Tam Lin Movie 1972

Amazing movie by Roddy McDowall who in 1960’s decided to make a modern interpretation of Ballade of Tam Lin (for those times = Swinging London/trendy hippies/bohémien).
Stupefacente (in tutti i sensi) film di Roddy McDowall che negli anni 60 decide di realizzare una lettura in chiave moderna (per quei tempi= Swinging London/hippy chic/bohémien squattrinati/) della Ballata di Tam Lin. In italia il film viene distribuito con il titolo ammiccante di “Sapore di donna”.

Ava Gardner

Here is the story of Tom Lynn (a very young Ian McShane), a young man of high hopes who is seduced and enlisted as a toy boy by the “old” Michaela Cazaret (Gardner), a very rich and vicious woman who loves to surround herself with young people and entertain with them in his manor on the Scottish border. Everything is goings easy until the good Tom meets the daughter of the local vicar, and falls in love with her.
This unleashes the fury of the lady of the castle, ready to unleash her army of subjects / succubi / worshipers to prevent Tom from leaving
Is it a fantasy?
Is it a horror?
Is it a soft porn?
(translated from here)
Ecco quindi la storia di Tom Lynn (un giovanissimo Ian McShane), giovanotto di belle speranze che viene sedotto e arruolato come toy boy dalla “vecchia” Michaela Cazaret (Gardner), donna ricchissima e viziosa all’estremo, che ama circondarsi di giovani gaudenti ed intrattenersi con loro nel suo maniero sul confine scozzese. Tutto fila grossomodo scollacciatamente liscio finché il buon Tom non incontra la figlia del vicario locale, e se ne innamora.
Questo scatena la furia della signora del castello, pronta a sguinzagliare il suo esercito di sudditi/succubi/adoratori per impedire a Tom di andarsene

È un fantasy?
È un horror?
È un soft porn?
(Davide Mana tratto da qui)

What’s going on when the “dame sans merci” grow old? The young fatuous Swinging London run on its luxurious sports cars to the Scottish Border up to an ancient manor, where they spend the days just stoned (of drugs and drinks) and subjugated to the Queen; she resorts to witchcraft / magic arts to bind her today’s lover
Among them the daughter of the curate of the country, pure and innocent in her rural simplicity, dazzled by luxury and glamor, falls in love with Tom.
Della serie cosa succede quando le dame sans merci invecchiano? I sidhe (i giovani fatui della Swinging London) corrono sulle loro lussuose auto sportive verso il Border scozzese fino ad un antico maniero, dove passano le giornate strafatti (di droghe e drink) e soggiogati alla Regina che ricorre alla stregoneria/arti magiche per tener legato a sè l’amante di turno.
In mezzo a loro la figlia del curato del paese, pura e innocente nella sua semplicità campagnola, abbacinata dal lusso e dal glamour, s’innamora di Tom.

The footage of the meeting between Tam Lin and Janet on the music of the Pentangle. From the old Queen’s manor (Traquair House) and her entourage of young fatuous people, we pass to the love meeting near the river (shooting on the hills at the Ettrick river)
Gli spezzoni dell’incontro tra Tam Lin e Janet sulla musica dei Pentangle.
Dal maniero della vecchia Regina (Traquair House) e il suo entourage di giovani fatui si passa all’incontro presso il fiume  (le riprese sulle colline sono girate presso il fiume Ettrick)


Tom Lynn ( Ian McShane ) – Janet Ainsley ( Stephanie Beacham )

Ian McShane

The disturbing aspect of the film is the infernal hunting in the end, the whole situation is a reflection on the blood sacrifices (tributes) that the alfa people are willing to pay to exercise their dominion over the supernatural world. But in the movie the payment of life is a consequence of the abandonment of the Goddess / Lover, here the “mutation” of Tam Lin is interpreted as the process of detoxification from drugs (at the time the hallucinogens were the best)
Il risvolto inquietante del film è la caccia infernale nel finale, e tutta la situazione è una riflessione sui sacrifici di sangue (i tributi) che le persone di potere sono disposte a pagare per esercitare il loro dominio sul mondo soprannaturale. Ma nel film il pagamento della vita è conseguente all’abbandono della Dea/Amante. In questa s’innesta la “mutazione” di Tam Lin interpretata nel film come il processo di disintossicazione dal mondo delle droghe (all’epoca andavano forte gli allucinogeni)

Pentangle —The Time Has Come 1967-1973


I
Oh I forbid you maidens all
That wear gold in your hair
to come or go by Carterhall
For young Tam Lin is there.
II
Tam Lin went awalking one bright morning
Across the hills so green
And he cared nothing for where he’d go
Nor nothing for where he’d been
III
And he’s passed over the little foot bridge
And down to Carterhall
With steps so wide he passes by
you’d think he owned it all
IV
So swiftly did the waters flow
as he came down beside
And you must go and greet him there
for now’s no time to hide
V
Oh I forbid you maidens all
who wear gold in your hair
to come or go by Carterhall
for young Tam Lin is there
VI
As he stood so still by the church yard wall
He spied his lady fair
and they surely knew that they must live
and love without a care
VII
Oh pleasant is the fairy land
but an eerie tale to tell
but at the end of seven years
we pay a tithe to hell
I am so young and fair of face
I’m feared it will be myself
VIII
She had not pulled a double rose
a rose but only two
When up then started young Tam Lin
says “Think what you mean to do”
IX
Oh Why you pull the rose, Janet
Among the groves so green?
You must not kill the bonny babe
that we got us between”
X
Up Spoke the queen of the fairy land
and an angry woman was she
“She’s taken away the bonniest knight
in all my company
XI
And adieu Tam Lin, but had I known
the secrets in your mind
I would have picked out your two fine eyes
and left you beggar blind”
Traduzione italiano Cattia Salto
I
E’ proibito a tutte le fanciulle
che portano l’oro nei capelli (1)
di venire o andare a Carterhaugh
che il giovane Tam Lin vi dimora!
II
Tam Lin andò a passeggiare un bel mattino
per le verdi colline
senza pensieri su dove andare
o di dove sarebbe stato
III
E oltrepassò il piccolo ponticello 
e giù verso Carterhaugh
incedeva con il passo del padrone
e avresti pensato che lo fosse per davvero
IV
Il fiume scorreva rapido
mentr’egli scendeva il pendio
e tu devi andare e incontrarlo là
perchè non c’è tempo di nascondersi
V
E’ proibito a tutte le fanciulle
che portano l’oro nei capelli 
di venire o andare a Carterhaugh
che il giovane Tam Lin vi dimora!
VI
Mentre stava immobile accanto al muro della chiesa/ osservava la sua bella dama
ed essi seppero per certo che avrebbero dovuto vivere senza paura d’amarsi
VII
Bella è la terra delle fate,
ma una storia strana a dirsi (2)
è che alla fine di sette anni
si paga un tributo all’inferno
e io sono giovane e si bell’aspetto
e temo che toccherà a me
VIII
Aveva appena colto una rosa
una rosa soltanto
quando il giovane Tam Lin apparve
e dice: “Pensa a cosa vuoi fare”
IX
Oh perchè cogli la rosa, Janet
tra i boschetti verdi?
Non devi uccidere il bel bimbo 
che abbiamo fatto”
X
A voce alta parlò la Regina della Terra Incantata/ e con rabbia
“Lei si è portata via il più bel cavaliere
di tutta la mia schiera
XI
E addio Tam Lin, se avessi conosciuto
i tuoi pensieri più nascosti
ti avrei cavato i begli occhi
e lasciato a mendicare cieco”

NOTE
1) Nel Medioevo era costume per le ragazze da marito portare dei fermagli d’oro (o retine dorate, cerchietti) nei capelli; il menestrello quindi si rivolge alle fanciulle vergini per avvertirle di non avventurarsi nel bosco di Carterhaugh perché è abitato da un elfo
2) Qui è citato, molto cristianamente, il tributo (la decima) che le fate devono versare al diavolo, un’allusione ai sacrifici umani che si credeva facessero i pagani alle divinità boschive! Si spiegano così, in un ottica cristiana, i rapimenti fatati: l’amore della dame sans merci porta dritto all’inferno!


Joanna Barnum
The Devil’s Widow 1970 The Ballad of Tam Lin

https://whistlesinthewind.wordpress.com/2014/11/01/rediscovered-film-gem-tam-lin-1970/
https://strategieevolutive.wordpress.com/2015/09/21/la-ballata-di-tam-lin/

http://tam-lin.org/versions/movie.html
https://tam-lin.org/transformative/movie1970.html
http://old.bfi.org.uk/sightandsound/feature/49693

Outlander, chapter 34: The Dowie Dens of Yarrow

 Leggi in italiano

FROM OUTLANDER BOOK

The Dowie Dens of Yarrow – a ballad from the Scottish Border. Murtagh teaches this song to Claire when they travel together looking for Jamie after he is taken by the Watch.
(continue “The Search” Outlander Tv season I)

“The Dowie Dens of Yarrow”, “The Dewy Dens of Yarrow” or  “The Breas of Yarrow”, “The Banks of Yarrow” exists in many variants in Child’s book ( The O Braes’ Yarrow Child ballad  IV, # 214). The story was also told in the poem by William Hamilton, published in Tea-Table Miscellany (Allan Ramsay, 1723) and also in  Reliques (Thomas Percy, vol II 1765): Hamilton was inspired by an old Scottish ballad of the oral tradition (see)
Kenneth S. Goldstein commented “Child printed nineteen texts of this beautiful Scottish tragic ballad, the oldest dating from the 18th century. Sir Walter Scott, who first published it in his Minstrelsy of the Scottish Border (1803), believed that the ballad referred to a duel fought at the beginning of the 17th century between John Scott of Tushielaw and Walter Scott of Thirlestane in which the latter was slain. Child pointed out inaccuracies in this theory but tended to give credence to the possibility that the ballad did refer to an actual occurrence in Scott family history that was not too far removed from that of the ballad tale.
In a recent article, Norman Cazden discussed various social and historical implications of this ballad (and its relationship to Child 215, Rare Willie Drowned in Yarrow), as well as deriding Scott’s theories as to its origin.” (see Mainly Norfolk)
ETTRICK FOREST
The area is a sort of “Bermuda triangle” of the Celtic world, a strip of land rich in traditional tales of fairy raptures and magical apparitions!
(see also the Tam lin ballad)

The hero of the ballad was a knight of great bravery, popularly believed to be John Scott, sixth son of the Laird of Harden. According to history, he met a treacherous and untimely death in Ettrick Forest at the hands of his kin, the Scotts of Gilmanscleugh in the seventeenth century.

Newark Castle sullo Yarrow: not the castle of the ballad but a possible setting

THE AGREEMENT OVER  YARROW’S VALLEY

The song describes a young man (perhaps a border reiver) killed in an ambush near the Yarrow river by the brothers of the woman he loved. In some versions, the lady rejects nine suitors in preference for a servant or ploughman; the nine make a pact to kill the her real lover, in other they are men sent by the lady’s father.The reiver manages to kill or wound his assailants but eventually falls, pierced by the youngest of them.

The lady may see the events in a dream, some versions of the song end with the lady grieving, in others she dies of grief.
The structure is the classical one of the ancient ballads with the revealing of the story between the questions and answers of the protagonists and the commonplace of the death announced to the parents.

Paton-Yarrow
Sir Joseph Noel Paton: The Dowie Dens of Yarrow

So many textual versions and different melodies, which I have grouped into three strands.

FIRST VERSION

The melody was collected by Lucy Broadwood  from John Potts of Whitehope Farm, Peeblesshire, published in The Journal of the Folk Song Society, vol.V (1905).

Matthew White (Canadian countertenor): Skye Consort in the Cd “O Sweet Woods 2013”, the arrangement is very interesting, with a Baroque atmosphere that echoes the era in which the first version is traced. Only verses I, II, IV, V, VI, VIII and XIV are performed

Mad Pudding in Dirt & Stone -1996 (except V verse) listen

I
There lived a lady in  the north (1);
You could scarcely find her marrow (2).
She was courted by nine noblemen
On the dewy dells (3) of Yarrow (4)
II
Her father had a bonny ploughboy (5)
And she did love him dearly.
She dressed him up like a noble lord
For to fight for her on Yarrow(6).
III
She kissed his cheek, she kamed his hair,
As oft she had done before O (7),
She gilted him with a right good sword
For to fight for her on Yarrow.
IV
As he climbed up yon high hill
And they came down the other,
There he spied nine noblemen
On the dewy dells of Yarrow.
V
‘Did you come here for to drink red wine,
Or did you come here to borrow?
Or did you come here with a single sword
For to fight for her on Yarrow?’
VI
‘I came not here for to drink red wine,
And I came not here to borrow,
But I came here with a single sword
For to fight for her on Yarrow’
VII
‘There are nine of you and one of me,
And that’s but an even number,
But it’s man to man I’ll fight you all
And die for her on Yarrow’
VIII
Three he drew and three he slew
And two lie deadly wounded,
When a stubborn knight crept up behind
And pierced him with his arrow.
IX
‘Go home, go home, my false young man,
And tell your sister Sarah
That her true lover John lies dead and gone/ On the dewy dells of Yarrow’
X
As he gaed down yon high hill
And she came down the other,
It’s then he met his sister dear
A-coming fast to Yarrow.
XI
‘O brother dear, I had a dream last night,’
‘I can read it into sorrow;
Your true lover John lies dead and gone/ On the dewy dells of Yarrow.’
XII
This maiden’s hair was three-quarters long (8),
The colour of it was yellow.
She tied it around his middle side (9)
And she carried him home to Yarrow.
XIII
She kissed his cheeks, she kamed his hair
As oft she had done before O,
Her true lover John lies dead and gone,
on the dewy dells of Yarrow.
XIV
O mother dear, make me my bed,
And make it long and narrow,
For the one that died for me today,
I shall die for him tomorrow
XV
‘O father dear, you have seven sons;
You can wed them all tomorrow,
For the fairest flower amongst them all (9)
Is the one that died on Yarrow.

NOTE
1) the north is not only a geographical location but a code word  in balladry for a sad story
2) marrow= a companion, a bosom friend, a kindred spirit (a husband)
3) dowue, dewy= sad, melancholy, dreary, dismal
Dens, dells= a narrow valley or ravine, usually wooded, a dingle
4) Yarrow is a river but also an officinal herb, Achillea millefolium. So the definition of the place “the valleys of the Yarrow” becomes more vague but also symbolic: the yarrow is a plant associated with death, and in popular beliefs the sign of a mourning.
From the healing powers already known in the times of Homer and used by the Druids, the plant is the main ingredient of a magic potion worthy of the secret recipe of the Panoramix druid. It is said that in the Upper Valle del Lys (Valle d’Aosta, Italy) the Salassi were great consumers of a drink that infused courage and strength. It became known as Ebòlabò and it is a drink still prepared by the inhabitants of the valley based on “achillea moscata”.
5) In some versions the boy is a country man but not necessarily a peasant, rather a cadet son of a small country nobility. Near Yarrow (Yarrow Krik) there is still a stone with an ancient inscription near a place called the “Warrior’s rest“.
6) Matthew White
“She killed here with a single sword
On the dewy dells of Yarrow”
7) the typical behavior of a devoted wife who looks after, combs and dresses her husband, the same care and devotion that she will give to the corpse
8)  In the Middle Ages the girls wore very long hair knotted in a thick braid
9) some interpret the verse as an expression of mourning in which the girl cuts her long hair (that reaches her knees) up to her waist. The phrase literally means, however, that she uses her hair to carry away the corpse interweaving them like a rope. The image is a little grotesque for our standards, but it must have been a common practice at the time
10) the verse says that the handsome peasant was the bravest of all, certainly not the brother!

“ERICA FUNESTA”

Second version: the lady makes a dream in which she is picking up the red heather on the slopes of the Yarrow, an omen of misfortune.
A Scottish legend explains how the common  heather has become white: Malvina, daughter of a Celtic bard, was engaged to a warrior named Oscar. Oscar was killed in battle, and the messenger that delivered the news gave her heather as a token of Oscar’s love. As her tears fell on the heather, it turned white.  Since then the white heather is the emblem of faithful love; the resemblance to the Norse legend of Baldur and the mistletoe is surprising.

Karine Powart version shows us the most extensive text of the ballad that the Pentangle translate into English and reduce to 7 verses

Bert Jansh  Yarrow, in Moonshine (1973).

 The Pentangle in Open the Door, 1985 ( I, II, III, IV, VI, VIII, XIII)

I
There was a lady in the north
You scarce would find her marrow
She was courted by nine gentlemen
And a plooboy lad fae Yarrow
II
Well, nine sat drinking at the wine
As oft they’d done afore O
And they made a vow amang themselves
Tae fight for her on Yarrow
III
She’s washed his face, she’s combed his hair,/ As she has done before,
She’s placed a brand down by his side,
To fight for her on Yarrow.
IV
So he’s come ower yon high, high hill
And doon by the den sae narrow
And there he spied nine armed men
Come tae fight wi’ him on Yarrow
V
He says, “There’s nine o’ you and but one o’ me/ It’s an unequal marrow”
But I’ll fight ye a’ noo one by one
On the Dowie Dens o’ Yarrow
VI (1)
So it’s three he slew and three withdrew
An’ three he wounded sairly
‘Til her brother, he came in beyond
And he wounded him maist foully
VII
“Gae hame, gae hame, ye fause young man
And bring yer sister sorrow
For her ain true love lies pale and wan
On the Dowie Dens o’ Yarrow”
VIII
“Oh mither, (2) I hae dreamed a dream
A dream o’ doul and sorrow
I dreamed I was pu’ing the heathery bells (3)
On the Dowie Dens o’ Yarrow”
IX
“Oh daughter dear, I ken yer dream
And I doobt it will bring sorrow
For yer ain true love lies pale and wan
On the Dowie Dens o’ Yarrow”
X
An’ so she’s run ower yon high, high hill
An’ doon by the den sae narrow
And it’s there she spied her dear lover John
Lyin’ pale and deid on Yarrow
XI
And so she’s washed his face an’ she’s kaimed his hair
As aft she’d done afore O
And she’s wrapped it ‘roond her middle sae sma’ (4)
And she’s carried him hame tae Yarrow
XII
“Oh haud yer tongue, my daughter dear/ What need for a’ this sorrow?
I’ll wed ye tae a far better man
Than the one who’s slain on Yarrow”
XIII
“Oh faither, ye hae seven sons
And ye may wed them a’ the morrow
But the fairest floo’er amang them a’
Was the plooboy lad fae Yarrow”
XIV
“Oh mother, mother mak my bed
And mak it saft and narrow
For my love died for me this day
And I’ll die for him tomorrow”

NOTE
8) qui il verso risulta un po’ oscuro mancando il particolare dei lunghi capelli di lei annodati in treccia che diventano corde da traino per portare il cadavere a casa
1) The Pentangle
It’s three he’s wounded, and three withdrew,
And three he’s killed on Yarrow,
2) The Pentangle say “father
3) heather bell is the name of the  Erica cinerea ; a Scottish legend explains how the common  heather has become white: Malvina, daughter of a Celtic bard, was engaged to a warrior named Oscar. Oscar was killed in battle, and the messenger that delivered the news gave her heather as a token of Oscar’s love. As her tears fell on the heather, it turned white.  Since then the white heather is the emblem of faithful love; the resemblance to the Norse legend of Baldur and the mistletoe is surprising.

THE HEATHERY HILLS OF YARROW

It’s Bothy band version that begins the story from the ambush and develops the dialogue between the lady and her relatives until her tragic death.
Bothy band (Tríona Ní Dhomhnaill voice) in After hours, 1979

I
It’s three drew and three slew,
And three lay deadly wounded,
When her brother John stepped in between,
And stuck his knife right through him.
II
As she went up yon high high hill,
And down through yonder valley,
Her brother John came down the glen,
Returning home from Yarrow.
III
Oh brother dear I dreamt last night
I’m afraid it will bring sorrow,
I dreamt that you were spilling blood,
On the dewy dens of Yarrow.
IV
Oh sister dear I read your dream,
I’m afraid it will bring sorrow,
For your true love John lies dead and gone
On the heathery hills of Yarrow.
V
This fair maid’s hair being three quarters long,
And the colour it was yellow,
She tied it round his middle waist,
And she carried him home from Yarrow.
VI
Oh father dear you’ve got seven sons,
You can wed them all tomorrow,
But a flower like my true love John,
Will never bloom in Yarrow.
VII
This fair maid she being tall and slim,
The fairest maid in Yarrow,
She laid her head on her father’s arm,
And she died through grief and sorrow.

References
https://en.wikisource.org/wiki/Child%27s_Ballads/214
http://literaryballadarchive.com/PDF/Hamilton_1_Braes_of_Yarrow_f.pdf
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/C214.html
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/thedowiedensofyarrow.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/forum/145.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/484.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/67.html
http://www.celticlyricscorner.net/polwart/dowie.htm
http://www.electricscotland.com/webclans/families/scotts_harden.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=9870
http://fallingangelslosthighways.blogspot.it/2013/04/the-eildon-hills-sacred-mountains-of.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=46972

In the Month When Sings the Cuckoo [Il Mese del Cuculo]

In the British Isles it is the cuckoo among all birds to be the herald of Spring, and more generally it is a sacred bird with oracular qualities. The cuckoo arrives from Africa between the end of March and the beginning of April and immediately the courtship begins, raising its characteristic song. In Northern Europe it comes a little later, roughly in mid-April. Once the season of love is over (end of May), the cuckoo (male) does not sing anymore. 
Nelle Isole Britanniche è il cuculo tra tutti gli uccelli ad essere l’araldo della Primavera, e più in generale è un uccello sacro (oggi si dice magico) dalle doti oracolari.
Il cuculo arriva dall’Africa tra la fine di marzo e i primi d’Aprile e inizia subito il corteggiamento innalzando il suo caratteristico canto . Nell’Europa Settentrionale arriva un po’ più tardi, all’incirca a metà aprile. Una volta terminata la stagione dell’amore (fine maggio), il cuculo (maschio) non canta più.

The female emits a very long and warbling note similar to a “puhuhhuhuhu“.
La femmina emette una nota molto lunga e gorgheggiante simile a un «puhuhhuhuhu». 

In the Greek myth the cuckoo is an animal consecrated to Zeus who, to seduce Hera (the sister-bride) unleashed a storm and turned into a cuckoo; all wet and cold he rested on the knees of the goddess, who moved with compassion and welcomed him under her breast to warm it. In the Roman cult the cuckoo is instead consecrated to Juno , the goddess of fertility: it was the song of the cuckoo to bring rain and renew the fertility of the fields. Hence the positive symbol associated with love, fruitfulness and abundance.
Nel mito greco il cuculo è un animale consacrato a Zeus, il quale per sedurre Hera (la sorella-sposa) scatenò una tempesta e mutato in cuculo, si posò tutto bagnato e infreddolito sulle ginocchia della dea, la quale si mosse a compassione e lo accolse sotto il suo seno per riscaldarlo. 
Nel culto romano il cuculo è invece consacrato a Giunone in quanto dea della fecondità: era il canto del cuculo a portare la pioggia e a rinnovare la fertilità dei campi.
Da qui il simbolo positivo associato a amore, fecondità e abbondanza.


Jupiter and Juno on Mount Ida by James Barry, 1773
L’arrivo del cuculo dalla migrazione invernale era una data importante, sulla quale, nelle campagne, ci si basava per programmare molte operazioni agricole. A Bologna si diceva che “Quando canta il cuculo, c’è da fare per tutti”, cioè iniziano i lavori agricoli. L’arrivo di questo uccello era previsto per i primi giorni d’aprile, e quando tardava ci si preoccupava: “Il due o il tre d’aprile, il cuculo ha da venire. L’otto, se non è venuto, o che è morto, o che è cotto”. Nel Bolognese, a chi è ardito con le parole, ma non lo è poi nei fatti, si dice “Come il cuculo, tutta voce e penne”. Questo volatile è infatti un gran chiacchierone: il maschio, una volta stabilitosi in un certo territorio, trascorre, ad esempio, ore e ore a ripetere incessantemente il suo cu-cù (da cui anche il nome). (tratto da qui)

THE PROPHETIC CUCKOO
[ IL CUCULO INDOVINO ]

The symbol of the cuckoo is however ambivalent.
Cattabiani writes “As Aristotle already reported, this animal lays its egg in the nest of other birds (mostly passerine) eliminating from the brood one of those of the host; at the hatching, the small cuckoo is raised by the unaware parent. This fact has had two significant attributions in the world of symbolism: on the one hand, it has increased its typical spring meanings, on the other it has made it appear in some areas as an “emblem of the abandonment of maternal duties and of parasitism, but also of the teasing, so much so that once the verb “cuculiare” was used to “tease” “
Il simbolo del cuculo è tuttavia ambivalente.
Scrive il Cattabiani “Come riportava già Aristotele, questo animale depone il suo uovo nel nido di altri uccelli (per lo più passeracei) eliminando dalla covata uno di quelli dell’ospite; allo schiudersi, il piccolo cuculo viene allevato e cresciuto dall’ignaro genitore adottivo. Questo fatto ha avuto due significative attribuzioni nel mondo del simbolismo: da una parte, ha accresciuto i significati primaverili che già erano propri di tale animale, dall’altra lo ha fatto apparire in alcuni ambiti quale “emblema dell’abbandono dei doveri materni e del parassitismo, ma anche del canzonatore, tanto che una volta si usava il verbo “cuculiare” per “prendere in giro“”

Its symbolism is often negative: starting from the observation that the female lays the eggs in others’ nests, the cuckoo has become synonymous with cuckold.
Il suo simbolismo è spesso negativo: partendo dall’osservazione che la femmina depone il suo uovo nei nidi altrui, il cuculo è diventato sinonimo di cornuto (in francese cornuto si  dice cocu mentre in inglese cuckold).

The alleged longevity (or immortality) of the cuckoo (in the italian proverbs it is said “Old as the cuckoo “) has turned it into a sibyl. It is a bird that foretells the future in particular, the young maidens ask it when they will marry and count the response, a year for each chant.
After marriage the bride could ask it how many children she’ll get. But you may ask the cuckoo how many years you will live or how many years to spend in purgatory to redeem your sins.
When you first hear in the new season the cuckoo song, you should have money in your pocket: the coming year will be free of economic problems. Not having money is the announcement of the coming misery. But seeing a cuckoo closely is generally synonymous with luck.
La presunta longevità (o immortalità) del cuculo (nei proverbi si dice “”Vecchio come il cucco”) lo ha trasformato in veggente. E’ un uccello che predice il futuro in particolare lo interrogano le ragazze da marito per chiedere entro quanti anni si sposeranno: c’è pure una filastrocca che recita
O cucco, cucco dal becco fiorito
dimmi quanti anni sto a prender marito
dopo di chè si conteranno i versi in risposta, un anno per ogni cucù.
Una volta sposata la donna potrà ancora interrogare il cuculo per sapere quanti figli avrà. Ma al cuculo si possono chiedere anche quanti anni restano ancora da vivere.. o quanti anni si dovranno passare in purgatorio per redimere i propri peccati prima di poter andare in paradiso.
La tradizione vuole che quando si sente per la prima volta nella nuova stagione il canto del cuculo, bisogna subito controllare se in tasca avanza qualche monetina: l’anno in arrivo sarà privo di problemi economici. Non averne è l’annuncio della miseria in arrivo. Vedere un cuculo da vicino è in genere sinonimo di fortuna.

The Cuckoo is a pretty bird

The cuckoo is the protagonist of many songs dedicated to the arrival of summer. This one called “The Cuckoo” is relatively rare in Scotland, but popular in England, Ireland and America (Appalachian Mountains).
Il cuculo è  il protagonista di molti canti dedicati all’arrivo della bella stagione. Questo dal titolo “The Cuckoo” è relativamente poco diffuso in Scozia, ma popolare in Inghilterra, Irlanda e America (Monti Appalachi).

English version

We can classify this song among the warning songs in which the singer warns the maidens against love pain: the cuckoo is invoked as an example of a sincere heart, which loves without deceit, unlike the joyful young men who prefer fly from flower to flower.
Possiamo classificare questo canto tra le warning songs in cui chi canta mette in guardia le fanciulle a non incappare nelle pene d’amore: il cuculo viene invocato come esempio di un cuore sincero, che ama senza inganni, al contrario dei giovanotti gaudenti i quali preferiscono volare di fiore in fiore.

Pentangle in Basket of Light, 1969


I
The Cuckoo she (1) is a pretty bird,
she sings as she flies (2).
She bringeth good tidings (3),
she telleth no lies (4)
She sucketh white flowers (5)
for to keep her voice clear
And she never sings “cuckoo”
till summer draweth near (6)
II
As I once was a-walking
and talking one day
I met my own true love
as he came that way
Though the meeting him was pleasure, though the courting was woe
For I’ve found him false hearted,
he’d kiss me, and then he’d go.
III
I wish I was a scholar
and could handle the pen.
I’d write to my lover
and to all roving men (7)
I would tell them of the grief and woe
that attend on their lies
I would wish them have pity
on the flower, when it dies
Traduzione italiano di Cattia Salto*
I
Il cuculo è un bel uccellino
canta in volo
e porta buone novelle,
non dice bugie.
Sugge i fiori bianchi
per mantenere chiara la voce
e non canta mai “cu-cù”
fino a quando l’estate è vicina .
II
Un giorno che andavo a passeggio
e conversavo
incontrai il mio innamorato
che veniva per quella strada:
sebbene incontrarlo fosse un piacere
la sua galanteria era un tormento,
perchè mi è sembrato un cuore mendace, 
mi baciava e poi se ne sarebbe andato!
III
Se fossi uno studioso
abile nel maneggiare la penna
scriverei al mio amore
e a tutti i donnaioli 
direi quale pena e dolore
causano le loro bugie;
vorrei che avessero pietà
di un fiore morente.

NOTE
* dalla traduzione in Musica e Memoria
1) I’s the male to sing its courting song! [il cuculo della canzone è una femmina (she) ma in realtà  il tipico canto di corteggiamento è emesso solo dal maschio]
2) the cuckoo is a big talker [il cuculo è un gran chiacchierone]
3) the arrival of the warm season but also according to the proverbs a bit of luck  [l’arrivo della bella stagione ma anche secondo i proverbi un po’ di fortuna]
4) the popular tradition has a lot of proverbs that often contradict itself: here the cuckoo is seen in its oracular role  [la tradizione popolare ha un sacco di proverbi che spesso si contraddicono: qui il cuculo è visto nella sua veste oracolare]
5) in the nursery song it is written “little bird’s eggs” in reality the cuckoo eats insects and worms, the reference to the destruction of the eggs it is due to the opportunist attitude of the cuckoo that deposits the egg in the nests of others by subtracting the “legitimate” ones [nella nursery song è scritto “little bird’s eggs” in realtà il cuculo mangia insetti e vermi, il riferimento alle distruzione delle uova è dovuto all’atteggiamento opportunista del cuculo che deposita l’uovo nei nidi altrui sottraendo quelli “legittimi”]
6) the song of the cuckoo is a harbinger of Spring, also because once the season of love is over (end of May), the cuckoo (male) does not sing anymore. [Il canto del cuculo è foriero di Primavera, anche perchè una volta terminata la stagione dell’amore (fine maggio), il cuculo (maschio) non canta più]
7) roving men in this context are not simply vagabonds, but pleasure-seekers who prefer to have fun with women [roving men in questo contesto sono non semplicemente dei vagabondi, ma dei gaudenti che preferiscono spassarserla con le donne senza legarsi ad un amore.]

John Jacob Niles-The Cuckoo

I
The Cuckoo she is a pretty bird,
she sings as she flies.
She brings us glad tidings,
and she tells no lies
She sucks all the pretty flowers
that make her voice clear
And she never says “cuckoo”
till the Spring of the year
II
A walkin’ and talkin’
and a wanderin’ goes I
Waitin’ for Sweet Willie,
he will come bye and bye
I’ll meet him in the morning,
cause he’s all my delight
I could walk and talk with him
from mornin’ till night.
III
Our meeting is pleasure,
and our parting is grief
A false-hearted lover is worse
as a thief
A thief will but rob you
and take all you got
While a false-hearted lover
will lead you to the grave.
IV
The grave will consume you
and turn you to dust
They ain’t one in a hundred
that a poor gal can trust
They’ll hug thee and they’ll kiss thee
and call thee their own
Perhaps their other darlin’
is awaitin’ at home.
V
Now come all ye fair damsels,
take warning of me
Ne’er place your affections
on a [green golden] tree
The leaves they will wither,
the roots they will die
If I am forsaken,
I know right well why
VI
If I am forsaken,
I will not be forsworn
And he’s fully mistaken
if he thinks I will mourn
For I’ll get myself up
in some right high degree
And I’ll walk as like by him
as he will by me.

Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Il cuculo è un bel uccellino
canta in volo
e porta buone novelle 
non dice bugie.
Sugge i fiorellini
per mantenere chiara la voce
e non canta mai “cu-cù”
fino a Primavera
II
Passeggiavo e conversavo
andando in giro
in attesa che il caro Willy
venisse a salutarmi,
lo vedrò al mattino
perchè è tutta la mia gioia
potrei passeggiare e conversare con lui
da mane a sera
III
Il nostro incontro è piacere
la nostra separazione è dolore,
un cuore mendace è peggio
di un ladro,
un ladro ti deruberà
e ti prenderà tutto,
ma un amore bugiardo
ti porterà alla tomba
IV
La tomba ti consumerà
e trasformerà in polvere,
non c’è nè uno su cento
di cui una povera fanciulla possa fidarsi
ti abbracceranno e ti baceranno
e ti diranno “mia cara”
mentre l’altra 
sta aspettando a casa
V
Allora venite belle damigelle
accettate questo consiglio
non affezionatevi mai
a un albero [in autunno]
le foglie appassiranno
le radici moriranno
se sono stata abbandonata
so bene il perchè
VI
Se sono stata abbandonata
dico sul serio
e lui si sbaglia completamente
se crede che piangerò
perchè mi alzerò da sola
e mi metterò in tiro
e camminerò proprio come lui
farà con me

THE CUCKOO BIRD (Coo Coo Bird)

On the side of the Appalachian Mountains we find instead the version reworked by Clarence Ashley which has become a standard, albeit with the addition of several stanzas.
Sul versante dei Monti Appalachi troviamo invece la versione rielaborata da Clarence Ashley diventata uno standard, seppure con l’aggiunta di numerose strofe

Clarence “Tom” Ashley (I, II, III)

Doc Watson (I, II, IV, V)


I
Gonna build me a log cabin
On a mountain so high
So I can see Willie
As he goes walking by
(Chorus)
Oh, the cuckoo, is a pretty bird
And she warbles when she flies
She never say cuckoo
Till the fourth (last) day of July
II
I’ve played cards in Old England
I’ve gambled over in Spain
I’ll bet you ten dollars
that I’ll beat you next game
III
Jack of Diamonds
Jack of Diamonds
I know you of old
You robbed my poor pockets
Of my silver and gold
IV
My horses they ain’t hungry
And they won’t eat your hay.
I’ll drive home just a little further
Wondering why you treat me this way.
variation chorus
Oh, the cuckoo she’s a pretty bird.
Lord, she warbles as she flies.
She’ll cause you never more trouble
And she’ll tell you no lies.
V
There’s one thing that’s been a puzzle
Since the day that time began:
A man’s love for, for his woman
And her sweet love for her man.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Andò a costruire un capanno
su un’alta montagna
così potrò vedere Willy
mentre ci passa vicino
CORO
Il cuculo è un grazioso uccellino
cinguetta in volo
e non canta mai cu-cù
fino al 4 luglio
II
Ho giocato a carte in Inghilterra
ho giocato d’azzardo in Spagna
scommetterò 10 dollari
e ti batterò alla prossima partita
III
Fante di Quadri
Fante di Quadri
ti conosco da molto tempo
mi hai svuotato le tasche
dell’argento e dell’oro
IV
I miei cavalli non hanno fame
e non mangeranno il tuo fieno.
Andrò a casa un po’ più tardi
domandandomi perchè mi tratti così
coro
Il cuculo è un grazioso uccellino
cinguetta in volo
non ti causerà più problemi
e non ti dirà più bugie.
V
C’è una cosa che è stato un dilemma
sin dagli inizi del tempo:
l’amore di un uomo per, per la sua donna
e il suo dolce amore per il suo uomo.

 

SOURCES (FONTI)
“Volario”, Alfredo Cattabiani, 2000
mia madre, montagna vicentina, classe 41
http://www.ilfriuli.it/mobile/articolo/Archivio/Il_cuculo,_animale_premonitore/29/81225
http://www.altosannio.it/usi-costumi-cuculo/

LINKS
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thecuckoo.html
http://antiwarsongs.org/canzone.php?id=13513&lang=it
http://www.musicaememoria.com/pentangle_basket_of_light.htm

http://www.bluegrasslyrics.com/song/the-cuckoo-bird/

OMIE WISE

Se le murder ballad più antiche narrano di situazioni stereotipate, in quelle ottocentesche è più facile ritrovare il fatto di cronaca realmente accaduto che le ha precedute. Vedasi la murder ballad appalachiana dal titolo Omie Wise in cui nel 1808 a Randolph County, North Carolina l’amante massacra di botte e uccide la donna che ha messo incinta.

LA VERSIONE ROMANZATA

Così raccontò Braxton Craven (con lo pseudonimo di Charlie Vernon) in “Naomi Wise, or The wrongs of a beautiful girl (A true story)” 1851: il bel Jonathan Lewis si era invaghito della bella e giovane Naomi, un’orfanella accolta dagli Adams nella loro bella fattoria, e per un certo periodo i due si frequentarono e forse si scambiarono delle promesse matrimoniali; ma la famiglia di lui avrebbe voluto vederlo accasato con un migliore partito, tale Hattie Elliot, figlia del ricco commerciante per cui Jonathan lavorava in qualità di commesso. Ora Jonathan aveva occhi solo per Hattie, ma Naomi era in attesa di un figlio e si aspettava di essere sposata. Un giorno di primavera Naomi andò al fiume a prendere l’acqua e non ritornò più.

Il cadavere di Naomi venne ritrovato tempo dopo sulla riva del fiume con evidenti segni di strangolamento, il medico legale diagnosticò la causa della morte come “annegamento a seguito di violenza” e la trovò incinta.
Lo sceriffo andò subito ad arrestare Jonathan Lewis che finì in prigione in attesa del processo; riuscì a fuggire di prigione e venne ripreso qualche anno più tardi, processato e riconosciuto colpevole di evasione. Ma venne assolto per l’omicidio in quanto le prove erano solo circostanziali; in punto di morte però Jonathan confessò di aver annegato l’amante.

LA CRUDA REALTA’

Tutt’altra storia emerge nella ricostruzione di Eleanor R. Long-Wilgus nel suo libro “Naomi Wise, Creation, Re-Creation and Continuity in an American Ballad Tradition”  (2003) – “A True Account of Nayomy Wise.”
The poem was handwritten by Mary Woody not long after the murder but was unknown until the 1980s. Mary Woody’s very detailed account of the murder is quite different than Braxton Craven’s. Not a beautiful orphan girl, Naomi Wise was quite a bit older than Jonathan Lewis, and already had two illegitimate children when she met him. She was not seeking marriage from Lewis but a payment so she would not name him as father of her child, which, by the laws of North Carolina, would have required him to pay a sizeable basdardy bond to support the child.” (tratto da qui)

I BASTARDI SPECIALI
Per non sobbarcarsi la spesa del mantenimento dei figli illegittimi la Corona adottò nelle Colonie Americane un procedimento giudiziario ingegnoso.
Quando una donna non sposata era incinta veniva denunciata e processata: doveva dichiarare sotto giuramento il nome del padre del nascituro (il quale a sua volta doveva comparire in tribunale per discolparsi). Se l’uomo riconosceva il bambino veniva stipulato un bastardy bond che le rendeva responsabile del mantenimento del bambino. Se la donna si rifiutava di fare il nome dell’amante, allora era lei o la sua famiglia a dover provvedere a firmare la dichiarazione.
The North Carolina colony, starting in 1736, used a tool called the bastardy bond to protect the Crown from being responsible for the support of children born out of wedlock. Bastardy bonds placed the ultimate burden of support for a bastard child upon the father should the mother become unable to provide proper support. Otherwise, the child would become a ward of the local poor house and be an expense to the government. This English bond system was carried forward when North Carolina became a state in 1789. (tratto da qui)

In questa seconda ricostruzione Naomi era una donna “emancipata” madre già di due figli illegittimi con tanto di bastardy bond intestati a due uomini diversi e incinta di un terzo bambino; forse voleva ricattare Jonathan e farsi pagare una bella sommetta per il suo silenzio…

La versione standard del testo è quella riportata da Braxton Craven che romanzò la storia e dipinse Naomi come una dolce diciottenne assassinata da un predatore sessuale

ASCOLTA Doc Watson

ASCOLTA Pentangle

I
Oh, listen to my story, I’ll tell you no lies
How John Lewis did murder poor little Omie Wise
He told her to meet him at Adams’s Springs
He promised her money and other fine things
And a fool like she met him at Adams’s Springs
But no money did he bring her nor other fine things
II
“Go with me, little Omie and away we will go
We’ll go and get married and no one will know”
She jumped (climbed) up behind him and away they did go
But down to the river where deep waters flow
“John Lewis, John Lewis, won’t you tell to me your mind?
Do you intend to marry me or leave me behind?”
III
“Little Omie, little Omie, I’ll tell to you my mind
My mind is to drown you and leave you behind”
“Have mercy on my baby and spare me my life
I’ll go home as a beggar and never be your wife”
He hugged her and kissed her and turned her around
Then pushed her in deep waters where he knew that she would drown
IV
Then he got upon his pony and away he did ride
As the screams of little Omie went down by his side
T’was on a Thursday morning and the rain was pouring down
When the people searched for Omie but she could not be found
Then two boys went a fishin’ one fine summer day
And saw little Omie’s body go floating away
VII
They threw their nets around her and drew her to the bank
Her clothes all wet and muddy, they laid her on a plank
And they called for John Lewis to come to that place
And settled little Omie before him, that he might see her face
He made no confession but they carried him to jail
But no friends nor relations will come and go to his bail.
Traduzione di Cattia Salto*
I
Ascoltate la mia storia, non vi mentirò
di come John Lewis assassinò la povera piccola Naomi Wise.
Le disse d’incontrarlo ad Adams’s Spring
le promise di pagarla e altre belle
cose
scema lei che lo incontrò ad Adams’s Spring
che non le portò soldi e nemmeno cose belle
II
“Vieni con me, piccola Omie e ce ne andremo via
andremo a sposarci e nessuno lo saprà”
Lei saltò dietro a lui
e via andarono,
ma andarono dove scorrono le acque profonde.
“John Lewis, John Lewis, non mi vuoi dire cosa ti passa per la testa?
Intendi sposarmi o mi abbandonerai?”
III
“Piccola Omie, piccola Omie, ti dirò cosa ho in mente
La mia idea è di farti annegare e abbandonarti”
“Pietà del mio bambino e risparmiami la vita
ritornerò a casa mendica e non sarò più tua moglie”
Lui l’abbracciò e la baciò ma per prenderla in giro
e la gettò nelle acque profonde dove sapeva che sarebbe
affogata
IV
Poi montò in sella al suo pony e via cavalcò
mentre le grida della piccola Omie si affievolivano.
Era martedì mattina e pioveva a catinelle
quando si misero a cercare Omnie e non riuscivano a trovarla;
poi due ragazzi andarono a pescare in un bel giorno d’estate
e videro il corpo della piccola Omie che galleggiava
VII
Gettarono le loro reti per avvolgerne il corpo e lo trascinarono a riva
gli abiti tutti bagnati e infangati, la distesero su un’asse
e chiamarono John Lewis perchè andasse sul posto
e lo misero davanti alla piccola Omie perchè la guardasse in faccia.
Lui non confessò, ma lo portarono in prigione
e nessun amico e nemmeno i parenti andarano a pagare la cauzione

NOTE
* traduzione riveduta da Alberto Musica &Memoria qui

Più cruda e cinica la versione riportata da Bob Dylan
ASCOLTA Bob Dylan live 1961

I
Well she met him as she promised
up at Adam’s spring
expecting some money
or some other fine thing
II
“No money, no money
to flatter the case
We’ll have to get married
so there’ll be no disgrace.”
III
“So jump you up Omie
and away we will ride
to yonder fair country
where the cool waters glide.”
IV
She jumped up behind him
and away they did ride
to yonder fair country
where the deep waters glide
V
“Now jump you down Omie
and I’ll tell you my mind
my mind is to drown you
and to leave you behind.”
VI
She begged and she pleaded
“Oh, don’t take my life
and I will deny you
and I’ll never be your wife.”
VII
She kicked and he cuffed her
to the worst understand
and he threw her in deep water
that flows through the land
VIII
They found her poor body
the following day
the preacher and the reverend
Lord, they all begun to pray
IX
And up spoke her mother
with a voice so a-sting
“Nobody but John Lewis
could’ve done such a thing.”
X
They traced him up the waters
to Dutch Charlie’s Bend
For they found him in jail
for killin’ a man
XI
“Go hang him, go hang him.”
was that mother’s command
“And throw him in deep waters
that flows through the land.”
Traduzione riveduta da qui e qui
I
Lei lo incontrò come promesso
su ad Adams’s Spring
si aspettava un po’ di soldi
o qualche altra bella cosa.
II
“Niente soldi, niente soldi,
per sgonfiare la pancia (1)
dovremo sposarci
e non ci sarà disonore”
III
“Salta su, Omie,
e cavalcheremo via
verso un bel paese lontano
dove scorrono le fresche acque”
IV
Lei saltò dietro a lui
e via cavalcarono
verso un bel paese lontano
dove scorrono le acque profonde.
V
“Ora salta giù, Omie
e ti dirò cosa ho in mente.
La mia idea è di farti annegare
e abbandonarti”
VI
Lei supplicò e pregò
“Oh non prendere la mia vita
oh, io rinnegherò di averti sposato
e non sarò più tua moglie”
VII
L’ha presa a calci e a schiaffi
con le peggiori intenzioni
e l’ha gettata al fondo del fiume
che scorre per il paese
VIII
Hanno trovato il suo povero corpo
il giorno seguente
il pastore e il reverendo
Dio, tutti cominciarono a pregare
IX
E sua madre parlava
con voce rabbiosa
“Nessun se non John Lewis
può aver fatto una cosa simile”
X
Lo inseguirono lungo il fiume
fino alla Dutch Charlie’s Bend
dove lo trovarono in carcere
per aver ucciso un uomo
XI
“Impiccatelo, impiccatelo”
fu la richiesta della madre
“Gettatelo nelle acque profonde
che scorrono per il paese”

FONTI
http://www.appalachianhistory.net/2015/11/bastardy-bonds.html
https://randolphhistory.wordpress.com/2009/06/03/naomi-wise/
http://www.murderbygaslight.com/2009/09/naomi-wise_05.html
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/omiewise.html
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-OmieWise.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=18313
http://www.jstor.org/discover/10.2307/535498?uid=3738296&uid=2129&uid=2&uid=70&uid=4&sid=21102583399253
https://rosamondpress.com/2011/11/27/the-murder-of-omie-wise/
http://www.maggiesfarm.eu/testiO/omiewise.htm

HOUSE CARPENTER

Child # 243
(prima parte qui)

Parafrasando Dylan in merito alle folk song che “dicono solo quello che è importante” ecco che ancora ragazzino si sente in dovere di registrare negli studi Columbia una ballata vecchia e inquietante che mai finirà in un album ufficiale. Non si rifà alla versione di Clarence Ashley (vista nella prima parte) e secondo Clinton Heylin che ha scritto un libro sulle varianti di House Carpenter, il modello testuale potrebbe essere arrivato dalla registrazione dell’anno prima di  Almeda Riddle , con la melodia più simile a quella di Ashley e riarrangiata da Dylan

Bob Dylan  così la introduce “Questa è la storia di uno spettro che torna dal mare, venuto a portar via la sua sposa dal falegname

ASCOLTA Bob Dylan 1961

I
Well met, well met,
my own true love
Well met, well met, cried she
I’ve just returned from the salt, salt sea
And it’s all for the love of thee
II
I could have married a King’s daughter there
She would have married me
But I have forsaken my King’s daughter there
It’s all for the love of thee
III
Well, if you could have married a King’s daughter there
I’m sure you’re the one to blame
For I am married to a
house carpenter
And I’m sure he’s a fine young man
IV
Forsake, forsake your house carpenter
And come away with me
I’ll take you where the green grass grows
On the shores of sunny Italy
V
So up she picked her babies three
And gave them kisses, one, two, three
Saying “take good care of your daddy while I’m gone
And keep him good company.”
VI
Well, they were sailin’ about two weeks
I’m sure it was not three
When the younger of the girls, she came on deck
Sayin’ she wants company
VII
“Well, are you weepin’ for your house and home?
Or are you weepin’ for your babies three?”
“Well, I’m not weepin’ for my house carpenter
I’m weepin’ for my babies three.”
VIII
Oh what are those hills yonder, my love
They look as white as snow
Those are the hills of heaven, my love
You and I’ll never know
IX
Oh what are those hills yonder, my love
They look as dark as night
Those are the hills of hell-fire my love
Where you and I will unite
X
Oh twice around went the gallant ship
I’m sure it was not three
When the ship all of a sudden, it sprung a leak
And it drifted to the bottom of the sea
Traduzione di Michele Murino (qui)
I
“Ben ritrovata, ben ritrovata,
mio vero amore
Ben ritrovato, ben ritrovato”, gridò lei
“Sono appena ritornato dall’oceano
e l’ho fatto per il tuo amore
II
Avrei potuto sposare la figlia del Re laggiù
E lei mi avrebbe sposato
Ma ho rinunciato alla mia figlia
del Re
e l’ho fatto per il tuo amore”
III
“Ebbene, se tu avresti potuto sposare la figlia di un Re laggiù
Certo la colpa è solo tua
Poichè io sono sposata ad un carpentiere ed è sicuro che egli è un bel giovane”
IV
“Abbandona, abbandona il tuo carpentiere e vieni via con me
Ti porterò dove l’erba cresce
verde
sulle spiagge dell’assolata Italia”
V
Così lei prese in braccio i suoi tre bimbi
e diede loro uno, due, tre baci
e disse “Prendetevi cura del vostro papà mentre io sono lontana
e fategli compagnia”
VI
Navigavano da circa due
settimane
sono sicuro non fossero tre
quando la più giovane delle ragazze venne sul ponte
dicendo che cercava compagnia
VII
“Stai piangendo al pensiero di casa tua?
O stai piangendo per i tuoi tre bimbi?”
“Non piango per il mio carpentiere,
sto piangendo per i miei tre bimbi”
VIII
“Oh cosa sono quelle colline laggiù, amor mio
Sembrano bianche come la neve”
“Quelle sono le colline del paradiso, amor mio che tu ed io non conosceremo mai”
IX
“Oh cosa sono quelle colline laggiù, amor mio
Sembrano scure come la notte”
“Quelle sono le colline dell’inferno, amor mio
dove tu ed io saremo uniti”
X
Oh per due volte la bella nave girò intorno sono sicuro che non furono tre
Quando la nave all’improvviso fece acqua da una falla
e piombò in fondo all’oceano

Un’altra versione indimenticabile è quella dei Pentangle
ASCOLTA Pentangle in Basket Of Light 1969,  live nello stile folk-jazz che li contraddistingue. La versione decisamente più vicina a quella americana o forse una via di mezzo fra le due sponde


I
“Well I once could have married the king’s third son
And a fine young man was he
But now I’m married to a house carpenter
And a nice young man is he”
I
“When will you forsake your house carpenter
And a-go along with a me
I will take you to where the grass grows green
On the banks of the River Dee.”
III
“But will you have to maintain me a bound
To keep me in slavery?”.
“Well I have seven ships
They will soon be at land
And they at your command shall be.”
IV
She took her two babes by the hand
And gave them kisses three
“Sit still at home you darling little babes,
Keep your father sweet company.”
V
Now she dressed herself in her very best
Like a high-born lady was she
She shimmered and she shivered and she proudly stepped
As they walked by the banks of the sea
VI
Well she hadn’t been gone but a short, short time
Until she wept for sor’
“I would give all the gold in this round world
Just to see my babes once more.”
VII
“Well if you had all the gold and the silver too
That ever did cross the sea
You never would be at land anymore
And your babes you will never more see”
VIII
Well they hadn’t been sailing but a short, short time
About two weeks, three or four
When the ship sprang a leak and they were doomed
And they were far away from the shore
IX
“I see bright hills of Heaven my dear
Where angels come and go
“I see bright hills, that’s Hell my dear
Where you and I must go.”
X
“Oh I wish I was back to my house carpenter
I’m sure he would treat me well
But here I am in the raging sea
And my soul is bound for Hell.”
Traduzione * (da qui)
I
“Avrei potuto sposare un tempo il terzo figlio del Re
e lui era un uomo giovane e bello
Ma ora sono sposata ad un
carpentiere
e lui è un uomo giovane e gentile”
II
“Se tu abbandonassi il tuo
carpentiere
E venissi con me
Io ti porterei dove l’erba cresce verde e rigogliosa
sulle sponde del fiume Dee (1)”
III
“Ma dovrò essere
legata (a te),
mantenuta in schiavitù? (2)”
“Bè, io ho sette navi
Presto torneranno al porto
E saranno tutte ai tuoi comandi”.
IV
Lei prese per mano i suoi due bambini
e diede loro tre baci.
“Sedete buoni a casa,
cari bambini
fate a vostro padre buona compagnia”
V
Ora si veste con gli abiti
più belli
Come fosse una dama nata nobile
Lei brillava e lei rabbrividiva e lei orgogliosamente procedeva / Mentre camminava sulla sponda del mare (3)
VI
Bene, non era andata via da molto, ma da poco, poco tempo / Quando di sicuro ha iniziato a piangere:
“Darei tutto l’oro di questa terra tonda
solo per rivedere ancora una volta i mie bambini (4)”
VII
“Se tu avessi tutto l’oro e anche tutto l’argento
Che mai potesse essere trasportato per mare
Non vorresti mai più attraccare
E non vedresti mai più i tuoi bambini”
VIII
Non era passato molto da quando era salpata, ma un tempo molto, molto breve / Giusto due, tre o quattro settimane/ Quando sulla nave si è aperta una falla e loro erano perduti
Ed erano molto lontani dalla riva
IX
“Vedo le colline luminose del Paradiso mia cara/ Dove gli angeli vanno e vengono”/  “Vedo colline luminose, ma è l’Inferno mio caro (5)
Dove tu ed io dobbiamo andare.”
X
“Oh, vorrei tornare dal mio carpentiere (6)
Sono certa che mi tratterebbe bene
Ma io sono qui nel mare in tempesta
E la mia anima è pronta per l’Inferno.”

NOTE
*Alberto Musica &Memoria
1) ci sono due fiumi omonimi uno scorre nel Galles del Nord verso il Nord-Ovest dell’Inghilterra, l’altro è nell’Aberdeenshire (Scozia); in genere sono le rive del mare salato
2) dalla risposta presumiamo che l’uomo non sia solo il capitano della nave ma un pirata
3) esplicitazione del commonplace
4) la donna ha lasciato il falegname attratta dalla prospettiva di ricchezza oltre che di avventura
5) anche se la nave è affondata per una violenta tempesta con lo scafo squarciato, non è esplicitata una causa sovrannaturale e tuttavia per i due amanti andranno dritto in qualche girone infernale perchè sono morti nel peccato
6) il pensiero rivolto al marito abbandonato forse è un tardivo rimpianto, più rivolto alla tranquillità della vita casalinga a terra e alla vita, che un reale sentimento d’amore verso il falegname: vien da interrogarsi se la scelta del mestiere non sia casuale e se si voglia indirettamente richiamare la figura di Giuseppe (il “cornuto” biblico più popolare), l’accostamento è un po’ azzardato ma non del tutto privo di umoristico sarcasmo

ASCOLTA Angelo Branduardi in Il rovo e la Rosa, 2013
Qui intitolala il Falegname la versione in italiano di Luisa Zappa con musica di Angelo Branduardi ispirata al Rinascimento inglese. Il testo, per altro magistralmente tradotto, riprende la versione americana.

I
“Sono tornato da te, mia cara,
ben trovata, lui gridò.
Sono tornato dal mare salato
solo per amare te.
II
Potevo avere la figlia del re
e lei voleva me.
Ma ho rifiutato tutto quell’oro
solo per amare te.”
III
“Se avessi sposato la figlia del re,
vergogna ora per te.
Io ho sposato un buon falegname
e così bello è il mio uomo.”
IV
“Ti scorderai del bel falegname
e verrai via con me.
Ti porterò dove l’erba è verde
alla rivea del mare salato.”
V
“Potessi scordare il buon falegname
io verrei via con te.
Cosa farai per farmi felice,
protetta dalla povertà?”
VI
“Sei navi solcano il mare per me,
e sette ancora ne tengo a terra.
E centodieci dei miei marinai,
pronti al tuo comando.”
strumentale
VII
Lei strinse forte il suo bambino,
tre volte lo baciò.
Disse: “Rimani col mio falegname,
tienigli compagnia”.
VIII
Lei poi indossò un abito nuovo,
fra tutti i suoi il più bello.
S’incamminò lungo la via,
Splendida come oro.
IX
Non eran passate che due settimane,
lo so che non erano tre.
La bella lady si disperava,
piangeva amaramente.
X
“Perché ora piangi mia bella signora,
forse per il tuo oro?
O per il tuo bel falegname
che non rivedrai mai più?”
XI
“Non sto piangendo per il mio falegname,
non piango per quell’oro.
Io ora piango il mio bambino
che non rivedrò mai più.”
XII
Non eran passate che tre settimane,
so che non erano quattro.
La bella nave cominciò ad affondare
e non risali mai più.
XIII
Si capovolse la nostra nave
per una volta ancora.
Per ben tre volte girò su se stessa
e s’inabissò nel mare.
XIV
“Che colline sono mai quelle, amore,
che vedo così alte e belle?”
“Sono le colline del Cielo, amore,
ma non sono per te, per me.”
XV
“E quella gola che vedo, amore,
così profonda e scura?”
“Quella è la strada che porta all’Inferno
pronta per te, per me.”

FONTI
La voce di Bob Dylan: una spiegazione dell’America, Alessandro Carrera
http://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch243.htm
http://www.musicaememoria.com/pentangle_basket_of_light.htm
https://singout.org/2012/09/04/who-weeps-for-the-house-carpenter/
https://singout.org/2012/09/06/some-are-carpenters-wives/
https://singout.org/2012/09/08/but-dont-you-let-it-take-you-over/

LADY OF CARLISLE

Sull’origine della ballata “Lady of Carlisle” sono state fatte più illazioni che ricerche e forse la ballata ci giunge dal medioevo o forse dal Seicento. Di questa antica ballata resta oggi una versione in stile bluegrass, conservatasi presso le comunità  rurali dei Monti Appalachi. L’antecedente più prossimo è con buona probabilità d’origine tedesca: il poema di Schiller intitolato ‘Der Handshuh‘ (1797) che a sua volta è modellato su di un racconto aneddotico francese risalente al XVIII secolo sul toponimo di Rue des Lions a Parigi; per dare prova d’amore alla sua dama, un cavaliere si getta nella gabbia dei leoni (del serraglio reale) pur di riprende il guanto caduto. Schiller prese ispirazione da Les Mémoires de Messire Pierre de Bourdeilles, Seigneur de Brantôme (1666, Discours 10e) che dava per vera la storia come accaduta sotto il regno di Francesco I.

IL GUANTO DI FRIEDRICH VON SCHILLER

(tratto da qui)
Davanti al suo giardino dei leoni, in attesa di assistere alla lotta, sedeva il Re Francesco, e intorno a lui i Grandi del Regno, e in giro sulle alte balconate le dame facevano bella corona. E come lui fa cenno con un dito, si apre la grande gabbia e con passo cauto entra un leone, si guarda intorno silenzioso, con lunghi sbadigli, e scuote la criniera, e stira le membra, e si accuccia. A un nuovo cenno del re, si apre subito una seconda porta, da cui esce di corsa con salti selvaggi una tigre, e appena vede il leone, ruggisce forte descrive con la coda cerchi spaventosi, e allunga la lingua, e gira ombrosa intorno al leone ruggendo con rabbia, poi ringhiando si accuccia su un fianco. A un nuovo cenno del re saltano fuori da due gabbie aperte due leopardi contemporaneamente, che si lanciano con ardita voglia di lotta sulla tigre, che li afferra con le forti zampe, e il leone con un ruggito si rizza, poi si calma, e tutto intorno, vogliosi di uccidere, si muovono i feroci gattoni. Ed ecco, cade dalla balconata un guanto, da mano leggiadra, cade fra la tigre e il leone, proprio in mezzo. E al Cavaliere Delorges scherzando dispettosa si volge madamigella Cunegonda: “Cavaliere, se il vostro amore è così ardente come mi giurate ogni momento, andate a prendermi il guanto”. E il cavaliere corre veloce scende nella terribile gabbia con passo sicuro e dal punto più pericoloso prende il guanto con mano ardita. E con meraviglia e terrore guardano i cavalieri e le dame, e tranquillamente lui porta via il guanto, risuona la sua lode su ogni labbro, ma con dolce sguardo d’amore – che gli promette piaceri di voluttà – lo accoglie madamigella Cunegonda. E lui le getta il guanto in viso: “Ringraziamenti non ne voglio, madamigella”. E se ne va in quello stesso istante.

LA LADY SPIONAvan-dick-lucy-percy

Una nota lady, contessa di Carlise fu Lucy Percy (1599 -1660) una spia inglese di nobili natali. Fece parte della corte di Carlo I d’Inghilterra ed ebbe molti amanti; su di lei Alexandre Dumas modellò il personaggio di Milady per i suo romanzo d’appendice “I tre Moschettieri”.

Il gesto dovette sembrar molto romantico ai giovanotti del tempo, così varie versioni furono scritte nell’Ottocento tra cui una serie di broadside (vedi qui). Nelle ballate la prova d’amore diventa una contesa tra due pretendenti e il guanto è un più civettuolo ventaglio, accessorio inseparabile delle signore del Settecento/Ottocento.

Nella versione di Schiller la dama non ci faceva una bella figura ed era respinta dal cavaliere come donna superficiale e vanesia, mentre nella ballata è una donna più sensibile (che sviene davanti alla fossa dei leoni) e che non riuscendo a scegliere tra due valorosi soldati decide di dare il suo cuore a colui che le darà prova d’onore e di coraggio (e che la renderà di certo presto vedova).

E’ significativo tuttavia che l’oggetto gettato nella fossa dei leoni sia un ventaglio e non un guanto, entrato nella moda francese con Caterina de Medici e amato dalla regina Elisabetta I il ventaglio divenne  solo nel 1700 l’accessorio indispensabile di una dama. Ma in questo contesto il ventaglio è un simbolo?  Probabile, leggetevi quest’analisi di Michael Cope (qui)

This was another of the more than 700 songs Sam Henry collected in North Ulster and published week by week between 1924 and 1938 in The Northern Constitution of Coleraine, complete with brief notes and tonic sol-fa notation. The song seems to have been widespread in Ulster at one time and has also been well known in Scotland.
Cecil Sharp noted the earliest version of the story in a 17th century French autobiography, the events supposed to have actually happened at the court of François I. Sharp collected versions of the ballad in Somerset and in the Appalachians and it has also turned up widely along the north-eastern seaboard of the USA and Canada. Other titles for the song are The Fan and The Bold Lieutenant.” (tratto da qui)

ASCOLTA Pentangle in Solomon’s Seal (1972)
“Lady Of Carlisle” (traditional, arranged by Jansch, Renbourn, Thompson, Cox, McShee) — inizia a 30.05
In questo brano, con il quale si conclude il loro primo ciclo, i Pentangle tentano un ultimo ardito esperimento di mix di generi musicali. Il brano tradizionale è arrangiato come un roots blues del Sud degli Stati Uniti, con tanto di armoniche e chitarre suonate stile banjo, a testimoniare che anche gli influssi della musica tradizionale inglese hanno costituito il terreno di cultura da cui è nato il blues, e quindi il jazz e quindi il rock” (Alberto di Musica e Memoria tratto da  qui)

ASCOLTA Robert Hunter

ASCOLTA Pete Seeger con il titolo di “Down in Carlise”


I
Down in Carlisle there lived a lady
Being most beautiful and gay,
She was determined to stay a lady,
No man on earth could her betray.
II
Unless it was a man of honour
A man of honour and high degree,
And then approached two loving soldiers,
This fair lady for to see.
III
One being a brave lieutenant
A brave lieutenant and a man of war
The other being a brave (bold) sea captain,
Captain of the ship that come from afar.
IV
And hen up spoke this fair young lady,
Saying “I can’t be but one man’s bride,
if you’ll come back tomorrow morning,
On this case we will decide.”
V
She ordered her a span of horses
A span of horses at her command;
And down the road these three did travel
Till they come to the lions’ den.
VI
There they stopped and there they halted/These two soldiers stood gazing round;
And for the space of half an hour
That young lady lies speechless on the ground.
VII
And when she did recover,
Threw her fan  in the lions’ den
Saying, “Which of you to gain a lady
Will return her fan again?”
VIII
Then up spoke the brave lieutenant,
He raised his voice both loud and clear,
He said “You know I am a dear lover of women,
But I’ll not risk my life for love.”
IX
Then up spoke that brave sea captain.
He raised his voice both loud and high,
He said “You know I am a dear lover of women/ I will return her fan or die.”
X
Down in the lions’ den, he boldly entered,
The lions being both wild and fierce,
He marched around and in among them/ Safely returned her fan again.
XI
And when she saw her true lover coming
Seeing no harm had been done to him,
She threw herself against his bosom,
Saying, “Here is the prize that you have won.”
Traduzione riveduta da qui*
I
Laggiù nel Carlisle viveva una dama
era molto bella e gaia
decisa a restare una dama
nessun uomo sulla terra l’avrebbe ingannata.
II
A meno che fosse un uomo d’onore
un uomo d’onore e di alto lignaggio
E a quel punto arrivarono due uomini d’armi che volevano vedere questa bellissima dama.
III
Uno era un coraggioso tenente
un coraggioso tenente ed un uomo d’armi
L’altro era un coraggioso capitano, comandante della nave che era venuta da molto lontano
IV
Così parlo quella giovane e bella dama,
dicendo “Non posso essere che la sposa di uno solo, ma se voi tornerete domani mattina
a quel punto io deciderò”
V
Lei ordinò un tiro di cavalli
un tiro di cavalli al suo comando;
e giù lungo la strada i tre viaggiarono
finché arrivarono alla fossa dei leoni
VI
Lì si fermarono e lì si arrestarono
questi due soldati si rimirarono intorno
per una buona mezz’ora,
che quella giovane donna rimase a terra priva di sensi.
VII
E quando si riprese
gettò il suo ventaglio giù nella fossa dei leoni dicendo “Chi di voi per ottenere il favore di una dama
le riporterà il suo ventaglio?”
VIII
Allora parlò il coraggioso tenente
il suo tono di voce era forte e chiaro
egli disse “Voi sapete che amo le donne
ma non rischierò la mia vita per amore”
IX
Allora parlò il coraggioso capitano
il suo tono di voce era forte e chiaro
egli disse “Voi sapete che amo le donne
io riporterò il ventaglio o morirò”
X
Scese audacemente giù nella fossa dei leoni,
i leoni erano selvaggi e feroci
lui sfilò attorno e in mezzo a loro
e tornò sano e salvo con il ventaglio
XI
E quando vide il suo vero amore tornare
senza aver subito alcun danno
lei si gettò tra le sue braccia
dicendo “Ecco il premio che tu hai vinto”.

NOTE
*Alberto Musica &Memoria

FONTI
http://www.musicaememoria.com/pentangle_solomons_seal.htm
http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/thelionsden.html
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-LadyCarlisle.html
https://oldtimeparty.wordpress.com/2012/05/24/the-lady-of-carlisle/
http://www3.clearlight.com/~acsa/introjs.htm?/~acsa/songfile/LADYCARL.HTM
http://www.whitegum.com/introjs.htm?/songfile/LADYCARL.HTM
https://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/LO25.html
http://dylanchords.info/00_misc/lady_of_carlisle.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=65185

GLASGERION (JACK ORION)

Ballata tradizionale inglese
Child Ballad #67
Musica: A. L. Lloyd (1961)

Glasgerion, è il bardo gallese Keraint (Geraint the Blue Bard )-qualificato dall’aggettivo “glas” ossia Azzurro (erano infatti i Bardi -perlomeno quelli in cima alla gerarchia (ossia di nobili natali) – a vestirsi d’azzurro -come carattere distintivo del loro status sociale) “Keraint il Bardo Azzurro” è citato nei Mabinogion: Keraint figlio di Owain, Principe di Glamorgan visse probabilmente nell’VIII- IX secolo.
Ohibò ecco da dove viene il Principe Azzurro delle fiabe!! Senonchè “azzurro“, in lingua gallese, significa “più importante, principale” e infatti 500 anni dopo Chaucher lo colloca nel suo “House of Fame” accanto ad Orfeo (o almeno così ritengono gli studiosi identificando il Glaskirion di Chaucer con il bardo gallese).

George Sheridan Knowles - Glasgerion 1892

NEL BLU TINTO DI BLU

Glasten o glas ma un tempo woad ossia “erba selvatica” detta glastum da Plinio, è il colore blu ottenuto dagli antichi Celti  un blu verde-grigio  (o azzurro-verde) dalla lavorazione dell’erba guada, un’erba detta anche erba gialla per via del colore delle sue infiorescenze, l’Isatis tinctoria delle Brassicaceae (la famiglia dei cavoli per intenderci).
Il colorante si trova nelle foglie le quali si raccolgono con frequenti tagli (4-5 all’anno) – e secondo tradizione l’ultimo taglio si faceva  l’equinozio d’autunno (e nel Medioevo cristiano con il giorno di San Michele Arcangelo)
A parte i reperti tessili datati al V secolo a.C. anche Giulio Cesare e Plinio descrivono l’usanza dei Celti di tingersi i corpi prima della battaglia con il guado.
La pianta oltre che nel Nord europa fu coltivata anche in molte regioni italiane fino a quanto venne soppiantata dall‘indaco indiano portato da Marco Polo dai suoi viaggi in Oriente, una pianta di maggior resa tintoria.
La coltivazione dell’erba guada è stata oggi ripresa e valorizzata sia in Francia che in Italia con ottimi risultati.

Nell’antichità greca e romana il blu era considerato un colore poco prestigioso confuso con il verde e il grigio, finchè poco dopo l’Anno Mille mutarono i gusti e la percezione estetica riguardante tale colore.
Perché il blu diventasse un colore significativo, capace di trasmette idee e suscitare emozioni, furono necessarie nell’Europa cristiana almeno due cose: che le materie di base per la pittura e la tintura delle stoffe non fossero più un bene raro e difficile da distillare come nell’antichità; e che nuove abitudini si sedimentassero nell’inconscio collettivo trasformando la sensibilità ed il gusto degli individui. Lo storico francese Michel Pastoureau ha datato al 1100 il punto di svolta riguardo al colore blu. Grazie allo sviluppo del commercio e dei mezzi di produzione materiale nacque una nuova sensibilità religiosa e culturale, ed il colore blu si impose sulla scena europea per rimanerci fino ai giorni nostri. Il primo segnale che qualcosa stava cambiando lo diede, in pittura, il mantello della Vergine: precedentemente era stato quasi sempre dipinto di bruno, violetto o bianco in segno di lutto ed  afflizione. Poi, improvvisamente, diventò ovunque di un bel blu chiaro e luminoso, trasformandosi in un simbolo di purezza e misericordia. Vestirsi di blu ormai non era più una stravaganza. Ma nessun libro – scrive Pastoureau- nessuna opera d’arte e nessun avvenimento esercitò tale influenza sulla moda quanto il libro di Goethe “I dolori del giovane Werter”, pubblicato nel 1774. Per almeno 10 anni il capo più richiesto dai giovani di tutta Europa fu proprio “l’abito alla Werter” e cioè la marsina blu che l’eroe indossava quando conobbe Carlotta. Lo stesso Goethe vestiva spesso di blu, e nella sua Teoria dei Colori definì l’associazione del blu e del giallo come l’armonia cromatica assoluta. Ma non fu il solo: al pari del grande scrittore tedesco tutto il movimento romantico portò un culto assoluto al colore blu. Per i romantici il blu costellava la poesia, il sogno, la melanconia, il languore assetato di assoluto.  (tratto da qui)

LA BALLATA

La ballata in Reliques of Ancient English Poetry di Sir Thomas Percy risale sicuramente al medioevo e il nostro Bardo è coinvolto in una vicenda tragicomica: vezzeggiato ospite alla mensa del Re, riesce a sedurre con il suo canto la bella Principessa la quale lo invita a recarsi nella sua camera nel cuore della notte.
Il servitore del Bardo approfitta dell’occasione e gioca d’anticipo entrando per primo nella camera della principessa,  la prende così per terra, senza tante buone maniere. Poi torna negli alloggi del Bardo e lo sveglia per esortarlo ad andare all’appuntamento fissato. Nel vederlo ritornare la Principessa sulle prime si mostra sorpresa e poi scopre di essere stata violata dal servitore del Bardo e preferisce uccidesi. Glasgerion va dal  paggio e lo uccide e poi volge la lama su di sè. Una storia come piaceva a quei tempi con tanto spargimento di sangue e uccisioni di giovani vite e rigide regole di comportamento sociale da far rispettare!

In seguito Glasgerion diventa Jack Orion ovvero Jack O’Rian, ed è proprio la versione tardo settecentesca della ballata ad essere stata rimaneggiata e messa in musica da Andrew Lancaster Lloyd (1961)
È la versione interpretata e fatta conoscere da Bert Jansch nel 1966, nell’album omonimo. Probabilmente di origine tardosettecentesca, si tratta di una versione un po’ edulcorata nel linguaggio ma comunque che non si allontana da quella più antica tramandata dal Folio Percy. La storia di questa versione è comunque controversa e riflette interventi arbitrari moderni che non sono stati infrequenti nel Folk revival degli anni ’60. Fu infatti nel 1961 che, basandosi su una autentica versione stampata prima che la ballata scomparisse del tutto dalla tradizione orale, che lo studioso e folklorista Albert Lancaster Lloyd (1908-1982) compose una versione “modernizzata” e una melodia adatta (della versione più antica e anche di quelle più tarde non si è mai conosciuta la musica). Lloyd, che era anche cantante in proprio, la incise nel 1966 nell’album First Person con Dave Swarbrick (“Swarb”) al fiddle: fu questa versione che fu poi ripresa da Bert Jansch e dai Pentangle. Nel 1968 era stata interpretata anche da Martin Carthy, ancora con Dave Swarbrick al fiddle, nell’album But Two Came By. In una nota nel libretto dell’album, Martin Carthy osserva interessantemente: ‘The song in its traditional form was, according to evidence at our [his and A. L. Lloyd’s] disposal, not very widespread, which serves to highlight one of the curious features of the folk revival, that is, the many songs which were not at all common in tradition are very commonly sung in the revival and vice versa.’ Nel 1970, infine, la sua versione più famosa e nella quale viene generalmente ricordata: quella dei Pentangle in Cruel Sister, interpretata a tre voci da Bert Jansch, John Renbourn e Jacqui McShee. (tratto da qui)

ASCOLTA su Spotify A.L. Lloyd & Dave Swarbrick ·  in English & Scottish Folk Ballads 2006. Nella versione di LLoyd vengono omesse le strofe del suicidio della principessa e del bardo, apparentemente l’unico a morire è il servo.


I
Jack Orion was as good fiddler
As ever fiddled on a string,
And he could drive young women mad
With the tune his wires would sing.
II
He could fiddle the fish out of salt water
Or water from a marble stone,
Or the milk out of a maiden’s breast
Though baby she had none.
III
So he sat and played in the castle hall
And fiddled them all so sound asleep,
Except it was for the young countess,
And for love she stayed awake.
IV
And first he played a slow, slow air
And then he played it brisk and gay,
And, “O dear love,” behind her hand
This lady she did say.
V
“Ere the day has dawned and the cocks have crown
And flapped their wings so wide,
It’s you may come up to my bedroom door/ And stretch out at my side.”
VI
So he lapped his fiddle in a cloth of green/ And he stole out on his tip toe,
And he’s off back to his young boy Tom
As fast as he could go.
VII
Ere the day has dawned and the cocks have crown
And flapped their wings so wide,
I’m bid to go to that lady’s door
And stretch out at her side.
VIII
Well lie down, rest you, my good master,
Here’s a blanket to your hand.
And I’ll waken you in as good a time
As any cock in the land.”
IX
And Tom took the fiddle into his hand,
Fiddled and he sang for a full hour,
Till he played his master fast asleep
And he’s off to that lady’s bower.
X
And when he come to the countess’ door
He twirled so softly at the pin,
And the lady true to her promise
Rose up and let him in.
XI
Well he didn’t take that lady gay
To bolster or to bed,
But down upon her bedroom floor
Right soon he had her laid.
XII
And he neither kissed her when he came
Nor yet when from her he did go,
But in and out of her bower window
The moon like a coal did glow.
XIII
“Oh ragged are your stockings, love,
And stubble is your cheek and chin,
And tangled is that yellow hair
That I saw late yestre’en.”
XIV
“My stockings belong to my boy Tom
And they were the first come to my hand,
And I tangled all my yellow hair
When coming against the wind”
XV
He took his fiddle into his hand,
So saucy there he sang,
And he’s off back to his own master
As fast as could run.
XVI
“Well up, well, my master dear,
For while you sleep and snore so loud
There’s not a cock in all this land
But has flapped his wings and crowed.”
XVII
Jack Orion took the fiddle into his hand/ And he fiddled and he played so merrily,/ And he’s off away to the lady’s house/ As fast as go could he.
XVIII
Well, when he come to the lady’s door
The fiddler twirled upon the pins,
Saying softly, “Here’s your own true love,
Rise up and let me in.
XIX
She says,“Surely you didn’t leave behind
A bracelet or a velvet glove,
Or are you returned back again
To taste more of me love?”
XX
Jack Orion swore a bloody oath,
“By oak and ash and bitter thorn,
Lady, I never was in your room
Since the day that I was born.”
XXI
Oh then it was your little foot page
That falsely has beguiled me,
And woe that the blood of that ruffian boy
Should spring in my body.”
XX
And home then went Jack Orion, crying,
“Tom, my lad, come here to me!”
And he hanged that boy from his own gatepost
High as the willow tree.
tradotto da Riccardo Venturi*
I
Jack Orion era il miglior violinista(1)
Che mai avesse suonato su corda,
Faceva impazzire le giovani donne
Quando suonava una melodia sul suo violino
II
Avrebbe fatto uscire i pesci dall’acqua salata/O acqua da una lastra di marmo,
O latte dal petto di una vergine
Sebbene mai avesse avuto figli (2)
III
E continuò a suonare nella sala del castello/ Finché, suonando, non li fece addormentar tutti;/tutto a causa della giovane principessa/ Che per amore se ne stava sveglia.
IV
E prima suonò una melodia (3) solenne e lenta/ E poi ne fece sgorgare una allegra;/ E “Oh Amore caro” di nascosto la dama gli diceva.
V
“All’alba, quando i galli avranno cantato
E ben sbattuto le loro ali,
allora vieni ed entra in camera mia
per distenderti al mio fianco.”

VI
Ripose il violino in una tela verde
e, muovendosi con circospezione,
corse via dal suo giovane servo Tom, più veloce del vento.
VII
All’alba, quando i galli avranno cantato
E ben sbattuto le loro ali,
Sono stato invitato a entrare da quella dama
Per distendermi al suo fianco.”
VIII
“Giaci pure nel tuo letto, caro padrone,
ecco prendi una coperta;
ti sveglierò al momento giusto
meglio di un gallo.”
IX
E Tom prese il violino in mano
suonò e cantò per una buona ora
suonò finchè il suo padrone prese sonno e così se ne andò dalla dama.
X
E quando giunse alla camera della signora
Toccò leggermente il battente;
La signora fu fedele alla sua parola,
Si alzò e lo fece entrare.
XI
Beh, non prese quella bella signora
Sul capezzale e neanche sul letto,
La rovesciò giù sul pavimento
E rapidamente la montò.
XII
Non le diede un bacio né all’arrivo
E neppure quando andò via;
Splendeva la luna come brace
Guizzando dentro e fuori dalla finestra.
XIII
“Le tue calze sono stracciate, amore,
Hai le guance ispide di barba,
Pieni di nodi sono i tuoi capelli biondi
Che ho visto solo ieri sera.”
XIV
“Le calze sono del mio paggio Tom,
Sono le prime che mi son capitate in mano,
e mi sono annodato i biondi capelli
mentre venivo controvento.”
XV
Tom prese il violino in mano
E cantò in modo insolente,
Poi tornò alla casa del suo padrone
Il più veloce che poté.
XVI
“Svegliati, svegliati, mio buon padrone,
perchè mentre dormivi sodo e russavi
nessun gallo del paese ha cantato
e  sbattuto le ali”

XVII
Jack Orion prese il violino in mano
suonò e cantò contento
e se ne andò dalla dama
più veloce del vento.
XVIII
E quando giunse alla porta
il violinista toccò il battente;
dicendo piano: “Ecco il tuo vero amore
alzati e fammi entrare
XIX
“Oh, lai lasciato qui da me
Il tuo braccialetto o un guanto?
Oppure sei tornato
Per fare ancora l’amore con me?”
XX
Jack Orion tirò una bestemmia sanguinosa (4) “Sulla quercia, le ceneri e le amare spine Signora, non sono mai stato in casa tua/ Dal giorno che sono nato.”
XXI
“Oh, allora è stato il tuo paggetto
Che mi ha ingannata così crudelmente,
Che sventura che il sangue di quel furfante/ Scorra dentro al mio corpo (5).”
XX
Jack Orion corse a casa,
gridando,
 “Tom, ragazzo mio, vieni qua da me.”
e impiccò quel servo al proprio cancello
in alto come il salice

NOTE
* traduzione di  Riccardo Venturi per il testo dei Pentangle (sotto), adattato da Cattia Salto sulla versione di Bert Lloyd
1)  lo strumento in origine era l‘arpa bardica
così recita la versione del foglio Percy [traduzione di Riccardo Venturi da qui]

Glasgerion was a kings owne sonne,
And a harper he was good,
He harped in the kings chamber
Where cappe and candle yoode,
And soe did hee in the Queens chamber
Till ladies waxed wood.
Glasgerion era l’unico figlio d’un re,
Era un buon suonatore d’arpa;
Suonava l’arpa alla corte del re
Dove passavan calici e candelabri,
E così fece nelle stanze della regina
Facendo impazzire le dame.

2) Le Arpe magiche sono molto citate nella mitologia celtica, arpe dotate di straordinari poteri che  suscitano forti emozioni negli uomini e negli animali e compiono incantesimi sulle cose inanimate. continua
3) le tre melodie suonate dal bardo riprendono pari pari le melodie suonate dal Dio Dagda con la sua arpa magica denominata “sussurro del dolce albero di mele”. Così racconta la leggenda: durante la battaglia di Mag Tured tra i Fomori, leggendari abitanti dell’Irlanda e i Thuata DŽeDanann, i figli della dea Dana, dai quali discende il popolo irlandese, i Fomori rubarono l’arpa al dio Dagda.  In una rocambolesca sortita nel campo nemico lo stesso dio Dagda accompagnato dal dio Lugh e Ogma, chiama a sè con un’invocazione magica l’arpa e suona le tre fondamentali e nobili melodie musicali per le quali si riconoscono gli arpisti: la melodia del pianto, quella del riso, e quella del sonno.
4) Così commenta Riccardo Venturi: “Cioè sulla quercia con la quale era stata fabbricata la croce di Gesù, sulle sue ceneri e sulle spine della corona.  Per i puritani standard inglesi, anche moderni, si tratta di una bestemmia veramente sanguinosa
5) in realtà è lo sperma di un umile servo quello che scorre nella vagina della principessa: nei tempi antichi le pulzelle nobili venivano tranquillamente stuprate dagli eserciti conquistatori, per questo si toglievano la vita quando il nemico sfondava le porte della città o del mastio. Se sopravvivevano venivano degradate a servire come serve o vendute come schiave.

ASCOLTA Pentangle Jack Orion in Cruel Sister, 1967. In una versione a tre voci Bert Jansch (il narratore), John Renbourn (il bardo e lo scudiero), Jacqui McShee (la principessa). Così commenta Alberto di Musica e Memoria: “Questa ballata tradizionale nell’LP Cruel Sister occupa una intera facciata e segna la adozione, per la prima volta, della chitarra elettrica con distorsore (al minuto 14:46) da parte dei Pentangle, forse per adeguarsi in qualche modo allo stile folk-rock allora imperante (Fairport Convention, Steeleye Span), mentre sino ad allora erano stato fedeli ai soli strumenti acustici e al massimo alla chitarra elettrificata stile jazz.” (tratto da qui)
La versione portata nel gruppo da Bert Jansch (che l’aveva registrata nel 1966 nel suo album dal titolo omonimo) è più tragica e dettagliata.

ASCOLTA Fairport Convention – Jack O’Rion 1978

I
Jack Orion was as good a fiddler
As ever fiddled on a string
He could make young women mad
To the tune his fiddle would sing
II
He could fiddle the fish out of salt water
Or water from a marble stone
Or milk from out of a maiden’s breast
Though baby she’d got none
III
He’s taken his fiddle into his hand
He’s fiddled and he’s sung
And oft he’s fiddled unto the King
Who never thought it long
IV
And he sat fiddling in the castle hall
He’s played them all so sound asleep
All but for the young princess
And for love she stayed awake
V
And first he played at a slow grave tune
And then a gay one flew
And many’s the sigh and loving word
That passed between the two
VI
Come to my bower, sweet Jack Orion
When all men are at rest
As I am a lady true to my word
Thou shalt be a welcome guest
VII
He’s lapped his fiddle in a cloth of green
A glad man, Lord, was he
Then he’s run off to his own house
Says, Tom come hither unto me
VIII
When day has dawned and the cocks have crown
And flapped their wings so wide
I am bidden to that lady’s door
To stretch out by her side
IX
Lie down in your bed, dear master
And sleep as long as you may
I’ll keep good watch and awaken you
Three hours before ‘tis day
X
But the rose up that worthless lad
His master’s clothes did don
A collar he’s cast about his neck
He seemed the gentleman
XI
Well he didn’t take that lady gay
To bolster nor to bed
But down upon the bower floor
He quickly had her laid
XII
And he neither kissed her when he came
Nor when from her he did go
And in and out of her window
The moon like a coal did glow
XIII
Ragged are your stockings love
Stubbly is your cheek and chin
And tangled is that yellow hair
That I saw yestereen
XIV
The stockings belong to my boy Tom
They’re the first come to my hand
The wind has tangled my yellow hair
As I rode o’er the land
XV
Tom took his fiddle into his hand
So saucy there he sang
Then he’s off back to his master’s house
As fast as he could run
XVI
Wake up, wake up my good master
I fear ‘tis almost dawn
Wake up, wake up the cock has crowed ‘Tis time that you were gone
XVII
Then quickly rose up Jack Orion
Put on his cloak and shoon
And cast a collar about his neck
He was a lord’s true son
XVIII
And when he came to the lady’s bower
He lightly rattled the pin
The lady was true to her word
She rose and let him in
XIX
Oh whether have you left with me
Your bracelet or your glove?
Or are you returned back again
To know more of my love?
XX
Jack Orion swore a bloody oath
By oak and ash and bitter thorn
Saying, lady I never was in your house
Since the day that I was born
XXI
Oh then it was your young footpage
That has so cruelly beguiled me
And woe that the blood of the ruffian lad
Should spring in my body
XXII
Then she pulled forth a little sharp knife
That hung down at her knee
O’er her white feet the red blood ran/ Or ever a hand could stay
And dead she lay on her bower floor
At the dawning of the day
XXIII
Jack Orion ran to his own house
Saying, Tom my boy come here to me
Come hither now and I’ll pay your fee
And well paid you shall be
XXIV
If I had killed a man tonight
Tom I would tell it thee
But if I have taken no life tonight
Tom thou hast taken three
XXV
Then he pulled out his bright brown sword
And dried it on his sleeve
And he smote off that vile lad’s head
And asked for no man’s leave
XXVI
He set the sword’s point to his breast
The pommel to a stone
Through the falseness of that lying lad
These three lives were all gone.
tradotto da Riccardo Venturi *
I
Jack Orion era il miglior violinista (1)
Che mai avesse suonato su corda,
Faceva impazzire le giovani donne
Quando suonava una melodia sul suo violino
II
Avrebbe fatto uscire i pesci dall’acqua salata
O acqua da una lastra di marmo,
O latte dal petto di una vergine
Sebbene mai avesse avuto figli (2)
III
Prese il suo violino in mano
E si mise a suonare e a cantare;
E spesso suonava al cospetto del Re
Che mai se ne aveva a annoiare.
IV
E continuò a suonare nella sala del castello/ Finché, suonando, non li fece addormentar tutti;
E tutto questo a causa della giovane principessa/ Che per amore se ne stava sveglia.
V
E prima suonò una melodia solenne e lenta (3)/ E poi ne fece sgorgare una allegra;/ E molti furono i sospiri e le parole d’amore
Che scorsero fra quei due.
VI
“Vieni in camera mia, dolce Jack Orion,
Quando tutti saranno a riposare;
Sono una donna fedele alla mia parola,
Sarai un ospite ben gradito.”
VII
Ripose il violino in una tela verde
E, com’è vero Iddio, era un uomo felice;
Poi corse via a casa sua
E disse, “Tom, vieni qui da me
VIII
All’alba, quando i galli avranno cantato
E ben sbattuto le loro ali,
Sono stato invitato a entrare da quella dama
Per distendermi al suo fianco.”
IX
“Giaci pure nel tuo letto, caro padrone,
E dormi quanto più puoi;
Farò buona guardia e ti sveglierò
Tre ore prima che faccia giorno.”
X
Invece si alzò, quell’indegno ragazzo,
E indossò i vestiti del suo padrone;
Si mise pure un colletto al collo,
Sembrava proprio un gentiluomo.
XI
Beh, non prese quella bella signora
Sul capezzale e neanche sul letto,
La rovesciò giù sul pavimento
E rapidamente la montò.
XII
Non le diede un bacio né all’arrivo
E neppure quando andò via;
Splendeva la luna come brace
Guizzando dentro e fuori dalla finestra.
XIII
“Le tue calze sono stracciate, amore,
Hai le guance ispide di barba,
Pieni di nodi sono i tuoi capelli biondi
Che ho visto solo ieri sera.”
XIV
“Le calze sono del mio paggio Tom,
Sono le prime che mi son capitate in mano,/ I capelli me li ha annodati il vento/ Mentre cavalcavo per la campagna.”
XV
Tom prese il violino in mano
E cantò in modo insolente,
Poi tornò alla casa del suo padrone
Il più veloce che poté.
XVI
“Svegliati, svegliati, mio buon padrone,
Temo che sia quasi l’alba,
Svegliati, svegliati, il gallo ha cantato,
È ora che tu vada.”
XVII
Allora si alzò veloce Jack Orion,
Si infilò il mantello e le scarpe,
E si mise un colletto al collo (6),
Era davvero figlio di un signore.
XVIII
E quando giunse alla camera della signora
Toccò leggermente il battente;
La signora fu fedele alla sua parola,
Si alzò e lo fece entrare.
XIX
“Oh, lai lasciato qui da me
Il tuo braccialetto o un guanto?
Oppure sei tornato
Per fare ancora l’amore con me?”
XX
Jack Orion tirò una bestemmia sanguinosa (4)“Sulla quercia, le ceneri e le amare spine:
-Disse – Signora, non sono mai stato in casa tua
Dal giorno che sono nato.”
XXI
“Oh, allora è stato il tuo paggetto
Che mi ha ingannata così crudelmente,
Che sventura che il sangue di quel furfante
Scorra dentro al mio corpo (5)”
XXII
Allora sguainò un pugnaletto acuminato
Che teneva appeso al ginocchio.
Sui suoi candidi piedi scorse il sangue
Prima che mano la potesse fermare;
E morta giacque sul pavimento della camera
Mentre spuntava il giorno.
XXIII
Jack Orion corse a casa,
Disse, “Tom, ragazzo mio, vieni qua da me./ Vieni qua che ti devo pagare,
E ben pagato tu sarai.
XXIV
Se io avessi ucciso un uomo stanotte
Tom, io te lo avrei detto; Ma tu non hai preso una sola vita, stanotte,/Tom, tu stanotte ne hai prese tre.”
XXV
E allora sguainò la sua spada brunita e lucente
E se la asciugò sulla manica;
Poi troncò la testa a quel ragazzo dappoco
E non chiese il permesso a nessuno.
XXVI
Si appoggiò la punta della spada al petto
E l’impugnatura a una pietra;
Per la falsità di quel ragazzo bugiardo
Quelle tre vite se n’eran tutte andate.

NOTE
* (da qui)
6) la moda del collare in pizzo inizia con il 500 detto collare a lattughe diventato poi la più rigida gorgiera, formata da parecchi strati sovrapposti di bianco lino o di pizzo. Viene però sostituito ben presto dal collare di pizzo a bavera, sempre prezioso ma decisamente più pratico. Il cantastorie non manca occasione di ribadire la differenza di ceto sociale tra il nobile e il servitore perchè nel Medioevo la nobiltà si arrogava un diritto di superiorità “di sangue” sul volgo (il sangue blu delle fiabe): questa superiorità era portatrice di qualità morali oltre che di buone maniere (e non faceva difetto l’arroganza).

Il racconto tragico diventa una storiella comica nella versione intitolata Do Me Ama, una fo’c’sle song  dalle origini settecentesche. continua 

FONTI
http://www.bluegrassmessengers.com/67-glasgerion.aspx
http://www.bluegrassmessengers.com/recordings–info-67-glasgerion.aspx
http://ontanomagico.altervista.org/arpa-celtica.html
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=48292&lang=it
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=48292&lang=it#agg229803
http://www.musicaememoria.com/pentangle_cruel_sister.htm
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/jackorion.html
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_67
http://mysongbook.de/msb/songs/j/jackorio.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=32313
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=18386
http://www.dyeinghousegallery.com/tingere-lindaco-ecco-si-fa/
http://www.oikos-group.it/contenuti/colore/colore-e-societa/storia-archivio

MAID THAT’S DEEP IN LOVE

donna-marinaioC’è un discreto filone tra i canti del mare, che narrano di fanciulle innamorate che si travestono da marinaio, pur di attraversare l’Oceano per andare alla ricerca del loro fidanzato, che le ha lasciate per emigrare in America. (vedi)

Tutte raccontano la stessa storia: la fanciulla (tra)vestita da uomo si imbarca come mozzo e viene notata dal capitano, il quale resta turbato dal nuovo marinaio al punto di innamorarsi; solo giunti a riva però la fanciulla rivela la sua vera identità e il capitano ammirato dal suo coraggio, le giura amore eterno e le chiede di sposarlo.
In questa ballata dal titolo ” Maid that’s deep in love”, “Maid in sorrow”, “The short jacket”, “Blue Jacket and White Trousers” il capitano resta colpito dalle fattezze del giovane bel marinaio e “ci prova” ma lei tiene nascosta la sua sessualità e lo respinge, ben determinata a trovare il suo innamorato.

LA VERSIONE AMERICANA: MAID THAT’S DEEP IN LOVE

La canzone è molto rara in Irlanda, mentre si trova più diffusamente nell’America Nord-Est. Potrebbe risalire al XVIII secolo o più probabilmente ai tempi della massiccia emigrazione irlandese verso l’America del secolo successivo.

“To the best of my knowledge, the only vestige of the song recovered on this side of the Atlantic is the single stanza entitled The Mermaid in Joyce’s Old Irish Folk Music (and even there, the story of the song seems to be different from the American versions). The various Newfoundland, Nova Scotia and Maine versions seem to be very much alike, and may relate to a broadsheet print. This present version is very fragmentary, of course, and is quite lacking in the central theme of the story (The Broomfield Hill theme, one might call it) of the girl outwitting the amorous captain. But it does contain what the north-eastern American versions usually miss, which is the motive of search for a lost lover. A Missouri version of the song begins: “There was a fair damsel all crossed in love, and deeply sunk in despair, O”. Mrs Costello’s melody is more familiar as one of the Lowlands of Holland sets – A. L. L. (Journal of the English Folk Dance and Song Society, Dec 1953 tratto da qui)

Sono stati i Pentangle a farne la versione standard nel loro album “Cruel Sister” del 1970

I
I am a maid that’s deep in love
But yes I can complain
I have in this world but one true love
And Jimmy is his name
And if I do not find my love
I’ll mourn most constantly
And I’ll find and follow Jimmy thro’
The lands of liberty(1)
II
Then I’ll cut off my yellow hair
Men’s clothing I’ll wear on
I’ll sign to a bold sea captain
My passage I’ll work free
And I’ll find and follow Jimmy thro’
The lands of liberty
III
One night upon the raging sea
As we were going to bed(2)
The captain cried “Farewell my boy,
I wish you were a maid
Your rosy cheeks, your ruby lips
They are enticing me
And I wish dear God with all my heart
A maid you were to me”
IV
“Then hold your tongue, dear captain
Such talk is all in vain
And if the sailors find it out
They’ll laugh and make much game
For when we reach Columbia(3) shore
Some prettier girls you’ll find
And you’ll laugh and sing you’ll court with them
For courting you are inclined”
V
It was no three days after
Our ship it reached the shore
“Adieu(4) my loving captain
Adieu for evermore
For once I was a sailor on sea
But now I am a maid on the shore
So adieu to you and all your crew
With you I’ll sail no more”
VI
“Come back, come back, my own pretty maid
Come back and marry me
I have ten thousand pounds in gold
And that I’ll give to thee
So come back, come back, my own pretty maid
Come back and marry me”
Tradotto da Alberto Musica &Memoria (da qui)
I
Sono una fanciulla perdutamente innamorata, ma ho qualcosa che mi fa soffrire. Ho in questo mondo, nient’altro che un unico vero amore
e Jimmy è il suo nome e se non trovo il modo (di avere) il mio amore
non smetterò di piangere
E io cercherò e inseguirò Jimmy
Nella terra della libertà(1)
II
Allora ho tagliato i miei biondi capelli
Ho indossato abiti da uomo
Ho firmato con un brillante capitano
Per il mio passaggio lavorerò senza stipendio
E io cercherò e inseguirò Jimmy
Nella terra della libertà
III
Una notte sul mare in tempesta
mentre stavamo andando a fondo (2)
il capitano gridò: “Addio ragazzo mio
vorrei che tu fossi una fanciulla
le tue gote rosse, le tue labbra color rubino
mi attirano verso di te
Ed io vorrei, mio Dio, con tutto il mio cuore
che tu fossi una ragazza per me.”
IV
“Frena la tua lingua, caro capitano
questo discorso è completamente vano
che se i marinai lo scoprono
Riderebbero e ci scherzerebbero sopra molto
Perché quando raggiungeremo la costa della Columbia (3)
tu troverai molte ragazze più belle
E tu riderai e canterai e farai loro la corte
Perché sei portato a fare la corte”.
V
Solo tre giorni dopo
La nostra nave ha raggiunto la costa
“Addio(4) mio capitano innamorato
Addio per sempre
Perché un tempo sul mare, ero un marinaio
Ma ora a terra sono una ragazza
Quindi, addio a te e tutta la ciurma
Con te non navigherò più”
VI
“Torna, torna, mia graziosa ragazza
Torna indietro e sposami
Ho dieci mila sterline d’oro
E questo è ciò che darò a te
Quindi torna indietro, torna indietro, mia graziosa ragazza
Torna indietro e sposami”

NOTE
1) L’America
2) andare a dormire (per sempre)
3) La Columbia Britannica, dove si trovano le città di Victoria e Vancouver, la più occidentale delle province canadesi.
4) Addio è pronunciato in francese, probabilmente in coerenza con la terra di destinazione, abitata anche da persone di lingua francese.

I AM A MAID THAT SLEEPS IN LOVE

Si tratta di una variante della precedente canzone proposta dal gruppo americano-irlandese Solas. Colgo l’occasione di rimandarvi alla scheda segnalata nel blog di  Phillip Kay (qui) che così scrive “Séamus Egan, who founded the group, is a virtuoso on flute, banjo, mandolin and guitar. ..The Words That Remain, Solas’ third album released in 1998, preserves the equal balance of dance tunes and songs seen in the previous CD. The album blends Woody Guthrie (surely one of the most influential writers who ever lived), reels that open like a morna from Cesária Évora, a traditional song from the Orkneys, music from Brittany, traditional Irish jigs and reels, and a song from Peggy Seegar. Solas knows just how flexible Irish traditional music is, and was, jigs mutating into barn dances in America, the banjo coming back to Britain to add to the musical texture of Irish bands. But there seems just a trace of losing identity, of opening up to influences too widely. The album features the singing of Karan Casey, superb on both contemporary and traditional material, and the guitar of John Doyle, by now producing sounds reminiscent of Django Reinhardt. ” Non posso che concordare con lui il gruppo dopo il quarto album: “Unfortunately they seem to have abandoned Irish music in favour of more self penned material. Good as this is, it makes the group’s music far from unique.”

ASCOLTA Solas in “The words that remain” 1998


I am a maid that sleeps in love
and cannot feel my pain(1)
For once I had a sweetheart,
and Johnny was his name
And if I cannot find him,
I’ll wander night and day
For it’s for the sake of Johnny,
I’ll cross the stormy seas
I’ll cut off my yellow locks,
men’s clothing I’ll wear on
And like a gallant soldier boy
this road I’ll gang along
Enquiring for a captain a passage to engage free
For to be his chief companion on the banks of liberty
The very first night the captain lay down on his bed to sleep
These very words he said to me,
“I wish you were a maid
Your cherry cheeks and ruby lips, they’ve often enticed me
I wish to the gods, unto my heart, a maid you were to me”
In three days after that we did land on shore
“Adieu, adieu, dear captain, adieu forever more
A sailor boy I was on ship,
but a maid I am on shore
Adieu, adieu, dear captain, adieu forever more”
“Come back, come back, my blooming girl, come back and marry me
For I have a good fortune,
I’ll give it all to thee”
“To marry you, dear captain,
is more than I can say
For it’s for the sake of Johnny,
I’ll wander night and day”
TRADUZIONE ITALIANO DI CATTIA SALTO
Sono una fanciulla che è molto innamorata e mi lamento(1)
perchè una volta avevo un fidanzato che si chiamava Johnny,
e se non riesco a trovarlo,
vagherò notte e giorno,
è per il bene di Johnny
che attraverserò l’oceano in tempesta.
Mi taglierò i riccioli biondi
e indosserò abiti maschili,
e come un bel soldatino
percorrerò questa strada,
e domanderò a un capitano  un passaggio in cambio di lavoro,
per essere il suo attendente, verso le rive della libertà.
La prima notte il capitano si stese nel letto per dormire
e mi disse queste parole:
” Vorrei che tu fossi una fanciulla,
le tue guance rosee, le tue labbra di rubino mi hanno spesso attirato,
vorrei perdio con tutto il cuore, che tu fossi per me una fanciulla”.
Appena tre giorni dopo giungemmo a riva “Addio mio caro capitano, addio per sempre,
sul mare ero un marinaio, ma a terra sono una fanciulla.
Addio mio caro capitano, addio per sempre”
“Torna indietro, torna indietro,
mia splendida fanciulla, ritorna e sposami, perchè sono ricco
e darò tutto a te”
“Di sposarti, caro capitano,
è più di quanto possa dire,
perchè è per il bene di Johnny
che vagherò notte e giorno”

NOTE
1) si tratta chiaramente di un mondegreen di” I am a maid that’s deep in love I can complain”

continua seconda parte

FONTI
https://phillipkay.wordpress.com/2013/01/09/explorations-in-irish-music/
http://www.musicaememoria.com/pentangle_cruel_sister.htm https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/shortjacketandwhitetrousers.html http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=13503&lang=it http://www.celticlyricscorner.net/solas/iam.htm http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/435.html

THE BUNCH OF THYME OR THE WARNING SONGS IN FOLKS

Nelle ballate antiche (e non solo di quelle in lingua inglese)  non sono insoliti ritornelli su fiori,  erbe e piante, forse il più famoso è quel “prezzemolo, salvia, rosmarino e timo” (in inglese Parsley, sage, rosemary and thyme) che nella versione di Simon & Garfunkel divenne il tormentone musicale pop sul finire degli anni sessanta .  L’aggiunta di erbe, verdure, fiori nel ritornello annunciava al pubblico l’ascolto di una storia “piccante” ovvero a sfondo erotico con significati più o meno nascosti. Il pubblico così era avvisato che le parole e le frasi avevano dei doppi sensi.

Un filone ancora più specifico è poi quello della warning song  in cui le erbe compaiono come simboli per insegnare alla fanciulle i comportamenti più socialmente convenienti,  nello specifico  che si mantenessero pure e caste fino al matrimonio.
Nelle ballate la pianta associata al concetto di purezza fu il timo erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso unitamente alla salvia, per l’antica credenza che  il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie.

IL TIMO

thymeIl timo è una pianta aromatica, da sempre utilizzata per uso medicinale e in cucina. E’ una pianta però strettamente legata alla nostra ghiandola del timo e non solo per il nome datole da Galeno .
“Nel secondo secolo Galeno chiamò “timo” quella ghiandola bilobata, rosa-grigiastra, situata nella parte alta del torace perché, racconta la leggenda, gli ricordava un mazzetto di timo. Ma lo stesso timo aveva preso tale nome perché veniva bruciato come incenso sugli altari degli dei. Pertanto la parola timo ricorda l’alzarsi del fumo; il bruciare dell’incenso come sacrificio innalzato verso gli dei. Secondo gli antichi Saggi, quando in noi nascono l’aspirazione spirituale, il canto di ringraziamento e l’esternazione di amore, ciò avviene in un punto situato sopra il cuore, il nostro “altare interiore”. Pertanto, per loro, il timo rappresentava anche il respiro dell’anima, dal quale dipende l’energia dell’uomo e il suo coraggio. .. La ghiandola timo controlla e regola il flusso di energia nel nostro organismo, ed è in grado di iniziare una correzione istantanea per riequilibrare eventuali squilibri e riportare armonia e normalità al flusso energetico. Il timo può perciò essere considerato come l’anello di congiunzione tra mente e corpo, in quanto è il primo organo fisico ad essere influenzato dall’attitudine mentale e dallo stress. “ (tratto da qui)

I greci credevano che il timo potesse infondere il coraggio e i guerrieri lo utilizzavano come olio balsamico per frizionare il corpo prima della battaglia e nel medioevo era usato per adornare le armi dei cavalieri ; i suoi fiorellini attirano le api che producono un ottimo miele e forse anche per questo è considerata una pianta in cui le fate dove amano dimorare o danzare.  In una ricetta seicentesca per preparare un balsamo da spalmare sugli occhi era l’ingrediente principale: si poteva così alzare il velo dell’invisibilità che nasconde le creature fatate e fronteggiarle senza pericolo!
Si credeva che il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie. Per le sue proprietà antisettiche e antibatteriche poche gocce di olio essenziale di timo vengono ancora oggi utilizzate per purificare l’aria di casa. Per estensione il timo rappresenta nelle ballate popolari la verginità e la purezza femminile.
Era un erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso.

THE BUNCH OF THYME

E’ un canto tradizionale irlandese probabilmente di origini seicentesche in cui si esorta le fanciulle a custodire la propria verginità come un fiore prezioso. Chi canta è una ragazza alla quale un marinaio di passaggio ha rubato il cespuglio di timo piantato nel giardino in cambio di una rosa. Mentre il timo simboleggia la verginità e la purezza femminile, la rosa è il simbolo della passione amorosa, la carnalità di un’unione tra uomo e donna. Ma ben lungi dall’essere una canzone sui piaceri del sesso, la venatura del canto è triste e malinconica, la rosa nel giardino sembrerebbe alludere a una gravidanza in senso infausto, una sorta di punizione per la perdita dell’innocenza fuori dal matrimonio: allora e ancora per tutto l’Ottocento una ragazza-madre era “macchiata” per sempre, disprezzata ed emarginata socialmente, spesso scacciata dalla casa paterna, con davanti solo prospettive di vita degradanti per sè e per il figlio bastardo. Il secondo insegnamento morale della storia conseguente al preservare la verginità per lo sposo, è la certezza che solo nel matrimonio la donna potrà trovare le gioie della vita: accudire al marito, alla casa e ai figli che nasceranno, questo è il suo solo e unico “lieto fine” (continua).

Sebbene il soggetto sia femminile la canzone viene cantata per lo più da uomini, così non perdo l’occasione di farvi sentire due donne, due generazioni affiancate, due colonne del british folk.

ASCOLTA Norma Waterson & Eliza Carthy in “Gift” 2010 Norma, classe 1939, dice nell’intervista (qui) ” “We thought – my generation of musicians – that we’d all get old and grey and there’d be nobody left. And then all this new generation of young musicians came up, and we all said, ‘Thank God.’ So if people say traditional music has got to be like that, or like that, then you’re going to freeze it. You may as well put something in a museum or bury it in the ground in a time capsule and dig it up so many years later to see what it was like then. You can’t do that with tradition. You have to hope each generation brings their own thing to it, so it keeps going forever.”


I
Come all ye maidens young and fair
And you that are blooming
in your prime
Always beware and keep
your garden fair
Let no man steal away
your thyme (1)
Chorus:
For thyme it is a precious thing
And thyme brings all things to my mind
Thyme with all its flavours,
along with all its joys
Thyme, brings all things to my mind
II
Once I had a bunch of thyme
I thought it never would decay
Then came a lusty sailor
who chanced to pass my way
And stole my bunch of thyme away
III
The sailor gave to me a rose(2)
A rose that never would decay
He gave it to me
to keep me reminded
Of when he stole my thyme away
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Venite tutte voi, fanciulle giovani e belle, voi che siete nel fiore
degli anni,
state sempre attente a custodire
il vostro bel giardino,
e non lasciate che l’uomo rubi
il vostro timo.
CORO
Perchè il timo è cosa preziosa
e mi riporta il passato in mente,
con tutto i suoi aromi
con tutte le sue gioie
il timo mi riporta il passato in mente,
II
Una volta avevo un cespuglio di timo
e credevo che non sarebbe mai appassito, poi venne un marinaio gagliardo a incrociare per caso la mia strada e mi rubò il cespuglio di timo.
III
Il marinaio mi lasciò una rosa
una rosa che mai appassirà,
me l’ha lasciata
per ricordarmi
di quando ha rubato il mio timo.

NOTE
1) associazione per assonanza tra le parole thyme e time è  resa ancora più manifesta nel ritornello, il richiamo alla brevità della giovinezza rende il timo assai prezioso
2) alcuni intendono la rosa come l’allusione a qualche malattia venerea incurabile, oggi è l’AIDS, ma in passato sicuramente la sifilide, il male di Venere che portava alla pazzia e alla morte; più probabilmente indica una gravidanza continua

LET NO MAN STEAL YOUR THYME

Così il tema è ripreso e declinato in molte “warning songs” in cui le erbe compaiono come simboli per avvertire le donne a mantenersi illibate, canzoni che  si ricollegano per lo più alla ballata “The Gardener
La canzone ha conosciuto una vasta divulgazione durante il folk revival degli anni 60-70 e la versione forse più famosa è quella dei Pentangle che fecero loro il testo riportato da Anne Briggs al Festival di Edimburgo nel 1963.

L’avvertenza riguarda il pericolo di una gravidanza fuori dal matrimonio con tutte le conseguenze disastrose che ne derivavano, perchè a quei tempi il bambino che sarebbe nato era esclusivamente un problema della donna, perciò la melodia è triste e il tono è quello del lamento, chi canta è una donna che ha lasciato “fare i propri comodi” ad un uomo senza essere stata abbastanza furba da farsi sposare prima!
Nella versione più estesa  le strofe centrali  introducono la figura del giardiniere, una sorta di surrogato paterno, custode delle convenzioni sociali, ma la fanciulla rifiuta i suoi consigli e preferisce “cogliere la rosa”, eppure invece di ricavarne piacere e vantaggi sociali, viene ingannata e abbandonata.

ASCOLTA Pentangle (strofe I, II, V) un arrangiamento a dir poco inquietante, ma che musica! Jaqui McShee canta solo una parte della canzone

ASCOLTA Carey Mulligan (strofe I, II, III, IV)  Ritornato in auge con la colonna sonora del recente film “Far from the Madding Crowd” (2015).

ASCOLTA June Tabor in “Angel Tiger” 1992., un’intensa interpretazione, una voce appena accarezzata dalle note di tastiera


I
Come all you fair and tender girls
that flourish in your prime,
Beware, beware,
if you’re good and fair(1)
Let no man steal your thyme
II
For when your thyme
it’s past and gone
He’ll care no more for you,
And every place where your garden (thyme) was waste
With spread all over with rue. (3)
III
The gardeners son was standing by,
Three flowers (4)  he gave to me,
The pink (5), the blue (6), and the violet (7) too,
And the red red rosy tree, (8)
IV
But I refuse (forsook)
the red rose bush,
And gained the willow tree (9),
That all the world may plainly see,
How my love slighted me,
V
A woman is a branchy  (lofty) tree
And man a clinging vine (10)
And from her branches carelessly (11)
He’ll take what he can find
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Venite tutte voi fanciulle giovani e belle, voi che siete nel fiore degli anni, attente, attente, se siete buone e belle
non lasciate che l’uomo rubi
il vostro timo.
II
Perché quando il vostro timo
sarà appassito
non baderà più a voi
ed ogni angolo del vostro giardino distrutto
verrà ricoperto di ruta
III
Il giardiniere mi stava accanto
e tre fiori mi diede
(di tre colori) rosa, azzurro
e anche viola
e il ramo della rossa rosa rossa
IV
Ma io abbandonai
il ramo della rosa rossa
e presi il salice
affinchè tutti ora possano ben vedere
come il mio amore mi offese
V
La donna è un albero con molti rami
e  l’uomo è  una vite rampicante
e dai rami di lei, senza riguardi
lui prenderà tutto quello che trova

NOTE
1) oppure” keep your garden fair” in italiano custodite il vostro bel giardino
3) la ruta è simbolo del rimpianto. Il verso si potrebbe quindi tradurre più liberamente “e il vostro cuore incolto e calpestato sarà pieno del vostro rimpianto”.
4)  non sono indicati i nomi dei fiori ma tre colori: rosa, azzurro e viola; in questo contesto il giardiniere è un surrogato della figura paterna che indirizza la fanciulla verso tre pretendenti che sono però respinti dalla donna in favore del ramo della rosa.
5) the pink è un temine è un po’ generico e sta a indicare una grande varietà di fiori rosa, ma si ritiene indichi il “pink rockrose“, ossia il cistus, arrivato nei giardini inglesi intorno al 1650. Sono fiori più propriamente appartenenti alla macchia mediterranea dette “rose di maggio” sia per il periodo della fioritura che per la somiglianza con le rose selvatiche.
6) the blue è un altro termine generico che indica dei fiori azzurri, immaginando che il nome non indichi solo il colore ma sia una forma abbreviata del nome comune, potrebbe trattarsi del bluestar ossia l’amsonia, ma anche la lavanda ha fiori blu e le blubell sono una grande varietà di fiori a campanella per lo più di colore azzurro
7)  la viola è il fiore  della modestia
8) Rosa rossa= amore romantico, lussuria o “passione sfrenata”
La fanciulla prima “coglie la rosa” e poi però nella IV strofa si pente e prendere il ramo del salice
9) Salice= fertilità, ma anche tristezza, dolore e in questo contesto sta proprio ad indicare un amore infelice, abbandonato
10) mi verrebbe di tradurre “edera” perchè è una pianta infestante che si abbarbica ai rami delle piante per succhiare la linfa, senonchè nella tradizione popolare l’edera è associata al principio femminile.
11)  In questo genere di canzoni prevale il convincimento che le gioie del sesso siano ad esclusivo appannaggio maschile.

(Cattia Salto)

terza parte qui

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/fiori-erbe-buone-maniere-e-pruderie-nelle-antiche-ballate.html
http://ontanomagico.altervista.org/rosa.htm
http://www.irishpage.com/songs/thyme.htm http://mainlynorfolk.info/joseph.taylor/songs/sprigofthyme.html http://www.dionidream.com/la-ghiandola-timo-sorgente-di-vita-e-di-volonta/
http://mysongbook.de/msb/songs/l/letnoman.html http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico-storia.htm http://www.musicaememoria.com/1968_the_pentangle.htm
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=51725

HIGH GERMANY & THE WARS OF GERMANY

ALTRI TITOLI: “Higher Germanie”, “The True Lovers”, “The King’s command must be obeyed”, “The wars of Germany”

220px-Soldier_of_29th_regiment_1742Questa antica canzone (del ‘700) risale alle guerre inglesi in Germania: forse quella dei “sette anni” (che ne durò nove, dal 1754 al 1763) con la Gran Bretagna alleata della Prussia contro l’impero spagnolo o quella della successione spagnola (1701-1714) ma anche le guerre napoleoniche, oppure addirittura una delle tante guerre del seicento, poco importa quale, che di guerre non c’è mai fine.

Della ballata si conoscono almeno tre versioni distinte ed altrettante melodie, pur nelle loro numerose varianti provenienti per lo più dall’Inghilterra e la Scozia, ma anche dall’Irlanda. Il tema è un luogo comune delle ballate sulla guerra e si ritrova anche in canzoni come “The Banks of the Nile” o “The Men They Stand and Stay” (che incidentalmente condivide la stessa melodia della prima versione di High Germany). In tutte e tre le versioni il soldato (o la sua innamorata) parla dell’andare in guerra come se si trattasse di un obbligo al quale non può sottrarsi, in realtà all’epoca della storia in Inghilterra il servizio militare era a base volontaria e solo l’indigenza del ragazzo poteva essere tra i motivi dell’arruolamento. Vero è anche che per il paese giravano bande di reclutatori senza scrupoli che, dopo aver fatto ubriacare il malcapitato, lo imbarcavano nella Royal Navy!!! Al contrario il corpo ufficiali era accessibile solo ai nobili o più in generale ai ricchi, in particolare era formato dai rampolli della Gentry (la piccola nobiltà terriera) i quali compravano i gradi dell’esercito in base alle loro possibilità.

PRIMA VERSIONE: LA VERSIONE IRLANDESE

La ballata è tutta incentrata sul dialogo tra Willy-Billy (o Johnny, o Harry-Henry) e Polly-Molly (o Mary, o Colleen-Colly), lui vorrebbe portare con sé la fidanzata , ma entrambi sanno che è un sogno impossibile e lei maledice tutte le guerre. Solo dopo aver sollevato ogni pretesto per non seguirlo la ragazza confida di essere incinta.

La melodia ricorda vagamente “The Star of the County down“, ed è stata raccolta sul campo dalla signora Elizabeth Lock, Muchelney Ham, Somerset da Cecil Sharp nel 1904 che la pubblicò nel suo Folk-Songs from Somerset I, (1904) con le seguenti note: “Mr Tom Sprachlan of Hambridge gave us a variant of Mrs Lock’s song, and as his words were more complete than hers, Mr Marson [Sharp’s co-editor] has made use of them in arranging the text”.

Questa è anche la versione ritenuta più “irlandese”
ASCOLTA Martin Carthy in Martin Carthy 1965
ASCOLTA The Dubliners (voce Luke Kelly)

ASCOLTA Tersivel in una versione tra metal e folk che ti da una bella sveglia. La canzone è seguita da un brano musicale detto Erin’s jig composto dal gruppo in onore dell’Irlanda

(nella versione testuale di Martin Carthy)
I
Oh Polly love, oh Polly, the rout has now begun
We must go a-marching to the beating of the drum
Dress yourself all in your best and come along with me
I’ll take you to the war, my love, in High Germany
II
Oh Willie love, oh Willie, come list what I do say
My feet they are so tender I cannot march away
And besides my dearest Willie I am with child by thee
Not fitted for the war, my love, in High Germany
III
I’ll buy for you a horse, my love, and on it you shall ride
And all my delight shall be in riding by your side
We’ll stop at every ale-house and drink when we are dry
We’ll be true to one another, get married by and by
IV
Cursed be them cruel wars that ever they should rise
And out of merry England(4) press many a man likewise
They pressed my true love from me likewise my brothers three
And sent them to the war, my love, in High Germany
V
My friends I do not value nor my foes I do not fear
Now my love has left me I wander far and near(5)
And when my baby it is born and a-smiling on my knee
I’ll think of lovely Willie in High Germany
Traduzione di Glauco Leo
I
Oh Polly, amore, Oh Polly la rivolta è ora iniziata
E dobbiamo marciare al ritmo dei tamburi:
Vestiti dei tuoi abiti migliori e vieni via con me(1),
Ti porterò in guerra, amore mio, nella Germania del Nord(2).
II
Oh Willie, amore, oh Willie ascolta quello che ti dico
I miei piedi sono deboli e non posso marciare a lungo
E inoltre, mio carissimo Willie, sono incinta di te.
Non sono pronta per la guerra, amore mio, nella Germania del Nord.
III
Ti comprerò un cavallo(3), amore mio, e su di esso cavalcherai,
E il mio unico desiderio sarà cavalcare al tuo fianco;
Ci fermeremo ad ogni birreria, e berremo quando avremo sete,
Ci ameremo e ci sposeremo.
IV
Oh siano maledette queste guerre spietate che sempre potrebbero continuare
E fuori dalla felice(4) Inghilterra costringono molti uomini come me
Hanno costretto il mio vero amore lontano da me, così i miei tre fratelli,
E li hanno spediti in guerra, amore mio, nella Germania del Nord.
V
Non mi interessano gli amici, non mi fanno paura i nemici,
Ora il mio amore mi ha lasciato io vago senza meta(5)
E quando mio figlio sarà nato e mi sorriderà sulle ginocchia
Penserò al mio amato Willie nella Germania del Nord.

NOTE
1) il ragazzo immagina la guerra come una grande parata dove ogni tanto c’è da fare qualche tiro al moschetto!
2) l’Alta Germania è la parte più montuosa della Germania ovvero, dal punto di vista geografico, la Germania del Sud in cui si parla l'”Hochdeutsch” il tedesco standard. Nel Nord della Germania si parla invece il “Plattdeutsch” cioè il tedesco basso o della pianura rimasto nella gente come forma dialettale. La traduzione in italiano è un po’ impropria trattandosi a rigore della Germania del Sud quella più montuosa
3) ovviamente il ragazzo non poteva permettersi di comprare un cavallo alla fidanzata! Tutto il dialogo tra i due è da intendersi come un sogno a occhi aperti
4) nelle ballate l’Inghilterra è sempre Merry
5) i versi vengono traslati dalla versione intitolata  “True Lovers”

Molto simile la versione dei Pentangle
ASCOLTA Pentangle in Solomon’s seal, 1972

I
Oh Polly love, oh Polly, the rout has now begun
We must march away at the beating of the drum
Go dress yourself in all your best and go along with me(1)
I’ll take you to the cruel wars in High Germany(2)
II
I fear the treacherous journey bitter cold and burning heat
Rough roads and stoney mountains they will wound my tender feet
To your kinsmen I might prove untrue if from them I do go
For maid must bide at their parents side while the men do face the foe
III
I’ll buy for you a horse(3) my love and on it you will ride
Then all of my contentment will be riding at my side
We’ll stop at every ale house and drink when we are dry
So quickly on the road my love we’ll marry by and by
IV
Oh Billy love, oh Billy now mind what I do say
My feet they are so tired I cannot go away
Besides my dearest Billy I am with child by thee
Not fitting for the cruels wars in High Germany
V
Oh Polly love, oh Polly I love you very well
Ther are few in any place my Polly can excel
And when your babe is born and sits smiling on your knee
You will on your Billy that’s in High Germany
VI
Oh cursed be the cruel wars that ever they began
For they have pressed my Billy and many a clever man
For they have pressed my Billy likewise my brothers three
And sent them to the cruels wars in High Germany
Traduzione di Musica e Memoria ( da qui)
I
“Oh Polly, amore, oh Polly il viaggio ora è iniziato
E dobbiamo marciare al suono del tamburo
Vai, vestiti con i tuoi più begli abiti e seguimi
Ti porto verso le crudeli guerre in Alta Germania”
II
“Ho paura del viaggio, del freddo penetrante e del caldo soffocante
Strade impervie e montagne rocciose che mi feriranno i piedi delicati
Ai tuoi congiunti posso sembrare infedele se da loro mi reco
Perché le giovani donne devono aspettare accanto ai loro genitori mentre gli uomini affrontano il nemico”
III
“Ti comprerò un cavallo, mio amore, e con lui cavalcherai
Allora tutta la mia gioia cavalcherà al mio fianco
Ci fermeremo ad ogni taverna e berremo quando avremo sete
Poi velocemente durante il viaggio mio amore ci sposeremo poco dopo”
IV
“Oh, Billy, amore, oh Billy bada bene ora ciò che ti dico
Le mie gambe sono così stanche che non posso continuare
Inoltre, adorato Billy, porto in grembo il bambino che tu mi hai dato
Non sono pronta per le crudeli guerre in Alta Germania”
V
“Oh, Polly, amore, oh Polly, ti amo tanto
Ovunque ci sono poche donne come te, Polly,
e quando il tuo bimbo sarà nato e siederà sorridendo sulle tue gambe
il tuo pensiero andrà al tuo Billy in Alta Germania”
IV
“Oh, siano maledette le crudeli guerre che sono iniziate
Perchè hanno costretto il mio Billy e molti uomini abili
Perchè hanno costretto il mio Billy come i miei tre fratelli
E mandati alle crudeli guerre in Alta Germania”

SECONDA VERSIONE: TRUE LOVERS

In questa versione i ruoli sono ribaltati ed è la ragazza a voler seguire il soldatino, disposta a combattere con lui fianco a fianco, sprezzante del pericolo. La versione è stata diffusa da Tony Rose come trovata in “Folk Song Journals”. Nelle note di copertina scrive: From the evidence of many broadsides there seem to be two separate songs both popularly called High Germany. True Lovers is the less well-known of the two. The tune used here was collected in Devon, and is clearly a variant of The Cuckoo. If the song has a weakness, it is the last verse which its improbably romantic ending.

Questa versione sembra presa dalle broadside ballads propagandistiche che circolavano in tempi di guerra per convincere gli uomini ad arruolarsi facendo leva sul loro patriottismo! Dai tempi in cui Cromwell aveva usato i militari come strumento di dispotismo e repressione tutto il paese aveva una comune sfiducia nei confronti dell’esercito..
Anche la figura della donna impavida che veste panni maschili non è insolita nelle street ballads, detta Maiden Warrior si traveste per seguire l’uomo che ama ad esempio Willy Taylor o Jackie Munro (con cui The Wars O’Germany condivide la melodia)

ASCOLTA Tony Rose in Under the Greenwood Tree 1971
(versione Ernest John Moeran in “Folk poetry or song tradition” raccolta nel 1912)


I
Oh abroad as I was walking, I was walking all alone(1),
When I heard a couple talking as they walked all alone.
Said the young one to the fair one: “Bonnie lass I must away,
For the king he has commanded us and his orders I must obey.”
II
“Oh ‘tis not what you promised me when first you did me beguile:
For you promised you would marry me if you got me with child.
So it’s do not forsake but pity on me take, for great is my woe,
And through France, Spain and even Ireland, it’s along with you I’ll go.”
III
“Oh those long and the weary travellings, love, will cause you for to weep, And the hills and the lofty mountains they will blister your tender feet.
And besides, you will not yield to lie out in the field with me the whole night long, And your parents would be angry if along with me you should come.”
IV
“Oh my friends I do not value and my foes, oh I do not fear,
For along with my jolly soldier boy I will ramble far and near.
Neither gold nor man shall deceive me but along with you I’ll go
For to fight the French and the Spaniards or any other daring foe.”
V
“Well, since you prove so venturesome as to venture your sweet life,
First of all I will marry you and make you my lawful wife.
And if anyone shall offend you, I’ll attend you, that you’ll see,
And you’ll hear the drums and the trumpet sound in the wars of High Germany.”
Traduzione di Cattia Salto
I
Mentre da solo me ne andavo all’estero(1)
ho sentito una coppia parlare camminando da soli.
Disse il ragazzo alla sua bella
“Bella mia devo andare che il re ci ha comandato e devo obbedire ai suoi ordini”
II
“Oh non è quello che mi hai promesso quando la prima volta mi hai sedotto: che mi hai promesso mi avresti sposata se mi avessi messo incinta.
Così non abbandonarmi, ma abbi pietà di me, perchè grande è il mio dolore e per la Francia, Spagna e anche l’Irlanda è con con te che io andrò”
III
“Oh quelle lunghe e pesanti marce, amore, ti faranno piangere e le colline e le alte montagne martorieranno i tuoi teneri piedi.
E poi non sarai certa di restare nel campo con me per tutta la notte
e i tuoi genitori non sarebbero contenti se tu dovessi venire con me”
IV
“Agli amici non devo rendere conto e i miei nemici non temo, che insieme con il mio allegro soldatino girerò in lungo e in largo.
Né oro né uomo potranno convincermi, ma insieme a te andrò a combattere francesi e spagnoli e qualunque altro nemico temerario”
V
“Allora siccome mi dimostri tale coraggio nel mettere in gioco la tua dolce vita,
prima di tutto ti sposerò e ti renderò la mia legittima moglie.
E se qualcuno ti dovesse offendere ti proteggerò, vedrai
e tu sentirai i tamburi e le trombe suonare nelle guerre dell’Alta Germania.

NOTE
1) il passante che ascolta il dialogo tra i due innamorati è un tipico espediente di apertura per le ballate

TERZA VERSIONE: LA VERSIONE SCOZZESE

000brgcfQuesta versione è invece stata scritta da William Motherwell (il grande antiquario e giornalista scozzese) nel 1822 con il titolo The Wars O’Germany ma diffusa su larga scala solo nel 1862, quando fu inclusa da Robert Chambers in The Songs of Scotland Prior to Burns.

Decisamente una canzone contro la guerra in cui la fanciulla maledice regnanti e casus belli mentre in pieno inverno vede allontanarsi la nave che porta il suo innamorato verso la guerra nella lontana Germania . Qui non è ben chiaro se il ragazzo si sia arruolato nella Marina o nell’Esercito Inglese. La melodia è condivisa dalla sea ballad Jackie Munro una canzone molto conosciuta in Scozia.

The Tannahill Weavers in “Leaving St Kilda” 1996

ASCOLTA Cherish The Ladies in “Threads of Time” 1998 in un’interpretazione molto malinconica

I
Woe be to the orders that took my love away
And woe be to the cruel cause that bid my tears to fall
Woe be to the bloody wars of high Germany
They have taken my love and left a broken heart to me
II
The drum beat in the morning before the break of day
And the small wee fife played loud and clear while yet the morn was gray And I the bonny flag unfurled, ‘twas a gallant sight to see
Woe to me, my soldier lad was marched to Germany
III
Long, long is the traveling to the bonny pier of Leith(1)
And bleak it was to gang there with a snowstorm in your teeth
And aye, the wind blew sharp and strong, and a tear rose in my eyne
I gang there to see my love embark for Germany
IV
As I gazed over the cruel, cruel sea for as long as could be seen
The wee small sails upon the ship my own true love was in
And aye, the wind blew sharp and strong, and the ship sailed speedily
Cruel the raging wars have torn my bonny boy from me
Traduzione di Riccardo Venturi
I
Maledetti i comandi che hanno fatto marciare via il mio amore
Maledetto il malvagio motivo che mi fa sgorgare le lacrime
E maledette siano le guerre tedesche
Ché mi han portato via il mio amore spezzandomi il cuore
II
I tamburi suonano su per la strada prima del fare del giorno,
E le belle cornamuse suonavano forte che ancora era scuro in cielo
E le belle bandiere eran tutte spiegate, proprio belle da vedere
Ma me meschina per il mio ragazzo che è andato soldato in Germania
III
Oh, lungo, lungo è il viaggio fino al bel molo di Leith(1)
E è triste marciare con la tormenta di neve nei denti
Oh, il vento freddo mi ha gelato le lacrime agli occhi
Mentre andavo a vedere il mio amore imbarcarsi per la Germania
IV
Scrutai il vasto mare azzurro fin dove gli occhi poterono arrivare
Per veder la bella, bella vela della nave dove c’era il mio ragazzo soldato
Ma il vento soffiava freddo e forte, e la nave navigava veloce,
E le onde e le guerre crudeli mi hanno separata dal mio ragazzo

NOTE
1) Leith è il porto di Edimburgo

FONTI
http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/highergermanie.html http://mainlynorfolk.info/tony.rose/songs/truelovers.html http://mainlynorfolk.info/folk/songs/thewarsofgermany.html http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/jackiemunro.html http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=9252 http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/LN07.html http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=2172&lang=en
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=9252
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=22617
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=154780
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/15/high.htm
http://www.joe-offer.com/folkinfo/forum/836.html
http://www.zeban.it/index.php?option=com_content&view=article&id=49%3Ahigh-germany&catid=35%3Asong&Itemid=63&lang=it
http://thesession.org/tunes/8255