YALLOW OR IRISH GIRL?

Stesso testo per due sea shanties che si differenziano nel coretto
il primo
Hey-ro, me yellow gals,
a-do-a let me go

e il secondo
Heave away my bully boys,
We’re all bound to go.

YELLOW GALS

Una travolgente versione irish per la  Doodle Let Me Go. A.L. Lloyd sang the shanty Doodle Let Me Go (Yaller Girls) live at the Top Lock Folk Club, Runcorn, on November 5, 1972. This concert was published in 2010 on the Fellside CD An Evening with A.L. Lloyd. Paul Adams commented in the sleeve notes: “Bert’s version seems to be based on that communicated to R.R. Terry by Harding ‘The Barbarian’—a black seaman from Barbados noted as “a fine shanty-man and first-rate seaman”. (tratto da qui)

La prima parte è simile alla versione “pirate song” (vedi) mentre la seconda parte si innesta al tema emigration song che condivide con il filone Yellow Meal, da confrontare con la versione successiva.

ASCOLTA The Irish Rovers – The Passing of the Gale & Yellow Gals (Doodle Let Me Go) – una versione simile a quella registrata da L. Lloyd, il primo brano è uno strumentale dal titolo The Passing of the Gale


CHORUS
Do-a let me go (1)  me gals,
Do-a let me go
Hey-ro me yellow gals
a-do-a let me go
Johnny was a rover and he’s bound for Calley-o
Hey-ro, me yellow gals,
a-do-a let me go

Johnny was a rover and to sea he’s bound to go
Hey-ro, me yellow gals,
a-do-a let me go

As I walked down the landing stage all on a summer morn
I met an immagrant Irish girl all lookin’ all forlorn
“Good mornin’ Mr. Captain, sir!” “Good mornin’ you,” says he
“Oh have ya got a packin’ ship all for Americ-kay?”
“I’ve got the Jimmy Walker, and she’s bound around the horn,
With five-and-twenty imagrants and a thousand sacks of corn”
“Bad luck to Irish sailor boys, bad luck to them I say
They all got drunk, broke in me trunk, and stole me clothes away!”
Traduzione Cattia Salto
CORO
datevi da fare (1) ragazze
datevi da fare
datevi da fare ragazze creole (2)
datevi da fare
Johnny era un vagabondo in partenza per Callao (3)
Urrà mie ragazze creole,
datevi da fare

Johnny era un vagabondo e per mare partì
Hey mie ragazze creole,
datevi da fare

Mentre passeggiavo sulla terra ferma un mattino d’estate
incontrai una ragazza irlandese immigrata, che sembrava derelitta
“Buon Giorno signor Capitano, signore”
“Buon Giorno a voi” dice lui
“Avete preso un postale per l’America?”
“Ho preso la Jimmy Walker che ha doppiato l’Horn
con 25 immigranti e un centinaio di sacchi di grano.
Mala sorte ai marinai irlandesi, li maledico,
si sono ubriacati, hanno forzato il mio baule e mi hanno rubato i vestiti (4)”

NOTE
1) potrebbe voler dire ragazza (dal francese dou-dou ovvero una parola diffusa nei Caraibi come “innamorata”) come un vezzeggiativo oppure stare per Do-a let me go, ovvero Do n’ let me go oppure Do let my go in italiano: (non) lasciarmi andare.. Come osservato i marinai avevano l’usanza di aggiungere una d prima di una l così la parola “do let” diventa foneticamente “do –d- let” e quindi doodle. O ancora potrebbe essere una parola nonsense (vedere discussione qui) Io a naso propendo per la versione “datti da fare” il cui significato è ovvio essendo riferito alle signorine di Madam Gashee
2) yella, yallow era usato dai marinai britannici-americani per indicare il colore della pelle di una mulatta (creola). Più raramente per indicare una ragazza di razza asiatica.
3) Callao porto del Perù rinomato per il bordello di Madam Gashee
4) non credo si riferisca solo al furto dei vestiti, la traversata in mare era pericolosa per le signorine sole, non accompagnate da servitori o un famigliare maschio adulto.

THE IRISH GIRL

La canzone è conosciuta anche con il nome di Yellow Meal e molto probabilmente è stata riscritta per il music-hall in chiave ironica, in cui si prende in giro l’irlandese di turno.
Una versione che è una via di mezzo tra una sea shanty e una emigration ballad intitolata The Irish Emigrant, The Irish Girl.
Stan Hugill la fa risalire all’epoca della grande carestia “This greatly liked windlass shanty came into being about the time of the Irish Potato Famine, when thousands of migranting Irish were passing through Liverpool heading for ‘Amerikee‘.”
Il coretto è però diverso da “Doodle let me go” e riprende invece un’altra sea shanty dal titolo  “We’re bound to go” che così inizia (tratto da qui)
Oh Johnny was a rover and to-day he sails away.
Heave away, my Johnny, Heave away-ay.
Oh Johnny was a rover and to-day he sails away.
Heave away my bully boys, We’re all bound to go.

ASCOLTA
(parzialmente tratta da qui)


As I walked out one summer’s morn’, down by the Salthouse Dock(1),
Heave away m’ Johnnies,
heave away!

I met an emigrant Irish girl, conversing with Tapscott(2),
And away m’ bully boys,
we’re all bound to go.
“Good morning Mr. Tapscott sir” “Good morning, gir” says he,
“Oh have you got any packet ships all bound for Amerikee?”
“Yes, I got a packet ship.
Oh, I’ve got one or two,
I’ve got the JINNY WALKER and I’ve got the KANGAROO (3).”
I’ve got the Jinny Walker, and today she does set sail
With five and fifty emigrants and a thousand bags of meal. (4)
The day was fine when we set sail, but night had barely come,
and every emigrant never ceased to wish himself at home.
“Bad luck to them irish sailor boys bad luck to them” I say.
“but they all got drunk and broke into me bunk and stole me clothes away.
Twas at the Castle Garden(5) they landed me on shore
And if I marry a Yankee boy I’ll cross the seas no more.”
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
Mentre camminavo un mattino d’estate verso Salthouse Dock (1)
virate a lasciare, compagni,
virate a lasciare
ho incontrato una ragazza irlandese che parlava con Tapscott (2)
virate a lasciare, allegri compagni,
siamo in partenza.
“Buon giorno signor Tapscott”,
“buon giorno signorina” dice lui
“Avete una nave che parte per l’America?”
“Si ho un postale,
ce ne sono uno o due
ho la Jinny Walker
e la Kangaroo (3)”
Ho preso la Jinny Walker che oggi prende il largo
con 55 emigranti e un migliaio di sacchi di posta (4).
Il giorno era bello quando prendemmo il mare ma la notte venne presto
e ogni emigrante non smetteva di desiderare la propria casa.
“Mala sorte a quei marinai irlandesi, la malasorte a loro auguro,
perchè si ubriacarono e fecero irruzione nella mia cuccetta e mi rubarono i vestiti.
Fu al Castle Garden (5) che mi lasciarono a terra e se sposerò un americano non attraverserò mai più il mare”

NOTE
1) in altre versioni diventa Clarence Dock, Albert dock, Landing Stage, Sligo dock
2) I fratelli William e James Tapscott (il primo con sede a Liverpool e il secondo a New York) organizzavano il viaggio per gli emigranti dalla Gran Bretagna all’America, spesso approfittando dell’ingenuità dei loro clienti. Inizialmente lavoravano per la Black Ball Line poi misero su una loro linea di trasporto che procurava un viaggio per le Americhe molto economico, perciò le condizioni del viaggio erano tremende e il cibo scadente. Nel 1849 William Tapscott ha fatto bancarotta ed è stato processato e condannato per frode verso gli azionisti della compagnia. continua
3)’Joseph Walker’, Kangaroo e Henry Clay sono i nomi dei vascelli di linea tra Gran Bretagna e America
4) scritto anche come “male”: i vascelli facevano anche da servizio postale e meal è la pronuncia irlandese per mail; ma con Yellow meal si indicava la polentina fatta con la semola di mais servita a bordo .
5) punto di sbarco degli emigranti dove venivano effettuati i controlli

FONTI
https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/doodleletmego.html
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=49421
http://mainlynorfolk.info/folk/songs/mrtapscott.html
http://www.jsward.com/shanty/heave_away/shay.html
http://www.theshipslist.com/ships/lines/tapscott.shtml http://www.tomlewis.net/lyrics/heave_away.htm http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/Doe062.html http://www.goldenhindmusic.com/lyrics/HEAVEAWA.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=59218
http://www.gutenberg.org/files/20774/20774-h/20774-h.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*