Het Lied van Heer Halewijn

Lady Isabel and the Elf Knight (Child ballad #4) defines a very specific theme of popular narrative through song, the Bluebeard of fairy tales. 
Lady Isabel and the Elf Knight
(Child ballad #4) 
è diventato il titolo con cui per convenzione si definisce un tema ben preciso delle ballate popolari, il tema del predatore, il Barbablù delle fiabe.

llustrazione di Hendricus Jansen

“Heer Halewijn” is a popular ballad of the Dutch / Flemish tradition, the first text of literature in ancient Dutch, rediscovered in full romanticism and still sung by folk groups in the great wave of folk revival of the 1970s. The first printed version we find in a collection of the fifteenth century but the ballad dates back at least to the thirteenth century. The mythological themes addressed in the ballad are much more ancient than the Middle Ages and recall the pre-Christian Germanic / Celtic culture, starting with the elf knight, or at least a creature endowed with magic, in the role of the sexual predator and “multiple uxoricide“. This creature is often associated with water and some scholars identify it with the mythological Germanic / Scandinavian nix , a solitary male aquatic spirit that attracts its victims with music, a shapeshifter that could present itself with the appearance of a horse or a beautiful man (see more).
Heer Halewijn attracts women in the thick of the forest with his magic song and then kills them by making them dangle from the branches of a tree. But a princess of rare beauty succeeds in deceiving him and cutting off his head.
“Heer Halewijn” è una ballata popolare della tradizione olandese/fiamminga, il primo testo di letteratura in antico neerlandese, riscoperto in pieno romanticismo e ancora cantato dai gruppi folk nella grande ondata del folk revival degli anni 1970. La prima versione stampata la troviamo in una raccolta del XV secolo detta “Antologia d’Anversa”, ma la ballata risale quantomeno al XIII secolo. I temi mitologici affrontati nella ballata sono molto più antichi del Medioevo e richiamano la cultura germanica/celtica pre-cristiana, a cominciare dal cavaliere elfo, o comunque una creatura dotata di magia, nei panni del predatore sessuale e “uxoricida multiplo”. Questa creatura è spesso associata all’acqua e alcuni studiosi l’identificano con il mitologico nix germanico/scandinavo, uno spirito acquatico maschile solitario che attira le sue vittime con la musica, un mutaforma che poteva presentarsi con l’aspetto di un cavallo oppure di un uomo bellissimo (continua).
Messer Alichino attira le donne nel folto della foresta con il suo canto magico e poi le uccide facendole penzolare ai rami di un albero. Ma una principessa dalla rara bellezza riesce a ingannarlo e a mozzargli la testa.

THE TALKING HEAD
[LA TESTA PARLANTE]

lens2333511_99f4-f6a50The head of Heer Halewijn, however, can still talk and order the girl to play his horn, so that his friends hear it and can come and help him. Faced with the girl’s refusal, the knight’s severed head insists: “Rub me with sage on my bloody neck and I will heal!” (translated from here)
La testa di Heer Halewijn, però, può ancora parlare e intima alla fanciulla di suonare il suo corno, in modo che i suoi amici lo sentano e possano venire ad aiutarlo. Davanti al rifiuto della ragazza, il capo mozzato del cavaliere insiste: “Strofinami della salvia sul collo insanguinato e guarirò!” (da qui)

For the Celts (and the Norse) the head was the home of the Soul and in particular of the value of a warrior, preserving the enemy’s heads was equivalent to possessing a talisman, so the elf’s head has much in common with that of the giant Mimir, kept alive by the magic of Odin to be consulted as an oracle.
Per i Celti (e i Norreni) la testa era la dimora dell’Anima e in particolare del valore di un guerriero, conservare le teste del nemico equivaleva a possedere un talismano, così la testa dell’elfo/nix ha molto in comune con quella del gigante Mimir, mantenuta in vita dalla magia di Odino per essere consultata come oracolo.

Rum in Rum 2 1974

Heer Halewijn zong een liedekijn;
Al die dat hoorde wou bij hem zijn.

En dat vernam een koningskind,
Die om haer schoonheid zoo werd bemind.

Zij ging voor haren vader staen;
‘Och vader, mag ik naer Halewijn gaen?’

‘Och neen, gij dochter, neen gij niet!
Die derwaert gaen en keeren niet.’

Zij ging voor haren broeder staen:
‘Och broeder, mag ik naer Halewijn gaen?’

“‘t Is mij aleens waer heen gij gaet,
Als gij uw eer maer wel bewaert”

En gij is dan naer haer kamerken gegaen
En trok haer allerschoonste kleeren aen.

Toen trad zij al haer vaders’ stal,
En koos daer ‘t besten ros van al.

Schrijlings zette zij zich op het ros:
Al zingend en klingend reed zij door ‘t bosch.

Als zij te midden ‘t bosch moge zijn.
Daer zag zij heer Halewijn.

‘Gegroet!’ zei hij, en kwam tot haer.
‘Gegroet, gy schoone maegd, Gegroet
bruin oogen klaer!’

‘Vermits gij de schoonste maget zijt,
Zoo kiest uw dood! Het is nog tijd.’

‘Vermits ik hier dan m’n dood kiezen zal,
Zoo kieze ik dan het zwaard voor al.

Maer trekt eerst uit uw opperst kleed,
Want maegdenbloed dat spreit zoo breed;

Maer eer dat zijn kleed getogen was,
Zijn hoofd lag voor zijn voeten ras;

Zij nam het hoofd al bij het haer
En waschte ‘t in een bronne klaer.

Toen ze aen haer vaders poorte kwam,
Zij blaesde den horen als eenen man.

Daer werd gehouden een banket;
Het hoofd werd op de tafel gezet.

English translation
Lord Halewijn(1) sang a song (2),
all who heard it wanted to be with him.
And that became known to a king’s child,
who was very beautiful and beloved.
She stood befor her father:
‘Oh father, may I go to Halewijn?’
‘Oh no, you daughter, no not you:
none who go there, ever return!’
She stood befor her brother (3):
‘Oh brother, may I go to Halewijn?’
“I will agree, that you can go,
as long as you keep your honour”
She then went to her room
and put on her finest clothes (4).
She went into her father’s stable/ and there she chose the best steed of them all.
She sat herself astride on the steed:
And singing (5) and riding through the woods.
When she was in the middle of the forest,
She found lord Halewijn.
‘Greetings -he said, and came to her-
Greetings, beautiful maiden, Greetings clear brown eyes
‘Because you are the most beautiful maiden,
you may choose your death! there is still time.’/”Well, if I have to choose here,
I choose the sword above all.
But first take off your upper cloth.
Because a maiden’s blood spreads far”
But before his cloth was taken off,
his head already lay before his feet;
She took the head by the hair (6),
and washed it clear in a well (7).
When she arrived at her father’s gate,
she blew the horn like a man.
There was held a banquet (8),
And the head was put on the table (9).
traduzione italiano Cattia Salto
Messer Alichino cantava una canzone e tutti coloro che la sentivano volevano stare con lui.
E questa era l’intenzione di una figlia di Re, che era molto bella e amata.
Andò dal padre dicendo:
“Oh padre posso andare da Alichino?”
“Oh no figlia, non puoi: nessuno di coloro che c’è andato e più ritornato”
Andò dal fratello dicendo:
“Oh fratello posso andare da Alichino?”
“Ti do il mio consenso per andare,
purchè tu mantenga il tuo onore”
Allora lei andò nella sua stanza
e si mise gli abiti più belli
andò nella stalla del padre
e scelse il migliore destriero tra tutti:
montò sul cavallo
e andò cantando e cavalcando verso il bosco.
Quando fu nel folto della foresta
trovò Messer Alichino.
“Benvenuta -disse andando verso di lei-
benvenuta,  benvenuta, bella fanciulla dagli occhi color nocciola
poichè sei la più bella fanciulla, puoi scegliere la tua morte fin che sei in tempo!”
“Beh, se devo decidere qui,
preferisco la spada.
Ma prima levati la tua casacca, perchè il sangue di una vergine schizza lontano”
Ma prima che si levasse l’abito
la sua testa già giaceva ai suoi piedi;
lei prese la testa per i capelli
e la lavò bene in un pozzo.
Quando arrivò all’ingresso del castello di famiglia, soffiò nel corno come un uomo.
Si teneva un banchetto
e la testa venne messa sulla tavola.

NOTE
1) some scholars underline the similarity between the name Halewijn and Harlequin (Halloween) and interpret it as a deity of the Otherworld that requires a sacrifice for the welfare of the community (the return of the spring) to the god of the underworld / winter. Erlenkönig (King Erlen) is an elf of Scandinavian mythology, Herla King (King Herla) leads a “hellish hunt” of souls and howling beasts in stormy nights (the wild hunt) Called by Dante Alighieri Alichino
alcuni sottolineano la somiglianza tra il nome  il nome Halewijn con Arlecchino (Halloween) e lo interpretano come una divinità dell’Altromondo che richiede un sacrificio per il benessere della comunità (il ritorno della bella stagione) al dio del mondo sotterraneo/inverno. Erlenkönig (Re Erlen) è un elfo della mitologia scandinava, Herla King (Re Herla) è alla guida di una “masnada infernale” di anime e belve ululanti nelle notti di tempesta (la caccia infernale). Dante Alighieri lo cita nella quinta bolgia con il nome di Alichino, traducendo dall’Harlequin francese (o Herlequin o Hellequin)
2) the music was an instrument for spells in ancient times, in particular the melody played by the elf’s horn is an irresistible song to the ears of the girls, like a siren’s song. It is the demon lover equivalent to the Queen of Fairies (the dame sans mercì) who brings her knight-lovers to death.
la musica anticamente era uno strumento per gli incantesimi, in particolare la melodia suonata dal corno dell’elfo è una nenia irresistibile alle orecchie delle fanciulle, come canto di sirena. E’ l’amante demone equivalente alla Regina delle Fate (la dame sans mercì) che porta alla morte i suoi cavalieri-amanti.
3) in the Nordic sagas the figure of the brother (major) is of equal importance compared to the paternal figure and in the Carolingian culture he was the one who watched over the honor of the sisters
nelle saghe nordiche la figura del fratello (maggiore) è di pari importanza rispetto alla figura paterna e nella cultura carolingia era colui che vegliava sull’onore delle sorelle
4) in the ballad there is a long description of the beautiful dresses and the magnificent jewels worn by the princess; in later versions, nice clothes and jewelry (as well as some gold bags) are the main motive for the murder
nella ballata ci si dilunga nella descrizione dei begli abiti e dei magnifici gioielli indossati dalla principessa; nelle versioni successive begli abiti e gioielli (nonchè qualche borsa d’oro) sono il movente principale per l’omicidio
5) also the princess sings, it is a counter spell that will allow her to escape the magic-seduction of the elf. The girl definitely takes on the appearance of a warrior girl, strong and courageous who faces the dangers of the forest with the intention of defeating the elf-demon that dwells there
anche la fanciulla canta, il suo è un contro incantesimo che le permetterà di sfuggire alla magia-seduzione dell’elfo. La fanciulla assume decisamente l’aspetto di una ragazza guerriera, forte e coraggiosa che affronta i pericoli della foresta con l’intenzione di sconfiggere l’elfo-demone che vi alberga
6) the stanzas in which the head speaks are omitted
sono omesse le strofe in cui la testa parla
7) the fairy context is evident we find ourselves in the greenwood next to a sacred well, the elf is the guardian spirit of those magical waters to which sacrifice is bestowed, except that now it’s the elf’s head to being cutted. Our heroine is a warrior girl, the strong and courageous teenage virgin.
il contesto fatato è evidente ci troviamo nel bosco più fitto accanto ad un pozzo sacro, l’elfo è lo spirito guardiano di quelle acque al quale è tributato il sacrificio, senonchè è la testa dell’elfo a essere mozzata. La nostra eroina è una ragazza guerriera, la vergine adolescente forte e coraggiosa 
8) probably the banquet was held just to celebrate the victory of the  maiden
probabilmente il banchetto si teneva proprio per festeggiare la vittoria della fanciulla
9) abrupt and disturbing conclusion with the head – presumably alive on the table
brusca e inquietante conclusione con la testa -presumibilmente viva- posata in tavola

LINK

http://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/essay5.ht
http://www.geocities.ws/reginheim/heerhalewijn.html

Kelpie: water shapeshifter of the Celtic folklore

Leggi in italiano

In the most placid rivers of Ireland and in the dark depths of the Scottish lakes live water demons, fairy creatures, that feed on human flesh: they are “kelpie”, “each uisge” (in English water-horse), “eich- mhara “(in English sea horse); to want to be picky kelpie lives preferably near the rapids of the rivers, fords and waterfalls, while each uisge prefers the lakes and the sea, but kelpie is the most used word for both. Similar creatures are also told in Norse legends (Bäckahästen, the river horse) – and Germanic (nix in the form of fish or frog). (first part)

Liiga Klavina Kelpie

KELPIE: WATER SHAPESHIFTER

In the time of the myth it was believed that there was a certain symmetry between the terrestrial creatures and those of the waters, so men and women were the newts and the mermaids, while among the marine animals there was the horse with the fish tail. It sleeps in solitary ponds or in the sea, is shown on the banks of rivers and lakes, and although its reign is the aquatic one, the kelpie can take the form of a beautiful horse (sometimes with a white mantle sometimes with a black mantle) but also of a beautiful boy or of a lovely girl.

a Kelpie in the form of a maiden

FAIRY LOVERS

Being a solitary creature, Kelpie is often looking for a partner who is described as a “leannan-sith” (a fairy-lover). Mary Mackellar in her essay ‘The Shieling: Its Traditions and Songs‘ writes of the many enchanted seductions to the summer pastures, when shepherds carried sheep on the highlands, going to live for the whole season in the isolated huts (shielings) next to rivers and ponds. The only way to distinguish the shapeshifters when they took the form of a young boy or a girl was to comb their hair: if sand and algae were caught in the comb it was a kelpie!

LOCH GARVE’s KELPIE

In some legends the kelpie is described as a solitary crature that to find a partner, it abducts a young woman: the kelpie is considerate and kind to her, and while keeping her prisoner, tries to comfort her. This one comes from the land of Clan Mackenzie and concerns the kelpie who lives in Loch Garve (Inverness)

“There’s a spot at the eastern end of Loch Garve, ye ken,” [Rupert] said, rolling his eyes around the gathering to be sure everyone was listening, “that never freezes. It’s always black water there, even when the rest o’ the loch is frozen solid, for that’s the waterhorse’s chimney.”
The waterhorse of Loch Garve, like so many of his kind, had stolen a young girl who came to the loch to draw water, and carried her away to live in the depths of the loch and be his wife. Woe betide any maiden, or any man, for that matter, who met a fine horse by the water’s side and thought to ride upon him, for a rider once mounted could not dismount, and the horse would step into the water, turn into a fish, and swim to his home with the hapless rider still stuck fast to his back.

(From OUTLANDER by Diana Gabaldon, chapter 18, “Raiders in the Rocks”. Copyright© 1991 by Diana Gabaldon. All rights reserved.)

With the passing of time in Scotland the kelpie has become however a monster of the waters as the infamous Nessie of the Loch Ness.

THE WATER DEMON

The Kelpie is considered an evil creature a kind of demon that hunts victims to seduce and drown (and devour) them in the abyss (a memory of ancient sacrifices to the spirits of the waters?) So popular wisdom first recommended not to climb incautiously on the back of a lonely horse (because once we climbed on a kelpie there is no possibility of going down) and secondly if we have climbed and we are going to end up dragged in the deep water, we have to look for bridles to tame it (easier said than done naturally).

THE WATER FAIRES

416px-Stromkarlen_1884
Nix of german river

The equivalent in Germanic folklore is nix or nixie (depending on whether male or female) of which the kelpie is one of the possible incarnations: the nix is shown in the form of frog or toad or small fish or a strange fish to human form. Wanting to make a distinction between Kelpie and Nix we can say that the first prefers to attract the victims in the form of a horse to get them on the back and carry them to the abyss; the second instead attracts them in human form with sweet melodies (they are sirens / nymphs with a beautiful singing or mermen skilled musicians)

Liga Kļaviņa

Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestARCHIVE
Skye Water Kelpie’s Lullaby
Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich
Òran Tàlaidh An Eich-Uisge
A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan
Cronan na Eich-mhara
Song of the Kelpie
Up, ride with the kelpie

Sourses
http://novelpointsofview.blogspot.it/2016/02/valentines-not-just-for-february_11.html
http://www.apjpublications.co.uk/skye/poetry/collect21.htm http://www.romanticamentefantasy.it/emozioni-in-tartan-leggenda-kelpie/ http://fairyroom.com/2013/03/bad-fairy-nixie/

Il Kelpie mutaforma acquatico del folklore celtico

Read the post in English

Nei fiumi più placidi d’Irlanda e nelle profondità oscure dei laghi scozzesi vivono dei demoni acquatici, creature fatate mutaforma, che si nutrono di carne umana: sono “kelpie“, “each uisge” (in inglese water-horse),  “eich-mhara” (in inglese sea horse), cavalli d’acqua e del mare; a voler essere pignoli il kelpie vive preferibilmente nei pressi delle rapide dei fiumi, dei guadi e delle cascate, mentre l’each uisge preferisce i laghi e il mare, ma kelpie è la parola più usata per entrambi. Di creature analoghe si narra anche nelle leggende norrene (Bäckahästen, il cavallo di fiume)- e germaniche (nix sotto forma di pesce o di rana). (prima parte)

Liiga Klavina Kelpie

IL KELPIE: MUTAFORMA DELLE ACQUE

Nel tempo del mito era convinzione che esistesse una certa simmetria tra le creature terrestri e quelle delle acque, così uomini e donne erano i tritoni e le sirene, mentre tra gli animali marini non mancava la figura del cavallo con la coda di pesce. Dorme negli stagni solitari o in mare, si mostra sulle rive dei fiumi e dei laghi, e benchè il suo regno sia quello acquatico, il kelpie può assumere le sembianze di un bellissimo cavallo (a volte dal manto candido a volte dal manto nero) ma anche di bel ragazzo o d’amabile fanciulla.

un Kelpie in sembianze di fanciulla

AMANTI FATATI

Essendo una creatura solitaria, il Kelpie  è spesso in cerca di un compagno/compagna e viene descritto come un “leannan-sith” ovvero una “fata-amante”. Mary Mackellar nel suo saggio ‘The Shieling: Its Traditions and Songs’ (Gaelic Society of Inverness 1889 qui) scrive delle molte seduzioni fatate ai pascoli estivi, quando i pastori portavano le pecore sugli altopiani, andando a vivere per tutta la stagione nelle isolate malghe (shielings) accanto a fiumi e laghetti. L’unico modo per distinguere i mutaforma quando prendevano le sembianze di un giovanetto o di una fanciulla era quella di pettinare i loro capelli: se sabbia e alghe restavano impigliate nel pettine si trattava di un kelpie!

IL KELPIE DI LOCH GARVE

In alcune leggende il kelpie è descritto come una cratura solitaria che per mettere su famiglia, rapisce una giovane donna, eppure è premuroso e gentile con lei, e pur tenendola prigioniera, cerca di confortarla. Questa viene dalla terra del Clan Mackenzie e riguarda il kelpie che abita nel Loch Garve (dalle parti di Inverness)

Nel libro “La Straniera” di Diana Gabaldon troviamo questa versione della leggenda del Kelpie. “A quanto potei capire, questi esseri abitavano in qualunque tipo di massa acquatica, ed erano particolarmente frequenti nei fiordi e nei canali, benché molti vivessero dentro agli abissi dei lochs. «C’è un punto, nell’estremità orientale di Loch Garve», disse, spostando lo sguardo tra i vari membri del gruppo per accertarsi che tutti lo stessero ascoltando, «che non gela mai. L’acqua lì è sempre nera, anche quando il resto del loch è tutto ghiacciato: si tratta infatti del comignolo del cavallo d’acqua.» Quello di Loch Garve, come molti altri della sua razza, aveva rapito una fanciulla che era venuta al loch ad attingere acqua, e se l’era portata con sé in fondo agli abissi perché gli facesse da moglie. Qualunque donna, o uomo se è per questo, provi il desiderio, dopo aver trovato un bel cavallo in riva al lago, di salirgli in groppa, andrà incontro a parecchi guai, perché una volta montato il cavaliere non potrà più scendere; a quel punto il cavallo si tufferà in acqua, si trasformerà in un pesce e nuoterà fino alla sua dimora con lo sventurato cavaliere saldamente attaccato al dorso. «Orbene, una volta sott’acqua il cavallo avrà solo denti da pesce», disse Rupert, ondulando il palmo per imitare il movimento delle pinne, «e si nutre di lumache, di alghe e di altri cibi freddi e bagnati. Ha il sangue gelido come l’acqua, e non gli serve nessun fuoco, mentre una donna umana ha bisogno di calore.» …«Dunque la moglie del cavallo d’acqua era triste e soffriva il freddo e la fame, nella sua nuova dimora subacquea, non piacendole granché le lumache e le alghe che lui le serviva per cena. Così il cavallo, essendo di buon cuore, si recò sulla riva del loch vicino alla casa di un uomo che aveva fama di essere un bravo capomastro. E, quando l’uomo scese giù al fiume e vide il bell’animale dorato con le briglie d’argento che risplendevano al sole, non poté resistere alla voglia di montargli in sella. «Naturalmente il cavallo si tuffa in acqua e lo porta fino alla sua dimora fredda e viscida negli abissi. A quel punto dice al capomastro che se vuol tornare in libertà dovrà costruire un bel caminetto, con tanto di comignolo, in modo che sua moglie possa avere un fuoco dove scaldarsi le mani e friggere il pesce.» «Così il capomastro, non avendo altra scelta, fece come gli era stato chiesto. E il cavallo mantenne la promessa: lo riportò sulla riva vicino a casa sua. Fu così che la moglie del cavallo d’acqua poté starsene al calduccio, tutta contenta, con grande abbondanza di pesce fritto per cena. Dunque l’acqua non gela mai, all’estremità orientale di Loch Garve, perché il calore del comignolo del cavallo d’acqua scioglie il ghiaccio. » (Pag.317)

Con il passar del tempo in Scozia il kelpie è diventato tuttavia un mostro delle acque come il famigerato Nessie del Loch Ness.

IL DEMONE ACQUATICO

Più spesso il Kelpie è considerata una creatura malvagia una sorta di demone che va a caccia di vittime da sedurre e far annegare (e divorare) negli abissi (un ricordo di antichi sacrifici agli spiriti delle acque?) Così la saggezza popolare raccomandava per prima cosa di non salire mai incautamente in groppa ad un cavallo solitario (perchè  una volta saliti su un kelpie non c’è più possibilità di scendere) e per seconda cosa se proprio ci siamo saliti e stiamo per finire trascinati nelle acque profonde, di cercare le briglie per domarlo (più facile a dirsi che a farsi naturalmente).

I FOLLETTI ACQUATICI

416px-Stromkarlen_1884
Nix del fiume

Il corrispettivo nel folklore germanico è il nix o nixie (a secondo se di sesso maschile o femminile) di cui il kelpie è una delle possibili incarnazioni: il nix si mostra nella forma di rana o rospo o di piccolo pesce o di uno strano pesce a forma umana. Volendo fare un distinguo fra Kelpie e Nix possiamo affermare che il primo preferisce attirare la vittima sotto forma di cavallo per farla salire in groppa e trasportarla negli abissi il secondo invece l’attira in forma umana con dolci melodie (sono sirene/ninfe dal bel canto o tritoni abili musicisti).

Liga Kļaviņa

Theodor_Kittelsen_-_Nøkken_som_hvit_hestARCHIVIO CANTI
Skye Water Kelpie’s Lullaby
Dh’èirich mi moch, b’ fheàrr nach do dh’èirich
Òran Tàlaidh An Eich-Uisge
A Mhór, a Mhór, till ri d’ mhacan
Cronan na Eich-mhara
Song of the Kelpie
Up, ride with the kelpie

FONTI

http://novelpointsofview.blogspot.it/2016/02/valentines-not-just-for-february_11.html
http://www.apjpublications.co.uk/skye/poetry/collect21.htm http://www.romanticamentefantasy.it/emozioni-in-tartan-leggenda-kelpie/ http://fairyroom.com/2013/03/bad-fairy-nixie/

Herr Mannelig, merry me!

Leggi in italiano

A red thread connects the various countries of Europe, which once was united, if not politically, at least culturally, from the stories sung by the jesters and wandering minstrels. Thus we see how the subject of the Concealed Death that started from the North of the Scandinavian countries has reached the Romance languages in the South and in the West, in a plethora of variants. (first part)

THE MEETING WITH THE SHE-WIZARD

One of these variants starts in the same Scandinavian countries, around a mythical creature typical of Norse folklore: the trolls.

A mythical creature also shared by the Anglo-Saxon culture and in the Tolkenian imagery described as crude and wicked, dedicated to the destruction of villages, the theft of cattle and the capture of unwary travelers, who are then often cooked. The troll fears the sunlight because he transforms him into stone.

HERR MANNELIG

soledadThe creature of this story is a female troll and she is convinced that by marrying a prince she can turn into a beautiful princess, and so she lures the unfortunate knights with sumptuous gifts. Sir Mannelig refuses her hand and the ballad ends here, but surely the story does not have a happy ending even for the human!
In the collective imagination, death is a woman dressed in black with a scythe, and Orcum in Latin is the god of the Underworld, hence of death. His appearance in the Roman pantheon is attributable to the Etruscans and outclassed by Hades he remained in the popular peasant consciousness under the figure of the Wild Man.

On the false line of Shreck (trolls are a bit like orcs) we can imagine that our troll is a princess under the spell of a witch, and only with the kiss of true love she will be able to resume her human form.
But we are in the Middle Ages and Mannelig is a Christian knight who does not let himself be subjugated by the temptations of the devil and therefore no kiss!
But “bergatrollet” is a witch of the mountains, a wild creature with magic, who practices rituals linked to the cult of the ancient gods, while Ser Mannelig is the knight converted to Christianity.

The ballad has been interpreted by many metal-folk groups with slightly different textual versions.

Garmarna  from “Guds spelemän” 1996 live version

Annwn from Orbis Alia with more medieval accents


I
Bittida en morgon innan solen upprann
Innan foglarna började sjunga
Bergatrollet (1) friade till fager ungersven
Hon hade en falskeliger tunga
(ref.) 
Herr Mannelig herr Mannelig
trolofven i mig
För det jag bjuder så gerna
I kunnen väl svara endast ja eller nej
Om i viljen eller ej
II
Eder vill jag gifva de gångare tolf
Som gå uti rosendelunde
Aldrig har det varit någon sadel uppå dem
Ej heller betsel uti munnen
III
Eder vill jag gifva de qvarnarna tolf
Som stå mellan Tillö och Ternö
Stenarna de äro af rödaste gull
Och hjulen silfverbeslagna
IV
Eder vill jag gifva ett förgyllande svärd
Som klingar utaf femton guldringar
Och strida huru I strida vill
Stridsplatsen skolen i väl vinna
V
Eder vill jag gifva en skjorta så ny
Den bästa I lysten att slita
Inte är hon sömnad av nål eller trå(2)
Men virkat av silket det hvita
VI
Sådana gåfvor toge jag väl emot
Om du vore en kristelig qvinna
Men nu så är du det värsta bergatroll
Af Neckens(3) och djävulens stämma
VII
Bergatrollet ut på dörren sprang
Hon rister och jämrar sig svåra
Hade jag fått den fager ungersven
Så hade jag mistat min plåga
English translation (from Wiki)
I
Early one morning before the sun rose up/Before the birds began to sing
The mountain troll (1) proposed to the handsome young man
She had a false tongue
(ref.) Herr Mannelig, herr Mannelig, will you be betrothed to me?
For that, I offer you gifts very gladly
Surely you can answer only yes or no
If you wish to or not
II
To you I wish to give the twelve horses
That go in the grove of roses
Never has there been a saddle upon them
Nor a bridle in their mouths
III
To you I wish to give the twelve mills
That are between Tillö and Ternö
The stones are made of the reddest gold/ And the wheels are covered in silver
IV
To you I wish to give a gilded sword
That chimes of fifteen gold rings
And fight however you fight
The battle you would surely win
V
To you I wish to give a shirt so new
The best you will want to wear
It was not sewn with needle or thread(2)
But crocheted of white silk
VI
Such gifts I would surely accept
If thou[wert a Christian woman
However, thou art the worst mountain troll
The spawn of the Nix (3) or the Devil
VII
The mountain troll ran out the door
She shakes and wails hard
If I had got the handsome young man
I would have got rid of my plight.

NOTE
1)  bergatrollet is a  she-wizard (in the ballade “Bergatrollet”, often erroneously translated as “she-troll”)
2) on the symbolism of the fine silk shirt woven in one piece without using needle and thread see also Scarborough fair
3) the nix is shown in the form of frog or toad or small fish or a strange fish to human form. Wanting to make a distinction between Kelpie and Nix we can say that the first prefers to attract the victims in the form of a horse to get them on the back and carry them to the abyss; the second instead attracts them in human form with sweet melodies (they are sirens / nymphs with a beautiful singing or mermen skilled musicians) see

Haggard from “Eppur si muove”, 2004, they sing it in Italian on a rock metal sound (symphonic metal or neo-classic metal). The German group is basically composed of about twenty musicians with Asis Nasseri as composer, who translated the text of the Swedish ballad into Italian

All’alba, prima che il sole sorgesse
E gli uccelli cantassero la canzone
La donna del troll con lingua falsa
Et ingannevole propose al signore:
“Herr Mannelig, herr Mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?
Ti darò i dodici mulini
Che stanno tra Tillo e Terno
Le macine sono fatte del più rosso rame
E le ruote sono cariche d’argento
Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”
“Se tu fossi una donna cristiana
Riceverei volentieri regali così,
Ma io so che sei il peggiore troll
Figlio degli spiriti maligni.”
“Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”

Tibetréa a folk rock that is not too techno but relies on the acoustic sound of the hurdy-gurdy and the harp and they also put the trumpet on it

And I could go on with more medieval-metal versions: In Extremo (here),  Othlan (here), Psalteria (here),  Cromdale (here)

Many also transcriptions in other languages see for example Sir Mannelig played by Brian Kay, at the Anglo-Saxon lyra

LINK
https://terreceltiche.altervista.org/la-morte-occultata/
http://www.metalgermania.it/traduzioni/haggard/herr-mannelig.html
http://www.metalgermania.it/traduzioni/in-extremo/herr-mannelig.html

Herr Mannelig, sposami!

Read the post in English

Un filo rosso collega i vari paesi d’Europa, che un tempo antico fu unito se non politicamente almeno culturalmente dalle storie cantate dai giullari e menestrelli girovaghi. Così vediamo come il tema della Morte Occultata partito dal Nord dei Paesi Scandinavi sia giunto nelle lingue romanze a Sud e a Ovest e in una pletora di varianti. (parte prima)

L’INCONTRO CON LA TROLLA-STREGA

Una di queste varianti principia  negli stessi paesi scandinavi, intorno ad una mitica creatura tipica del folklore norreno: i troll.

Una creatura mitica condivisa anche dalla cultura anglo-sassone e nell’immaginario tolkeniano  il troll è descritto come è una creatura rozza e malvagia, dedita alla distruzione dei villaggi, al furto del bestiame e alla cattura di incauti viaggiatori, che vengono poi spesso cucinati. Teme la luce del sole perchè lo trasforma in pietra.

HERR MANNELIG

soledadLa creatura è convinta che sposando un principe potrà trasformarsi  in una bella principessa, e così alletta il malcapitato con regali sontuosi. Sir Mannelig rifiuta e la ballata termina qui, ma sicuramente la vicenda non ha un lieto fine nemmeno per l’umano!
Nell’immaginario collettivo, la morte è una donna vestita di nero con la falce, e Orcum in latino è il dio degli Inferi, quindi della morte. La sua comparsa nel pantheon romano è riconducibile agli Etruschi e surclassato da Ade è rimasto nella coscienza popolare contadina sotto la figura dell’Uomo Selvaggio.

Sulla falsa riga di Shreck (dopo tutto i troll sono un po’ come gli orchi) possiamo immaginarci che la trolla sia una principessa sotto l’incantesimo di una strega, e solo con il bacio del vero amore riuscirà a riprendere la sua forma umana.
Senonchè ci troviamo in pieno Medioevo e il Lord è un cavaliere cristiano che non si lascia soggiogare dalle tentazioni del maligno e quindi niente bacio!
Senonchè “bergatrollet”  è una strega dei monti, una creatura selvaggia dotata di magia, che pratica i rituali legati al culto degli antichi dei, mentre Ser Mannelig è il cavaliere convertito al cristianesimo.

La ballata è stata interpretata da molti gruppi metal-folk con versioni testuali leggermente diverse

Garmarna  in “Guds spelemän” 1996 versione live
Annwn in Orbis Alia con accenti più medievali


I
Bittida en morgon innan solen upprann
Innan foglarna började sjunga
Bergatrollet (1) friade till fager ungersven
Hon hade en falskeliger tunga
Herr Mannelig herr Mannelig
trolofven i mig

För det jag bjuder så gerna
I kunnen väl svara endast ja eller nej
Om i viljen eller ej:
II
Eder vill jag gifva de gångare tolf
Som gå uti rosendelunde
Aldrig har det varit någon sadel uppå dem
Ej heller betsel uti munnen
III
Eder vill jag gifva de qvarnarna tolf
Som stå mellan Tillö och Ternö
Stenarna de äro af rödaste gull
Och hjulen silfverbeslagna
IV
Eder vill jag gifva ett förgyllande svärd
Som klingar utaf femton guldringar
Och strida huru I strida vill
Stridsplatsen skolen i väl vinna
V
Eder vill jag gifva en skjorta så ny
Den bästa I lysten att slita
Inte är hon sömnad av nål eller trå (2)
Men virkat av silket det hvita
VI
Sådana gåfvor toge jag väl emot
Om du vore en kristelig qvinna
Men nu så är du det värsta bergatroll
Af Neckens (3) och djävulens stämma
VII
Bergatrollet ut på dörren sprang
Hon rister och jämrar sig svåra
Hade jag fått den fager ungersven
Så hade jag mistat min plåga
traduzione italiano (da Wiki)
I
Una mattina presto prima che il Sole sorgesse
e gli uccelli cantassero la loro dolce canzone
la trolla di montagna (1) con lingua falsa
ed ingannevole propose al signore:
“Sir Mannelig, Sir Mannelig
mi vorrai sposare,
per tutto quello che io sarò lieta di offrirti?
Potrai rispondere solo sì o no,
farai così o no?
II
Ti darò dodici magnifici cavalli
che pascolano in un boschetto ombroso,
non hanno mai avuto una sella sulle loro schiene,/ né morso nelle loro bocche
III
Ti darò dodici bei mulini
che si trovano fra Tillo e Terno
le macine sono dell’ottone più rosso
e le ruote sono cariche d’argento
IV
Ti darò una spada dorata
che tintinna come quindici anelli d’oro,
in guerra potrai colpire come vorrai tu,
e sul campo di battaglia sarai vincitore
V
Ti darò una camicia nuova
la più lussuosa da indossare
non è stata cucita con ago e filo (2)
ma fatta all’uncinetto con la seta più bianca”.
VI
“Sarei molto lieto di ricevere regali come questi
se tu fossi una donna cristiana
ma io so che sei la peggiore troll di montagna, figlia dei nix (3) o del demonio”
VII
La troll di montagna corse fuori dalla porta, strillando e lamentandosi a gran voce:
“Se fossi riuscita a sposare quel bel signore, ora sarei libera da questo tormento”

NOTE
altra traduzione anche qui
1) Il termine bergatrollet (dal termine germanico trylle, “magia”) indica non un troll di montagna, come comunemente ritenuto, ma una strega dei monti: un personaggio femminile legato al mondo pagano e dotato di poteri sovrannaturali. La ballata può essere letta come una trasposizione del conflitto avvenuto nel mondo germanico all’arrivo del cristianesimo, e in particolare dello scontro fra cultura cristiana (ser Mannelig) e tradizione pagana (la strega). (da Wiki)
2) sul simbolismo della camicia di seta fine tessuta in un solo pezzo senza usare ago e filo si veda anche Scarborough fair
3) Neckens sono i nix le creature mutaforma dell’acqua tipiche del folklore germanico (detto Kelpie in Scozia): il nix si mostra nella forma di rana o rospo o di piccolo pesce o di uno strano pesce a forma umana. Volendo fare un distinguo fra Kelpie e Nix possiamo affermare che il primo preferisce attirare la vittima sotto forma di cavallo per farla salire in groppa e trasportarla negli abissi il secondo invece l’attira in forma umana con dolci melodie (sono sirene/ninfe dal bel canto o tritoni abili musicisti). continua

Haggard in “Eppur si muove”, 2004, la cantano in italiano con il canto lirico impostato su una base rock metal (quello che si dice metal sinfonico o neo-classic metal) Il gruppo tedesco è in pratica composto da una ventina di musicisti con Asis Nasseri come compositore, ed è stato lui a tradurre in metrica il testo della ballata svedese

All’alba, prima che il sole sorgesse
E gli uccelli cantassero la canzone
La donna del troll con lingua falsa
Et ingannevole propose al signore:
“Herr Mannelig, herr Mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?
Ti darò i dodici mulini
Che stanno tra Tillo e Terno
Le macine sono fatte del più rosso rame
E le ruote sono cariche d’argento
Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”
“Se tu fossi una donna cristiana
Riceverei volentieri regali così,
Ma io so che sei il peggiore troll
Figlio degli spiriti maligni.”
“Herr mannelig, herr mannelig mi vorrai sposare
Per tutto quello che io ti darò?
Se vorrai, rispondi solo si o no
Farai così o no?”

Tibetréa un folk rock non troppo tecno ma che si affida al suono acustico di ghironda e arpa e ci mettono pure la tromba

E potrei continuare con le versioni più medieval-metal degli In Extremo (qui), degli Othlan (qui) dei Psalteria (qui) e dei Cromdale (qui)

Molte anche le trascrizioni in altre lingue vedasi ad esempio Sir Mannelig interpretata da Brian Kay, alla lyra anglo-sassone

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/la-morte-occultata/
http://www.metalgermania.it/traduzioni/haggard/herr-mannelig.html
http://www.metalgermania.it/traduzioni/in-extremo/herr-mannelig.html

The Water o’ Wearie’s Well

In the variant of the ballad “Lady Isabel and the Elf Knight“, version B (Child ballad # 4B), the Elf- Knight becomes a spirit of water, a shapeshifter creatures that could appear under the guise of a horse or a young man / maiden.
With his magic harp (instead of the horn in version A) he casts the spell of sleep on the inhabitants of the castle in order to kidnap the princess. Straddling a dark steed, the two come to a stream (or a pond) called Wearie’s Well. Here the knight orders the princess to plunge herself into the water and then to let herself drown, just as seven other princesses had done before her.
Nella variante della ballata  “Lady Isabel and the Elf Knight”, versione B (Child ballad #4B), il Cavaliere degli Elfi diventa uno spirito dell’acqua, creature muta-forma che potevano apparire sotto le sembianze di cavallo oppure di giovane uomo/fanciulla.
Così è con l’arpa magica (invece del corno nella versione A) che la creatura fatata getta l’incantesimo del sonno sugli abitanti del castello per poter rapire la fanciulla. A cavallo di un oscuro destriero, i due giungono ad un corso d’acqua chiamato Wearie’s Well. Qui il cavaliere ordina alla principessa di immergersi nell’acqua e poi di lasciarsi affogare, proprio come avevano fatto altre sette principesse prima di lei.

But it will be the shapeshifter to die (ritual death): she enchants him with a kiss and drags him down into the water, drowning him. The question arises spontaneously, how can a water fairy drown?!
Ma a morire sarà il mutaforma (morte rituale):  lei lo incanta con un bacio e lo trascina giù nell’acqua, affogandolo.
Sorge spontaneo chiedersi, come può una creatura dell’acqua affogare?! 

Wearie’s Well

The place where the Wells of Wearie are located is not easy to find today, having been destroyed during the construction of the railway line that passes at the foot of Arthur’s Seat, (one of the Seven Hills of Edinburgh)
La località in cui si trovano i Wells of Wearie non è oggi facile da individuare essendo andati distrutti durante la costruzione della linea ferroviaria che passa ai piedi all’Arthur’s Seat, (uno dei Sette colli di Edimburgo)
The Wells of Wearie were one of nearly a dozen sacred and healing wells surrounding legendary Arthur’s Seat at the edge of Edinburgh, and whose waters were also said to have supernatural properties.  Shown on James Kirkwood’s 1821 map of Edinburgh  as the ‘Well of Wery’, this curiously named site was renowned in earlier centuries as an excellent water supply for the local people — “to cure the weary traveller” for one.  Today, all we have left of them are the small ponds immediately below the road, next to the converted railway line path, just as you come out of the long tunnel. (from here)
I Wells of Wearie erano uno della dozzina di pozzi sacri e curativi che circondano il leggendario Arthur’s Seat ai margini di Edimburgo e le cui acque erano considerate soprannaturali. Segnato sulla mappa di Edimburgo di James Kirkwood nel 1821 come ‘Well of Wery’, questo sito dal nome curioso era famoso nei secoli precedenti come un eccellente rifornimento idrico per la popolazione locale – e anche “per alleviare il viaggiatore stanco”  . Oggi, tutto quello che è rimasto sono dei piccoli stagni immediatamente sotto la strada, accanto al sentiero della linea ferroviaria, quando si esce dal lungo tunnel.

The Arthur’s Seat is one of the legendary sites where the sleeping King Arthur his awakening, according to others this was the site of the legendary Camelot. Its shape vaguely recalls a huddled lion.
La montagnola soprannominata “Il trono di Artù” (in inglese Arthur’s Seat) è uno dei siti leggendari in cui il dormiente re Artù attende il suo risveglio, secondo altri questo era il sito della leggendaria Camelot. La sua sagoma richiama vagamente un leone rannicchiato. 

Tony Cuffe in Sae Will We Yet, 2003


There came a bird (1) oot o a bush
On water for tae dine
An sighing said this lady fair
“oh woe’s this heart o mine!”
And he’s ta’en a harp(2) intae his had
And he’s harped them all asleep
Except it was the King’s daughter
Who a wink couldna get 
And he’s mounted on his berry-brown steed
Ta’en her behind himsel’
And on they rode to that water
That they call Wearie’s Well(3)
“Wide in, wide in, my lady fair
Nae harm shall ye befa’
For oftimes hae I watered my steed
At the water o Wearie’s Well”
And the very first step that she stepped in
She stepped in unto the knee
And sighing said this lady fair
“This water’s nae for me”
“Wide in, wide in, my lady fair
Nae harm shall ye befa’
For oft times hae I watered my steed
At the water o Wearie’s Well”
And the very next step that she stepped in
She stepped in to the chin
And crying said this lady fair
“I fear I’m too far in!”
“Seven King’s daughters have I drowned here
At the water o Wearie’s Well
And I’ll mak ye the eighth o them
And I’ll ring the common bell(4)”
“If I am standing here, she said,
This dowie death tae dee
A kiss from o yer comely lips
I’m sure would comfort me”
So he’s mounted ower his saddle bow
To kiss her cheek and chin
And she’s ta’en him in her airms twa
And she’s thrown him headlong in
“Seven King’s daughters have ye drowned here
At the water o Wearie’s Well
I’ll make ye bridegroom tae them all
And I’ll ring the bell myself”
English translation Cattia Salto
There came a bird out o a bush
On water for to dine
An sighing said this lady fair
“oh woe’s this heart of mine!”
And he has taken a harp into his had
And he has harped them all asleep
Except it was the King’s daughter
Who a wink couldna get 
And he’s mounted on his berry-brown steed
Taken her behind himself
And on they rode to that water
That they call Wearie’s Well
“Walk in, walk in, my lady fair
No harm shall you befall
For oftimes have I watered my steed
At the water o Wearie’s Well”
And the very first step that she stepped in
She stepped in unto the knee
And sighing said this lady fair
“This water is no for me”
“Walk in, walk in, my lady fair
No harm shall you befall
For oft times hae I watered my steed
At the water o Wearie’s Well”
And the very next step that she stepped in
She stepped in to the chin
And crying said this lady fair
“I fear I’m too far in!”
“Seven King’s daughters have I drowned here
At the water o Wearie’s Well
And I’ll make you the eighth of them
And I’ll ring the common bell”
“If I am standing here, she said,
This sad death to die
A kiss from your comely lips
I’m sure would comfort me”
So he’s mounted over his saddlebow
To kiss her cheek and chin
And she’s taken him in her airms two
And she’s thrown him headlong in
“Seven King’s daughters have you drowned here/ At the water o Wearie’s Well
I’ll make you bridegroom to them all
And I’ll ring the bell myself”

NOTE
1) once some birds were carrying bad news. For example the English fishermen believed that the curlews announced a shipwreck and death when they stooped and rose on the coast weeping sadly; as well as that the cormorants and the gulls on the rocks are waiting for the souls of the fishermen who died at sea to torment the living.
un tempo molti uccelli erano portatori di cattive notizie. Ad esempio i pescatori inglesi ritenevano che i chiurli annunciassero naufragio e morte quando si abbassavano e alzavano sulla costa piangendo tristemente; come pure che i cormorani e i gabbiani fossero sugli scogli in attesa delle anime dei pescatori morti in mare per tormentare i viventi.
2) the harp is a magical instrument used by fairy creatures and bards see [l’arpa è uno strumento magico per eccellenza utilizzato da creature fatate e bardi per i loro incantesimi vedi]
3) the well is located south-west of Arthur’s Seat the hill east of Edinburgh, according to the etymologist it could be translated as “Devil pond”, but also “Well of Laments” or “Well of Wonders”. A Jacobite song called “Bonnie Wells o’Wearie” commemorates this location near Duddingston Loch
[il pozzo si trova a sud-ovest di Arthur’s Seat la collina ad est di Edimburgo, secondo l’etimologa si potrebbe tradurre come Pozzo del Diavolo, ma anche Pozzo dei lamenti oppure pozzo dei Desideri. Una canzone giacobita s’intitola Bonnie Wells o’Wearie proprio per commemorare questa località vicino a Duddingston Loch]
4) a bell was often placed in dangerous areas to sound the alarm and call people 
[una campana era spesso collocata nelle zone pericolose per suonare l’allarme e richiamare la gente]
traduzione italiano Cattia Salto
Là venne un uccello(1) fuori da un cespuglio
sull’acqua per pranzare
e sospirando disse questa bella dama
“O che dolore ho nel cuore!”
Ed egli prese un arpa(2) tra le mani
e li fece addormentare tutti
tranne la figlia del Re
che non riusciva chiudere occhio,
e lui montò sul suo destriero morello
facendola montare dietro
e cavalcarono verso l’acqua
detta Stagno dei Desideri(3)
“Al largo, al largo bella madamigella,
niente di male vi accadrà,
che assai spesso ho abbeverato il mio destriero
alle acque dello Stagno dei Desideri”
E con il primo passo che fece
lei si immerse fino al ginocchio
e sospirando disse questa bella dama
“L’acqua non fa per me”
“Avanti, avanti, bella madamigella
niente di male vi accadrà
che assai spesso ho abbeverato il mio destriero
alle acque dello Stagno dei Desideri”
E al passo successivo che fece
lei affondò fino al mento
e gridando disse questa bella dama
“Temo di essere troppo lontana (dalla riva)”
“Sette figlie di Re ho annegato qui
alle acque dello Stagno dei Desideri”,
ti farò l’ottava di esse
e suonerò la campana del paese(4)”
“Se sono qui -disse lei –
per fare questa morte in acqua,
un bacio dalle tue labbra belle
di certo mi daranno conforto”
Così lui si sporse dalla sella
per baciare la sua guancia e il mento
e lei lo prese tra le sue braccia
e lo gettò a testa in giù
“Sette figlie di re hai affogato qui
alle acque dello Stagno dei Desideri,
ti farò lo sposo di tutte loro
e suonerò la campana da me!”