Airdí Cuan, a song of exile

A song in Irish Gaelic, a song of exile, is widespread with various titles: Airdí Cuan, Ard Ti Chuain, Aird (Ard) Ui Chuanin (Cuan), Aird to Chumhaing, Ardai Chuain, also translated into English with the title “Quiet Land of Erin”
The piece was composed by John McCambridge (aka Seán Mac Ambróis 1793-1873) from Mullarts (Co. Antrim, Northen Ireland) in the middle of the 19th century. The tradition of Glenariffe, however, attributes the authorship of the piece to Cormac Ó Néill, a native of Glendun but resident at Glenariffe.
[Un canto in gaelico sulla nostalgia per la terra natia abbandonata dall’emigrante è diffuso con vari titoli: Airdí Cuan, Ard Ti Chuain, Aird (Ard) Ui Chuanin ( Cuan),  Aird a Chumhaing, Ardai Chuain, versificato anche in inglese con il titolo “Quiet Land of Erin
Il brano è stato composto da John McCambridge (alias Seán Mac Ambróis 1793-1873) di Mullarts (  Co. Antrim,  Irlanda del Nord) a metà del XIX secolo. La tradizione di  Glenariffe tuttavia attribuisce la paternità del brano a Cormac Ó Néill, nativo di Glendun ma residente a Glenariffe.]

Firstly we listen to the melody played with the harp by Kim Robertson
[Prima di tutto ascoltiamo la melodia suonata con l’arpa da Kim Robertson]

and by Alan Stivell -Airde Cuan
[e dall’arpa di Alan Stivell]

IRIS GEALIC VERSION
LA VERSIONE IN GAELICO

The first transcription of the song comes from Robert McAdam who collected it in the 1830s by John McCambridge. Eoin Mac Néill published the text in 1895 and in 1912 Eleanor Hull wrote the translation in English. Dónal Kearney writes  in his Blog:”The story of Airdí Cuan is told from the perspective of a Glensman who has moved over the sea to Scotland. From Ayrshire, he can still see the hills of Antrim and he longs for his home in Glendun and the beautiful hillside at Airdí Cuan. One story goes that McCambridge left his native Glendun, perhaps to escape the potato famine, and settled in Ayrshire where he ultimately died pining for the hills of home, still visible on the western horizon. Airdí Cuan tells of his love for the ‘cuckoo glen’; (Glendun) and of playing hurling at Christmas on the ‘white strand’ (the beach at Cushendun).
Another school of thought believes that, while McCambridge was considering emigrating to the Mull of Kintyre, he stood atop Ardicoan and imagined himself over in Kintyre looking back on his native soil. However, the process of writing the song made him so homesick that he decided not to go in the end, and thus spent the rest of his days in Ireland!
[La prima trascrizione del brano ci viene da Robert McAdam che la raccolse negli anni del 1830 da  John McCambridge.  Eoin Mac Néill pubblicò il testo nel 1895 e nel 1912 Eleanor Hull scrisse la traduzione in inglese. Del brano Così scrive Dónal Kearney nel suo Blog: “La storia di Airdí Cuan è raccontata dal punto di vista di un Glensman che è emigrato oltre il mare in Scozia. Dall’Ayrshire, può ancora vedere le colline di Antrim e desidera ardentemente la sua casa a Glendun e la splendida collina di Airdí Cuan. Una storia racconta che McCambridge lasciò la natia Glendun, forse per sfuggire alla carestia delle patate, e si stabilì nell’Ayrshire dove alla fine morì struggendosi per le colline di casa, ancora visibili all’orizzonte verso occidente. Airdí Cuan racconta del suo amore per Glendun e del gioco dell’hurling a Natale sulla spiaggia di Cushendun. Altri credono che, mentre McCambridge stava pensando di emigrare al Mull di Kintyre, si trovava in cima ad Ardicoan e si immaginava a Kintyre mentre guardava verso la sua terra nativa. Orbene il processo di scrittura della canzone lo ha reso così nostalgico, che alla fine ha deciso di non andare, e così ha trascorso il resto dei suoi giorni in Irlanda!]

Eamonn ó Faogáin live

Celtic Tradition in “An Irish Christmas Album” recorded in 1987 when there was still the GDR
[Nel “An Irish Christmas Album” registrato nel 1987 quando c’era ancora la DDR]

Maighread Ni Dhomhnaill & Tríona Ní Dhomhnaill

Ciara McCrickard


Anúna in Omnis  1996 (III, I)

Maggie Boyle in Patriot Games 1992 in Reaching Out

I
Dá mbeinn féin in Airdí Cuan (1)
in aice an tsléibhe úd ‘tá i bhfad uaim
b’annamh liom gan dul ar cuairt
go Gleann na gCuach (2) Dé Domhnaigh.
Curfá:
agus och, och Éire ‘lig is ó
Éire lonndubh (3) agus ó
is é mo chroí ‘tá trom is é brónach.
II
Is iomaí Nollaig ‘bhí mé féin
i mbun abhann Doinne (4) is mé gan chéill
ag iomáin ar an trá bhán
is mo chamán bán i mo dhorn liom (5).
III
Nach tuirseach mise anseo liom féin
nach n-airím guth coiligh, londubh nó traon,
gealbhán, smaolach, naoscach féin,
is chan aithním féin an Domhnach.
IV
Dá mbeadh agam féin ach coit is rámh
nó go n-iomarfainn ar an tsnámh
ag dúil as Dia go sroichfinn slán
is go bhfaighinn bás in Éirinn.


I
If I were in Airdí Cuan (1)
beside that mountain far from me,
it would be seldom I would not go visiting
to Gleann na gCuach(2) on a Sunday
Chorus:
And oh, oh, Ireland, ‘lig is ó
Blackbird (3) Ireland and ó
and my heart it is heavy and sorrowful
II
It’s often in a Christmas Day I was
in Cushendun (4)
and me without sense
hurling on the white strand
and my hurling stick in my fist (5)
III
Aren’t I tired here alone
That I don’t hear the voice of a cockerel, blackbird, or corncrake
sparrow, thrush, snipe (6)
and I don’t even know when it’s Sunday (7)
IV
If only I had a boat and oar
so that I may row on the water
desiring of God that may I reach safety
and that I may die in Ireland
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Se fossi a  Articoan
accanto a quella montagna che (ora) è lontana
raramente non andrei a visitare
il Glendun di domenica
Coro
e oh, oh, Irlanda, ‘lig is ó
merlo d’Irlanda e ó
e il mio cuore è affranto
II
Spesso a Natale ero
a Cushendun,
spensierato,
a giocare a hurling sulla spiaggia
con la mia mazza in pugno
III
Non sono infelice, qui da solo
dove non riesco a sentire il canto della beccaccia, del merlo, del re di quaglie,
del passero, del tordo e del beccaccino
e nemmeno so quando è domenica?
IV
Se solo avessi una barca e remi
così da vogare sulle acque
e Dio volendo arrivare sano e salvo
e poter morire in Irlanda!


NOTE
* in the blog of Dónal Kearney there are two translations in English, one literal and the other more poetic. here is the most literal translation, while for my translation into Italian I made a summary of the two translations [nel blog di Dónal Kearney ci sono due traduzioni in inglese, una letterale e l’altra più poetica. qui si riporta la traduzione più letterale, mentre per la mia traduzione in italiano ho fatto un compendio delle due traduzioni]
1) Articoan is located above Knocknacry; between Cushendall and Cushendun at the northeast corner of County Antrim in Northern Ireland [Articoan si trova sopra Knocknacry; tra Cushendall e Cushendun all’angolo nord-est della contea di Antrim nell’Irlanda del Nord]
2) Glendun: Glen of the Dun river or Brown Glen is one of the famous Glens of Antrim [Glendun: Glen of the Dun river o Brown Glen  è uno dei famosi Glens di Antrim]
3)
Agus och, och Éire ‘lig is ó
Éire lionn dubh orm is ó
(And oh Ireland, all of Ireland
Ireland who I miss
4) Cushendun is a picturesque Cornish style village built specifically for his wife by Lord Cushendun [Cushendun un pittoresco villaggio in stile cornovaglia fatto costruire appositamente da Lord Cushendun per la moglie.]
5) the hurling game is an Irish national sport; the day mentioned in the song is the Boxing day or December 26, the day dedicated to outdoor activities in the British Isles
[il gioco dell’hurling è uno sport nazionale irlandese che si gioca con mazza e palla: il giorno citato nella canzone è il Boxing day ovvero il 26 dicembre, il giorno consacrato per le attività all’aperto che nelle Isole Britanniche è dedicato allo sport.]
6) as in ancient Gaelic chants the birds are part of the healing process of the soul [come negli antichi canti in gaelico gli uccelli sono parte del processo di guarigione dell’anima]
7) the question is a rhetorical figure: “Sunday has no meaning for me without these things” [la domanda è una figura retorica:  la domenica è per me priva di significato, valore senza queste cose]

 

The song was also recorded as “The Land of Erin” by Mairí Ní She & Katie McMahon and “River of Live” by Pól Brennan, Guo Yue & Joji Hirota and Tristan.
[Il brano è anche stato registrato con il titolo di The Land of Erin da Mairí Ní She & Katie McMahon e con il titolo di River of Live da Pól Brennan, Guo Yue & Joji Hirota e da Tristan.]

The Quiet Land of Erin

The song was written into English for some recordings as “The Quiet Land of Erin” in the 1930s.
[Il brano è stato versificato in inglese con il titolo di The Quiet Land of Erin. per alcune registrazioni negli anni 1930]
The Corries

Sandy Denny 1968

and for lovers of bel canto
[e per gli amanti del bel canto]
The Celtic Tenors


Joan O’Hara version
I
By myself I’d be in Ard Ti Chuain
Where the mountains stand away
And ‘tis there I’d let the Sundays pass (go)
In a quiet (cuckoo’s) glen above the bay
(chorus)
agus och och Eire lig is o
Eire leanndubh agus o
The quiet land of Erin
II
But my heart is weary all alone
And it sends a lonely cry
To the land that sings above (beyond) my dreams
And the lonely Sundays pass me by.
III
I would travel back the twisted years
Through (in) the bitter wasted wind
If the Lord (God) above would let me lie
In a quiet place above the whins.


Seán Ó Gallochoir version
I
I wish I were in Ardti Cuan
Near yon mountain far away.
I would seldom let the Sunday go
From the Cuckoo’s glen across the bay.
Chorus:
And it’s oh dear Ireland, you’re my home!
Far from you I had to roam
And so my heart is sore and heavy.
II
It is many a Christmas Day I had
In Cushendun while still a lad;
Hurling on the White Shore Strand
With my good ash hurley in my hand.
III
But the grave is waiting for us all;
The whole wide world must heed its call.
It steals the mother from her brood
As it stole away my boyhood.
IV
If I only had a boat and oar,
I would row to Erin’s shore
Trusting God to see me o’er
In time to die in Ireland.
Traduzione in italiano Cattia Salto
versione di Joan O’Hara
I
Per me vorrei essere a Articoan
le cui montagne si stagliano in lontananza
è lì che passerei le domeniche
in una valle tranquilla sopra la baia
Coro
agus och och Eire lig is o
Eire leanndubh agus o
la bella terra di Erin
II
Ma il mio cuore è stanco del suo esilio
e grida solitario
alla terra che canta oltre i miei sogni
e le domeniche solitarie scivolano via.
III
Viaggerei indietro negli anni piegati
dal vento amaro della desolazione (1)
se il Signore in Cielo mi accoglierà
in un bel posto nella brughiera


versione di Seán Ó Gallochoir
I
Vorrei essere a Articoan
accanto a quella montagna in lontananza
raramente non andrei a visitare di domenica
la valle del Cuculo al di là della baia
Coro
E’ così cara Irlanda, tu sei la mia casa!
Lontano da te ho dovuto peregrinare
e così il mio cuore è afflitto
II
Sono molti i giorni di Natale che ho vissuto
a Cushendun quando ero ancora un ragazzo
a giocare ad hurling sulla Spiaggia Bianca
con la mia bella mazza in mano
III
Ma la tomba attende tutti
l’intero mondo deve ubbidire al suo richiamo.
Ruba la madre dalla sua nidiata
come ha rubato la mia giovinezza.
IV
Se avessi solo una barca a remi
vogherei alla riva d’Erin
confidando che Dio mi protegga
per morire infine in Irlanda

NOTE
1) ho tradotto un po’ liberamente il verso, credo si riferisca ai duri e amari anni della carestia quando molti Irlandesi hanno dovuto abbandonare la loro terra per non morire di fame

LINK
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10469
https://mainlynorfolk.info/sandy.denny/songs/thequietlandoferin.html
https://songoftheisles.com/2013/05/31/aird-ui-chuain/
https://durrushistory.files.wordpress.com/2012/06/a-history-of-protestant-irish-speakers.pdf
https://songsinirish.com/aird-a-chuamhaing-anam-lyrics/
http://www.celticlyricscorner.net/anam/aird.htm
http://www.celticlyricscorner.net/mcmahon/land.htm
http://www.celticlyricscorner.net/trisan/river.htm
http://www.celticlyricscorner.net/domhnaill/aird.htm
http://www.celticlyricscorner.net/anuna/ardaigh.htm
http://www.irishbodhrans.com/news/read/7/very-old-poem-about-cushendun-by-john-mccambridge
https://www.donalkearney.com/blog/airdi-cuan

Lass of Glanshee

Leggi in italiano

“The Lass of Glanshee” or “The maid of Glashee” or “The Rose of Glanshee” is a Scottish ballad penned by Andrew Sharpe (according to G Malcolm Laws -in American Balladry From Bristish Broadsides, 1957) in the late 1700s ‘Nineteenth century, on the tune “The Road and the Miles to Dundee
Curious character, Andrew Sharpe, cobbler from Perth (Scotland), but also flute player, painter, composer and singer of love songs, yet this song is best known in its version from Celtic Canada, as it was collected by Helen Creighton during her excursions in New Brunswick from 1954 to 1960 and transcribed in “Folksongs from Southern New Brunswick” (1971). The witness Angelo Dornan, lived in Elgin, NB (Eastern Canada) at the time of registration. Most of his repertoire comes from Northern Ireland, the place of origin of his parents.

The ballad is a “pastoral” songs, a very popular song in England, Ireland and Scotland in the seventeenth and eighteenth centuries: this literary genre is characterized by the love contrast between a shepherdess and a suitor (a shepherd boy, or as in this case , a gentleman of passage) often with an erotic or spicy allusive background. The textual versions are quite similar and describe the same story: while a rustic but very pretty shepherdess is herding her flock, a young man spy and courting her; the song is then developed on the model of a pastoral contrast, with him who trying to seduce her and she escapes, knowing full well that she would never become his bride, because of their social difference. In reality the young maidens who wandered through the countryside and the woods were easy prey (more or less consensual) of the “hunters” men and often these ballads ended with the announcement of unfortunate pregnancies.(see more)

HAPPY END

“The Lass of Glanshee” has a happy ending as in beautiful fairy tales they get married and live happily for ever!

Altan from Horse With A Heart 1989: with their balanced repertoire based on the traditional music of Donegal and the Scottish influences the Altan spread throughout the world ballads, nursery rhymes and songs in Gaelic. Their version of The Lass of Glanshee, performed on a song originally from Scotland, has become a standard for Irish music groups.
Anuna (I, II,IV,V, VI)

Cara Dillon live

Greenoch interesting version of the Italian duo Cecilia Gonnelli and Roger Taradel

THE LASS OF GLENSHEE
I
One morning in springtime
as day was a-dawning
Bright Phoebus had risen
from over the lea
I spied a fair maiden
as homeward she wandered
From herding her flocks
on the hills of Glenshee
II
I stood in amazement,
says I, “Pretty fair maid
If you will come down
to St. John’s Town (1) with me
There’s ne’er been a lady
set foot in my castle (2)
There’s ne’er been a lady
dressed grander than thee
III
A coach and six horses
to go at your bidding
And all men that speak
shall say “ma’am unto thee
Fine servants to serve you
and go at your bidding”
I’ll make you my bride,
my sweet lass of Glenshee”
IV
“Oh what do I care for
your castles and coaches?
And what do I care
for your gay grandeury (3)?
I’d rather be home at my cot,
at my spinning
Or herding my flocks
on the hills of Glenshee”
V
“Away with such nonsense
and get up beside me
E’er summer comes on
my sweet bride you will be
And then in my arms
I will gently caress thee”
‘Twas then she consented,
I took her with me
VI
Seven years have rolled on
since we were united
There’s many’s a change,
but there’s no change on me
And my love, she’s as fair
as that morn on the mountain
When I plucked me a wild rose (4)
on the hills of Glenshee

NOTES
1) the city of Perth has an ancient church ((St John’s Kirk) and formerly took the name of Saint John’s Toun or St Johnstone.
2) Perthshire is dotted with castles scattered across the beautiful countryside but also close to Perth: Balhousie Castle, Huntingtower Castle, Scone Palace, Elcho Castle, Fingask Castle, Strathallan Castle, Blair Castle (more)
3) the verse follows the popular Raggle Taggle Gypsie
4) they are not limited to holding hands, and the rose is not just a flower

SCOTTISH/CANADIAN VERSION: THE HILLS OF GLENSHEE

The Glenshee Hills are located in the county of Pert, the ‘Fairy hill’ in the center of Scotland, a popular winter ski resort and summer hiking destination.

With the title “The Hills of Glenshee” is the variant spread to Newfoundland.
Harry Hibbs a more country version, from best-known icon for traditional Newfoundland music.

THE HILLS OF GLENSHEE
I
One fine summer’s mornin’
as I went out walkin’,
Just as the grey dawn
flew over the sea,
I happened to spy
a fair haired young damsel,
Attending her flock
by the hills of Glenshee.
II
I said,” pretty fair one,
will you be my dear one,
For I’ll take you over,
my bride for to be;
And this very night
in my arms  I will hold you,
While you tend your flock
on the hills of Glenshee.”
III
“Oh no, my dear sir,
you’ll not take me over,
None of your footmen
to wait upon me;
I would rather stay home
in my own homespun clothing,
And attend to my flock
on the hills of Glenshee.”
IV
For twenty long years
we’ve both been together,
Seasons may change
but there’s no change in me;
And if God lets me live
and I have my right senses,
I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
V
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
She’s as pure as the perfume
blows over the sea;
And her cheeks are as pale
as the white rose of summer,
That spreads out its leaves
on the hills of Glenshee.
VI
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
I do love her so
and I know she loves me;
And I’ll never prove false
to my girl where I met her,
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.

see also
LINK
https://www.mun.ca/folklore/leach/songs/NFLD1/2-10.htm
https://soundcloud.com/catherinecrowe/01-the-rose-of-glenshee?in=catherinecrowe/sets/field-recordings-of-angelo
http://digicoll.library.wisc.edu/WiscFolkSong/data/docs/WiscFolkSong/400/000333.pdf
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50613
http://folksongsatlanticcanada.blogspot.it/2012/04/new-brunswick-folk-songs.html
https://journals.lib.unb.ca/index.php/JNBS/article/view/20084/23145
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/26/hills.htm

La fanciulla della Valle delle Fate

Read the post in English

“The Lass of Glanshee” o “The maid of Glashee” o ancora “The Rose of Glanshee” è una ballata scozzese composta da Andrew Sharpe (secondo G Malcolm Laws -in American Balladry From Bristish Broadsides, 1957) sul finire del 1700 primi dell’Ottocento, sulla melodia The Road and the Miles to Dundee
Personaggio curioso, Andrew Sharpe, ciabattino di Perth (Scozia), ma anche suonatore di flauto, pittore, compositore e cantore di canti d’amore, eppure la canzone è meglio nota nella sua versione dal Celtic Canada, come è stata raccolta da Helen Creighton durante il suo lavoro di ricerca nel Nuovo Brunswick dal 1954 al 1960 e finita in “Folksongs from Southern New Brunswick” (1971)  . Il testimone Angelo Dornan, viveva a Elgin, NB (Canada orientale) al momento della registrazione. La maggior parte del suo repertorio proviene dall’Irlanda del Nord, il luogo d’origine dei suoi genitori.

La ballata si annovera tra i canti “pastorali” molto popolari in Inghilterra, Irlanda e Scozia nei secoli XVII e XVIII: questo genere letterario si caratterizza per il  contrasto amoroso tra una pastorella e un corteggiatore (anch’egli pastorello, oppure come in questo caso, un gentiluomo di passaggio) spesso a sfondo erotico o piccantemente allusivo. Le versioni testuali sono abbastanza simili e descrivono la stessa storia: mentre una rustica ma assai graziosa pastorella custodisce il gregge, un giovane la spia e la corteggia; la canzone si sviluppa quindi sul modello di contrasto amoroso con “botta e risposta” tra le parti, con lui che cerca di sedurla e lei che si sottrae, ben sapendo che non sarebbe mai diventata la sua sposa, a causa della loro differenza di rango. In realtà le giovani popolane che si aggiravano per le campagne e i boschi erano ben facili prede (più o meno consensuali) degli uomini “cacciatori” e spesso queste ballate si concludevano con l’annuncio di infauste gravidanze. (continua)

HAPPY END

“The Lass of Glanshee” ha un lieto fine come nelle belle favole i due si sposano e vivono per sempre felici e contenti!

Altan in Horse With A Heart 1989: con il loro equilibrato repertorio fondato sulla musica tradizionale del Donegal e gli influssi scozzesi  diffondono in tutto il mondo ballate, filastrocche e canzoncine in gaelico che finiscono immancabilmente nelle compilation di musica celtica. Così la loro versione di The Lass of Glanshee, pur eseguita su una canzone originaria della Scozia, è diventata uno standard per i gruppi di musica irlandese.
Anuna (I, II,IV,V, VI)

Cara Dillon live

Greenoch interessante la versione del duo italiano Cecilia Gonnelli e Roger Taradel


I
One morning in springtime
as day was a-dawning
Bright Phoebus had risen
from over the lea
I spied a fair maiden
as homeward she wandered
From herding her flocks
on the hills of Glenshee
II
I stood in amazement,
says I, “Pretty fair maid
If you will come down
to St. John’s Town (1) with me
There’s ne’er been a lady
set foot in my castle (2)
There’s ne’er been a lady
dressed grander than thee
III
A coach and six horses
to go at your bidding
And all men that speak
shall say “ma’am unto thee
Fine servants to serve you
and go at your bidding”
I’ll make you my bride,
my sweet lass of Glenshee”
IV
“Oh what do I care for
your castles and coaches?
And what do I care
for your gay grandeury (3)?
I’d rather be home at my cot,
at my spinning
Or herding my flocks
on the hills of Glenshee”
V
“Away with such nonsense
and get up beside me
E’er summer comes on
my sweet bride you will be
And then in my arms
I will gently caress thee”
‘Twas then she consented,
I took her with me
VI
Seven years have rolled on
since we were united
There’s many’s a change,
but there’s no change on me
And my love, she’s as fair
as that morn on the mountain
When I plucked me a wild rose (4)
on the hills of Glenshee
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una mattina di Primavera
allo spuntar del giorno,
Febo luminoso era sorto
e da oltre il prato
osservai una graziosa fanciulla
mentre vagabondava sulla via di casa
e badava al gregge
sulle colline di Glenshee.
II
Meravigliato le dissi:
“Dolce e bella fanciulla,
se tu verrai a valle
a Perth con me
nessuna altra donna
metterà piede nel mio castello
e nessuna altra donna sarà
vestita più sontuosamente di te
III
Una carrozza trainata da 6 cavalli
avrai al tuo servizio
e tutti gli uomini che interrogherete
vi diranno ‘Madama al vostro cospetto
eleganti servitori per servirvi
e andare al vostro comando’
ti farò mia sposa,
mia dolce ragazza di Glenshee”
IV
“Ma cosa volete che m’importi del vostro castello e della vostra carrozza?
Cosa volete che mi interessi della vostra ricchezza?
Preferisco stare a casa nel mio letto,
al mio filatoio
o pascolare il gregge
sulle colline di Glenshee”
V
“Basta con queste sciocchezze
e fermati accanto a me,
già l’estate arriverà
tu sarai la mia dolce sposa
e allora tra le braccia
ti stringerò piano”
Così lei acconsentì
e la presi con me.
VI
Sette anni sono passati
da quando ci siamo sposati
ci sono stati dei cambiamenti,
ma non per me
e il mio amore, lei è chiara
come quel mattino sulla montagna
quando mi colse una rosa selvaggia sulle Colline di Glenshee

NOTE
1) la città di Perth che conseva una antica chiesa (St John’s Kirk) e anticamente prendeva il nome di Saint John’s Toun o St Johnstone.
2) il Perthshire è disseminato di castelli sparsi per la bellissima campagna ma anche vicini alla città di Perth: Castello di Balhousie, Castello di Huntingtower, Scone Palace, Elcho Castle, Castello di Fingask, Castello di Strathallan, Blair Castle (continua)
3) la strofa ricalca la popolarissima Raggle Taggle Gypsie
4) i due non si sono limitati a tenersi per mano, e la rosa non è solo un fiore

LA VERSIONE SCOZZESE/CANADESE: THE HILLS OF GLENSHEE

Le colline di Glenshee si trovano nella contea di Pert,  la ‘Fairy Glen’ la collina delle Fate, quasi al centro della Scozia è una rinomata località sciistica invernale e meta di escursioni d’estate.

Con il titolo “The Hills of Glenshee” è la variante diffusa a Terranova.
Harry Hibbs una versione più country, dall’icona della musica tradizionale di Terranova


I
One fine summer’s mornin’
as I went out walkin’,
Just as the grey dawn
flew over the sea (1),
I happened to spy
a fair haired young damsel,
Attending her flock
by the hills of Glenshee.
II
I said,” pretty fair one,
will you be my dear one,
For I’ll take you over,
my bride for to be;
And this very night
in my arms  I will hold you,
While you tend your flock
on the hills of Glenshee.”
III
“Oh no, my dear sir,
you’ll not take me over,
None of your footmen
to wait upon me;
I would rather stay home
in my own homespun clothing,
And attend to my flock
on the hills of Glenshee.”
IV
For twenty long years
we’ve both been together,
Seasons may change
but there’s no change in me;
And if God lets me live
and I have my right senses,
I’ll never prove false (2)
to the girl on Glenshee.
V
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
She’s as pure as the perfume
blows over the sea;
And her cheeks are as pale
as the white rose of summer,
That spreads out its leaves
on the hills of Glenshee.
VI
She’s Mary, my Mary,
my own lovin’ darlin’,
I do love her so
and I know she loves me;
And I’ll never prove false
to my girl where I met her,
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
No I’ll never prove false
to the girl on Glenshee.
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Una bella mattina d’estate
mentre ero a passeggio
proprio quando la pallida alba
sorgeva dal mare
mi capitò di osservare
una giovane fanciulla dai capelli biondi
che badava al gregge
sulle colline di Glenshee.
II
Dissi: “Bella damigella,
volete essere la mia favorita
perchè vi prenderò
per essere la mia sposa
e questa stessa notte
tra le mie braccia vi terrò,
mentre badate al gregge
sulle colline di Glenshee”
III
“Oh no caro Signore
non mi prenderete
e nessuono dei vostri servitori
mi renderà omaggio;
preferisco stare a casa,
nei miei vestiti fatti a mano
a pascolare il gregge
sulle colline di Glenshee”
IV
Per venti lunghi anni
siamo stati insieme,
le stagioni possono mutare
ma io non sono cambiato;
e se Dio mi farà vivere
nel pieno possesso delle mie facoltà
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee
V
Lei è Maria, la mia Maria
il mio amato tesoro,
è pura come la brezza
che soffia dal mare
e le sue guance sono pallide
come la rosa bianca dell’estate
quando le foglie germogliano
sulle Colline di Glenshee
VI
Lei è Maria, la mia Maria
il mio amato tesoro,
l’amo così
e so che lei mi ama
non tradirò mai
la mia ragazza che ho incontrato,
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee
non tradirò mai
la ragazza di Glenshee

NOTE
1) in senso lato non essendoci la vista mare dalle Glenshee
2) letteralmente “non sarò mai falso”

continua
FONTI
https://www.mun.ca/folklore/leach/songs/NFLD1/2-10.htm
https://soundcloud.com/catherinecrowe/01-the-rose-of-glenshee?in=catherinecrowe/sets/field-recordings-of-angelo
http://digicoll.library.wisc.edu/WiscFolkSong/data/docs/WiscFolkSong/400/000333.pdf
https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=50613
http://folksongsatlanticcanada.blogspot.it/2012/04/new-brunswick-folk-songs.html
https://journals.lib.unb.ca/index.php/JNBS/article/view/20084/23145
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/26/hills.htm

O Holy Night

“Minuit, chrétiens”, nella versione inglese “O Holy Night”, è un canto natalizio nato da una poesia scritta  da Placide Cappeau (e musica di Adolphe-Charles Adam) per la messa del Natale del 1847 nella parrocchia di Roquemaure (Occitania). (prima parte)
Nel 1858 il ministro unitario John Sullivan Dwight pubblicò la traduzione in inglese del Noel con il titolo “O Holy Night”, forse per quel piglio di illuminismo massonico, la cui lettura in chiave abolizionista accendeva gli animi durante la guerra civile americana.

E’ la versione inglese ad essere entrata nei canti natalizi di tutto il mondo quella che ha fatto da modello alle versificazioni anche per le altre lingue, come ad esempio la versione in italiano dal titolo “Oh Santa Notte”

Van Gogh, Notte stellata

Come per la versione in francese anche la versione in inglese è oggi riportata omettendo la strofa centrale

ASCOLTA The Revere (Sean e Patrick Kelly chitarra e percussioni, Michael Pearson basso) (strofa I)

ASCOLTA Dream Theater (strofe I e II) voce James LaBrie 

ASCOLTA The Chieftains & Rickie Lee Jones in “The Bells of Dublin”

ASCOLTA Celtic Woman (strofe I e II)

ASCOLTA Anúna


I
Oh holy night (1)!
The stars are brightly shining,
It is the night of the dear Savior’s birth.
Long lay the world
in sin and error pining,
Till he appear’d and the soul felt its worth.
A thrill(2) of hope the weary world rejoices,
For yonder breaks a new and glorious morn.
Fall on your knees! (3)
Oh, hear the angel voices!
Oh night divine,
Oh night when Christ was born;
Oh night divine,
Oh night oh night divine.
II
(Truly He taught
us to love one another
His law is love
and His gospel is peace) (4)
Chains shall He break (5)
for the slave is our brother;
And in His name
all oppression shall cease.
Sweet hymns of joy
in grateful chorus raise we,
Let all within us
praise His holy name.
Christ is the Lord!
And ever, ever praise we
Noel, Noel.
Oh night divine,
Noel, Noel.
Oh night oh night divine
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
O notte santa
le stelle brillano radiose
è la notte della nascita del caro Salvatore. A lungo giacque il mondo
nel peccato e nell’errore
finchè egli apparve e l’anima ne sentì la forza.
Un brivido di speranza rallegra il mondo affannato,
per quello sprazzo di un nuovo e glorioso giono.
Inginocchiatevi
e ascoltate le voci angeliche
O notte divina
O notte in cui Cristo è nato
O notte divina
O notte in cui Cristo è nato
II
In verità ci insegnò
ad amarci l’un l’altro
il suo messaggio è amore
e il suo Vangelo la pace.
Le catene si spezzeranno
poichè lo schiavo è nostro fratello;
e nel Suo nome
cesserà ogni oppressione.
Dolci inni di gioia
in coro riconoscente innalziamo
tutti noi
lodiamo il suo santo nome.
Cristo è il Signore
e sempre, sempre lo loderemo
Evviva, Evviva
o notte divina
Evviva Evviva
o notte divina

NOTE
1) la notte stellata di Placide Cappeau (una notte come tante altre) diventa nella versione inglese “Santa e divina”
2) anche prayer
3) il significato in inglese è completamente stravolto rispetto alla versione francese: là erano le genti prostrate in ginocchio dalla schiavitù e dall’oppressione che si risollevavano grazie al Messia, qui invece sono esortate a inghinocchiarsi per rendere omaggio al nuovo Credo.
4) versi omessi nella versione Celtic Woman
5) si confronti la versione originale in francese, Dwight traduce dando un significato abolizionista al versetto: è lo schiavo nero ad essere in catene e ad essere liberato dalla fede in Cristo, ma nella versione di Cappeau era in nome della fratellanza  -atea- degli uomini (solidarietà, empatia e uguaglianza) qui è in nome di Cristo

FONTI
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/o_holy_night.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/o_holy_night1.htm
http://www.ecoantroposophia.it/2014/12/arte/savitri/il-cantico-di-natale-o-holy-night/
http://tavernolaincanto.it/oh-holy-night-adam/2/

Noël Nouvelet

Molti canti sulla Natività risalgono al tardo Medioevo e sono originari di una vecchia Europa in cui si parlava francese; i noels raccontano gli avvenimenti ben noti relativi alla Natività di Gesù, a cominciare dalla visione profetica di Isaia, l’annuncio angelico della lieta novella, l’adorazione dei pastori e dei Magi, fino alla presentazione di Maria al tempio (cerimonia ebraica con cui la donna che aveva partorito -e quindi ritenuta impura- veniva riaccolta dalla comunità.)
Il termine francese Noel, ha vari significati: è il giorno della nascita di Gesù, ma anche nome del Messia (Emanuel), o più spesso esclamazione di gioia, una sorta di “evviva”. I testi, dalla versificazione semplice  pur essendo di argomento religioso erano sempre cantati su musiche della tradizione popolare, dal tempo vivace e sostenuto,  vuoi perchè erano l’espressione del sentimento genuino e semplice del popolo, vuoi con precisi intenti moralistici (contrafactum).

NOEL, NOUVELET

Canto natalizio francese del XV secolo che veniva tradizionalmente cantano a Capodanno, il cui titolo si traduce in “Nuovo canto di Natale ricco di notizie, si racconta con semplici parole la novella del Natale: Nouvelet è un vecchio termine desueto che sta per nouvel,  nouveau (nuovo, novello).
Lo troviamo in stampa nel 1483 nella racconta di canti del predicatore francescano Jehan Tisserand (Johannes Tisserandus) , Giovanni il Tessitore, originario di Bourg-en-Bresse (antico ducato di Savoia) e primo noeliste conosciuto. Non era un semplice fraticello bensì un dottore di teologia forse confessore dei reali di Francia.
Nel XVIII secolo si è diffuso anche in Inghilterra in una versione in inglese che traduce il titolo come “Sing we now of Christmas”,  “Noel! A New Noel! “,” Christmas Comes New “. La melodia è diventata anche una danza popolare ed è stata utilizzata per l’inno di Pasqua “Now the Green Blade Riseth”.
E’ uno dei tanti canti di Natale in cui gli angeli portano la buona novella ai pastori, che accorrono ad adorare Gesù bambino, così anche i Re Magi al seguito della Stella portano i loro ricchi doni.

LA MELODIA

L’arrangiamento per arpa di Kathryn Cater

LA VERSIONE IN FRANCESE

Il testo (di 13 strofe) è talvolta riportato in francese medievale, e ne esistono varie versioni, quelle più recenti sono di solito di 4-5 strofe.

Loreena McKennitt in “A Midwinter’s Night Dream.” Dawn Upshaw & Chanticleer (il testo modificato è nelle note)


I
Noel nouvelet! Noel chantons icy!
Devotes gens rendons (1) a Dieu merci;
Chantons Noel pour le Roi nouvelet;
Noel nouvelet! Noel chantons icy!
II
En Bethleem’ Marie et Joseph vy’
L’asne et le boeuf’ l’Enfant couche parmy (2);
La creche etait au lieu d’un bercelet.
Noel nouvelet! Noel chantons icy!
III
L’estoile vint qui le jour esclaircy’
Et la vy bien d’ou j’etois departy
En Bethleem les trois roys conduisaient. (3)
Noel nouvelet! Noel chantons icy!
IV
L’un portrait l’or’ et l’autre myrrhe aussi’
Et l’autre encens’ que faisait bon senty:
Le paradis semblait le jardinet.
Noel nouvelet! Noel chantons icy!
V
En douze jours fut Noel accomply;
Par cinq vers sera mon chant finy’
Par chaque jour j’en ai fait un couplet (4).
Noel nouvelet! Noel chantons icy!
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale

La gente devota rende grazie a Dio, Cantiamo il Natale per il nuovo Re
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale
II
A Betlemme vidi Maria e Giuseppe l’asino e il bue e il bambinello disteso in una mangiatoria invece che in culla
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale
III
La Stella vidi che rischiarò a giorno, e appena la videro bene s’incamminarono e a Betlemme i tre Re condusse
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale
IV
Uno portò l’oro, e l’altro la mirra
e l’altro ancora
l’incenso che profuma di buono
il recinto sembrava il paradiso
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale
V
In 12 giorni fu compiuto il Natale
e di cinque versi sarà il mio canto
per ogni cinque giorni ho fatto un distico, Un nuovo Natale, cantiamo il Natale qui

NOTE
1) oppure crions
2) oppure En Bethleem Marie et Josephis
l’âne et le boeuf, l’enfant couché au lit
3) oppure L’étoile y vis qui la nuit éclaircit
Qui d’Orient ou elle avait sorti.
En Bethleem les trois Rois amenet
4) En trente jours Noël fut accompli.
En douze vers sera mon chant fini
En chacun jours j’en ai fait un couplet
originariamente le strofe erano 13 e i giorni del Natale 30 perchè venivano contati includendo anche il 2 Febbraio cioè la Candelora. Più che al numero dei giorni ci si riferisce al mese  che va dall’Epifania alla Purificazione della Vergine. 
[Il Natale in trenta giorni è stato compiuto.
Tra dodici giorni la mia canzone sarà finita;
In ogni giorno ho fatto un distico]

la festa della Candelora è la festa della purificazione della vergine che coincide con il 2 febbraio: secondo la consuetudine ebraica la donna che partorisce è considerata impura fino al 40esimo giorno. 

Anúna hanno registrato molti canti natalizi, alcuni confluiti anche in due  christmas album “Songs for a Celtic Christmas” (1998) e “Winter Songs” (2002) e in uttimo ne “A Christmas Selection” (2017) un digital album per lo Streaming + Download dei brani più belli remasterizzati e remixati.


I
Noël nouvelet, Noël chantons ici.
Dé-évotes gens, crions à-à Dieu merci !
Chantons Noël pour le Roi nouvelet
Noël nouvelet, Noël chantons ici.

II
Quand je m’éveillai, et j’eus assez dormi,
Ouvris les yeux, vis un arbre fleuri (1),
Dont il sortait un bouton vermeillet.
Noël nouvelet, Noël chantons ici.
III
D’un oyselet(2) après le chant ouï,
Qui aux pasteurs disait: “Partez d’ici”
En Bethléem trouvèrent l’agnelet
Noël nouvelet, Noël chantons ici.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale

La gente devota rende grazie a Dio, Cantiamo il Natale per il nuovo Re
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale
II
Quando mi svegliai che avevo dormito abbastanza,
aprii gli occhi e vidi un albero fiorito
dal quale spuntava un rosso germoglio
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale
III
Poi sentii il canto degli angeli,
che dicevano ai pastori “andate”
a Betlemme troverete l’agnello.
Un nuovo Natale, cantiamo il Natale qui

NOTE
1) è la visione profetica di Isaia e l’albero di Jesse cioè l’albero genealogico di Gesù: dalla cima del ramo (Maria) fiorirà una rosa (Gesù)
2) letteralmente “oyselet” si traduce con piccolo uccello. Sarebbe interessante andare a confrontare le raffigurazione degli angeli in epoca paleocristiana e medievale. I pittori davano forma e colore alle speculazioni della patristica, distinguendo le varie gerarchie angeliche.

continua seconda parte: la versione inglese
FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/noel-nouve.htm
http://www.madbeppo.com/french-songs/noel-nouvelet/
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/NonEnglish/noel_nouvelet.htm
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/sing_we_now_of_christmas2.htm
https://www.umcdiscipleship.org/resources/history-of-hymns-sing-we-now-of-christmas
https://www.umcdiscipleship.org/resources/history-of-hymns-french-carol-he-is-born-celebrates-joyous-season

An mhaighdean mhara

Pelle di foca, pelle d’anima

In questa terra dove i venti soffiano tanto forte che tutti devono indossare giacche a vento, stivaletti e berretti, viveva un uomo così solo che negli anni le lacrime avevano scavato abissi sulle sue guance. Desiderava tanto una compagnia. Una notte raggiunse un grande scoglio in mezzo al mare e vide delle donne nude, bellissime, che danzavano. Erano le donne-foche, le selkies, che toltesi le loro pelli si erano trasformate in meravigliose creature. L’uomo saltò sullo scoglio e rubò una delle pelli di foca lasciate dalle selkies. Finita la danza tutte ripresero le loro pelli eccetto una. L’uomo si fece coraggio e chiese alla donna: “Vuoi sposarmi?”. E la donna rispose: “No, io appartengo a coloro che vivono nel mare”. L’uomo insistette: “Sii mia moglie, tra sette estati ti restituirò la tua pelle”. E la selkie accettò. Ebbero un bambino e la madre raccontò al bambino le storie delle creature che vivevano nel mare. Con il passare del tempo la pelle della donna cominciò a seccarsi, le caddero i capelli, le sue rotondità presero ad avvizzire, perse la vista. Una notte il bambino fu svegliato dalle urla di sua madre che chiedeva al marito di restituirle la sua pelle perché i sette anni erano trascorsi. Ma il marito non voleva perché non sopportava di essere abbandonato e non voleva che il loro bambino restasse senza madre. Il bambino amava molto sua madre e temeva di perderla e pianse fino a crollare nel sonno, poi si svegliò, corse alla scogliera, inciampò in una pietra e sotto trovò la pelle di foca. Egli corse verso sua madre e le restituì la sua pelle. La donna lo accarezzò e accarezzò la pelle, grata perché entrambi erano salvi. Ella voleva restare col suo bambino ma qualcosa la chiamava. Si volse verso di lui con sguardo di grande amore. Soffiò il suo respiro nei polmoni del bambino tenendolo sotto il suo braccio, come un oggetto prezioso. Si tuffò in mare, sempre più in fondo, fino a raggiungere la grande foca argentea, la quale come vide il bambino lo chiamò “nipote”. Passarono sette giorni, e gli occhi e i capelli della donna ritrovarono l’antica lucentezza, ritrovò la vista, il suo corpo ritrovò la sua rotondità. E venne il tempo di restituire il bambino alla terra. Quella notte la vecchia nonna foca e la bella madre del bambino nuotarono tenendolo in mezzo a loro, risalirono le acque e lo poggiarono delicatamente sulla riva. La madre lo rassicurò: “Sarò sempre con te”. Passò il tempo e il figlio della selkie divenne un grande suonatore di tamburi, cantore e artefice di storie e si disse che tutto ciò accadde perché da piccolo era sopravvissuto sott’acqua ed era stato riportato dalle profondità del mare dalle foche. Ora, nelle grigie mattine lo si vede con il suo kayak ancorato a parlare con una certa foca. Molti hanno cercato di catturarla ma nessuno c’è mai riuscito. E’ nota come TANQIGCAP, la brillante, la sacra, e si dice che sebbene sia una foca, i suoi occhi siano capaci di sguardi umani, saggi, selvaggi e amorosi.
(Clarissa Pinkola Estés da “Donne che corrono con i lupi” continua )

In Ireland the mermaid is called merrow and can be either female or male. In fairy tales the little mermaid chooses to stay close by a man, assuming the human form, but is condemned to no longer be able to touch the salt water, because otherwise she will have to return for always at sea. 
In traditional Gaelic songs maighdean mhara (sea(l) maiden) can be a mermaid or a seal, so we find the same legends about the selkie already seen in Scotland. (see first part)
In Irlanda la sirena è detta merrow e può essere sia femmina che maschio. Nelle fiabe la sirenetta sceglie di restare accanto ad un uomo, assumendo la forma umana, ma è condannata a non poter più toccare l’acqua salata, perchè altrimenti dovrà ritornare per sempre in mare.
Nelle canzoni tradizionali in gaelico il temine fanciulla del mare può significare una sirena oppure una foca, così ritroviamo le stesse leggende sulla selkie già vista in Scozia. (vedi prima parte)

AN MHAIGHDEAN MHARA

The Land Baby, John Collier - 1899
The Land Baby, John Collier – 1899

This Gaelic song comes from Donegal, collected by Seamus Ennis in the 1940s from Sheila Gallagher of Gweedore, it is a conversation between the Mermaid (or a selkie) and her daughter, Máire. 
Il canto in gaelico proviene dal Donegal, raccolto da Seamus Ennis negli anni ’40 da Sheila Gallagher of Gweedore: è la conversazione tra la sirena (o la selkie) e la figlia Maria.

A melancholy slow air that is a lament that expresses all the pain of the shapeshifter forced to leave her child and her human husband forever. The mermaid’s daughter fell into the sea and her mother takes her place and returns forever to the ocean, to save her from the curse.
In some version is the lament of a selkie who has found her seal skin but she is caught between the two worlds, torn by the love for her children and by the desire to return to the sea, with her own people.

Una slow air dolce-amara più propriamente un lament che esprime tutto il dolore della mutaforma costretta a lasciare per sempre la sua bambina e il marito umano. La figlia della sirena è caduta in mare e la madre per salvarla dalla maledizione, prende il suo posto e ritorna per sempre nell’oceano.
In alcune versioni è il lamento di una donna-foca che ha ritrovato la sua pelle ma è rimasta intrappolata tra i due mondi, dilaniata dall’amore per i figli e il desiderio di ritornare al mare tra la sua gente.

The Chieftains + Tie the Bonnet, O’Rourke’s

Altan ( Mairéad Ní Mhaonaigh ) in “Island Angel”  1993

Moya Brennan

Aoife Ní Fhearraigh

Anúna

Irish gaelic
I
Is cosúil gur mheath tú nó gur threig tú an greann;
Tá an sneachta go frasach fá bhéal na n-áitheann,
Do chúl buí daite (1) ‘s do bhéilín sámh,
Siúd chugaibh Máirí Chinidh (2)
‘s í ‘ndiaidh ‘n Éirne (3) ‘shnámh.
II
A Máithrín mhilis dúirt Máire Bhán.
Fá bhruach a’ chladaigh ‘s fá bhéal na trá,
‘S maighdean mhara (4) mo mháithrín ard
Siúd chugaibh Máirí Chinidh
‘s í ‘ndiaidh ‘n Éirne ‘shnámh.
III
Tá mise tuirseach (5) agus beidh go lá
Mo Mháire bhruinngheal ‘s mo Phádraig bán (6),
Ar bharr na dtonna ‘s fá bhéal na trá,
Siúd chugaibh Máirí Chinidh
‘s í in dhiaidh an Éirne a shnámh
IV
Tá an oíche seo dorcha is tá an ghaoth i ndroch aird.
Tá an tSeisreach (7) ‘na seasamh ins na spéarthaí go hard.
Ach ar bharr na dtonnta is fá bhéal na trá
Siúd chugaibh Máire Chinidh is í i ndiaidh an Éirne snámh.

 

English translation * 
I
It seems that you have deteriorated
or have adandoned fun
The snow is spread
about the opening of the cliffs
Your yellow curly hair (1)
and little gentle mouth,
Over there (coming) to you is Mary Chinidh (2) ,
she is after swimming the ocean (3)
II
“My darling mother,
-said blonde Mary
By the edge of the stony beach
And the opening of the strand-
my noble mother is a mermaid (4),
Over there (coming) to you is Mary Chinidh ,
she is after swimming the ocean
III
“I am tired (5)
and will be until day
My fair Mary
and my blonde Patrick (6)”
On top of the waves
And the opening of the strand
Over there (coming) to you is Mary Chinidh ,
she is after swimming the ocean
IV
The night is dark and the wind is high
The Plough (7) can be seen high in the sky
On top of the waves
And the opening of the strand
Over there (coming) to you is Mary Chinidh ,
she is after swimming the ocean
traduzione italiano Cattia Salto
I
Sembra che tu ti sia avvizzita
e abbia perso il buon umore.
La neve si accumula
all’imboccatura delle scogliere
i tuoi riccioli biondi
e la tua dolce boccuccia
Chi arriva da te è Mary Kinney
che nuota per sempre nell’oceano
 
II
“Mia cara madre-
disse la bionda Mary
al margine della spiaggia sassossa
e l’imboccatura della spiaggia-
una sirena [selkie] è la mia nobile madre”
Chi arriva da te è Mary Kinney
che nuota per sempre nell’oceano
 
III
“Sono stanca 
e sarà sempre così
la mia bella Mary 
e il mio biondo Patrick
sulla cresta delle onde 
e l’imboccatura della spiaggia-
Chi arriva da te è Mary Kinney
che nuota per sempre nell’oceano 
IV
La notte è buia e il vento è forte
il Gran Carro si scorge alto nel cielo
sulla cresta delle onde 
e l’imboccatura della spiaggia-
Chi arriva da te è Mary Kinney
che nuota per sempre nell’oceano 

NOTE
*by Mary Mc Laughlin
1) others translate “Your yellow-speckled back ” [altri traducono: la tua schiena maculata di giallo]
2) Mary Cinidh= Mary Heaney or Kinney is the merrow or selkie
3) Eirne is an old word for the Atlantic [è una vecchia parola per l’Atlantico]
4) a sea(l) maiden
5) it is the tragedy of the seal trapped between the two worlds, which becomes a lonely and tired figure, condemned to swim forever in the ocean, but unable to process the loss of her family on earth [è la tragedia della donna-foca finita intrappolata tra i due mondi, che è diventa una figura solitaria e stanca, condannata a nuotare per sempre nell’oceano, ma incapace di elaborare la perdita della sua famiglia sulla terra]
6 her daughter and her husband or her son [sono la figlia e il marito o il figlio]
7) the Cart (The Plow) of the Big Dipper  [il carro dell’Orsa maggiore]

LINK
https://songoftheisles.com/2012/10/03/an-mhaighdean-mhara/
https://songsinirish.com/an-mhaighdean-mhara-lyrics/
https://thesession.org/tunes/4087
http://www.celticlyricscorner.net/altan/anmhaighdean.htm
http://www.celticlyricscorner.net/clannad/anmhaighdean.htm
http://www.celticlyricscorner.net/anuna/mermaid.htm
http://www.celticlyricscorner.net/fallon/anmhaighdean.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=7950
http://www.irishpage.com/songs/roaninis.htm
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic109070-20.html
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic1036.html

CAILLEACH AN AIRGID

Una sean-nós song in gaelico irlandese proveniente dal Connemara dal titolo “Cailleach An Airgid” (in inglese “the hag with the money”-in italiano la strega con i soldi) diffusa anche con il titolo di “Sí Do Mhaimeó Í” (in inglese “She’s your granny!”)

E’ una canzone umoristica che dice alle arzille vecchiette di fare attenzione ai bei giovanotti interessati al matrimonio più per i loro soldi che per il sentimento. Nella canzone ci si riferisce a un personaggio reale Máire Ní Chathasaigh (Mary Casey) che fece fortuna in America e ritornò in Irlanda per avviare un traffico di autobus lungo le strade di Connemara.

cailleachmarriage
by Cartoon Saloon

Una vasta playlist qui tra cui segnalo in particolare:

ASCOLTA Niamh Ní Charra in Súgach Sámh / Happy Out”, 2010.

ASCOLTA Altan in Harvest Storm 1992
ASCOLTA Celtic woman voce Meav Ni Mhaolchatha

ASCOLTA Anuna

Nell’esilarante VIDEO Sónta & Cartoon Saloon si aggiungono ulteriori tre strofe, credo provengano dalla versione di Dara Bán Mac Donnchadha e che riguardano la pesca, ma al momento non ho ancora trovato il testo


Curfá
‘Sí do mhaimeo í, ‘sí do mhaimeo í
‘Sí do mhaimeo í, ‘sí cailleach an airgid
‘Sí do mhaimeo í, ó Bhaile Iorrais Mhóir í
‘S chuirfeadh sí cóistí
Ar bhóithre Cois Fharraige
I
Dá bhfeicfeá’ an “steam”
‘Ghabhail siar Tóin Uí Loin’
‘S na rothaí ‘ghabhail timpeall siar ó na ceathrúnaí
Chaithfeadh sí ‘n stiúir naoi n-uair’ ar a cúl
‘S ní choinneodh sí siúl
Le cailleach an airgid
II
Measann tú, ‘bpósfa’, measann tú ‘bpósfa’
Measann tú, ‘bpósfa’, cailleach an airgid?
Tá’s a’m nach ‘bpósfa’, tá’s a’m nach ‘bpósfa’
Mar tá sé ró-óg ‘gus d’ólfadh sé’n t-airgead
III
‘S gairid go ‘bpósfaidh, ‘s gairid go ‘bpósfaidh
‘S gairid go ‘bpósfaidh, beirt ar a’ mbaile seo
‘S gairid go ‘bpósfaidh, ‘s gairid go ‘bpósfaidh
Séan Shéamais Mhóir is Máire Ní Chathasaigh


Chorus
She is your granny(x3)
the hag with the money
She’s your granny, from Iorras Mhór(1) she’d ride in coaches on the roads of Cois Fharraige (2)
I
If you saw the steam going west to Flynn’s Point
And the wheels churning around her hindquarters,
You could turn the steering wheel nine times at her stern
And she wouldn’t keep up(3) with the hag with the money
II
Do you think you’ll marry?  (x3)
the hag with the money?
I know you won’t marry (x2)
‘Cause he’s too young and he’ll squander the money
III
We’ll soon have a wedding (x3)
by two in the village
We’ll soon have a wedding (x2)
Between Sean Seamais Mhoir and Maire Ni Chathasaigh
tradotto da Cattia Salto
CORO
E’ tua nonna,
la strega con il grano
è tua nonna da Errismore (1)
che corre in autobus
per le strade di Cois Fharraige(2)
I
Se vedevi il fumo (del battello) andare verso Ovest a Flynn’s Point
e le ruote che sbattevano sul suo deretano
potresti girare il timone nove volte a poppa
e non avrebbe tenuto il passo(3)
alla strega con i soldi
II
Credi che ti sposerai
la strega con i soldi?
Credo che non si sposerà
perché è troppo giovane e sperpererà il danaro
III
Presto ci sarà un matrimonio
con due del villaggio
presto ci sarà un matrimonio
tra Sean Seamais Mhoir e Maire Ni Chathasaigh

NOTE
1) Iorruis Mhóir (Errismore)
2) Cois Fharraige= “beside the sea”. è quella parte ragionevolmente dritto della costa del Connemara “is that reasonably straight part of the Connemara coastline that stretches from Salthill on the east to Ros a’ Mhíl on the west. Beyond Ros a’Mhíl it’s nothing but inlets and islands and huge rocks.”
3) la frase è un po’ contorta ma si descrive una gara di abilità tra un battello a vapore (in inglese è di genere femminile) e la “nonnina” la quale secondo Joe Heaney “she was reputed to be so strong, that even at that time – that’s when the first boats came out with the…steamboats – they reckoned that if she went into a rowing-boat and started rowing against the steamboat she’d have beaten the steamboat, she was that strong” (tratto da qui).

IL CONNEMARA

Non una contea ma un’area peninsulare geograficamente delimitata nella contea di Galway (Irlanda Ovest)
Il Connemara rappresenta per l’ Irlanda un po’ quello che la Toscana e’ per l’Italia o la Valle della Loira o la Borgogna sono per la Francia: la regione che in un certo senso ne riassume lo spirito, dove si trovano concentrati gli aspetti del paesaggio e della cultura che piu’ di frequente vengono associati all’ intera nazione: qui si trova una delle piu’ vaste aree dove ancora sopravvive la lingua celtica, qui si possono ammirare le verdissime vallate e le colline spazzate dal vento rese famose da film come The Quiet Man di John Ford, e piu’ di recente, The Field, entrambi girati da queste parti.” (tratto da qui)

FONTI
http://www.verdeirlanda.info/index.php/i-luoghi/97-il-connemara
http://www.guide-europe.info/connemara-guida-turistica/
http://www.celticartscenter.com/Songs/Irish/SiDoMhamoI.html
http://ronanbrowne.com/dally-and-stray-sleeve-notes/20-2/
http://www.celticlyricscorner.net/cliar/cailleach.htm
http://www.celticlyricscorner.net/altan/sido.htm
http://www.celticlyricscorner.net/soundtracks/sido.htm
http://www.celticlyricscorner.net/meav/sido.htm
http://songsinirish.com/p/cailleach-an-airgid-lyrics.html
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=734
http://saturdaychorale.com/2011/07/16/saturday-chorale-the-hag-with-the-money-anuna/
https://thesession.org/tunes/351

THE MEETING OF THE WATERS: NATURE FOR ROMANTICS

“The meeting of the waters” è una canzone scritta da Thomas Moore nell’estate del 1807 durante un suo soggiorno nei dintorni della Valle di Avoca (contea di Wicklow); solo in un secondo tempo alla poesia è stata abbinata una vecchia melodia dal titolo “The Old Head of Dennis“.

AVONMORE &AVONBEG

Il nome indica un punto ben preciso del territorio irlandese ovvero il punto in cui il fiume Avonmore si incontra con il fiume Avonbeg per formare l’Avoca . Il punto tuttavia non è univoco nel senso che ci sono due incontri: uno a Woodenbridge e l’altro a Castle Howard sovrastante sulla collina che divide i due rami.

Fu lo stesso Moore a risolvere la querelle affermando in una lettera indirizzata ad un suo amico: “I believe the scene under Castle Howard was the one which suggested the song to me.” Sul luogo non può mancare ovviamente la statua commemorativa del poeta, ovvero il suo busto (vedi).  L’abitazione sulla collina fu ristrutturata e costruita nella sua forma attuale di castello nel 1811 (vedi).

Meeting_of_the_Waters,_Avoca,_Ireland,_1882
Meeting of the Waters come appariva ai tempi del poeta: i due fiumi si congiungono e sull’altura s’intravede Castle Howard.

Il posto è ricco di fascino e al poeta è ancora più prediletto perchè è lo scenario del tempo trascorso in compagnia con gli amici più cari, così chi ascolta può evocare nella sua mente i luoghi altrettanto affascinanti che ha condiviso con i suoi amici del cuore. E quando la vecchiaia verrà con le sue debolezze o quando la vita ci renderà difficile il cammino essi (amici e natura) ci proteggeranno. Così la natura nel suo aspetto bucolico e tranquillo, nel suo essere al di fuori del caos cittadino e degli affanni potrà rigeneraci; ma il poeta avverte che il ritiro non dovrà essere solitario bensì condiviso con gli amici più cari, solo così la natura potrà agire da balsamo!

Per i Romantici la natura è lo specchio delle passioni e dei sentimenti perchè anch’essa ha un’anima, una forza divina. A volte natura matrigna o tragica nella sua indifferenza (o maestosa e immaginativa nei suoi paesaggi) è anche natura amica e confortatrice.

La melodia “The Old Head of Dennis” è un tradizionale irlandese riportata da George Petrie nella sua collezione “Ancient music of Ireland” (1855) come raccolta dalla signora Biddy Mongahn di Rathcarrick nella contea di Sligo. Ma tanto per cambiare c’è anche una melodia scozzese dal titolo “The meeting of the Waters”.
ASCOLTA The Meeting of the Waters suonata con la scottish bagpipes

ASCOLTA The Wolfe Tones in “Irish to the Core” 1973 con il titolo di “Vale of Avoca”

ASCOLTA Anuna live al National Concert Hall di Dublino 2010


I
There is not in this wide world a valley so sweet
As that vale in whose bosom(1) the bright waters meet,
Oh! the last rays of feeling and life must depart(2)
Ere the bloom of that valley shall fade from my heart.
II
Yet it was not that Nature had shed o’er the scene
Her purest of crystal and brightest of green
‘Twas not her soft magic of streamlet or hill
Oh! no, it was something more exquisite still.
III
‘Twas that friends, the beloved of my bosom were near
Who made every dear scene of enchantment more dear
And who felt that the best charms of nature improve
When we see them reflected from looks that we love.
IV
Sweet Vale of Avoca! how calm could I rest,
In thy bosom (2) of shade, with the friends I love best
Where the storms that we feel in this cold world should cease
And our hearts, like thy waters, be mingled in peace
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
Non c’è in questo vasto mondo una valle così amabile,
come la valle nel cui grembo (1) le acque limpide s’incontrano,
Oh! Gli ultimi raggi del sentimento e della vita devono andarsene (2)
prima che il fiore di quella valle svanisca dal mio cuore.
II
Eppure non era perchè la Natura aveva versato sulla scena
il cristallo più puro e il suo verde più brillante,
non era per la soffusa magia del ruscello o della collina.
Oh! No era per qualcosa di ancora più squisito.
III
Era perchè gli amici, i più cari del mio cuore (2) erano vicini,
che faceva ogni caro scenario d’incanto ancora più caro,
a chi ritiene che il migliore fascino della natura migliori,
quando lo vede riflesso negli sguardi che amiamo.
IV
Dolce Valle di Avoca! Come ho potuto riposare
tranquillo in seno (2) al boschetto, con gli amici che amo di più,
dove le tempeste che ci toccano in questo freddo mondo dovrebbero cessare e i nostri cuori, come le tue acque, si mescoleranno in pace.

NOTE
1) La parola bosom ricorre nelle strofe in una sorta di umanizzazione materna della Valle e richiama il sentimento d’affetto riposto nel cuore del poeta
2) il poeta vuole dire che serberà il ricordo della valle fino alla sua morte

FONTI
http://hogfiddle.blogspot.it/2012/03/thomas-moore-meeting-of-waters.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=37446
http://thesession.org/tunes/4679
https://sites.google.com/site/frankensteincampbell/anexplication

Coventry Carol

strage-innocenti-giotto
Giotto: Strage degli Innocenti

On December 28, the calendar celebrates the Innocent Saints (Childermas in Old English), the children who lived in Bethlehem, killed by the sword by order of King Herod (the only source is the Gospel of Matthew 2:16).
The scholars are still debating whether the fact actually happened and about the extent of the massacre, an event that in any case hit the popular imagination and was frequently depicted in art.
[Il 28 dicembre  il calendario celebra i Santi Innocenti (Childermas in inglese antico), i bambini coetanei di Gesù abitanti a Betlemme, uccisi a fil di spada per ordine di Re Erode (l’unica fonte è il Vangelo di Matteo 2:16).
Gli studiosi dibattono ancora se il fatto sia realmente accaduto e sull’entità della strage, evento che colpì in ogni caso l’immaginario popolare e che venne raffigurato frequentemente nell’arte.]

The echo of the massacre is contained in a Christmas song entitled “Coventry Carol” of medieval origin: it was part of the medieval Sacred Representations (Mistery Play) that took place in the city of Coventry between 1391 and 1591, whose deposited copy at the city hall it was then lost or destroyed, but at least transcribed in 1534 by Robert Croo.
Very popular and appreciated tradition if an anonymous author writes
The state and reverence and show,
Were so attractive, folks would go
From all parts, every year to see
These pageant-plays at Coventry.

[L’eco della strage è contenuta in un canto di Natale dal titolo “Coventry Carol” di origine medievale: faceva parte delle Sacre Rappresentazioni medievali (Mistery Play) che si svolsero nella città di Coventry tra il 1391 e il 1591, la cui copia depositata presso il municipio della città è andata poi perduta o distrutta, ma comunque trascritta nel 1534 da Robert Croo.
Tradizione molto popolare e apprezzata se un autore anonimo scrive
La pompa, la venerazione e lo spettacolo
erano così invitanti, che la gente verrebbe
da tutte le parti ogni anno per vedere
queste rappresentazioni teatrali a Coventry]

David Jee in “Coventry Mysteries”, Thomas Sharp, 1825

A THEATER IN FRONT OF THE CHURCH!
[A TEATRO DAVANTI ALLA CHIESA!]

The Plays are the first forms of medieval theater developed in the religious sphere; initially they took place in front of the churchyard, then they turned into parades of moving wagons that moved in various parts of the city from morning to sunset: each wagon was entrusted to the care and expense of a guild of artisans and merchants. At that time the Plays were a sort of animated Bible (but also anecdotal stories derived from the popular imagination), a dramatization of the biblical stories, otherwise unapproachable for the populace, in a period in which the Church preferred the externality of the rite more than the his understanding.
The Christmas Plays illustrated the events from the Annunciation to the Massacre of the Innocents. In Coventry the carriage of the Slaughter of the Innocents was by the “Pageant of the Shearmen and Tailors”
[Le Plays sono le prime forme di teatro medievale sviluppatesi nell’ambito religioso; inizialmente si svolgevano davanti al sagrato della chiesa, poi si trasformarono in sfilate di carri mobili che si spostavano in vari punti della città dal mattino al tramonto: ogni carro era affidato alla cura e alle spese di una corporazione di artigiani e mercanti. All’epoca le Plays erano una sorta di Bibbia animata (ma anche storie anedottiche scaturite dalla fantasia popolare), una drammatizzazione delle storie bibliche, altrimenti inavvicinabili per il popolino, in un periodo in cui la Chiesa preferiva l’esteriorità del rito più che la sua comprensione.
Le Plays natalizie illustravano gli avvenimenti dall’Annunciazione alla Strage degli Innocenti. A Coventry il carro della Strage degli Innocenti era a cura dei “Pageant of the Shearmen and Tailors“]

THE LULLAY SONG

The Coventry carol is also titled “The Lullay Song”: it is the lullaby with which mothers try to asleep their newborns because with moans or crying they could attract the attention of the soldiers of Herod; the death of the peers of Jesus is the prefiguration of what will be his sacrifice.
[La carola di Coventry è anche conosciuta come The Lullay Song: è la ninna nanna con cui le madri cercano di addormentare i neonati perchè con i gemiti o i pianti potrebbero attirare l’attenzione dei soldati d’Erode; la morte dei coetanei di Gesù è la prefigurazione di quella che sarà il suo sacrificio.]

Loreena McKennitt

Anuna

Mediaeval Baebes

Pentatonix


CHORUS
Lully, lulla, thou little tiny child
by by, lully lullay
I
O sisters too
how may we do,
for to preserve this day,
this poor youngling
for whom we do sing,
by by, lully lullay.
II
Herod the king
in this raging
charged he hath this day
his man of might
in his own sight
all young children to slay.
III
That woe is me(1)
poor child for thee!
and ever morn and day(2),
for thy parting,
neither say nor sing,
by by, lully lullay
Traduzione italiano
CORO
Ninna nanna, piccolo bambino
Fai la ninna, fai la nanna

I
O sorelle,
che possiamo fare
per preservare in questo giorno
questo povero bimbo
a cui cantiamo
fai la ninna, fai la nanna?
II
Erode, il re
nella sua ira,
ordinò in questo giorno
ai suoi soldati
che davanti ai suoi occhi
uccidessero tutti i neonati.
III
Questo il mio dolore (1)
per te povero bambino!
Ogni mattina e giorno (2),
per la tua morte
non si dice e non si canta
“fai la ninna, fai la nanna”

NOTE
1) or “That voice is me”
2)  “ever mourn and say” or “We’ll never mourn nor stay” or “And ever watch and pray

La traduzione poetica di Fryda Rota
Ninna nanna mio bambino:
dormi presto, mio piccino.
Accostatevi sorelle: noi dovremo preservare questo giorno nel ricordo.
Ricordiamoci di Erode,
re malvagio che pretende solo sangue, solo morte.
Non avranno ninne nanne i bambini che ora dormono
nella culla della terra su cuscini verdi d’erba.
Ma tu dormi mio piccino,
dormi e sogna mio bambino.

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/coventry.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=147755
http://earlymusicnotes.blogspot.it/2010/12/coventry-carol-lully-lullay.html

SIUIL A RUIN

“Siuil a Ruin” scritto con la grafia inglese come “Shule Aroon“, o come “Suil a Gra” (Shule agrah), è il richiamo lanciato da una donna al suo amore andato in Francia a combattere come “Wild Geese“, perchè ritorni da lei.

shannon
le oche selvatiche prendono il volo

La versione originale probabilmente risale al 1690 quando il trattato di Limerick permise agli Irlandesi della fazione giacobita di seguire nell’esilio in Francia, il deposto re Giacomo II, e forse era composta interamente in gaelico, rimasto solo nel ritornello come frasi non-sense nella successiva versificazione in lingua inglese. La canzone emigrò in America e divenne un canto tradizionale della Rivoluzione americana del 1776. In America cambia il titolo in  “Johnny Has Gone For A Soldier” (Buttermilk Hill) o anche come “Gone the Rainbow”.

Le prime versioni stampate risalgono al 1800, si tratta di un frammento di origine scozzese “Dick Macphalion” (1823) (vedi) e di un testo in “Irish Melodies” vol IX di Thomas Moore (1825) con la melodia “I wish I were on yonder hill” arrangiata da Joseph Robinson.

LA MELODIA

The Spinning Wheel, c.1855 (oil on panel)La melodia con cui è associato il testo è quasi una ninna-nanna, malinconica o nostalgica, tutto lascia pensare che la donna stia cantando mentre lavora al filatoio.

Nel ritornello è come se la ragazza dicesse “Torna da me,  se non sei ancora morto, torna da me” e mi ricorda la lettera scritta da Ada a Inman nel film “Cold Mountain” (guerra civile americana 1861-1865) “Quel che resta del mio coraggio è riposto nella fiducia che ho in voi e nella certezza che ho di rivedervi, quindi ve lo dico più chiaro che posso: se state combattendo, smettete di combattere! Se state marciando, smettete di marciare! Tornate da me….. Tornate da me….. Questo vi chiedo. Tornate da me, tornate da me.”
Questo richiamo accorato come chiave di lettura principale è però contraddetto in alcune strofe del canto in cui la donna accetta la separazione come un fatto ineludibile.

E’ difficile fare una cernita tra le varie esecuzioni essendo un brano molto popolare tra i gruppi e i solisti di musica folk, ma segnalo in particolare la versione di Sissel e della Figgy Duff Band

The Chieftains & Sissel Kyrkjebø in Tears of Stone (1999) la cantante norvegese nota più comunemente come Sissel,  il canto è più lento e sospeso come in una dimensione onirica (strofe I, III, V, VII e ritornello ogni 2 strofe)

ASCOLTA Clannad in Dùlaman 1976 (strofe I, III, V, VI, VII)

ASCOLTA Pamela Morgan &Anita Best in The Colour of Amber, 1991 con il titolo di “Suil a Gra”: il ritornello è quello della versione americana (vedi nota 2) le strofe sono cantate anticipando la VII, I, III, V. La versione è stata collezionata dalla stessa Anita Best con Genevieve Lehr (John Joe English of Branch, St. Mary’s Bay, NL, e pubblicata come #96, in “Come And I Will Sing You: A Newfoundland Songbook”, pp.165-166, Genevieve Lehr editore (University of Toronto Press © 1985/2003). Bello e intenso anche il video in bianco nero

Interessanti e personali le versioni di ASCOLTA Cecil Corbel che con il suo stile pop ha trasformato brano in un pezzo dance (strofe I, II, VI, VII), e di ASCOLTA Anuna con il loro stile ancestrale e mistico: aggiungono una strofa tra la I e la II della versione standard,
“I wish I sat on my true love’s knee
Many a fond story he told to me
He told me things that ne’er shall be”
(in italiano “vorrei sedermi sulle ginocchia del mio amore, tante storie affascinanti ha da raccontami, mi dice cose che non accadranno mai”)
e chiudono con la V strofa

TESTO ORIGINALE
I
I wish I was on yonder hill
‘Tis there I’d sit and cry my fill,
Till every tear would turn a mill,
Is go dte tu mo mhuirnin slán (1)
CHORUS
Siúil, siúil, siúil a ruin
Siúil go sochair agus siúil go ciúin
Siúil go(2) doras agus ealaigh líom
Is go dte tu mo mhuirnin slán
II
His hair was black and his eyes were blue/His arms were strong and his words were true,
I wish in my heart that I were with you
And a blessing walk (3) with you, my love.
III
I’ll sell my rock, I’ll sell my reel
I’ll even sell my spinning wheel(4)
to buy my love a sword of steel(5)
Is go dte tu mo mhuirnin slán
IV(6)
Then the king, he was forced to flee
Took my love across the sea
I wish in my heart he were here with me
And a blessing walk with you, my love
V
I’ll dye my petticoats, I’ll dye them red (7)
and it’s round the world I will beg for bread
until my parents would wish me dead.
Is go dte tu mo mhuirnin slán
VI
I wish, I wish, I wish in vain
I wish I had my heart again
And vainly think I’d not complain
Is go dte tu mo mhuirnin slán
VII (8)
But now my love has gone to France
To try his fortune to advance.
If he e’er come back, ‘tis but a chance
Is go dte tu mo mhuirnin slán
Traduzione italiana Riccardo Venturi
I
Vorrei essere su quella collina lassù
dove sederei a piangere a dirotto
ed ogni lacrima girerebbe un mulino,
e al sicuro per sempre il mio amore sarà
RITORNELLO
Vieni, vieni, vieni, amore mio,
presto, vieni da me, muoviti piano,
vieni qui da me e fuggiremo assieme,
e al sicuro per sempre il mio amore sarà
II
Aveva i capelli neri e gli occhi azzurri,
le braccia forti e parole sincere.
Nel mio cuore vorrei essere con te,
e una bella passeggiata con te, amore mio
III
Venderò l’aspo e la conocchia,
venderò l’unico telaio [filatoio a ruota]che ho per comprare una spada d’acciaio al mio amore e al sicuro per sempre il mio amore sarà.
IV
Allora il re dovette fuggire e si portò via il mio amore, al di là del mare.
Nel mio cuore vorrei che fosse con me,
e una bella passeggiata con te, amore mio.
V
Mi tingerò le gonne, le tingerò di rosso
e me ne andrò per il mondo a mendicar pane finché i miei non vorranno che sia morta e al sicuro per sempre il mio amore sarà.
VI
Vorrei, vorrei, vorrei ma invano,
vorrei riavere qui il mio amore,
e invano penso che non avrei un lamento, e al sicuro per sempre il mio amore sarà.
VII
Ma ora il mio amore è andato in Francia
a cercare di fare fortuna.
Se tornasse sarei ben fortunata,
e al sicuro per sempre il mio amore sarà

NOTE
1) in inglese= And may you go safely, my darling il verso in gaelico è sostituito in alcune strofe come variante dalla frase in inglese ” And a blessing walk with you, my love” (che in gaelico si dice Iss go jay too mavoorneen slahn.)
2) nella frase Siúil go doras il go a volte diventa ‘go dtí an‘ oppure ‘dhan‘.

Il ritornello è scritto anche in inglese (fonetica) come
Shule, shule, shule aroon
Shule go succir agus, shule go kewn;
Shule go dheen durrus oggus aylig lume

And a blessing walk with you, my love
(traduzione inglese Come, come, come O love,
Quickly come to me, softly move,
Come to the door and away we’ll flee,
And safe forever may my darling be.)
Nella versione americana diventa
Súil, súil, súil a grá,
Súil go socair agus súil a dhrá,
Súil go doras agus éalaigh,
Is go dtí a mhúirnín, slán.

3) la donna augura al fidanzato un viaggio sicuro , la frase significa “che tu faccia buon viaggio”
4) spinning wheel è  un filatoio (più impropriamente detto arcolaio) qui sono citate le parti del filatoio a ruota (o mulinello), talvolta scritti come flax, rack o rod al posto di rock e meal al posto di reel. (vedi dettaglio)
5) a mio avviso la donna sarebbe disposta a vendere tutto ciò che ha di prezioso per comprare una buona spada al suo uomo, non perchè voglia sostenere la sua decisione di andare a combattere, bensì perchè egli possa avere qualche chance in più di restare vivo e ritornare da lei sano e salvo
6) probabilmente in auge nel 1700 e nel 1800 questa strofa non è più cantata dagli artisti del 1900 e dai contemporanei. Come riferisce Robert Louis Stevenson nel suo romanzo “The Master of Ballantrae” (1889) era una canzone amata dai giacobiti esuli in Francia e il re ai quali alludevano e riponevano le loro speranze era il Bonny Prince Charlie continua
7) IL COLORE ROSSO: ci si aspetterebbe che la ragazza si tingesse le vesti di nero, ma questo colore solo più recentemente è diventato nella nostra cultura, il colore del lutto; per i Celti il rosso era il colore di qualcuno che proveniva dall’altro mondo, mentre per gli Antichi Romani era il colore nunziale degli sposi, indossato per evocare la fertilità. Alan Lomax indica il colore rosso come simbolo di donna fedele (senza però approfondire in merito). Di certo il codice dei colori varia di epoca in epoca e di località in località. Nel Medioevo il rosso era il colore dell’amante, e nelle leggende era il colore che proteggeva dalle streghe e dalle malattie. Era però un colore indossato dai ricchi e simboleggiava le virtù regali del valore e della vittoria in guerra. Nel Rinascimento era ancora il colore del potere e del prestigio indossato dagli uomini di comando e dai giudici (e in Italia dai medici). Nella Chiesa era collegato con il martirio ma all’opposto poteva anche simboleggiare il diavolo.
8) Una versione alternativa della strofa
I wish my love would return from France,
his fame and fortune there advanced.
If we meet again, ‘t will be by chance.
Is go dte tu mo mhuirnin slán”

SIÚIL, A GHRÁ

Contrariamente a quanto si potrebbe supporre la versione in gaelico è posteriore al testo in maccheronico
ASCOLTA Na Casaidigh in 1691 del 2009

I
A bhuachaillín aoibhinn álainn ó
Ba leathan do chroí a’s ba dheas do phóg,
Mo léan gan mise leat féin go deo
A’s go dté tú , a mhuirnín, sláncurfa
(chorus)
Siúil, Siúil, Siúil, a ghrá
Níl leigheas le fáil ach leigheas an bháis
Ó d’fhag tú mé, is bocht mo chás,
A’s go dté tú , a mhuirnín, slán
II
Is minic a bhréag tú mé ar do ghlúin,
Ag cur do scéil dom féin in iúl
Ach chaill mé thú ‘s tú mo rún,
A’s go dté tú, a mhuirn ín, slán
III
Ach cuireadh ar Rí Séamas ruaig
A’s d’imigh na géanna leis ar luas
A’s d’imigh mo bhuachaill leo, monuar,
A’s go dté tú , a mhuirnín, slán
Traduzione inglese
I
O gentle beautiful youth,
Broad was your heart and sweet your kiss,
Alas that I am not with you forever,
And may you go, my love, safely.
Chorus:
walk, walk, walk, oh love’
There is no cure to this but death.
Since you left me, wretched is my plight,
And may you go, my love, safely.
II
Often you beguiled me on your knee
Telling me of your life
But I lost you and you are my love,
And may you go, my love, safely.
III
But King James was routed,
And the geese (1) went with him at speed,
And my lad went with them, alas,
And may you go, my love, safely
Traduzione italiana Cattia Salto
I
O ragazzo bello e caro
dal cuore grande e dai dolci baci, peccato che non possa esserti sempre vicina, torna, amore mio, in salvo.
Ritornello
Cammina amore, cammina, cammina
attento a  non restare ucciso, da quando mi hai lasciata, disperata è la mia condizione; torna, amore mio, in salvo.
II
Spesso mi hai tenuta sulle ginocchia
raccontandomi della tua vita
ma ti ho perduto, tu che sei il mio amore, torna, amore mio, in salvo.
III
Ma re Giacomo fu messo in fuga
e le oche volarono con lui
e il mio ragazzo andò con lui, ahimè,
torna, amore mio, in salvo.

NOTE
1) Dopo la vittoria del Boyne (1690) in cui l’Inghilterra segnò un punto fermo sul dominio dell’Irlanda, vennero approvate le Penal Laws che penalizzavano i cattolici, impedendo loro l’accesso a posizioni di potere negli affari pubblici e finanche diritti di proprietà sulla propria terra; gli Irlandesi cattolici vengono privati del diritto di voto, sono esclusi dall’esercito, dall’amministrazione locale e centrale e dalla magistratura (mancava solo che gli facessero portare la stella gialla!)
Così molti furono i giovani irlandesi cattolici che cercarono la fortuna negli eserciti europei (che fossero possibilmente in lotta contro l’Inghilterra!).
Per estensione le oche selvatiche sono tutti gli uomini e le donne che hanno lasciato l’Irlanda come emigranti per tutto ciò che non potevano realizzare nel loro paese!

continua VERSIONE AMERICANA Johnny has gone for a soldier

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/sailing-lowlands.htm
http://ontanomagico.altervista.org/ye-jacobites.htm
http://en.wikipedia.org/wiki/Si%C3%BAil_A_R%C3%BAin
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic53844.html
http://www.celticartscenter.com/Songs/Irish/SiuilARuin.html
http://thesession.org/tunes/6753
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=7985
http://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=48603
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=336&lang=it
http://stec-173395.blogspot.it/2011/05/fuso-e-telaio.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=30259
http://chrsouchon.free.fr/shulegra.htm