Archivi tag: Wolfe Tones

Paddy Lay Back: take a turn around the capstan

Leggi in italiano

Paddy Lay Back is a kilometer sea shanty, variant wedge, sung by sailors both as a recreational song and as a song to the winch to raise the anchor (capstan shanty).

Stan Hugill in his “Shanties from the Seven Seas”, testifies a long version with about twenty stanzas (see), here only those sung by himself for the album ” “Sea Songs: Newport, Rhode Island- Songs from the Age of Sail”, 1980: “It was both a forebitter and a capstan song and a very popular one too, especially in Liverpool ships. […] It is a fairly old song dating back to the Mobile cotton hoosiers and has two normal forms: one with an eight-line verse – this was the forebitter form; and the second with a four-line verse – the usual shanty pattern. Doerflinger gives a two-line verse pattern as the shanty – a rather unusual form, and further on in his book he gives the forebitter with both four- and eight-line verses. He gives the title of the shanty as Paddy, Get Back and both his versions of the forebitter as Mainsail Haul. Shay, Sampson and Bone all suggest that it was a fairly modern sea-song and give no indication that any form was sung as a shanty, but all my sailing-ship acquaintances always referred to it as a shanty, and it was certainly sung in the Liverpool-New York Packets as such – at least the four-line verse form. […] Verses from 11 onwards [of the 19 verses given, incl. v. 3, lines 1-4 above] are fairly modern and nothing to do with the Packet Ship seamen, but with the chorus of ‘For we’re bound for Vallaparaiser round the Horn’ are what were sung by Liverpool seamen engaged in the West Coast Guano Trade.” (Stan Hugill)
(all the strings except III)
Stan Hugill

Nils BrownAssassin’s Creed Rogue   (I, II, III, V, VI)

I
‘Twas a cold an’ dreary (frosty) mornin’ in December,
An’ all of me money it was spent
Where it went to Lord (Christ) I can’t remember
So down to the shippin’ office I went,
CHORUS
Paddy, lay back (Paddy, lay back)!
Take in yer slack (take in yer slack)!
Take a turn around the capstan – heave a pawl (1) – (heave a pawl)
‘Bout ship’s stations, boys,
be handy (be handy)! (2)
For we’re bound for Valaparaiser
‘round the Horn! 

II
That day there wuz a great demand for sailors
For the Colonies and for ‘Frisco and for France
So I shipped aboard a Limey barque (3) “the Hotspur”
An’ got paralytic drunk on my advance (4)
III
Now I joined her on a cold December mornin’,
A-frappin’ o’ me flippers to keep me warm.
With the south cone a-hoisted as a warnin’ (5),
To stand by the comin’ of a storm.
IV
Now some of our fellers had bin drinkin’,
An’ I meself wuz heavy on the booze;
An’ I wuz on me ol’ sea-chest a-thinkin’
I’d turn into me bunk an’ have a snooze.
V
I woke up in the mornin’ sick an’ sore,
An’ knew I wuz outward bound again;
When I heard a voice a-bawlin’ (calling) at the door,
‘Lay aft, men, an’ answer to yer names!’
VI
‘Twas on the quarterdeck where first I saw you,
Such an ugly bunch I’d niver seen afore;
For there wuz a bum an’ stiff from every quarter,
An’ it made me poor ol’ heart feel sick an’ sore.
VII
There wuz Spaniards an’ Dutchmen an’ Rooshians,
An’ Johnny Crapoos jist acrosst from France;
An’ most o’ ‘em couldn’t speak a word o’ English,
But answered to the name of ‘Month’s Advance’.
VIII
I knew that in me box I had a bottle,
By the boardin’-master ‘twas put there;
An’ I wanted something for to wet me throttle,
Somethin’ for to drive away dull care.
IX
So down upon me knees I went like thunder,
Put me hand into the bottom o’ the box,
An’ what wuz me great surprise an’ wonder,
Found only a bottle o’ medicine for the pox

NOTES
1) pawl – short bar of metal at the foot of a capstan or close to the barrel of a windlass which engage a serrated base so as to prevent the capstan or windlass ‘walking back’. […] The clanking of the pawls as the anchor cable was hove in was the only musical accompaniment a shanty ever had! (Hugill, Shanties 414)
2)  it is a typical expression in maritime songs
3) limey – The origin of the Yanks calling English sailors ‘Limejuicers’ […] was the daily issuing of limejuice to British crews when they had been a certain number of days at sea, to prevent scurvy, according to the 1894 Merchant Shipping Act (Hugill, Shanties 54)
4) the sailor has spent all the advance on high-alcohol drinking
5) A storm-cone is a visual signalling device made of black-painted canvas designed to be hoisted on a mast – if apex upwards, a gale is expected from the North, if from the South, apex downward. The storm cone was devised by Rear Admiral Robert Fitzroy, former commander of HMS Beagle, head of a department of the Board of Trade known today simply as the Met Office, and inventor of weather forecasts.
“In 1860 he devised a system of issuing gale warnings by telegraph to the ports likely to be affected. The message contained of a list of places with the words:
‘North Cone’ or ‘South Cone’ – for northerly or southerly gales respectively
‘Drum’  – for when further gales were expected,
Drum and North/South Cone’ – for particularly heavy gales or storms. ” (from herei) (see more)

FOLK VERSION: Valparaiso Round the Horn

For his title the song has become a traditional Irish song, a popular drinking song, connected to equally popular jigs (eg Irish washer woman)! Also known as “The Liverpool song” and “Valparaiso Round the Horn”. Among the favorite pirate song of course!

The Wolfe Tones from “Let The People Sing” 1972 make a folk version that has become the standard of a classic irish drinking song
The Irish Rovers live
Sons Of Erin

I
‘Twas a cold an’ dreary (frosty) mornin’ in December,
An’ all of me money it was spent
Where it went to Lord I can’t remember
So down to the shippin’ office I went,
CHORUS
Paddy, lay back (Paddy, lay back)!
Take in yer slack (take in yer slack)!
Take a turn around the capstan – heave a pawl (1) – (heave a pawl)
About ships for England boys be handy(2)
For we’re bound for Valaparaiser
‘round the Horn! 

II
That day there wuz a great demand for sailors
For the Colonies and for ‘Frisco and for France
So I shipped aboard a Limey barque (3) “the Hotspur”
An’ got paralytic drunk on my advance (4)
III
There were Frenchmen, there were Germans, there were Russians
And there was Jolly Jacques came just across from France
And not one of them could speak a word of English
But they’d answer to the name of Bill or Dan
IV
I woke up in the morning sick and sore (5)
I wished I’d never sailed away again
Then a voice it came thundering thru’ the floor
Get up and pay attention to your name
V
I wish that I was in the Jolly Sailor (6)
With Molly or with Kitty on me knee
Now I see most any men are sailors
And with me flipper I wipe away my tears

NOTES
1) see above
2) or Bout ship’s stations, boys
3) see above
4) see above
5) a euphemism to describe the hangover
6) the name varies at the discretion of the singer

 LINK
http://www.folkways.si.edu/the-focsle-singers/paddy-lay-back/american-folk-celtic/music/track/smithsonian
http://www.jsward.com/shanty/PaddyLayBack/hugill.html
https://maritime.org/chanteys/paddy-lay-back.htm
http://aliverpoolfolksongaweek.blogspot.it/2011/12/36-paddy-lay-back.html
http://mysongbook.de/msb/songs/p/paddylay.html

Paddy’s Green Shamrock Shore

Leggi in italiano

“Paddy’s Green Shamrock Shore ” is a traditional Irish song originally from Donegal, of which several textual versions have been written for a single melody.

TUNE: Erin Shore

A typically Irish tune spread among travellers already at the end of 1700, today it is known with different titles: Shamrock shore, Erin Shore (LISTEN instrumental version of the Irish group The Corrs from Forgiven, Not Forgotten 1995), Lough Erin Shore (LISTEN to the version always instrumental of the Corrs from Unpluggesd 1999), Gleanntáin Ghlas’ Ghaoth Dobhair, Gleanntan Glas Gaoith Dobhair or The Green Glens Of Gweedor (with text written by Francie Mooney)

Standard version: Paddy’s Green Shamrock Shore

The common Paddy’s Green Shamrock Shore was first sung on an EFDSS LP(1969) by Packie Manus Byrne, now over 80 and living in Ardara Co Donegal*. He was born at Corkermore between there and Killybegs. It was taken up by Paul Brady and subsequently. However, there are longer and more local (to north Derry, Donegal) versions in Sam Henry’s Songs of the People and in Jimmy McBride’s The Flower of Dunaff Hill.” (in Mudcats ) and Sam Henry writes “Another version has been received from the Articlave district, where the song was first sung in 1827 by an Inishowen ploughman.”
The recording made by Sean Davies at Cecil Sharp House dates back to 1969 and again in the sound archives of the ITMA we find the recording sung by Corney McDaid at McFeeley’s Bar, Clonmany, Co. Donegal in 1987 (see) and also Paul Brady recorded it many times.
Kevin Conneff recorded it with the Chieftains in 1992, “Another Country” (I, II, IV, V, II)

Amelia Hogan from “Transplants: From the Old World to the New.”

Liam Ó Maonlai & Donal Lunny ( I, IV, V, II)

Dolores Keane & Paul Brady live 1988 (I, II, IV, V)

intro*
Come Irishmen all, who hear my song, your fate is a mournful tale
When your rents are behind and you’re being taxed blind and your crops have grown sickly and failed
You’ll abandon your lands,
and you’ll wash your hands of all that has come before and you’ll take to the sea to a new count-a-ree, far from the green Shamrock shore.
I
From Derry quay we sailed away
On the twenty-third of May
We were boarded by a pleasant crew
Bound for Amerikay
Fresh water then we did take on
Five thousand gallons or more
In case we’d run short going to New York
Far away from the shamrock shore
II (Chorus)
Then fare thee well, sweet Liza dear
And likewise to Derry town
And twice farewell to my comrades bold (boys)
That dwell on that sainted ground
If fame or fortune shall favour me
And I to have money in store
I’ll come back and I’ll wed the wee lassie I left
On Paddy’s green shamrock shore
III
At twelve o’clock we came in sight
Of famous Mullin Head
And Innistrochlin to the right stood out On the ocean’s bed
A grander sight ne’er met my eyes
Than e’er I saw before
Than the sun going down ‘twixt sea and sky
Far away from the shamrock shore
IV
We sailed three days (weeks), we were all seasick
Not a man on board was free
We were all confined unto our bunks
And no-one to pity poor me
No mother dear nor father kind
To lift (hold) up my head, which was sore
Which made me think more on the lassie I left
On Paddy’s green shamrock shore
V
Well we safely reached the other side
in three (fifteen) and twenty days
We were taken as passengers by a man(1)
and led round in six different ways,
We each of us drank a parting glass
in case we might never meet more,
And we drank a health to Old Ireland
and Paddy’s Green Shamrock Shore

NOTES
*additional first verse by Garrison White
1) It refers to the reception of immigrants who were inspected and held for bureaucratic formalities, but the sentence is not very clear. Ellis Island was used as an entry point for immigrants only in 1892. Prior to that, for approximately 35 years, New York State had 8 million immigrants transit through the Castle Garden Immigration Depot in Lower Manhattan.

OTHER VERSIONS

This text was written by Patrick Brian Warfield, singer and multi-instrumentalist of the Irish group The Wolfe Tones. In his version the point of landing is not New York but Baltimore.
Young Dubliners

The Wolfe Tones from Across the Broad Atlantic 2005 

Lyrics: Patrick Brian Warfield 
I
Oh, fare thee well to Ireland
My own dear native land
It’s breaking my heart to see friends part
For it’s then that the tears do fall
I’m on my way to Americae
Will I e’er see home once more
For now I leave my own true love
And Paddy’s green shamrock shore
II
Our ship she lies at anchor
She’s standing by the quay
May fortune bright shine down each night
As we sail across the sea
Many ships have been lost, many lives it cost
On this journey that lies before
With a tear in my eye I’ll say goodbye
To Paddy’s green shamrock shore
III
So fare thee well my own true love
I’ll think of you night and day
And a place in my mind you surely will find
Although we’ll be far, far away
Though I’ll be alone far away from home
I’ll think of the good times once more
Until the day I can make my way
Back home to the shamrock shore
IV
And now our ship is on the way
May heaven protect us all
With the winds and the sail we surely can’t fail
On this voyage to Baltimore
But my parents and friends did wave to the end
‘Til I could see them no more
I then took a chance with one last glance
At Paddy’s green shamrock shore

This version takes up the 3rd stanza of the previous version as a chorus
The High Kings

I
So fare thee well, my own true love
I’ll think of you night and day
Farewell to old Ireland
Good-bye to you, Bannastrant(1)
No time to look back
Facing the wind, fighting the waves
May heaven protect us all
From cold, hunger and angry squalls
Pray I won’t be lost
Wind in the sails, carry me safe
Chorus:
So fare thee well, my own true love
I’ll think of you night and day
A place in my mind you will surely find
Although I am so far away
And when I’m alone far away from home
I’ll think of the good times once more
Until I can make it back someday here
To Paddy’s green shamrock shore.
II
Out now on the ocean deep
Ship’s noise makes it hard to sleep
Tears fill up my eyes
The image of you won’t go away
(Chorus)
III
New York is in sight at last
My heart, it is pounding fast
Trying to be brave
Wishing you near
By my side, a stór (2)
(Chorus)
Until I can make it back someday here
To Paddy’s green shamrock shore

NOTES
1) Banna Strand , Banna Beach, is situated in Tralee Bay County Kerry
2) my love

Shamrock shore

LINK
http://www.ceolas.org/cgi-bin/ht2/ht2-fc2/file=/tunes/fc2/fc.html&style=&refer=&abstract=&ftpstyle=&grab=&linemode=&max=250?isindex=green+shamrock+shore
http://www.kinglaoghaire.com/lyrics/191-paddy-s-green-shamrock-shore http://www.kinglaoghaire.com/lyrics/192-paddys-green-shamrock-shore-1 http://www.celticlyricscorner.net/soundtracks/paddys.htm

https://thesession.org/tunes/5936 https://thesession.org/discussions/2129 https://thesession.org/tunes/7048 https://thesession.org/recordings/218

Down by the Liffeyside

Leggi in italiano

Peadar Kearney (1883-1942), a famous Irish nationalist who wrote many popular songs, penned the lyrics of this irish street song “Down by the Liffeyside”, on the traditional tune “Down by the Tanyard Side”: he describes two sweethearts of the working class in the Dubin of 1920s, that are spending their Sunday to walk along the banks of the Liffey, the river that crosses the city of Dublin from West to East. The belle of the song is a street musician who entertains passers-by with patriotic songs with her melodeon.

Old Dublin: George street

Precisely for this reason, the reference to the struggle for united Ireland was a popular song in the folk circuit of the 60s and 70s.

Dominic Behan – from Down By The Liffeyside 1959
Dominic is the nephew of Peader Kearney and he learned the song directly from his uncle in the 40s.


Dubliners

Wolfe tones

Pecker Dunne

DOWN BY THE LIFFEYSIDE
I
‘Twas down by Anna Liffey (1), my love and I did stray
Where in the good old slushy mud the sea gulls sport and play
We got the whiff of ray(2) and chips and Mary softly sighed,
“Oh John, come on for a wan and wan (3)
Down by the Liffeyside.”
II
Then down along by George’s street the loving pairs to view
While Mary swanked it like a queen in a skirt of royal blue (4);
Her hat was lately turned and her blouse was newly dyed,
Oh you could not match her round the block,
Down by the Liffeyside
III
And on her old melodeon how sweetly could she play.;
“Good-by-ee” and “Don’t sigh-ee” and “Rule Brittanni-ay”
But when she turned Sinn Feiner(5) me heart near burst with pride,
To hear her sing the “Soldier’s Song(6)”,
Down by the Liffeyside
IV
On Sunday morning to Meath street (7) together we will go,
And it’s up to Father Murphy we both will make our vow
We’ll join our hands in wedlock bands (8) and we’ll be soon outside
For a whole afternoon, for our honeymoon (9),
Down by the Liffeyside

NOTE
1)  The Liffey is also known as the Anna Liffey, possibly because of the Irish for “River Liffey” – Abhainn na Life which sounds like “Anna Liffey” in English, Anna Livia statue  (Floozie in the Jacuzzi)-the river  represented as a young woman sitting on a slope with water flowing past her- is  in the Croppies Memorial Park next to the Liffey, near Heuston station

2) today the fishis are cod, haddock (an Atlantic fish similar to cod) and plaice. Already known in the days of Dickens, who included it in his most famous work, “Oliver Twist” (1838), some argue that it was some Italian immigrants who introduced this fryed food into the eating habits of the British and Irish, according to others instead it was the Spaniards.
3) wan and wan= one and one, this phrase (meaning “one of this, one of the other”) entered the vernacular in Dublin as “one and one”, which is still a common way of referring to fish and chips in the city
4) Royal blue is both a bright shade and a dark shade of azure blue. Traditionally, dictionaries define royal blue as a deep to dark blue, often with a purple or faint reddish tinge
5)  Sinn Féin is a left-wing Irish republican political party active in both the Republic of Ireland and Northern Ireland.
6) Soldier’s Song  (Amhrán na bhFiann)  is the Irish national anthem
7) The Liberties is an area in central Dublin,  located in the southwest of the inner city, between the St. Patrick’s Cathedral and the Guinnes Storehouse where the church of St. Catherine is located
8)The two promised exchanged vows to take as husband and wife, sealing them with a ring or a token of love. Handfasting was practiced in Ireland and Scotland in the past: the wrists of the couple were tied together with a long ribbon (wedlock’s band) see
9)  Phoenix Park , to consume their marriage between some bushes

EASY AND SLOW

LINK
https://theballadeers.com/ire/db_d1959_t35_liffey.htm
http://www.celtic-lyrics.com/lyrics/171.html
https://www.expedia.it/vc/magazine/cultura-e-lifestyle/enogastronomia/fish-and-chips-ricetta-e-segreti-del-piu-famoso-piatto-britannico
https://www.irishtimes.com/life-and-style/people/meath-street-outpost-of-a-disappearing-dublin-1.1967467

Lungo gli argini del Liffey.

Read the post in English  

Peadar Kearney (1883-1942) famoso esponente nazionalista irlandese e autore di molti canti popolari ha scritto il testo della irish street song “Down by the Liffeyside” abbinandolo alla melodia tradizionale “Down by the Tanyard Side”: si descrivono due fidanzatini della classe lavoratrice di Dubino negli anni del 1920 che trascorrono la domenica passeggiando lungo gli argini del Liffey, il fiume che attraversa la città di Dublino da Ovest a Est. La bella della canzone è una musicista di strada che con il suo organetto intrattiene i passanti con canti patriottici.

la vecchia Dublino, George street

Proprio per questo richiamo alla lotta per l’Irlanda unita era un brano diffuso nel circuito folk degli anni 60-70.

Dominic Behan – in Down By The Liffeyside 1959
Dominic è il nipote di Peader Kearney e imparò la canzone direttamente dallo zio negli anni 40.

Dubliners

Wolfe tones

Pecker Dunne


I
‘Twas down by Anna Liffey (1), my love and I did stray
Where in the good old slushy mud the sea gulls sport and play
We got the whiff of ray(2) and chips and Mary softly sighed,
“Oh John, come on for a wan and wan (3)
Down by the Liffeyside.”
II
Then down along by George’s street the loving pairs to view
While Mary swanked it like a queen in a skirt of royal blue (4);
Her hat was lately turned and her blouse was newly dyed,
Oh you could not match her round the block,
Down by the Liffeyside
III
And on her old melodeon how sweetly could she play.;
“Good-by-ee” and “Don’t sigh-ee” and “Rule Brittanni-ay”
But when she turned Sinn Feiner(5) me heart near burst with pride,
To hear her sing the “Soldier’s Song(6)”,
Down by the Liffeyside
IV
On Sunday morning to Meath street (7) together we will go,
And it’s up to Father Murphy we both will make our vow
We’ll join our hands in wedlock bands (8) and we’ll be soon outside
For a whole afternoon, for our honeymoon (9),
Down by the Liffeyside
Traduzione italiana Cattia Salto
I
Era accanto al Liffey, che il mio amore e io passeggiavamo
Dove nel buon vecchio viscido fango i gabbiani si muovono liberi
sentivamo l’odore del pesce e delle patatine e Mary sospirava dolcemente,
“Oh John, andiamo per un fish&chips
giù lungo gli argini del Liffey. ”
II
Poi giù lungo George’s street a vedere gli innamoratini
mentre Mary si pavoneggiava come una regina in gonna blu scuro;
il cappello appena rimodellato e la camicetta tinta di fresco,
Oh, non la potevi eguagliare in tutto l’isolato
giù lungo gli argini del Liffey.
III
E sul suo vecchio organetto, come dolcemente sapeva suonare
“Good-by-ee” e “Do not sigh-ee” e “Rule Brittanni-ay”
ma quando passò allo Sinn Féin il mio cuore quasi esplodeva per l’orgoglio
di sentirla cantare la “Soldier’s Song”,
giù lungo gli argini del Liffey.
IV
La domenica mattina andremo insieme a Meath Street,
e davanti a Don Murphy entrambi ci scambieremo le promesse
uniremo le nostre mani con l’handasting e staremo subito fuori
per un intero pomeriggio, per la nostra luna di miele,
giù lungo gli argini del Liffey.

NOTE
1) Anna Liffey, è il personaggio allegorico di Anna Livia Plurabelle di James Joyce: la personificazione del fiume Liffey, la statua in bronzo dello scultore  Éamonn O’Doherty soprannominata dai dublinesi Floozie in the Jacuzzi è la rappresentazione del fiume nella forma di una donna dai capelli fluenti semisdraiata e si trova al centro di una vasca  nel Croppies Memorial Park

2) ray= è il pesce razza; oggi il pesce in pastella e poi fritto si prepara con cod (merluzzo), haddock (eglefino, un pesce atlantico simile al merluzzo) e plaice (platessa). Si sa che il prodotto era già conosciuto ai tempi di Dickens, che lo annoverò nella sua opera più celebre, “Oliver Twist” (1838), alcuni sostengono che furono gli immigrati italiani a introdurlo nelle abitudini alimentari dei britannici e degli irlandesi, secondo altri invece furono gli spagnoli.
3) wan and wan= one and one, dalla frase “one of this, one of the other”, un po’ di questo e un po’ di quello il modo di dire dublinese per il tipico piatto da passeggio delle Isole Britanniche il fish&chips servito nel cartoccio.
4) Il blu reale o blu reale inglese è una sorta di azzurro abbastanza carico e vivace. È abbastanza simile come colore al blu elettrico.
5)  Sinn Féin, letteralmente “noi stessi” (nel senso di noi soli) in gaelico irlandese, ma spesso reso in inglese come ourselves alone, è il movimento indipendentista irlandese fondato nel 1905 da Arthur Griffith; è un partito repubblicano di sinistra
6) Soldier’s Song  (Amhrán na bhFiann) fu scritto nel 1907. Il ritornello da solo fu formalmente adottato come inno nazionale nel 1926, al posto del precedente inno God Save Ireland, usato ufficiosamente.
7) è la zona delle Libertà di Dublino quartier ubicato tra la Cattedrale di San Patrizio e la Guinnes Storehouse dove si trova la chiesa di Santa Caterina
8) I due promessi si scambiavano i voti di prendersi come marito e moglie, suggellandoli con un anello o un pegno d’amore. In Irlanda e Scozia si praticava l’handfasting: i polsi degli sposi erano legati insieme con un lungo nastro (wedlock’s band). continua
9) sicuramente infrattandosi tra qualche cespuglio del Phoenix Park

EASY AND SLOW

FONTI
https://theballadeers.com/ire/db_d1959_t35_liffey.htm
http://www.celtic-lyrics.com/lyrics/171.html
https://www.expedia.it/vc/magazine/cultura-e-lifestyle/enogastronomia/fish-and-chips-ricetta-e-segreti-del-piu-famoso-piatto-britannico
https://www.irishtimes.com/life-and-style/people/meath-street-outpost-of-a-disappearing-dublin-1.1967467

Paddy Lay Back: take a turn around the capstan

Read the post in English

Paddy Lay Back è una sea shanty kilometrica, zeppa di varianti, cantata dai marinai sia come canzone ricreativa che come canzone all’argano per sollevare l’ancora (capstan shanty) .

Stan Hugill nel suo “Shanties from the Seven Seas”, ci testimonia una lunga versione con una ventina di strofe (vedi), qui si riportano solo quelle cantate da lui stesso per l’album “Sea Songs: Newport, Rhode Island- Songs from the Age of Sail”, 1980
Così scrive in merito: “Era sia una forebitter che una capstan shanty e anche molto popolare, specialmente sulle navi di Liverpool. […] È una canzone abbastanza vecchia che risale agli scaricatori del cotone di Mobile e di norma ha due strutture: una con strofe di otto versi – questa era la forma delle forebitter; e la seconda con strofe a quattro versi – la tipica struttura degli shanty. Doerflinger dà uno schema con strofe a due  versi per la shanty – una forma piuttosto insolita, e più avanti nel suo libro dà la versione forebitter con strofe a quattro e a otto versi. Dà il titolo della shanty come Paddy, Get Back e entrambe le due versioni della forebitter con il titolo Mainsail Haul. Shay, Sampson e Bone suggeriscono che si trattava di una canzone del mare abbastanza moderna e non davano notizie che fosse cantata come una shanty, ma tutti i miei contatti sulle nave da crociera si riferivano ad essa come shanty, ed era certamente cantata nella tratta dei postali Liverpool-New York per lo meno con le strofe di quattro versi. […] Le strofe dall’11 in poi sono abbastanza moderne e non hanno nulla a che fare con i marinai delle navi di linea, piuttosto sono relazionate al coro “For we are bound for Vallaparaiser round the Horn”, erano quelle cantate dai marinai di Liverpool impegnati nel Commercio del guano sulla costa occidentale”
(tutte le strofe tranne la III^)
Stan Hugill

Nils BrownAssassin’s Creed Rogue   (strofe I, II, III, V, VI)


I
‘Twas a cold an’ dreary (frosty) mornin’ in December,
An’ all of me money it was spent
Where it went to Lord (Christ) I can’t remember
So down to the shippin’ office I went,
CHORUS
Paddy, lay back (Paddy, lay back)!
Take in yer slack (take in yer slack)!
Take a turn around the capstan – heave a pawl (1) – (heave a pawl)
‘Bout ship’s stations, boys,
be handy (be handy)! (2)
For we’re bound for Valaparaiser
‘round the Horn! 

II
That day there wuz a great demand for sailors
For the Colonies and for ‘Frisco and for France
So I shipped aboard a Limey barque (3) “the Hotspur”
An’ got paralytic drunk on my advance (4)
III
Now I joined her on a cold December mornin’,
A-frappin’ o’ me flippers to keep me warm.
With the south cone a-hoisted as a warnin’ (5),
To stand by the comin’ of a storm.
IV
Now some of our fellers had bin drinkin’,
An’ I meself wuz heavy on the booze;
An’ I wuz on me ol’ sea-chest a-thinkin’
I’d turn into me bunk an’ have a snooze.
V
I woke up in the mornin’ sick an’ sore,
An’ knew I wuz outward bound again;
When I heard a voice a-bawlin’ (calling) at the door,
‘Lay aft, men, an’ answer to yer names!’
VI
‘Twas on the quarterdeck where first I saw you,
Such an ugly bunch I’d niver seen afore;
For there wuz a bum an’ stiff from every quarter,
An’ it made me poor ol’ heart feel sick an’ sore.
VII
There wuz Spaniards an’ Dutchmen an’ Rooshians,
An’ Johnny Crapoos jist acrosst from France;
An’ most o’ ‘em couldn’t speak a word o’ English,
But answered to the name of ‘Month’s Advance’.
VIII
I knew that in me box I had a bottle,
By the boardin’-master ‘twas put there;
An’ I wanted something for to wet me throttle,
Somethin’ for to drive away dull care.
IX
So down upon me knees I went like thunder,
Put me hand into the bottom o’ the box,
An’ what wuz me great surprise an’ wonder,
Found only a bottle o’ medicine for the pox
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Era una fredda e triste mattina di Dicembre
e avevo speso tutti i soldi
dove andai per Dio non mi riesce di ricordare, ma alla fine mi sono trovato davanti all’ufficio per l’arruolamento
CORO
Paddy rilassati
finisci il lavoro
fai un giro intorno all’argano-
passa la castagna 
sulla nave, ai posti di manovra,
ragazzi datevi da fare
perchè siamo in partenza per Valparaiso
a doppiare il Corno
II
Quel giorno c’era una grande richiesta di marinai
per le Colonie e Frisco e per
la Francia
così mi sono imbarcato su una barca di limoncini la “Hotspur”
ed ero ubriaco fradicio con il mio anticipo
III
L’ho raggiunta in una fredda mattina di Dicembre
sfregandomi le pinne per tenermi al caldo
con un cono verso sud innalzato come avvertimento
che stava per l’arrivo di una tempesta
IV
Alcuni dei nostri compagni stavano bevendo e io stesso ci davo dentro,
ero sul mio vecchio baule a pensare di trasformarlo in una branda per un sonnellino
V
Mi svegliai al mattino con un malanno
e sapevo di essere di nuovo
in partenza, quando sentìì una voce abbaiare alla porta “Alzatevi, uomini, e rispondete al vostro nome”
VI
Fu sul ponte dove vi vidi la prima
volta
dei così brutti ceffi non li avevo mai visti prima
perchè c’era un barbone e un cadavere in ogni direzione
da far venire triste e afflitto il mio povero cuore
VII
C’erano Spagnoli e Tedeschi
e Russi
e un Johnny Crapoos appena arrivato dalla Francia
e nessuno di loro sapeva parlare una parola d’Inglese
ma rispondevano al nome di “Mese d’anticipo”
VIII
Sapevo che nel baule avevo una bottiglia che l’arruolatore aveva messo lì,
e volevo qualcosa per bagnarmi la gola,
qualcosa per scacciare le noiose faccende quotidiane
IX
Così mi sono gettato sulle ginocchia come un fulmine e ho messo la mano sul fondo del baule,
ma con mia grande sorpresa
ho trovato solo una bottiglia di medicina per il vaiolo!

NOTE
1) Pawl ( castagna): specie di arpione mobile che impediva all’argano di girare in senso inverso inserendosi in una serie di fori alla sua base. Per consentire la rotazione in senso contrario c’era una seconda castagna con forma diversa. Il suono secco prodotto dalla castagna mentre il cavo si avvolge fa da accompagnamento musicale alla shanty
2)  “Be handy” è un espressione tipica nelle canzoni marinaresche : letteralmente si traduce in italiano come “essere a portata di mano” C’è anche una lieve di allusione sessuale. Possibili significati: rendersi utile ma anche trovarsi a portata di mano (come in handy),
3) gli americani chiamavano i soldati inglesi limely per via della razione di limone distribuita per prevenire lo scorbuto dopo un certo numero di giorni in mare (secondo il  Merchant Shipping Act  del 1894)
4) cioè ha speso tutti i soldi dell’anticipo sulla paga in bevute ad alto grado alcolico
5) “Storm cones”  (coni tempesta) erano delle segnalazioni approntate lungo le coste irlandesi e britanniche per segnalare l’arrivo di una tempesta alle navi . Il sistema era stato messo a punto dal capitano Robert FitzRoy nel 1860 e consisteva in un collegamento telegrafico tra le stazioni meteo di terra e tutti i porti delle isole britanniche, di modo che venissero esibiti degli appositi segnali (coni neri o luci) lungo le coste non appena era segnalata una tempesta. I segnali di avvertimento  indicavano la direzione in cui infuriava il maltempo in modo che le navi di passaggio potessero prendere gli opportuni provvedimenti.
“Nel 1860 escogitò un sistema di emissione di allerta burrasca via telegrafo ai porti che potevano essere colpiti.Il messaggio conteneva una lista di località con le parole:
‘North Cone’ o ‘South Cone’ – rispettivamente per i venti settentrionali o meridionali
“Drum” – per quando ci si aspettavano ulteriori venti,
Drum and North/South Cone ‘- per venti di burrasca di notevole entità
” (tratto da qui) (continua)

LA VERSIONE FOLK: Valparaiso Round the Horn

Giocoforza per quel Paddy del titolo, la canzone è diventata un traditional irlandese, una popolare drinking song, collegata ad altrettanto popolari jigs! Anche conosciuta con il titolo “The Liverpool song” e “Valparaiso Round the Horn”. Tra le canzoni preferite dei pirati ovviamente!

The Wolfe Tones in “Let The People Sing” 1972 ne fanno una versione folk che è diventata lo standard di una classica irish drinking song
The Irish Rovers live
Sons Of Erin


I
‘Twas a cold an’ dreary (frosty) mornin’ in December,
An’ all of me money it was spent
Where it went to Lord I can’t remember
So down to the shippin’ office I went,
CHORUS
Paddy, lay back (Paddy, lay back)!
Take in yer slack (take in yer slack)!
Take a turn around the capstan – heave a pawl (1) – (heave a pawl)
About ships for England boys be handy(2)
For we’re bound for Valaparaiser
‘round the Horn! 

II
That day there wuz a great demand for sailors
For the Colonies and for ‘Frisco and for France
So I shipped aboard a Limey barque (3) “the Hotspur”
An’ got paralytic drunk on my advance (4)
III
There were Frenchmen, there were Germans, there were Russians
And there was Jolly Jacques came just across from France
And not one of them could speak a word of English
But they’d answer to the name of Bill or Dan
IV
I woke up in the morning sick and sore (5)
I wished I’d never sailed away again
Then a voice it came thundering thru’ the floor
Get up and pay attention to your name
V
I wish that I was in the Jolly Sailor (6)
With Molly or with Kitty on me knee
Now I see most any men are sailors
And with me flipper I wipe away my tears
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Era una fredda e triste mattina di Dicembre
e avevo speso tutti i soldi
dove andai per Dio non mi riesce di ricordare, ma alla fine mi sono trovato davanti all’ufficio per l’arruolamento
CORO
Paddy rilassati
finisci il lavoro
fai un giro intorno all’argano-
passa la castagna 
sulle navi per l’Inghilterra ragazzi datevi da fare, perchè siamo in partenza per Valparaiso a doppiare il Corno
II
Quel giorno c’era una grande richiesta di marinai
per le Colonie e Frisco e per
la Francia
così mi sono imbarcato su una barca di limoncini la “Hotspur”
ed ero ubriaco fradicio con il mio anticipo
III
C’erano Francesi e Tedeschi, c’erano Russi
e c’era un Jolly Jacques appena arrivato dalla Francia
e nessuno di loro sapeva parlare una parola d’Inglese
ma rispondevano al nome di
Bill o Dan
IV
Mi svegliai al mattino con un malanno
e sapevo di essere di nuovo
in partenza
quando sentìì una voce abbaiare alla porta “Alzatevi, uomini, e rispondete al vostro nome”
V
Vorrei essere al “Marinaio Allegro”
con Molly o con  Killy sulle mie ginocchia
ma vedo solo marinai attorno
e con le mie pinne mi asciugo le lacrime

NOTE
1) vedi nota sopra
2) oppure Bout ship’s stations, boys
3) vedi nota sopra
4) cioè ha speso tutti i soldi dell’anticipo sulla paga in bevute ad alto grado alcolico
5) un eufemismo per descrivere i postumi della sbornia
6) il nome del locale varia a discrezione di chi canta

 FONTI
http://www.folkways.si.edu/the-focsle-singers/paddy-lay-back/american-folk-celtic/music/track/smithsonian
http://www.jsward.com/shanty/PaddyLayBack/hugill.html
https://maritime.org/chanteys/paddy-lay-back.htm
http://aliverpoolfolksongaweek.blogspot.it/2011/12/36-paddy-lay-back.html
http://mysongbook.de/msb/songs/p/paddylay.html

AN GABHAR BÁN

Il canto in gaelico An Gabhar Bàn (in inglese The White Goat) è la storia di un uomo in fuga sulle montagne per sottrarsi agli ufficiali giudiziari per questioni di contrabbando o di affitto non pagato, e per questo paragonato ad una capra bianca di montagna, la canzone fu tramandata da Kitty Johnny Sheáin di Gaoith Dobhair, la roccaforte della cultura irlandese nel Donegal mistico triangolo delle Bermude per i gruppi e artisti di musica celtica che hanno raggiunto la fama internazionale.
ASCOLTA Clannad in Clannad 2, 1975

e per fare due ristate ecco la versione sottotitolata  con una “misheard lyrics”

I
Sa tsean ghleann thiar a bhi sí raibh
Go dtí gur fhás na hadharc’ uirthi
Bliain is céad is corradh laethe
Go dtáinig an aois go tréan uirthi
Bhi sí gcró bheag ins an cheo
Go dtáinig feil’Eoin is gur éalaigh sí
Thart an ród san bealach mór
Gur lean a tóir go gear uirthi
II
Ni raibh nduine ar a tóir ach Donnchú óg
Is d’ith sí an lón san t-anlann air
Ni raibh aige ina dhorn ach ceap túine mór
Agus leag sé anuas ón arradh í
Nuair a chuala an gabhar bán go raibh sí ar lár
Thug sí léim chun tárrthála
Thug sí rás ‘s ni raibh sí sásta
Is leag sí spíon an táilliúra
III
Chomh cruinn le rón gur thóg sí feoil
Gan pis gan mórán déibhirce
Ach d’ith sí cib agus barr an fhraoich
Slánlús min is craobhógai
Draoin is dreas is cuilcann glas
Gach ní ar dhath na h-áinleoga
Cutharán sléibhe, duilliúr féile
Caora sréana agus blainséogai
IV
Chuaigh sí dhíol cios le Caiftín Spits
Is chraethnaigh a croi go dtréigfí í
Chaith sí an oíche ar bheagán bidh
Mar ndúil is go geasfaí féar uirthi
d’Fan sí ‘a óiche i dtóin Ros Coill
Is chaith sí é go pléisúra
Go dtáinig an slua ar maidin go luath
Is thug siad amach as Éirinn

Traduzione inglese*
I
In the old glen yonder she was always
Until the horns grew on her
Eleven years and some odd days
Until age came heavily to her
She was in a small hovel in the fog
Until St. John’s Day came and she escaped
Down the road through the big gap
Until she was hotly pursued
II
No one was after her except young Donnchú
And she ate his lunch
He only had in his fist a __
And he brought it down from the __
When the white goat heard that she was __
She leapt for freedom __
She gave a race and she wasn’t satisfied
And she knocked down the thorn of the tailor
III
As smart as a seal that she took the meat
Without peas or without much __
But she ate sedge and the top of the heather
__ and small branches
__ and briars and green __
Everything with the color of __
Mountain __, feast leaves
__ sheep and __
IV
She went the rent payment of Caiftín Spits
And her heart __ that they would abandon her
She spent the night on the little food
Like __ grass __
She spent the night at the bottom of Ros Coill
And she spent it happily
Until the crowd came early in the morning
And took her out from Ireland
Tradotto da Cattia Salto
I
In quella vecchia valle da sempre stava
finchè non le crebbero le corna (1)
11 anni e qualche giorno
e la vecchiaia le piombò addosso,
stava in una piccola grotta nella foschia, finchè il giorno di San Giovanni scappò
avviandosi verso la strada per l’alta montagna, ma venne fieramente inseguita
II
Dietro di lei solo il giovane Donnchú
e lei mangiò il suo pranzo
(il poliziotto) aveva nel suo pugno un_
e lo portò giù da _
quando la capra bianca sentì che era
saltò per la libertà
prese la rincorsa ma non era soddisfatta
e abbattè la spina del sarto (2)
III
Intelligente come una foca lei prese la carne senza piselli o senza molto_
ma mangiò .. e la cima dell’erica
_ e rametti
_ e .. e verde _
IV
Andò a pagare l’affitto di Caiftín Spits
e in cuor suo_ che l’avrebbero abbandonata
Passo la notte sul piccolo cibo
come _ erba _
passò la notte in cima a Ros Coil
e la passò felicemente
finchè la folla arrivò al mattino presto
e la portò via dall’Irlanda

NOTE
*Al momento la traduzione in inglese è lacunosa
1) nel linguaggio in furbesco le corna sono l’alambicco della distilleria abusiva
2) non ho idea del significato

THE PEELER AND THE GOAT

Ed ecco la versione inglese, sempre in tema capre e poliziotti, scritta nell’Ottocento da Darby Ryan di Bansha, un piccolo villaggio a metà strada sulla strada tra Cahir e Tipperary: il testo è umoristico e allusivo la capra rappresenta ironicamente i cattolici irlandesi perseguitati dagli Inglesi, ed è il poliziotto ad essere messo in ridicolo per il suo comportamento prepotente, supponente, ma pronto a girarsi dall’altra parte in cambio di due soldi per una bevuta!
ASCOLTA The Wolfe Tones 


I
A Bansha Peeler went one night
On duty and patrolling O
And met a goat upon the road
And took her for a stroller O
With bayonet fixed he sallied forth
And caught her by the wizzen O
And then he swore a mighty oath
‘I’ll send you off to prison O’
II
‘Oh, mercy, sir’, the goat replied
‘Pray let me tell my story O
I am no Rogue, no Ribbon man
No Croppy , Whig, or Tory  O
I’m guilty not of any crime
Of petty or high treason O
I’m sadly wanted at this time
This is the milking season O’
III
‘It is in vain for to complain
Or give your tongue such bridle O
You’re absent from your dwelling place
Disorderly and idle O
Your hoary locks will not prevail
Nor your sublime oration O
You’ll be transported by Peel’s Act
Upon my information O’
IV
‘No penal law did I transgress
By deeds or combination O
I have no certain place to rest
No home or habitation O
But Bansha is my dwelling-place
Where I was bred and born O
Descended from an honest race
That’s all the trade I’ve learned O’
V
‘The consequence be what it will
A peeler’s power, I’ll let you know
I’ll handcuff you, at all events
And march you off to Bridewell O
And sure, you rogue, you can’t deny
Before the judge or jury O
Intimidation with your horns
And threatening me with fury O’
VI
‘I make no doubt but you are drunk
With whiskey, rum, or brandy O
Or you wouldn’t have such gallant spunk
To be so bold or manly O
You readily would let me pass
If I had money handy O
To treat you to a poiteen glass
It’s then I’d be the dandy O’
tradotto da Cattia Salto
I
Un pula (1) di Bansha andò una notte
per il pattugliamento di servizio
e incontrò una capra sulla strada
e la scambiò per un barbone (2),
innestata la baionetta andò all’assalto
e l’afferrò per la gola
e poi fece un solenne giuramento
“Ti manderò dritto in prigione”
II
“O pietà signore – replicò la capra-
lasciatemi raccontare la mia storia:
non sono un malvivente, nè un affiliato alla Società del Nastro (3), un ribelle (4), un Whig o un Tory (5)
non sono colpevole di alcun crimine
di piccolo o d’alto tradimento
sono purtroppo richiesto in questo periodo che è la stagione del latte (6)”
III
“E’ inutile lamentarsi
e parlare a briglia sciolta
sei un fuori sede
casinista e sfaccendato
non prevarrai sulle tue catene
neppure con la tua oratoria sublime
sarai deportato per il Peel Act (7)
su mia accusa”
IV
“Non ho trasgredito nessuna legge penale, con o senza testimoni
non ho una fissa dimora dove stare
casa o abitazione
ma Bansha è la mia residenza
dove sono nato e cresciuto
discendendo da una razza onesta,
questo è il mestiere che ho imparato”
V
“Le conseguenze saranno ciò che io vorrò,
ti farò vedere il potere del poliziotto
ti ammanetterò in ogni caso
e ti spedirò a Bridewel
sta certo, canaglia, non puoi negare
davanti al giudice o alla giuria
per intimidazione con le tue corna
e minacce furiose verso di me”
VI
“Sono certo che sei ubriaco
di whiskey, rum, o brandy
o non avresti una tale grinta
nel mostrarti coraggioso e virile
Saresti pronto a farmi passare
se avessi del denaro in mano
per offrirti un bicchiere di whiskey casalingo (8)
e allora sarei un damerino!

NOTE
1) peeler è sinonimo di poliziotto, dal nome del fondatore del corpo di polizia Robert Peel che nel 1829 fondò la prima polizia metropolitana a Londra nella sede storica di Scotland Yard, una trentita d’anni più tardi l’istituzione di corpi di polizia locali fu obbligatoria in tutto il Regno Unito
2)  stroller che ho tradotto come barbone, nel senso di senzatetto è anche sinonimo di “passeggiatrice”
3) Ribbonmen sono gli affiliati alla Società del Nastro (Ribbon Society) una società agraria segreta dell’Ottocento formata da irlandesi cattolici mezzadri o braccianti per difendersi dai soprusi dei proprietari terrieri e locatari (vedi anche qui)
4) Croppy boys sono i ribelli irlandesi del 1798 (vedi)
5) Nomi delle due maggiori forze politiche presenti in Inghilterra dal XVII secolo alla metà del XIX. Il termine irlandese tory, in origine attribuito ai cattolici fuorilegge, indicava i seguaci conservatori del pretendente cattolico al trono Giacomo II Stuart (1679) e in seguito i sostenitori degli interessi dei proprietari agrari, della monarchia e della chiesa anglicana. Rinnovata da W. Pitt il Giovane (1784-90), la fazione tory dominò la vita politica inglese fino agli anni Trenta dell’Ottocento, quando per opera di R. Peel si trasformò nel moderno Partito conservatore britannico. Il termine whig, in origine usato per i ladri di cavalli, quindi per i presbiteriani scozzesi, nel suo significato politico indicò dapprima gli avversari di Giacomo Stuart e poi i fautori degli interessi urbani e commerciali, della limitazione dei poteri della monarchia e della tolleranza religiosa. Riorganizzata da C. Fox alla fine del Settecento, la fazione whig, interprete di una forte spinta riformatrice in senso politico e socioeconomico, assunse il potere dopo il 1832, trasformandosi quindi nel moderno Partito liberale britannico. (dal dizionario Zanichelli tratto da qui)
6) in altre versioni diventa “mating season” la stagione dell’amore.
7) Peel Act: la riforma di Peel della legge criminale in cui si riducono i crimini puniti con la morte
8) in altre versioni diventa “parting glass” ossia il bicchiere della staffa.

continua

FONTI
http://www.historic-uk.com/HistoryUK/HistoryofEngland/Sir-Robert-Peel/
https://thesession.org/tunes/5327
http://www.irishgaelictranslator.com/translation/topic28125.html

Nella terra santa ancora una volta

Read the post in English  

Per un marinaio  “la terra promessa” o “terra santa” (in inglese holy ground) non è altro che una zona del porto o una strada piena di locande, pubs o taverne di una cittadina portuale, dove divertirsi con bevute, donne e canzoni!
La versione di Holy ground preferita dai balenieri irlandesi, riprende la melodia e parte del testo di un’altra sea shanty dal titolo “Off to Sea Once More” o “Go to see Once More” (anch’essa dalle origini incerte). In quella il marinaio si rammarica di essere costretto ad andare per mare ancora una volta, perchè ha già speso tutti i soldi appena guadagnati, ubriacandosi e facendosi derubare da una puttana, in questa trovandosi invece già imbarcato su una baleniera è finito nel Mare Artico e si rammarica di non essere sulla Terra Santa!
Una dura vita quella dei pescatori di balene che stavano mesi in mare aperto in balia dei capricci del tempo, una vita dura e solitaria inframmezzata da colossali bevute una volta a terra.

The Wolfe Tones in Rifles of the IRA 1969


I
As I rolled(1) into Frisco, boys,
I went upon the street
I drank and gambled all night long,
as drunk as I could be
I drank and gambled all night long,
till I could drink no more
‘Twas then that I thought that I’d like
to be back in the Holy Ground once more

CHORUS
Once more, boys, once more,
the Holy Ground once more
II
I shipped on the Angeline, me boys, down for the Arctic Sea
Where cold winds blow
amid frost and snow,
was as cold as it could be
Where cold winds blow
amid frost and snow,
but the good old ship she did roll
‘Twas then that I thought that I’d like
to be back in the Holy Ground once more

III
We weren’t long in the Arctic Sea when we had spied a whale
With harpoon in my icy hands,
to hit I dare not fail
With harpoon in my icy hand,
I shot but I struck before
‘Twas then that I thought that I’d like to be back in the Holy Ground once more
IV
When you’re aboard a whaling ship with storms  and gales afore
Your mind is in some public house that lies upon the shore
Your mind is in some public house that lies upon the shore
‘Twas then that I thought that I’d like to be back in the Holy Ground once more
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Mentre camminavo per Frisco, ragazzi, in giro per la strada,
ho bevuto e scommesso tutta la notte ubriaco fradicio,
ho bevuto e scommesso tutta la notte fino a fare il pieno,
fu allora che pensai che avrei voluto ritornare di nuovo nella Terra Santa 
CORO
Ancora una volta, ragazzi ancora
nella Terra Santa, ancora una volta

II
Mi sono imbarcato sull’Angeline, ragazzi, verso il Mare Artico
dove i freddi venti soffiano
tra gelo e neve,
che più freddo non si può,
dove i freddi venti soffiano
tra gelo e neve
ma la cara vecchia nave rollava,
fu allora che pensai che avrei voluto ritornare di nuovo nella Terra Santa 
III
Eravamo nei pressi del Mar Artico quando abbiamo visto una balena,
con l’arpione nelle mani ghiacciate
il colpo non volevo rischiare di fallire,
con l’arpione nelle mani ghiacciate
ho sparato e colpito,
fu allora che pensai che avrei voluto ritornare di nuovo nella Terra Santa 
IV
Quando sei a bordo di una baleniera davanti a tempeste e bufere
il pensiero va a una taverna che si trova a terra,
il pensiero va a una taverna che si trova a terra,
fu allora che pensai che avrei voluto ritornare di nuovo nella Terra Santa 

NOTE
1) nelle sea shanty viene usato il termine rolling per indicare la camminata un po’ oscillante tipica del marinaio dovuta ai lunghi periodi passati sulle navi che beccheggiano

APPROFONDIMENTO
http://terreceltiche.altervista.org/holy-ground/
http://terreceltiche.altervista.org/go-to-sea-once-more/

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=15375

FIDDLER’S GREEN

L’isola dei Beati Marinai ma anche dei Pirati (Fiddler’s Green), dove il tempo è sempre mite, i violini non smettono mai di suonare, le ragazze sono bellissime e la birra è gratis.

103244Drunken_Sailor

Non un canto tradizionale del mare perchè è stato composto da John Conolly nel 1966, ma questa è una di quelle canzoni che diventano tradizionali appena un paio d’anni dopo la loro nascita.
E infatti Tim Hart e Maddy Prior  la registrano poco dopo per il loro album “Folk Songs of Old England Vol. 2” (per la verità riconoscendo i crediti a John). Poi sempre agli inizi degli anni 70 la registrano anche i Clancy Brothers … e la canzone diventa irlandese nella testa dei più (peccato che John Conolly sia dello Staffordshire)!

Nelle note dell’antologia “Flash Company: A Celebration of 25 Years of Fellside Records” (1976-2001) Paul Adams commenta: “John is the most unlikely writer of a hit song I know. It depends on how you define “hit”. There was a time in the 70s when you would hear this song sung every week in just about every folk club in the country. One of its great accolades is that people think it is traditional—doesn’t do much for John’s bank balance, though. It has been recorded numerous times. There are even Fiddler’s Greenfestivals. Look out for Fiddler’s Green slippers, mouse-pads and woolly hats.

Scrive lo stesso John Conolly su Mudcat
I originally wrote”Dress me up in me ABB SOCKS and jumper” ,until Bill [Meek] pointed out that no-one outside Grimsby would know about these specialist fishermen’s oiled-wool feet-protectors …
Geoff the Duck has the story of how the song was written pretty much correct ,except that there was no “competition” involved – Bill and I each went off independently and wrote a song – and when we turned up at the next “Broadside” rehearsal with two Fiddlers’Greens, Bill very kindly said he thought mine was the best,so that was the one we learned and sang.. The song is certainly not consciously based on “Tarpaulin Jacket”,although obviously that’s where I got the idea for the first line of my chorus – and as far as I know the words and tune are original -although I will concede that the first line of my verse does bear a passing resemblance to “The Dark-eyed Sailor” (old songwriters’ dodge – change the rhythm and they’ll never notice ..)

Come dicevo già negli anni 70 la canzone viene spacciata per la versione irlandese dell’isola dei Beati (vedi)

ASCOLTA Barney McKenna & The Dubliners (e mi commuovo sempre quando rivedo gli Original Dubliners)

ASCOLTA The Wolfe Tones (che la accreditarono come TRAD. ARR. WOLFTONES)

John Conolly, 1966 (Copyright © 1970 for the world, March Music Ltd, March, Cambs, UK)

VERSIONE DUBLINERS
I
As I walked by the dockside one evening so fair,
To view the salt waters and take the salt air,
I heard an old fisherman singing this song:
“Oh, take me away, boys, my time is not long.
CHORUS
“Wrap up in my oilskins and jumper,
No more on the docks I’ll be seen;
Just tell my old shipmates I’m taking a trip, mates,
And I’ll see you someday in Fiddler’s Green.
II
“Now, Fiddler’s Green is a place, I’ve heard tell,
Where fishermen go if they don’t go to hell;
Where the sky is all clear and the dolphins do play,
And the cold coast of Greenland is far, far away.
III
“The sky’s always clear and there’s never a gale,
And the fish jump on board with a flip of their tail;
You can lie at your leisure, there’s no work to do,
And the skipper’s below, making tea for the crew.
IV
“And when you’re in dock and the long trip is through,
There’s pubs and there’s clubs and there’s lasses there, too;
The girls are all pretty and the beer is free,
And there’s bottles of rum growing on every tree.
V
“I don’t want a harp nor a halo, not me,
Just give me a breeze and a good rolling sea;
And I’ll play my old squeezebox as we sail along,
With the wind in the rigging to sing me this song.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Mentre camminavo per il molo una sera così bella
ad ammirare il mare calmo e prendere una boccata d’aria salmastra, ho sentito un vecchio pescatore che cantava “O portatemi via, ragazzi, il mio tempo è alla fine”
CORO
Vestitemi con la mia tela incerata (1) e il maglione
e sul molo non più mi vedranno,
dite al mio capitano che sto facendo un viaggio, compagni ci ritroveremo un giorno a Fiddler’s Green”
II
Fiddler’s Green è un posto, ho sentito dire,
dove i pescatori vanno se non finiscono all’inferno;
dove il tempo è mite e i delfini nuotano
e le fredde coste della Groenlandia sono lontane
III
Il cielo è sempre sereno e non c’è mai una tempesta,
e il pesce salta a bordo dimenando la coda
e si può stare con le mani i n mano perché non c’è da faticare (2),
e il capitano è sottocoperta a fare il tè per la ciurma
IV
E quando sei in porto e il lungo viaggio è finito
ci sono pub e ritrovi e ci sono anche le ragazze;
le ragazze sono tutte belle e la birra è gratis
e ci sono bottiglie di rum che crescono su ogni albero.
V
Non voglio l’arpa e l’aureola,
non io
datemi solo una brezza e un buon mare mosso;
e io suonerò la mia concertina mentre navighiamo,
con il vento nelle vele per cantare questa canzone”

NOTE
1) in genere erano le mogli a preparare i vestiti di tela incerata (cioè trattata con olio di lino) che i marinai usavano durante la pesca nei casi di pioggia e di cattivo tempo.
2) “Il mestiere del marinaio è uno dei più antichi che l’uomo abbia esercitato e certamente uno dei più faticosi e pericolosi.
Abbiamo parlato a lungo con un marinaio pescatore ottantenne, il quale ci ha raccontato la vita che conduceva prima che i pescherecci fossero dotati del motore.
 Egli era un conoscitore, e lo è tuttora, del tempo, della direzione dei venti, delle nuvole, dell’acqua: dagli elementi conoscitivi che ne poteva trarre decideva se era o no il caso di avventurarsi sul mare per la pesca.
Quante paure, quanti fortunali improvvisi e imprevisti s’è trovato ad affrontare e come abbia salvato la vita non sa nemmeno lui!
La barca, le vele, le reti, i vestiti da lavoro tutto facevano a mano. “(tratto da qui)

LA VERSIONE TARPAULIN JACKET

Il riferimento più diretto di Fiddler’s Green è la ballata tradizionale Tarpaulin Jacket, di cui esistono peraltro molte versioni testuali. Prendo come esempio il testo attribuito a G. J. Whyte-Melville (1821-1878)


I
A tall stalwart lancer lay dying,
And as on his deathbed he lay,
To his friends who around him were sighing,
These last dying words he did say:
chorus
Wrap me up in my tarpaulin jacket
And say a poor buffer lies low;
And six stalwart lancers shall carry me
With steps solemn, mournful and slow.
II
Had I the wings of a little dove,
Far far away would I fly; I’d fly
Straight for the arms of my true love
And there I would lay me and die.
III
Then get you two little white tombstones
Put them one at my head and my toe, my toe,
And get you a penknife and scratch there:
“Here lies a poor buffer below.”
IV
And get you six brandies and sodas,
And set them all out in a row, a row,
And get you six jolly good fellows
To drink to this buffer below.
V
And then in the calm of the twilight
When the soft winds are whispering low, so low,
And the darkening shadows are falling,
Sometimes think of this buffer below.
Traduzione italiano Cattia Salto
I
Un alto valoroso soldato morente
sul suo letto funebre
ai suoi amici che intorno a lui piangevano
queste utlime parole disse
CORO
Avvolgetemi nella tela cerata
e dite che un poveraccio (1) qui giace
e sei soldati mi porteranno
con passo solenne, triste e lento
II
Se avessi le ali di una Tortorella
volerei lontano, volerei
dritto tra le braccia del mio vero amore
e là mi fermerei a morire.
III
Allora prendete due piccole lapidi bianche
e mettetene una alla mia testa e una ai piedi,
poi prendete un pungale e incideteci sopra
“Qui giace un poveraccio”
IV
Poi prendete sei brandy e della soda
e metteteli tutti in fila, in fila
e prendete sei compagni allegri
che bevano per questo poveraccio
V
Poi nella calma
del crepuscolo
mentre i venti sussurrano
piano, così piano
e le ombre della notte scendono
a volte pensate a questo poveraccio

NOTE
1) Anche scritto come duffer, sta per “A silly, or incompetent, old man”

FONTI
http://www.lavalledelmetauro.it/contenuti/carnevale-feste-tradizioni-lavoro/scheda/9244.html
http://www.folkmusic.net/htmfiles/inart573.htm
http://itu.se/eirinn/ceol/d/#fiddlers-green
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/fiddlersgreen.html
http://www.afolksongaday.com/?p=2168
http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/01/fiddler.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=93405

http://www.contemplator.com/england/tarpaulin.html
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=16016
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=148910
http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/346.html

ERIN GO BRAGH by Peadar Kearney

“Éirinn go Brách” si traduce come “Irlanda per sempre” o meglio “Irlanda libera” sinonimo dell’identità irlandese. In realtà, non si conosce la precisa origine della parola bragh, in quanto essa non esiste nel vocabolario irlandese: si presume che chi per primo la utilizzò abbia semplicemente sbagliato lo spelling. Bragh, infatti, si può ricondurre sia a breá, che significa “bello”, “splendido”, sia a brách, la cui traduzione è più semplicisticamente “per sempre”. È tradizionalmente una frase utilizzata come motto del movimento Repubblicano, e si ritrova infatti sulla sua bandiera.

Come precisa Riccardo Venturi “la forma anglicizzata (dalla pronuncia /ˌɛrɪn ɡə ˈbrɑː/ e scritta, a volte, persino Erin Go Braugh) è quella che ha ottenuto la maggiore diffusione e per un certo tempo si è trovata scritta persino sulla bandiera dell’Eire (tra le altre cose, nella foto riportata da Bernart Bartleby la si vede abbastanza chiaramente). Ciò non toglie, naturalmente, che la forma originale gaelica sia Éirinn go brách, laddove brách non significa tanto “per sempre”, quanto “eternità, fine dei tempi”. In gaelico, si usa anche la forma bráth, dal medesimo significato; go è una preposizione che significa “fino a”. In realtà, il gaelico standard richiederebbe la forma Éire go brách; Éirinn (da cui l’anglicizzazione Erin, divenuta anche un diffuso nome di persona femminile) è una forma di caso dativo, “all’Irlanda”, che però in un paio di dialetti si usa anche come forma storica di nominativo. L’anglicizzazione “Erin Go Bragh” si trova usata già dal 1847; prima si usavano altre forme “ibride” come Erin go brach.
Così il motto si traduce come:  “Irlanda libera”.

Con lo stesso titolo sono state chiamate canzoni diverse scritte non solo in Irlanda ma anche in Scozia. (vedi) Questa invece è la canzone scritta nel 1920 da Peadar Kearney (1883- 1942) irlandese, membro dell’irish republican army, compositore di numerose canzoni politiche che furono molto popolari tra gli Irish Volunteeres nel periodo 1913-1922, suo inoltre è l’inno nazionale della Repubblica d’Irlanda “The Soldier’s Song” (“Amhrán na bhFiann”)

LA RIVOLTA DI PASQUA 1916

La canzone si riferisce alla rivolta di pasqua del 1916 (lunedì 24 aprile) (Easter Rising) e ne commemora gli eroi.
Nella Pasqua del 1916 un manipolo di uomini decide di passare alle armi per proclamare la Repubblica d’Irlanda, l’insurrezione doveva divampare su tutta l’isola ma per una serie di contro-ordini scoppiò solo a Dublino.
Il 24 aprile lo Stato Maggiore repubblicano divide le sue forze in cinque battaglioni incaricati di neutralizzare i centri nevralgici di Dublino: Ned Daly con la prima brigata occupa le Four Courts (il tribunale). Thomas Mac Dnagh prende la fabbrica Jacob. Éamon de Valera occupa Boland’s Flour Mill per bloccare l’arrivo dei rinforzi inglesi. Éamon Ceant si installa nella South Dublin Union e altre truppe si insediano nel quartiere periferico di Fingall, al nord della città. Michael Mallin e la contessa Constance Markiewicz erigono barricate a St. Stephen Green. Lo Stato Maggiore della rivolta si insedia alla Posta centrale di Sackville Street (poi ribattezzata O’Connell Street). Vengono esposte bandiere con la scritta Irish Republic ricamata in oro su fondo verde. Patrick Pearse proclama la creazione del governo provvisorio della nuova Repubblica irlandese. Nell’ufficio postale ci sono con lui Connolly, come comandante militare, Joseph Plunkett, The O’Rahilly, Tom Clark e Sean MacDermott. Vi è anche un giovane di nome Michael Collins. (tratto da qui)

Il centro di Dublino dopo l’Easter Rising
Il centro di Dublino dopo l’Easter Rising

UNA SETTIMANA DI GUERRIGLIA

Non fu una battaglia ma una guerriglia urbana (una delle prime nella storia) con pochi irlandesi armati alla meno peggio, circondati dall’esercito inglese che inviava sempre più contingenti a Dublino; inglesi così esacerbati dalle perdite che si misero a fucilare gli uomini civili (e inermi) requisiti nelle case,  mano a mano che venivano ripulite dal rastrellamento; inglesi disposti a radere al suolo una città pur di stanare i ribelli.

sapere che essi sognarono e sono morti
e che cosa se non l’eccesso d’amore
li ha disorientai fino a farli morire?
WB Yeats “Pasqua 1916”

L’ordine di arrendersi venne da Pearse dopo una settimana dalla rivolta con il quartier generale General Post Office  (un grande edificio neoclassico) cannoneggiato e ridotto ad un ammasso di macerie con gli edifici circostanti.

tratta da qui

450 morti: 132 soldati, 63 insorti, 254 civili; oltre 500 feriti, 16 giustiziati.

ASCOLTA Wolfe Tones in Rifles of the I.R.A. 1969


I
I’ll sing you a song
of a row in the town,
When the green flag went up
and the Crown flag came down,
‘Twas the neatest
and sweetest thing ever you saw,
And they played that great game(2) they called Erin Go Bragh.
II
God bless gallant Pearse(3)
and his comrades who died
Tom Clark, MacDonagh, MacDiarmada, McBride, (4)
And here’s to James Connolly
who gave one hurrah,
And faced the machine guns
for Erin Go Bragh.
III
Now one of our leaders
was down in Ringsend,
For the honour of Ireland
to hold and defend,
He had no veteran soldiers
but volunteers raw (5),
Playing sweet Mauser(6) music
for Erin Go Bragh.
IV
Old Ceannt and his comrades
like lions at bay,
From the South Dublin Union
poured death and dismay,
But what was then often
the entaylors men saw(7)
All the dead karki soldiers
on Erin Go Bragh.
V
A great foreign captain
was raving that day,
Saying, “Give me one hour
and I’ll blow you away,” (9)
But a big Mauser bullet
got stuck in his jaw,
And he died of lead poisoning
on Erin Go Bragh.
VI
Glory to Dublin to her renown,
In the long generations
her fame will go down,
And our children will tell
how their forefathers saw,
The red blaze of freedom in Erin Go Bragh.
TRADUZIONE di CATTIA SALTO
I
Ti canterò la canzone
di una lotta (1) in città,
quando la bandiera verde fu innalzata
e la bandiera della Corona tirata giù,
fu la cosa più bella
e amabile mai vista
e si giocò quel grande gioco (2)
detto Erin Go Bragh.
II
Dio benedica il valoroso Pearse(3)
ed i suoi compagni che sono morti
Tom Clark, MacDonagh,
MacDiarmada, McBryde,(4)
ed anche James Connolly
che ha gridato evviva,
e affrontato le mitragliatrici
per Erin Go Bragh.
III
Ora, uno dei nostri leader
era andato nel Ringsend,
per tenere e difendere
l’onore dell’Irlanda,
non aveva soldati veterani
ma inesperti volontari (5)
a suonare la musica del Mauser (6)
per Erin Go Bragh.
IV
Il vecchio Ceannt e i suoi compagni come leoni tenuti in cattività,
dal South Dublin Union
riversarono morte e sgomento,
così ciò che allora
videro gli invasori (7) furono
tutti i soldati kaki morti(8)
per Erin Go Bragh.
V
Un grande capitano straniero farneticava quel giorno,
dicendo: “Dammi un’ora
e ti spazzo via,”(9)
ma un grosso proiettile Mauser è
rimasto bloccato nella sua mascella,
e morì di avvelenamento da piombo per Erin Go Bragh.
VI
Gloria a Dublino e alla sua celebrità,
nelle lontane generazioni
la sua fama salirà,
e i nostri figli potranno dire
come i loro antenati videro,
la fiammata rossa di libertà
per Erin Go Bragh.

NOTE
1) la rivolta di pasqua
2) com’ebbe a dire Nora Connolly, figlia del capo della Citizen Army, «non si deve ritenere che si trattasse di un’operazione suicida, come hanno voluto far credere una certa leggenda e soprattutto la propaganda inglese. Quel giorno mio padre e i suoi compagni giocavano le loro carte per mettere in difficoltà l’impero inglese».
3) Pádraig (Patrick) Pearse nato a Dublino nel 1879, secondo di quattro fratelli, a diciassette anni si unì alla Gaelic League e nel 1913 entrò nell’Irish Republican Brotherhood per poi diventare capo dell’Irish Volunteer. Fu uno dei comandanti maggiori dell’Easter Rising, e fu lui a leggere la Poblacht na hÉireann, la proclamazione della Repubblica d’Irlanda, sulle scale del General Post Office, davanti ad una folla per la verità un po’ disorientata. Fu giustiziato il 3 maggio 1916.
Il fratello minore William venne condannato a morte pur non avendo partecipato alla rivolta, con l’unica colpa di essere il fratello di Patrick Pearse. Come anche altri familiari dei firmatari della Dichiarazione d’Indipendenza -eroi loro malgrado.
4) gli uomini del Governo Provvisorio i quali firmarono il manifesto per proclamare La Repubblica d’Irlanda.
Thomas J. Clarke
Sean Mac Diarmada
Thomas Mac Donagh
P.H. Pearse
Eamonn Ceannt
James Connolly
Jospeh Plunkett
5) “I Volontari Irlandesi” creati nel 1913 sono un corpo di volontari paramilitari, si unirono all’Irish Citizen Army (esercito dei cittadini irlandesi) addestrati da James Connoly
6) mauser sono sia le pistole semiautomatiche che fucili ampiamente utilizzati nella prima guerra mondiale. Non so se abbia voluto evidenziare il coinvolgimento tedesco nella rivolta
7) invader men anche scritto come“And what was their horror when the Englishmen saw” e anche “But what was their wrath when the invaders them saw” “And what was their horror when the invader men saw”.
8) Si tratta degli uomini della “Sherwood Foresters” che avevano firmato per andare a combattere in Francia sul fronte della Somme. I primi giorni vennero presi di mira come al tiro al piccione dagli irlandesi asserragliati nelle case. Senza contare gli eroici assalti frontali contro le barricate (decisi ovviamente dagli astuti ufficiali dell’alto comando)
9) All’ondata successiva l’esercito inglese arriva con le mitragliatrici, bombe a mano e carri armati.

continua Foggy Dew

FONTI
http://www.lagrandeguerrapiu100.it/testimonianze/documenti-sulla-rivolta-di-pasqua
http://www.limesonline.com/lirlanda-e-la-rivolta-di-pasqua/23377
http://www.lagrandeguerrapiu100.it/puntate/la-rivolta-di-pasqua

THE BLACKBIRD OF SWEET AVONDALE

donna11La canzone è il lamento di una donna, personificazione dell’Irlanda, che si affligge per la prigionia del merlo di Avondale ovvero Charles Stewart Parnell. L’arresto di Parnell fu un grave errore di valutazione da parte del governo inglese. “This, incidentally, was one of the Great Mistakes of Britain’s dealings with Ireland. Prior to his arrest, Parnell was in the uncomfortable position of leading a divided organization: many Land Leaguers were for fighting the British with all their might, others favored purely parliamentary means. Both were growing somewhat suspicious of Parnell (who seems to have favoured whatever was most effective at a particular time). But the radicals’ activism caused Gladstone to pass a Coersion Act, and to round up Parnell and his associates. That united all Ireland behind him; by the time he was released, he was Ireland’s dominant politician” (Robert Kee, in The Bold Fenian Men).

Così incitava Parnell nel 1880: “When a man takes a farm from which another has been evicted you must shun him on the roadside when you meet him, you must shun him in the streets of the town, you must shun him in the shop, you must shun him in the fairgreen and in the marketplace, and even in the place of worship, by leaving him alone, by putting him in a moral Coventry, by isolating him from the rest of his country as if he were the leper of old, you must show your detestation of the crime he has committed.”
[traduzione italiano: quando un uomo prende una fattoria dalla quale un altro uomo è stato sfrattato, dovete dimostrare ciò che pensate di lui quando lo incontrate per la strada.. in un negozio.. persino nella casa del Signore.. lasciandolo desolatamente solo, in uno stato di ostracismo morale, isolandolo dal resto della comunità come se fosse un lebbroso, dovete mostrare il vostro disprezzo per il crimine che ha commesso]

Il testo della canzone è ripreso in alcuni broadside ottocenteschi probabilmente contemporanei allo svolgersi dei fatti. Tuttavia si ritiene che derivi da ‘The Lady’s Lamentation’  una canzone scozzese del 1600, rielaborata chiave giacobita nel secolo successivo con il titolo The Blackbird (o The Royal Blackbird) di cui si conoscono ben tre melodie.

THE AISLING SONG

La canzone richiama lo stile di un’Aisling song, un genere letterario tipico della poesia bardica irlandese, dove il poeta incontra una donna che simboleggia l’Irlanda. L’incontro ha il carattere di una visione o di un sogno poco prima del farsi del giorno , in cui la fanciulla è di una bellezza mozzafiato ovvero sublime, paragonata alla più bella delle dee. In genere lei si lamenta delle condizioni di vita del popolo irlandese e prevede un futuro radioso, in cui sarà libera dagli oppressori, e in questa canzone l’Irlanda si lamenta della prigionia del del Merlo (“Where, where is my Blackbird of sweet Avondale”).
Le aisling song sono in genere delle slow air di una dolcezza mista a tristezza infinita
La melodia delle versioni selezionata per l’ascolto richiama a mio avviso quella di “Bhríd Óg Ní Mháille

ASCOLTA Wolfe Tones in “Till Ireland A Nation” 1974,  strofe I, II, III, VII, V

Silly Wizard  in “A glint of Silver” 1986, strofe da I a VII

I
By the sweet bay of Dublin, while carelessly strolling
I sat myself down by a green myrtle shade(1)
Reclined on the beach, as the wild waves were rolling
In sorrowful condoling, I saw a fair maid(2)
II
Her robes(3) changed to mourning, that once were so glorious
I stood in amazement to hear her sad wail
Her heartstrings burst forth with wild accents uproarious
Saying, “Where, where is my Blackbird(4) of sweet Avondale?”
III
“In the fair counties Meath(5), Wexford, Cork, and Tipperary,
The rights of Old Ireland, my Blackbird did sing
Ah, but woe to the hour, with heart light and airy(6)
Away from my arms, to Dublin took wing”
IV
“The fowlers waylaid him in hopes to ensnare him
While I here in sorrow, his absence bewail
Oh, it grieves me to think that the walls of Kilmainham(7)
Surround my dear Blackbir of sweet Avondale”
V
“Oh, Ireland, my country, awake from your slumbers
And give back my Blackbird, so dear unto me
And let everyone know, by the strength of your numbers
That we, as a nation, would wish to be free”
VI
“The cold prison dungeons(7) is no habitation
For one, to his country, was loyal and true
Then give him his freedom, without hesitation
And remember he fought hard for freedom and you”
VII
“Oh, Heaven, give ear to my consultation
And strengthen the bold sons of Old Granuaile(8)
And God grant that my country will soon be a nation
And bring back the Blackbird to sweet Avondale”
tradotto da Cattia Salto
I
Nella bella baia di Dublino mentre passeggiavo distrattamente
mi sono seduto all’ombra di un verde mirto(1)
e distesa sulla spiaggia, mentre le ampie onde si frangevano,
distrutta dal dolore, vidi una bella fanciulla(2)
II
Gli abiti(3) che un tempo erano così gloriosi, mutati in lutto,
mi trovai sorpreso ad ascoltare il suo triste lamento,
i suoi sentimenti  si liberavano con toni agitati e tumultuosi
diceva ” Dovè il Merlo(4) della mite Avondale?
III
Nelle belle contee di Meath(5), Wexford, Cork e Tipperary
i diritti della povera Irlanda, il mio merlo ha cantato, ma guai all’ora, con cuore leggero e spensierato(6)
lontano dalle mie braccia, a Dublino ha preso il volo”
IV
I cacciatori lo assalirono con la speranza di intrappolarlo
mentre qui io nel dolore la sua assenza piango.
E’ doloroso per me pensare che le mura di Kilmainham(7)
circondano il  caro Merlo della mite Avondale.
V
Oh, Irlanda, paese mio , svegliati dal sonno
e ridammi il mio Merlo, a me tanto caro
e lascia che tutti sappiano, con la forza dei numeri che, come nazione, potremmo essere liberi.
VI
La cella fredda della prigione(7) non è l’abitazione per chi, al suo paese, era leale e sincero
quindi dagli la libertà , senza indugi
e ricorda che ha lottato per la libertà e per te.
VII
Oh, cielo, porgi orecchio alla mia supplica
e dai forza ai figli audaci della vecchia Granuaile (8)
e Dio fa che il mio paese sia presto una nazione e riporti il merlo alla mite Avondale”

NOTE
1) i Wolfe Tones dicono “a clear crystal Stream
2) la donna è Katherine O’Shea che impersona l’Irlanda afflitta. La chiave politica è una lettura tipicamente irlandese di un genere sviluppato in Francia con il termine Reverdie, in cui il poeta incontra una dama soprannaturale, che simboleggia la natura rigogliosa e l’amore.
3) i Wolfe Tones dicono “hopes
4) nei canti di protesta e di ribellione era consuetudine identificare il personaggio con uno pseudonimo. Con il nome di merlo tuttavia ci si riferiva più spesso al Vecchio Pretendente in esilio Giacomo Francesco Stuartvedasi The Blackbird la canzone giacobita
5) i Wolfe Tones dicono “Kerry
6) i Wolfe Tones dicono “with dark lights in Derry
7) Parnell fu arrestato a ottobre nel 1881 in forza del Coercion Act che voleva frenare le attività della Land League; fu rilasciato a maggio dell’anno seguente. Nella prigione di Kilmainham  (oggi trasformata in museo) Parnell era trattato con i guanti e viveva come se si trovasse in una suite d’albergo: si era portato i suoi arredi e riceveva regolarmente visite, oltre a condurre i suoi affari con il mondo esterno
8)  Granuaile è Grace O’Malley, eroina della storia irlandese, regina dei Pirati che si oppose con la lotta ad dominio inglese sull’Irlanda sia per mare che per terra all’epoca della regina Elisabetta I. Intelligente, affascinante e con il carisma del grande condottiero Granualile (da un nomignolo che vuol dire testa rasata) dominò i mari al largo della costa occidentale d’Irlanda per più di mezzo secolo. Imprigionata più volte dagli Inglesi non fu mai sconfitta e il suo spirito divenne il simbolo dell’Irlanda e il suo rifiuto alla sottomissione.

terza parte continua