THE BLACK VELVET BAND: roguish black eye..

2012_01_20_10_45_30Scanzonata e divertente, “Black Velvet Band” è la tipica canzone che vuol mettere in guardia gli uomini dalle belle donne di facile conquista, perchè procurano solo guai.

La storia è molto semplice: un giovane apprendista uscendo una sera per una passeggiata, incontra una donna dagli occhi color diamante e i capelli raccolti con un nastro di velluto nero, ma lei è una ladruncola e lo coinvolge indirettamente in un furto con destrezza. Tanto basta perchè anche il ragazzo sia condannato a sette anni di lavori forzati e deportato in Tamania.

L’origine della canzone è sconosciuta ma essendo molto popolare e diffusa dall’Irlanda all’America e all’Australia presenta molte varianti testuali, quasi tutte si concludono con la strofa di avvertimento di non bere troppo in compagnia di una bella ragazza: il protagonista sembra voler motivare la sua complicità allo stato di ubriachezza (e di euforia) nel quale si trovava.

Il riferimento alla Tasmania (con il nome più antico di Terra di Van Diemen) colloca la storia tra il 1800 e il 1853 periodo in cui l’isola venne utilizzata dagli inglesi come colonia penale, un espediente a cui ricorrevano i giudici, per fornire mano d’opera a basso costo nei territori di nuova colonizzazione.continua

GUIDA ALL’ASCOLTO
Ho selezionato due varianti testuali: nella prima i due si incontrano in un bar e lui quasi inavvertitamente si trova per le mani un “oggetto” che la ragazza ha rubato ad un cliente. Qui arriva il poliziotto e li arresta entrambi. Nella seconda i due passeggiano a braccetto e lui si accorge dallo sguardo malandrino di lei (her roguish black eye) delle intenzioni poco oneste nei confronti di un gentiluomo che stanno incrociando: con mano lesta, la ragazza alleggerisce il gentiluomo dell’orologio d’oro, e lo passa nelle mani del suo accompagnatore; i due vengono scoperti e anche se non espressamente menzionato, vengono arrestati in flagranza di reato.

Il tono della canzone contiene una buona dose di fatalismo!

ASCOLTA Irish Rovers

CHORUS
Her eyes they shone like the diamond You’d think she was queen of the land
And her hair hung over her shoulder
Tied up in a black velvet band
I
In a neat little town they call Belfast(1)
Apprenticed in trade I was bound
And many an hour of sweet happiness
I spent in that sweet little town
Till bad misfortune befell me
And caused me to stray from the land
Far away from my friends and relations
To follow the black velvet band
II
Well, I was out strolling one evening
Not meaning to go very far
When I met with a pretty young damsel
She was selling her trade in a bar
When I watched, she took from a customer
And slipped it right into my hand
Then the Watch came and put me in prison
Bad luck to the black velvet band
III
Next morning before judge and jury
For our trial I had to appear
The judge, he said, “Young fellow
The case against you is quite clear
And seven years is your sentence
You’re going to Van Diemen’s Land
Far away from your friends and relations
To follow the black velvet band”
IV
So come all you jolly young fellows
I’d have you take warning by me
And whenever you’re out on the liquor
Beware of the pretty colleen
They’ll fill your with whiskey and porter
Until you’re not able to stand
And the very next thing that you know
You’re landed in Van Diemen’s Land

ASCOLTA Christy Moore e The Dubliners

Chorus:
Her eyes they shone like diamonds
I thought her the queen of the land
And her hair it hung over her shoulder
Tied up with a black velvet band
I
In a neat little town they call Belfast(1)
apprentice to trade I was bound
Many sweet hours of happiness,
have I spent in that neat little town
A sad misfortune came over me,
that caused me to stray from the land
Far away from me friends and relations,
and the girl with the black velvet band
II
I took a stroll with this pretty fair maid,
and a gentleman passing us by
Well I knew she meant the doing of him,
by the look in her roguish black eye
A goldwatch she took from his pocket
and she placed it right in to my hand
And the very first thing that I said was
bad luck to the black velvet band
III
Before the judge and the jury,
next day I had to appear
The judge he says to me: “Young man,
your case it is proven clear
We’ll give you ten years penal servitude, to be spent far away from the land
Far away from your friends and relations,
and the girl with the black velvet band”
IV
So come all you jolly young fellows
a warning take by me
When you are out on the town me lads,
beware of them pretty colleens
For they feed you with strong drink, “me lads”, ‘til you are unable to stand
And the very first thing that you’ll know is
you’ve landed in Van Diemen’s Land

NOTE
1) nelle versioni inglesi della canzone la località è Londra o Barking

TRADUZIONE ITALIANO VERSIONE IRISH ROVERS
(ritornello)
I suoi occhi, le brillavano come diamanti,
avresti pensato che fosse la regina del mondo,
i capelli le scendevano sulle spalle
legati da un nastro di velluto nero

I
In una ridente cittadina chiamata Belfast
ero apprendista in un affare che mi interessava,
e ho passato più di un’ora di spensierata felicità,
in quella ridente cittadina.
Quando la sfortuna mi cadde addosso
e mi portò lontano da quella terra
lontano dai miei amici e dai miei cari
per seguire il nastro di velluto nero.
II
Una sera ero fuori a fare due passi,
non intendevo fare tardi,
quando ho incontrato una giovane ragazza
che vendeva la sua merce in un bar.
Mentre guardavo, lei prese da un cliente qualcosa,
e me lo fece scivolare in mano,
allora il poliziotto venne e mi mise in prigione
sfortuna al nastro di velluto nero!
III
La mattina seguente, davanti al giudice e alla giuria,
per il nostro processo dovetti comparire,
il giudice disse “Giovane ragazzo,
il caso contro di voi è chiaro
e sette anni è la vostra sentenza.
Sarete mandato nella Terra di Van Diemen
Lontano dai vostri amici e dai vostri cari
per seguire il nastro di velluto nero”.
IV
Allora venite tutti giovani ragazzi
vi voglio mettere in guardia da parte mia
e ogni volta che siete sbronzi
fate attenzione alle belle ragazze
loro vi riempiono di whiskey e birra
fino a che non vi reggete in piedi
e dopo, l’unica cosa che saprete
è che siete finiti nella Terra di Van Diemen

In questa versione è espressamente menzionato il fatto che la donna abbia alleggerito un passante proprio durante la romantica passeggiata con il giovane apprendista.

TESTO The High King

I
In a neat little town they call Belfast
Apprenticed to trade I was bound
Many an hours sweet happiness
Have I spent in that neat little town
A sad misfortune came over me
Which caused me to stray from the land
Far away from my friends and relations
Betrayed by the black velvet band

CHORUS:
Her eyes they shone like diamonds
I thought her the queen of the land
And her hair it hung over her shoulder
Tied up with a black velvet band

II
I took a stroll down Broadway(1)
Meaning not long for to stay
When who should I meet but this pretty fair maid
Come a trapsing along the highway
She was both fair and handsome
Her neck it was just like a swan
And her hair it hung over her shoulder
Tied up with a black velvet band

III
I took a stroll with this pretty fair maid
And a gentleman passing us by
Well I knew she meant the doing of him
By the look in her roguish black eye
A gold watch she took from his pocket
And slipped it right in to my hand
And the very first thing that I said was
Bad ‘cess to the black velvet band

IV
Seven long years penal servitude
To be spent down in Van Diemen’s Land
Far away from my friends and relations
Betrayed by the black velvet band

ASCOLTA Allison Crow
CHORUS:
Her eyes they shone like diamonds
I thought her the queen of the land
And her hair it hung over her shoulder
Tied up with a black velvet band
I
In a neat little town they call Belfast
Apprenticed to trade I was bound
Many an hours sweet happiness
Have I spent in that neat little town
A sad misfortune came over me
Which caused me to stray from the land
Far away from my friends and relations
Betrayed by the black velvet band
II
I took a stroll down Broadway(1)
Meaning not long for to stay
When who should I meet but this pretty fair maid
Come a trapsing along the highway
She was both fair and handsome
Her neck it was just like a swan
And her hair it hung over her shoulder
Tied up with a black velvet band
III
I took a stroll with this pretty fair maid
And a gentleman passing us by
Well I knew she meant the doing of him
By the look in her roguish black eye
A gold watch she took from his pocket
And slipped it right in to my hand
And the very first thing that I said was
Bad ‘cess to the black velvet band
IV
Before judge and jury next morning
The both of us had to appear
A gentleman said ‘twas his jewellery
And the case against us was clear
Seven long years penal servitude
To be spent down in Van Diemen’s Land
Far away from my friends and relations
Betrayed by the black velvet band
IV
So come all you jolly young fellows
I’ll have you take warning by me
Whenever you’re out on the liquor me lads
Beware of the pretty colleens
She’ll fill you with whiskey and porter
Until you’re not able to stand
And the very next thing you’d know, me lads
You’ve landed in Van Diemen’s Land.

NOTA
1) La versione con Belfast e la via Brodway è stata riportata da Ewan MacColl e Peggy Seeger in “The Singing Island” come collezionata da Harry Cox di Catfield, Norfolk vedi (1953) in altre versioni diventa Ratcliffe Highway

TRADUZIONE ITALIANO

(ritornello)
I suoi occhi, le brillavano come diamanti
Avresti pensato che fosse la regina del mondo,
e i suoi capelli le scendevano sulle spalle
legati da una fascia di velluto nero

I
In una ridente cittadina chiamata Belfast
ero apprendista in un affare che mi interessava
e ho passato più di un’ora di spensierata felicità
in quella ridente cittadina.
Quando la sfortuna mi cadde addosso
E mi portò lontano da quella terra
Lontano dai miei amici e dai miei cari
tradito dalla fascia di velluto nero.
II
Ero a fare una passeggiata per Broadway
e non intendevo stare fuori a lungo
quando ho incontrato una giovane ragazza
che arrancava per la strada
Era aggraziata e bella
il collo come quello di un cigno
e i capelli le scendevano sulle spalle
legati da una fascia di velluto nero
III
Passeggiai con questa bella fanciulla
e un gentiluomo ci passò accanto
seppi che cosa aveva intenzione di fare
dallo sguardo nei suoi occhi neri e malandrini,
gli ha tirato fuori dalla tasca un orologio d’oro
e me lo ha fatto scivolare in mano
e la prima cosa che ho pensato fu
“Sfortuna alla fascia di velluto nero!”
IV
La mattina seguente, davanti al giudice e alla giuria
entrambi dovevamo comparire
un gentiluomo disse che l’orologio era suo
e il caso si risolse contro di noi
per sette anni di deportazione
sono stato mandato nella Terra di Van Diemen,
lontano dai miei amici e dai miei cari,
tradito dalla fascia di velluto nero.
V
Allora venite tutti giovani ragazzi
vi voglio mettere in guardia da parte mia
ogni volta che siete sbronzi, miei ragazzi,
Fate attenzione alle dolci fanciulle
Lei vi riempie di whiskey e birra
fino a che non vi reggete in piedi
e, l’unica cosa che saprete
è che siete finiti nella Terra di Van Diemen

FONTI
http://it.wikipedia.org/wiki/Black_Velvet_Band
http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/R672.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=19899
http://groups.yahoo.com/neo/groups/Tradsong/conversations/topics/1304
http://www.viaggitasmania.it/storia-1865-156.htm
http://www.eatmt.org.uk/harry_cox.htm

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

*