Hughie the Graham

Contrary to my usual, in which I go to find historical and anecdotal evidence on the characters of the ancient ballads, about Hughie Graeme, I just know that he is one of the many border reivers (the Lowlands Raiders) of medieval Scotland, a bully boy or a bandit, who, for a matter of honor, steals a mare to Bishop Aldridge of Carlisle (in English soil, just after the border). We are in about 1540 and our Hugh does not find a better way to take revenge on his horns; pursued by Sir John Scroope, captured and reported to Carlisle, he is tried and hanged for abigeate.
For the deepening of the story I refer to here
The ballad is classified by Child to the number 191 in several variations, but they are only two versions more popular in the folk revival: that of Robert Burns and that of sir Walter Scott.
On the other hand, we find the first print form in the “Pills to Purge Melancholy” by D’Urfey (1720), which transcribes the ballad with the title “The Life and Death of Sir Hugh of the Grime” (on the Chevy-chace melody) here
[Contrariamente al mio solito in cui mi picco di andare a scovare riscontri storici e aneddotici sui personaggi delle antiche ballate per Hughie Graeme mi basterà sapere che è uno dei tanti border reiver (i razziatori delle Lowlands) della Scozia medievale, un po’ testa calda, un po’ bandito, il quale per questioni d’onore ruba una giumenta al Vescovo Aldridge di Carlisle (in terra inglese, appena dopo il confine). Siamo nel 1540 circa e il nostro Ugo non trova modo migliore per vendicarsi delle corna; inseguito da Sir John Scroope, catturato e riportato a Carlisle, viene processato e impiccato per abigeato.
Per l’approfondimento della storia rimando a qui
La ballata è classificata nel corpus childiano al numero 191 in svariate varianti ma sono solo due le versioni più diffuse nel folk revival: quella di Robert Burns e quella di Walter Scott.
D’altro canto la prima forma in stampa la troviamo nel  “Pills to Purge Melancholy” di D’Urfey (1720) che trascrive la ballata con il titolo “The Life and Death of Sir Hugh of the Grime” (sulla melodia Chevy-chace) vedi]

Sir Walter Scott

We find a version similar to the one reported by D’Urfey just few centuries later in the Northumbrian Minstrelsy (1882) by Bruce and Stokoe, or the version of Sir Walter Scott already published in his Minstrelsy of the Scottish Border of 1803 (from William Laidlaw of Blackhouse)
[Una versione simile a quella riportata da D’Urfey la ritroviamo qualche secolo più tardi nel Northumbrian Minstrelsy (1882) di Bruce and Stokoe, ovvero la versione di Sir Walter Scott già pubblicata nel suo Minstrelsy of the Scottish Border del 1803 (da William Laidlaw di Blackhouse)]

Scocha in “Bordering on”, 2013  greatly reduce the verses to just under half
[riducono abbondantemente le strofe a poco meno della metà]

I
Gude Lord Scroope’s tae the hunting gane,
He has ridden o’er moss and muir;
And he has grippit Hughie the Graeme,
For stealing o’ the Bishop’s mare.
II
But as they were dealing their blows sae free,
And both sae bloody at the time,
Ower the moss came ten yeomen sae tail,
All for tae take brave Hughie the Graeme.
III
Then they hae grippit Hughie the Graeme,
And brought him up through Carlisle toon;
The lasses and lads stood on the walls,
Crying, ‘Hughie the Graeme, thou’se ne’er gae doon’!
IV
Then they hae chosen a jury of men,
The best that were in Carlisle toon;
And twelve o’ them cried oot at once,
‘Hughie the Graeme, thou must gae doon’!
V
‘If I be guilty’, said Hughie the Graeme,
Of me my friends shall hae talk?
And he has loup’d fifteen feet and three,
Though his hands they were ded behind his back.
VI
‘Fare ye weel, Maggie my wife!
The last time we came ower the muir,
‘Twas thou bereft me of my life,
And wi’ the Bishop thou play’d the whore.
VII
Here Johnie Annstrang, take thou my sword,
That is made o’ the metal sae fine;
And when thou comest tae the English side,
Remember the death of Hughie the Graeme’

English translation Cattia Salto
I
Good Lord Scroope’s to the hunting gone,
He has ridden over morass and moor;
And he has gripped Hughie the Graeme,
For stealing of the Bishop’s mare.
II
But as they were dealing their blows so free,
And both so bloody at the time,
Over the morass came ten yeomen so tail,
All for to take brave Hughie the Graeme.
III
Then they have gripped Hughie the Graeme,
And brought him up through Carlisle town;
The lasses and lads stood on the walls,
Crying, ‘Hughie the Graeme, thou’ll never go down’!
IV
Then they have chosen a jury of men,
The best that were in Carlisle town;
And twelve o’ them cried out at once,
‘Hughie the Graeme, thou must go down’!
V
‘If I be guilty’, said Hughie the Graeme,
Of me my friends shall have talk?
And he has leaping fifteen feet and three,
Though his hands they were ded behind his back.
VI
‘Farewell, Maggie my wife!
The last time we came over the moor,
it was you bereaved me of my life,
And with the Bishop thou played the whore.
VII
Here Johnie Annstrang, take thou my sword,
That is made of the metal so fine;
And when thou comest to the English side,
Remember the death of Hughie the Graeme’
traduzione italiana di Cattia Salto
I
Il buon Lord Scroope (1) è andato a caccia,
Galoppando per paludi e brughiere;
E ha arrestato Hughie Graeme (2),
Per aver rubato la giumenta del vescovo (3).
II
Ma mentre si davan colpi a destra e a manca(4)/Entrambi assetati di sangue (5),
Arrivan dalla palude dieci cavalieri(6) in fila,
A catturare il coraggioso Hughie Graeme.
III
Allora hanno arrestato Hughie Graeme,
E riportato alla città di Carlisle (7);
Le ragazze e i ragazzi stavan sugli spalti,
Urlando, ‘Hughie Graeme, non ti impiccheranno mai (8)’!
IV
Poi hanno scelto una giuria di uomini,
Il meglio che c’era nella città di Carlisle;
E dodici di loro gridarono insieme,
‘Hughie Graeme, tu dovrai essere impiccato’!
V
“Se sono colpevole- disse Hughie Graeme,-
Quali amici miei dovranno parlare per me (9)?”/E fece un balzo di cinque metri (10) / Anche se l
e mani erano legate dietro la  schiena.
VI
“Addio Maggie, moglie mia!
L’ultima volta che andammo nella brughiera
Sei stata tu a privarmi della vita,
E con il vescovo facevi la puttana.
VII
Vieni qui Johnie Annstrang (11), prendi tu la mia spada,/Fatta di un metallo ben temprato;
E quando sarai nella parte inglese,
Ricorda la morte di Hughie  Graeme ‘

NOTE
testo Scocha qui la versione estesa qui
1) Lord Scroope= John o Henry Scroope: the Warden of Carlisle and of the West March, he caught Hugh near Solway Moss [lo “sceriffo” di Carlise e della Marca Ovest che catturò Ugo vicino a Solway Moss]
2) According to Prof. Child, the Grahams were one of the greatest clans on the English-Scottish border in the late 16thcentury [Secondo il Prof. Child, i Graham furono uno dei più grandi clan del Border tra Inghilterra e Scozia nel tardo XVI secolo]
3) Robert Aldridge, Bishop of Carlisle, seduced Hugh Graham’s wife, and in revenge Graham staged a raid and stole the bishop’s horse [Robert Aldridge, vescovo di Carlisle, sedusse la moglie di Hugh Graham e, per vendicarsi, Graham organizzò una razzia e rubò il cavallo del vescovo]
4) Hugh is seen with sympathy, he is the “gentleman”, a skilled swordsman who falls into an ambush, against the sheriff’s men has no escape. [Ugo è visto con simpatia, è il “galantuomo” provetto spadaccino che però cade in un imboscata, contro gli uomini dello Sceriffo non ha scampo.  Riccardo venturi traduce “mentre si tiravan colpi a rondemà” e nella nota spiega: Termine tipicamente livornese, ma è a mio parere l’unico che rende bene quel che si dice nel testo originale. Il termine livornese deriva peraltro dal francese: à ronde main.(” tratto da qui)
5) both so bloody at that time=letteralmente entrambi così cruenti.  Venturi traduce tutt’e due all’ultimo sangue in quel frangente (ho omesso at that time perchè ridondante in italiano)
6) concordo e sottoscrivo la nota di Venturi :” Difficile tradurre bene yeoman (termine derivato storicamente da young man. In genere indica(va) un piccolo proprietario terriero che prestava servizio in fanteria, oppure si armava a difesa degli interessi del grande latifondista appartenente alla grande aristocrazia.
7) Venturi nella nota scrive: importante e storica città del Cumberland (a soli 16 km di distanza dallo Scottish Border). Il suo nome è di origine brittònica, qualcosa come Car L(e)uel “città di Luel”. Si ricordi che, comunque, la pronuncia standard di “Carlisle” è [kar’la:jl].
8) letteralmente: “non andrai mai giù” con un duplico significato, non penzolerai mai dalla forca ma anche “non tramonterai mai” in senso lato “non sarai mai sconfitto”, ma anche “non ti dimenticheremo mai”
9) the Scocha omitted various verses in which Ugo’s friends interceded in his defense
[gli Scocha saltano varie strofe in cui gli amici di Ugo intercedono in sua difesa]
10) ci sono due ipotesi di traduzione loup’d= leaping ad indicare un tentativo di fuga o un sobbalzo del cuore; ma anche loup’d= looped e io mi immagino Ugo legato come un salame e con un cappio già intorno al collo, per impedirgli ogni tentativo di fuga
11) The most infamous Johnny Armstrong (Black Jock of Gilnockie) was executed in 1530 so Hughie couldn’t ask him for revenge but there were other infamous John Amrmstrongs. Marsden suggests it could have been a reference to Jock o’ the Side who was contemporary and named in a petition made to the Scottish Queen by the said bishop.. one of the Grahams listed as being transported from the Borders to Ireland after James VI becomes King of England is a “Hugh’s Francie”. In other words a Francis Graham who’s father was called Hugh. Of course it doesn’t prove anything other than there were people called Hugh Graham living on the border in the 16thC. (from here[Il più famigerato Johnny Armstrong (Black Jock di Gilnockie) fu giustiziato nel 1530, quindi Ugo non poteva chiedergli vendetta, ma c’erano altri famigerati John Amrmstrongs. Marsden suggerisce che avrebbe potuto essere un riferimento a Jock o ‘the Side che era contemporaneo e nominato in una petizione fatta alla regina scozzese dal suddetto vescovo .. uno dei Graham elencato come confinato in Irlanda dopo che James VI divenne Re d’Inghilterra è un”Hugh’s Francie”. In altre parole, il padre di Francis Graham si chiamava Hugh. Ovviamente questo prova solo che c’erano persone chiamate Hugh Graham che vivevano nel Border del XVI secolo.]

A different melody is sung by Ewan MacColl who follows a motif learned from  Thomas Armstrong of Newcastle.
[Una diversa melodia è cantata da Ewan MacColl che segue un motivo imparato da Thomas Armstrong di Newcastle.]

Ewan MacColl in The English and Scottish Popular Ballads (The Child Ballads), Volume II {Bronson’s #6}

Ewan MacCall
Child #191 C*
I
Gude Lord Scroope’s to the hunting gane,
He has ridden oer moss and muir,
And he has grippet Hughie the Graeme,
For stealing o the bishop’s mare.
II
‘Now, good Lord Scroope, this may not be!
Here hangs a broad sword by my side,
And if that thou canst conquer me,
The matter it may soon be tryed.’
III
I neer was afraid of a traitor thief;
Although thy name be Hughie the Graeme,
I’ll make thee repent thee of thy deeds,
If God but grant me life and time.’
IV
‘Then do your worst now, goo Lord Scroope,
And deal your blows as hard as you can;
It shall be tried, within an hour,
Which of us two is the better man.’
V
But as they were dealing their blows so free,
And both so bloody ay the time,
Over the moss came ten yeomen so tall,
All for to take brave Hughie the Graeme.
VI
Then they hae grippit Hughie the Graeme,
And brought him up through Carlisle town;
The lasses and lads stood on the walls,
Crying, “Hughie the Graeme, thou’se neer gae down!”
VII
Then they hae chosen a jury of men,
The best that were in Carlisle town,
And twelve of them cried out at once,
Hughie the Graeme, thou must gae down!
VIII
Then up bespak him gude Lord Hume,
As he sat by the judge’s knee:
‘Twenty white owsen, my gude lord,
If you’ll grant Hughie the Graeme to me.’
IX
‘O no, O no, my gude Lord Hume,
Forsooth and sae it mauna be;
For were there but three Graemes of the name,
They suld be hanged a’ for me.’
X (omitted)
‘twas up and spake the gude Lady Hume,
As she sat by the judge’s knee:
‘A peck of white pennies, my good lord judge,
If you’ll grant Hughie the Graeme to me.’
XI (omitted))
‘O no, O no, my gude Lady Hume,
Forsooth and so ti mustna be;
Were he but the one Graeme of the name,
He suld be hanged high for me.’
XII
‘If I be guilty,’ said Hughie the Graeme,
‘Of me my friends shall hae small talk;’
And he has loupd fifteen feet and three,
Though his hands they were tied behind his back.
XIII
He looked over his left shoulder,
And for to see what he might see;
There was he aware of his auld father,
Came tearing his hair most piteouslie.
XIV
‘O hald your tongue, my father,’ he says,
‘And see that ye dinna weep for me!
For they may ravish me of my life,
But they canna banish me fro heaven hie.
XV
‘Fare ye weel, fair Maggie, my wife!
The last time we came ower the muir
‘Twas thou bereft me of my life,
And wi the bishop thou playd the whore.
XVI (omitted)
‘Here, Johnnie Armstrang, take thou my sword,
That is made o the metal sae fine,
And when thou comest to the English side
Remember the death of Hughie the Graeme.’

traduzione italiana di Cattia Salto **
I
Il buon Lord Scroope  è andato a caccia,
Galoppando per paludi e brughiere;
E ha arrestato Hughie Graeme,
Per aver rubato la giumenta del vescovo.
II
“Ora buon Lord Scroope, non c’è storia!
Ho qui lo spadone al mio fianco,
E se riesci a vincermi,
La questione sarà presto risolta”
III
“Non ho mai temuto un traditore e ladro,
Anche se ti chiami Hugh Graeme;
Ti farò pentire delle tue azioni,
Se solo Dio mi darà vita e avventure (1).”
IV
“Allora fai del tuo peggio, buon Lord Scroope,
E assesta i tuoi colpi più forte che puoi;
Si vedrà entro un ora
Chi dei due sarà il migliore.”
V
Ma mentre si davan colpi a destra e a manca/Entrambi assetati di sangue,
Arrivan alla palude dieci cavalieri in fila,
A catturare il coraggioso Hughie Graeme.
VI
Allora hanno arrestato Hughie Graeme,
E riportato alla città di Carlisle;
Le ragazze e i ragazzi stavan sugli spalti,
Urlando, ‘Hughie Graeme, non sarai mai impiccato’!
VII
Poi hanno scelto una giuria di uomini,
Il meglio che c’era nella città di Carlisle;
E dodici di loro gridarono insieme,
‘Hughie Graeme, tu dovrai essere impiccato’!
VIII
Allora parlò il buon Lord Hume
Mentre si mise in ginocchio davanti al giudice:/venti bianchi buoi, mio buon Lord
Se mi darai Hughie Graeme”
IX
O no, no mio buon Lord Hume,
Proprio così deve essere!
Se ci fossero tre Graeme con lo stesso nome,
Per me dovrebbero essere impiccati tutti .”
X
Allora parlò la buona Lady Hume
Mentre si mise in ginocchio davanti al giudice: una borsa d’argento (2) mio buon Lord giudice/ Se mi darai Hughie Graeme”
XI
O no, no mia buona Lady Hume,
Proprio così deve essere!
Se anche fosse il solo Graeme con quel nome,
Dovrebbe essere impiccato in alto per me”
XII
“Se sono colpevole- disse Hughie Graeme,-
I miei amici dovranno parlare per me?”
E fece un balzo di cinque metri
Anche se l
e sue mani erano legate dietro la  schiena.
XIII
Gettò uno sguardo dietro alla spalla sinistra (3)
Per vedere chi poteva scorgere;
Si accorse allora del suo vecchio padre
Che arrivava strappandosi i capelli come supplice.
XIV
“Frena la tua lingua padre, -dice lui-
E vedi di non piangere per me!
Perchè mi possono portare via la vita
Ma non possono bandirmi dall’Alto de’ Cieli. (4)”
XV
“Addio bella Maggie, moglie mia!
L’ultima volta che andammo nella brughiera
Sei stata tu a privarmi della vita,
E con il vescovo facevi la puttana.
XVI
Vieni qui Johnnie Armstran, prendi tu la mia spada,/
Fatta di un metallo ben temprato;
E quando sarai nella parte inglese,
Ricorda la morte di Hughie  Graeme ‘

NOTE
* da http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=Child_d19103
** vedasi anche la traduzione del buon Venturi qui
1) life and time: credo sia l’equivalente del nostro “tempo e modo”, ma ho tradotto un po’ più letteralmente
2) peck is an ancient unit of measurement that was used for grain. White penny is the old silver coin used in the Middle Ages
[il peck è un’antica unità unità di misura che si usava per la granaglie; in italiano si traduce come moggio, in senso lato indica una grande quantità. White penny è la vecchia moneta in argento in uso nel Medioevo]
3) Tied up and condemned to die, Hughie the Graeme is powerless to defend himself and as such he presented as the less dominant of the two main characters. Here, the formula indicates the
character’s despair, which is expanded in the following verse, where all he can do is assure
his grieving father that he will go to heaven. (noted from here)
[legato e condannato a morire, Hughie the Graeme non ha il potere di difendersi e come tale si presenta come il meno dominante dei due personaggi principali. Qui, la formula indica 
la disperazione del personaggio, che si espande nel verso seguente, dove tutto ciò che può fare è assicurare il padre addolorato che andrà in paradiso]
4) a profession of innocence, maybe Hugh has not stolen the mare but it is all a plot of the bishop to keep his wife
[una professione d’innocenza, forse Ugo non ha rubato la giumenta ma è tutta una macchinazione del Vescovo per potersi prendere sua moglie]

Robert Burns

For publication in the Scots Musical Museum the bard of Scotland collects the ballad of Hughie Graeme from the oral tradition of the Ayrshie, reworking some verses and adding some of his own. [Per la pubblicazione nello Scots Musical Museum il bardo di Scozia raccoglie la ballata di Hughie Graeme dalla tradizione orale dell’Ayrshie, rimaneggiando alcune strofe e aggiungendone di sue]

June Tabor live Tune mostly adapted from the Appalachian piece The Falls of Richmond. She recorded a version of this song on ‘An Echo of Hooves’ in 2003 [Melodia tratta dal brano appalachiano “The Falls of Richmond. registrò una versione per  ‘An Echo of Hooves’ 2003]

Malinky in The Unseen Hours 2005

Ian Bruce in Robert Burns: Scotland’s First Superstar, Vol. 1, 2014

Ian F. Benzie in Robert Burns the Complete Songs vol. 5, 1996

The Corries live 1974 (I, III, VIII, XI, XII, XIV)
lyrics here
intro spoken
The popular conception of a Scotsman is of a kilted Highlander on top of this hill, way up in the Highlands somewhere, clutching a claymore, and shouting, “Wha’s like us …”. But down in the Borders there used to be quite a martial scene, too, because that’s after all where the English stopped – or were stopped, I should say. And the Border clans, the Lowland clans used to be quite warlike, in particular the Graham. Clan Graham used to occupy the debatable land. They were always untameable.
[L’idea popolare di uno scozzese è quella di montanaro con il kilt in cima a una collina, da qualche parte nelle Highlands, che stringe uno spadone e grida “Non c’è nessuno come noi!”. Ma giù nella Marca un tempo c’era pure una  scena abbastanza marziale, perché dopotutto è dove gli inglesi si fermavano – o sono stati fermati, dovrei dire. E i clan del Border, i clan di pianura erano piuttosto bellicosi, in particolare i Graham. Il clan Graham era solito occupare la terra della discordia. Erano sempre indomabili.]

Child #191 B *
I
Our Lords are to the mountains gone,
A-hunting of the fallow deer;
They have grippit Hughie Graeme
For stealing of the bishop’s mare.
II
They have bound (tied) him hand and foot,
And led him up through Carlisle (1) town;
All the lads (and lasses) along the way
Cried, “Hughie Graeme you shall hang.”
III
“Loose my right hand free, he says,
Put my broadsword in my hand;
There’s none in Carlisle town this day,
Dare tell the tale (2) to Hughie Graeme.”
IV
Up and spake the good Whitefoord,
As he sat by the Bishop’s knee,
“Five hundred white stots (3) I’ll give you,
If you’ll give Hughie Graeme to me. (4)”
V
“Hold your tongue, my noble lord,
And of your pleading let it be,
Although ten Graemes were in this court,
Hughie Graeme this day shall die.”
VI
Up and spake the fair Whitefoord,
As she sat by the Bishop’s knee;
“Five hundred white pence I’ll give you,
If you’ll let Hughie Graeme go free.”
VII
“Hold your tongue, my lady fair,
And of your weeping let it be;
Although ten Graemes were in this court,
It’s for my honour he must die.”
VIII
They’ve ta’en him to the hanging hill(5)
And led him to the gallows tree;
Ne’er the colour left his cheek,
Nor ever did he blink his eye.
IX
Then he’s looked him round about,
Al for to see what he could see;
There he saw his father dear,
Weeping, weeping bitterly.
X
“Hold your tongue, my father dear,
And of your weeping let it be;
It sorer, sorer grieves my heart (6)
Than all that they could do to me.
XI
And you may give my brother John
My sword that’s made of the metal clear;
And bid him come at twelve of the clock
And see me pay the Bishop’s mare.
XII
And you may give my brother James
My sword that’s made of the metal brown;
And bid him come at four of the clock
And see his brother Hugh cut down.
XIII
Remember me to Maggy my wife,
The next time ye come o’er the moor;
Tell her, she stole the Bishop’s mare,(7)
Tell her, she was the Bishop’s whore.
XIV
And you may tell my kith and kin,
I never did disgrace their blood;
And when they meet the Bishop’s cloak,
Leave it shorter by the hood.” (8)
Traduzione italiana di Cattia Salto
I
I nostri Lord sono andati sulle montagne
A cacciare il daino
Hanno arrestato Hughie Graeme,
Per aver rubato la giumenta del vescovo.
II
Lo hanno legato mani e piedi
E riportato alla città di Carlisle (1);
I ragazzi (e le ragazze) lungo il cammino,
Urlavano, ‘Hughie Graeme, sarai impiccato’!
III
“Liberate la mia mano destra-dice lui-
e mettetemi lo spadone in mano;
Non c’è nessuno a Carlisle questo giorno
Che oserà raccontare favole a(2) Hughie Graeme.”
IV
Si alzò a parlare il buon Lord Whitefoord,
E s’inginocchiò davanti al vescovo:
“Darei cinquecento giovani buoi (3)
Se voi mi darete Sir Hugh Graeme.” (4)
V
“Frenate la lingua, mio buon Lord
Smettetela con questa supplica!
Anche se ci fossero dieci Graeme in questa corte,/ Hugh Graeme morirà oggi.”
VI
Si alzò a parlare la bella Whitefoord
E s’inginocchiò davanti al vescovo:
“Darei cinquecento misure d’argento
Se farete liberare Hugh Graeme.”
VII
“Frenate la lingua, mia bella Lady 
E smettetela con la lagna!
Anche se ci fossero dodici Graeme in questa corte,/ E’ per il mio onore, che deve morire”
VIII
Lo hanno portato alla collina della forca (5)
E messo sotto la forca
Mai il colore lasciò le sue guance
E nemmeno strizzò gli occhi
IX
Allora lui si guardò dietro alla spalla sinistra
Per vedere cosa riusciva scorgere;
Si accorse allora del suo amato padre
Che piangeva, piangeva amaramente 
X
“Taci, mio amato padre,
E smettila di piangere!
Ciò mi addolora assai più (6)
Di tutto quello che potrebbero farmi
XI
E tu darai a mio fratello John
la mia spada che è fatta d’acciaio
e pregalo di venire alle 12 in punto
Per vedermi pagare la giumenta del Vescovo
XII
E tu darai a mio fratello James
la mia spada che è fatta d’acciaio brunito
e pregalo di venire alle 4 in punto
Per vedere suo fratello Hugh penzolare”
XIII
“Ricordami a Maggy mia moglie;
La prossima volta che passerai per la brughiera,
Dille che lei rubò la giumenta del Vescovo (7),
dille che era lei la puttana del Vescovo. 
XIV
E dirai ai miei cari
Che non ho mai disonorato il loro lignaggio
E quando incontreranno il mantello del Vescovo
Che lo accorcino dal cappuccio (8)”

NOTE
* see the Scottish text published in the SMM [si veda il testo in scozzese pubblicato nello SMM]
1)  Robert Burns places the process further north, in Stirling (‘Strievelin toun’)
[Robert Burns colloca il processo più a nord, a Stirling (‘Strievelin toun’ )]
2) credo che l’espressione equivalga al nostro “fare la festa” nel senso di uccidere
3) young oxen
4) If ye’ll let Hughie Graham gae free
5) gallows hill
6) to see his father’s tears is more painful for Hugh than the gallow tree
[vedere il padre in lacrime è per Ugo più doloroso della prospettiva di finire impiccato
7) heavy insult against the bishop who in other versions was not so explicit
[pesante insulto nei confronti del vescovo che in altre versioni non era così esplicito]
8) let take his head! [che gli taglino la testa!]


Tay ammarey, O Londonderry

Ewan MacColl resumes the melody transcribed by Gavin Greig from the testimony of Mrs Lyall of Skene, near Aberdeen (Aberdeenshire). This tune was also later used by Fairport Convention for their ballad Sir Patrick Spens
[Ewan MacColl riprende la melodia trascritta da Gavin Greig dalla testimonianza delle signora Lyall di Skene, vicino ad Aberdeen (Aberdeenshire). La melodia è stata usata più tardi dai Fairport Convention per la loro ballata Sir Patrick Spens]

Ewan MacColl & Peggy Seeger – Hughie the Graeme in Classic Scots Ballads, 1956 {for tune cf. Bronson’s #4}

Ewan MaCall
Child #191 E *
I
The Laird o’ Hume he’s a huntin’ gone
Over the hills and mountains clear,
And he has ta’en Sir Hugh the Grame
For stealin’ o’ the Bishop’s mear.
chorus
Tay ammarey, O Londonderry
Tay ammarey, O London dee.
II
They hae ta’en Sir Hugh the Grame
And led him doon through Strievling toon,
Fifteen o’ them cried oot at ance,
“Sir Hugh the Grame he must gae doon!”
III
“Were I to die,” said Hugh the Grame
“My parents would think it a very great lack”
Full fifteen feet in the air he jumped
Wi’ his hands bound fast behind his back.
IV
Then oot and spak the Lady Black,
And o’ her will she was right free,
“A thousand pounds, my lord, I’ll give
If Hugh the Grame set free to me.”
V
“Haud your tongue, ye Lady Black
And ye’ll let a’ your pleading be!
Though ye would gie me thousands ten
It’s for my honour he would die.”
VI
Then oot it spak her Lady Hume
And aye a sorry woman was she,
“I’ll gie ye a hundred milk-white steeds
Gin ye’ll gie Sir Hugh the Grame to me.”
VII
“O Haud your tongue, ye Lady Hume
And ye’ll let a’ your pleading be!
Though a’ the Grames were in this court,
He should be hanged high for me.”
VIII
He lookit ower his left shoulder
It was to see what he could see,
And there he saw his auld faither
Weeping and wailing bitterly.
IX
“O, haud your tongue, my auld faither
And ye’ll let a’ your mournin’ be!
For if they bereave me o’ my life
They canna haud the heavens frae me.”
X
“You’ll gie my brother, John, the sword
That’s pointed with the metal clear,
And bid him come at eight o’clock
And see me pay the Bishop’e mear.”
XI
“And brother James, tak’ here the sword
That’s pointed wi’ the metal brown
Come up the morn at eight o’clock
And see your brother putten down.”
XII
Ye’ll tell this news to Maggie, my wife
Neist time ye gang to Strievling toon,
She is the cause I lose my life
She wi’ the Bishop played the loon.

Traduzione italiano Cattia Salto
I
Il Laird di Hume è andato a caccia
sulle colline e le montagne
E ha sorpreso Sir Hughie Graeme,
A rubare la giumenta del vescovo.
coro
Tay ammarey, O Londonderry
Tay ammarey, O London dee.
II
Lo hanno legato mani e piedi
E condotto per la città di Stirling;
Una quindicina (1) di loro urlava con una sola voce: ‘Sir Hughie Graeme, sarà impiccato’!
III
“Se dovessi morire- disse Hughie Graeme,-
I miei genitori la considereranno una grande perdita”/E fece un balzo di 15 piedi in aria
Con le mani legate strette dietro la  schiena.
IV
Si alzò a parlare Lady Black,
E di sua spontanea volontà:
“Darei mille sterline mio signore
Se mi libererete Hugh Graeme.”
V
“Frenate la lingua, voi Lady Black
Smettetela con questa supplica!
Anche se me ne dareste diecimila,
E’ per il mio onore, che deve morire”
VI
Poi si alzò a parlare Lady Hume
E si una donna affranta lei era:
“Vi darei un centinaio di bianchi destrieri
Se mi darete Sir Hugh Graeme.”
VII
“Frenate la lingua, voi Lady Hume
Smettetela con questa supplica!
Anche tutti i Graeme fossero in questa corte,
Dovrebbe essere impiccato in alto per me”
VIII
Lui si guardò dietro alla spalla sinistra
Per vedere cosa riusciva scorgere;
Si accorse allora del suovecchio padre
Che piangeva e piagnucolava amaramente 
IX
“Taci, mio amato padre,
E smettila di piangere!
Perchè mi possono portare via la vita
Ma non possono bandirmi dal Paradiso”
X
Darai a mio fratello John la spada
Che è fatta d’acciaio
e pregalo di venire alle 8 in punto
Per vedermi pagare la giumenta del Vescovo”
XI
“E fratello James prendi la spada
Che è fatta d’acciaio brunito
Ritorna al mattino alle 8 in punto
Per vedere suo fratello penzolare
XII
“Darai la notizia a Maggie, mia moglie;
La prossima volta che passerai per Stirling,
Per colpa sua ho perso la vita,
Lei con il Vescovo saltava la cavallina”(2) 

NOTE
* from here
1) the judges obviously not impartial [sono i giurati ovviamente per niente imparziali]
2) to play the loun= to behave unchastely, commit fornication

And finally let’s enjoy this instrumental version of the Duo Menguy – Le Pennec
[E per finire godiamoci questa versione strumentale del Duo Menguy – Le Pennec]

FONTI
http://walterscott.eu/education/ballads/reiver-ballads/hughie-the-graeme/
http://71.174.62.16/Demo/LongerHarvest?Text=ChildRef_191
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=57570&lang=it
https://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=2749
https://mainlynorfolk.info/june.tabor/songs/hughiegraeme.html
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/479.html

http://mysongbook.de/msb/songs/h/hughtheg.html
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=144233

Old Blind Dogs

Il gruppo Old Blind Dogs nasce nell’ultima decade del 1900 in un periodo musicale di contaminazioni e fusion, non solo musica tradizionale scozzese ma anche  melodie dalla Galizia e Bretagna oltre a qualche composizione propria.
Loro vivono nell’Aberdeenshire e prediligono le percussioni un po’ afro e le sonorità blues: niente bodhran dunque o batteria ma conga e djembè di Fraser Stone.
E proprio questa loro caratteristica che li distingue dalle altre formazioni folk scozzesi, il repertorio di antiche ballate del nord-est della Scozia cantate in dialetto. Varie le line-up con elemento propulsore del gruppo, la sua anima, il violinista Jonny Hardie, d’impostazione classica ma dal cuore folk, che suona anche all’occorrenza chitarra, mandolino e bouzouki (e canta). Altro depositario della tradizione è stato Ian F. Benzie chitarrista e cantante per tutti gli anni 90, e tuttavia gli arrangiamenti del gruppo non sono orientati a forme tradizionali. Si prenda come esempio il set strumentale “The Walking Nightmare / The Shopgirl /Croix Rousse” (in Five, 1997)

Il gruppo vince nel 2004 e nel 2007 il prestigioso Scots Trad Music Awards come folk band dell’anno.

Play live (2007) è  il nono album la registrazione live del loro tour del 2004 negli Stati Uniti e Canada: l’album racchiude i pezzi migliori della band e la grinta live del gruppo.

La voce del gruppo è stata dal  1990 al 1999 Ian F. Benzie a cui subentra Jim Malcolm (una voce calda, morbida e vellutata, dagli accenti blues): entrambi sono stati coinvolti nel progetto di Fred Freeman per la Linn Records con il titolo di “The Complete Song of Robert Burns” (1996 & 2002)
Nel 1996 il gruppo si assesta in una formazione di quintetto con  l’aggiunta della cornamusa e pur modificando ancora la line-up diffonde il suo stile per il mondo.
Nel 2007 Jim abbandona il gruppo e nonostante  venissero dati per spacciati gli Old Blind Dogs proseguono l’attività restando definitivamente un quartetto, significativo l’album del dopo Jimmy intitolato “Four on the Floor” dice Hardie in un’intervista “For me it was a matter of going back to thinking of the original sound of Old Blind Dogs. The band was a four piece for six years and, in many ways, I prefer the sound of four–with everyone having to work a little harder. We now have the ingredients for everyone to contribute songs rather than a front man and three backing singers. Because we all have a responsibility, we tend to focus on making sure the harmonies are right.” (tratto da qui)

Da The Gab O Mey (2003): 10 tracce divise tra song e brani strumentali tra cui spicca il  Breton&Galician set, dapprima violino e whistle suonano una melodia bretone accompagnati dalla chitarra e poi subentra la gaita e l’atmosfera diventa quella di una Terra Galenga. Il pipaiolo è Rory Campbell figlio di un piper dell’isola di Barra che suona fin da bambino la little-pipe e il whistle

Da Four on the Floor (2007): il brano per l’ascolto è intitolato Gaelic song ma è la canzone in gaelico scozzese “Latha dhomh ’s mi ’m Beinn a’ cheathaich” conosciuta con il nome inglese di Misty Mountain . 

Old Blind Dogs live California WorldFest 2009: la voce è del violinista Jonny Hardie affiancato da Ali Hutton (whistle e border pipes), Aaron Jones (bouzouki) e Fraser Stone (percussioni). Sono rimasti in quattro ma ci mettono l’anima, lo strumentale finale (lungo quasi come la parte cantata) è da mozzafiato con i duetti cornamusa-violino e irish-bouzouki+percussioni

Da Wherever Yet May Be 2010

CAMERA CON VISTA

Nell’ultimo cd (il tredicesimo uscito in primavera 2017 e da ascoltare tutto qui) accanto a Jonny Hardie  Aaron Jones (attivo già dal 2003 con il bouzouki e voce ), Ali Hutton (cornamusa, whistles nella formazione dal 2008), e una percussione/batteria rock con la new entry di  Donald Hay (tra i più ricercati percussionisti sulle scene folk scozzesi e più in generale inglesi) . Il Cd, dopo sei anni da “Wherever Yet May Be”, s’intitola “Room with a view”  e in copertina (foto di Archie MacFarlane) campeggia tra erica e felci, il rudere di un caminetto in pietra accanto a cui viene ricreato un salottino stile vecchia Scozia con l’immancabile bottiglia di whisky : 9 tracce di tutto rispetto per lo più strumentali (l’unico difetto del Cd è essere troppo breve), coinvolgenti sia nei set di danza che nelle melodie, e la morbida fusione di quattro “vecchi” talenti musicali,

Saranno anche ciechi questi cani ma sanno benissimo quale direzione prendere! Beviamo alla salute degli Old Blind Dogs!

In alto Ali Hutton; in basso da sinistra: Donald Hay, Aaron Jones, Jonny Hardie

JIM MALCOLM

Scozzese purosangue del Perthshire, cantautore nonchè sensibile interprete della tradizione (e in particolare di Robert Burns, ma anche di Robert Tannahill)  suona anche egregiamente l’armonica a bocca. Ha registrato 14 album come solista e 4  come voce leader del gruppo Old Blind Dogs.
Si definisce come l’ultimo “Scots troubadour” che gira il mondo con la sua chitarra: con la sua voce intensa, ricca e sensibile riesce a coinvolgere il pubblico creando un clima d’intimità, delicato e tenero.
ASCOLTA Fields of Angus

In occasione del 250 esimo anniversario di Robert Burns si è vestito come lui e ha registrato un dvd Bard Hair Day (2009)

Alcune delle canzoni scritte da Jim (a volte partendo da un frammento di un vecchio testo, una poesia o una vecchia melodia) sono diventati dei classici del circuito folk scozzese.

Segui il tag Old blind dogs e il tag Jim Malcolm
FONTI
https://www.oldblinddogs.co.uk/
https://oldblinddogs.bandcamp.com/releases

https://www.jimmalcolm.com/

Pentangle: The Cruel Sisters

Bonny_Swan_by_SarachmetLa ballata “The two sisters” è originaria dalla Svezia o più in generale  dai paesi scandinavi (in epoca pre-cristiana) ma si è diffusa largamente  anche in alcuni paesi dell’Est e nelle isole britanniche.
The murder ballad “The two sisters” originates from Sweden or more generally from the Scandinavian countries  but has spread widely also in some Eastern countries and in the British Isles.

The Merciless Lady (Dante Rossetti, 1865)

Nel dipinto di Rossetti si esplora ancora il triangolo amoroso e se la rappresentazione ha sicuramente una rispondenza nella biografia del pittore (qui) è anche altrettanto evidente la citazione alla ballata “The two sisters”: i tre protagonisti sono seduti sotto ad un pergolato con il giovane pretendente nel mezzo e sebbene la sua mano sia intrecciata a quella della dama bruna, tutta la sua attenzione è rivolta verso la fanciulla bionda intenta a cantare e a suonare il salterio.
In Rossetti’s painting the love triangle is explored too and if the representation certainly has a correspondence in the painter’s biography (here) it is also equally evident the quote to the ballad “The two sisters”: the three protagonists are seated under a bower with the young pretender in the middle and although his hand is intertwined with that of the brown lady, all his attention is turned towards the fair lady intent on singing and playing the psaltery.
L’atteggiamento del giovane è ambiguo, sicuramente non terrebbe per mano la dama bruna se tra di loro non ci fosse un legame (e nella ballata è proprio la sorella maggiore ad essere la promessa sposa), ma l’interesse verso  la dama bionda è fin troppo evidente! Tre calici sono ai piedi dei protagonisti due vicini a toccarsi e il terzo vuoto e dalla parte della sorella bionda: ne preannuncia la morte imminente?
The young man’s attitude is ambiguous, surely he would not hold the brown lady by the hand if there was not a bond between them ( in the ballad the elder sister is the bride-to-be), but the interest in the blonde lady is too obvious! Three glasses are at the feet of the protagonists, two neighbors to touch each other and the third empty by the part of the blonde sister: is it an announce of her imminent death?

SECONDA VERSIONE: THE CRUEL SISTER
(Second versione: The Cruel Sister)

La versione inglese mantiene la storia già vista in “Binnorie” saltando a piè pari il ritrovamento del cadavere da parte del mugnaio (e anche il suo eventuale ruolo nella vicenda, ruolo che emergerà invece nelle versioni americane).
The English version maintains the story already seen in “Binnorie” but without the finding of the corpse by the miller (and also its eventual role in the story, a role that will emerge in the American versions instead).
“In questa versione sempre nelle Child ballads non c’è traccia del mugnaio, né della figlia dal mugnaio, però inizia con una signora che viveva vicino alla spiaggia del Nord e che partorisce due sorelle, una bionda e l’altra bruna.
La bionda è paragonata alla luce del sole mentre la mora è nera come il carbone, minerale sotterraneo ritenuto vicino al diavolo. Si ricordi che la ballata ha origini scandinave, dove la maggior parte delle genti era bionda o rossa e che quelli che avevano i capelli neri erano i diversi, talvolta i nemici di altre tribù lontane. Non a caso nella loro mitologia, che è diventata comune anche nel resto d’Europa, la fata buona è bionda mentre la strega ha sempre i capelli neri. “(Giordano Dall’Armellina)
In this version in the Child ballads too, there is no trace of the miller, nor the daughter of the miller, but it begins with a lady who lived near the North Sea strand and who gives birth to sisters, one blonde and the other black.
The blonde is compared to the sunlight while the black one is as black as coal, an underground mineral believed to be near the devil.
It is recalled that the ballad has Scandinavian origins, where most of the people were blond or red and that those who had black hair were different, sometimes the enemies of other distant tribes. Not by chance in their mythology, which has become common in the rest of Europe, the good fairy is blonde while the witch always has black hair. “(Giordano Dall’Armellina)

Furono i Pentangle a riportare in auge la ballata quasi dimenticata
It was the Pentangles who brought back this almost forgotten ballad
Pentangle in Cruel Sister (1970) .
Melodia (Tune) Riddles Wisely Expounded 

Old Blind Dogs in “Close to the Bone“,1993
Nella prima formazione con la voce di Ian F. Benzie, il gruppo ha ripreso l’arrangiamento dei Pentangle aggiungendoci un bel po’ di ritmo, ma tagliando un po’ di strofe e modificando qualche verso (testo qui)
in the first formation with the voice of Ian F. Benzie, the group has resumed the arrangement of the Pentangle adding a lot of rhythm, but cutting a bit of verses and changing some verse (text here)

Bedlam Boys (Gregor Harvey & Grant Foster)
riportano la ballata in una versione più aderente alla vena renaissance folk
They report the ballad in a version closer to the vein renaissance folk.
They report the ballad in a version closer to renaissance folk

Pentangle
There lived a lady by the north (1) sea shore
Lay the bairn tae the bonnie broom (2)
Twa daughters were the bairns she bore
Fa la la la la la la la la la
As one was as bright as is the sun
Sae coal black grew the elder one (3)
A knight came riding to the ladies’ door
He travelled far to be their wooer
He courted one, with gloves and rings (4),
But he loved the other above all things
“Oh sister will you go  with me
To watch the ships sail on the sea?”
She took her sister by the hand
And led her down to the North Sea strand.
And as they stood on that windy shore
The dark girl threw her sister o’er
Sometimes she sank, sometimes she swam
Crying, “Sister, reach to me your hand”
“Oh Sister, Sister, let me live,
And all that’s mine I’ll surely give.”
“(It’s) your own true love that I’ll have and more,
But thou shalt never come ashore.”
And there she floated just like a swan(5)
The salt sea bore her body on
Two minstrels walked along the strand
They saw the maiden,  float to land
They made a harp of her breastbone(6)
Whose sound would melt a heart of stone
They took three locks of her yellow hair
And wi’ them strung that harp so rare
They went into her father’s hall
To play the harp before them all,
But when they laid it on a stone
The harp began to play alone.
The first string sang a doleful sound:
“The bride her younger sister drowned.”
The second string as that they tried,
In terror sits the black-haired bride.
The third string sang beneath their bow,(7)
“And surely now her tears will flow
traduzione italiano di Cattia Salto*
Viveva una dama presso la costa del Mare del Nord (1),/poni il giunco con la  bella ginestra (2)
Due figliole erano le bimbe che lei partorì
Fa la la la la la la   la la la
Mentre una cresceva luminosa come il sole,
nera come il carbone così cresceva la più grande (3).
Un cavaliere arrivò cavalcando alla porta delle dame,
veniva da lontano per essere il loro pretendente.
Ne corteggiò una con guanti e anelli (4),
Ma amava l’altra sopra ogni cosa.
“Oh sorella vuoi venire con me
A guardare le navi salpare?”
Prese la sorella per mano
E la portò alla spiaggia del Mare del Nord.
E mentre stavano sulla costa battuta dal vento
La ragazza bruna vi gettò la sorella.
Talvolta affondava, talvolta nuotava,
gridando, “Sorella, dammi la mano!
Oh sorella lasciami vivere
E tutto ciò che è mio te lo darò per certo”
“Avrò il tuo innamorato  e tutto il resto
se tu non ritornerai più a terra”
E lì galleggiava proprio come un cigno,(5)
Il mare salato sosteneva il suo corpo.
Due menestrelli camminavano lungo la spiaggia
E videro la fanciulla che il mare aveva portato a terra.
Fecero un’arpa con il suo sterno (6),
Il cui suono scioglierebbe un cuore di pietra.
Presero tre ciocche dei suoi capelli biondi,
E con loro montarono le corde di quell’arpa senza pari.
Andarono al castello di suo padre
Per suonare l’arpa davanti a tutti loro
Ma quando la posarono su una pietra
L’arpa iniziò a suonare da sola.
La prima corda cantò con suono lamentoso:
“La sposa affogò la sorella minore”
Non appena toccarono la seconda corda la sposa dai capelli neri ristette nel terrore.
La terza corda cantò sotto il loro archetto (7),
“E di sicuro ora le sue lacrime scorreranno”

NOTE
* rielaborata dalla traduzione di Giordano Dall’Armellina
1) nel codice delle ballate britanniche il Nord è inteso dagli ascoltatori come negativo e quindi nel richiamarlo li prepara a qualcosa di luttuoso.
in the code of the British ballads the North is understood by the listeners as negative and therefore in recalling it prepares them for something mournful.
2) il significato dell’intercalare Lay the bairn tae the bonnie broom è stato a lungo dibattuto, alcuni traducono “bent” nel senso di “ricurvo” e quindi come un modo di descrivere l’horn cioè il corno (richiamando il corno o la tromba dell’elfo nella ballata “The Elfin Knight“) altri invece riconducono il termine all’Inglese antico (derivato dal sassone) nel senso di pianta o cespuglio della brughiera ossia l’erica o più in genera il giunco; la traduzione proposta da Dall’Armellina –poni il giunco con la bella ginestra- è una sorta di codice che introduce una storia di corteggiamento. La frase è contenuta nella canzone Riddles Wisely Expounded sempre nelle Child Ballads dalla quale i Pentangle hanno tratto la melodia: in cui si descrive una prova d’intelligenza tra il diavolo e la fanciulla saggia per la risoluzione di una serie di indovinelli. La frase avrebbe un significato di protezione contro il male, ma potrebbe anche voler dire: “spazza con tanta forza fino a piegare la scopa” cioè “metti un po’ di forza nello spazzare il pavimento” e quindi essere un intercalare umoristico senza senso come per il fa la la la seguente. Un’altra possibile interpretazione traduce la frase come “Danza intorno alla vecchia quercia
the meaning of the interlayer Lay the bairn tae the bonnie broom has long been debated, some translate “bent” in the sense of “curved” and then as a way of describing the horn (recalling the horn or the trumpet elf in the ballad “The Elfin Knight”) others instead bring the term to the ancient English (derived from the Saxon) in the sense of plant or bush of the moor or the heather or more in generates the rush; the phrase is contained in the song Riddles Wisely Expounded always in the Child Ballads from which the Pentangle have drawn the melody:it describes a test of intelligence between the devil and the wise girl for the resolution of a series of riddles. The phrase would have a meaning of protection against evil, but it could also mean: “sweep so hard to bend the broom” that is “put a little ‘force in sweeping the floor” and then be a meaningless humorous interlayer like for the fa la la the following. Another possible interpretation translates the phrase as “Dance around the old oak”
3) altro linguaggio codificato per indicare chi è la fanciulla buona e chi quella cattiva. La fanciulla bionda è quella solare, positiva, mentre la fanciulla bruna è quella oscura, negativa.
another coded language to indicate who is the good girl and who the bad one. The blond girl is solar, positive, while the dark girl is the dark, negative.
4) Dare l’anello e un guanto era una promessa di matrimonio. Il secondo guanto veniva dato nel giorno delle nozze. Come da consuetudini ad essere corteggiata era la sorella maggiore , si tratta con evidenza di un matrimonio combinato in cui però il giovane si innamora della sorella più giovane
Giving the ring and a glove was a promise of marriage. The second glove was given on the wedding day. Customary the older sister was courted first, it was a matter of a arranged marriage. in which however the young falls in love with the younger sister
5) La gelosia è il movente (premeditato) dell’omicidio: mentre le due sorelle passeggiano per ammirare le barche in mare la bruna getta la bionda nell’acqua, il cui corpo resterà a galla sostenuto dalla forza del mare, come se fosse un candido cigno che nuota. Anche in questo casa il paragone oltre ad essere poetico sottolinea la purezza e l’innocenza della fanciulla che si presume non abbia incoraggiato le avance del pretendente.
Jealousy is the motive (premeditated) of the murder. The comparison emphasizes the purity and innocence of the girl who is presumed not to have encouraged the advances of the suitor.
6) si tratta ovviamente di un’arpa magica, infatti non appena posata su una pietra si mette a cantare da sola. Qui si fa riferimento alla credenza vichinga secondo la quale l’anima risiede nelle ossa (le ossa dei morti accusano i loro assassini). La sorella assassina che stava per andare in sposa viene smascherata dal fantasma della sorella e sicuramente sarà punita come merita.
a magical harp, in fact, as soon as it is placed on a stone, it begins to sing alone. Here we refer to the Viking belief that the soul resides in the bones (the bones of the dead accuse their murderers). The killer sister who was about to marry, is unmasked by her sister’s ghost and will surely be punished as she deserves.
7) sebbene nella strofa precedente si indichi harp come il nome dello strumento è lecito presumere che si tratti della crotta o lyra ad arco: detto anche “rotta” o “rotta germanica”-per sottolineare il suo areale nordico- lo strumento può essere dotato anche di una tastiera centrale e si suona con l’archetto essendo probabilmente l’antenata del violino. In Galles porta il nome di crwth (mentre in Irlanda è detta cruith) e la tastiera centrale porta le sei corde di cui due le drone strings (“corde fannullone”) sono di bordone. Questo strumento, che gli studiosi sono incerti se ritenere totalmente autoctono ed attribuito all’area scandinava, compare verso il II° sec, si presenta in una forma analoga a quella attuale intorno al VII sec. (vedi)
it is reasonable to assume that in the Scandinavian versions the instrument was in reality an arched crwth or lyra: also called “Germanic crwth” – to underline its northern origin – the instrument can also be equipped with a central keyboard and you play with the bow being probably the ancestor of the violin. In Wales it is called crwth (while in Ireland it is called cruith) and the central keyboard bears six strings, two of which the drone strings (“loafer string”). This instrument, which scholars are uncertain if they consider it to be completely indigenous and attributed to the Scandinavian area, (see

Una rivisitazione della ballata è quella del gruppo Omnia che la intitolano Harp of Death
A reinterpretation of the ballad comes from the Omnia group who name it Harp of Death
Omnia in  Prayer 2016

Omnia
I
There lived a lady on the North Sea shore
Lay te bent to the bonnie broom
She had two daghters that she adored
Fa la la la la la la la la la
II
The youngest daughter born to sweet delight
The eldest daughter born to greed and spite
III
A knight came for the fairest in the land
He was promised the young girl’s hand
IV
Grimmest envy in the elder grew
She planned to steal her sister’s lover true
V
“Oh darling sister won’t you come with me”
“To watch the swans swimming in the sea?”
VI
On the rocks were the mermaids sing
The elder sister pushed the younger in
VII
“Oh cruel sister, please let me live”
“And all that’s mine to you I’ll give”
VIII
“I’ll take your true love and I’ll take more”
“For I never let you come ashore”
IX
The fair girl drowned beneath the North Sea foam
Her broken body washed upon the stones
X
Three witches found her in the dead of night
And wove a spell to put her soul at right
XI
The made a harp out of her skin and bone
The tuning pegs made from her finger bones
XII
They took nine locks of her golden hair
And with them strung the harp so rare
XIII
They took the harp on to her mother’s hall
And set it down to play before them all
XIV
The harp of Death began to play alone
The sweetest song to melt a heart of stone
XV
Golden strings rang out a truthful sound
“The elder sister has the younger drowned”
XVI
Strings of sorrow made of golden curls
wreak their vengeance on the black-haired girl
XVII
The song ends here dark and low
“And surely now her blood will flow”
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Viveva una dama presso la costa del Mare del Nord, poni il giunco con la  bella ginestra 
Aveva due figlie che adorava
Fa la la la la la la  la la la
II
La figlia più giovane nata per deliziare
la figlia più grande per disperare
III
Un cavaliere arrivò per la più bella sulla terra
gli fu promessa la mano della più giovane
IV
La più grande era divorata dall’invidia
e intendeva rubare l’innamorato alla sorella
V
“Oh cara sorella vuoi venire con me
A guardare i cigni che nuotano nel mare?”
VI
Sugli scogli dove le sirene cantano
la sorella maggiore spinse giù la più giovane.
VII
“Sorella crudele, lasciami vivere
E tutto ciò che è mio te lo darò”
VIII
“Avrò il tuo innamorato  e tutto il resto
perchè non ti lascerò venire sulla riva”
IX
La ragazza bionda annegò disotto alle onfe del Mare del Nord
il corpo martoriato emerso sulle pietre
X
Tre streghe la trovarono nel cuore della notte
e fecero un incantesimo per la sua anima
XI
Fecero un’arpa dalla sua pelle e ossa
i piroli ricavati dalle ossa delle dita.
XII
Presero nove ciocche dei suoi capelli biondi,
e montarono le corde a quell’arpa senza pari.
XIII
Portarono l’arpa al castello di sua madre
Per suonare l’arpa davanti a tutti loro
XIV
L’arpa della Morte iniziò a suonare da sola
il canto più dolce da fondere un cuore di pietra
XV
Le corde dorate riecheggiarono un canto veritiero: “la sorella maggiore ha affogato la  minore”
XVI
Corde di dolore fatte di riccioli d’oro
si presero la loro vendetta sulla ragazza dai capelli neri
XVII
La canzone finisce qui tetra e a bassa voce
“E di sicuro ora il suo sangue scorrerà”

 

LINK
Giordano  Dell’Armellina: “Racconti comuni in ballate italiane, svedesi e  britanniche: un confronto
Giordano  Dell’Armellina: “Ballate Europee da Boccaccio a Bob Dylan”.
http://www.musicaememoria.com/pentangle_cruel_sister.htm
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=49269&lang=it

WHAT CAN A YOUNG LASSIE DO WI’ AN AULD MAN

“What can a young lassie do wi’ an auld man?” è una canzone tradizionale scozzese scritta da Robert Burns nel 1791 su di una vecchia melodia già pubblicata nel “Pocket Caledonian Companion” di James Oswald (1759) con il titolo What shall I do with an old man?.

Non mancano mai canzoni tradizionali (infarcite di doppi sensi) sui problemi matrimoniali tra sposi con una grande differenza d’età, unioni del resto non insolite per i vecchi uomini benestanti, spesso vedovi che cercavano in una giovane moglie la possibilità di una discendenza; ovviamente un tempo la giovane promessa sposa non aveva voce in capitolo e subiva le manovre “interessate” dei genitori. Una volta sposata la donna era in tutto e per tutto una schiava dell’uomo, doveva infatti compiacere il marito in ogni sua richiesta, e non solo: gli doveva essere devota, gli si doveva rivolgere con umiltà e naturalmente doveva accudirlo amorevolmente! (vedi)
Così la nostra eroina si trova disperata a subire le vessazioni di un vecchio.. ma i consigli della vecchia zia Mary decisamente più smaliziata, sono subito accolti con entusiasmo: maltrattarlo e tormentarlo per farlo andare al più presto sottoterra!!

Joseph Henderson (1832–1908) 'What Can a Young Lassie Dae wi an Old Man?'
Joseph Henderson (1832–1908) ‘What Can a Young Lassie Dae wi an Old Man?’

LA MELODIA
ASCOLTA The Birnam Quartet

ASCOLTA Ewan MacColl

ASCOLTA Phil Holland voce ed arpa

ASCOLTA Ian F.Benzie una versione decisamente più briosa

VERSIONE SMM (1792)
I
What can a young lassie,
what shall a young lassie,
What can a young lassie
do wi’ an auld man?
Bad luck on the penny
that tempted my minnie
To sell her puir Jenny
for siller an’ lan'(1).
II
He’s always compleenin’
frae mornin’ to e’enin’,
He hoasts and he hirples(2)
the weary day lang;
He’s doylt and he’s dozin(3),
his blude it is frozen (4),
O, dreary’s the night
wi’ a crazy auld man!
III
He hums and he hankers(5),
he frets and he cankers(6),
I never can please him
do a’ that I can;
He’s peevish an’ jealous
o’ a’ the young fellows, –
O, dool on the day
I met wi’ an auld man!
IV
My auld auntie Katie
upon me taks pity,
I’ll do my endeavour
to follow her plan;
I’ll cross him an’ wrack(7) him,
until I heartbreak him
And then his auld brass(8)
will buy me a new pan(9)
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Che cosa può una giovane ragazza
Che cosa deve una giovane ragazza
Che cosa può una giovane ragazza
fare con un vecchio?
Maledetto il penny
che ha tentato mia madre
a vendere la sua povera Jenny
per danaro e terreni.(1)
II
Sta sempre a lamentarsi
da mane a sera,
tossisce e zoppica
per tutto il santo giorno;
è stupido ed è quasi in fin di vita (3),
il suo sangue è congelato (4),
oh triste è la notte
con un vecchio pazzo.
III
Canticchia e gongola (5),
tasta e brontola (6),
non riesco mai ad accontentarlo
facendo tutto il possibile;
è scontroso e geloso
di tutti i giovanotti.
Oh luttuoso il giorno
che ho incontrato un vecchio.
IV
La vecchia zia Katie
si è mossa a pietà per me
e farò del mio meglio
per seguire il suo piano;
lo ostacolerò e tormenterò
finche gli si spezzerà il cuore
e con il suo vecchio ottone(8)
mi comprerò una nuova padella(9)

TRADUZIONE INGLESE (qui)
NOTE
1) la donna era considerata un bene mobile da cui trarre profitto, alla stregua di una mucca
2) hirples = limps;
3) dozin = almost lifeless;
4) il riferimento è esplicitamente sessuale
5) hankers = wavers;
6) cankers = snarls;
7) wrack = tease
8) cioè con i suoi soldi
9) cioè mi rifarò una nuova vita

FONTI
http://www.cobbler.plus.com/wbc/poems/translations/619.htm http://www.educationscotland.gov.uk/ scotlandssongs/secondary/whatcanayounglassie.asp http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/RcWCAYLD.html http://www.recmusic.org/lieder/get_text.html?TextId=38554 http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-iv,-song-316,-page-327-what-can-a-young-lassie-do-wi-an-auld-man.aspx
http://www.bbc.co.uk/arts/yourpaintings/paintings/what-can-a-young-lassie-dae-wi-an-old-man-190147