Crea sito

A HUNDRED YEARS AGO

“A Hundred years ago” is a pulling chanty which was therefore performed by the shantyman for hoisting the sails.
A Long Time Ago is one of the shanties with the greatest number of variations. Old sailors can remember such different versions as “There were two Ships in Callao Bay”, “Noah built this Wonderful Ark” and “A Hundred Years is a Very Long Time”, but they were all the same song originally. ” (from shippingwondersoftheworld.com)

Una grande varietà di testi per questo sea shanty classificato come pulling chanty che era perciò eseguito dallo shantyman nella manovra per issare le vele.
“A Long Time Ago è una delle shanties con il maggior numero di varianti. I vecchi marinai ricorderanno così tante diverse versioni come “There were two Ships in Callao Bay”, “Noah built this Wonderful Ark” and “A Hundred Years is a Very Long Time”, ma all’inizio erano tutte la stessa canzone.”

A Hundred Years is a Very Long Time

“A Hundred Years is a Very Long Time” was the very popular version on the clippers line New York – San Francisco (round Cape Horn)

“A Hundred Years is a Very Long Time” era la versione molto popolare sui clipper che facevano la spola New York – San Francisco via Capo Horn.

ames Buttersworth Clipper Ship at Cape Horn
James Buttersworth “Clipper Ship at Cape Horn” 1850-90

 CLIPPER VERSION (la versione sui postali di linea)

A.L. Lloyd writes in the notes (cf) from the Blow Boys Blow album recorded with Ewan MacColl in 1967: “English and American folklorists fail to agree whether this shanty was first made under the Stars and Stripes or the Red Ensign. It has close associations with the Baltimore clippers, yet John Masefield heard it on British ships in his seafaring days, and the singer who gave it to Cecil Sharp knew it as an English sailors’ song. It may be a seaman’s remake of the mid-nineteenth century minstrel song called A Long Time Aug. Whatever it is, it made a good nostalgic-sounding shanty for the long pulls on the halyard.
The clippers (the first models come from Baltimore and date back to 1812) to go faster and faster they had a sail surface much higher than the previous vessels and therefore the work of the sailors was more demanding. In the song, the shantyman gives the order to hoist the sails by pulling the yard.

Scrive A.L. Lloyd nelle note all’album Blow Boys Blow registrato con Ewan MacColl nel 1967: “I folkloristi inglesi e americani non sono ancora concordi se questa shnaty sia anta sotto le Stelle e Strisce o l’insegna Rossa britannica. Ha stretti legami con i clipper di Baltimora, eppure John Masefield la sentì su una nave britannica nei suoi giorni di navigazione, e il cantante che la diede a Cecil Sharp la conosceva come una canzone dei marinai inglesi. Potrebbe trattarsi di un rifacimento marinaresco della metà Ottocento della minstrel song “A Long Time Ago”. Come sia è una shanty nostalgica per gli alaggi prolungati.
I clipper (i primi modelli provengono da Baltimora e risalgono al 1812) per andare sempre più veloce avevano una superficie velica di molto superiore ai vascelli precedenti e quindi il lavoro dei marinai era più impegnativo. Nella canzone lo shantyman impartisce l’ordine di issare le vele tirando la cima (drizza) per alzare il pennone ovvero l’asta orizzontale messa in croce con l’albero che regge la rispettiva vela.

A.L. Lloyd in Blow Boys Blow 1967

A hundred years on the Eastern Shore (1), Oh, yes, oh!
A hundred years on the Eastern Shore,

A hundred years ago
Oh, when I sailed across the sea,
My girl said she’d be true to me.
I promised her a golden ring,
She promised me that little thing (2).
Oh, up aloft this yard (3) must go,
For mister Mate has told us so.
I thought I heard the old man say,
That we was homeward bound today (4).
Un centinaio d’anni sulla Costa Orientale oh si, oh
Un centinaio d’anni sulla Costa Orientale
un centinaio d’anni fa
Quando navigavo per i mari,

la mia ragazza diceva che mi sarebbe stata fedele,
le promisi un anello d’oro
e lei mi promise quella cosina.
Oh su, questo pennone deve andare

perchè il Primo  ci ha detto così.
Se non sbaglio il capitano ha detto
che leveremo l’ancora diretti a casa oggi!

NOTE
Italian translation/traduzione italiana Cattia Salto
1) la costa orientale dell’America
2) si proprio quella
3) yard= pennone; è l’asta orizzontale messa in croce con l’albero che regge le vele e prende il nome dalla relativa vela.
4) oppure “Just one more pull and then belay” (in italiano= Ancora un tiro e poi lasciate, ragazzi.) nell’album “The Black Ball Line” 1957

A Hundred Years on the Eastern Shore: John Short version

Scrivono i curatori del progetto Short Sharp Shanties di aver unito i versi del marinaio John Short a quelli riportati da Joanna Colcord “Jeff usa lo stile del canto, sottolineato da numerosi collezionisti, in cui assolo e coro si sovrappongono. Questo vale per molte, se non la maggior parte, delle short haul shanties ed è probabilmente ciò che più si avvicina ad un’ “autenticità” in questa raccolta – vedi anche Ranzo, Billy Riley ecc. Da notare le somiglianze tra questa melodia e quella di Tommy’s Gone Away

The editors of the Short Sharp Shanties project write that they have combined the verses of the sailor John Short with those collected by Joanna Colcord: “Jeff uses the style of singing, remarked upon by several collectors, whereby the solo and chorus are hugely overlapped. This applies to many, if not most, short haul shanties and is probably as close as we get to ‘authentic’ in this collection – see also Ranzo, Billy Riley etc. The similarities between this tune and that for Tommy’s Gone Away are worthy of note.” (from www.umbermusic.co.uk)

Jeff Warner in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor Vol 1

A hundred years on the Eastern Shore, Oh, yes, oh!
A hundred years on the Eastern Shore,
A hundred years ago
A handred years have passed an’ gone,
a hundred years will come once more
Oh, Bully John from Baltimore,
Oh, Bully John on the Eastern Shore.

Oh, Bully John, I knew him well,
But now he’s dead and gone to hell.

A hundred years is a very long time
A hundred years will come again
A long, long time and a very long time
it’s a very long time I made this rhyme

I thought I heard the old man say,
Just one more pull and then belay.
Un centinaio d’anni sulla Costa Orientale oh si, oh
Un centinaio d’anni sulla Costa Orientale

un centinaio d’anni fa
un centinaio d’anni sono andati e sepolti,

un centinaio d’anni ritorneranno ancora una volta
Oh Bully John da Baltimora

Bully John sulla Costa Orientale
Oh Bully John lo conoscevo bene
ma ora è morto e andato all’inferno.
Un centinaio d’anni è un tempo molto lungo,

un centinaio d’anni ritorneranno ancora. 
un tempo molto, molto lungo e da tanto tempo
ed è da tanto tempo che sto componendo questi versi.
Credo di aver sentito dire dal vecchio,
ancora un tiro e poi lasciate.

NOTE
Italian translation/traduzione italiana Cattia Salto
bold verses taken by/in grassetto i versi presi da: Joanna Colcord “Songs of American Sailormen”

Whalers versions (versioni delle baleniere)

Another version is sung on the whalers and is ideally divided into three parts: in the first the shantyman hints at his girlfriend’s loyalty, in the central part he describes the roaring winds of Cape Horn and the dangers of that stretch of sea. In the final part he commemorates the figure of the sailor Bully John of Baltimore.
Learn to sing it with Brian of Holcombe and his digital project
Brian of Holcombe– Shantyman

L’altra versione è quella cantata sulle baleniere e si divide idealmente in tre parti: nella prima lo shantyman accenna alla fedeltà della fidanzata, nella parte centrale descrive i ruggenti venti di Capo Horn e le insidie di quel tratto di mare. Nella parte finale commemora la figura del marinaio Bully John di Baltimora.
Impariamo a cantarla con Brian di Holcombe e il suo progetto digitale

Ewan MacColl in “Whaler out of New Bedford, and other songs of the Whaling Era” 1962

A hundred years on the Eastern Shore, Oh, yes, oh!
A hundred years on the Eastern Shore,
A hundred years ago
Oh, when I sailed across the sea,
My girl said she’d be true to me.
I promised her a golden ring,
She promised me that little thing.
[Oh, up aloft this yard must go,
For mister mate has told us so.]
I wish to God I’d never been born,
To go rambling round and round Cape Horn (1)
(Around Cape Stiff where the wild winds blow (2),
Around Cape Stiff through sleet and snow.)
Around Cape Horn with frozen sails,
Around Cape Horn to fish (to hunt) for whales.
Oh, Bully (3) John from Baltimore,
I knew him well on the Eastern Shore (4).
(Oh, Bully John, I knew him well,
But now he’s dead and gone to hell.) (5)
Oh, Bully John was the boy for me,
A bucko on land and a bully at sea.
[They used to say that the stars were lighted,
by a bunch of angels every other night
They used to say that the moon was made of cheese;
You can believe it if you don’t well please.(6)
A long, long time and a very long time
it’s a very long time since I wrote this rhyme
I thought I heard the old man say,
Just one more pull and then belay.]
Un centinaio d’anni sulla Costa Orientale oh si, oh
Un centinaio d’anni sulla Costa Orientale
un centinaio d’anni fa
Quando navigavo in mare
la mia ragazza mi diceva che mi sarebbe stata fedele
le promisi un anello d’oro
e lei mi promise quella cosina
Oh su, questo pennone deve andare
perchè il Primo  ci ha detto così.
vorrei per Dio non essere mai nato,
piuttosto che andare su e giù per Capo Horn
a doppiare Capo Stiff tra i venti ruggenti,
a doppiare Capo Stiff con gelo e neve
Per Capo Horn con le vele ghiacciate,
per a Capo Horn a pescare (cacciare) le balene,
Oh Bully John da Baltimora
lo conoscevo bene sulla costa orientale
Oh Bully John lo conoscevo bene,
ma ora è morto ed è andato all’inferno
Oh Bully John era il ragazzo per me
un macellaio a terra e un duro per mare
Si diceva che le stelle fossero accese
da un gruppo di angeli ogni altra notte
Si diceva che la luna fosse fatta di formaggio
liberi di credere quello che volete
Un tempo molto, molto lungo e da tanto tempo
ed è da tanto tempo che sto componendo questi versi.
Credo di aver sentito dire dal vecchio,
ancora un tiro e poi lasciate.

NOTE
Italian translation/traduzione italiana Cattia Salto A Hundred Years on the Eastern Shore (Un centinaio d’anni sulla Costa Orientale) Ewan MacColl version; in brackets square the verses added by Brian and in round brackets the verses skipped (or moved)/tra parentesi quadra i versi aggiunti da Brian e tra parentesi tonda i versi saltati (o spostati) da Brian

1) Capo Horn, detto dai marinai “Cape Stiff”, la nera scogliera all’estremità dell’America Meridionale dove si scontrano le masse d’acqua e d’aria dell’Atlantico e del Pacifico, provocando venti che vanno dai 160 ai 220 Km/h e una risalita verso Ovest quasi proibitiva. Doppiare Capo Horn era un’impresa temuta dai marinai, per i forti venti, le grani onde e gli iceberg vaganti, cimitero di numerose navi sfortunate.
 “Grandi Naufragi” impossibile stabilire il numero delle navi che sono andate perdute in queste estreme acque tra le onde alte anche 20 metri. Tempeste di neve, violenti uragani, nebbie e pericolosi iceberg alla deriva, fanno capire quanto sia stato difficile passare indenni per la via di Capo Horn. I pochi naufraghi dovevano affrontare oltre all’inospitalità di quelle terre anche l’avversità degli indigeni che aggredivano i superstiti per depredarli di alcool ed armi. (tratto da qui)
2)“Quaranta ruggenti” termine coniato dagli inglesi all’epoca dei grandi velieri con rotta per Cape Horn. Venti, considerati i più temibili al mondo, prendono slancio da migliaia di miglia nel Pacifico senza che il minimo ostacolo possa smorzare la forza, riuscendo nelle acque di Capo Horn addirittura ad esaltarsi con l’incontro di aria fredda proveniente dall’Antartide. “Ruggenti” dal sibilo intenso che il vento produce tra gli alberi, il sartiame e la velature delle imbarcazioni. (tratto da qui)
3) bully è un termine da marinai con molti significati: in senso positivo per dire che il marinaio è un tipo “very good”, o “first rate”, ma bully è anche l’attaccabrighe sempre pronto a fare a pugni. Anche il termine bucko era spesso utilizzato in modo gergale per indicare un primo ufficiale manesco e violento che trattava in modo brutale la ciurma.
4) Brian dice “sun of a whore”
5) Brian sposta le strofe più sotto
6) le strofe vengono da Stan Hugill (cf) che però scrive
They thought the stars were set a-light Ho, yes, ho!
By some good angel every night, A hundred years ago.
They thought he moon was made of cheese. Ho, yes, ho!
You can believe it if you please. A hundred years ago.

Around Cape HornLong time ago

A variant with the title Around Cape Horn (cf) extrapolates the central part of the previous text becoming a nostalgic song.

Una variante con il titolo Around Cape Horn (vedi) estrapola la parte centrale del testo precedente  trasformandosi in un canto nostalgico.

White Magic in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs, and Chanteys, ANTI- 2006

A long time was a very good time Long time ago
A long time was a very long time Long time ago
Around Cape Horn we got to go
Around Cape Horn to Calleao (1)
You give me the girl and you take me away (2)
A long long time in the hull below
Around Cape Horn with frozen sails
Around Cape Horn to fish for whales
I wish to God I’d never been born
A long long time in the hull below
Around Cape Horn where wild winds blow
Around Cape Horn through sleet and snow
A long long time in the hull below
Tanto tempo fa erano davvero bei tempi, tanto tempo fa
Tanto tempo fa erano davvero bei tempi, tanto tempo fa
per Capo Horn dovevamo andare
a doppiare Capo Horn verso Callao,
mi dai la ragazza e mi porti via,
tanto, tanto tempo sotto nello scafo,
per Capo Horn con le vele ghiacciate,
attorno a Capo Horn per pescare le balene,
vorrei per Dio non essere mai nato,
tanto, tanto tempo sotto nello scafo,
per Capo Horn dove i venti di bufera soffiano,
a doppiare Capo Horn con neve e nevischio,

tanto, tanto tempo sotto nello scafo

NOTE
Italian translation/traduzione italiana Cattia Salto

1) Callao si trova vicino a Lima nel Perù, le navi commerciali che facevano scalo a Callao caricavano il prezioso guano per portarlo in Inghilterra. Alcuni traducono Call-e-a-o come California, che però dovrebbe essere scritto Califor-ni-o
2) ?!non capisco il significato della frase

LINK
http://www.capehorn.it/400-anos/
http://www.globalsecurity.org/military/facility/panama-canal-horn.htm
http://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/ahundredyearsago.html
https://mainlynorfolk.info/cyril.tawney/songs/noahsarkshanty.html
http://www.contemplator.com/sea/hundred.html
http://mainlynorfolk.info/cyril.tawney/songs/noahsarkshanty.html
http://www.jsward.com/shanty/LongTimeAgo/index.html
http://www.jsward.com/shanty/LongTimeAgo/mystic.html
http://www.jsward.com/shanty/LongTimeAgo/holdstock.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=10638
https://musescore.com/sangerforum/scores/2232266
http://memory.loc.gov/diglib/ihas/loc.award.rpbaasm.0463/default.html
https://www.youtube.com/watch?v=Cc2gQAi1OKY
https://www.youtube.com/watch?v=RBMBW_G_uJE
https://www.youtube.com/watch?v=OK_Sj8GbLa8
http://www.jsward.com/shanty/LongTimeAgo/shay.html
http://www.musicanet.org/robokopp/shanty/100years.htm
http://ingeb.org/songs/aroundca.html

Pubblicato da Cattia Salto

folklorista delle Terre Celtiche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.