A chomaraigh aoibhinn ó (Sweet Comeragh)

The song “A chomaraigh aoibhinn ó” written in Irish Gaelic by Maurus Ó Faoláin (1853-1931) a Cistercian priest born in Kilrossanty, Co Waterford, expresses love for the Sweet Comeragh the land of the Decies, the homeland to which the emigrant returns for his homesick.
Il canto scritto in gaelico irlandese da Maurus Ó Faoláin (1853-1931), frate cistercense nato a Kilrossanty contea di Waterford esprime l’amore per lo Sweet Comeragh la terra dei Decies, la terra natia alla quale l’emigrato fa ritorno per la troppa nostalgia. 

Up The Déise!

County Waterford, Ireland, is known locally as “An Déise” in Gaeilge. Sometime between the 4th and 8th centuries AD, a tribe of native Gaelic people called the Déisi were driven from the southern parts of the country, conquering and settling here. The Déise region is a beautiful region with two mountain ranges, beautiful rivers and lakes and over 30 beaches along its unique volcanic coast line. It is one of the few regions in Ireland with a Gaeltacht, an area with native Irish speaking people. The Déise has a rich history from megalithic tombs and Ogham stones. (from here)
La contea di Waterford, in Irlanda, è conosciuta localmente come “An Déise” in gaelico. A un certo punto tra il IV e l’VIII secolo d.C., una tribù di nativi celti i Déisi furono cacciati dalle parti meridionali del paese, e si stabilirono qui sui territori conquistati. La regione di Déise è una bellissima regione con due catene montuose, bellissimi fiumi e laghi e oltre 30 spiagge lungo la sua unica linea costiera di origine vulcanica. È una delle poche regioni in Irlanda con un Gaeltacht, un’area con nativi di lingua irlandese. Il Déise ha una ricca storia di tombe megalitiche e pietre Ogham.

Three versions always with the same singer, Karan Casey originally from County Waterford, who learned this song from Ann Mulqueen
Tre versioni sempre con la stessa cantante, Karan Casey originaria della contea di Waterford,  che imparò il canto da Ann Mulqueen

Solas in The Words That Remain, 1998

Karan Casey & Paul Halley · Paul Winter & Friends in Celtic Solstice 1999

Karan Casey live for Highland Sessions

Fiona Kelleher & Mel Mercier & Kate Ellis in My Love Lies 2008

I
Mo bheannacht óm’ chroí Dod’ thir ‘s dod’ shléibhte
A chomaraigh aoibhinn ó Is dod’ mhuintir shuairc
Ar dual dóibh féile A chomaraigh aoibhinn ó
Do shrutháin gheala ‘S do choillte craobhach
Do ghleannta meala ‘S do bhánta léire
Ó grá mo chroí Iad siúd le chéile
A chomaraigh aoibhinn ó
II
Is dathúil breá Do chruacha scéimchruth
A chomaraigh aoibhinn ó Nuair a lasaid suas
Le hamharc gréine A chomaraigh aoibhinn ó
Na faillte ‘s leacain Ar gach taobh diot
Mar bhrata sróil Le seolta gleásta
Nuair a scaipeann an drúcht Anuas ón spéir ort
A chomaraigh aoibhinn ó
III
Do bhíos thar sáile Seal i gcéin uait
A chomaraigh aoibhinn ó I ndúthaigh fáin
Ag déanamh saoithair A chomaraigh aoibhinn ó
Ach b’obair tháir liom Cnuasach gréithre
I bhfad óm’ ait Fé scáil do shléibhte
Is chas mé arís ort A phlúr na nDéise
A chomaraigh aoibhinn ó

I
My heartfelt blessings
On your valleys and mountains
Sweet Comeragh
And on your cheeful people
So naturally kind
Sweet Comeragh
On your shining streams
And your leafy woodlands
Your honeyed slopes
And your gleaming meadows
My heart fills with love
For all of them surely
Sweet Comeragh
II
Your rugged peaks
Are a handsome sight
Sweet Comeragh
As the rising sun
Sets them aflame
Sweet Comeragh
Cliffs and steep slopes
In every direction
Like a satin weave
From a magic loom
As the dew falls
From the heavens high
Sweet Comeragh
III
I was a while away (1)
From your beauty
Sweet Comeragh
Slaving so hard
In a foreign land
Sweet Comeragh
Base work it was
Just making a living
Far from my home
‘Neath the shade of your mountains
So I came back to you
The flower of the Déise (2)
Sweet Comeragh
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Le mie benedizioni sincere
alle tue valli e montagne
Dolce Comeragh
e alla tua gente allegra
tanto gentile di natura
Dolce Comeragh
ai tuoi chiari ruscelli
e i tuoi boschi frondosi
e i dolci pendii
e i tuoi prati scintillanti.
Il mio cuore si riempie d’amore
vero per tutto quanto
Dolce Comeragh
II
Le tue vette accidentate
sono una bella vista
Dolce Comeragh
quando il sole nascente
le infiamma
Dolce Comeragh
Scogliere e pendii ripidi
in ogni direzione
come una trama di raso
da un telaio magico
mentre la rugiada cade
dall’alto dei cieli
Dolce Comeragh
III
Mi è mancata
la tua bellezza
Dolce Comeragh
a sgobbare duramente
in una terra straniera
Dolce Comeragh
Il lavoro principale era
guadagnarsi da vivere
lontano da casa mia
all’ombra delle tue montagne
Quindi sono tornato da te
fiore della Dessia
Dolce Comeragh
NOTE
1) letteralmente “Sono stato via per un po’”
2) flower of na Déise  = The Decies, The county is based on the historic Gaelic territory of the Déise, anglicised ‘Decies’ or ‘Dessia’. There is an Irish-speaking area, Gaeltacht na nDéise, in the south-west of the county. The Celtic tribe of the Decies or An Déise, established in present-day Waterford County, converted to Christianity as early as the mid-fourth century.
[La contea è basata sullo storico territorio gaelico della Déise, anglicizzata “Decies” o “Dessia”. C’è un’area di lingua irlandese, Gaeltacht na nDise, nel sud-ovest della contea. La tribù celtica dei Decies o An Déise, stanziati nell’attuale contea di Waterford si sono convertiti al Cristianesimo già nella metà del IV secolo]

LINK
https://www.aletterfromireland.com/up-the-deise/
https://www.bellsirishlyrics.com/a-chomaraigh-aoibhinn-o.html
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=34502
https://thesession.org/tunes/15714
http://www.waterfordmuseum.ie/exhibit/web/Display/article/312/2/Early_Waterford_History_The_Decies_.html
https://outsider.ie/ireland/hiking-comeragh-mountains/

Love is pleasing

“Love is pleasing” ma anche “Love is teasing” è una canzone tradizionale diffusa nelle isole britanniche e nel nord-america che era di moda nei folk club degli anni 60-70. Gli studiosi ritengono che i versi siano parte di una serie di “frasi fatte” provenienti dal grande calderone delle ballate tradizionali, così svincolati da una narrazione esprimono comunque un sentimento, quello dell’amore tradito (o dell’amore incostante).
The words of “Love is Teasing” resemble those found in three similar songs, “O Waly, Waly,” “The Water is Wide,” and “Down in the Meadows” and all of these can be traced back to the ballad “Jamie Douglas” (Child 204). In “Jamie Douglas,” a bride has been falsely accused of infidelity and is sent back to her father with an aching heart. All of the shorter songs have whittled away the narrative over time leaving nothing but an emotional core. Various versions journeyed back and forth between Ireland, Britain, and North America, and singers often augment whatever verses they have learned with others from a common stock of associated “floating” verses. (tratto da qui)

VERSIONE AMERICANA

ASCOLTA Jean Ritchie imparò la canzone nel 1946 da Peggy Staunton,  irlandese emigrata a New York

ASCOLTA Rhiannon Giddens in Tomorrow Is My Turn, 2015 che così scrive nelle note “I first heard Peggy Seeger sing this and immediately fell in love with it – as I found earlier recordings I got caught by Jean Ritchie’s version, with her idiosyncratic and hypnotic dulcimer playing. This is the ancient warning from woman to woman about the perfidies of man.


I
Love is teasing, love is pleasing
And love’s a pleasure when first it is new
But as love grows older it still grows colder
And fades away like the morning dew
II
Come all you fair maids, now take a warning
Don’t ever heed what a young man say
He’s like a star on some foggy morning When you think he’s near he is far away
III
I left my father, I left my mother
I left my brothers and sisters too
I left my home and kind relations
I left them all just to follow you.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
L’amore è un tormento, l’amore è un piacere e l’amore è piacevole quando è appena nuovo,
ma man mano che cresce l’amore si raffredda
e svanisce come rugiada all’alba
II
Venite tutte qui ragazze, e prendete il mio avvertimento: non date mai retta a quello che un giovanotto dice,  lui è come la stella in un mattino nebbioso, quando lo credete vicino, si è allontanato
III
Lasciai mio padre, lasciai mia madre
lasciai le mie sorelle e anche i miei fratelli
lasciai tutti gli amici e la mia fede
li lasciai tutti per seguirti

VERSIONE EMIGRATION SONG

Pur nella standardizzazione del genere il canto si suddivide in due filoni, nel primo una donna (ma anche un uomo) con il cuore a pezzi, rimasta senza punto di riferimento, sceglie di emigrare per l’America.
ASCOLTA The Dubliners

ASCOLTA Marianne Faithfull & Chieftains live


I
I wish, I wish, I wish in vain
I wish I was a youth again
But a youth again I can never be
Till apples grow
on an ivy tree
II
I left me father, I left me mother
I left all my sisters
and brothers too
I left all my friends and me own religion
I left them all for to follow you
III
But the sweetest apple is the soonest rotten
And the hottest love is the soonest cold
And what can’t be cured love
has to be endured love (1)
And now I am bound for America
IV
Oh love is pleasin’ and love is teasin’
And love is a pleasure when first it’s new
But as it grows older sure the love grows colder
And it fades away like the morning dew
V
And love and porter makes a young man older
And love and whiskey makes him old and grey
And what can’t be cured love has to be endured love
And now I am bound for America
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Vorrei, vorrei, vorrei ma non posso
vorrei essere di nuovo giovane
ma non potrò mai essere di nuovo giovane finchè le mele cresceranno sull’edera
II
Lasciai mio padre, lasciai mia madre
lasciai le mie sorelle e anche i miei fratelli
lasciai tutti gli amici e la mia fede
li lasciai tutti per seguirti
III
Ma la mela più dolce è quella che per prima marcisce e l’amore più appassionato è il primo che si raffredda, e quello ciò che non può guarire dall’amore, deve essere rafforzato dall’amore e ora sono in partenza per l’America
IV
L’amore è un piacere e l’amore è un tormento e l’amore è piacevole quando è appena nuovo
ma man mano che cresce l’amore si raffredda
e svanisce come rugiada all’alba
V
Amore e birra fanno di un giovane un uomo
e amore e whiskey lo fanno invecchiare e incanutire
e quello ciò che non può guarire dall’amore, deve essere rafforzato dall’amore e ora sono in partena per l’America

NOTA
1) letteralmente: e quello che non può essere amore curato deve essere amore sopportato
VERSIONE DRINKING SONG
La seconda verisone è un lamento più tipicamente femminile.
ASCOLTA Karan Casey live


I
I never thought my love would leave me
Until that morning when he stepped in
Well, he sat down and I sat beside him
And then our troubles, they did begin
II
Oh love is teasing and love is pleasing
And love is a pleasure when first it’s new
But love grows older and love grows colder
And it fades away like the morning dew
III
There is an alehous in yon town
And it’s there my love goes and he sits down
He takes a strange girl (1) upon his knee
And he tells to her what he once told to me
IV
I wish my father had never whistled(2)
And I wish my mother had never sung
I wish the cradle had never rocked me
And I wish my life, it had not begun
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Non avrei mai creduto che il mio amore mi avrebbe lasciata
fino a quel mattino quando entrò
beh si sedette e io mi misi accanto a lui
e allora i nostri guai iniziarono.
II
L’amore è un piacere e l’amore è un tormento e l’amore è piacevole quando è appena nuovo,
ma man mano che cresce l’amore si raffredda
e svanisce come rugiada all’alba
III
C’è una birreria in quella città
ed è dove il mio amore va a sedersi,
si prende una puttana sulle ginocchia
e le dice ciò che un tempo diceva a me
IV
Vorrei che mio padre non avesse mai suonato il flauto
e che mia mamma non avesse mai cantato
vorrei che la culla non mi avesse mai cullato
e che la mia vita non fosse mai cominciata

NOTE
1) stange girl non è solo una ragazza strana ma un eufemismo per prostituta
2) i genitori hanno fatto sesso

FONTI
https://peggyseeger.bandcamp.com/track/love-is-teasing
https://mudcat.org//thread.cfm?threadid=9734
http://mysongbook.de/msb/songs/l/loveteas.html
https://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/loveisteasing.html
http://www.celticlyricscorner.net/casey/love.htm

Bay of Biscay -Willie O

“Willie the Waterboy” (Willie-O) but also “The bay of Biscay” is considered an Irish variant of the ballad “Sweet William and Lady Margaret” (Child Ballad # 77) particularly widespread in Northern Ireland (Donegal)
Little else is there to say being a version handed down mostly orally
“Willie the Waterboy” (Willie-O) ma anche “The bay of Biscay” è considerata una variante irlandese della ballata “Sweet William and Lady Margaret” (Child Ballad # 77) diffusa in particolare nell’Irlanda del Nord (Donegal)
Poco altro c’è da dire essendo una versione tramandata per lo più oralmente 

Sean Cannon

Tim Hart $ Maddy Prior in Folk Songs of Old England Vol 2. , 1969
The album’s sleeve notes commented: An Irish song of the night visiting variety collected by Geoff Woods from James McKinley of Tra-Narossen, Donegal. Like so many of these songs the drowned sailor, after a seven year absence, appears to his girlfriend in the middle of the night; presumably an extension of the belief that unless a body received Christian burial the soul could not rest in peace.

Karan Casey & John Doyle in Exiles Return 2010


I
My William sails
on board the Tender
And where he is I do not know
For seven long years
I’ve been constantly waiting
Since he crossed
the bay of Biscay-O (1).
II
One night as Mary
lay a sleeping
A knock came
to her bedroom door
Crying “Arise, arise,
oh my dearest Mary,
For to earn one glance
of your William-O.”
III
Young Mary rose,
put on her clothing
And to the bedroom door did go
And there she saw
her William standing
His two pale cheeks
as white as snow.
IV
“Oh William dear,
where are those blushes?
Those blushes I knew
long years ago.”
“Oh Mary dear,
the cold clay has them.
I am only the ghost
of your William-O.”
V
“Oh Mary dear,
the dawn is breaking,
Don’t you think
it’s time for me to go?
I’m leaving you quite broken-hearted
For to cross the Bay of Biscay-O.”
VI
“Had I the gold and all the silver,
And all the money in Mexico,
I would grant it all to the king of Erin
Just to bring me back my William-O.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Il mio William salpò
a bordo del Tender
e dove sia non lo so
per sette lunghi anni
l’ho atteso continuamente
da quando attraversò
la baia di Biscaglia -oh 
II
Una notte che Mary
giaceva addormentata,
venne a bussare
alla porta della camera dicendo
“Svegliati, svegliati,
mia carissima Mary,
per dare un’occhiata
al tuo William- oh”
III
La giovane Mary si alzò,
si mise le vesti
e alla porta della camera andò
e là vide il suo
William in piedi
con le guance pallide
bianche come la neve
IV
“Oh caro William,
dove sono le tue guance rosa?
Quelle guance che conoscevo
tanti anni fa?”
“Oh cara Mary,
la fredda terra le ha prese,
sono solo il fantasma
del tuo William – oh”
V
“Oh cara Mary,
l’alba si avvicina
non credi che
sia ora per me di andare?
Ti lascerò a malincuore
per attraversare la Baia di Biscaglia”
VI
“Ho oro e argento
e tutto l’oro del Messico
lo darei per intero al Re d’Irlanda 
solo per avere indietro il mio William”

NOTE
1) il luogo in cui si presume sia affogato il bel William

https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/bayofbiscay.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=13440

Earl Richard/ Young Hunting

Child Ballad #68
TITLES: Young Hunting, Henry Lee, Love Henry, Earl Richard, The Proud Girl.

A medieval murder ballad on the classic love triangle: the false lover, stabbed by his jealous lady, is throwed in a river/ well. In the final, the figure of a bird appears as the witness.
We find traces about the original scottish ballad dating back to the 1700s, a murder ballad that has spread orally in the British Isles and America. The ballad takes up the “predator theme” already seen in Lady Isobel and the Elfin Knight but this woman kills not to defend herself, but out of jealousy (the classic crime of passion).
Una murder ballad medievale sul classico triangolo amoroso, non ha come vittima la donna, ma il falso innamorato, pugnalato dall’amante gelosa, che nasconde il corpo gettandolo in un fiume/pozzo. Nel finale compare anche la figura di un uccellino nel ruolo di testimone.
Della ballata originaria della Scozia si trovano tracce scritte risalenti al 1700, una murder ballad che si è diffusa oralmente nelle isole britanniche e in America. La ballata riprende il “tema del predatore” visto già in Lady Isobel and the Elfin Knight e questa donna uccide non per difendersi, ma per gelosia (il classico delitto passionale).

ARCHIVE
Earl Richard/ Young Hunting
Love Henry, Henry Lee (american version)

YOUNG HUNTING

The English / Scottish versions are more detailed and retain more fabulous aspects than the American lessons. This most extensive version is transmitted orally (very similar to the Child version # 68A) whose young knight called Young Hunting as if it were a proper name, goes to his lover’s castle to tell her that he is about to meet / marry with another lady, but instead of leaving the lady immediately, he indulges in a last sexual encounter and the lady blinded by jealousy stabs him to death. Helped by her maid she throws the corpse into the river, but a little bird sees them. When the father of the young knight asks for news of his son, the lady first denies having met him and then very naively says to have seen him ride towards the Clyde river. The men of the king who go to sift the banks of the river are instructed by with the prodigious bird, on how to proceed to find the corpse.
To recognize the culprit they proceed with the ordeal of the fire and while on the flesh of the servant Katherine the fire does not take upon, the lady immediately burns in the flames.
Le versioni inglesi/scozzesi sono più dettagliate e conservano degli aspetti più favolistici rispetto alle lezioni americane. La versione più estesa la troviamo trasmessa oralmente (molto simile alla versione Child #68A)  il cui il giovane cavaliere chiamato Young Hunting come se si trattasse di un nome proprio si reca al castello della sua amante per comunicarle di essere in procinto di incontrare/sposarsi con un altra dama, ma invece di andarsene subito, si abbandona a un ultimo incontro sessuale e la dama accecata dalla gelosia lo pugnala a morte. Aiutata dalla serva getta il cadavere nel fiume, ma un uccellino le vede. Quando il padre del giovane cavaliere chiede notizie del figlio, la dama prima nega di averlo incontrato e poi molto ingenuamente dice di averlo visto cavalcare verso il fiume Clyde. Gli uomini del re che vanno a setacciare le rive del fiume vengono istruiti su come procedere per trovare il cadavere dall’uccellino prodigioso.
Per riconoscere il colpevole si procede con l’ordalia del fuoco e mentre sulle carni della serva Caterina il fuoco non attecchisce, la dama subito arde tra le fiamme.

Brian Peters 2001


I
Young Hunting’s to the castle gone
As fast as he could ride
He’s a hunting horn (1) about his waist,
A broadsword by his side
A broadsword by his side
II
And when he came to the castle gate,
He’s pulled all at the pin (2)
No one so ready as the lady herself (3)
To rise and let him in
Arise and let him in
III
“You’re welcome here, my young Hunting,
For coal (4) and candlelight ;
And so welcome are you, young Hunting,
To lie with me this night
To lie with me this night.”
IV
“I thank you for your light, lady,
So do I for your coal,
But there’s a fairer woman than ten of thee
Meets me at Brandy’s Well (5)
Meets me at Brandy’s Well.”
V
He bent down o’er his saddlebow
To kiss her ruby cheek
But she took out a little penknife
And wounded him full deep
And wounded him full deep
VI
And she has gone to her maid, Katherine,
So long before the day
“I have a dead man in my bower;
I wish he was away (6)
I wish he was away.”
VII
They booted him and spurred him,
As he was wont to ride,
They have taken him to the wide water
They call the River Clyde (7)
They call the River Clyde
VIII
One has taken him by his feet,
The other one by his head,
And in the deepest part of Clyde Water
It’s there they’ve made his bed
It’s there they’ve made his bed
IX
“Lie there, lie there, you young Hunting,
‘Til the blood seep from your bone (8)
And that fairer woman than ten of me
Will wait long ere you come home (9)
Wait long ere you come home.”
X
Then up and spoke a bonny little bird (10)
That stood up in the tree,
“Go home, go home, you false lady (11)
And pay your maid a fee
And pay your maid a fee.”
XI
“Come down, come down, you bonny little bird,
Come down into my hand,
Your cage I will make of the fine beaten gold
Where now it’s the willow wand
Where now it’s the willow wand.”
XII
“Keep your cage of beaten gold,
And I will keep my tree,
For as you did to young Hunting,
You’d do the same to me
You’d do the same to me.”
XIII
And it fell out the very next day
The King was going to ride
And he has sent for young Hunting
To ride all at his side
To ride all at his side
XIV
The lady swore by the grass so green,
So did she by the corn,
“I saw not your son, young Hunting,
Since yesterday at morn
Since yesterday at morn
XV
“But I saw him ride to Clyde Water;
I fear he’s drowned therein!”
And they have sent for divers bold
To dive for young Hunting
To dive for young Hunting
XVI
Then up and spoke the bonny little bird
That flew above their heads,
“Dive on, dive on, you divers bold,
For there he lies indeed
For there he lies indeed
XVII
“But leave off your diving in the day
And dive all in the night
And where young Hunting he lies slain
The candles will burn full bright
The candles will burn full bright.”
XVIII
So they left off diving in the day
And dived all in the night
And where young Hunting he lay slain,
The candles burned full bright (12)
The candles burned full bright
IX
White, white were his wounds all washed
As white as a linen clout
But when the lady she came near,
The blood come gushing out (13)
The blood come gushing out
XX
“Well, it’s surely been my maid Katherine,
And ill may she betide!
For I’d have never slain my young Hunting,
Nor thrown him in the Clyde
Nor thrown him in the Clyde.”
XXI
So they have taken the maid Katherine
And a bonfire set her in (14)
But the fire wouldn’t take upon her cheek
Nor yet upon her chin
Nor yet upon her chin
XXII
So they’ve taken out the maid Katherine
They’ve thrown the lady in
And the fire took fast on her fair body
She burned like holly green
She burned like holly green
Traduzione italiano Cattia Salto
I
il giovane Cacciatore è andato al castello
a spron battuto
con il corno da caccia a tracolla
e lo spadone al fianco
e lo spadone al fianco
II
E quando arrivò al portone del castello
suonò il campanello
e la dama in persona era pronta
ad alzarsi e farlo entrare
ad alzarsi e farlo entrare
III
“Sei il benvenuto, mio giovane cacciatore
al calduccio e alla luce delle candele
e così accomodati, giovane cacciatore
per giacere con me questa notte
per giacere con me questa notte”
IV
“Vi ringrazio per la luce Madama
e anche per il carbone,
ma c’è una dama dieci volte più bella di voi
che mi aspetta a Brandy’s Well
che mi aspetta a Brandy’s Well”
V
Si chinò dalla sella
per baciarla sulla rossa guancia 
ma lei tirò fuori uno stiletto
e lo colpì a fondo
e lo colpì a fondo
VI
Poi andò dalla sua serva Caterina
molto prima del (farsi) giorno
“Ho un uomo morto nella mia camera 
vorrei che se ne vada
vorrei che se ne vada”
VII
Lo misero in sella e spronarono il cavallo
come era solito cavalcare
lo portarono in un ampio corso d’acqua
che chiamano fiume Clyde
che chiamano fiume Clyde
VIII
Una lo prese per i piedi
l’altra per la testa
e nella parte più profonda del Clyde
fu dove gli fecero il letto
fu dove gli fecero il letto
IX
“Sdraiati qui, giovane cacciatore
finchè ti dissanguerai
e quella dama dieci volte più bella di me
attenderà invano il tuo ritorno
attenderà invano il tuo ritorno”
X
Allora parlò un bel uccellino 
che stava sull’albero
“Torna a casa,  torna a casa falsa Signora 
e paga alle tua serva una dote
e paga alle tua serva una dote”
XI
“Scendi bell’uccellino, scendi mio bell’uccellino
vieni nella mia mano
ti farò una gabbia d’oro zecchino
dove ora è il ramo del salice
dove ora è il ramo del salice”
XII
“Tienti la tua gabbia d’oro zecchino
e io mi terrò il mio albero
perchè ciò che hai fatto al giovane cacciatore
farai lo stesso a me
farai lo stesso a me”
XIII
Accadde che il giorno dopo 
il re andò a cavalcare
e mandò a chiamare il giovane cacciatore
perchè galoppasse al suo fianco
perchè galoppasse al suo fianco
XIV
La dama giurò sull’erba novella
e giurò sul grano
“Non vedo vostro figlio, il giovane cacciatore
da ieri mattina
da ieri mattina”
XV
“Ma l’ho visto cavalcare verso il fiume Clyde
temo che ci sia annegato”
E mandarono degli audaci nuotatori
a immergersi per il giovane cacciatore
a immergersi per il giovane cacciatore
XVI
Allora parlò il bel uccellino 
che svolazzava sulle loro teste
“Immergetevi, audaci nuotatori
perchè si trova proprio qui
perchè si trova proprio qui”
XVII
“Ma lasciate perdere le immersioni diurne
e immergetevi di notte
e dove il giovane cacciatore giace ucciso
le candele bruceranno in pieno splendore
le candele bruceranno in pieno splendore”
XVIII
Così smisero di tuffarsi durante il giorno
e si tuffarono solo di notte
dove il giovane cacciatore giaceva ucciso
le candele bruciavano in pieno splendore
le candele bruciavano in pieno splendore
XIX
Bianche erano le sue ferite lavate
bianche come un lenzuolo di lino
ma quando la dama si avvicinò 
il sangue si mise a sgorgare
il sangue si mise a sgorgare
XX
“Beh è sicuramente stata la mia serva Caterina
e mal gliene colga
perchè mai avrei  ucciso il mio giovane cacciatore/ e nemmeno gettato nel Clyde
e nemmeno gettato nel Clyde”
XXI
Allora presero la serva Caterina
e la gettarono in un falò 
ma il fuoco non attecchiva sulla sua guancia
e nemmeno sul suo mento
e nemmeno sul suo mento
XXII
Così levarono la serva Caterina
e ci gettarono la dama
Il fuoco rapido attecchì sul suo bel corpo
che bruciò come verde agrifoglio
che bruciò come verde agrifoglio

NOTE
1)the hunting context justifies the presence of the horn and yet it is so symbolic and allusive that it cannot be a simple accessory. The horn qualifies the protagonist as a predator (see elfin knight) [ il contesto della caccia giustifica la presenza del corno eppure è così simbolico e allusivo che non può essere un semplice accessorio. Il corno qualifica il protagonista come predatore ( elfin knight]
2) in the old Scottish houses an ingenious device on the outside of a door was used instead of the bronze clapper: a vertical piece of metal with spiral ridges (a twisted “pin”) as a handle with a ring of metal aroung, this ring is moved up and down and produce a shrill and rattling sound. With good reason we consider the ancestor of the bell, the word “tirling” is now obsolete. “Twirl” is a variant (chiefly Scottish) of “tirl” which means to make a rattling sound. 
[nelle vecchie case scozzesi si utilizzava un ingegnoso sistema all’esterno di una porta al posto del batacchio in bronzo: un pezzo di metallo verticale sagomato come una maniglia era lavorato in modo da formare una spirale attorcigliata (a twisted “pin”) con un anello sempre di metallo tutt’intorno , facendo scorrere in su e in giù questo anello si produceva un suono stridulo e di ferraglia. A buona ragione si considera l’antenato del campanello, la parola “tirling” è ormai desueta. “Twirl” è una variante (principalmente scozzese) di “tirl” che significa produrre un suono sferragliante.
3) the lady was waiting for him, evidently it was one of the many night visits of the lovers [la dama lo stava aspettando, evidentemente era una delle tante visite notturne dell’amante]
4) coal is a luxury reserved for the private rooms of the rich [il carbone è un lusso riservato per le stanze private dei ricchi]
5) it could be one of the many ponds near a grove for a clandestine meeting but also the name of a locality [potrebbe essere uno dei tanti laghetti nei pressi di un boschetto per un incontro clandestino ma anche il nome di una località]
6) and here the “shoe pinches” in the sense that it is evident the incongruity of him stabbed at the door and of the body finished in the private room of the Lady. The lady seems fool and so speaks of the man as if he were still alive  [e qui “casca l’asino” nel senso che è evidente l’incongruenza di lui pugnalato al portone e del corpo finito nella camera privata della Lady. I due si sono ovviamente rotolati tra le lenzuola, poi lui si stava rivestendo .. e lei lo pugnala per gelosia lasciandolo disteso sul letto. La dama sembra quasi impazzita e così parla dell’uomo come se fosse ancora vivo]
7) the Clyde river is the most important river in Scotland [il fiume Clyde è il più importante fiume della Scozia]
8) The meaning of the sentence will be revealed in a subsequent verse [ letteralmente “il sangue colerà dalle ossa”: Il significato della frase verrà svelato in una successiva strofa]
9) letteralmente “aspetterà a lungo prima che tu ritorni a casa””
10) in fairy tales the animals of the forest and especially the birds, possess the gift of the word and interact with the characters of the story. Like the “May Colvin” parrot, the young girl promises him a gold cage, in exchange for silence. Our little bird is a witness and will reveal to the father king the hiding place of the corpse of his son.
[nelle fiabe gli animali del bosco e specialmente gli uccelli, possiedono il dono della parola e interagiscono con i personaggi della storia.  Come al pappagallo di “May Colvin“, la giovane gli promette una gabbietta d’oro, in cambio del silenzio. Il nostro uccellino è un testimone e rivelerà al re padre il nascondiglio del cadavere del figlio.]
11)  the bird accuses the lady of being false because she tries to hide the corpse of the knight
[ l’uccellino accusa la dama di essere false perchè cerca di nascondere il cadavere del cavaliere]
12) Sir Walter Scott supposed these candles to mean “the corpse-lights … which are sometimes seen to illuminate the spot where a dead body is concealed.” He had been informed that the body of a man drowned in the Ettrick had been discovered by means of these candles. Though the language in the ballad is not quite explicit, owing perhaps to the fact that the method of detection practised was more familiar formerly than now, the meaning is as likely to be that a candle, floated on the water, would burn brighter when it came to the spot where the body lay. A candle (a consecrated one in Catholic countries) stuck in a loaf of bread, or supported by cork, is still believed to be efficient for indicating the place of a drowned body; in England, Henderson, Notes on the Folk Lore of the Northern Counties, ed. 1879, p. 60 (from here)
 “Sir Walter Scott supponeva che queste candele significassero “le luci del cadavere … che a volte sono viste illuminare il punto in cui un corpo morto è nascosto”. Era stato informato che il corpo di un uomo annegato nell’Etrick fu scoperto grazie a delle candele accese. Sebbene il linguaggio nella ballata non sia del tutto esplicito, forse a causa del fatto che il metodo di rilevazione praticato era più familiare un tempo, potrebbe significare che una candela, fatta galleggiare sull’acqua, brucia più luminosa quando arriva nel punto in cui giace un corpo. Una candela (nei paesi cattolici benedetta) bloccata in una pagnotta di pane, o sostenuta da un tappo di sughero, è ancora ritenuta efficace a indicare il posto di un corpo annegato]
13) it was a medieval belief that the blood of a victim would accuse his murderer, the blood test was among the investigative methods to prove the guilt of a murderer. [era una credenza medievale quella che il sangue di una vittima avrebbe accusato il suo assassino, la prova del sangue era tra i metodi investigativi per provare la colpevolezza di un assassino.]
14) an ordeal of fire! [una ordalia del fuoco!

EARL RICHARD

The text diffused in Scotland is reported in Motherwell (Child # 68, Young Hunting Version F), a version with few official recordings instead of the fortune of the American ones.
At the end of the sixties we find the recordings of Tony Rose, Tim Hart & Maddy Prior and A.L. Lloyd
Il testo diffuso in Scozia è riportato in Motherwell  (Child #68, Young Hunting Version F), una versione con poche registrazioni ufficiali di contro invece alla fortuna delle versioni americane.
A fine anni sessanta troviamo le registrazioni di Tony Rose, Tim Hart & Maddy Prior e A.L. Lloyd

The Easy Club (Rod Paterson) – live

Child #68F
I
Earl Richard is a-hunting gone,
As fast as he could ride
His hunting horn hung round his neck
And broadsword by his side
When he came to my lady’s gate
he tirled at the pin;
And answered yes she had said
To rise and let him in.
II
“Oh light, oh light, Earl Richard,” she said,
“Oh light and stay the night
You shall have cheer with charcoal clear 
And candles burning bright”
“I will not light, I cannot light
I cannot light at all
A fairer lady than ten of you
Is waiting now at Richard’s hall (1).”
III
He stooped down from his milk white steed/
To kiss her rosy cheek
She had a pen knife in her hand
And wounded him so deep
“Oh lie ye there, oh lie ye there
Oh lie ye there till morn
A fairer maid than ten of me
Will think long of your coming home.”
IV
She’s called the servants one by one
She’s called them two by two
“I have a dead man in my bower (2)
I wish he were away.”
Then one’s a-take him by the hands
The other by the feet
They’ve thrown him in the deep draw-well(3)
Full fifty fathom deep
IV
Then up bespake a wee wee bird
That sits upon a tree
“Go home, go home you false lady
And pay your maids a fee.”
“Come down, come down, oh my bonny bird
That sits upon the tree,
I have a cage of beaten gold
That I will give to thee.”
VI
“Go home, go home you false lady
And pay your maids a fee.
as you have done to Earl Richard
So would you do to me.”
“If I had an arrow in my hand
And a bow bent on a string
I’d shoot a dart at thy proud heart
Among the leaves so green.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Il Conte Richard è andato a caccia,
e correva come il vento,
con il corno da caccia appeso al collo
e lo spadone al suo fianco.
Quando arrivò al portone della mia dama
suonò il campanello 
e lei gli rispose di si, 
si alzò e lo fece entrare.
II
“Fai piano, piano, Conte Richard -lei disse-
fai piano e resta la notte,
avrai le coccole con un bel fuocherello
e candele che bruceranno luminose”
“Io non farò piano, non posso fare piano,
non posso fare piano affatto,
una dama dieci volte più bella  di te
è in attesa a palazzo Richard (1)”
III
Si chinò dal suo destriero bianco-latte
per baciarla sulla rosea guancia,
ma lei aveva uno stiletto nella sua mano
e lo e lo colpì a fondo
“Sdraiati qui, , Sdraiati qui,
Sdraiati qui, fino al mattino
una dama dieci volte più bella di me
starà tanto in pensiero per il tuo ritorno”.
IV
Lei chiamò una serva
e ne chiamò due
“Ho un uomo morto nella mia camera (2)
vorrei che lo portaste via!”
Una lo prese per le mani
l’altra per i piedi
e lo gettarono in un pozzo profondo (3), profondo 50 tese.
IV
Allora parlò un uccellino 
che stava sul ramo
“Torna a casa,  torna a casa falsa Signora 
e paga alle tue ancelle una dote”
“Scendi bell’uccellino, scendi mio bell’uccellino
che stai sul ramo,
ho una gabbia d’oro zecchino
che sarà tua”
VI
“Torna a casa,  falsa nobildonna
e paga alle tue ancelle una dote,
quello che hai fatto al Conte Richard
lo vorresti fare a me”
“Se avessi una freccia in mano
e un arco teso
tirerei un dardo al tuo cuore coraggioso
tra le foglie così rigogliose”

NOTE
1) not really the response of a gentleman, but makes evident the motive that triggers the homicidal madness, it is also clear that the count was tired of the lover, maybe he is about to get married with another (or he was already married and the bride was waiting for him in the wedding thalamus); one would say he went to the lady to break off their relationship with a last night of passion
[non proprio la risposta di un gentleman, ma rende evidente il movente che fa scattare la follia omicida, è inoltre chiaro che il conte si era stancato dell’amante, forse è in procinto di sposarsi con un altra (o si era già sposato e la sposina lo attendeva nel talamo nunziale); si direbbe sia andato dalla dama per troncare la loro relazione con un ultima notte di passione]
2) The lady seems almost crazy or at least is dazed and horrified by the murderous gesture, so she speaks to the corpse of the man as if he were still alive, and orders the servants to throw the “garbage” as if he were not the same person
[La dama sembra quasi impazzita o quanto meno è intontita e inorridita dal gesto omicida, così parla al cadavere dell’uomo come se fosse ancora vivo, e ordina alle serve di portare fuori la “spazzatura” come se non si trattasse della stessa persona]
3) why make the corpse disappear in the well? The image is obviously full of psychological and archetypal meanings and above all it is found in other ballads on female assassins (see here)
[perchè far scomparire il cadavere nel pozzo? L’immagine è ovviamente piena di significati psicologici e archetipi e soprattutto si ritrova in altre ballate sulle assassine femmine (vedasi qui)]

THE FALSE LADY

And here’s what comes out of the most current reworking of two talented characters who were already founders of the Solas group
Ed ecco cosa viene fuori nella rielaborazione più attuale di due talentuosi personaggi già fondatori del gruppo Solas
Karan Casey & John Doyle in Exiles Return 201o


I
“Abide, abide, my love,” she said,
“Beg and stay all night,
You’ll have pleasure in my room
With a coal and a candle light, light,
Coal and a candle light.”
II
“I won’t abide, you false lady(1),
And beg and stay all night,
I have gonna far better love to enjoy,
When I go home, than you, you,
I go home, than you.”
III
He stooped over a saddle bow
To kiss her lips so sweet,
With a penknife in her hand,
She wounded him full deep, deep,
wounded him full deep.
IV
“Why woundest me, you false lady,
Why woundest me so sore?
There’s not a doctor in all Scotland
Can heal my mortal wound, wound,
heal my mortal wound.”
V
She awoke her maids all in the morning,
At the break of day,
“There’s a dead man in my bed-chamber,
I wish he was away, away,
wish he was away”
VI
They took him by the lily-white hands,
And others by the feet,
They threw him into a very deep well,
Full fifty fathoms deep, deep,
full fifty fathoms deep.
VII
“Lie there, lie there, you false young man,
Lie there, you lie alone,
And let the one that you love best
Think you won’t becoming home, home,
you won’t becoming home”
VIII
Then up spoke a pretty little bird,
Sitting in a tree:
“An ill death may you die, lady,
He had no love but thee, thee (2),
had no love but thee.”
IX
“Come down, come down, my pretty little bird,
And sit upon my knee,
I’ve gotta golden cage at home
I’m sure to give to thee, thee,
sure to give to thee.”
X
“I won’t come down, you false lady,
And sit upon your knee,
For you have slain your own true love,
I’m sure you would slay me, me,
sure you would slay me.”
XI
“I wish I had my bow to bend,
My arrow and my string,
I’d shoot you through the very heart,
Among the leaves so green, green,
among the leaves so green.”
XII
“Well, if you had your bow to bend,
Your arrow and your string,
I’d take my wings and away I’d fly,
You’d never see me again, again,
never see me again.”
Traduzione italiana da Cattia Salto
I
“Fermati amore mio – disse lei
ti prego di restare tutta la notte. 
Ti divertirai nella mia stanza
con il carbone e la luce delle candele
il carbone e la luce di candela “
II
“Io non mi fermerò, mia dama infedele
anche se mi supplichi  di restare tutta la notte, ho un amore migliore di te con cui divertirmi quando andrò a casa, di te, te
e andrò a casa, di te”
III
Si chinò dalla sella
per baciarle le dolci labbra,
ma lei aveva uno stiletto nella sua mano
e lo colpì a fondo, fondo fondo
e lo colpì a fondo
IV
“Perchè mi hai ferito, dama infedele.
perchè mi hai ferito malamente?
Non c’è dottore in tutta Scozia
che può guarire la mia ferita mortale, mortale, guarire la mia ferita mortale”
V
Svegliò le sue ancelle al mattino
prima del sorgere del giorno
“C’è un uomo morto in camera da letto 
vorrei che lo portaste via, via via
vorrei che lo portaste via!”
VI
Una lo prese per le mani bianco-giglio,
l’altra per i piedi
e lo gettarono in un pozzo profondo,
profondo 50 tese
profondo 50 tese
VII
“Sdraiati qui, giovane infedele
resta qui da solo
e che quella che ami di più
creda che tu non ritornerai a casa, casa
non ritornerai a casa”.
VIII
Allora parlò un uccellino 
che stava sul ramo
“Morirai di mala morte signora
lui non aveva amore che te, te 
non aveva amore che te”
IX
“Scendi bell’uccellino, scendi mio bell’uccellino
e posati sulle mie ginocchia
ho una gabbia d’oro a casa
che ti darò sicuramente
ti darò sicuramente”
X
“Non voglio scendere, dama falsa
per posarmi sulle tue ginocchia,
perche se hai ucciso il tuo vero amore
di certo mi uccideresti
di certo mi uccideresti”
XI
“Se avessi il mio arco armato
con corda e freccia
tirerei un dardo al tuo cuore
tra le foglie così rigogliose
tra le foglie così rigogliose”
XII
“Se tu avessi arco armato
con corda e freccia
volerei via sulle mie ali
e non mi rivedrai più
non mi rivedrai più”

 NOTE
1) the text distorts a little the previous versions, it’is the lady to be a false-heart, perhaps the knight had known about his lover’s infidelity and he has preferred to find himself another lover [ il testo stravolge un po’ le versioni precedenti, è il giovane cavaliere a dare della traditrice alla dama, forse aveva saputo dell’infedeltà dell’amante e aveva preferito trovarsi un’altra amante]
2) the bird ignores that the knight had a lover, or does not consider justifiable the raptus of madness caused by jealousy in a woman, who knows if it would have used the same judgment in the opposite case [ l’uccellino ignora che il cavaliere aveva un’amante, o non ritiene giustificabile il raptus di follia causato dalla gelosia, chissà se avrebbe usato lo stesso giudizio nel caso opposto]

LINK
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_68
http://www.electricscotland.com/history/other/scott/lord_william.htm
https://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/C068.html
https://mainlynorfolk.info/tony.rose/songs/younghunting.html
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=63598

EDWARD BALLAD parte seconda

edward“Edward” è una ballata medievale in cui il protagonista, dopo essersi macchiato di un assassinio, ha intenzione di uccidersi o di scomparire per sempre e quindi lascia la sua confessione e il suo testamento alla madre. (vedi prima parte)

VERSIONE IRLANDESE

Più comunemente con il titolo “Who (what) Put the Blood” la versione irlandese è quella più divulgata nelle registrazioni folk e anche se in molte varianti testuali, conserva tuttavia la stessa melodia.

ASCOLTA John Wesley Harding in “Trad Arr Jones” 1999: “Edward” un tributo a Nic Jones (che registrò la ballata nel suo secondo album omonimo nel 1971) La versione può essere considerata un mix tra Child#13A e Child#13B (su Spotify)

ASCOLTA Karan Casey


I
Where have you been
all along summer’s day?
Son, tell it unto me
A-fishing and a-fowling in the fields and in the forest
Weary mother, let me be
Weary mother, let me be
II
Who put the blood on your right shoulder?
Son, tell it unto me
It’s the blood of a hare that I killed yesterday
I killed most manfully
I killed most manfully
III
The blood of a hare, it would never be so red
Son, tell it unto me
It’s the blood of a boy that I killed yesterday
I killed most manfully
Oh I killed most manfully
IV
What was between yourself and the boy?
Son, tell it unto me
‘Twas mostly the cutting down of a rod
That never would come to a tree
Oh it never would come to a tree
V
What will you do when your daddy finds out?
Son, tell it unto me
I will put my foot on board of a ship and sail away
Sail to a foreign country
Sail to a foreign country
VI
What will you do with your lovely wedded wife?
Son, tell it unto me
She can put her foot on board of a ship and follow me
Follow after me
Follow after me
VII
What will you do with your two fine babes?
Son, tell it unto me
I’ll give one to my father and the other to my mother
To keep them company
Oh to keep them company
VIII
What will you do with your house and your lands?
Son, tell it unto me
I will lay them bare to the birds and the air
There’s no more welcome for me
Oh there’s no more welcome for me
IX
What will you do in the winter of your life?
Son, tell it unto me
Like a sally in the rock, I will bend in the wind
And pray for the gods’ mercy
Oh and pray for the gods’ mercy…
(Tradotto da Cattia Salto)
I
“Dove sei stato
per tutto questo giorno d’estate?
Dimmi figliolo!”
“Ero a pescare e a cacciare nei campi e nei boschi,
mamma noiosa, lasciami in pace
mamma noiosa, lasciami in pace”
II
“Da dove arriva il sangue sulla tua spalla destra?
Dimmi figliolo!”
“E’ il sangue di una lepre che ho ucciso ieri.
L’ho ammazzata senza pietà
L’ho ammazzata senza pietà”
III
“Il sangue di una lepre , non dovrebbe essere così rosso
Dimmi figliolo!”
“E’ il sangue di un ragazzo che ho ucciso ieri
L’ho ammazzata senza pietà
L’ho ammazzata senza pietà”
IV
“E cosa è accaduto tra te
e il ragazzo?
Dimmi figliolo!”
E’ stato a causa del taglio di una radice che non diventerà mai un albero,
che non diventerà mai un albero.
V
“Che cosa farai quando tuo padre lo scoprirà?
Dimmi figliolo!”
“Metterò piede a bordo di una nave e partirò
salperò per una terra straniera,
salperò per una  terra straniera.”
VI
“E cosa farai con la tua amata mogliettina?
Dimmi figliolo!”
“Metterà piede a bordo di una nave e mi seguirà
salperà dietro di me;
salperà dietro di me.”
VII
“Che cosa farai con i tuoi due bei bambini (1)?
Dimmi figliolo!”
“Ne lascio uno a mio padre e l’altro a mia madre
per tener loro compagnia,
per tener loro compagnia.”
VIII
Cosa farai con le tue case e le tue terre?
Dimmi figliolo!”
“Li lascerò agli uccelli del
cielo
perchè non sarò più il benvenuto,
perchè non sarò più il benvenuto.”
IX
“Che cosa farai nell’inverno della tua vita?
Dimmi figliolo!”
” Come una balza nella roccia salterò nel vento
e pregherò per il perdono di Diopregherò per il perdono di Dio”

NOTE
1) in altre versioni sono dei levrieri (two fine greyhounds)

VERSIONE AMERICANA

La storia di Edward che si è diffusa in America è decisamente più soft rispetto alla versione inglese: più spesso è un cognato o il fratello ad essere la vittima e la madre non prenderà mai parte al crimine.
Cecil Sharp ha trovato 10 varianti di Edward negli Appalachi meridionali (per i testi qui) (ASCOLTA Irmadenne Finch qui, Alemda Riddle qui).

Tra le tante versioni si riporta questa dal titolo “Blood on your Shirtsleeve” in cui il protagonista confessa alla madre di aver ucciso la sorella, La ballata diventa un’oscura murder ballad piena di riferimenti arcani.
ASCOLTA James Yorkston (nel video come se fosse una storia di vampiri -dal film “Queen of the Damned”, tratto dalla saga di Ann Rice)


I
How came that blood on your shirtsleeve?
Oh, dear love, tell me.
Oh, it’s the blood of the old grey mare
That ploughed the fields for me, me,
Ploughed the fields for me.
II
How came that blood on your shirtsleeve?
Oh, dear love, tell me.
Oh, it’s the blood of the old grey hound
That chased the fox for me, me, me,
Chased the fox for me.
III
How came that blood on your shirtsleeve?
Oh, dear love, tell me.
Oh, it’s the blood of my sister dear
Who came away with me, me, me,
Came away with me.
IV
And it’s ‘What will you do now, my love?’
Oh, dear love, tell me.
I’ll set my foot on yonder ship
And sail across the sea, sea, sea,
Sail across the sea.
V
And it’s ‘When will you be back, my love?’
Oh, dear love, tell me.
When the moon sits yonder in the sycamore tree
And that will never be, be, be,
That will never be.
(Tradotto da  Cattia Salto)
I
“Da dove viene il sangue sulla manica della tua camicia,
dimmi mio caro, dimmelo?”
“E’ il sangue della vecchia giumenta bianca che arava i campi per me
che arava i campi per me!!”
II
“Da dove viene il sangue sulla manica della tua camicia,
dimmi mio caro, dimmelo?”
“E’ il sangue del vecchio segugio bianco che inseguiva la volpe per me
che inseguiva la volpe per me!”
III
“Da dove viene il sangue sulla manica della tua camicia,
dimmi mio caro, dimmelo?”
“E’ il sangue della mia cara sorella che è venuta via con me
venuta via con me!”
IV
“E che cosa farai adesso
amore mio,
dimmi mio caro?”
“Prenderò quella nave
e attraverserò il mare
attraverserò il mare!
V
“E quando ritornerai,
amore mio,
dimmi mio caro?””
“Quando la luna starà su quel platano (5)
– che non potrà mai accadere
non potrà mai accadere!”(6)

NOTE
5)  sycamore tree è una pianta che a seconda delle località di provenienza indica tre diversi alberi! Il sicomoro è una specie di fico selvatico dal dolce e piccolo frutto, le foglie invece sono simili a quelle del gelso. Originario dell’Africa è coltivato fin dai tempi più antichi in Egitto e Palestina e citato anche nella Bibbia. L’albero è sempreverde e produce una bell’ombra.
hatorIn Egitto il fico sicomoro era considerato un albero cosmico, simbolo dell’immortalità ovvero della vita dopo la morte e albero sacro a Hathor (figlia di Ra e divinità dell’amore e della fecondità, una delle Grandi Madri protostoriche): seppellire un morto in una cassa di sicomoro significava reintrodurre la persona nel grembo della dea madre, facilitando così il viaggio nell’aldilà. Sempre nel “Libro dei Morti” il sicomoro era ritenuto l’albero che stava fuori dalla porta del Cielo, da cui ogni giorno sorge il dio sole Ra (generato da Hathor). Come ha fatto ad arrivare in Europa? Alcuni ipotizzano che sia arrivato attraverso i pellegrinaggi in Terra Santa e che sia stato portato dai Crociati perchè considerato un albero sacro.
Sycamore nell’America settentrionale è invece la pianta che in Italia chiamiamo platano (platanus occidentalis o platano americano) il maestoso albero dei giardini barocchi, delle strade del re (fu importato in europa nel 1636) e incrociato con la varietà mediterranea (platanus orientalis).
Per un inglese delle Isole Britanniche sycamore è un acero montano (stessa famiglia del platano). La caratteristica foglia che assomiglia al palmo della mano è l’albero sacro della Grande Madre cretese (rappresentata con la mano aperta nell’atto di benedire) così il platano arrivato in Grecia è dedicato ad una ninfa lunare. Il platano come il serpente cambiano pelle ovvero la corteccia e quindi sono un simbolo di rigenerazione. Successivamente l’albero venne dedicato ad Apollo
6) la frase è da leggersi in senso letterale ossia la luna non potrà mai stare appesa ad un albero. Evidentemente il narratore non conosceva la fiaba dei fratelli Grimm sulla Luna:  un tempo la notte sulla terra era sempre buia perchè non c’era nessun astro del cielo a sostituire il sole durante il suo riposo notturno. Così dei mercanti andarono per terre lontane e trovarono la luna, una grande lampada appesa ad una grande quercia e la rubarono per portarla nel loro paese. (vedi qui).
In altre versioni è il sole che non potrà mai tramontare dietro al platano. La frase deriva certamente da una delle imprese impossibili della serie ed è traslato dal verso “the Sun and Moon meet in yonder glen”. Probabilmente si sta evocando un’ancestrale associazione all’albero cosmico.

ASCOLTA Sam Amidon How Come That Blood, in “I see the Sight” 2010


How come that blood all over your shirt?
My son come tellin’ to me
It is the blood of my gullin’ gray hawk who flies across the field
Got a gray hawk’s blood and was never so red
My son come tellin’ to me
It is the blood of my gullin’ greyhound who hunts the woods with me
Got a greyhound’s blood and was never so red
My son come tellin’ to me
It is the blood of my gullin’ gray mare I used to ride so gay
Got a gray mare’s blood and was never so red
My son come tellin’ to me
It is the blood of my own dear brother who lately I have slain
What did you and him fall out about?
My son come tellin’ to me
I cut him down young hazelnut tree caused it for to be
And what you gonna do when your daddy finds out?
My son come tellin’ to me
I’ll set my foot in the undership and I’ll sail across the sea
What you gonna do with your pretty little wife?
My son come tellin’ to me
Just set her foot in the undership and she’ll sail along with me
And what you gonna do with the children free?
My son come tellin’ to me
I’ll leave them here along with you to bear you company
I’ll leave them here along with you to bear you company
And when you coming home?
My son come tellin’ to me
When the sun and the moon shine in the north hills and that will never be
When the sun and the moon shine in the north hills and that will never be
(Tradotto da  Cattia Salto)
“Da dove viene il sangue sulla manica della tua camicia,
figlio mio su  dimmelo?”
“E’ il sangue del mio fidato falco bianco
che vola nel cielo”
“Il sangue di un falco non può essere così rosso”
“figlio mio su  dimmelo?”
“E’ il sangue del vecchio segugio bianco che cacciava nei boschi
con me”
“Il sangue di un segugio non può essere così rosso”
“figlio mio su  dimmelo?”
“E’ il sangue della vecchia giumenta bianca con cui cavalcavo allegramente”
“Il sangue di una giumenta non può essere così rosso”
“figlio mio su  dimmelo?”
“E’ il sangue della mia caro fratello
che ho ucciso di recente”
“E cosa è accaduto tra te
e lui?
Figlio mio su  dimmelo?”
E’ stato a causa del taglio di un giovane nocciolo che non diventerà mai un albero”
“E che cosa farai quando tuo padre lo troverà?
Figlio mio su  dimmelo?”
“Prenderò quella nave
e attraverserò il mare”
“E cosa farai con la tua amata mogliettina?
Figlio mio su  dimmelo?”
“Metterà piede a bordo di una nave
e salperà dietro di me”
“Che cosa farai con i tuoi due bei bambini?
Figlio mio su  dimmelo?”
“Li lascerò qui con te
per tenerti compagnia;
Li lascerò qui con te
per tenerti compagnia”
“E quando ritornerai,
Figlio mio su  dimmelo?”
“Quando il sole e la luna splenderanno sulle colline a nord
e non potrà mai accadere
Quando il sole e la luna splenderanno sulle colline a nord
e non potrà mai accadere!”

Quarta parte: Lucy Wan continua

Cattia Salto novembre 2014

FONTI
http://www.lizlyle.lofgrens.org/RmOlSngs/RTOS-YellowDog.html
http://it.wikipedia.org/wiki/Edward_(ballata) http://mbmonday.blogspot.it/2012/04/edward-what-put-blood-blood-on-his.html http://mbmonday.blogspot.it/2012/04/its-all-about-little-holly-bush.html http://mbmonday.blogspot.it/2012/04/why-dois-your-brand-sae-drap-wi-bluid.html http://www.contemplator.com/child/sharp13.html http://www.christymoore.com/lyrics/what-put-the-blood/ http://betterknowachildballad.wordpress.com/2013/02/02/child-13-edward/ http://mainlynorfolk.info/nic.jones/songs/edward.html http://www.nspeak.com/allende/comenius/bamepec/multimedia/saggio3.htm http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_13 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=48691 http://wesleystace.com/album/trad-arr-jones/ http://www.ancusimorari.org/Contributi-letterari/PLATANO.pdf

The snow they melt the soonest

“The snow they melt the soonest” is a traditional  song from the Border (popular in both England and Scotland),  published in the Northumbrian Minstrelsy (Bruce & Stokoe 1882) and originally in Blackwood’s Magazine, (Edinburgh 1821) as collected by Thomas Doubleday (1790-1870) who heard it from a street singer in Newcastle. (cf)
“The snow they melt the soonest” è una canzone popolare del Border (diffusa sia in Inghilterra che in Scozia), è stata pubblicata nel Northumbrian Minstrelsy (Bruce&Stokoe 1882) e in origine nel Blackwood’s Magazine, (Edimburgo 1821) così come collezionata da Thomas Doubleday (1790-1870) che la sentì da un cantore di strada di Newcastle. vedi

We owe this to a good pioneer collector of North-Eastern song, the soap-boiler* and lively Radical agitator Thomas Doubleday, who contributed it to Blackwood’s magazine [under the pseudonym of Mr Shufflebotham] as long ago as 1821. He got the melody from a Newcastle street singer. In Northumbrian Minstrelsy (1882, repr. 1965) the tune is given as My Love Is Newly Listed.”  (A.L. Lloyd)
Così si legge nelle note di Anne Briggs nel suo album “Anne Briggs” 1971″Lo dobbiamo a un buon collezionista-pioniere dei canti nord-orientali, il vivace agitatore radicale Thomas Doubleday, che lo ha portato alla rivista Blackwood [con lo pseudonimo di Shufflebotham] già nel 1821. Ha preso la melodia da un cantante di strada di Newcastle. In Northumbrian Minstrelsy (1882, repr. 1965) la melodia viene data come “My Love Is Newly Listed. ” (A.L. Lloyd)
[* soap-boiler la marmitta in cui si fa bollire il sapone= in senso figurato ribadisce il concetto di sobillatore]

Since no one found a trace of the song in the folk tradition prior to this date, some assume that the text was written by Thomas Doubleday on the melody known as “My love has listed / The White cockade”. Anne Briggs was the first to spread this song on the folk-clubs in the 1960s and for this reason some credit it to her. The Pentangle record it in the album Solomon’s Seal simply titling “The Snow” as their own, while in reality it is one of the many variations of the traditional song.
Siccome nessuno ha trovato traccia della canzone nella tradizione popolare precedentemente a questa data, alcuni presumono che il testo sia stato scritto nientemeno che da Thomas Doubleday sulla melodia nota come “My love has listed/The White cockade“. Anne Briggs fu la prima a diffonderlo nel circuito dei folk-club negli anni 60 e per questo altri le attribuiscono la paternità del testo. I Pentangle la registrano nell’album Solomon’s Seal intitolandola semplicemente “The Snow” attribuendosene la paternità, mentre in realtà si tratta di una delle tanti varianti del brano tradizionale.

Lunasa in Otherworld 1999 instrumental version (slow air) + reel Laura Lynn Cunningham)

For the snows they melt the soonest when the winds begin to sing ..

We have both male and female versions, with a large number of performers; the theme is that of the separation between two lovers: the images evoked link the loving relationship to the passing of the seasons, so after the sleep of the earth under the blanket of winter also pride is ready to melt like snow. The couple is about to separate but whoever sings is certain that the separation will not be definitive and at the return of the thaw also the lover will return to her (him)
Abbiamo versioni sia al maschile che al femminile, da un folto numero di interpreti; il tema è quello della separazione tra due innamorati: le immagini evocate legano il rapporto amoroso allo scorrere delle stagioni così dopo il riposo della terra sotto la coperta dell’inverno anche l’orgoglio è pronto a sciogliersi come la neve. La coppia è in procinto di separarsi ma chi canta è certo che la separazione non sarà definitiva e al ritorno del disgelo anche l’innamorato ritornerà da lei (lui)

Anne Briggs in “Anne Briggs” 1971

Horslips in “Drive The Cold Winter Away” 1975

John Renbourn & Robin Williamson 1993

Dick Gaughan in “Handful of Earth” (1981) (I, III, II, IV)
slow, melancholic, tearful [lenta, malinconica, lacerante]

Sting in “If on a Winter’s Night” 2009 
Sting, born in 1951, with this traditional song pays tribute to his native town, Wallsend, located on the northern outskirts of Newcastle upon Tyne: a melancholy, introspective, whispered melody on the notes of guitarist Dominic Miller (with Sting from ’91), magic chemistry!
Sting, classe 1951, con questo brano tradizionale rende omaggio al suo paese natale, Wallsend, situato nella periferia a nord di Newcastle upon Tyne, una melodia malinconica, introspettiva, sussurrata sulle note del chitarrista Dominic Miller (con Sting dal ’91), l’affiatamento è magico

Piers Faccini & Vincent Segal in “Songs Of Time Lost” (2014) con

Cara Dillon live

Karan Casey in The Winds Begin To Sing 2006


I
The snows they melt the soonest
when the wind begins to sing
And the corn it ripens faster
when the frost is settling in
And when a woman [the young man]
tells me that my face she [he]’ll soon forget
Before we part I’ll wage a croon (1)
she [he]’s fain to follow it yet
II
The snows they melt the soonest
when the winds begin to sing
And the swallow skims (flies) without a thought as long as it is spring
But when spring goes and winter blows,
my lassie [my love] you’ll be fain,(2)
For all your pride to follow me
across the stormy main (3)
III
The snows they melt the soonest
when the winds begin to sing
And the bee that flew when summer shone,
in winter cannot sting.
I’ve seen a woman [a young man]’s anger
melt between the night and morn
So it’s surely not a harder thing
to tame (to melt) a woman [young man]’s scorn
IV
Oh, never say me farewell here
no farewell I’ll receive
for you shall take (set) me to the stile, (4)
I’ll kiss and take your leave
“I’ll stay until the curlew (5) calls
and the martlet (6) takes his wing (7)
For the snows they melt the soonest
when the winds begin to sing”
Traduzione italiano di Cattia Salto*
I
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e il grano matura prima
quando il gelo si è depositato,
e quando una donna
mi dice che dimenticherà presto il mio volto,
prima di lasciarci, scommetterò una moneta
che è già pronta a seguirmi.
II
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e la rondine plana senza pensieri
finché è primavera.
Ma quando la primavera se ne va e soffia ´inverno, /ragazza mia [amore mio], sarai pronta, nonostante l’orgoglio, a seguirmi
attraverso il mare in burrasca
III
Le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare
e l’ape che volava quando l’estate splendeva,
in inverno non può pungere.
Ho visto la rabbia di una donna [un uomo]
sciogliersi tra notte e dì,
così non è certo più difficile
ammansire il rifiuto di una donna [un uomo]
IV
Non dirmi addio qui,
non accoglierò il tuo addio
ma mi aprirai la porta,
ti bacerò e prenderò il tuo congedo
“Ti aspetterò fino al richiamo del chiurlo
e fino a quando la rondine prenderà il volo (7)
perchè le nevi si sciolgono presto
quando i venti iniziano a soffiare”

NOTE
* versione rielaborata da Musica&Memorie  (vedi)
1) Horslips “I want to croon”; Anne Briggs: “I’d bet a crown”. Pentangle “I’ll wage a corn”  (scommetterò un chicco di grano) in verità “crun, croon o croun” = corona, vecchia moneta che valeva 5 scellini, una somma principesca in passato
2) my loss and you’ll be fain (Horslips)
3)  “raging main” (Dick Gaughan)
4) or: “So whoever says to me farewell here, no farewell I receive”
or For you will lie with me my love then kiss and take your leave
5) moorcock/woodcock (cf)
6) martelet= the heraldic version of the swallow (cf) [la versione araldica della rondine] 
7) the woman / man will wait until September-October when the swallows migrate to the warmer countries
[la donna/l’uomo aspetterà fino a settembre-ottobre quando le rondini migrano verso i paesi più caldi]

LINK
http://thesession.org/tunes/11049
http://mainlynorfolk.info/anne.briggs/songs/thesnowitmeltsthesoonest.html
http://mp3juices.com/search/snow-melts-the-soonest
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=2857
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=16979

The False Bride: scottish version (versione scozzese)

Diana Gabaldon

From “Drums of Autumn” of the Outlander saga written by Diana Gabaldon chapter 4.
In the future Roger sings many popular airs at the Celtic Festival in New England: in Outlander Season 4, episode 3 Roger sings “The False Bride” (which gives the title to the episode), but not in the book.
In “Tamburi d’Autunno” della saga “La Straniera” di Diana Gabaldon, capitolo 4. Nel futuro Roger canta molti brani popolari al Festival Celtico nel New England, in Outlander stagione 4, terzo episodio Roger canta “The False Bride” (che da il titolo all’episodio nella versione inglese, mentre in italiano diventa “La ricerca della felicità” ) ma non nel libro. 

The ballad of the “False Bride” or the theme of unrequited love, surely dates back to 1600 and was sung in all the British Isles for centuries, following the channels of oral tradition, the press in the broadside ballads and in the collections of traditional arias, faceting in different versions and even melodic arrangements. Only at the beginning of the 20th century does the ballad seem to have gone out of fashion and relegated to the “old Folk songs”, however in some of its variants it was recovered during the folk revival of the 60s and 70s and also in more recent recordings.
La ballata della “Falsa Sposa” ovvero il tema dell’amore non corrisposto, risale sicuramente al 1600 ed è stata cantata un po’ per tutte le Isole Britanniche per secoli seguendo i canali della tradizione orale, la stampa nelle broadside ballads e nelle collezioni di arie tradizionali, sfaccettandosi in diverse versioni e anche arrangiamenti melodici. Solo all’inizio del XX secolo la ballata sembra essere passata di moda e relegata nelle “old Folk songs”, tuttavia in alcune sue varianti è stata recuperata durante il folk revival degli anni 60-70 e anche in più recenti registrazioni.

Scottish version
English version
Irish version

I ONCE LOVED A LASS

As commented by Ewan McColl in the notes attached to the album (cf) the songs of abandoned lovers are quite common in Scotland, and mostly are suffused with irony rather than tragedy. Not this one, however, in which the lover, after having participated in the marriage of his ex-girlfriend, lies down in the grave to seek death. Jürgen Kloss places the version between 1850 and 1885 in the Scottish area: the first stanza is a textual smoothie of different versions appeared in print from the early seventeenth century broadside to the nineteenth century collections; the second stanza is the oldest one which is present in all the variations of the theme, even with different titles; while the third stanza seems to be a more recent addition, as well as the third-person repetition of the last verse which is proper of the Scottish versions. The stanzas are without refrain, but in the first three verses the last verse “she’s gaun to be wed till anither” performs this function.
Come commentato da Ewan McColl nelle note allegate all’album (vedi) le canzoni degli amanti abbandonati sono abbastanza comuni in Scozia, e per lo più sono soffuse di ironia, piuttosto che di tragedia. Non questa però in cui l’amante, dopo aver partecipato al matrimonio della sua ex-fidanzata, si sdraia nella tomba per cercare la morte. Jürgen Kloss colloca la versione tra il 1850 e il 1885 in area scozzese: la prima strofa è un po’ un frullato testuale di diverse versioni comparse in stampa dai primi broadside seicenteschi alle collezioni ottocentesche; la seconda strofa è quella più antica che è presente un po’ in tutte le varianti del tema, anche con titoli diversi; mentre la terza strofa sembra essere un’aggiunta più recente, come pure anche la ripetizione in terza persona dell’ultimo verso che è proprio delle versioni scozzesi. Le strofe sono senza ritornello, ma nelle prime tre strofe l’ultimo verso “she’s gaun to be wed till anither” svolge tale funzione.

Richard Rankin (Roger MacKenzie) in Outlander Season 4, episode 3 (I, III, V)
 Ronnie Browne
Bert Jansch (Pentangle) in Sweet Child, 1968 (I , II, III, V)
Ewan McColl in Classic Scots Ballads, 1956
The Tannahill Weavers ( I, II, III , VI) in Best Of The Tannahill Weavers, 1989
Karan Casey in “Ships in the Forest” 2008
in this live version she sings all the seven stanzas, to keep in mind that the singer is Irish (County of Waterford) and the text is in standard english (cf)
in questa versione live canta tutte le sette strofe, da tener presente che la cantante è irlandese (contea di Waterford) e il testo è in standard english (vedi)
Sandy Denny

I
I once loved a lass,
and I loved her sae  weel
I hated all others that spoke of her ill;
But noo she’s rewarded me wee for my love (1),
(For) she’s gaun to be wed
till anither.
II
(When) I saw my love
to the church go,
Wi’ bride(groom) and bride-maidens,
they made a fine show;
An’ l followed them on wi’ a heart fu’ o’ woe,
(For) she’s gaun to be wed
till anither.
III
(When) I saw my love
sit down to dine,
I sat down beside her
and poured out the wine,
An’ I drank to the lass
that should ha’e been mine,
An’ now she is wed  (2)
till anither.
IV
“Well, stop,” says the groomsman,
“If you take my word
Would you venture your life
on the point of a sword?
For courting too slowly (3)
you have lost this fair maiden
Begone, you will never enjoy her (4)”
V
The men o’ yon forest they askit o’ me,
Hou many strawberries grew in the saut (5) sea?
But I askit them back wi’ a tear in my ee,
How many ships sail in the forest? (6)
VI
O dig me a grave
and dig it sae deep,
An’ cover it over
with flow’rets säe sweet,
An’ I’ll turn in for to tak’ a lang sleep,
An’ may be in time I’ll forget her.
VII
They dug him a grave
an’ they dug it sae deep,
An’ covered it over
with flow’rets säe sweet,
An’ he’s turned in for to tak’ a lang sleep,
An’ maybe by this time he’s forgot her.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Un tempo amavo una ragazza
e tanto l’amai, che odiavo tutti coloro che dicevano male di lei;
oh, come sono stato ripagato bene per l’Amore
perchè è andata  in sposa
ad un altro!
II
Vidi il mio amore
andare in chiesa
con lo sposo e le damigelle,
facevano una bella figura,
e li seguii con il cuore pieno di dolore
perchè è andata  in sposa
ad un altro!
III
Vidi il mio amore
sedersi al banchetto,
le sedetti accanto
e mi versai un bicchiere di vino,
e bevvi alla ragazza
che avrebbe potuto essere mia
ma ora è sposata
ad un altro
IV
“Fermo – dice il testimone dello sposo-
in fede mia
vuoi giocarti la vita
sulla punta di una spada?
Per aver corteggiato con poco ardore,
hai perso questa bella fanciulla
vattene, non approfitterai mai più di lei”
V
Gli uomini nella foresta mi chiedono
“Quante fragole crescono nel mare salato?”
a loro rispondo con le lacrime agli occhi
“Quante navi navigano nella foresta?”
VI
“Oh scavatemi una tomba
e scavatela profonda
e copritela per bene
con i fiori più profumati
e andrò a dormire per fare un lungo sonno
e forse col tempo, dimenticarla.”
VII
Così scavarono una tomba
e la scavarono profonda
e la coprirono per bene
con i fiori più profumati
ed egli andrò a dormire per fare un lungo sonno
e forse col tempo dimenticarla.

NOTE
english translation here
1) The sense is ironic and means exactly the opposite letteralmente “ora lei mi sta bene ricompensando per il mio amore”, o anche “mi ha fatto pagare per il mio amore” il senso è ironico e vuole dire esattamente il contrario
2) or “Even though she’d been wed to another”
3) ho inteso slowly come un atteggiamento poco eccitante o indeciso, senza vivacità
4) or “south” sea
5) la frase è a doppio senso, in modo più velato “non la vedrai mai più (non godrai mai più della sua vista)” e in modo più esplicito “non te la spasserai con lei”
6) the verse is an addition of the eighteenth century also reported as a separate stanza in nursery rhymes: the meaning is clear enough, could find easier strawberries in the sea and ships in the forest, than his love. I do not know if the comparison wants to paraphrase (with opposite meaning) the well-known Scottish saying “there are many fish in the sea“, a consolatory phrase that is generally said to those who remain alone at the end of a love story. However the answer to these rhetorical questions is “There is no possibility”.
la strofa è una aggiunta del XVIII secolo riportata anche come stanza a sé nelle filastrocche per bambini: il significato è abbastanza chiaro, il protagonista ha più probabilità di trovare fragole nel mare e navi nella foresta che di ritrovare il suo amore. Non so se il paragone vuole parafrasare (con significato opposto) il noto detto scozzese “ci sono molti pesci nel mare” come frase consolatoria che in genere si dice a chi resta solo alla fine di una storia d’amore. Comunque la risposta alle domande retoriche è “Non c’è nessuna possibilità“.

LINK
http://www.justanothertune.com/html/ilal.html http://www.asaplive.com/archive/detail.asp?id=R0114701
http://clancybrothersandtommymakem.com/trad_1015_scots.htm
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thefalsebride.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=296

JOHNNY I HARDLY KNEW YE

La canzone di protesta per antonomasia che ha infiammato i cuori di tutte le generazioni giovanili a partire dall’anno della sua creazione. “Johnny I hardly knew ye” era così famosa che gli emigranti irlandesi se la portarono in America e durante la guerra civile americana, nel 1863, è diventa “When Johnny comes marching home“.
Il cambio di titolo anticipa anche il cambiamento di significato, perché qui Johnny è un soldato confederato atteso dalla sua famiglia per essere accolto come un eroe al suo ritorno.

La sua popolarità è schizzata alle stelle quando Stanley Kubrick ha inserito la melodia nel suo Dr Strangelove (In italiano Il dottor Stranamore) uno dei migliori film antimilitarista del secolo (1964) VEDI

La querelle tra i sostenitori dell’ipotesi inversa (cioè che la canzone sia nata in America e portata poi in Irlanda) è però ancora aperta, così sebbene non esistano versioni pubblicate in Irlanda prima della fatidica data di pubblicazione in America della “When Johnny comes marching home“, dall’isola si fa risalire la versione tradizionale irlandese alle guerre napoleoniche, ovvero alla fine del 1700 o ai primi anni del 1800, quando le truppe irlandesi combattevano nella Compagnia Britannica delle Indie Orientali (il riferimento all’isola di Ceylon colloca quantomeno la strofa tra il 1795 e il 1818)

ANTY-WAR SONG

La prima strofa è introdotta dal soldato che cammina sulla via di casa appoggiandosi ad una stampella e sente una donna che lo chiama dicendo “Johnny, ti riconosco appena!” E la donna prosegue: “perché hai preferito abbandonare la tua famiglia per andare in guerra a farti quasi ammazzare?” Eppure la donna è contenta di rivederlo, anche se il marito è irriconoscibile per le mutilazioni, cieco, senza un braccio e una gamba, costretto a mendicare per il resto della sua vita è ritornato dalla sua famiglia.
Mi piace immaginare che siano state le donne, madri, sorelle, fidanzate, mogli, a scrivere canzoni come questa, e come l’altrettanto famosa “Mrs Mcgrath“, a controbilanciare la propaganda militare dei sergenti reclutatori.

Recruiting_party-

LA GUIDA ALL’ASCOLTO
Ci sono poche variazioni testuali del brano e un unica melodia, ma la maggior parte delle versioni più recenti saltano la IV e ometto le ultime due strofe: nella IV strofa la donna si lamenta di come il marito sia scappato via da lei attirato dalla propaganda dei reclutatori; nelle altre ribadisce il concetto che lei lo ama ancora nonostante tutto e giura che l’esercito inglese non si prenderà mai i loro figli! Pur nella sua drammaticità “Johnny I hardly knew ye” non manca di ironia, quel sarcasmo ironico tipicamente “irish” che ci fa storcere la bocca in un ghigno!

Una registrazione molto drammatica è quella dei De Dannan, ma anche di Janis Ian o Karan Casey quasi sussurrata (ascoltabili su Spotify)

ASCOLTA De Dannan in Anthem 1985
ASCOLTA Karan Casey

Versioni più tradizionali
ASCOLTA Irish Rovers
ASCOLTA Foreign Feathers

Non poteva mancare la versione rock!
ASCOLTA Dropkick Murphys quando una melodia celtica incontra il rock nasce il celtic punk (dopo che The Clash avevano aperto la pista sul finire degli anni 70 ASCOLTA qui il testo diventa un avvertimento contro la minaccia dei gruppi neonazisti)

E a chi piace il genere si può ascoltare anche la versione dei The Tossers


I
While goin’ the road to sweet Athy(1), hurroo, hurroo
While goin’ the road to sweet Athy, hurroo, hurroo
While goin’ the road to sweet Athy
A stick in me hand and a drop in me eye
A doleful damsel I heard cry,
Johnny I hardly knew ye.
CHORUS
With your guns and drums and drums and guns (2), hurroo, hurroo
With your guns and drums and drums and guns, hurroo, hurroo
With your guns and drums and drums and guns the enemy nearly slew ye
Oh my darling dear, Ye look so queer
Johnny I hardly knew ye.
II
Where are your eyes that were so mild, hurroo, hurroo
Where are your eyes that were so mild, hurroo, hurroo
Where are your eyes that were so mild
When my heart you so beguiled?
Why did ye run from me and the child?
Oh Johnny, I hardly knew ye.
III
Where are your legs that used to run, hurroo, hurroo
Where are your legs that used to run, hurroo, hurroo
Where are your legs that used to run
When first you went for to carry a gun
Indeed your dancing days are done
Oh Johnny, I hardly knew ye.
IV
It grieved my heart to see you sail   ha-roo, ha-roo
It grieved my heart to see you sail ha-roo, ha-roo
It grieved my heart to see you sail
Though from my heart you took leg-bail(3)
Like a cod you’re doubled up head and tail,(4)
Johnny I hardly knew ya
V
Ye haven’t an arm, ye haven’t a leg, hurroo, hurroo
Ye haven’t an arm, ye haven’t a leg, hurroo, hurroo
Ye haven’t an arm, ye haven’t a leg,
Ye’re an armless, boneless, chickenless egg,
Ye’ll have to be put with a bowl out to beg: Oh Johnny I hardly knew ye.
VI
I’m happy for to see ye home,
hurroo, hurroo
I’m happy for to see ye home,
hurroo, hurroo
I’m happy for to see ye home
All from the island of Sulloon(5)
So low in the flesh(6), so high in the bone
Oh Johnny I hardly knew ye.
VII
How sad it is to see you so,
ha-roo, ha-roo,
How sad it is to see you so,
ha-roo, ha-roo,
How sad it is to see you so,
And I think of you now as an object of woe,
But your Peggy’ll still keep you on as her beau.
Johnny, I hardly knew ya.
VIII
They’re rolling out the guns again,
ha-roo, ha-roo,
They’re rolling out the guns again,
ha-roo, ha-roo,
They’re rolling out the guns again
But they never will take our sons again
No they never will take our sons again
Johnny I’m swearing to ya.

TRADUZIONE di  RICCARDO VENTURI (tranne strofe in grassetto)

I
Percorrendo la strada per la dolce Anthy, ohimè, ohimè,
Percorrendo la strada per la dolce Anthy, ohimè, ohimè,
Percorrendo la strada per la dolce Anthy
Con un bastone in mano e una lacrima all’occhio, sentii gridare una dolente   fanciulla: Johnny, ti riconosco appena.
Coro: Coi tuoi fucili e i tamburi e tamburi e fucili, ohimè, ohimè,
Coi tuoi fucili e i tamburi e tamburi e fucili, ohimè, ohimè,
Coi tuoi fucili e i tamburi e tamburi e fucili
Il nemico ti ha quasi ammazzato
Oh, mio caro, mio caro, sembri così strano, Johnny, ti riconosco appena.
II
Dove sono quegli occhi che erano così buoni, ohimè, ohimè,
Dove sono quegli occhi che erano così buoni, ohimè, ohimè,
Dove sono quegli occhi che erano così buoni, quando il cuore tanto mi   incantavi
Perché sei scappato da me e da tuo figlio?
Johnny, ti riconosco appena.
III
Dove sono le gambe con cui correvi, ohimè, ohimè,
Dove sono le gambe con cui correvi, ohimè, ohimè, dove sono le gambe con cui correvi? Quando andasti la prima volta a portare un fucile, certo che i giorni delle feste da ballo sono finite: Johnny, ti riconosco appena.
IV
Mi ero addolorata a vederti salpare
ohimè, ohimè
Mi ero addolorata a vederti salpare
ohimè, ohimè
Mi ero addolorata a vederti salpare
sebbene dal mio cuore tu sia volato via
come un merluzzo ti sei piegato in due
Johnny, ti riconosco appena
V
Ti manca un braccio, ti manca una gamba, ohimè, ohimè,
Ti manca un braccio, ti manca una gamba, ohimè, ohimè,
Ti manca un braccio, ti manca una gamba,
Sei un monco senz’ossa, come un uovo senza il pulcino
Dovrai pigliare un piattino e andare a mendicare: Johnny, ti riconosco appena.
VI
Sono contenta di vederti a casa,
ohimè, ohimè,
Sono contenta di vederti a casa,
ohimè, ohimè,
Sono contenta di vederti a casa,
Tornato dall’isola di Ceylon;
con la carne così moscia e con le ossa ancora in piedi, Oh, Johnny, ti riconosco appena
VII
Com’è triste vederti così ohimè, ohimè
Com’è triste vederti così ohimè, ohimè
Com’è triste vederti così
e adesso penso a te come a un guaio
ma la tua Peggy ti terrà ancora come il suo innamorato
Johnny, ti riconosco appena
VIII
Stanno portando fuori i cannoni di nuovo
ohimè, ohimè
Stanno portando fuori i cannoni di nuovo
ohimè, ohimè
Stanno portando fuori i cannoni di nuovo
ma non avranno più i nostri figli ancora
No, ma non avranno mai più i nostri figli ancora Johnny, te lo giuro!

NOTE
1) Athy è un vecchio nome popolare della città di Dublino (Báile Átha Cliath). Secondo un’altra ipotesi si tratterebbe invece della cittadina di Athy, nella contea irlandese di Kildare.
2) anche come “With your drums and guns and drums and guns”
3) leg-bail si dice di un disertore che fugge “gambe all’aria” qui usata in senso ironico
4) letteralmente “hai doppiato la testa e la coda” presumo abbia qualcosa a che vedere con la freschezza del pesce (che quando si piega tenendolo in mano è indice di pesce vecchio, morto da un pezzo)
5) Sulloon o Ceylon, l’attuale Sri Lanka
6 ) L’espressione originale ha una chiara allusione all’impotenza sessuale del povero soldato mutilato.

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=1429&lang=it