Rosin the Beau

old-fiddle-luke-lawnicki“Rosin the Beau”, “Roisin the Bow” “Ol ‘Roisin Le Beau” is a song published in America in 1838 and takes up the theme of “Jug of punch” in which the protagonist expresses the desire to be buried with his beloved whiskey. It may be that Rosin the Beau derives from “to rosin the bow” (in Italian: resinate the violin bow) an expression that signifies an immoderate drinking!
“Rosin the Beau”, “Roisin the Bow” “Ol’ Roisin Le Beau” è un canto pubblicato in America nel 1838 che riprende il tema di “Jug of punch” in cui il protagonista esprime il desiderio di essere sepolto insieme al suo amato whiskey. Può darsi che Rosin the Beau derivi da “to rosin the bow” (in italiano: resinare l’archetto del violino)  espressione che sta a significare un bere smodato!

The melody, of Scottish or Irish origin, is very well known and sung on a variety of texts: “The robber”, “Wrap me in my tarpaulin”, “Wrap me in my old stable jacket”. It is cited by Barrett in his book “English Folk Songs” (1891) and by Williams in “Folk Songs of the upper Thames” (1923). In Ireland it was used as a melody for “Eoghan Choir”, a satire written in Gaelic by a certain Barrett from the county of Mayo around 1880. In 1920 it was used for an IRA ballad “The boys of Kilmichael” which celebrated success of an ambush at Kilmichael.
La melodia, di origine scozzese o irlandese, è molto  conosciuta e cantata su una varietà di testi: ” The robber”,  “Wrap me in my tarpaulin”, “Wrap me  in my old stable jacket”. E’ citata  da Barrett nel suo libro “English Folk Songs” (1891) e da Williams in “Folk Songs of the upper Thames” (1923). In Irlanda è stata adoperata come  melodia per “Eoghan Choir”,  una satira scritta in gaelico da un certo Barrett  della contea di Mayo verso il 1880. Nel 1920 venne  usata per una ballata dell’IRA “The boys of Kilmichael” che  celebrava il successo di un’imboscata presso Kilmichael.
Bayard (1981) notes the air was known to most fiddlers, fifers, and singers in Pennsylvania, as in many parts of the country. He identifies a melody by James Oswald which appears in his 2nd Collection (1740’s, pg. 25) as a 6/8 “Gigg,” that is extremely close to “Rosin,” and he wonders if this was the ancestral tune for the air, or if Oswald himself was influenced by an older air. Further, he says a tune called “Dumfries House” in Gow’s Complete Repository (3rd Ed., Part I, pg. 13) ascribed to John Riddle has a 2nd strain that equals “Rosin the Beau,” and a Welsh harp tune in Bennett’s Alawon fy Ngwlad also is quite close. The Fleishchmann index (1998) gives that the tune was derived from a 17th century Irish tune in 6/4 meter called “On the Cold Ground;” that tune, however, is English, attributed to Matthew Lock from the play The Rivals. (from here)
“Bayard (1981) nota che l’aria era nota alla maggior parte dei violinisti, pifferai e cantanti in Pennsylvania, come in molte parti del paese. Identifica una melodia di James Oswald che appare nella sua seconda collezione (1740, pg 25) come un 6/8 “Gigg”, che è estremamente simile a “Rosin”, e si chiede se questa fosse la melodia originale dell’aria, o se lo stesso Osvaldo fosse influenzato da un’aria più vecchia. Inoltre, dice che una melodia chiamata “Dumfries House” in Gow’s Complete Repository (3a ed., Parte I, pagina 13) attribuita a John Riddle ha un secondo ceppo che equivale a “Rosin the Beau”, e una melodia gallese in Bennett’s Anche Alawon fy Ngwlad è piuttosto simile. L’indice Fleishchmann (1998) riporta che la melodia era derivata da un motivo irlandese del 17 ° secolo nel 6/4 metri chiamato “On the Cold Ground”; quel motivo, tuttavia, è inglese, attribuito a Matthew Lock dalla commedia “The Rivals.”

Take a drink with  old Rosin the Beau

Rosin is a very popular man, perhaps an itinerant violinist, in his old age he meditates on death, and expresses the desire to be buried with two barrels of beer in his coffin; at the same time, to extend his life, he incites people to toast the health of old Rosin!
Rosin è un uomo molto  popolare forse un violinista itinerante, nella sua vecchiaia medita sulla morte, ed esprime il desiderio di essere  seppellito con due barilotti di birra nella bara; nello stesso tempo, per  allungarsi la vita, incita la gente a brindare alla salute del vecchio Rosin!

A drinking song in the repertoire of The Dubliners, The Clancy Brothers and Bod Dylan, of which they know many text versions.
Una drinking song nel repertorio dei The Dubliners, The Clancy Brothers e Bod Dylan, di cui conoscono molte versioni testuali.

The 97th Regimental String Band


I
I’ve traveled all over this wild world,
And now to another I  go.
And I know that  good 
quarters (1) are waiting
To welcome old Rosin the Beau.(x3)
And I know that good  quarters are waiting to welcome old Rosin the Beau.
II
When I’m dead and  laid out on the counter
a voice you will  hear from below,
Saying “Send  down a hogshead of whiskey
Take a drink with  old Rosin the Beau
III
Then get a half dozen stout fellows
And lied them all up in a row
Let them drink out  of half gallon bottles
To the memory of Rosin the Beau
IV
Then get a half  dozen stout fellows
And let them all stagger and go
And dig a great hole  in the meadow
And in it put Rosin  the Beau
V
Then get ye a couple  of bottles.
Put one at me head  and me toe.
With a diamond ring  scratch upon ‘em
The name of old  Rosin the Beau.
VI
I feel that old  tyrant (3) approaching,
That cruel  remorseless old foe,
And I lift up me  glass in his honour.
Take a drink with  old Rosin the Beau
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Ho girato tutto il mondo
e ora me ne andrò all’altro,
ma so che le schiere angeliche (1) mi aspettano per dare il benvenuto al vecchio Rosin il Bello. gli angeli mi aspettano per dare il benvenuto al vecchio (2) Rosin il Bello.
II
Quando sarò morto e  disteso su un catafalco
una voce griderà da sottoterra
dicendo “Mandate giù un barilotto di whiskey.
per bere con il vecchio Rosin il Bello”.
III
Allora prendete una mezza dozzina di forti compagni/ e metteteli tutti in fila,
che bevano mezzo gallone
alla memoria di Rosin il Bello.
IV
Allora prendete una  mezza dozzina di forti compagni/ che vadano tutti barcollanti
a scavare una grande buca nel prato
per metterci dentro Rosin il Bello.
V
Poi prendete un paio di bottiglie
mettetele una alla testa e una ai piedi,
con un anello di  diamanti incidetevi sopra
il nome del vecchio Rosin il Bello.
VI
Vedo il vecchio tiranno (3) avvicinarsi,
uno spirito crudele e spietato,
alzo il bicchiere in suo onore,
venite a bere con il vecchio Rosin il Bello.

NOTE
1) good  quarters= schiere angeliche o fatate altri traducono con “bei posti”
2) old è un termine affettuoso usato spesso come intercalare che non necessariamente indica l’età avanzata può anche voler dire semplicemente “caro”
3) tyrant: per gli inglesi La Morte è un maschio spesso in abiti militari

LINK
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/rosinthebeau.html
https://thesession.org/tunes/7639
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10100
http://www.maggiesfarm.eu/testiO/olroisinlebeau.htm

One thought on “Rosin the Beau”

  1. Pingback: sac michael kors

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.