Archivi tag: warning songs

MARION S’Y PROMÈNE

Un filone fecondo della tradizione ballatistica europea che affonda le sue radici nel medioevo è quello cosiddetto della “fanciulla sulla spiaggia”;  Riccardo Venturi riassume il commonplace in modo puntuale  “fanciulla solitaria che passeggia sulle rive del mare – nave che arriva – comandante o marinaio che la richiama a bordo – fanciulla che s’imbarca di spontanea volontà – ripensamento e rimorso – pensieri alla casa materna / coniugale – dramma che si compie (in vari modi)
Nelle “warning ballads” si ammoniscono le brave fanciulle di non mettersi grilli per il capo,  di stare al loro posto (accanto al focolare a sfornare manicaretti e bambini) e di non avventurarsi in “ruoli maschili”, altrimenti finiranno disonorate o stuprate o uccise. Meglio quindi la gabbia più o meno dorata che già si conosce che il volo libero.
Così questa ballata francese (area occidentale) viene dai complainte medievali filtrati dalla tradizione popolare con il titolo  La fille aux chansons (= la fanciulla nelle canzoni) e con chanson si intende ovviamente la produzione medievale di trovieri e trovatori.

Il seduttore di turno (nel mazzo con elfi cavalieri e principi ranocchi) è un più normale “pirata” ma non meno esotico e eccitante, siamo alle solite la fanciulla “inquieta” si aggira sola soletta per la spiaggia (nelle versioni terricole invece predilige boschi rigogliosi pieni di felci o brughiere con l’erica e la ginestra in fiore), sente il canto del bel marinaio e imprudentemente sale sulla nave governata da una trentina di marinai.
Appena salita a bordo la musica cambia e la ragazza finalmente capisce che la sua fine sarà di essere l’oggetto sessuale di 30 arrapati pirati e in un gesto disperato si trafigge il cuore con la spada .

ASCOLTA Malicorne in Malicorne II (“Le mariage anglais”), 1975


I
Marion s’y promène
Le long de son jardin,
Le long de son jardin
Sur les bords de la France
Le long de son jardin
Sur les bords de l’eau.
II
Aperçoit une barque
De trente matelots,
De trente matelots
Sur les bords de l’eau
Le plus jeune des trente
Chantait une chanson.
III
Chantait une chanson
Sur les bords de la France,
Chantait une chanson
Sur les bords de l’eau
La chanson que tu chantes
Je voudrais la savoir.
IV
Je voudrais la savoir
Sur les bords de la France,
Je voudrais la savoir
Sur les bords de l’eau
Montez dedans ma barque,
Je vous l’apprend(e)rai.
V
Je vous l’apprend(e)rai
Sur les bords de la France,
Je vous l’apprend(e)rai
Sur les bords de l’eau.
VI
On fait cent lieues de barque
Sans rire et sans parler
On fait cent lieues de barque
Sans rire et sans parler
Sans rire et sans parler
Sur les bords de la France,
Sans rire et sans parler
Sur les bords de l’eau.
VII
Après cent lieues de course,
La belle s’ mit à pleurer
Après cent lieues de course,
La belle s’ mit à pleurer
La belle s’ mit à pleurer
Sur les bords de la France,
La belle s’ mit à pleurer
Sur les bords de l’eau.
VIII
Qu’avez vous donc la belle
Qu’a vous à tant pleurer?
Qu’a vous à tant pleurer
Sur les bords de la France?
Qu’a vous à tant pleurer
Sur les bords de l’eau?
IX
J’entends, j’entends ma mère
M’appeler pour coucher,
M’appeler pour coucher
Sur les bords de la France,
M’appeler pour coucher
Sur les bords de l’eau.
X
Ne pleurez pas la belle,
Chez nous vous coucherez!
Chez nous vous coucherez
Sur les bords de la France,
Chez nous vous coucherez
Sur les bords de l’eau.
XI
Quand(e) fut dans la chambre
Son lacet a noué
Son lacet a noué
Sur les bords de la France,
Son lacet a noué
Sur les bords de l’eau.
XII
Mon épée sur la table,
Belle, pourra le couper
Belle, pourra le couper
Sur les bords de la France,
Belle, pourra le couper
Sur les bords de l’eau.
XIII
La belle a pris l’épée,
Au cœur se l’est plongée
La belle a pris l’épée,
Au cœur se l’est plongée
Au cœur se l’est plongée
Sur les bords de la France,
Au cœur se l’est plongée
Sur les bords de l’eau.
XIV
La prend par sa main blanche,
Dans la mer l’a jetée
La prend par sa main blanche,
Dans la mer l’a jetée
Dans la mer l’a jetée
Sur les bords de la France,
Dans la mer l’a jetée
Sur les bords de l’eau.
Traduzione di Riccardo Venturi
I
Marion sta passeggiando
su e giù nel suo giardino,
su e giù nel suo giardino
sulle rive di Francia
su e giù nel suo giardino
sulla riva del mare.
II
S’accorge d’una barca
con trenta marinai,
con trenta marinai
sulla riva del mare,
dei trenta il più giovane
cantava una canzone.
III
Cantava una canzone
sulle rive di Francia,
cantava una canzone
sulla riva del mare,
la canzone che canti
la vorrei imparare.
IV
La vorrei imparare
sulle rive di Francia,
la vorrei imparare
sulla riva del mare.
Sali sulla mia barca,
e te la vo a insegnare.
V
Te la vo a insegnare
sulle rive di Francia,
te la vo a insegnare
sulla riva del mare.
VI
Cento leghe navigate
senza ridere né parlare,
cento leghe navigate
senza ridere né parlare
senza ridere né parlare
sulle rive di Francia,
senza ridere né parlare
sulla riva del mare.
VII
Cento leghe di rotta
e la bella si mise a singhiozzare,
cento leghe di rotta,
si mise a singhiozzare,
si mise a singhiozzare
sulle rive di Francia,
si mise a singhiozzare
sulla riva del mare.
VIII
Ma che avete, bella,
da tanto singhiozzare?
Da tanto singhiozzare
sulle rive di Francia?
Da tanto singhiozzare
sulla riva del mare?
IX
Sento, sento mia madre
che mi chiama a dormire,
che mi chiama a dormire
sulle rive di Francia,
che mi chiama a dormire
sulla riva del mare.
X
Non piangere, mia bella,
con noi tu giacerai!
Con noi tu giacerai
sulle rive di Francia,
con noi tu giacerai
sulla riva del mare.
XI
Quando fu dentro in camera
i legacci lei annodò
i legacci lei annodò
sulle rive di Francia,
i legacci lei annodò
sulla riva del mare.
XII
La spada che ho sul tavolo,
bella, li può tagliare
bella, li può tagliare
sulle rive di Francia,
bella, li può tagliare
sulla riva del mare.
XIII
La bella ha preso la spada
nel cuore se l’è conficcata
la bella ha preso la spada
nel cuore se l’è conficcata,
nel cuore se l’è conficcata
sulle rive di Francia,
nel cuore se l’è conficcata
sulla riva del mare.
XIV
La prende per la mano bianca,
nel mare l’ha gettata
la prende per la mano bianca
nel mare l’ha gettata,
nel mare l’ha gettata
sulle rive di Francia,
nel mare l’ha gettata
sulla riva del mare.

Non sempre però il racconto è così funesto continua

FONTI
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=50848

P STANDS FOR PADDY

P stands for Paddy” (come pure “The verdant braes of Screen“) affronta il tema dell’amore falsamente corrisposto.
Però la melodia è più gioiosa di quanto ci si aspetterebbe da questo genere di warning songs e il dialogo tra i due sembra più un bisticcio tra innamorati che una separazione.
Così il commento di A.L. Lloyd alla versione dei Waterson “T stands for Thomas” “These B for Barney, P for Paddy, J for Jack songs are usually Irish in origin though common enough in the English countryside. Often the verses are just a string of floaters drifting in from other lyrical songs. So it is with this piece, which derives partly from a version collected by Cecil Sharp from a Gloucestershire gipsy, Kathleen Williams. Some of the verses are familiar from an As I walked out song sung to Vaughan Williams by an Essex woodcutter, Mr Broomfield (Folk Song Journal No. 8). The verses about robbing the bird’s nest recall The Verdant Braes of Skreen.”

ASCOLTA Planxty in Cold Blow and the Rainy Night , 1974, i quali hanno divulgato la canzone al grande pubblico (per il testo vedi)

Old Blind Dogs in Tall Tails 1994 ovvero la formazione degli esordi con Ian F. Benzie (voce e chitarra) Jonny Hardie (violino), Buzzby McMillian (cittern) Davy Cattanach (percussioni)

ASCOLTA Cara Dillon per la serie live Transatlantic Sessions, un godibile live con artisti di tutto rispetto


I
As I went out one May morning to take a pleasant walk
Well, I sat m’self down by an old faill wall just to hear two lovers talk
To hear two lovers talk, my dear,
to hear what they might say
That I might know a little more about love before I went away
Chorus 
P stands for Paddy, I suppose,
J for my love, John
W stands for false Willie(1),
oh but Johnny is the fairest man
Johnny is the fairest man, my dear, aye, Johnny’s the fairest man
I don’t care what anybody says,
Johnny is the fairest man

II
Won’t you come and sit beside me, beside me on the green
It’s a long three quarters of a year or more since together we have been Together we have been, my dear, together we have been
It’s a long three quarters of a year or more since together we have been
III
No, I’ll not sit beside you, not now nor at any other time
For I hear you have another little girl, and your heart’s no longer mine
Your heart’s no longer mine, my dear, your heart’s no longer mine
For I hear you have another little girl, and your heart’s no longer mine
IV
So I’ll go climb the tall, tall tree,
I’ll rob the wild bird’s nest
When I come down, I’ll go straight home to the girl that I love best
To the girl that I love best, my dear, the girl that I love best
When I come down, I’ll go straight home to the girl that I love best
TRADUZIONE  DI CATTIA  SALTO
I
Mentre andavo un mattin di maggio
a fare una bella passeggiata
beh, sostai presso un vecchio muro diroccato solo per ascoltare la conversazione di due innamorati,
per ascoltare quello che si dicevano
e per poter conoscere un po’ di più sull’amore prima di andare via.
CORO
P sta per Paddy, credo,
J per il mio amore John
W sta per il bugiardo Willie,
ma Johnny è l’uomo più bello
Johnny è l’uomo più bello, si, il mio amore,
Johnny è l’uomo più bello,
non mi interessa quello che gli altri dicono, Johnny è l’uomo più bello

II
“Non vorresti venire a sederti accanto a me sull’erba?
Sono nove mesi fa o più,
da quando siamo stati insieme
insieme siamo stati, mia cara
insieme siamo stati,
sono nove mesi fa o più
da quando siamo stati insieme”
III
“No non mi stenderò sull’erba accanto a te, nè adesso nè mai
perchè ho saputo che tu hai un’altra ragazza e il tuo cuore non appartiene più al mio, e il tuo cuore non appartiene più al mio, mio caro, perchè ho saputo che tu hai un’altra ragazza e
il tuo cuore non appartiene più al mio.”
IV
“Mi arrampicherò su di un albero alto alto e ruberò il nido di un uccello selvatico e quando ritornerò giù, andrò dritto alla casa della ragazza che amo di più tra le braccia della ragazza che amo di più, mia cara,
quando ritornerò giù, andrò dritto alla casa della ragazza che amo di più”

NOTE
1) Willie è il tipico nome del falso innamorato vedi in Willy Taylor
2) In questa canzone  è l’uomo  ad arrampicarsi sull’albero più alto per prendere il nido e portarlo alla donna che ama dandole così prova d’amore. In genere è lei a donare il suo “nido” ad un altro uomo, più degno di essere amato. Il finale è aperto: a chi Johnny porterà il nido?

FONTI
http://www.mudcat.org/thread.cfm?threadid=5037 http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/05/paddy.htm http://thesession.org/tunes/10172

WHEN I WAS NOO BUT SWEET SIXTEEN / THE BOTHY LADS

donna-culla-WILLIAM-ADOLPHE-BOUGUEREAUAncora una canzone sui cavallanti (vedi bothy ballads), proveniente dal Nord-Est della Scozia, ma questa storia finisce con una gravidanza e senza matrimonio riparatore. L’altro titolo con cui è conosciuta è “Hishie Ba” una variante in versione ninna –nanna che ci viene dal canto di Jean Redpath. La stessa storia è narrata con una melodia simile anche nella ballata “Peggy on the Banks of Spey” (che Hamish Henderson raccolse nel 1956 dalla signora Elsie Morrison di Spey Bay) Nella tradizione scozzese non sono insolite le ninne-nanne dai contenuti amari e dolorosi (vedi).

La melodia è intitolata “Jockey’s gray Breeches” già in “Caledonian Pocket Companion” di James Oswald (1745) (vedi)

WHEN I WAS NOO BUT SWEET SIXTEEN/

ASCOLTA June Tabor & Oysterband (testo qui)

ASCOLTA Colcannon con il titolo The Ploughboy lads
ASCOLTA Claire Hastings in ‘Between River and Railway‘ 2016 con il titolo The Bothy Lads che unisce il coro della versione di Hishie ba


I
Ah well I was no’ but sweet sixteen
With beauty charme a-blooming oh
It’s little little did I think
At nineteen I’d be grieving oh
Well the ploughboy lads they’re all braw  lads /But they’re false and they’re deceiving oh/They’ll take your all and 
they’ll gang away
And leave the lassies grievin’ oh
II
Ah well I was fond of company
And I gave the ploughboys freedom oh
To kiss and clap me in the dark
When all me friends were sleeping oh
III
Well if I did know what I know now
And I took me mothers biddin’ oh
I wouldn’t be sittin’ by our fireside
Crying “hush a ba my baby oh”
IV
Well it’s hush a ba  for I’m your ma/But the Lord knows who’s your daddy oh
And I’ll take care and I’ll beware
Of the ploughboys in the gloaming oh
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Non avevo che 16 anni
con le grazie della giovinezza in fiore
e mai avrei pensato
che a 19 sarei stata inguaiata (1)
Beh i Cavallanti sono tutti bei (2) ragazzi
ma sono insinceri e sono traditori
ti prendono tutto
e poi vanno via

e lasciano le ragazze nei guai
II
Beh, amavo la compagnia
e ho dato ai cavallanti la libertà
di baciarmi e afferrarmi (3) nel buio
mentre tutti  i miei amici dormivano
III
Se avessi saputo quello che so ora,
e avessi dato retta a mia madre,
non starei seduta accanto al focolare
a piangere “Dormi bambino (4) mio”
IV
Fai la ninna (5) per la tua mamma,
solo il Signore sa chi è tuo padre (6)
farò attenzione e starò alla larga (7)
dai cavallanti nel crepuscolo (8).”

NOTE
1) oppure Greetin: weeping
2) gey braw: very fine, handsome
3) clap: touch
4) bairnie
5) Hishie ba: soothing sound to a baby, lullaby
6) la donna ha concesso i suoi favori a diversi giovanotti (all’epoca non c’era ancora il test del dna)
7) June Tabor dice “so it’s girls beware and you take care ”  “le ragazze stanno alla larga e tu fai attenzione ” è l’avvertimento della madre alla neonata di guardarsi dai cavallanti! Spesso le ninnananne erano delle warning songs.
8) Gloamin: twilight, dusk

HISHIE BA

ASCOLTA Lucy Stewart
ASCOLTA Jean Redpath (strofe I e III)

ASCOLTA Arthur Argo (strofe I, II, III)


I
When I was noo but sweet sixteen
and beauty aye an bloomin’ o
it’s little, little did I think
that at seventeen I’d be greetin’ o
Hishie ba, noo I’m yer ma
Oh, hishie ba, ma bairnie o
Hishie ba, noo I’m yer ma
but the guid kens fa’s yer faither o
II
If I had been a guilte lass
An taen ma mither’s biddin o
I widna be sittin at your fireside
singing hush a ba my baby oh
III
It’s keep it me frae lowpin’ dykes
Frae balls and frae waddin’s o
It’s gi’en me balance tae my stays
and that’s in the latest fashion o
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Non avevo che 16 anni (1)
con la mia bellezza in fiore
e mai avrei pensato
che a 17 sarei stata inguaiata
Fai la ninna per la tua mamma
dormi bambino mio
Fai la ninna per la tua mamma,
solo il Signore sa chi è tuo padre
II
Se fossi stata una ragazza saggia
e dato retta agli avvertimenti di mia madre, non starei seduta accanto al focolare a cantare “dormi bambino mio”
III
Mi tengo lontana dai saltafossi (2),
dai balli e dai matrimoni(3)
e mi strizzo nel corsetto (4)
che è all’ultima moda

NOTE
1) Argo dice When I was a maid but sweet sixteen
2) leaping, jumping over stone walls. Ma louppar (lowpar), looper  (louper) nel Dizionario Scozzese è sinonimo di vagabondo. dyke-louper, -leaper, (a) an animal that leaps the dyke surrounding its pasture (b)fig.: a person of immoral habits, also in n.Eng. dial.; hence dyke-loupin’, ppl.adj. and vbl.n., used lit. and fig. (qui)
3) weddings
4) Stays: (a pair of) C17th and c18th term for the boned underbodice previously known as a “pair of bodies.” The term persisted into the c19th but was more usually replaced by its French equivalent, the “corset.” The term was also applied to the stiff inserts of whalebone or steel which shaped this garment. A corset made of two pieces laced together and stiffened by strips of whalebone. Il verso è da intendersi come “darsi una regolata” ovvero comportarsi da ragazza perbene oppure vuole nascondere il suo stato di partoriente ?

FONTI
http://www.tunearch.org/wiki/Jocky%27s_Gray_Breeches
http://www.tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/85072/6
http://www.tobarandualchais.co.uk/fullrecord/98115/1
http://www.black-brothers.com/songs/8.htm
https://mainlynorfolk.info/june.tabor/songs/wheniwasnoobutsweetsixteen.html
http://www.oysterband.co.uk/lyrics/songs/(When_I_was_no_but)_sweet_sixteen.html
http://mysongbook.de/mtb/r_clarke/songs/nobut16.htm
http://sangstories.webs.com/hishieba.htm
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=88570
http://sangstories.webs.com/hishieba.htm
http://tobarandualchais.co.uk/en/fullrecord/16915/2
http://www.springthyme.co.uk/ah03/ah03_02.htm

THE MAID ON THE SHORE IS IT A MERMAID?

Un filone fecondo della tradizione ballatistica europea che affonda le sue radici nel medioevo è quello cosiddetto della “fanciulla sulla spiaggia”;  Riccardo Venturi riassume il commonplace in modo puntuale  “fanciulla solitaria che passeggia sulle rive del mare – nave che arriva – comandante o marinaio che la richiama a bordo – fanciulla che s’imbarca di spontanea volontà – ripensamento e rimorso – pensieri alla casa materna / coniugale – dramma che si compie (in vari modi)
Nelle “warning ballads” si ammoniscono le brave fanciulle di non mettersi grilli per il capo,  di stare al loro posto (accanto al focolare a sfornare manicaretti e bambini) e di non avventurarsi in “ruoli maschili”, altrimenti finiranno disonorate o stuprate o uccise. Meglio quindi la gabbia più o meno dorata che già si conosce che il volo libero.
Ogni tanto però la fanciulla riesce a trionfare con l’astuzia sulle prepotenti voglie maschili, cosi nella  “Fair Maid on the Shore” la fanciulla potrebbe essere lei stessa la predatrice!

LA SIRENA SULLA SPIAGGIA

sirena-naveLa fanciulla potrebbe essere una sirena, che il capitano ha visto in una notte di luna camminare lungo la spiaggia e di cui si è invaghito (è risaputo che donne foche e sirene possono camminare con piedi umani nelle notti di luna piena). Manda una scialuppa a prenderla per portarla sulla nave, e lei si mette a cantare gettando un incantesimo sugli uomini della nave.
E qui finisce il tema fantastico e magico: la fanciulla si prende tutti gli oggetti di valore e l’oro e l’argento e ritorna alla sua spiaggia. Così la fanciulla invece di essere una creatura fragile e indifesa si rivela essere una sorta di pirata del mare! Ma a ben vedere anche il suo depredare i tesori richiama il topos della sirena che raccoglie le cose luccicose dalle navi (dopo averne causato il  naufragio) per “arredare” la sua grotta!

Bertrand Bronson nel suo “Tunes of the Child Ballads” classifica “Fair Maid on the Shore” come una variante di Broomfield Hill (Child #43), la ballata è stata trovata più raramente in Irlanda (dove si presume sia originaria) e più diffusamente in America (e in particolare in Canada). Così riporta Ewan MacCall (The Long Harvest, Volume 3): “More commonly found in the North-eastern United States, Nova Scotia and Newfoundland is a curious marine adaptation of the story in which the knight of the Broomfield Hill is transformed into an amorous sea-captain. The young woman on whom he has designs succeeds in preserving her chastity by singing her would-be lover to sleep: a magic just as potent as that employed by the maid in the land-locked versions of the ballad.”

Il brano ha molti interpreti per lo più di ambito folk o folk-rock

ASCOLTA Stan Rogers in Fogarty’s Cove (1976)
ASCOLTA John Renbourn group in The Enchanted Garden, 1980 (strofe I, II, III, IV, V, VI, VIII)


I (1)
There is a young maiden,
she lives all a-lone
She lived all a-lone on the shore-o
There’s nothing she can find
to comfort her mind
But to roam all a-lone on the shore, shore, shore
But to roam all a-lone on the shore
II
‘Twas of the young (2) Captain
who sailed the salt sea
Let the wind blow high, blow low
I will die, I will die,
the young Captain did cry
If I don’t have that maid on the shore, shore, shore…
III (3)
I have lots of silver,
I have lots of gold
I have lots of costly ware-o
I’ll divide, I’ll divide,
with my jolly ship’s cres
If they row me that maid on the shore, shore, shore…
IV (4)
After much persuasion,
they got her aboard
Let the wind blow high, blow low
They replaced her away
in his cabin below
Here’s adieu to all sorrow and care, care, care…
V  (5)
They replaced her away
in his cabin below
Let the wind blow high, blow low
She’s so pretty and neat,
she’s so sweet and complete
She’s sung Captain and sailors to sleep, sleep, sleep…
VI (6)
Then she robbed him of silver,
she robbed him of gold
She robbed him of costly ware-o
Then took his broadsword
instead of an oar
And paddled her way to the shore, shore, shore…
VII
Me men must be crazy,
me men must be mad
Me men must be deep in despair-o
For to let you away from my cabin so gay
And to paddle your way to the shore, shore, shore…
VIII (7)
Your men was not crazy,
your men was not mad
Your men was not deep in despair-o
I deluded your sailors as well as yourself
I’m a maiden again on the shore, shore, shore
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
C’era una giovane fanciulla
che viveva tutta sola
viveva tutta sola sulla spiaggia- o
e non trovava niente con cui confortare il suo animo,
così vagava tutta sola sulla spiaggia, sulla spiaggia, spiaggia
così vagava tutta sola sulla spiaggia
II
C’era un giovane capitano
che salpò sull’oceano,
(che il vento soffi in lungo e in largo)
“Vorrei morire, vorrei morire
– gridava il giovane capitano –
se non posso avere quella fanciulla sulla spiaggia, spiaggia …
III
Ho tanto argento
ho tanto oro,
ho tante cose preziose
che dividerò, dividerò
con la mia ciurma
se mi portano quella fanciulla
sulla spiaggia, spiaggia …”
IV
Dopo molte chiacchiere
la portano a bordo
(che il vento soffi in lungo e in largo)
la sistemarono  fin
nella sua cabina sottocoperta,
per fargli dimenticare tutto il dolore e le preoccupazioni.
V
La sistemarono  fin
nella sua cabina sottocoperta,
(che il vento soffi in lungo e in largo)
Era così bella e pura,
dolce e ben fatta e
cantò per far addormentare il capitano e i marinai.
VI
Allora lo derubò dell’argento
lo derubò dell’oro
lo derubò delle cose preziose,
usò il suo spadone
come un remo
e vogò per ritornare alla spiaggia,
sulla spiaggia, spiaggia …
VII
“Oh i miei uomini sono furiosi
i miei uomini sono arrabbiati
i miei uomini sono sprofondati nella disperazione più cupa
perchè sei fuggita da una cabina così allegra e hai vogato per ritornare alla spiaggia”.
VIII
“I tuoi uomini han poco da essere furiosi e arrabbiati
I tuoi uomini han poco da essere disperati, ho beffato i tuoi marinai e anche te
e sono di nuovo una fanciulla sulla spiaggia”

NOTE
La versione testuale del John Renbourn group differisce di poco dalla versione di Stan
1) There was a young maiden, who lives by the shore
Let the wind blow high, blow low
no one could she find to comfort her mind
and she set all a-lone on the shore,
she set all a-lone on the shore
2) oppure Sea
3) The captain had silver, the captain had gold
And captain had costly ware-o
All these he’ll give to his jolly ship crew
to bring him that maid on the shore
4) And slowly slowly she came upon board
the captain gave her a chair-o
he sited her down in the cabin below
adieu to all sorrow and care
5) She sited herself in the bow of the ship
she sang so loud and sweet-o
She sang so sweet, gentle and complete
She sang all the seamen to sleep
6) She part took of his silver, part took of his gold
part took of his costly ware-o
she took his broadsword to make an oar
to paddle her back to the shore,
7) Your men must be crazy, your men must be mad
your men must be deep in despair-o
I deluded at them all as has yourself
again I’m a maiden on the shore,

ASCOLTA Solas in “Sunny Spells And Scattered Showers” (1997) (la recensione dell’album qui)


I
There was a fair maid
and she lived all alone
She lived all alone on the shore
No one could she find for to calm her sweet mind
But to wander alone on the shore, shore, shore
To wander alond on the shore
II
There was a brave captain
who sailed a fine ship
And the weather being steady and fair
“I shall die, I shall die,”
this dear captain did cry
“If I can’t have that maid on the shore, shore, shore
If I can’t have that maid on the shore”
III
After many persuasions
they brought her on board
He seated her down on his chair
He invited her down to his cabin below
Farewell to all sorrow and care
Farewell to all sorrow and care
IV
“I’ll sing you a song,”
this fair maid did cry
This captain was weeping for joy
She sang it so sweetly, so soft and completely
She sang the captain and sailors to sleep
Captain and sailors to sleep
V
She robbed them of jewels,
she robbed them of wealth
She robbed them of costly fine fare
The captain’s broadsword she used as an oar
She rowed her way back to the shore, shore, shore
She rowed her way back to the shore
VI
Oh the men, they were mad and the men, they were sad
They were deeply sunk down in despair
To see her go away with her booty so gay
The rings and her things and her fine fare
The rings and her things and her fine fare
VI
“Well, don’t be so sad and sunk down in despair
And you should have known me before
I sang you to sleep and I robbed you of wealth
Well, again I’m a maid on the shore, shore, shore
Again I’m a maid on the shore”
TRADUZIONE  DI CATTIA SALTO
I
C’era una bella fanciulla
che viveva tutta sola
viveva tutta sola sulla spiaggia
e non trovava nessuno con cui placare il suo animo sereno (1)
così vagava sola sulla spiaggia,
sulla spiaggia, spiaggia,
così vagava sola sulla spiaggia.
II
C’era un coraggioso capitano
che salpò su una bella nave,
e il tempo era stabile e bello (2)
“Vorrei morire, vorrei morire* – gridava questo egregio capitano –
se non posso avere quella fanciulla sulla spiaggia spiaggia,
se non posso avere quella fanciulla ”
III
Dopo molte chiacchiere
la portano a bordo
la fece sedere accanto alla propria sedia e la invitò nella sua cabina,
per dimenticare tutto il dolore e le preoccupazioni (3).
IV
“Ti canterò una canzone ”
– gridò questa bella fanciulla.
Il capitano stava piangendo per la gioia, lei cantò così amabilmente, così dolcemente,
cantò per addormentare il capitano e i marinai, per addormentare il capitano e i marinai
V
Li derubò dei gioielli,
li derubò della salute (4),
li derubò del cibo raffinato e costoso, usò lo spadone del capitano come un remo
e vogò per ritornare alla spiaggia, sulla spiaggia, spiaggia,
e vogò per ritornare sulla spiaggia.
VI
Oh gli uomini divennero pazzi
e gli uomini divennero tristi, sprofondarono nella disperazione più cupa
nel vederla andarsene tutta contenta con la refurtiva,
gli anelli e le sue cose e
il cibo raffinato,
gli anelli le sue cose e
il cibo raffinato.
VI
“Non siate così tristi affranti dalla disperazione,
avreste dovuto riconoscermi prima, cantai per farvi addormentare e vi rubai la salute
e adesso sono di nuovo una fanciulla sulla spiaggia, spiaggia, spiaggia
di nuovo una fanciulla sulla spiaggia”

NOTE
1) la frase avrebbe più senso se fosse invece “per placare il suo animo inquieto”
2) il riferimento al bel tempo non è casuale, infatti l’avvistamento di una sirena era sinonimo dell’avvicinarsi di una tempesta
3) ovvero per sollazzarsi con la fanciulla (presumibilmente vergine)
4) la donna non è solo una ladra ma una creatura fatata che ruba la salute dei marinai

FONTI
Folk Songs of the Catskills (Norman Cazden, Herbert Haufrecht, Norman Studer)
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=50848
http://www.lyricsmode.com/lyrics/s/stan_rogers/the_maid_on_the_shore.html https://mainlynorfolk.info/lloyd/songs/themaidontheshore.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=51828 http://www.celticlyricscorner.net/solas/maid.htm http://www.8notes.com/scores/5463.asp http://home.olemiss.edu/~mudws/reviews/catskill.html
https://phillipkay.wordpress.com/2013/01/09/explorations-in-irish-music/

THE SEEDS OF LOVE ONE MORE WARNING SONG

Nelle ballate antiche (e non solo di quelle in lingua inglese)  non sono insoliti ritornelli su fiori,  erbe e piante, forse il più famoso è quel “prezzemolo, salvia, rosmarino e timo” (in inglese Parsley, sage, rosemary and thyme) che nella versione di Simon & Garfunkel divenne il tormentone musicale sul finire degli anni sessanta .  L’aggiunta di erbe, verdure, fiori nel ritornello annunciava al pubblico l’ascolto di una storia “piccante” ovvero a sfondo erotico con significati più o meno nascosti. Il pubblico così era avvisato che le parole e le frasi avevano dei doppi sensi.

THE WARNING SONGS

Un filone ancora più specifico è poi quello della warning song  in cui le erbe compaiono come simboli per insegnare alla fanciulle i comportamenti più socialmente convenienti, ossia che si mantenessero pure e caste fino al matrimonio.
Nelle ballate la pianta associata al concetto di purezza fu il timo erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso unitamente alla salvia, per l’antica credenza che  il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie.

Ancora dal filone delle “warning songs” ecco due canzoni della tradizione britannica sul timo, Sprig of Thyme e The Seeds of Love, entrambe mettono in guardia le fanciulle sui pericoli di cedere al fascino di un falso innamorato. “Sprig of Thyme” era probabilmente già conosciuta ai tempi di Shakespeare e le due ballate si confondono tra loro con pezzi di testo che vanno da un titolo all’altro rendendo ardua una classificazione.
Sul versante irlandese invece sono più diffusi titoli come “The bunch of thyme” o “Let no man steal yout thyme” (vedi)

SPRIG OF THYME

Ci sono molte versioni testuali di “The Sprig of Thyme” che giocano sul doppio-senso secondo un linguaggio vezzoso proprio dei salotti seicenteschi che metaforicamente parla di piante e fiori per indicare le questioni del sesso. Protagonista una fanciulla che si lamenta perchè un amante infedele le ha rubato il timo, ma in questa versione proposta per l’ascolto, la donna non si rammarica tanto per la verginità perduta quanto per il fatto di essere stata ingannata da un “false lover”, così il timo simboleggia la perdita dell’innocenza, lo slancio fiducioso di chi si dona all’amore e invece trova l’inganno.

ASCOLTA Telynor


I
O once I had thyme of my own (1),
And in my own garden it grew;
I used to know the place
where my thyme(2) it did grow,
But now it is cover’d with rue(3),
with rue, but now it is cover’d with rue.
II
The rue it is a flourishing thing,
It flourishes by night and by day;
So beware of a young man’s flattering tongue,
He will steal your thyme away.
III
I sowed my garden full of seeds;
But the small birds(4) they carried them away
In April, May, and in June likewise,
When the small birds sing all day.
IV
In June there was a red-a-rosy bud(5),
And that seem’d the flower for me;
so oftentimes I snatched at the red-a-rosy bud,
Till I gained the willow(6), willow tree.
V
O the willow, willow tree it will twist,
the willow, willow tree it will twine;
And so it was that young and false-hearted man
When he gained this heart of mine.
VI
O thyme it is a precious, precious thing
On the road that the sun shines upon;
But thyme it is a thing that will bring you to an end,
And that’s how my time has gone.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Un tempo avevo il  timo tutto per me,
e cresceva nel mio giardino,
conoscevo bene il posto
dove il mio timo cresceva,
ma ora è coperto dalla ruta,
ma ora è coperto dalla ruta
II.
La ruta è un fiore che sboccia
che sboccia notte e giorno,
così state attente alla parlantina di un giovanotto,
lui vi ruberà il vostro timo.
III
Ho seminato il mio giardino con tanti semi, ma gli uccellini  li portavano via, in Aprile, Maggio e anche in Giugno
quando gli uccellini cantano tutto il giorno.
IV
In giugno c’era una rossa rosa in boccio
che credevo fosse il fiore per me
e spesso ho strappato
quel bocciolo di rosa
finchè ho preso il salice.
V
Il salice si piegherà
e il salice si torcerà
e così fu che quel giovane falso innamorato
si prese questo mio cuore.
VI
Oh il timo è una cosa preziosa,
sulla via illuminata dal sole,
ma il timo è una cosa che vi porterà a consumarvi
ed è così che il mio tempo è finito

NOTE
1) letteralmente “a mia disposizione”
2) il timo è il simbolo della purezza, intesa come rettitudine, seguire la retta via (quella illuminata dal sole). Si gioca sull’assonanza tra thyme e time specialmente nell’ultima strofa, il tempo della giovinezza è breve, così il timo è cosa preziosa che non deve essere sprecata
3) la ruta è simbolo del rimpianto
4) gli uccellini sono i corteggiatori
5) la rosa rossa è la passione carnale, “passione sfrenata” è il roseo fiore della donna, ma anche un eufemismo per indicare un corteggiatore che è riuscito a ottenere la sua verginità
6) Salice= fertilità, ma anche tristezza, dolore e in questo contesto sta proprio ad indicare un amore infelice, abbandonato

LA VERSIONE MALANDRINA

Il testo proviene dalla collezione di Charles Lolley di Hemingbrough, East Yorkshire che nel 1891 venne pubblicata sul Leeds Mercury Newspaper per una rubrica tenuta da Frank Kidson dal titolo “Notes on Old Tunes”, il finale si discosta però dalle solite warning songs propendendo per una versione “consolatoria”: trovarsi un altro fidanzato ben dotato!

ASCOLTA Pete Coe & Alice Jones in “The Search For Five Finger Frank” 2014


I
Come all you pretty fair maids,
That are just in your prime,
I would have you weed your garden clear,
And let no one steal your thyme(1).
II
I once had a sprig of thyme,
It prospered both night and day,
By chance there came a false young man,
And he stole my thyme away,
III
Thyme it is the prettiest flower
That grows under the sun,
It’s time to brings all things to an end,
So now my time (1) runs on.
IV
Now my old thyme it is dead,
I’ve no room for any new,
For in that place where
my old thyme grew,
Has changed into a running rue(2).
V
I’ll put a stop to that running rue,
And plant a fair oak tree(3),
Stand you up, stand you up, you fair oak tree,
And do not wither and die.
VI
It’s very well drinking ale,
And it’s very well drinking wine,
But it’s far better sitting by a young man’s side,
That has won this heart of mine.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Venite tutte voi fanciulle graziose e belle che siete nell’età della giovinezza,
vorrei che teniate il vostro giardino pulito e che non permettiate a nessuno di rubare il vostro timo (tempo).
II
Un tempo avevo il mio rametto di timo,
e prosperava notte e giorno,
disgraziatamente arrivò un giovanotto falso
che mi portò via il  timo.
III
Il timo è il fiore più bello
che cresca sotto il sole,
è il tempo che volge ogni cosa
alla fine,
così adesso il mio tempo è scaduto.
IV
Il mio vecchio timo è morto
e non ho posto per quello nuovo,
perchè  dove
il mio vecchio timo cresceva,
si è sostituita la ruta strisciante.
V
Metterò fine all’espandersi della ruta
e pianterò una forte quercia,
rizzati, rizzati  tu
forte quercia,
non avvizzire e morire.
VI
Va bene bere birra,
ed è ancora meglio bere vino,
ma è decisamente meglio sedersi accanto ad un giovanotto
che abbia vinto questo mio cuore.

NOTE
1) il timo è il simbolo dell’innocenza, intesa come rettitudine e coerenza. Si gioca sull’assonanza delle parole thyme -time
2) la ruta è simbolo del rimpianto
3) la V strofa era stata “censurata” dalla pubblicazione sul giornale perchè considerata probabilmente “troppo spinta“, tratta da “The New Penguin Book of English Folk Songs” Steve Roud & Julia Bishop

THE SEEDS OF LOVE

seed-2La canzone intitolata anche “I sowed the Seeds of Love”, è stata raccolta nel 1903 da Cecil Sharp come cantata dal signor Jim Squires di Holford, Somerset, Inghilterra. Per inciso il testo non ha niente a che vedere con la “Sowing the seeds of love” cantata dai Tears for Fears, il gruppo new wave britannico degli anni 80 (scritta dai fondatori del gruppo Roland Orzabal e Curt Smith).
L’argomento delle “warning songs” si articola con la presenza di una terza figura quella del giardiniere, surrogato della figura paterna ovvero il custode delle convenzioni sociali.
Così i semi dell’amore sono sbocciati nella rovente rosa rossa della passione; la donna ha sbagliato a scegliere tra i suoi corteggiatori  e lasciandosi guidare solo dalle apparenze esteriori ha preferito cogliere una rosa rossa; purtroppo il falso innamorato si stanca presto e lei si tormenta accanto ad un salice piangente, facendo voto di umiltà!

ASCOLTA The Clancy Brothers & Tommy Makem (Strofe I, II, III, IV, V, VI-A)

ASCOLTA Loreena McKennitt (Strofe I, III, IV, V e VI-A, I) testo tradizionale, musica di Loreena McKennitt

ASCOLTA Jim Moray in Sweet England 2003 (strofe I, III, IV, V e VI-A) arrangiamento molto particolare pieno di campionamenti elettronici. Cantata da un uomo la canzone (in particolare nella versione ridotta) assume il tono dolente di un amante abbandonato.

(Testo tratto da qui)
I(1)
I sowed the seeds of love
I sowed them in the spring
I gathered them up(2)
in the morning so soon
When the small birds so sweetly sing
When the small birds so sweetly sing
II
My garden was planted well
With flowers everywhere
But I had not the liberty
to choose for myself
The flower I loved so dear.
III
The gardener was standing by
I asked him to choose for me
He chose for me the violet(3),
the lily(4) and the pink(5),
But those I refused all three
IV
The violet I did not like
Because it bloomed so soon
The lily and the pink
I really over-think
So I thought I would wait till June
V
In June there was a red rose bud(6)
That is the flower for me
I often times have plucked
that red rose bud
Till I gained the willow tree(7)
VI-A
The willow tree will twist
The willow tree will twine
I wish I was lying in that young man’s arms
That once held this heart of mine
VI-B
The gardener he stood by
And told me to take great care
For into the middle of
the red rose bush
There grows a sharp thorn(8) there.
VII
I told him I’d take no care
Till I had felt the smart
And I oftentimes plucked
at the red rose bush
Till it pierced me to the heart.
VIII
A posy of hyssop(8) I’ll make
No other flower I’ll touch
That all the world may plainly see
I loved one flower too much.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Ho seminato i semi dell’amore
e li ho seminati in primavera,
li ho raccolti
al mattino presto,
quando gli uccellini cantano sì dolcemente.
II
Il mio giardino era ben piantato
con  fiori ovunque,
ma non ero libera
di sceglierli da me
i fiori da amare caramente.
III
Il giardiniere mi stava vicino
e gli chiesi di scegliere per me,
lui prese per me la violetta,
il giglio e il cisto,
ma io li rifiuta
i tutti e tre.
IV
La viola non mi piaceva
perché fiorisce troppo presto
al giglio e al cisto
nemmeno ci badai
così pensai di attendere fino a Giugno.
V
A Giugno c’era il bocciolo di una rosa rossa, che è il mio fiore
tante volte ho colto
quel bocciolo di rosa rossa
finchè presi il salice
VI-A
Il salice si piegherà
il salice si torcerà
come vorrei essere
tra le braccia di quel  giovanotto
che un tempo aveva il mio cuore
VI-B
Il giardiniere mi stava accanto
e diceva di fare molta attenzione
perché nel mezzo
del cespuglio della rosa rossa
cresce una spina appuntita
VII
Gli ho detto che non mi importava
perché mi credevo furba
e spesso strappavo
le rose rosse del cespuglio
finchè mi trafissi il cuore
VIII
Un mazzetto di issopo farò
e nessun altro fiore toccherò
che tutti possano vedere chiaramente
che ho amato troppo un fiore.

NOTE
1) la strofa iniziale di Jim Moray dice
I sowed my seeds of love,
It was all in the Spring,
And waited until the flowers did bloom.
2) l’autore si riferisce implicitamente ai fiori
3) Viola= modestia
4) Giglio= purezza
5) il temine è un po’ generico e sta a indicare una grande varietà di fiori rosa si ritiene indichi il “pink rockrose”, ossia il cistus, arrivato nei giardini inglesi intorno al 1650. Sono fiori più propriamente appartenenti alla macchia mediterranea dette “rose di maggio” sia per il periodo della fioritura che per la somiglianza con le rose selvatiche.
6) Rosa rossa= amore romantico, lussuria o “passione sfrenata”
7) Salice= fertilità, ma anche tristezza, dolore e in questo contesto sta proprio ad indicare un amore infelice, abbandonato
8) la spina in questo contesto sta a indicare le pene dell’amore, i tormenti del cuore quando l’altro non corrisponde più. Potrebbe però anche essere una gravidanza indesiderata
9) Issopo indica l’umiltà come la ruta è un ingrediente dei liquori d’erbe per le sue proprietà digestive. La donna ci dice che è pentita di aver amato e vuole fare voto di umiltà

prima parte

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/fiori-erbe-buone-maniere-e-pruderie-nelle-antiche-ballate.html
http://fivefingerfrank.co.uk/new-notes-on-old-tunes-01-the-sprig-of-thyme/ http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/6.html http://www.joe-offer.com/folkinfo/songs/85.html http://www.theguardian.com/music/2010/may/23/folk-fishermans-friends http://mysongbook.de/msb/songs/r_clarke/thyme.htm http://www.musicanet.org/robokopp/english/isowed.htm http://www.recmusic.org/lieder/get_text.html?TextId=58154 http://www.contemplator.com/england/seeds.html http://folksongcollector.com/isowed.html

THE BUNCH OF THYME OR THE WARNING SONGS IN FOLKS

Nelle ballate antiche (e non solo di quelle in lingua inglese)  non sono insoliti ritornelli su fiori,  erbe e piante, forse il più famoso è quel “prezzemolo, salvia, rosmarino e timo” (in inglese Parsley, sage, rosemary and thyme) che nella versione di Simon & Garfunkel divenne il tormentone musicale pop sul finire degli anni sessanta .  L’aggiunta di erbe, verdure, fiori nel ritornello annunciava al pubblico l’ascolto di una storia “piccante” ovvero a sfondo erotico con significati più o meno nascosti. Il pubblico così era avvisato che le parole e le frasi avevano dei doppi sensi.

Un filone ancora più specifico è poi quello della warning song  in cui le erbe compaiono come simboli per insegnare alla fanciulle i comportamenti più socialmente convenienti,  nello specifico  che si mantenessero pure e caste fino al matrimonio.
Nelle ballate la pianta associata al concetto di purezza fu il timo erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso unitamente alla salvia, per l’antica credenza che  il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie.

IL TIMO

thymeIl timo è una pianta aromatica, da sempre utilizzata per uso medicinale e in cucina. E’ una pianta però strettamente legata alla nostra ghiandola del timo e non solo per il nome datole da Galeno .
“Nel secondo secolo Galeno chiamò “timo” quella ghiandola bilobata, rosa-grigiastra, situata nella parte alta del torace perché, racconta la leggenda, gli ricordava un mazzetto di timo. Ma lo stesso timo aveva preso tale nome perché veniva bruciato come incenso sugli altari degli dei. Pertanto la parola timo ricorda l’alzarsi del fumo; il bruciare dell’incenso come sacrificio innalzato verso gli dei. Secondo gli antichi Saggi, quando in noi nascono l’aspirazione spirituale, il canto di ringraziamento e l’esternazione di amore, ciò avviene in un punto situato sopra il cuore, il nostro “altare interiore”. Pertanto, per loro, il timo rappresentava anche il respiro dell’anima, dal quale dipende l’energia dell’uomo e il suo coraggio. .. La ghiandola timo controlla e regola il flusso di energia nel nostro organismo, ed è in grado di iniziare una correzione istantanea per riequilibrare eventuali squilibri e riportare armonia e normalità al flusso energetico. Il timo può perciò essere considerato come l’anello di congiunzione tra mente e corpo, in quanto è il primo organo fisico ad essere influenzato dall’attitudine mentale e dallo stress. “ (tratto da qui)

I greci credevano che il timo potesse infondere il coraggio e i guerrieri lo utilizzavano come olio balsamico per frizionare il corpo prima della battaglia e nel medioevo era usato per adornare le armi dei cavalieri ; i suoi fiorellini attirano le api che producono un ottimo miele e forse anche per questo è considerata una pianta in cui le fate dove amano dimorare o danzare.  In una ricetta seicentesca per preparare un balsamo da spalmare sugli occhi era l’ingrediente principale: si poteva così alzare il velo dell’invisibilità che nasconde le creature fatate e fronteggiarle senza pericolo!
Si credeva che il timo fosse in grado di dare forza e chiarezza alla mente e purificasse l’aria dalle malattie. Per le sue proprietà antisettiche e antibatteriche poche gocce di olio essenziale di timo vengono ancora oggi utilizzate per purificare l’aria di casa. Per estensione il timo rappresenta nelle ballate popolari la verginità e la purezza femminile.
Era un erba utilizzata nei fuochi sacri e come incenso religioso.

THE BUNCH OF THYME

E’ un canto tradizionale irlandese probabilmente di origini seicentesche in cui si esorta le fanciulle a custodire la propria verginità come un fiore prezioso. Chi canta è una ragazza alla quale un marinaio di passaggio ha rubato il cespuglio di timo piantato nel giardino in cambio di una rosa. Mentre il timo simboleggia la verginità e la purezza femminile, la rosa è il simbolo della passione amorosa, la carnalità di un’unione tra uomo e donna. Ma ben lungi dall’essere una canzone sui piaceri del sesso, la venatura del canto è triste e malinconica, la rosa nel giardino sembrerebbe alludere a una gravidanza in senso infausto, una sorta di punizione per la perdita dell’innocenza fuori dal matrimonio: allora e ancora per tutto l’Ottocento una ragazza-madre era “macchiata” per sempre, disprezzata ed emarginata socialmente, spesso scacciata dalla casa paterna, con davanti solo prospettive di vita degradanti per sè e per il figlio bastardo. Il secondo insegnamento morale della storia conseguente al preservare la verginità per lo sposo, è la certezza che solo nel matrimonio la donna potrà trovare le gioie della vita: accudire al marito, alla casa e ai figli che nasceranno, questo è il suo solo e unico “lieto fine” (continua).

Sebbene il soggetto sia femminile la canzone viene cantata per lo più da uomini, così non perdo l’occasione di farvi sentire due donne, due generazioni affiancate, due colonne del british folk.

ASCOLTA Norma Waterson & Eliza Carthy in “Gift” 2010 Norma, classe 1939, dice nell’intervista (qui) ” “We thought – my generation of musicians – that we’d all get old and grey and there’d be nobody left. And then all this new generation of young musicians came up, and we all said, ‘Thank God.’ So if people say traditional music has got to be like that, or like that, then you’re going to freeze it. You may as well put something in a museum or bury it in the ground in a time capsule and dig it up so many years later to see what it was like then. You can’t do that with tradition. You have to hope each generation brings their own thing to it, so it keeps going forever.”


I
Come all ye maidens young and fair
And you that are blooming
in your prime
Always beware and keep
your garden fair
Let no man steal away
your thyme (1)
Chorus:
For thyme it is a precious thing
And thyme brings all things to my mind
Thyme with all its flavours,
along with all its joys
Thyme, brings all things to my mind
II
Once I had a bunch of thyme
I thought it never would decay
Then came a lusty sailor
who chanced to pass my way
And stole my bunch of thyme away
III
The sailor gave to me a rose(2)
A rose that never would decay
He gave it to me
to keep me reminded
Of when he stole my thyme away
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Venite tutte voi, fanciulle giovani e belle, voi che siete nel fiore
degli anni,
state sempre attente a custodire
il vostro bel giardino,
e non lasciate che l’uomo rubi
il vostro timo.
CORO
Perchè il timo è cosa preziosa
e mi riporta il passato in mente,
con tutto i suoi aromi
con tutte le sue gioie
il timo mi riporta il passato in mente,
II
Una volta avevo un cespuglio di timo
e credevo che non sarebbe mai appassito, poi venne un marinaio gagliardo a incrociare per caso la mia strada e mi rubò il cespuglio di timo.
III
Il marinaio mi lasciò una rosa
una rosa che mai appassirà,
me l’ha lasciata
per ricordarmi
di quando ha rubato il mio timo.

NOTE
1) associazione per assonanza tra le parole thyme e time è  resa ancora più manifesta nel ritornello, il richiamo alla brevità della giovinezza rende il timo assai prezioso
2) alcuni intendono la rosa come l’allusione a qualche malattia venerea incurabile, oggi è l’AIDS, ma in passato sicuramente la sifilide, il male di Venere che portava alla pazzia e alla morte; più probabilmente indica una gravidanza continua

LET NO MAN STEAL YOUR THYME

Così il tema è ripreso e declinato in molte “warning songs” in cui le erbe compaiono come simboli per avvertire le donne a mantenersi illibate, canzoni che  si ricollegano per lo più alla ballata “The Gardener
La canzone ha conosciuto una vasta divulgazione durante il folk revival degli anni 60-70 e la versione forse più famosa è quella dei Pentangle che fecero loro il testo riportato da Anne Briggs al Festival di Edimburgo nel 1963.

L’avvertenza riguarda il pericolo di una gravidanza fuori dal matrimonio con tutte le conseguenze disastrose che ne derivavano, perchè a quei tempi il bambino che sarebbe nato era esclusivamente un problema della donna, perciò la melodia è triste e il tono è quello del lamento, chi canta è una donna che ha lasciato “fare i propri comodi” ad un uomo senza essere stata abbastanza furba da farsi sposare prima!
Nella versione più estesa  le strofe centrali  introducono la figura del giardiniere, una sorta di surrogato paterno, custode delle convenzioni sociali, ma la fanciulla rifiuta i suoi consigli e preferisce “cogliere la rosa”, eppure invece di ricavarne piacere e vantaggi sociali, viene ingannata e abbandonata.

ASCOLTA Pentangle (strofe I, II, V) un arrangiamento a dir poco inquietante, ma che musica! Jaqui McShee canta solo una parte della canzone

ASCOLTA Carey Mulligan (strofe I, II, III, IV)  Ritornato in auge con la colonna sonora del recente film “Far from the Madding Crowd” (2015).

ASCOLTA June Tabor in “Angel Tiger” 1992., un’intensa interpretazione, una voce appena accarezzata dalle note di tastiera


I
Come all you fair and tender girls
that flourish in your prime,
Beware, beware,
if you’re good and fair(1)
Let no man steal your thyme
II
For when your thyme
it’s past and gone
He’ll care no more for you,
And every place where your garden (thyme) was waste
With spread all over with rue. (3)
III
The gardeners son was standing by,
Three flowers (4)  he gave to me,
The pink (5), the blue (6), and the violet (7) too,
And the red red rosy tree, (8)
IV
But I refuse (forsook)
the red rose bush,
And gained the willow tree (9),
That all the world may plainly see,
How my love slighted me,
V
A woman is a branchy  (lofty) tree
And man a clinging vine (10)
And from her branches carelessly (11)
He’ll take what he can find
traduzione italiano di Cattia Salto
I
Venite tutte voi fanciulle giovani e belle, voi che siete nel fiore degli anni, attente, attente, se siete buone e belle
non lasciate che l’uomo rubi
il vostro timo.
II
Perché quando il vostro timo
sarà appassito
non baderà più a voi
ed ogni angolo del vostro giardino distrutto
verrà ricoperto di ruta
III
Il giardiniere mi stava accanto
e tre fiori mi diede
(di tre colori) rosa, azzurro
e anche viola
e il ramo della rossa rosa rossa
IV
Ma io abbandonai
il ramo della rosa rossa
e presi il salice
affinchè tutti ora possano ben vedere
come il mio amore mi offese
V
La donna è un albero con molti rami
e  l’uomo è  una vite rampicante
e dai rami di lei, senza riguardi
lui prenderà tutto quello che trova

NOTE
1) oppure” keep your garden fair” in italiano custodite il vostro bel giardino
3) la ruta è simbolo del rimpianto. Il verso si potrebbe quindi tradurre più liberamente “e il vostro cuore incolto e calpestato sarà pieno del vostro rimpianto”.
4)  non sono indicati i nomi dei fiori ma tre colori: rosa, azzurro e viola; in questo contesto il giardiniere è un surrogato della figura paterna che indirizza la fanciulla verso tre pretendenti che sono però respinti dalla donna in favore del ramo della rosa.
5) the pink è un temine è un po’ generico e sta a indicare una grande varietà di fiori rosa, ma si ritiene indichi il “pink rockrose“, ossia il cistus, arrivato nei giardini inglesi intorno al 1650. Sono fiori più propriamente appartenenti alla macchia mediterranea dette “rose di maggio” sia per il periodo della fioritura che per la somiglianza con le rose selvatiche.
6) the blue è un altro termine generico che indica dei fiori azzurri, immaginando che il nome non indichi solo il colore ma sia una forma abbreviata del nome comune, potrebbe trattarsi del bluestar ossia l’amsonia, ma anche la lavanda ha fiori blu e le blubell sono una grande varietà di fiori a campanella per lo più di colore azzurro
7)  la viola è il fiore  della modestia
8) Rosa rossa= amore romantico, lussuria o “passione sfrenata”
La fanciulla prima “coglie la rosa” e poi però nella IV strofa si pente e prendere il ramo del salice
9) Salice= fertilità, ma anche tristezza, dolore e in questo contesto sta proprio ad indicare un amore infelice, abbandonato
10) mi verrebbe di tradurre “edera” perchè è una pianta infestante che si abbarbica ai rami delle piante per succhiare la linfa, senonchè nella tradizione popolare l’edera è associata al principio femminile.
11)  In questo genere di canzoni prevale il convincimento che le gioie del sesso siano ad esclusivo appannaggio maschile.

(Cattia Salto)

terza parte qui

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/fiori-erbe-buone-maniere-e-pruderie-nelle-antiche-ballate.html
http://ontanomagico.altervista.org/rosa.htm
http://www.irishpage.com/songs/thyme.htm http://mainlynorfolk.info/joseph.taylor/songs/sprigofthyme.html http://www.dionidream.com/la-ghiandola-timo-sorgente-di-vita-e-di-volonta/
http://mysongbook.de/msb/songs/l/letnoman.html http://ontanomagico.altervista.org/matrimonio-celtico-storia.htm http://www.musicaememoria.com/1968_the_pentangle.htm
https://www.antiwarsongs.org/canzone.php?lang=it&id=51725

A FLOWER BLOSSOMS FOR ITS OWN JOY

seed-1Nelle ballate popolari più antiche fiori ed erbe sono un linguaggio magico ben codificato e ricco di significati che si è andato man mano a impoverire e a banalizzare, tranne un ultimo, grande splendore, la florigrafia ottocentesca utilizzata per comunicare i sentimenti nelle relazioni sociali e amorose.

Così nelle ballate la rosa non è solo “una rosa” ma è il simbolo della passione amorosa; l’allusione al fiore più intimo e segreto della donna. Sebbene un tempo le fanciulle fossero educate a preservarsi caste e pure fino al matrimonio, la loro stessa ingenuità le poteva far cadere facile preda dei mascalzoni, che con false promesse matrimoniali, le inducevano a concedere il loro “pegno d’amore”; così le rose nelle canzoni celtiche sono associate alla sfortuna e stanno a indicare una gravidanza in atto: “cogliere la rosa” è un eufemismo per l’atto sessuale che portava le sue spine, le fanciulle si pentivano amaramente di aver dato il loro fiore ad un uomo non degno della loro fiducia, il quale dopo essersi divertito, le abbandonava (spesso lasciandole con una gravidanza inopportuna perchè non ricondotta nell’alveo del matrimonio)! La rosa simboleggia quindi la perdita della verginità e con essa l’innocenza e la fiducia verso un mondo (maschile) che non è quello che sembra!  (continua)

Un fiore sboccia per la propria gioia” – Oscar Wilde

THE GARDENER (CHILD # 219)

The_GardenerProbabilmente di origine scozzese, “The gardener” è una ballata collezionata dal professor Child al numero 219 in sole due versioni; si conosce anche con i titoli di “Proud Maisrie”, “Lady Maisrie” e “The Gairdner Child”.

The Text of this pretty little song is taken from Kinloch’s MSS., where it is in James Beattie’s handwriting. In Five Excellent New Songs, printed at Edinburgh in 1766, there is an older but much corrupted version of this song, confused with two other songs, a ’Thyme’ song and the favourite ‘I sowed the seeds of love.’
It is printed as two songs, The New Lover’s Garland and The Young Maid’s Answer, both with the following refrain:—
‘Brave sailing here, my dear,
And better sailing there,
And brave sailing in my love’s arms,
O if I were there!’
The Story is so slight that the song can scarcely be counted as a narrative. But it is one of the lyrical dialogues covered by the word ‘ballad,’ and was not ruled out by Professor Child. There seems to be a loss of half a verse in 7, which should doubtless be two stanzas.” (tratto da qui)

La ballata si presta a diverse chiavi di lettura: la più immediata è quella del diniego di una fanciulla alle  galanterie amorose di un “giardiniere” il quale vorrebbe ricoprirla da capo a piedi con i fiori dell’estate se lei accettasse di diventare la sua sposa; ma lei lo respinge rispondendogli a tono e in modo ironico: per raffreddare i suoi bollenti spiriti sarà invece lei a cucirgli un abito invernale!
Ma spesso le donzelle nelle ballate non si adeguano alle modalità delle convenzioni morali e sociali e anche questa versione conserva quell’ambiguità sessuale già rilevata in un’altra ballata “The Twa magicians“. Non a caso la strofa d’inizio si apre quasi in modo simmetrico, solo che al posto del fabbro qui abbiamo un giardiniere! Quindi possiamo leggere la ballata come un gioco alchemico tra maschile e femminile, una caccia d’amore intesa in senso fisico, con quel tanto di torbido e misterioso che lo svelarsi della sessualità comporta.

ASCOLTA Ewan MacColl. Fu dalla sua registrazione (1956) che si associò la melodia con il testo (così come l’aveva sentito cantare dalla madre)


I
Proud Maisrie stands at her faither’s door
As straight’s a willow wand
and side her came a gairdner child(1)
And a red rose in his hand, his hand,
A red rose in his hand
II
“It’s you shall hae my rose(2), fair maid,
Gin ye’ll gie yer floo’r tae me
And amang the floo’rs in yer faither’s yard
I’ll make a goon for thee
III
“The lily white(3) shall be yer smock
becomes yer body neist
The marigold(4) shall be yer stays
And a red rose(5) at yer briest
IV
“Yer goon shall be the smellin’ thyme(6)
And yer petticoat camowine(7)
And yer apron o the soladine(8)
come kiss, sweetheart, and join.
V
“Yer gloves shall be o’ the clover flower(9)
That springs in the yonder lawn
And I’ll them wi’ the blue blaewort(10)
That grows among corn land ”
VI
“Yer shoon will be o’ yon red rue(11)
That grows in the garden fine
And I’ll them wi’ the tapitan(12)
so join, your love with mine
VII
“Since you hae made a goon for me
Amang the simmer floo’rs
I will mak’ a suit for thee
Amang the winter shoo’rs.
VIII
“The milk-white snaw shall be yer sark
And lie yer body neist
The mirk black rain shall be yer coat
A wind gale(13) at yer briest.
IX
“The horse that ye shall ride upon
shall be the winter snell
And I’ll bridle him wi’ some norland blasts
And some sharp shoo’rs o’hail.
X
“The bonnet’s that be upon yer heid
shall be the southron grey(14)
And every time that ye pass by
I’ll wish ye were away.
traduzione italiano di Cattia Salto
I
L’orgogliosa Maisrie sta alla porta di casa,
dritta come una bacchetta di salice
e lì accanto venne un giovane giardiniere, con una rosa rossa in mano
una rosa rossa in mano
II
“Se prenderai la mia rosa, bella fanciulla,
mi darai il tuo fiore
e con i fiori nel campo di tuo padre
ti farò un vestito.
III
Il bianco giglio sarà la camiciola
e diventerà il tuo corpo chiaro,
il tagete sarà la tua testa
e una rosa rossa al seno.
IV
Il tuo abito sarà di timo odoroso
e la sottogonna di camomilla,
il grembiule di insalata fresca,
vieni dammi un bacio, amore mio e uniamoci.
V
I guanti saranno di fiori di trifoglio
che fioriscono nel prato
e ci metterò il blu fiordaliso
che cresce tra i campi di grano.
VI
Le scarpe saranno della ruta
che cresce nel bel giardino
e li farò con il “tapitan”(12),
così unisci il tuo amore al mio.”
VII
“Poiché avete fatto un vestito per me
tra i fiori dell’estate,
io vi contraccambierò
con i rigori invernali.
VIII
La neve bianco-latte sarà la vostra camicia
e diventerà il vostro bel corpo,
la fredda pioggia scura sarà il vostro cappotto
con la tramontana(4) al vostro petto.
IX
Il destriero che cavalcherete
sarà un vento allegro
e lo imbriglierò con il ghiaccio del Nord
e i freddi ghiaccioli di grandine.
X
Il cappello che sarà sulla vostra testa
sarà del grigio sud
e ogni volta che mi passerete davanti
io vorrò che ve ne andiate”

NOTE
1) child in questo caso viene dallo scozzese e si traduce con giovane ragazzo
2) l’offerta della rosa rossa è la richiesta di un rapporto sessuale, si tratta di uno scambio tra il fiore della passione maschile e il roseo fiore della donna. Si tratta di un test essendo la figura del giardiniere ambigua talvolta surrogato paterno oppure amante tentatore
3) lily white= il bianco giglio. Il dolce profumo del Giglio si dice attragga gli spiriti fatati nel proprio giardino. Ha grande attività e potere durante il solstizio invernale. Il Giglio svela i misteri della nascita di una nuova vita, ed aiuta lo svilupparsi della purezza e dell’umiltà. Usi magici del Giglio:Piantati in giardino tengono lontani i fantasmi, proteggono dal male e da visite indesiderate di qualsiasi tipo. Questo fiore è uno dei più potenti antidoti ai riti d’amore: a tale scopo è spesso usato nei contro-incantesimi o semplicemente indossato per rompere un rito d’amore fatto da altri contro la nostra volontà, o fatto da noi stessi con risultati insoddisfacenti o addirittura disastrosi. (tratto da qui)
4) marigold= con lo stesso termine si indica sia la calendula che il tagete. Dai fiori giallo vivo che sfuma nell’arancio la calendula è una pianta medicamentosa utilizzata anche in cucina: con i suoi petali si ottengono creme e unguenti che riparano i danni della pelle (tagli, screpolature, scottature o ustioni)
Tagete
Garofano indiano, noto anche come “Garofano d’Acqua”, con questo fiore si può fare una marmellata tramite cui, se mangiata d’abitudine al mattino, si dovrebbero vedere presto le Fate. Secondo la mitologia romana, Tagete era un dio etrusco, nato da Genio e dalla Terra. Tagete apparve ad un contadino che vide una zolla sollevarsi e trasformarsi in fanciullo (il nome gli fu dato dal contadino stesso). Tagete era un giovane saggio, capace di predire il futuro. Dettò agli etruschi una serie di norme sull’arte di predire il futuro: queste regole vennero trascritte ed andarono a formare tre libri sacri: gli Aurispicini, i Fulgurali ed i Rituali. Tagete scomparve poi nel nulla, così come dal nulla era apparso. Il Tagete non è certo “il re dei giardini”, non ha dimensioni e fioriture paragonabili a quelle della rosa e della peonia. Non profuma, anzi, ha un cattivo odore, che però sembra non piaccia nemmeno alle zanzare. È una pianticella da bordura con un suo un fascino discreto, che si apprezza solo da vicino. Usi magici del Tagete: Legato al sole e all’elemento fuoco, questo fiore si usa in magie d’amore e per la chiaroveggenza. Si aggiunge ad altre erbe in sacchetti, amuleti e persino incensi per attrarre un nuovo amore, o dare nuova vita alla relazione attuale. Posto sopra al letto o in “cuscini dei sogni”, garantisce sogni profetici. .(tratto da qui)
5) Rosa SCHEDA
6) Timo SCHEDA
7) Camomilla
8) anche scritto come salads
9) Clover flower= i fiori di trifoglio SCHEDA
10) Blaewort= blawort= fiordaliso
11) Red rue. Non capisco perchè ruta rossa, i suoi fiori infatti sono gialli e anche le foglie sempreverdi non virano al rosso in autunno; forse per via del fusto che dopo un paio d’anni diventa legnoso. In Ucraina è ancora diffusa una leggenda popolare in cui la ruta diventa rossa (Chervona Ruta) nel giorno del solstizio d’estate e solo per pochi minuti, la ragazza che riuscirà a trovare il fiore rosso della ruta sarà felice in amore.
12) non ho trovato nessun equivalente floreale al termine probabilmente un refuso o una parola che tutti gli scozzesi conoscono ma di cui io non afferro il significato!!
13) ho tradotto con tramontana perché è un vento freddo di forte intensità
14) in questa versione il riferimento è al colore grigio dei confederati del Sud nella guerra civile americana

ASCOLTA Lady Maisery in Wave and Spin 2011
Lady Maisery è un gruppo di recente formazione composto da Hannah James (Kerfuffle, duo con Sam Sweeney), Hazel Askew (The Askew Sisters, The Artisans) e Rowan Rheingans (Fidola)
Un’interpretazione ipnotica, quasi il rituale di un incantesimo, ottenuta dalla sapiente tessitura delle voci e dall’uso ripetuto e ossessivo dell’arpeggio nel quale s’insinua l’organetto con un tono cupo.

Child #219  (parte A e B)
I
Proud Maisrie stands in the bower door
Straight as a willow wand
And by there came a gardener child
With a red rose in his hand(1),
And by there came a gardener child
With a red rose in his hand.
II
“O lady can you fancy me,
for to be my bride
among the flowers in my garden
I’ll shape a weed for thee.
III
“The lily white shall be your smock,
Becomes your body neat,
your head shall be the gillyflower
with a primrose at your breast.
IV
“Your gown shall be of the sweet-william(2),
Your petticoat chamomile.
Your apron of the salads neat
That taste both sweet and fine.”
V
Your gloves shall be the marigold
All glittering to your hand
and well spread over with the blue blaewort(3)
That grows among corn land.
VI
“Oh farewell young man -she said
farewell and I bid adieu
Since you have shaped a weed for me
Among the summer flowers,
It’s I will pay you back again
among the winter showers
VII
The new-fallen snow shall be your shirt
becomes your body neat,
The cold black rain shall be your coat
with a wind-gale(4) at your breast.
VIII
The steed that you shall ride upon
Shall be a cherry gale
Well bridled with the norland glass
And cold, sharp showers of hail.
IX
The hat that’s be upon your head
Shall be of the southron grey(5)
And when you come into my sight
I’ll wish you were away.”
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
L’orgogliosa Maisrie sta alla porta della torre
dritta come una bacchetta di salice
e lì accanto venne un giardiniere
con una rosa rossa in mano
e lì accanto venne un giardiniere
con una rosa rossa in mano
II
“O signora vorresti farmi l’onore
di essere la mia sposa?
Tra i fiori nel mio giardino
farò un vestito per te!
III
Il bianco giglio sarà la tua camiciola,
diventerà il tuo corpo chiaro,
la testa sarà il garofano
con una primula sul seno.
IV
Il tuo abito sarà il garofano
dei poeti
la sottogonna di camomilla
il grembiule d’insalata fresca
dal gusto dolce e raffinato
V
I guanti saranno di calendula
che brilleranno sulla mano
e ben si ripartiranno con il blu fiordaliso
che cresce tra i campi di grano”
VI
“Oh addio giovanotto – lei disse
arrivederci e addio
poiché avete fatto un vestito per me
tra i fiori dell’estate
io vi contraccambierò
con i rigori invernali
VII
La neve appena caduta sarà la vostra camicia
e diventerà il vostro bel corpo,
la fredda pioggia scura sarà il vostro cappotto
con la tramontana(4) al vostro petto.
VIII
Il destriero che cavalcherete
sarà un vento allegro
ben imbrigliato con il ghiaccio del Nord
e i freddi ghiaccioli di grandine
IX
Il cappello che sarà sulla vostra testa
sarà del grigio sud
e quando verrete al mio cospetto
vorrò che vi allontaniate”

NOTE
1) l’offerta della rosa rossa è la richiesta di un rapporto sessuale, si tratta di uno scambio tra il fiore della passione maschile e il roseo fiore della donna
2) il garofano dei poeti simboleggia la galanteria maschile
3) Blaewort= blawort
4) ho tradotto con tramontana perché è un vento freddo di forte intensità
5) in questa versione  il riferimento è al colore grigio dei confederati del Sud nella guerra civile  americana

BLODEUWEDD

blodeuwedd
Christopher Williams, Blodeuwedd, 1930, olio su tela, Newport Museum and Art Gallery

Inevitabilmente ad ascoltare la ballata il pensiero corre alla “Sposa di fiori“, la Blodeuwedd della mitologia gallese, “dall’aspetto dei fiori” vuol dire il suo nome, composto da blodeu, che significa fiori e da gwedd, viso o aspetto; è la sposa non umana per Llew Llaw Gyffes che non sarebbe mai diventato re perché la maledizione dalla madre gli impediva di sposare una donna mortale: Blodeuwedd venne creata magicamente con nove fiori, bardana, regina dei prati, primula, fiore del fagiolo bianco, biancospino, ginestra, ippocastano, quercia e ortica.

Un bianco bocciolo di fagiolo, poiché è sacro alla Dea, e noi dobbiamo cercare la sua benedizione di questa Creazione. Un giallo bocciolo di ginestra per purificare e proteggere. Un nocciolo color porpora di Bardana per allontanare gli spiriti malvagi. Fiorellini gialli della Regina dei prati, per una natura gentile e amorosa. La primula per attirare l’amore. Ortica per accrescere il desiderio di lui e la passione di lei. Biancospino per assicurare la felicità di coppia. La quercia per il vigore di lui nell’atto dell’amore e per dar loro molti bambini. Ippocastano per l’amore vero e duraturo. (Libro di Taliesin)

Blodeuwedd rappresenta la fanciulla-terra che nel sacro sposalizio legittima la sovranità maschile ma è anche la natura femminile più istintiva e ancestrale, la donna selvaggia libera e mai assoggettata che vive in base alla sua essenza.
La storia prosegue con un tipico triangolo celtico, lei si innamora di Goronwy e cerca di sbarazzarsi del marito Llew, il quale poteva essere ucciso solo in un unico e ben preciso modo: non di giorno e né di notte, non in casa e né fuori, non a cavallo e né a piedi, non vestito e nemmeno nudo e soprattutto non da una normale arma.
Un rompicapo tipico di molte fiabe in cui si devono compiere delle imprese impossibili per poter ottenere un premio (il matrimonio con il figlio o la figlia del re, metà del regno.. la morte del marito..)
La soluzione dell’enigma è abbastanza semplice: Llew sarebbe stato ucciso solo al crepuscolo, con un piede su di un calderone e l’altro su di una capra avvolto in una rete da pesca. L’astuzia fu quella di convincerlo a mettersi in posa così che Goronwy, potesse colpirlo con un’arma forgiata durante le ore sacre quando un simile lavoro era vietato!
Llew venne trasformato in un aquila e alla fine della storia riuscì a uccidere Goronwy. Blodeuwedd per punizione venne trasformata in una civetta (o gufo).

Non dimentichiamo inoltre che il mito giunto fino a noi è stato profondamente alterato dalla successive apposizioni della mentalità patriarcale: Blodeuwedd così tradisce ed è punita, è costretta a sposare contro volontà e viene creata a proprio piacimento da due uomini… nel mito originale Blodeuwedd probabilmente non era affatto una bambolina creata per soddisfare i desideri maschili, ma una fanciulla dell’Altromondo (ed ecco il richiamo alla nona onda citata da Taliesin…). La sua storia ricorderebbe quelle di molte fate dalla duplice natura: la sposa e l’iniziatrice, la rinascita e la morte, “viso di fiori” e “bianca scrofa”. Alla fine, trasformandosi in civetta si rivela per ciò che è: colei che ci accompagna “aldilà”.Blodeuwedd è condannata a non morire mai, ma ad essere civetta per l’eternità. Tradisce perché è LA TERRA e necessita di entrambi i sovrani, in altalenante vittoria… (tratto da Ynis Afallach Tuath, scritto da Argante  vedi)

seconda parte continua
canto correlato: The Irish girl

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/fiori-erbe-buone-maniere-e-pruderie-nelle-antiche-ballate.html
http://www.digitalmediatree.com/arboretum/gairdner/
http://www.sacred-texts.com/neu/eng/child/ch219.htm http://mainlynorfolk.info/shirley.collins/songs/proudmaisrie.html http://mysongbook.de/mtb/r_clarke/songs/gardener.htm http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=8022 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=4430 http://www.ynis-afallach-tuath.com/public/modules.php?op=modload&name=News&file=article&sid=166 http://anticamadre.altervista.org/blog/blodeuwedd-dea-vergine

THE VERDANT BRAES OF SCREEN

240px-Amselnest_lokilechAlcuni accomunano il tema della canzone a quello di “In the month of January“, canzone sempre del Nord Irlanda, in cui nell’ultimo verso si ammonisce le fanciulle a non cercare di costruire un nido sulla cima di un albero molto alto (vedi). Anche in “The verdant braes of Screen” (come pure in “P stands for Paddy“) il tema è quello dell’amore tradito o falsamente corrisposto.

La ragazza declina le richieste amorose del falso innamorato perchè ha saputo che lui frequenta un’altra; così simbolicamente lei donerà il suo “nido” ad un altro uomo, più degno di essere amato.

ASCOLTA Mick Hanly (voce e chitarra) & Andy Irvine (ghironda)

ASCOLTA Cara Dillon

ASCOLTA Altan in Another Sky 2003 (versione integrale su Spotify)

Testo in Colm O Lochlainn, More Irish Street Ballads (Dublino: Three Candles, ©1965),


I
As I roved out one evening fair
By the verdant braes of Skreen.
I set my back to a hawthorn tree
To view the sun in the west country,
And the dew on the forest green.
II
A lad I spied by Abhann’s side
And a maiden by his knee.
And he was as dark as
the very brown wood
And she all whey and wan to see,
All whey and wan was she.
III
“Oh sit you down on the grass,”
he said. “On the dewy grass so green
For the wee (3) birds all
have come and gone
Since I my true love have seen,” he said. “Since I my true love have seen”
IV
“Then I’ll not sit on the grass,” she said
“Nor be a love of thine
For I hear you love a Connaught girl
And your heart’s no longer mine,” she said
“And your heart’s no longer mine.”
V
“O! I’ll not heed what an old man says,
For his days are well-nigh done,
And I’ll not heed what a young man says,
For he’s fair for many a one,” she says,
“For he’s fair for many a one.”
VI
“But I will climb a high, high tree
And I’ll rob a wild bird’s nest
And back I’ll bring what I find there
To the arms that I love best,” she said
“To the arms that I love best.”
TRADUZIONE  DI CATTIA   SALTO
I
Mentre passeggiavo in una bella sera
per i rigogliosi colli di Screen (1),
sostai presso un biancospino
per guardare il sole dell’Ovest
e la rugiada sulla verde foresta.
II
Un ragazzo vidi vicino al ruscello (2)
con una fanciulla sulle ginocchia
ed era fosco come
l’ebano più scuro
e lei triste e pallida a vedersi
tutta triste e pallida lei era.
III
“Stenditi sull’erba – disse lui-
sull’erba umida così verde
che tutti  gli uccellini
sono venuti e andati (4)
da quando ho visto la mia innamorata
da quando ho visto la mia innamorata”
IV
“Non mi stenderò sull’erba – disse lei-
e nemmeno sarò una delle tue amanti perchè ho saputo che tu ami una fanciulla del Connaught (5),
e il tuo cuore non mi appartiene più!
e il tuo cuore non mi appartiene più!”
V
“Oh non ascolterò le parole di un vecchio, perchè il suo tempo è finito
e non ascolterò le parole che un giovanotto dice
perchè fa il carino con tutte – dice lei-
perchè fa il carino con tutte”
VI
“Mi arrampicherò su di un albero alto, alto e ruberò il nido di un uccello selvatico e riporterò tutto ciò che troverò tra le braccia di chi amo di più – disse lei- tra le braccia di chi amo di più”

NOTE
1) i più ritengono che Skreen o Screen sia un diminutivo di Ballinascreen, il nome irlandese di Draperstown in Londonderry (Irlanda del Nord) perchè la canzone ha avuto origine nella contea di Derry, ma in Irlanda si trovano anche altre località con lo stesso nome.
2) Abhainn è una parola gaelica per fiume, ruscello; anche scritto come “yon burn side(a small creek = brook)
3) anche scritto come wae (waeful = woeful)
4) l’uomo è stato via per una stagione o sei mesi
5) uno degli antichi regni d’Irlanda

continua

FONTI
http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=43164 http://mainlynorfolk.info/louis.killen/songs/ theverdantbraesofskreen.html

IN THE MONTH OF JANUARY

Una volta, la donna che partoriva un figlio al di fuori del matrimonio, era considerata una donnaccia, ripudiata dalla famiglia e a malapena ripagata, dal padre del bambino, con qualche moneta; molte di questa sventurate finivano, se non sulla strada a prostituirsi di male in peggio nelle case della Maddalena.

THE MAGDALENE HOUSE

magdalene-sisterIn Irlanda le donne che partorivano fuori dal matrimonio erano punite (mentre gli uomini non erano ritenuti responsabili) e letteralmente carcerate in strutture “caritatevoli” dette “Magdalene Laundries“: bastava essere troppo bella o violentata dal marito o abusata da fratelli, padri e parenti per finire nelle Case della Maddalena (la prima casa venne fondata da una donna Lady Arbella Denny a Dublino nel 1766) e si consiglia caldamente di vedere “The Magdalene Sister” (2002) diretto da Peter Mullan, il film-denuncia dei soprusi subiti dalle ragazze nelle Case della Maddalena. continua

Così per inculcare dei saldi principi morali nelle fanciulle e scoraggiarle ad abbandonarsi alle gioie del sesso, la saggezza popolare faceva ricorso alle warning songs!

IN THE MONTH OF JANUARY

Anche con il titolo di: The Forsaken Mother And Child, The Cruel Father, It Was On A Winter’s Morning, The Snowstorm

La canzone è stata raccolta dalla tradizione orale in Irlanda  del Nord
ASCOLTA Sarah Makem, Armagh, 1952

( la troviamo in stampa in Folksongs of Britain and Ireland, Kennedy 1975 e anche in America in “Songs of the Newfoundland Outports” vol 2, in  Kenneth Peacock 1965 con il titolo The Forsaken Mother And Child ). Herbert Hughes ha raccolto nel Donegal un frammento della canzone con il titolo The Fanaid Grove, (in Irish Country Songs, Vol I 1909). La ballata è spesso suonata all’arpa celtica, come una ninna-nanna, su di una melodia triste.

La donna scacciata dalla famiglia e abbandonata dal suo falso innamorato, ammonisce le altre di non cedere alle lusinghe di un uomo, specialmente se di rango superiore al proprio, e di non lasciarsi abbagliare dalla bellezza di un giovanotto che è comunque fugace come neve al sole.
Il destino della donna, se non fosse riuscita a farsi sposare da qualche onesto lavoratore, sarebbe stato molto crudele, difficilmente sarebbe stata assunta a servizio a causa della sua immoralità e molto più facilmente sarebbe finita sulla strada!

ASCOLTA June Tabor in “Abyssinians” 1993 una voce ricca di sfumature, un’interpretazione sincera che sottolinea la disperazione della ragazza

ASCOLTA Dolores Kane in Tideland 2001


I
It was in the month of January,
the hills were clad in snow
And over hills and valleys,
to my true love I did go
It was there I met a pretty fair maid,
with a salt tear in her eye
She had a wee baby in her arms,
and bitter she did cry
II
“Oh, cruel was my father,
he barred the door on me
And cruel was my mother,
this fate she let me see
And cruel was my own true love,
he changed (1) his mind for gold
Cruel was that winter’s night,
it pierced my heart with cold”
III
Oh, the higher that the palm tree grows, the sweeter is the bark
And the fairer that a young man speaks, the falser is his heart
He will kiss you and embrace you,
‘til he thinks he has you won
Then he’ll go away and leave you
all for another one
IV
So come all you
fair and tender maidens,
a warning take by me
And never try to build your nest
on top of a high tree
For the roots (2), they will all wither,
and the branches all decay
And the beauties of a fair young man,
will all soon fade away”
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
I
Era il mese di Gennaio,
le colline erano coperte dalla neve,
e mentre per colline e valli
dal mio vero amore andavo
incontrai una graziosa fanciulla
lacrime amare avea agli occhi,
e un bambino tra le braccia,
e tristemente si lamentava.
II
“O crudele fu mio padre
che mi chiuse la porta in faccia,
e crudele fu mia madre
che mi lasciò a questo destino,
e crudele fu il mio vero amore
che cambiò la sua intenzione con l’oro,
crudele fu quella notte d’inverno
che mi trafisse il cuore con il ghiaccio.
III
Oh, più in alto cresce la palma
e più dolce è la sua corteccia,
così più dolcemente parla un uomo,
più falso è il suo cuore;
lui vi bacia e abbraccia
mentre pensa di avervi conquistate,
poi se ne andrà via
e vi lascerà per un’altra.
IV
Così venite voi
belle e giovani fanciulle,
un avvertimento prendete da me:
non cercate mai di costruire il vostro nido sulla cima di un albero alto (2),
perchè tutte le radici (3) si seccheranno
e tutti i rami cadranno
e la bellezza di un grazioso giovanotto
presto svanirà”

NOTE
1) l’uomo invece di sposarla come era nelle intenzioni (prima di ottenere la virtù della donna) preferisce darle un po’ di soldi e sbarazzarsi di lei e del bambino. Altri intendono invece che siano stati i genitori della ragazza a pagare l’amante povero per allontanarlo da ogni pretesa matrimoniale, ma così non si spiega perchè abbiano buttato fuori casa anche la figlia!! In altre versioni s’intende che il giovane sia andato via dal paese in cerca di fortuna, perchè troppo povero per mettere su una famiglia.
2) il verso è condiviso in molte altre warning songs sul tema dell’amore tradito o falsamente corrisposto. Vedasi “The verdant braes of Screen“, P stands for Paddy
3) a volte scritto come “leaves”

FONTI
http://mainlynorfolk.info/frankie.armstrong/ songs/itwasinthemonthofjanuary.html http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=45014 http://mudcat.org/thread.cfm?threadid=126475 http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/17/forsaken.htm http://www.wtv-zone.com/phyrst/audio/nfld/13/morning.htm http://tunearch.org/wiki/Annotation:Fanaid_Grove http://tunearch.org/wiki/Fanaid_Grove

NEVER WEDD AN OLD MAN

maidenUna canzone umoristica scozzese, intitolata anche “Maids When You’re Young“, scoraggia le giovani donne  nello sposare uomini troppo anziani, e il suo canto, tra ironia e amarezza, è un monito per tutte.
La grande differenza d’età tre i due sposi era ancora una consuetudine fino alla metà del 1900: uomini anziani sposavano giovani ventenni, che svolgevano il ruolo di badanti ante litteram!

L’umorismo della canzone  scaturisce dal linguaggio allusivo ma mai esplicito e le parole più oscene  sono bippate come “faloorum” e “ding doorum”: dapprima la giovane donna è corteggiata dall’uomo più vecchio ed accetta di sposarlo, ma quando arriva il momento di andare a  letto scopre che l’uomo ahimè è impotente. Così appena il vecchio si addormenta la ragazza, per spegnere i  bollori, si getta nelle braccia di un giovane e virile amante.

Oggi la canzone  fa sorridere ma nell’Ottocento era considerata piuttosto piccante: la semplice allusione  al sesso era volgare ma il riferimento all’impotenza e all’adulterio doveva  risultare scandaloso! Nonostante tutto diventò una canzone popolare in  Scozia, Inghilterra, Irlanda  e in America. La prima  pubblicazione risale al 1869 in “Ancient   Scottish Songs, Heroic Ballads” di David Herd con il titolo “Scant of Love, Want of Love”.

Quando i Dubliners la  registrarono nel 1962 fu considerata troppo esplicitamente sessuale per le radio del servizio pubblico inglese .

ASCOLTA  The Dubliners (strofe 1-3-4-5-6-7)

ASCOLTA Mairi  Morrison & Alasdair Roberts in Urstan, 2012 (strofe 1-2-4-3) in  una versione più castigata. Il cd è stato commissionato dal Scotland’s Centre for Contemporary Arts come tributo alla musica e  cultura gaelica. Una collaborazione artistica che sprizza freschezza e creatività.


CHORUS
For he’s got no faloorum,
fadidle eye-oorum

He’s got no faloorum,
fadidle  all day
He’s got no faloorum,
he’s lost his ding doorum
so maids when you’re young,
never wed an old man

I
An old man  came courting me,
hey ding dooram day (1)
An old man came courting me,
me being Young(2)
An old man came courting me,
all for to  marry me(3)
Maids, when you’re young never wed an old man
II
When we sat down to tea,
hey doo me darrity
When we sat down to tea, me being young
When we sat down to tea, he started teasing me
Maids when you’re young never wed an old man
III
When we went to church,
hey ding dooram day
When we went to church,
me being young
When we went to church,
he left me in the lurch (4)
Maids when you’re young, never wed an old man
IV
When we went to bed,
hey ding doorum day
When we went to bed, me being young
When we went to bed,
he lay like he was dead (5)
Maids when you’re young never wed an old man
V
So I threw me leg  over him (6),
hey ding dorum da
I flung me leg over him, me being young
I flung me leg over him, damned nearly smothered him
Maids when you’re young never wed an old man.
VI
When he went to sleep,
hey ding doorum day
When he went to sleep, me being young
When he went to sleep, out of bed I did creep
Into the arms of a handsome young man
VII
And I found his faloorum,
fadidle eye-oorum
I found his faloorum,
fadidle all day
I found his faloorum, he got my ding doorum
So maids when you’re young never wed  an old man
VIII
I wish this old man would die,
hey-ding-a  doo-rum
I wish this old man would die, me being Young
I wish this old man would die, I’d make the  money fly
Girls, for your sake, never wed an old man
IX
A young man is my delight,
hey-ding-a  doo-rum
A young man is my delight, me being Young
A young man is my delight, he’ll kiss you day  and night
Maids, when you’re young, never wed an old  man
TRADUZIONE DI CATTIA SALTO
CORO
Perché lui non è ” faloorum”,
fadidle eye-oorum
lui non è ” faloorum”,
fadidle  all day
lui non è ” faloorum”
lui ha perso il suo “ding doorum”
così ragazze, se siete giovani,
non sposate mai un vecchio!
I
Un vecchio mi corteggiava
hey ding dooram day
Un vecchio mi corteggiava ed io ero giovane,
Un vecchio mi corteggiava per sposarmi,
ragazze, se siete giovani, non sposate mai un vecchio.
II
Quando ci sedemmo per il te,
hey doo me darrity
Quando ci sedemmo per il te,
ed io ero giovane,
quando ci sedemmo per il te, lui cominciò a stuzzicarmi.
ragazze, se siete giovani, non sposate mai un vecchio.
III
Quando andammo in chiesa
hey ding dooram day
quando andammo in chiesa
ed io ero giovane,
quando andammo in chiesa,
mi ha piantato in asso,
ragazze, se siete giovani, non sposate mai un vecchio.
IV
Quando andammo a letto
hey ding doorum day
quando andammo a letto ed io ero giovane,
quando andammo a letto, rimase disteso come morto.
ragazze, se siete giovani, non sposate mai un vecchio.
V
Così mi sono messa cavalcioni (6),
hey ding dorum da
mi sono messa cavalcioni ed io ero giovane,
mi sono messa cavalcioni e maledizione per poco lo soffocavo.
ragazze, se siete giovani, non sposate mai un vecchio.
VI
Quando si addormentò
hey ding doorum day
quando si addormentò  ed io ero giovane,
quando si addormentò strisciai fuori dal letto
nelle braccia di un bel giovane!
VII
E ho trovato il suo ” faloorum”,
fadidle eye-oorum
ho trovato il suo ” faloorum”,
fadidle all day
ho trovato il suo ” faloorum ” e ha preso la mia “ding doorum”
così ragazze, se siete giovani, non sposate mai un vecchio!
VIII
Vorrei che il vecchio morisse,
hey-ding-a  doo-rum
vorrei che il vecchio morisse ed io ero giovane,
vorrei che il vecchio morisse, potrei spendere i soldi,
ragazze per il vostro bene, non sposate mai un vecchio!
IX
Un uomo giovane è la mia gioia,
hey-ding-a  doo-rum
un uomo giovane è la mia gioia ed io ero giovane,,
un uomo giovane è la mia gioia, lo bacerei notte e giorno,
ragazze, se siete giovani, non sposate mai un vecchio!

NOTE
1) oppure “Hey do a dority”
2) oppure Hey-do-a-day
3) oppure Fain wad he mairry me
4) in altre versioni è la donna ad andarsene ” I left him in the lurch”
5) oppure “he neither done nor said”, ma anche” he lays like a lump of lead”
6) letteralmente: ho buttato la mia gamba su di lui

FONTI
https://mainlynorfolk.info/eliza.carthy/songs/anoldmancamecourting.html
http://www.clarelibrary.ie/eolas/coclare/songs/cmc/
never_wed_an_old_man_pmcnamara.htm

http://sangstories.webs.com/anauldmancamcourtin.htm
http://mysongbook.de/msb/songs/m/maidswhe.html