Bonny Portmore: the ornament tree

Leggi in italiano

When the great oak of Portmore was break down in 1760, someone wrote a song known as “The Highlander’s Farewell to Bonny Portmore“; in 1796 Edward Bunting picked it up from Daniel Black, an old harpist from Glenoak (Antrim, Northern Ireland), and published it in “Ancient Music of Ireland” – 1840.
The age-old oak was located on the estate of Portmore’s Castle on the banks of Lugh Bege and it was knocked down by a great wind; the tree was already famous for its posture and was nicknamed “the ornament tree“. The oak was cut and the wood sold, from the measurements made we know that the trunk was 13 meters wide.

LOUGH PORTMORE

1032910_tcm9-205039Loch un Phoirt Mhóir (lake with a large landing place) is an almost circular lake in the South-West of Antrim County, Northern Ireland, today a nature reserve for bird protection.
The property formerly belonged to the O’Neill clan of Ballinderry, while the castle was built in 1661 or 1664 by Lord Conway (on the foundations of an ancient fortress) between Lough Beg and Lough Neagh; the estate was rich in centenarian trees and beautiful woods; however, the count fell into ruin and lost the property when he decided to drain Lake Ber to cultivate the land (the drainage system called “Tunny cut” is still existing); the ambitious project failed and the land passed into the hands of English nobles.
In other versions more simply the Count’s dynasty became extinct and the new owners left the estate in a state of neglect, since they did not intend to reside in Ireland. Almost all the trees were cut down and sold as timber for shipbuilding and the castle fell into disrepair.

Bonny Portmore could be understood symbolically as the decline of the Irish Gaelic lords: pain and nostalgia mixed in a lament of a twilight beauty; the dutiful tribute goes to Loreena McKennitt who brought this traditional iris  song to the international attention.
Loreena McKennitt in The Visit 1991
Nights from the Alhambra: live

CHORUS
O bonny Portmore,
you shine where you stand
And the more I think on you the more I think long
If I had you now as I had once before
All the lords in Old England would not purchase Portmore.
I
O bonny Portmore, I am sorry to see
Such a woeful destruction of your ornament tree
For it stood on your shore for many’s the long day
Till the long boats from Antrim came to float it away.
II
All the birds in the forest they bitterly weep
Saying, “Where will we shelter or where will we sleep?”
For the Oak and the Ash (1), they are all cutten down
And the walls of bonny Portmore are all down to the ground.
NOTE
1) coded phrase to indicate the decline of the Gaelic lineage clans

Laura Marling live
Laura Creamer

Lucinda Williams in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs and Chanteys ANTI 2006


Dan Gibson & Michael Maxwell in Emerald Forest instrumental version
And here I open a small parenthesis recalling a personal episode of a long time ago in which I met an ancient tree: at the time I lived in Florence and I had the opportunity to turn a bit for Tuscany, now I can not remember the location, but I know that I was in the Colli Senesi and it was summer; someone advised us to go and see an old holm oak, explaining roughly to the road; in the distance it seemed we were approaching a grove, in reality it was a single tree whose foliage was so leafy and vast, the old branches so bent, that to get closer to the trunk we had to bow. I still remember after many years the feeling of a presence, a deep and vital breath, and the discomfort that I tried to disturb the place. I do not exaggerate speaking of fear at all, and I think that feeling was the same feeling experienced by the ancient man, who felt in the centenarian trees the presence of a spirit.
SOURCE
http://www.angelfire.com/ca/immie/bonny.html
http://www.sentryjournal.com/2010/10/11/the-fate-of-bonny-portmore/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=15567
http://www.rspb.org.uk/reserves/guide/p/portmorelough/about.aspx

Caravanserai: This glancing life is like a morning star

Caravanserai (in italiano caravanserraglio) ovvero il palazzo delle carovane era il luogo recintato in cui i viaggiatori del deserto trovavano riparo e ristoro lungo le vie commerciali dell’Asia e del Medio-Oriente.
E Loreena McKennitt nel suo album “An ancient muse” ci descrive una tappa del suo viaggio nel cuore della Turchia, quando sosta nel  caravanserai  Sadeddin di Konya e rivive le stesse pulsioni dei viaggiatori del passato, subendo lo stesso fascino del deserto del nomade di allora.
Caravanserai (caravanserai) or the caravan palace was the fenced place where desert travelers found shelter and refreshment along the trade routes of Asia and the Middle East.
And Loreena McKennitt in her album “” describes a stage of her journey in the heart of Turkey, when she stops in Konya’s Sadeddin caravanserai and relives the same drive of the travelers of the past, undergoing the same charm of the desert as the nomad at the time.

Cappadocia verso Konya, Turchia, ottobre 2003: Sulla strada per Konya, visitiamo un caravanserraglio; un edificio stupendo. Susan Whitfield, nel suo libro Life Along The Silk Road, descrive queste strutture come “luoghi di sosta per i mercanti ambulanti, i loro servi e gli animali … Qui si teneva il mercato …. Dieci o più lingue potevano essere ascoltate in qualsiasi momento, mentre la gente mercanteggiava su sete, spezie e altri benidi lusso… “. Questo mi fa riflettere sul concetto di casa, l’impulso nomade e il nostro rapporto con la natura, la terra … le nostre storie collettive che si fondono in qualcosa di nuovo. Sta succedendo troppo velocemente al giorno d’oggi?
Cappadocia to Konya, Turkey, October 2003: On the road to Konya, we visit a caravanserai; a stunning building. Susan Whitfield, in her book Life Along The Silk Road, describes these structures as “stopping places for itinerant merchants, their servants and animals… The bazaar was held here…. Ten or more languages might be heard at any one time, as people haggled over the silks, spices and other luxuries… ” This causes me to reflect on the concept of home, the nomadic impulse and our relationship to nature, the land… our collective histories merging into something new. Is it happening too quickly in our contemporary times?
Loreena McKennitt in An Ancient Muse 2006
Nights From The Alhambra (2007)


I
This glancing life is like a morning star
A setting sun, or rolling waves at sea
A gentle breeze or lightning in a storm
A dancing dream of all eternity
II
The sand was shimmering in the morning light
And dancing off the dunes so far away
The night held music so sweet, so long
And there we lay until the break of day
III
We woke that morning at the onward call
Our camels bridled up, our howdahs (1)  full
The sun was rising in the eastern sky
Just as we set out to the desert’s cry
Chorus
Calling, yearning, pulling, home to you
IV
The tents grew smaller as we rode away
On earth that tells of many passing days
The months of peace and all the years of war
The lives of love and all the lives of fears  (2)
Chorus
V
We crossed the river beds all etched in stone
And up the mighty mountains ever known
Beyond the valleys in the searing heat
Until we reached the caravanserai
Chorus
VI
What is this life that pulls me far away
What is that home where we cannot reside
What is that quest that pulls me onward
My heart is full when you are by my side
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Questa vita fugace è come la stella del mattino,  il tramonto; o le onde del mare, un venticello leggero o il fulmine nella tempesta,  un sogno a tempo di danza di tutta l’eternità
II
La sabbia  era scintillante nella luce del mattino e ballava sulle dune così lontane, la notte racchiudeva una musica così dolce e persistente, e lì rimanemmo fino all’alba.
III
Ci alzammo quel mattino alla sveglia, i cammelli erano in piedi, i bagagli caricati, il sole sorgeva verso est mentre siamo partiti verso il richiamo del deserto
Coro
che ci chiama, tira, verso casa da te
IV
Le tende diventavano più piccoline mentre correvamo via
su una terra che ci racconta di molti giorni passati
i mesi di pace e tutti gli anni di guerra
le storie amorose e tutte le storie spaventose
Coro
V
Abbiamo attraversato letti di fiumi scavati nella pietra
e scalato le alte montagne mai esplorate
al di là delle valli nel caldo rovente
finchè raggiungemmo il caravanserraglio
Coro
VI
Cos’è questa vita che mi spinge lontano?
Cos’è questa casa dove non si riesce a restare?
Cos’è questa ricerca che mi spinge in avanti?
Il mio cuore è pieno quando mi sei accanto

NOTE
1) tipica portantina sul cammello detto anche palanchino
2) letteralmente “le vite dell’amore e tutte le vite delle paure”

Loreena McKennitt: The Mystic’s Dream

Loreena McKennitt legge il libro di Idries ShahI Sufi” (1964) e compone un album  “The Mask and Mirror” (1994) in cui s’interroga sulla spiritualità e la religione.
Loreena McKennitt reads Idries Shah’s book “The Sufi” (1964) and composes an album “The Mask and Mirror” (1994) in which she wonders about spirituality and religion.

LA POESIA SUFI (Sufi poetry)

La poesia sufi è il linguaggio segreto dell’amore mistico, del simbolismo e della metafora. Lo specchio è spesso preso a esempio: Dio è l’oggetto e l’uomo (o il mondo) lo specchio.
Sufi poetry is the secret language of mystical love, rich in symbolism and metaphor. The mirror is often taken as an example: God is the object and man (or the world) is the mirror

Così scrive Jalāl ad-Dīn Muḥammad Rūmī il massimo poeta mistico della letteratura persiana, fondatore della confraternita dei Dervisci Rotanti (XIII secolo).
 Jalāl ad-Dīn Muḥammad Rūmī,  the greatest mystic poet of Persian literature, founder of the Brotherhood of the Whirling Dervishes (XIII century), writes:


Indeed,
we are one soul,
you and me.
In the show and hide
you in me, I am in you.
Here is the deeper meaning
of my relationship with you,
Because there is nor I, nor you.
between you and me.
We are the mirror,
as well as the face in it.
We are tasting the taste of eternity this minute.
We are pain and what cures pain.
We are the sweet cold water and the jar that pours.
Traduzione in italiano
In verità,
siamo una sola anima,
tu e io.
Appariamo e ci nascondiamo,
tu in me, io in te.
Ecco il significato profondo
della mia relazione con te.
Perchè non esistono nè tu, nè io
tra te e me .
Siamo lo specchio
e il volto al tempo stesso
Siamo ebbri della coppa eterna(1)
Siamo il balsamo e la guarigione (2).
Siamo l’acqua di giovinezza e colui che la versa.(3)

NOTE
(Canzoniere – Divan – Poesie mistiche – Gialal ad-Din Rumi  anche noto come Mevlana  o Mawlana Jalaluddin Rumi) alcune riflessioni sulla traduzione -rifacendomi alla versione inglese, come sempre ci sono delle diverse interpretazioni e non conoscendo la fonte posso solo fare dei raffronti tra i due testi
1) in inglese : gustiamo il sapore dell’eternità in questo preciso istante
2) siamo il dolore e ciò che cura il dolore
3) anche qui il traduttore ha colto una similitudine, l’acqua di sorgente, pura e fresca è la fonte della giovinezza; jar è la coppa, il vaso

La poesia è spesso citata come una sublime frase d’amore, buona per i bigliettini nei cioccolatini per San Valentino in realtà
per Rumi l’Amore è di due tipi: il primo è l’Amore Supremo cioè Dio, il secondo è l’Amore determinato da Dio cioè il riflesso in noi del sentimento divino ( tutte le sfumature di amore che ci legano gli uni agli altri, a tutte le creature viventi  e alla Natura)
Poetry is often cited as a sublime verse of love, good for the little cards in chocolates for Valentine’s Day in reality for Rumi, Love is of two types: the first is the Supreme Love that is God, the second is Love determined by God that is the reflection in us of the divine feeling (all the shades of love that bind us to each other, to all living creatures and to Nature)


Nella traccia “The Mystic’s Dream“, il sogno del mistico, Loreena scrive un testo che è poesia sufi e compone una musica che è musica sufi e musica celtica insieme, con il nay (il flauto d’Asia) i tamburi e i cordofoni (del sitar, dell’oud),  i Küdum  e gli halile, ma anche il canto gregoriano dei monaci che si leva all’alba, vibra tra le volte di pietra di una cattedrale in Terra Santa; il motivo di questo canto muto è ripreso dalla cornamusa, così oriente e occidente si fondono nella musica.
In the track “The Mystic’s Dream” Loreena writes a text that is Sufi poetry and composes a music that is Sufi music and Celtic music; together with the nay (the flute of Asia) the drums and the chordophones (of the sitar, dell’oud), the Küdum and the halile, but also the Gregorian chant of the monks rising at dawn, vibrating between the stone vaults of a cathedral in the Holy Land; the motif of this” voiceless song” is taken up by the bagpipes, so East and West merge into music.

Scrive Muhyiddin Ibn ‘Arabi
(Muhyiddin Ibn ‘Arabi writes)


My heart has become able
To take on all forms.
It is a pasture for gazelles,
For monks an abbey.
It is a temple for idols
And for whoever circumambulates it, the Kaaba.
It is the tablets of the Torah
And also the leaves of the Koran.
I believe in the religion
Of Love
Whatever direction its caravans may take,
For love is my religion and my faith.
Traduzione in italiano
Il mio cuore è capace di qualunque forma.
Un pascolo per le gazzelle,

un chiostro per i monaci,
un tempio per gli idoli, 

la Ka’ba del pellegrino

le tavole della Torah, il Corano.

L’Amore è il credo che sostengo: ovunque girino 
i suoi cammelli,
l’Amore è sempre il mio credo e la mia fede.

Ibn ʿArabī, nel Trattato d’amore  dice: «Così, l’oggetto d’amore, in tutti i suoi aspetti, è Dio. L’Essere Vero che conoscendo Sé stesso conosce il suo mondo e manifesta la Sua forma. Pertanto, il mondo si trova ad essere uno specchio di Dio, in cui vede la sua forma. Ed egli non ama che Se stesso.»

 

Così non ci sorprendiamo che “The Mystic’s Dream” sia diventata la canzone principale del film per la Tv “Le nebbie di Avalon“, tratto dal romanzo omonimo scritto da Marion Zimmer Bradley nel 1983: la barca scivola nella nebbia e trasporta Morgana verso il magico regno di Avalon.
So we are not surprised that “The Mystic’s Dream” became the main soundtrack of the TV movie “The Mists of Avalon”, based on the novel of the same name written by Marion Zimmer Bradley in 1983: the boat slips into the fog and carries Morgana to the magical kingdom of Avalon.

Loreena McKennitt in The Mask and Mirror

la versione Live in “Nights from the Alhambra”

“Live in San Francisco from Palace of the Fine Arts” 1995


I
A clouded dream on an earthly night
hangs upon the crescent moon
a voiceless song in an ageless light
sings at the coming dawn
birds in flight are calling there
where the heart moves the stones
it’s there that my heart is longing
all for the love of you
II
A painting hangs on an ivy wall
nestled in the emerald moss
the eyes declare a truce of trust
and then it draws me far away
where deep in the desert twilight
sand melts in pools of the sky
when darkness lays her crimson cloak
your lamps (1) will call me home.
III
And so it’s there my homage’s due
clutched by the still of the night
and now I feel you move
every breath is full
so it’s there my homage’s due
clutched by the still of the night
even the distance feels so near
all for the love of you.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Sogno offuscato nella notte sulla Terra,
appeso a falce di luna crescente,
cantico muto, nella luce eterna,
canta all’alba imminente
i richiami degli uccelli in volo là
dove il cuore sposta le pietre
è là che il mio cuore vuole andare
tutto per amor tuo
II
Ritratto appeso tra l’edera sul muro,
incastonato nel muschio di smeraldo,
occhi dichiarano la tregua sulla fede
e allora mi trascina lontano dove nel profondo crepuscolo del deserto,
sabbia si fonde in cumuli di cielo , mentre tenebra adagia il manto cremisi, le tue lanterne mi porteranno a casa
III
Così è là che il mio omaggio è rivolto
circondato dal silenzio della notte
e ora ti sento passare
ogni respiro è colmo.
Così è là che il mio omaggio è rivolto
circondato dal silenzio della notte
anche la distanza sembra così poca
tutto per amor tuo.

NOTE
1) 20 marzo 1993 – trascorso una splendida serata in un “caffè” nel mezzo del deserto … l’indirizzo era “8 miglia a ovest di Rissani” … due fratelli avevano creato un’oasi esotica con le loro famiglie, palme e campo di grano … sembrava un insediamento di eschimesi in una distesa di neve. Siamo stati lì alla luce del giorno e ci hanno invitato a sentire la loro musica, ma quando siamo tornati la sera, ci siamo persi cercando di trovare le nostre tracce tra le tante sulla sabbia. Abbiamo visto alcune luci davanti a noi; i fratelli erano in cima al loro tetto agitando le lanterne, segnalandoci a casa.
March 20, 1993 – spent a wonderful evening at a “cafe” in the middle of the desert … the address was “8 miles west of Rissani” … two brothers had created an exotic oasis with their families, palm trees and wheat patches … it felt like a settlement of Eskimos in an expanse of snow. We had been there in daylight and they invited us back to hear their music, but when we returned in the evening, we got lost trying to find our tracks among the many in the sand. We saw some lights ahead; the brothers were on top of their roof waving lanterns, signaling us home.

I DERVISCI

Non si odono solo gli strumenti ma la voce stessa dei Sufi, quasi ipnoticamente, ripete la sillaba hu, Lui, Allah, a cui seguono quelle della professione di fede: La illaha illa-llah, “Non c’è Dio all’infuori di Dio”. Così facendo, i Sufi riescono a proiettarsi in una dimensione spirituale e a percepire il suono etereo della Creazione, la voce ineffabile di Dio che l’umanità dimentica quando, nascendo, il corpo materiale imprigiona l’anima. Ma come la canna recisa dalla giuncaia (immagine presa dai poemi di Rumi), l’anima anela continuamente verso il suo Creatore, spinta da una struggente nostalgia. (tratto da qui)

CIELO D’AMORE (Kabir)
Cadono le ombre della sera
lunghe, serrate,
di buio avvolgono il corpo e la mente.
Tu apri la finestra che dà a ponente
perditi nel cielo d’amore.
Bevi il miele stillato dai petali
del loto che hai in cuore.
Lascia che ti penetrino
le onde del mare, le onde
di splendore.
Ascolta,
un suono di conchiglie, di campanelli
si leva dalle acque.
Kabir dice:
«Fratelli,
è Dio in questo vaso,
in questo mio corpo»

LINK
http://www.poetry-chaikhana.com/blog/2011/01/12/muhyiddin-ibn-arabi-my-heart-has-become-able/
https://www.esonet.org/wp-content/uploads/2013/05/125453371-Idries-Shah-I-Sufi.pdf
http://www.mistica.it/index.php/14-percorso/12-1-definizione-di-mistica
http://www.demetra.org/index.php/i-classici-della-letteraratura-antica-sp-476846801/63-letteratura-orientale/304-la-poesia-sufi-e-il-suo-simbolismo
http://arabpress.eu/musica-e-sufismo-il-sema/24952/

Loreena McKennitt: The Bonny Swans

Bonny_Swan_by_SarachmetLa ballata “The two sisters” è originaria dalla Svezia o più in generale  dai paesi scandinavi, ma si è diffusa largamente  anche in alcuni paesi dell’Est e nelle isole britanniche.
The murder ballad “The two sisters” originates from Sweden or more generally from the Scandinavian countries, but has spread widely also in some Eastern countries and in the British Isles.

 

The Swan Swims Bonnie

Partendo dalla versione #10 riportata dal professor Child nella sua raccolta (qui) l’artista canadese Loreena McKennitt compie un collage tenendo come refrain i due intercalari della versione (il primo è “Hi ho and sae   bonnie-O”, il secondo è  “And the swans they swim   sae bonnie-O” ). La musica invece non è un tradizionale, ma è composta  dall’artista stessa.
Starting from the # 10 version reported by Professor Child in his collection (see ) the Canadian artist Loreena McKennitt makes a collage taking as refrain the two interlayers of the version (the first is “Hi ho and sae bonnie-O”, the second is “And the swans they swim sae bonnie-O”). Music, on the other hand, is not a traditional one, but is composed of the artist herself.

Un perfetto mix tra strumenti acustici  cari all’artista quali l’arpa e il violoncello e le sonorità elettroniche, una musica circolare tipica delle ballate più antiche con il crescendo affidato al riff della chitarra elettrica (Brian Hughes ). Un brano eseguito spesso in concerto e che ritroviamo nel cofanetto “Nights From The Alhambra”  registrato nella meraviglia di una notte indimenticabile del Settembre 2006.
A perfect mix of acoustic instruments dear to the artist such as the harp and the cello and the electronic sounds, a circular music typical of the most ancient ballads with the crescendo entrusted to the electric guitar riff (Brian Hughes). A song often performed in her concerts and that we find in the box set “Nights From The Alhambra” recorded in the wonder of an unforgettable night of September 2006.

The Bonny Swans (1994 US 2-track promotional – Live in San Francisco 1995)

THE BONNY SWANS

La varie frasi che raccontano la storia sono prese da  molte altre versioni, qui il padre è indicato come un farmer  che potrebbe essere inteso come un Laird scozzese  anche se poi nel finale diventa un King, le figlie femmine sono  tre ma poi la storia continua solo tra le due (la più grande e la piccola).
Loreena salta la parte iniziale del triangolo amoroso eliminando il corteggiamento ambiguo del giovane pretendente, che si fidanza con la sorella più grande ma è palesemente attratto dalla più giovane, così facendo stringe come dire l’obiettivo, sulla rivalità tra le due sorelle.
The various verses are taken from many other versions, here the father is a farmer that could be understood as a Scottish Laird even if then in the final becomes a King; female daughters are three but then the story continues only between two.
Loreena skips the initial part of the love triangle by eliminating the ambiguous courtship of the young suitor, who gets engaged with the older sister but is clearly attracted to the younger, thus focusing on the rivalry between the two sisters.

Loreena McKennitt in The Mask and Mirror 1994
la versione video-promo rilasciata dalla Quinlan Road (che è purtroppo tagliata nella parte finale)
the video-promo version released by Quinlan Road (which is unfortunately cut at the end)

(Live in Paris and Toronto 1999)

e il live dai giardini dell’Alhambra: ancora violino (Hugh Marsh) e chitarra elettrica che duettano.. con una mini orchestra di validissimi musicisti.
and the live from the gardens of the Alhambra: still violin (Hugh Marsh) and electric guitar that duet .. with a mini orchestra of very good musicians

Troubadours on the Rhine, 2010 formazione in trio con  Brian Hughes (chitarra) e Caroline Lavelle (violoncello)
in trio with Brian Hughes (guitar) and Caroline Lavelle (cello)

Un brano -che incarna il potere di trasmutazione- in tutta evidenza caro all’artista,  legato anche a una parte dolorosa della sua vita, la morte del fidanzato annegato durante una traversata in barca nel lago Huron in prossimità delle nozze.
A song -who embodies the power of transmutation- in all evidence dear to the artist,  also linked to a painful part of her life, the death of the boyfriend drowned during a boat crossing in Lake Huron near their wedding.


A farmer there lived in the north country a hey ho bonny o
And he had daughters one, two, three
The swans swim so bonny
These daughters they walked by the river’s  brim
The eldest pushed the youngest in
“Oh sister, oh sister, pray lend me your hand
And I will give you house and land”
“I’ll give you neither hand nor glove (4)
Unless you give me your own true love (5)”
Sometimes she sank,
sometimes she swam (6)
Until she came to a miller’s dam (7)
The miller’s daughter, dressed in red
She went for some water to make some bread
“Oh father, oh daddy, here swims a swan”
It’s very like a gentle woman
They placed her on the bank to dry
There came a harper passing by
He made harp pins of her fingers fair
He made harp strings of her golden hair
He made a harp of her breast bone
And straight it began to play alone
He brought it to her father’s hall
And there was the court, assembled all
He laid the harp upon a stone
And straight it began to play lone
“And there does sit my father the King
And yonder sits my mother the Queen
And there does sit my brother Hugh
And by him William, sweet and true
And there does sit my false sister, Anne
Who drowned me for the sake of a man”
traduzione in italiano Cattia Salto
Un proprietario terriero (1) che viveva nel Nord, un saluto alla bella
aveva una, due, tre figlie
i cigni nuotano così splendidi (2)
Le figlie camminavano sulla riva del fiume (3)
la più grande vi spinse la più piccola.
“Oh sorella, per favore dammi una mano,
e io ti darò casa e terra.”
“Non ti darò nè mano nè  guanto (4),
a meno che non mi darai il tuo innamorato (5).”
A volte affondava,
a volte nuotava (6),
finchè giunse alla diga di un mulino (7).
La figlia del mugnaio vestita di rosso,
andava a prendere l’acqua per fare il pane (8).
“Papà, papino, c’è qui un cigno che nuota,
somiglia proprio ad una bella signora.”
La misero ad asciugare sull’argine,
passò un suonatore di arpa (9),
che con le sue belle dita fece i piroli
coi capelli biondi  fece le corde dell’arpa,
e con la gabbia toracica fece l’arpa,
e subito iniziò a suonare da sola.
La portò nella dimora paterna
e c’era  tutta la corte radunata  (10),
appoggiò l’arpa ad una pietra
e subito iniziò a suonare da sola.
” E lì siede mio padre il Re
con vicino mia madre, la Regina,
e lì siede mio fratello Hugh,
con vicino William dolce e sincero.
E lì siede Anne,  la mia falsa sorella
che mi gettò in acqua per amore di un uomo.”

NOTE
1) il farmer diventa alla fine della ballata
nientemeno che un King,  mi sembra più corretto elevarlo al rango di possidente  terriero invece di tradurre con agricoltore
2) bonny è un aggettivo di origine scozzese che significa “Beautiful, pretty, fair” generalmente è tradotto come cigni graziosi, ma in italiano usiamo il termine bello molto più frequentemente che negli altri Paesi, se consideriamo il piumaggio candido dei cigni credo che il termine più appropriato sia splendidi cigni
3) brim= orlo, ma se riferito a fiume si traduce come riva, se riferito a strada ciglio
4) la frase assume senso leggendo la fiaba scozzese “The Singing Breastbone” in cui la sorella gettata nel fiume chiede nell’immediatezza di essere trattenuta con la mano e subito dopo di essere aiutata dalla sorella sporgendo un guanto. Incidentalmente il guanto con l’anello era uno dei regali di fidanzamento regalati dal pretendente conteso dalle due sorelle!
the phrase makes sense reading the Scottish fable “The Singing Breastbone” in which the sister thrown into the river asks to be held by her sister’s hand and immediately after to be helped by her sister, by reaching out her glove
5) mancando la parte iniziale del corteggiamento (in cui il pretendente prima dedica le sue attenzioni alla sorella maggiore -un tempo le figlie si sposavano in ordine di età- ma poi s’incapriccia della più giovane) non possiamo sapere del triangolo amoroso, il movente è perciò sempre la gelosia ma inserita in un rapporto di competizione/rivalità tra sorelle.
missing the initial part of the courtship (in which the pretender first dedicates his attentions to the elder sister – long time ago the daughters were married in order of age – but then he falls in love by the youngest one) we can not know about the love triangle, the murder motive is therefore always jealousy but inserted in a relationship of competition / rivalry between sisters
6) la fanciulla portata dalla corrente non muore subito affogata e un po’ nuota come un candido cigno. Il paragone sottolinea la purezza e l’innocenza della fanciulla che si presume non abbia incoraggiato le avance del pretendente. L’immagine della trasmutazione in cigno è l’elemento portante della ballata e richiama tutta la simbologia celtica ad esso connesso. L’eleganza e il portamento l’hanno reso simbolo di amore sincero, innocenza e purezza. Il cigno rappresenta la sintesi fra gli elementi della vita: è legato all’acqua (dove nuota), all’aria (dove vola) e alla terra (dove si posa), ma rappresenta soprattutto il fuoco (del sole) da cui trae il suo potere; era, come tutti gli animali bianchi, sacro alla Dea, considerato un simbolo solare e un tramite degli Dei.
Il cigno diviene perciò un simbolo benefico e sacro, possessore di poteri magici legati alla musica, uniti ai poteri terapeutici del sole e dell’ acqua.
A questo proposito si sa che in Irlanda i Bardi portavano dei mantelli fatti con piume di cigno per la relazione che l’uccello aveva con la musica e il canto.
A livello simbolico il cigno incarna la luce interiore dello spirito umano. Il suo volo è paragonato al ritorno dello spirito verso la propria sorgente e il cigno rappresenta la parte dell’uomo che tende al bene, al meglio di sé, alla perfezione, alla spiritualità.
the girl brought by the current does not die immediately drowned and a little she swims like a white swan. The comparison emphasizes the purity and innocence of the girl who is presumed not to have encouraged the advances of the suitor. The image of swan transmutation is the main element of the ballad and recalls all the Celtic symbology connected to it. The elegance and the posture have made it a symbol of sincere love, innocence and purity. The swan represents the synthesis between the elements of life: it is linked to water (where it swims), to the air (where it flies) and to the earth (where it is laid), but it represents above all the fire (of the sun) from which it draws his power; it was, like all white animals, sacred to the Goddess, considered a solar symbol and a link of the Gods.
The swan therefore becomes a beneficial and sacred symbol, possessor of magical powers linked to music, combined with the therapeutic powers of the sun and water.
In this regard it is known that in Ireland the Bardi wore cloaks made of swan feathers for the relationship that the bird had with music and song.
On a symbolic level the swan embodies the inner light of the human spirit. His flight is likened to the return of the spirit to its source, and the swan represents the part of man who strives for good, for the better of himself, for perfection, for spirituality.
7) il Mulino di Binnoire così come descritto nella fiaba scozzese “The Singing Breastbone”
the Binnoire Mill as described in the Scottish fable “The Singing Breastbone”
8) il vestito rosso della mugnaia è funzionale alla rima  red-bread
9) il menestrello costruisce un’arpa con le ossa della fanciulla e dai lunghi capelli biondi ricava le corde, si tratta ovviamente di un’arpa magica, infatti non appena posata su una pietra si mette a cantare da sola. Qui si fa riferimento alla credenza vichinga secondo la quale l’anima risiede nelle ossa (le ossa dei morti accusano i loro assassini). La sorella assassina che stava per andare in sposa viene smascherata dal fantasma della sorella bionda e sicuramente sarà punita come merita.
the minstrel makes a harp with the bones of the girl and with her long blond hair as its strings, it is obviously a magical harp, in fact, as soon as laid on a stone it starts to sing alone. Here we refer to the Viking belief that the soul resides in the bones (the bones of the dead accuse their murderers). The killer sister who was about to marry is unmasked by her blonde sister’s ghost and will surely be punished as she deserves.
10) hall è un termine usato nelle ballate medievali per indicare un palazzo o un castello, o meglio la casa torre che il capo clan si costruiva sul suo dominio. Non è specificato che si tratta della festa di nozze tra la sorella assassina e William il bel cavaliere che in questa versione è del tutto estraneo alla gelosia tra le due sorelle
hall is a term used in medieval ballads to indicate a palace or a castle, or rather the tower house that the head clan built on its dominion. It is not specified that this is the wedding party between the killer sister and William the handsome knight who in this version is completely unrelated to the jealousy between the two sisters

Bonny Portmore: la grande quercia di Portmore

Read the post in English

Quando fu abbattuta la grande quercia di Portmore nel 1760 qualcuno scrisse una canzone conosciuta con il nome di “The Highlander’s Farewell to Bonny Portmore“; nel 1796 Edward Bunting la raccolse dalla voce di Daniel Black un vecchio arpista di Glenoak (Antrim, Irlanda del Nord) e la pubblicò in “Ancient Music of Ireland” – 1840. La quercia secolare si trovava sulla proprietà del castello di Portmore sulle rive di Lugh Bege e fu abbattuta da un grande vento, l’albero era già famoso per il suo portamento ed era soprannominato “the ornament tree“. La quercia venne tagliata e il legno venduto, dalle misurazioni fatte sappiamo che il tronco era largo 13 metri.

LOUGH PORTMORE

Bonny Portmore
Loch Portmore

Loch un Phoirt Mhóir (lago dal grande approdo) ovvero  Lough Portmore è un laghetto quasi circolare nel Sud-Ovest della contea di Antrim, Irlanda del Nord, oggi riserva naturale per la protezione degli uccelli.
La proprietà anticamente apparteneva al clan O’Neill di Ballinderry, mentre il castello fu costruito nel 1661 o 1664 da Lord Conway (sulle fondamenta di una antica fortezza) tra Lough Beg e Lough Neagh; la tenuta era ricca di alberi centenari e di bellissimi boschi; il conte però cadde in rovina e perse la proprietà quando decise di prosciugare il lago Ber per mettere la terra a seminativo (il sistema di drenaggio detto “Tunny cut” è tutt’ora esistente); l’ambizioso progetto fallì e la terra passò in mano a dei nobili Inglesi.
In altre versioni più semplicemente la dinastia del Conte si estinse e i nuovi proprietari lasciarono la tenuta in stato di abbandono, non essendo intenzionati a risiedere in Irlanda. Quasi tutti gli alberi vennero abbattuti e venduti come legname per la costruzione navale e il castello cadde in rovina.

Il canto potrebbe essere inteso simbolicamente per indicare il declino dei signori gaelici irlandesi, dolore e nostalgia mescolati in un lamento di una bellezza crepuscolare; l’omaggio doveroso va a Loreena McKennitt che ha portato il brano alla ribalta internazionale.
Loreena McKennitt in The Visit 1991
Nights from the Alhambra: una versione live


CHORUS
O bonny Portmore,
you shine where you stand
And the more I think on you the more I think long
If I had you now as I had once before
All the lords in Old England would not purchase Portmore.
I
O bonny Portmore, I am sorry to see
Such a woeful destruction of your ornament tree
For it stood on your shore for many’s the long day
Till the long boats from Antrim came to float it away.
II
All the birds in the forest they bitterly weep
Saying, “Where will we shelter or where will we sleep?”
For the Oak and the Ash, they are all cutten down
And the walls of bonny Portmore are all down to the ground.
traduzione in italiano di Cattia Salto
Coro
O bella Portmore,
la risplendente
e più penso a te,
più ti penso intensamente.

Se tu fossi mia come lo fosti un tempo
nemmeno tutti i Lord nella vecchia Inghilterra potrebbero acquistare Portmore.
I
O bella Portmore, che pena vedere
la tua quercia secolare distrutta malamente
rimanere sulla spiaggia per molto tempo in quel lungo giorno
finché la barcaccia da Antrim venne per trasportarla lontano.
II
Tutti gli uccelli nella foresta amaramente piangono
cantando “Dove ci ripareremo
o dove dormiremo?”
Poichè la Quercia e il Frassino, sono stati tutti abbattuti
e le mura della bella Portmore sono crollate a terra.

Laura Marling live

Laura Creamer

Lucinda Williams in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs and Chanteys ANTI 2006


Dan Gibson & Michael Maxwell in Emerald Forest in versione strumentale con il canto degli uccelli

LO SPIRITO DELL’ALBERO
E qui apro una piccola parentesi ricordando un episodio personale di molto tempo fa in cui ho incontrato un albero secolare: all’epoca vivevo a Firenze e ho avuto l’occasione di girare un po’ per la Toscana, ora non ricordo più la località, ma so che mi trovavo nelle colline del senese ed era estate; qualcuno ci consigliò di andare a vedere un vecchio leccio spiegandoci grosso modo  la strada, arrivati in zona ovviamente ci siamo persi, ma un contadino ci fece la cortesia di accompagnarci nei paraggi; in lontananza sembrava ci stessimo avvicinando ad un boschetto, in realtà si trattava di un solo albero le cui chiome erano così frondose e vaste, i vecchi rami così piegati, che per avvicinarci al tronco ci siamo dovuti chinare. Radici poderose rendevano ondulato il terreno e subito fatti pochi passi ci siamo trovati in un’ombra via via più fitta. Adesso non ricordo se si sentiva freddo o se faceva sempre caldo come pochi attimi prima sotto il sole estivo, ma ricordo ancora dopo tanti anni la sensazione di una presenza, di un respiro profondo e vitale, e il disagio che provavo a disturbare il luogo. Non esagero affatto parlando di timore, e credo che quel sentimento fosse lo stesso provato dall’uomo antico, che sentiva negli alberi centenari la presenza di uno spirito.

FONTI
http://www.angelfire.com/ca/immie/bonny.html
http://www.sentryjournal.com/2010/10/11/the-fate-of-bonny-portmore/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=15567
http://www.rspb.org.uk/reserves/guide/p/portmorelough/about.aspx