Ethnographic-wax-cylinders/025M-C0037X1592XX-0100V0#_ http://www.itma.ie/inishowen/song/banks_of_the_nile_dan_mcgonigle http://history.wiltshire.gov.uk/community/getfolk.php?id=550 http://www.evergreentrad.com/banks-of-the-nile/

The False Bride: scottish version (versione scozzese)

Diana Gabaldon

From “Drums of Autumn” of the Outlander saga written by Diana Gabaldon chapter 4.
In the future Roger sings many popular airs at the Celtic Festival in New England: in Outlander Season 4, episode 3 Roger sings “The False Bride” (which gives the title to the episode), but not in the book.
In “Tamburi d’Autunno” della saga “La Straniera” di Diana Gabaldon, capitolo 4. Nel futuro Roger canta molti brani popolari al Festival Celtico nel New England, in Outlander stagione 4, terzo episodio Roger canta “The False Bride” (che da il titolo all’episodio nella versione inglese, mentre in italiano diventa “La ricerca della felicità” ) ma non nel libro. 

The ballad of the “False Bride” or the theme of unrequited love, surely dates back to 1600 and was sung in all the British Isles for centuries, following the channels of oral tradition, the press in the broadside ballads and in the collections of traditional arias, faceting in different versions and even melodic arrangements. Only at the beginning of the 20th century does the ballad seem to have gone out of fashion and relegated to the “old Folk songs”, however in some of its variants it was recovered during the folk revival of the 60s and 70s and also in more recent recordings.
La ballata della “Falsa Sposa” ovvero il tema dell’amore non corrisposto, risale sicuramente al 1600 ed è stata cantata un po’ per tutte le Isole Britanniche per secoli seguendo i canali della tradizione orale, la stampa nelle broadside ballads e nelle collezioni di arie tradizionali, sfaccettandosi in diverse versioni e anche arrangiamenti melodici. Solo all’inizio del XX secolo la ballata sembra essere passata di moda e relegata nelle “old Folk songs”, tuttavia in alcune sue varianti è stata recuperata durante il folk revival degli anni 60-70 e anche in più recenti registrazioni.

Scottish version
English version
Irish version

I ONCE LOVED A LASS

As commented by Ewan McColl in the notes attached to the album (cf) the songs of abandoned lovers are quite common in Scotland, and mostly are suffused with irony rather than tragedy. Not this one, however, in which the lover, after having participated in the marriage of his ex-girlfriend, lies down in the grave to seek death. Jürgen Kloss places the version between 1850 and 1885 in the Scottish area: the first stanza is a textual smoothie of different versions appeared in print from the early seventeenth century broadside to the nineteenth century collections; the second stanza is the oldest one which is present in all the variations of the theme, even with different titles; while the third stanza seems to be a more recent addition, as well as the third-person repetition of the last verse which is proper of the Scottish versions. The stanzas are without refrain, but in the first three verses the last verse “she’s gaun to be wed till anither” performs this function.
Come commentato da Ewan McColl nelle note allegate all’album (vedi) le canzoni degli amanti abbandonati sono abbastanza comuni in Scozia, e per lo più sono soffuse di ironia, piuttosto che di tragedia. Non questa però in cui l’amante, dopo aver partecipato al matrimonio della sua ex-fidanzata, si sdraia nella tomba per cercare la morte. Jürgen Kloss colloca la versione tra il 1850 e il 1885 in area scozzese: la prima strofa è un po’ un frullato testuale di diverse versioni comparse in stampa dai primi broadside seicenteschi alle collezioni ottocentesche; la seconda strofa è quella più antica che è presente un po’ in tutte le varianti del tema, anche con titoli diversi; mentre la terza strofa sembra essere un’aggiunta più recente, come pure anche la ripetizione in terza persona dell’ultimo verso che è proprio delle versioni scozzesi. Le strofe sono senza ritornello, ma nelle prime tre strofe l’ultimo verso “she’s gaun to be wed till anither” svolge tale funzione.

Richard Rankin (Roger MacKenzie) in Outlander Season 4, episode 3 (I, III, V)
 Ronnie Browne
Bert Jansch (Pentangle) in Sweet Child, 1968 (I , II, III, V)
Ewan McColl in Classic Scots Ballads, 1956
The Tannahill Weavers ( I, II, III , VI) in Best Of The Tannahill Weavers, 1989
Karan Casey in “Ships in the Forest” 2008
in this live version she sings all the seven stanzas, to keep in mind that the singer is Irish (County of Waterford) and the text is in standard english (cf)
in questa versione live canta tutte le sette strofe, da tener presente che la cantante è irlandese (contea di Waterford) e il testo è in standard english (vedi)
Sandy Denny

I
I once loved a lass,
and I loved her sae  weel
I hated all others that spoke of her ill;
But noo she’s rewarded me wee for my love (1),
(For) she’s gaun to be wed
till anither.
II
(When) I saw my love
to the church go,
Wi’ bride(groom) and bride-maidens,
they made a fine show;
An’ l followed them on wi’ a heart fu’ o’ woe,
(For) she’s gaun to be wed
till anither.
III
(When) I saw my love
sit down to dine,
I sat down beside her
and poured out the wine,
An’ I drank to the lass
that should ha’e been mine,
An’ now she is wed  (2)
till anither.
IV
“Well, stop,” says the groomsman,
“If you take my word
Would you venture your life
on the point of a sword?
For courting too slowly (3)
you have lost this fair maiden
Begone, you will never enjoy her (4)”
V
The men o’ yon forest they askit o’ me,
Hou many strawberries grew in the saut (5) sea?
But I askit them back wi’ a tear in my ee,
How many ships sail in the forest? (6)
VI
O dig me a grave
and dig it sae deep,
An’ cover it over
with flow’rets säe sweet,
An’ I’ll turn in for to tak’ a lang sleep,
An’ may be in time I’ll forget her.
VII
They dug him a grave
an’ they dug it sae deep,
An’ covered it over
with flow’rets säe sweet,
An’ he’s turned in for to tak’ a lang sleep,
An’ maybe by this time he’s forgot her.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Un tempo amavo una ragazza
e tanto l’amai, che odiavo tutti coloro che dicevano male di lei;
oh, come sono stato ripagato bene per l’Amore
perchè è andata  in sposa
ad un altro!
II
Vidi il mio amore
andare in chiesa
con lo sposo e le damigelle,
facevano una bella figura,
e li seguii con il cuore pieno di dolore
perchè è andata  in sposa
ad un altro!
III
Vidi il mio amore
sedersi al banchetto,
le sedetti accanto
e mi versai un bicchiere di vino,
e bevvi alla ragazza
che avrebbe potuto essere mia
ma ora è sposata
ad un altro
IV
“Fermo – dice il testimone dello sposo-
in fede mia
vuoi giocarti la vita
sulla punta di una spada?
Per aver corteggiato con poco ardore,
hai perso questa bella fanciulla
vattene, non approfitterai mai più di lei”
V
Gli uomini nella foresta mi chiedono
“Quante fragole crescono nel mare salato?”
a loro rispondo con le lacrime agli occhi
“Quante navi navigano nella foresta?”
VI
“Oh scavatemi una tomba
e scavatela profonda
e copritela per bene
con i fiori più profumati
e andrò a dormire per fare un lungo sonno
e forse col tempo, dimenticarla.”
VII
Così scavarono una tomba
e la scavarono profonda
e la coprirono per bene
con i fiori più profumati
ed egli andrò a dormire per fare un lungo sonno
e forse col tempo dimenticarla.

NOTE
english translation here
1) The sense is ironic and means exactly the opposite letteralmente “ora lei mi sta bene ricompensando per il mio amore”, o anche “mi ha fatto pagare per il mio amore” il senso è ironico e vuole dire esattamente il contrario
2) or “Even though she’d been wed to another”
3) ho inteso slowly come un atteggiamento poco eccitante o indeciso, senza vivacità
4) or “south” sea
5) la frase è a doppio senso, in modo più velato “non la vedrai mai più (non godrai mai più della sua vista)” e in modo più esplicito “non te la spasserai con lei”
6) the verse is an addition of the eighteenth century also reported as a separate stanza in nursery rhymes: the meaning is clear enough, could find easier strawberries in the sea and ships in the forest, than his love. I do not know if the comparison wants to paraphrase (with opposite meaning) the well-known Scottish saying “there are many fish in the sea“, a consolatory phrase that is generally said to those who remain alone at the end of a love story. However the answer to these rhetorical questions is “There is no possibility”.
la strofa è una aggiunta del XVIII secolo riportata anche come stanza a sé nelle filastrocche per bambini: il significato è abbastanza chiaro, il protagonista ha più probabilità di trovare fragole nel mare e navi nella foresta che di ritrovare il suo amore. Non so se il paragone vuole parafrasare (con significato opposto) il noto detto scozzese “ci sono molti pesci nel mare” come frase consolatoria che in genere si dice a chi resta solo alla fine di una storia d’amore. Comunque la risposta alle domande retoriche è “Non c’è nessuna possibilità“.

LINK
http://www.justanothertune.com/html/ilal.html http://www.asaplive.com/archive/detail.asp?id=R0114701
http://clancybrothersandtommymakem.com/trad_1015_scots.htm
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thefalsebride.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=296