Barrochan Jean

Barrochan Jean’ is a  humorous song written by Robert Tannahill in 1809, on hearing an old grannie in Lochwinnoch Parish relate a story something similar to the subject of the song.
Air— “Johnnie M’Gill.” Mr. John M’Gill was a famous violinist and teacher of the violin in Girvan, Ayrshire. “It is generally accepted to have been the composition of Ayrshire musician John MacGill (c. 1707-1760), from Girvan. Besides being a fiddler, he has also been described as the town piper, and, elsewhere, a violincello player. The tune was used by Robert Burns for his song “Tibbie Dunbar” (from tunearch.org)
‘Barrochan Jean’ è una canzone umoristica scritta da Robert Tannahill nel 1809, sentendo una vecchina nella Parrocchia di Lochwinnoch raccontare una storia un po’  simile al soggetto della canzone
Aria-” Johnnie M’Gill. “Mr. John M’Gill era un famoso violinista e insegnante di violino a Girvan, Ayrshire. “È generalmente considerata la composizione del musicista dell’Ayrshire, John MacGill (1707-1760 circa), proveniente da Girvan. Oltre ad essere un violinista, è stato anche descritto il pifferaio della città [musicista della banda cittadina] e, altrove, un violinista. Il brano è stato utilizzato da Robert Burns per la sua canzone “Tibbie Dunbar”

John Morran in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume I (2006) 

Sam Monaghan

I
‘TIS haena ye heard, man, o Barrochan Jean ?
An haena ye heard, man, o Barrochan Jean ?
How death an starvation cam o’er the haill nation,
She wrocht sic mischief wi her twa pawkie een.
 The lads an the lasses were deein in dizzens,
The tane killed wi luve, an the ither wi spleen; 
The ploughin, the sawin, the shearin, the mawin
—A wark was forgotten for Barrochan Jean.
II
Frae the south an the north, o’er the Tweed an the Forth,
Sic comin an gangin there never was seen;
The comers were cheerie, the gangers (1) were blearie (2),
Despairin or hopin for Barrochan Jean.
The carlins at hame were a girnin and granin,
The bairns were a greetin frae mornin till e’en ;
They gat naethin for crowdie (3) but runts boiled tae sowdie,
For naethin gat growin for Barrochan Jean.
III
The doctors declared it was past their descrivin,
The ministers said ‘twas a judgment for sin ;
But they lookit sae blae, an their hearts were sae wae,
I was sure they were deein for Barrochan Jean.
The burns on roadsides were a dry wi their drinkin,
Yet a wadna sloken  the drouth in their skin ;
A roun the peatstacks, an alangst the dyke backs,
E’en the winds were a sighin, “Sweet Barrochan Jean.”
IV
The timmer ran (4) dune wi the makin o coffins,
Kirkyairds (5) o their swaird (6) were a’ howkit (7) fu clean ;
Deid lovers were packit like herrin in barrels, 
Sic thousan’s were deein for Barrochan Jean.
But mony braw thanks tae the laird o Glenbrodie, 
The grass owre their graffs is now bonnie an green :
He staw the proud heart o our wanton young leddie, 
An spoilt a the charms o’ her twa pawkie een.
English translation
I
‘TIS have not you heard, man,
of Barrochan Jean ?
And have not you heard, man,
of Barrochan Jean ?
How death and starvation
came over the whole nation,
She caused such trouble 
with her two roguish eyes
The lads and the lasses
were dying in dozens
The one killed with love,
an the other with spleen ; 
The ploughing, the sowing,
the shearing, the mowing—
All work was forgotten
for Barrochan Jean.
II
From the south and the north,
over the Tweed an the Forth, 
Such coming and going
there never was seen;
The gossips were cheerful,
the visitors (1) were gloomy (2), 
Despairing or hoping
for Barrochan Jean.
The children at home
were lamenting and groaning,
The babies were crying 
from morning till even ;
They got nothing for breakfast (3)
but cabbage stalks boiled to broth, 
For nothing got growing
for Barrochan Jean.
III
The doctors declared
it was past their descriving,
The ministers said
it was a judgment for sin ;
But they looked so blue,
an their hearts were so woe,
I was sure they were dying
for Barrochan Jean.
The streams on road-sides
were all dry with their drinking,
Yet all would not sloken
the drought in their skin ;
All around the peat-stacks,
and alongst the back of the walls,
Even the winds were all sighing,
“Sweet Barrochan Jean.”
IV
The slab-wood (4) done
with the making of coffins,
churchyards (5) of their turf/sword(6)
were all digged (7) full clean ;
Dead lovers were packed 
like herring in barrels, 
Such thousands were dying
for Barrochan Jean.
But many fine thanks
to the laird of Glenbrodie, 
The grass over their graves
is now bonnie and green :
He stole the proud heart
of our haughty young lady, 
And spoiled all the charms
from her two roguish eyes
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Non hai saputo, amico
di Barrochan Jean ?
Non hai saputo, amico
di Barrochan Jean ?
Come la morte e la fame
si riversarono su tutta la nazione,
lei ha causato tanti guai
con i suoi occhi civettuoli
i ragazzi e le ragazze
morivano a dozzine 
quello ucciso dall’amore,
l’altro dalla malinconia;
l’aratura, la semina,
il raccolto, la falciatura:
ogni lavoro era trascurato
per Barrochan Jean.
II
Da sud e da nord,
oltre il Tweed e il Forth,
un tale andirivieni
non fu mai visto;
le comari erano allegre,
i visitatori erano cupi,
disperando o spasimando
per Barrochan Jean.
I ragazzi a casa
si lamentavano e gemevano,
i bambini piangevano
dal mattino fino a sera,
non avevano altro per colazione
che torsi di cavolo bolliti nella zuppa,
perché niente riusciva a crescere
per Barrochan Jean.
III
I dottori dichiararono
che ciò superava il loro discernimento
i sacerdoti dissero che
era il castigo per il peccato;
ma loro sembravano così tristi
e i cuori erano così in pena
di sicuro stavano morendo
per Barrochan Jean.
I rivi al fianco delle strade
erano a secco per le loro bevute
eppure niente avrebbero spento
l’arsura sotto la loro pelle
intorno ai cumuli di torba,
lungo il retro dei muri,
anche i venti sospiravano,
“dolce Barrochan Jean”.
IV
Le assi di legno fatte 
per la fabbricazione delle bare,
i cimiteri ???
erano tutti scavati con cura;
gli amanti morti erano stipati
come aringhe nel barile
migliaia di persone, morivano
per Barrochan Jean.
Ma tante belle grazie
al signorotto di Glenbrodie,
l’erba sopra le loro tombe
è ora bella e verde:
egli rubò il cuore orgoglioso
della nostra giovane donna altezzosa,
e spogliò tutto fascino 
dai suoi occhi civettuoli

NOTE
1) ganger= One who is going away
2) blearie
3) A mixture of oatmeal and cold water, etc. eaten raw. Sometimes also used of porridge or brose and hence of food in general; crowdy-, meal-time, breakfast-time
4) ran-timber, the outer cut of wood from a log, slab-wood.
5) churchyard – terreno che circonda una chiesa, solitamente di proprietà della parrocchia; nell’Inghilterra settentrionale e in Scozia viene chiamato anche kirkyard o kirkyaird. Al contrario di un graveyard o di un cemetery, un churchyard non è necessariamente usato come luogo di sepoltura, infatti a partire dal Settecento tale uso fu vietato dalla legge per motivi di igiene pubblica, e oggi questo termine indica perlopiù semplici prati all’inglese intorno a una chiesa.
6) swaird= turf, oppure swaird= swurd=sword; ma non riesco a fare una traduzione anche perchè i nome è al singolare mentre il pronome personale è alla 3^ persona plurale: i cimiteri delle loro spade? I cimiteri delle loro zolle?? 
7) to howk, howked= To dig, dig out, make by digging.

Link
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%204B.htm

Thou Bonnie Wood O Craigielea

“The Bonnie Woods Of Craigielea” is the tune from which is born the famous australian song Waltzing Matilda“. The original Scottish tune was written by James Barr (blythe Jamie Barr frae “Sanct Barchan’s” toun), but the words are by Robert Tannahill.
“The Bonnie Woods Of Craigielea” è la melodia da cui è nata la famosa canzone australiana “Waltzing Matilda”. L’originale melodia scozzese è stata scritta da James Barr (l’allegro Jamie Barr da “Sanct Barchan’s”), ma le parole sono di Robert Tannahill.

Stringspace live

The first transformation of the melody was the march composed in 1894 by Thomas Bulch, under the pseudonym of Godfrey Parker.
La prima trasformazione della melodia fu la marcia composta nel 1894 da Thomas Bulch, sotto lo pseudonimo di Godfrey Parker.

The next step was the arrangement of Christina MacPherson who heard it from a brass band and played it for “Banjo” Paterson in 1895: Paterson wrote on the melody in one go a couple of lines; in the subsequent reworking Paterson wrote the story of an Australian bandit and called it “Waltzing Matilda” (see more)
Il successivo passaggio fu l’arrangiamento di Christina MacPherson che la sentì suonare da una brass band e la suonò per
Banjo” Paterson nel 1895, il quale scrisse di getto un paio di versi sulla melodia; nella rielaborazione successiva Paterson scrisse la storia di un bandito australiano e la intitolò “Waltzing Matilda” (continua)

Sam Monaghan Thou Bonnie Wood o’ Craigielee

Claire Hastings in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume IV (2016)


Chorus

Thou bonnie wood of Craigielea (1),
Thou bonnie wood of Craigielea,
Near thee I pass’d life’s early day,
And won my Mary’s heart in thee.
I
The broom, the brier, the birken (2) bush,
Bloom bonnie o’er thy flow’ry lea;
And a’ the sweets that ane can wish
Frae Nature’s hand are strew’d on thee.
II
Far ben (3) thy dark green plantings’shade,
The cushat croodles (4) am’rously;
The mavis (5) down thy bughted (6) glade,
Gars (7) echo ring frae ev’ry tree.
III
Awa! ye thoughtless murd’ring gang,
Wha tear the nestlings ere they flee;
They’ll sing you yet a canty (8) sang,
Then, O! in pity let them be!
IV
When winter blows in sleety showers
Frae off the norlin (9) hills sae hie
He lightly skiffs (10) thy bonnie bow’rs
As laith (11) to harm a flower in thee.
V
Though fate should drag me south the line
Or o’er the wide Atlantic sea
The happy hours I’ll ever mind,
That I in youth hae spent in thee.
Traduzione italiano Cattia Salto
Coro
Tu bel bosco di Craigielea,
Tu bel bosco di Craigielea,
accanto a te ho trascorso la lunga giornata della vita e ho conquistato il cuore di Maria in te.
I
La ginestra, il rovo e la boscaglia di betulla 
sbocciano belli lungo il sentiero fiorito
e tutte le dolcezze che si possono desiderare 
dalla mano della Natura sono in te disseminate.
II
Inoltrato nel boschetto delle tue ombrose piantumazioni, il colombaccio tuba amorosamente, il tordo nella radura frondosa,
fa risuonare il suo canto da ogni albero.
III
Via! Voi combriccola di assassini senza scrupoli, che fate a pezzi i pulli prima che fuggano;
vi canteranno ancora un’allegra nota,
Allora, Oh! Per Pietà lasciateli andare!
IV
Quando Inverno colpisce con bufere di nevischio/ dalle collina a nord così alte
passa leggero sui tuoi bei pergolati
come riluttante a danneggiare un tuo  fiore
V
Anche se il destino mi trascinerà a sud dell’Equatore o oltre il vasto mare Atlantico
le ore felici che mai ricorderò, /saranno quelle che in gioventù ho trascorso in te.

NOTE
1) Tannahill invented this name for a particularly rocky area of the Ferguslie estate slightly northwest of Paisley, one of his favorite walks. (see more) [Tannahill inventò il nome per una particolare conformazione rocciosa nella tenuta di Ferguslie appena a norovest di Paisley, una delle sue favorite passeggiate]
2) birken=birch
3) ben=through 
4) cushat croodles=wood-pigeon coos 
5) mavis=thrush 
6) bughted=full of boughs; leafy
7) gars=make, compel 
8) canty= lively; cheerful; pleasant.
9) norlin=northern.
10) skiffs=to move in a light airy manner, barely touching the ground; to skim, glide, skip.
11) laith=reluctant

LINK
https://roberttannahill.weebly.com/song-bonny-wood-of-craigie-lee.html
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL%27S%20SONGS%203.htm
https://www.contemplator.com/scotland/craiglea.html
http://pandora.nla.gov.au/pan/34755/20110606-1326/www.nla.gov.au/epubs/waltzingmatilda/1-Orig-Creation.html
http://waltzingmatilda.com.au/Craigielea.html

https://tunearch.org/wiki/Annotation:Thou_Bonnie_Wood_of_Crigielee_(2)

My Dear Highland Laddie O by Robert Tannahill

Among the many traditional Scottish songs that have “Highland Lad” as their subject, it is also added this one, written by Robert Tannahill, the poet weaver of Paisley. It is the disconsolate lament of a shepherdess, sad because her lover has been enlisted in the army, and even her beloved Glennifer Breas no longer gives her joy; so she he says goodbye to her home to follow his handsome soldier.
Tra le tante canzoni tradizionali scozzesi che hanno come soggetto il bel “Highland Lad” si aggiunge anche questa, scritta da Robert Tannahill, il poeta tessitore di Paisley.
E’ il lamento sconsolato di una pastorella, triste perchè il suo innamorato è stato arruolato nell’esercito, anche le sue amate Glennifer Breas non le danno più gioia e lei le saluta decisa a seguire il suo bel soldatino. 

Note by R. A. Smith in the “Harp of Renfrewshire,” page xxxiv.—“My first introduction to Tannahill was in consequence of hearing his song ‘Blythe was the time’ sung while it was yet in manuscript. I was so much struck with the beauty and natural simplicity of the language that I found means shortly afterwards of being introduced to its author. The acquaintance thus formed between us gradually ripened into a warm and steady friendship that was never interrupted in a single instance till his lamented death.” (from here)
Nota di R. A. Smith nell ‘”Harp of Renfrewshire”, pagina xxxiv. – “La mia prima presentazione di Tannahill fu in seguito all’ascolto della sua canzone” Blythe was the time “cantata mentre era ancora in manoscritto. Sono rimasto così colpito dalla bellezza e dalla naturale semplicità del linguaggio che poco dopo ho scoperto di essere stato presentato al suo autore. La conoscenza così formata tra noi gradualmente maturò in un’amicizia calda e costante che non fu mai interrotta in nessuna circostanza fino alla sua deplorata morte. “

Tune “Mor nighean a Ghiobarlan (Sarah the daughter from Giberland). 

Gillian MacDonald in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume I  (2006) 
Sam Monaghan Dear Heilan’ Laddie

I
Blithe was the time when he fee’d wi’ my father, O,
Happy were the days when we herded thegither, O,
Sweet were the hours when he row’d me in his plaidie, O,
And vow’d to be mine, my dear Highland laddie, O.
II
But, ah! waes me! wi’ their sodgering sae gaudy, O,
The laird’s wys’d awa’ my braw Highland laddie, O,
Misty are the glens and the dark hills sae cloudy, O,
That aye seem’d sae blythe wi’ my dear Highland laddie, O.
III
The blae-berry banks now are lonesome and dreary, O,
Muddy are the streams that gush’d down sae clearly, O,
Silent are the rocks that echoed sae gladly, O,
The wild melting strains o’ my dear Highland laddie, O.
IV
He pu’d me the crawberry (1), ripe frae the buggy fen,
He pu’d me the strawberry (2), red frae the foggy glen,
He pu’d me the row’n (3) frae the wild steep sae giddy, O,
Sae loving and kind was my dear Highland laddie, O.
V
Fareweel, my ewes, and fareweel, my doggie, O,
Fareweel, ye knowes, now sae cheerless and scroggie, O,
Fareweel, Glenfeoch, my mammy and my daddie, O,
I will heave you a’ for my dear Highland laddie, O.
English translation
I
Joyous was the time when
he feed (1) with my father, O,
Happy were the days when
we herded (2) together, O,
Sweet were the hours when
he wraped me in his plaid, O,
And vowed to be mine,
my dear Highland laddie, O.
II
But, ah! woe on me!
with their soldiering (3) so gaudy, O,
The laird’s guided away
my fine Highland laddie, O,
Foggy are the valleys
and the dark hills so cloudy, O,
That always seemed so joyous
with my dear Highland laddie, O.
III
The blueberry banks now
are lonesome and dreary, O,
Muddy are the streams that
gushed down so clearly, O,
Silent are the rocks that
echoed so gladly, O,
The wild melting strains
of my dear Highland laddie, O.
IV
He pulled me the cranberry (4),
ripe from the boggy marsh,
He pulledd me the strawberry (5),
red from the foggy valley,
He pulled me the rowan (6)
from the wild steep so giddy, O,
So loving and kind was
my dear Highland laddie, O.
V
Farewell, my ewes,
and farewell, my little dog, O,
Fareweel, you hills,
now so cheerless and stunted , O,
Farewell, Glenfeoch (7),
my mammy and my daddie, O,
I will leave you all for
my dear Highland laddie, O.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Gaio era il tempo quando lui
era a servizio di mio padre,
felici erano i giorni quando
andavamo insieme a governare le pecore
dolci le ore quando
lui mi avvolgeva nel suo mantello
e giurava di essere mio,
il mio caro ragazzo degli Altopiani
II
Ma ahimè povera me!
Con le loro divise da soldato così sgargianti
il Signore si prese
il mio bel ragazzo degli Altopiani,
nebbiose sono le valli
e le scure colline rannuvolate
che prima sembravano tanto luminose
con il mio caro ragazzo degli Altopiani
III
Le rive dei mirtilli sono
ora solitarie e tristi,
fangosi sono i ruscelli che
zampillavano così limpidi,
silenti sono le rocce che
riecheggiavano così allegramente
i canti struggenti e rustici
del mio caro ragazzo degli Altopiani
IV
Lui mi prendeva il mirtillo rosso,
che maturano nell’umida palude
lui mi prendeva la fragola di bosco,
rossa nella valle brumosa
mi prendeva il sorbo
dai selvatici pendii così vertiginosi,
così amabile e gentile era
il mio caro ragazzo degli Altopiani
V
Addio mie pecorelle,
e addio mio cagnolino
addio collinette
ora troppo tristi e spoglie
Addio Glenfeoch,
madre mia e padre mio
vi lascerò per
il mio caro ragazzo degli Altopiani

NOTE
1) to fee=to hire as a servant, to engage.
2) to herd= to take care of, to watch over sheep or cattle
3) sodger= soldier
4) Vaccinium Ozycoccos. Grows in bogs or marshes on Gleniffer Braes (cresce nelle paludi di Gleniffer Braes)
5) Wood Strawberry. Fragaria Vesca. Found in hedges and woods on Gleniffer braes (si trova nel sottobosco e nei boschi di Gleniffer Braes)
6) Pyrus Aucuparia. Abundant in woods and on precipices in Gleniffer braes. A small handsome tree. (copioso nei boschi e pendii di Gleniffer Braes, un piccolo e bel alberello)
7) see the map to Gleniffer braes, the land of Tannahill. The warrior lady theme is a commonplace in traditional ballads (cross-dressing ballad)
vedi la mappa della località. Il tema della ragazza soldato è un luogo comune nelle ballate tradizionali (cross-dressing ballad)

LINK
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2017.htm
https://en.wikisource.org/wiki/The_Book_of_Scottish_Song/Dear_Highland_Laddie

https://www.electricscotland.com/history/glasgow/gleniffer.htm

Robert Tannahill: Och, Hey! Johnnie, Lad

“Johnny Lad” is a scottish traditional song with many text versions combined with different melodies.
“Johnny Lad” è una canzone tradizionale scozzese con molte versioni testuali abbinate a diverse  melodie.
Johnny Lad: street ballad/ nursery song version
Jinkin’ You, Johnnie Lad: bothy ballad
Cock Up Your Beaver (Robert Burns)
Hey how Johnie Lad (Robert Burns)
Och, Hey! Johnnie, Lad (Robert Tannahill)

In 1806 Robert Tannahill reworked the traditional version of “Hey How Johnny Lad”, a scottish song of courting and abandonment, already reported in “Ancient and Modern Scottish Songs” Vol II (pg 215) by David Herd and in the Scots Musical Museum of Johnson IV, 1792, p. 368 (# 357) presumably reworked by Robert Burns: the missing date from a suitor otherwise engaged, is traced to a misunderstanding on the place set for the meeting. 
Nel 1806 Robert Tannahill rielabora la versione tradizionale di “Hey How Johnny Lad” una canzone di corteggiamento e di abbandono, già riportata in “Ancient And Modern Scottish Songs” Vol II (pg 215) di David Herd e nello Scots Musical Museum di Johnson IV, 1792, p. 368 (# 357) rielaborata presumibilmente da Robert Burns: il mancato appuntamento amoroso da parte di un corteggiatore, presumibilmente in altre faccende affaccendato, viene ricondotto ad un equivoco tra i due sul luogo fissato per l’incontro.
“The subject of the song was John Howie, weaver in Paisley (an acquaintance of the Poet), and his sweetheart, Agnes Smith, residing in the Brig o Johnstone district; and was written on the occasion of their having been mistaken in the trysting-place of one of their engagements,—the beau supposing it was the “Thorn,” and the belle the “Wood.”” (from here)
“Il soggetto della canzone era John Howie, tessitore in Paisley (un conoscente del Poeta), e la sua dolce amica, Agnes Smith, residente nel distretto di Brig o Johnstone, e [la canzone] fu scritta in occasione del loro fraitendimento sul luogo dell’appuntamento, – il fidanzato supponendo che fosse al “Thorn,” e la bella al “Wood.”. “

Air—“The lassies o the ferry.”

Sam Monaghan

Emily Smith in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume I (2006) 


Chorus
OCH, hey ! Johnnie lad,
Ye’re no sae kind’s ye soud hae been ;
Och, hey ! Johnnie, lad,
Ye didna keep your tryst yestreen :
I waited lang beside the wud, 
Sae wae an wearie, a my lane ;
Och, hey ! Johnnie, lad,
Ye’re no sae kind’s ye soud hae been.
I
I lookit by the whinnie knowe (1) ,
I lookit by the firs sae green,
I lookit owre the spunkie howe, (2)] 
An aye I thocht ye woud hae been.
The ne’er a supper crost my craig (3),
The ne’er a sleep hae clos’d my een ; 
II
Gin ye war waitin by the wud,
Then I was waitin by the Thorn,
I thocht it was the place we set,
An waited maist till dawnin morn ;
Sae be na vext, my bonnie lassie,
Let my waitin stan for thine,
We’ll awa to Craigton shaw (4),
And seek the joys we tint yestreen.
Traduzione italiano di Cattia Salto
Coro
Accidenti Johnny Lad
Non sei premuroso come dovresti essere
Accidenti Johnny Lad
hai mancato all’appuntamento ieri sera:
ti ho atteso a lungo nel bosco
afflitta e annoiata, tutta sola
Accidenti Johnny Lad
Non sei premuroso come dovresti essere!
I
Ho cercato presso il tumulo roccioso
ho cercato tra gli abeti così frondosi
ho cercato nella valle degli spiriti
e sempre pensavo che ti avrei trovato
senza trangugiare cibo
e senza chiudere occhio
II
Se tu attendevi presso il bosco
allora io attendevo al Biancospino
che credevo fosse il posto dell’incontro
e ti attesi fino all’alba;
quindi non essere afflitta, mia bella
che io sono qui davanti a te,
andremo al boschetto di  Craigton  e cercheremo le gioie che ieri sera abbiamo perduto

NOTE
1) whinnie= covered with whins and know=a hillock, mound, in folk-lore often associated with fairies
2) the howe of the spunkie= Will o the Wisp hollow.
3) “The never a supper crossed my throat” craig=neck, the throat, the gullet [ craig in questo contesto significa collo, gola, esofago]
4) Craigton shaw could be the Tannahill Craigie-lee grove, a place to north-west of Paisley in the Ferguslie Estate or the Craigton grove behind “Johnstone Castle,” a place then famous for making lovers’ vows ” See also Craigenfeoch (Craigton Woods Carving (Johnstone-Elderslie)
[potrebbe essere il boschetto denominato da Tannahill Craigie-lee una località a nord-ovest di Paisley nella Tenuta di Ferguslie oppure il boschetto di Craigton dietro a “Johnstone Castle,—un luogo rinomato per le promesse matrimoniali tra innamorati”Significativa la presenza del Craigenfeoch (the rock of the ravens) denominato Craigton Woods Carving (Johnstone-Elderslie) una roccia con petroglifo

LINK
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2020B.htm

Jessie the Flower of Dunblane

Perhaps the most popular song by his contemporaries written by Robert Tannahill with music composed by his friend Robert A.Smith.Many hypotheses about who the beautiful Jessie was even though it was probably just a literary fiction. Ramsay noted “The truth is that Tannahill never was in Dunblane, and knew no person belonging to it; and that the words were written to supplant the old doggerel song of the ‘Bob o Dunblane,’—hence the title.
Forse la canzone più popolare presso i suoi contemporanei scritta da Robert Tannahill con la musica composta dall’amico Robert A.Smith.
Molte le ipotesi su chi fosse la bella Jessie anche se probabilmente era solo una finzione letteraria.
Annota Ramsay “In verità Tannahill non si trovè mai a Dunblane, e non conosceva nessuna persona che vi appartenesse, e che le parole erano state scritte per sostituire la vecchia canzoncina ” Bob o Dunblane “, da cui il titolo.”

Ross Kennedy in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume I (2006) 

Sam Monaghan


I
Sun has gane doun
o’er the lofty Benlomond,
And left the red clouds
to preside o’er the scene,
While lanely I stray
in the calm simmer gloaming,
To muse on sweet Jessie,
the flower o Dunblane.
II
How sweet is the brier
wi its saft faulding blossom,
And sweet is the birk,
wi its mantle o green;
Yet sweeter, and fairer,
and dear to this bosom,
Is lovely young Jessie,
the flower o Dunblane.
Chorus
Is lovely young Jessie,
Is lovely young Jessie,

Is lovely young Jessie,
the flower o Dunblane
.
III
She’s modest as ony,
and blythe as she’s bonnie,
For guileless simplicity
marks her its ain ;
And far be the villain,
divested o feelin,
Wha’d blight in its bloom
the sweet flower o Dunblane.
IV
Sing on, thou sweet mavis,
thy hymn to the e’enin,
Thou’rt dear to the echoes
o Calderwood glen ;
Sae dear to this bosom,
sae artless and winnin,
Is charming young Jessie,
the flower o Dunblane.
V
How lost were my days
till I met wi my Jessie,
The sports o the city
seemed foolish and vain ;
I ne’er saw a nymph
I would ca my dear lassie,
Till charmed wi sweet Jessie,
the flower o Dunblane.
VI
Tho mine were the station
o loftiest grandeur (1),
Amidst its profusion
I’d languish in pain,
And reckon as naething
the heicht o its splendour,
If wantin sweet Jessie,
the flower o Dunblane.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Il sole è tramontato
dietro al maestoso Monte Lomond
lasciando le nuvole rossastre
a presidiare sulla scena,
Mentre solitario camminavo
nello splendore della quieta estate
per pensare alla bella Jessie
il fiore di Dunblane
II
Com’è dolce il roseto
con i boccioli che si chinano lievi
e dolce è la betulla
con il suo manto verde
eppure più dolce e più bella,
e cara a questo cuore,
è l’amata giovane Jessie,
il fiore di Dunblane
Coro
E’ l’amata giovane Jessie
l’amata giovane Jessie
l’amata giovane Jessie
il fiore di Dunblane
III
E’ modesta come poche,
tanto gaia quanto bella,
per la sua ingenua semplicità
che la contraddistingue;
che lontano stia il villano,
spogliato dal sentimento,
che rovinerà nella sua fioritura
il dolce fiore di Dunblane
IV
Canta tu dolce tordo,
il tuo inno alla sera,
tu che sei caro all’eco
della valle di Calderwood;
altrettanto caro a questo petto,
così senza artifici e vittoriosa,
è l’affascinante giovane Jessie,
il fiore di Dunblane
V
Che sprecati furono i giorni
prima d’incontrare la mia Jessie,
i passatempi cittadini
sembravano sciocchi e vani;
non ho mai visto una ninfa
che avrei chiamato la mia cara ragazza,
finchè fui incantato dalla dolce Jessie,
il fiore di Dunblane
VI
Anche se soggiornassi
in pompa magna
in mezzo a tal profusione
languirei nelle pene
e non stimerei affatto
il grado del suo splendore
se dovessi desiderare la dolce Jessie,
il fiore di Dunblane

NOTE
1)  la grandezza nel senso di posizione in primo piano, ma anche la sontuosità intesa come lusso, abbinato al termine station mi fa pensare allo stazionamento in un luogo sontuoso in mezzo agli agi . Il senso è rafforzato dall’uso successivo di splendour che oltre alla rima suggerisce  le bellezze di un luogo o di un oggetto che desta ammirazione. Tannahill vuole sottolineare la futilità della vita nella città

Link
http://richardrobinson.tunebook.org.uk/Tune/11405
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2010.htm

The Five Friends: An we’re a noddin, nid nid noddin

Robert Tannahill wrote this song to describe how five friends spent their time in the “taverns” of Scotland at the end of the 18th / early 19th century, we are not at the level of debauchery of the “rakes” but rather it is a convivial meeting with drinks, good food and songs! On the melody “They’re a ‘Nodding,” which Robert Burns had reworked for the SMM .
Robert Tannahill
scrisse questo canto per descrivere come passavano il tempo cinque amici nei “bar” della Scozia alla fine del 700/primi dell’800, non siamo ai livelli della dissolutezza dei “modaioli” rakes quanto piuttosto si tratta un incontro conviviale con bevande, buon cibo e canzoni! 
Sulla melodia They’re a’ Nodding,” che già a suo tempo Robert Burns aveva rielaborato per lo SMM. 

In a letter addressed to pen friend James Clark (who is one of the five) dated November 22, 1809, Tannahill encloses the poem.

His friend R.A. Smith about the same convivial meeting wrote The little bacchanalian rant you are so anxious to know the history of was written in commemoration of a very happy evening spent by the Poet with four of his musical friends. At that meeting he was in high spirits, and his conversation became more than usually animated ; many songs were sung, and we had some glee singing, but neither fiddle nor flute made its appearance in company, nor were any of us ‘laid, nid, noddin.’ 

In una lettera indirizzata all’amico di penna James Clark (che è uno dei cinque) datata il 22 novembre 1809 Tannahill acclude la poesia
Scrive l’amico R.A. Smith a proposito dello stesso incontro conviviale “Il piccolo baccanale di cui siete così ansioso di conoscere la storia è stato scritto in commemorazione di una serata molto felice trascorsa dal Poeta con quattro dei suoi amici musicisti. In quell’incontro era di buon umore e la sua conversazione divenne più animata del solito; molte canzoni furono cantate, e abbiamo cantato allegramente, ma né il violino né il flauto hanno fatto la loro comparsa in compagnia, né nessuno di noi è stato “laid, nid, noddin“. 

Sam Monaghan

Jim Reid in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume I (2006) 


I
Weel, wha’s in the bouroch,[1]
an what is your cheer (2) ?
The best that ye’ll fin
in a thousan a year.
Chorus
An we’re a noddin, nid nid noddin, 
We’re a noddin fu at e’en.
An we’re a noddin, nid nid noddin, 
We’re a noddin fu at e’en.
II
There’s our ain Jamie Clark,[3]
frae the Ha o Argyle,
Wi his leal Scottish heart,
an his kind (4) open smile.
III
There is Will the guid fallow,[5]
wha kills a our care
Wi his sang an his joke,
an a mutchkin mair.
IV
There is blythe Jamie Barr [6]
frae “Sanct Barchan’s” toun,
Whan wit gets a kingdom,
he’s sure o the croun.
V
There is Rab, frae the south, [7]
wi his fiddle an his flute ;
I coud list tae his strains (8)
till the starns fa out.
VI
Apollo, for our comfort,
has furnish’d the bowl,
An here is my bardship,
as blin as an owl (9)
Traduzione italiano Cattia Salto*
I
Beh chi c’è al raduno
e qual’è la vostra occasione?
I migliori che si possano trovare
in un centinaio d’anni!
Coro
E stiamo annuendo, an-an annuendo
stiamo annuendo e anche tanto
E stiamo annuendo, an-an annuendo
stiamo annuendo e anche tanto
II
C’è il nostro Jamie Clark,
dal Castello di Argyle
con il suo leale cuore scozzese
e il suo sorriso aperto
III
C’è Will il buon compagno
che uccide il malumore
con il suo canto e i suoi scherzi
e molto di più
IV
C’è l’allegro Jamie Barr
da “Sanct Barchan’s”
che se prenderemo un regno
lui avrà di certo la corona
V
C’è Rab dal Sud
con violino e flauto
potrei elencare tutte le sue melodie
finchè le stelle cadranno
VI
Apollo per il nostro agio
ha messo la boccia
ed ecco il mio essere poeta
cieco come un gufo

NOTE
* con qualche perplessità
1) secondo la definizione data dallo stesso autore: “bouroch is either Gaelic or old Scotch, and means, a core, meeting”
2) credo voglia sapere l’occasione dei festeggiamenti, il motivo dell’allegro raduno
3) James Clark was born in Paisley in 1781 ; and he and William Stuart, ‘the guid fallow,’ were schoolfellows. In 1798, when he was eighteen years of age, he volunteered into the Argyleshire Militia [James Clark è nato a Paisley nel 1781; e lui e William Stuart, ‘the guid fallow,’, erano compagni di scuola. Nel 1798, all’età di diciotto anni, si arruolò volontario nella Milizia dell’Argleshire]
4) kind è usato come avverbio
5) William Stuart
6) Close friend of Tannahill and long-time correspondent, James Barr (1770-1836), a professional musician in Kilbarchan, central Renfrewshire, Scotland. A weaver’s apprentice, Barr was an autodidact on violin and flute, and taught instrumental music bands. In the second decade of the 19th century he moved to Glasgow where he found work in a music publishing firm, and established himself as a music teacher in the city. However, in 1832 he and his family emigrated to New Brunswick, Canada, where he farmed for twenty years. Barr returned to Scotland towards the end of his life and is buried at Kilbarchan. (from here)
Amico intimo di Tannahill e per lungo tempo amico di penna,” James Barr (1770-1836), musicista professionista di Kilbarchan, nel centro del Renfrewshire, in Scozia. Un apprendista tessitore, Barr era un autodidatta di violino e flauto e insegnava musica ai complessi bandistici Nel secondo decennio del XIX secolo si trasferì a Glasgow dove trovò lavoro in una casa editrice musicale e si affermò come insegnante di musica in città. Tuttavia, nel 1832, lui e la sua famiglia emigrarono a New Brunswick, in Canada, dove fece l’agricoltore per venti anni. Barr tornò in Scozia verso la fine della sua vita e fu sepolto a Kilbarchan.”
7) Richard Archibald Smith l’amico musicista che ha adattato le maggior parte delle melodie ai testi di Robert
8) tra i tanti significati di strain
9) non conosco il modo di dire, in italiano non esiste, forse equivale a “Blind as a Bat”: refers to someone who is unwilling to recognize bad things, or someone who is completely blind. You can use the idiom ‘As Blind as a Bat’ to describe someone who refuses to notice an obvious thing.

LINK
https://roberttannahill.weebly.com/letter-to-james-clark-22-november-1809.html
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2040B.htm
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20POEMS%2024.htm

The Braes Of Balquhidder

BALQUHIDDER (or BALQUHITHER) pronounces ‘Balwhither’ is a small village in Scotland in the middle of the mountains in the MacGregor lands, next to a small lake where Robert Tannahill set this song; Francis McPeake in 1957 wrote his Wild Mountain Thyme on words and music of “The Braes of Balquhidder” by Robert Tannahill, however, the Irish version has become much more popular!
BALQUHIDDER (scritto anche come BALQUHITHER) è un piccolo villaggio della Scozia in mezzo ai monti nelle terre dei MacGregor, accanto a un piccolo lago dove Robert Tannahill ha ambientato questa canzone; conosciuta anche in Irlanda e resa famosa da Francis McPeake nel 1957 con il titolo di Wild Mountain Thyme, versione che finì per oscurare quella del primo autore!

Vexata quaestio

It is better not to go into the heated dispute over the authorship of text and melody that divides Irish and Scottish, but we take note of the wide popular diffusion of a theme that expresses the love for one’s own land and its beauties, and a melody that is a slow air with deep sweetness.
Meglio non addentrarsi nell’accesa disputa sulla paternità di testi e melodia che divide irlandesi e scozzesi, bensì prendiamo atto dell’ampia diffusione popolare di un tema che esprime l’amore per la propria terra e le sue bellezze, e una melodia che è una slow air dalla profonda dolcezza.

Air—“The three carles o Buchanan.”
This song appeared twice in R. A. Smith’s Scotish Minstrel,—Vol. I., page 49, and Vol. IV., page 89,—and he gives the Air, “The Braes o Balquither.”

John Croall in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume I (2006) 

Skylark in “All of It”, 1979

Sam Monaghan

Tannahill Weavers in Capernaum 1994


Chorus
Let us go, lassie, go
Tae the braes o’ Balquhidder
Whar the blueberries (1) grow
‘Mang the bonnie Hielan’ heather
Whar the deer and the rae
Lichtly bounding thegither
Sport the lang summer day
On the braes o’ Balquhidder
I
I will twin thee a bow’r
By the clear silver fountain
And I’ll cover it o’er
Wi’ the flooers o’ the  mountain
I will range through the wilds
And the deep glens (2) 
 sae dreary
And return wi’ their spoils
Tae the bow’r o’ my dearie
II
When the rude wintry win’
Idly raves roun’ oor dwellin’
And the roar o’ the linn(3)
On the nicht breeze is swellin’
So merrily we’ll sing
As the storm rattles o’er us
Till the dear shielin’ ring
Wi’ the licht(4) liltin’  chorus.
III
Noo the summers in prime
Wi’ the flooers richly bloomin’
Wi’ the wild mountain thyme
A’ the moorlan’s perfumin’
Tae oor dear native scenes
Let us journey thegither
Whar glad innocence reigns
‘Mang the braes o’ Balquhidder
traduzione italiano Cattia Salto
ritornello
Andiamo, ragazza, andiamo
per i pendii di Balquhidder
dove crescono i mirtilli (1)
tra la bella erica d’altura,
dove il cervo e il capriolo
vanno assieme con piede leggero,
passiamo l’interminabile estate,
sui pendii di Balquhidder
I
Ti intreccerò un frondoso riparo
vicino alla pura sorgente cristallina
e lo ricoprirò tutto
con i fiori di montagna,
cercherò per i boschi
e nelle profonde forre (2)  sì ombrose
e ritornerò con i loro tesori
alla capannuccia del mio amore.
II
Quando il forte vento invernale
vagherà inoperoso attorno alla nostra dimora e il rimbombo della cascata(3)
nella brezza notturna  si gonfierà,
così allegramente  canteremo,
mentre la tempesta  infurierà su di noi
fino a che il caro rifugio risuonerà
con un allegro coro melodioso.
III
Ora l’estate è in arrivo
con i fiori che sbocciano a profusione
con il timo selvatico di montagna
che profuma la brughiera,
per le nostre care terre natie
andiamoci tutti insieme
dove regna la lieta  innocenza
sui pendii di Balquhidder

NOTE
1) The song describes a social occasion still sporadically practiced in Scotland and Ireland: the harvest of blueberries, a mid-summer party called Bilberry Sunday It was celebrated mostly in July, when the berries of the blueberry ripen or in August, often combined with Celtic festival of Lughnasa or on Sunday (or Monday) closer to the party. At one time the youngsters and the young girls stood up in the mountains on the moors from morning to evening gathering blueberries and making friends, it was therefore a celebration dedicated to courtship and combining marriages.
Nella canzone si descrive una ricorrenza sociale ancora sporadicamente praticata in Scozia e Irlanda: la raccolta dei mirtilli, una festa di mezz’estate denominata Bilberry Sunday Si celebrava per lo più a luglio, quando maturano le bacche del mirtillo o ad Agosto, spesso abbinata alla festa celtica di Lughnasa o alla domenica (o lunedì) più prossima alla festa. Un tempo i giovinetti e le giovanette stavano su per i monti nella brughiera da mattino a sera a raccogliere i mirtilli e a fare amicizia, era perciò una festa dedicata al corteggiamento e a combinare i matrimoni. continua
2) glen: è una  tipica valle scozzese solitamente allungata e profonda con una forma ad U
3) linn:  cascata dal gaelico scozzese linne
4) licht:  termine scozzese per light qui con significato di allegro

LINK
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2026.htm
https://thesession.org/tunes/10655
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/752.html

Will Ye Gang Tae Sherramuir

Several ballads have been written about the battle of Sheriffmuir, but there are two main versions: Robert Burns version and Robert Tannahill pro-Jacobite version.
Sono state scritte diverse ballate sulla battaglia di Sheriffmuir, ma due sono le versioni principali:  quella di Robert Burns e quella pro-giacobita di Robert Tannahill

ROBERT TANNAHILL & JAMES HOGG

The song is reported by James Hogg in his “Jacobite Relics” (1819), only the first two stanzas are attributed to Robert Tannahill, while the other two are probably by Hoggs (cf)
Il brano è riportato da James Hogg nel suo “Jacobite Relics” (1819), solo le prime due strofe sono attribuite a Robert Tannahill, mentre altre due sono probabilmente di Hoggs (vedi)

Ewan MacColl & Peggy Seeger in
Songs of Two Rebellions: The Jacobite Wars of 1715 and 1745 in Scotland 2004

Max Dunbar

Sam Monaghan

Rod Paterson in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume III (2012)


I
Will ye go to Sheriffmuir,
Bauld John o Innisture (1)?
There to see the noble Mar,
And his Heiland laddies.
A’ the true men o the north,
Angus, Huntly and Seaforth, (2)
Scouring on tae cross the Forth,
Wi their white cock-a-dies (3).
II
There you’ll see the banners flare,
There you’ll hear the bagpipes rare (4),
And the trumpets deadly blare,
Wi the cannon’s rattle,
There you’ll see the bold McCraws,
Cameron’s and Clanronald’s raws,
A’ the clans wi loud huzzas,
Rushing tae the battle (5).
III
There you’ll see the noble Whigs (6),
A’ the heroes o the brigs (7),
Raw hides and withered wigs,
Riding in array, man.
Rien hose and raggit hools,
Sour milk (6) and girnin’ gools (8),
Psalm-books and cutty stools (9),
We’ll see never mair, man.
IV
Will ye go to Sheriffmuir,
Bold John o’ Innisture?
Sic a day and sic an hour,
Neir was in the north man.
Siccan sichts will there be seen;
And gin some be nae mistaen,
Fragrant gales will come bedeen,
Frae the water o Forth, man.
English translation
I
Will you go to Sheriffmuir,
Bold John of Innisture (1)?
There to see the noble Mar,
And his Highland laddies.
All the true men of the north,
Angus, Huntly and Seaforth (2),
Scouring on to cross the Forth,
With their white cockadies (3).
II
There you’ll see the banners flare,
There you’ll hear the bagpipes rare (4),
And the trumpets deadly blare,
With the cannon’s rattle,
There you’ll see the bold McCraws,
Cameron’s and Clanronald’s lines,
All the clans with loud huzzas,
Rushing to the battle (5).
III
There you’ll see the noble Whigs (6),
All the heroes of the brigs, (7)
Raw hides and withered wigs,
Riding in array, man.
Riven hose and ragged coats
Sour milk (6) and whining throats (8);
Psalm-books and cutty stools (9),
We’ll see never more, man.
IV
Will you go to Sheriffmuir,
Bold John of Innisture?
Such a day and such an hour,
Never was in the north man.
Such sights will there be seen;
And if some be not mistaken,
Fragrant gales (10) will come soon,
From the water of Forth, man.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Andrai a Sheriffmuir
prode John di Innisture?
Là vedrai Lord Mar
e i suoi ragazzi delle Highlands,
tutti i veri uomini del Nord,
Angus, Huntly e Seaforth,
in perlustrazione per varcare il Forth
con le loro coccarde bianche.
II
Là vedrai gli stendardi garrire,
là sentirai le cornamuse ruggire
e le trombe squillare a morte
con le raffiche dei cannoni,
là vedrai il prode McCraws
e le schiere dei Cameron e del Clanronald,
tutti i clan con i loro forti Hurrà
affrettarsi alla battaglia.
III
Là vedrai i nobili Whigs,
tutti ceffi da galera,
pelli raggrinzite e parrucche imbiancate
muoversi a ventaglio, amico.
Calze strappate e vestiti laceri,
latte acido e piagnistei,
libri dei salmi e sgabelli delle penitenze
non si vedranno mai più, amico.
IV
Andrai a Sheriffmuir
prode John di Innisture?
Un tale giorno e un tale momento
non ci sono mai stati nel Nord,
tali cose là saranno viste amico
e se non ci sbagliamo
brezze fragranti verranno presto
dalle acque del Forth, amico

NOTE
1)the identity of John o ‘Innisture remained unknown [ l’identità di John o’ Innisture è rimasta sconosciuta]
2) Huntly, Seaforth: clan chiefs respectively of the Gordons and the McKenzie [Huntly, Seaforth: capi clan rispettivamente dei Gordon e dei McKenzie.]
3) The cockade pinned on the bonnet is an eighteenth-century fashion and it was worn as a symbol of loyalty to a certain ideology, or as indication of a social status (and more often it was part of a servant’s uniform). In Great Britain the white cockade indicated the Jacobites while the governmental ones wore the black or blue cockade [La coccarda appuntata sul cappello (berretto scozzese) è una moda del Settecento ed era indossata come simbolo della fedeltà a una certa ideologia, o anche come indicazione di status sociale (e più spesso parte della divisa di un servitore). In Gran Bretagna la coccarda bianca indicava i giacobiti mentre i governativi indossavano la coccarda nera o blu]
4) They are the great bagpipes of the north used in an open environment for the alarm, to call the clans in lines and to spur the men into battle. [sono le cornamuse grandi del nord usate in ambiente aperto per la sveglia, per richiamare i clan all’ordine e per spronare gli uomini in battaglia.]

Highland Charge ©2002 Charles Keegan
Highland Charge ©2002 Charles Keegan
5) gli scozzesi andavano così in battaglia: La famosa carica degli highlanders consisteva nel correre verso la schiera dei nemici slacciandosi il cinturone e liberandosi del plaid, ossia il kilt; si procedeva con impeto, a grandi balzi urlando come ossessi e brandendo minacciosamente la grande spada (con i lembi della camicia che svolazzavano sul culo nudo). Il kilt un tempo era infatti più che altro una lunga coperta drappeggiata introno ai fianchi e trattenuta da una cintura anzichè da una fibbia 

6) Tories and Whigs are the two opposing parties in the English parliament,  Whigs, it is a word of probable Scottish origin, perhaps with the meaning of marauder, or perhaps it comes from “whig”, sour milk, it was certainly an insult that in 1600 addressed this political current but remained stuck as a label in the following centuries. It does not seem to me the case to go to distinguish between the subtle or more substantial divergences between the two parties, but to underline that it was the Whigs who unconditionally supported the new dynasty inaugurated with the election of King George I of Hannover. [Tories e Whigs sono i due partiti opposti nel parlamento inglese (Conservatori e Liberali)  Whigs, è una parola di probabile origine scozzese, forse col significato di predone, o forse viene da “whig”, latte acido, di certo era un insulto che nel 1600 si rivolgeva a questa corrente politica ma rimase appiccicato come un etichetta nei secoli successivi. Non mi sembra il caso di andare a distinguere tra le sottili o più sostanziali divergenze tra i due partiti, quanto sottolineare che furono i Whigs ad appoggiare incondizionatamente la nuova dinastia inaugurata con l’elezione di Re Giorgio I di Hannover.]
7) letteralmente “eroi delle prigioni”
8) girn è un termine scozzese con vari significati tra cui il piagnisteo dei bambini girn=children: to be fretful, to whine, whimper; to groan, to cry
potrebbe anche essere girn= snarling (in italiano gole ringhianti)
9) “The custom of performing penance in public by humiliation in church either through significant action, position or confession has often been held to be peculiar to the Presbyterian and Puritan churches. In Scotland the ordeals of sitting on the repentance-stool or cutty-stool were most frequent. In economic and social histories of Scotland, and especially in Edgar’s Old Church Life in Scotland, many instances are enumerated. Sometimes [Pg 107] the offender wore a repentance-gown of sackcloth; more frequently he stood or sat barefoot and barelegged.” (from here)
[cutty stool: una sorta di sgabello delle penitenze dove chi aveva peccato veniva messo in castigo (tipo dietro la lavagna per i bambini indisciplinati a scuola) per subire una punizione simbolica e umiliante sotto gli occhi di tutta la congregazione. L’usanza di eseguire la penitenza in pubblico con l’umiliazione in chiesa o attraverso azioni, posizioni o confessioni significative è stata spesso considerata peculiare delle chiese presbiteriana e puritana. In Scozia era molto frequente l’uso dello sgabello del castigo . Nelle storie economiche e sociali della Scozia, e in particolare in “Old Church Life in Scotland” di Edgar, sono elencate molte istanze. A volte [Pg 107] l’autore del reato indossava un saio di sacco; più di frequente stava in piedi o sedeva scalzo e a gambe scoperte.]
10) allusion to the ship that will bring the Old Pretender home who arrived on board a French ship in December, founding his cause desperate, he fled to France: Mar’s army dispersed and the revolt ended. In 1717 a general pardon was granted under the “Act of Grace” to all the Highlanders who participated in the insurrection. 
[allude alla nave che porterà in patria il Vecchio Pretendente che arrivò a bordo di una nave francese in dicembre, trovò la sua causa disperata e fuggì in Francia: l’esercito di Mar si disperse e la rivolta finì. Nel 1717 venne concesso, con l’”Act of Grace” un generale perdono a tutti gli Highlanders che parteciparono all’insurrezione.]

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/came-france.htm
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2027C.htm
http://digital.nls.uk/1715-rising/songs/will-ye-go-tae-sheriffmuir/index.html
http://www.contemplator.com/scotland/sheriffmur.html
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=7898
http://data.historic-scotland.gov.uk/pls/htmldb/f?p=2500:15:0::::BATTLEFIELD:17
https://thesession.org/tunes/284

http://www.readbookonline.net/readOnLine/29309/

The Braes o’ Glenifer

A young girl complains about having to part from Johnny, who left as a soldier, and she awaits his return, remembering the times she spent wandering together on the Gleniffer hill. Thus the winter season reflects the pain in her soul. The song written by Robert Tannahill in 1806 was initially combined with the melody “Bonnie Dundee“, later sung on the melody “Saw ye my wee thing ” composed by John Ross of Aberdeen,
Una fanciulla si lamenta per essersi dovuta separare dal suo Johnny, partito come soldato, e ne attende il ritorno, ricordando i tempi trascorsi a vagabondare insieme sulla collina di Gleniffer. Così la stagione invernale riflette il tormento nell’animo dell’innamorata.
La canzone scritta da Robert Tannahill nel 1806 fu abbinata inizialmente alla melodia “Bonnie Dundee”, in seguito si cantò sulla melodia “Saw ye my wee thing” composta da John Ross di Aberdeen.

Today the Gleniffer hill is included in a park, the Robertson Country Park, formed by wooded areas and moorland, on the ridge you can enjoy the panoramic view of Paisley and the Clyde valley.
Oggi la collina di Gleniffer è compresa in un parco, il  Robertson Country Park, formato da zone boschive e brughiera, sul crinale si gode la vista panoramica di Paisley e della valle del Clyde.

The Tannahill Weavers in Epona 2006

Sam Monaghan

Fiona Hunter in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume III (2012)

I
Keen blaws the win’ o’er the braes o’ Gleniffer
The auld castle’s turrets (1) are covered wi’ snaw
How changed frae the time when I met wi’ my lover
Amang the brume bushes by Stanley green shaw (2)
II
The wild flowers o’ simmer were spread a’ sae bonnie
The Mavis sang sweet frae the green birkin tree
But far to the camp they ha’e marched my dear Johnnie
And now it is winter wi’ nature and me
III
Then ilk thing aroun’ us was blythsome and cheery
Then ilk thing aroun’ us was bonnie and braw
Now naething is heard but the win’ whistlin’ dreary
And naething is seen by the wide spreadin’ snaw
IV
The trees are a’ bare, and the birds mute and dowie
They shake the cauld drift  frae their wings as they flee
And chirp out their plaints, seeming wae for my Johnnie
‘Tis winter wi’ them and ‘tis winter wi’ me
V
Yon caul sleety could skiffs alang the bleak mountain
And shakes the dark firs on the stey rocky brae
While doun the deep glen  bawls the snaw-flooded fountain (3)
That murmur’d sae sweet to my laddie an’ me
VI
‘Tis no’ its loud roar, on the wintry win’ swellin’
‘Tis no’ the caul’ blast brings the tear to my e’e
For, oh, gin I saw my bonnie Scots callan
The dark days o’ winter war simmer tae me

English translation Cattia Salto
I
Keen blows the wind
over the hillside of Gleniffer
The old castle’s turrets (1)
are covered with snow
How changed from the time
when I met with my lover
Among the broom bushes
by Stanley green shaw (2)
II
The wild flowers of summer
were spread all so bonny
The song thrush sang sweet
from the green birch tree
But far to the camp
they have marched my dear Johnny
And now it is winter with nature and me
III
Then every thing around us
was blithesome and cheery
Then every thing around us
was bonnie and braw
Now nothing is heard but the wind
whistling dreary
And nothing is seen
by the wide spreading snow
IV
The trees are all bare,
and the birds mute and sad
They shake the cold drift
from their wings as they flee
And chirp out their plaints,
seeming woe for my Johnnie
This is winter with them
and this is winter with me
V
That call sleety cold blow over
along the bleak mountain
And shakes the dark firs
on the steep rocky hill
While down the deep glen
bawls the snow-flooded fountain (3)
That murmured so sweet
to my lad and me
VI
This is now its loud roar,
on the wintry wind swelling
This is now the cold blast
brings the tear to my eye
For, oh, if I saw my bonnie Scots lad
The dark days of winter
will be summer to me
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Lamentoso soffia il vento
sulla collina di Gleniffer
e i torrioni del vecchio castello 
sono ricoperti di neve.
Com’è mutato dal tempo
in cui mi incontravo con il mio amore
tra i cespugli di ginestra
nel verde boschetto di Stanley.
II
I fiori selvatici dell’estate
erano tutti sbocciati così belli,
il tordo cantava dolcemente
tra la verde betulla
ma via dall’accampamento
hanno fatto marciare il  mio caro Johnny
e adesso è inverno nella natura e in me.
III
Allora ogni cosa intorno a noi
era gioiosa e allegra,
allora ogni cosa intorno a noi
era bella e giusta,
ora si sente solo il vento
che soffia triste
e non si vede altro
che la neve sparsa dappertutto.
IV
Gli alberi sono tutti spogli
e gli uccelli muti e tristi,
scuotono l’aria fredda
dalle ali mentre fuggono
e cinguettano i loro lamenti,
forieri di guai per il mio Johnny.
Questo è l’Inverno per loro
e questo è l’inverno per me.
V
Quello richiama nevischio e vento freddo
sulla montagna brulla
e scuote i cupi abeti
sulla ripida collina rocciosa,
mentre nella gola profonda
crepita la cascata coperta dalla neve
che mormorava così dolcemente
al mio ragazzo e a me.
VI
Questo è ora il suo forte ruggito
sul vento invernale che si ingrossa,
questi sono ora i colpi del freddo
che mi fanno lacrimare gli occhi,
oh se potessi vedere il mio bel scozzese,
i bui giorni dell’inverno
sarebbero la mia estate!

NOTE
1) Stanley Castle surrounded by hills and in pond, today only the vestiges of a tower remain. [circondato dalle colline e in una polla d’acqua, oggi restano solo le vestigia di una torre.]
2) The Paisley forest was initially divided into three large areas called Stanely, Thornly and Fereneze, the north side later became Paisley Braes, or Braes of Gleniffer, the south side Fereneze Braes. “The lands of Stanely, part of the ridge of Paisley Braes, were granted by King Robert III. to Sir Robert Danyelston in 1392. One of his two daughters and co-heiresses married Sir Robert Maxwell, laird of Calderwood, in the parish of East Kilbride, and these lands, along with others, were allocated to Lady Calderwood. In the middle of the 15th century, the Maxwell family built on the lands a strong baronial residence, a massive piece of masonry, 40 feet high, which became well known by the name of Stanely Castle. The Maxwells continued in possession of the estate for several generations, and John Maxwell, in 1629, with consent of his son John, sold the estate to Jean Hamilton, dowager of Robert, fourth Lord Ross. It has continued in the Ross-Boyle families till the present time. The roof was taken off in 1714, when the “auld castle’s turrets” and the inside of the building were exposed to the inclemency of the weather. Stanely Castle, so hoary and grey, is now surrounded with a fine sheet of water,—the Reservoir of the Paisley Water Works.” (from here)
[la foresta di Paisley inizialmente fu suddivisa in tre grandi aree chiamate Stanely, Thornly e Fereneze, il lato nord divenne poi Paisley Braes, ovvero Braes of Gleniffer, il lato sud Fereneze Braes. “Le terre di Stanely, parte della dorsale di Paisley Braes, furono concesse dal re Roberto III a Sir Robert Danyelston nel 1392. Una delle sue due figlie sposò Sir Robert Maxwell, laird di Calderwood, nella parrocchia di East Kilbride, e queste terre, insieme ad altre, furono assegnate a Lady Calderwood. A metà del XV secolo, la famiglia Maxwell costruì sulle terre una massiccia residenza baronale in pietra alta 40 piedi, che divenne famosa con il nome di Stanely Castle. I Maxwell continuarono a possedere la tenuta per diverse generazioni, e John Maxwell, nel 1629, con il consenso di suo figlio John, vendette la proprietà a Jean Hamilton, la vedova di Robert, il quarto Lord Ross. E’ rimasta alle famiglie di Ross-Boyle fino ai giorni nostri. Il tetto crollò 1714, quando le “auld castle’s turrets” e l’interno dell’edificio furono esposti alle intemperie del tempo. Il castello di Stanely, così canuto e grigio, è ora circondato da un sottile specchio d’acqua, il bacino idrico di Paisley.”]
3) the area is rich in streams and spectacular waterfalls, in the Park the Tannahill Walkway and the Tannahill Well are dedicated to the poet  [la zona è ricca di ruscelli e spettacolari cascate, nel Parco sono dedicati al poeta la Tannahill Walkway e il Tannahill Well]

LINK
http://www.tannahillweavers.com/lyrics/1193lyr4.htm http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%204.htm http://www.renfrewshire.gov.uk/wps/wcm/connect/6bb7b542-a62f-4bd7-93cb-b083ff493d25/pt-as-JohnstoneToPaisley.pdf?MOD=AJPERES&CACHEID=6bb7b542-a62f-4bd7-93cb-b083ff493d25
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/10801/
2;jsessionid=137B387BD270A11CEA4498400668AC80

Oh, are ye sleepin’ Maggie?

Read the post in English

Dalla tradizione delle “night visiting songs” il testo è attribuito al poeta scozzese Robert Tannahill e in effetti vari riscontri collocano la storia nei boschi di Paisley. (‘The Poems and Songs of Robert Tannahill’ – 1874 con la melodia “Sleeping Maggie”.)
“L’eroina di questa canzone era Margaret Pollock, cugina dell’Autore dalla parte della madre. Era la figlia maggiore di Matthew Pollock (3 °) di Boghall, con il suo secondo matrimonio (menzionato nel Memoir of the Tannahills); ed è molto probabile che il Poeta abbia assistito a una serata simile a quella che aveva descritto, camminando da Paisley sulla strada maestra fino alla fattoria di suo zio che si trova a Beith Parish. Margaret Pollock in seguito visse in famiglia con William Lochhead, Ryveraes, e lei e la signora Lochhead cantarono spesso quella canzone insieme. La signorina Pollock morì non sposata” (tradotto da qui)

NIGHT VISITING IN STILE DARK

La scena descritta non è decisamente autobiografica (semmai più consona al temperamento di Robert Burns) ma più di genere: il protagonista giunge alla casa di Maggy in una notte buia e tempestosa (il quadretto è piuttosto gotico: un gelido vento invernale che infuria nel bosco, una notte di novilunio priva di stelle, l’inquietante lamento del gufo, il cancello di ferro chiuso in malo modo che sbatte contro i cardini) e spera che nel frattempo la sua bella sia ancora sveglia e lo faccia entrare di nascosto come promesso! E allora non più preoccupazioni o paure: nelle braccia di Maggy ogni cupo pensiero è dissolto!

http://www.jinua.com/movie/Sleepy-Hollow/
http://www.jinua.com/movie/Sleepy-Hollow/

E’ doveroso citare la versione collezionata da Hamish Henderson dalla voce di Jeannie Robertson (vedi frammento del 1960) che riporta una melodia diversa da quella poi resa famosa dai Tannahill Weavers.

Il brano è stato fatto conoscere al grande pubblico dai Tannahill Weavers (la loro scheda qui), i bravi “tessitori” di Robert Tannahill anche loro di Paisley,
Al momento su you tube si trovano varie versioni live, ma le esecuzioni migliori del gruppo sono due: una in Mermaid’s Song 1992 (da ascoltare su Spotify)  una versione più veloce integrata con il reel “The Noose In The Ghillies” (formazione Roy Gullane, Phil Smillie, Iain MacInnes, Kenny Forsyth) e la prima in Are Ye Sleeping Maggie 1976 con la formazione: Roy Gullane, Phil Smillie, Hudson Swan, e Dougie MacLean come violinista. In questa prima versione la melodia è più lenta e ricca di atmosfera (con tanto di tuoni, vento e l’effetto pioggia)

Tannahill Weavers  in Are Ye Sleeping Maggie 1976

Dougie Maclean (che ha collaborato con i Tannahill Weavers dal 1974 e fino al 1977 e poi ancora in tour con loro nel 1980) in Real Estate -1988 e anche in Tribute 1995

Jim Reid in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume I(2006) 

Sam Monaghan


I
Mirk and rainy is the nicht,
there’s no’ a starn in a’ the carry(1)
Lichtnin’s gleam athwart the lift,
and (cauld) winds
drive wi’ winter’s fury.
CHORUS
Oh, are ye sleepin’ Maggie
Oh, are ye sleepin’ Maggie
let me in, for loud the linn is roarin'(2)
o’er the Warlock Craigie(3).
II
Fearfu’ soughs the boortree(4) bank
The rifted wood roars wild an’ dreary.
Loud the iron yett(5) does clank,
An’ cry o’ howlets (6) mak’s me eerie.
III
Aboon my breath I daurna’ speak
For fear I rouse your waukrif’ daddie;
Cauld’s the blast upon my cheek,
O rise, rise my bonnie ladie.
IV
She op’d the door, she let him in
I cuist aside my dreepin’ plaidie(7).
‘Blaw your warst, ye rain and win’
Since, Maggie, now I’m in aside ye.
V
Now, since ye’re waukin’, Maggie,
Now, since ye’re waukin’, Maggie,
What care I for howlet’s cry,
For boortree bank or warlock craigie?
Traduzione italiano
I
Buia e piovosa è la notte
non c’è una stella che mandi
raggi di luce in tutto il cielo (1)
e i venti freddi si uniscono
alla furia dell’inverno.
RITORNELLO
Stai dormendo Maggy?
Stai dormendo Maggy?
Fammi entrare che la cascata rimbomba (2)
e ruggisce sul Warlock Crag (3).
II
Timorosi fruscii sul pendio dei sambuchi (4), il bosco ruggisce selvaggio e triste, 
forte il cancello (5) di ferro sbatte con clamore, /e piange il gufo facendomi paura.
III
Non oso parlare più forte di un sospiro, per timore di svegliare tuo padre che è sempre vigile,/fredda è la raffica del vento sulla mia guancia,/ svegliati mia bella.
IV
Lei aprì la porta e lo fece entrare.
Posai il mantello (7) gocciolante di pioggia: “Spazza via il peggio, la pioggia e il vento 
dal momento che Maggy ora sono con te!”
V
Ora che ti sei svegliata Maggy
Ora che ti sei svegliata Maggy
che m’importa del grido del gufo,
della collina dei sambuchi o del Warlock Crag?

NOTE
1) carry sta per cielo, “the direction in which clouds are carried by the wind”
2) howling
3) letteralmente dirupo del mago, è il nome di una cascata a Lochwinnoch che forma una grande pozza o un piccolo laghetto
4) elder tree, il sambuco, l’albero in cui dimorano le fate
5) yett diventa gett secondo l’antica consuetudine di scrivere le due vocali in modo intercambiabile. La lettera y più comunemente sostituiva anche la combinazione “th” per cui “the” era anche scritto “ye” (si tratta della lettera þ detta “thorn” che ha lo stesso suono di “th”)
6) letteralmente il lamento dei gufi: howlet è un termine dialettale  scozzese per owl, owlet
7) plaidie, una coperta o un mantello vedi

Great horned owl and chicks. Image size 5.6 by 7.9 inches @ 300 dpi. Photo credit: © Scott Copeland

SLEEPY & DROWSY MAGGY REELS

“Sleepy Maggie” è un reel in due parti e spesso è abbinato al reel “Drowsy Maggie”, a volte le due melodie sono, erroneamente, confuse. Nella versione di Francis O’Neill and James O’Neill (in O’Neill’s Music of Ireland) è in 3 parti.

Sleepy Maggie secondo quanto riportato da Fidder’s Companion è una melodia tradizionale scozzese la cui più antica fonte trascritta si trova in Duke of Perth Manuscript ovvero Drummond Castle Manuscript (1734)

Sleepy Maggie è conosciuta in Irlanda anche con differenti nomi “LoughIsleCastle,” “Seán sa Cheo” o “Tullaghan Lassies” ed è il modello per “Jenny’s Chickens”.

Samuel Melton Fisher, Asleep, (1902)
Samuel Melton Fisher, Asleep, (1902)

“Drowsy Maggie” è invece una melodia tradizionale irlandese in 2, 3 o 4 parti, però molto più popolare almeno a livello di registrazioni (sarà per la sua comparsa nel film “Titanic”!)

Gaelic Storm  (Titanic Set)- ovviamente c’è anche la versione scozzese: in genere parte lenta e poi diventa sempre più veloce così il titolo tra in inganno perché non c’è niente di “sonnolento” nella melodia che arriva ad una parossismo finale.

SLEEPY MAGGIE

ASCOLTA Sleepy Maggie Alasdair Fraser al violino

ASCOLTA Sleepy Maggie Gabriele Possenti alla chitarra
ASCOLTATullaghan Lassies Fidil
ASCOLTAJenny’s Chickens Shanon Corr

DROWSY MAGGIE della serie “fast & furious”
Le variazioni sono infinite su solo 2 parti di base

ASCOLTA John Simie Doherty
ASCOLTA Comhaltas Ceoltóirí Éireann

The Chieftains  Versione studio

Driftwood (Joe Nunn al violino)

Jake Wise live

Versioni più rock
ASCOLTA Dancing Willow
ASCOLTA DNA Strings
ASCOLTA Lack of limits

FONTI
http://archive.org/details/poemssongsofrobe00tannrich
http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/64522/1;
jsessionid=B312B09442ED31BB18C4FDA5E2E2BB59

http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=59687
http://members.aol.com/tannahillweavers/
http://www.lochwinnoch.info/tales/warlock-craigie.php
http://thesession.org/tunes/787
http://thesession.org/tunes/27
http://www.ibiblio.org/fiddlers/SLA_SLE.htm#SLEEPY_MAGGY/MAGGIE