THE BUNCH OF THYME OR THE WARNING SONGS IN FOLKS

Nelle ballate antiche (e non solo di quelle in lingua inglese)  non sono insoliti ritornelli su fiori,  erbe e piante, forse il più famoso è quel “prezzemolo, salvia, rosmarino e timo” (in inglese Parsley, sage, rosemary and thyme) che nella versione di Simon & Garfunkel divenne il tormentone musicale pop sul finire degli anni sessanta .  L’aggiunta di erbe, verdure, fiori nel ritornello annunciava al pubblico l’ascolto di una storia “piccante” ovvero a sfondo erotico con significati più o meno nascosti. Il pubblico così era avvisato che le parole e le frasi avevano dei doppi sensi.

Un filone ancora più specifico è poi quello della warning song  in cui le erbe compaiono come simboli per insegnare alla fanciulle i comportamenti più socialmente convenienti,  nello specifico  che si mantenessero pure e caste fino al matrimonio.
Nelle ballate la pianta associata al concetto di purezza fu il timo erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso unitamente alla salvia, per l’antica credenza che  il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie.

IL TIMO

thymeIl timo è una pianta aromatica, da sempre utilizzata per uso medicinale e in cucina. E’ una pianta però strettamente legata alla nostra ghiandola del timo e non solo per il nome datole da Galeno .
“Nel secondo secolo Galeno chiamò “timo” quella ghiandola bilobata, rosa-grigiastra, situata nella parte alta del torace perché, racconta la leggenda, gli ricordava un mazzetto di timo. Ma lo stesso timo aveva preso tale nome perché veniva bruciato come incenso sugli altari degli dei. Pertanto la parola timo ricorda l’alzarsi del fumo; il bruciare dell’incenso come sacrificio innalzato verso gli dei. Secondo gli antichi Saggi, quando in noi nascono l’aspirazione spirituale, il canto di ringraziamento e l’esternazione di amore, ciò avviene in un punto situato sopra il cuore, il nostro “altare interiore”. Pertanto, per loro, il timo rappresentava anche il respiro dell’anima, dal quale dipende l’energia dell’uomo e il suo coraggio. .. La ghiandola timo controlla e regola il flusso di energia nel nostro organismo, ed è in grado di iniziare una correzione istantanea per riequilibrare eventuali squilibri e riportare armonia e normalità al flusso energetico. Il timo può perciò essere considerato come l’anello di congiunzione tra mente e corpo, in quanto è il primo organo fisico ad essere influenzato dall’attitudine mentale e dallo stress. “ (tratto da qui)

I greci credevano che il timo potesse infondere il coraggio e i guerrieri lo utilizzavano come olio balsamico per frizionare il corpo prima della battaglia e nel medioevo era usato per adornare le armi dei cavalieri ; i suoi fiorellini attirano le api che producono un ottimo miele e forse anche per questo è considerata una pianta in cui le fate dove amano dimorare o danzare.  In una ricetta seicentesca per preparare un balsamo da spalmare sugli occhi era l’ingrediente principale: si poteva così alzare il velo dell’invisibilità che nasconde le creature fatate e fronteggiarle senza pericolo!
Si credeva che il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie. Per le sue proprietà antisettiche e antibatteriche poche gocce di olio essenziale di timo vengono ancora oggi utilizzate per purificare l’aria di casa. Per estensione il timo rappresenta nelle ballate popolari la verginità e la purezza femminile.
Era un erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso.

THE BUNCH OF THYME

E’ un canto tradizionale irlandese probabilmente di origini seicentesche in cui si esorta le fanciulle a custodire la propria verginità come un fiore prezioso. Chi canta è una ragazza alla quale un marinaio di passaggio ha rubato il cespuglio di timo piantato nel giardino in cambio di una rosa. Mentre il timo simboleggia la verginità e la purezza femminile, la rosa è il simbolo della passione amorosa, la carnalità di un’unione tra uomo e donna. Ma ben lungi dall’essere una canzone sui piaceri del sesso, la venatura del canto è triste e malinconica, la rosa nel giardino sembrerebbe alludere a una gravidanza in senso infausto, una sorta di punizione per la perdita dell’innocenza fuori dal matrimonio: allora e ancora per tutto l’Ottocento una ragazza-madre era “macchiata” per sempre, disprezzata ed emarginata socialmente, spesso scacciata dalla casa paterna, con davanti solo prospettive di vita degradanti per sè e per il figlio bastardo. Il secondo insegnamento morale della storia conseguente al preservare la verginità per lo sposo, è la certezza che solo nel matrimonio la donna potrà trovare le gioie della vita: accudire al marito, alla casa e ai figli che nasceranno, questo è il suo solo e unico “lieto fine” (continua).

Sebbene il soggetto sia femminile la canzone viene cantata per lo più da uomini, così non perdo l’occasione di farvi sentire due donne, due generazioni affiancate, due colonne del british folk.

ASCOLTA Norma Waterson & Eliza Carthy in “Gift” 2010 Norma, classe 1939, dice nell’intervista (qui) ” “We thought – my generation of musicians – that we’d all get old and grey and there’d be nobody left. And then all this new generation of young musicians came up, and we all said, ‘Thank God.’ So if people say traditional music has got to be like that, or like that, then you’re going to freeze it. You may as well put something in a museum or bury it in the ground in a time capsule and dig it up so many years later to see what it was like then. You can’t do that with tradition. You have to hope each generation brings their own thing to it, so it keeps going forever.”


I
Come all ye maidens young and fair
And you that are blooming
in your prime
Always beware and keep
your garden fair
Let no man steal away
your thyme (1)
Chorus:
For thyme it is a precious thing
And thyme brings all things to my mind
Thyme with all its flavours,
along with all its joys
Thyme, brings all things to my mind
II
Once I had a bunch of thyme
I thought it never would decay
Then came a lusty sailor
who chanced to pass my way
And stole my bunch of thyme away
III
The sailor gave to me a rose(2)
A rose that never would decay
He gave it to me
to keep me reminded
Of when he stole my thyme away
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
Venite tutte voi fanciulle giovani e belle,
voi che siete nel fiore
degli anni,
state sempre attente a custodire
il vostro bel giardino,
e non lasciate che l’uomo rubi
il vostro timo.
CORO
Perchè il timo è cosa preziosa
e mi riporta il passato in mente,
con tutto i suoi aromi
con tutte le sue gioie
il timo mi riporta il passato in mente,
II
Una volta avevo un cespuglio di timo
e credevo che non sarebbe mai appassito, poi venne un marinaio gagliardo a incrociare per caso la mia strada e mi rubò il cespuglio di timo.
III
Il marinaio mi lasciò una rosa
una rosa che mai appassirà,
me l’ha lasciata
per ricordarmi
di quando ha rubato il mio timo.

NOTE
1) associazione per assonanza tra le parole thyme e time è  resa ancora più manifesta nel ritornello, il richiamo alla brevità della giovinezza rende il timo assai prezioso
2) alcuni intendono la rosa come l’allusione a qualche malattia venerea incurabile, oggi è l’AIDS, ma in passato sicuramente la sifilide, il male di Venere che portava alla pazzia e alla morte; più probabilmente indica una gravidanza continua

LET NO MAN STEAL YOUR THYME

Così il tema è ripreso e declinato in molte “warning songs” in cui le erbe compaiono come simboli per avvertire le donne a mantenersi illibate, canzoni che  si ricollegano per lo più alla ballata “The Gardener
La canzone ha conosciuto una vasta divulgazione durante il folk revival degli anni 60-70 e la versione forse più famosa è quella dei Pentangle che fecero loro il testo riportato da Anne Briggs al Festival di Edimburgo nel 1963.

L’avvertenza riguarda il pericolo di una gravidanza fuori dal matrimonio con tutte le conseguenze disastrose che ne derivavano, perchè a quei tempi il bambino che sarebbe nato era esclusivamente un problema della donna, perciò la melodia è triste e il tono è quello del lamento, chi canta è una donna che ha lasciato “fare i propri comodi” ad un uomo senza essere stata abbastanza furba da farsi sposare prima!
Nella versione più estesa  le strofe centrali  introducono la figura del giardiniere, una sorta di surrogato paterno, custode delle convenzioni sociali, ma la fanciulla rifiuta i suoi consigli e preferisce “cogliere la rosa”, eppure invece di ricavarne piacere e vantaggi sociali, viene ingannata e abbandonata.

ASCOLTA Pentangle (strofe I, II, V) un arrangiamento a dir poco inquietante, ma che musica! Jaqui McShee canta solo una parte della canzone

ASCOLTA Carey Mulligan (strofe I, II, III, IV)  Ritornato in auge con la colonna sonora del recente film “Far from the Madding Crowd” (2015).

ASCOLTA June Tabor in “Angel Tiger” 1992., un’intensa interpretazione, una voce appena accarezzata dalle note di tastiera


I
Come all you fair and tender girls
that flourish in your prime,
Beware, beware,
if you’re good and fair(1)
Let no man steal your thyme
II
For when your thyme
it’s past and gone
He’ll care no more for you,
And every place where your garden (thyme) was waste
With spread all over with rue. (3)
III
The gardeners son was standing by,
Three flowers (4)  he gave to me,
The pink (5), the blue (6), and the violet (7) too,
And the red red rosy tree, (8)
IV
But I refuse (forsook)
the red rose bush,
And gained the willow tree (9),
That all the world may plainly see,
How my love slighted me,
V
A woman is a branchy  (lofty) tree
And man a clinging vine (10)
And from her branches carelessly (11)
He’ll take what he can find
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
Venite tutte voi fanciulle giovani e belle, voi che siete nel fiore degli anni, attente, attente, se siete buone e belle
non lasciate che l’uomo rubi
il vostro timo.
II
Perché quando il vostro timo
sarà appassito
non baderà più a voi
ed ogni angolo del vostro giardino distrutto
verrà ricoperto di ruta
III
Il giardiniere mi stava accanto
e tre fiori mi diede (da scegliere)
rosa, azzurro
e viola
e il ramo della rossa rosa  rossa
IV
Ma io abbandonai
il ramo della rosa rossa
e presi il salice
affinchè tutti ora possano ben vedere
come il mio amore mi offese
V
La donna è un albero con molti rami
e  l’uomo è  una vite rampicante
e dai rami di lei, senza riguardi
lui prenderà tutto quello che trova

NOTE
1) oppure” keep your garden fair” in italiano custodite il vostro bel giardino
3) la ruta è simbolo del rimpianto. Il verso si potrebbe quindi tradurre più liberamente “e il vostro cuore incolto e calpestato sarà pieno del vostro rimpianto”.
4)  non sono indicati i nomi dei fiori ma tre colori: rosa, azzurro e viola; in questo contesto il giardiniere è un surrogato della figura paterna che indirizza la fanciulla verso tre pretendenti che sono però respinti dalla donna in favore del ramo della rosa.
5) the pink è un temine è un po’ generico e sta a indicare una grande varietà di fiori rosa, ma si ritiene indichi il “pink rockrose“, ossia il cistus, arrivato nei giardini inglesi intorno al 1650. Sono fiori più propriamente appartenenti alla macchia mediterranea dette “rose di maggio” sia per il periodo della fioritura che per la somiglianza con le rose selvatiche.
6) the blue è un altro termine generico che indica dei fiori azzurri, immaginando che il nome non indichi solo il colore ma sia una forma abbreviata del nome comune, potrebbe trattarsi del bluestar ossia l’amsonia, ma anche la lavanda ha fiori blu e le blubell sono una grande varietà di fiori a campanella per lo più di colore azzurro
7)  la viola è il fiore  della modestia
8) Rosa rossa= amore romantico, lussuria o “passione sfrenata”
La fanciulla prima “coglie la rosa” e poi però nella IV strofa si pente e prendere il ramo del salice
9) Salice= fertilità, ma anche tristezza, dolore e in questo contesto sta proprio ad indicare un amore infelice, abbandonato
10) mi verrebbe di tradurre “edera” perchè è una pianta infestante che si abbarbica ai rami delle piante per succhiare la linfa, senonchè nella tradizione popolare l’edera è associata al principio femminile.
11)  In questo genere di canzoni prevale il convincimento che le gioie del sesso siano ad esclusivo appannaggio maschile.

(Cattia Salto)

terza parte qui

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/fiori-erbe-buone-maniere-e-pruderie-nelle-antiche-ballate.html
http://ontanomagico.altervista.org/rosa.htm
http://www.irishpage.com/songs/thyme.htm http://mainlynorfolk.info/joseph.taylor/songs/sprigofthyme.html http://www.dionidream.com/la-ghiandola-timo-sorgente-di-vita-e-di-volonta/
http://mysongbook.de/msb/songs/l/letnoman.html http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico-storia.htm http://www.musicaememoria.com/1968_the_pentangle.htm
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=51725

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*