Archivi tag: vischio

The mistletoe bough, in the olden time

Per i Celti il vischio era il simbolo della resurrezione, della sopravvivenza della vita alla morte, affascinati dalla sua vita completamente aerea, credevano fosse l’emanazione della divinità sulla Terra, panacea che cura tutti i mali. I sacerdoti cristiani per il suo simbolismo antico addirittura lo proibirono nelle chiese.

Ma l’usanza di decorare la casa con rametti sempreverdi tra cui anche il vischio, è rimasta una consuetudine natalizia dal Medioevo fino ai nostri giorni. Oggi il vischio è una pianta benaugurale utilizzata per decorare le porte e i vani di passaggio ed è prassi scambiarsi un bacio se una coppia si trova sotto i suoi rami.

Forse è propio per la forte ostilità della Chiesa verso il vischio, pianta duidica per eccellenza, che il vischio nei canti natalizi è messo in secondo piano dall’agrifoglio identificato con la figura salvifica di Gesù Cristo. Solo nell’Ottocento fu scritta una leggenda sul vischio dal sapore gotico secondo il gusto po’ macabro tipico del romanticismo: nella tradizione inglese è una storia di fantasmi di origine medievale, che è stata associata con molte antiche dimore inglesi. (continua)

Bisogna arrivare al Novecento perchè il folk rock riscopra il vischio e la sua millenaria tradizione, fu Ken Nicol a scrivere nel 2004 per gli Steeleye Span  “Mistletoe Bough” e spiega nelle note dell’album: from the earliest times mistletoe has been seen as one of the most magical, mysterious, and sacred plants of European folklore. It was considered a bestower of life and fertility; a protectant against poison; and even an aphrodisiac. The mistletoe of the sacred oak was especially sacred to the Celtic Druids. Using it to treat all manner of diseases and as an antidote to every kind of poison, they called it “all heal”. Kissing under the mistletoe is first found associated with the Greek festival of Saturnalia and later with primitive marriage rites. In Scandinavia, mistletoe was considered a plant of peace, under which enemies could declare a truce or warring spouses would kiss and make-up. (tratto da qui)

ASCOLTA  Steeleye Span in “Winter” 2004


I
The mistletoe bough,
in the olden time,
Was honoured in many
a sacred rhyme
By bards and by singers
of high degree,
When cut from its place
on the old oak tree
By white-robed Druid
with golden knife (1)
For they thought it
a magical Tree of Life (2):
And many a promise and holy vow
There was solemnly sworn (3)
on the mistletoe bough.
II
The mistletoe bough
in the Norseman’s lay (4)
Told ever of horrors,
and love’s dismay
When the old blind god,
by a sportive blow,
Laid Balder, the beautiful
sun god, low;
Thenceforth it was deemed
an accursed thing;
But love out of sorrow
could victory bring,
And the tears of Freja (5) are shining now, Like oriental pearls,
on the mistletoe bough.
III
The mistletoe bough
on the festive throng
Looks down amid echoes of mirthful song,
Where hearts they make music
as old friends meet,
Whose pulse keeps time
to the dancer’s feet,
And eyes they are brighter
with looks of love
Than gems outshining the lamps up above:
And who is she that will not allow
A kiss that’s claimed (6)
under the mistletoe bough?
IV
From the regions of the east
There came a strong and handsome beast.
Slow indeed his paces are,
None with donkey can compare.
For the load that he will bear,
Hail, Sir Donkey (7), hail.
Traduzione italiano di Cattia Salto
I
Il vischio
nei vecchi tempi
fu onorato in molti
sacri versi
dai bardi e dai cantori
di alto lignaggio
quando si tagliava dalla sua dimora
sulla vecchia quercia
con un falcetto d’oro
dal Druido biancovestito
perchè si credeva fosse
un magico Albero della Vita:
e molte promesse e sacri voti
erano solennemente giurati
sul vischio.
II
Il vischio
nei versi dei Norreni
racconta sempre gli orrori
e i dispiaceri d’amore
quando il vecchio dio cieco,
con una freccia per divertimento
stese a terra Balder, il bellissimo
dio del sole;
da allora è stata ritenuta
una pianta maledetta.
Ma amore dal pentimento
poteva la vittoria portare,
e le lacrime di Freja ora brillano,
come perle d’oriente
sul vischio.
III
Il vischio
sulla folla festosa,
guarda giù tra gli echi dei canti mitologici
dove i cuori fanno musica
come vecchi amici ritrovati,
i cui battiti tengono il tempo
sui passi dei danzatori,
e gli occhi sono illuminati
dagli sguardi dell’amore,
allora le gemme eclissano le lampade appese
e chi è colei che non permetterà
un bacio richiesto
sotto il vischio?
IV
Dalle regioni dell’Est
viene un bestia
forte e bella
lenti in verità i suoi passi sono
a nessun asino si può paragonare;
per il carico che dovrà sopportare,
Salute Sir Asinello, salute!

NOTE
1) I druidi sceglievano accuratamente i modi ed i tempi per raccoglierlo. Era la pianta dedicata alla festa di Imbolc e veniva tagliato dall’albero che lo ospitava durante una cerimonia di Yule o Alban Arthan. Proprio in questo giorno, il più corto dell’anno, il sole ricomincia a crescere e la luce che irraggia la terra, fecondandola di vita, aumenta gradualmente fino a rinnovare il risveglio primaverile… Gli studi in merito all’epoca ed alle modalità di raccolta sono molto precisi: si usava un panno candido, simbolo di purezza, e venivano sacrificati dei giovani tori bianchi per rinnovare il patto con le divinità.I Celti lo raccoglievano nel sesto giorno della luna crescente cioè mentre questa si stava incrementando di potenza. Anche il druido che officiava la cerimonia era vestito di bianco e solo lui poteva tagliarlo. Il Vischio era anche considerato un liquido simbolico perché estraeva la linfa dalla pianta ospitante sorbendone la positività ed il sapere e quindi, concentrandone il succo, diventava la bevanda della conoscenza (tratto da qui)
2) I Celti credevano che il ciclo vitale del Vischio si sviluppasse su tre elementi: un soggetto che trapassa la morte rappresentato dal Vischio, un messaggero della vita cioè l’uccello trasportatore, e l’interazione divina che dava il potere di nascere e di crescere. Questa vita completamente aerea veniva associata ad una delle più spettacolari, misteriose e potenti espressioni divine nel mondo terreno. (tratto da qui)
3) il vischio era utilizzato nei riti matrimoniali per sigillare e rendere sacra l’unione (vedi)
4) Nella mitologia norvegese il dio Balder, fu ucciso perché colpito da un ramo di vischio, tutte le altre piante avevano giurato di non recare alcun male al giovane e bellissimo dio, tutte tranne l’umile e innocua piantina del vischio.
Ma Loki, il malvagio, fece in modo che un vecchio cieco, per gioco, colpisse Balder con un rametto di vischio uccidendolo all’istante.
In memoria del dio, i norvegesi sono soliti bruciare rami di vischio in prossimità del solstizio d’inverno, con lo scopo di allontanare la sventura e invocare la prosperità ed il benessere. continua

Morte di Balder

5) Frija, Freya, chiamata anche Frigg nella mitologia scandinava. È la moglie di Wotan – Odino. Protettrice dell’amore, dell’unione sessuale e della fertilità. Il suo nome sopravvive in inglese nel termine Friday (Frigg’s-day). Narra la leggenda che Balder, morendo, cadde su un cespuglio di agrifoglio, spruzzandolo di sangue, mentre le lacrime di Frigg si trasformarono in perle che rimasero per sempre ad ornare la pianta del vischio. In alcune versioni gli altri dei riportano in vita Balder così Frigga dichiarò il vischio una pianta sacra portatrice d’amore e non più di morte.
6) Per quanto riguarda la tradizione di scambiarsi il bacio sotto al vischio nel periodo natalizio esistono nel WEB tante supposizioni, per lo più campate in aria: chi la fa risalire agli antichi romani durante i Saturnalia (festività che in alcuni siti in inglese vengono erroneamente attribuite agli antichi Greci), chi ai Celti e chi agli antichi scandinavi. Tra tutte quella che si riferisce al mito scandinavo della morte di Balder è quella più verosimile. L’usanza, come gesto benaugurale, è storicamente riscontrata in epoca elisabettiana nei dodici giorni del Natale. (tratto da qui)
7) “Durante l’alto e il basso Medioevo la Festa dei Folli (detta Fete des fous nei paesi francofoni, Feast of Fools in Inghilterra, ma conosciuta anche come Asinaria Festa ,Festum Stultorum, Festum Fatuorum, Festum Follorum, Festum Subdiaconorum o Festum Baculi) si teneva nelle cattedrali e chiese collegiate di Francia – e, meno frequentemente, in quelle di Fiandre, Inghilterra, Germania e Boemia – in uno dei giorni compresi fra il Natale e l’Epifania e in particolare a Capodanno […] un resoconto particolarmente illuminante descrive un’altra cerimonia di Beauvais che rappresenta la fuga in Egitto.   Una ragazza con in braccio un bambino veniva portata in processione in groppa a un asino dalla cattedrale alla chiesa di Santo Stefano.   L’asino veniva fatto entrare in chiesa e condotto sull’altare.   Durante la Messa, l’Introito, il Kyrie, il Gloria e il Credo terminavano tutti con un raglio e invece dell’ “ite missa est”, il celebrante doveva ragliare per tre volte ( “ter hinhannabit” ), al che i fedeli rispondevano ragliando!” (Philip Pickett, Accademia Filarmonica Romana) continua

FONTI
http://terreceltiche.altervista.org/decorazioni-natalizie/
http://terreceltiche.altervista.org/la-festa-del-vischio-8-dicembre-saint-denis/
http://ontanomagico.altervista.org/vischio.htm
https://mainlynorfolk.info/steeleye.span/songs/mistletoebough.html

RING OUT, SOLSTICE BELLS

Jethro+TullGodiamoci i Jethro Tull in questa rara animazione promozionale per l’uscita nel 1976 del Singolo “Ring Out The Solstice bells“, il brano in questione è poi riproposto nell’album “Songs from the Wood” dell’anno seguente: melodie folk e rock scozzese in una combinazione che non ha perso il suo smalto.
Ian Anderson si è fatto ritrarre come un druido (proprio come era immaginato nelle illustrazioni ottocentesche!) con una campana nella mano destra e un grosso falcetto nella mano sinistra (che diventa nel video un’inquietante falce missoria), ai suoi piedi un rametto di vischio e di agrifoglio, alle spalle una quercia centenaria dai possenti rami.


I
Now is the solstice of the year,
winter is the glad song that you hear.
Seven maids move in seven time.
Have the lads up ready in a line.(1)
CHORUS
Ring out these bells.
Ring out, ring solstice bells.
Ring solstice bells.
II
Join together beneath the mistletoe(2).
by the holy oak whereon it grows.
Seven druids dance in seven time.
Sing the song the bells call,
loudly chiming.
III
Praise be to the distant sister sun(3),
joyful as the silver planets run(4).
Seven maids move in seven time.
Sing the song the bells call,
loudly chiming.
TRADUZIONE di Cattia Salto
I
Ora è il solstizio dell’anno, inverno è la canzone allegra che senti.
Sette fanciulle si muovono in sette tempi, i ragazzi sono pronti in fila (1)
RITORNELLO
Suona forte queste campane
Suona forte le campane
del solstizio
II
Abbracciamoci sotto il vischio (2)
Accanto alla sacra quercia su cui cresce.
Sette Druidi danzano in sette tempi.
“Canta la canzone”, le campane
chiamano a gran voce
III
Sia lode alla lontana sorella sole (3),
gioiosa mentre i pianeti d’argento girano (4).
Sette fanciulle si muovono in sette tempi
Canta la canzone, le campane
chiamano a gran voce.

NOTE
1) si riferisce a una country dance con le due linee di uomini e donne che si fronteggiano: qui il numero sette è un numero magico e ovviamente sono i druidi a ballare la danza del solstizio!!
2) il riferimento alla festa druidica di Mezz’inverno non poteva ignorare la sua pianta sacra, il vischio
3) che il sole per gli Inglesi sia femmina è una questione antica e densa di fascinazione: “Here lies a she sun, and a he moon there” John Donne (1572-1631), The Complete English Poems.
4) l’immagine è potente attorno alla dea Sole, origine della vita, ruotano i pianeti un tempo conosciuti ovvero sette (quelli visibili a occhio nudo) e poichè il sole è dorato, i suoi pianeti sono delle sfere d’argento. Così la potenza del Suono si traduce in Danza..
Il numero sette rappresenta un po’ in tutte le culture del passato un ciclo  compiuto e perfetto, formato dalla triade sacra e i quattro elementi costitutivi del mondo sensibile che quindi racchiude il divino e l’umano, spirito di ogni cosa.

LE DECORAZIONI NATALIZIE

Le decorazioni natalizie, oggi fortunatamente più eco-friendly, hanno origine dall’usanza medievale di addobbare la casa con rami sempreverdi. L’usanza era però molto più antica, risalente ai riti solstiziali per sostenere il sole morente dell’Inverno. Il sempreverde era la speranza  della vittoria del Sole e del rinnovarsi della vita contro le forze del male e dell’oscurità.
Chiese e case erano decorati con rami d’alloro, rosmarino, pungitopo, agrifoglio, edera e bacche.

DECK THE HALLS

Fu l’Ottocento vittoriano a dettare le regole della casa elegante durante il Natale: al motto di “uniformità e ordine con stile” le istruzioni fioccarono nei Magazine per signore, e pensare che agli inizi dell’Ottocento il Natale era una festa a mala pena celebrata in Inghilterra! La trasformazione è stata rapida e capillare.

L’ALBERO DI NATALE

victorian_treeA cominciare con l’albero di Natale, un’usanza tipicamente germanica introdotta in Inghilterra nel 1840 dalla regina Vittoria, innamorata del suo bel principe Alberto e celebrata dall’Illustrated London News; qualche anno più tardi è riprodotto il disegno di tutta la famiglia reale riunita intorno all’abete, decorato con candele accese, dolcetti, frutta, decorazioni fatte in casa e piccoli doni; il messaggio espresso chiaramente nell’illustrazione era quello del calore e della condivisione di una festa che riuniva tutta la famiglia, dalla preparazione del cibo e della tavola, alle decorazioni e poi i regali, i giochi di società e i balli. Il secondo fautore del nostro Natale fu Charles Dickens con il libro “A Christmas Carol” (pubblicato nel 1843) che divenne portatore di valori quali la famiglia, la carità, la buona volontà e la pace.

Già i romani per i Saturnalia e le Calendae decoravano la casa con rami di abete, spiriti della fertilità che rimanevano carichi di foglie anche in pieno Inverno. E tuttavia non si riesce a rintracciare il passaggio da questi ramoscelli all’albero natalizio. Una leggenda narra di Wilfred di Credition un sacerdote cristiano dell’VIII secolo missionario in Germania: per dissuadere i “pagani” nelle pratiche rituali in onore ai vecchi dei fece abbattere una quercia, la pianta sacra di Odino. Ma lì vicino nacque un abete così Wilfred la proclamò emblema della nuova fede.
Un’altra leggenda racconta nientemeno che Martin Lutero, suggestionato da una notte stellata, alla vigilia di Natale decorò un abete con tante candele accese per catturare la luce delle stelle e lo regalò ai figli. Una cinquantina d’anni dopo Lutero l’usanza di decorare l’abete con candele, decorazioni, dolcetti e frutta era una moda a Strasburgo, moda che si diffuse nei secoli seguenti un po’ per tutto il continente europeo.

E per restare sempre in tema di gesti benaugurali: non bisogna rimuovere l’albero di Natale e altre decorazioni di Natale prima della dodicesima notte (6 gennaio).

LE PIANTE MAGICHE D’INVERNO

Le antiche credenze sulle piante magiche dell’Inverno vennero rivestite dalla Chiesa cristiana di nuovi simboli, tranne il vischio la pianta sacra dei Druidi di cui i sacerdoti cristiani proibirono l’uso nelle chiese.

AGRIFOGLIO
Oltre all’abete tutte le piante sempreverdi a bacca erano le benvenute in casa. Le popolazioni celtiche (come gli antichi romani) attribuivano all’agrifoglio poteri magici, e ne appendevano dei ramoscelli alle porte, come amuleti contro gli spiriti maligni. L’agrifoglio era considerata una pianta benaugurante, la controparte invernale della Quercia. L’equivalente femminile del Re Agrifoglio è l’Edera (in inglese Ivy) entrambi sono simboli di fertilità e sono intrecciati insieme nelle ghirlande per rendere manifesta la doppia natura maschile e femminile del principio creativo. continua

EDERA
Con l’edera anticamente si intrecciavano corone, simbolo di unione e fedeltà tra i futuri sposi, era anche la pianta sacra di Dioniso e perciò nel mondo greco e latino saldamente legata al vino . I Celti l’associavano alla dea gallese Arianrhod. E’ una pianta che fiorisce al contrario , in autunni infatti spuntano le infiorescenze che diventano nere bacche in primavera.

VISCHIO
Pianta sacra per eccellenza il vischio nella tradizione celtica era considerato un efficace rimedio ovvero una “pianta che guarisce tutto“. Come l’idromele era inoltre utilizzato nei rituali matrimoniali in quanto si riteneva che il vischio potesse rendere fertile la coppia. Per i Celti il vischio era il simbolo della resurrezione, della sopravvivenza della vita alla morte, affascinati dalla sua vita completamente aerea, credevano fosse l’emanazione della divinità sulla Terra.
Oggi il vischio è una pianta benaugurale utilizzata per decorare le porte e i vani di passaggio, è prassi scambiarsi un bacio se una coppia si trova sotto i suoi rami; l’usanza inglese vuole che per ogni bacca ci sia un solo bacio così ogni volta che una coppia si bacia sotto il vischio, una bacca deve essere tolta dal rametto. Un tempo bruciare il vischio dell’anno vecchio significava propiziare i raccolti e tenere lontano la malasorte. continua

CHRISTMAS BOUGH

Si tratta di una tipica decorazione natalizia d’epoca medievale, un globo sempreverde, una struttura composta da vari rami di edera e agrifoglio (ma anche rosmarino, alloro e ogni altra ramaglia verde disponibile in giardino) intrecciati in modo da ottenere un grosso globo: i rami curvati a seguire gli spicchi della sfera erano legati tra di loro (e per rinforzare la struttura a seconda della dimensione era talvolta disposto anche un cerchio di sempreverdi lungo l’equatore). All’interno del globo si appendeva un frutto di stagione, in genere una mela o una pera.
Il globo dei sempreverdi era agganciato in alto sul soffitto e nella parte inferiore si appendeva un rametto (o più rametti) di vischio tenuti insieme da un bel fiocco di raso. Ammiriamo questa bellissima decorazione d’epoca Regency, una rielaborazione del globo natalizio medievale impreziosita da candele.

Così a seconda delle dimensioni e della disposizione più fitta dei rami, la composizione poteva diventare più simile a una palla detta anche Christmas kissing ball. Questa decorazione è ancora molto popolare nei paesi anglosassoni.
Usare il vischio nelle decorazioni natalizie era invece un tempo una questione più controversa, bandito dalle Chiese cattoliche per tutto l’Ottocento, anche nelle case signorili più conservatrici e di rigidi principi, era relegato nelle cucine e nelle fattorie.

Alcuni tutorial molto interessanti a cui ispirarsi per le decorazioni
http://blog.english-heritage.org.uk/how-to-make-traditional-tudor-christmas-decorations/
http://www.theherbariumproject.com/on-the-make-a-victorian-kissing-ball/

http://www.thepaintedhinge.com/2013/12/17/diy-yule-log-tutorial/

Canti natalizi con le piante del Natale

DECK THE HALLS
GET IVY AND HULL
GREEN GROWTH THE HOLLY
HOLLY AND THE IVY
HOLLY AND IVY GIRL
MISTLETOE BOUGH
MISTLETOE BOUGH (Ken Nicol)
NAY IVY NAY
SANS DAY CAROL

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/solstizio-inverno.htm
https://austenonly.com/2009/12/14/jane-austen-and-christmas-decorating-the-georgian-home/

LA RACCOLTA DEL VISCHIO

Il vischio non è una pianta che si possa seminare o coltivare: attacca le sue radici nell’albero ospite (mica tutti gli alberi però) e si propaga solo con il seme digerito dagli uccelli (mica tutti però) dopo che si sono cibati delle bacche.
Affinché la pianta cresca poi è necessario che si trovi in posizione soleggiata. Gli alberi su cui il vischio aderisce sono pioppi, tigli, olmi, noci, ma anche di meli, peri.

Il vischio quercino è quello più raro e forse l’unico raccolto dai Druidi, scrive infatti Plinio il Vecchio “I Druidi non considerano niente di più sacro del vischio e dell’albero sul quale esso cresce, purché si tratti di un rovere.In inverno il vischio quercino perde le foglie e sui rami brillano delle piccole e lucide bacche dorate.

La raccolta indiscriminata di vischio parallelamente alla distruzione delle zone boschive lo hanno reso una pianta rara e tutelata in Italia da diverse leggi regionali.

IL VISCHIO DELL’ANNO NUOVO

Per i Celti il vischio era il simbolo della resurrezione, della sopravvivenza della vita alla morte, affascinati dalla sua vita completamente aerea, credevano fosse l’emanazione della divinità sulla Terra.
Ancora Plinio il Vecchio racconta ” In realtà essi [i Druidi] ritengono tutto ciò che nasce sulle piante di rovere come inviato dal cielo, un segno che l’albero è stato scelto dalla divinità stessa. Peraltro il vischio di rovere è molto raro a trovarsi e quando viene scoperto lo si raccoglie con grande devozione: innanzitutto al sesto giorno della luna (che segna per loro l’inizio del mese, dell’anno e del secolo, ogni trent’anni) e questo perché in tale giorno la luna ha già abbastanza forza e non è a mezzo. Dopo aver apprestato secondo il rituale il sacrificio e il banchetto ai piedi dell’albero, fanno avvicinare due tori bianchi ai quali per la prima volta vengono legate le corna“.

“The Druids: Bringing In The Mistletoe” George Henry e Edward Atkinson Hornel, 1890

In Francia, la tradizione della raccolta del Vischio continuò ad essere osservata anche dopo la sua cristianizzazione, ritroviamo ancora nel XV secolo la cerimonia, detta guilanleuf o auguilanneuf   (“Au gui l’an neuf”, cioè “Al vischio dell’anno nuovo”) in cui chi raccoglieva il vischio gridava rivolgendosi alla folla “O Ghel an Heu” (” Che il grano germogli!”). Così l’acqua in cui era messo a macerare il vischio era benedetta e distribuita tra i malati e come prevenzione per attirare la buona sorte. Ma nel Medioevo l’ostracismo della Chiesa contro la religione pre-cristiana, demonizzò la pianticella di vischio, impedendone l’uso nelle chiese e nelle case, e solo il popolino continuava a utilizzarlo come amuleto al collo o per appenderlo alle porte delle stalle o  nelle cucine.  Fu l’epoca Regency a riportare in auge il vischio e lo vediamo nelle tante illustrazioni delle festività natalizie o citato nei romanzi. (continua)

PANACEA DI TUTTI I MALI

Plinio il Vecchio riferisce che: “i Galli credono che il vischio, preso come bevanda (l’acqua di Quercia), dia fecondità e operi da antidoto contro tutti i veleni…Credono che il vischio, macerato in forma di bevanda, doni la fertilità a ogni animale sterile, e che sia un rimedio contro tutti i mali…Alcuni pensano che il vischio sia più efficace se colto sulla quercia all’inizio della luna, senza usare arnesi di ferro e senza che tocchi terra; che guarisca l’epilessia, faccia concepire le donne che ne portano addosso e che, masticato e applicato sulle ulcere, le guarisca completamente“.

Un’avvertenza d’obbligo sulla sua tossicità, sia foglie che bacche quindi bisogna fare attenzione ai bambini che, attirati dalla lucentezza perlacea delle bacche, potrebbero avere la tentazione di mangiarle! E tuttavia il vischio possiede diverse proprietà curative, scrive Luca Bettosini: “Il vischio album è noto per le sue proprietà ipotensive, ovvero contribuisce ad abbassare la pressione arteriosa. È considerato: un antispasmodico e sedativo, poiché diminuisce il senso di oppressione al petto, le palpitazioni e il nervosismo; è antispasmodico e depurativo, in quanto aumenta la produzione di urine e l’eliminazione dei residui tossici in caso di nefriti gotta, artrite; è antinfiammatorio, poiché sembra alleviare i dolori reumatici e sembra molto efficace negli attacchi acuti di lombaggine e sciatalgia; è regolatore delle mestruazioni; in quanto possiede un buon effetto emostatico; e antitumorale, in quanto alcune proteine in esso contenuto riescono a distruggere efficacemente le cellule tumorali.” (tratto da qui)

LA PIANTA MAGICA DEL NATALE

Oggi il vischio oltre che essere inserito nelle terapie di cura è una pianta benaugurale utilizzata per decorare le porte e i vani di passaggio; come da tradizione è prassi scambiarsi un bacio se una coppia si trova sotto i suoi rami; un tempo bruciare il vischio dell’anno vecchio significava propiziare i raccolti e tenere lontano la malasorte. La pianta è inoltre molto decorativa anche a feste passate, piano piano nel suo disseccarsi prende un bellissimo colore dorato! continua

PIEMONTE

La legge n. 32 del 1982 della Regione Piemonte disciplina la raccolta del vischio: quantità moderata, da stringersi nel palmo della mano, e senza spezzare la pianta, o peggio segare i rami. Ci sono poi tutta una serie di normative da osservare quando si entra in Parchi e Zone protette, anche relativamente alla raccolta del vischio (che potrebbe essere vietata o limitata).
Dopo essersi ben informati sulla normativa vigente coloro che volessero andare per vischio lo trovano nel Biellese, in Val Susa e in alcune valli del cuneese, come pure nelle Valli Ossolane.

FESTA DEL VISCHIO – GRAGLIA (Biella)
Nella terza domenica di dicembre si svolge da più di dieci anni la festa del Vischio organizzata dalla Confraternita di Santa Croce e della Ss. Trinità, i rami raccolti dai volontari sono venduti nella casetta del vischio, insieme a tante specialità locali preparate dalle donne della Confraternita. In frazione “Santuario” (690 metri s.l.m) sul Sacro Monte di Graglia un noto santuario mariano.

VALLE D’AOSTA

FESTA DEL VISCHIO – SAINT DENIS 
Da quasi vent’anni l’8 DICEMBRE rivive la tradizione celtica: Il vischio è raccolto direttamente dagli abitanti del paese che lo cercano tra i boschi nei dintorni poi tra le stradine e gli slarghi del borgo storico, in un salire e scendere di scalette, il vischio è esposto e venduto nelle bancarelle degli artigiani, e ce n’è di tutte le taglie, dal classico rametto al cespuglio gigante. Non solo vischio, tra le curiosità delle bancarelle tante idee per rendere calda e accogliente la casa sotto le feste di Natale.  Dopo la premiazione dei vischi più belli, in una fiaccolata e nell’accensione del fuoco druidico.

(continua)

FONTI
http://ontanomagico.altervista.org/vischio.htm
http://terreceltiche.altervista.org/decorazioni-natalizie/
http://www.viverelamontagna.ch/wp/magazine/?p=5627
http://www.piemonteparchi.it/cms/index.php/rubriche/le-erbe-del-ben-essere/item/1764-il-vischio-che-tutti-i-mali-risana
http://www.piemonteparchi.it/cms/index.php/natura/piante/item/1740-un-bacio-sotto-il-vischio

http://www.altovastese.it/flora-2/vischio-pianta-sacra-antichi-simbolo-portafortuna-nuovo-anno/
http://www.photomazza.com/?Viscum-album-the-mistletoe-is-not&lang=it
https://janeaustensworld.wordpress.com/2011/12/24/gathering-mistletoe/