THE LOW LANDS OF HOLLAND

“The Low Lands of Holland” è un lament  popolare nelle Isole Britanniche che si inserisce nel filone dei canti contro la guerra ovvero i canti di protesta e anti-reclutamento della balladry anglo-americana, è anche una love song in cui si esalta la fedeltà amorosa, che sfida la lontananza e anche la morte.

Arthur Hughes The Sailing Signal Gun 1881Di probabile origine seicentesca, si trova trascritto nei broadsides della seconda metà del ‘700 (con il titolo The Sorrowful Lover’s Regrate – Il lamento dell’amante addolorata) (vedi) ed è ancora popolare durante le guerre napoleoniche, perché diventato simbolo in Irlanda dello sfruttamento militare inglese. La marina militare inglese (Royal Navy) ha ampiamente fatto ricorso all’arruolamento forzoso (impressment) in particolare durante le guerre tra Inghilterra e Olanda per il predominio sui mari del 17° secolo.

Diffusa nelle sue molte varianti in tutte le Isole Britanniche – 7 versioni testuali (senza contare le piccole varianti) e almeno cinque diverse melodie – è la storia di una donna che la notte stessa delle nozze è abbandonata dallo sposo, il quale si arruola in marina per andare a combattere nelle “Lowlands of Holland.”

LA VERSIONE IRLANDESE

ASCOLTA The Dubliners , la ripropongono negli anni 70 nei circuiti dei folk clubs

ASCOLTA The Chieftains & Natalie Merchant nel Cd Tears of Stone – 1999, il cd registrato in collaborazione con le voci femminili della scena folk rock internazionale. La melodia è lenta, malinconica e ben si abbina al tono triste e amaro della storia e alla voce di Natalie (la poetessa statunitense del folk rock) dai toni bassi e profondi.
(strode I, II, IV)

I
On the night that I(1) was married
And upon my marriage bed
There came a bold sea captain
And he stood at my bedhead
Saying, “Arise, arise, young wedded man
And come along with me
To the lowlands of Holland (2)
To fight the enemy”.
II
Now then, Holland is a lovely land
And upon it grows fine grain
Surely ‘tis a place of residence
For a soldier to remain
Where the sugar cane is plentiful
And the tea grows on the tree
Well, I never had but the one sweetheart
And now he’s gone far away from me
III
Said the mother to her daughter
‘Give up your soil and bed
Is there ne’er a man in Ireland?
That will be your heart content
Way there’s men enough in Ireland
But alas there is none for me
Since high wind and stormy sea’s
Have parted me love and me
IV
I will wear no stays around my waist(3)
Nor combs all in my hair
I will wear no scarf (4) around my neck
For to save my beauty there (5)
And never will I marry (6)
Not until the day that I die
Since these four winds and these stormy seas
Came between my love and I (7)
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
La sera che mi (1) ero appena sposata
accanto al mio letto di nozze
venne un coraggioso capitano
e stava ritto al capezzale
dicendo: “Alzati alzati, giovane sposo
e vieni con me
nei Paesi Bassi d’Olanda(2)
a combattere il nemico”.
II
Così l’Olanda è un paese meraviglioso
e ci cresce buon grano,
di sicuro è un posto dove stare
per un soldato che si ferma,
dove la canna da zucchero è rigogliosa
e il tè cresce sugli alberi.
Beh, non avevo che un amore
e ora è andato molto lontano da me.
III
Disse la madre alla figlia
“Abbandonare casa e letto!
Ci sarà mai un uomo in Irlanda
che ti farà felice?”
“Ci sono abbastanza uomini in Irlanda,
ma ahimè nessuno è per me,
da quando venti forti e oceani tumultuosi
mi hanno separata dal mio amore.
IV
Non mi metterò cintura in vita (3)
né pettine fra i capelli,
non indosserò sciarpine (4) intorno al collo
per mantenere la mia bellezza (5)
e non mi sposerò (6)
fino al giorno della mia morte,
da quando venti forti e oceani tumultuosi
si misero tra il mio amore e me.” (7)

NOTE
1) ho preferito far dire la prima strofa alla donna , anche se nelle ballate si salta spesso da palo in frasca senza nessun preavviso così la frase potrebbe essere detta dallo sposo.
2) In realtà con l’Olanda si intendono le colonie olandesi nelle Indie Occidentali o molto più probabilmente la New Holland cioè l’Australia visto che ci crescono le piantine del tè e la canna da zucchero. Ma potrebbe trattarsi anche del Suriname ovvero la Guyana olandese.  Nelle sea song/shanty song le Lowlands sono più in generale le isolette caraibiche.
3) i Dubliners dicono: “I’ll wear no shoes all on my feet”
4) scritto come scarf o come handkerchief in segno di modestia la fanciulla rinuncia ad ogni artificio per farsi bella
“As bodices were cut lower and lower, silk and lace scarves were much used to preserve modesty (while at the same time, of course, drawing attention to a lady’s assets). Frothy muslin buffon scarves were often pinned about the breast, sometimes layered as high as the chin in an attempt to enhance the area’s perceived shape and size.” (tratto da qui)
5) i Dubliners dicono “For to shade my beauty fair”
6) evidentemente i due non hanno consumato e quindi il loro matrimonio non poteva considerarsi valido. Più in generale la donna dichiara eterna fedeltà al suo novello sposo, nonostante sia stata abbandonata la notte delle nozze.
7) oppure “Have parted me love and me” Probabilmente il giovane è morto in guerra o annegato in mare e la vedova dichiara il suo lutto.

LA VERSIONE SCOZZESE

Una versione diversa è quella diffusa in Scozia.
Come scrivono gli Steeleye Span nelle note nel loro primo album “Hark! The Village Wait
“Although it happens quite often in the field of folk music that many versions of a particular song are reported, it is rare that, so in the case of of Lowlands of Holland, completely differing story lines are recorded. James Reeves (The Everlasting Circle) suggests that “there may have been an original in which a young bridegroom is pressed for service in the Netherlands, but in some of the later versions Holland appears to have become New Holland, the former name for Australia, which has perhaps been confused with the Dutch East Indies.” The words of the version we perform refer to Galloway (Scotland) but the song crops up in all parts of the British Isles. Our tune was learned from Andy Irvine, a former member of Sweeney’s Men. ” (tratto da qui)

oppure nella versione rivisitata dei Levellers


I
The love that I have chosen I”ll therewith be content
And the salt sea shall be frozen before that I repent
Repent it shall I never until the day I dee
But the lowlands of Holland has twined my love and me.
II
My love lies in the salt sea and I am on the side
It’s enough to break a young thing’s heart what lately was a bride.
But lately was a bonny bride with pleasure in her e’e.
But the lowlands of Holland has twined my love and me.
III
My love he built a bonny ship and set her on the sea
With seven score (1) good mariners to bear her company.
But there’s three score of them is sunk and three score dead at sea
And the lowlands of Holland has twined my love and me.
IV
My love has built another ship and set her on the main
And nane but twenty mariners all for to bring her hame.
But the weary wind began to rise, the sea began to roll
And my love then and his bonny ship turned widdershins about.
V
There shall nae a quiff(2) come on my head nor comb come in my hair
And shall neither coal nor candlelight shine in my bower mair.
And neither will I marry until the day I dee
For I never had a love but one and he’s drowned in the sea.
VI
“Oh hold your tongue my daughter dear, be still and be content.
There’s men enough in Galloway (3), you need not sore lament.”
“Oh there’s men enough in Galloway, alas there’s none for me
For I never had a love but one and he’s drowned in the sea.”
Traduzione di Cattia Salto
I
Sarò sempre contenta dell’amore che ho scelto
e il mare piuttosto si congelerà prima che me ne penta,
non avrò mai a pentirmi finchè avrò vita,
anche se le terre basse d’Olanda hanno legato indissolubilmente il mio amore e me
II
Il mio amore giace nel mare salato e io sono al sicuro,
è abbastanza per spezzare il giovane cuore di una novella sposa,
che poco prima era una bella sposa con la gioia negli occhi:
ma le terre basse d’Olanda hanno legato indissolubilmente il mio amore e me
III
Il mio amore costruì una bella nave e la mise in mare
con 140 bravi marinai per tenerle compagnia
ma una sessantina sono andati a fondo e una sessantina morti in mare
e le terre basse d’Olanda hanno legato indissolubilmente il mio amore e me
IV
Il mio amore ha costruito un’altra nave e messa in mare
con appena 20 marinai per portarla a casa
ma un vento teso iniziò ad alzarsi e il mare incominciò a rollare
e il mio amore allora con la sua bella nave furono presi nel vortice.
V
Non mi metterò una cuffietta in testa nè mi pettinerò i capelli
nè carbone o candela brillerà nella mia camera,
e mai mi sposerò fino al giorno della mia morte
perchè non avevo che un amore ed è affogato in mare.
VI
“Tieni a freno la lingua figlia mia
stai zitta e contenta.
Ci sono abbastanza uomini nel Galloway (3) non c’è bisogno che ti lamenti”
“Ci sono abbastanza uomini nel Galloway ;
ma non per me
perchè non avevo che un amore ed è affogato in mare.”

NOTE
1) score equivale a 20
2) letteralmente ciuffo
3) regione sud-ovest della Scozia che diede i natali a Robert Burns

FONTI
http:[email protected]?songid=6646
http://www.antiwarsongs.org/canzone.php?id=3318&lang=it
https://mainlynorfolk.info/martin.carthy/songs/lowlandsofholland.html

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*