Archivi tag: Wedding Song

MAIRI BHAN VERSUS MHAIRI BHAN OG

Canto nunziale dedicato a Mary McNiven scritto in gaelico scozzese nel 1934 da John Bannerman e successivamente riscritto in inglese da Sir Hugh Roberton (prima parte qui)

La versione in gaelico di John Bannerman non è riferita al matrimonio dal punto di vista degli invitati come nella variante in Inglese, bensì al colpo di fulmine che è piombato sul bel Johnny alla vista della bella Mary, vincitrice della gara canora più ambita del tempo il MOD nazionale: così egli ne ammira la bellezza e la soavità del canto e la vuole sposare.

ASCOLTA The Lochies

ORIGINALE IN GAELICO
I
Gaol mo chrìdh-sa Màiri   Bhàn,
Màiri bhòidheach, sgeul mo dhàin;
‘S i mo ghaol-sa Màiri Bhàn,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.
II
Thuit mi ann an gaol a-raoir,
Tha mo chrìdh-sa shuas air beinn,
Màiri Bhàn rim’ thaobh a’seinn,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.
III
Cuailean òir is suilean tlàth,
Mala chaol is gruaidh an àigh,
Beul as binne sheinneas dàn,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.
IV
‘S ann aig ceilidh aig a’ Mhòd
Fhuair mi eòlas air an òigh —
‘S ise choisinn am bonn òir,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.
V
Bidh mo ghaol do Màiri Bhàn
Dìleas, dùrachdach gu bràth;
Seinnidh sinn da chèil’ ar gràdh,
‘S tha mi ‘dol ga pòsadh.

TRADUZIONE INGLESE
I
The love of my heart, fair-haired Mairi,
Beautiful Mairi, the story of my song;
She is my true love, fair-haired Mairi,
And I am going to marry her.
II
I fell in love last night,
My very heart is up on a mountain,
Fair-haired Mairi beside me, singing,
And I am going to marry her.
III
Golden locks and gentle eyes,
Narrow eyebrow and merry cheek,
Sweetest mouth to sing a song,
And I am going to marry her.
IV
It was at a ceilidh at the Mod
I became aware of the young woman
It was she that won the gold medal
And I am going to marry her.
V
My love for fair-haired Mairi will be
Faithful, sincere for ever;
Together we will sing our love,
And I am going to marry her.
tradotto da Cattia Salto
I
L’amore del mio cuore, Mary dai bei capelli
bella Mary, l’ispirazione della mia canzone, lei è il mio amore, Mary dai bei capelli e io la sposerò.
II
Mi sono innamorato la notte scorsa
e ora il mio cuore è in cima alla montagna, Mary dai bei capelli  che mi canta accanto e io la sposerò.
III
Riccioli d’oro e begli occhi sopracciglio fine e guancia sorridente,  la più dolce bocca per cantare e io la sposerò.
IV
Fu alla festa del Mod
che mi accorsi di una giovane donna
è stata lei a vincere la medaglia d’oro e io la sposerò.
V
Il mio amore per Mary dai bei capelli sarà fedele, sincero per sempre(1); insieme canteremo il nostro amore
e io la sposerò

NOTE
1) in realtà la storia non ebbe seguito e Mary convolò a nozze solo sei anni più tardi con il capitano di marina John Campbell di Glendale.

SCOTTISH COUNTRY DANCE

Nel 1959  James B. Cosh di Glasgow ideò una danza sulla melodia di Mairi’s wedding. Benchè composta da poche figure risulta un po’ più complicata per i principianti e non è una danza che s’impara in due minuti.

(per lo schema vedi)

MHAIRI BHAN OG

macintyreNon so perché in alcuni siti Mhairi Bhan Og (Mary Young And Fair) viene considerato come il vecchio brano scozzese riarrangiato da John Bannerman per la versione di Mairi’s Wedding; tale riferimento può essere azzardato forse per la parte testuale, non certo per quella melodica, benchè il testo di Bannerman sia molto più essenziale e contingente al momento dell’incontro.

Si tratta invece di una slow air composta da Duncan Ban MacIntyre (1724-1812) come regalo di nozze per la moglie.

Soprannominato il Bello (Bàn – bhàn) per la sua particolare avvenenza anche in tarda età, fu considerato l’ultimo dei bardi gaelici del 1700. Donnchadh Mac an t-Saoir era la sua denominazione in gaelico scozzese ossia Duncan figlio del Carpentiere, ovvero il clan MacIntyre stanziatosi in Scozia nel XIV secolo.
Duncan era un illetterato e non sapeva scrivere, ma conosceva bene le opere di Alexander MacDonald il grande poeta della generazione precedente. Riuscì a pubblicare (ricorrendo alla dettatura) un libro dal titolo “The Gaelic songs of Duncan MacIntyre” in una prima edizione stampata ad Edimburgo nel 1790

Soprannominato anche “il bardo cacciatore di Glen Orchy” (ovvero la località in cui nacque nell’Argyllshire) ebbe una vita avventurosa e finì in prigione per aver scritto la canzone contro i pantaloni (che gli scozzesi dovevano indossare al posto del gonnellino dopo la sconfitta di Culloden)

La versione modale si trova nella collezione di Patrick MacDonald “A collection of Highland Vocal Airs” pubblicata nel 1783, spartito e testo anche in “The Elizabeth Ross Manuscript” (Original Highland Airs Collected at Raasay in 1812 di Elizabeth Jane Ross) vedi pdf

Il brano ha un andamento sognante e dolce, ed è eseguito ai nostri tempi per lo più in versione strumentale, sia per arpa (o chitarra) che per violino, ma anche cornamusa o flauto. Spesso per formazioni in duo o in terzetto.

ASCOLTA James Graham, l’arrangiamento strumentale è essenziale in una venatura più malinconica o nostalgica: Mhairi Bhan Og ovvero Òran d’a Chèile Nuadh-Poste‘ (Song To His Newly Wedded Wife) tratta da “The Gaelic songs of Duncan MacIntyre” di George Calder 1921. La versione integrale è di 136 versi ma ridotta in poche strofe

ASCOLTA  Alyth McCormack (strofe I, II, I)


ORIGINALE IN GAELICO SCOZZESE*  ( vedi testo)
I
A Mhàiri bhàn òg ‘s tu ‘n òigh th’air m’aire,
Ri m’bheò bhith far am bithinn fhéin,
On fhuair mi ort còir cho mór ‘s bu mhath leam
Le pòsadh ceangailt’ o’n chléir,
Le cùmhnanta teann ‘s le banntaibh daingean,
‘S le snaidhm a dh’fhanas, nach tréig:
S e t’fhaotainn air làimh le gràdh gach caraid
Rinn slàinte mhaireann am’ chré.
II
Chaidh mi do’n choill an robh croinn is gallain,
bu bhoisgeil sealladh mu’n cuairt,
‘s bha miann mo shùl do dh’fhiùran barraicht’
an dlùthas nam meanganan suas;
gueg fo bhlàth o barr gu talamh,
a lùb mi farasda nuas;
bu duilich do chàch gu bràth a gearradh
‘s e ‘n dàn domh ‘m faillean a bhuain
III
Dheanaiun duit ceann, is crann, is t-earrach,
an am chur ghearran an éill;
is dheanainn mar chàch air tràigh na mara
chur àird air mealladh an éisg:
mharbhainn duit geòidh is ròin, is eala,
‘s na h-eòin air bharra nan geug;
‘s cha bhi thu ri d’ bheò gun seòl air aran,
‘s mi chòmhnuidh far am bi féidh
IV
Na’m faighinn an dràsd’ do chàradh daingean
an àite falaicht’ o’n eug;
ged thigeadh e ‘d dhàil, is m’ fhàgail falamh
cha b’ àill leam bean eil’ ad dhéidh;
cha toir mi gu bràth dhuit dranndan teallaich,
mu’n àrdaich aileag do chléibh,
ach rogha gach mànrain, gràdh, is furan,
cho blàth ‘s a b’urrainn mo bheul.

TRADUZIONE INGLESE
I
O fair young Mary, you’re the maid that I mean to have in my life wherever I am
since I obtained my right to you, strong and sure, with marriage ties from the clergy,
with firm concracts and secure bonds, and with a knot that will remain and not be forsaken:
obtaining your hand, with your family’s blessing, give me health for life until the grave
II
I went to the wood where trees and saplings
were a radiant sigh all around.
and my eye desired an excellent sapling
enclosed in the branches above:
a bough in blossom from its tip to the ground,
which I bent gently down towards me
It would be hard for another ever to cut it,
when it was destined for me this sapling to pluck
III
Your goodman I’d be, I’d plow, sow for you, sure,
at time to put colts into leash;
and I’d more do for you, like all else on the sea-shore,
set means for deceiving the fish:
I’d kill geese for you, the swan and the seal,
and the birds on the tops of the boughs; while you lives you’ll never be without means for a meal, and me living where red-deer will browes.
IV
If I could now place you a safely in a place hidden from death
if it came near you, leaving me forsaken
I would want to other woman after you:
I will never offer you fireside bickering or heaving and sobbing in your breast,
but the finest of wooing, love and caressing,
as warm as my lips can manage
tradotto da Cattia Salto
I
O bella e giovane Mary, tu sei la fanciulla che voglio avere nella mia vita ovunque sia,
perchè ho ottenuto il mio diritto su di te, forte e certo, con il matrimonio consacrato dal prete
con solenni giuramenti e stretti legami, con un nodo che durerà e non sarà sciolto:
ottenere la tua mano, con il consenso dei tuoi genitori
mi darà forza fino alla tomba.
II
Al bosco andai dove gli alberi e arbusti
facevano un bello sfondo
e guardai con brama al germoglio più bello
che cresceva sugli alti rami.
un ramo fiorito da cima
a fondo,
che gentilmente curvai verso di me,
sarebbe stato arduo per un altro tagliarlo
quando era destinato a me  il cogliere tale fuscello.
III
Per il tuo bene arerei, seminerei per te certamente
al momento di mettere i puledri nel recinto, e farei di tutto per te, come chiunque altro sulla spiaggia preparerei gli attrezzi per ingannare i pesci; ucciderei le anatre per te, il cigno e la foca,
e gli uccelli sulla cima dei rami; finchè vivrai
non ti mancheranno mai mezzi di sostentamento
vivendo dove il cervo s’inerpica.
IV
Se potessi metterti al sicuro in un posto protetto dalla morte,
e se si avvicinasse a te, lasciandomi abbandonato,
nessuna altra moglie dopo di te abbraccerò;
non ti offrirò mai gli alterchi del focolare
o ansimi e singhiozzi in petto
ma l’amore romantico e le carezze tanto calde come i baci della mia bocca.

NOTE
* si riportano solo i versi cantati

 

ASCOLTA  versione integrale (tratto da http://www.tobarandualchais.co.uk un archivio poderoso raccolto in tutta la Scozia a partire dal 1930)

Ascoltiamo la melodia con l’arpa bardica nell’arrangiamento di Vicente La Camera

FONTI
http://www.scottishpoetrylibrary.org.uk/poetry/poets/alasdair-mac-mhaighstir-alasdair
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=6412
https://thesession.org/tunes/3878

BIRNIEBOUZLE OR THE YESTERYEAR WEDDING VOWS

the-bride-of-lammermoor-sir-john-everett-millaisLa canzone è tratta da un poema di James Hogg (1770-1835) che probabilmente ha anche coniato il termine bizzarro del titolo, formato dalle parole birnie (‘land covered with birns, i.e. scorched stems of heather’) e bouzy (‘covered with bushes’) in italiano è traducibile come “cespugli d’erica”, ovvero “brughiera cespugliosa”!

LA MELODIA: The Braes O’ Tullymet

La poesia risale al 1810 (raccolta in “The Forest Minstrel”) composta sulla melodia di ‘The Braes O’ Tullymet’, ovvero “The Red-Haired Girl of Tulloch”, ma la tradizione orale ha cambiato notevolmente la composizione originaria. Sulla melodia, una strathspey del Pershire, è costruita anche una scottish country dance VEDI
L
a melodia è considerata una sorta di antenata del famosissimo Cooley’s reel

YE’LL BE CANTY

Birniebouzle è in pratica una promessa matrimoniale da parte del futuro marito: egli promette che terrà la moglie ben vestita e ben nutrita, che la tratterà bene  e che le darà tanti bambini. Nel matrimonio di un tempo era fondamentale che l’uomo fosse in grado di mantenere la famiglia, la donna doveva invece avere molti più requisiti fisici e morali, e non in ultimo anche una dote.

Non ci sono molte registrazioni in rete anche se la canzone è tutto sommato piuttosto popolare in Scozia, soprattutto durante i matrimoni, visto il testo!

ASCOLTA Tannahill Weavers in “Are you sleeping Maggie” 1976
ASCOLTA Drinkers Drouth in “A tribute” 2001 (vedi scheda qui)

ASCOLTA Finn Mac Cuill 1978

Il testo è scritto in Scots, il dialetto scozzese con il quale molti poeti scozzesi si sono cimentati.


CHORUS
Gin ye’ll mairry me, lassie,
at the kirk o’ Birnie Bouzle
Till the day ye dee, lassie,
ye will ne’er repent it
I
Ye will wear when ye are wed
a kirtle(1) and a Hieland plaid(2)
And sleep upon a heather bed
sae couthy and sae canty
CHORUS
Ye will gang sae braw, lassie,
tae the kirk o’ Birnie Bouzle
Little brogues(3) an’ a’, lassie,
vow, but ye’ll be canty
II
Your wee bit tocher(4) is but sma’,
but hodden grey(5) will wear for a’
And I’ll save my siller tae mak ye braw
an’ ye will ne’er repent it
III
We’ll hae bonnie bairns an’ a’,
some lassies fair an’ laddies braw
Just like their mither ane an’ a’,
an’ yer faither he’s consented
IV
We’ll hunt the otter an’ the brock,
the hart, the hare, the heather cock
An’ I’ll pu’ ye limpets frae the rock
tae mak yer dishes dainty(6)
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
CORO
Se mi sposerai, ragazza
nella chiesa di Birnie Bouzle
finchè morte non ci separi
non te ne pentirai mai.
I
Indosserai da sposata una gonna (1) e un mantello di lana delle Highlands(2)
e dormirai su un letto di piume
felice e contenta.
CORO variazione
Sarai ben vestita, ragazza mentre andrai alla chiesa di Birnie Bouzle
con le scarpette (3) e tutto, ragazza
e sarai felice.
II
La tua dote (4) è misera, ma una rustica lana grigia(5) andrà bene per tutti i tuoi vestiti, e metterò da parte i soldi per vestirti meglio, non te ne pentirai mai.
III
Avremo dei bambini amabili,
delle belle ragazze e dei robusti ragazzi,
proprio come la loro madre;
e (poi) tuo padre ha acconsentito al matrimonio.
IV
Caccerò la lontra e il tasso,
il cervo, la lepre e il gallo,
prenderò le patelle dalla roccia
per prepararti pasti speciali.(6)

NOTE
1) Kirtle: è una gonna appena dopo il ginocchio munita di pettorina (un tempo la gonna era lunga)
2) Plaid: mantello di lana, indossato spesso dalle donne scozzesi come scialle nei caratteristici colori tartan
3) Brogues: scarpette tipiche delle Highland fatte con pelle non conciata e racchiuse con delle stringhe da annodare alle caviglie. Le scarpe un tempo venivano indossate dagli strati popolari solo nelle occasioni speciali, come appunto un matrimonio in chiesa.
4) Tocher: è la dote della sposa
5) Hoddin grey: panno di lana artigianale lasciato grezzo (non tinto)
6) alla novella sposa non mancheranno mai selvaggina e frutti di mare, principale compito del marito è portare a casa il mangiare per la famiglia

TRADUZIONE INGLESE
CHORUS 1
If you’ll marry me, lassie,
at the church of Birnie Bouzle
Until the day you die, lassie,
you will never regret it
I
You will wear when you are married
a gown(1) and a highland wool mantle(2)
Sleep upon a featherbed,
so comfortable and contented
CHORUS 2
You’ll be so well dressed, lassie,
going to church at Birnie Bouzle
Little shoes(3) and all, lassie,
but you’ll be merry!
II
Your little dowry(4) is but small,
but homespun grey wool fabric(5) will do for all our clothes
I’ll save my money to dress you well,
you will never regret it
III
We’ll have lovely children and all,
some pretty girls and sturdy boys
Like their mother, one and all,
and your father, he’s consented to the marriage
IV
I’ll hunt the otter and the badger,
the deer, the rabbit, and the grouse
I’ll pry the limpets from the rock
to make you special meals(6)

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico.html
http://sangstories.webs.com/birniebouzle.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=52829
http://thesession.org/tunes/3084 https://www.flutetunes.com/tunes.php?id=1379
http://mysongbook.de/msb/songs/b/birniebo.html http://www.fresnostate.edu/folklore/ballads/BrBrBirn.html
http://www.birnie.org/kirk.html http://digital.nls.uk/special-collections-of-printed-music/pageturner.cfm?id=94521180&mode=transcription

WEDDING DRESS: BROWN, RED, GREEN OR WHITE?

Viene dai Monti Appalachi questa melodia sbarcata in America al seguito degli emigranti irlandesi; alla proposta di matrimonio del fidanzato la ragazza non risponde, ma si mette a cucire; nella canzone sono quattro le possibili scelte sul tessuto: marrone, rosso, verde e bianco, così l’innamorato capisce che le nozze sono imminenti perchè la fanciulla inizia a cucire l’abito bianco, moda lanciata nel 1840 con le nozze della Regina Vittoria, copiata dai ceti più abbienti e fattasi consuetudine per tutte le spose nel XX secolo.

Ben poco è stato scritto in merito alla canzone arrivata fino a noi attraverso la tradizione orale, la prima cosa da rilevare è che indubbiamente la scelta dei colori e gli abiti da indossare nelle varie occasioni un tempo era rigidamente codificata e ricca di significati, soprattutto per un evento così importante come il matrimonio. continua

E tuttavia tali significati non sono univoci, contraddistinguendo il diffondersi di una credenza in base al tempo e al luogo.

couture-joven-cosiendo-pintores-y-pinturas-juan-carlos-boveriL’ABITO BIANCO
L’abito bianco è diventato sinonimo di candore e purezza virginale solo alla fine dell’Ottocento, in parallelo alla raffigurazione della Madonna con l’abito bianco e il manto blu (guarda caso dalla proclamazione del dogma dell’immacolata concezione – 1845 ). Vero è che il manto di Maria si è colorato di blu già nel XII secolo da quando nella tintura degli abiti si utilizzano l’indaco e il guado per ottenere un blu brillante e luminoso. La gamma a disposizione dei tintori anticamente non era così ampia come quella di oggi così certe tinte erano più costose e ricercate per la loro brillantezza.

E qui apro una parentesi nel mare magnum della semantica: nelle icone bizantine i colori hanno un significato ben codificato, rosso è il divino e blu è l’umano così Gesù e sua Madre sono raffigurati inversamente colorati Gesù con veste rossa e manto blu (la divinità che si è fatta carne), Maria (o la Maddalena) con veste blu e manto rosso (la carne che è stata divinizzata). Poi dal XIII secolo con il diffondersi del culto mariano il manto di Maria diventa sempre più spesso blu (dipinto con la polvere pregiata dei lapislazzuli). Il blu con la nuova teoria della luce che prenderà corpo nelle architetture gotiche diventa pari all’oro come colore della spiritualità e sinonimo di regalità. Così si vestono di blu i sovrani del tempo a partire da Luigi IX.
Dopo la riforma protestante, il nero e il blu, divennero gli unici colori degni di un buon cristiano, l’emblema stesso della serietà, della profondità e della moralità in terra

ASCOLTA Pentangle
ASCOLTA Stooshie

  I
Hey, my little Doney (1) girl
Don’t you guess better be making your wedding dress
Wedding dress, wedding dress
Better be making your wedding dress
II
Well, It’s already made
Trimmed in brown (2) stitched   around with golden crown
Golden crown, golden crown
Stitched around with golden crown
III
Well, It’s already made
Trimmed in red (3) stitched around   with golden thread
Golden thread, golden thread
Stitched around with golden thread
IV
Well, It’s already made
Trimmed in green (4) prettiest   thing you’ve ever seen
Ever seen, ever seen
Prettiest thing you’ve ever seen
V
Well, It’s already made
Trimmed in white (5) gonna be   married on Saturday night
Saturday night Saturday night,
Gonna be married on Saturday night
VI
Well, she wouldn’t say yes
She wouldn’t say no all she do is just sit and sew
Sit and sew, sit and sew
All she do is just sit and sew
TRADUZIONE ITALIANO tratta da vedi
I
Hey, mia piccola fidanzata (1)
non pensi che sia meglio preparare il tuo abito di nozze? Abito di nozze, abito di nozze. E’ meglio che prepari il tuo abito di nozze
II
Bene, è già pronto, rifilato in marrone, cucito tutto intorno come una corona d’oro
corona d’oro, corona d’oro
cucito intorno come una corona d’oro
III
Bene, è già pronto
Rifilato in rosso, cucito tutto intorno con un filo d’oro
filo d’oro, filo d’oro
cucito tutto intorno con un filo d’oro
IV
Bene, è già pronto
Rifilato in verde, la cosa più   bella che tu abbia mai visto
mai visto, mai visto
la cosa più bella che tu abbia mai visto
V
Bene, è già pronto
Rifilato in bianco, andremo a sposarci sabato sera
sabato sera,sabato sera
andremo a sposarci sabato sera
VI
Bene, lei non ha detto sì
lei non ha detto no, tutto ciò che ha fatto è sedersi e cucire
sedersi e cucire, sedersi e cucire
tutto ciò che ha fatto è sedersi e cucire

NOTE
1) doney: dony o doney, donie è un termine slang per ragazza, deriva da “donay, dona“. Stephen Calt scrive in merito: “A black and Southern white variant of ‘dona’, a 19th century slang term associated with cockney and British circus slang and regarded as vulgar by Farmer & Henley, though it derives from respectful Italian, Spanish or Portuguese terms for ‘lady’. (The standard English words ‘dame’ and ‘prima donna’ both derive from the same source). Although idiomatic, it is likely that the term was more common in song rhetoric than 20th century American colloquial speech.”
L’italiano “donna” dal latino “dominus” diventa un nome proprio in inglese: Donie, Dounay, Dony, Downie, Doney. Il modo più corretto di tradurre la frase non è “ragazza del Doney” quanto piuttosto “mia fidanzatina

2) MARRONE
Sugli abiti marroni so ben poco tranne che un tempo era il colore degli abiti modesti, per lo più indossati dai fraticelli e dai poveri. Nel contesto della canzone potrebbe indicare un abito ordinario: per il matrimonio una sposa povera o priva di risorse poteva indossare il suo vestito buono, quello dei giorni di festa, che non differiva poi molto da quello di tutti i giorni tranne per il fatto che era più nuovo; oppure poteva farsi imprestare un abito più bello dai vicini o dai parenti che se la passavano meno peggio. Ma evidentemente la ragazza non era così povera visto che poteva permettersi di ricamare una greca con filo dorato come bordura.

3) ROSSO
Nel tempo antico era il colore nunziale per eccellenza anzi il sinonimo di colore (colore archetipo nella triade bianco, nero, rosso) che evocava la fertilità. Il rosso richiama il fuoco e il suo processo di purificazione, quindi è un colore di protezione: da questa credenza vengono il filo rosso per difendersi dalle streghe e il corallo rosso per allontanare le malattie. Inizialmente fu anche il colore delle vesti della Madonna perchè il rosso simboleggia la divinità. Rosso e ricamo in oro sono stati da sempre l’abbinamento ideale per la sposa di elevato ceto sociale in quanto simbolo di potere e prestigio.

4) VERDE (simbolo ambivalente di morte e rinascita)
Il verde ha un significato ambivalente colore dei giovani, dell’amore e della gioia, ma anche colore della morte (la frutta acerba, la fine prematura) o degli esseri dell’Altro mondo. Il verde è il colore del veleno, dell’invidia e della gelosia (le streghe hanno la pelle verde). In Irlanda è un colore che porta sfortuna e quindi non era indossato dalle spose (continua)

5) del bianco ho già diffusamente parlato all’inizio e nella prima parte dell’articolo vedi

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=62519
http://dulcimer-noter-drone.blogspot.it/2009/07/wedding-dress-my-little-doney-gal.html
http://www.cultorweb.com/medioevo/C1.html
http://www.cultor.org/Colore/MR.html
http://www.oikos-group.it/contenuti/colore/colore-e-societa/storia-archivio

COME WITH ME OVER THE MOUNTAIN

“Over the Mountain”, “The Trip Over The Mountain”, “The Trip We Took Over The Mountains”, “Will You Come With Me Over The Mountain”

E’ una canzone di corteggiamento sicuramente di origine ottocentesca (contea di Galway), che illustra le consuetudini pre-matrimoniali di un tempo: l’uomo va su e giù per la montagna in visita alla sua bella per un anno (una volta al mese!), ma evidentemente i genitori di lei sono contrari alle loro nozze così lui le propone di fuggire insieme, dandole un ultimatum “O fuggiamo subito o non vengo più a trovarti!”
Lei prima non vuole ma poi, quando capisce che così lo perderà, si infila le scarpe e lo segue. In alcune versioni i due si sposano poi regolarmente davanti al prete e tutti i pettegolezzi sono messi a tacere!

La pratica della fuitina (come si dice dal siciliano= piccola fuga) era una usanza diffusa anche nelle regioni del Sud Italia, quando la coppia (spesso adolescente) metteva le rispettive famiglie davanti al “fatto compiuto” e quindi le obbligava a dare il consenso alle nozze. A volte una delle due famiglie era d’accordo con la coppia e la aiutava ad organizzare la fuga, così le nozze riparatrici erano più sobrie e senza costosi preparativi e ricevimenti.

Adrian_Ludwig_Richter

L’ASCOLTO
Il brano è più spesso registrato in versione strumentale come valzer lento o slow air, come riportato da Joe Heaney parte del testo e la melodia sono trascritti in P. W. Joyce, Old Irish Folk Music and Songs (1909)

ASCOLTA Teada 2003
ASCOLTA Séamus Ennis (anche su Spotify come Will you come with me over the mountain)

Su Spotify si possono ascoltare sotto il titolo di “The Trip We Took Over The Mountains” le versioni di Martin Cathy (strumentale) e di Peter Seeger (con testo diverso da quello riportato)

ASCOLTA Michael C. O’Laughlin che l’aveva   sentita cantare da Joe Heaney (ASCOLTA)

 I
One night when the moon illumined the sky
I first took a notion to marry
so I put on my hat and away I did fly,
You think I was in a great hurry.
I came to a spot where I often had been
My heart took a jump when my darling I seen
so I opened the door and I bid her good night
saying “will you come with me over the mountain?”
II
“My kind dear what watch come over you now?
I’m glad to see you so merry
It’s now twelve o’clock you should be in bed,
But come in or you’ll waken me mammy.”
“If you think I’m jesting, my jesting is real!
I’ve courted twelve months, and I think that should do;
and before I go home, I’ll be married to you
If you’ll come with me over the mountain.”
III
“If I should make an elopement with you
It bound to be wrought with great danger;
our neighbours would tattle and tattle us too
My friend would be all in a great wonder!”
“Well, let them tattle and tattle away
Consult with yourself for it’s very near day
And I don’t give a leap what the lot of them says
If you’ll come with me over the mountain.”
IV
“Well I must away at home I must go,
for I think it is fitting and better.
So farewell, my darling, farewell for a while
And let’s put an end to the matter.”
“Oh, wait just a minute let put on my shoes”
My heart took a leap when I heard the glad news
She came to the door saying “Maybe I’ll choose
To come with you over the mountain.”
V
By this time the moon had sunk in the west
for the dawn of the bright summer morning
Off we did go, the pair of us went on
For the wedding our two hearts were pining
The sagairt he came, without more delay
He married us both on the very same day;
And it’s often we talk when we’ve nothing to say
Of the trip we took over the mountain.

TRADUZIONE ITALIANO
I
Una notte, quando la luna illuminava il cielo
ho deciso di sposarmi
così ho indossato il cappello e sono volato via, in tutta fretta.
Sono arrivato in un posto dove spesso ero stato, il mio cuore ha fatto   un balzo quando ho visto la mia cara
ma ho aperto la porta e le ho augurato la buona notte
dicendole “Vuoi venire con me sulla montagna?”
II
“Mio bel caro ma che cosa ti succede adesso?
Sono contenta di vederti così allegro;
è mezzanotte e dovresti essere a letto
ma entra o sveglierai la mamma”
“Se tu pensi che   stia scherzando il mio scherzo è verità
Ti ho corteggiato per 12 mesi, e credo che dovrebbero bastare:
e prima di andare a casa, sarò sposato con te
se tu verrai con me sulla montagna”
III
“Se dovessi fuggire con te
un grande rovina si abbatterà su di noi
i nostri vicini andrebbero a spifferare tutto e sparlerebbero di noi,
tutti i nostri amici sarebbero meravigliati!”
“Bene, che spifferino e sparlino su di noi
pensaci bene perchè il giorno è vicino
e non me ne frega niente di quello che la maggior parte di loro dice
se tu verrai con me sulla montagna”
IV
“Ora devo proprio andare via, a casa,
credo che sia ben fatto e meglio
così addio mia cara, addio per un po’
e facciamola finita!”
“Oh aspetta solo un minuto, fammi mettere le scarpe”
il mio cuore ha fatto un balzo quando ho sentito la lieta notizia ed è   arrivata alla porta dicendo
“Forse scelgo di venire con te sulla montagna”
V
Intanto al luna era tramontata
a occidente
per l’alba del luminoso mattino d’estate
via siamo andati, per continuare ad essere una coppia
per il matrimonio i nostri due cuori stavano in pena
il prete è venuto senza ulteriori ritardi
ci sposò il giorno stesso
e quando non abbiamo niente da dire ne parliamo spesso del viaggio che   abbiamo fatto sulla montagna.

ASCOLTA Andy Irvine
© arrangiamento del testo di Andy Irvine

One night as the moon did illumine the sky’
I first took a notion to marry
I put on me hat and away I did fly
You’d have thought I’d have been in a hurry
When I can to the place where I often had been
Me heart gave a leap when my darlin’ I seen
I lifted the latch and I bade her Good E’en
Will you come with me over the mountain?

What notion is this that’s got into your head
You’ll make me afraid to be near you
It’s twelve o’clock and they’re all in bed
Speak low or me mammy will hear you.
I’m using no magic, casting no spell
I’m an honest young man and I love you right well
And if you’ll not have me, dear girl, farewell
I’ll go back alone o’er the mountain.

If I were to make an elopement with you
I might find myself in great danger
The country would tittle and censor me too
My parents would frown and no wonder.
Let them all tittle and censor away
Consult with yourself for it’s growing near day
What do we care what the country might say?
Come with me over the mountain.

She looked at me long and she looked at me hard
She trembled a little uneasy
Then wiping a tear that appeared in her eye
She said to me — Darling, I’m ready.
Give me a moment til I get me shoes
Me heart gave a lep when I heard the glad news
I lifted the latch saying I hope you’ll excuse
Me simplicity over the mountain.

By this time the moon had gone down in the sky
And the morning star brightly was shining
We both made the journey in greatest of haste
And we were wed at the altar of hymen.
In peace and contentment we spend our days
The anger of parents was soon blown away
Often we smile when we’ve little to say
On the trip we took over the mountain.

Un’altra versione testuale è cantata da Grace Toland ASCOLTA

FONTI
http://www.joeheaney.org/default.asp?contentID=1106
http://thesession.org/tunes/6524
http://www.irishtune.info/tune/1974/
http://archive.org/details/oldirishfolkmusi00royauoft

ILLUSTRAZIONI
http://it.wikipedia.org/wiki/File:Adrian_Ludwig_Richter_002.jpg

SHE MOVED THROUGH THE FAIR

Il testo originale risale ad una antica ballata irlandese del Donegal, mentre la melodia potrebbe essere di epoca medievale (per la scala musicale utilizzata che richiama quella araba). Del testo esistono molte versioni (strofe aggiuntive, riscrittura dei versi), anche in gaelico, a testimonianza della grande popolarità del brano: Padraic Colum (Padraic Columb 1881-1972) nel 1909 riscrisse le tre strofe iniziali prendendo l’ultimo verso e la melodia da una canzone tradizionale, la canzone venne pubblicata in Irish Country Songs di Herbert Hughes, nella prima stampa però manca la terza strofa aggiunta in un secondo momento.

Il tema è identico alla canzone “Our Wedding Day” cantata con la stessa melodia, qui però la storia si sviluppa con la fuga della ragazza di nome Molly che nonostante prometta al protagonista eterno amore, fugge con un altro. In generale la canzone è conosciuta anche come “The Wedding Song” (vedi testo)

Nella sua essenza la storia narra di una fanciulla promessa in sposa che appare in sogno al suo innamorato. Ma i versi sono criptici, forse perchè sono mancanti quelli che ne avrebbero chiarito il significato; è quello che succede alla tradizione orale (chi canta non ricorda i versi o li cambia a suo piacimento) e la ballata si presta ad almeno due possibili interpretazioni.

LA MORTE

Nelle prime strofe la donna, speranzosa, rassicura l’innamorato che la sua famiglia, nonostante lui non sia ricco, approverà la sua proposta di matrimonio, e loro presto si sposeranno; i due si sono incontrati nel giorno di mercato, e lui la guarda mentre si allontana e, in un’immagine crepuscolare, la paragona ad un cigno che si muove sulle placide acque.

La terza strofa è spesso omessa, ed è a prima lettura di non facile interpretazione: “La gente diceva / “Non si sposeranno mai” / ma uno era il dolore / che non fu mai detto”
il dolore inespresso potrebbe essere la malattia della ragazza (che ne causerà la morte) -data l’epoca probabilmente la tisi, ossia la morte per consunzione– per questo la gente era convinta che il matrimonio non si sarebbe celebrato.
E arriviamo all’ultima strofa, quella rarefatta e sognante in cui il fantasma di lei appare di notte (immagine rafforzata dalla aggiunta della parola dead accanto ad amore) : una figura evanescente che si muove piano senza alcun rumore e che lo chiama presto alla morte (anche lui si deve essere ammalato!).

L’ABBANDONO

L’altra interpretazione del testo (condivisa dai più) vede l’uomo abbandonato dalla donna, perchè fuggita con un altro (o più probabilmente la sua famiglia le ha combinato un matrimonio più vantaggioso, non essendo il pretendente amato da lei abbastanza ricco). Ma il suo amore per lei è così grande che, anche se lui proseguirà la sua vita sposandosi con un’altra, continuerà a sentirne la mancanza.
I versi relativi al dolore inespresso vengono quindi interpretati come la mancata confidenza alla moglie di essere ancora, e per sempre, innamorato della sua prima fidanzata.
La strofa finale diventa l’epilogo della sua vita, quando vecchio e in punto di morte, vede il suo amore apparirgli accanto, il suo vero amore, che lo consola e lo chiama perchè presto si ricongiungeranno nella morte (un’ipotesi più prosaica è che sogni di loro due da giovani, ancora promessi sposi).

Come si vede entrambi le ricostruzioni sono adattabili ai versi, ammirevoli e affascinanti proprio per la loro scarna essenzialità (un ermetismo ante litteram?): nessuna autocommiserazione, nessun dolore sbandierato, ma la semplicità di un amore così grande, che pochi ricordi passati insieme possono bastare per riempire una vita.

Un’unica, forte, immagine elegiaca, di lei candido cigno che incede nel crepuscolo, anticipazione del suo passaggio fugace sulla terra. Il brano è un lament dalla tristezza infinita e sono moltissimi i musicisti che lo hanno interpretato, ricreando quell’atmosfera rarefatta, spesso delineata con il delicato suono dell’arpa.

Del testo esistono molte versioni Loreena McKennitt
ad esempio ne canta una leggermente diversa (vedi) da quella standard

Moya Brennan (ossia Máire che si è decisa a inglesizzare il suo nome, visto che tutti lo pronunciavano non tenendo conto dell’accentazione gaelica) con Cormac De Barra all’arpa in Against the wind

Cara Dillon in Hills of Thieves, 2009 (nel video live con Solas)

In queste versioni la III strofa è mancante
ASCOLTA Fairport Convention 1969
ASCOLTA Irish Roses
Una giovanissima Sinead O’Connor che ha così intensamente espresso la strofa finale, quasi sussurrata (lei cambia il soggetto in chiave femminile)

  VERSIONE DI MOYA BRENNAN
I

My young love said to me,
“My mother(1) won’t mind
And my father won’t slight you
for your lack of kind(2)”
she stepped away from me(3)
and this she did say:
“It will not be long, love,
till our wedding day”
II
She stepped away from me
and she moved through the fair
And fondly I watched her
move here and move there
And then she turned homeward
with one star awake(4)
like the swan in the evening(5)
moves over the lake
III
The people were saying
“No two e’er were wed”
for one has the sorrow
that never was said(6)
And she smiled as she passed me
with her goods and her gear
And that was the last
that I saw of my dear.
IV
Last night she came to me,
my dead(7) love came
so softly she came
that her feet made no din
and she laid her hand on me
and this she did say
“It will not be long, love,
‘til our wedding day”
TRADUZIONE ITALIANO
I
Il mio giovane amore mi disse:
“A mia madre non importerà,
e mio padre non ti disdegnerà
per la tua mancanza di proprietà”,
e si allontanò da me
ed ecco cosa mi disse,
“Non manca molto, amore
al nostro matrimonio”.
II
Si allontanò da me,
attraverso il mercato
e con amore la seguii con gli occhi   mentre si spostava di qua e di là.
Poi si diresse verso casa,
c’era una sola stella nel cielo,
e lei mi parve un cigno
che si muove sulle acque del lago.
III
La gente diceva
“Non si sposeranno mai”
ma uno era il dolore
che non fu mai detto
e lei mi sorrise mentre passava
con le sue merci e la sua andatura
che fu l’ultima cosa
che vidi del mio amore
IV
Stanotte venne da me,
il mio amore defunto,
venne da me così piano
che i suoi piedi non fecero alcun rumore,   e pose la mano su di me
ed ecco cosa mi disse,
“Non manca molto, amore
al giorno del nostro matrimonio”.

NOTE
1) nella poesia di Padraic Colum sono i fratelli al posto della madre e i genitori al posto del padre
2) kind – kine: termine di difficile definizione, si può intendere come “ricchezza” o “proprietà” nel senso di beni in natura, per il tempo in questione poteva trattarsi di bestiame (kine che si scrive in modo simile) perciò the lack of kind potrebbe essere un termine colloquiale nel linguaggio anglo-irlandese per indicare “la mancanza di sostanza”. Altri interpretano la parola come “parenti” ovvero il protagonista è orfano o dalle origini oscure
3) in altre versioni she laid her hand on me
4) la stella della sera che compare prima di tutte le altre è il pianeta Venere
5) in the evening è riferito al momento in cui i due si separano
6) the sorrow that never was said: la donna era malata o è una mancata confidenza?
7) alcuni interpreti omettono la parola propendendo per la versione del sogno, oppure dicono “my dear love” o “my own love” o anche “my young love”

IL CIGNO E IL SUO SIMBOLISMO
Il cigno è uno degli animali maggiormente rappresentati nella cultura celtica, effigiato su diversi oggetti e protagonista di numerosi racconti mitologici. continua

FONTI
http://thesession.org/tunes/4735
http://knifeandforkfactory.wordpress.com/2010/09/29/she-moves-through-the-fair-meaning-and-interpretation-part-1/
http://knifeandforkfactory.wordpress.com/2010/09/29/she-moves-through-the-fair-modern-lyrics-and-variations/
http://mainlynorfolk.info/anne.briggs/songs/shemovesthroughthefair.html