The Night Visiting Song

This is the traditional Irish version of a typical “night-visiting song” in which the lover knocks on his girlfriend’s window and is let into the bedroom at night; however, to read between the lines, it is also a revenant ballad. The song takes up “The Gray Cock” without however the more directly explicit stanzas to the condition of ghost lover and to the cock’s call of the at dawn.
Questa è la versione irlandese tradizionale di una tipica night-visiting song”  in cui l’amante bussa alla finestra della fidanzata e viene fatto entrare nella camera da letto nottetempo; tuttavia, a leggere tra le righe, e anche una revenant ballad. Nella sua struttura riprende “The Gray Cock” senza però le strofe più direttamente esplicite alla condizione di redivivo dell’amante e al canto del gallo all’alba

A very similar version is titled  I’M A ROVER SELDOM SOBER
Una versione molto simile è intitolata I’M A ROVER SELDOM SOBER

Ray Fisher ‘Traditional Songs of Scotland’, 1991.

Luke Kelly live 1973

Halali

Kate Rusby


I=VI (1)
I must away now, I can no longer tarry
This morning’s tempest(2) I have to cross
I must be guided without a stumble
Into the arms I love the most
II
And when he came to his true love’s dwelling
He knelt down gently upon a stone (3)
And through her window he’s whispered lowly/Is my true love within at home?
III
Wake up, wake up love, it is thine own true lover
Wake up, wake up love, and let me in
For I am tired love and oh, so weary
And more than near drenched to the skin (4)
IV
She’s raised her off her down soft pillow
She’s raised her up and she’s let him in
And they were locked in each others arms
Until that long night (5) was past and gone
V
And when that long night was past and over
And when the small clouds began to grow
He’s taken her hand and they’ve kissed and parted
Then he saddled and mounted and away did go
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Dove andare non posso restare più a lungo
questa tempesta mattutina devo attraversare
Sarò guidato senza passi falsi 
tra le braccia di chi amo tantissimo” 
II
Quando venne alla dimora del suo vero amore, si inginocchiò piano sulla pietra
e dalla finestra sussurrò piano
“Amore mio, sei in casa?”
III
Sveglia, sveglia amore c’è qui il tuo innamorato,
Sveglia, sveglia amore, e fammi entrare
perchè sono stanco amore e affaticato
e inzuppato fino all’osso
IV
Lei sollevò la testa dal suo morbido cuscino
si sollevò e lo lasciò entrare
e si tennero stretti tra e braccia uno dell’altro
finchè la lungo notte passò e finì
V
E quando quella lunga notte passò e finì
e quando le nuvole tte iniziarono ad aumentare, lui le prese la mano e si baciarono e si separarono
poi lui montò in sella e se ne andò via

NOTE
1) the first two stanzas take up the version of Mrs. Cecilia Costello “The Gray Cock” [le prime due strofe riprendono la versione della signora Cecilia Costello “The Gray Cock”]
2) in Mrs Costello’s, the lover has to cross ‘the burning Thames’, while in Bill Cassidy’s it is ‘the burning mountains’,symbolising the difficulty of the dead returning [nella signora Costello, l’amante deve attraversare “il Tamigi che brucia”, mentre in Bill Cassidy sono “le montagne in fiamme”, a simboleggiare la difficoltà dei morti a ritornare tra i vivi]
3) those who come to visit from the Other Celtic World (where they lived according to the passage of time enchanted – one day at Fairy corresponds to a terrestrial year) not they must rest their feet on the ground because otherwise they are reached by the earth age
“Senza posare piede” sono espressioni che stanno a indicare una vecchia credenza popolare: coloro che vengono in visita dall’Altro Mondo Celtico (dove hanno vissuto secondo lo scorrere del tempo fatato – un giorno presso Fairy corrisponde ad un anno terrestre) non devono posare i piedi sul suolo perchè altrimenti vengono raggiunti dall’età terrestre
4) I translated the expression according to the equivalent idiomatic phrase in Italian: in the ballad “The Gray Cock” William is wet because he presumably died drowned, here it is supposed to be bad weather; one of the pretexts shared in night songs to open the door to the sleeping girl is precisely that of the cold and rainy night.
ho tradotto l’espressione secondo l’equivalente frase idiomatica in italiano: nella ballata “The Grey Cock” William è bagnato perchè presumibilmente è morto annegato, qui si suppone che si tratti del cattivo tempo; uno dei pretesti condivisi nelle night songs per far aprire la porta alla fanciulla dormiente è proprio quello della notte fredda e piovosa.
5) Winter solstice night  [la notte è quella del solstizio d’inverno]

https://mainlynorfolk.info/folk/songs/thenightvisitingsong.html
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=127524
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=126650

The Pressers by Mary Brooksbank

  Leggi in italiano

“The Pressers” is an anti-war song of the Scottish tradition reworked by Mary Brooksbank of Dundee on a text dating back to the Napoleonic wars. From the memory of a part of the song that she had learned as a child, Mary Brooksbank (1897-1978) expresses the anti-militarist sentiment of certain socio-cultural circles that have gathered around the folk revival of the 1960s.
A young peasant girl is in sore because her love has disappeared, ended up in a raid of the press gang and enlisted to fight and die in who knows what battlefield under the cannons of Napoleon Bonaparte.

THE WHITE SLAVES

It was the abolitionists who underlined the analogy between the slaves in the cotton plantations and the soldier (or the soldier-sailor), a prisoner in a military uniform: in the army the power relations are those of the master-servant, servants are the poor indigent and masters are the officers who often do not even try to disguise their contempt for the troops on which they exercise undisputed power of life and death.
Ray Fisher from “Willie’s Lady”, 1982


I
There is nocht in this wide world
but sorrow and care,
I weary (1) on Johnnie,
but Johnnie’s no there.
Sae waesome and dowie,
I feel like tae dee
Since the pressers (2) 
hae stolen my laddie fae me.
II
I look aroond the steading,
but Johnnie’s nae there,
At toil in the hairst field (3),
my hert it feels sair.
When I look tae yon high hills,
a tear blinds my e’e
Since the pressers
hae stolen my laddie fae me.
III
For he’s far ower yon high hills
and syne ower the sea
I ken nowhere my ain dear
laddie micht be.
In some foreign battlefield
maybe he’ll dee
Oh, curse on ye, Boney (4),
took my laddie fae me.
IV
Now the bonnie larks
singing mocks me in my care
But I’ll go on still hoping
till grey grows my hair.
Oh, ye wild winds a blowing
far ower the sea
Will ye blow back my bonnie
lad Johnnie tae me.

English translation Cattia Salto
I
There is nothing in this wide world
but sorrow and care,
I weary on Johnnie,
but Johnnie’s no there.
So woeful and mournful,
I feel like to die
Since the pressers
have stolen my boy from me.
II
I look around the steading,
but Johnnie’s no there,
At toil in the harvest field,
my heart it feels sore.
When I look to yon high hills,
a tear blinds my eye
Since the pressers
have stolen my boy from me.
III
For he’s far over yon high hills
and then over the sea
I know nowhere my own dear
boy might be.
In some foreign battlefield
maybe he’ll die
Oh, curse on you, Boney,
took my boyfrom me.
IV
Now the pretty larks
singing mocks me in my care
But I’ll go on still hoping
till grey grows my hair.
Oh, you wild winds a blowing
far over the sea
Will you blow back my bonny
lad Johnnie to me.

NOTES
1)referring to sadness and dispiritedness rather than exhaustion as in Eng.
2) Impressment, colloquially, “the press” or the “press gang“, refers to the act of taking men into a military or naval force by compulsion
3) the harvest was carried out by traveling teams of seasonal laborers who moved to the large Scottish Lowland farms.
4) Boney is for Napoleon. The origin of the name is perhaps “the Lion of Naples”

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/arthur-mcbride.htm
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/thepressers.html
https://www.folk-legacy.com/store/Scripts/prodView.asp?idproduct=129

The Pressers

Read the post in English  

“The Pressers” è una anti-war song della tradizione scozzese rielaborata da Mary Brooksbank di Dundee su di un testo risalente quanto meno all’epoca delle guerre napoleoniche. Dal ricordo di una parte della canzone che aveva imparato da bambina Mary Brooksbank (1897- 1978) esprime il sentimento anti-militarista di certi ambienti socio-culturali aggregatisi intorno al folk revival degli anni 60.
Una giovane contadinella si dispera perchè il suo ragazzo è scomparso, è finito in una retata delle press gang ed arruolato forzosamente per combattere e morire in chissà quale campo di battaglia sotto i cannoni di Napoleone Bonaparte.

GLI SCHIAVI BIANCHI

Furono gli abolizionisti a sottolineare l’analogia tra gli schiavi nelle piantagoni del cotone e il soldato (o il marinaio-soldato), un detenuto in uniforme militare: nell’esercito i rapporti di potere sono quelli del padrone-servo, servi sono i poveracci indigenti e padroni sono gli ufficiali che spesso non cercano nemmeno di dissimulare il loro disprezzo verso la truppa su cui esercitano un potere indiscusso di vita e di morte.
Ray Fisher in “Willie’s Lady”, 1982


I
There is nocht in this wide world
but sorrow and care,
I weary on Johnnie,
but Johnnie’s no there.
Sae waesome and dowie,
I feel like tae dee
Since the pressers (1) 
hae stolen my laddie fae me.
II
I look aroond the steading,
but Johnnie’s nae there,
At toil in the hairst field (2),
my hert it feels sair.
When I look tae yon high hills,
a tear blinds my e’e
Since the pressers
hae stolen my laddie fae me.
III
For he’s far ower yon high hills
and syne ower the sea
I ken nowhere my ain dear
laddie micht be.
In some foreign battlefield
maybe he’ll dee
Oh, curse on ye, Boney (3),
took my laddie fae me.
IV
Now the bonnie larks
singing mocks me in my care
But I’ll go on still hoping
till grey grows my hair.
Oh, ye wild winds a blowing
far ower the sea
Will ye blow back my bonnie
lad Johnnie tae me.

Traduzione italiana Cattia Salto
I
Non c’è altro in questo pazzo mondo che dolore e preoccupazioni
Sono triste per Johnny
ma Johnny non è qui
così nel dolore e nel pianto,
mi sento morire
da quando gli arruolatori hanno trafugato il mio ragazzo
II
Guardo nei caseggiati della fattoria
ma Johnny non c’è,
al lavoro nel campo da mietere,
il mio cuore si sente angosciato
quando guardo alle alte colline lontane, una lacrima mi acceca
da quando gli arruolatori hanno trafugato il mio ragazzo
III
Perchè è lontano oltre
le alte colline e il mare
non so dove il mio caro ragazzo potrebbe essere,
forse in qualche campo di battaglia straniero morirà.
Oh che tu sia maledetto Napo,
che mi hai preso il mio ragazzo
IV
Ora le belle allodole che cantano mi prendono in giro per i miei affanni
ma continuerò a sperare
finchè i capelli mi diventeranno grigi
oh voi raffiche di vento soffiate
lontano oltre il mare
e portate indietro il mio
bel ragazzo Johnny.

NOTE
1) Il sistema detto “impressment” si avvaleva di gruppi militari (press-gang) che con il pretesto dell’arresto per reati minori rastellavano vagabondi e ubriachi e li imbarcavano sulle navi-caserme: i villaggi lungo la costa delle isole britanniche erano visitati frequentemente da queste squadre perchè abitati da pescatori o uomini già esperti nella navigazione, ma anche nelle città dell’interno nessuno era al sicuro.
2) il lavoro della mietitura era svolto da squadre itineranti di braccianti stagionali che si spostavano nelle grandi fattorie delle Lowland scozzesi.
3) Boney equivalente al nostro diminutivo Napo per Napoleone. L’origine del nome è incerta potrebbe voler dire “il Leone di Napoli”, il primo nome illustre fu quello del Cardinale Napoleone Orsini (ai tempi di papa Bonifacio VIII)

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/arthur-mcbride.htm
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/thepressers.html
https://www.folk-legacy.com/store/Scripts/prodView.asp?idproduct=129

WILLIE’S LADY

Child ballad # 6
Melodia bretone

La ballata scozzese “Willie’s Lady” è riportata dal professor Child al numero 6 in solo due versioni, accompagnata da una melodia riportata anche in Bronson. La versione A proviene da “Miss Mary Fraser Tytler, of a transcript made by her grandfather from William Tytler’s manuscript. b. Jamieson-Brown MS., No 15, p. 33. b. Ritson-Tytler-Brown MS., pp. 1–5. Sung by Mrs Brown, Falkland, (ex) Aberdeenshire; copied by Joseph Ritson, c. 1792–1794
La ballata però non è sopravvissuta attraverso la trasmissione popolare ed è stata piuttosto ripescata dal folk revival degli anni 70.

IL MALEFICIO E LE PAURE DEL PARTO

La madre gelosa (prototipo della Regina- strega cattiva delle fiabe ) vuole impedire il parto della nuora – essendosi il figlio sposato senza ottenere il consenso della sua famiglia. Vani sono i ricchi doni che la partoriente promette alla suocera, solo l’intervento di un servitore cieco porta un buon consiglio: anch’egli sapiente o edotto nelle pratiche magiche, istruisce il marito su come spezzare il maleficio. Il bambino nasce così senza più problemi e ogni benedizione è richiamata sulla famigliola.
Dietro alla ballata tutte le paure della partoriente: tappa obbligatoria della vita della donna antica, il parto si accompagnava alla paura del dolore e della morte, tra scarsa igiene, ignoranza e malattie sessuali la donna era abbandonata al caso o al destino.
Si partoriva però in modo più naturale in posizione verticale camminando durante il travaglio e accucciandosi nella fase espulsiva. Le più ricche partorivano sulla sedia per il parto (con la seduta a ferro di cavallo o dotata di un buco) fu solo alla fine del Medioevo che ebbero la balzana idea di restare distese nel letto!!
E tuttavia la levatrice medievale era molto più esperta di quanto si creda: palpazioni interne ed esterne le permettevano di capire la posizione del bambino e praticare dei massaggi per farlo girare nella giusta posizione. Con delle erbe adatte (le stesso che procuravano l’aborto) preparava un decotto per stimolare le contrazioni uterine e se il bambino ero morto era pronta a farlo a pezzi per estrarlo senza causare ulteriori affaticamenti o pericoli per la donna. Cose da strega si dirà e in effetti la maggioranza delle presunte streghe erano proprio levatrici e guaritrici..
In questa ballata però la strega è una nobildonna che desidera la morte della nuora e mette in atto un triplice sortilegio: i capelli annodati con nove nodi e  fermagli, un capretto sotto il letto e la scarpa sinistra allacciata. Il primo e l’ultimo si basano sul principio che il nodo è un legame ma come sempre nella magia i significati sono antitetici, da una parte nodo e intreccio sono a scopo protettivo (vedasi i portali  delle chiese) contro le energie negative e le forze del male, che vengono lasciate fuori o intrappolate nel disegno,  oppure sono nodi malefici ad impedimento dell’azione (in questo caso impediscono al bambino di nascere).

Child_006_willie_s_lady
Negli anni 70 Ray Fisher ebbe la bella pensata di utilizzare la melodia bretone “Son Ar Chistr per la ballata  e Martin Carthy che aveva collaborato con lei sul suo album da solista “The Bonny Birdy” colse al volo l’idea e registrò la ballata nel suo album “Crown of Horn” del 1976 e così commenta nelle note di copertina “It was a particularly happy stroke of genius on Ray Fisher’s part to marry the song Willie’s Lady to the tune of the Breton song Son Ar Chistr (The Song of Cider), and it is with her permission that I have recorded it. I was informed by a young Breton that the tune was written in 1930 by a piper who became a tramp on the streets of Paris.”
Peccato che lo abbiano male informato sul piper parigino, e da allora la storia continua a girare tra i “si dice che”, vedasi ad esempio “some sources claim this song was written by an unknown Breton piper in the late 1920s” tratto da qui). Da allora la melodia si è incollata alla ballata per diventare lo standard suonato da tutti i successivi artisti

ASCOLTA Martin Carthy

ASCOLTA Anaïs Mitchell & Jefferson Hamer in Child Ballads 2013

ASCOLTA Lady Maisery


I
Oh Willie he’s crossed over the foam,
He’s wooed a wife and he’s brought her home.
He wooed her for her golden hair,
His mother thought her mighty care.
II
So wicked spells she’s cast on her,
So from her babe she’d not be free.
But in her bower she sits in pain
Whilst Willy mourns o’er her in vain.
III
So to his mother he has gone,
That vilest witch of the rankest kind.
And says, “My lady has a cup
With gold and silver set about.
IV
“This goodly gift shall be your own
If your relieve her of her bairn.”
“Oh of her babe she’ll not be free
And she shall never lighter be.
V
“But she will die and turn to clay,
And you shall wed with another maid.”
So Willy sighed and turned away,
“I wish my life,
I wish my life were at an end.”
VI
“Oh go you to your mother again,
That vilest witch of the rankest kind.
And say your lady has a steed
The like of which has ne’er been seen.
VII
“For he has golden hooves before,
And he has golden hooves behind.
“And just below that horse’s mane
There hangs a bell on a golden chain.
VIII
“This goodly gift shall be your own
If your relieve her of her bairn.”
“Oh of her babe she’ll not be free
And she shall never lighter be.
IX
“But she will die and turn to clay,
And you shall wed with another maid.”
So Willy sighed and turned away,
“I wish my life,
I wish my life were at an end.”
X
“Oh go you to your mother again,
That vilest witch of the rankest kind.
“And say your lady has a gown
With rubies red all woven round.
XI
“And every stitches made from gold
The like of which is rarely seen.
“And at every golden hem
Hangs fifty silver bells and ten.
XII
“This goodly gift shall be your own
If your relieve her of her bairn.”
“Oh of her babe she’ll not be free
And she shall never lighter be.
XIII
“But she will die and turn to clay,
And you shall wed with another maid.”
So Willy sighed and turned away,
“I wish my life,
I wish my life were at an end.”
XIV
Then up and spoke old Billy the Blind
And he has spoken just in time,
Then up and spoke old Billy the Blind
And he has spoken just in time:
XV
“Oh go you down to the market place
And there you’ll buy a loaf of wax.
“And shape a babe that is to nurse,
An in it place two eyes of glass.
XVI
“And bid you mother to his christening day
And you stand close by her right side.
“And never stray too far away
But listen well to what she says.”
XVII
“Oh who has loosed the nine witch knots/That were among this lady’s locks?/“And who has take the combs of care/ That hung among this lady’s hair?
XVIII
“And who has killed the master kid
That ran beneath this lady’s bed?
“And who has loosened her left shoe
And let this lady lighter be?”
XIX
So Willie’s loosed the nine witch knots
That were among this lady’s locks.
And Willie’s taken the combs of care
That hung among this lady’s hair.
XX
And Willie’s killed the master kid
That ran beneath this lady’s bed.
And Willie’s loosened her left shoe
And let this lady lighter be.
XXI
They from this witch’s curse be free
And now they have their son so bonny.
And many blessings, many blessings,
Many blessings on all three.
Tradotto da Cattia Salto
I
Oh Willie andò per mare
a corteggiare una moglie e la portò a casa, la corteggiò per il biondo crine
ma sua madre ritenne di dover intervenire
II
Incantesimi malvagi lanciò su di lei così che non potesse avere figli (1).  Nella sua stanza stava in doloroso travaglio e Willy le piangeva accanto  invano.
III
Così dalla madre è andato
quella strega vile della peggior specie (2) e dice ” La mia dama ha una tazza
decorata d’oro e d’argento.
IV
Questo dono prezioso sarà tuo
se l’aiuterai a partorire”
“Oh non riuscirà a sgravarsi del bambino, non sarà mai più sgravata.
V
Ma morirà e tornerà alla terra
e potrai sposare un’altra fanciulla”
Così Willy sospirò e se ne andò
“Vorrei che la mia vita
vorrei che la mia vita fosse alla fine”
VI
“Oh ritorna da tua madre, quella strega vile della peggior specie, e dille che la tua dama ha un destriero di cui uno simile non è mai stato visto
VII
che ha zoccoli d’oro davanti
e ha zoccoli d’oro dietro
e proprio sotto alla criniera pende una campana su una catena d’oro”
VIII
“questo dono prezioso sarà tuo
se l’aiuterai a partorire”
“Oh non riuscirà a sgravarsi del bambino non sarà mai più sgravata
IX
Ma morirà e tornerà alla terra
e potrai sposare un’altra fanciulla”
Così Willy sospirò e se ne andò
“Vorrei che la mia vita
vorrei che la mia vita fosse alla fine”
X
“Oh ritorna da tua madre, la strega vile della peggior specie e dille che la tua dama ha un vestito tutto intessuto con rossi rubini e ogni ricamo è d’oro
XI
che uno simile è raro a vedersi,
e lungo tutto il bordo dorato
sono appese sessanta campanelle d’argento.”
XII
“questo dono prezioso sarà tuo
se l’aiuterai a partorire”
“Oh non riuscirà a sgravarsi del bambino, non sarà mai più sgravata
XIII
ma morirà e tornerà alla terra
e tu potrai sposare un’altra fanciulla”
Così Willy sospirò e se ne andò
“Vorrei che la mia vita
vorrei che la mia vita fosse alla fine”
XIV
Poi parlò il vecchio Billy, il cieco (2)
e parlò appena in tempo
Poi parlò il vecchio Billy, il cieco
e parlò appena in tempo:
XV
“Oh andate al mercato
a comprare un pezzo di cera (3),
e modellate un bambino in fasce
e su di esso due occhi di vetro
XVI
e ordinate a vostra madre di andare al battesimo
e voi statele accanto sul lato destro
e non allontanatevi mai troppo
ma ascoltate bene quello che dice”
XVII
” E chi ha perso i nove nodi di strega
che erano nei ricci (4) di questa dama?
E chi ha preso i pettinini (5)
sistemati tra i capelli di questa dama?
XVIII
E chi ha ucciso il capretto (6) che correva sotto al letto di questa dama?
E chi ha slacciato la sua scarpa sinistra (7) per far partorire questa dama?”
XIX
Così Willie sciolse i nove nodi della strega che erano tra i ricci della dama
e Willie prese i pettinini
sistemati tra i capelli della dama
XX
e Willie uccise il capretto
che correva sotto al letto della dama,
e Willie slacciò la scarpa sinistra
per far partorire questa dama.
XXI
Dalla maledizione di questa strega furono liberi
e ora hanno il loro figlio così grazioso
e molte benedizioni
molte benedizioni su tutti e tre.

NOTE
1) la strega non rende sterile la coppia bensì impedisce alla partoriente di sgravarsi, il bambino le morirà nel grembo e la donna sarà così provata dal travaglio da morirne.
2) il vecchio servitore cieco rappresenta il saggio, poteva trattarsi di un servitore con qualche disabilità che restava comunque a servizio di una famiglia ricca e potente perchè si credeva che possedesse qualche dono delle fate a compensare la sua disabilità; era quindi un talismano contro il male
3) le figurine di cera trasferiscono a sé l’essenza della persona raffigurata e quello che accade a loro accade anche alla persona che rappresentano: così erano sciolte sul fuoco o “annegate” nell’acqua per invocare una lenta consunzione; oppure erano trafitte con aghi o chiodi per provocare malattie alle varie parti del corpo. In questo contesto il simulacro del bambino vuole trarre in inganno la strega che in una stizza di rabbia rivela i malefici perpetrati ai danni della partoriente


4) I nodi nei capelli della ragazza sono impedimenti che trattengono la nascita del bambino. Era consuetudine che alle partorienti fossero disciolti i capelli e ben pettinati per districarli e slacciate o sbottonate tutte le vesti, proprio per questa credenza! Nei dipinti medievali però la donna è sempre raffigurata con il velo sul capo
5) i capelli lunghi non erano lasciati sciolti nelle acconciature di una donna sposata, la quale proprio per contraddistinguere il suo status raccoglieva i capelli intrecciandoli e facendoli girare più volte su se stessi a conocchia. Facendo tale operazione la strega intrecciava la sua maledizione e la teneva ferma fissandola con il pettinino. I capelli del resto sono sempre presenti nei rituali d’incantesimo come
potente succedaneo della persona che li porta.
6) il capretto (letteralmente il capretto del padrone) è quello che viene detto un famiglio della strega, servitore e collegamento tra le forze del male e la strega. Un animale non certo domestico come il gatto ma che richiama più direttamente il diavolo (capro infernale)
7) la scarpa sinistra è indossata dal piede funesto: è risaputo che scendere dal letto posando prima il piede sinistro porti sfortuna. Allacciare in modo stretto con dei nodi ben tirati la scarpa del lato negativo del corpo è un rinforzo della maledizione. Viene da presumere che la scarpa allacciata si trovasse nella stanza della partoriente non al suo piede.

FONTI
http://ilmondodiaura.altervista.org/MEDIOEVO/FAMIGLIA2gravidanza.htm
http://viverecomedonnenelmedioevo.blogspot.it/2009/09/quando-la-vita-nasceva-dal-giusto.html
http://psicologanapoli.altervista.org/madri-e-matrigne/
http://www.springthyme.co.uk/ballads/balladtexts/06_Willie’sLady.htm
http://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/willieslady.html
https://tachesterton.wordpress.com/2014/07/08/lady-maisery-willies-lady/