Archivi categoria: Usanze e tradizioni

God Bless the Master of This House

Here We Come A-Wassailing è forse il canto di questua natalizio più popolare, tramandato e raccolto in varie versioni. Tra queste “God bless the master of this house” con un versetto estrapolato che è diventato canto a se stante, spesso utilizzato come Mummers’ Salutation nel Hampshire, Sussex, Surrey e Berkshire . Il testo è anche “Christmas Rhyme” nel  “The Nursery Rhyme Book” di Andrew Lang  (1897)


I
God bless the master of this house,
The mistress bless also,
And all the little children
That round the table go;
II
And all your kin and kinsmen,
That dwell both far and near;
I wish you a merry Christmas,
And a happy New Year
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Dio benedica il padrone di questa casa
e anche la padrona
e tutti i bambini piccoli
seduti attorno al tavolo.
II
E tutti i parenti
vicini e lontani
vi auguro un Buon Natale
e un Felice Anno Nuovo
illustrazione di L. Leslie Brooke

ASCOLTA Frank Bond di North Waltham (Hampshire) fondatore del gruppo mummers “North Waltham Jolly Jacks” attivo fino agli anni 50 (vari spezzoni, senza audio, qui)

ASCOLTA The Watersons che riprendono la versione di Preston Candover (archivio)


I
God bless the master of this house
And send him long to reign;
Wherever he walks wherever he rides, Lord Jesus be his guide.
II
God bless the mistress of this house
With a gold chain round her breast;
Amongst her friends and kindred
God send her soul to rest.
III
From morn till morn remember thou
When first our Christ was born,
He was crucified between two thieves
And crowned with a thorn.
IV
From morn till morn remember thou
When Christ lay on the rood,
‘Twas for our sins and wickedness
Christ shed his precious blood
V
From morn till morn remember thou
When Christ was wrapped in clay;
He was put into some sepulchre
Where never no man lay.
VI
God bless the ruler of this house
And send him long to reign,
And many a merry Christmas
We may live to see again.
VII
Now I have said my carol
Which I intend to do;
God bless us all both great and small
And send us a happy New Year
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Dio benedica il padrone di questa casa e lo preservi nel comando, ovunque andrà a piedi o a cavallo
il Signore Gesù sarà la sua guida
II
Dio benedica la padrona di questa casa
con la collana d’oro sul petto
tra amici e parenti
Dio manderà la sua anima a riposare
III
Di giorno in giorno ricordatevi
quando il nostro Cristo è nato
e fu crocefisso tra due ladroni
e incoronato di spine
IV
Di giorno in giorno ricordatevi
quando  Cristo fu sulla croce, fu per i nostri peccati e la nostra malvagità che Cristo versò il suo prezioso sangue
V
Di giorno in giorno ricordatevi
quando  Cristo  fu avvolto nel sudario
fu messo nel sepolcro
dove mai nessun uomo giacque.
VI
Dio benedica il padrone di questa casa
e lo preservi nel comando,
e che tanti felici Natali
possiamo vivere per vederli ancora
VII
Ora ho cantato il mio inno
come avevo intenzione di fare
che Dio benedica noi tutti grandi e piccini e ci mandi un felice Anno Nuovo

Vedi indice wassail song

FONTI
http://mainlynorfolk.info/watersons/songs/godblessthemaster.html
https://afolksongaweek.wordpress.com/2015/12/19/week-226-god-bless-the-master/
https://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/god_bless_the_master_of_this_hou.htm
http://www.mamalisa.com/?t=es&p=1858

Ankou il dio della morte bretone

In Bretagna nelle notti d’Inverno l’Ankou   viaggia in cerca di anime, sul suo carretto cigolante tirato da due neri cavalli macilenti;  lui è l’Accompagnatore, colui che conduce le anime da un mondo  ad un altro. Nei racconti popolari ha l’aspetto di un carrettiere-contadino allampanato e con in testa un grosso cappellaccio che ne oscura il volto, talvolta è accompagnato da due aiutanti anch’essi nero vestiti.
A volte a cavallo a volte come conducente del carretto (le Carrier an Ankou) guida le anime (oppure le attende) alla porta dell’Inferno che in Bretagna si apre nella Yeun Ellez sui Monti d’Arrée (nel centro di Finistère), una depressione paludosa al centro dei Monti, sovrastata dal Mont Saint-Michel de Brasparts su cui è stata costruita (non a caso) la cappella di San Michele.
La torbiera sotto forma di campi lussureggianti nasconde le sue insidie agli incauti viaggiatori che abbandonano i sentieri e finiscono per affogare imprigionati dalla melma.

UNA CARRETTA INELUDIBILE

Nessuna forza riesce a fermare il carretto spesso vuoto oppure pieno di gente, alcuni dicono che sul carro ci stia pure una banda musicale che suona una  nenia soave. Quando il carro si ferma o quando lo si sente passare (e ben per questo le ruote cigolano) la morte, propria, di un congiunto o di un conoscente, è prossima.
E’ lungo sentieri particolari che si può incontrare questo lugubre equipaggio: si tratta solitamente di antiche vie abbandonate dal traffico abituale e tagliate fuori dalla vita quotidiana. Vengono chiamati in bretone henkou ar Maro, i sentieri della Morte; è sconveniente e pericoloso chiuderli, perché si può disturbare il passaggio di Ankou. Nelle zone che costeggiano il litorale, il Maestro, come anche viene chiamato, ama spostarsi per mare servendosi di una barca, la bag-noz o battello della notte. In barca o con il carro, chiunque lo incontri, ritorna a casa per coricarsi e sparire da questo mondo pochi giorni dopo.(tratto da qui)

Nelle raffigurazioni bretoni (per lo più sculture e bassorilievi ma anche dipinti parietali) Ankou è uno scheletro che tiene in mano una freccia, una vanga o una falce missoria, che non sono strumenti d’offesa quanto piuttosto dei simboli,  è infatti una figura pacifica, parte integrante della vita della comunità.
Ankou è assimilabile al Caronte greco e com’egli muto traghettatore delle Anime, ma è anche lo scheletro della Danza Macabra e come scrive Alessio Tanfoglio nel suo saggio “Ankou e la danza macabra di Clusone” (2016)  è “lo scheletro o la raffigurazione della realtà della morte nella sua forma oggettiva, senza inganni o mascherature“.
In alcuni racconti bretoni l’Ankou è di poche parole e fortunatamente le leggende sono tante trascritte da Anatole Le Braz che le raccolse a fine Ottocento dagli ultimi narratori viventi durante le veillées, le veglie notturne nelle isolate fattorie che andava visitando in bicicletta: ‘La leggenda della morte‘, ( ‘La Légende de la Mort chez les Bretons armoricains‘) oltre ad essere in assoluto la sua opera più famosa, è anche l’unica tradotta in italiano.

Marjanig

La figura dell’Ankou è così parte della comunità bretone che è il soggetto principale di una filastrocca per bambini dal titolo “O, lakait ho troadig” (in francese O, mettez votre petit pied) strutturata come una conta progressiva in cui il coro introduce la parola variata che diventa la prima della nuova serie
ASCOLTA Christophe Kergourlay

O, lakait ho troadig, ma dousig Marjanig
O, lakait ho troadig e-kichen va hiniNi vo troadig hon-daou
Ken na teuy an Ankou
Da gerc’hat ac’hanomp hon-daou
O, lakait ho karig, ma dousig Marjanig
O, lakait ho karig e-kichen va hiniNi vo karig hon-daou
Ni vo troadig hon-daou
Ken na teuy an Ankou
Da gerc’hat ac’hanomp hon-daouNi vo klinig hon-daou
Ni vo karig hon-daou
Ni vo troadig hon-daou
Ken na teuy an Ankou
Da gerc’hat ac’hanomp hon-daouNi vo dornig hon-daou,
Ni vo klinig hon-daou
Ni vo karig hon-daou
Ni vo troadig hon-daou
Ken na teuy an Ankou
Da gerc’hat ac’hanomp hon-daou
 

Ni vo jodig hon-daou,
Ni vo dornig hon-daou,
Ni vo klinig hon-daou
Ni vo karig hon-daou
Ni vo troadig hon-daou
Ken na teuy an Ankou
Da gerc’hat ac’hanomp hon-daou

Ni vo begig hon-daou,
Ni vo jodig hon-daou,
Ni vo dornig hon-daou,
Ni vo klinig hon-daou
Ni vo karig hon-daou
Ni vo troadig hon-daou
Ken na teuy an Ankou
Da gerc’hat ac’hanomp hon-daou

Traduzione inglese
Chorus
O, put your little foot,
my sweet Mary Jane

O, put your little foot beside mine.
I
We’ll be foot to foot
Until Death
Comes to fetch us
II
We’ll be leg to leg
We’ll be foot to foot
Until Death
Comes to fetch us
We’ll be knee to knee…
We’ll be hand to hand …
We’ll be cheek to cheek …
We’ll be mouth to mouth …
Traduzione italiano
Coro
O metti il tuo piedino
mia dolce Maria Giovanna
O metti il tuo piedino accanto al mio
I
Andremo passo-passo
finchè la Morte
verrà a prenderci
II
Andremo gamba contro gamba
Andremo passo-passo
finchè la Morte
verrà a prenderci
andremo ginocchio contro ginocchio
andremo mano nella mano
andremo guancia a guancia
andremo bocca contro bocca

FONTI
Alessio Tanfoglio: “Quaderno 4. Lo spettacolo della Morte: il cadavere e lo scheletro”, “Ankou e la danza macabra di Clusone” (2016)
http://perstorie-eieten.blogspot.it/2010/09/la-leggenda-dell-ankou-il-rapporto-dei.html
http://per.kentel.pagesperso-orange.fr/o_lakait_ho_troadig1.htm
http://www.mamalisa.com/?t=es&p=66
http://www.mamalisa.com/?t=fs&p=66
http://stq4s52k.es-02.live-paas.net/items/show/42662
http://www.arcadia93.org/bretoni.html

Masters In This Hall

Nel 1860 William Morris  scrisse il testo dell’inno natalizio “Masters in This Hall“. Artista e scrittore, fondatore del movimento artistico “Arts and Crafts”, nonchè membro della “Confraternita dei Raffaelliti”  Morris era fautore di un ritorno alla qualità artistica delle botteghe medievali, per un artigianato d’arte contrapposto al degrado di qualità e di gusto causato dall’industrialesimo.
L’ideologia preraffaelita, per così dire, nella sua semplice sintesi, era geniale. L’idea del sublime, del lusso, delle cose belle, preziose, e poi dei modi gentili, dello stile raffinato, della situazione sospesa come in incantamento, colta nella magia di ambienti simbolici. Accanto a questa, l’idea speculare del popolo nobilitato da un lavoro a dimensione umana, un popolo non solo artigiano, quindi arricchito dalla bellezza del proprio mestiere d’arte, ma anche artefice. Nati nel pieno degli eccessi del capitalismo, che proprio nell’Inghilterra dell’Ottocento stava costruendo il suo potere sulla miseria e lo sfruttamento di masse di diseredati, schiavizzati dal lavoro di fabbrica, i preraffaeliti svilupparono una loro sensibilità sociale, ma estranea al freddo economicismo marxista. Il loro era un socialismo neanche umanitario, ma populista, anzi patriottico, romantico, quasi mitico. (tratto da qui)

Tra le sue massime spicca “Non avere nella tua casa nulla che tu non sappia utile, o che non creda bello“, al di là degli slogan nella sua azienda la Morris, Marshall & Co – in cui si dedicò principalmente al disegno di decorazioni floreali per tessuti, pannelli per pareti, arazzi e finestre (pittura su vetro e su carta da parati)- saranno usate comunque le macchine “industriali”, ma con una logica contraria al processo di industrializzazione in atto: è la macchina a dover essere al servizio dell’uomo, e non viceversa.

Morris scrisse “Masters in This Hall” (anche intitolato “Nowell, Sing We Clear”) all’età di 26 anni quando era tirocinante presso lo studio dell’architetto Edmund Street, forse suggestionato dalla melodia che vi suonò l’architetto e musicista Edmund Sedding, il quale incluse il testo scritto dall’amico nella sua raccolta “Nine Antient and Goodly Carols for the Merry Tide of Christmas” (1860); la versione originale consta di 12 strofe, ma in genere oggi ne vengono cantate solo 4 o 5, ed è eseguito spesso dalle corali essendo stato arrangiato da Gustav Holst nel suo “Three Carols” per coro e orchestra (o per organo).

ASCOLTA Barry Beth Hall in “A Feast of Songs” 2002

ASCOLTA l’arrangiamento di John Riggio


I
Masters in this Hall,
Hear ye news to-day
Brought from over sea,
And ever I you pray:
Chorus
Nowell! Nowell! Nowell!
Nowell, sing we clearl
Holpen are all folk on earth,
Born is God’s son so dear:
Nowell! Nowell! Nowell!
Nowell, sing we loudl
God to-day hath poor folk raised
And cast a-down the proud.
II
Going o’er the hills,
Through the milk-white snow,
Heard I ewes bleat
While the wind did blow
III
Then to Bethlem town
We went two and two,
And in a sorry place
Heard the oxen low
IV
Therein did we see
A sweet and goodly may
And a fair old man,
Upon the straw she lay
V
And a little child
On her arm had she,
“Wot ye who this is?”
Said the hinds to me
VI
This is Christ the Lord,
Masters be ye glad!
Christmas is come in,
And no folk should be sad
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Mastri (1) di questa sala
ascoltate la novella di oggi
portata da oltremare
e sempre vi prego:
Coro
E’ Nato, è nato è nato
è nato, cantiamo serenamente
soccorso è il popolo in terra
è nato il figlio di Dio così amato.
E’ Nato, è nato è nato
è nato cantiamo forte

Dio ha oggi innalzato la povera gente
e abbattuto i superbi (2)

II
Andando per le colline
sulla neve bianco latte
udii belare le pecorelle
mentre il vento soffiava:
III
Allora alla città di Betlemme
andammo due a due
e in un luogo desolato
udimmo il bue muggire:
IV
Là vedemmo
una dolce e bella Maria (3)
e un vecchio fiero,
sulla paglia lei giaceva
V
E un piccolino
aveva tra le braccia
“Non sapete chi è costui?”
mi dissero i servi
VI
“Questo è Cristo il Signore
mastri siate contenti!
Natale è arrivato
e il popolo non deve essere triste”

NOTE
1) il termine master ha un preciso significato medievale quello di magister colui che eccelle in un’arte così da poter essere considerato un caposcuola, in questo contesto si riferisce in generale alla gentry ma in particolare ai mastri artigiani di una corporazione
2) nel passato Morris vedeva una società più coesa, più genuina e apparentemente serena, un popolo nobile con un innato senso dell’armonia e del bello. Nei suoi scritti egli coniuga populismo romantico con il socialismo utopistico: Il “socialismo” di Morris consisteva nel generico rifiuto della società capitalistica e nella volontà – altrettanto generica – di promuovere quella che veniva chiamata “arte integrata”, cioè a dimensione dell’uomo e del suo ambiente, nel rispetto della storia, della tradizione, degli stili e della natura. C’era inoltre in Morris il convincimento che il lavoro comunitario, anche in ambito artistico, fosse la condizione migliore per favorire l’affermazione della creatività individuale. (tratto da qui)
3) ovviamente May sta per Mary

LA MELODIA FRANCESE

Nel 1706 il violinista e compositore francese Marin Marais scrisse “Alcyone”  tragedia in musica con la “Marche pour les Matelots” (Marcia per i Marinai) inserita nel Terzo Atto.
Il maestro di danza Raoul-Auger Feuillet vi coreografò la danza ‘La Matelotte’, di sua invenzione (probabilmente ispirandosi alle danze ricreative dei marinai), utilizzando e perfezionando il metodo di  notazione della danza teatrale sviluppato da Pierre Beauchamp. L’opera conobbe una vasta eco in Parigi e province e fu rappresentata fino al 1771 contribuendo alla popolarità della danza stessa nel Sud e Sud-Ovest della Francia (in particolare in Provenza, Guascogna) e nei Paesi Bassi.

ASCOLTA Jordi Savall

LA DANZA

La coreografia di  Raoul-Auger Feuillet (in Recueil de contredanse, 1706) è una contraddanza che in Inghilterra prende il nome di “The Female Saylor” (traddotta da John Essex  nel 1710). La danza è stata ulteriormente schematizzata e riportata in auge nel 1965 da Pat Shaw nel suo Six Simple Country Dances. 

Danza Antica: bellissima la versione barocca con strumenti d’epoca e i danzatori in costume

ecco l’intermezzo del solo eseguito dal cavaliere (per visualizzare meglio i passi) questa parte solista si è perduta nella versione della english country dance

FONTI
http://www.centrostudilaruna.it/socialismopreraffaeliti.html
https://www.liberliber.it/online/autori/autori-m/william-morris/
http://www.chiarapecorelli.com/it/william-morris-e-il-movimento-arts-and-crafts/
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/masters_in_this_hall-2.htm
http://www.hymnsandcarolsofchristmas.com/Hymns_and_Carols/masters_in_this_hall-1.htm

POOR OLD HORSE: MARTINMAS DAY

La festa di Samain (il Capodanno dei Celti) si concludeva l’11 novembre una festa pagana ancora sentita nell’Alto Medioevo, a cui la Chiesa sovrappose il culto cristiano di San Martino.
Nel calendario cristiano l’11 Novembre fu consacrato a San Martino e rimase tradizione il macello del bestiame. Sangue era versato dal capofamiglia sulle soglie di casa, forse in ricordo degli antichi sacrifici invernali. La gente si nutriva con la carne del toro, del cinghiale e del cavallo (ma anche dell’oca) e si vestiva con i teschi e le pelli per condividerne la forza. (continua prima parte)

IL CULTO DEL CAVALLO

Per i Celti era un animale sacro, simbolo della regalità e attributo di varie divinità in particolare delle dee-giumente.
Simbolo di ricchezza e seppellito insieme al suo padrone (o degno di una sepoltura rituale se caduto in battaglia) era allevato se di manto bianco dai druidi e utilizzato per i vaticini  e i riti propiziatori (animale sacrificale).
Animale totemico per molte tribù celtiche che ne riprendono il nome, la sua carne era tabù tranne che in particolari momenti rituali. continua

LA TRADIZIONE D’INVERNO

I soulers e i wassailers o più in generale le bande di giovani che giravano per le fattorie come questuanti nelle feste dell’inverno erano un tempo (e ancora oggi) accompagnati dall’hobby horse.
Gli spiriti della Terra che governano la fertilità erano raffigurati in guisa di cavallo e associati con le portatrici della fertilità, le giovani donne non ancora sposate. Una connotazione ancor più prettamente celtica è l’identificazione del “cavallino” con la Dea Giumenta (la Dea Terra): la ritroviamo nel mito della dea gallese Rhiannon e della Dea nord italica Epona.

HOODENING A SAN MARTINO

obby_oss_sRiferimenti storici all’hobby horse risalgono al tardo Medioevo (inizi del 1500) con tracce ancora in epoca vittoriana: nel 1803 è documentata la presenza di un cavallo fabbricato con la pelle di uno stallone con un uomo all’interno che spruzzava acqua sulla folla.
Nel Medioevo il “cavallino” era un personaggio  dell’allegra brigata di Robin Hood ed era connesso con i rituali della fertilità propri durante la festa di primavera e le danze del Maggio, ma anche nei festeggiamenti del Natale.
Alcuni studiosi fanno risalire il rituale a celebrazioni precristiane, connesse con la festa celtica di Beltane. Ma altrettanto numerosi sono i riferimenti ai rituali invernali di Samain che iniziavano alla fine di ottobre e si concludevano dopo circa dodici giorni.
Nel rituale dell’hoodening un uomo indossa una coperta o un lenzuolo bianco che lo ricopre interamente e porta una testa di cavallo su un bastone, più comunemente una testa di legno munita di mascelle con cardini in modo che possa essere manovrata per aprire e chiudersi (un tempo un vero teschio di cavallo). A volte nel cranio è collocata una candela accesa con effetti molto inquietanti.

LÁIR BHÁN

A Samain in Irlanda delle parate spaventose avevano luogo nelle campagne e nei villaggi medievali,  capitanate da Láir Bhán (la cavalla bianca)  seguita da una banda di giovinastri che agitavano delle corna e chiedevano delle offerte per Muck Olla.
Così riporta William Hackett (1853) ‘It is not many years since on Samhain’s eve, 31st October, a rustic procession perambulated the district between Ballycotton and Trabolgan, along the coast. The parties represented themselves as messengers of Muck Olla, in whose name they levied contributions on farmers; as usual they were accompanied by sundry youths, sounding lustily on cows’ horns; at the head of the procession was a figure enveloped in a white robe or sheet, having, as it were, the head of a mare, this personage was called the Láir Bhán, “the white mare,” he was a sort of president or master of ceremonies. A long string of verses was recited at each house. (continua)

by Niamh Ní Ruairc

MARI LWYD

AdventCalendar-22Dec-lores
Paul Bommer: Calendario dell’Avvento

Mari Lwyd, o anche “Y Fari Lwyd” (in inglese “Grey Mare“= cavalla grigia) è la versione gallese dell’hooden horse. Tradizione ancora praticata nel Galles centrale e meridionale, in particolare a Llantrisant e Pontyclun a Capodanno. La maschera consiste in una testa di cavallo (un teschio vero) con la mascella movibile e degli inquietanti occhi ricavati da due pezzi di bottiglia verde, addobbata con nastri colorati e portata su un palo da una persona celata sotto un ampio mantello bianco. I questuanti si fermano a cantare davanti all’uscio delle case e chiamano la padrona e la sfidano in un pwnco una sorta di botta e risposta in versi spesso insolente. La vittoria della sfida canora consente ai questuanti di entrare in casa per mangiare i dolci e bere birra.
Come si vede nell’illustrazione la padrona di casa tiene in mano una scopa e non vuole far entrare il gruppo perchè portatore di disordine. Infatti non appena entrata la cavalla girerà per la stanza cercando di prendere le donne, è chiaramente una creatura mostruosa e ultraterrena che deve essere rabbonita con offerte. Talvolta un bambini piccolo si frappone con un dolcetto e riesce a calmare la bestia.



Gaelico gallese
I
Wel dyma ni’n dwad
Gyfeillion diniwad
I ofyn am gennod i ganu
II
Os na chawn ni gennad
Rhowch wybod ar ganiad
Pa fodd mae’r ‘madawiad, nos heno
III
‘Does genni ddim cinio
Nac arian iw gwario
I wneud i chwi roeso, nos heno


I
Here we come
Dear friends
To ask permissions to sing
II
If we don’t have permission,
Let us know in song
How we should go away tonight
III
I have no dinner
Or money to spend
To give you welcome tonight
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Siamo qui
cari amici
a chiedervi il permesso di cantare
II
Se non abbiamo il permesso
ditecelo con il canto
che dobbiamo andarcene stasera
III
Non ho cena (1)
o soldi da spendere
per darvi il benvenuto stasera

NOTE
1) se la gente della casa restava sconfitta nella tenzone poetica, la Mari Lwyd rivendicava il diritto di restare a cena con tutto il suo seguito. In alternativa era offerto un glennig, (una piccola mancia), un bicchiere di glaster, (acqua e latte) o di birra.

HOODEN HORSE

Nel Kent sono ritornati i gruppi dell’Hoodening (nei paesi di San Nicola-a-Wade, Nether Hale, Sarre) in particolare la tradizione è molto radicata a San Nicola-a-Wade dove l’hooden horse si chiama Dobbin, un vecchio povero cavallo stremato dalla fatica del lavoro: è messa in scena una sorta di “sacra rappresentazione” con vari personaggi e canzoni; un tempo i gruppi dell’hoodening andavano di casa in casa con tanto di musici e fracasso di campanelli: il cavallo era accompagnato da un gruppo di contadini, chi tiene le redini (il domatore), chi porta un cesto di frutta, chi lo cavalca sulla schiena, c’è anche “Mollie” o la “vecchia dama” che porta una scopa di saggina. Ecco che il capo bussa e appena la porta si apre il cavallo scalcia e spaventa spalancando la bocca, mentre Mollie scopa i piedi di chi ha aperto. (vedi)
The Horse regularly appeared through the year at, especially in Midwinter (Hallowtide, the Twelve Days of Christmas, et al). The Horse was a man dressed as an animal, covered in blanket and carrying a horse’s head, with reins, on a pole. The head was sometimes wooden but usually a real horse skull – hinged jaws allowed the mouth to snap open and shut. Along with other young men the horse ‘galloped’ and visited hoses as a ‘lick-bringer’. This was not always successful and in 1839 at Broadstairs a woman was so terrified coming face-to-face with the ‘horse’ she died of fright. The custom was subsequently forbidden by local magistrates.
In East Kent Hoodening took place at Christmas. The Horse had a wooden head and sometimes a lighted candle was placed in the mouth. Farmworkers walked with the horse, one leading it by the reins or a rope and carrying a whip, and another worker light enough to ride on the horse’s back. A third known as Mollie or Old Woman was in female attire and carried a broom or besom.
In Reculver, only men who had worked with horses during the year were allowed to partake.  (in “A Dictionary of British Folk Customs” di Christina Hole, 1995 tratto da qui)
Probabilmente un tempo solo le gilde dei cavallanti potevano partecipare all’hoodening, nel Cheshire il teschio del cavallo era seppellito secondo uno scherzoso servizio funebre.
Oggi l’Hoodening o Souling play è messo in scena nei pub, vedasi questa spassosa Comberbach Souling Play

POOR OLD HORSE

Frank Kidson declared in his usual categoric way, that Poor Old Horse is a purely humanitarian view of the fate of old worn-out horses. But in fact, in at least three counties, in Yorkshire, Nottinghamshire, and Wiltshire the song was an integral part of the Christmas Ritual performed by parties of mummers, with one of their number disguised roughly as a horse. Celebrated in Kent is the Hooden Horse, banned in 1834 for creating havoc among the elderly people, but now resurrected, (it accompanies the East Kent and Ravensbourne Morris Men). The notion of the sacred luck-bringing, even world-creating horse (or bull, ram or billy-goat) is spread throughout the primitive world. In Britain, the ancient Celts had their horse-rituals, and the idea was reinforced by invading Norsemen. There are still plenty of evidences to be seen, from the great Uffington White Horse to the fiery, fecund, May-day Padstow ‘oss in Cornwall. Minehead has its town hobbyhorse, and in Wales at Midwinter the baleful Mari Llwyd appears with the dancer carrying a beribboned horse’s skull. In Cheshire, the mild-eyed souling horses of Antrobus are famous. Not forgetting the horse-headed man engraved on a bone, found in Pinhole Cave, Derbyshire, the only palaeolithic representation of a human figure discovered in England. (note in album The Lark in the Morning di Dave&Toni Arthus 1969)

Esistono molte versioni della canzone, la quale era una parte della rappresentazione dei Mummers, che mettevano in scena la morte e resurrezione del cavallo “In South Yorkshire, North Derbyshire and Nottinghamshire there’s a Christmas play “The Old Horse”. It’s a brief, riotous visiting ceremony, the horse often being made from the skull of a real horse painted red and black, killed and brought back to life. The song also circulated independently from the ritual, and this version is based on the one collected by Cecil Sharp in 1904 at Langport, Somerset, from C. Shire who appropriately, was a blacksmith.” (note nel Cd Blackbone di Pete Coe 2010)

ASCOLTA Shirley Collins in “False True Lovers” 1959

la versione è solo un frammento e manca la parte iniziale in cui i mummers/soulers chiedono di essere accolti in casa


I
My clothing was once of a linsey-woolsey fine,
My mane it was sleek and my body it did shine.
But now I’m getting old and I’m going to decay,
Me master frowns upon me and thus they all do say, “Poor old horse.”
II
My living was once to the best of corn and hay
As ever grew in England, and that they all did say.
But now there’s no such comfort as I can find at all.
I’m forced to nab the short grass that grows against the wall,
“Poor old horse.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
I miei drappi erano un tempo di fine lino,
la mia criniera era lucida e il mio corpo era uno splendore,
ma ora mi sono fatto vecchio e discendo la china,
il mio padrone mi guarda male e così tutti dicono “Povero vecchio cavallo”.
II
Vivevo un tempo del miglior grano e fieno
che mai crescesse in Inghilterra così tutti dicevano.
Ma ora non riesco a trovare un simile conforto.
Sono costretto ad afferrare l’erba corta che cresce contro il muro “Povero vecchio cavallo”

ASCOLTA Kate Rusby in Sweet Bells 2008


I
We’ve got a poor old horse,
He’s standing at your door,
And if you’ll only let him in,
He’ll please you all I’m sure (x2)
II
Now that he’s grown old
And nature doth decay,
My master frowns upon him now,
These words I’ve heard him say (x2)
III
Now that he’s grown old
And scarcely can he crawl,
He’s forced to eat the coarsest grass
That grows against the wall (x2)
IV
This poor horse was once young,
And in his youthful prime
My master used to ride on him,
He thought him very fine (x2)
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Abbiamo un povero vecchio cavallo che sta alla vostra porta,
e se soltanto lo lascerete entrare,
vi ricompenserà di certo (1).
II
Adesso che è diventato vecchio,
nel suo naturale decadimento,
il mio padrone lo guarda male
e questo gli ho sentito dire:
III
“Ora che lui è invecchiato,
e a malapena si regge in piedi,
dovrà mangiare l’erba più ruvida
che cresce contro il muro”
IV
Questo povero cavallo una volta era giovane, e nel fulgore della sua giovinezza il mio padrone lo usava per cavalcare e pensava molto bene di lui

NOTE
1) nel verso si evidenzia il canto come canto di questua con rituale propiziatorio

La versione sea shanty  “Paying off the dead horse.

LA TRADIZIONE D’ESTATE

oldossOSS
Per le strade di Padstow, un piccolo porto di pescatori della Cornovaglia settentrionale sulla foce del fiume Camel ora a vocazione turistica ogni Calendimaggio è festeggiato con l’Obby Oss Festival (continua)

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/epona.html
http://paleopix.com/blog/2013/10/31/lair-bhan-and-the-mast-beast/
https://thefadingyear.wordpress.com/2016/10/26/origins-of-trick-or-treating/
https://www.omniglot.com/songs/bcc/marilwyd.php
http://www.folkwales.org.uk/arctd9a.html
http://hoodening.org.uk/hooden-horses.html
http://www.hoodening.org.uk/hoodening-history1.html http://paulbommer.blogspot.it/2010/12/advent-calendar-22nd-mari-lwyd.html http://www.museumwales.ac.uk/cy/279/
http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/pooroldhorse.html

CORVI E CORVACCI

I corvi non cantano ma gracchiano, sono onnivori anche se prediligono gli occhi dei morenti. Dotati di intelligenza sembrano guardare il mondo con molta attenzione e riescono a memorizzare e a distinguere i volti delle persone, possono anche imparare a parlare con voce umana e a imitare il richiamo di altre specie.
Lo sguardo del corvo mette a disagio, un disagio mistico magistralmente descritto da Edgar Allan Poe nella poesia Il Corvo (qui)
Il corvo imperiale stanziale (Corvus corax) è maestoso quello nero comune (Corvus frugilegus) è migratore e torna in Europa nel mese di Febbraio; nella tradizione celtica c’è una luna a lui dedicata, la luna del corvo, che saluta il suo ritorno.
I corvi sono considerate creature magiche ambivalenti tra luce e tenebra. Per spiegarne la duplice natura molte sono le leggende che li vedono nati con il bianco piumaggio diventato nero in seguito al capriccio di un dio.
Nelle mitologie nordiche il corvo è il messaggero del regno spirituale (il corvo di Odino/Wotan ma anche il corvo di Lugh) foriero di presagi funesti come la morte o l’appressarsi di una battaglia. La Morrigan irlandese nella sua triplice forma è la regina dei Morti ma anche dea della fertilità: sui campi di battaglia era Macha la sanguinaria che assumeva la forma di corvo (o cornacchia) continua.

KRÅKA

Dalla Norvegia una strana canzoncina sui corvi che si avvale di immagini paradossali nel descrivere l’utilizzo del corpo di un corvo ucciso da un boscaiolo: come nella canzoncina scozzese sullo scricciolo (the Cutty Wren)

ASCOLTA Kerstin Blodig & Ian Melrose in Kelpie, 2002. Il duo è una sorta di sottogruppo dei “Norland Wind”. Ian Melrose è originario di Ayr, Scozia, un eccellente chitarrista acustico con la sua tecnica di fingerpicking. Kerstin è norvegese e ha studiato musicologia e lingue  e culture scandinave all’Università di Berlino e di Bergen. Il cd è una riuscita fusione tra due tradizioni musicali del Nord Europa

Å mannen han gjekk seg i vedaskog
sutta ti loti lenta
der såg han ei kråke i lunden som gol
sutta ti loti lenta
Og mannen han tenkte med sjølve seg
å, tro om den kråka vil drepa meg?
Så spende han fore sin boge for kne
så skaut han den kråka så ho datt ned
Så spende han fore dei folane tolv
så kjøyrde han kråka på låvegolv
Og kjøtet han salta i tynner og fat
og tunga han hadde til julemat
Av skinnet så gjorde han tolv par skor
det beste paret det gav han til mor
Av nebbet så gjorde han kyrkjebåt (1)
så folk kunner ro bade frå og åt
Av tarmane gjorde han tolv par reip
Og klørne han brukte til møkkagreip
Av augo så gjorde han stoveglas
og nakken han sette på kyrkja til stas
Og munnen han brukte til mala korn
og øyro han brukte til tutahorn
Og hjartet han sette på fiskekrok
og ingen har sett slik en fisk han drog
Og den som ‘kje kråka kann nytta så
han er ikkje verd ei kråka å få!
The man went into the forest to chop wood
There he saw a crow a-crowing
He thought to himself
Oh, I fear the crow will take my life
So he bent his bow on his knee
And shot the crow down
Then he harnessed his twelve young horses/And pulled the crow onto the barn floor
He salted the meat and put it in barrels and casks/And the tongue he had as his Christmas meal
He made twelve pairs of shoes form the skin
The best pair of which he gave to his mother
The beak he made into a church-boat
So people could row both to and fro
He made twelve pairs of ropes from the intestines
The claws he turned into a pitchfork
He made the eyes into window-panes
The neck he put up on the church for decoration
He used the mouth for grinding corn
The ears he made into a horn
The heart he put on a fishing hook
And you should have seen the fish he caught!
But whoever cannot make such good use of a crow
Does not deserve to catch one!
Tradotto da Cattia Salto
L’uomo andò nella foresta a tagliare legna e là vide un corvo gracchiare.
Disse tra sè
“Ho paura che il corvo si prenda la mia vita” così piegò l’arco sul ginocchio
e colpì il corvo.
Poi bardò i suoi 12 puledri
e portò il corvo sul pavimento della stalla
salò la carne e la mise in botti e casse
e tenne la lingua per il suo pasto di Natale
fece 12 paia di scarpe dalla pelle
e il miglior paio di queste le diede alla madre
del becco fece una barchetta (1)
così la gente poteva vogare avanti e indietro
fece 12 paia di corde dall’intestino
e gli artigli li trasformò in un forcone
fece con gli occhi i vetri per le finestre
e il collo lo mise sulla cima della chiesa come ornamento
usò la bocca per macinare il grano
e dalle orecchie fece un corno
il cuore lo mise su un amo da pesca
e avreste dovuto vedere i pesci che prendeva!
Ma colui che non riesce a fare un così buon uso di un corvo
non merita di catturarne uno

NOTE
1) kyrkjebåt è una barchetta con 4-6 remi che poteva ospitare una piccola comunità o famiglia negli spostamenti a scopi rituali

CORVI BRITANNICI

Che i corvi siano animali domestici è ampiamente dimostrato dal loro stanziamento presso la Torre di Londra.
La presenza di questi corvi è tradizionalmente ritenuta una protezione della Corona britannica e della Torre stessa; una superstizione legherebbe il destino dei corvi a quello della corona britannica: “se i corvi della Torre di Londra moriranno o voleranno via, la Corona cadrà e con essa la Gran Bretagna” (tratto da wikipedia)

Tra le filastrocche per bambini dal titolo One for Sorrow c’è quella che insegna a contare con 10 gazze ma anche 10 corvi :
One for sorrow,
Two for joy,
Three for a girl,
Four for a boy,
Five for silver,
Six for gold,
Seven for a secret,
Never to be told.
Eight for a wish,
Nine for a kiss,
Ten for a bird,
You must not miss.

e ancora tra le nursery rhymes della tradizione scozzese la filastrocca sui tre corvi appollaiati sul muretto (qui) ovvero ciò che resta della ballata medievale sui corvi (Child ballad # 26) e il cadavere di un cavaliere  (qui)

Concludo con una canzoncina in stile “Reinassance Rock” scritta da Candice Night: Three black Crows in Ghost of a Rose 2003


3 black crows were sitting on a fence
Watching the world pass them by
Laughing at humanity and its pretense
Wondering where next to fly…
CHORUS
And they cackled in joy and dove through the air/ Like the winds of a hurricaine
And they spread their wings as if to declare “Onward , let freedom ring!”


3 black crows were sitting on a fence
Watching the world pass them by


3 black crows are sitting in a tree
Looking down on mankind
Loving how it feels to be so free
Leaving us far behind…


3 black crows are sitting in a tree
Watching the world pass them by
tradotto da Cattia Salto
3 corvi neri erano appollaiati sullo steccato per guardare passare il mondo. Ridevano dell’umanità e delle sue pretese, interrogandosi sul prossimo volo
Coro:  Gracchiavano felici e vorticavano nell’aria come i venti di un uragano.
Un frullo d’ali come per dichiarare
“Avanti, che risuoni la libertà!”


3 corvi neri erano appollaiati sullo steccato per guardare passare il mondo


3 corvi neri sono appollaiati sull’albero
guardano giù, verso il genere umano.
Amano come ci si sente ad essere liberi
ci lasciano a terra…


3 corvi neri sono appollaiati sull’albero
a guardare passare il mondo

FONTI
https://renucioboscolo.com/2015/09/10/droni-e-corvi-gli-uccelli-e-popoli-corvi-quali-sinistri-e-presagi/
https://www.cibocanigatti.it/uccelli/rapaci-e-altri-uccelli/corvo.asp
https://www.cavernacosmica.com/simbologia-del-corvo/
http://www.centrostudilaruna.it/simbolismodelcorvo.html
http://afterlifeworld.altervista.org/simbologia-e-significato-il-corvo/
http://www.ilcerchiodellaluna.it/central_Dee_Morrigan.htm
https://angloamericanstudio.wordpress.com/2013/06/12/i-corvi-della-torre-di-londra/

LA PESCA DELL’ANELLO

Classificata nel genere dell’iniziazione all’amore abbinato in accoppiata con le “Imprese impossibili” una barcarola popolare dall’Italia (vi sono centinaia di versioni in tutta Italia, dal Piemonte alla Sicilia) dal titolo “La pesca dell’anello
Costantino Nigra (n. 66) distingue la serie lieta delle barcarole italiane dalla serie dolente delle barcarole francesi. Nella prima l’anello viene ripescato dal marinaio (o pescatore) che chiederà in cambio un bacio alla donna; nella seconda il pescatore annega nel mare. Quest’ultima forma presenta un’analogia tematica con la leggenda dell’uomo-pesce, diffusa nell’Italia meridionale anche con il nome di Nicola-Pesce detto Cola-Pesce. La leggenda narra infatti la morte in mare dell’uomo-pesce dopo essersi tuffato per riportare al re Federico II di Sicilia una coppa d’oro, o in altri casi una palla di cannone.  [Nigra 1888]. (tratto da qui)

Secondo M. Dazzi, l’origine di questo canto va ricercata in “Le son tre fantinelle, tutte tre da maridar” e in “E mi levai d’una bella mattina” risalenti al ‘500. Il motivo delle tre sorelle in attesa di scoprire l’amore sulla riva del mare è coevo alla poesia provenzale del XII o XIII secolo dal titolo “Trois sereurs seur rive mer | chantent cler” (“Tre sorelle sulla riva del mare | cantano con voci chiare”) [cfr. A. Roncaglia, Poesia dell’età cortese, Milano 1961, p. 422]  (e anche qui)
Nella maggior parte dei casi le varianti della canzone si presentano con un ritornello caratteristico dopo il primo verso della strofa come ad esempio nella versione romagnola “Rama di rosa e campo di fior”

Per una disamina puntuale  della ballata nelle sue versioni diffuse per tutt’Italia nelle sue implicazioni e significati
ASCOLTA RaiTeche qui

ASCOLTA Fabrizio Poggi e Turututela

In questa versione Poggi vuole recuperare il finale triste della lezione francese, ma invece di far morire il pescatore fa morire la fanciulla, contaminando il finale con versi altrettanto popolari sulla scia del Fiore di Tomba.

LA VERSIONE CABARETTISTICA

Più comunemente nota come “La Bella la va al fosso” la versione lombarda viene dal gruppo dei Gufi e dal mondo del varietà: nel ritornello si evidenziano le verdure a foglia verde primaverili: rapanelli, rafani (remolazz= remolacci dallo spagnolo “remolacha” radici bianche a forma di carota, simili alle rape) , barbabietole e spinaci. Nelle ballate antiche (e non solo di quelle in lingua inglese)  non sono insoliti ritornelli su fiori,  erbe e piante, forse il più famoso è quel “prezzemolo, salvia, rosmarino e timo” (in inglese Parsley, sage, rosemary and thyme) che nella versione di Simon & Garfunkel divenne il tormentone musicale sul finire degli anni sessanta. (vedi) L’aggiunta di erbe, verdure, fiori nel ritornello annunciava al pubblico l’ascolto di una storia “piccante” ovvero a sfondo erotico con significati più o meno nascosti. Il pubblico così era avvisato che le parole e le frasi avevano dei doppi sensi.
La versione dei Gufi ritrae una procace lavandaia che sebbene abbia un anello al dito (presumibilmente di fidanzamento o un pegno d’amore) non ci pensa due volte a promettere al pescatore galante un incontro in camporella in cambio del ripescaggio dell’anello perduto mentre lavava.

ASCOLTA I Gufi

ASCOLTA I Girasoli un po’ swing

Struttura
La bella la va al fosso
ravanej remolazz
barbabietol e spinazz
trii palanch al mazz
la bella la va a l fosso
al fosso a resentar
e al fosso a resentar.

La bella la va al fosso
al fosso a resentar
Intant che la resenta
la gh’e cascaa 1’anell
La svalza gli occhi al cielo
la vede il ciel seren
La sbassa gli occhi all’onda
la vede un pescator
“Oh pescator dell’onda
pescatemi 1’anell
E quand 1’avrai pescato
un regalo ti farò
Andrem lassù sui monti
sui monti a far 1’amor
La bella va al ruscello
per sciacquare (i panni)
e intanto che lava
le cade l’anello.
Alza gli occhi al cielo
e vede sereno
abbassa gli occhi all’onda
e vede un pescatore
“Oh pescatore dell’onda
pescami l’anello
e quando l’avrai pescato
ti darò un regalo
andremo sui monti
sui monti a fare all’amore”

Per le ramificazioni della ballata in Sicilia vedasi Sergio Bonanzinga, “La “ballata” e la “storia”: canti narrativi tra Piemonte e Sicilia, in Costantino Nigra etnologo. Le opere e i giorni”, Torino : Omega Edizioni qui

ASCOLTA La Macina e la versione marchigiana, con un bell’arrangiamento a valzer lento


C’erano tre sorelle
e tutte e tre d’amor.
Ninetta è la più bella
si mise a navigar.
Dal navigar che fece
l’anello gli cascò.
Alzando gli occhi al cielo
lei vide un pescator.
Bel pescator dell’onde
venitemi a pescà
Cosa t’ho da pescare,
l’anello mi cascò
Se io te lo ritrovo,
che cosa mi darè
Vi darò cento scudi,
e borsa di lamè (ricamà)
Non voglio 100 scudi
né borsa di lamè
Solo un bacin d’amore
se tu me lo vuoi dar
Ci bacerem di notte
la luna le stelle la spia non la fa’
Traduzione inglese (da qui)
There were three sisters,
and all three made for love
Ninette is the most beautiful,
she began to sail
For the long sailing she did,
her ring fell down
Looking up to heaven,
She saw a fisherman
Handsome fisherman of the waves,
come to fish for me
What shall I catch for you,
The ring that fell from me
If I find it,
what will you give me?
I’ll give you a hundred crowns,
and bag of lame
I do not want a hundred crowns,
nor bag of lame
Only a kiss of love
if you want to give it to me
We’ll kiss at night,
the moon, the stars will not betray us

continua

FONTI
http://www.italyheritage.com/italian-songs/regional/toscana/la-pesca-dell-anello.htm
http://www.labissa.com/ciciarade-insubri/item/12180-una-celebre-canzone-popolare-lombarda-la-bella-la-va-al-fosso
http://www.museosanmichele.it/apto/schede/la-pesca-dellanello-4/
http://www.teche.rai.it/1959/01/antiche-canzoni-epico-liriche-italiane-la-pesca-dellanello/

SMUGGLING THE TIN

Quello che si conosce della canzone “Smugglin the tin” è riportato da Liam Weldon (1933-1995), il “boss” della musica tradizionale nella Dublino degli anni 70: grande collezionista e narratore di ballate, attivista politico, un jack of all trades, nato e cresciuto nelle Liberties di Dublino che ha imparato fin da ragazzo la musica dai travellers.
Liam was born in the ‘Liberties’ of Dublin in 1933 and spent his early youth living in that area of the city where he learned some of his songs from the travellers who used to stay in his granny’s yard. Liam always had a great affection for the travelling community and one of his finest songs ‘The Blue Tar Road’ which tells of the hard life endured by the travellers seems to have been accepted into the tradition and is widely sung by traditional singers. Liam often told of the time when he heard a street singer singing a song called ‘The Miller’s Daughter’ and after hearing it sung he bought it from the singer for a three penny bit he learned the song off and later won a prize for singing it at a party.
Liam, like many people in inner city Dublin at that time, was moved out of the developing city to Ballyfermot, a suburb of large scale public housing on the outskirts of the city more commonly known to Dubliners as “Ballyfarout”. Liam had a lifelong interest in the songs of the Irish Travellers and his own songs reflected a strong awareness of poverty, disadvantage and exploitation. His personal ballad style had features of other genres, but the precision of intent in his abrasive lyrics was unmistakable.” (tratto da qui)

ASCOLTA Liam Weldon in Dark Horse on the Wind 1976

ASCOLTA Providence in A Fig for a Kiss, 2002
Così dice la cantante del gruppo in un’intervista “Negli ultimi anni sono moltissime le band etichettate come “Irish traditional”[1] , ma che secondo noi hanno in realtà ben poco a che vedere con la vera musica tradizionale irlandese: compongono ed eseguono nuovi brani, suonano pezzi originari di culture differenti dalla nostra, e soprattutto “vanno” a velocità pazzesche. In questo modo tutti i dettagli e le sfumature di questa musica si perdono irrimedibilmente. Tutto ciò a noi non interessa: in fondo chiediamo solo di tornare ai principî fondamentali di questa musica e di suonarla con onestà e in modo corretto, e speriamo di riuscirci!” (Alfredo De Pietra tratto da qui)

Così scrive Liam nelle note di copertina dell’album “Dark Horse on the Wind”
This song tells the story of an expedition to smuggle tin across the border from Northern Ireland into what was then the Irish Free State, now the Irish Republic. In those days the word tinker meant a travelling tin smith and not a word of abuse. The tin used for soldering pots, cans, etc., was unobtainable in the southern part of the country, hence the smuggling. I learned this one from Francy Gavin, a merry little rogue who drowned his sorrows in a sea of porter.” (tratto da qui)

La canzone racconta di una traversata, da parte di un trio di irish travellers, del confine tra Irlanda del Nord e lo Stato libero d’Irlanda per commerciare lo stagno: durante il tragitto sono preoccupati delle condizioni di salute della loro cavalla. Nell’Irlanda del Nord vengono fermati da un sergente ma riescono a cavarsela con un sotterfugio.

I
Young Cooney and Colley
and ould Martin Quinn,
Well they made up together
to smuggle the tin
Refrain :
With me right toorin-arinan,
right toorin-arinan,
Right toorin-anay.
II
Well they walked all the day boys
till the heels they grew raw,
Well they hadn’t the comfort
of lying in the straw.
III
“I’ll yoke her”, says Colley
“I’m wise to her tricks.”
But the more that he yoked her,
the more the mare kicked.
IV
“The hills they are high boys,
th’oul’ mare she is thin,
And my heart lies a-trembling
for fear she’ll give in.”
V
“I once had a pie-ball
all covered in dots,
And it’s many’s the fiver
she’s won in the trots.”
VI
Up came th’oul’ sergeant
with a laugh and a grin,
“I’ll have ye inside boys
for the smuggling of tin.”
VII
Up came th’oul’ sergeant
with a laugh and a smile,
“I’ll have ye inside boys
for smuggling a while.”
VIII
Young Cooney stood up boys
to make the excuse,
“If you l(e)ave us all go sir,
it’s home we will scoot.”
IX
We crossed back the border,
we blessed our ould face.
“To hell with the black North,
we’re in the Free-State”
Traduzione[2] di Cattia Salto
I
Il giovane Cooney, Colley
e il vecchio Martin Quinn
si misero daccordo
per trafficare [3] con lo stagno
Ritornello :
With me right toorin-arinan,
right toorin-arinan,
Right toorin-anay.
II
Beh camminavano tutto il giorno, gente fino a farsi venire i calli ai piedi
e non avevano la comodità
di straiarsi nella paglia
III
“La domerò- dice Colley-
sono stanco dei suoi giochetti”
ma più le stringeva il morso[4]
più la cavalla tirava calci.
IV
“Le colline sono alte, gente
e la vecchia cavalla era magra,
e il mio cuore era in subbuglio
per paura che lei cadesse”
V
“Una volta avevo una cavalla pezzata
tutta coperta di macchie
e molti biglietti da cinque
ha vinto nel trotto”
VI
Arrivò un vecchio sergente
ridendo e scherzando
“Vi dovrò mettere dentro, gente
per il contrabbando della latta”
VII
Arrivò un vecchio sergente
ridendo e scherzando
“Vi dovrò mettere dentro, gente
per un po’ di contrabbando”
VIII
Il giovane Cooney si alzò, gente
per trovare una scusa
“Se ci lascerete andare, signore
fileremo di corsa a casa”
IX
Attraversammo di nuovo il confine
dicendo grazie alla nostra faccia tosta “Al diavolo il Nord,
siamo nello Stato libero d’Irlanda[5]

FONTI
http://www.skibbereeneagle.ie/ireland/liam-weldon-dublins-ballader/
https://comeheretome.com/2010/01/10/liam-weldon-as-dublin-as-the-easter-rising-as-irish-as-the-limerick-soviet-that-got-clobbered/
http://www.theballadeers.com/ire/mif_weldonliam.htm#73
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=74578

THE BRAES OF BALQUHIDDER

BALQUHIDDER (scritto anche come BALQUHITHER) pronuncia ‘Balwhither’ è un piccolo villaggio della Scozia in mezzo ai monti nelle terre dei MacGregor, accanto a un piccolo lago dove Robert Tannahill (1774-1810) ha ambientato questa canzone, conosciuta anche in Irlanda e resa famosa da Francis McPeake nel 1957 con il titolo di Wild Mountain Thyme

Nel sito del gruppo Tannahill Weavers leggiamo che il brano è apparso due volte in “Scottish Minstrel ” – di RA Smith (1821 – 1824) – vol. I, p. 49 e vol. IV, p. 89 e che la melodia utilizzata è una modifica della prima edizione e s’intitola ‘The Three Carls o’ Buchanan’. Meglio non addentrarsi nell’accesa disputa sulla paternità di testi e melodia che divide irlandesi e scozzesi, bensì prendiamo atto dell’ampia diffusione popolare di un tema che esprime l’amore per la propria terra e le sue bellezze, e una melodia che è una slow air dalla profonda dolcezza.

balquidder

ASCOLTA Skylark in “All of It”, 1979

ASCOLTA Tannahill Weavers in Capernaum 1994,  con puro accento scozzese.


Chorus
Let us go, lassie, go
Tae the braes o’ Balquhidder
Whar the blueberries (1) grow
‘Mang the bonnie Hielan’ heather
Whar the deer and the rae
Lichtly bounding thegither
Sport the lang summer day
On the braes o’ Balquhidder
I
I will twin thee a bow’r
By the clear silver fountain
And I’ll cover it o’er
Wi’ the flooers o’ the  mountain
I will range through the wilds
And the deep glens (2) 
 sae dreary
And return wi’ their spoils
Tae the bow’r o’ my dearie
II
When the rude wintry win’
Idly raves roun’ oor dwellin’
And the roar o’ the linn(3)
On the nicht breeze is swellin’
So merrily we’ll sing
As the storm rattles o’er us
Till the dear shielin’ ring
Wi’ the licht(4) liltin’  chorus.
III
Noo the summers in prime
Wi’ the flooers richly bloomin’
Wi’ the wild mountain thyme
A’ the moorlan’s perfumin’
Tae oor dear native scenes
Let us journey thegither
Whar glad innocence reigns
‘Mang the braes o’ Balquhidder
tradotto da Cattia Salto
ritornello
Andiamo, ragazza, andiamo
per i pendii di Balquhidder
dove crescono i mirtilli (1)
tra la bella erica d’altura,
dove il cervo e il capriolo
vanno assieme con piede leggero,
passiamo l’interminabile estate,
sui pendii di Balquhidder
I
Ti intreccerò un frondoso riparo
vicino alla pura sorgente cristallina
e lo ricoprirò tutto
con i fiori di montagna,
cercherò per i boschi
e nelle profonde forre (2)  sì ombrose
e ritornerò con i loro tesori
al pergolato del mio amore.
II
Quando il forte vento invernale
vagherà inoperoso attorno alla nostra dimora e il rimbombo della cascata(3)
nella brezza notturna  si gonfierà,
così allegramente  canteremo,
mentre la tempesta  infurierà su di noi
fino a che il caro rifugio risuonerà
con un allegro coro melodioso.
III
Ora l’estate è in arrivo
con i fiori che sbocciano a profusione
con il timo selvatico di montagna
che profuma la brughiera,
per le nostre care terre natie
andiamoci tutti insieme
dove regna la lieta  innocenza
sui pendii di Balquhidder

NOTE
1) Nella canzone si descrive una ricorrenza sociale ancora sporadicamente praticata in Scozia e Irlanda: la raccolta dei mirtilli, una festa di mezz’estate denominata Bilberry Sunday Si celebrava per lo più a luglio, quando maturano le bacche del mirtillo o ad Agosto, spesso abbinata alla festa celtica di Lughnasa o alla domenica (o lunedì) più prossima alla festa. Un tempo i giovinetti e le giovanette stavano su per i monti nella brughiera da mattino a sera a raccogliere i mirtilli e a fare amicizia, era perciò una festa dedicata al corteggiamento e a combinare i matrimoni. continua
2) glen: è una  tipica valle scozzese solitamente allungata e profonda con una forma ad U
3) linn:  cascata dal gaelico scozzese linne
4) licht:  termine scozzese per light qui con significato di allegro

FONTI
http://www.grianpress.com/Tannahill/TANNAHILL’S%20SONGS%2026.htm
https://thesession.org/tunes/10655
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/752.html

I WAS A BLACKBIRD BY MAY BRADLEY

I “giorni della merla” sono per tradizione i giorni più freddi dell’anno e così come per l’orso valdostano (o la marmotta made in USA, Canada) si ricavano pronostici: se i giorni della merla sono davvero freddi, la Primavera sarà bella; se sono caldi, la Primavera arriverà in ritardo. I giorni della merla non sono però ben delimitati possono essere gli ultimi tre giorni di Gennaio ma anche i primi tre di Febbraio. Ipotesi astruse e leggende sono sorte per giustificare il proverbio, la più diffusa risale al Medioevo e spiega il colore della livrea grigio cenere della merla (che si è sporcata con la fuliggine del camino dentro cui era riuscita a ripararsi per sopportare il gelo) (vedi)
Le previsioni per l’annata agraria a venire (e il momento giusto per seminare) è ribadito anche da un altro proverbio che recita:“Quando vien la Candelora, de l’inverno semo fora; ma se piove o tira il vento, de l’inverno semo dentro”.
Lungo le rive del Po c’è ancora l’usanza di festeggiare i giorni della merla con dei canti e l’accensione di un falò.

IL MERLO ARALDO DELLA DEA RHIANNON

Nella tradizione celtica: Il merlo (druid dhubh) è associato alla Dea Rhiannon. La leggenda dice che gli uccelli di Rhiannon sono tre merli, che sono appollaiati e cantano sull’albero della vita ai confini con i mondi ultraterreni. Il loro canto, mette l’ascoltatore in uno stato di trance, che gli consente di recarsi nei mondi paralleli. (da qui)

Scrive Lawrence Sudbury “La dea Rhiannon è una dea lunare gallese il cui nome significa Grande (o divina) Regina. Per molti versi è una figura di potere assoluto, sovrana degli dei e, a livello filosoficamente più alto, rappresentante simbolica della natura… Ancora in sintonia con l’immagine della madre, la dea è nota per avere uccelli magici che cantano canzoni incantate che riportano sonni tranquilli agli esseri umani (i suoi figli) e, infine, ritornando al suo ruolo creativo anche sul piano simbolico, agisce come una Musa, portando l’energia illuminante di ispirazione per scrittori, poeti, musicisti e artisti” (da qui)

Il merlo maschio è di piumaggio nero come il corvo, ma il suo becco è di un vivace giallo-arancio (colore che borda anche il suo occhio rendendolo vivace) inoltre è più piccolo; il suo canto è gioioso e il suo fischio è descritto come pulito e flautato. Il verso del merlo è simile a un “tciu tciu tciu” che diventa “cie ciecie” quando è irritato. Quando ha paura, il fischio diventa acuto e stridente. I merli imparano subito qualsiasi melodia e tendono, poi, a ripeterla continuamente. Non è raro che riproducano anche il canto di altri uccelli. Quando cantano i merli, tendono ad appollaiarsi in cima agli alberi. Si tratta di uccelli vivaci e molto attenti. Tendono a formare coppie stabili e a vivere isolati eccetto che durante il periodo delle migrazioni, quando si spostano in gruppo. (continua qui)

IF I WAS A BLACKBIRD

Una canzone piuttosto recente sebbene di autore anonimo risalente forse alla fine dell’ottocento o più probabilmente ai primi del novecento, “If I was a Blackbird” è stata resa  popolare in Gran Bretagna e America negli anni 30 e 40 da Delia Murphy e negli anni 50 da Ronnie Ronalde. La melodia tradizionale è un valzer, rallentato più spesso come slow air.
Molti studiosi considerano il brano un lavoro di ricucitura  ottenuto mettendo insieme dei ‘floating verses’ presi da varie canzoni popolari (un mash-up si direbbe oggi) .

LA VERSIONE GALLESE

Una versione diversa da quella “irlandese” interpretata da Delia Murphy (qui) è invece la testimonianza di May Bradley (1902-1974), proveniente da una famiglia di gitani  (di origine Romany) depositaria dei canti rurali della parte Ovest del Midlands inglese e del Galles.

Oh Lord, madam, I could tell you lovely ‘istory …  But it’d take me such a long while to think back, you know.

The speaker is May Bradley, talking to Fred and Margaret Hamer in Ludlow, Shropshire, half a century ago.  Over the course of a number of visits she did indeed impart a great deal of ‘lovely ‘istory’, committing to posterity a wealth of songs the origins of which date back to long before she was born, and telling us much in passing about working-class rural life experiences during the first quarter of the twentieth century.  She was born 19 January 1902 to Romany parents named Robert and Esther Smith.  When enumerated in the 1911 census, aged only nine years, her parents gave her birthplace as Clipstone, in Glamorganshire, although in later life she claimed to have been “bred, borned and raised just ‘round ‘ere [i.e.  the vicinity of Ludlow] …  Well, Monmouthshire …  Chepstow in Monmouthshire I were born.” Her own and many other Romany families travelled extensively around the west Midlands and into the near areas of Wales, wherever the opportunity for gainful employment led them.  May Bradley was descended from a long line of singers within her immediate family, and from close contact with other travellers over an extended period additionally absorbed many items into her repertoire. (Rod Stradling da qui)

May registrò il brano ben tre volte e possiamo ascoltarla nella raccolta “May Bradley: Sweet Swansea” ristampata nel 2010 dalle registrazioni sul campo di  Fred Hamer a Ludlow, Shropshire, (settembre 1959, luglio e settembre 1965, aprile 1966).
Una versione ripresa da Sam Lee  (giovane artista il cui cd  d’esordio è stato premiato come migliore album del 2012 dalla rivista Froots) nel suo secondo Cd uscito nel 2015. Dice Sam Lee  “She has this amazing modal tune for it, unlike anyone else’s and lyrically, hers is so much more punchy and tenacious – about loving this soldier, being pregnant, being cast out by her community.” (tratto da qui)

ASCOLTA Sam Lee&Friends in ‘The Fade in Time’, 2015
Scrivono in “A walk around Britain“: Sam seems to agree with us that the most fitting place for traditional British songs is deep in the landscape that produced them. Concrete and car-horns are not the finest folk accompaniment, but birds of the field, wind through woods, and rhythmic sea-tide, most certainly are. These are the contexts that birthed the old songs, the invisible background to all ballads of Britain.
E così nel video diretto da Michael Smythe ci sentiamo completamente immersi nella terra

Nel web circola una versione testuale molto diversa da quella veramente cantata da Sam, così sono risalita alla versione di May Bradley riportata qui e le differenze sono minime

I
Now it’s of a  fair damsel (1) my fortune were had
I were overcourted by a rakish (2) young lad.
I have kept me love’s company night and be day
But now Johnny’s lifted, sure he’s gone far away.
CHORUS
Now if I were a blackbird (3) I’d whistle, I’d sing
I would follow the ship that my true love sailed in
On the top of his mainmast I would build my nest (4)
That long night, sure I’d gaze upon his lily white breast.
II
My love’s an old soldier but he’s neat, tall and thin.
There is none in the army come equal to him.
With his red rosy cheeks and his curly black hair
His flattering tongue draws my heart to a snare.
III
Now some people’s talking I’m out of my mind.
Some people says that I’m large with a child
But it’s let them be talking and say what they will
For the love I’ve got for him I’ll keep it up still.
IV
Now if I were a scholar I’d handle me pen
I would write him a letter, to him would I send.
God sends him safe sailings and fair winds to blow
There is adieu to my true love wherever he go.
Traduzione di Cattia Salto
I
Ero una giovane fanciulla che ebbi la fortuna
di essere corteggiata da un ragazzo  vagabondo(2),
ho accettato la compagnia del mio amore notte e giorno
ma oggi Johnny mi ha lasciato, è così, è andato via.
RITORNELLO
Se fossi un merlo (3), potrei fischiettare e cantare,
seguirei la nave su cui naviga
il mio amore

e in cima all’albero maestro potrei costruire il mio nido (4)
e per tutta la notte volgerei lo sguardo sul suo candido petto 
II
Il mio amore è un veterano ma è bello, alto e snello,
nessuno nell’esercito
lo eguaglia
con le sue guance rosa e i neri capelli mossi
la sua parlantina ha preso il mio cuore in trappola
III
C’è chi dice che sono pazza,
altri dicono che sono incinta,
ma lasciate che sparlino e dicano quello che vogliono,
perchè l’amore che ho per lui resterà sempre saldo
IV
Se fossi uno studente e sapessi scrivere con la penna
gli scriverei una lettera e a lui la manderei,
che Dio lo preservi al sicuro in mare e che venti favorevoli lo sostengano
con l’addio al mio vero amore
ovunque egli vada.

NOTE
1) Sam dice “” young woman”
2) La parola “Rake” si traduce in italiano con libertino forse un diminutivo di ‘rakehell’ (dissoluto), che, a sua volta, deriva dall’Islandese antico “reikall,” dal significato di “wandering” (nomade) o “unsettled” (instabile). Un “rake” era un affascinante giovane amante delle donne, delle canzoni, dedito al gioco d’azzardo e all’alcool, ma anche uno stile di vita di moda tra i nobili inglesi nel corso del 17° secolo. Nel suo significato più negativo il libertino è un debosciato in quello più “trasgressivo” è un giovane scapolo gaudente che si diverte fin che può prima di sistemarsi con il matrimonio e “mettere la testa a posto”.
3) i merli formano coppie stabili che vivono isolate. Le migrazioni avvengono durante la notte dalle regioni più settentrionali con spostamenti verso sud-ovest. In Italia i merli sono stanziali.
4) negli antichi velieri in cima all’abero maestro c’era la crocetta detta colloquialmente crow’s nest (= nido del corvo) era una piattaforma riparata nel punto più alto della nave per gli avvistamenti, così nel verso successivo l’innamorata dichiara che se fosse di vedetta sulla crocetta, punterebbe il suo cannocchiale sull’innamorato e non sull’orizzonte.

FONTI
https://shailapersonalspace.wordpress.com/2014/05/25/messaggero-il-merlo/
http://www.mustrad.org.uk/articles/bradley.htm
https://www.theguardian.com/music/2012/oct/28/sam-lee-gypsy-folk-music
https://mainlynorfolk.info/folk/songs/ifiwereablackbird.html

SHROVE TUESDAY&FRITTELLE

HERE WE COME A-SHROVEN

A Carnevale secondo le consuetudini delle questue rituali delle isole Britanniche ecco girare per il villaggio  la solita allegra brigata che canta
Shroven, shroven, here we come a-shroven
a piece of bread, a piece of cheese, a piece of your fat bacon
The roads are very dirty
My boots are very clean
I have a little pocket to put a penny in

L’occasione per i ricchi e benestanti era quella di fare beneficenza per sgravare la coscienza  e  purificarsi dai peccati ( ed esaurire le scorte di cibo “grasso” per l’imminente digiuno quaresimale).
Nel tempo la questua diventa quella dei bambini che preferiscono i dolci al posto di pane e salame e accompagnano il canto con delle minacce di ritorsione nel caso di rifiuto (come per il dolcetto o scherzetto di Halloween).
I’ve come a shro’in
voa a little pancaik
a bit of bread of your baikin’
oa a little truckle cheese o’ your mailin’:
if you gie me a little, I’ll ax o more,
if you don’t gi me notin’, I’ll rattle your door”
(Hertforshire shrovin)

ASCOLTA John Kikpatrick in Make No Bones, 2007 – We Be Come A-shroving

PANCAKE DAY

Sulla scia delle crepes per la candelora, ecco la versione pancake per Carnevale, così nelle Isole Britanniche si festeggia la fine del Carnevale nel Martedì Grasso con il Pancake day. Tradizionalmente si celebrava 47 giorni prima della Domenica di Pasqua e quindi il Pancake day poteva cadere tra il 3 febbraio e il 9 marzo.
La ricetta non è mai la stessa e occorre subito fare un distinguo anche se il termine è tradotto con “frittelle” non sono le nostre frittelle tradizionali per Carnevale (che peraltro si differenziano per nomi e preparazioni da Nord a Sud d’Italia) è quindi più corretto tradurre pancakes con frittelle americane in quanto diventate una
ricetta tipica degli Stati Uniti.

Queste “frittelle americane” ricordano le crepes ma sono più piccole e spesse con due differenze sostanziali: si aggiunge un po’ di lievito per far gonfiare l’impasto durante la frittura e la dose dell’impasto da cuocere per ogni frittella è grossomodo il triplo rispetto alla crepe. Per la verità le “frittelle” non sono fritte in modo letterale perchè non vengono immerse nell’olio caldo, ma sono cotte in una padella o piastra appena unta di grasso in modo che l’impasto non attacchi (un po’ di ricette qui)
La versione delle Isole Britanniche prende il nome di Scottish (Scotch) pancake: le ricette variano c’è chi ci mette il burro e chi no come pure le dosi di zucchero ma la base è una pastella di farina, zucchero, uova e latte.

Se proprio vogliamo trovare un’origine di queste crepes o cialde o frittelle non c’è però bisogno di scomodare la Francia o la Germania e nemmeno la Grecia, basta guardare alle preparazioni tradizionali della cucina delle isole britanniche e al pane di Beltane (vedi).
A seconda di come veniva cotto l’impasto base comune in tutte le ricette, prendeva una consistenza diversa, così vennero anche costruite delle apposite “padelle” detti testi e nascono i gaufre o waffle dei paesi germanici e scandinavi, preparati guarda caso per la festa della Candelora e del Martedì Grasso.
Nella tradizione montanara del Piemonte rispuntano con il nome di gòfri o gòffre (specialità dell’Alta Val Chisone e Alta Val Susa ma anche di certe zone della Valle d’Aosta) anche in versione salata.
Un tempo ogni famiglia aveva la sua piastra di ghisa per cuocere sulla stufa a legna queste cialde, croccanti all’esterno e morbide all’interno,  servite con abbondante miele colato sopra: il nome deriva probabilmente dal francese gauffre il favo di miele, per il caratteristico disegno a grata che vi resta impresso.

In Piemonte invece delle frittelle si preferiscono le Chiacchiere di Carnevale, una pasta con burro, zucchero, uova, latte e farina stesa sottile e fritta (olio di arachidi a 170°) “Dolce tipico della tradizione lombarda, le Chiacchiere di Carnevale cambiano nome da regione a regione. Ad esempio al Nord e al sud sono generalmente chiamate con il loro nome d’origine, ma a Mantova e dintorni prendono invece il nome di lattughe, in Toscana si chiamano cenci, in Trentino grostoli, in Liguria bugie, nel Lazio frappe.” (tratto da qui)
Le regole per un buon fritto qui

FONTI
https://traditionalcustomsandceremonies.wordpress.com/2015/02/28/custom-survived-east-hendred-shroving/
http://www.girovagate.com/2011/02/il-martedi-grasso-londra-e-il-pancake.html

http://www.babyledweaning.com/2012/its-pancake-day-my-old-grand-mothers-recipe-for-scottish-scotch-pancakes/
http://www.bbc.co.uk/scotland/food/pancake_day_in_scotland.shtml
http://www.alimentipedia.it/pancakes-allo-sciroppo-acero.html
https://www.greenme.it/mangiare/vegetariano-a-vegano/1577-chiacchiere-castagnole-e-sanguinaccio-ricette-vegan

http://www.alimentipedia.it/waffle-waffel-gaufre.html
http://ontanomagico.altervista.org/pane-beltane.htm
http://ontanomagico.altervista.org/imbolc-la-festa-celtica-delle-calende-di-febbraio.html