La bionda di Voghera

[Nigra #103]

La biunda di Voghera/La bionda di Voghera è un canto narrativo diffuso nell’Italia settentrionale di cui alcune varianti sono state trovate anche in Abruzzo e nel Lazio. Il canto è stato documentato nell’Ottocento da Costantino Nigra e da Domenico Buffa, con il paese di appartenenza della “bionda” (o la “bella”) che varia di località in località. Il testo narra la storia di una giovane contadina che mentre lavora nel campo (nella lezioni di risaia va a mondare il riso) o si reca alla fontana, è sopraffatta dalla calura, perciò si siede all’ombra di un albero e viene sedotta da un giovane signore (un forestiero, o un soldato).
Arrivata a casa “malata”, la madre (o il padre) la invita a mettersi a letto perché il giorno seguente si andrà dal giudice/sindaco (o dal medico) a chiedere “soddisfazione”.
Nella maggior parte dei casi il responso è di tenere le ragazze in casa, ma talvolta il giovane imputato viene multato o costretto a procurare la dote alla ragazza o a sposarla. Se la bionda fosse stata una nobil dama, il giovincello avrebbe fatto una brutta fine!

Il Nigra ci trasmette tre lezioni e un paio di varianti
Trascrizione piemontese Costantino Nigra
Versione A (Collina di Torino)
La biunda di Voghera per l’erba se ne va.
L’era na giurnà calda, a l’umbra s’è setà.
S’a j’è passà-je ün giuvo, ün giuvo furestè;
L’à vdǜ-la cozì biunda, s’a ‘l l’à vorsǜ bazè.
La nȫit a l’è vizinha, la bela se ‘n va a cà.
L’à dit a la sua mama: — Mi sun tüta malà. — — Se t’ sei tüta malada, mi sai che mal ch’à l’è. Duman matin bunura dal giǘdes t’andarè. —

— Ch’a senta sì, sur giǘdes , ch’a senta mia razun.
A m’àn bazà la biunda; na vöi sodisfassiun. —
—O sentì sì, cul giuvo, vui sè-ve cundanà.
A v’ custerà sent lire la bela avei bazà. —
— S’a basto nen sent lire, na pagheria duzent.
Mi l’ái bazà la biunda, me cör a l’è cuntent

[La bionda di Voghera per l’erba se ne va.
Era una giornata calda, all’ombra s’assise.
Ci passò un giovane, un giovane forestiero;
l’ha vista così bionda, volle baciarla.
La notte è vicina, la bella se ne va a casa.
Disse a sua madre — Io sono tutta malata.
— Se sei tutta malata, io so che male è. Domani mattina di buon’ora dal giudice tu anderai—
— Senta qui, signor giudice, senta la mia ragione. M’hanno baciato la bionda; ne voglio soddisfazione. —
— Oh! sentite qui, quel giovane, voi siete condannato. Vi costerà cento lire aver baciato la bella. —
— Se non bastano cento lire, ne pagherei duecento.
Io ho baciato la bionda, il mio cuore è contento. — ]

Versione B (Raccolta da Domenico Buffa, Ovada Alessandria.) come trascritta dal Buffa
La biunda dì Voghera per acqua se ne va;
E ‘l su l’è tantu caudu, a l’umbra a s’è ‘nsëttà.
Da lì u n’an passa ün giuvu, l’ha usciüua salütë’; L’à viscta tantu biunda, u l’ha usciüua baxë’.
U n’an ve’ vers’ ra sëira ra biunda s’ n’an va a cà,
E dixe a lu so’ padre che l’è tant’ amalà.
Lo padre e la sua madre savëivu cose l’è
— O giuvu, me car’ giuvu, dau giüdse bsogn’ and ë’ —
—O giüdse, me car giüdse, ch’u fassa dra raxun;
U n’ha baxà ra biunda, vurumma sudiscfasiun. —
— O giuvu, me car’ giuvu, du tortu ch’i ‘ëi avü’,
Dëi quattru u sinque sc-cü da cumperë’ n’annè. —
— O quattru u sinque sc-cüdi, n’an pagh’ magara düzent;
S’a j’hö baxà ra biunda, m’ n’an trövu ben cuntent — La ven la mattiniera, ra biunda a va ar marcà: A s’è cumprà na vescta, e ancura lu sc-cussa.
A l’ha u gippun di sëida, sc-cussa facc ‘a fiurin.
Oh vardë’ là ra biunda, cume ra sctà mai bin!

[La bionda di Voghera per acqua se ne va.
Il sole è tanto caldo, all’ombra si è seduta.
Di là passa un giovane, è venuto a salutarla:
l’ha vista così bionda, ha voluto baciarla.
Si fa sera, la bionda se ne va a casa.
e dice a suo padre che è tanto malata.
Il padre e la madre lo sapevano di cosa si trattava
— O giovane mio coro giovane, dal giudice bisogna andar—
— O giudice, mio caro giudice, ci faccia dar ragione,
ci ha baciato la bionda; vogliamo soddisfazione. —
— O giovane, mio caro giovane, per il torto che avete avuto da quattro a cinque scudi da versare ne avrete—
— O quattro o cinque scudi, ne pagherò magari duecento.
Se ho baciato la bionda, ne sono ben contento. —
Viene la mattina, la bionda va al mercato, s’è comprata un vestito e anche il grembiule. Ha il corsetto di seta, il grembiule fatto a fiorellini; oh guardate là la bionda come sta bene! ]

DinDùn La bionda di Voghera in “Maijn” 2013. Il trio DinDùn nasce dalla collaborazione tra la compositrice Alessandra Patrucco, e il pianista dei Cantovivo, Angelo Conto

La bionda di Voghera

Mentre il giudice di Domenico Buffa faceva risarcire la ragazza dal danno, qui il medico la rimprovera (con il vecchio e paternalista adagio del “te la sei andata a cercare”)

La bella bionda di Voghera
mondaris la se ne va
quand la sent el son d’la ciocca
sotto l’ombra se ne va
quand la sent el son d’la ciocca
sotto l’ombra se ne va


Passa l’uno passa l’altro
passa un soldàa s’innamorò
la ghi getto le braccia al collo
e un bacino d’amor gli dò

E dopo pochi mesi
la bella bionda la va a cà
la va a cà de la sò mama
mamma mia mí sont malàa

E se tí te set malada
va in letto va a dormir
che doman mattin bonora
io dal medico l’andrò a dir

E ch’al senta signor medico
e ch’al senta sta ragion
gh’hoo la bionda in lett malada
che la vol la soddisfazion

La soddisfazion l’è quella
di tener la bionda in cà
e di non lasciarla fuori
a far l’amore con i soldàa

I soldàa son giovanotti
che l’amor non lo san far
lor promettono di sposarti
poi ti lasciano in libertà

Giovanna Daffini in Amore mio non piangere 1996 nella versione delle mondine
Nanni Svampa

la versione corale

gruppo dei margari Canavesani e Valdostani 2015

https://www.museosanmichele.it/apto/schede/la-bionda-di-voghera-5/
https://www.piemunteis.it/wp-content/uploads/103.-La-bionda-di-Voghera.pdf
https://www.museosanmichele.it/apto/schede/la-bionda-di-voghera/
http://www.coroanamilano.it/cRepertorioDettaglio.asp?c=229

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.