Crea sito
Terre Celtiche Blog

Lily White Hand/Black Waterside

Mike Yates scrive nel suo “Wonderfully Curious” del 10-02-2010: Thanks to the detective work of Steve Gardham, we now know that The Lily-White Hand stems from a 17th century blackletter broadside titled The Forsaken Damosel: Or, The Deluded Maid that was printed by J Hose, ‘over against the King’s Arms near Holborn Bridge’, c.1670. (cf).
[Grazie al lavoro di ricerca di Steve Gardham, oggi sappiamo che le origini di The Lily-White Hand derivano da un foglio voltante del XVII secolo dal titolo The Forsaken Damosel: Or, The Deluded Maid stampato da J Hose, ‘over against the King’s Arms near Holborn Bridge’, c.1670.]
La ballata è tra le predilette dei traveller e Gypsy e la troviamo in varie versioni in Irlanda, Scozia e Inghilterra. Cecil Sharp ha raccolto alcune versioni sugli Appalachi del North Carolina e del Kentucky nel 1916-17.

Lisa Knapp in Till April is Dead – A Garland of May 2017, dalla tradizione Rom della famiglia Brazil

Traduzione italiana di Cattia Salto
As I walked out one May morning
Down by the old riverside
Who should I see but a sweet pretty maid
She was pleasing to my mind


I said to her, “Oh my sweet pretty maid
Won’t you sing me a true lover’s song?
And if it is true, I will marry you
I will make you my own true wife”


“Oh no kind sir, to get married to you
My age it is too young”
“Well the younger you are, the better you’ll be
To spend the night with me”


He’s took her by her lily white hand
He’s kissed both her cheek and her chin
And he’s took her down to some very large house
Where she spent the night with him


Well the night being gone and the moon adorned
The sun on those golden hills
This young man arose and he’s put on his clothes
He says “Fair you well my dear”


“That’s not the promise you gave to me
Down by the clear-running stream
You said that you would marry me
And make me your own true wife”


“Oh how could I marry a girl like you?
So easily led astray
You better go down to your own dear mother’s house
And cry your tears away”


“Oh how can I go to my own dear mother’s house
To lead in shame and disgrace
I’d rather go down to some very large brook
And throw my body there”


So he’s took her by the lily white hand
Kissed both her cheeks and her chin
He’s led her down to some very large brook
And he’s thrown her body in


Now as I sail away to some other foreign land
Some other girl I will find
And then I can say in my old age
I married my wife a maid
Mentre passeggiavo in una mattina di maggio,
Dalle parti del fiume;
Ti incontro proprio una bella fanciulla,
Com’era mio proposito


Le dissi: “Mia cara bella fanciulla,
Vorreste cantarmi una canzone d’amore?
E se sarà di vero amore vi sposerò
Vi farò la mia legittima moglie. “


“Oh, gentile signore, sposarmi con voi, no,
Sono troppo giovane. “
“Più giovane siete, meglio andrete,
Per passare la notte con me. “


La prese per la mano bianca come giglio (1),
Le baciò sia guancia che il mento;
La portò in una casa molto grande
E passo la notte con lui.


Oh, la notte passò impreziosita dalla luna
E Il sole illuminò le colline,
Il giovane si alzò e si vestì,
Dicendo: “Stammi bene cara mia”.


“Beh, questa non è la promessa che mi hai fatto,
Accanto al limpido torrente canterino;
Hai promesso che mi avresti sposato
E resa la tua legittima moglie. “


“Come potrei sposare una ragazza come te,
Così facile da fuorviare?
Faresti meglio a tornare a casa da tua madre
E versare tutte le tue lacrime. “


“Come posso andare a casa di mia madre
Per vivere nella vergogna e nella disgrazia,

Andrò piuttosto in un torrente molto largo
E mi ci getterò dentro”


La prese per la mano bianca del giglio,
Le baciò sia la guancia che il mento;
La portò verso un largo torrente
e ci gettò dentro il suo corpo


Ora mentre navigo verso un’altra terra straniera,
Troverò un’altra ragazza;
E potrò dire nella mia vecchiaia
Che ho sposato una moglie vergine.

NOTE
1) la mano bianca come il giglio è un commonplace delle ballate anglo-scozzesi per indicare la purezza e l’innocenza, la fanciulla è moralmente e sessualmente pura, ma anche una vittima innocente del predatore sessuale.

BLACKWATERSIDE

In Irlanda la stessa ballata prende il nome del famigerato torrente che non poteva che essere “nero”

Anne Briggs & Bert Jansch live
Entrambi avevano già inciso la canzone (la Briggs nel 1971 che scrive “Bert Lloyd gave me this song. The version I sing was originally recorded by Irish traveller Mary Doran for the BBC Archives. I don’t personally identify with the sentiments, but it’s a lovely thing to sing and, in the midst of the swinging ’60s, was a sad reminder of a harsher and unequal sexual morality that still lingers on”

Sandy Denny 1971

Oysterband in Rise Above 2002

Traduzione italiana di Cattia Salto
One morning fair I took the air
Down by blackwater side
Twas gazing all around me
The Irish lad I spied

All through the fore part of the night
We lay in sport and play
Till this young man arose and gathered his clothes
Saying ‘Fare thee well today

That’s not the promise that you gave to me
When first you lay on my breast
You could make me believe with your lying tongue
That the sun rose in the West.

Well then go home to your father’s garden
Go home and weep your fill
And think on your own misfortune
That you’ve brought with your want and will.


For there’s not a girl in this whole wide world
As easily led as I,
Sure it’s fishes they’ll fly and the seas run dry,
‘Tis then you’ll marry I.
Una bella mattina prendevo il fresco
Dalle parti del Blackwater
Guardandomi attorno
Vidi un ragazzo irlandese

Per buonaparte della notte
Ci sollazzammo
Poi il ragazzo si alzò, raccolse le sue cose
Dicendo ” Stammi bene”

“Non è la promessa che mi facesti
quando stavi tra le mie braccia
e mi facevi credere con la tua lingua falsa
CHe il sole sorge ad Ovest”

“Beh allora vai a casa nel giardino di tuo padre
Vai a casa e sfoga le tue lacrime
E pensa alla sventura
Che hai portato con il tuo desiderio e volontà.


Perché non c’è ragazza nel vasto mondo
che si sia comportata da facile come me,
quando i pesci voleranno e i mari si prosciugheranno, sarà che allora tu mi sposerai”.

FONTI
https://lisaknapp.bandcamp.com/album/till-april-is-dead-a-garland-of-may
https://www.ondarock.it/recensioni/2012_lisaknapp_huntthehareabranchofmay.htm
https://sounds.bl.uk/World-and-traditional-music/Steve-Gardham-Collection/025M-C1009X0011XX-1200V0
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/downbytheoldriverside.html
https://mainlynorfolk.info/anne.briggs/songs/blackwaterside.html
https://www.mustrad.org.uk/articles/wond_cur.htm
http://www.mustrad.org.uk/articles/dung19.htm

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.