Terre Celtiche Blog

Matrimonio inglese

[Nigra 46]

Matrimonio inglese è una ballata piemontese classificata da Costantino Nigra nella sua antologia “Canti popolari del Piemonte” (1888) e riportata con partitura musicale da Leone Sinigaglia, in cui la sposa è presumibilmente Caterina di Valois, figlia più giovane di Carlo VI, re di Francia maritata il 2 giugno del 1420, a Enrico V re d’Inghilterra. Secondo il Nigra fu da questa ballata che prese l’avvio quella ben più popolare su “Carolina di Savoia“, simile per storia e parzialmente per struttura melodica, sul matrimonio di Carolina Adelaide di Savoia con il duca e poi re di Sassonia celebrato nel 1781.

Caterina di Valois

Meglio conosciuta come la sposa di Azincourt (Agincourt per gli Inglesi) perchè data in matrimonio come “garanzia” del controllo inglese sulla Normandia e l’Aquitania, al re vincitore (la guerra dei Cent’anni): Caterina di Valois aveva 19 anni mentre il re ne aveva 33. Il suo matrimonio fu molto breve così come il titolo di regina: sposa del re nel 1420, alla fine dell’anno successivo partorì Enrico VI, e nell’estate dell’anno seguente le morì il marito. Descritta come una donna bellissima divenne vedova a 21 anni e venne di fatto esiliata dalla corte inglese nella dimora di  Wallingford Castle. Si prese come amante Owen Tudor, un cortigiano di origini gallesi, nominato suo guardarobiere, il capostipite della dinastia Tudor.

Betti Zambruno & Tendachënt in A Lung De La Riviera
2014 +Aria Del Mariagi

Il matrimonio combinato per la ragion di stato:
nella ballata Caterina si lamenta del “barbaro” marito toccatale in sorte, ma alla fine, quando il re sta per perdere la pazienza e ripudiarla, la bella si adegua alla nuova condizione proclamandogli il suo amore

Trascrizione piemontese di Valerio Rollone
La bela madamin la veulo marìdé, (x2)
s’a-j veulo dé lo re dj’ Anglèis, s’a-j veulo dé lo re (x2)

Quand ch’a l’é stàita la dlà dël mar
da na vetura d’ordin la l’é dësmontà
sa l’é ‘ndàita drinta n’àutra tuta d’argent (x2)
— Le costa-si la fiordalis ch’a m’avi mpromì —
— Gnanca voi sej la dòna chi m’avì bin dì —
Appena rivaja a cort ij dami la van saluté.
— O fé-vi ‘n là, vilan dj’Anglè, saluteme nen —
Sa l’é rivaja l’ora dandà a durmì
tute le dame ‘d neuit la veulo dësvestì
— O fé-vi ‘n là, vilan dj’Anglè, dëspojeme nen —

La riva la mesaneucc lo re s’é risvoltà
— O fe-vi ‘n là, vilan d’Anglè toche-me nen —
Lo re d’Anglè a l’hà scotà so-sì
— O andè via la bela andej lontan da mi—
La riva la mesaneucc la bela l’ha dàit un crji
— Da già che Dio m’ha mandà mi a voi, amavi a voi —

La trascrizione di Leone Sinigaglia
La bela madamin, la veulo maridé. 
S’a-j veulo dé lo re d’Anglé. 
Quand a l’é stàita a riva dël mar, 
la bela madamin veulo bindeje j’euj 
«Oh, ferma, ferma, non bindarmi j’euj. 
Ma da zà che ‘l mar l’hai da passé 
che mi lo veuj vedé.» 
Quand ch’a l’é stàita dlà dël mar, 
da na vitura d’argent l’é dësmontà, 
s’a l’é ‘ndàit drinta un-a tuta ‘ndorà. 
«L’é-la costa-si la fiordalis ch’a l’é m’avì ‘mprumì?» 
«E gnanca voi sei pa cola dòna che m’avì bin dì» 
Apen-a rivà ‘n Glé, tute le dame ‘d cort la van saluté. 
«Oh, fevi ‘n là vilan d’Anglé, e non saluteme moé. 
I l’hai ancora ‘d gent dël mè pais.» 
S’a na ven ora d’andé durmì, 
tute le dame ‘d neuit la veulo dësvestì. 
«Oh, feve ‘n là, vilan d’Anglé, 
oh, non dëspojeme moé. 
I l’hai ben dle serve e dij servitor, 
oh che mi dëspojo lor.» 
S’a na ven la mesaneuit, lo re d’Anglé s’é rivoltà. 
«Feve ‘n là, vilan d’Anglé 
e non amarmi moé. 
A-i në j’è ancor dël mè pais.» 
Lo re d’Anglé scotà sossì: 
«Oh, mè pagi, vnime a vestì, 
veuj andé lontan lontan da voi, 
ch’i veuj mai pì ch’a sapio nen de lo re d’Anglé.» 
S’a na ven la mesaneuit,
la bela madamin l’ha fait un crij: 
«Oh, ferma, ferma lo re d’Anglé! 
Da già che Dio t’ha mandé e mi it veuj amé.» 


Traduzione italiana di Cattia Salto
La bella signorina la vogliono maritare,
vogliono darle il re degli Inglesi, vogliono darle il re.

Quando è stata al di là del mare
dalla vettura d’ordinanza è scesa
è entrata dentro ad un’altra tutta d’argento
-E’ questo il fiordaliso a cui mi avete promesso?-
– Nemmeno voi siete la dama che mi hanno decantato-
Appena arrivata a corte le dame la vanno a salutare
-Fatevi in là villane d’Inglesi, non salutatemi-
E’ arrivata l’ora di andare a dormire
tutte le dame la vogliono svestire per la notte
-Fatevi in là villane d’Inglesi, non spogliatemi-

Arrivata la mezzanotte il re si è girato
-Fatevi da parte villano di un inglese non toccatemi-
Il re Inglese ha sentito questo:
-Andatevene via bella, andate lontano da me-
Arrivata la mezzanotte la bella ha fatto un grido
-Giacché Dio mi ha mandato a voi, voi amavo – 

NOTE
Trascrizione di Valerio Rollone in piemontese standardizzato dalla versione da A Lung De La Riviera

piemontese standardizzato

La versione in Costantino Nigra rispetto alle versioni qui trascritte descrive più nel dettaglio la separazione della principessa dalle sorelle e dai genitori (probabilmente adattando la vecchia ballata a quella più recente sul matrimonio di Caterina di Savoia). Nel Nigra si aggiungono ulteriori dettagli sul comportamento della nuova sposa alla corte inglese: critica le decorazioni in suo onore ordinando al suo seguito francese di fare meglio, si lamenta della scarsa abilità del servizio a tavola, pretendendo di essere servita dal suo seguito. In una variante del cuneese il re alla fine sbotta che le farà tagliare la testa se non migliorerà l’umore.

Matrimonio tra Caterina di Valois e Enrico V


https://www.piemunteis.it/wp-content/uploads/46.-Matrimonio-inglese.pdf
https://www.folkclubethnosuoni.com/html/schede/zambruno.html

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.