Siúil, siúil, siúil a rúin

“Siuil a Ruin” written in English as “Shule Aroon”, or as “Suil a Gra” (Shule agrah), is the call made by a woman to her love that went to France to fight with the “Wild Geese“, for he come back to her.
“Siuil a Ruin” scritto con la grafia inglese come “Shule Aroon“, o come “Suil a Gra” (Shule agrah), è il richiamo lanciato da una donna al suo amore andato in Francia a combattere con le “Wild Geese“, perchè ritorni da lei.

shannon
The wild geese take flight [le oche selvatiche prendono il volo]

The original version probably dates back to 1690 when the Limerick treaty allowed the Irish of the Jacobite faction to follow in exile in France, the deposed king James II, and perhaps it was composed entirely in Gaelic, left in the refrain as nonsense phrases in the subsequent English version. The song emigrated to America and became a traditional song of the American Revolution of 1776. In America it changes its title to “Johnny Has Gone For A Soldier” (Buttermilk Hill) or “Gone the Rainbow”.
La versione originale probabilmente risale al 1690 quando il trattato di Limerick permise agli Irlandesi della fazione giacobita di seguire nell’esilio in Francia, il deposto re Giacomo II, e forse era composta interamente in gaelico, rimasto solo nel ritornello come frasi non-sense nella successiva versificazione in lingua inglese. La canzone emigrò in America e divenne un canto tradizionale della Rivoluzione americana del 1776. In America cambia il titolo in  “Johnny Has Gone For A Soldier” (Buttermilk Hill) o anche come “Gone the Rainbow”.

The first printed versions date back to 1800, it is a fragment of Scottish origin “Dick Macphalion” (1823) (cf) and a text I Wish I Was By That Dim Lakein “Irish Melodies” vol IX by Thomas Moore (1825) with the melody “I wish I were on yonder hill “arranged by Joseph Robinson.
Le prime versioni stampate risalgono al 1800, si tratta di un frammento di origine scozzese “Dick Macphalion” (1823) (vedi) e di un testo I Wish I Was By That Dim Lakein “Irish Melodies” vol IX di Thomas Moore  (1825) con la melodia “I wish I were on yonder hill” arrangiata da Joseph Robinson.

THE MELODY
[LA MELODIA]

The melody is almost a lullaby, melancholy or nostalgic, everything suggests that the woman is singing while working on her spinning wheel. In the refrain it is as if the girl said “Come back to me, if you are still alive , come back to me” and remind me of the letter written by Ada to Inman in the movie “Cold Mountain” (American civil war 1861-1865) “If you are fighting, stop fighting. If you are marching, stop marching. Come back to me. Come back to me is my reques
However, this heartfelt appeal as the main interpretation is contradicted in some verses of the song in which the woman accepts separation as an inescapable fact.

La melodia è quasi una ninna-nanna, malinconica o nostalgica, tutto lascia pensare che la donna stia cantando mentre lavora al filatoio. The Spinning Wheel, c.1855 (oil on panel)Nel ritornello è come se la ragazza dicesse “Torna da me,  se non sei ancora morto, torna da me” e mi ricorda la lettera scritta da Ada a Inman nel film “Cold Mountain” (guerra civile americana 1861-1865) “Quel che resta del mio coraggio è riposto nella fiducia che ho in voi e nella certezza che ho di rivedervi, quindi ve lo dico più chiaro che posso: se state combattendo, smettete di combattere! Se state marciando, smettete di marciare! Tornate da me….. Tornate da me….. Questo vi chiedo. Tornate da me, tornate da me.”
Questo richiamo accorato come chiave di lettura principale è però contraddetto in alcune strofe del canto in cui la donna accetta la separazione come un fatto ineludibile.

It is difficult to sort through the various performances as it is a very popular piece among folk music groups and soloists, but I point out in particular the version of Sissel and Figgy Duff Band
E’ difficile fare una cernita tra le varie esecuzioni essendo un brano molto popolare tra i gruppi e i solisti di musica folk, ma segnalo in particolare la versione di Sissel e della Figgy Duff Band

The Chieftains & Sissel Kyrkjebø in Tears of Stone (1999) the Norwegian singer more commonly known as Sissel, the song is slower and more suspended as in a dreamlike dimension (stanzas I, III, V, VII and refrain every 2 stanzas)
la cantante norvegese nota più comunemente come Sissel,  il canto è più lento e sospeso come in una dimensione onirica (strofe I, III, V, VII e ritornello ogni 2 strofe)

Clannad in Dùlaman 1976 (strofe I, III, V, VI, VII)

Pamela Morgan &Anita Best in The Colour of Amber, 1991 “Suil a Gra”: the refrain is that of the American version (see note 2) the verses are sung in anticipation of VII, I, III, V. The version was collected by Anita Best herself with Genevieve Lehr (John Joe English of Branch, St. Mary’s Bay, NL, published as # 96, in “Come And I Will Sing You: A Newfoundland Songbook”, pp.165-166, Genevieve Lehr publisher (University of Toronto Press © 1985/2003).
The black and white video is also beautiful and intense
il ritornello è quello della versione americana (vedi nota 2) le strofe sono cantate anticipando la VII, I, III, V. La versione è stata collezionata dalla stessa Anita Best con Genevieve Lehr (John Joe English of Branch, St. Mary’s Bay, NL, e pubblicata come #96, in “Come And I Will Sing You: A Newfoundland Songbook”, pp.165-166, Genevieve Lehr editore (University of Toronto Press © 1985/2003).
Bello e intenso anche il video in bianco nero

Saoirse official video


I
I wish I was on yonder hill
‘Tis there I’d sit and cry my fill,
Till every tear would turn a mill,
Is go dte tu mo mhuirnin slán (1)
CHORUS (2)
Siúil, siúil, siúil a rúin
Siúil go sochair agus siúil go ciúin
Siúil go doras agus éalaigh liom ,
Is go dté tú mo mhúirnín [ mhairnin] slán 
II
His hair was black and his eyes were blue
His arms were strong and his words were true,
I wish in my heart that I were with you
And a blessing walk (3) with you, my love.
III
I’ll sell my rock, I’ll sell my reel
I’ll even sell my spinning wheel (4)
to buy my love a sword of steel (5)
Is go dte tu mo mhuirnin slán
IV (6)
Then the king, he was forced to flee
Took my love across the sea
I wish in my heart he were here with me
And a blessing walk with you, my love
V
I’ll dye my petticoats, I’ll dye them red (7)
and it’s round the world I will beg for bread
until my parents would wish me dead.
Is go dte tu mo mhuirnin slán
VI
I wish, I wish, I wish in vain
I wish I had my heart again
And vainly think I’d not complain
Is go dte tu mo mhuirnin slán
VII (8)
But now my love has gone to France
To try his fortune to advance.
If he e’er come back, ‘tis but a chance
Is go dte tu mo mhuirnin slán
Traduzione italiana Riccardo Venturi
I
Vorrei essere su quella collina lassù
dove sederei a piangere a dirotto
ed ogni lacrima girerebbe un mulino,
e al sicuro per sempre il mio amore sarà
RITORNELLO
Vieni, vieni, vieni, amore mio,
presto, vieni da me, muoviti piano,
vieni qui da me e fuggiremo assieme,
e al sicuro per sempre il mio amore sarà
II
Aveva i capelli neri e gli occhi azzurri,
le braccia forti e parole sincere.
Nel mio cuore vorrei essere con te,
e una bella passeggiata con te, amore mio
III
Venderò l’aspo e la conocchia,
venderò l’unico telaio [filatoio a ruota]che ho per comprare una spada d’acciaio al mio amore e al sicuro per sempre il mio amore sarà.
IV
Allora il re dovette fuggire
e si portò via il mio amore, al di là del mare.
Nel mio cuore vorrei che fosse con me,
e una bella passeggiata con te, amore mio.
V
Mi tingerò le gonne, le tingerò di rosso
e me ne andrò per il mondo a mendicar pane finché i miei non vorranno che sia morta
e al sicuro per sempre il mio amore sarà.
VI
Vorrei, vorrei, vorrei ma invano,
vorrei riavere qui il mio amore,
e invano penso che non avrei un lamento,
e al sicuro per sempre il mio amore sarà.
VII
Ma ora il mio amore è andato in Francia
a cercare di fare fortuna.
Se tornasse sarei ben fortunata,
e al sicuro per sempre il mio amore sarà

NOTE
1) in english= And may you go safely, my darling or somethimes ” And a blessing walk with you, my love” (in gaelic: Iss go jay too mavoorneen slahn.)
2) Traslated in English by Stephen Salzano
walk, walk, walk, my love [secret love];
walk calmly and walk quietly,
walk to the door and fly with me,
and safe journey to you my darling [or beloved or sweetheart,] goodbye’
“(Siúil) go doras” = ‘go dtí an‘ or ‘dhan‘.
Stephen Salzano notes: “until then ‘go dtí sin;’ I dont know where dté comes from ; its not in the Irish dictionary; probably changed to make the song more poetic or is old Iris

The refrain is also written in English (phonetics) as
[Il ritornello è scritto anche in inglese (fonetica) come]
Shule, shule, shule aroon
Shule go succir agus, shule go kewn;
Shule go dheen durrus oggus aylig lume

And a blessing walk with you, my love
(english translation)
Come, come, come O love,
Quickly come to me, softly move,
Come to the door and away we’ll flee,
And safe forever may my darling be.)
In the American version it becomes
[Nella versione americana diventa]
Súil, súil, súil a grá,
Súil go socair agus súil a dhrá,
Súil go doras agus éalaigh,
Is go dtí a mhúirnín, slán.

3) the woman wishes her boyfriend a safe journey, the phrase means “have a good trip”
la donna augura al fidanzato un viaggio sicuro , la frase significa “che tu faccia buon viaggio”
4) the parts of the spinning wheel mentioned are sometimes written as flax, rack or rod instead of rock and meal instead of reel. (cf)
spinning wheel è  un filatoio (più impropriamente detto arcolaio) qui sono citate le parti del filatoio a ruota (o mulinello), talvolta scritti come flax, rack o rod al posto di rock e meal al posto di reel. (vedi dettaglio)
5) in my opinion the woman would be willing to sell all her precious things to buy a good sword to her man, because he could have some more chances to stay alive and return to her, safe and sound
a mio avviso la donna sarebbe disposta a vendere tutto ciò che ha di prezioso per comprare una buona spada al suo uomo, non perchè voglia sostenere la sua decisione di andare a combattere, bensì perchè egli possa avere qualche chance in più di restare vivo e ritornare da lei sano e salvo
6) probably in vogue in the 1700s and in the 1800s this stanza is no longer sung by the artists of the 1900s and by contemporaries. As Robert Louis Stevenson reports in his novel “The Master of Ballantrae” (1889) this was a song beloved by Jacobites exiles in France and the king to whom they alluded and placed their hopes was the Bonny Prince Charlie
probabilmente in auge nel 1700 e nel 1800 questa strofa non è più cantata dagli artisti del 1900 e dai contemporanei. Come riferisce Robert Louis Stevenson nel suo romanzo “The Master of Ballantrae” (1889) era una canzone amata dai giacobiti esuli in Francia e il re ai quali alludevano e riponevano le loro speranze era il Bonny Prince Charlie continua
7) THE RED COLOR: one would expect the girl to be dressed in black, but this color has only recently become in our culture, the color of mourning; for the Celts red was the color of someone from the other world, while for the Ancient Romans it was the wedding color of the spouses, worn to evoke fertility. Alan Lomax indicates the color red as a symbol of a faithful woman (without, however, elaborating on this). Certainly the color code varies from era to era and from location to location. In the Middle Ages red was the color of the lover, and in the legends it was the color that protected against witches and diseases. But it was a color worn by the rich and symbolized the royal virtues of value and victory in war. In the Renaissance it was still the color of power and prestige worn by commanders and judges (and in Italy by the Medici’s). In the Church it was connected with martyrdom but on the contrary it could also symbolize the devil.
IL COLORE ROSSO: ci si aspetterebbe che la ragazza si tingesse le vesti di nero, ma questo colore solo più recentemente è diventato nella nostra cultura, il colore del lutto; per i Celti il rosso era il colore di qualcuno che proveniva dall’altro mondo, mentre per gli Antichi Romani era il colore nunziale degli sposi, indossato per evocare la fertilità. Alan Lomax indica il colore rosso come simbolo di donna fedele (senza però approfondire in merito). Di certo il codice dei colori varia di epoca in epoca e di località in località. Nel Medioevo il rosso era il colore dell’amante, e nelle leggende era il colore che proteggeva dalle streghe e dalle malattie. Era però un colore indossato dai ricchi e simboleggiava le virtù regali del valore e della vittoria in guerra. Nel Rinascimento era ancora il colore del potere e del prestigio indossato dagli uomini di comando e dai giudici (e in Italia dai medici). Nella Chiesa era collegato con il martirio ma all’opposto poteva anche simboleggiare il diavolo.
8) An alternative version of the stanza
Una versione alternativa della strofa
I wish my love would return from France,
his fame and fortune there advanced.
If we meet again, ‘t will be by chance.
Is go dte tu mo mhuirnin slán”

Interesting and personal versions of Cecil Corbel that with his pop style has transformed a song into a dance piece (stanzas I, II, VI, VII), and of Anúna  with their ancestral and mystical style: they add a verse between I and the II of the standard version,
Interessanti e personali le versioni di Cecil Corbel che con il suo stile pop ha trasformato brano in un pezzo dance (strofe I, II, VI, VII), e degli Anúna , con il loro stile ancestrale e mistico: aggiungono una strofa tra la I e la II della versione standard,
“I wish I sat on my true love’s knee
Many a fond story he told to me
He told me things that ne’er shall be”
(“vorrei sedermi sulle ginocchia del mio amore, tante storie affascinanti ha da raccontami, mi dice cose che non accadranno mai”)
and they ended with the 5th stanza
e chiudono con la V strofa

Ulteriori ascolti consigliati

Tara McNeill (live)

Órla Fallon

SIÚIL, A GHRÁ

Contrary to what one might suppose, the Gaelic version is later than the Macaronic text
Contrariamente a quanto si potrebbe supporre la versione in gaelico è posteriore al testo in maccheronico

Na Casaidigh in “1691″, 2009

I
A bhuachaillín aoibhinn álainn ó
Ba leathan do chroí a’s ba dheas do phóg,
Mo léan gan mise leat féin go deo
A’s go dté tú , a mhuirnín, slán
curfa (chorus)
Siúil, Siúil, Siúil, a ghrá
Níl leigheas le fáil ach leigheas an bháis
Ó d’fhag tú mé, is bocht mo chás,
A’s go dté tú , a mhuirnín, slán
II
Is minic a bhréag tú mé ar do ghlúin,
Ag cur do scéil dom féin in iúl
Ach chaill mé thú ‘s tú mo rún,
A’s go dté tú, a mhuirn ín, slán
III
Ach cuireadh ar Rí Séamas ruaig
A’s d’imigh na géanna leis ar luas
A’s d’imigh mo bhuachaill leo, monuar,
A’s go dté tú , a mhuirnín, slán
English translation
I
O gentle beautiful youth,
Broad was your heart and sweet your kiss,
Alas that I am not with you forever,
And may you go, my love, safely.
Chorus:
walk, walk, walk, oh love’
There is no cure to this but death.
Since you left me, wretched is my plight,
And may you go, my love, safely.
II
Often you beguiled me on your knee
Telling me of your life
But I lost you and you are my love,
And may you go, my love, safely.
III
But King James was routed,
And the geese (1) went with him at speed,
And my lad went with them, alas,
And may you go, my love, safely
Traduzione italiana Cattia Salto
I
O ragazzo bello e caro
dal cuore grande e dai dolci baci,
peccato che non possa esserti sempre vicina, torna, amore mio, in salvo.
Ritornello
Cammina amore, cammina, cammina
attento a  non restare ucciso, 
da quando mi hai lasciata, sono disperata,
torna, amore mio, in salvo.
II
Spesso mi hai tenuta sulle ginocchia
raccontandomi della tua vita
ma ti ho perduto, tu che sei il mio amore,
torna, amore mio, in salvo.
III
Ma re Giacomo fu messo in fuga
e le oche volarono con lui
e il mio ragazzo andò con lui, ahimè,
torna, amore mio, in salvo.

NOTE
1) After the victory of the Boyne (1690) in which England marked a fixed point on the dominion of Ireland, the Penal Laws were approved that penalized the Catholics, preventing them access to positions of power in public affairs and even rights owned on their own land; the Irish Catholics are deprived of the right to vote, they are excluded from the army, from the local and central administration and from the judiciary
So many were the young Irish Catholics who sought their fortune in European armies (who were possibly fighting against England!).
By extension the wild geese are all the men and women who left Ireland as emigrants for all they could not accomplish in their country!
Dopo la vittoria del Boyne (1690) in cui l’Inghilterra segnò un punto fermo sul dominio dell’Irlanda, vennero approvate le Penal Laws che penalizzavano i cattolici, impedendo loro l’accesso a posizioni di potere negli affari pubblici e finanche diritti di proprietà sulla propria terra; gli Irlandesi cattolici vengono privati del diritto di voto, sono esclusi dall’esercito, dall’amministrazione locale e centrale e dalla magistratura (mancava solo che gli facessero portare la stella gialla!)
Così molti furono i giovani irlandesi cattolici che cercarono la fortuna negli eserciti europei (che fossero possibilmente in lotta contro l’Inghilterra!).
Per estensione le oche selvatiche sono tutti gli uomini e le donne che hanno lasciato l’Irlanda come emigranti per tutto ciò che non potevano realizzare nel loro paese!

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/sailing-lowlands.htm
http://ontanomagico.altervista.org/ye-jacobites.htm
http://en.wikipedia.org/wiki/Si%C3%BAil_A_R%C3%BAin
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic53844.html
http://www.celticartscenter.com/Songs/Irish/SiuilARuin.html
http://thesession.org/tunes/6753
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=7985
http://mudcat.org/detail_pf.cfm?messages__Message_ID=48603
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=336&lang=it
http://stec-173395.blogspot.it/2011/05/fuso-e-telaio.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=30259
http://chrsouchon.free.fr/shulegra.htm

ARTHUR MCBRIDE

Anche intitolata “Arthur McBride and the Sergeant è una canzone di protesta dalle origini irlandesi contro il reclutamento alle armi, sebbene esistano diverse versioni anche in Scozia (il nome McBride è tipicamente scozzese). La sua diffusione tra la gente è la più eloquente espressione dell’antimilitarismo irlandese. Non è ben precisato il secolo di riferimento della canzone, potrebbe essere stata scritta all’inizio delle guerre napoleoniche (fine 700) anche se la prima trascrizione risale al 1840 per mano di PW Joyce che, in base alle espressioni raccolte, aveva ritenuto che il brano fosse originario del Donegal.
Oltre al filone patriottico delle rebel songs ci sono nella tradizione musicale irlandese una serie di canti di protesta, a volte amari e dolorosi che descrivono il ritorno a casa dei soldati mutilati dalla guerra, eppure sempre sferzanti e ironici come questa gustosa ballata che è quasi la cronaca dell’incontro di due “pacifici” irlandesi con il reclutatore di turno.
Usciti di mattino per una passeggiata lungo la spiaggia (in alcune versioni è il giorno di natale in altre è d’estate) Arthur McBride e il cugino (che è il narratore della storia) incontrano due soldati reclutatori inglesi accompagnati da un giovane tamburino. Il sergente coglie l’occasione per fare il suo mestiere e convincere i due a entrare nell’esercito: buona paga, il fascino della divisa e l’avventura. Ma Arthur risponde, con un linguaggio forbito ed elegante, che la bella divisa è solo in prestito e la bella avventura consiste nell’andare in Francia a combattere. E il rischio di finire ammazzati o feriti e mutilati, non vale la paga!

La discussione passa ben presto alle armi con i soldati a fare una pessima figura colpiti dagli shillelagh (corti bastoni da passeggio) dei due irlandesi.

L’ARRUOLAMENTO NELLA BRITISH ARMY
recruiting_fI sergenti reclutatori nell’Ottocento portavano un caratteristico gallone sul cappello: furono attivi dal 1700 e fino alla metà del 1800, soprattutto in concomitanza con le guerre coloniali e napoleoniche.
Giravano per l’Irlanda e Scozia accompagnati da un giovane tamburino e descrivevano la vita nelle forze armate come una avventura tutta parate e fiori! Erano bravi a convincere i giovanotti già un po’ alticci che si trovavano nelle locande, a prendere  il famigerato scellino del Re..

ASCOLTA Paul Brady che riprende la versione testuale diffusa da Bob Dylan abbinata al cortometraggio di Tiernan McBribe (1997) ripreso sulla spiaggia di Gormanstown.

ASCOLTA Planxty live (la prima registrazione è del 1973 nel loro album d’esordio)

I
Oh me and my cousin, one Arthur McBride As we went a walkin’ down by the seaside
Now mark what followed and what did betide for it being on Christmas morning
Out for recreation we went on a tramp And we met Sergeant Knacker and   Corporal Vamp And a little wee drummer intending to camp For the day being   pleasant and charming
II
Good morning, good morning the sergeant did cry And the same to you   gentlemen, we did reply Intending no harm but meant to pass by For it being   on Christmas morning. But says he my fine fellows if you will enlist, It’s   ten guineas in gold I will slip in your fist, And a crown in the bargain for to kick up the dust, And to drink the King’s health in the morning
III
For a soldier he leads a very fine life He always is blessed with a charming young wife And he pays all his debts without sorrow or strife And always lives pleasent and charming And a soldier he always is decent and clean In the finest of clothing he’s constantly seen While other poor fellows go dirty and mean And sup on thin gruel in the morning
IV
But says Arthur, I wouldn’t be proud of your clothes You’ve only the lend of   them as I suppose And you dare not change them one night or you know If you do   you’ll be flogged in the morning.
And although we are single and free We take great delight in our own company   And we have no desire strange places to see Although your offer is charming.
And we have no desire to take your advance All hazards and danger we barter   on chance and you’d have no scruples to send us to France Where we’ll get   shot without warning.
V
And now says the sergeant, I’ll have no such chat And I neither will take it   from spalpeen or brat For if you insult me with one other word I’ll cut off your heads in the morning And then Arthur and I we soon drew our hods And we scarce gave them time for to draw their own blades When a trusty shillelagh(1) came over their heads And bade them take that as fair warning. As for their old rusty rapiers that hung by their sides We flung it as far as   we could in the tide To the Devil I pitch you, says Arthur McBride To temper your steel in the morning.
VI
As the wee drummer, we rifled his pow And made a football of his   row-do-dow-dow Into the tide to rock and to roll And bade it a tedious   returnin’ And so to conclude and to finish disputes We obligingly asked if   they wanted recruits For we were the lads who would give them hard clouts And   bid them look sharp in the morning.

Oh me and my cousin, one Arthur McBride As we went a walkin’ down by the   seaside Now mark what followed and what did betide It being on Christmas   morning

trad. italiano Michele Murino *
I
Oh, io e mio cugino, Arthur McBride, ce ne andavamo passeggiando sulla riva   del mare. Ora prestate attenzione al mio racconto ed a ciò che accadde, era   la mattina di Natale e per divertimento ce ne andavamo vagabondando quando   incontrammo il Sergente Napper ed il Caporale Vamp, ed un minuto tamburino, pronti ad accamparsi perchè la giornata era bella ed incantevole.
II
“Buon giorno, buon giorno” gridò il Sergente “Altrettanto a voi, signori” rispondemmo “Non vogliamo importunarvi ma solo   passare perchè è la mattina di Natale”. “Ma” rispose “Miei cari amici, se vi arruolerete vi darò subito dieci ghinee d’oro in contanti ed un contratto di una corona, per togliere la polvere e fare un   brindisi alla salute del re la mattina
III
“Perchè un soldato conduce una bella vita ed è sempre felice con una giovane ed affascinante moglie, e paga tutti i suoi debiti senza dolore o tormento, e vive sempre in maniera piacevole ed affascinante. E un soldato è sempre vestito bene e pulito e lo si vede sempre indossare gli abiti più belli, mentre gli altri poveracci se ne vanno sporchi e volgari e bevono   pessima brodaglia al mattino”
IV
“Ma” disse Arthur, “Io non sarei orgoglioso dei vostri vestiti, perchè li avete solo in prestito, suppongo, ma non osate cambiarveli di notte, perchè sapete che se lo fate sarete frustati al mattino. E benchè   noi siamo soli e liberi traiamo grande gioia dalla nostra sola compagnia e non abbiamo desiderio di vedere strani posti, sebbene le vostre offerte siano allettanti. E non abbiamo desiderio di incassare la vostra caparra, in cambio dei rischi e pericoli della sorte, perchè voi non avreste scrupoli a mandarci in Francia dove ci sparerebbero senza avviso”
V
“Oh no” disse il Sergente “Io non uso un simile linguaggio e nemmeno lo accetterò da due stizzosi marmocchi! Perciò se mi insulterete con   un’altra sola parola vi taglierò la testa al mattino”. Arthur ed io   estraemmo subito le nostre spade e quasi non gli lasciammo il tempo di estrarre le loro lame, quando un fedele shillelagh arrivò sopra le loro teste come un chiaro avvertimento, e le loro vecchie spade arrugginite che pendevano dal loro fianco le gettammo il più lontano possibile nella corrente “Adesso andatevele a raccogliere, diavoli!” gridò Arthur McBride   “Ed affilatele nel mattino!”
VI
Quanto al piccolo tamburino, gli spezzammo le bacchette e facemmo un pallone del suo tamburo e lo gettammo nella corrente ad ondeggiare ed oscillare per   impedire che tornasse a tediarci. E così per concludere e porre fine alla   disputa, chiedemmo loro cortesemente se cercavano reclute, perchè noi eravamo   i ragazzini che avrebbero dato loro sonori ceffoni ordinandogli di far presto al mattino

Oh, io e mio cugino, Arthur McBride, ce ne andavamo passeggiando sulla riva del mare Ora prestate attenzione al mio racconto ed a ciò che accadde, era la mattina di Natale

NOTE
*da qui
1) shillelagh: bastone da passeggio e anche sorta di mazza corta usata come arma di difesa. Prende il nome da un villaggio Irlandese di cui la parola è originaria. vedi

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=3098&lang=it
http://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/arthurmcbride.html

MRS MCGRATH

“Missus McGraw “, Mrs. McGraw,  “My Son Ted”,
“The Sergeant and Mrs. McGrath” 
è una canzone popolare irlandese contro la guerra che risale ai primi dell’ottocento, ai tempi delle guerre napoleoniche tra gli eserciti della Francia contro l’alleanza di Inghilterra, Spagna e Portogallo, la cosiddetta “Peninsular War” (1808-1814)
Fu pubblicata per la prima volta nel 1815 a Londra  su foglio volante (broadside) che si vendeva per le strade, e racconta di un ragazzo irlandese che si arruola nell’esercito proprio agli inizi del conflitto, ritornato a casa dopo 7 anni senza le gambe maciullate da una cannonata. Una versione accorciata della stessa storia è intitolata “My son John”

John Collet (1725-1780). The Recruiting Sergeant
John Collet (1725-1780). The Recruiting Sergeant

La canzone fu poi molto popolare tra gli “Irish Volunteers” durante la prima guerra mondiale ed era cantata durante le marce.
Qui c’è per forza un “The best of“: la versione di Bruce Springsteen, malinconica quanto basta per rendere tragico anche il ritornello non-sense. La sua versione ha surclassato tutte le precedenti riportando la dimensione del brano in una luce più drammatica, rispetto alla “verve” ironica delle proposte irlandesi.

ASCOLTA Bruce Springsteen in We Shall Overcome: The Seeger Sessions 2006

ASCOLTA Fiddlers Green in Sports Day at Killaloe 2009, una versione un po’ rappata

ASCOLTA Angelica Huston w/ The Weisberg Strings in Son Of Rogues Gallery ‘Pirate Ballads, Sea Songs & Chanteys ANTI 2013 (su Spotify)

I
“Oh, Mrs. McGrath,” the sergeant
said
“Would you like to make a soldier out of your son Ted
With a scarlett coat and a big cocked hat(1)
Oh, Mrs. McGrath, wouldn’t you like that?”
With your too-ri-a, fol-di-diddle-da, too-ri, oor-ri, oor-ri-a
With your too-ri-a, fol-di-diddle-da, too-ri, oor-ri, oor-ri-a
II
Now, Mrs. McGrath lived on the shore
For the space of seven long years or more
She spied a ship coming into the bay
With her son from far away (2)
III
“Oh captain dear, where have you been?
You´ve been sailing the Mediterranean?
Have you news of my son Ted?
Is he living or is he dead?”
IV
Up came Ted without any legs
And in their place, two wooden pegs,
She kissed him a dozen times or two
And said “My god, Ted is it you”(3)
V
“Now were you drunk or were you blind
When you left your two fine legs behind
Or was it walking upon the sea
That wore your two fine legs away?”(4)
VI
“No, I wasn’t drunk and I wasn’t blind
When I left my two fine legs behind
A big cannon ball on the fifth of May
Tore my two fine legs ( from my knees) away”
VII
“Oh, Teddyboy,” the (old) widow cried
“Your two fine legs were your mothers pride
Stumps of a tree won’t do at all
Why didn’t you run from the big cannon ball?”
VIII (5)
“All foreign wars I do proclaim
live on the blood and the mothers pain
I’d rather have my son as he used to be
Than the King of America and his whole navy”
Traduzione italiano di Riccardo Venturi
I
Oh, Mrs. McGrath », disse il sergente,
«Vi garberebbe che vostro figlio Ted diventasse un soldato
con una giubba scarlatta e un gran tricorno(1),
Oh, Mrs McGrath, non vi garberebbe ?»
With your too-ri-a, fol-di-diddle-da, too-ri, oor-ri, oor-ri-a
With your too-ri-a, fol-di-diddle-da, too-ri, oor-ri, oor-ri-a
II
Mrs McGrath abitava in riva al mare
e dopo sette lunghi anni e anche di più
vide arrivare una nave nella baia
con sopra suo figlio che tornava da lontano
III
”Oh, caro capitano, dove siete stato?
Avete navigato per il Mediterraneo?
Avete notizie di mio figlio Ted,
se sia vivo o se sia morto?”
IV
Ecco che arriva Ted senza le gambe
e al loro posto due monconi di legno,
lei lo baciò una dozzina di volte o due
e disse, “Mio Dio, Ted, ma sei tu?”
V
”Ma eri briaco o eri cieco
quando hai perso le tue due belle gambe,
oppure qualcuno che andava per mare
le tue belle gambe t’ha strappato via?”
VI
”No, non ero briaco e manco ero cieco
quando ho perso le mie due belle gambe,
è stata una gran cannonata il cinque di maggio
le mie belle gambe a strapparmi via.”
VII
”Teddy, ragazzo mio”, urlò la vedova,
“Delle tue belle gambe tua madre andava fiera,
due monconi di legno non servono a nulla,
perché non hai schivato quella gran cannonata?”
VIII
”Tutte le guerre straniere, lo dico e lo ridico,
vivono sul sangue e sul dolore delle madri.
Vorrei avere mio figlio così com’era
piuttosto che il Re d’America e tutta la sua marina”.

NOTE
1) tradotto in italiano da Riccardo come cappello piumato, è in inglese un “tricorno” una foggia propriamente settecentesca: al posto dei grandi cappelli piumati in voga nel secolo precedente si diffuse questo modello con le falde arrotolate ai tre lati (tre canti): in Francia già alla fine del 1600 cavalieri e ufficiali portavano il tricorno guarnito di piume, ma sostituite presto da galloni d’oro e coccarde. Ai primi del 700 il tricorno venne adottato in tutta Europa e da pressochè tutte le classi sociali. Nell’ottocento invece gli ufficiali portavano il cappello “alla napoleone” oppure con foggia tronco conica leggermente svasata. Questo dettaglio potrebbe far retrodatare il brano.
2) Angelica Huston dice “It’s my son Teddy, would you clear the way.”
3) Angelica Huston dice: Crying “Holy Moses, it couldn’t be you!”
4) Angelica Huston dice: That tore your legs, from the knees away?
5) la strofa riscritta da Bruce che mette un Re d’America mai esistito, ma quantomeno attuale in senso metaforico. 

In genere la strofa dice
‘Well all foreign wars I do proclaim
Between Don John and the King of Spain
And by herrings(6) I’ll make them rue the time
That they shot the legs from a child of mine’
oppure
I’d rather have my Teddy as he used to be,
Than the King of France and his whole navy!”
traduzione italiano di Cattia Salto
”Tutte guerre straniere io dico
tra Don Giovanni e il Re di Spagna
e per Dio (3) li farò rimpiangere
la volta
che hanno colpito le gambe di mio figlio”.
oppure
“preferisco il mio Teddy così com’è
che il Re di Francia e la sua intera marina militare!”

6) “by herrings” letteralmente  “per le aringhe” un po’ come il piemontese “santa polenta” nella versione di The Clancy Brother è sostituito infatti da un “bejasus” una storpiatura che vuol dire “per Gesù”. Ma cosa possa fare in concreto questa povera donna non è chiaro (è un’incitazione alla rivolta?)

Le versioni irlandesi del brano sono più irriverenti, quasi da barzelletta da pub, si riporta per tutti quella dei Dubliners che hanno anche realizzato una parodia del testo. Il figlio di Mrs. McGrath dal paesello natio va a Dublino al college, ma invece di studiare passa il tempo a bere e a spassarsela con le donnine.

LA PARODIA DEI DUBLINERS (vedere testo qui)

ASCOLTA The Dubliners rifecero anche la versione con il testo tradizionale

MY SON JOHN

La melodia è la stessa di “Mrs. McGrath” ma il testo è così ridotto che ci dice solo che un marinaio di nome John ha perso le sue due gambe per una cannonata ricevuta mentre combatteva. Il retroscena della storia è che padre e figlio sono dal chirurgo della marina che cerca di truffarli sulla pensione d’invalidità dando la colpa alla sbadataggine del ragazzo!
Un umorismo caustico sulla pelle di un mutilato di guerra!
ASCOLTA Tim Hart and Maddy Prior 1969

ASCOLTA John C. Reilly in Rogue’s Gallery: Pirate Ballads, Sea Songs and Chanteys  ANTI 2006


I
My son John was tall and slim
He had a leg for every limb
But now he’s got no legs at all
For he run a race with a cannonball
CHORUS
With me roo rum rar, faddle diddle dar
Whack faddlle liddle with me roo rum rar.
II
Oh were you deaf, were you blind
When you left your two fine legs behind
Or was it sailing on the sea
Lost your two fine legs right down to the knee
III
Oh I was not deaf, I was not blind
When I left my two fine legs behind
Nor was it sailing on the sea,
Lost my two fine legs right down to the knee
IV
For I was tall, I was slim
And I had a leg for every limb,
But now I’ve got no legs at all,
They were both shot away by a cannonball.
TRADUZIONE ITALIANO
I [Padre]:
Mio figlio John era alto e snello
e aveva una gamba per parte
ma ora non ne ha nemmeno una
perchè fece una gara di corsa con una cannonata.
CHORUS
With me roo rum rar, faddle diddle dar
Whack faddlle liddle with me roo rum rar.
II [Dottore]:
Oh eri sordo e cieco
quando hai perso le tue belle gambe
mentre navigavi per il mare?
Quando hai perso le tue belle gambe proprio sotto al ginocchio?
III [Figlio]:
Oh non ero sordo e cieco
quando ho perso le mie belle gambe
e nemmeno navigavo per il mare
quando ho perso le mie belle gambe proprio sotto al ginocchio.
IV
Perchè ero alto e snello
e avevo una gamba per parte
ma ora non ne ho nemmeno una,
sono state entrambe distrutte da una cannonata

LA VERSIONE LOMBARDA

Il gruppo lombardo I Luf hanno preso lo spunto melodico (nell’arrangiamento di Bruce Springsteen) per scrivere un testo sul partigiano Giacomo Cappellini

ASCOLTA I Luf in Paradis del diaol, 2007


I
I gnìa-do da i mucc co ‘l hciòp an hpala tar de Vitoria a cöntà-ho la bala (1)
del dé hcundìcc dedré an paghér a fa la guardia a quàter hentér
la nòt l’è lónga, he h’ già int’agn
an becér de ì ‘l pöl mìa dà dan
ma hól pö bèl de la baldoria “Füdì matèi”, la uda Vitòria
II
E bóche larghe i già tradìcc per trèi palanche, i già andìcc
i füh de fò, i varda la lüna
ma ‘nde le tahche i già póca fürtüna
an de la frèha i sbaglia la bià
i và hó de Genaro podehtà
al dih negót e i ge fa füdì
“curì ‘nver al Bratarì (2)”
arda innàh e turna mìa ‘ndré
turna turna turna mìa ‘ndré
arda innàh e turna mìa ‘ndré
turna turna 
turna mìa ‘ndré…
III
Al pòht de na-ho de la Bià Hcüra
che chéla sera l’éa piö higüra,
i è pahàcc-htar hóta la céda
tral Bratarì dedré de ‘na méda
ma i còrf négar col cör de lègn (3)
èa gnicc-ho apòsta de Malègn
anna tonada la rehpónt la Bagòha
al hanc la tèra la diènta róha
cur Camara (4), turna mìa ‘ndré
cur Camara, anvér a Harvé
cur Camara, ghe pènhe mé
cur Camara fina a Harvé
arda innàh e turna mìa ‘ndré
turna turna turna mìa ‘ndré
arda innàh e turna mìa ‘ndré
turna turna 
turna mìa ‘ndré…
IV
l’à fat-fo tüt al caricadùr
cólp de rabia e de dulùr
ma a la fi l’è rehtàt de parhé (5)
if o mórt, ma drit an pé
i l’à ciapàt, portàt-fo ‘n ‘ana htala
i còrf i à finìt i pöl anche na-la
i già di a Ceròt andó che portàl
al dé dòpo ‘n fònt a la àl
V
tüt al paìh al varda an genöc
ma tücc i à póra che ‘l rüe ‘l föc
i l’à haràt-ho ‘ndèl cahtèl de Brèha
i völ copàl, ma i già mìa frèha
al maèhtro l’è mórt, ma Lóh l’è if,
al pica a la pórta del paradìh
al Hignùr l’è gnèc, al vorèh füdì
po’ ‘l ampìa-ho ‘na htèla tra Bratarì
Traduzione italiano da qui
I
Venivano giù dai monti con il fucile in spalla da Vittoria a chiacchierare
di giorno nascosti dietro ad un abete
a far la guardia a quattro sentieri
la notte è lunga se si hanno vent’anni un bicchiere di vino non può far danni
ma sul più bello della baldoria, “scappate ragazzi” urla Vittoria
II
Le bocche larghe li hanno traditi
per tre soldi li hanno venduti,
fuggono fuori, guardando la luna
ma quella sera hanno poca fortuna
nella fretta sbagliano la strada
e vanno da Gennaro il podestà
non dice nulla li fa fuggire
“c
orrete verso il Bratarì”
guarda avanti non tornare indietro
non tornare non tornare indietro…
guarda avanti non tornare indietro
non tornare non tornare indietro…
III
Invece di andare sulla “Bia Scura”
che quella sera era più sicura
sono passati sotto la chiesa verso
il “Bratarì” dietro una catasta
ma i corvi neri col cuore di legno
sono venuti apposta da Malegno
un colpo secco risponde la “Bagozza”
di sangue la terra diventa rossa
corri Camara non voltarti
corri Camara verso Cerveno
corri Camara non voltarti
corri Camara verso Cerveno
guarda avanti non tornare indietro
non tornare non tornare indietro…
guarda avanti non tornare indietro
non tornare non tornare indietro…
IV
Ha sparato tutto il caricatore
colpi di rabbia e di dolore
ma alla fine è rimasto solo,
vivo o morto ma dritto in piedi, l’hanno preso, portato in una stalla, i corvi hanno finito possono andarsene, hanno detto a Cerot dove portarlo
il giorno dopo in fondo alla valle
V
Tutto il paese guarda in ginocchio
ma ha paura che arrivi il fuoco,
l’hanno chiuso nel castello di Brescia vogliono ucciderlo ma non hanno fretta, il maestro è morto ma Lozio è vivo, bussa alle porte del paradiso
il Signore è arrabbiato, vorrebbe fuggire, poi accende una stella al “Bratarì”

NOTE
1) letteralmente “a raccontare balle”
2) località Bratarì di Laveno
3) i fascisti della Repubblica di salò
4) Giacomo Cappellini, maestro nel suo paese natale in Val Camonica, organizzò con alcuni giovani di Cerveno una delle prime formazioni partigiane operanti nella zona di Lozio
5) fu ferito e catturato nello scontro del 21 gennaio 1945 a Laveno – mentre era alla testa di un battaglione della Brigata “Ferruccio Lorenzini” della Divisione Fiamme Verdi 

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=3942
http://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/mysonjohn.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=48009
https://thesession.org/discussions/29328

https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=10504

JOHNNY I HARDLY KNEW YE

La canzone di protesta per antonomasia che ha infiammato i cuori di tutte le generazioni giovanili a partire dall’anno della sua creazione. “Johnny I hardly knew ye” era così famosa che gli emigranti irlandesi se la portarono in America e durante la guerra civile americana, nel 1863, è diventa “When Johnny comes marching home“.
Il cambio di titolo anticipa anche il cambiamento di significato, perché qui Johnny è un soldato confederato atteso dalla sua famiglia per essere accolto come un eroe al suo ritorno.

La sua popolarità è schizzata alle stelle quando Stanley Kubrick ha inserito la melodia nel suo Dr Strangelove (In italiano Il dottor Stranamore) uno dei migliori film antimilitarista del secolo (1964) VEDI

La querelle tra i sostenitori dell’ipotesi inversa (cioè che la canzone sia nata in America e portata poi in Irlanda) è però ancora aperta, così sebbene non esistano versioni pubblicate in Irlanda prima della fatidica data di pubblicazione in America della “When Johnny comes marching home“, dall’isola si fa risalire la versione tradizionale irlandese alle guerre napoleoniche, ovvero alla fine del 1700 o ai primi anni del 1800, quando le truppe irlandesi combattevano nella Compagnia Britannica delle Indie Orientali (il riferimento all’isola di Ceylon colloca quantomeno la strofa tra il 1795 e il 1818)

ANTY-WAR SONG

La prima strofa è introdotta dal soldato che cammina sulla via di casa appoggiandosi ad una stampella e sente una donna che lo chiama dicendo “Johnny, ti riconosco appena!” E la donna prosegue: “perché hai preferito abbandonare la tua famiglia per andare in guerra a farti quasi ammazzare?” Eppure la donna è contenta di rivederlo, anche se il marito è irriconoscibile per le mutilazioni, cieco, senza un braccio e una gamba, costretto a mendicare per il resto della sua vita è ritornato dalla sua famiglia.
Mi piace immaginare che siano state le donne, madri, sorelle, fidanzate, mogli, a scrivere canzoni come questa, e come l’altrettanto famosa “Mrs Mcgrath“, a controbilanciare la propaganda militare dei sergenti reclutatori.

Recruiting_party-

LA GUIDA ALL’ASCOLTO
Ci sono poche variazioni testuali del brano e un unica melodia, ma la maggior parte delle versioni più recenti saltano la IV e ometto le ultime due strofe: nella IV strofa la donna si lamenta di come il marito sia scappato via da lei attirato dalla propaganda dei reclutatori; nelle altre ribadisce il concetto che lei lo ama ancora nonostante tutto e giura che l’esercito inglese non si prenderà mai i loro figli! Pur nella sua drammaticità “Johnny I hardly knew ye” non manca di ironia, quel sarcasmo ironico tipicamente “irish” che ci fa storcere la bocca in un ghigno!

Una registrazione molto drammatica è quella dei De Dannan, ma anche di Janis Ian o Karan Casey quasi sussurrata (ascoltabili su Spotify)

ASCOLTA De Dannan in Anthem 1985
ASCOLTA Karan Casey

Versioni più tradizionali
ASCOLTA Irish Rovers
ASCOLTA Foreign Feathers

Non poteva mancare la versione rock!
ASCOLTA Dropkick Murphys quando una melodia celtica incontra il rock nasce il celtic punk (dopo che The Clash avevano aperto la pista sul finire degli anni 70 ASCOLTA qui il testo diventa un avvertimento contro la minaccia dei gruppi neonazisti)

E a chi piace il genere si può ascoltare anche la versione dei The Tossers


I
While goin’ the road to sweet Athy(1), hurroo, hurroo
While goin’ the road to sweet Athy, hurroo, hurroo
While goin’ the road to sweet Athy
A stick in me hand and a drop in me eye
A doleful damsel I heard cry,
Johnny I hardly knew ye.
CHORUS
With your guns and drums and drums and guns (2), hurroo, hurroo
With your guns and drums and drums and guns, hurroo, hurroo
With your guns and drums and drums and guns the enemy nearly slew ye
Oh my darling dear, Ye look so queer
Johnny I hardly knew ye.
II
Where are your eyes that were so mild, hurroo, hurroo
Where are your eyes that were so mild, hurroo, hurroo
Where are your eyes that were so mild
When my heart you so beguiled?
Why did ye run from me and the child?
Oh Johnny, I hardly knew ye.
III
Where are your legs that used to run, hurroo, hurroo
Where are your legs that used to run, hurroo, hurroo
Where are your legs that used to run
When first you went for to carry a gun
Indeed your dancing days are done
Oh Johnny, I hardly knew ye.
IV
It grieved my heart to see you sail   ha-roo, ha-roo
It grieved my heart to see you sail ha-roo, ha-roo
It grieved my heart to see you sail
Though from my heart you took leg-bail(3)
Like a cod you’re doubled up head and tail,(4)
Johnny I hardly knew ya
V
Ye haven’t an arm, ye haven’t a leg, hurroo, hurroo
Ye haven’t an arm, ye haven’t a leg, hurroo, hurroo
Ye haven’t an arm, ye haven’t a leg,
Ye’re an armless, boneless, chickenless egg,
Ye’ll have to be put with a bowl out to beg: Oh Johnny I hardly knew ye.
VI
I’m happy for to see ye home,
hurroo, hurroo
I’m happy for to see ye home,
hurroo, hurroo
I’m happy for to see ye home
All from the island of Sulloon(5)
So low in the flesh(6), so high in the bone
Oh Johnny I hardly knew ye.
VII
How sad it is to see you so,
ha-roo, ha-roo,
How sad it is to see you so,
ha-roo, ha-roo,
How sad it is to see you so,
And I think of you now as an object of woe,
But your Peggy’ll still keep you on as her beau.
Johnny, I hardly knew ya.
VIII
They’re rolling out the guns again,
ha-roo, ha-roo,
They’re rolling out the guns again,
ha-roo, ha-roo,
They’re rolling out the guns again
But they never will take our sons again
No they never will take our sons again
Johnny I’m swearing to ya.

TRADUZIONE di  RICCARDO VENTURI (tranne strofe in grassetto)

I
Percorrendo la strada per la dolce Anthy, ohimè, ohimè,
Percorrendo la strada per la dolce Anthy, ohimè, ohimè,
Percorrendo la strada per la dolce Anthy
Con un bastone in mano e una lacrima all’occhio, sentii gridare una dolente   fanciulla: Johnny, ti riconosco appena.
Coro: Coi tuoi fucili e i tamburi e tamburi e fucili, ohimè, ohimè,
Coi tuoi fucili e i tamburi e tamburi e fucili, ohimè, ohimè,
Coi tuoi fucili e i tamburi e tamburi e fucili
Il nemico ti ha quasi ammazzato
Oh, mio caro, mio caro, sembri così strano, Johnny, ti riconosco appena.
II
Dove sono quegli occhi che erano così buoni, ohimè, ohimè,
Dove sono quegli occhi che erano così buoni, ohimè, ohimè,
Dove sono quegli occhi che erano così buoni, quando il cuore tanto mi   incantavi
Perché sei scappato da me e da tuo figlio?
Johnny, ti riconosco appena.
III
Dove sono le gambe con cui correvi, ohimè, ohimè,
Dove sono le gambe con cui correvi, ohimè, ohimè, dove sono le gambe con cui correvi? Quando andasti la prima volta a portare un fucile, certo che i giorni delle feste da ballo sono finite: Johnny, ti riconosco appena.
IV
Mi ero addolorata a vederti salpare
ohimè, ohimè
Mi ero addolorata a vederti salpare
ohimè, ohimè
Mi ero addolorata a vederti salpare
sebbene dal mio cuore tu sia volato via
come un merluzzo ti sei piegato in due
Johnny, ti riconosco appena
V
Ti manca un braccio, ti manca una gamba, ohimè, ohimè,
Ti manca un braccio, ti manca una gamba, ohimè, ohimè,
Ti manca un braccio, ti manca una gamba,
Sei un monco senz’ossa, come un uovo senza il pulcino
Dovrai pigliare un piattino e andare a mendicare: Johnny, ti riconosco appena.
VI
Sono contenta di vederti a casa,
ohimè, ohimè,
Sono contenta di vederti a casa,
ohimè, ohimè,
Sono contenta di vederti a casa,
Tornato dall’isola di Ceylon;
con la carne così moscia e con le ossa ancora in piedi, Oh, Johnny, ti riconosco appena
VII
Com’è triste vederti così ohimè, ohimè
Com’è triste vederti così ohimè, ohimè
Com’è triste vederti così
e adesso penso a te come a un guaio
ma la tua Peggy ti terrà ancora come il suo innamorato
Johnny, ti riconosco appena
VIII
Stanno portando fuori i cannoni di nuovo
ohimè, ohimè
Stanno portando fuori i cannoni di nuovo
ohimè, ohimè
Stanno portando fuori i cannoni di nuovo
ma non avranno più i nostri figli ancora
No, ma non avranno mai più i nostri figli ancora Johnny, te lo giuro!

NOTE
1) Athy è un vecchio nome popolare della città di Dublino (Báile Átha Cliath). Secondo un’altra ipotesi si tratterebbe invece della cittadina di Athy, nella contea irlandese di Kildare.
2) anche come “With your drums and guns and drums and guns”
3) leg-bail si dice di un disertore che fugge “gambe all’aria” qui usata in senso ironico
4) letteralmente “hai doppiato la testa e la coda” presumo abbia qualcosa a che vedere con la freschezza del pesce (che quando si piega tenendolo in mano è indice di pesce vecchio, morto da un pezzo)
5) Sulloon o Ceylon, l’attuale Sri Lanka
6 ) L’espressione originale ha una chiara allusione all’impotenza sessuale del povero soldato mutilato.

FONTI
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=1429&lang=it

Sailing for the Lowlands

irish_soldierThe text was written by the Irish Patrick Joseph McCall (1861 – 1919) already author of famous popular ballads like “Follow me up to Carlow“, “Boolavouge“, “Kelly the Boy From Killaneand” mostly in a patriotic style. “Saling for the Lowlands” appears in “Irish Fireside Song” (cf) and the melody is listed as No. 182 in P.W. Joyce’s “Old Irish Folk Music and Songs” (also “The Golden Vanity” in Child ballad # 286).
The text has a double interpretation, it’s about a smuggling traffic, liqueurs and fine wines in exchange for wool and Irish wild geese, but those “geese” were Irish military recruits taking flight!
Il testo è stato scritto dall’irlandese Patrick Joseph McCall (1861 – 1919) già autore di famose ballate popolari come “Follow me up to Carlow“, “Boolavouge“, “Kelly the Boy From Killaneand” per lo più di stampo patriottico. Compare in “Irish Fireside Song” (vedi) e la melodia è la n° 182 in “Old Irish Folk Music and Songs” di P.W. Joyce (1909) (anche abbinata a “The Golden Vanity” in Child ballad #286).
Il testo ha una doppia chiave di lettura, apparentemente parla di in un traffico di contrabbando: liquori e vini raffinati in cambio di pregiata lana e oche selvatiche irlandesi. In realtà quelle “oche” dei registri di carico erano reclute militari irlandesi che prendevano il volo!

 

THE FLIGHT OF THE WILD GEESE
[OCHE SELVATICHE PRENDONO IL VOLO]

After the victory of the Boyne (1690) in which England marked a fixed point on the domination of Ireland, the Penal Laws were approved that penalized the Catholics, preventing them access to positions of power in public affairs and even property rights on their own land; the Irish Catholics were deprived of the right to vote, they were excluded from the army, from the local and central administration and from the judiciary. So many were the young Irish Catholics who sought their fortune in the armies Europeans (for possibly fighting against England!).
By extension the wild geese are all the men and women who left Ireland as emigrants for all they could not accomplish in their country!
Dopo la vittoria del Boyne (1690) in cui l’Inghilterra segnò un punto fermo sul dominio dell’Irlanda, vennero approvate le Penal Laws che penalizzavano i cattolici, impedendo loro l’accesso a posizioni di potere negli affari pubblici e finanche diritti di proprietà sulla propria terra; gli Irlandesi cattolici vengono privati del diritto di voto, sono esclusi dall’esercito, dall’amministrazione locale e centrale e dalla magistratura (mancava solo che gli facessero portare la stella gialla!) Così molti furono i giovani irlandesi cattolici che cercarono la fortuna negli eserciti europei (che fossero possibilmente in lotta contro l’Inghilterra!).
Per estensione le oche selvatiche sono tutti gli uomini e le donne che hanno lasciato l’Irlanda come emigranti per tutto ciò che non potevano realizzare nel loro paese! continua

The Clancy Brothers & Tommy Makem in Sing Of The Sea 1969 (strofe I, II, V, IV, VIICB)

Slogmåkane

“Irish Pirate Ballads and Other Songs of the Sea” 2009 Smithsonian Folkways Recordings

Patrick Joseph McCall
I
Dunmore (3) we quitted,
Michelmas (1) gone by
Cowhides and wool and live cargo
Twenty young wild geese (2)
Ready fledged to fly
Sailing for the Lowlands Low
chorus 
The lowlands low, the lowlands low
Sailing for the lowlands low
II
Shaun Paor’s the skipper
From the church of Crook
Peary keeps log for his father
Crew all from Bannow
Fethard and the Hook(3)
Sailing for the Lowlands low
III
These twenty wild geese
Gave Queen Anne the slip
Crossing to Louis (4) in Flanders
He and Jack Malbrook (5)
Both are in a grip
Fighting in the Lowlands Low
IV (6)
Close lay a rover
Off the Isle of Wight
Either a Sale (7) or Saxon!
Out through the sea mist
We bade them goodnight
Sailing for the Lowlands Low
V
Ready with priming,
We’d our galliot (8) gun
Muskets and pikes in good order
We should be riddled,
Captives would be none
Death! or else the Lowlands low
VI
Pray Holy Brendan (9)
Turk nor Algerine
Dutchman nor Saxon may sink us!
We’ll bring Geneva (10),
Sack (11) and Rhenish wines (12)
Safely from the lowlands low
VII CB
We smuggled out the Wild Geese
weapons safe ashore
Then we unloaded our cargo
A fair wind is blowing
we’re headed for Dunmore
Sailing from the lowlands low
traduzione italiano Cattia Salto
I
Lasciammo Dunmore
il giorno di San Michele
pelli bovine e lana un carico vivo di
venti giovani Oche Selvagge
pronte a tutti gli effetti a volare
navigando per l’Olanda
CORO:
Olanda, Olanda
navigando per l’Olanda
II
Sean Paor è il comandante
dal paese di Crook
Piery tiene il posto per il padre,
l’equipaggio è tutto di Bannow,
Fethard e Hook
a navigare per l’Olanda
III
Queste 20 Oche Selvagge
fanno lo sgambetto alla regina Anna
tagliando la strada a Luigi nelle Fiandre,
lui e Jack Malbrook
sono entrambi in una morsa
a combattere in Olanda
IV
Dappresso c’era una nave pirata
al largo dell’isola di White!
o marocchini o sassoni
tra la nebbia del mare
gli abbiamo dato la buona notte
a navigare per l’Olanda
V
Pronti con l’innesco
avendo la nostra galeotta, pistola
moschetti e picche in buono stato,
piuttosto essere crivellati
che essere fatti prigionieri
A Morte o per l’Olanda
VI
Pregate San Brendano
né Turchi o Algerini
Tedeschi o Sassoni possono affondarci!
Porteremo gin olandese
sherry spagnolo e vino bianco del Reno
al sicuro in Olanda
VII CB
Abbiamo contrabbandato le Oche Selvatiche
e le armi al sicuro a terra
poi abbiamo scaricato  la nostra merce
un vento leggero soffia,
siamo diretti a Dunmore
navigando per l’Olanda

NOTE
1) Michelmas day= the autumnal equinox or September 29th
[l’equinozio d’autunno o il 29 settembre]
2) The flight of the geese is linked to the departure of 14,000 Irish soldiers after the Limerick treaty (1691) to serve in France. The treaty gave these soldiers permission to go where they wanted on ships provided by the British government.
[Il volo delle oche è legato alla partenza di 14.000 soldati irlandesi dopo il trattato di Limerick (1691) per prestare servizio in Francia. Il trattato dava l’autorizzazione a questi soldati di andare dove volevano su delle navi fornite dal governo inglese.]
3) South East of Ireland [paesi dell’Irlanda Sud-Est]
4) Louis XIV of France [Luigi XIV di Francia]
5) Jack Malbrook: pheraps John Churchill first Duke of Marlborough (1650-1722)
forse John Churchill primo Duca di Marlborough (1650-1722)
6) Clancy Brothers
A pirate approached us many leagues from shore
We fought and we sunk him in good order
He’ll go a-roving plundering no more
Sailing for the lowlands low
(traduzione italiano:
i pirati si avvicinarono a diverse leghe dal litorale,
combattemmo e li affondammo per buona misura,
non andranno più in giro a saccheggiare,
navigando per l’Olanda)
7) Algerians and Moroccans were North African pirates who once infested the English Sea
algerini e marocchini erano pirati nordafricani che un tempo infestavano il Mare della Manica
8) a small light and fast galley used since the Middle Ages in the Mediterranean Sea; a Dutch or German loading or fishing boat with an almost flat bottom and therefore suitable for sailing in shallow waters; a French warship.
con lo stesso termine si identificano storicamente ben tre diverse navi: una piccola galea leggera e veloce usata fin dal Medioevo nel Mar Mediterraneo ; un barcone olandese o tedesco da carico o da pesca dal fondo quasi piatto e quindi adatto a navigare in acque poco profonde; una nave da guerra francese. Tra i tre propendo per il barcone
9) San Brendano, the patron saint of sailors and travelers, also known as Brendano the navigator is remembered in literature for the Navigatio sancti Brendani 
San Brendano noto anche come Brendano il navigatore è ricordato in letteratura per la Navigatio sancti Brendani e non poteva che essere santo protettore dei marinai e dei viaggiatori
10) Dutch gin commonly called Geneva [gin olandese comunemente chiamato Ginevra]
11) Spanish sherry [ sherry spagnolo]
12) it is a message in code to indicate the military aid brought to Holland, Spain and Germany [un messaggio in codice per indicare gli aiuti militari portati all’Olanda, Spagna e Germania]

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/sailing-lowlands.htm
http://www.readbookonline.net/readOnLine/43787/
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=1008
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=49885
http://archive.org/details/irishfiresideson00mccarich
http://www.musicanet.org/robokopp/eire/lowlands.htm

Oh Danny boy, the pipes, the pipes are calling

One of the most famous Irish ballads (whose text was written by an English lawyer) is the invocation of a woman to distant love: let us be carried away by the verses of Frederick Weatherly, the lament of a young woman who sees her love leave for the war at the call of the bagpipes. She will wait for him, despite the passing of the seasons, because he loves him. Some believe that the woman who sings is the mother, now old and feels her end closer.
Una delle più famose ballate irlandesi (il cui testo è stato scritto da un avvocato inglese) è l’invocazione di una donna all’amore lontano: lasciamoci trasportare dai versi di Federico Weatherly, il lamento di una giovane donna che vede il suo amore andarsene per la guerra al richiamo delle cornamuse. Lei lo aspetterà, nonostante il passare delle stagioni, perché lo ama. Alcuni credono che la donna che canta sia la madre, ormai vecchia e sente la fine vicina.

Frederic Edward Weatherly (1848-1929): singer-songwriter and radio entertainer as well as a lawyer, he wrote in 1910 a song called “Danny Boy”, but the melody was not very convincing and so when two years later he heard the ” Londonderry Air ” revised his text to adapt it to this melody and in 1913 published the new final version.
[Frederic Edward Weatherly (1848-1929): cantautore e presentatore radiofonico intrattenitore oltre che avvocato, scrisse nel 1910 una canzone dal titolo “Danny Boy”, ma la melodia non era molto convincente e così quando due anni più tardi ebbe modo di sentire la “Londonderry Air” revisionò il suo testo per adattarlo a questa melodia e nel 1913 pubblicò la nuova versione finale.]

LONDONDERRY AIR

The first appearance of the tune in print occurred in 1855, in Ancient Music of Ireland, published by the early collector George Petrie (1789-1866). The untitled melody, was supplied to Petrie by Miss Jane Ross of Limavady, County Londonderry, who claimed to have taken it down from the playing of an itinerant piper. This is the origin of the Londonderry Air name. Petrie states: “For the following beautiful air I have to express my very grateful acknowledgement to Miss J. Ross, of N.-T.-Limavady, in the county of Londonderry—a lady who has made a large collection of the popular unpublished melodies of that county, which she has very kindly placed at my disposal, and which has added very considerably to the stock of tunes which I had previously acquired from that still very Irish county. I say still very Irish; for though it has been planted for more than two centuries by English and Scottish settlers, the old Irish race still forms the great majority of its peasant inhabitants; and there are few, if any, counties in which, with less foreign admixture, the ancient melodies of the country have been so extensively preserved. The name of the tune unfortunately was not ascertained by Miss Ross, who sent it to me with the simple remark that it was “very old,” in the correctness of which statement I have no hesitation in expressing my perfect concurrence.” (from here)
La prima apparizione della melodia in stampa avvenne nel 1855, in Ancient Music of Ireland, pubblicato dapprima dal collezionista George Petrie (1789-1866). La melodia senza titolo, fu fornita a Petrie da Miss Jane Ross di Limavady, nella contea di Londonderry, la quale affermò di averla trascritta da un suonatore di cornamusa itinerante, da qui il nome di Londonderry Air. Petrie afferma: “Per la seguente bella aria devo esprimere il mio riconoscente ringraziamento a Miss J. Ross, di N .-T.-Limavady, nella contea di Londonderry – una signora che ha realizzato una vasta collezione di melodie popolari inedite di quella contea, che ha gentilmente messo a mia disposizione, e che ha aggiunto molto considerevolmente allo stock di brani che avevo acquisito in precedenza da quella contea ancora molto irlandese. Dico ancora molto irlandese; sebbene sia stata colonizzata per più di due secoli da inglesi e scozzesi, la vecchia razza irlandese costituisce ancora la grande maggioranza dei suoi abitanti contadini; e ci sono poche, se non nessuna, contee nelle quali, con minore mescolanza straniera, le antiche melodie del paese sono state così ampiamente preservate. Il nome della canzone purtroppo non è stato accertato da Miss Ross, che me lo ha inviato con la semplice osservazione che era “molto vecchio”, nella cui correttezza non ho alcuna esitazione nell’esprimere il mio completo assenso. ” (tradotto da qui)
Claire Hamilton

Rob Landes

Ritratto di Algernon Swinburne - Dante Rossetti 1861
Portrait of (Ritratto di) Algernon Swinburne – Dante Rossetti 1861

But let us be carried away by the verses of Frederick Weatherly, from the lament of a young woman who sees her love to leave for the war at the call of the bagpipes, even the summer has ended to underline the arrival of more uncertain times. She will wait for him, despite the passing of the seasons, because he loves him.
Some believe that the woman who sings is the mother, now old and who feels the end close, so he turns to the young son with the fear of not being able to see him again.
A melody and a tearful theme make it a classic among drinking songs.
[Ma lasciamoci trascinare dai versi di Frederick Weatherly, dal lamento di una giovane donna che vede il proprio amore partire per la guerra al richiamo delle cornamuse, anche l’estate è finita a sottolineare l’arrivo di tempi più incerti. Lei lo aspetterà, nonostante il passare delle stagioni, perchè lo ama.
Alcuni ritengono che la donna che canta sia la madre, ormai vecchia e che sente la fine vicina, così si rivolge al giovane figlio con il timore di non riuscire più a rivederlo.
Una melodia e un tema strappalacrime ne fanno un classico tra le drinking songs.]

To informed comprehensively about texts and melodies (from the past to the current form) an excellent and well-documented article (divided into 3 parts) by Michael Robinson here
[Per togliersi ogni curiosità (e sottolineo tutte) in merito a testi e melodie (dal passato alla forma attuale) un ottimo e ben documentato articolo (suddiviso in 3 parti) di Michael Robinson  qui]

Sinead O’Connor (live).

Davy Spillane & Sinead O’Connor

Eva Cassidy

Lorenzo Gabanizza in Celtic Bridge, 2016,
with my compliments for the interpretation
[con tanti complimenti per l’interpretazione (sentimento, intensità e una voce modulata con maestria!)]


I
Oh Danny boy, the pipes,
the pipes are calling
from glen to glen,
and down the mountain side.
The summer’s gone,
and all the flowers are falling.
‘tis you, ‘tis you
must go and I must bide.
II
But come you back
when summer’s in the meadow
or when the valley’s hushed
and white with snow
and I’ll be here
in sunshine or in shadow
Oh Danny boy, oh Danny boy,
I love you so.
III
But if you come,
and all the flowers are falling
and I am dead,
as dead I might well be
You’ll come and find
the place where I am lying
and kneel and say
an “Ave” there for me.(1)
IV
And I will hear,
tho’ soft you tread above me
and all my grave
will warmer sweeter be.
And you will bend
and tell me that you love me.
And I shall sleep
in peace until you come to me.
V(2)
But if I live,
and should you die for Ireland,
let not your dying thoughts
be just of me.
But say a prayer to God
for our dearest Ireland.
I know He’ll hear
and help to set her free.
VI
And I will take your pike
and place my dearest,
and strike a blow,
though weak the blow may be.
T’will help the cause
to which your heart was nearest
Oh Danny Boy, Oh, Danny boy
I love you so.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Oh Danny boy, le cornamuse
le cornamuse risuonano
da valle a valle,
e lungo il fianco della montagna.
L’estate se n’è andata,
e tutti i fiori appassiscono,
così tu, così tu
devi partire e io ti aspetterò.
II
Però tornerai,
quando crescerà il prato dell’estate
o quando la valle sarà silenziosa
e imbiancata di neve
allora io sarò là,
giorno e notte!
Oh Danny boy, oh boy Danny,
così ti amo.
III
Ma quando tornerai,
e tutti i fiori saranno appassiti
e io sarò morta,
quando la morte dovrà arrivare,
tu verrai a cercare
il posto dove riposerò,
ti inginocchierai e dirai
un “Ave” per me.
IV
E io potrò sentire
i tuoi passi leggeri sopra di me
e la mia tomba
sarà più calda e più gradevole
se tu ti chinerai
per dirmi che mi ami
e io dormirò
in pace finchè anche tu  verrai da me.
V
Ma se sarò viva,
e tu dovessi morire per l’Irlanda,
che il tuo pensiero  in punto di morte
non sia per me.
Ma dirai una  preghiera a Dio
per la nostra amata  Irlanda.
Saprò che Lui la udirà
e la aiuterà per renderla libera.
VI
E io prenderò la tua  picca
e la terrò come la più cara
e darò un colpo,
per quanto debole  possa essere,
per aiutare la causa
a cui il tuo cuore fu più vicino
Oh Danny boy, oh boy Danny,
così ti amo.

NOTE
1) The uncertainty of tomorrow is such that the woman fears her own death before the return of the soldier, and urges him to go and look for her grave: even in death love continues to produce its effects and give peace to the deads
[L’incertezza del domani è tale che la donna teme la propria morte prima del ritorno del soldato, e lo esorta ad andare a cercare la sua tomba: anche nella morte l’amore continua a produrre i suoi effetti e donare pace a chi giace sottoterra.]
2) V and VI verses added by tradition: the soldier dies in war and the love for him, become vain, is sublimated in the struggle for the freedom of Ireland.
[V e VI versi aggiunti dalla tradizione: si ipotizza che sia il soldato a morire in guerra e l’amore per lui, diventato vano, viene sublimato nella lotta per la libertà dell’Irlanda.

LINK
http://www.standingstones.com/dannyboy.html

The Lowlands of Holland

“The Low Lands of Holland” is a popular lament in the British Isles that fits into the tradition of anti-war songs or the protest and anti-recruitment songs of the Anglo-American balladry, it is also a love song in which it is exalted loyalty amorous, which defies distance and even death.
“The Low Lands of Holland” è un lament  popolare nelle Isole Britanniche che si inserisce nel filone dei canti contro la guerra ovvero i canti di protesta e anti-reclutamento della balladry anglo-americana, è anche una love song in cui si esalta la fedeltà amorosa, che sfida la lontananza e anche la morte.

Arthur Hughes The Sailing Signal Gun 1881Perhaps written during the wars between England and Holland for the predominance on the seas of the 17th century, we find it (with the title The Sorrowful Lover’s Regrate ) in the broadsides of the second half of the ‘700; the song is still very popular during the Napoleonic wars.
Di probabile origine seicentesca forse scritta durante le guerre tra Inghilterra e Olanda per il predominio sui mari del 17° secolo, la ritroviamo (con il titolo The Sorrowful Lover’s Regrate – Il lamento dell’amante addolorata) (vedi) nei broadsides della seconda metà del ‘700; la canzone è ancora assai popolare durante le guerre napoleoniche.

Widespread in all the British Isles – in 7 textual versions (without counting the small variations) and at least 5 different melodies – it is the story of a young woman who, on the very night of the wedding, is abandoned by the groom, who joins the Royal Navy to go to fight in the “Lowlands of Holland.”
Diffusa in tutte le Isole Britanniche – in 7 versioni testuali (senza contare le piccole varianti) e almeno 5 diverse melodie – è la storia di una giovane donna che, la notte stessa delle nozze, è abbandonata dallo sposo, il quale si arruola in marina per andare a combattere nelle “Lowlands of Holland.”

“IRISH” VERSION: “there’s men enough in Ireland “

This version, which explicitly refers to Ireland, is the version released by the Dubliners in the 70s, very similar to the textual version testified by Paddy Tunney 
Questa versione in cui si fa esplicito riferimento all’Irlanda è quella diffusa negli anni 70 dai Dubliners molto simile alla versione testuale testimoniata da Paddy Tunney 

Paddy Tunney  (various 60s recordings) (I, II, III, IV, V) the melody has become the “standard” slow and melancholic one
(varie registrazioni anni 60) (I, II, III, IV, V) la melodia è diventata quella “standard” lenta e malinconica

The Dubliners reproduce this song in the 70s however, interpreting the melody in marching time (I-slow, II, III, V)
la ripropongono negli anni 70 nei circuiti dei folk clubs interpretando però la melodia a tempo di marcia (I -lenta, II, III, V)

The Chieftains & Natalie Merchant in Tears of Stone – 1999, (I, II, IV) 
the cd was recorded in collaboration with the female voices of the international folk rock scene. The melody is slow, melancholy and goes well with the sad and bitter tone of history and the voice of Natalie (the American folk rock poet).
Cd registrato in collaborazione con le voci femminili della scena folk rock internazionale. La melodia è lenta, malinconica e ben si abbina al tono triste e amaro della storia e alla voce di Natalie (la poetessa statunitense del folk rock)

Sandy Denny


I
On the night that I (1) was married
And upon my marriage bed
There came a bold sea captain
And he stood at my bedhead
Saying, “Arise, arise, young wedded man
And come along with me
To the lowlands of Holland (2)
To fight the enemy”.
II
Now then, Holland is a lovely land
And upon it grows fine grain
Surely ‘tis a place of residence
For a soldier to remain
Where the sugar cane is plentiful
And the tea grows on the tree
Well, I never had but the one sweetheart
And now he’s gone far away from me
III
Said the mother to her daughter
‘Give up your soil and bed
Is there ne’er a man in Ireland (3)?
That will be your heart content”
Way there’s men enough in Ireland
But alas there is none for me
Since high wind and stormy sea’s
Have parted me love and me
IV 
For the stormy winds began to blow
and the seas did loudly roar
and the captain and his gallant ship
was never see no more
V
I will wear no stays around my waist (4)
Nor combs all in my hair
I will wear no scarf (5) around my neck
For to save my beauty there (6)
And never will I marry (7)
Not until the day that I die
Since these four winds and these stormy seas
Came between my love and I (8)
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
La sera che mi (1) ero appena sposata
accanto al mio letto di nozze
venne un coraggioso capitano
e stava ritto al capezzale
dicendo: “Alzati alzati, giovane sposo
e vieni con me
nei Paesi Bassi d’Olanda(2)
a combattere il nemico”.
II
Così l’Olanda è un paese meraviglioso
e ci cresce buon grano,
di sicuro è un posto dove vivere
per la ferma di un soldato,
dove la canna da zucchero è rigogliosa
e il tè cresce sugli alberi.
Beh, non avevo che un amore
e ora è andato molto lontano da me.
III
Disse la madre alla figlia
“Abbandonare casa e letto!
Ci sarà mai un uomo in Irlanda (3)
che ti farà felice?”
“Ci sono abbastanza uomini in Irlanda,
ma ahimè nessuno è per me,
da quando venti forti e oceani tumultuosi
mi hanno separata dal mio amore.
IV
Perchè i venti di tempesta iniziarono a soffiare
e i mari ruggirono con fracasso
e il capitano e la sua intrepida nave
non si videro mai più
V
Non mi metterò cintura in vita (4)
né pettinini fra i capelli,
non indosserò fazzoletti (5) intorno al collo
per mantenere la mia bellezza (6)
e non mi sposerò mai (7)
fino al giorno della mia morte,
da quando venti forti e oceani tumultuosi
si misero tra il mio amore e me.” (8)

NOTE
1) ho preferito far dire la prima strofa alla donna , anche se nelle ballate si salta spesso da palo in frasca senza nessun preavviso così la frase potrebbe essere detta dallo sposo.
2) Holland =the Dutch colonies in the West Indies or more probably the New Holland, that is Australia. But it could also be Surinam or Dutch Guyana. In the sea / shanty songs the Lowlands are more generally the Caribbean islets.
In realtà con l’Olanda si intendono le colonie olandesi nelle Indie Occidentali o molto più probabilmente la New Holland cioè l’Australia visto che ci crescono le piantine del tè e la canna da zucchero. Ma potrebbe trattarsi anche del Suriname ovvero la Guyana olandese.  Nelle sea song/shanty song le Lowlands sono più in generale le isolette caraibiche.
3) Paddy Tunney:”Galway”
4) The Dubliners: “I’ll wear no shoes all on my feet”
5) a scarf or a handkerchief (kerchiefs) is a sign of modesty “As bodices were cut lower and lower, silk and lace scarves were much used to preserve modesty (while at the same time, of course, drawing attention to a lady’s assets). Frothy muslin buffon scarves were often pinned about the breast, sometimes layered as high as the chin in an attempt to enhance the area’s perceived shape and size.” (from  here) see also
scritto come scarf o come handkerchief è un segno di modestia “Mentre i corpetti venivano tagliati sempre più in basso, le sciarpe di seta e di pizzo venivano usate per preservare la modestia (attirando naturalmente. l’attenzione sulle sostanze di una donna). I vaporosi fazzoletti da collo
di mussola venivano spesso appuntate intorno al seno, a volte a strati alti fino al mento nel tentativo di accrescere le dimensioni apparenti della zona“.
6) The Dubliners “For to shade my beauty fair”
7) she declares eternal loyalty to her new husband, despite having been abandoned on their wedding night.
la donna dichiara eterna fedeltà al suo novello sposo, nonostante sia stata abbandonata nella notte delle nozze.
8) or “Have parted me love and me” Probably the young man died in the war or drowned in the sea and the widow declares her mourning, it is in this context of lament that the widow swears eternal loyalty to the groom, a declaration of intent that does not necessarily correspond to reality
Probabilmente il giovane è morto in guerra o annegato in mare e la vedova dichiara il suo lutto, è proprio in questo contesto di lament che la vedova giura eterna fedeltà allo sposo, una dichiarazione d’intenti che non necessariamente corrisponderà alla realtà  

“SCOTTISH” VERSION: “there’s men enough in Galloway “

In the other most widespread text, the story is set in the Scottish Galloway, So they write in the notes of their first album the Steeleye Span “Although it happens quite often in the field of folk music that many versions of a particular song are reported, it is rare that, so in the case of of Lowlands of Holland, completely differing story lines are recorded. James Reeves (The Everlasting Circle) suggests that “there may have been an original in which a young bridegroom is pressed for service in the Netherlands, but in some of the later versions Holland appears to have become New Holland, the former name for Australia, which has perhaps been confused with the Dutch East Indies.” The words of the version we perform refer to Galloway (Scotland) but the song crops up in all parts of the British Isles. Our tune was learned from Andy Irvine, a former member of Sweeney’s Men. ” (from here)
Nell’altro testo più diffuso la vicenda è ambientata nel Galloway scozzese
Così scrivono nelle note del loro primo album gli Steeleye Span: “Anche se spesso nel campo della musica folk sono riportate molte versioni di una particolare canzone, è raro tuttavia che, come nel caso di “Lowlands of Holland”, vengano registrate trame completamente diverse. James Reeves (The Everlasting Circle ) suggerisce che “potrebbe esserci stato un originale in cui un giovane sposo viene arruolato forzosamente per combattere nei Paesi Bassi, ma in alcune versioni successive l’Olanda sembra essere diventata New Holland, l’antico nome per l’Australia, che forse è stato confuso con le Indie orientali olandesi “. Le parole della versione che eseguiamo si riferiscono al Galloway (Scozia), ma la canzone risuona in tutte le parti delle Isole britanniche. La nostra melodia è stata appresa da Andy Irvine, un ex membro degli Sweeney’s Men.” 

The Corries

Steeleye Span in “Hark! The Village Wait1970

Ye Vagabonds (Brían and Diarmuid Mac Gloinn) live version and in their debut album ‘Half Blind’ 2017 Paddy Tunney melody
versione live e nel loro album di debutto ‘Half Blind’ 2017,  l’arrangiamento riprende la versione melodica di Paddy Tunney 


I
The love that I have chosen
I”ll therewith be content
And the salt sea shall be frozen
before that I repent
Repent it shall I never
until the day I dee
But the lowlands of Holland
has twined my love and me.
II
My love lies in the salt sea
and I am on the side
It’s enough to break a young thing’s heart
what lately was a bride.
But lately was a bonny bride
with pleasure in her e’e.
But the lowlands of Holland
has twined my love and me.
III
My love he built a bonny ship
and set her on the sea
With seven score (1) good mariners
to bear her company.
But there’s three score of them is sunk
and three score dead at sea
And the lowlands of Holland
has twined my love and me.
IV
My love has built another ship
and set her on the main
And nane but twenty mariners
all for to bring her hame.
But the weary wind began to rise,
the sea began to roll
And my love then and his bonny ship
turned widdershins about.
V
There shall nae a quiff (2) come on my head
nor comb come in my hair
And shall neither coal nor candlelight
shine in my bower mair.
And neither will I marry
until the day I dee
For I never had a love but one
and he’s drowned in the sea.
VI
“Oh hold your tongue my daughter dear,
be still and be content.
There’s men enough in Galloway (3),
you need not sore lament.”
“Oh there’s men enough in Galloway,
alas there’s none for me
For I never had a love but one
and he’s drowned in the sea.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Sarò sempre contenta
dell’amore che ho scelto
e il mare piuttosto si congelerà
prima che me ne penta,
non avrò mai a pentirmi
finchè avrò vita,
ma le terre basse d’Olanda
hanno legato il mio amore e me in uno

II
Il mio amore giace nel mare salato
e io sono al sicuro,
è abbastanza per spezzare un giovane cuore
di una novella sposa
che poco prima era una bella sposa
con la gioia negli occhi:
ma le terre basse d’Olanda
hanno legato  il mio amore e me in uno

III
Il mio amore costruì una bella nave
e la mise in mare
con 140 bravi marinai
per tenerle compagnia
ma una sessantina sono andati a fondo
e una sessantina morti in mare
e le terre basse d’Olanda hanno
legato  il mio amore e me in uno

IV
Il mio amore ha costruito un’altra nave
e messa in mare
con appena 20 marinai
per portarla a casa
ma un vento teso iniziò ad alzarsi
e il mare incominciò a rollare
e il mio amore allora con la sua bella nave furono presi nel vortice.
V
Non mi metterò una cuffietta in testa
nè mi pettinerò i capelli
nè carbone o candela
brillerà nella mia camera,
e mai mi sposerò
fino al giorno della mia morte
perchè non avevo che un amore
ed è affogato in mare.

VI
“Tieni a freno la lingua figlia mia
stai zitta e accontentati.
Ci sono abbastanza uomini nel Galloway
non c’è bisogno che ti lamenti”
“Ci sono abbastanza uomini nel Galloway ;
ma non per me
perchè non avevo che un amore
ed è affogato in mare.”

NOTE
1) score= 20
2) in the 1700s Scottish married women, for decency and modesty wore a cap with frills and ribbons
letteralmente ciuffo: nel 700 le donne scozzesi maritate, per decenza e modestia, non restavano a capo scoperto in pubblico, ma indossavano una cuffietta con gale e nastri 
3)  a south-west region of Scotland which gave birth to Robert Burns
regione sud-ovest della Scozia che diede i natali a Robert Burns

LINK
http://ontanomagico.altervista.org/arthur-mcbride.htm
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?songid=6646
https://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=3770

https://mudcat.org/thread.cfm?threadid=79881
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=3318&lang=it
https://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/lowlandsofholland.html

HER MANTEL SO GREEN

“Her Mantel So Green” è una  in ballata sullo sfondo delle guerre napoleoniche, in cui la donna deve testimoniare la sua fedeltà al fidanzato  partito per la guerra, disdegnando ogni altro corteggiatore. Nella maggior parte di queste storie l’uomo ritorna dopo molto tempo sotto mentite spoglie (una rivisitazione del ritorno di Ulisse dalla sua fedele e paziente Penelope).
La canzone viene classificata come reily ballad o broken token ballad perchè compare un segno di riconoscimento tra i due ad esempio un oggetto spezzato a metà o un dono scambiato (come in questo caso un anello). continua

charles-green-soldiers
Charles Green: la ragazza lasciata indietro 1880. Soldati che si imbarcano per le guerre napoleoniche

La canzone è strutturata in forma di dialogo tra il protagonista e la donna dal Mantello Verde . Il protagonista incontra la bella Nancy e le chiede di sposarlo, ma lei rifiuta graziosamente perchè è in attesa del ritorno del suo bel soldato partito per le guerre napoleoniche e che ha combattuto a Waterloo. Lui finge di aver conosciuto il ragazzo e di averlo visto morire nel campo di battaglia, ma non appena vede la ragazza che sta per essere colta da un malore, rivela la sua vera identità mostrandole l’anello.

ASCOLTA Sinead O’Connor nel Cd “Sean-Nós Nua“- 2002 (tranne la II strofa)

ASCOLTA un delicato arrangiamento di Kim Robertson (da I a VII)

Nella versione originaria la narrazione si svolge in 11 strofe


I
As I went out walking one morning in June,
To view the fair fields and the valleys in bloom,
I spied a pretty fair maid she appeared like a queen
With her costly fine robes and her mantle so green (1).
II
(I stood in amazement and was struck with surprise,
I thought her an angel that fell from the skies,
Her eyes were like diamonds, her cheeks like the rose,
She is one of the fairest that nature composed.)
III
Says I, “My pretty fair maid, won’t you come with me
We’ll both join in wedlock, and married we’ll be,
I’ll dress you in fine linen, you’ll appear like a queen,
With your costly fine robes and your mantle so green.”
IV
Says she “Now my Young man, you must be excused,
For I’ll wed with no man, so you must be refused;
To the green woods I will wander to shun all men’s view,
For the boy I love dearly lies in famed Waterloo.”
V
“Well if you’re not married, say your lover’s name
I fought in that battle, so I might know the same.”
“Draw near to my garment, and there you will see
His name is embroidered on my mantle so green.”
VI
In the ribbon of the mantle, there I did behold,
His name and his surname in letters of gold;
Young William O’Reilly appeared in my view
He was my chief comrade back in famed Waterloo.
VII
And as he lay dying I heard his last cry
‘If you were here, Lovely Nancy, I’d be willing to die;'(2)
And as I told her this story, in anguish she flew,
And the more that I told her, the paler she grew
VIII
So I smiled on my Nancy, “‘twas I broke your heart,
In your father’s garden that day we did part.
And this is the truth, and the truth I declare,
Oh here’s your love token the gold ring I wear.”
Traduzione di Cattia Salto
I
Mentre ero a passeggio un mattino di Giugno
per guardare i bei campi e le valli in fiore,
scorsi una graziosa fanciulla che sembrava una regina
con abiti preziosi e belli e il mantello così verde.
II
Stavo in contemplazione e fui colpito dalla sorpresa
credevo lei fosse un angelo caduto dal cielo,
gli occhi come diamanti, le guance come rose
era la più bella che Natura creò
III
Dissi io “Mia graziosa fanciulla volete venire con me?
Ci uniremo in matrimonio e saremmo sposati;
vi vestirò con del lino di qualità, voi sembrerete una regina
con i vostri abiti preziosi e belli e il manto così verde.
IV
Disse lei “Ora mio giovane signore, mi dovete scusare,
perché io non sposerò nessuno, così vi devo respingere;
per i boschi verdeggianti vagherò ed eviterò la vista degli uomini
perché il ragazzo che amo tanto, si trova nella famosa Waterloo”.
V
“Bene se voi non siete sposata, ditemi il nome del vostro amante.
Ho combattuto in quella battaglia, così potrei conoscerlo anch’io.”
“Disegnato sul mio vestito e dove potete vederlo,
il suo nome è ricamato sul mio mantello così verde”.
VI
Sul bordo del mantello là potevo ammirare
il nome e cognome in lettere dorate.
Il giovane William O’Riley apparve alla mia vista,
lui era il mio capo di camerata rimasto nella famosa Waterloo.
VII
E mentre lui giaceva morente, udivo il suo ultimo grido
“Se tu fossi qui amata Nancy sarei pronto a morire”
E mentre le raccontavo questa storia, lei cadeva in angoscia e più le raccontavo, più pallida lei diventava.
VIII
Così sorrisi alla mia Nancy, “Ti spezzai il cuore nel giardino di tuo padre, fu il giorno in cui dovemmo partire.
E questa è la verità e la verità che io affermo,
qui è il pegno del tuo amore l’anello dorato che porto”

 NOTE
1) come in molte canzoni d’amore le parafrasi nascondono l’amata nella verde terra d’Irlanda
2) la versione di Kim chiude la strofa con gli ultimi due versi della VIII: così  il giovane giura essere stato l’amico morto in battaglia ad avergli dato l’anello. E la ballata ha una chiusura ambigua. In queste versioni il canto prosegue con la fanciulla che  dice di voler sola a vagare per il bosco (“To the green woods I’ll wander, for the boy that I love,”)
E subito di seguito il verso un po’ ambiguo (“Rise up, lovely Nancy, your grief I’ll remove.”)
in italiano: “Alzati bella Nancy, il tuo dolore io cancellerò”

Si tratta del fantasma di William O’Riley che vuole consolarla per lasciarla libera di sposare il suo amico, o lo stesso William in carne ed ossa che si svela orami convinto del profondo amore che nutre Nancy per lui e deciso a interrompere il gioco crudele? “So I smiled on my Nancy, ‘twas I broke your heart, In your father’s garden that day we did part.

L’ultima strofa riporta la storia in terza persona, una caratteristica comune nelle canzoni del tempo, e accentua l’ambiguità della storia, aggiungendo fascino alla narrazione e alla sua interpretazione.
(This couple got married, I heard people say,
They had nobles attending on their wedding day;
Peace is proclaimed, and the war is all o’er,
You are welcome to my arms Nancy, for evermore.)
Questa coppia sposata, ho sentito dire,
ebbe dei nobili a partecipare al loro giorno di nozze
la pace è proclamata e la guerra è finita
che tu sia benvenuta tra le mie braccia Nancy, per sempre.

FONTI
http://mudcat.org/@displaysong.cfm?SongID=6681
https://thesession.org/tunes/2888