THO’ THE LAST GLIMPSE OF ERIN

Dell’antica “slow air” in gaelico irlandese dal titolo “The Coolin”  ci furono nel Settecento parecchie trascrizioni in inglese, nonchè arrangiamenti in stile classico della melodia.
Il testo più antico (in gaelico) è attribuito al bardo di Tyrone Maurice O’Dugan ed è un canto d’amore indirizzato a una soave creatura bionda dalla bellezza di fata (prima parte qui), ma adattamenti alla melodia sia in gaelico che in inglese (o traduzioni in versi) sono comuni per tutto il settecento e ottocento; qui si esaminano due versioni la prima attribuita a Donagh McDonagh, la seconda sui versi del poeta irlandese Thomas Moore con il titolo “Tho’ the last glimpse of Erin”

LA VERSIONE IN INGLESE: CUILIN

ASCOLTA Al O’Donnell iin’Al O’Donnell’, 1972


I
Oh say did you see her by the gloaming
or the sunrise as she stepped like a fawn in Ballinagar(1)
or sang far sweeter than the lark or thrush at eventide.
II
Red ripened her cheek is,
Like the berry upon a tree and her neck more graceful than the swan is,
her lips like petals from the red rose smile on me.
III
When she was a little girl, and I a tender child I loved her,
But her parents’ money placed between us
So farewell my cúilín deas mo chroí (2) Fair Flower of Ballinagar
IV
Wait for me forever,
By the place where we lay alone,
Through the night where the elfin storm winds whistle
and the old ash tremble in the dark with fearful moan.
V
I will come to my cúilín
Ere the life from my corpse shall wander
and will hold as I did when in my childhood
my little jewelled flower of Ballinagar.
Tradotto da Cattia Salto
I
L’avete vista, al tramonto o all’alba,
che incede come un cerbiatto a Ballinagar
o canta più dolcemente dell’allodola o del merlo sul far della sera?
II
Rosso acceso sono le sue guance
come le bacche sull’albero e il suo collo è più aggraziato di un cigno,
le sue labbra come petali di rosa rossa mi sorridono.
III
Quando lei era una bimbetta e io un tenero bimbo l’amavo,
ma il denaro della sua famiglia stava tra noi due
così addio mia ragazza dai lunghi capelli biondi, il bel fiore di Ballinagar.
IV
Aspettami per sempre nel posto dove stavamo soli
nella notte dove la schiera elfica
soffia il flauto
e il vecchio frassino trema nel buio con lamento spaventoso.
V
Verrò dalla mia ragazza
prima che la vita dal mio corpo se ne vada
e terrò come facevo nella mia gioventù il mio piccolo prezioso fiore di Ballinagar

NOTE
1) Ballinagar = Ballynagore, Bellanagare nella contea di Roscommon. ma ci sono molte cittadine dal nome simile sparse un po’ per le contee d’Irlanda
2) cúilín deas mo chroí = è in gaelico sweet fair (haired) maiden of my heart

LA VERSIONE IN INGLESE: THO’ THE LAST GLIMPSE OF ERIN

1934.44_CAMAnche il poeta inglese Thomas Moore scrisse una poesia sull’antica melodia, trasfigurando l’immagine della creatura fatata nella personificazione dell’Irlanda.
L’immagine che emerge dai versi è quella di una selvaggia e fiera fanciulla vilipesa dai conquistatori Sassoni che hanno costretto le popolazioni gaeliche a ritirarsi verso Ovest nelle terre meno fertili.
ASCOLTA Ethel Onnis & The book of Kells


I
Tho’ the last glimpse of Erin with sorrow I see,
Yet, wherever thou art shall seem Erin to me./In exile thy bosom shall still be my home,
And thine eyes make my climate, wherever we roam.
II
To the gloom of some desert or cold rocky shore,
Where the eye of the stranger can haunt us no more,
I will fly with my Coulin and think the rough wind
Less rude than the foes we leave frowning behind.
III
And I’ll gaze on thy gold hair as graceful it wreathes,
And hang o’er thy soft harp as wildly it breathes;
Nor dread that the cold-hearted Saxon will tear
One chord from that harp, or one lock from that hair.
Tradotto da Cattia Salto
I
Anche se l’ultimo scorcio d’Irlanda vedo con rimpianto
ovunque tu sia sarai Irlanda per me.
In esilio il tuo seno sarà ancora la mia casa
e i tuoi occhi saranno il mio cielo ovunque andremo
II
Verso un  tristo deserto o una fredda spiaggia rocciosa
dove gli occhi dello straniero non ci potranno più perseguitare
volerò con la mia ragazza e considererò il vento furioso meno rude dei nemici minacciosi che ci lasciamo indietro.
III
E veglierò i tuoi capelli dorati che di grazia ti coronano
e appenderò la tua dolce arpa che indomita suona;
per tema che il Sassone cuore di ghiaccio strappi
una corda da quell’arpa o una ciocca da quei capelli.

Il brano però spopola nelle compilation di musiche per meditazione e simili..

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=20475
http://www.libraryireland.com/Irish-Melodies/Though-the-last-glimpse-of-erin-1.php
http://www.contemplator.com/ireland/thoerin.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*