I’m a rover and seldom sober

In the popular tradition there are many ballads called “night-visiting songs” in which the lover (a vagabond, a soldier or a sailor, but also an agricultural laborer or a young apprentice) knocks at night on the window (door) of a maiden / girlfriend and is allowed to enter the bedroom. The examples alternate the comic-erotic tone with the drama (the imminent departure of the lover for war or emigration).
A more tragic topic is the one that contemplates the nightly visit of a ghost
Nella tradizione popolare sono assai numerose le ballate dette “
night-visiting song” in cui l’amante (un vagabondo, un soldato o un marinaio, ma anche un bracciante agricolo o un giovane apprendista) bussa di notte alla finestra (porta) di una fanciulla/fidanzata e viene fatto entrare nella camera da letto. Negli esempi si alternano il tono comico-erotico con il dramma (l’imminente partenza dell’amante per la guerra o l’emigrazione).
Un filone più tragico è quello
che contempla la visita notturna di un fantasma.

Irish version

The Dubliners

Great Big Sea in Turn 1999 live version (II+III, IV+V, VIII)

The Corrie Folk Trio


I (1)
There’s ne’er a nicht I’m gane to ramble,
there’s ne’er a nicht I’m gane to roam
There’s ne’er a nicht I’m gane to ramble,
intae the erms of me ain true love
CHORUS
I’m a rover (2), seldom sober,
I’m a rover of high degree
It’s when I’m drinking
I’m always thinking
how to gain my love’s company
II
Though the night be
as dark as dungeon,
not a star can be seen above
I will be guided without a stumble (3),
into the arms of the one I love
III
He stepped up to her bedroom window,
kneeling gently upon a stone
And he tapped at the bedroom window (4);
“My darling deardo you lie alone?”
IV
She raised her heid on her snaw-white pillow wi’ her arms around her breast,
“Wha’ is that at my bedroom window disturbin’ me at my lang night’s rest?”
V
“It’s only me your own true lover;
open the door (6) and let me in
For I have travelled a weary journey (7)
and I’m near drenched to my skin (8).”
VI (9)
She opened the door with the greatest pleasure
she opened the door and she let him in
They both shook hands and embraced each other, until the morning they lay as one
VII (The Corries)
The day was dawning the cocks were crawin’
Birds were whistlin’ on every tree (10)
Fairwell my true love now I must leave you
For the long night has turned to day
VIII
Says I: “My love I must go and leave you,
to climb the hills they are far above
But I will climb with the greatest pleasure, since I’ve been in the arms of my love”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Non c’è notte in cui non vada a zonzo,
non c’è  notte in cui non vada a bighellonare, non c’è notte in cui non vada a zonzo,
tra le braccia del mio vero amore
CORO
“Sono un libertino (2) raramente sobrio,
sono un libertino d’alta classe

e quando bevo,
penso sempre a ottenere
la compagnia del mio amore.”

II
“Sebbene la notte sia
più buia di una prigione,
e nemmeno una stella si riesce a vedere in cielo, 
sarò guidato senza passi falsi (3)
nelle braccia del mio unico vero amore”
III
Si presentò alla finestra della sua stanza da letto, inginocchiandosi piano al davanzale
bussò alla finestra della camera (4):
Mio caro amore, dormi sola?
IV
Lei sollevò la testa dal soffice e candido cuscino con le braccia intorno al seno
Chi è che alla finestra disturba il mio riposo in questa lunga notte (5)?
V
Sono solo io,  proprio il tuo vero amore, apri la porta (6) e fammi entrare
poiché ho viaggiato a lungo
e sono bagnato quasi fino
al midollo (8)”
VI
Lei aprì la porta con gran piacere,
aprì la porta e lo fece entrare
si strinsero le mani e si abbracciarono l’un l’altra, e fino al mattino furono una cosa sola
VII
L’alba sta sorgendo, i galli cantano (10)
gli uccelli cinguettano su ogni ramo
“Addio amore mio, ora ti devo lasciare
perchè la lunga notte è diventata giorno”
VIII
dico io: “Amore mio debbo lasciarti,
per scalare le colline che sono molto distanti

ma le scalerò con gran piacere
visto che sono stato tra le braccia
del mio amore

NOTE
1) additional stanza by the Dubliners [strofa aggiuntiva dei Dubliners]
2)rover in this context means more appropriately “viveur” that is a party-goer, a sprawling companion, like a pleasure-seeker who spends his nights drinking, gambling and going to women.
rover
in questo contesto significa più propriamente “viveur” cioè un festaiolo, compagno di bisbocce, ossia un gaudente che passa le notti a bere, giocare d’azzardo e andare a donne. In italiano un termine che potrebbe racchiudere questi significati è “libertino”
3) from the revenant ballad version those who come to visit from the Other Celtic World (where they lived according to the passage of time enchanted – one day at Fairy corresponds to a terrestrial year) not they must rest their feet on the ground because otherwise they are reached by the earth age
dalla versione revenant ballad coloro che vengono in visita dall’Altro Mondo Celtico (dove hanno vissuto secondo lo scorrere del tempo fatato – un giorno presso Fairy corrisponde ad un anno terrestre) non devono posare i piedi sul suolo perchè altrimenti vengono raggiunti dall’età terrestre
4) or “He whispers through her bedroom window[oppure “sussurra alla finestra della camera”]
5)  the long night is very likely that of the Winter Solstice [la lunga notte è molto probabilmente quella del Solstizio d’Inverno]
6) open up please
7)I hae come on a lang journey
8)  in the ballad “The Gray Cock” William is wet because he presumably died drowned, here it is supposed to be for the bad weather [ho tradotto l’espressione secondo l’equivalente frase idiomatica in italiano: nella ballata “The Grey Cock” William è bagnato perchè presumibilmente è morto annegato, qui si suppone che si tratti del cattivo tempo: uno dei pretesti condivisi nelle night songs per far aprire la porta alla fanciulla dormiente è proprio quello della notte fredda e piovosa. (vedi)
9) She opened up with the greatest pleasure,
unlocked the door and she let him in
They both embraced and kissed each other;
till the morning they lay as one
10) the verse recalls the dawn songs, the amorous night as the Romeo and Juliet one that to the call of the lark (here is a more rural rooster) they must be parted. In another variant, the cockcrow warns the “rover” that it’s time to go to work!
The cocks were waking the birds were whistling;
the streams they ran free about the brae
“Remember lass I’m a ploughman’s laddie
and the farmer I must obey.
il verso richiama i canti dell’alba cioè i convegni amorosi alla Romeo e Giulietta che al canto dell’allodola (qui è un più campagnolo gallo) si separano. In un’altra variante il canto del gallo avvisa il “rover” che è tempo di andare al lavoro!
I galli cantano, gli uccelli cinguettano
i torrenti scorrono liberamente per le valli
“Ricordati ragazza che io sono un cavallante
e al fattore devo obbedire“.

Scottish version: Often Drunk and Seldom Sober

From scottish travellers tradition.
Dalla tradizione dei travellers di Scozia

Jimmy Hutchison: On Autumn Harvest ah007: Old Songs & Bothy Ballads: Grand to Be a Working Man. Recorded at the Fife Traditional Singing Festival May 2008. (see)
Learned from the singing of Old Davie Stewart (the Galoot) whose rendition of the song was recorded by Hamish Henderson and is on Greentrax CDTRAX9052. Davie became well known in the Scottish folk revival of the 1960s when he was a regular guest at the St Andrews Folk Club where Jimmy was one of the organisers. Davie was one of Scotland’s travelling people, who sang and played melodeon as he travelled around the country, a well kent face at Scotland’s feeing markets and country fairs and as a busker in the streets of Aberdeen, Dundee and Glasgow. He probably picked up this song in Ireland – the song certainly seems to contain a mixture of Irish and Scottish elements. (from here)
“Imparato dal canto del vecchio Davie Stewart (il Galoot) la cui interpretazione della canzone è stata registrata da Hamish Henderson ed è su Greentrax CDTRAX9052. Davie divenne famoso nel revival folk scozzese degli anni ’60 quando era ospite fisso al St Andrews Folk Club, dove Jimmy era uno degli organizzatori. Davie era un traveller scozzese, che cantava e suonava l’organetto diatonico mentre girava per il paese, una faccia ben nota nei mercati e nelle fiere di campagna della Scozia e come suonatore di strada a Aberdeen, Dundee e Glasgow. Probabilmente ha raccolto questa canzone in Irlanda – la canzone sembra contenere un mix di elementi irlandesi e scozzesi.” (tratto da qui)

Davie Stewart


CHORUS
I’m often drunk and I’m seldom sober,
I’m a constant rover from town to town.
And when I’m dead and my days are over,
Oh, lay me down, my Molly Bann.
I
The fifth of September I well remember;
One dreary hour at the break of dawn,
I was roving through the county Galway,
When I fell in love with young Molly Bann.
II
I been wark(2) and I been weary
And tired of foot as I trudged on.
My tapple on to the fair of Galway
Where next morning, sure, I meet Molly Bann.
III
That night I went to her bedroom window
.. Noo at dreary hour,
Saying, “Who is that at my bedroom window
Depriving me of my long night’s rest?”
IV
“I am your lover; sure, pray discover.
Oh, open the door now and let me in,
I’m tired after my long long journey,
Oh, I’m soaking, love, unto the skin.”

Well she opened the door wi the greatest pleasure,/She opened the door and let me in;
And there we rolled in each other’s arms,
Until that night was passed and gane.
Traduzione italiano di Cattia Salto
CORO
“Sono spesso ubriaco raramente sobrio,
sono sempre in giro da città in città

e quando sarò morto stecchito
seppellitemi accanto la mia Molly Bann”

I
Era il 15 di Settembre, ricordo bene
in una notte umida allo spuntare dell’alba (1)
ero in giro per la contea di Galway
quando mi innamorai della giovane Molly Bann
II
Avevo lavorato ed ero stanco
e stufo di camminare e di trascinare
il mio fagotto alla fiera di Galway
quando al mattino, ti incontro Molly Barn
III
Quella notte mi presentai alla finestra della sua sua stanza da letto, a notte fonda (3)
dice “Chi è che alla finestra disturba il mio riposo in questa lunga notte?
IV
Sono io,  proprio il tuo vero amore,
apri la porta e fammi entrare

poiché ho viaggiato a lungo
e sono bagnato quasi fino
al midollo (4)”
V (strofa aggiunta da Jimmi)
Beh lei ha aperto la porta tutta contenta
ha aperto la porta e mi ha fatto entrare
e allora ci siamo cullati tra le braccia uno dell’altro finchè quella notte passò e finì

NOTE
1) the streets of old Ireland were full of people walking since the first light of dawn, street vendors, tramps, seasonal workers moved around the countryside to reach the nearest village where they were looking for workers or held a fair or to sell fresh products just picked
le strade della vecchia Irlanda erano piene di gente a piedi fin dalle prime luce dell’alba, venditori ambulanti, vagabondi, lavoratori stagionali si spostavano per la campagna per raggiungere il paese più vicino dove si cercavano lavoratori o si teneva una fiera o per vendere i prodotti freschi appena raccolti
2) work
3) ho tradotto un po’ liberamente
4) drowned theme, but here it is the live one wet from rain
ecco che ricompare il tema dell’affogato, ma qui è il vagabondo che si è bagnato perchè piove

https://terreceltiche.altervista.org/this-ae-nicht/
http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/iamarover.html
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/imoftendrunkandimseldomsober.html
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/thegreycock.html
http://sangstories.webs.com/imarover.htm
http://www.springthyme.co.uk/ah07/ah07_05.htm