Archivi tag: rebel song

Follow me up to Carlow

Leggi in italiano

The text of “Follow me up to Carlow” was written in the nineteenth century by the Irish poet Patrick Joseph McCall (1861 – 1919) and published in 1899 in the “Erinn Songs” with the title “Marching Song of Feagh MacHugh”.
Referring to the Fiach McHugh O’Byrne clan chief, the song is full of characters and events that span a period of 20 years from 1572 to 1592.

McCall’s intent is to light the minds of the nationalists of his time with even too detailed historical references on a distant epoch, full of fierce opposition to English domination. 16th century Ireland was only partly under English control (the Pale around Dublin) and the power of the clans was still very strong. They were however clans of local importance who changed their covenants according to convenience by fighting each other, against or together with the British. In the Tudor era Ireland was considered a frontier land, still inhabited by exotic barbarians.
front1

FIACH MCHUGH O’BYRNE

The land of the O’Byrne clan was in a strategic position in the county of Wicklow and in particular between the mountains barricaded in strongholds and control posts from which rapid and lethal raids started in the Pale. The clan managed to survive through raids of cattle, rivalries and alliances with the other clans and acts of submission to the British crown, until Fiach assumed the command and took a close opposition to the British government with the open rebellion of 1580 that broke out throughout the Leinster . In the same period the rebellion was reignited also in the South of Munster (known as the second rebellion of Desmond)

The new Lieutenant Arthur Gray baron of Wilton that was sent to quell the rebellion with a large contingent, certainly gave no proof of intelligence: totally unprepared to face the guerrilla tactics, he decided to draw out the O’Byrne clan, marching in the heart of the county of Wicklow, the mountains! Fiach had retired to Ballinacor, in the Glenmalure valley, (the land of the Ranelaghs), and managed to ambush Gray, forcing him to a disastrous retreat to the Pale.

glenmalure

Follow me up to Carlow

The melody was taken from McCall himself by “The Firebrand of the Mountains,” a march from the O’Byrne clan heard in 1887 during a musical evening in Wexford County. It is not clear, however, if this historical memory was a reconstruction in retrospect to give a touch of color! It is very similar to the jig “Sweets of May” (first two parts) and also it is a dance codified by the Gaelic League.

“Follow me up to Carlow” (also sung as “Follow me down to Carlow”) was taken over by Christy Moore in the 1960s and re-proposed and popularized with the Irish group Planxty; recently he is played by many celtic-rock bands or “barbarian” formations with bagpipes and drums.

Planxty

Fine Crowd

The High Kings live

FOLLOW ME UP TO CARLOW
I
Lift Mac Cahir Óg(1) your face,
broodin’ o’er the old disgrace
That Black Fitzwilliam(2) stormed your place,
and drove you to the Fern(3)
Gray(4) said victory was sure,
soon the firebrand(5) he’d secure
Until he met at Glenmalure(6)
with Fiach McHugh O’Byrne
CHORUS
Curse and swear, Lord Kildare(7),
Fiach(8) will do what Fiach will dare
Now Fitzwilliam have a care,
fallen is your star low(9)
Up with halberd, out with sword,
on we go for, by the Lord
Fiach McHugh has given the word
“Follow me up to Carlow!”(10)
II
See the swords at Glen Imaal (11),
flashin’ o’er the English Pale(12)
See all the children of the Gael,
beneath O’Byrne’s banner
Rooster of a fighting stock,
would you let a Saxon cock
Crow out upon an Irish Rock,
fly up and teach him manners.
III
From Tassagart (11) to Clonmore (11),
flows a stream of Saxon gore
How great is Rory Óg O’More(13)
at sending loons to Hades
White(14) is sick, Gray(15) is fled,
now for Black Fitzwilliam’s head
We’ll send it over, dripping red,
to Liza(16) and her ladies
II
See the swords at Glen Imaal (11),
flashin’ o’er the English Pale(12)
See all the children of the Gael,
beneath O’Byrne’s banner
Rooster of a fighting stock,
would you let a Saxon cock
Crow out upon an Irish Rock,
fly up and teach him manners.
III
From Tassagart (11) to Clonmore (11),
flows a stream of Saxon gore
How great is Rory Óg O’More(13)
at sending loons to Hades
White(14) is sick, Gray(15) is fled,
now for Black Fitzwilliam’s head
We’ll send it over, dripping red,
to Liza(16) and her ladies

NOTES
1) Brian MacCahir Cavanagh married Elinor sister of Feagh MacHugh. In 1572 Fiach and Brian were implicated in the murder of a landowner related to Sir Nicholas White Seneschal (military governor) of the Queen at Wexford.
2) William Fitzwilliam “Lord Deputy” of Ireland, the representative of the English Crown who left office in 1575
3) In 1572 Brian MacCahir and his family were deprived of their properties donated to supporters of the British crown
4) Arthur Gray de Wilton became in 1580 new Lieutenant of Ireland
5) appellation with which he was called Feach MacHugh O’Byrne
6) Glenmalure Valley: valley in the Wicklow mountains about twenty kilometers east of the town of Wicklow, where the battle of 1580 occurred that saw the defeat of the English: the Irish clans ambushed the English army commanded by Arthur Wilton Gray made up of 3000 men
7) In 1594 the sons of Feach attacked and burned the house of Pierce Fitzgerald sheriff of Kildare, as a result Feach was proclaimed a traitor and he become a wanted crimunal
8) Feach in Irish means Raven
9) William Fitzwilliam returned to Ireland in 1588 once again with the title of Lieutenant, but in 1592 he was accused of corruption
10) Carlow is both a city and a county: the town was chosen more to rhyme than to recall a battle that actually took place: it is more generally an exhortation to take up arms against the British. Undoubtedly, the song made her famous.
11) Glen Imael, Tassagart and Clonmore are strongholds in Wicklow County
12) English Pale are the counties around Dublin controlled by the British. The phrase “Beyond the Pale” meant a dangerous place
13) Rory the young son of Rory O’More, brother of Feagh MacHugh, killed in 1578
14) Sir Nicholas White Seneschal of Wexford fell seriously ill in the early 1590s, shortly thereafter fell into disgrace with the Queen and was executed.
15) in the original version the character referred to is Sir Ralph Lane but is more commonly replaced by Arthur Gray who had left the country in 1582
16) Elizabeth I. Actually it was Feach’s head to be sent to the queen!
The new viceroy Sir William Russell managed to capture Fiach McHugh O’Byrne in May 1597, Feach’s head remained impaled on the gates of Dublin Castle.

LINKS
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=52454&page=2
http://thesession.org/tunes/1583
http://thesession.org/tunes/10645
http://www.irishmusicdaily.com/follow-me-up-to-carlow
http://www.clannobyrne.com/glenmalure.html
http://neverfeltbetter.wordpress.com/2012/09/25/irelands-wars-the-battle-of-glenmalure/
http://www.blogofmanly.com/2012/09/17/heroes-feach-mchugh-obyrne/
http://www.doyle.com.au/chiefs.html

BOYS OF MULLAGHBAWN

Hobart-chain-gangUn lament dell’Ulster (South Armagh) la parte Nord d’Irlanda, che parla di un gruppo di ragazzi di Mullaghbawn condannati ai lavori forzati nelle colonie inglesi d’oltre oceano. La tradizione locale li vuole imprigionati per aver preso parte alla “Rising of 1798“, mentre i detrattori dicono si sia trattato del rapimento di una ereditiera. E’ considerata oltre che una “transporting song” anche come una “rebel song”.

Ci sono molte registrazioni del brano reperibili su Youtube e qui ho fatto una selezione come guida all’ascolto

ASCOLTA Dylan Pearse

ASCOLTA Skylark (Len Graham)

James Kelly, Paddy O’Brien & Daithi Sproule 2006 con un bello sviluppo della versione strumentale ( su Spotify)

ASCOLTA Christy Moore il brano è interpretato come un vero e proprio lamento, sia nell’intonazione della voce che nell’accompagnamento strumentale

ASCOLTA Colleen Raney


I
On a Monday morning early my wandering steps they’d lead me
Down by a farmer’s station, through meadows and green lawn(1)
I heard great lamentation, the small birds they were warbling
“We’ll have no more engagements with the boys of Mullaghbawn(2)”.
II
I beg your pardon, ladies, but grant me this one favour
I hope it is no treason on you I now must call
I’m condoling late and early, my heart is near to breaking
All for a noble lady that lives near to Finnae(3).
III
Squire Jackson(4) he’s unequalled for honour and for reason
He never turned traitor or betrayed the rights of man(5)
But now we are in danger from a vile deceiving stranger(6)
Who has ordered transportation for the boys of Mullaghbawn.
IV
As our heroes(7) crossed the ocean I’m told the ship in motion
Did stand in great commotion as if the seas ran dry
With the trout and salmon gaping the cuckoo’s left her station(8)
“Farewell to old Killeavey and the hills of Mullaghbawn”.
V
To end my lamentation we’re all in consternation
For want of education I here must end my song
Who cares for recreation without consideration
We’re sent for transportation from the hills of Mullaghbawn.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Un lunedì mattina sul presto i miei passi vagabondi mi portarono
verso la tenuta di un contadino tra l’incolto e i verdi prati
udii un grande lamento tra i gorgheggi degli uccellini
“Non c’è più lavoro per i ragazzi di Mullaghbawn. ”
II
Chiedo il vostro perdono signore, ma concedetemi questo solo favore,
spero di non turbarvi per quanto adesso vado a richiamare,
vi faccio le condoglianze prima e dopo, con il cuore a pezzi
a causa di una nobile signora che vive vicino a Finae
III
Il cavaliere Jackson non ha eguali per motivi d’onore,
non è mai diventato un traditore nè ha mai tradito i diritti dell’uomo,
ma ora siamo in pericolo a causa di un vile detrattore straniero
che ha ordinato la deportazione dei ragazzi di Mullaghbawn”.
IV
Mentre i nostri eroi attraversavano l’oceano mi hanno detto che la nave in movimento si è fermata con grande trambusto come se i mari si fossero prosciugati
con la trota e il salmone ad annaspare il cuculo ha lasciato la sua postazione dicendo: “Addio alla vecchia Killeavey e alle colline di Mullaghbawn”.
V
Per terminare il mio lamento siamo tutti costernati e in modo poco educato devo qui finire la mia canzone, a chi importa divertirsi da quando senza considerazione, siamo mandati alla deportazione dalle colline di Mullaghbawn.

NOTE
1) meadow è il prato incolto con fiori di campo e l’erba alta lawn invece è il prato vicino alla casa con l’erba tagliata a raso , perfetto per i campi da golf
2) Mullaghbawn è un piccolo villaggio nel sud Armagh il cui nome si scrive in diversi modi; l’ortografia irlandese è Mullach Ban, ma è anche comunemente scritto come Mullaghbawn, Mullaghban, Mullachbawn e Mullachban.
3) questa strofa è spesso omessa è il cantore che si rivolge al suo pubblico chiedendo scusa alle signore presenti che potrebbero scandalizzarsi nel sentire la storia: le frasi sono pompose e ricercate ma in uno stile volutamente enfatizzato e picaresco. La nobildonna di Finae è colei che i ragazzi hanno cercato di rapire.
4) Nel 1700 Richard Jackson era il signorotto inglese della tenuta Forkhill, che preferì vivere nelle sue terre si prese cura della sua gente “In the eighteenth century, Mullaghbawn was was part of the Forkhill Estate, owned by Richard Jackson who was the local Squire. In an era of absentee landlordism, Jackson lived on his Estate, tilled his land and encouraged his tenants to do the same. In his will he provided for the poorest and oldest of his tenants, and to this day people in the district benefit from his bequests. He died in 1787, and his authority passed over to someone less acceptable to the people of Mullaghbawn” tratto da qui
5) il gruppo politico denominato Society of United Irishmen era formato da intellettuali ed eminenti cittadini per lo più di confessione presbiteriana e anglicana che volevano riunire tutti gli Irlandesi (senza distinzione di fede) in una repubblica indipendente. L’associazione, fondata nel 1791 a Belfast da nove presbiteriani capeggiati da Theobald Wolfe Tone, voleva riformare il Parlamento irlandese di Dublino (per ampliarne la base di rappresentatività) e perseguiva l’unione di tutti gli irlandesi a prescindere dalla loro osservanza religiosa e provenienza sociale, affinchè la minoranza anglicana privilegiata concedesse piena uguaglianza politica ai presbiteriani e ai cattolici.
6) probabilmente il Rev. Hudson: ” when Jackson died in 1787 he left a few sectarian timebombs in his will, the main one being that expiring leases of papists could only be renewed by Protestants. Over the next few years there was an influx of Protestants, particularly in Carrickasticken. His estate was administered by a trust chaired by the Protestant rector, Rev. Hudson who fired Mr Knowledge and replaced him with a Protestant called Barclay. Sectarian violence followed and the local Defenders cut out Barclay’s tongue leading to repression and a group of local men in shackles heading for Botany Bay” tratto da qui
7) la rivolta del 1798
8) la frase è un po’ confusa si tratta di un probabile riferimento al traditore, una donna di nome Betty O’Neial da Tullydonnell che evidentemente era a bordo della nave

FONTI
http://digital.nls.uk/english-ballads/pageturner.cfm?id=74895160
http://mullaghbawntoliverpool.blogspot.it/2006/07/boys-of-mullaghbawn.html http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/the_boys_of_mullaghbawn_jlyons.htm http://tunearch.org/wiki/Boys_of_Mullaghbawn_(The) http://www.chivalry.com/cantaria/lyrics/boys-mullaghbawn.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=140076 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=16165 http://comhaltas.ie/music/detail/the_boys_of_mullaghbawn/ http://folktrax-archive.org/menus/cassprogs/165armagh.htm https://sites.google.com/site/gapothenorth/about-us/calendar/walks—history-notes

SURROUNDED BY WATER

Decisamente una irish folk song collocabile tra le Rebel Ballads, rimasta a lungo nella classifica tra i dischi più venduti in Irlanda quando fu interpretata da The Ludlow trio (ossia The Ludlows) nel 1966 (con la voce di Jim McCann)

THE SEA AROUND US

Il testo di “The sea around us” è stato scritto da Dominic Behan su una vecchia melodia popolare dal titolo ” ‘S faigamid siud mar a ta se”, suonata però  come un walzer.
1962_cosmoDominic Behan (1928 – 1989) fu scrittore, cantante e non ultimo attivista politico. Il suo approccio verso la canzone popolare è quella del cantastorie che rinnova le vecchie melodie, per esprimere con le parole del momento, ma più “urbane”, gli umori del popolo.

Dominic dice in merito al testo di “The sea around us”:”I got the line from my Mother which a friend of hers, Mick Byrne, wrote, together with about forty verses he couldn’t remember. The line I got was ‘Thank God we’re surrounded by water’, and I thought it far too good to lose.” Ovviamente solo un grande autore come lui, partendo da una sola frase, poteva far uscire dal cilindro una canzone così umoristica, eppure venata di “irish pride”: si può a buona ragione ritenere una parodia degli “inni” del secolo precedente e dei canti nostalgici, pieni di stereotipi “rurali” sulla amata vecchia Irlanda..

ASCOLTA Dominic Behan in Ireland sings (1965)

ASCOLTA The Dubliners


I
They say that the lakes of Killarney are fair
No stream like the Liffey could ever compare,
If its water you want, you’ll get nothing more rare
Than the stuff they make down by the ocean(1).
Chorus:
The sea, oh the sea is the gradh geal mo croide(2)
Long may it stay between England and me/It’s a sure guarantee that some hour we’ll be free
Thank God we’re surrounded by water.
II
Tom Moore made his “Waters” meet fame and renown
A great lover of anything dressed in a crown(3)
In brandy the bandy auld Saxon(4) he’d drown
But throw ne’er a one in the ocean.
III
The Danes(5) came to Ireland with nothing to do
But dream of the plundered auld Irish they’d slew,
“Yeh will in yer Vikings” said Brian Boru(6)
And threw them back into the ocean.
IV
The Scots have their Whisky(7),
the Welsh have their speech
Their poets are paid about ten pence a week
Provided no hard words of England they speak
Oh Lord, what a price for devotion.
V
Two foreign old monarchs in battle did join(8)
Each wanting his head on the back of a coin
If the Irish had sense they’d drowned both in the Boyne
And partition thrown into the ocean.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Si dice che i laghi di Killarney siano belli,
e che nessun fiume si possa paragonale al Liffey,
se è l’acqua che vuoi, non avrai niente di meglio
di quella roba che confluisce nell’oceano(1).
Coro
Il mare, oh il mare è “la gioia più grande del mio cuore”(2),
che a lungo resti tra l’Inghilterra e me, perchè è una sicura garanzia che prima o poi saremo liberi, grazie a Dio siamo circondati dalle acque!
II
Tom Moore scrivendo le sue “Waters” (3) andò incontro alla fama e alla notorietà- un grande amante di ogni cosa che indossasse una corona!
Nel brandy i vecchi Sassoni invasori(4) sarebbero annegati, ma non se n’è mai gettato uno nell’oceano.
III
I Danesi(5) vennero in Irlanda senza nient’altro da fare
che sognare di saccheggiare i vecchi Irlandesi che avevano ucciso
“Ora tocca a voi Vichinghi” disse Brian Boru(6)
e li gettò di nuovo nell’oceano.
IV
Gli Scozzesi avevano il loro whisky(7),
i Gallesi la loro parlantina,
i loro poeti erano pagati dieci penny alla settimana
guardandosi bene dal dire dure parole sull’Inghilterra, oh Signore, che prezzo per la devozione!
V
Due vecchi re stranieri(8) si unirono per la battaglia
ognuno voleva la sua testa sul retro di una moneta,
se gli Irlandesi avessero avuto il buonsenso li avrebbero affogati entrambi nel Boyne
e gettato la divisione nell’oceano

NOTE
1) Dominic dice di non guardare ai laghi e ai fiumi dell’isola ma al mare che circonda e circoscrive l’intera isola, implicitamente dice che non si deve guardare l’isola per contee, ma nella sua interezza, non divisibile cioè in due territori come quelli odierni.  Ricordiamo che la canzone è stata scritta nel 1965, quando la repubblica d’Irlanda ancora rivendicava in Costituzione le contee del Nord
2) Gradh geal mo croide = great joy of my heart; è un classico per gli autori delle canzoni popolari inserire qualche frase in gaelico e questa è la più gettonata
3) Thomas Moore scrisse nel 1807 una canzone dal titolo “The meeting of the waters” un punto ben preciso del territorio irlandese in cui il fiume Avonmore si incontra con il fiume Avonbeg per formare l’Avoca (contea di Wicklow). Considerato un poeta alla moda nell’Ottocento Moore è stato criticato nel secolo successivo: qui è visto come un irlandese “da salotto” ossequioso degli Inglesi, per questo è un “grande amante della corona”
4) con Sassoni Dominic intende gli Inglesi. I Sassoni erano tribù germaniche che migrarono in Inghilterra (ovvero la Britannia) con gli Angli ed altre tribù minori per diventare gli anglo-sassoni cioè gli Inghlesi. Il termine bandy che fa rima con brandy non ha una chiara (per me traduzione)
5) i primi invasori dell’Irlanda (dopo i Celti) furono i Vichinghi (VIII-IX secolo) e anche se vengono definiti comunemente  Danesi; in realtà  i primi vichinghi a compiere incursioni sulle coste furono i Norvegesi (sono i Danesi che diventano Normanni stabilendosi nella regione della Francia che da loro prende il nome, la Normandia). Furono i Vichinghi norvegesi, che si definivano Ostiani perchè erano gli Uomini dell’Est, a fondare Dublino.
6) in realtà quando Brian Borù vinse la battaglia di Clontarf il problema vichingo non esisteva più da una sessantina d’anni, ma per gli Irlandese è il re supremo d’Irlanda che scaccia i Vichinghi!! (XI secolo) l’ironia qui è marcata, nell’Irlanda medievale ogni capo con uno straccio di terra e di potere si proclamava re, e i re d’Irlanda continuavano a rubarsi il bestiame l’un con l’altro e a praticare il loro divertimento preferito: scannarsi tra loro.
7) ovviamente gli irlandesi hanno il whiskey (vedi)
8) i due re sono Guglielmo d’Orange (diventato Guglielmo III d’Inghilterra, Guglielmo II di Scozia e Guglielmo I d’Irlanda) e Giacomo II Stuart (il deposto re di Inghilterra e Scozia -e anche d’Irlanda- di confessione cattolica) e la battaglia del Boyne fu combattuta nel 1690.

LA MELODIA: ‘S faigamid siud mar a ta se

ASCOLTA Paul O’Shaughnessy al violino che la suona come una jig

THANK GOD WE’RE SURROUNDED BY WATER

La versione canadese è stata invece scritta da Tom Cahill sulla falsariga di quella irlandese

ASCOLTA Dick Nolan


I
I’ll sing you a song about Newfoundland dear,
We haven’t got money nor riches to spare;
But we should be thankful for one small affair,
Thank God we’re surrounded by water.
The sea, oh the sea, the wonderful sea,
Long may she roam between nations and me; And everyone here should go down on one knee,
Thank God we’re surrounded by water.
II
The French in Quebec want a separate state,
Along with our own Labrador, just you wait;
They’re down to Bell Isle (1) but they can’t walk the Strait,
Thank God we’re surrounded by water.
III
My mother-in-law wrote from Boston, the dear,
She wanted to visit for our “Come Home Year” (2);
The Carson (3) was full with no planes in the air,
Thank God we’re surrounded by water.
IV
Some visitors tasted our Newfoundland screech (4),
Tipped up the old bottle, drank six ounces each;
They let out a yell as they ran for the beach,
Thank God we’re surrounded by water.
V
Now Joey (5) is God, say the Liberal bunch,
One day on the harbour he stepped after lunch;
But he couldn’t manage the Galilee stunt,
Thank God we’re surrounded by water.
VI
Now Betsy Jane Kemp (6) took her horse for a ride,
Ripped up her old bloomers all down the left side;
She hid them away on the beach at low tide,
Thank God we’re surrounded by water.
 
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Ti canterò una canzone sulla cara Terranova,
non abbiamo denaro né ricchezza da spartire;
ma dovremmo essere grati per una piccola circostabza, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua!
Il mare, oh il mare, il mare meraviglioso,
che a lungo resti tra tra le Nazioni e me;
e tutti quanti qui dovremmo inginocchiarci
grazie a Dio siamo circondati dall’acqua!
II
I francesi in Quebec vogliono uno stato separato,
insieme al nostro Labrador, aspetta e vedrai; ma sono rimasti a Bell Isle perchè non possono camminare sullo Stretto, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.
III
Mia suocera ha scritto da Boston, che cara,
voleva venire in visita per la “Festa dell’Emigrante”;
il “Carson” era pieno e non c’erano aerei in aria, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.
IV
Alcuni visitatori hanno assaggiato il nostro screech di Terranova,
sollevato la vecchia bottiglia e bevuto sei once ciascuno:
poi lanciarono un grido mentre correvano verso la spiaggia, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.
V
“Ora Joey è Dio”, dice il gruppo liberale,
un giorno, nel porto, ci finì sopra dopo pranzo;
ma non poteva fare la controfigura del galileo, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.
VI
Ora Betsy Jane Kemp prese il suo cavallo per una cavalcata,
si strappò i vecchi calzoncini lungo tutto il fianco sinistro;
li nascose sulla spiaggia con la bassa marea, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.

NOTE
1) Lo stretto di Belle Isle o Stretto del Labrodor separa la penisola del Labrador dall’isola di Terranova
2) celebrazione canadese equivalente alla nostra festa dell’emigrante durante la quale molti parenti ritornano a visitare le loro comunità d’origine
3) il traghetto rompighiaccio The Carson (dedicato al politico William Carson) una delle più grandi navi costruite nel 1955, affondato per colpa di un iceberg nel 1977
4) una marca locale di rum
5) Joseph Roberts “Joey” Smallwood politico canadese
6) ?

FONTI
“Irony in Action: Anthropology, Practice, and the Moral Imaginatio”, James Fernandez,Mary Taylor Huber http://www.theballadeers.com/ire/db_d1965_npl18134_ire_sing.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=151415
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/01/thank.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/34/thank.htm
https://thesession.org/tunes/2611

AVONDALE: IRISH REBEL SONGS ABOUT CHARLES PARNELL

CHARLES STEWART PARNELL

Charles-Stewart-ParnellCharles Stewart Parnell (1846-1891) fu membro della nobiltà protestante anglo-irlandese e uomo politico carismatico che lottò per realizzare la Riforma Agraria in favore dei contadini poveri (riduzione degli affitti, miglioramento delle condizioni di lavoro).
Nel 1870 fu tra i fondatori dell’Home Rule Party [in italiano “il partito per l’autonomia“] che si era posto come primo obiettivo  il conseguimento dell’autonomia dell’Irlanda, anche se non era chiaro tra tutti i suoi sostenitori, se si auspicasse un completo distacco dell’Irlanda dal Regno Unito, o solo una  limitata autonomia. Lo stesso Parnell arrivò a dire: “Nessuno di noi, sia in America che in Irlanda, non sarà mai soddisfatto fino a che non avremo distrutto l’ultimo anello che ci tiene legati all’Inghilterra.

Uomo affascinante, grande oratore, presidente della Lega Agraria (Land League) divenne così popolare da essere considerato l’“Uncrowned King of Ireland” [in italiano: re d’Irlanda senza corona] e l’avversario per eccellenza dei conservatori britannici (ma anche delle sue stesse frange più indipendentiste) che fecero di tutto per screditarlo: ci provarono una prima volta nel 1887 tentando di coinvolgerlo nell’omicidio di Lord Cavendish (appena nominato Primo Segretario per l’Irlanda) e ci riuscirono nel 1889 con lo scoppio dello scandalo della sua relazione con una donna sposata, Katharine O’Shea.

LE BATTAGLIE SUI CAMPI E IN PARLAMENTO

Entrato nel Parlamento britannico inaugurò il filibustering, ovvero l’ostruzionismo a oltranza per dilatare, fino al limite della resistenza umana, l’intervento di un parlamentare (il regolamento non permetteva l’interruzione del discorso di un oratore dopo che gli si era data facoltà di parola)!

Parnell visse in un periodo di profonda crisi e di ottundimento delle coscienze: La situazione in Irlanda era di nuovo critica, molto simile a quella che aveva caratterizzato il periodo della Grande Carestia. I raccolti furono ancora una volta scarsi e molti fittavoli, non potendo pagare, vennero sfrattati dalle loro terre. I membri della Lega Agraria allora organizzarono una serie di ribellioni in diverse zone del Paese, con l’obiettivo di ridurre gli affitti per gli agricoltori e di migliorare le loro condizioni di lavoro. Le agitazioni si moltiplicarono con violenze da entrambe le parti. Dietro suggerimento di Parnell i landligisti ricorsero all’arma del boicottaggio (boycotting) contro fittavoli e proprietari terrieri che non facevano parte della Lega. Il termine deriva da Charles Boycott, un sovrintendente terriero che amministrava le terre di un Lord inglese e che divenne noto per la sua malvagità. Boycott fu una delle prime vittime dei boicottaggi da parte degli agricoltori che si rifiutarono di lavorare le terre da lui amministrate. Per la prima volta i fittavoli ottenevano una vittoria sui loro proprietari terrieri in quella che venne definita La Guerra della Terra e che si protrasse dal 1879 al 1882. Nel 1880 salì al potere William Gladstone che di fronte al malcontento dei fittavoli rurali irlandesi, che non accennava a placarsi, nel 1881 emanò delle leggi, che miglioravano le loro condizioni di vita, riducevano gli affitti e consentivano loro di possedere delle terre. Tuttavia la resistenza non cessò, in quanto gli Irlandesi volevano ottenere dalla madrepatria quello che era stato concesso alle altre colonie d’oltremare, ossia l’autonomia. Nel 1885, il partito degli Home Rule ottenne tutti i seggi alle elezioni irlandesi (esclusi quelli l’Ulster, ancora baluardo dei lealisti), acquisendo un ruolo decisivo. Parnell divenne allora l’obiettivo dei conservatori britannici che pur di eliminarlo dalla scena politica lo screditarono di fronte all’opinione pubblica, rivelando senza scrupolo una relazione clandestina che intratteneva con la moglie di un suo compagno di partito. (tratto da qui)

Quando nel 1913 la Camera dei Comuni approvò la Home Rule, che concedeva un’indipendenza seppur ridotta all’Irlanda, tutta Dublino esultò alla notizia cantando “A nation once again“. Come diceva Davis “Una buona canzone vale più di mille arringhevedi

continua seconda parte

THE MERRY PLOUGHBOY

“The Merry Ploughboy (in italiano L’allegro contadinello)” è una canzone irlandese accreditata a Dominic Behan che molto probabilmente ha invece aggiustato e arrangiato un vecchio brano tradizionale inglese intitolandolo “Off to Dublin in the Green“.
La canzone in origine era una reclame pro-arruolamento, ironicamente trasformata da Behan in una canzone anti-britannica e repubblicana, ambientata nei primi decenni del XX secolo.

VERSIONE INGLESE: The Kaki and the Blue  (The Scarlet and the Blue)

La versione ci viene dalla famiglia Watersons chiamata anche The Kaki and the Blue (registrata in A Yorkshire Garland, 1966)

Nel sito de The Yorkshire Garland Group leggiamo “According to A.L.Lloyd The Scarlet and the Blue was written in the 1870s by John Blockley and popularized on both sides of the Atlantic by Ed Harrigan and Tony Hart. This information has been frequently reprinted whenever oral versions have been published but no-one I know has actually seen any verified references to Blockley’s authorship or a copy of the original sheet music. Blockley was a prolific composer of music for parlour pieces up to his death in 1882 but he seldom was credited with any lyrics. Although the song could well have been written in the 1870s and applied to the many colonial wars of that era, all of the versions I have come across can only be traced back to having been sung in World War I. Although some writers quite rightly claim the practice of wearing scarlet and blue was replaced by khaki in the 1880s, song writers continued to use the title for army songs up to at least 1900 when J. Horspool wrote the words and music to a song of this title. Another of the same title was written in 1884 by W. Sapte, music by Joseph Duggan. John Farmer also produced a book in 1898 entitled Scarlet and Blue, Songs for Soldiers and sailors.
Whatever its prior history it must have been very popular amongst the troops in World War I to judge by the fact that it was still being widely sung in rural England in the second half of the twentieth century, and in fact is still sung by many retired farm workers today. It was particularly adopted by Royal Artillery regiments. During World War I the horse was still the main source of power for transporting heavy equipment and ordnance, so young ploughmen and other heavy horse workers were seen as ideal recruiting fodder for artillery regiments like the Warwickshire Royal Horse Artillery. This song must have been a godsend as a recruiting song for these artillery regiments.
One such was Sykes’s Wagonners Reserves which recruited on the Yorkshire Wolds, particularly the area around the Sykes’s Sledmere Estate. Lieutenant-Colonel Sir Mark Sykes MP established the regiment in anticipation of World War I, consequently those Wagonners who were lucky enough to return after the war had the song in their repertoires and eventually passed it on to younger farm workers, so that throughout the twentieth century there was scarcely a farm lad in the East Riding who could not sing it.”

ASCOLTA Ted Hutchinson di Canal Head, Driffield che ha imparato il brano dai contadini più anziani della zona

I
I once was a jolly ploughboy ploughing in the fields all day,
When a very funny thought came across my mind, I thought I’d run away,
For I’m sick and tired of the country life and the place where I was born,
So I’ve been and joined the army and I’m off tomorrow morn.
Chorus:
So hurrah for the scarlet(1) and the blue, see the helmets glisten in the sun,
And the bay’nets flash like lightning to the beat of a military drum.
There’s a flag in dear old England proudly waving in the sky
And the last words of my comrades were, ‘We’ll conquer or we’ll die.’
II
I put aside my old grey mare, I put aside my plough,
I put aside my two-tined fork, no more to reap or mow,
No more will I go harvesting to reap the golden corn,
For I’ve been and joined the army and I’m off tomorrow morn.
III
But there’s one little girl I must leave behind and that is my Nellie dear;
She said she would be true to me if I be far or near;
And when I come back from the foreign shore how happy I will be,
For I’ll march my Nellie off to church and a sergeant’s wife she’ll be.
TESTO FAMIGLIA WATERSON
I
Well I once was a merry ploughboy
I was a-ploughing in the fields all day
Till a very funny thought came to me head
That I should roam away
O I’m tired of my country life
Since the day that I was born
So I’ve gone and joined the army
And I’m off tomorrow morn
Chorus
Hoorah for the khaki(1) and the blue
Helmets glittering in the sun
Bayonets flash like lightning
To the beating of a military drum
And no more will I go harvesting
Or gathering the golden corn
‘Cos I got the good king’s shilling
And I’m off tomorrow morn
II
Well I’ll leave aside my pick and spade
And I’ll leave aside my plough
And I’ll leave aside my old grey mare
For no more I’ll need her now
For there’s a little spot in England
Up in the Yorkshire dales so high
Where we mast the good king’s standard
Saying we’ll conquer or we’ll die
III
But there’s one little thing I must tell you
About the girl I leave behind
And I know she will prove true to me
And I’ll prove true in kind
And if ever I return again
To my home in the country
I’ll take her to the church to wed
And a sergeant’s wife she’ll be

NOTE
1) la tinta scarlatta delle divise militari inglesi è stata sostituita dal
color kaki nel 1880.

VERSIONE IRLANDESE: THE MERRY PLOUGHBOY

9_Benson_IRA_1La ballata è diventata un simbolo del nazionalismo irlandese contemporaneo. Il protagonista è un giovane contadino, insoddisfatto della propria condizione sociale (anche se merry) che decide di posare i suoi strumenti di lavoro per imbracciare il fucile e combattere per la libertà della sua nazione; al suo ritorno spera di potersi sposare con la fidanzata Mary.

Alcuni fanno derivare la versione irlandese dal brano intitolato “The Warwickshire R.H.A.” la sigla per la Royal Horse Artillery risalente al 1793 che era inglobata nella Royal Artillery dell’Esercito britannico (ancora oggi ci sono quattro reggimenti che si fregiano del simbolo RHA.): le strofe sono identiche alla versione inglese riportata ma il coro diventa
The Warwickshire R.H.A.
And hurrah for the Horse Artillery,
See the spurs how they glitter in the sun,
And the horses gallop like lightening,
With an fifteen pounder gun,
And when we get to France my boys,
The Kaiser he will say,
Ach Ach Mien Gott what a jolly fine lot,
Are the Warwickshire R.H.A.

Una melodia “tipicamente irish” allegra e scanzonata che si presta anche alle versioni punk o metal, ma per l’ascolto consiglio i “classici”!

ASCOLTA Wolfe Tones

ASCOLTA Dubliners

ASCOLTA Clancy Brothers& Tommy Makem “Green in the Green”


I
Oh, I am a merry ploughboy
And I plough the fields all day
Till a sudden thought came to my mind
That I should roam away.
For I’m sick and tired of slavery
Since the day that I was born
And I’m off to join the I.R.A.
And I’m off tomorrow morn.
Chorus:(1)
And I’m off to Dublin in the green(2), in the green
Where the helmets glisten in the sun
Where the bay’nets(3) flash and the riffles crash
To the echo(4) of the Thompson gun.
II
I’ll leave aside my pick and spade
And I’ll leave aside my plough
I’ll leave aside my old grey mare
For no more I’ll need them now.
I’ll leave aside my Mary,
She’s the girl I do adore
And I wonder if she think of me
When she hears the cannons roar.
III
And when the war is over
And dear old Ireland is free
I’ll take her to the church to wed
And a rebel’s wife she’ll be.
Well some men fight for silver
and some men fight for gold
But the I.R.A. are fighting
for the land that the Saxons stole(5)
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Sono un allegro contadinello
e aro i campi tutto il giorno finchè un pensiero improvviso mi sovvenne, che dovrei andarmene in giro.
Sono nauseato e stanco di essere schiavo fin dal giorno in cui sono nato
e andrò ad unirmi all’I.R.A.
ci andrò domani mattina.
Ritornello:
e sono fuori da Dublino, in campo aperto(2), in campo aperto, dove gli elmetti brillano al sole
dove le baionette scintillano e i fucili rimbombano
per l’eco(4) della pistola Thompson
II
Lascerò da parte picca e vanga
e lascerò da parte il mio aratro
lascerò da parte la mia vecchia giumenta grigia, che non ne avrò più bisogno. Lascerò da parte la mia Mary
la ragazza che amo
e mi domando se lei pensa a me
quando sente i cannoni ruggire
III
E quando la guerra è finita
e la vecchia cara Irlanda è libera
la porterò in chiesa per sposarla
e la moglie di un ribelle lei sarà.
Alcuni combattono per l’argento
e altri per l’oro
ma l’I.R.A. combatte
per la terra che i Sassoni rubarono(5)

NOTE
1) il ritornello cantato da Dominic in “Off to Dublin in the Green”
“So I’m off to Dublin in the green in the green
Where the the helmets glitter in the sun
Where the rifles crash and the thunders crash
To the echo of the Thompson guns.”
il ritornello cantato dai Dubliners
“We’re off the Dublin in the green, in the green,
Our bayonets glitterin’ in the sun
And his hands they flew like lightin’ to
The rattle of a Thompson gun.”
il ritornello cantato dai Clancy
“We’re off the Dublin in the green, in the green,
Our bayonets glitterin’ in the sun
And his hands they flew like lightin’ to
The rattle of a Thompson gun.”
2) in the green tradotto in italiano come “essere all’aperto, nei prati” è letteralmente “essere nel verde” cioè identificarsi nel colore dei ribelli che per tradizione fin dal 1600 hanno scelto di indossare il colore verde come forma di “irlandesità” vedi
3) bay’nets “baionette”. Presente esclusivamente nel ritornello, questo termine, rappresenta un’espressione dialettale, molto diffusa nel linguaggio colloquiale ed è la contrazione della forma standard bayonet. ” A bayonet is a weapon with a worker at both ends”
4) nei Dubliners diventa “rattle” con un effetto molto più crudo
5) in origine “the land De Valera sold” Éamon de Valera fu un politico e patriota irlandese, tra le figure di spicco della lotta per l’indipendenza dal Regno Unito e uno dei padri della repubblica d’Irlanda. dopo la vittoria elettorale del suo partito Fianna Fai nel 1932 divenne primo ministro avviando una politica di progressivo sganciamento dell’Irlanda del Sud dalla Gran Bretagna. Ancora primo ministro dal 1951 al 1954 e dal 1957 al 1959, fu eletto in quell’anno presidente della repubblica mantenendo tale carica fino al 1973.

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=54596
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=6825
http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/thekhakiandtheblue.html
http://www.mysongbook.de/msb/songs/o/offtodub.html
http://www.yorkshirefolksong.net/song_database/
Military/The_Jolly_Ploughboy.55.aspx

A MAN’S A MAN FOR ALL THAT

La canzone nota anche come “Is there for honesty poverty“, in gaelico scozzese An guille dubh mo laochan, è stata scritta nel 1787 da Robert Burns (1759-1796), una composizione che riflette gli intendimenti dell’ordine massonico al quale Burns si affiliò nel 1781 presso la St. David’s Lodge di Tarbolton all’età di 22 anni. Nell’anno successivo Burns fu fondatore della Loggia “Saint James” dove, dal 1784, ricoprì per 4 anni la carica di maestro. Trasferitosi ad Edimburgo nel 1786 divenne membro nel 1787 della Loggia Canongate Kilwinning e continuò a frequentare le logge massoniche anche nei suoi successivi spostamenti e si può dire fino alla sua morte.

burns-massone
Robert Burns, poet-laureate of Lodge Canongate Kilwinning (1893)

Di Burns è noto il seguente aneddoto: un giorno si intratteneva in strada a conversare con un modesto fattore. Appena costui si fu allontanato, Burns fu accostato da un signorotto di Edimburgo, che lo canzonò per la evidente bassa condizione del suo precedente interlocutore. Il poeta fu pronto a rispondergli pressappoco così: “Io non parlavo alla giubba sgraziata, né al berretto di lana, né agli zoccoli di legno, ma a colui che vi era dentro. Che vale almeno dieci volte più di me e di voi! “. Così “A man’s a man for a’ that” è una sorta di riflessione filosofica sul significato della parola “uomo” ovvero quali siano le qualità che fanno di un uomo, un uomo!

La canzone è stata pubblicata nel III volume del ” Scottish Musical Museum ” e si fa risalire la sua composizione al 1795: l’analisi del testo si presta a molteplici letture ideologiche, per cui alcuni vogliono vedere in Burns un rivoluzionario, un precursore del socialismo.
A mio avviso la lettura più coerente è quella che inquadra Burns come fratello massone e uomo del suo tempo; nella prima strofa Burns afferma che la ricchezza e la classe sociale non devono essere il metro con cui misurare il valore di un uomo, bensì il suo carattere. Il concetto si sviluppa nella seconda strofa: l’aspetto esteriore è solo apparenza e l’onestà vale più dei vestiti eleganti. E prosegue: il giovanotto elegante con il titolo di Lord (l’aristocratico) che si pavoneggia e riceve gli elogi è solo un idiota, mentre l’uomo “comune”, che impara a ragionare, non si lascia irretire (dalla ricchezza, dai privilegi, dalle consuetudini, dalle opinioni “comuni”. Infine nella quarta strofa si ribadisce che l’onestà (integrità) di un uomo non è prerogativa esclusiva dei potenti e si insinua un principio massone per cui i potenti illuminati, hanno il compito di dirigere l’umanità verso la fratellanza universale.
In effetti il suo non è l’elogio dell’uomo qualunque, ma dell’uomo intelligente e sensibile, che non è sminuito solo dal fatto di non appartenere all’aristocrazia o alla classe al potere (guarda caso anche Robert era nato da una famiglia dalle umili origini, ma ha saputo coltivare la sua intelligenza con studi e letture seppur da autodidatta)!
Le sue non sono idee rivoluzionarie e di sovvertimento sociale, anzi dal popolo e dai suoi appetiti è sempre bene guardarsi, egli propugna una sorta di elevazione dello Spirito umano dalle catene della brutalità e bestialità.
Si afferma il principio di una giustizia sociale illuminata in cui onestà e dignità sono virtù che prescindono dal rango o dalla nascita ma fanno parte dell’essenza umana. L’ultima strofa è insieme preghiera e profezia: un mondo futuro in cui gli uomini siano uguali, in cui non valga la legge del più forte o del più potente, in cui l’empatia e il rispetto siano valori condivisi da tutti.

parlamento-scozzese“Is there for honesty poverty” è stata cantata come inno all’apertura ufficiale del parlamento scozzese il 1 luglio 1999, un parlamento che discute tutte le petizioni dei cittadini (ossia quelle passate al vaglio di un’apposita commissione); parlamento che ha scritto nel 2004 un libro per aiutare i cittadini a fare Partecipazione, il Participation Handbook.

La melodia abbinata al testo è un reel tradizionale dal titolo “For a’ that“.

Anche se non dovrei, continuo a stupirmi dell’attualità di un poeta vissuto 4 secoli fa!

ASCOLTA Jim Malcolm (una delle sue tante versioni)

Old Blind Dogs in “Fit?” 2001 (ancora la voce di Jim Malcolm)

Dougie MacLean in Tribute1995 su Spotify

ASCOLTA Paolo Nutini live


I
Is there for honesty poverty
That hings his head, an’ a’ that (1);
The coward slave – we pass him by,
We dare be poor for a’ that!
For a’ that(2), an’ a’ that,
Our toils obscure an’ a’ that,
The rank is but the guinea’s stamp(3)
The man’s the gowd, for a’ that.
II
What though on hamely fare we dine,
Wear hoddin grey, an’ a’ that?
Gie fools their silks, and knaves their wine,
A man’s a man for a’ that.(4)
For a’ that, an’ a’ that,
Their tinsel show, an’ a’ that,
The honest man, tho’ e’er sae poor,
Is king o’ men(5) for a’ that.
III
Ye see yon birkie(6) ca’d a lord,
Wha struts, an’ stares, an’ a’ that;
Tho’ hundreds worship at his word,
He’s but a coof(7) for a’ that.
For a’ that, an’ a’ that,
His ribband(8), star, an’ a’ that,
The man o’ independent mind(9)
He looks an’ laughs at a’ that.
IV
A price can mak a belted knight
A marquise, duke, an’ a’ that;
But an honest man’s aboon his might,
Gude faith, he maunna fa’ that!
For a’ that, an’ a’ that,
Their dignities an’ a’ that,
The pith o’ sense, an’ pride o’ worth,
Are higher rank than a’ that (10).
V
Then let us pray that come it may,
(As come it will for a’ that,)
That Sense and Worth, o’er a’ the earth,
Shall bear the gree, an’ a’ that.
For a’ that, an’ a’ that,
It’s coming yet for a’ that,
That man to man, the world o’er,
Shall brithers be for a’ that.
traduzione di Masolino d’Amico*
I
C’è chi per onesta povertà Abbassa il capo, e via dicendo; Passiamo oltre quello schiavo vigliacco, Noi abbiamo il coraggio di esser poveri, nonostante tutto. Nonostante tutto e tutto, I nostri travagli oscuri, e via dicendo, Il rango non è che lo stampo della moneta, È l’uomo l’oro, nonostante tutto.
II
Che importa se mangiamo roba alla buona, Se ci vestiamo di lana grezza e grigia, e via dicendo? Datela agli sciocchi la loro seta, e ai furfanti il loro vino, Un uomo è un uomo, nonostante tutto! Nonostante tutto e tutto,
Per tutti i loro fronzoli in mostra e via dicendo, L’uomo onesto, per quanto mai povero, È un re fra gli uomini, nonostante tutto.
III
Lo vedi quello lí, che chiamano signore,
Che incede impettito, guarda dall’alto e via dicendo? Magari a centinaia penderanno dalle sue labbra, Ma lui non è che un pagliaccio, nonostante tutto. Nonostante tutto e tutto,
Nastri, decorazioni e via dicendo,
L’uomo di mente indipendente
Guarda e ride di tutto ciò.
IV
Un principe può fare un cavaliere con tanto di cintura, Un marchese, un duca e via dicendo; Ma un uomo onesto è al di sopra dei suoi poteri, Meglio che non ci provi, ve lo dico io! Nonostante tutto e tutto, Con tutta la loro dignità e via dicendo, Il nocciolo del senno e l’orgoglio del valore
Sono ranghi piú alti di tutto ciò.
V
Perciò preghiamo che avvenga, un giorno, (E avverrà, nonostante tutto),
Che senno e valore sulla terra
Abbiano il primo posto e via dicendo.
Nonostante tutto e tutto
Sta per avvenire, nonostante tutto,
E l’uomo all’uomo in tutto il mondo
Sarà fratello: nonostante tutto.

NOTE
*( in Poesie di Robert Burns, Einaudi 1972)
1) è tutto detto?
2) For a’ that: a dispetto di tutto ciò
3) The rank is but the guinea’s stamp:  la classe sociale non è un profilo stampato sul dorso di una ghinea
4) Un uomo è uomo per tutto questo: si potrebbe tradurre come “Cosa è un uomo in fin dei conti?” Ma anche “per che cosa l’uomo si dice uomo?”. Ossia Burns cerca di stabilire la definizione che rende l’uomo un uomo (sollecitando la riflessione in coloro che l’ascoltano)
5) ossia il migliore degli uomini, quello che dovrebbe stare in cima
6) yon birkie: termine arcaico per uomo presuntuoso;  birkie=cool young guy; tutto il verso è un giro di parole per definire l’aristocratico, inteso come classe al potere ma non ancora per molto. La traduzione letterale del verso è: Vedete il giovane presuntuoso chiamato Signore/ che incede fissando dritto negli occhi (Vedete il galletto con il titolo di Lord, incedere con alterigia, guardando fisso)
7)  coof: idiota
8) la ribband è una fascia onorifica come ad esempio l’ordine della Giarrettiera e la stella è la medaglia a forma di stella del cavalierato
9) l’uomo che impara a pensare con la propria testa
10) innalzano gli uomini al più alto rango.

FONTI
http://www.robertburns.plus.com/Scotswhahae.htm
http://lamelagrana.net/wp-content/uploads/downloads/2011/12/Burns-Robert-Poesie-muratorie.pdf
http://www.esoteria.org/documenti/personaggi/robertburns.html#uno
http://www.paolomichelotto.it/blog/2009/01/04/petizioni-dei-cittadini-al-parlamento-in-scozia/
http://allpoetry.com/poem/8439173-A-Mans-A-Man-For-A-That-by-Robert_Burns

JAMIE, COME TRY ME

Una melodia con il titolo “Jamie, come try me” è stata pubblicata da James Oswald nella sua raccolta “Curious Scots tunes” (1744), la stessa melodia si trova nel III volume del “Musical Scots Museum” (1790)  al numero 238 pubblicata con il testo. Nelle note Robert Burns afferma di essere l’autore della parte testuale; in questo caso è bastato un titolo per suggerire a Burns una breve canzone: Jamie non è semplicemente un innamorato ma potrebbe essere Giacomo Francesco Edoardo Stuart, il figlio del deposto re Giacomo II d’Inghilterra, e la canzone alludere all’amore degli scozzesi cattolici per la dinastia Stuart (la questione giacobita vedi).

La protagonista è una donna “passionaria” che chiede a James di stare con lei ovvero invita il suo amante segreto a possederla, una richiesta piuttosto intima e diretta, decisamente insolita per i tempi (ma non per un poeta come Burns)!

LA MELODIA: UNA SLOW AIR CHE DIVENTA UN VALZER LENTO
Il brano è stato interpretato per lo più in versione strumentale, essendo una melodia molto dolce e lenta, perfetta per l’arpa celtica.

ASCOLTA Kim Robertson in “Highland Heart” 2006

ASCOLTA Brian MacNeill in “N 1 Scottish” 2007

Le versioni cantate sono di stampo “classico” con voci impostate al canto lirico; ma non mancano alcuni arrangiamenti decisamente più moderni, come quello di due scozzesi DOC entrambi provenienti dall’Ayrshire, la terra del Bardo Scozzese
Eddi Reader superba interprete di Robert Burns nelle sue note al Cd “Sings The Songs Of Robert Burns” scrive: “There is a beautiful traditional tune to this song and one day I shall sing it through but this version came out through reading the words and messing about with a guitar tuning. So I only sing a hint of the trad tune. I also improvised on the order of the lyrics. It came out that way and I stuck to it. The image of a lassie calling for ‘Jamie’ to come and be with her struck me as so empowering. Robert writing from a woman’s perspective.” (tratto da qui)

Eddi Reader non ha bisogno di tante presentazioni, dalla vocalità molto emotiva, profonda e pastosa che mi ricorda il colore ambrato e il sapore graffiante di un sorso di whisky: in questo brano in modo particolare la voce passa dall'acuto al sospiro e diventa quasi jazzistica. L'effetto d'insieme è quello del richiamo di un'amante quasi ossessionata dal desiderio.

ASCOLTA Eddi Reader in “Sings The Songs Of Robert Burns“, 2003

 

Jamie, come try me
come try me
Jamie, come try   me
Jamie, come try me
if thou would be my love, Jamie
if thou would kiss me love
wha could deny thee
if thou would be my lo-o-o-ove
Jamie If thou would kiss  me, love
wha could deny thee?
if thou would be my love, Jamie
if thou would kiss me love
wha could espy thee
if thou would be my love, ah Jamie
Jamie, come try me Jamie, Jamie ah, ah
if thou would be my love
if thou would kiss me love
if thou would be my love, Jamie
come try me, Jamie
ah, if thou would give me love, Jamie— Jamie, Jamie, Jamie, Jamie, Jamie, yeahJamie
Jamie, Jamie, Jamie, Jamie, Jam…
ah-ha, oh,
yeah, yeah
come try me
come try me
Jamie, come try me
Jamie, come try me
Jamie, come try me
wha could deny thee?
nabody
ach, Jamie


Traduzione italiano Cattia Salto
Jamie vieni a mettermi alla prova
vieni a mettermi alla prova
Jamie vieni a mettermi alla prova
Jamie vieni a mettermi alla prova
se tu volessi essere il mio amore, Jamie
se tu mi baciassi, amore
chi te lo proibirebbe?
Se tu volessi essere il mio amo-o-ore,
Jamie se tu mi baciassi, amore
chi te lo proibirebbe?
se tu volessi essere il mio amore, Jamie
se tu mi baciassi, amore
chi potrebbe scoprirti?
Se tu volessi essere il mio amore, Jamie
Jamie vieni a mettermi alla prova 
Jamie, Jamie ah,
se tu volessi essere il mio amore,
se tu mi baciassi, amore
se tu volessi essere il mio amore, Jamie
vieni a mettermi alla prova, Jamie
ah se tu volessi darmi amore, Jamie
Jamie, Jamie, Jamie, Jamie, yeahJamie
Jamie, Jamie, Jamie, Jamie, Jam…
ah-ha, oh,
yeah, yeah
vieni a provarmi
vieni a provarmi
Jamie a mettermi alla prova.
Jamie vieni a mettermi alla prova.
Jamie vieni a mettermi alla prova
chi te lo proibirebbe?
Nessuno
ah Jamie

O come la versione di Little Fire ovvero Jamie McGeechan, cantautore scozzese emergente dell’Ayrshire (per la sua pagina web in http://littlefiremusic.com/) che ha infuso il brano di sensualità e dolce innocenza

ASCOLTA Little Fire in Little Fire: Burns,   2012

VERSIONE ROBERT BURNS (1789) Chorus.
Jamie, come try me(1),
Jamie, come try me,
If thou would win my love,
Jamie, come try me.
I
If thou should ask my love,
Could I deny thee?
If thou would win my love,
Jamie, come try me!
II
If thou should kiss me, love,
Wha could espy thee?
If thou wad be my love,
Jamie, come try me!
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTORitornello
Jamie vieni a provarmi
Jamie vieni a provarmi
Potresti vincere il mio amore,
Jamie vieni a mettermi alla prova.Se tu mi chiedessi il mio amore,
potrei io negartelo?
Potresti vincere il mio amore,
Jamie vieni a provarmi!Se tu mi baciassi, amore,
chi potrebbe scoprirti?
Se tu volessi essere il mio amore,
Jamie vieni a mettermi alla prova.

NOTE
1) l’espressione “try me” implica una sfida, una provocazione per mettere in atto la reazione dell’altro, ma anche in modo più sfumato l’invito all’assaggio per decidere se continuare.

FONTI
http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-iii,-song-229,-page-238-jamie-come-try-me.aspx
http://www.eddireader.net/tracks/erJCTM.htm
http://digilander.iol.it/alfstone/eddi_reader.htm

ILLUSTRAZIONI:
http://littlefire.bandcamp.com/track/jamie-come-try-me

CAM YE O’ER FRAE FRANCE

Jacobite piperRe Giorgio I, della casata di Hannover, diventato re di Gran Bretagna nel 1714, all’età di 54 anni, non fu mai molto popolare in Inghilterra, senza parlare dei molti suoi sudditi scozzesi, ancora nostalgici del deposto Re Giacomo II.

Re Giorgio si portò due amanti da Hannover e il St. Jame’s Palace venne spesso descritto come un bordello. Così impegnato a trafficare con le sue amanti,  il re si era accorto molto tardi che anche la moglie Sofia era a sua volta “corteggiata” dal bel Conte Philipp Christoph von Königsmarck di Svezia: i due, anni prima, avevano progettato una fuga d’amore, ma il corpo del conte, probabilmente ucciso dai sicari del futuro Re, non fu mai ritrovato..
La principessa Sofia Dorotea di Celle dopo la tentata fuga con il suo amante venne ripudiata e imprigionata per il resto della sua vita (aveva 32 anni), i detrattori ovviamente insinuano che il figlio Giorgio Augusto (il futuro Giorgio II) sia nato proprio da quel rapporto adulterino!!

LA QUESTIONE GIACOBITA ATTO I

Giacomo Francesco Edoardo Stuard tentò di riprendersi il trono per due volte nel 1708 e nel 1715  con l’appoggio di John Erskine, conte di Mar. Nel 1713 Lord Mar fu eletto Ministro di Stato britannico dal partito dei Conservatori, così quando al trono salì re Giorgio, sebbene avesse giurato lealtà al sovrano, venne privato della sua carica. Incontratosi con un gruppo di Highlanders il 6 settembre 1715 presso Braemar,  nominò ufficialmente il Principe Giacomo Edoardo re di Scozia, Inghilterra e Francia con il nome di Giacomo VIII di Scozia (e Giacomo III d’Inghilterra e d’Irlanda). Con questa chiamata alle armi iniziò l’insurrezione giacobita che si concretizzò con la mobilitazione dei clan delle Highlands centrali e occidentali accomunati dai dissapori per l’Unione del Regno di Scozia con l’Inghilterra. L’insurrezione terminò con la Battaglia di Sheriffmuir, 13 novembre 1715, in sostanza con un nulla di fatto.
Al calare dell’oscurità entrambi gli eserciti tornarono ai rispettivi accampamenti, e il giorno seguente gli Highlanders si ritirarono e i governativi comandati dal Duca di Argyle tornarono a Stirling. Nel 1717 venne concesso, con l’Act of Grace un generale perdono a tutti gli Highlanders che parteciparono all’insurrezione.
The Old Pretender passò il resto della sua vita dorata in esilio prima in Francia e poi dal 1717 in Italia.
Per un quadro d’insieme dei personaggi vi rimando alla tabella qui

GUIDA ALL’ASCOLTO

Qualcuno ha notato la somiglianza della melodia di “The Rocky Road to Dublin” con ‘Cam Ye Ower Frae France’, ovvero ‘The Keys of the Cellar’ nella sua versione da danza.
Tutto quello che si poteva scrivere in merito al canto scozzese, una rebel song di stampo giacobita, viene dalla penna di James Prescott, al cui articolo rimando per ogni approfondimento, anche bibliografico (vedi)

ASCOLTA Tannahill Weavers in The Old Woman’s Dance 1978 con un cambio di tempo nella strofa finale
ASCOLTA Arany Zoltan (molto bello il video)

ASCOLTA Steeleye Span (mi piacciono molto queste modernizzazioni dei brani antichi, nulla togliendo alle riproposizioni filologiche)

E che dire di questa versione barbarica?!
ASCOLTA Fabula in Cult-ur (ma anche live ASCOLTA)


I
Cam ye o’er frae France?
Cam ye down by Lunnon?
Saw ye Geordie Whelps(1)
and his bonny woman?
Were ye at the place
ca’d the Kittle Housie(2)?
Saw ye Geordie’s grace(3)
riding on a goosie(4)?
II
Geordie, he’s a man
there is little doubt o’t;
He’s done a’ he can,
wha can do without it?
Down there came a blade(5)
linkin’ like my Lordie;
He wad drive a trade
at the loom o’ Geordie(6).
III
Though the claith were bad(7),
blythly may we niffer;
Gin we get a wab,
it makes little differ.
We hae tint our plaid(8),
bannet, belt and swordie,
Ha’s and mailins braid—
but we hae a Geordie!
IV
Jocky’s(9) gane to France
and Montgomery’s lady(10);
There they’ll learn to dance:
Madam, are ye ready?
They’ll be back belyve belted,
brisk and lordly;
Brawly may they thrive
to dance a jig wi’ Geordie!
V
Hey for Sandy Don(11)!
Hey for Cockolorum(12)!
Hey for Bobbing John(13)
and his Highland Quorum(14)!
Mony a sword and lance
swings at Highland hurdie;
How they’ll skip and dance
o’er the bum o’ Geordie!

TRADUZIONE INGLESE
I
Came you over from France?
Came you down by London?
Saw you Geordie Whelps
and his bonny woman?
Were you at the place
called the Kittle Housie?
Saw you Geordie’s grace
riding on a goosie?
II
Geordie, he is a man
there is little doubt of it;
He’s done all he can,
who can do without it?
Down there came a blade
linking like my Geordie;
He pledge drive a trade
at the loom of Geordie.
III
Though the cloth were bad,
blythly may we haggle;
if we get a web,
it makes little differ.
We have lost our plaid,
bonnet, belt and swordie,
houses and farmlands braid—
but we have a Geordie!
IV
Scotsman is gone to France
and Montgomery’s lady;
There they’ll learn to dance:
Madam, are ye ready?
They’ll be back quickly belted,
brisk and lordly;
Brawly may they thrive
to dance a jig with Geordie!
V
Hey for Dandy Don!
Hey for a young cock!
Hey for Bobbing John
and his Highland Quorum!
Many a sword and lance
swings at Highland buttock;
How they’ll skip and dance
over the bum of Geordie!

NOTE
1) Re Giorgio I, whelp (presuntuoso) è un gioco di parole per richiamare guelph cioè l’appartenenza guelfa della casata di Hannover (retaggio Medievale)
2) perfetto eufemismo per un bordello ovvero il St. Jame’s Palace, la residenza principale di Giorgio I, e le sue amanti, nei primi anni del suo regno.
3) sua Grazia, re Giorgio I
4) diminutivo di oca, ma anche in senso spregiativo prostituta ovvero la favorita del re, la Contessa Ehrengard Melusina von der Schulenburg, poi duchessa di Kendal
5) letteralmente una “lama” ovvero conte Philipp Christoph von Königsmarck di Svezia, militare svedese amante di Sofia, l’unica moglie di re Giorgio. Nel 1694 i due stavano per fuggire dalla corte di Hannover pronti allo scandalo, ma il conte fu ucciso dai sicari (e il suo corpo non venne mai più trovato!!)
6) la principessa Sofia Dorotea di Celle, che dopo la tentata fuga con il suo amante venne ripudiata e imprigionata per il resto della sua vita (aveva 32 anni); si insinua che il figlio Giorgio Augusto sia nato dal rapporto adulterino
7) Giorgio Augusto futuro Giorgio II
8) gli Stuart
9) Giacomo Francesco Edoardo Stuard detto The Old Pretender
10) Maria Beatrice di Modena, moglie di Giacomo II e madre di Giacomo Francesco Edoardo. ‘Mr. Montgomery ‘era lo pseudonimo di Sidney Godolphin, devoto ciambellano della regina Maria d’Este diventato Lord Tesoriere sotto la regina Anna era rimasto un giacobita e corrispondeva con Maria di Modena in esilio.
11) il generale Alexander Gordon di Auchintool, giacobita
12) Alexander Gordon, marchese di Huntly, giacobita
13) John Erskine, conte di Mar Ministro di Stato britannico e giacobita
14) le riunioni dei giacobiti per pianificare la ribellione

TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Sei venuto dalla Francia?
Sei venuto da Londra?
Hai visto Giorgio Whelps(1)
e la sua donnina?
Sei stato nel posto
chiamato la “Volubile casetta“(2)?
Hai visto sua grazia Giorgio(3)
a cavallo di un ochetta(4)?
II
Giorgio, è un uomo
è fuori dubbio;
ha fatto tutto il possibile,
e chi può farne a meno?
Ci fu un cortigiano(5)
che agiva come il mio Giorgio;
e s’azzardò uno scambio
al telaio di Giorgio(6).
III
Anche se la stoffa era pessima(7),
allegramente possiamo tirare sul prezzo
se otteniamo una pezza
fa poca differenza.
Abbiamo perso il nostro plaid(8),
berretto, cinturone e spada,
case e  terreni da coltivare-
ma abbiamo un Giorgio!
IV
Lo scozzese(9) che è andato in Francia
e Lady Montgomery(10)
ci insegneranno a ballare:
Signora, voi siete pronta?
Torneranno presto abbracciati,
rapidi e magnifici;
bene possano essi condurre
una giga con Giorgio!
V
Evvia per Sandy Don(11)!
Evvia per il giovane galletto(12)!
Evviva per Bobbing John(13)
e il suo Club Highland(14)!
Più di una spada e di una lancia
pende dai fianchi scozzesi;
Essi salteranno e balleranno
sopra le natiche di Giorgio!

INTERPRETAZIONE
Re Giorgio aveva portato due amanti da Hannover e il St. Jame’s Palace viene descritto come un bordello

Nella seconda strofa si insinua l’illegittimità del suo erede, il futuro Giorgio II, concepito dalla   principessa Sofia in adulterio con il bel conte svedese (misteriosamente scomparso da corte e mai più ritrovato).

Nella terza strofa si allude all’animosità fra Giorgio I e Giorgio Augusto, che per la Scozia sono  comunque della stessa stoffa.

La quarta strofa è un’incitazione alla lotta e la quinta un brindisi o un applauso per i capi   giacobiti della rivolta, con la promessa di una vittoria gloriosa.

THE KEY TO THE CELLAR

La “Chiave della cantina” è una English Country Dance preveniente forse dal Northumbria, in 3/2 ovvero la melodia della rebel song ‘Cam Ye Ower Frae France’. Con il titolo di “The Marchioness of Tweed-dale’s Delight” è stato pubblicato nella collezione di Niel Gow “Second book of strathspeys” del 1803.

Buone versioni strumentali
ASCOLTA Gwendal

ASCOLTA Liz Donaldson in English Echoes: English Country Dance Favorites 2007 (in versione integrale su Spotify)

La danza non compare sull’English Master di Playford e quella che si conosce ora è stata creata da Jenny Beer nel 2004 e pubblicata nel libro di Allison Thompson “Dances from Barns Two
VIDEO

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/ye-jacobites.htm
http://www.telusplanet.net/public/prescotj/data/music/camyeoer.html
http://www.lookandlearn.com/blog/21808/george-i-a-detestable-man-and-unloved-king/
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/DTCYOFF.htmlhttp:
//www.fresnostate.edu/folklore/ballads/DTCYOFF.html

http://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/camyeoerfraefrance.html
http://en.wikipedia.org/wiki/Descendants_of_James_VI_and_I
http://www.thesonsofscotland.co.uk/thebattleofsheriffmuir1715.htm
http://thesession.org/tunes/8145

A NATION ONCE AGAIN

Uno dei più celebri canti patriottici, l’inno alla libertà per l’Irlanda costretta a vivere sotto il governo inglese.

La canzone, fu composta da Thomas Osborne Davis (1814-1845), poeta e patriota irlandese. Egli fu uno dei fondatori della Young Ireland (Éire Óg) e del rispettivo settimanale “The Nation”.
Di confessione anglicana riteneva che l’Irlandesità non dipendesse dal sangue o dalla fede professata, ma dalla volontà di far parte della nazione irlandese.


La Young Ireland in un secondo tempo abbracciò la strada della violenza e, sulla scia dello spirito rivoluzionario europeo, nel luglio 1848 organizzò un tentativo di insurrezione guidando una rivolta dei contadini, per lo più gente disperata e affamata dalla Grande Carestia alla ricerca di cibo da saccheggiare, che irlandesi desiderosi di combattere contro la Britannia. La repressione della rivolta segnò anche la fine del movimento.

irish_flagC’è da dire però che in quell’occasione sventolò la bandiera tricolore creata dai “Young Irelanders” diventata poi la bandiera nazionale nel 1922 con lo Stato Libero d’Irlanda: il verde per i cattolici, l’arancio per i protestanti e il bianco in mezzo per simboleggiare la pace tra di loro (bandiera chiaramente ispirata al tricolore francese).

davisTHOMAS OSBORNE DAVIS

tratto da “Lives of 113 Great Irishmen and Irishwomen” di Art Byrne e Sean McMahon (mia traduzione)

Nato il 14 October a Mallow, contea di Cork ha trascorso la maggior parte della sua vita a Dublino. Morto di scarlattina il 16 settembre 1845 fu sepolto nel Mount Jerome Cemetery di Dublino.

Tenne un discorso nel 1840 all”‘Historical Association of Trinity College”, durante il suo ultimo anno di studi di legge, dicendo frasi come ” Gentlemen, you have a country…I do not fear that any of you will be found among Ireland’s foes… Your country will, I fear, need all your devotion…She has no foreign friends….Beyond the limit of green Erin there is none to aid her”

Davis sapeva che lo scopo della sua vita era quello di far diventare l’esangue Irlanda “a nation once again“.
Tra il pubblico quella sera c’era John Blake Dillon che si sentiva come Davis. Gli presentò un uomo di Cavan, il giornalista John Gavin Duffy, e insieme progettarono di dare vita a un periodico “The Nation”, il cui primo numero apparve il 15 ottobre 1842. Lo scopo era di insegnare “NATIONHOOD” (il concetto di Nazionalità) a un popolo oppresso. Davis ha spesso pubblicato su vari argomenti (dalle Round Towers alle Risorse Economiche). Era un forte sostenitore della lingua irlandese ” to lose your native tongue and learn that of an alien is the worst badge of conquest – it is a chain on the soul“.
Era stanco anche del generale senso di sconforto e cercò di risollevare il nazionalismo con ballate commoventi sulle vecchie glorie d’Irlanda come ” Clare’s Dragoons”, “Fontenoy”, “The Wests Awake” e la sua più famosa poesia ” A Nation Once Again”
Con the Nation, lui e i suoi amici iniziarono il processo che ha portato l’Irlanda al ripristino dei valori morali e nazionali. Non visse abbastanza a lungo per vedere gli effetti del suo primo lavoro, morendo alla giovane età di 31 anni. La Young Ireland che contribuì a creare dovette affrontare la terribile carestia della degli anni 1840 e molte battute d’arresto, ma i semi di una nazione che piantò furono ben saldi e sopravvissero per trionfare.

L’ASCOLTO: A NATION ONCE AGAIN

La poesia fu pubblicata sul “The Nation” nel 1844 e l’anno successivo fu raccolta insieme alle altre, sempre di stampo nazionalistico, in un libro intitolato “The Spirit of the Nation” e musicata per l’occasione (vedi).
Lo spartito si trova a pagina 272 e non è indicato il compositore. Il testo manca di ritornello presente invece in ‘Irish Songs of Resistance‘ di Patrick Galvin (1962). Anche la melodia riportata da Galvin è diversa e mancante della IV strofa.

Morto trentenne, Thomas Osborne Davis oltre che imbevuto di studi classici, era un romantico “tout court”, che si adoperava per un’Irlanda unita e libera; nella poesia egli dichiara di essere pronto a sacrificare la sua vita (le sue aspettative di carriera e di farsi una famiglia) per il bene dell’Irlanda, e si vota a una missione più
alta come se fosse ad un servizio divino! (era chiaramente, figlio del suo tempo)

Quando nel 1913 la Camera dei Comuni approvò la Home Rule, che concedeva un’indipendenza seppur ridotta all’Irlanda, tutta Dublino esultò alla notizia cantando questa ballata. Come diceva Davis “Una buona canzone vale più di mille arringhe

ASCOLTA the Dubliners (strofe I, II, IV)

ASCOLTA The Wolf Tones (strofe I, III, IV)


I
When boyhood’s fire was in  my blood,
I read of ancient freemen,
for Greece and Rome, who bravely stood,
Three hundred men and three men,(1)
And then I prayed I yet   might see
Our fetters(2) rent in twain,
And Ireland long a province, be
A nation once again.
Chorus:
A nation once again
A nation once again
And Ireland long a province be
A nation once again.
II
And from that time through wildest woe,
That hope has shone a far light;
Nor could love’s brightest summer glow
Outshine that solemn starlight
It seemed to watch above my head(3)
In forum, field and fane(4);
Its angel voice sang round my bed,
‘A nation once again’.
III
It whisper’d too, that freedom’s ark
And service high and holy,
Would be profaned by feelings dark
And passions vain or lowly;
For, Freedom comes from God’s right hand,
And needs a Godly train;
And righteous men must make our land
A Nation once again!
IV
So as I grew from boy to man,
I bent me to that bidding.
My spirit of each selfish plan
And cruel passion ridding;
for thus, I hoped some day to aid
Oh, can such hope be vain?
When my dear Country shall be made
‘A nation once again’.
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
I
Quando il fuoco della fanciullezza scorreva nelle vene,
leggevo di antichi uomini liberi
che si batterono valorosi per la Grecia e per Roma, i 300 e i 3 uomini,(1)
allora pregai di riuscire a vedere
le nostre catene spezzate in due
e l’Irlanda a lungo una provincia, essere
di nuovo nazione.
RITORNELLO
Di nuovo nazione,
di nuovo nazione,
l’Irlanda a lungo provincia è
di nuovo nazione
II
Da allora passando la più grande pena,
quella speranza ha fatto brillare una luce lontana; né poteva l’estate dell’amore più luminoso ardere e offuscare quella luce solenne di stella, mi è sembrato di guardare dall’alto(3), al tribunale, alle terre e alla chiesa;
un angelo cantava intorno al mio letto “Di nuovo una nazione”
III
Sussurrava anche, quell’arca della libertà,
che il servizio celeste e santo
potrebbe essere profanato da oscuri sentimenti, e da passioni vane o infime;
che Libertà viene dalla mano destra di Dio
e ha bisogno di una spinta divina;
noi uomini giusti
dobbiamo far diventare la nostra terra, di nuovo una Nazione!
IV
Così mentre crescevo da ragazzo a uomo, ho obbedito a quel richiamo
ho liberato il mio spirito da ogni interesse egoistico e passione crudele
perciò speravo un giorno di essere d’aiuto. Oh, può essere tale speranza vana? Quando il mio amato Paese diventerà “Di nuovo una nazione”

NOTE
1) i 300 spartani che rallentarono l’avanzata dei persiani alle Termopili nel 480 a.C. a costo della vita, esempio di eroico sacrificio per la libertà delle città greche.
In merito ai 3 alcuni ritengono che si riferisca ai tre gemelli Orazi che combatterono per Roma contro i tre gemelli di Albalonga. Più una leggenda che un fatto storico riportato da Tito Livio secondo il quale nel VII secolo a.C. per dirimere la lotta tra Roma e Albalonga, si concordò un duello, gli Orazi contro i Curiazi, due degli Orazi vengono subito uccisi e il terzo giocando d’astuzia finge di scappare, nell’inseguimento i tre Curiazi si distanziarono tra loro, essendo due di essi feriti anche se non gravemente. L’Orazio così si volta repentinamente verso il primo nemico e lo uccide poi si rimette a correre e così via fino a uccidere anche il terzo Curiazio. La citazione sulle gloria di Roma a mio avviso non è molto calzante e si dovrebbe intendere come Orazi=Inglesi con le loro mire espansionistiche e imperiali e Curiazi=Irlandesi, anche se ci fanno la figura degli ingenui e tutti parteggiano per il terzo Orazio! Il contesto in questo caso è ovviamente sbagliato perchè furono i Romani (all’inizio delle loro mire espansionistiche) ad attaccare Albalonga e a distruggerla.
In effetti nella nota alla poesia in “The Spirit of the Nation” si fa riferimento al Ponte Sublicio e a tre romani. La leggenda – sempre da Tito Livio – riferisce che, Orazio Coclite mitico eroe romano del VI sec a.C., difese il ponte che conduceva a Roma dagli Etruschi di Chiusi, impedendone l’avanzata. Inizialmente i romani erano tre: Orazio Coclite (da un occhio solo), Spurio Larcio e Tito Erminio. Così lottarono fianco a fianco contro l’orda dei nemici, mentre i compagni demolivano il ponte; poi Orazio costrinse gli altri due a mettersi in salvo e ultimo rimase in mezzo al ponte in attesa del crollo. Gli autori latini dissentono sul finale, secondo Polibio egli affogò nel Tevere, secondo Tito Livio riuscì a salvarsi a nuoto e a raggiungere Roma, dove gli vennero tributati gli onori.

Orazio Coclide che difende il ponte di Roma

2) fetters: “catene” termine obsoleto e aulico utilizzato prevalentemente in poesia
3) letteralmente “mi è sembrato di guardare oltre la mia testa
4) fane: termine arcaico per indicare un tempio o una chiesa dal latino fanum

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=17283
http://thesession.org/tunes/8124

BOOLAVOGUE

E’ il titolo di un canto patriottico irlandese (rebel song) scritto da Patrick Joseph McCall (1861–1919) nel 1898 per commemorare il centenario della Ribellione Irlandese del 1798.
Boolavogue è un piccolo paese nella diocesi cattolica di Ferns passato alla storia per le gesta di Padre Murphy che vi risiedeva come parroco.

LA RIBELLIONE IRLANDESE DEL 1798

united-irishLa rivolta durò una breve stagione dal maggio al settembre del 1798 e venne chiamata con il nome di “United Irishmen Rebellion” perché condotta da un gruppo politico denominato Society of United Irishmen ovvero un gruppetto di intellettuali e di eminenti cittadini per lo più di confessione presbiteriana e anglicana che volevano riunire tutti gli Irlandesi (senza distinzione di fede) in una repubblica indipendente. continua

LA RIBELLIONE A WEXFORD

murphyNella contea di Wexford (Irlanda Sud-Est) i ribelli (mobilitati in grande numero) sconfissero i governativi a maggio, nella prima fase della rivolta. Uno dei capi dei ribelli fu Padre John Murphy parroco di Boolavogue (dal 1785), lui non era un affiliato della Society of United Irishmen, ma un semplice prete di campagna che durante i primi fallimenti della ribellione esortava i suoi parrocchiani a cedere le armi e a dichiarare la loro fedeltà alla Corona, convinto che il nazionalismo irlandese avrebbe dovuto ottenere le riforme con mezzi pacifici.

Ha cambiato opinione dopo che gli Yeomen nella notte del 27 maggio hanno bruciato la sua chiesa (per la verità una cappella di paglia) e alcune case del paese! Pare che consigliasse allora alla gente “di morire coraggiosamente in battaglia piuttosto che essere massacrata nella propria casa“.
Nel 1798 Padre Murphy aveva 45 anni ed era ancora un uomo possente, agile e di piccola statura. Diventato il capo dei ribelli del sua paese, seppe condurre la gente comune, inesperta e equipaggiata alla meglio alle vittorie di Oulart Hill, The Harrow, Camolin, Ferns e Enniscorthy.
Fu a Wexford (abbandonata dagli Inglesi in fuga) che l’esercito sempre più numeroso dei ribelli si diede una struttura di comando: Bagenal Harvey, un ricco protestante e leader degli Irlandesi Uniti di Wexford, liberato dal carcere, assunse il ruolo di comandante generale. L’esercito venne diviso in tre gruppi e al gruppo in cui era Padre Murphy venne dato l’ordine di prendere Gorey e Arlow. Ad Arlow però i ribelli furono sconfitti e ricevettero l’ordine dal nuovo comandante in capo padre Philip Roche di ripiegare a Vinegar Hill dove era stato montato il campo centrale dell’esercito.
La collina fu lo scontro di una battaglia il 21 giugno che infranse le speranze della repubblica di Wexford: da allora i ribelli si dispersero in azioni di guerriglia e razzie che si trascinarono fino agli inizio dell’Ottocento. 

Padre Murphy, Miles Byrne ed i resti dell’esercito irlandese di Wexford cercarono di ricollegarsi agli altri gruppi ribelli nelle Midlands, per attendere l’arrivo della fantomatica spedizione francese mandata in soccorso all’Irlanda; separatosi dal gruppo nei pressi di Scullogue Gap padre Murphy fu intercettato nella campagna di Tullow contea di Carlow, il 2 luglio: venne catturato e brutalmente ucciso (picchiato, impiccato, bruciato e impalato). Così come sempre quando la malvagità arriva all’apice John Murphy è stato trasformato in martire e eroe e non sarà mai dimenticato. I resti carbonizzati del suo corpo sono sepolti nel cimitero cattolico di Ferns.

GUIDA ALL’ASCOLTO

Il testo della canzone riesce a riassumere la rivolta di Wexford in poche strofe dense di storia, accompagnate da una vecchia melodia irlandese, una slow air dal nome “Calad n-Eocaill” o anche “Eochaill” (“Youghal Harbour“) vedi
Boolavogue è un brano diventato subito popolare ed è quasi un inno per la contea di Wexford, ieri come oggi è cantata dalla gente irlandese anche se negli arrangiamenti più recenti si tende a tagliare la V e la VI strofa
ASCOLTA The Dubliners con la voce di Jim McCann (strofe da I a IV e VII, VIII)

ASCOLTA The High Kings in Memory Lane (strofe da I a IV e VII, VIII)

I
At Boolavogue as the sun was setting
O’er the bright May meadows of Shelmalier,
A rebel hand set the Heather blazing
and brought the neighbours from far and near.
II
Then Father Murphy(2) from old Kilcormack(3)
Spurred up the rocks with a warning cry:
‘Arm! Arm!’ he cried, ‘For I’ve come to lead you;
For Ireland’s freedom we’ll fight or die!'(4)
III
He led us on against the coming soldiers,
And the cowardly yeomen(7) we put to flight:
‘Twas at the Harrow(1) the boys of Wexford
Showed Bookey’s regiment(5) how men could fight.
IV
Look out for hirelings, King George of England;
Search every kingdom where breathes a slave,
For Father Murphy of County Wexford
Sweeps o’er the land like a mighty wave.
V
We took Camolin(1) and Enniscorthy(1)
And Wexford storming drove out our foes
‘Twas at Slieve Coilte our pikes were reeking(6)
With the crimson blood of the beaten Yeos(7).
VI
At Tubberneering(1) and Ballyellis(1)
Full many a Hessian(8) lay in his gore,
Ah! Father Murphy had aid come over(9)
The green flag floated from shore to shore!
VII
At Vinegar Hill(10), o’er the pleasant Slaney(11)
Our heros vainly stood back to back,
and the Yeos at Tullow took Father Murphy
and burned his body upon a rack.(12)
VIII
God grant you glory, brave Father Murphy
And open Heaven to all your men,
The cause that called you may call tomorrow
In another fight for the Green(13) again.

NOTE
1) tutte località sede di scontri vittoriosi per i ribelli. Nel pomeriggio del 27 maggio (la domenica di Pentecoste) un migliaio di ribelli si erano uniti a Oulart Hill, erano male armati, alcuni con picche e armi da fuoco, ma la maggior parte con forconi e falcetti, eppure sconfissero la milizia e gli yeomen. Il 29 maggio 5000 ribelli conquistarono la cittadina di Enniscorthy. Dopo pochi giorni l’esercito ribelle era arrivato a 15.000 uomini.
2) in realtà all’epoca Murphy era chiamato semplicemente “Mister Murphy” perchè l’appellativo di Padre divenne una consuetudine per i preti irlandesi sono nel 1860
3) Kilcormuck è il comune a cui fa riferimento la località di Boolavogue, nella baronia di Shelmaliere ovvero il luogo dei discendenti di Maol Lughra, il cuore della ribellione nella contea di Wexford
murphy-flag4) la bandiera di padre Murphy era un vessillo verde con una croce bianca al centro e la scritta “Libertà o Morte”
5) il tenente Thomas Bookey, era il capo della Camolin Cavalry nella zona di Boolavogue, un membro della piccola nobiltà locale. Bookey è stato ucciso nell’incursione a Boolavogue
6) sulla cima di Slieve Coillte c’è un monumento commemorativo della battaglia. La postazione era stata scelta dai ribelli come ottimo punto d’osservazione trovandosi a quasi 900 mt. Un altro monumento eretto nel 1998 a Ballysop reca la targa con la citazione di questa frase
7) Yeos è il diminutivo con cui venivano chiamati gli Yeomen : originariamente il nome dato ai coltivatori diretti inglesi del XVII secolo che fornirono soldati per lo più nel corpo a cavallo dell’esercito inglese. Nel 1790 vennero formati i reggimenti Yeomen in risposta alla minaccia rappresentata dalla Francia in seguito alla rivoluzione francese. Era una forza riservista e volontaria, composta principalmente da piccoli agricoltori e proprietari terrieri che erano fedeli alla Corona. Essi si trovavano in tutta la Gran Bretagna, ma fu in Irlanda, che vennero coinvolti come prima linea di difesa contro i ribelli. Qui indica una unità militare britannica la Camolin Cavalry. Occorre osservare che le yeomanry nel XVIII secolo erano composte anche da volontari irlandesi, per lo più orangisti ovvero appartenenti all’Orange Order. Tra le forze governative c’era anche la milizia del North Cork composta però da cattolici che per dimostrare di non essere dalla parte dei ribelli si diede alle consuete brutalità.
8) hessian sta per indicare il mercenario nome o aggettivo dato a un signore della guerra germanico anche più in generale sinonimo di barbaro
9)  l’aiuto francese tanto promesso arrivò troppo tardi e in numero scarso: un migliaio di soldati francesi occuparono una parte della contea di Mayo, ma finirono per arrendersi alle forze inglesi. Wolfe Tone che era sbarcato con i francesi preferì la cattura alla fuga e si suicidò poco dopo in carcere.
10) i ribelli furono sconfitti nella battaglia di Vinegar Hill appena fuori Enniscothy
11) Slaney è il fiume che attraversa Enniscothy
12) Padre Murphy e il suo compagno James Gallagher vennero portati a Tullow dove furono condannati a morte. James Gallagher è stato spogliato e frustato davanti a Murphy, prima di essere impiccato. Nella piazza del mercato di Tullow, Murphy fu brutalmente picchiato, spogliato dei suoi vestiti e impiccato. Eppure gli Inglesi non seppero mai i nomi dei due uomini catturati.
Il corpo di Padre Murphy venne sottoposto ad un ulteriore profanazione, poiché dalla stola trovata indosso sapevano che era un sacerdote: prima fu decapitato e il suo cadavere fu bruciato in un barile di catrame davanti alla casa di una famiglia cattolica (costretta a tenere le finestre di casa aperte per far entrare il “Santo Fumo”). La testa fu impalata su uno spuntone di fronte alla Chiesa cattolica, come monito per tutti gli altri che ribelli.
13) l’Irlanda la verde

TRADUZIONE ITALIANO CATTIA SALTO
I
A Boolavougue al tramonto del sole
sopra i prati primaverili di Shelmalier
una mano ribelle coglieva l’erica,
tracciava per far radunare il vicinato
II
Allora Padre Murphy(2) della vecchia Kilcormack(3), incitava dalle alture con un grido d’avvertimento
“Alle armi – urlava – che sono venuto a guidarvi;
per la libertà d’Irlanda noi combatteremo o moriremo”
III
Ci guidò contro i soldati in arrivo
e il vile cavalleggero(7) mettemmo in fuga:
fu ad Harrow(1) che i ragazzi di Wexford
mostrarono al reggimento di Bookey(5) come combattono gli uomini.
IV
Cercate i mercenari, re Giorgio d’Inghilterra
cercateli in ogni regno dove respira uno schiavo
che Padre Murphy della contea di Wexford
si abbatte sulla terra come un’onda possente.
V
Prendemmo Camolin ed Enniscorthy(1)
e lo stormo di Wexford cacciò via i nostri nemici,
fu a Slieve Coilte che le nostre picche puzzarono(6)
del sangue cremisi degli Yeos(7) sconfitti
VI
A Tubberneering e Ballyellis (1)
un gran numero di mercenari(8) giacevano nel sangue,
Ah! Padre Murphy aspettava un aiuto (9),
la bandiera verde sventolava da costa a costa
VII
A Vinegar Hill(10) sul bel Slaney(11)
i nostri eroi invano stavano schiena contro schiena
e gli Yeos a Tullow presero Padre Murphy
e arsero il suo corpo in un barile(12).
VIII
Dio ti conceda la gloria, coraggioso Padre Murphy
e spalanchi il Paradiso a tutti i tuoi uomini,
la causa che hai invocato tu si potrà invocare domani
in un’altra lotta ancora per l’Irlanda(13).
FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=48361&lang=it
http://thesession.org/tunes/5322
http://thesession.org/tunes/2173
http://www.irishmusicdaily.com/boolavogue
http://multitext.ucc.ie/d/The_1798_Rebellion_in_Wexford
http://www.historyireland.com/18th-19th-century-history/the-military-strategy-of-the-wexford-united-irishmen-in-1798/
http://homepage.eircom.net/~horeswoodns/slieve_coillte.htm

ILLUSTRAZIONI
probabile ritratto di Padre Murphy
la bandiera di Padre Murphy dalle tavole di F. G. Thompson