Enya & Tolkien

The soundtrack of the Lord of the Rings is by Howard Shore but two tracks were composed expressly by Enya
La colonna sonora del Signore degli Anelli è di Howard Shore ma due tracce sono state composte espressamente da Enya

Music: Enya
Lyrics: Roma Ryan

May it be (La Benedizione della Stella Vespertina)

“May it Be” was featured for the movie Lord of the Rings: Fellowship of the Ring (2001)
“May it Be” è il singolo pubblicato nel 2001, tratto dalla colonna sonora del film “Il Signore degli Anelli: La Compagnia dell’Anello”


I
May it be an Evening star (1)
Shines down upon you
May it be when darkness falls
Your heart will be true
You walk a lonely road
Oh! How far you are from home
Chorus
Mornië utúlië (2)
Believe and you will find your way
Mornië alantië (3)
A promise lives within you now
II
May it be the shadow’s call
Will fly away 
May it be your journey on
To light the day (4)
When the night is overcome
You may rise to find the sun
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Che la Stella del Crepuscolo
ti guidi.
Quando l’oscurità scenderà
possa il tuo cuore restare puro.
Percorri un sentiero solitario
Oh, quanto lontano sei da casa!
Coro
È arrivata la tenebra
Abbi fede e troverai la strada.
È calata la tenebra
C’è una promessa che ti sorregge
II
Che il richiamo dell’oscurità
possa disperdersi.
Possa il tuo viaggio continuare
alla luce del giorno.
Quando la notte sarà sconfitta
potrai risollevarti verso il sole.

NOTE
1) Evening Star is the name by which the Ancients called the planet Venus, but here we are in the Middle Earth of Tolkien’s fantasy world and the Evening Star is the nickname of Arwen, Elf in love with Aragorn [stella della Sera è il nome con cui gli Antichi chiamavano il pianeta Venere, ma qui siamo nella Terra di Mezzo del mondo fantasy di Tolkien e la Stella della Sera è il soprannome di Arwen, l’Elfa innamorata di Aragorn]
2) in Quenya= “the darkness has come”
3) in Quenya= “the darkness has fallen”
4) the structure seems to follow the Celtic blessings also used in the auspicious toasts [la struttura sembra ricalcare le benedizioni celtiche utilizzate anche nei brindisi benaugurali]

Aniron

 Arwen: The light of the Evenstar does not wax and wane. 
It is mine to give to whom I will. Like my heart.
Go to sleep
[La luce della Stella del Vespro non cresce nè diminuisce.
È mia, da donare a colui che desidero. Come il mio cuore.
Dormi ]
Arwen -Aragorn

Within the theme “The Council Of Elrond”, Aniron is a song entirely in Sindarin, the Tolkenian version of Gaelic: it is the love song that binds Aragorn to Arwen, it is sung when Aragorn and Arwen finally find themselves alone in Rivendell.
[All’interno del tema “The Council Of Elrond” (Il Consiglio di Elrond), Aniron è un canto tutto in lingua Sindarin, la versione tolkeniana del gaelico: è il canto d’amore che lega Aragorn a Arwen, viene intonato quando Aragorn e Arwen si trovano finalmente soli a Rivendell]

I
O môr henion i dhû:
Ely siriar, êl síla
Ai! Aníron (1) Undomiel (2)
II
Tiro! Êl eria e môr
I ‘lir en êl luitha ‘uren.
Ai! Aníron…..

English translation by Roma Ryan
I
Out of darkness I understand the night
dreams flow, a star shines
Ah! I desire Evenstar
II
Look! A star rises out of the darkness
The song of the star enchants my heart
Ah! I desire..
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Dal buio capisco la notte
i sogni scorrono, la stella brilla
Ah! Desidero la Stella del Crepuscolo [Arwen]
II
Guarda! Una stella sorge dal buio
il canto della stella incanta il mio cuore!
Ah! Desidero..

NOTE
1) Aragorn’s desire for Arwen, she is his inspirational muse, the algid elf that enchanted his heart. [E’ il desiderio di Aragorn verso Arwen la sua musa ispiratrice, l’elfa dall’algida bellezza che incantato il suo cuore.]
La parola che Roma Ryan ha usato come titolo della sua canzone, Aníron, non appare nel corpus di vocaboli pubblicati. Si può trovare soltanto e aníra, che sono tradotte da Tolkien «egli desidera» (inglese he desires in Sauron Defeated, p. 129). E basta. Nessuno sa come coniugarlo, o che tipo di verbo sia. Sappiamo (PE:17, p. 132; vedere la pagina all’inizio del mio articolo) che in sindarin «io cresco» è galon, ma «io faccio» è cerin, non **ceron. Se si sa come coniugare un verbo elfico, ciò non significa che si sappia come coniugare tutti i verbi elfici. Questo è esattamente ciò che è la generalizzazione affrettata. Roma Ryan ha fabbricato Aníron solamente con la sua immaginazione e non seguendo le regole di coniugazione del sindarin, che né lei, né noi sappiamo. (Edouard Kloczko da qui)
2) Arwen is a half-elf who renounces her immortality out of love. In the tales of Tolkien is a secondary character, not so in the cinematographic transposition: she is the Lady who embodies the Sovereignty, or rather the seal on the return of the King, and it is the love for her that sustains Aragorn in his enterprise (chivalrous love)
[Arwen è una mezz’elfa che rinuncia alla sua immortalità per amore, scrive Tolkien: Arwen, figlia di Elrond, che si diceva reincarnasse le sembianze di Luthien, e che fu chiamata Undómiel poiché era la Stella del Vespro del suo popolo.” Tuttavia nei racconti di Tolkien è un personaggio secondario, non così nella trasposizione cinematografica: è lei la Dama che incarna la Sovranità, o meglio il sigillo sul ritorno del Re, e l’amore verso di lei che sorregge Aragorn nella sua impresa (i richiami all’amor cortese sono evidenti)]

LINK
https://www.jrrtolkien.it/2018/02/23/cosa-sta-succedendo-alle-lingue-elfiche/

The dwarves of folklore

gnomo-tronco

Leggi in italiano

The dwarves of folklore are small bearded old men with ruddy cheeks and a lumberjack appearance, in the fantasy world they are instead a small and proud race of warriors with a prodigious strength.
The world of fairy tales unites dwarfs and elves, giving the elves a more joking spirit and the dwarves a fixation for gem mines.
In the fairy tales dwarf and gnome are equivalent terms.

Spirits of the earth and the subsoil, the dwarves are called gnomes in 1500 by the alchemist Paracelsus (in  Liber de nymphis, sylphis, pygmaeis et salamandris et de caeteris spiritibus)which might have coined the term “gnomus” to describe these little elementary, who very much share with the dwarves of Norse mythology.
They are massive, compact and with great strength, they are the ones that set the mineral element of the earth in motion to nourish the roots of plants.
Rudolf Steiner tells us that when in autumn the plant wilts, and disperses all its physical matter in the environment, the ideal shape of the plant penetrates into the soil. The gnomes perceive the shapes of this ideal plant and keep them in themselves. When the seeds also penetrate the ground, the gnomes, during the winter, make this feminine structure of the ideal plant meet the male seeds. From this meeting, from this embrace of the feminine and the masculine under the warm, welcoming underground world, the fertilization of a new plant takes place that will sprout up to the surface in spring, to give us life, beauty, refreshment. (translated from qui)

DVERGAR

In the Norse and Germanic mythology dvergar is the lineage of the dwarves born from the petrified flesh of the giant Ymir. The Newly borns seem like worms and the gods give them human form, consciousness and intelligence. 
In the Edda in prose four dwarfs are placed to hold the firmament one for each cardinal point, the others live in Svartálfaheimr, (the world of black elves) or underground. The sagas never describe them to us and so we see them with the eyes of the Middle Ages, rough, deformed and of small stature (as well as with demonic traits).

Guardians of mines and keepers of jewelry and gold coins, jewels and precious stones are partakers of the secrets of plants and minerals, they are the guardians of primordial fire and know the art of forging metals to shape the weapons of gods, the most famous magic swords are their work. They are also the guardians of the treasures deposited in the burial mounds and more generally of the hidden treasures underground and their wisdom is proverbial ; the dwarves are experts in spells and runes.

In Brittany the dwarves are called korrigans and from this Breton tradition comes this lullaby.
Bin, Ban, Korriganan – Jean-Luc Lenoir in  “Old Celtic & Nordic Ballads”


Bin, Ban Korriganan
pelec’h e moc’h, epad ar goan?
-Narz an toulle, barz an douar,
da gortoz an amzer clouar
English translation
“Bin, ban Dwarf
where are you during winter?
-in a little hole, in the ground,
waiting for the warm weather”

French translation
Bin, Ban Naine
où es-tu pendant l’hiver?
Dans un petit trou, dans la terre,
pour attendre le temps tiède”
italian translation
“Bin Ban, nano,
dove sei in inverno?”
” In una piccola tana sotto terra,
ad attendere il bel tempo”

DWARVES BY TOLKIEN

Now after the saga released on the big screen, the whole world knows the story of the Dwarves of Durin and the Hobbits, so I dwell only on the song “I see fire” by Ed Sheeran in the credits of the film “The Desolation of Smaug” of the 2013. According to the indications of the director Sheeran tells the last moments of the film with the song.



I
Oh, misty eye (1) of the Mountain below
Keep careful watch of my brothers’ souls (2)
And should the sky be filled with fire and smoke
Keep watching over Durin’s son
II
If this is to end in fire
Then we should all burn together
Watch the flames climb higher into the night
Calling our father hold stand by (3)
and we will watch the flames
burn on and on (4)
the mountain side hey
III
And if we should die tonight
Then we should all die together
Raise a glass of wine for the last time
Calling our father hold
Prepare as we will watch the flames
burn on and on the mountain side
Desolation comes upon the sky
CHORUS
Now I see fire,
inside the mountain
I see fire,
burning the trees
And I see fire,
hollowing souls (5)
And I see fire,
blooding the breeze
And I hope that you’ll remember me
IV
Oh, should my people fall
Then surely I’ll do the same
Confined in mountain halls
We got too close to the flame
Calling our father hold fast
and we will watch the flames
burn on and on the mountain side
Desolation comes upon the sky
V
And if the night is burning
I will cover my eyes
For if the dark returns then
My brothers will die
And as the sky’s falling down
It crashed into this lonely town (7)
And with that shadow (8) upon the ground
I hear my people screaming out
FINAL CHORUS
I see fire, oh you know I saw a city burning
(fire)

And I see fire, feel the heat upon my skin
(fire)

And I see fire
(fire)

And I see fire
(burn on and on and mountains side)

Who is the subject singing the song? A dwarf of the mountain perhaps the same Thorin or is a man from the city of the Lake, perhaps Bard? What is the city that is burning or that is about to burn by Smaug?
In my opinion, two cities merge in the song, the first is Dale the city of men built in front of the entrance to Erebor, once a large and thriving commercial center, abandoned by the survivors of the dragon’s fury. They moved to Esagorth, built on stilts in the middle of the lake.
Almost 200 years later the dragon awakened by Bilbo is about to devastate Esgaroth so in the song the last stanza could be a flash-back of Thorin (the dwarves according to Tolkien could live up to 500-800 years)
1) King Thorin
2) fate of the companions
3) or “Calling out for the rope, sent by” = following the guide sent to us. referring to the myth of Arianna’s thread and the labyrinth (see) the verse would link the story with Bilbo the burglar. The phrase is sometimes simply written as “Calling our father oh” = I invoke our father, who could be the mystic eye at the opening of the song, a sort of a tutelary deity; my reading is inclined to claim the legacy of Thorin and his bloodline “Calling our father hold”
4) “Watch the flames burn auburn over” = we will see the copper-colored flames burning; but in other versions it is more simply written “the flames burn on and on”
5) fire consumes not only the physical body but also dissolves the memory of a people, its essence
6) here begins the flash-back of Thorin : in the initial verse Thorin’s eyes are open and veiled by the tears in the final one they are closed
7) the present with Smaug flying over the city in the middle of the lake overlaps the past with the destruction of Dale and Erebor
8) the body of the dragon a giant shadow on the ground, the darkness that returns and still brings desolation

SOURCES
http://chrsouchon.free.fr/korredf.htm
http://bifrost.it/GERMANI/2.Cosmogonia/04-Nani.html
http://www.maison-des-legendes.com/orig_korrigans.html
http://www.centrostudilaruna.it/il-piccolo-popolo-degli-elementi.html
https://unicornos.com/2016/01/26/gli-gnomi-coboldi-pigmei-nani/
https://wunderkammern.wordpress.com/2010/08/26/gli-gnomi/

I Nani (gnomi) del folklore

gnomo-tronco

Read the post in English

I nani del folklore sono piccoli vecchietti barbuti dalle guance rubizze e l’aspetto da boscaiolo, nel mondo fantasy sono invece una piccola e fiera stirpe di guerrieri dalla forza prodigiosa.
Il mondo delle fiabe accomuna nani e folletti, attribuendo ai folletti uno spirito più burlone e ai nani una fissazione per le miniere di gemme.
Nelle fiabe nano e gnomo sono termini equivalenti.

Spiriti della terra e del sottosuolo, i nani vengono chiamati gnomi nel 1500 dall’alchimista Paracelso (in  Liber de nymphis, sylphis, pygmaeis et salamandris et de caeteris spiritibus) che potrebbe aver coniato il termine “gnomus” proprio per descrivere questi piccoli elementari, i quali molto condividono con i nani della mitologia norrena.
Sono massicci, compatti e dalla grande forza, sono loro che mettono in moto l’elemento minerale della terra per nutrire le radici delle piante. continua
Ci dice Rudolf Steiner che quando in autunno la pianta appassisce, e disperde tutta la sua materia fisica nell’ambiente, nel terreno  penetra la forma ideale della pianta.  Gli gnomi percepiscono le forme di questa pianta ideale e le custodiscono in sé. Quando poi anche i semi  penetrano nel terreno,  gli gnomi, nel corso dell’inverno fanno sì che questa struttura femminile della pianta ideale s’incontri con i semi maschili. Da questo incontro, da questo abbraccio del femminile e del maschile nell’accogliente caldo mondo sotterraneo, avviene la fecondazione di una nuova pianta che spunterà in superficie a primavera, per donarci vita, bellezza, ristoro. (tratto da qui)

DVERGAR

Nella mitologia norrena e germanica  dvergar è la stirpe dei nani nata dalle carni pietrificate del gigante Ymir. Appena nati sembrano dei vermi e gli dei danno loro forma umana, coscienza e intelligenza. (vedi)
Nell’Edda in prosa quattro nani sono posti a reggere il firmamento uno per ogni punto cardinale, gli altri vivono nello Svartálfaheimr, (il mondo degli elfi neri) ovvero sottoterra. Le saghe non ce li descrivono mai e così noi li vediamo con gli occhi del medioevo, rozzi, deformi e di piccola statura (nonchè con tratti demoniaci).

Guardiani delle miniere e custodi di monili e monete d’oro, gioielli e pietre preziose sono partecipi dei segreti delle piante e dei minerali, sono i custodi del fuoco primordiale e conoscono l’arte di forgiare i metalli per plasmare le armi degli dei, le spade magiche più famose sono opera loro. Sono anche i guardiani dei tesori depositati nei tumuli funerari e più in generale dei tesori nascosti sottoterra e proverbiale è la loro sapienza; i nani sono esperti di incantesimi e di rune.

In Bretagna i nani sono detti korrigans e dalla tradizione bretone viene questa ninna-nanna.
Bin, Ban, Korriganan – Jean-Luc Lenoir in  “Old Celtic & Nordic Ballads”


Bin, Ban Korriganan
pelec’h e moc’h, epad ar goan?
-Narz an toulle, barz an douar,
da gortoz an amzer clouar
TRADUZIONE ITALIANO
“Bin Ban, nano,
dove sei in inverno?”
” In una piccola tana sotto terra,
ad attendere il bel tempo”

Traduzione francese
Bin, Ban Naine
où es-tu pendant l’hiver?
Dans un petit trou, dans la terre,
pour attendre le temps tiède”

Traduzione inglese
“Bin, ban Dwarf
where are you during winter?
-in a little hole, in the ground,
waiting for the warm weather”

I NANI SECONDO TOLKIEN

Ormai dopo la saga divulgata sul grande schermo, tutto il mondo conosce la storia dei Nani di Durin e degli Hobbit, così mi soffermo solo sulla canzone “I see fire” di Ed Sheeran nei titoli di coda del film “La desolazione di Smaug” del 2013. Secondo le indicazioni del regista Sheeran racconta con la canzone gli ultimi momenti della pellicola, quando la compagnia “inizia la sua marcia segreta verso la Montagna Solitaria. Ad Erebor, Bilbo e i nani tentano di distrarre Smaug ma, risultando impotenti, decidono di ricorrere ad una trappola, ovvero attivare le vecchie fornaci per far sommergere il drago da una enorme quantità di oro liquido e bollente. Il piano ha successo, ma Smaug ne esce senza un graffio. Anzi, la situazione peggiora. Infatti, poiché Bilbo si era definito il “Cavalcabarili” durante il loro precedente colloquio, Smaug capisce che lo hobbit e i nani vengono da Pontelagolungo. Pertanto, il mostro decide di vendicarsi sulla popolazione del lago. Bilbo tenta inutilmente di persuadere il drago a non uccidere degli innocenti, ma ormai non può fare più nulla: Smaug è in volo verso la città, deciso a raderla al suolo” (tratto da Wiki)

Chi è il soggetto che canta la canzone è un nano della montagna forse lo stesso Thorin o è un uomo della città del Lago, forse Bard? Qual’è la città che sta bruciando o che è in procinto di bruciare ad opera di Smaug?
A mio avviso nella canzone si fondono due città, la prima è Dale la città degli uomini costruita davanti all’entrata di Erebor su un colle di fronte alla Montagna Solitaria, un tempo grande e fiorente centro commerciale,  abbandonata dai sopravvissuti dalla furia del drago che si sono trasferiti ad Esagorth, costruita su palafitte al centro del lago. Detta anche Pontelagolungo è la seconda città degli uomini ancora abitata nonostante la presenza del drago nella montagna.
Un grande ponte di legno si spingeva fin dove, su enormi palafitte ricavate dagli alberi della foresta, era costruita un’operosa città di legno, non una città di elfi ma di uomini, che ancora osavano dimorare all’ombra della montagna del drago. Essi prosperavano ancora col commercio che risaliva il grande fiume da sud e veniva convogliato alla loro città, una volta superate sui carri le cascate; ma nei gloriosi giorni del passato, quando Dale a nord era ricca e fiorente, essi erano stati ricchi e potenti, e c’erano state intere flottiglie di barche sull’acqua, e alcune erano cariche d’oro e altre di guerrieri che rivestivano armature, e c’erano state guerre e gesta che ora erano solo una leggenda. Si potevano ancora vedere sulle rive i pilastri putrefatti di una città più grande,quando l’acqua calava a causa della siccità.“—Esgaroth, Lo Hobbit

Quasi 200 anni dopo il drago risvegliato da Bilbo è in procinto di devastare Esgaroth così nella canzone l’ultima strofa potrebbe essere un flash-back di Thorin  (i nani secondo Tolkien potevano vivere fino a 500-800 anni)

La VERSIONE PER IL FILM


I
Oh, misty eye (1) of the Mountain below
Keep careful watch of my brothers’ souls (2)
And should the sky be filled with fire and smoke
Keep watching over Durin’s son
II
If this is to end in fire
Then we should all burn together
Watch the flames climb higher into the night
Calling our father hold stand by (3)
and we will watch the flames
burn on and on (4)
the mountain side hey
III
And if we should die tonight
Then we should all die together
Raise a glass of wine for the last time
Calling our father hold
Prepare as we will watch the flames
burn on and on the mountain side
Desolation comes upon the sky
CHORUS
Now I see fire,
inside the mountain
I see fire,
burning the trees
And I see fire,
hollowing souls (5)
And I see fire,
blooding the breeze
And I hope that you’ll remember me
IV
Oh, should my people fall
Then surely I’ll do the same
Confined in mountain halls
We got too close to the flame
Calling our father hold fast
and we will watch the flames
burn on and on the mountain side
Desolation comes upon the sky
V
And if the night is burning
I will cover my eyes
For if the dark returns then
My brothers will die
And as the sky’s falling down
It crashed into this lonely town (7)
And with that shadow (8) upon the ground
I hear my people screaming out
FINAL CHORUS
I see fire, oh you know I saw a city burning
(fire)

And I see fire, feel the heat upon my skin
(fire)

And I see fire
(fire)

And I see fire
(burn on and on and mountains side)

Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Occhio velato di lacrime (1) ai piedi del Monte, sorveglio attento la sorte dei miei compagni (2)
e se il cielo dovesse riempirsi di fiamme e fumo, continuerò a proteggere il popolo di Durin
II
E se tutto dovrà finire con il fuoco
allora bruceremo insieme,
guardo le fiamme levarsi più in alto nella notte
in attesa, rivendico il possesso di nostro padre (3),
e noi guarderemo le fiamme (4)
bruciare ancora e ancora
sul fianco della montagna
III
E se dovremo morire stanotte
allora moriremo insieme,
alzo il calice (di vino) per l’ultima volta,
rivendico il possesso di nostro padre,
pronto non appena vedremo le fiamme
bruciare ancora e ancora il fianco della montagna,
la desolazione (7) viene dal cielo
CORO
Vedo il fuoco,
dentro la montagna
vedo il fuoco
bruciare gli alberi
e vedo il fuoco
scavare nell’anima (5)
vedo il fuoco
odorare di sangue la brezza (5bis)
e spero che tu ti ricorderai di me
IV
Se il mio popolo dovesse perire
anch’io farò lo stesso,
nascosti nelle sale della Montagna
ci siamo avvicinati troppo alla fiamma,
rivendico il possesso di nostro padre subito,
e guarderemo le fiamme
bruciare ancora e ancora il fianco della montagna
la desolazione viene dal cielo
V
Se la notte brucia
mi coprirò gli occhi (6)
perchè se ritornerà l’oscurità allora
i miei compagni moriranno
e mentre il cielo cadde,
(il drago) si schiantò su questa desolata città (7)
e con quest’ombra (8) sul terreno
odo il mio popolo urlare
ULTIMO CORO
Vedo il fuoco, sapete vidi una città bruciare
(fuoco)

e vedo il fuoco, sento il calore sulla pelle
(fuoco)

vedo il fuoco
(fuoco)

e vedo il fuoco (bruciare ripetutamente il fianco della montagna)

NOTE
1) il verso è stato anche interpretato in senso “mistico” come occhio velato dalle nebbie, una sorta di genius locis o divinità guardiana della Montagna Solitaria che veglia sui Nani. Ma io ritengo si tratti dello sguardo di re Thorin Scudodiquercia che prega per avere la forza d’animo di assolvere il suo compito di legittimo erede al trono dei Nani Lungobarbi, e proteggere la sua gente
2) in questo contesto brother’s souls  letteralmente “anime dei fratelli” è da intendersi nel senso di destino, fato dei compagni, sono i nani Lungobarbi (Longbeards) che abitavano le Montagne Nebbiose
3) si trova anche questa versione testuale: Calling out for the rope, sent by = seguendo la guida inviataci. Espressione o modo di dire riferito al mito del filo di Arianna e il labirinto (vedi) il verso collegherebbe la storia con Bilbo lo scassinatore. La frase a volte è semplicemente scritta come “Calling our father oh” = invoco nostro padre che potrebbe essere l’occhio mistico in apertura della canzone, una sorta come detto di nume tutelare; la mia lettura propende per la rivendicazione dell’eredità di Thorin e la sua discendenza “Calling our father hold
4) si trova anche questa versione testuale “Watch the flames burn auburn over” = vedremo le fiamme color rame bruciare; ma in altre versioni è scritto più semplicemente “the flames burn on and on”
5) il fuoco consuma non solo il corpo fisico ma anche dissolve la memoria di un popolo, la sua essenza
5bis) per simmetria dei versi è più logico considerare il verso in inglese come “blooding the breeze” invece di “blood in the breez”
6) qui inizia il flash-back di Thorin e in cui ritorna l’accento sugli occhi: nel verso iniziale sono aperti e velati dalle lacrime in quello finale sono chiusi perduti nel ricordo della distruzione di Dale e di Erebor
7) il presente con Smaug che vola sulla città in mezzo al lago si sovrappone al passato con la distruzione di Dale e Erebor
8) il corpo del drago una gigantesca ombra sul terreno, l’oscurità che ritorna e porta ancora desolazione

FONTI
http://chrsouchon.free.fr/korredf.htm
http://bifrost.it/GERMANI/2.Cosmogonia/04-Nani.html
http://www.maison-des-legendes.com/orig_korrigans.html
http://www.centrostudilaruna.it/il-piccolo-popolo-degli-elementi.html
https://unicornos.com/2016/01/26/gli-gnomi-coboldi-pigmei-nani/
https://wunderkammern.wordpress.com/2010/08/26/gli-gnomi/

FAIRIES STOLE BRIDGET

La messa in musica di un poemetto del poeta irlandese  William Allingham dal titolo The Fairies (1850) s’inserisce nella tradizione popolare celtica in cui poesia e canto sono tutt’uno, e i poeti sono anche musicisti che hanno imparato la musica perchè suonata in famiglia o assorbita attraverso  una quotidianità in cui la musica è il nutrimento dello spirito.
Detto ciò la canzone che propongo oggi è il parto di un personaggio talentuoso Anton Brejestovski musicista e compositore fondatore dei Caprice, il gruppo russo di musica neo-classica. Si colloca nel progetto “Elvenmusic” iniziato nel 2001 e articolato in tre cd, essendo questo il terzo con caratteristica più decisamente “fairy pop”. Ora se la musica celtica è la musica delle fate, questa è una musica ispirata al mondo di JRR Tolkien, strumenti della musica classica (arpe e archi, e il pianoforte) e folk (flauti, oboi, clarinetti, fisarmonica) in cui si insinua batteria, chitarra elettrica, sintetizzatori e altre diavolerie elettroniche.
Si sa che il tempo scorre in modo diverso  in Fairie e anche i tempi di questa musica sono strani 5/4, 7/4, l’effetto è sorprendente e come i critici amano definire “surreale”.  Una musica a tratti di difficile ascolto quasi disarmonica e stonata, ma che ti resta in testa come un chiodo fisso!
La piccola Brigida rapita dalle fate, ritorna nel mondo reale dopo sette anni e muore dal dolore; le fate la credono addormentata e le preparano un giaciglio di odorosi iris proprio in fondo al lago di montagna in cui vivono. Le fate di Allingham non sono creature benevole, e rapiscono i bambini e in particolare i neonati, per “nutrirsi” della loro forza vitale. (vedi)

ASCOLTA Caprice in “Tales of the Uninvited”, 2005 con un impronta neo-rinascimentale e fairy pop. I Caprice hanno inciso nel 2014 ben 13 cd (sono partiti nel 1996 con il primo album dal titolo Mirrow)
oppure vediamoli live


I
Up the airy mountain
Down the rushy glen,
Bridget walks a-chanting
Not heeding little men;
II
By the craggy hill-side,
Through the mosses bare,
They have planted thorn trees(1)
For pleasure here and there.
III
They come stealing people
On cold starry nights,
Make them sup (2) with Queen
And drink forgetfulness.
IV
Bridget stepped the circle(3)
seven years long (4);
When she came down again
Her friends were all gone.(5)
V
Sa tao fiose,(6)
Ale-ar, ale-ar, ale-ar
Sa fols intolio-o
Ale-ar, ale-ar
VI
Down along willowy banks
Bridget’s new home,
Scarlet berries, crispy pancakes
Of yellow tide-foam;
VII
Some in the reeds
Of the black mountain-lake,
With frogs for their watch-dogs ,
All night awake.
VIII
They took her lightly back
Between the night and morrow;
They thought she was fast asleep,
But she was dead with sorrow.(7)
IX
They have kept her ever since
Deep within the lake,
On a bed of flag leaves,
Waiting till she wake
Will she ever wake? – No!
Will she ever wake? – No!
Will she ever wake? – No!
Faeries stole Bridget…
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Su nelle montagne ventose
giù nelle valli di giunchi
Brigida cammina canticchianto
senza preoccuparsi del piccolo popolo
II
Sul fianco della collina scoscesa
e le brulle distese di torba
hanno piantato biancospini
qua e là per diletto
III
Vanno a rapire le persone
nelle fredde notte stellate,
per farli succubi della Regina
e bere per dimenticare
IV
Brigida si è fermata nel cerchio
per sette lunghi anni
e quando è ritornata
i suoi amici erano tutti morti
V
Sa tao fiose,
Ale-ar, ale-ar, ale-ar
Sa fols intolio-o
Ale-ar, ale-ar
VI
Giù per le rive dei salici
la nuova casa di Brigida
bacche scarlatte, frittelle croccanti
di gialla schiuma del mare,
VII
Altri (fanno le case) tra le canne
del Lago Scuro sul monte,
con ranocchi come guardiani
tutta la notte a vegliare.
VIII
Leggeri l’hanno portata indietro
tra la notte e il chiarore del giorno
credevano stesse dormendo,
ma lei era morta per il dolore.
IX
Da allora l’hanno custodita
nel profondo del lago
su un letto di foglie di iris
in attesa che si risvegliasse.
Riuscirà mai a svegliarsi? No
Riuscirà mai a svegliarsi? No
Riuscirà mai a svegliarsi? No
Le fate hanno rapito Brigida.

NOTE
in grassetto è stato riportato il testo così come scritto da William Allingham le altre strofe sono per lo più una sintesi dei versi contnuti sempre nel poemetto
1) le piante di biancospino su una collinetta sono chiaro indizio della presenza di una dimora delle fate
2) Creature un tempo venerate come dei, le fate sono andate  sempre più rimpicciolendosi, come una stirpe in decadenza. Secondo alcune opinioni le creature fatate sebbene abbiano una lunga vita, non sono tuttavia immortali e nei tempi della decadenza sono più frequenti i loro funerali.

John Anster Fitzgerald


3) il cerchio delle fate è un cerchio luminoso in cui le fate festeggiano danzand,o ma anche in cui compaiono tavoli imbanditi con le più appetitose vivande e coppe di vino o idromele, minuscole creature circondate da un aura di luce suonano, danzano e banchettano in allegria, mentre fuori dal cerchio magico la realtà diventa una nebbia indistinta. Il tempo però scorre in modo diverso in Faerie e danzare con le fate per qualche minuto equivale a far trascorrere sette anni  (oppure un anno e un giorno) sul piano del mondo reale o il mondo degli uomini, così al ritorno non si ritrovano più gli amici di un tempo.
4) un anno e un giorno oppure sette anni sono periodi di tempo canonici che aprono le porte dell’altro mondo; chi riesce a superare la barriera però, non ritorna mai a casa indenne.
5) Brigida  non ha più nessun parente a prendersi cura di lei.
6) come Tolkien anche Anton Brejestovski leader dei Caprice, ha creato una lingua, la lingua delle fate con tanto di grammatica e vocabolario. E’ il Laoris, al momento non sono riuscita a trovare la traduzione dei versi.
7) Una credenza condivisa con altre mitologie sugli inferi, assaggiare il cibo di Fairie mette in grave pericolo la salute di un umano. Il gusto di tale cibo è così intenso che un essere umano riuscito a ritornare nel mondo reale, non riescie più a saziarsi  e si strugge dal desiderio di cibo fatato fino a morire. Così a mio avviso la bambina è morta dal dolore per la perdita degli affetti umani e insieme per la nostalgia del mondo delle fate.

FONTI
http://digitalcommons.georgiasouthern.edu/cgi/viewcontent.cgi?article=1169&context=etd
http://amandacolon-kitkas.blogspot.it/2012/03/blog-entry-3-fairies-by-william.html
http://faeriemagick.com/the-faeries-william-alllingham/
http://www.enotes.com/homework-help/summary-poem-fairies-by-william-allingham-136177
http://prikosnovenie.com/groupes/capricek.html
http://sturmgeweiht.de/texte/?lang=de&act=text&band=190&titel=8768
http://wonderingminstrels.blogspot.it/2001/10/fairies-william-allingham.html
http://jasmoonbutterfly.blogspot.it/2009/11/fae-mythology-part-two.html