WHISKEY YOU’RE THE DIVIL

whisky-devilWhiskey You’re The Devil” è una drinking song resa popolare negli anni 50 dai Clancy Brothers e dai Dubliners: la canzone è accreditata a Jerry Barrington che l’ha pubblicata nel 1873 a New York. Molto probabilmente si tratta di una canzone che gli immigrati irlandesi e scozzesi hanno portato in America, forse dalle origini settecentesche.
Ma furono The Pogues a trasformarla in una drinking song immancabile per i festeggiamenti di Saint Patrick!

ASCOLTA Clancy Brothers (strofe I, II, III)

ASCOLTA The Pogues (strofe I, III, II)


Whiskey, you’re the devil,
you’re leadin’ me astray

Over hills and mountains (1)
and to Americae

You’re sweeter, stronger, decenter,
you’re spunkier than tae

O whiskey, you’re my darlin’
drunk or sober

I
Oh, now, brave boys,
we’re on the march
and off to Portugal and Spain
The drums are beating, banners flying , the devil a-home will come tonight (2)
Love, fare thee well, (3)
with me tithery eye
the doodelum the da
Me tithery eye the doodelum the da,
Me rikes fall tour a laddie oh
There’s whiskey in the jar. Hey!
II (3)
Said the mothe (4): “Do not wrong me, don’t take my daughter from me
For if you do I will torment you,
and after death a ghost will haunt you
Love, fare thee well,
with me …
III
The French are fighting boldly (5),
men dying hot and coldly
Give ev’ry man his flask of powder,
his firelock on his shoulder
Love, fare thee well,
with me …
Traduzione italiano di Cattia Salto
Whiskey, sei il diavolo,
mi mandi alla deriva
per mari e monti
e fino in America
sei più dolce, più forte, più buono,
sei più grintoso del tè!

oh whiskey, sei il mio amore,
ubriaco o sobrio.

I
Forza valorosi,
siamo in marcia,
verso il Portogallo e la Spagna
i tamburi rullano, sventolano i vessilli, stanotte il diavolo tornerà a casa
Amore addio,
con me tithery eye
the doodelum the da
Me tithery eye the doodelum the da,
Me rikes fall tour a laddie oh
c’e’ whiskey nella boccia, hey!
II
Dice la mamma: “Non farmi torto,
non portarmi via la figlia, perchè se lo farai, ti tormenterò e da morta ti perseguiterò come un fantasma
Amore addio,
con me …
III
I francesi combattono con valore,
gli uomini muoiono a destre e a manca,
date ad ognuno la sua fiasca di polvere
e il suo moschetto a tracolla
Amore addio,
con me …

NOTE
1) letteralmente “colline e montagne”
2) nella versione di Barrington dice “colors flying, divil a home we’ll go again”
3) The Pogues dicono “with a too da loo ra loo ra doo de da
a too ra loo ra loo ra doo de da
me rikes fall too ra laddie-o
c’e’ whiskey nella boccia, hey!”
3) questa strofa sembra essere presa pari pari da una ballata scritta su broadside dal titolo “John and Moll” (Bodleian Lybrary ballads 1790-1840)
O mother dear, I will not wrong you,
Neither take your daughter from you,
If I do, you shall torment me,
After death your ghost shall haunt me
4) The Pogues dicono “old woman”
5) nella versione di Barrington dice “Now the drums are beating boldly”

LA MELODIA: Off to California

James O’Neill ha registrato un’hornpipe dal titolo “Whiskey, You’re the Devil,” (ovvero la stessa melodia di “Off to California”)
ASCOLTA la melodia con la chitarra
ASCOLTA la melodia con il violino

Una precedente versione pubblicata a Filadelfia da A. Winch (scritta e cantata da Frank Drew) nel 1865 dal titolo “Whisky, You’re a Villyan” è quasi identica a questa tranne per la strofa II chiaramente proveniente da una precedente ballata sulla guerra.

VERSIONE DI FRANK DREW
Whisky you’re a villyan, you led me astray,
Over bogs, over briers, and out of my way,
You wrestled me a fall and you threw me today,
But I’ll toss you tomorrow, when I’m sober.
I
Still whisky you’re my comfort by night and by day,
You’re stronger and sweeter and spunkier than tay,
One naggin of spirits is worth tuns of bohay,
But above a pint I never could get over.
II
Sweet whisky, you’re a coaxer, I’d best keep away,
If your lips I once taste, sure its wid you I’d stay,
So I’ll make up my mind, and my mouth too, this day,
To drink no more whisky till I’m sober..
III
So goodbye whisky jewel, it’s the last word I’ll say,
Shake hands and part friends, now I’ll stick to bohay(1),
There’s a bade on your lip! Let me kiss it away-
Acushla, you’re my darling drunk or sober.

NOTA 1) Bohay = Bohea (Chinese black tea)

In effetti il testo sembra un frullato di canzoni sull’emigrazione, di bevute e di protesta (anti-war songs)

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=105491
http://thesession.org/tunes/30
http://folksongcollector.com/whiskey.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.