Sting: Christmas at sea

The most beautiful adventures are not the ones we are looking for ..
[“Si può remare per tutto il giorno ma è quando si torna al calar della notte, e si guarda la stanza familiare, che trovi l’amore o la morte che ti attende accanto alla stufa; le più belle avventure non sono quelle che andiamo a cercare“.] (R.L.Stevenson)

In his “If On a Winter’s Night” (2009) Sting sings “Christmas at Sea” which text is taken from a poem by Robert Louis Stevenson with the addition of a chorus in Scottish Gaelic belonging to a waulking song from the Hebrides..
The music is by Sting and Mary Macmaster.
[Nel Cd di Sting “If On a Winter’s Night” (2009) tra i vari traditionals e carols natalizi troviamo un brano più particolare il cui testo è ripreso da una poesia di Robert Louis Stevenson con l’aggiunta di un coro in gaelico scozzese che appartiene ad una waulking song delle Isole Ebridi.
La musica è di Sting e di Mary Macmaster.]

Da ascoltare la versione degli italianissimi Practical Solution

STEVENSON’S POEM

Robert Louis Stevenson is a strange character and an anomalous Scottish who preferred (because of the poor health) the seas of the South to those of the North, and left in June 1888 for a trip through the Pacific islands where he spent the last six years of his life. And precisely in December 1888 this poem was published entitled “Christmas at Sea”.
Sting has extrapolated from the poem the central verses.
[Curioso personaggio Robert Louis Stevenson uno scozzese anomalo che preferì (a causa della cagionevole salute) i mari del Sud a quelli del Nord, e partito nel giugno del 1888 per un viaggio tra le isole del Pacifico vi trascorse gli ultimi sei anni della sua vita. E proprio nel dicembre del 1888 fu pubblicato questa poesia del titolo “Christmas at Sea”.  Del poema vengono estrapolate le strofe centrali]


I
All day we fought the tides
between the North Head (1) and the South (2)
All day we hauled the frozen sheets,
to ‘scape the storm’s wet mouth
All day as cold as charity (3),
in bitter pain and dread,
For very life and nature
we tacked from head to head.
II
We gave the South a wider berth,
for there the tide-race roared;
But every tack we made we brought
the North Head close aboard:
We saw the cliffs and houses,
and the breakers running high,
And the coastguard in his garden,
his glass against his eye.
III
The frost was on the village roofs
as white as ocean foam;
The good red fires were burning bright
in every ‘longshore home;
The windows sparkled clear,
and the chimneys volleyed out;
And I vow we sniffed the victuals
as the vessel went about.
IV
The bells upon the church were rung
with a mighty jovial cheer;
For it’s just that I should tell you how
(of all days in the year)
This day of our adversity
was blessed Christmas morn,
And the house above the coastguard’s
was the house where I was born.
V
And well I knew the talk they had,
the talk that was of me,
Of the shadow on the household
and the son that went to sea;
And O the wicked fool I seemed,
in every kind of way,
To be here and hauling frozen ropes
on blessed Christmas Day.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Tutto il giorno lottammo
contro i flutti tra Capo Nord (1) e il Sud (2),
tutto il giorno governammo le vele ghiacciate
per fuggire alla morsa umida della tempesta,
tutto il giorno al freddo senza pietà (3),
con acuta sofferenza e terrore,
per la vita stessa e la natura,
abbiamo virato da capo a capo
II
Ci tenevamo alla larga da Capo Sud,
che là la corrente ruggisce,
e a ogni virata che facevamo ci portavamo sempre più vicini alla Punta Nord:
vedevamo le scogliere e le case,
e i frangenti altissimi
e la guardia costiera nel suo giardino
scrutare con il cannocchiale
III
Il gelo era sui tetti del villaggio,
bianchi come la schiuma dell’oceano;
i fuochi rosso vivo, stavano scoppiettando
in ogni casa lungo la costa;
le finestre sfavillavano
e i comignoli sbuffavano;
giuro che si annusava il profumo delle vivande mentre il vascello procedeva.
IV
Le campane della chiesa stavano suonando potenti allegri saluti
perchè devo dirvi che
(di tutti i giorni dell’anno)
questo giorno della nostra tribolazione
era il mattino del santo Natale
e la casa sopra alla guardia costiera
era la casa dove sono nato
V
E bene conoscevo
i discorsi che si facevano su di me,
dell’ombra sulla famiglia
e del figlio andato per mare
e oh che povero sciocco sembravo,
da ogni punto di vista,
stare qui a alare le cime gelate
nel giorno del benedetto Santo Natale.

NOTE
1) Capo Nord porto di Sydney?
2) South Sea, South Head?
2) as cold as charity
it is an idiomatic phrase said with irony that indicates extreme indifference or coldness,: it is charity made by moral obligation, but without heart.
[è una frase idiomatica che indica un’estrema indifferenza o freddezza, letteralmente freddo come la carità, detto con ironia: è la carità fatta per obbligo morale, ma senza cuore.]

WAULKING SONG: Thograinn thograinn

The chorus of  “Christmas at Sea” is taken from a waulking song in Scottish Gaelic entitled “Òran Mòr Sgoirebreac” (in English “The Great Song of Scorrybreac”), from Hebrides islands: the full version of one of the fragments of the waulking song here
[Il coro di “Christmas at Sea” è preso da una waulking song delle Isole Ebridi in gaelico scozzese dal titolo “Òran Mòr Sgoirebreac” (in inglese “The great song of Scorrybreac”) la versione integrale di uno dei frammenti della waulking song qui]
Even in the ancient song who sings regrets not being at home, the lands of Scorrybreac are the ancestral lands of the MacNeacail clan (Mac Nicol) and Scorrybreac Castle (Portree Bay) on the Isle of Skye was for centuries the castle of MacNicols. (history of the MacNicol’s)
[Anche nell’antica canzone chi canta rimpiange di non essere a casa, le terre di Scorrybreac sono le terre ancestrali del clan MacNeacail (Mac Nicol) e Scorrybreac Castle (Portree Bay) nell’isola di Skye fu per secoli il castello dei MacNicols. (storia del clan MacNicol)]

The subject of the song would appear to be a Nicolson of Scorrybreck, and the occasion of its composition his marriage in the late seventeenth century to a sister of Iain Garbh MacLeod of Raasay.  (from here)
english version here
[Il soggetto della canzone sembrerebbe essere un Nicolson di Scorrybreck, e l’occasione per la composizione, il suo matrimonio alla fine del diciassettesimo secolo con una sorella di Iain Garbh MacLeod di Raasay. (da qui)
versione inglese qui]

Thograinn thograinn
Thograinn thograinn bhith dol dhachaidh
E ho ro e ho ro
Gu Sgoirebreac a chruidh chaisfhinn
E ho hi ri ill iu o
Ill iu o thograinn falbh
Gu Sgoirebreac a’ chruidh chais-fhionn
Ceud soraidh bhuam mar bu dual dhomh


I wish we were going home
E ho ro e ho ro
To Scorrybreac of the white-footed cattle
E ho hi ri ill iu o
To Scorrybreac of the white-footed cattle
The first blessing from me, as is my right
Traduzione italiano di Cattia Salto
Vorrei che fossimo a casa
E ho ro e ho ro
a Scorrybreac del bestiame con le zampe bianche, E ho hi ri ill iu o
a Scorrybreac del bestiame con le zampe bianche, il primo brindisi com’è mio diritto


LINK
https://popularvictorianpoetry.wordpress.com/an-anthology-of-popular-victorian-poetry/r-l-stevensons-christmas-at-sea-in-the-scots-observer-1888/
https://julianstockwin.com/2013/12/23/christmas-at-sea/
http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/oran_mor_sgoirebreac/
https://www.librarything.com/topic/171360
http://www.ondarock.it/recensioni/2015_hiddenorchestra_reorchestrations.htm

http://freepages.genealogy.rootsweb.ancestry.com/~bwickham/nicname.htm

Gabriel’ s message carol

Birjina gaztetto bat zegoen” -Basque Christmas carol
English version: Gabriel’s message
Word: Sabine Baring-Gould
Tune: Angelus ad Virginem

It was in the IV century AD that the Annunciation to Mary, not having a certain date in the Gospels, was fixed by the Catholic Church on March 25 (9 months before Christmas of Jesus), and until the High Middle Ages, this date marked the beginning of the new year (which also started with the spring equinox also in the calendar of Ancient Rome).
[Fu nel IV sec d.C. che l’Annunciazione a Maria, non avendo una data certa nei Vangeli, venne fissata dalla Chiesa cattolica il 25 marzo (9 mesi prima del Natale di Gesù), e fino all’Alto Medioevo, tale data segnò l’inizio dell’anno nuovo (che peraltro iniziava con l’equinozio di primavera anche nel calendario dell’Antica Roma).]

GABRIEL’S MESSAGE CAROL

Birjina gaztetto bat zegoen” is a Basque Christmas song about the Annunciation whose melody follows the medieval carol “Angelus ad Virginem”.
[“Birjina gaztetto bat zegoen” è un canto di Natale basco sull’Annunciazione il cui andamento melodico segue la carol medievale “Angelus ad Virginem“.]

Aquabella: “Birjina gaztetto bat zegoen

I
Birjina gaztetto bat zegoen
Kreazale Jaonaren othoitzen,
Nuiz et’aingürü bat lehiatü
Beitzen zelütik jaitxi
Mintzatzera haren.
II
Aingüria sartzen, diolarik:
«Agur, graziaz zira betherik,
Jaona da zurekin, benedikatü
Zira eta haitatü
Emazten gañetik».
III
Maria ordian dülüratü,
Eta bere beithan gogaratü
Zeren zian uste gabe ebtzüten
Hura agur erraiten.
Hanbat zen lotsatü.
IV
«Etzitela, ez, lotsa, Maria;
Jinkoatan bathü’zü grazia:
Zük düzü sabelian ernatüren,
Eta haor bat sorthüren
Jesüs datiana».
V
Harek, dülüratürik, harzara:
«Bena nula izan daite hola,
Eztüdanaz gizunik ezagützen,
Ez eta ezagütüren
Batere seküla?».
VI
«Ezpiritü saintiak huntia
Izanen düzü hori, Maria».
Zü zirateke, ber ordian, ama
Bai et’ere birjina,
Mündian bakhoitza.
VII
Mariak arrapostü ordian:
«Hao naizü Jinkoren zerbütxian,
Zük errana nitan biz konplitü».
Jaona aragitü
Haren sabelian.
VIII
O Jinkoaren ama saintia,
Bekhatügilen ürgaitzarria,
Zük gitzatzü lagünt, bai Jinkoaren,
Baita berthütiaren
Bihotzez maithatzen.

In the nineteenth century the text was translated into English by Sabine Baring-Gould, which reduced to four its original strophes: it is usually sung by the chorales following the arrangement of Edgar Pettman published in his “Modern Christmas Carols” (1892).  Titled “Gabriel’s message“, “The angel Gabriel from heaven came” or “The Angel Gabriel” we have a lot of versions from the great interpreters of the Celtic and rock scene.
[Nell’Ottocento il testo fu tradotto in inglese  da Sabine Baring-Gould, che ridusse a quattro le strofe originali: è in genere cantato dalle corali seguendo l’arrangiamento di Edgar Pettman pubblicato nel suo “Modern Christmas Carols” (1892). Anche intitolato “The angel Gabriel from heaven came” e “The Angel Gabriel” del carol natalizio non mancano le versioni dei grandi interpreti della scena celtica e rock.]

 Sting in Russians
it is a single taken from the first solo album The Dream of the Blue Turtles, released in June 1985; the video is shot in the darkness and with only one light from above; Sting stands out like a black shadow against a leaden background surrounded by a circle of angels children (dressed in pure Victorian style) barefoot in the snow .
[è un singolo tratto dal primo album solista The Dream of the Blue Turtles, pubblicato nel giugno del 1985il video è girato nell’oscurità e con un solo faro di luce puntato dall’alto, contro uno sfondo plumbeo rispetto al quale Sting si staglia come un’ombra nera, un girotondo di angeli bambini (abbigliati in puro stile vittoriano) a piedi nudi nella neve lo circondano.]

A few little black angel praying with clasped hands and the face of Sting illuminated on the last notes. Disturbing is the electronic loop that recall the sound of a helicopter’s blades; in my opinion the video is against the politics of the cold war to compare with “Russians love their children too” (a more than prophetic song since the Malta summit was held in 1989). With the debut of his solo career (The Dream of the Blue Turtles) Sting also fielded his social commitment (Amnesty International, Greenpeace, Live Aid)
[Qualche angioletto nero che prega a mani giunte e il volto di Sting illuminato sulle ultime note. Inquietante il loop elettronico che sembra voler richiamare il suono delle pale di un elicottero; a mio avviso il video si spiega inquadrando il brano come lato B di Russian un canto  contro la politica della guerra fredda “Russians love their children too” (una canzone più che profetica visto che nel 1989 si tenne il summit di Malta). Con l’esordio della sua carriera da solista (The Dream Of The Blue Turtles) Sting mette in campo anche il suo impegno sociale (Amnesty International, Greenpeace, Live Aid tanto per citarne )]

Sting in If On a Winter’s Night 2009: almost jazz the Celtic harp of the Scottish Mary Macmaster [quasi jazz l’arpa celtica della scozzese Mary Macmaster]

Moya Brennan’s interpretation in An Irish Christmas 2006 is more nocturnal: it seems to relive the scenes of Franco Zeffirelli’s screenplay, Jesus of Nazareth (1977), with Maria who sleeps and is awakened by the wind that opens the window. The angel is only light and the scare of Mary is slowly followed by curiosity. The intonation of Moya underlines the mystery of the event, its supernatural character, underlined by the beat of the drum and the pinches of the strings and the harp. The acceptance of Mary “Let the Lord take place within me” is also the descent of the Holy Spirit, the feminine principle of God, of fruitfulness and abundance, and Mary gathers the light that enters from the open window.
[Più notturna l’interpretazione di Moya Brennan in An Irish Christmas 2006: sembra di rivivere le scene dello sceneggiato di Franco Zeffirelli Gesù di Nazareth (1977) con Maria che dorme e viene svegliata dal vento che spalanca la finestra. L’angelo è solo luce e lo spavento di Maria è lentamente seguito dalla curiosità. L’intonazione di Moya sottolinea il mistero dell’evento, il suo carattere soprannaturale tutto com’è puntato dal battito del tamburo e dai pizzichi degli archi e dell’arpa. L’accettazione di Maria “Avvenga dentro di me ciò che vuole il Signore” è anche discesa dello Spirito Santo, il principio femminile di dio della fecondità e dell’abbondanza, e Maria raccoglie la luce che entra dalla finestra spalancata.]

Moya Brennan in An Irish Christmas, 2006.

Marillions 1999 and in Christmas in the Chapel (2003)

Good Shepherd Band


I
The angel Gabriel from heaven came,
His wings as drifted snow,
his eyes as flame;
‘all hail’, said he, “thou
lowly maiden Mary,
Most highly favour’d lady, Gloria!
II
‘For known a blessed mother thou shalt be,
All generations laud
and honour thee,
Thy son shall be Emmanuel (1),
by seers foretold,
Most highly favour’d lady, Gloria!”
III
Then gentle Mary meekly bowed her heard,
“‘To me be as it pleaseth god (2)'” she said, “my soul shall laud and magnify (3) his holy name,
Most highly favour’d lady, Gloria!”
IV
Of her, Emmanuel the christ, was born,
In Bethlehem, all on a christmas morn,
And christian folk throughout the world will ever say (4):
“Most highly favour’d lady Gloria!”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
L’angelo Gabriele dal cielo giunse
le ali come un mucchio di neve,
gli occhi di fiamma
“Salve” disse “a te,
Maria, umile fanciulla,
Dama favorita dal cielo, Gloria!
II
Perchè è risaputo che sarai
una madre benedetta,
tutte le generazioni ti loderanno
e ti onoreranno,
tuo figlio sarà Emmanuele,
come predetto dai profeti
Dama favorita dal cielo, Gloria!”
III
Allora la dolce Maria docilmente chinò il capo
“Che sia fatta la volontà di Dio” disse
“l’anima mia loderà ed esalterà il suo Santo Nome
Dama favorita dal cielo, Gloria!”
IV
Da lei Emmanuele, il Cristo era nato
a Betlemme, la mattina di Natale
e i cristiani di tutta la terra
diranno  per sempre:
“Dama favorita dal cielo, Gloria!”

NOTE
1) Isaiah calls Palestine the Land of Emmanuel (which in Hebrew means God is with us) [Isaia chiama la Palestina Terra di Emmanuele (che in ebraico significa Dio è con noi)]
2) The Annunciation is based on the assumption that Mary was free to choose whether to consent or not to the divine will in spite of all the Prophecies. [L’Annunciazione si basa sul presupposto che Maria fosse libera di scegliere se acconsentire o meno al divino volere nonostante tutte le Profezie.]
3) from The Magnificat: My soul doth magnify the Lord.And my spirit hath rejoiced in God my Saviour.
[versi presi dal Magnificat: L’anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,]
4) or : And everyone throughout the world forever saved

"The Annunciation," Henry Ossawa Tanner, 1898
“The Annunciation,” Henry Ossawa Tanner, 1898

La dissoluzione della figura angelica ..raggiunge il culmine nell’Annunciazione del 1898 di Henry Ossawa Tanner, artista afro-americano. Il quadro si può ammirare al Museum of Art di Filadelfia. L’angelo non è che un ectoplasma luminoso, in contrasto col realismo del resto della scena, anch’essa ambientata in un povero interno orientale (ma potremmo ben trovarci in qualche luogo dell’America Latina). In quest’opera di Tanner, annunciazione e denuncia sembrano conciliarsi in una maniera tale, che non spiacerebbe a un “teologo della liberazione” quale Gustavo Gutiérrez o a un pedagogista come Paulo Freire.
In effetti, vi si può avvertire un interesse critico sociale, che è raro riscontrare in altre Annunciazioni: salvo forse che in un’opera del Tintoretto, nella Scuola di San Rocco a Venezia, per altri versi ammirata da John Ruskin. Unici oggetti sono vasellame e tessuti. Quasi come in una cella, né porte né finestre sono visibili. Così come nella raffigurazione di Tissot, la chiusura dell’ambiente inquadrato è totale. La luce tende a essere artificiale o, meglio, interiore. Seduta sul suo giaciglio, una giovanissima Maria è tornata a guardare verso l’apparizione, con atteggiamento perplesso più che interdetto. Solo le mani, congiunte e strette in grembo, ne tradiscono l’emozione. (Pino Blasone tratto da vedi)

APPROFONDIMENTO
http://annunciazione.wordpress.com/2008/12/13/avvenga-dentro-di-me/
http://www.oocities.org/soho/square/1364/annunciazioni.htm

LINK
https://www.jubilate.co.uk/songs/the_angel_gabriel_from_heaven_came
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/gabriels_message.htm