I’ll Hie Me To The Shieling Hill

Robert Tannahill published the song “I’ll Hie Me To The Shieling Hill”  in his “Poems and Songs, Chiefly in the Scottish Dialect” (1807) written on a traditional and very popular tune: “Gilly Callum”
Robert Tannahill
pubblicò la canzone “I’ll Hie Me To The Shieling Hill” nel suo “
Poems and Songs, Chiefly in the Scottish Dialect” (1807) scritta su un’aria tradizionale molto popolare: “Gilly Callum”

Ghillie Callum

“Ghillie Callum” is one of the oldest and most famous traditional Scottish dances and the tune was published with numerous variation sets. A faster version is called “Tail Toddle”
The earliest record of the tune is in David Young’s 1734 Drummond Castle Manuscript (in the possession of the Earl of Ancaster at Drummond Castle; sometimes called the Duke of Perth MS because of the inscription); Glen (1891) finds it also in Bremner’s 2nd Collection or Scots Reels or Country Dances (London, 1768, p. 108) under the title “Keelum Kallum taa fein.” (from here)

Originally, ghillie was the name given to the young man [gaelic “gille”= “youth” or “lad.” from the irish giolla] who would guide the Highland chiefs on hunting and fishing expeditions. It was later generalized to describe the men servants who always accompanied Highland chiefs.
But Ghillies are also a soft shoe worn for traditional Scottish Highland Dances. 
“Ghillie Callum” è una delle danze scozzesi più antiche e famose e la melodia è stata pubblicata in numerosi arrangiamenti. Una versione più veloce s’intitola Tail Toddle.
La prima registrazione della canzone è del 1734 nel “Drummond Castle Manuscript” di David Young (in possesso del Conte di Ancaster al Drummond Castle, a volte chiamato duca di Perth MS a causa dell’iscrizione); Glen (1891) lo trova anche in “2nd Collection or Scots Reels or Country Dances” (Londra, 1768, pagina 108) con il titolo “Keelum Kallum taa fein”.
Ghillie era il termine originariamente dato per “giovane ragazzo” [ dal gaelico “gille” = “giovanotto” o “ragazzo”- giolla in irlandese] che guidava i capi degli altipiani nelle spedizioni di caccia e pesca. In seguito fu generalizzato per descrivere i servitori uomini che accompagnavano sempre i capi delle Highlands. Ma ghillies sono anche una le scarpe in morbida pelle indossata per le tradizionali danze scozzesi delle Highland. 

Scottish Sword dance

It is an ancient dance of war of the Scottish Gael.
Legend tells that Callum (Malcolm MacDuncan “Canmore”), crossed his sword over that of a defeated enemy  at the Battle of Dunsinane in 1054 and danced round and over the blades in triumph.
The dance evolved into a battle dance performed by Highland warriors, to a test of skill and agility. 
È un’antica danza dei guerrieri celti scozzesi. La leggenda narra che Callum (Malcolm MacDuncan “Canmore”-testagrossa) incrociò la sua spada su quella di un nemico sconfitto nella battaglia di Dunsinane nel 1054 e ballò attorno alle lame in segno di trionfo. La danza si trasformò in una danza di battaglia eseguita dai guerrieri delle Highland, come prova di abilità e agilità. 

At the beginning the dancer performs the steps outside the sword  “addressing the swords” (asking permission “to dance”) then he dances over the crossed blades with his back never turned to the swords. The dancer who touched the sword he would be wounded the next day in battlefield!
All’inizio il danzatore esegue i passi fuori dalla spada “rivolgendosi alle spade” (chiede il permesso di “danzare”) poi balla sulle lame incrociate con la schiena mai girata verso le spade. Il danzatore che toccava la spada sarebbe stato ferito il giorno successivo sul campo di battaglia!

I’ll Hie Me To The Shieling Hill

A young girl prefers to marry Donald, the young shepherd rather than accept the courtship of the rich but old Callum, loving the life of the shepherd in the open air, rather than the air of the city
Una fanciulla preferisce sposare Donald, il giovane pastore piuttosto che accettare il corteggiamento del ricco ma vecchio Callum, perchè ama la vita del pastore all’aria aperta, piuttosto che l’aria della città.

Ross Kennedy in The Complete Songs of Robert Tannahill Volume I  (2006) 


I
I’ll hie me to the shieling hill,
And bide amang the braes, Callum,
Ere I gang to Crochan mill ,
I’ll live on hips and slaes, Callum.
Wealthy pride but ill can hide
Your runkl’d mizzly shins, Callum,
Lyart pow, as white’s the tow,
And beard as rough’s the whins, Callum.
II
Wily woman aft deceives!
Sae ye’ll think, I ween, Callum,
Trees may keep their wither’d leaves.
‘Till ance they get the green, Callum.
Blithe young Donald’s won my heart,
Has my willing vow, Callum,
Now, for a’ your couthy art,
I winna marry you, Callum.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Mi affretterò all’alpeggio (1)
e starò sulle colline, Malcom (2)
presto me ne andrò dal filatoio Crochan (3)
e vivrò sui pendii di prugnole (4) Malcom.
Il ricco orgoglio eccetto il male (5) può nascondere/ i tuoi stinchi chiazzati e rugosi (6), Malcom/ il capo striato, bianco come il lino
e la barba ruvida come le ginestre, Malcom.
II
La donna astuta spesso inganna!
Così penserai che io mi lamenti, Malcom
gli alberi possono conservare le foglie appassite,
fino a quando rinverdiranno, Malcom
il giovane e gioioso Donald vinse il mio cuore
e ha la mia promessa matrimoniale, Malcom
ora, nonostante la tua amicizia
non ti sposerò, Malcom

NOTE
1) Shieling refers to a mountain pasture used for the grazing of cattle in summer, implying transhumance between there and a valley settlement in winter.  (from Wiki) [Un alpeggio utilizzato per il pascolo del bestiame in estate, che implica la transumanza tra lì e un insediamento vallivo in inverno] 
2) Callum= Malcom
3) PAISLEY (Renfrewshire) was a renowned textile center specializing in the processing of silk and cotton thread. The weavers were very skilled and with the introduction of the jacquard loom (1804) for the production of shawls with Kashmir design (Paisley shawls). But in 1700 the weavers still carried out their work in a traditional way, on manual looms and in the typical house-shop dwellings
Paisley era un rinomato centro tessile specializzato nella lavorazione del filo di seta e di cotone. I tessitori erano molto abili e con l’introduzione del telaio jacquard (1804) riuscirono a produrre disegni sempre più elaborati, sono rinomati soprattutto per la produzione di scialli con disegno Kashmir ( e che venivano esportai per il mercato indiano) diventati di moda dopo che la giovane regina Vittoria ne sfoggiò uno (Paisley shawls). Ma nel 1700 i tessitori svolgevano il loro lavoro ancora in modo artigianale, su telai manuali e nelle tipiche abitazioni casa-bottega. Crochan mill probabilmente era il posto di lavoro della ragazza, uno dei tanti opifici tessili di Paisley o Glasgow
4) hip= a curving projection on the lower slopes of a hill side;  slae= sloe, the blackthorn
5) una traduzione un po’ letterale di cui non colgo il significato forse ill= fortuna, fato
6) mizlie-shins= discoloured skin on the legs by sitting too close to the fire, or by exposing them to extreme cold

LINK
https://roberttannahill.weebly.com/letter-to-james-king-4-june-1809.html
http://cornemusique.free.fr/ukghilliecallum.php

https://tunearch.org/wiki/Annotation:Gillie_Callum
https://thesession.org/tunes/2305

http://ontanomagico.altervista.org/weaver-factory.htm