Outlander: Wool Waulking Songs

Leggi in italiano

FROM  OUTLANDER SAGA

Diana Gabaldon

“Hot piss sets the dye fast,” one of the women had explained to me as I blinked, eyes watering, on my first entrance to the shed. The other women had watched at first, to see if I would shrink back from the work, but wool-waulking was no great shock, after the things I had seen and done in France, both in the war of 1944 and the hospital of 1744. Time makes very little difference to the basic realities of life. And smell aside, the waulking shed was a warm, cozy place, where the women of Lallybroch visited and joked between bolts of cloth, and sang together in the working, hands moving rhythmically across a table, or bare feet sinking deep into the steaming fabric as we sat on the floor, thrusting against a partner thrusting back.”
(From DRAGONFLY IN AMBER, Chapter 34, “The Postman Always Rings Twice”. Copyright© 1992 by Diana Gabaldon.)
The Scottish women have developed a particular technique for the twisting of the tweed, that woolen fabric from Scotland, warm, resistant and almost indestructible, used by fishermen and shepherds to keep warmer in a climate so cold and windy.
Cloth were “mistreated” by a group of women sitting around a table with 4 beat: first, the fabric is banged on the table in front of you, then slammed towards the center of the table, then returned to the initial position and then is passed to the next woman (clockwise). To count the time and make the work less monotonous the women sang some songs, there was the ban dhuan (or the song-woman) that directed the song, while the others followed her in the refrain. After some songs the fabric was softer, thicker, and more tightly woven.

OUTLANDER TV, season I: “Rent”

In Outlander TV serie this glimpse of life in a scottish village of eighteenth-century, is developed in the Dougal Mackenzie’s journey, as he collects rents from the tenants of Castel Leoch. Claire goes on the road with Dougal, and almost by chance, she hears some voices and sees the women as they are waulking the tweeds.

Outlander I, episode 5: Mo Nighean Donn

English transaltion*
Oh how my mind is heavy
as I’m north west of the Storr (1)
[Sèist:]
My brown haired girl hò gù Hì rì rì hù lò
My brown haired girl hò gù.
My brown haired girl, I remark
thee
At the fair of the young women.
[Sèist]
Hì rì rì hù lò  My brown haired girl hò gù.
And we will walk hand in hand
[Sèist]
Hì rì rì hù lò  My brown haired girl hò gù.
Regardless of any living elders (2).

Gur e mise tha fo ghruaim
‘S mi ‘n taobh tuath dhan an Stòr.
[Sèist:]
Mo nigh’n donn hò gù Hì rì rì hù lò
Mo nigh’n donn hò gù 
Mo nigh’n donn shònruich mi fhéin thu
ann an broad nam ban òg
[Sèist]
Hì rì rì hù lò Mo nigh’n donn hò gù 
‘S bidh mo làmh na do làimh
[Sèist]
Hì rì rì hù lò Mo nigh’n donn hò gù 
Dh’aindeoin èildeir tha beò.

NOTES
1)  The Storr is a rocky hill on the Trotternish peninsula of the Isle of Skye in Scotland
2) Similar expressions are recurrent in popular songs when a young couple “swimmed against the tide” about courtship and don’t followed the tradition.  (celtic wedding)

Clair takes part in the fulling of the tweed and sings with the village women. The ban dhuan is Fiona Mackenzie

Two are the Wool Waulking Songs  in  Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack) 
Latha Siubhal Beinne Dhomh” and “Mo Nighean Donn” (a tribute to Claire’s brown hair)

Latha Siubhal Beinne Dhomh

Originally from the island of Barra “Latha Siubhal Beinne Dhomh” (One day as I roamed the hills) is about a man roaming around the Highlands, who comes across a beautiful young girl gathering herbs; these accidental encounters on the moors (between the heather and the broom in bloom) are the subject of many traditional Scottish songs from ancient origins, and often man is not limited to the request for a kiss! The girl rejects him because she considers him a vagabond. As usual in the choice of musical tracks, the lyrics always have an affinity with the story told in the saga.

Hi ill eo ro bha ho
Hi ill eo bhòidheach
‘S na hi ill eo ro bha ho

English translation*
One day as I was traveling a hill
A day of traveling moorland
I met a girl
beautiful, tresses in her hair
A little knife in her hand
As she was reaping daisies
As she was reaping watercress
I went over to her
And I asked her for a kiss
“Oh, oh, my! (1)
O hairy old man! (2)


(It’s in my own father’s house
That the company would be found:
Twenty hatted-men
A dozen cloaked women
With white towels
Spread out on tables
With clay cups
And glasses full of beer)”


Latha siubhal beinne dhomh
Latha siubhal mòintich
Thachair orm gruagach
Dhualach, bhòidheach
Sgian bheag na làimh
‘S i ri buain neòinean
‘S i ri buain biolaire
Theann mi null rithe
Dh’ iarr mi pòg oirre
Ud! Ud! Ud-ag araidh!
A bhodachain ròmaich


(‘S ann an taigh m’ athar fhèin
Gheibht’ an còmhlan
Fichead fear adadh ann
Dusan bean cleòca
Tubhailtean geal aca
Sgaoilt’ air bhòrdaibh
Cupannan crèadh’ aca
‘S glainneachan beòraich)

NOTES
1) or “Hoots toots!”
2) or ” you shaggy old man!”, a shaggy peasant

Mo Nighean Donn

“Mo Nighean Donn” (My brown-haired lass) does not have a real meaning, it seems more than the ban dhuan to report the gossip of the moment.  Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack) 
Dougie MacLean in Whitewash 1990 
(a Celtic song with instrumental parts and male voice)

English translation*
Oh how my mind is heavy
as I’m north west of the Storr
[choir]
My brown haired girl hò gù Hì rì rì hù lò
My brown haired girl hò gù.
Right now I’m in the loch by forest
And Effie will not be joning me.
The militia has been risen
And that will take away the young lads from us.
They will be out for a month
This will not leave us full of sadness.
My brown haired girl who gained recognition
At the fair of the young women.
My brown haired girl won a bet
Where the warriors were encamped
I’m tired of setting my nets
In the lower parts of each cove.
(I will head over the hill
Where there is the beautiful young women.
And we will walk hand in hand
Regardless of any living elders.
And my hand will be around you
Though I’d prefer to embrace you.
And if I manage to reach over to you
You’ll get a crown in your hand.
You’ll get that and something better
A good, young, strong sailor.)

Gur e mise tha fo ghruaim
‘S mi ‘n taobh tuath dhan an Stòr.
[Sèist]
Mo nigh’n donn hò gù Hì rì rì hù lò
Mo nigh’n donn hò gù
‘N-dràst’ an loch fada choill
‘S nach tig Oighrig nam chòir.
Thog iad a’ mhailisi suas
‘S bheir siud bhuainn gillean òg.
Cha bhi iad a-muigh ach mìos
‘S cha bhi ‘n cianalas oirnn.
Mo nighean donn choisinn cliù
Ann an cùirt nam ban òg.
Mo nighean donn choisinn geall
Far na champaich na seòid.
Tha mi sgìth cur mo lìon
Ann an iochdar gach òb.
Thèid mi null air a’ bheinn
Far eil loinn nam ban òg.
(‘S bidh mo làmh na do làimh
Dh’aindeoin èildeir tha beò.
‘S bhiodh mo làmh mud chùl bhàn
Gad a gheàrrt’ i mun dòrn.
Ach ma ruigeas mise null
Gheibh thu crùin na do dhòrn.
Gheibh thu sin is rud nas fheàrr
Maraiche math làidir òg.)

LINK
http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/latha_siubhal_beinne_dhomh/
http://s3.spanglefish.com/s/10130/documents/songs/latha%20siubhal%20beinne%20dhomh.pdf
https://virtualgael.files.wordpress.com/2017/05/lathasiubhalbeinne.pdf
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/39128/10
http://www.smo.uhi.ac.uk/gaidhlig/alltandubh/orain/Latha_Siubhal_Beinne.html

http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/mo_nighean_donn/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/97218/1;jsessionid=F3FF526DC4C88B40F544EE4E1332E1D6
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/100031/1
http://totalsketch.com/shed-life/

Outlander: Wool Waulking Songs

Read the post in English

DALLA SAGA OUTLANDER

Diana Gabaldon

Nel libro “”Il ritorno” (capitolo 11) della saga Outlander scritta da Diana Gabaldon Claire è invitata dalle donne di Lallybroch a prendere un tè e assiste alla follatura del tweed che si svolge in un apposito capanno “riservato” alle donne della tenuta
““Hot piss sets the dye fast,” one of the women had explained to me as I blinked, eyes watering, on my first entrance to the shed. The other women had watched at first, to see if I would shrink back from the work, but wool-waulking was no great shock, after the things I had seen and done in France, both in the war of 1944 and the hospital of 1744. Time makes very little difference to the basic realities of life. And smell aside, the waulking shed was a warm, cozy place, where the women of Lallybroch visited and joked between bolts of cloth, and sang together in the working, hands moving rhythmically across a table, or bare feet sinking deep into the steaming fabric as we sat on the floor, thrusting against a partner thrusting back.” continua
Le donne scozzesi hanno elaborato una tecnica particolare per la follatura del tweed, quel tessuto di lana originario dalla Scozia, caldo, resistente e pressoché indistruttibile, utilizzato dai pescatori e pastori per tenersi più al caldo in un clima così freddo e ventoso.
Per infeltrire la lana ma in modo uniforme e migliorane le prestazioni  le pezze di stoffa venivano “maltrattate” da un gruppo di donne sedute introno ad un tavolo (precedentemente immerse in grandi tinozze piene di urina); il movimento della battitura consisteva in 4 tempi: prima si sbatteva il tessuto sul tavolo davanti a sé, poi si sbatteva verso il centro del tavolo, quindi si riportava alla posizione iniziale e infine lo si passava alla donna successiva (in senso orario). Per contare il tempo e rendere meno monotono il lavoro le donne cantavano delle canzoni, c’era la  ban dhuan (ovvero la donna-canzone) che dirigeva il canto, mentre le altre la seguivano nel ritornello. Dopo qualche canzone il tessuto diventava più morbido, ma anche più compatto e resistente.

OUTLANDER TV, stagione I: “Riscossione”

Nella serie televisiva questo scorcio di vita nei villaggi della Scozia settecentesca è sviluppato nel giro di Dougal  Mackenzie di Castel Leoch presso gli affittuari per la riscossione dei tributi. Quasi per caso Clarie sentento delle voci, si avvicina alle donne mentre infeltriscono il tweed.

Outlander I episodio 5: Mo Nighean Donn

Gur e mise tha fo ghruaim
‘S mi ‘n taobh tuath dhan an Stòr.
[Sèist:]
Mo nigh’n donn hò gù Hì rì rì hù lò
Mo nigh’n donn hò gù 
Mo nigh’n donn shònruich mi fhéin thu
ann an broad nam ban òg
[Sèist]
Hì rì rì hù lò Mo nigh’n donn hò gù 
‘S bidh mo làmh na do làimh
[Sèist]
Hì rì rì hù lò Mo nigh’n donn hò gù 
Dh’aindeoin èildeir tha beò.

Traduzione inglese*
Oh how my mind is heavy
as I’m north west of the Storr
My brown haired girl hò gù
Hì rì rì hù lò
My brown haired girl hò gù.
My brown haired girl, I remark thee
At the fair of the young women.
And we will walk hand in hand
Regardless of any living elders.
Traduzione italiana Cattia Salto
Oh quali pensieri tormentati
mentre sono a nord ovest di Storr (1)
la mia brunetta hò gù
Hì rì rì hù lò
la mia bella brunetta.
O mia brunetta, ti ho notata
al mercato delle belle fanciulle
e cammineremo mano nella mano
nonostante tutti i pettegoli (2)

NOTE
1) il “vecchio uomo di Storr” (the Old Man of Storr) è un pinnacolo di basalto alto una cinquantina di metri che sorge sull’Isola di Skye, la più grande delle Ebridi Interne (Scozia)
2) letteralmente “nonostante tutti gli antenati” cioè a dispetto delle tradizioni. Espressioni simili sono ricorrenti nei canti popolari quando una giovane coppia andava “contro corrente” cioè non si seguivano le tradizioni in merito al corteggiamento: erano i genitori a combinare le unioni, in genere tra persone della stessa classe sociale e mezzi economici, i bei ragazzi ma senza arte ne parte, potevano ricevere il consenso solo in vista di un’improvvisa fortuna  (matrimonio celtico)

 

Clair partecipa alla follatura del tweed e canta insieme alle donne del villaggio. La ban dhuan è Fiona Mackenzie

Le Wool Waulking Songs sono due in  Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack) 
la prima più veloce “Latha Siubhal Beinne Dhomh“, la seconda vista nel video “Mo Nighean Donn” (un omaggio ai capelli castani di Claire)

Latha Siubhal Beinne Dhomh

Originaria dell’isola di Barra,  la canzone parla di un uomo in giro per le Highland che s’imbatte in una bella fanciulla intenta a raccogliere delle erbe, questi incontri fortuiti nelle brughiere (tra l’erica e la ginestra in fiore) sono il soggetto di molti canti tradizionali della Scozia dalle origini antiche e spesso l’uomo non si limita alla richiesta di un bacetto! La fanciulla lo respinge perchè lo reputa un vagabondo. Come consuetudine nella scelta delle tracce musicali i testi hanno sempre un’attinenza con la storia narrata nella saga.

Hi ill eo ro bha ho
Hi ill eo bhòidheach
‘S na hi ill eo ro bha ho
Latha siubhal beinne dhomh
Latha siubhal mòintich
Thachair orm gruagach
Dhualach, bhòidheach
Sgian bheag na làimh
‘S i ri buain neòinean
‘S i ri buain biolaire
Theann mi null rithe
Dh’ iarr mi pòg oirre
Ud! Ud! Ud-ag araidh! (1)
A bhodachain ròmaich
(‘S ann an taigh m’ athar fhèin
Gheibht’ an còmhlan
Fichead fear adadh ann
Dusan bean cleòca
Tubhailtean geal aca
Sgaoilt’ air bhòrdaibh
Cupannan crèadh’ aca
‘S glainneachan beòraich)

Traduzione inglese*
One day as I was traveling a mountain
A day of traveling moorland
I met a girl
beautiful, tresses in her hair
A little knife in her hand
As she was reaping daisies
As she was reaping watercress
I went over to her
And I asked her for a kiss
“Oh, oh, my! (1)
O hairy old man! (2)
(It’s in my own father’s house
That the company would be found:
Twenty hatted-men (3)
A dozen cloaked women
With white towels
Spread out on tables
With clay cups
And glasses full of beer)”
Traduzione italiana Cattia Salto
Un giorno che ero in viaggio per i monti
un giorno che ero in viaggio per la brughiera incontrani una ragazza
dalle belle trecce
con un piccolo pugnale tra le mani
stava tagliando delle margherite
e raccoglieva il crescione.
Mi sono avvicinato
e le ho chiesto un bacio.
“Smamma bello
Vattene zoticone!
(Nella mia dimora di famiglia
si trovano nobili genti
una ventina di uomini con il cappello
una dozzina di donne con il mantello
bianche tovaglie
stese sui tavoli
con tazze di percellana
e bicchieri pieni di birra.)”

NOTE
il canto è stato tramandato in una versione più estesa  e le strofe mancanti sono state messe tra parentesi
1) l’espressione tradotta anche come “Hoots toots!”  è un modo colloquiale per respingere una persona sgradita
2) anche tradotto come ” you shaggy old man!” letteralmente “piccolo vecchio peloso” vecchio ha un significato colloquiale che non necessariemnte indica una persione anziana, nel contesto la frase è un appellativo rivolto a un vagabondo malandato, dai capelli lunghi e la barba incolta, anche bifolco
3) indossare il cappello è d’obbligo per un gentiluomo

Mo Nighean Donn

La canzone “Mo Nighean Donn” (la mia ragazza castana) non ha un vero e proprio significato, sembra più altro che la ban dhuan  riferisca i gossip del momento. La versione in  Outlander: Season 1, Vol. 2 (Original Television Soundtrack)  è più lunga rispetto alla versione nelle riprese
Dougie MacLean in Whitewash 1990 
Negli anni 40-50 con il tramonto della lavorazione artigianale (in particolare dell’Harris Tweed) queste canzoni di lavoro sono diventate occasione di session dimostrative o sono passate nei repertori di alcuni gruppi di musica celtica con l’inserimento di parti strumentali e voci maschili.

Gur e mise tha fo ghruaim
‘S mi ‘n taobh tuath dhan an Stòr.
[Sèist]
Mo nigh’n donn hò gù Hì rì rì hù lò
Mo nigh’n donn hò gù
‘N-dràst’ an loch fada choill
‘S nach tig Oighrig nam chòir.
Thog iad a’ mhailisi suas
‘S bheir siud bhuainn gillean òg.
Cha bhi iad a-muigh ach mìos
‘S cha bhi ‘n cianalas oirnn.
Mo nighean donn choisinn cliù
Ann an cùirt nam ban òg.
Mo nighean donn choisinn geall
Far na champaich na seòid.
Tha mi sgìth cur mo lìon
Ann an iochdar gach òb.
Thèid mi null air a’ bheinn
Far eil loinn nam ban òg.
(‘S bidh mo làmh na do làimh
Dh’aindeoin èildeir tha beò.
‘S bhiodh mo làmh mud chùl bhàn
Gad a gheàrrt’ i mun dòrn.
Ach ma ruigeas mise null
Gheibh thu crùin na do dhòrn.
Gheibh thu sin is rud nas fheàrr
Maraiche math làidir òg.)

Traduzione inglese*
Oh how my mind is heavy
as I’m north west of the Storr
My brown haired girl hò gù Hì rì rì hù lò
My brown haired girl hò gù.
Right now I’m in the loch by the forest
And Effie will not be joning me.
The militia has been risen
And that will take away the young lads from us.
They will be out for a month
This will not leave us full of sadness.
My brown haired girl who gained recognition
At the fair of the young women.
My brown haired girl won a bet
Where the warriors were encamped
I’m tired of setting my nets
In the lower parts of each cove.
I will head over the hill
Where there is the beautiful young women.
And we will walk hand in hand
Regardless of any living elders.
And my hand will be around you
Though I’d prefer to embrace you.
And if I manage to reach over to you
You’ll get a crown in your hand.
You’ll get that and something better
A good, young, strong sailor.
Traduzione italiana Cattia Salto
Oh quali pensieri tormentati
mentre sono a nord ovest di Storr (1)
la mia brunetta hò gù Hì rì rì hù lò
la mia bella brunetta hò gù
In questo momento sono al lago vicino alla foresta
e Effie non mi sta canzonando.
La milizia è stata ripristinata
e questo porterà via i giovani da noi.
Staranno fuori per un mese
questo  non mancherà di lasciarci pieni di tristezza.
O mia moretta , ti ho notata
al mercato delle belle fanciulle
La mia ragazza bruna ha vinto una scommessa
dove erano accampati i guerrieri
Sono stanco di gettare le reti
nelle parti basse di ogni baia.
Io andrò oltre la collina
dove ci sono le belle donne
giovani.
e cammineremo mano nella mano
nonostante tutti i pettegoli(2)
E la mia mano ti terrà stretta
anche se preferirei abbracciarti
E se riuscirò a raggiungerti (3)
ti metterò una corona tra le mani.
Avrai quella e ancor meglio
un bravo marinaio, giovane e forte

NOTE
il canto è stato tramandato in una versione più estesa  e le strofe mancanti sono state messe tra parentesi
1) il “vecchio uomo di Storr” (the Old Man of Storr) è un pinnacolo di basalto alto una cinquantina di metri che sorge sull’Isola di Skye, la più grande delle Ebridi Interne (Scozia)
2) letteralmente “nonostante tutti gli antenati” cioè a dispetto delle tradizioni. Espressioni simili sono ricorrenti nei canti popolari quando una giovane coppia andava “contro corrente” cioè non si seguivano le tradizioni in merito al corteggiamento: erano i genitori a combinare le unioni, in genere tra persone della stessa classe sociale e mezzi economici, i bei ragazzi ma senza arte ne parte, potevano ricevere il consenso solo in vista di un’improvvisa fortuna .
3) il ragazzo è partito per mare in cerca di un buon guadagno, al suo ritorno le chiederà di sposarlo

 

LINK
http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/latha_siubhal_beinne_dhomh/
http://s3.spanglefish.com/s/10130/documents/songs/latha%20siubhal%20beinne%20dhomh.pdf
https://virtualgael.files.wordpress.com/2017/05/lathasiubhalbeinne.pdf
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/39128/10
http://www.smo.uhi.ac.uk/gaidhlig/alltandubh/orain/Latha_Siubhal_Beinne.html

http://www.bbc.co.uk/alba/oran/orain/mo_nighean_donn/
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/97218/1;jsessionid=F3FF526DC4C88B40F544EE4E1332E1D6
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/100031/1
http://totalsketch.com/shed-life/

Christ Child’s Lullaby/ Taladh Chriosda

“Christ Child’s Lullaby” is a traditional Scottish song from the Hebrides, also called Taladh Chriosda (Tàladh ar Slànaigheir in english “The Lullaby of our Savior”)
A melody from the Isle of Barra to the extreme North of Scotland: a melody that is lost in the mists of time and that even today the local women sing as a Christmas spell of protection to the men of the village gone out to sea; this lullaby therefore serves to put the sea to sleep because it remains calm and its rythm reminds us of the placid movement of the waves.
[“Christ Child’s Lullaby”
è un brano tradizionale scozzese dalle Isole Ebridi intitolato anche Taladh Chriosda (Tàladh ar Slànaigheir in italiano La Ninna nanna del nostro Salvatore)-
Una melodia arriva dall’Isola di Barra all’estremo Nord della Scozia: una melodia che si perde nella notte dei tempi e che ancora oggi le donne del posto cantano come spell di protezione agli uomini del villaggio usciti per mare; questa ninna-nanna serve quindi ad addormentare il mare perché resti calmo e il suo andamento ricorda proprio il movimento ritmico e placido delle onde.]

The text in Gaelic was written in 1855 by Father Ranald Rankin of Fort William for the children of Moidart (before leaving for Australia) on the melody Cumha Mhic Àrois (in english “the Lament for Mac Àrois”) and in its version original has 29 verses; it is sung during midnight mass on Christmas Eve. The song has become popular by the transcription of Marjory Kennedy Freser with the title “Christ Child’s Lullaby“. Like all songs rooted in popular tradition, it has many textual variations.
[Il testo in gaelico è stato scritto nel 1855 da Padre Ranald Rankin di Fort William per i bambini di Moidart (prima di partire per l’Australia) sulla melodia Cumha Mhic Àrois (in italiano “il Lamento per Mac Àrois”) e nella sua versione originale ha 29 versi; viene cantato durante la messa di mezzanotte della vigilia di Natale. Il brano è stato diffuso dalla trascrizione di Marjory Kennedy Freser con il titolo Christ Child’s Lullaby. Come tutte le canzoni radicate nella tradizione popolare ha molte varianti testuali.]

TALADH CHRIOSDA (scottish gaelic)

Fiona Mackenzie in Duan Nollaig 2007

Crimson Ensemble in “Celtic Christmas
Mairi MacInnes (Scottish Gaelic voice) & Mae McKenna (english voice)

[Rann 1]
Mo ghaol, mo ghràdh is m’ eudail Thu!
M’ ionntas ùr is m’ èibhneas Thu!
Mo mhacan àlainn, ceutach Thu!
Chan   fhiù mi fhèin a bhith ad dhàil.
[Sèist]
A-le-lùia, A-le-lùia
A-le-lùia, A-le-lùia.
[Rann 2]
Ged as Rìgh na Glòrach Thu,
Dhiùlt iad an taigh-òsda dhut,
Ach chualas ainglean sòlasach
Toirt glòir don Tì as àird’.
[Rann 3]
Mo ghaol an t-sùil a sheallas tlath!
Mo ghaol an chridhe tha liont’ le gràdh!
Ged as leanabh Thu gun chàil,
Is lìonmhor buaidh tha ort a’ fàs

CHRIST CHILD’S LULLABY

Kathy Mattea

Kindred Voices in “I Heard a Bird Sing in the Dark of December” 2006

Stacy Hilton, Christina Zaenker, Daniel Lindenberger in “West Coast Christmas“, 2004


I
My love, my treasured one are you
My sweet and lovely son are you
You are my love, my darling new
Unworthy I, of you
Coro
Alleluia, Alleluia,
Alleluia, Alleluia
II
Your mild and gentle eyes proclaim
The loving heart with which you came
A tender, helpless tiny babe
With boundless gifts of grace
III
King of Kings, Most Holy One
God the son, and only one
You are my God and helpless son
High ruler of mankind
traduzione italiano Cattia Salto
I
Amore mio, tu sei il mio unico tesoro,
tu sei il mio dolce e amato figlio
il mio amore e il mio nuovo prediletto,
non sono degna di te
Coro
Alleluia
Alleluia
II
I tuoi occhi miti e dolci proclamano
il cuore amoroso con il quale sei venuto
un tenero, indifeso bambinello
con doni infiniti di grazia.
III
Re dei Re, il Santissimo Unico,
Figlio di Dio in eterno,
sei il mio Dio e figlio indifeso,
Sovrano dell’umanità.

SUANTRAÍ (Irish gaelic)

The text is attributed to Séan Óg O’Tuama, this lullaby is also known by the title of Christmas Lullaby. The melody is the same as the Scottish Gaelic version.
[Il testo è attribuito a Séan Óg O’Tuama, questa ninna-nanna è conosciuta anche con il titolo di Christmas Lullaby. La melodia è la stessa della versione in gaelico scozzese.]
Orla Fallon

Celtic Woman ( Lynn Hilary)

Seothó seothú ló Seothó seothú ló
Seothú ló, seothú ló
Mo ghaol, mo ghrá ‘gus m’eadúil thú
Mo stoirín úr is m’fhéirín thú
Mo mhacán álainn scéimheach thú
Chan fiú mé féin bheith ‘d dháil
Alleluia
Seothó seothú ló

English translation
My close one, my love
and my idol are you
My darling treasure
and my little present are you
My little beautiful son are you
How wonderful it is to be with you
traduzione italiano Cattia Salto
Mio prediletto, mio amore
tu sei il mio idolo,
tu sei il mio caro tesoro
e il mio piccolo dono
tu sei il mio bel figlioletto
com’è meraviglioso essere con te

THE UNST BOAT SONG

Le Shetland ovvero l’altra Scozia, sono un piccolo arcipelago di un centinaio di isolette nell’Oceano Atlantico, l’ultima Thule del mondo antico.

Per i Romani era semplicemente la terra aldilà del mondo conosciuto, “ultima” nel senso di estrema, ma ben presto è diventata un mito nell’epoca classica e ancor più nel Medioevo ha assunto i caratteri di terrae incognitae , isola sacra dei Beati, come l’Avalon dei Bretoni; mano a mano che le scoperte geografiche finivano di riempire i vuoti cartografici il significato di “ultima” si trasforma in altra e durante il Romanticismo Thule diventa la “Terra degli Iperborei” la patria del popolo primigenio nordico che popolò l’Europa; fino al mito moderno di Thule e alla delirante visione del Paradiso Ariano del germanesimo razziale.

900_edge_of_the_world_blu-ray_3x

Per ammirare i paesaggi ripresi nella loro selvaggia bellezza
VIDEO Edge of the world 1938 regia di Michael Powell (continua )

Il nome Shetland deriva dalla parola norrena Hjaltland che significa “Terra alta” per via delle coste alte, rocciose e frastagliate che bordano le isole: il clima è freddo anche se gli inverni non sono rigorosi; frequenti tempeste e nebbie, avvolgono l’aria in una bruma e d’estate il sole sembra non tramontare mai! Se i primitivi insediamenti furono celtici già nell’alto medioevo le isole passarono alla corona norvegese finchè nel 1468 diventarono territorio scozzese in cambio della dote della principessa Margherita di Danimarca futura moglie di Giacomo III Stuart.

Il dialetto delle Shetland è una variante locale dello scozzese con un forte influsso di termini ed espressioni grammaticali norvegesi degli antichi vichinghi che la colonizzarono, ma ancora agli inizi nell’Ottocento si parlava il norn o norreno l’antica lingua germanica dei Norvegesi. «Il Norn di Shetland era ancora una lingua viva a metà del XVIII secolo […] Piuttosto negli ultimi avvenimenti nel XVIII secolo, canzoni e ballate Norn sopravvivevano nella bocca della gente comune. […] In molte parti delle Shetland, Foula e soprattutto le Isole del Nord, l’attuale generazione di anziani ricorda i propri nonni parlare una lingua che difficilmente si riusciva a capire, e che si chiamava Norn o Norse. […]L’ultimo uomo a Unst che si dice che aveva capacità di parlare Norn, [è stato] Walter Sutherland di Skaw, morto intorno al 1850. A Foula, d’altra parte, gli uomini che vivevano molto oltre la metà di questo secolo si dice che sono stati in grado di parlare Norn.» Jakob Jakobsen.

Shetland Pattern Gansey Sweaters – British Made Clothing | Fishermans Knitwear

CANTO  NORRENO

L’unico esempio di un canto in lingua norn sopravvissuto nel patrimonio della musica tradizionale delle isole è “The Unst Boat Song“, il brano è stato collezionato nel 1947 da Patrick Shuldham di Shaw dalla voce di John Stikle (1879-1952) sull’isola di Unst e pubblicato nel Vol II del Shetland Folk Book (1951)

Il brano è solo un piccolo frammento e probabilmente era una canzone equivalente allo “iorram” il canto ai remi che aveva la funzione di dare il ritmo ai vogatori, ma nello stesso tempo era anche un lamento funebre. E’ stato inteso come il lamento delle donne presso il porto che guardano al mare in tempesta in attesa che gli uomini ritornino dalla pesca.

LA MELODIA
ASCOLTA
Tom Anderson (dagli archivi di Tobar an Dualchais)
Un uomo che ha dedicato la sua vita a imparare le melodie della tradizione e a trasmettere la sua passione per il violino alle nuove generazioni. Nel 1945 ha iniziato un’imponente archiviazione della musica tradizionale delle isole Shetland con la raccolta fonografica e le partiture.

edge_world

IL CANTO DELLE DONNE

ASCOLTA Village Harmony 2014
ASCOLTA Friðarey in Across the Winter
ASCOLTA Fiona MacKenzie in Arcipelago 2012 (su Myspace e Spotify)nave-norreni

LO IORRAM

ASCOLTA  Harald&Mari Foss “Boat Song from Unst” (Båtsang fra Unst) uno iorram con l’accompagnamento dell’arpa e del tamburo, ed ecco che si staglia sul mare in burrasca l’immagine di una nave vichinga e il canto diventa una preghiera a Odino, gli uomini ai remi non sono pescatori, ma guerrieri partiti per una spedizione di guerra..

e ancora una versione con l’arrangiamento strumentale di questi strepitosi moderni menestrelli israeliani, i Two Strong Men

ORIGINALE NORN

Starka virna vestilie
Obadeea, obadeea
Starka, virna, vestilie
Obadeea, monye(1)
II
Stala, stoita, stonga raer
O, whit says du(2) da bunshka baer(3)?
O, whit says du da bunshka baer?
Litra mae vee drengie
III
Saina, papa wara(4)
Obadeea, obadeea
Saina, papa wara
Obadeea, monye.

TRADUZIONE INGLESE *
I (chorus)
Strong wind form the West
Curse the weather,
Strong wind from the West
Curses from all us sailors
II
Stow the shrouds, the yards and sails
The dear old ship she’ll ride the gales
The dear old ship she’ll ride the gales
So give her the best you can, boys.
III
Bless us, our Father
Curse the weather,
Bless us, our Father
Curses from all us sailors
TRADUZIONE ITALIANO
I
Un forte vento soffia da Ovest, maledetto tempo
Un forte vento soffia da Ovest,
porterà affanni e danni alla nave
II
Legate bene la sartie e le vele,
credete che la nave ce la possa fare?
credete che la nave ce la possa fare?
Mettetecela tutta, compagni
III
Dio prenditi cura di noi
maledetto tempo
Padre prenditi cura di noi
porterà affanni e danni alla nave

NOTE
* di W.W.  Ratter da qui
1)  trouble, hurt men
in dialetto Shetland
2) O what do you say?
3) that the boat will bear or carry her sail
4) Holy father, take care of us (Dio prenditi cura di noi), ma potrebbe anche essere inteso come Bless our Fathers (supponendo che siano i bambini a cantare la canzone dall’alto della scogliera mentre guardano il mare in tempesta).

 

UNA VISITA
ISOLE SHETLAND, L’ALTRA SCOZIA DI ANDREA LESSONA
Un viaggio oltre l’orizzonte della Scozia per scoprire queste terre emerse dai flutti dell’Atlantico. Isole di una bellezza affascinante avvolte dalla simmer dim, la luce crepuscolare del Nord continua

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=1870
http://www.shetland-music.com
http://www.dks-hordaland.no/media/dokument/Unst%20Boat%20Song_20080121143547.pdf
http://www.shetlink.com/forum/viewtopic.php?t=6907
http://www.saxavord.com/shetland-culture.php
http://www.dvdbeaver.com/film/dvdcompare2/edgeoftheworld.htm
http://sensesofcinema.com/2005/cteq/edge_of_the_world/
http://www.shetlandmusic.com/prominent_artists/artists_of_the_past/
dr_tom_anderson_(1910-1991)/

IMMAGINI
http://www.waysideflower.co.uk/blogs/features/9019781-shetland-pattern-gansey-sweaters