Terre Celtiche Blog

Dublin Temple Bar: in cerca di cibo

Quattro passi nel quartiere di Temple bar, la Dublino medievale trasformata in un’attrazione turistica. Dove mangiare in Temple bar senza cadere nella trappola mentre siete alla ricerca di cibo irlandese.

Nel (costoso) parco del divertimento (alcolico) per turisti detto Temple bar, si riesce a trovare, nonostante tutto, qualche buon ristorante o caffè a prezzi abbordabili.
Anche nei ristoranti conviene prenotare in anticipo per usufruire degli sconti. Con la formula Early Bird siete sicuri di trovare il vostro tavolo e di pagare molto meno.
Se cercate la cucina tradizionale irlandese la Gallaghers Boxty House è il posto giusto. Il ristorante in attività da trent’anni, prende il nome da un piatto popolare con le patate irlandesi il boxty, con cui qui ci fanno il pancake, il pane e gli gnocchi. Il loro motto “The Humble Spud Made Beautiful” (in italiano “l’umile patata resa bella”). Gallagher ha chiuso i battenti a giugno del 2020 causa Covid per gestire una cucina satellite a Tallaght, ma ha riaperto a luglio 2021

come preparare un piatto boxty con i migliori ingredienti offerti dalla Terra d’Irlanda.

Un marchio iconico di Dublino per il vostro caffè moment (e non solo) è la Queen of tarts: un apoteosi di crumble di mele, brownies, tortini, cheescake etc, etc
Le due titolari hanno aperto il loro primo caffè in Dame Street nel 1998 e poi una sede molto più grande a pochi passi girando dietro l’angolo per Cow’s Lane.

Dame St 

Cow’s Lane è una corta strada pedonale leggermente in pendenza, dove si trova la libreria Gutter, una libreria indipendente che organizza anche eventi (https://gutterbookshop.com/), la strada da una parte si raccorda in Dame street con una serie di gradoni e dall’altra sbuca sulla West Essex Street in corrispondenza della facciata posteriore dello Smock Alley Theatre.
Se girate a destra nella West Essex Street a pochi metri al numero 8 trovate The Backery per uno spuntino dolce o salato con prodotti artigianali appena sfornati.
Di sabato Cow’s Lane diventa sede del Designer Mart, il mercatino dell’hand made.

RICETTE
http://ontanomagico.altervista.org/cucina-tradizionale-irlandese.html
https://theculinarytravelguide.com/irish-boxty-recipe/

DOVE MANGIARE IN TEMPLE BAR

Boxty House
20-21, Temple Bar
Un locale old style con qualche cenno liberty.
Nel sito web trovate il pdf dei loro menù con listino prezzi (e le controindicazioni per chi è allergico). Qui si beve la Jack Smyth del Birrificio Tallaght e whisky della Distilleria Teeling
https://www.boxtyhouse.ie/
https://foodandwine.ie/gallaghers-boxty-house-30th-birthday

Se amate la carne bovina FX Buckley è una catena di ristoranti specializzati in carne irlandese di qualità.
https://www.fxbuckley.ie/

Purtroppo anche a Dublino impazza la hamburger mania e se proprio non potete farne a meno, a Temple bar non avete che l’imbarazzo della scelta (dopotutto le coronarie sono le vostre). Comunque l’hamburgeria più famosa di Dublino è Bunsen, solo 4 tipi di hamburger ma con ottime materie prime
https://www.bunsen.ie/
Per una maggiore scelta di manzo, pollo, maiale e agnello (esclusivamente carne irlandese certificata) o anche l’opzione vegetariana da Bobo’s
http://www.bobos.ie/

☕COFFEE TIME

Queen of tarts
Dolci colazioni e spuntini salati, irish breakfast, brunch e lunch. Un’esplosione di colori e sapori, gioia per il palato e gli occhi.
La location di Dame street è più piccola

Cork Hill, Dame Street

Nella sede più grande di Cow’s Lane anche un Afternoon tea for two

https://www.queenoftarts.ie/
https://www.facebook.com/Queen-Of-Tarts-121096107961943/

Temple Bar Food Market
Di Sabato si può mangiare o fare la propria spesa al Mercatino del Cibo in Meeting House Square
https://www.templebarmarkets.com/
https://www.facebook.com/TempleBarFoodMarket/

The Little Skillet Pot

Dubliners’ Dublin: itinerario cultural-turistico per la Dublino di ieri e di oggi

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog. Ha iniziato a divulgare i suoi studi e ricerche sulla musica, le danze e le tradizioni d'Europa nel web, dapprima in maniera sporadica e poi sempre più sistematicamente sul finire del anni 90 tramite il sito dell'associazione L'ontano [ontanomagico.altervista.org]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.