Crea sito
Terre Celtiche Blog

Blow away the morning dew, sea shanty

Blow away the morning dew è una versione della ballata tradizionale “Baffled Knight”. La ballata è riportata in moltissime versioni testuali sia nelle raccolte settecentesche che nei Broadsides, oltrechè trasmessa oralmente in Gran Bretagna e America con i titoli di ” Blow (Clear)(Stroll) Away The Morning Dew” oppure “Blow Ye Winds in the Morning”: il protagonista maschile di volta in volta è un gentleman, o un pastorello / contadinello.

Blow away the morning dew


BAFFLED KNIGHTRead the post in English
TITOLI: The Baffled Lover (knight), The Lady’s Policy, The Disappointed Lover, The (Bonny) Blow Ye Winds High-O, Clear Away the Morning Dew

Child #112 A (Tudor Ballad): Yonder comes a courteous knight
Child #112 B (Thomas D’Urfey)
Child #112 D ( Cecil Sharp)
Child #112 D (Shepherd Lad)
Blow Away The Morning Dew (sea shanty)

Non poteva mancare la versione sea shanty di questa popolarissima ballata tratta dalla versione testuale più nota come “The Shephers lad” (The Baffled knight Child’s # 112 versione D), riassunta in quattro strofe
Nils Brown in Assassin’s Creed 4: Black Flag (Sea Shanty Edition, Vol. 2)

I
There was a shepherd boy,
keeping sheep upon the hill,
he laid his bow and arrow down
for to take his fill
Blow ye wind in the morning
Blow ye winds aye-O.
Clear away the morning dew,
and blow boys blow (1).
II
He looked high and he looked low,
He gave an under look
And there he spied a pretty maid,
Swimming in a brook.
III
“Carry me home to my father’s gate
before you put me down
then you shall have my maidenhead
and twenty thousand pounds”
IV
And when she came to her father’s gate
So nimbly’s she whipt in;
and said ‘Pough! you’re a fool without,’
‘And I’m a maid within.”

I
C’era un pastorello
che governava le pecore sulla collina
posò l’arco e la freccia
per dissetarsi a volontà
Soffia vento del mattino,
soffia vento aye-o
spazza via la rugiada del mattino
e forza, ragazzi, forza

II
Guardò in alto e guardò in basso
e di guardò intorno
e là vide una bella fanciulla
che nuotava nel ruscello
III
“Portami a casa da mio padre
prima di mettermi sotto,
poi avrai la mia verginità
e ventimila sterline”
IV
Quando arrivò al portone della casa paterna
in un guizzò lei entrò
e disse ” Puah! Sei uno scemo fuori
e io una fanciulla dentro”

NOTA
traduzione italiana di Cattia Salto
1) il verso è la tipica aggiunta da sea shanty

Blow away the morning dew: LA VERSIONE DI JOHN SHORT

John Short

Un’altra versione sea shanty viene dalla testimonianza del marinaio John Short: [Richard Runciman] Terry [in The Shanty Book Part II (J. Curwen & Sons Ltd., London. 1924)] commenta che sebbene Short abbia iniziato il suo Blow Away the Morning Dew con un versetto da “The Baffled Knight”, poi divaga con versi fluttuanti. In effetti dei tre dei versi registrati e pubblicati da Terry, nemmeno uno derivano da The Baffled Knight!
Short cantava solo la strofa “flock of geese” di Sharp. Sharp non ha pubblicato la shanty ma anche altri autori danno delle versioni di Baffled Knight. L’altra versione predominante nelle collezioni è la versione americana della caccia alle balene, ma che usa ancora la melodia associata a The Baffled Knight con  il coro che resta simile alle solite parole. (tratto da qui)

Jim Mageean  in Short Sharp Shanties : Sea songs of a Watchet sailor vol 3

I
As I walked out one morning fair,
To view the meadows round,
it’s there I spied a maid fair
Come a-tripping on the ground.
Blow ye wind of morning
Blow ye winds aye-O.
Clear away the morning dew,
and blow boys blow.
II
My father has a milk white steed
He is in the stall
he will not eat it’s hay or corn
And it will not go at all
III
When we goes in a farm’s yard
see a flocking geese
we downed their eyes
and closed their eyes
and knocked five or six
IV
As I was a-walking
down by a river side,
it’s there I saw a lady fair
a-biding in the tide
V
As I was a-walking
out by the Moonlight,
it’s there I saw the yallow girl
and arise (then shown) so bright
VI
(?
into the field of?)
she says “Young man this is the place
for a man must play”
VII
As I was a-walking
down Paradise street
it’s there I met a (junky?) ghost
he says (“Where you stand to a treat”?)

I
Mentre camminavo un bel mattino
per ammirare i prati nei dintorni
fu là che vidi una bella fanciulla
in giro per la campagna
Soffia vento del mattino,
soffia vento aye-o
spazza via la rugiada del mattino
e forza, ragazzi, forza

II
Mio padre aveva un destriero bianco latte,
è nella stalla
non mangerà nè fieno, nè grano
e non andrà affatto
III
Quando andiamo in un aia
a vedere uno stormo di oche
le fissiamo negli occhi
chiudiamo i loro occhi
e ne abbattiamo cinque o sei
IV
Mentre camminavo
lungo le rive del fiume
fu là che vidi una bella fanciulla
che aspettava la marea.
V
Mentre camminavo
sotto il chiaro di luna
fu là che vidi una bella bionda
?
VI
?
?
dice lei: “Giovanotto questo è il posto giusto
dove un uomo può divertirsi”
VII
Mentre camminavo
per Paradise Street
là incontrai un fantasma
dice “

* ci sono ancora troppe parole di cui non capisco bene la pronuncia

FONTI
https://terreceltiche.altervista.org/venticelli-e-pecore-nella-balladry-inglese/
https://mainlynorfolk.info/eliza.carthy/songs/thebaffledknight.html
http://www.musicnotes.net/SONGS/04-BLOWY.html
https://mainlynorfolk.info/nic.jones/songs/tenthousandmilesaway.html
http://www.jsward.com/shanty/BlowYeWinds/index.html
http://www.contemplator.com/child/morndew.htmlh
ttps://mudcat.org//thread.cfm?threadid=64609

Pubblicato da Cattia Salto

Amministratore e folklorista di Terre Celtiche Blog

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.