Zoological Gardens ballad

The “Zoological Gardens” is an Irish ballad often attributed to Dominic Behan (or to his brother Brendan) is actually a Dublin street song coming perhaps from the repertoire of late 19th century music halls. We find it recorded by Dominic in his album “Irish Songs” (1958) which in the notes writes “The Zoological Gardens I got from Mr Brown who sings it regularly in a public house in Kimmage
Finding no written lyrics in the archives and the collections of nineteenth-century Dublin music hall songs, it can be assumed (from some references in the text) that the song could date back to 1920.
La ballata irlandese “Zoological Gardens” attribuita spesso a Dominic Behan( o al fratello) è in realtà una Dublin street song proveniente forse dal repertorio dei music hall di fine Ottocento. La troviamo registrata da Dominic nell’album “Irish Songs” (1958) che nelle note di copertina scrive “The Zoological Gardens l’ho presa dal signor Brown che la canta regolarmente in un pub a Kimmage
Non trovando traccia scritte negli archivi e le raccolte delle music hall songs della Dublino ottocentesca si può presumere (da alcuni riferimenti nel testo) che la canzone risalga al 1920. 

The Dublin Zoo was inaugurated in 1831 in the Phoenix Park and it has been one of the most popular tourist attractions in Ireland since its inception, nowaday it has become a beautiful nature park!
Lo zoo di Dublino è stato inaugurato nel 1831 nel Phoenix Park ed è stato fin dagli esordi una delle attrazioni turistiche più popolari dell’Irlanda, diventato oggi un bel parco naturalistico.

The Dubliners in The Dubliners’ Guide to Dublin City

The Wolfe Tones (I, II, V, III)


Chorus
Thunder and lightning is no lark
When Dublin city is in the dark
So if you’ve any money (1) go up to the park (2)
[Would you care to go to the Pheonix Park]

And view the zoological gardens
I (The Dubliners)
We went out there to see the zoo (3)
We saw the lion (4) and the kangaroo
There was he-males and she-males (5) of every hue/ Up in the zoological gardens
I (The Wolf tones)
Last sunday night I have no dough
so I took the moth (6) up to see the zoo 
We saw the lions and the kangaroos
Inside the zoogical gardens
II
We went out there by Castleknock
says she [the mot] to me
“Sure! We’re caught on the lock [lough]” (7)
Then I knew she was one of
the rare old stock (8)
from outside [Inside] the zoological gardens
Chorus
III
We went out there on our honeymoon
Says she to me “If you don’t come soon
I’ll have to get [jump] in with the hairy baboon (9)/ up in [Inside] the zooligical gardens
IV
Says she to me “It’s seven o’clock
And it’s time for me to be changin’ me frock
For I long to see the old (10) cockatoo”
Up in the zoological gardens
V
Says she to me “‘My lovely Jack’/ Would you like a ride on the elephant’s back (11)
If you dont get out of that
I’ll give ye such a crack (12)”
Up in the zoological gardens
Chorus
Traduzione italiano Cattia Salto
Coro
Tuoni e fulmini non sono uno scherzo
quando la città di Dublino è al buio
così se hai pochi soldi vai al parco
[ti piacerebbe andare al Pheonix Park]

a vedere il giardino zoologico
I (The Dubliners)
Andammo là a vedere lo zoo
vedemmo il leone e il canguro
C’erano lui-maschi e lei-femmine per tutti i gusti
nel giardino zoologico
I (The Wolf Tones)
Domenica sera scorsa non avevo un quattrino
così ho portato la ganza a vedere lo zoo
vedemmo i leoni e i canguri
nel giardino zoologico
II
Andammo là da Castleknock
mi dice lei [la ganza]/ “Dai andiamo ad amoreggiare alla diga [laghetto]”,
allora capii che era
quella giusta per me
fuori dal [nel] giardino zoologico
Coro
III
Andammo là in luna di miele
mi dice lei  “Se non vieni presto,
dovrò mettermi con il babbuino pieno di peli”
nel giardino zoologico
IV
Dice a me “Sono le sette
ed è tempo per me di cambiarmi d’abito
Perché desidero vedere il cacatua “
nel giardino zoologico
V
Dice a me “Carissimo Jack 
ti piacerebbe andare a spasso sulla schiena dell’elefante?
Se non ci vieni, ti prenderò in giro”
nel giardino zoologico
Coro

NOTE
I believe there are two levels of translation, one apparent and one subtext, the translation also presents some jargon terms that can be misleading. The most obscure points are in fact also those that present multiple alternative versions
in brackets [] the alternative verses
[credo ci siano due livelli di traduzione, uno apparente e un sotto testo, la traduzione presenta inoltre alcuni termini gergali che possono essere fuorvianti. I punti più oscuri infatti sono anche quelli che presentano più versioni alternative
in parentesi [] i versi alternativi]
1)  In 1840, the [Zoological] society decided to open the zoo on Sundays for a penny.  Dubliners responded with enthusiasm and cheap entry was extended to public holidays and evenings. (from here)
 Nel 1840, la società decise di aprire lo zoo la domenica per un centesimo. I dublinesi hanno risposto con entusiasmo e l’entrata economica è stata estesa ai giorni festivi e alla sera. 
2) the name Pheonix (or Phoenix) has nothing to do with the phoenix, it is a distortion of “Finn Uisce” = the Waters of Finn 
According to the legend of the Oxianic cycle the gigantic body of Fionn Mac Cumhaill, mythical king of the Fianna, lying in Dublin, his head formed the promontory of Howth Castle, his body extends along the northern bank of the river Liffey, and the feet were in Phoenix Park, at the northwestern end of the city.
il nome Pheonix (o Phoenix) del parco non ha niente a che vedere con la fenice, è una storpiatura di “Finn Uisce “= the Waters of Finn (l’acqua di Finn)
Secondo la leggenda del ciclo ossianico il corpo gigantesco di Fionn Mac Cumhaill mitico re dei Fianna giace a Dublino, la sua testa formò il promontorio di Howth (Howth Head o Howth Castle), il suo corpo si distende lungo la sponda settentrionale del fiume Liffey, ed i piedi si trovavano a Phoenix Park, all’estremità nord-occidentale della città. 
3) the first to coin the term zoo (as abbreviation of zoological) was Hugh Willoughby Sweny with his hugely popular “Walking in the Zoo” written in 1869 (with music by Alfred Lee), one of the greatest successes of Alfred Vance of London’s Musc hall .
il primo a coniare il termine zoo (come abbreviativo di zoological) è stato Hugh Willoughby Sweny con la sua popolarissima “Walking in the Zoo” scritta nel 1869 (su musica di Alfred Lee), uno dei maggiori successi di Alfred Vance del Musc hall londinese.
4) the first pair of lions in the Dublin zoo dates back to 1855: among the many curiosities the lion Cairbre became famous with the name of Leo as mascot of the Metro-Goldwyn-Mayer (year 1928) [la prima coppia di leoni dello zoo di Dublino risale a 1855: tra le tante curiosità il leone Cairbre divenne famoso con il nome di Leo come mascotte della Metro-Goldwyn-Mayer (anno 1928)]
5) shemales=transvestite; I imagine there is a hint of malice in the verse, it is known that many urban parks at night are places for promiscuous meetings
[immagino ci sia una punta di malizia nel verso, è risaputo che molti parchi urbani di notte sono luoghi per incontri promiscui]
6) mot= girl in questo contesto significa “fidanzatina”
7) Dominic says “shall we court on the lock”  or we’ll court by the lough
caught, court= make out [amoreggiare, pomiciare]
lough= old irish for loch=lake
lock= pound lock
A distortion of the verse sees the encounter between the protagonist and a lady of pleasure and so the verse becomes “Hang your coat on the lock” to have some privacy [Una storpiatura della strofa vede l’incontro tra il protagonista e una donnina (a lady of pleasure) e così il verso diventa “Hang your coat on the lock” per avere un po’ di privacy]
8) special reserve [“riserva speciale”]
9) or “If you don’t come home soon
You’ll have to sleep with a hairy baboon!”
[se non vieni a casa presto andrai a letto con il babbuino pieno di peli”
 The first half of the 20th century was one of mixed fortunes.  It began with a golden period when Irish people serving in British colonies sent giraffe, baboons, snow leopards and other exotic animals to Dublin Zoo. At the outbreak of the First World War, the society was particularly proud to have a gorilla, a chimpanzee, an orangutan and a gibbon. 
[Nella prima metà del 20 ° secolo la sorte del parco fu altalenante. Cominciò con un periodo d’oro in cui il popolo irlandese che serviva nelle colonie britanniche mandò giraffe, babbuini, leopardi delle nevi e altri animali esotici allo zoo di Dublino. Allo scoppio della prima guerra mondiale, la società era particolarmente orgogliosa di avere un gorilla, uno scimpanzé, un orangutan e un gibbone.]
10) old= vecchio è usato come intercalare in senso affettivo
11) In 1835 the zoo rented an elephant and a rhino for the summer months. In 1836, the London Zoo gave Dublin an elephant that remained as a tourist attraction for exotic walks
Nel 1835 lo zoo affittò un elefante e un rinoceronte per i mesi estivi. Nel 1836, lo zoo di Londra donò a Dublino un elefante che rimase come attrazione turistica per esotiche passeggiate
12) to give a crack= to fuss, to tease
[dare il tormento, prendere in giro]

Brendan Behan sang different versions on the same melody [ha cantato diverse versioni pur sulla stessa melodia]

The Dubliners’ Guide to Dublin City

LINK
https://www.dublinzoo.ie/142/Zoo-History.aspx
https://www.theballadeers.com/ire/db_d1958_t28_recalled.htm
https://alanlomaxarchive.bandcamp.com/track/zoological-gardens
http://research.culturalequity.org/rc-b2/get-audio-detailed-recording.do?recordingId=7486
http://mysongbook.de/msb/songs/xyz/zoologic.html
http://ingeb.org/songs/lastsund.html
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=15382

Carrickfergus or Do Bhí Bean Uasal

Leggi in italiano

“Carrickfergus” comes from a Gaelic song titled Do Bhí Bean Uasal (see) or “There Was a Noblewoman” and is also known by the name of “The Sick Young Lover”, which appeared in a broadside distributed in Cork and dated 1840 and also in the collection of George Petrie “Ancient Music of Ireland” 1855 with the name of “The Young Lady”. Text and melody passed through the oral tradition have spread and changed, without leaving a consistent trace in the collections printed in the nineteenth century. This song has been attributed to the irish bard Cathal “Buí”

IRISH BREIFNE
cathal buiCathal “Buí” Mac Giolla Ghunna (c1680-c1756) a rake-poet from Co. Cavan.
Curious character nicknamed “Buil” the yellow, a bard vagabond storyteller and composer of poems, which have spread throughout Ireland and are still sung today.
The scholar Breandán Ó Buachalla has published his collection in the book “Cathal Bui: Amhráin” in 1975. In Blacklion County of Cavan there is also a small stele in his memory and it is celebrated the Cathal Bui Festival (month of June).
A incomplete priest able with words and with women, he also had a lot of “irish humor” and was obviously a heavy drinker, he went around Breifne, the Irish name of the area including Cavan, Leitrim, and south of Fermanagh ( one of the many traveler with his caravan or even less).

PETER O’TOOLE

But it is the version known by Peter O’Toole that was the origin of the version of Dominic Behan recorded in the mid-1960s under the title “The Kerry Boatman“, and also the version recorded by Sean o’Shea always in the same years with the title “Do Bhí Bean Uasal”. Also the Clancy Brothers with Tommy Makem made their own version with the title “Carrickfergus” in the 1964 “The First Hurray” LP.

Chieftains from “The Chieftains Live” 1977

DO BHÍ BEAN UASAL

This version has been attributed musically to Seán Ó Riada (John Reidy 1931-1971) it is not clear if it is only an arrangement or a real writing of the melody. Certainly the text is taken from the poetry of Cathal “Buí” Mac Giolla Ghunna.

Sean o’Shea in “Ò Riada Sa Gaiety” live in Dublino with the Ceoltóirí Chualann, 1969.

English translation
I
A lady was betrothed to me for a while
And she refused me, oh my hundred woes
I went to towns with her
And she made a cuckold (or a fool ) of  me before the world,
If I had got that head of hers into the church
And if I were again  n command of myself,
But now I’ weak and sore,  and there’s no getting of a  cure for me,
And my people will be weeping after me
II
I wish I had you in   Carrickfergus
not far from that place ‘Quiet Town”
Sailing over the deep blue waters
my bright love from a northern sky
For the seas are deep, love, and I can’t swim over
And neither have I wings to fly,
I wish I met with a handy boatman,
Who would ferry over my love and I
III
The cold and the heat are going together [in me]
and I can’t quench my thirst
And if I took my oath from November to February
I wouldn’t be ready until Michaelmas
I’m seldom drunk though I’m never sober!
A handsome rover from town to town.
But now I am dead and my days are over
Come Molly, my little darling, now   lay me down!

I

Do bhí bean uasal seal dá lua liom,
‘s do chuir sí suas díomsa faraoir géar;
Do ghabhas lastuas di sna bailte móra
Ach d’fhag sí ann é os comhair an tsaoil.
Dá bhfaighinnse a ceannsa faoi áirsí an teampaill,
Do bheinnse gan amhras im ‘ábhar féin;
Ach anois táim tinn lag is gan fáil ar leigheas agam.
Is beidh mo mhuintir ag gol im’ dhéidh.
II
I wish I had you in Carrickfergus
Ní fada ón áit sin go Baile Uí Chuain(1)/Sailing over the deep blue waters/ I ndiaidh mo ghrá geal is í ag ealó uaim./For the seas are deep, love, and I can’t swim over
And neither have I wings to fly,
I wish I met with a handy boatman,
Who would ferry over my love and I.
III
Tá an fuacht ag teacht is an teas ag tréigint
An tart ní féidir liom féin é do chlaoi,
Is go bhfuil an leabhar orm ó Shamhain go Fébur
Is ní bheidh sí reidh liom go Féil’ Mhichíl;/I’m seldom drunk though I’m never sober!
A handsome rover from town to town.
But now I am dead and my days are over
Come Molly, a stóirín, now lay me down!

NOTE
1) “baile cuain”= “quiet town” or Harbour Town

THE VERSION OF THE YEARS 60 AND MEANING

And we come to what remains of this song in our day, that is the version of Carrickfergus spread by the major interpreters of Celtic music.
The sweet melancholy of the melody and its uncertain textual interpretation have made the song very popular, some capture the romantic side and also play it at weddings, others at the funeral (for example that of John F. Kennedy Jr -1999).
Certainly it has something magical, sad and nostalgic, the man drowns in alcohol the pain of separation from his beloved (or more likely he drinks because he has a particular predilection for alcohol): a vast ocean divides them (or a stretch of sea) and he would like to be in Ireland, in Carrickfergus: he would like to have wings or to swim across the sea or more realistically find a boatman to take him to her, and finally he can die in her arms ( or at her tombstone) now that he is old and tired.

In my opinion, the general meaning of the text remains clear enough, but if you go into detail then many doubts arise, which I tried to summarize in the notes.

Loreena McKennitt & Cedric Smith  from Elemental, 1985


I
I wish I was
in Carrighfergus (1)
Only for nights
in Ballygrant (2)
I would swim over
the deepest ocean
Only for nights in Ballygrant.
But the sea is wide,
and I can’t swim over
Neither have I wings to fly
If I could find me a handsome boatman
To ferry me over
to my love and die(3)

II
Now in Kilkenny (4), it is reported
They’ve marble stones there as black as ink,
With gold and silver
I would  transport her (5)
But I’ll sing no more now,
till I get a drink
I’m drunk today,
but I’m seldom sober
A handsome rover
from town to town
Ah, but I am sick now,
my days are over
Come all you young lads
and lay me down.(6)

NOTES
1) Carrickfergus (from the Gaelic Carraig Fhearghais, ‘Rocca di Fergus’) is a coastal town in County Antrim, Northern Ireland, one of the oldest settlements in Northern Ireland. Here the protagonist says he wants to be at Carrickfergus (but evidently he is somewhere else) while in other versionssays “I wish I had you in Carrickfergus”: the meaning of the song changes completely.
Some want to set the story in the South of Ireland and they see the name of Fergus,as the river that runs through Ennis County of Clare.
2) Ballygran – Ballygrant – Ballygrand. There are three interpretations: the first that Ballygrant is in Scotland on the Hebrides (Islay island), the second that is the village of Ballygrot (from the Gaelic Baile gCrot means “settlement of hills”), near Helen’s Bay that it is practically in front of Carrickfergus over the stretch of sea that creeps over the north-east coast of Ireland (the Belfast Lough). It seems that the locals call it “Ballygrat” or Ballygrant “and that it is an ancient settlement and that at one time there were some races with the Carrickfergus boats at Ballygrat.The third is a corrupt translation from the Gaelic” baile cuain “of the eighteenth-century version and therefore both a generic quiet location, a small village.
But between the two sentences there is already an incongruity or better there is need of an interpretation, ascertained that Ballygrant is not a particular place of Carrickfergus for which the protagonist feels nostalgia for some specific connection with his love story passed in youth, then it is the place where it is at the moment. So the protagonist could be an Irishman who found himself in the Hebrides, but who would like to return to Carrickfergus from his old love or he is a Scot (who was a young soldier in Ireland) and remembers with regret the Irish woman loved in youth.
The protagonist could be in Helen’s Bay on the opposite side of the inlet that separates it from Carrickfergus: if he were healthy and young nothing would prevent him to go to Carrickfergus even on foot, but he is tired and he is dying and so in his fantasy or delirium he is looking at the sea in the direction of Carrickfergus deaming of flying towards his love of the past or he wants to be ferried by a boatman to be able to die next to her.
3) “and die” tells us that the protagonist who is in Ballygrant (wherever he is) would like to go to Carrickfergus to die in the arms of his love of youth.
In other versions the phrase is written as “To ferry me over my love and I” the protagonist would like to be transported by the boatman, together with his woman, to Carrickfergus. So nostalgia is about the place where the protagonist is supposed to have spent his youth and would like to see again before he died.
4) and 5)
Now on the Kilkenny stone it is written,
on black marble like ink,
with gold and silver I would like to comfort her
Replacing the verb “to transport” used by Loreena with “to support” more used in other versions. That is: on the black stone of Kilkenny (in the sense that it is usually a type of stone such as Carrara marble,  the black stone extracted from Kilkenny but also used in Ballygrant, wherever it is) that will be my tombstone where I have recorded my epitaph, I also wrote a sentence of comfort for my love
4) Kilkenny = Kilmeny some see a typo and note that Kilmeny is the parish church of Ballygrant (Islay Island) formerly a medieval church, also here there is a stone quarry, which was the main industry of Ballygrant in the eighteenth century and XIX. Now I ask myself: but with all these references to the Islay Island, (where at least there should be the tomb of the protagonist) how is it that the song is not known in the local tradition of the Hebrides and instead is it in Belfast?
6) the protagonist urges his friends to bury him

Nella versione live aggiunge anche la strofa intermedia che è stata scritta da Dominic Behan per la sua versione registrata a metà degli anni 1960 con il titolo di “The Kerry Boatman”.

Jim McCann in Dubliners Now 1975 (I and III)

Jim McCann live (with the second stanza written by Dominic Behan for his version recorded in the mid-1960s under the title “The Kerry Boatman”.

JIM MCCANN
I
I wish I was
in Carrickfergus (1)
Only for nights
in Ballygrand(2)
I would swim
over the deepest ocean
Only for nights in Ballygrand.
But the sea is wide
and I cannot swim over
And neither have I the wings to fly
I wish I had a handsome boatman
To ferry me over my love and I(3)
II
My childhood days
bring back sad reflections
Of happy time there spent so long ago
My boyhood friends
and my own relations
Have all passed on now
like the melting snow
And I’ll spend my days
in this endless roving
Soft is the grass and my bed is free
How to be back now
in Carrickfergus
On the long road down to the sea
 

III
And in Kilkenny
it is reported
On marble stone
there as black as ink
With gold and silver
I would support her (5)
But I’ll sing no more now
till I get a drink
‘cause I’m drunk today
and I’m seldom sober
A handsome rover
from town to town
Ah but I am sick now
my days are numbered
Come all me young men
and lay me down

LINK
http://www.eofeasa.ie/cathalbui/public_html/danta_CB/who_was_CB.html
http://lookingatdata.com/m/204-mac-giolla-ghunna-cathal-bui.html
http://www.munster-express.ie/opinion/views-from-the-brasscock/the-yellow-bitternan-bonnan-bui/

http://jungle-bar.blogspot.it/2009/03/carrickfergus-ballad-of-peter-otoole.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=16707
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=90070

Down by the Liffeyside

Leggi in italiano

Old Dublin: George street

Peadar Kearney (1883-1942), a famous Irish nationalist who wrote many popular songs, penned the lyrics of this irish street song “Down by the Liffeyside”, on the traditional tune “Down by the Tanyard Side”: he describes two sweethearts of the working class in the Dubin of 1920s, that are spending their Sunday to walk along the banks of the Liffey, the river that crosses the city of Dublin from West to East. The belle of the song is a street musician who entertains passers-by with patriotic songs with her melodeon.

Precisely for this reason, the reference to the struggle for united Ireland was a popular song in the folk circuit of the 60s and 70s.

Dominic Behan – from Down By The Liffeyside 1959
Dominic is the nephew of Peader Kearney and he learned the song directly from his uncle in the 40s.


Dubliners

Wolfe tones

Pecker Dunne

DOWN BY THE LIFFEYSIDE
I
‘Twas down by Anna Liffey (1), my love and I did stray
Where in the good old slushy mud the sea gulls sport and play
We got the whiff of ray(2) and chips and Mary softly sighed,
“Oh John, come on for a wan and wan (3)
Down by the Liffeyside.”
II
Then down along by George’s street the loving pairs to view
While Mary swanked it like a queen in a skirt of royal blue (4);
Her hat was lately turned and her blouse was newly dyed,
Oh you could not match her round the block,
Down by the Liffeyside
III
And on her old melodeon how sweetly could she play.;
“Good-by-ee” and “Don’t sigh-ee” and “Rule Brittanni-ay”
But when she turned Sinn Feiner(5) me heart near burst with pride,
To hear her sing the “Soldier’s Song(6)”,
Down by the Liffeyside
IV
On Sunday morning to Meath street (7) together we will go,
And it’s up to Father Murphy we both will make our vow
We’ll join our hands in wedlock bands (8) and we’ll be soon outside
For a whole afternoon, for our honeymoon (9),
Down by the Liffeyside

NOTE
1)  The Liffey is also known as the Anna Liffey, possibly because of the Irish for “River Liffey” – Abhainn na Life which sounds like “Anna Liffey” in English, Anna Livia statue  (Floozie in the Jacuzzi)-the river  represented as a young woman sitting on a slope with water flowing past her- is  in the Croppies Memorial Park next to the Liffey, near Heuston station

2) today the fishis are cod, haddock (an Atlantic fish similar to cod) and plaice. Already known in the days of Dickens, who included it in his most famous work, “Oliver Twist” (1838), some argue that it was some Italian immigrants who introduced this fryed food into the eating habits of the British and Irish, according to others instead it was the Spaniards.
3) wan and wan= one and one, this phrase (meaning “one of this, one of the other”) entered the vernacular in Dublin as “one and one”, which is still a common way of referring to fish and chips in the city
4) Royal blue is both a bright shade and a dark shade of azure blue. Traditionally, dictionaries define royal blue as a deep to dark blue, often with a purple or faint reddish tinge
5)  Sinn Féin is a left-wing Irish republican political party active in both the Republic of Ireland and Northern Ireland.
6) Soldier’s Song  (Amhrán na bhFiann)  is the Irish national anthem
7) The Liberties is an area in central Dublin,  located in the southwest of the inner city, between the St. Patrick’s Cathedral and the Guinnes Storehouse where the church of St. Catherine is located
8)The two promised exchanged vows to take as husband and wife, sealing them with a ring or a token of love. Handfasting was practiced in Ireland and Scotland in the past: the wrists of the couple were tied together with a long ribbon (wedlock’s band) see
9)  Phoenix Park , to consume their marriage between some bushes

EASY AND SLOW

LINK
https://theballadeers.com/ire/db_d1959_t35_liffey.htm
http://www.celtic-lyrics.com/lyrics/171.html
https://www.expedia.it/vc/magazine/cultura-e-lifestyle/enogastronomia/fish-and-chips-ricetta-e-segreti-del-piu-famoso-piatto-britannico
https://www.irishtimes.com/life-and-style/people/meath-street-outpost-of-a-disappearing-dublin-1.1967467

Lungo gli argini del Liffey.

Read the post in English  

la vecchia Dublino, George street

Peadar Kearney (1883-1942) famoso esponente nazionalista irlandese e autore di molti canti popolari ha scritto il testo della irish street song “Down by the Liffeyside” abbinandolo alla melodia tradizionale “Down by the Tanyard Side”: si descrivono due fidanzatini della classe lavoratrice di Dubino negli anni del 1920 che trascorrono la domenica passeggiando lungo gli argini del Liffey, il fiume che attraversa la città di Dublino da Ovest a Est. La bella della canzone è una musicista di strada che con il suo organetto intrattiene i passanti con canti patriottici.

Proprio per questo richiamo alla lotta per l’Irlanda unita era un brano diffuso nel circuito folk degli anni 60-70.

Dominic Behan – in Down By The Liffeyside 1959
Dominic è il nipote di Peader Kearney e imparò la canzone direttamente dallo zio negli anni 40.

Dubliners

Wolfe tones

Pecker Dunne


I
‘Twas down by Anna Liffey (1), my love and I did stray
Where in the good old slushy mud the sea gulls sport and play
We got the whiff of ray(2) and chips and Mary softly sighed,
“Oh John, come on for a wan and wan (3)
Down by the Liffeyside.”
II
Then down along by George’s street the loving pairs to view
While Mary swanked it like a queen in a skirt of royal blue (4);
Her hat was lately turned and her blouse was newly dyed,
Oh you could not match her round the block,
Down by the Liffeyside
III
And on her old melodeon how sweetly could she play.;
“Good-by-ee” and “Don’t sigh-ee” and “Rule Brittanni-ay”
But when she turned Sinn Feiner(5) me heart near burst with pride,
To hear her sing the “Soldier’s Song(6)”,
Down by the Liffeyside
IV
On Sunday morning to Meath street (7) together we will go,
And it’s up to Father Murphy we both will make our vow
We’ll join our hands in wedlock bands (8) and we’ll be soon outside
For a whole afternoon, for our honeymoon (9),
Down by the Liffeyside
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Era accanto al Liffey, che il mio amore e io passeggiavamo
Dove nel buon vecchio viscido fango i gabbiani si muovono liberi
sentivamo l’odore del pesce e delle patatine e Mary sospirava dolcemente,
“Oh John, andiamo per un fish&chips
giù lungo gli argini del Liffey. “
II
Poi giù lungo George’s street a vedere gli innamoratini
mentre Mary si pavoneggiava come una regina in gonna blu scuro;
il cappello appena rimodellato e la camicetta tinta di fresco,
Oh, non la potevi eguagliare in tutto l’isolato
giù lungo gli argini del Liffey.
III
E sul suo vecchio organetto, come dolcemente sapeva suonare
“Good-by-ee” e “Do not sigh-ee” e “Rule Brittanni-ay”
ma quando passò allo Sinn Féin il mio cuore quasi esplodeva per l’orgoglio
di sentirla cantare la “Soldier’s Song”,
giù lungo gli argini del Liffey.
IV
La domenica mattina andremo insieme a Meath Street,
e davanti a Don Murphy entrambi ci scambieremo le promesse
uniremo le nostre mani con l’handasting e staremo subito fuori
per un intero pomeriggio, per la nostra luna di miele,
giù lungo gli argini del Liffey.

NOTE
1) Anna Liffey, è il personaggio allegorico di Anna Livia Plurabelle di James Joyce: la personificazione del fiume Liffey, la statua in bronzo dello scultore  Éamonn O’Doherty soprannominata dai dublinesi Floozie in the Jacuzzi è la rappresentazione del fiume nella forma di una donna dai capelli fluenti semisdraiata e si trova al centro di una vasca  nel Croppies Memorial Park

2) ray= è il pesce razza; oggi il pesce in pastella e poi fritto si prepara con cod (merluzzo), haddock (eglefino, un pesce atlantico simile al merluzzo) e plaice (platessa). Si sa che il prodotto era già conosciuto ai tempi di Dickens, che lo annoverò nella sua opera più celebre, “Oliver Twist” (1838), alcuni sostengono che furono gli immigrati italiani a introdurlo nelle abitudini alimentari dei britannici e degli irlandesi, secondo altri invece furono gli spagnoli.
3) wan and wan= one and one, dalla frase “one of this, one of the other”, un po’ di questo e un po’ di quello il modo di dire dublinese per il tipico piatto da passeggio delle Isole Britanniche il fish&chips servito nel cartoccio.
4) Il blu reale o blu reale inglese è una sorta di azzurro abbastanza carico e vivace. È abbastanza simile come colore al blu elettrico.
5)  Sinn Féin, letteralmente “noi stessi” (nel senso di noi soli) in gaelico irlandese, ma spesso reso in inglese come ourselves alone, è il movimento indipendentista irlandese fondato nel 1905 da Arthur Griffith; è un partito repubblicano di sinistra
6) Soldier’s Song  (Amhrán na bhFiann) fu scritto nel 1907. Il ritornello da solo fu formalmente adottato come inno nazionale nel 1926, al posto del precedente inno God Save Ireland, usato ufficiosamente.
7) è la zona delle Libertà di Dublino quartiere ubicato tra la Cattedrale di San Patrizio e la Guinnes Storehouse dove si trova la chiesa di Santa Caterina
8) I due promessi si scambiavano i voti di prendersi come marito e moglie, suggellandoli con un anello o un pegno d’amore. In Irlanda e Scozia si praticava l’handfasting: i polsi degli sposi erano legati insieme con un lungo nastro (wedlock’s band). continua
9) sicuramente infrattandosi tra qualche cespuglio del Phoenix Park

Easy and Slow vs I Tuck’d Up My Sleeves

FONTI
https://theballadeers.com/ire/db_d1959_t35_liffey.htm
http://www.celtic-lyrics.com/lyrics/171.html
https://www.expedia.it/vc/magazine/cultura-e-lifestyle/enogastronomia/fish-and-chips-ricetta-e-segreti-del-piu-famoso-piatto-britannico
https://www.irishtimes.com/life-and-style/people/meath-street-outpost-of-a-disappearing-dublin-1.1967467

AVONDALE A SONG FOR PARNELL

La canzone è stata scritta da Dominic Behan (1928-1989), scrittore e drammaturgo irlandese e militante repubblicano, proveniente da una famiglia con forti ideali socialisti.
Sia lui che il fratello entrarono e uscirono di prigione per le loro convinzioni politiche. Dominic fu autore di molte canzoni che cantava egli stesso, mentre le melodie erano prese per lo più dalle arie tradizionali irlandesi, innestandosi così con la sua opera, nel vivo solco della trasmissione orale e conservazione di un immenso patrimonio musicale popolare

La canzone è dedicata a Charles Stewart Parnell (1846-1891), membro della nobiltà protestante anglo-irlandese e uomo politico carismatico che lottò per realizzare la Riforma Agraria in favore dei contadini poveri. Nel 1870 fu tra i fondatori dell’Home Rule Party [in italiano “il partito per l’autonomia“] che si era posto come primo obiettivo  il conseguimento dell’autonomia dell’Irlanda, anche se non era chiaro tra tutti i suoi sostenitori, se si auspicasse un completo distacco dell’Irlanda dal Regno Unito, o solo una  limitata autonomia.
La melodia è un’aria tradizionale dal titolo “The Orange Maid of Sligo

ASCOLTA The Dubliners (voce Jim McCann)

ASCOLTA Christy Moore 1969


Oh, have you been to Avondale
and lingered in its lovely vale
Where tall trees whisper of
the tale of Avondale’s proud eagle(1).
I
Where pride and ancient glory fade,
such was the land where he was laid
Like Christ(2), was thirty pieces paid,
for Avondale’s proud eagle.
II
Long years that green and lovely vale,
has nursed Parnell, our grandest Gael
And curse the land that has betrayed
Fair Avondale’s proud eagle.
traduzione italiano Cattia Salto
Sei stato ad Avondale a passeggiare nella sua bella valle, dove alti alberi  sussurrano la leggenda dell’Aquila gloriosa di Avondale(1)?
I
Dove fama e l’antica gloria sfioriscono, tale era la terra in cui egli fu deposto, come Cristo(2), si pagarono 30 denari
per l’Aquila gloriosa di Avondale
II
Per lunghi anni quella verde e bella valle ha nutrito Parnell il nostro più grande celta, maledetta la terra che ha tradito l’Aquila gloriosa della bella Avondale

NOTE
1) nei canti di protesta e di ribellione era consuetudine identificare il personaggio con uno pseudonimo
2) Cristo e Parnell sono accomunate nel novero delle vittime storiche anche da James Joyce (il quale paragonò Parnell a Mosè: “poiché ha portato un popolo turbolento e instabile dalla vergogna ai confini della Terra Promessa”). Ma il natale di quell‟anno, il 1889, il destino mutò definitivamente per Parnell: il capitano William O’Shea chiese il divorzio alla moglie Katharine, rea di aver commesso adulterio con Parnell. Egli aveva tollerato la faccenda per dieci anni e gli fu addirittura offerto un seggio in parlamento in cambio del silenzio. Il divorzio fu accordato il 17 novembre 1890. Inizialmente Parnell riuscì a tenere le redini del partito e il suo luogotenente Tim Healy affermò fermamente che non si poteva abbandonare il leader in vista della Terra Promessa. Ma ben presto la pressione di Davitt, di Gladstone, dei vescovi cattolici e dello stesso Healy causarono la fine della carriera politica di Parnell. Nel 1891 le sue condizioni di salute peggiorarono drasticamente e dopo alcuni mesi dopo aver sposato Kitty O‟Shea, morì di crepacuore il 6 ottobre 1891. Al funerale del re senza corona parteciparono circa 150.000 persone. (tratto da vedi). Parnell aveva solo 45 anni!

avondale

IL GIARDINO D’IRLANDA

Avondale è una tranquilla città a Wicklow, contea eletta a “giardino d’Irlanda” per i suoi paesaggi; si trova proprio a Sud di Dublino e ne costituisce il polmone verde, un incantato paradiso naturale dominato per la maggior parte dalle Wicklow Mountains, luoghi favoriti dagli amanti dell’escursionismo!!
Ad Avondale si trova la casa natale di Charles Stewart Parnell, una villa georgiana ora sede di un museo a lui dedicato.

FONTI
http://www.irlanda.cc/contea-di-wicklow.html http://ilforumdellemuse.forumfree.it/?t=57057531 http://www.irlandando.it/cultura/storia/nuove-rivolte
http://etd.adm.unipi.it/t/etd-06202011-234944
http://www.storiainpoltrona.com/la-rivoluzione-irlandese-nel-xix-secolo http://www.irlanda.cc/lhome-rule-irlandese.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50601
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=23701 http://www.folklorist.org/song/The_Blackbird_of_Avondale_ (The_Arrest_of_Parnell) http://www.historylearningsite.co.uk/charles_stewart_parnell.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=153261 http://www.jstor.org/discover/10.2307/850011?uid=3738296&uid=2129&uid=2&uid=70&uid=4&sid=21104241628977

GIOCHI DI POTERE

9_Benson_IRA_1“The Patriot Game” è una irish rebel song scritta da Dominic Behan e dedicata a Fergal O’Hanlon un giovanissimo soldato dell’IRA morto durante l’operazione militare -o l’attacco terroristico per altri- (lui e i suoi compagni cercarono di far saltare con le bombe una caserma della Royal Ulster Constabulary nel villaggio di Brookeborough – contea Fermanang) nella notte di inizio del nuovo 1957. I “martiri” di quella notte furono in realtà due, ma più che commemorare l’azione militare in sè, Behan voleva riportare sulla bocca di tutti la questione irlandese e mettersi dal punto di vista dei combattenti dell’IRA che avevano continuato la loro lotta dopo il Trattato del 1921.

ASCOLTA The Dubliners

ASCOLTA Clancy Brothers live 1966, Strofe I, II, III, V, IV

 
I
Come all ye young rebels, and list while I sing,
For the love of one’s country is a terrible thing.
It banishes fear with the speed of a flame,
And it makes you all part of the patriot game
II
My name is O’Hanlon, and I’ve just gone sixteen(2).
My home is in Monaghan, where I was weaned
I learned all my life cruel England’s to blame,
So I am part of the patriot game..
III
It’s nearly (barely) two years since I wandered away
With the local battalion of the bold IRA,
I read of our heroes, and I wanted the same
To play out my part in the patriot game.(3)
IV
This Ireland of ours has too long been half free(4)
Six counties lie under John Bull’s tyranny.(5)
But still De Valera(6) is greatly to blame
For shirking his part in the Patriot game
V
They told me how Connolly was shot in his chair(7)
His wounds from the battle all bloody (bleeding) and bare.
His fine body twisted, all battered and lame
They soon made me part of the patriot game…
VI
And now as I lie with my body all holes
I think of those traitors who bargained(8) and sold
I’m sorry my rifle has not done the same
For the quislings who sold out the patriot game
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Venite giovani ribelli e ascoltatemi mentre canto
l’amore per la patria è una cosa terribile,
scaccia la paura come il divampare di un incendio
e coinvolge tutti nel gioco del potere(1)
II
Mi chiamo O’ Hanlon e ho appena 16 anni(2),
vengo da Monaghan e lì sono cresciuto,
mi hanno sempre insegnato a maledire la crudele Inghilterra
così sono parte del gioco del potere
III
Appena due anni fa me ne sono andato via
con il battaglione locale della coraggiosa IRA,
ho letto dei nostri eroi e ho voluto anch’io
avere la mia parte nel gioco del potere (3)
IV
Questa nostra Irlanda è da tempo libera solo a metà(4)
sei regioni sono sotto la tirannia di John Bull(5)
eppure De Valera(6) è decisamente da biasimare
per avere evitato la sua parte nel gioco del potere
V
Mi dissero come Connolly fu fucilato (legato) alla sedia (7)
le sue ferite di battaglia aperte e sanguinanti
il suo bel corpo sfregiato mutilato e contuso:
subito mi fecero entrare nel gioco del potere
VI
Ma ora che giaccio con il corpo crivellato,
penso a quei traditori che hanno patteggiato(8) e venduto,
e mi dispiace che il mio fucile non abbia fatto lo stesso
con i collaborazionisti che hanno venduto il gioco del potere

NOTE
1) letteralmente “gioco patriottico, gioco del Patriota” ma in italiano suona meglio il “gioco del potere” anche se patriot aggiunge  una connotazione più viscerale
2) O’Hanlon non è morto a 16 anni, ma a 19 anni
3) il verso sulla polizia (RUC ) è spesso censurato, soprattutto nelle versioni “ufficiali”
I don’t mind a bit if I shoot down police
They are lackeys for war never guardians of peace
And yet at deserters I’m never let aim
The rebels who sold out the patriot game
(traduzione italiano:
Non mi dispiace affatto uccidere la polizia,
sono scagnozzi della guerra, mai guardiani di pace .
e fino ad ora ai disertori non ho mai mirato,
ai ribelli che hanno venduto il gioco del potere)
4) l’Irlanda del Nord nata nel 1921 sotto la protezione del governo britannico a seguito del trattato con cui si chiudeva la guerra d’indipendenza
5) John Bull è la personificazione nazionale del Regno di Gran Bretagna, il nomigliolo nasce nel 1700 a rappresentare il tipo del gentiluomo di campagna, uomo d’affari capace e onesto ma collerico e di umore variabile, amante dello scherzo e della buona tavola.(Treccani)
6) La strofa nella versione dei Clancy viene molto diplomaticamente censurata e sostituita con
So I gave up my Bible, to drill and to train
To play my own part in the patriot game.
(Traduzione italiano: Così ho rinunciato alla Bibbia per addestrarmi e fare la mia parte nel gioco del potere)
Eamonn de Valera anch’egli tra i leader della Rivolta di Pasqua durante la trattativa con il governo inglese per sancire la fine della guerra d’indipendenza era a capo del governo provvisorio: gli irlandesi chiedevano la repubblica, gli inglesi erano disposti a concedere lo statuto di Dominion. De Valera alla fine lascia prendere il suo posto al tavolo delle trattative a Michael Collins e Arthur Griffith. De Valera nel 26 fonda il partito Fianna Fail che diventa il primo partito di opposizione ed il principale referente politico dell’I.R.A., anch’essa ormai in rotta con il Sinn Fein.
“Alle successive elezioni legislative del 1932 il Fianna Fail è ormai stabilmente il primo partito; De Valera diventa primo ministro. Come ringraziamento per l’opera prestata alla nazione e come sprone alle nuove generazioni, De Valera offre una pensione a tutti i reduci dell’I.R.A. irregolare che avevano combattuto durante la guerra civile; offre invece ai membri del gruppo armato clandestino la possibilità di venire inquadrati nell’esercito dello Stato Libero d’Irlanda. La situazione nello Stato Libero peggiora drasticamente. Buona parte dei sostenitori della linea estremista di De Valera premono perché il loro leader si faccia promotore di una campagna per la liberazione del nord occupato e ottenga l’appoggio del governo. In particolare l’I.R.A. cerca di far valere il sostegno dato al Fianna Fail per vincere le elezioni del ’32. Nel 1936, dopo aver tentato una linea di conciliazione che però non porta a risultati positivi, De Valera dichiara l’I.R.A. illegale in tutto lo Stato Libero d’Irlanda; l’esercito repubblicano intanto avvia una poco efficace campagna di bombing in Inghilterra (1939). Il governo lavora per costruire i presupposti di una convivenza civile che garantisca rispetto ed equità a tutti i cittadini. Nel 1937 vede la luce la Costituzione Irlandese: lo Stato Libero d’Irlanda diviene Eire (nome gaelico dell’isola); negli articoli 2 e 3 si fa riferimento all’intera superficie dell’isola come territorio naturale, compreso il nord.” (tratto da qui)
7) James Connolly era uno dei leader della Rivolta di Pasqua del 1916, per eseguire la sua sentenza di morte, gli inglesi lo legarono ad una sedia, essendo le condizioni delle sue ferite riportate nella battaglia così gravi che non riusciva a restare in piedi.
8) L’assemblea irlandese di Dublino approvò le clausole del trattato negoziato con gli inglesi (con una maggioranza risicata). L’IRA prese la decisione di combattere, così ebbe inizio la guerra civile, fratello contro fratello, con Michael Collins e Arthur Griffith considerati gli arcitraditori. Pare che il governo dello stato libero abbia fucilato più irlandesi degli inglesi stessi.

Dominic Behan VS Bob Dylan

Nel 1964 Dominic Behan ha accusato Bob Dylan di plagio per l’anti-war song “With God on its side” del 1964 . In quel periodo circolava in America la versione dei Clancy Brothers  di “The Patriot Game” e Dylan avrà pensato si trattasse di uno dei tanti rebel song impostato su melodie popolari della tradizione irlandese! Al contrario pur attingendo dalla tradizione popolare Behan questa volta aveva scritto proprio un pezzo nuovo, e infatti per quanto in molti si affannino a trovare questa o quella corrispondenza, ognuno lo dice per un diverso titolo e una diversa versione, citando titoli come “The Bold Grenadier” o “The Nightingale” o “One Morning in May” ma anche “The merry month of may”, così alcuni parlano di versione appalachiana, altri invece irlandese (per la verità il riferimento è a una non meglio precisata versione o se la precisano e poi si va a fare il confronto, la differenza tra le due melodie è palese).
Così alla fine si è arrivati a definire la melodia di “The Patriot Game” come un “folk song template” e si dice che Dominic Behan avendola attinta da un “modello” del diciassettesimo secolo, non ha fatto altro che creare una variante di questo modello, per la quale non può rivendicare alcun diritto.

Sarà.. ma a Dylan l’idea di scrivere una melodia così forse non gli sarebbe mai venuta se non l’avesse presa pari-pari da Dominic!!

ASCOLTA Bob Dylan: all’epoca bastava una chitarra e una voce roca, e il canto di protesta di matrice folk riusciva a catalizzare le masse dei giovani..
Accostando le due canzoni, non si può fare a meno di pensare, dopo il successo mondiale di  “With God on its side”, di come anche gli Irlandesi (di entrambi gli schieramenti) abbiano Dio dalla loro parte.

ASCOLTA Buddy Miller:  in versione nuovo secolo, la sequenza del video mostra quanto la canzone,  storicamente figlia degli anni 60 e della beat-generation, sia profetica ancora ai nostri giorni,  (in molti sperano che almeno questa volta, Dio sia dalla parte della Pace).


I
My name it means nothing
My age it means less
The country I come from
Is called the Midwest
I was taught and brought up there
The laws to abide
And that the land that I live in
Has God on its side.
II
The history books tell it
They tell it so well
The cavalries charged
And the Indians fell
The cavalries charged
And the Indians died
The country was young
With God on its side.
III
The Spanish American War had its day
And the Civil War too
Was soon laid away
And the names of the heroes
I was made to memorize
With guns in their hands
And God on their side.
IV
The first World War, boys
It came and it went
The reason for fighting
I never did get
But I learned to accept it
And accept it with pride
For you don’t count the dead
When God’s on your side.
V
The second World War
It came to an end
We forgave the Germans
And then we were friends
Though they murdered six millions
In the ovens they fried
The Germans now too
Have God on their side.
VI
I’ve learned to hate Russians
All through my whole life
If another war starts
It’s them we must fight
To hate them and fear them
To run and to hide
And accept it all bravely
With God on my side.
VII
But now we got weapons
Of the chemical dust
If fire them we’re forced to
Then fire them we must
One push of the button
And a shot the world wide
And you never ask questions
With God on your side.
VIII
In many a dark hour
I been thinkin’ ‘bout this
That Jesus Christ
Was betrayed by a kiss
But I can’t think for you
You have to decide
Whether Judas Iscariot(1)
Had God on his side.
IX
So now as I’m leavin’
I’m weary as hell
The confusion I’m feelin’
Ain’t no tongue can tell
The words fill my head
And fall to the floor –
But if God is on our side
He’ll stop the next war.
traduzione italiano tratta da qui
I
Il mio nome non conta,
la mia età nemmeno.
Il paese dal quale provengo
fa parte dell’Occidente libero.
Sono stato cresciuto ed educato
a obbedire alle sue leggi
e che la terra in cui vivo
ha Dio dalla sua parte.
II
I libri di storia lo dicono,
e lo fanno così bene.
La cavalleria caricava,
gli indiani cadevano.
La cavalleria caricava,
gli indiani morivano
perché il paese era giovane
e con Dio dalla sua parte.
III
La guerra ispano americana aveva fatto il suo tempo
e anche la guerra civile è stata presto dimenticata.
E i nomi degli eroi
li ho imparati a memoria
con il fucile nelle mani
e Dio dalla loro parte.
IV
Oh, la prima guerra mondiale
è cominciata ed è finita.
La ragione per combatterla
non l’ho mai capita.
Ma ho imparato ad accettarla, accettarla con orgoglio.
Non si contano i morti
quando si ha Dio dalla propria parte.
V
E quando la seconda guerra mondiale finì
perdonammo i tedeschi
e ora siamo amici
nonostante ne abbiano ammazzato sei milioni, li hanno arsi nei forni.
Anche i tedeschi, ora,
hanno Dio dalla loro parte.
VI
Ho imparato a odiare i russi per tutta la mia vita.
Se ci sarà un’altra guerra,
dovremo combattere loro.
Dovremo odiarli e temerli per fuggire a nasconderci
e accettare tutto con coraggio
e con Dio dalla nostra parte.
VII
Ma ora abbiamo armi
di polvere chimica
e se saremo costretti a usarle,
lo faremo.
Uno premerà il pulsante
e il mondo intero salterà in aria
e non devi fare domande quando Dio è dalla tua parte.
VIII
Per molte lunghe ore
ho pensato
che Gesù Cristo
fu tradito con un bacio.
Ma non posso pensare per voi,
tocca a voi decidere
se pure Giuda Iscariota
avesse Dio dalla sua parte.
IX
E adesso devo lasciarvi,
ho una stanchezza infernale.
La confusione che provo non può essere descritta in alcuna lingua.
Le parole mi riempiono la testa
e cascano sul pavimento.
Se Dio è dalla nostra parte,
fermerà la prossima guerra.

NOTE
1) nella religione cristiana  il tradimento di Giuda rientra nei piani di Dio per la Salvezza dell’Umanità..

FONTI
http://mysongbook.de/msb/songs/p/patriotg.html
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=37410&lang=it
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=112&lang=it
http://www.wowiezowie.it/wz/?p=188
http://www.historyireland.com/20th-century-contemporary-history/sean-south-of-garryowen/
http://files.studiperlapace.it/spp_zfiles/docs/irlanda.pdf

SURROUNDED BY WATER

Decisamente una irish folk song collocabile tra le Rebel Ballads, rimasta a lungo nella classifica tra i dischi più venduti in Irlanda quando fu interpretata da The Ludlow trio (ossia The Ludlows) nel 1966 (con la voce di Jim McCann)

THE SEA AROUND US

Il testo di “The sea around us” è stato scritto da Dominic Behan su una vecchia melodia popolare dal titolo ” ‘S faigamid siud mar a ta se”, suonata però  come un walzer.
1962_cosmoDominic Behan (1928 – 1989) fu scrittore, cantante e non ultimo attivista politico. Il suo approccio verso la canzone popolare è quella del cantastorie che rinnova le vecchie melodie, per esprimere con le parole del momento, ma più “urbane”, gli umori del popolo.

Dominic dice in merito al testo di “The sea around us”:”I got the line from my Mother which a friend of hers, Mick Byrne, wrote, together with about forty verses he couldn’t remember. The line I got was ‘Thank God we’re surrounded by water’, and I thought it far too good to lose.” Ovviamente solo un grande autore come lui, partendo da una sola frase, poteva far uscire dal cilindro una canzone così umoristica, eppure venata di “irish pride”: si può a buona ragione ritenere una parodia degli “inni” del secolo precedente e dei canti nostalgici, pieni di stereotipi “rurali” sulla amata vecchia Irlanda..

ASCOLTA Dominic Behan in Ireland sings (1965)

ASCOLTA The Dubliners


I
They say that the lakes of Killarney are fair
No stream like the Liffey could ever compare,
If its water you want, you’ll get nothing more rare
Than the stuff they make down by the ocean(1).
Chorus:
The sea, oh the sea is the gradh geal mo croide(2)
Long may it stay between England and me/It’s a sure guarantee that some hour we’ll be free
Thank God we’re surrounded by water.
II
Tom Moore made his “Waters” meet fame and renown
A great lover of anything dressed in a crown(3)
In brandy the bandy auld Saxon(4) he’d drown
But throw ne’er a one in the ocean.
III
The Danes(5) came to Ireland with nothing to do
But dream of the plundered auld Irish they’d slew,
“Yeh will in yer Vikings” said Brian Boru(6)
And threw them back into the ocean.
IV
The Scots have their Whisky(7),
the Welsh have their speech
Their poets are paid about ten pence a week
Provided no hard words of England they speak
Oh Lord, what a price for devotion.
V
Two foreign old monarchs in battle did join(8)
Each wanting his head on the back of a coin
If the Irish had sense they’d drowned both in the Boyne
And partition thrown into the ocean.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Si dice che i laghi di Killarney siano belli,
e che nessun fiume si possa paragonale al Liffey,
se è l’acqua che vuoi, non avrai niente di meglio
di quella roba che confluisce nell’oceano(1).
Coro
Il mare, oh il mare è “la gioia più grande del mio cuore”(2),
che a lungo resti tra l’Inghilterra e me, perchè è una sicura garanzia che prima o poi saremo liberi, grazie a Dio siamo circondati dalle acque!
II
Tom Moore scrivendo le sue “Waters” (3) andò incontro alla fama e alla notorietà- un grande amante di ogni cosa che indossasse una corona!
Nel brandy i vecchi Sassoni invasori(4) sarebbero annegati, ma non se n’è mai gettato uno nell’oceano.
III
I Danesi(5) vennero in Irlanda senza nient’altro da fare
che sognare di saccheggiare i vecchi Irlandesi che avevano ucciso
“Ora tocca a voi Vichinghi” disse Brian Boru(6)
e li gettò di nuovo nell’oceano.
IV
Gli Scozzesi avevano il loro whisky(7),
i Gallesi la loro parlantina,
i loro poeti erano pagati dieci penny alla settimana
guardandosi bene dal dire dure parole sull’Inghilterra, oh Signore, che prezzo per la devozione!
V
Due vecchi re stranieri(8) si unirono per la battaglia
ognuno voleva la sua testa sul retro di una moneta,
se gli Irlandesi avessero avuto il buonsenso li avrebbero affogati entrambi nel Boyne
e gettato la divisione nell’oceano

NOTE
1) Dominic dice di non guardare ai laghi e ai fiumi dell’isola ma al mare che circonda e circoscrive l’intera isola, implicitamente dice che non si deve guardare l’isola per contee, ma nella sua interezza, non divisibile cioè in due territori come quelli odierni.  Ricordiamo che la canzone è stata scritta nel 1965, quando la repubblica d’Irlanda ancora rivendicava in Costituzione le contee del Nord
2) Gradh geal mo croide = great joy of my heart; è un classico per gli autori delle canzoni popolari inserire qualche frase in gaelico e questa è la più gettonata
3) Thomas Moore scrisse nel 1807 una canzone dal titolo “The meeting of the waters” un punto ben preciso del territorio irlandese in cui il fiume Avonmore si incontra con il fiume Avonbeg per formare l’Avoca (contea di Wicklow). Considerato un poeta alla moda nell’Ottocento Moore è stato criticato nel secolo successivo: qui è visto come un irlandese “da salotto” ossequioso degli Inglesi, per questo è un “grande amante della corona”
4) con Sassoni Dominic intende gli Inglesi. I Sassoni erano tribù germaniche che migrarono in Inghilterra (ovvero la Britannia) con gli Angli ed altre tribù minori per diventare gli anglo-sassoni cioè gli Inghlesi. Il termine bandy che fa rima con brandy non ha una chiara (per me traduzione)
5) i primi invasori dell’Irlanda (dopo i Celti) furono i Vichinghi (VIII-IX secolo) e anche se vengono definiti comunemente  Danesi; in realtà  i primi vichinghi a compiere incursioni sulle coste furono i Norvegesi (sono i Danesi che diventano Normanni stabilendosi nella regione della Francia che da loro prende il nome, la Normandia). Furono i Vichinghi norvegesi, che si definivano Ostiani perchè erano gli Uomini dell’Est, a fondare Dublino.
6) in realtà quando Brian Borù vinse la battaglia di Clontarf il problema vichingo non esisteva più da una sessantina d’anni, ma per gli Irlandese è il re supremo d’Irlanda che scaccia i Vichinghi!! (XI secolo) l’ironia qui è marcata, nell’Irlanda medievale ogni capo con uno straccio di terra e di potere si proclamava re, e i re d’Irlanda continuavano a rubarsi il bestiame l’un con l’altro e a praticare il loro divertimento preferito: scannarsi tra loro.
7) ovviamente gli irlandesi hanno il whiskey (vedi)
8) i due re sono Guglielmo d’Orange (diventato Guglielmo III d’Inghilterra, Guglielmo II di Scozia e Guglielmo I d’Irlanda) e Giacomo II Stuart (il deposto re di Inghilterra e Scozia -e anche d’Irlanda- di confessione cattolica) e la battaglia del Boyne fu combattuta nel 1690.

LA MELODIA: ‘S faigamid siud mar a ta se

ASCOLTA Paul O’Shaughnessy al violino che la suona come una jig

THANK GOD WE’RE SURROUNDED BY WATER

La versione canadese è stata invece scritta da Tom Cahill sulla falsariga di quella irlandese

ASCOLTA Dick Nolan


I
I’ll sing you a song about Newfoundland dear,
We haven’t got money nor riches to spare;
But we should be thankful for one small affair,
Thank God we’re surrounded by water.
The sea, oh the sea, the wonderful sea,
Long may she roam between nations and me; And everyone here should go down on one knee,
Thank God we’re surrounded by water.
II
The French in Quebec want a separate state,
Along with our own Labrador, just you wait;
They’re down to Bell Isle (1) but they can’t walk the Strait,
Thank God we’re surrounded by water.
III
My mother-in-law wrote from Boston, the dear,
She wanted to visit for our “Come Home Year” (2);
The Carson (3) was full with no planes in the air,
Thank God we’re surrounded by water.
IV
Some visitors tasted our Newfoundland screech (4),
Tipped up the old bottle, drank six ounces each;
They let out a yell as they ran for the beach,
Thank God we’re surrounded by water.
V
Now Joey (5) is God, say the Liberal bunch,
One day on the harbour he stepped after lunch;
But he couldn’t manage the Galilee stunt,
Thank God we’re surrounded by water.
VI
Now Betsy Jane Kemp (6) took her horse for a ride,
Ripped up her old bloomers all down the left side;
She hid them away on the beach at low tide,
Thank God we’re surrounded by water.
 
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Ti canterò una canzone sulla cara Terranova,
non abbiamo denaro né ricchezza da spartire;
ma dovremmo essere grati per una piccola circostabza, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua!
Il mare, oh il mare, il mare meraviglioso,
che a lungo resti tra tra le Nazioni e me;
e tutti quanti qui dovremmo inginocchiarci
grazie a Dio siamo circondati dall’acqua!
II
I francesi in Quebec vogliono uno stato separato,
insieme al nostro Labrador, aspetta e vedrai; ma sono rimasti a Bell Isle perchè non possono camminare sullo Stretto, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.
III
Mia suocera ha scritto da Boston, che cara,
voleva venire in visita per la “Festa dell’Emigrante”;
il “Carson” era pieno e non c’erano aerei in aria, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.
IV
Alcuni visitatori hanno assaggiato il nostro screech di Terranova,
sollevato la vecchia bottiglia e bevuto sei once ciascuno:
poi lanciarono un grido mentre correvano verso la spiaggia, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.
V
“Ora Joey è Dio”, dice il gruppo liberale,
un giorno, nel porto, ci finì sopra dopo pranzo;
ma non poteva fare la controfigura del galileo, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.
VI
Ora Betsy Jane Kemp prese il suo cavallo per una cavalcata,
si strappò i vecchi calzoncini lungo tutto il fianco sinistro;
li nascose sulla spiaggia con la bassa marea, grazie a Dio siamo circondati dall’acqua.

NOTE
1) Lo stretto di Belle Isle o Stretto del Labrodor separa la penisola del Labrador dall’isola di Terranova
2) celebrazione canadese equivalente alla nostra festa dell’emigrante durante la quale molti parenti ritornano a visitare le loro comunità d’origine
3) il traghetto rompighiaccio The Carson (dedicato al politico William Carson) una delle più grandi navi costruite nel 1955, affondato per colpa di un iceberg nel 1977
4) una marca locale di rum
5) Joseph Roberts “Joey” Smallwood politico canadese
6) ?

FONTI
“Irony in Action: Anthropology, Practice, and the Moral Imaginatio”, James Fernandez,Mary Taylor Huber http://www.theballadeers.com/ire/db_d1965_npl18134_ire_sing.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=151415
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/01/thank.htm
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/34/thank.htm
https://thesession.org/tunes/2611

Maloney wants a drink

songbook_2nd“Maloney wants a drink” è una drinking song da manuale scritta da Dominic Behan, in cui il nostro Paddy se fosse vissuto nel tempo biblico, avrebbe sedotto Eva, per poi abbandonarla … e andare in cerca di un altro “drink”. Anche la seducente Salomè con la sua danza del ventre non riesce ad abbindolare Maloney che, da navigato uomo di mare, lascia una donna in ogni porto..

Dominic Behan ha scritto parecchie canzoni, alcune diventate molto popolari, questa è stata registrata dai Dubliners nel loro album uscito subito dopo il famosissimo “Seven Drunken Nights”  (vedi) intitolato “A drop of the Hard Stuff” (in italiano “Un goccio di roba forte”): il titolo è significativo perchè oltre a canzoni da pub, ce n’erano alcune filo IRA in chiave umoristica ma anche “Anti-British stuff”! L’album raggiunse il 5° posto nella hit parade britannica seguito da More of the Hard Stuff che rimase nella Top Ten per circa sei mesi.

Scrive Philip Kay definendo i Dubliners dei “freeborn men” nel suo blog (qui – articolo che vi consiglio di leggere tutto) “It’s probably easy to dismiss it all now as “Irish drinking songs”, but the mixture was a carefully calculated one, of bawdy drinking songs, some of the best songs by important contemporary songwriters like Behan and MacColl, many of which had social commentary as intransigent as anything Bob Dylan ever wrote, several pro-Irish and anti-British songs, and the whole sweetened by some of the most stirring yet melodious dance music heard from any Irish group.

The Dubliners in More of the Hard Stuff 1967


I
When Eve was in the garden,
Adam climbed an apple tree,
He went aloft up to the top,
to see what he could see.
He gazed in awe of what he saw,
fair made the poor man grieve.
For Patrick John Maloney stood there, whispering to Eve…
`Ah kiss me, love, and miss me, love
And dry your bitter tears.
My loving you`ll remember now
For many, many years.
Be happy love, be satisfied,
I left you in the pink(1).

There`s many a man that wants a bride.
Maloney wants a drink.`
II
Salome danced for Paddy,
taking off her seven veils.
Salome said “Maloney that’s a trick that never fails.”(2)
Malone put Salome`s own
clothing in a sack.(3)
`I`ll run along now to the pawn(4),
and bring your bottle(5) back.`
III
From London to Nebraska,
and from Glasgow to Hong Kong,
From Cardiff to Alaska,
from Peking to Saigon,
Wherever girls are lonely,
I know that in his role,
It`s there you`ll find Maloney,
a-waiting to console…
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Quando Eva era nel giardino dell’Eden, Adamo salì su un melo,
si arrampicò fino alla cima,
per vedere cosa gli riuscisse di vedere,
ma ciò che vide lo impressionò,
il pover uomo era proprio afflitto, perchè Patrick John Maloney se ne stava lì, sussurrando a Eva
“Ah baciami, amore, ti mancherò, amore, asciuga le tue lacrime tristi.
Il mio amore tu ricorderai
per molti, molti anni.
Sii lieta amore, e contenta,
ti ho lasciato in rosa,
c’è più di un uomo che desidera una sposa,
ma Maloney vuole un drink”.

II
Salomè danzò per Paddy,
togliendosi i suoi sette veli.
Salomè disse “Maloney questo è un trucco che non fallisce mai.”
Maloney mise il vestito di Salomè
in una sacca
“Farò la mia mossa
e ti riporterò la bottiglia.”
III
Da Londra al Nebraska
e da Glasgow a Hong Kong,
da Cardiff all’Alaska,
da Pechino a Saigon,
ovunque ci siano ragazze sole,
stanne certo,
lì troverai Maloney,
in attesa di consolarle..

NOTE
1) in the pink: il significato di “essere in rosa” è quello di stare bene, in salute, ma anche “su di giri” nel senso euforico di chi ha bevuto qualche drink
2) la frase in altre versioni è detta da Paddy, ma a mio avviso ha più senso se detta da Salomè
3) significa che Paddy fa i bagagli per andarsene; il termine “own” è scritto in vari modi
4) letteralmente ” Seguirò ora il pedone
5) scritto a volte come “bundle

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=47622
https://phillipkay.wordpress.com/2011/07/09/freeborn-men/
http://itsthedubliners.com/ref_song_1967_sb.htm

NELL FLAHERTY’S DRAKE

anatra-germano“Il papero di Nell Flaherty” (in inglese  “Nell Flaherty’s drake”) è il titolo di una canzone irlandese di origini ottocentesche in cui ci si rammarica per l’uccisione di un anatra, ma in realtà si vuole parlare della morte di un ribelle, affiliato della Società degli Irlandesi Uniti, si tratta perciò di una irish rebel song in codice.

Robert Emmet (1778-1803) è il nostro “papero nostrano” ovvero un giovane ribelle irlandese (della chiesa anglicana),  convinto sostenitore dell’indipendenza dell’Irlanda dalla Corona Inglese, nonché seguace degli ideali di fratellanza e solidarietà sociale propugnati dalla Rivoluzione Francese! Erano gli anni in cui i giovani irlandesi non potevano esimersi dal prendere una posizione, e il fratello maggiore Thomas (caro amico di Theobald Wolfe Tone) si era già schierato con i nazionalisti. Anche il fratellino più giovane mostra le sue simpatie per gli Irlandesi Uniti e viene espulso dal Trinity College di Dublino e poi fugge a Parigi con i ribelli del 1798 sconfitti.

Rientra a Dublino alla fine del 1802 per preparare la ribellione armata da affiancare all’imminente sbarco francese (e questa simpatia per la Francia gli costerà la testa), ma l’impresa va incontro al fallimento: dei preparativi per la ribellione si conosce ben poco essendo stata condotta con grande segretezza, ma i “croppy boys” non si erano ancora ripresi dalle batoste subite e dalla dura repressione inglese  e i veterani del 1798 accolsero con apatia gli emissari di Emmet; nonostante lo scollamento con la “base” i capi degli Irlandesi Uniti (ridotti a una sparuta élite) tramavano in segreto e si armavano..
A Dublino un’esplosione accidentale in uno di questi depositi di armi portò Emmet alla decisione di anticipare la rivolta, prima che gli Inglesi del Castello con la loro trama di spie venissero a conoscenza del piano della rivolta, ma il fatidico 23 luglio 1803 solo qualche centinaio di uomini si presentò all’appello: mancavano le armi, le munizioni, i cannoni, molti ritornarono alle loro case, ma non Emmet vestito da gentleman rivoluzionario, con una giubba verde guarnita di bianco e tricorno piumato, che si mise alla testa di un manipolo d’uomini per dare l’assalto al Castello. Costretti a ripiegare e a disperdesi, gruppi di ribelli vagarono in modo casuale per la città, con Emmet che perse del tutto il controllo della rivolta; per caso in Thomas Street venne fermata e presa d’assalto una carrozza con a bordo il viceré Lord Arthur Wolfe Kilwarden, prontamente infilzato dalle picche. I disordini proseguirono per tutta la notte finchè furono sedati dai militari.

1803-rebellion
Emmet riuscì a fuggire ma il suo nascondiglio venne scoperto e il 25 agosto venne catturato. Processato per alto tradimento il 19 settembre venne impiccato (e poi decapitato) sulla pubblica piazza il giorno dopo.

Sul personaggio è subito fiorita una letteratura romantica, vuoi per la giovane età, per il bel discorso pronunciato davanti alla giuria, vuoi per la storia d’amore con Sarah Curran alla quale Robert mandò una lettera dalla prigionia.
We fight that all of us may have our country and that done each of us shall have his religion. We war not against property—We war against no religious sect—We war not against past opinions or prejudices—We war against English dominion.”

IL PROTOTIPO DEL GENTLEMAN IRLANDESE

emmet-uniformEmmet was also portrayed in the nineteenth century as the ideal of Irish masculinity, the Irish Washington with his tight-fitting trousers, fine uniform and dashing air. He is shown as a prototype of what Irish masculinity should be. His rounded leg is determinedly thrust into the foreground: his beautiful, almost sexualised body is displayed in highly elaborate uniforms. Irish masculinity was emasculated through the nineteenth century, in the political and military spheres. Irish people were literally broken-backed, pock-marked, limping: the Irish body had become perforated, shrunken, tubercular, rheumatic—paralytic, in Joyce’s famous phrase. The whole corpus of nineteenth-century Irish literature hardly contains a single strong masculine figure. Portraying Emmet in this way made him an icon for Irish masculinity. That representation was also worked into the nineteenth-century representation of his triangular relationship with Sarah Curran and Anne Devlin, which addressed the issue of appropriate role models for Irish women. Sarah Curran functioned as the model for the Protestant gentry woman: she should be etherealised, disembodied, sublimated and desexualised. Curran was permitted the flourishes of the romantic exile in Sicily and the high romantic sense of unrequited love brutally interrupted by an external force. Anne Devlin appeared as the Catholic peasant woman who is faithful, ministering to bodily needs, a servant who is endlessly loyal. She functions as the ideal of Irish maternal femininity in the nineteenth century—long-suffering, long silent, but always standing by your man. This powerful triangulation around Emmet, Curran and Devlin provided a gender- and class-based model of Irish masculinity and femininity which has very little to do with the historical figures themselves. (tratto da qui)

LA MELODIA: ASCOLTA Rex McGee

Nell maledice gli Inglesi che hanno ucciso il suo “drake” con una sequela di improperi molto coloriti,  infine conforta i ribelli esortandoli a non desistere nella lotta.

ASCOLTA una gracchiante versione di Dominic Behan

ASCOLTA Tomasina Mc Ginnity

ASCOLTA Tommy Makem (la numerazione delle strofe segue la precedente, più estesa, versione, ci sono solo delle lievi variazioni solo pochi versi sono cambiati) (strofe I, IV, III, II, XI, XII, V, VIII, XV, XVI)


I
My name it is Nell(1),
quite candid I tell, (2)
And I live near C’oethill(3)
I will never deny;
I had a large (fine) drake,
the truth for to speak,(4)
That my grandmother left
me and she going to die.
II
He was wholesome and sound,
he’d weigh twenty pound,
And the universe round
I’d rove for his sake.
Bad wind (luck) to the robber,
be him drunk or sober,
That murdered Nell Flaherty’s beautiful Drake.
III
His neck it was green,
most rare (fit) to be seen,
He was fit for a Queen
of the highest degree;
His body was white,
it would you delight,
He was plump, fat, and heavy
and brisk as a bee. (5)
IV
My dear little fellow,
his legs they were yellow,
He’d fly like a swallow
or swim like a hake;
Till some wicked (dirty) savage
to grease his white cabbage,
Has murdered Nell Flaherty’s Beautiful Drake.
V
May his pig never grunt,
may his cat never hunt,
That a ghost may him haunt
in the dead of the night, (6)
May his hen never lay,
may his ass never bray (7),
May his goat(8) fly away
like an old paper kite.
VI
May his duck never quack,
may his goose turn black,
And pull down his turf
with his long yellow beak,
May the scurvy and itch
never part from the breech,
Of the monster that murdered Nell Flaherty’s Drake.
VII
May his cock never crow—
may his bellows (9) ne’er blow,
And for bed, pot and poe
may he never have none (10);
May his cradle not rock,
may his box have no lock,
May his wife have no smock
to shade her back-bone
VIII
That the flies and the fleas
(may) the wretch ever tease,
May the piercing north breeze
make him tremble and shake (11);
May a four-year old bug
build a nest in his lug (12),
Of the monster that murdered
Nell Flaherty’s Drake.
IX
May his pipe never smoke,
may his tea-pot be broke,
And add to the joke,
may his tea-kettle ne’er boil,
May he pooley(13) the bed
til the hour he is dead,
May he always be fed on lobsconse and fish oil.
X
May he swell with the gout,
may his grinders fall out,
May he roar, bawl and shout
with the horrid tooth-ache,
May his temples wear horns,
and all his toes corns,
The monster that murdered
Nell Flaherty’s Drake.
XI
May his spade never dig,
may his sow never pig,
May each hair in his wig
be well thrashed with a flail (14);
May his turkey not hatch,
may the rats eat his meal.
XII
May every old fairy
from Cork to Dunleary
Dip him smug and airy
in river or lake,
That the eel and the trout,
they may dine on the snout
Of the monster that murdered
Nell Flaherty’s drake.
XIII
May his dog yelp and growl
with both hunger and cold,
May his wife always scold
till his brains go astray,
May the curse of each hag
that e’er carried a bag,
May light on the vag
till his head turns grey.
XIV
May monkies still bite him,
mad dogs affright him,
And everyone slight him,
asleep or awake,
May the wasps still gnaw him
and jack-daws claw him,
The monster that murdered
Nell Flaherty’s Drake.
XV
The only good news
I have diffuse,
That Peter Hughes
and Feter McCabe,
And big nose Bob Hanson,
and buck tooth Norhamoen
Each man has a grandson
of my beautiful Drake (15).
XVI
My bird (treasure) he has dozens
of both nephews and cousins (16),
And due I must get
or my heart it will break;
To set my mind easy,
or else I’ll run crazy –
This ends the whole story
of Nell Flaherty’s Drake.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Mi chiamo Nell
e dico la verità
vengo da Cootehill
e mai potrò negarlo;
avevo un bel papero,
dico il vero che
me lo aveva lasciato mia nonna
prima di morire,
II
Era sano e vigoroso,
sarebbe pesato venti libbre
e tutto l’universo avrei girato
per il suo bene.
Mala sorte al ladro,
sia ubriaco o sobrio,
che ha assassinato il bel papero
di Nell Flaherty.
III
Il suo collo era verde,
molto bello a vedersi,
era pronto per una Regina
del più alto grado,
il suo corpo era bianco
e ti avrebbe deliziato,
era paffuto, grassoccio e robusto
e vispo come un’ape
IV
Mio piccolo caro compagno,
dalle zampe gialle,
poteva volare come una rondine
o nuotare come un nasello,
finchè uno sporco barbaro
per mettere un po’ di grasso sul suo cavolo bianco, ha assassinato il bel papero di Nell Flaherty
V
Che il suo maiale mai più grugnisca
e il suo gatto mai più vada a caccia,
che un fantasma lo perseguiti
nel cuore della notte,
che le sue galline mai depongano (le uova) e il suo cavallo mai nitrisca
che la sua capra (4) voli via come un vecchio aquilone di carta,
VI
che la sua anatra mai dica quack
e la sua oca diventi nera
e rovini l’erba
con il suo lungo becco giallo
che lo scorbuto e il prurito
mai lascino il culo
del mostro che ha assassinato il papero di Nell Flaherty.
VII
Che il suo gallo mai canti
e il mantice  mai soffi
e per andare a letto
non abbia mai vaso o tazza.
Che la sua culla mai dondoli
e il suo recinto mai abbia serratura,
che sua moglie non abbia mai un grembiule da annodare alla schiena
VIII
che le mosche e le pulci possano punzecchiare il miserabile
e che la brezza pungente del nord
lo faccia tremare e scuotere,
possa un insetto di 4 anni
costruire un nido nell’orecchio
del mostro che ha ucciso
il papero di Nell Flaherty.
IX
Che la sua pipa non tiri
e la sua teiera si rompa
e per di più che il suo bollitore
mai vada in ebollizione,
possa egli bagnare  il letto
fino al giorno della sua morte
e che possa sempre mangiare
sbobba e olio di pesce.
X
che si gonfi per la gotta,
che gli caschino i molari,
che sbraiti, urli e gridi
per un orribile mal di denti,
che gli spuntino le corna e tutte le dita dei piedi si riempiano di calli
al mostro che ha ucciso
il papero di Nell Flaherty.
XI
Possa la sua vanga mai scavare,
la sua scrofa mai figliare,
che tutti i capelli della sua parrucca siano colti dalla peste,
che il suo tacchino non covi
e i ratti gli mangino il pasto.
XII
Che ogni vecchia fata
da Cork a Dunleary
lo getti, compiaciuto e borioso
nel fiume e nel lago,
che l’anguilla e la trota
cenino sul muso
del mostro che ha ucciso
il papero di Nell Flaherty.
XIII
Che il suo cane guaisca e ringhi
per la fame e il freddo
e la moglie lo rimproveri
fino a fargli spappolare il cervello,
possa maledirlo ogni strega
che mai porti una borsa,
possa andare vagabondo
fino alla vecchiaia.
XIV
Che le scimmie lo mordano
e i cani pazzi lo spaventino
e tutti gli facciano un dispetto,
da sveglio e mentre dorme,
possano le vespe pungerlo
e le gazze ghermirlo,
il mostro che ha ucciso
il papero di Nell Flaherty
XV
Ora l’unica buona notizia
che ho da diffondere
è che il vecchio Paddy Hughs
e Feter McCabe
e Bob Hanson il nasone e Norhamoen “dente di coniglio”
hanno tutti un nipote del mio caro bellissimo papero.
XVI
Il mio uccello ha avuto dozzine di nipoti e cugini
e vendetta devo avere
o il mio cuore si spezzerà
per tranquillizzarmi
altrimenti diventerò pazza,
così finisce l’intera canzone
del papero di Nell Flaherty

NOTE
1) Sarah Curran
2) Makem dice  (and the truth for to tell)
3) C’oethill o C’osthill, c’è una Cootehill nella contea di Cavan, ma Sarah Curran era sicuramente dublinese
4) Makem diceand I’d die for his sake
5) descrivendo l’anatra si identifica la bandiera tricolore dell’irlanda.
6) Makem dice:
May a ghost ever haunt him
at dead of the night
7) Makem dice:
May his hens never lay,
may his horse never neigh,
8) per quanto l’immagine di una capra che vola via leggera come un aquilone sia un po’ alla Limerick probabilmente si trattava in origine di un coat
9) il soffietto in inglese è sempre al plurale
10) The pot (pisspot) è il vaso da notte dove fare la pipì, in mancanza di servizi igienici
11) Makem dice
May the piercing March breeze
make him shiver an shake
12) Makem dice:
May a lump of a stick
raise the bumps fast and thick
(in italiano: che un bastone nodoso riempia di bozzi uno di seguito all’altro )
13) immagino si riferisca all’incontinenza della vescica
14) letteralmente ogni capello della sua parrucca sia battuto dal correggiato (un tipo di flagello)
15) Makem cambia un po i nomi
Now the only good news that I have to infuse
Is that old Paddy Hughs and young Anthony Blake,
Also Johnny Dwyer and Corney Maguire,
They each have a grandson of my darling drake.
16) i ribelli che continuano a sostenere la causa

FONTI
http://www.robertemmet.org/
http://biografieonline.it/biografia.htm?BioID=2648&biografia=Robert+Emmet http://www.historyireland.com/18th-19th-century-history/robert-emmet-between-history-and-memory/ http://folksongcollector.com/nellsdrake.html http://digital.nls.uk/broadsides/broadside.cfm/id/15144 https://thesession.org/tunes/9767 http://www.theblogmocracy.com/2010/03/17/nell-flahertys-drake/

BIDDY MULLIGAN THE PRIDE OF COOMBE

jimmy-o-dea“Biddy Mulligan” è la canzone irlandese scritta nel 1930 per il music-hall da Seamus Kavanagh in collaborazione con Harry O’Donovan e che venne interpretata dal grande cantante-attore Jimmy O’Deaen travestì”. Il personaggio è collegato a una serie di canzoni sempre scritte da Harry O’Donovan: the Charladies’ Ball (condividendo la melodia di Biddy Mulligan) e Daffy the Belle of the Coombe (sulla figlia della vedova Mulligan)

LA VEDOVA DEL COOMBE

Il testo per la verità è stato ripreso dalla canzone “Mrs Twankey, the Queen of the Coombe” scritta da W S North per la commedia Taladoin, or The Scamp with the Lamp” che andò in scena il 26 dicembre 1889 (vedi). Si tratta della macchietta di una vedova che risiede a Coombe il quartiere popolare di Dublino tra le cattedrali Christchurch e Saint Patrick, che fin dal Medioevo era sotto le giurisdizione della Chiesa cattolica che dava asilo e protezione alla povera gente (le Liberties). Ancora oggi è un quartiere operaio e popolare caratteristico della Dublino storica.

La nostra signora Biddy Mulligan vende per strada, a seconda dei giorni, frutta fresca e verdure, vestiario o pesce e come personaggio fa il paio con l’altrettanto famosa Molly Malone. (vedi). Per quanto recente la canzone è stata oggetto di molte varianti testuali.

ASCOLTA The Dubliners (strofe I, II III, V)

ASCOLTA Dominic Behan (strofe I, II III, IV, V, VI)


CHORUS
You may.. travel from Clare to the County Kildare,
From Drogheda(1) right down to Macroom; but where would you see a fine widow like me, Biddy Mulligan, the pride of the Coombe(2)
I
I’m a scrap(3) of a widow that lives in a place in Dublin,
that’s known as the Coombe.
And me comfort and ease(4)
Sure no king could excel
Though me palace consists of one room
II
By Patrick’s Street corner for thirtyfive years(5)
I stood by my stall, that’s no lie
And while I was there, there’s no one would dare To say black was the white of me eye(6)
III
I sell apples and oranges, nuts and split(7) peas
Bulls eyes(8) and sugar sticks sweet
On a Saturday night I sell second hand clothes
From me stall on the floor of the street
IV(9)
I sell fish on a Friday, laid out on a dish
Fresh mackerel and lovely ray
I sell lovely herrings such lovely fresh herrings
That once swam in dear Dublin Bay
V
Now I have a son Mick who plays on the pipe(10)
He belongs to the Longford Street Band (11)
It would do your heart good to see them march out On a Sunday to Sandymount Strand(12)
VI
In the park on a Sunday I cut quite a dash(13)
And the neighbours look on in surprise
At my grand paisley shawl(14) and my bonnet so tall
It would dazzle your eyes
Traduzione italiano di Cattia Salto
Coro
Puoi viaggiare dal Clare alla contea di Kildare,
da Drogheta (1) e dritto fino a Macroom,
ma dove potrai mai trovare una bella vedova come me,
Biddy Mulligan, l’orgoglio del Coombe(2)?
I
Sono una formosa (3) vedova che vive a Dublino
in un posto detto Coombe,
confortevole e adatto a me (4),
nessuna dimora regale può superare il mio palazzo, sebbene consista in una stanza sola.
II
All’angolo di Patrick’s Street per 35 anni (5) rimasi alla mia bancarella, e non dico bugie,
e mentre stavo là nessuno avrebbe osato
parlare male di me (6).
III
Vendo mele e arance noci e piselli spaccati (7), occhi-di -bue (8) e dolci bastoncini di zucchero.
La sera del sabato vendo abiti di seconda mano dalla mia postazione sul marciapiede della strada.
IV (9)
Di venerdì vendo pesce disposto su un piatto, sgombro fresco e una bella razza, vendo belle aringhe, aringhe fresche così deliziose che prima nuotavano nella bella baia di Dublino.
V
Ora ho un figlio di nome Mick che suona il flauto (10)
e fa parte della banda di Longford Street (11),
rallegrerebbe il vostro cuore vederli marciare di domenica sullo Sandymount Strand (12).
VI
Nel parco di domenica faccio la mia figura (13)
e i vicini guardano con meraviglia il mio grande scialle di Paisley (14) e il mio berretto così alto
da far brillare i vostri occhi

Iveagh Market

NOTE
1) cittadina del Louth a una cinquantina di km da Dublino che si trova vicino al sito archeologico di Newgrange, è diventata una cittadina satellite di Dublino
2) The Coombe è un quartiere operaio a sud di Dublino appena fuori la cerchia muraria della vecchia Dublino in quell’area detta le Liberties perchè sotto la giurisdizione della Chiesa la quale godeva di numerose franchigie.
3) oppue dice “I’m a buxom fine widow, I live in a spot”
4) anche scritto come: “are these”. Il verso alternativo dice:
“My shop and my stall is laid out in the street
And me place consists of one room.”
5) Altre volte 44 o 64 (il numero degli anni cambia in funzione di chi canta): sebbene nella canzone si ripeta spesso che la signora aveva una bancarella  dietro a Patrick’s Street ai tempi di Jimmy O’Dea  la maggior parte degli ambulanti vendevano nell’Iveagh Market, il mercato coperto di Francis Street, costruito dall’Iveagh Trust (un ramo del Guinness Trust, compagnia fondata nel 1890 da Edward Guinness, I conte di Iveagh). Il Mercato coperto venne costruito a nord della cattedrale di St. Patrick e aprì nel 1906; nel mercato si vendeva a seconda dei giorni: verdure, pesce o vestiario. Caduto in disuso e abbandonato nel 1990 è oggetto di un progetto di riqualificazione.
6) dire che “nero è il bianco dei miei occhi“, è una tipica espressione popolare che significa: “nessuno può parlare male di me”
7) sweet
8) oppure banana. I Bulls eyes sono delle caramelle alla menta a strisce bianche e nere del tipo Humbug, ma mentre l’humbug ha forma cilindrica il bull-eye è sferica
9) I Clancy Brothers dicono
“I sell fish on a Friday, spread out on a board;
The finest you’ll find in the sea.
But the best is my herrings, fine Dublin Bay herrings,
There’s herrings for dinner and tea.
10) oppure fife, trattandosi d’Irlanda è più probabile che con pipe si voglia intendere il flauto più che una cornamusa
11)  in Longford Street c’è la York House che ospita l’Esercito della Salvezza (Salvation Army) , movimento nato dal Metodismo negli anni 1860 l’organizzazione  aveva come obiettivo principale l’evangelizzazione dei poveri con un approccio salutista e militaresco: le prediche contro l’abuso di alcol, la prostituzione e i giochi d’azzardo erano spesso accompagnati da una banda di suonatori in uniforme. Il suo fondatore William Booth era convinto che disciplina militare e musica marziale fossero un connubio perfetto per allestire spettacoli che suscitassero curiosità e interesse.
12) oppure”When the band goes to Dollymount Strand”: sia Sandymount che Dollymount sono spiagge nella Baia di Dublino una a Sud e l’altra a Nord
13) espressione idiomatica per “Cut a fine figure”
14) oppure “With my Aberdeen shawlie thrown over my head”

APPROFONDIMENTO TEMATICO
http://ontanomagico.altervista.org/dicey-riley.html

FONTI
http://www.irlandando.it/dublino/cosa-vedere-dublino/ll-quartiere-dei-liberties/
http://www.kinglaoghaire.com/lyrics/915-biddy-mulligan http://dublinopinion.com/2008/06/09/jimmy-jimmy/ http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=115394 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6502