THE BOATIE ROWS

lynn-sheridan-porto-pescatoriUna canzone molto popolare nel Fife scozzese che Robert Burns attribuì a John Ewen (1741–1821), un curioso personaggio poeta e mercante di Aberdeen.

Robert Chambers scrive in Scottish Songs Prior To Burns (1890): “ This beautiful song of the domestic affections, which Burns thought nearly equal to “There’s Nae Luck About The House” was stated by him to have been the composition of ‘a Mr Ewen of Aberdeen’, and the statement has never been contradicted. The person referred to appears to have been Mr John Ewen, a dealer in hardware in Aberdeen, who died on the 21st of October 1821, at the age of eighty. He was a native of Montrose, and at his death he destined his entire fortune, of about £16,000, for the founding of a hospital for the nurture and education of poor children in that burgh. It will be learned with surprise, that in this destination he overlooked a daughter who had married, as he probably thought, imprudently – a strange comment of fact upon the sentiment so touchingly indicated in the song. The will, however, was set aside by a decision of the House of Lords.”

Nel Northumberland troviamo un motivo simile sempre risalente a metà del 1700 intitolato “The Keel row” oggi eseguito per lo più come brano strumentale da danza.

La versione cantata è molto ridotta rispetto al poemetto di John Ewen. Colei che canta augura una buona fortuna ai pescatori di Largo Bay nel Firth of Forth (l’estuario di Edimburgo) e in particolare spera che ci sia prosperità per tutta la famiglia. E’ una sorta di preghiera-incantesimo delle donne sull’esempio di tante invocazioni del mare ancora tramandate nelle isole della Scozia per lo più in gaelico scozzese, la lingua qui usata è però lo scots un dialetto tra il popolare e il letterario che Robert Burns portò in auge con il suo genio creativo.

ASCOLTA Cilla Fisher – Songs Of The Fishing 1984

ASCOLTA Margaret Macfarlane da Cockenzie, East Lothian

ASCOLTA Fiona Kennedy in “Coming Home” 2004 eseguita come slow air


ASCOLTA
  sempre la melodia più lenta dalla raccolta sul campo negli anni 1960


I
Oh weel may the boatie row(1)
An muckle may she speed
Weel may the boatie row
That wins oor bairnies’ breid(2)
CHORUS
The boatie rows, the boatie rows,
The boatie rows fu weel,
An’ muckle luck maintain the boat,
The murlin(3) an the creel(4)
II
We dropped oor lines in Largo Bay
An fishes we got nine,
There’s three t’ bile an three t’ fry,
An three t’ bait the line
III
When Sandy, Jock and Janetie
Are up an gotten lear(5)
They’ll help t’ gar(6) the boatie row
An lighten a’ oor cares
IV
Oh weel may the boatie row
That fills a heavy creel
An helps t’ clad oor bairns an’ aa
An buys oor porridge meal(7)
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Che la barca possa andare a pescare
e andare molto veloce
Che la barca possa andare a pescare per portare il pane ai nostri bambini
CORO
La barca va a pescare,
così bene e tanta fortuna tenga la barca al sicuro
e porti tanti sgombri nella nassa(4)

II
Abbiamo lanciato le nostre reti a Largo Bay e abbiamo preso nove pesci
tre da bollire, tre da friggere
e tre per l’esca
III
Quando Sandy, Jock and Janetie
hanno finito con la scuola
ti aiuteranno a far andare la barca
e ad alleggerire il nostro fardello
IV
Che la barca possa andare a pescare per riempire una pesante nassa e aiutarci a vestire i nostri bambini e comprare il nostro pane(7)

NOTE:
1) In scozzese, to ‘row’ = “[t]o go fishing, to put to sea in a fishing-boat whether it is propelled by oars or any other means
2) bread
3) Murlin: mackerel
4) creel: round, narrow-mouthed basket used by fishermen in italiano si usa il termine “nassa“: si tratta di una cesta costruita a mano dai pescatori con materiali facilmente lavorabili tipo giunco o vimini. È chiusa ad una estremità, mentre dall’altra è costituita da un imbuto che si apre verso l’interno della cesta, facilitando il passaggio in entrata dei pesci ed impedendone l’uscita. È ancorata sul fondale e serve per la cattura di diversi tipi di pesce, es. polpi e anguille a bassa – media profondità, talvolta anche per le aragoste a grandi profondità.
5) Lear: learning
6) Gar: make
7) letteralmente: farinata

FONTI
http://sangstories.webs.com/boatierows.htm http://www.burnsscotland.com/items/v/volume-v,-song-427,-pages-438-and-439-the-boatie-rows.aspx
http://www.bbc.co.uk/arts/yourpaintings/paintings/john-ewen-17411821-merchant-and-poet-213350 http://www.bartleby.com/333/204.html http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/91708/2;jsessionid=8B32966E0DA095B9E6D4E0A32A19A6FD http://tunearch.org/wiki/Boatie_Rows_(The)
http://tunearch.org/wiki/Keel_Row_(The)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*